WTA Istanbul, Camila vince la battaglia con Cibulkova. Al secondo turno derby con Schiavone



WTA Istanbul, Camila vince la battaglia con Cibulkova. Al secondo turno derby con Schiavone

Dopo quasi 3 ore di battaglia Camila batte 7-6 al terzo set Dominika Cibulkova e approda al secondo turno della Istanbul Cup, dove affronterà Francesca Schiavone. Camila trova così il modo migliore per festeggiare il suo best ranking, visto che da lunedì prossimo sarà per la prima volta tra le 30 migliori giocatrici del mondo.

Primo set, 7-5: primo game perfetto in risposta per Camila che con tre vincenti strappa subito il servizio alla Cibulkova. Dopo aver confermato a 30 il break grazie anche al primo ace del match, l’azzurra strappa nuovamente la battuta alla slovacca ai vantaggi per salire 3-0 e servizio. Al cambio campo Camila deve fronteggiare tre palle break consecutive: annulla le prime due con altrettanti ace, ma sulla terza commette un doppio fallo e perde la battuta. Nel quinto game Cami ha due palle break non consecutive ma il servizio salva la Cibulkova che alla seconda occasione tiene la battuta. Tornata al servizio l’azzurra va sotto 0-30 ma infila quattro punti consecutivi e sale 4-2. Stavolta è Camila ad avere una piccola occasione sullo 0-30, ma la Cibulkova si salva anche grazie a due nastri fortunati. Nell’ottavo gioco Cami annulla una palla break con una buona prima a uscire, ma alla seconda palla break la Cibulkova riporta il match in parità. L’azzurra si procura subito due occasioni per tornare avanti di un break con una risposta vincente e una bella accelerazione di rovescio: Cibulkova annulla la prima con un passante e la seconda con una prima profonda, poi tiene il servizio e si porta per la prima volta nel match in vantaggio. Nel turno di battuta successivo Camila annulla due set point dal 15-40, un terzo ed un quarto ai vantaggi prima di chiudere il game alla prima occasione con un ace sulla seconda. Nell’undicesimo game è Camila ad avere una palla break, che converte con una splendida risposta vincente di rovescio, andando così a servire per il set al cambio campo. L’azzurra parte con un doppio fallo, ma con 4 punti consecutivi Camila fa suo il primo parziale in poco meno di un’ora.

Secondo set, 7-5, 5-7: due game senza palle break, poi nel terzo Camila ha due occasioni e sfrutta bene la prima con una risposta profonda che costringe la slovacca all’errore e l’azzurra si porta sul 2-1 e servizio. Cami annulla una palla del controbreak sul 30-40, ma dopo un punto contestato che le costa anche un warning cede la battuta. Quattro break consecutivi (6 in totale da inizio set) mandano la Cibulkova a servire sul 4-4. Sul 5-6 la Cibulkova ha una palla set, che concretizza con una bella risposta di rovescio.

Terzo set, 7-5, 5-7, 7-6: primo game e primo break, a favore di Cami che ottiene il punto decisivo con una bella accelerazione di diritto. Nel sesto game arrivano due palle per il controbreak Cibulkova sul 15-40: basta la prima per riportare in parità il set decisivo. Nel nono game Camila ha due occasioni sul 15-40, costruite con ottime risposte. Su una prima di servizio della slovacca Cami trova la giusta profondità per mandare fuori giri la Cibulkova e salire 5-4 e servizio al cambio campo. L’azzurra subisce il controbreak a 30 e si torna in parità nel set decisivo. Le emozioni non finiscono: altre due palle break per Camila, annullate però dalla Cibulkova che ritrova al momento giusto la prima di servizio e sale 6-5. Dal 15-30 l’azzurra mette a segno tre punti consecuivi e porta il match al tiebreak. Equilibrio fino al 4-3, quando Camila strappa due volte la battuta alla Cibulkova e si conquista 3 match point. Il primo vola via con il 22esimo doppio fallo del match, ma al secondo Camila può alzare le braccia al cielo e festeggiare il passaggio al secondo turno.

Ecco il tabellino del match:

About the author

Matteo è di Milano, classe 1986, giornalista pubblicista. “Sportivoro”, segue professionalmente Camila dal 2011. Primo incontro dal vivo a Cuneo: sconfitta in 2 set dalla Lucic, non il migliore degli esordi per potersi considerare un portafortuna. Ci sarà tempo e modo di rifarsi… E-mail: Twitter: @veronesem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.