15894842_1761825517477143_8673692763831403237_n

Niente da fare per Camila, che conclude il pur ottimo International di Shenzhen nelle semifinali per mano dell’americana Alison Riske, numero 39 del ranking, che chiude con un 6-3 6-3 in un’ora e sedici minuti di gioco. Con questo risultato comunque Camila lunedì guadagnerà 9 posizioni, portandosi alla posizione 72 della classifica WTA.

Primo set: 3-6. L’inizio è molto buono per Camila, che nel secondo game ha tre possibilità per strappare il servizio all’americana, che però riesce a portarsi sull’1-1. Il gioco decisivo è il settimo, con Camila che ha cinque palle game, ma alla seconda palla break cede il servizio. La Riske chiude sul servizio successivo di Camila, alla prima palla set.
Secondo set: 3-6 3-6. L’americana continua con il suo gioco molto solido e profondo, mentre il gioco di Camila è più falloso. La Riske vola così velocemente sul 3-0 concedendo solo un punto a Camila, che però si ritrova nel gioco successivo, che torna più equilibrato. L’americana però non concede più palle break, e chiude sul servizio alla seconda palla match.

Ecco il tabellino del match:

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • WTA Shenzhen, Camila batte Qiang Wang in due set: è in semifinale
    WTA Shenzhen, Camila batte Qiang Wang in due set: è in semifinale
  • WTA Shenzhen, Camila batte Saisai Zheng in tre set e accede ai quarti
    WTA Shenzhen, Camila batte Saisai Zheng in tre set e accede ai quarti
  • Wta Shenzhen, Camila supera Ana Bogdan all’esordio
    Wta Shenzhen, Camila supera Ana Bogdan all’esordio
  • Sorteggiato il tabellone di Wuhan: Camila giocherà con Tsvetana Pironkova
    Sorteggiato il tabellone di Wuhan: Camila giocherà con Tsvetana Pironkova

139 Comments. Leave your Comment right now:

  1. hector by hector

    Sono appena stato intervistato telefonicamente da un notissimo giornalista che desiderava avere il mio autorevole parere in merito al sorteggio degli AO. Ho ritenuto opportuno condividere con lui la riflessione che qualsiasi sorteggio sarà da me ben accetto, in quanto ritengo che la naturale collocazione di Camila dovrebbe risidere nel tabellone maschile. In quello femminile la manifesta superiorità di Camila mi rende noiosa qualsiasi ipotesi al riguardo. In me alberga la convinzione che prima o poi Camila trionferà contro Nadal nella finale del Roland Garros. E non ci sarà trapianto che tenga. Di capelli, of course.

  2. Giacomino by Giacomino

    Ma chi è sto signor Biraghi ??
    Presidente della FIT ?? Ma è …. federazione italiana ? Ripeto, ITALIANA.
    Un presidente di federazione italiana che non sa che la Costituzione italiana ripudia la distinzione di razze !!!!

    Se il signor Biraghi ha ragione (ho dei dubbi) …. Bè, io sono sicuramente della razza dei Giorgi.

    Vaiiii Camiiiii.

  3. by lucio

    Se può servire io ho trovato questo
    Dubai MD List

    MD List :
    1 (1) KERBER, ANGELIQUE GER 8875 21 100 55 100 60
    3 (3) RADWANSKA, AGNIESZKA POL 5420 20 60 105 100
    4 (4) HALEP, SIMONA ROU 5257 19 30 185 1 1
    5 (6) PLISKOVA, KAROLINA CZE 4970 23 470 100 105 100
    6 (5) CIBULKOVA, DOMINIKA SVK 4875 23 100 110 110 105
    7 (7) MUGURUZA, GARBIÑE ESP 4420 20 185 100 60
    9 (9) KUZNETSOVA, SVETLANA RUS 4115 21 100 470 110 110
    10 (10) KONTA, JOHANNA GBR 3690 23 110 1 105 60
    12 (12) SUÁREZ NAVARRO, CARLA ESP 2985 22 1 100 1
    13 (14) SVITOLINA, ELINA UKR 2895 23 185 1 185 185
    15 (15) BACSINSZKY, TIMEA SUI 2347 18 1 1 1
    17 (16) VESNINA, ELENA RUS 2229 20 1 2 1
    18 (18) VINCI, ROBERTA ITA 2210 23 100 1 80 60
    19 (20) STRYCOVA, BARBORA CZE 2170 22 60 1 60 60
    20 (19) WOZNIACKI, CAROLINE DEN 2135 22 60 60 55
    21 (21) STOSUR, SAMANTHA AUS 2115 21 1 100 55 1
    22 (22) BERTENS, KIKI NED 1974 22 1 78 15 14
    23 (23) ZHANG, SHUAI CHN 1885 23 55 30 30
    24 (24) GARCIA, CAROLINE FRA 1765 26 55 55 55
    26 (26) KASATKINA, DARIA RUS 1655 21 55 13 55 13
    27 (27) PAVLYUCHENKOVA, ANASTASIA RUS 1575 23 1 55 55 1
    29 (31) SIEGEMUND, LAURA GER 1513 23 1 13 13 2
    30 (29) BEGU, IRINA-CAMELIA ROU 1502 21 1 1 1
    31 (41) CORNET, ALIZÉ FRA 1492 23 305 280 30 30
    32 (32) PUIG, MONICA PUR 1490 25 1 330 60 55
    33 (30) MAKAROVA, EKATERINA RUS 1476 20 1 100 1 1
    34 (33) PUTINTSEVA, YULIA KAZ 1450 27 1 13 55 30
    35 (34) SEVASTOVA, ANASTASIJA LAT 1425 27 1 1 15 2
    36 (47) KONJUH, ANA CRO 1351 24 180 20 18
    37 (52) SINIAKOVA, KATERINA CZE 1343 25 280 25 25
    38 (36) VANDEWEGHE, COCO USA 1312 18 1 1 1
    39 (44) OSTAPENKO, JELENA LAT 1305 27 110 1 30 13
    40 (38) NICULESCU, MONICA ROU 1300 22 30 30 30 30
    41 (37) SHVEDOVA, YAROSLAVA KAZ 1284 21 1 1 1
    42 (40) DOI, MISAKI JPN 1270 27 55 1 55 30
    43 (45) MCHALE, CHRISTINA USA 1250 25 55 1 55 30
    44 (39) RISKE, ALISON USA 1247 26 180 57 30
    45 (42) MLADENOVIC, KRISTINA FRA 1240 27 1 55 55
    45 (SR) KNAPP, KARIN ITA
    46 (61) DAVIS, LAUREN USA 1226 23 280 18 12 10
    47 (48) OSAKA, NAOMI JPN 1203 23 60 48 20 13
    49 (46) BOUCHARD, EUGENIE CAN 1180 24 1 180 30 30
    50 (49) ERRANI, SARA ITA 1155 24 1 100 30 30
    Top Alts:
    51 (50) LARSSON, JOHANNA SWE 1150 24 1 110 30 30
    54 (54) JANKOVIC, JELENA SRB 1100 21 1 55 55 30

    • fabius by fabius

      E’ quello giusto.
      Presumibilmente, se non certamente, Camila è presente nelle qualificazioni, verifichiamo appena vengono pubblicate.

  4. robdes12 by robdes12

    per me prima o poi rigiocherà in fed, anche perchè non è che ci saranno alternative a lei, e siccome nulla ha mai dato adito a vederla come una persona rancorosa, alla fine prevarrà il suo senso del “dovere” tennistico, e risponderà alle convocazioni, ovviamente alle proprie condizioni. Se proprio devo dirla tutta la migliore vittoria sarebbe proprio quella di obbligarli ad averla. Se poi la comunicazione fra di loro avvenisse con una terza persona come tramite, tipo la Garbin, ancora meglio. Ne hanno passate ben altre per far caso a lungo a semplici offese personali, che per altro come un boomerang si sono riflesse su chi le ha fatte rivelandone la rozzezza espressiva e caratteriale. Che c’è di meglio di diventare necessari?
    Va comunque sottolineato che non è un problema di Camila, semmai della fit, adesso c’è l’Australia e solo quella conta, non Fed, non Garbin, non Fit.

  5. by SanTommaso

    Mettete quel sito in blacklist. C’è Camila, ci regala speranze di una buona stagione. Anche dovesse perderle tutte, fatevi un favore: ignorate quella persona. Lasciatela sbraitare in un angolino con i suoi 3 utenti e i loro 15 profili fake. Lasciate che si estinguano in santa pace.

    Domani c’è il sorteggio degli AO: vamos Camila, e nient’altro!

    • by livio71

      La Garbin andrà in Australia anche per parlare con Camila. Eviterei
      Lascierei Camila in pace visto che deve affrontare uno Slam

      • robdes12 by robdes12

        e speri che lo capiscano? Alla federazione non importa NULLA dei giocatori, a loro interessa il risultato. Se guardiamo bene non è la prima che ha problemi con i dirigenti, i rapporti anche di vari maschi e di Schiavone, per fare solo un esempio, sono stati spesso molto conflittuali, e lo stesso è successo, sia pure in forma meno accentuata, in altre parti del mondo. Le competizioni a squadre servono per dare visibilità alle dirigenze, quelle individuali ovviamente solo al giocatore e al loro staff. Del resto per che altre qualità si raccomandano i burocrati del tennis? Per il presenzialismo ai parties di circolo? Per andare ad occupare posti di prestigio accanto al leader politico di turno durante le inaugurazioni? Il problema di Camila è stato che in quel momento era in una posizione un po’ fragile, e ne ha pagato le conseguenze, come a suo tempo Bolelli.

      • fabius by fabius

        Spero che la Garbin, che anche se stipendiata dalla federazione è una donna, genere a cui attribuisco a priori un livello superiore di umanità e capacità di gestione dei rapporti interpersonali (salvo a volte poi ricredermi), parli con Camila a Melbourne, magari dopo un incontro vittorioso, trovandola più disponibile.

        Notate che ho detto “con” Camila, non “a” Camila, nel senso che non deve affatto parlarle da capitana che vuole in qualche modo interferire con le sue decisioni, ma come donna, da pari a pari, giusto per capire dalle parole della diretta interessata cosa è veramente successo, cosa è andato storto, cosa si potrebbe fare per migliorare la situazione.

        Questa conversazione, in cui il tema del rientro di Camila non deve neanche essere sfiorato, darebbe alla Garbin una preziosa visione della situazione, aiutandola a meglio gestire la squadra in futuro, ed uno sfogo a quattr’occhi, riservato e personale con una persona che l’ascolta, non potrebbe che fare bene anche a Camila.

        Ma, ripeto, l’argomento Fed Cup non deve essere ancora toccato, comincerei a fare questo primo passo, comunque positivo e rasserenante, e poi si vedrà.
        E se non trapela niente di questo incontro meglio ancora.

  6. fabius by fabius

    Camila è regolarmente presente nelle qualificazioni di S. Pietroburgo, per fortuna.

    Riguardo Dubai è uscita l’entry list corretta del MD, quella precedentemete girata era del tutto fasulla.
    Manca ancora l’elenco delle qualificazioni, ma a questo punto sono quasi certo che Camila ci sia, e speriamo anche in buona posizione.

    Tutto normale, avanti con prudenza e fiducia.

    • by lucio

      Fare Mosca, come dicevo pure io, è una scelta a mio avviso logica ed intelligente.

      • by SanTommaso

        Beh, ora di ottobre vedremo se giocherà Mosca!

        • by lucio

          Grazie ……..sempre preciso e puntuale

          • by SanTommaso

            Di nulla, figurati. Per me è un piacere cercare di postare meno errori possibili su un sito che è sotto la lente di ingrandimento di stampa, federazione, aficionados e persone in difficoltà. Se posso portare il mio modesto contributo, lo faccio.

      • hector by hector

        Non preoccuparti, io che ho studiato sull’atlante prima del 1989 ricordo solo Leningrado.

        • by lucio

          Fortunatamente c’è ancora qualcuno che ha voglia di scherzare……
          Grande Hector

  7. avadar by avadar

    …”La Giorgi ha partecipato 6 volte alla Fed e 6 volte l’Italia ha perso”…

    L’odio è una brutta bestia, che porta a stravolgere la realtà…

    Cleveland per noi, e per l’Italia, è un bel ricordo, per altri un incubo da cancellare…

    • fabius by fabius

      Che l’unica vittoria dell’Italia in fed Cup di tutto il 2016 porti il nome di Camila sicuramente disturba qualcuno, magari gli stessi che volevano disperatamente associarne il nome alla debacle di Lleida.
      E che ancora non comprendono come mai nel manifesto della sfida con gli USA a Brindisi ci fosse lei e non una delle senatrici.
      E dire che non sarebbe difficile da capire..

    • robdes12 by robdes12

      perchè, da sola poteva vincere 3 partite e ne ha sistematicamente perse tre ogni volta che ha giocato? Non mi pare. Ovviamente con Serena tutte le altre avrebbero vinto, e pure con Petra, per cui la colpa è della Giorgi….ma. Il punto è che l’ambiente sportivo è molto superstizioso, ci manca solo che inoculino la fama della portaiella. Ma siccome è un decerebrato, altrimenti non potrebbe essere dirigente, perchè chi abbia un minimo di cervello capisce alla fine l’inutilità del potere, e in ambienti così poco trasparenti per starci dentro devi essere anche tu non esattamente farina per ostie, chissene. Il tennis lo fanno i giocatori, evidentemente i fondamentali e il gioco a rete di Binaghi deve essere progredito enormemente, fossi in lui giocherei le qualifiche a Roma. Puah!

    • fabius by fabius

      Non so chi abbia fatto quella affermazione, nè voglio saperlo, mi basta rilevare che è una persona che non ha nessuna conoscenza del tennis e parla a vanvera, irrilevante.
      Ma tanto per ricordare alle persone vere la verità, riporto i dati oggettivi.

      Camila ha fatto parte della squadra di Fed Cup 5 volte, non sei.
      In queste 5 partecipazioni l’Italia ha vinto 2 volte, perso 3.

      Vediamo ora il bilancio delle giocatrici negli ultimi 6 incontri, trascurando chi ha partecipato solo una volta (Pennetta, Knapp, Schiavone)

      Giorgi 5 partecipazioni, 3 vittorie, 4 sconfitte
      Errani 4 partecipazioni, 2 vittorie, 5 sconfitte
      Vinci 3 partecipazioni, 0 vittorie, 3 sconfitte (ouch!)

      E’ evidente che la colpa del crollo della squadra italiana è stato l’ingresso della Giorgi, no? 🙂

      • robdes12 by robdes12

        ma scherzi? Diranno che il padre e lei hanno creato attorno alle altre un clima negativo, per cui hanno fatto contro-prestazioni. Se pensiamo infatti che sulla terra Camila ha umiliato la Cornet, mentre Sarà s’è fatta prendere a pallate dalle altre due, la colpa è di sicuro del poco feeling col team Giorgi. A Binaghi gli regalo questa specie di sillogismo, sperando che lo capisca, ovviamente. Stavolta do ragione a Fognini, almeno i giocatori ci mettono la faccia, e per guadagnare ci devono pure mettere la loro fatica, i vertici Fit sono solo dei mangiapane a ufo.

    • hector by hector

      Since the most clever player has won on those courts in 2014, Cleveland took a new name: Cleverland.

    • by SanTommaso

      È una persona che non riconosce più nemmeno la url e il dominio del suo sito, confonde offside_fan per il profilo personale di Camila (“postate dalla diretta interessata sul suo Instagram), è convinta che Sania Mirza abbia subito abusi dal padre, paragonandola come la Dokic, quando non sa più cosa scrivere perde i freni inibitori e spara sequele di insulti personali: una volta duellare sul piano linguistico con lui era divertente, ad oggi prendersela per quello che scrive è una vigliaccata contro chi è in difficoltà.

  8. by Fabblack

    Pubblicata la lista di Budapest: Camila non c’è (sarebbe stata la nr. 10).
    Resta il mistero di quella lista di Dubai.

    • fabius by fabius

      A questo punto penso che la lista iniziale di Dubai sia del tutto fasulla, vedo tra le altre Safarova, Goerges, Linette citate sia lì che a Budapest, mentre nessuna italiana, non solo Camila, compare in almeno una delle due, per non parlare di Bencic e tante altre.

      Sempre che non siano fasulle tutte e due, ma la più assurda è quella di Dubai, ne uscirà sicuramente una giusta più avanti, anche se dovrebbe essere già disponibile.

  9. robdes12 by robdes12

    per quanto riguarda gli accoppiamenti sto pensando che forse non sarebbe mica tanto male incontrare al primo turno Kerber o Serena, e ci metto pure Aga e Dominika. Non so se saranno pronte da subito per una partita giocata su ritmi davvero alti. Ovviamente sempre tenendo presente che Cami deve giocare bene, servendo come nelle ultime 4 partite. Penso proprio che partendo sfavorita come ranking stavolta non si farebbe condizionare dalla frenesia ma darebbe il meglio di sè, e per altro passando avrebbe il tabellone aperto. Staremo a vedere, ma certo data la posizione è difficile che non le capiti qualcuno con una storia tennistica di un certo rilievo nel carnet.

    • doherty by doherty

      l’anno scorso serena era pronta…io spero proprio in un primo turno agevole…

      • doherty by doherty

        tipo lim insomma..:-)

        • robdes12 by robdes12

          guarda che forse pure Kerber e Radwanska potrebbe essere agevole. Angelique fa più df della Camila versione incubo, considerando che quello della tedesca è più una messa in gioco, soprattutto con la seconda, e per ora pure tutto il resto, carattere a parte ed orgoglio campionessa, è offuscato; Aga gioca i colpi con una mancanza di spinta che sembra quasi in riabilitazione post infortunio, alla fine sarebbe meglio affrontare chi sa di giocare male, e in più a tutto da perdere. Per me questo è l’anno di un probabile q…… ;), ma non diciamo le cose a chiare lettere.

          • robdes12 by robdes12

            ha tutto. Non è il correttore stavolta, sono io che cambio idea sulla frase da scrivere e per eccesso di fretta commetto i….gratuiti. 😉

    • fabius by fabius

      C’è una probabilità su 3 che al primo turno capiti una TdS.
      Se ti capita e la superi, poi ne trovi un’altra al terzo turno, sicuramente più valida, come successe nel 2015.
      Se non trovi subito la TdS, e passi il turno, con alta probabilità la trovi al secondo incontro, ed avendo anche lei superato il primo turno è piuttosto competitiva, a prescindere dal ranking.

      Insomma il massimo della fortuna sarebbe trovare al primo turno una TdS fuori condizione, al secondo la vincente tra due WC, o simili, poi al terzo per forza trovi un ostacolo duro, ma sei già tra le prime 32 del lotto, ci si potrebbe anche accontentare.

      Il massimo della sfortuna.. l’abbiamo già visto, basta così, grazie.

  10. by C.M.

    Quando esce il main draw degli AO?

  11. by lucio

    Ancora una volta Binaghi ha perso una grande occasione …..quella di rimanere in silenzio.
    Unica cosa giusta di Camila del 2016 ….. slegarsi da questa federazione diretta da persone del genere ……..
    Spero non ci ripensi mai fino alla loro permanenza ………..
    Riguardo la programmazione ……. vediamo quale sarà quella definitiva ma se ripercorrerà gli errori dello scorso anno la strada per la risalita della classifica sarà per lei doppiamente dura.

    • by C.M.

      Certo se Binaghi tacesse sarebbe meglio; se poi cambiasse mestiere meglio ancora…

    • robdes12 by robdes12

      che cosa ha detto (tra l’altro quando parla qualcuno di voi lo capisce? Io mica tanto.

  12. fabius by fabius

    Qui c’è qualcosa che non mi torna, o magari torna benissimo, non so.

    Ho appena visto l’entry list di Dubai, e Camila non c’è, però ci sono Zheng e Linette, che le stanno dietro in classifica. Significa che, contrariamente alla programmazione annunciata, non si è iscritta.
    OK, è una enry list ufficiosa, ma di solito bene informata.

    Vuoi vedere che, senza saperlo, ha esaudito la mia speranza di vederla a Budapest? L’entry list del torneo ungherese non è ancora pubblicata, vediamo che succede.

    • by Fabblack

      Ho visto anch’io.
      E’ molto strano anche perché Dubai è Premier 5, da il doppio dei punti di Doha, dove prevedendo un draw ridotto, dovrebbe fare le quali.
      Se veramente avesse deciso per Budapest, allora forse, qualifiche per qualifiche, si potrebbe considerare San Pietroburgo (a meno di un ottimo A.O.).
      Staremo a vedere.

      • fabius by fabius

        Mi sembra assurdo che nella Direct Acceptance di un Premier 5, 43 posti, sia dentro Linette, rank 93.
        Ben cinquanta tenniste più qualificate hanno rinunciato ad iscriversi ad uno dei tornei più ricchi?
        Capisco Doha, che tra l’altro ha in conflitto anche la Fed Cup, ma non Dubai.
        Tanto che davo per scontato che a Dubai Camila avrebbe dovuto fare le qualificazioni, ed invece ora scopriamo che poteva entrare direttamente nel MD.
        Ha poco senso, potrebbe essere una Entry List fasulla, vediamo.

        So che le tenniste comunque possono vedere, prima della chiusura, chi ha fatto domanda, e modificare le loro scelte in conseguenza.

        • by livio71

          onestamente a me questa programmazione di quest’anno annunciata solo in parte mi preoccupa un po’. Staremo a vedere. Ragazzi spero di sbagliarmi ma ho brutti presentimenti

          • fabius by fabius

            Brutti presentimenti è lecito averli, che sia stata annunciata solo una programmazione parziale invece lo trovo condivisibile, lasciando elasticità per scelte in una situazione in divenire.

  13. fabius by fabius

    Segnalo, a titolo di informazione, l’articolo comparso ieri sul sito ufficiale dell’Australian Open, intitolato “Under the radar: Players you should be watching”, a firma di Michael Beattie.

    Come è facile immaginare segnala tennisti e tenniste che, pur non essendo sulla bocca di tutti, meritano a vario titolo speciale attenzione nel prossimo slam.

    Sono cinque uomini e cinque donne, i primi Kokkinakis, Mmoh, Haas, Janowicz, Zverev.
    Le seconde Jankovic, l’australiana Fourlis, Siniakova, Goerges e… l’ultima ve la lascio indovinare!

    http://www.ausopen.com/en_AU/news/articles/2017-01-07/under_the_radar_players_you_should_be_watching.html

    • silvio74 by silvio74

      …ed io segnalo un passaggio dell’articolo che riassume perfettamente il nocciolo della questione: “but when she’s good, she’s very good”.

      • robdes12 by robdes12

        e io vi segnalo di andare a leggere i commenti a seguire, in cui ovviamente la parte del leone la fa proprio Camila. Logico, nei suoi pregi e difetti comunque lei, come Dolgopolov, gioca un tennis che è solo suo.

        • fabius by fabius

          Non per niente gli anglosassoni l’hanno sempre definita “eye-catcher”.
          Nel bene e nel male non è mai stata una anonima che passa inosservata, anzi.

          Parafrasando il Marino, “E’ di Camila il fin la meraviglia”

          • robdes12 by robdes12

            ho fatto lezione sull’Adone proprio oggi…se non si chiamano affinitità elettive queste! 😉

  14. robdes12 by robdes12

    riguardo la scelta di Shenzhen mi pare che si stia sottovalutando un dato venale ma fondamentale per una carriera professionistica: il prize money della semi di Cami è stato maggiore di ciò che vincerà a vincitrice di Hobart, per cui la scelta della Cina mi pare in retrospettiva molto oculata. I team e i centri di allenamento si pagano, mica la Giorgi sta in un club per fare una partita a settimana, e non ha certo il fisioterapista usl a suo seguito. 43 mila dollari e rotti servono eccome, più alto è il livello e più notevole deve essere lo staff, con conseguente aumento di costi. Anche se l’allenatore è il padre, è però vero che per seguire la figlia ogni giorno non svolga altri lavori, per cui qualcosa comunque andrà a lui per forza, non è che sia gratis. E non dimentichiamoci un fatto fondamentale: dopo la chiusura dell’anno passato chi era che scommetteva su una semifinale raggiunta al primo colpo? Gli elementi per presumerlo erano davvero scarsi, e invece…E poi agli atleti fanno test fisiologici, immagino, per cui non sappiamo quali siano i parametri di Camila subito dopo i primi sforzi. Hobart era chiaramente messo a livello precauzionale, in caso di uscita immediata, visto che si è fermata al penultimo step, era logico saltarlo. Sicuramente i punti le servono per i prossimi tornei, ma se si fa prendere dall’ossessione del ranking, poi potrebbe finire esattamente come nella primavera scorsa, quando ha caccia di punti si è beccata anche l’infortunio muscolare e è entrata in un lungo trip negativo. Roberta Vinci e la smania di top ten non vi dice nulla? Si è talmente sfiancata fra gennaio ed aprile, che poi ha passato il resto della stagione semi-infortunata. Meglio essere saggi e pazienti, esattamente quello che le rimproveriamo mancare nel suo gioco. Sarebbe contraddittorio volerla meno frenetica in campo, ma molto di più nella programmazione.

    • robdes12 by robdes12

      a caccia.

    • by livio71

      Onestamente non credo ci sia questo rischio per aver giocato 4 partite. Il diacorso sulla differenza di prize money ovviamente ci sta tutto. Una cosa da migliorare sicuramente è la lungaggine di certe partite. 3 ore contro la cinese sono troppe. Meno gratuiti più vittorie veloci.

      • robdes12 by robdes12

        aspe’, stai vedendo quanti ritiri per infortunio? Comunque giudicando dai primi tornei forse è meglio che Camila incontri una top player nei primi turni. Anche quelle che oggi ho potuto vedere mi sembrano per lo meno un po’…confuse, stanno giocando meglio i rincalzi, che però non credo abbiano, esattamente come Cami, la resistenza nervosa per giocare bene troppi incontri consecutivi. Diamole fiducia, in fondo già ci ha un po’ sorpreso in positivo, una partita di qualità al di sopra di quella che hanno mostrato tutte le altre l’ha fatta – e attenzione, è quello il livello del gioco Giorgi una volta che viene ripulito dai gratuiti, una tennista incontenibile – ora dobbiamo verificare se la sosta le ha ridato quella calma per entrare in campo nei primi turni convinta di vincere a prescindere.

  15. enzo by enzo

    BUON ANNO a tutti.
    Eccomi di ritorno da un viaggio a Cuba. Internet là è una rarità e le notizie mi sono arrivate da un amico.
    Brava Camila!!! E da quello che leggo i miglioramenti sopratutto al servizio sono evidenti.
    Si poteva anche “fare” se si pensa che ha vinto la Siniakova. Ma va bene lo stesso per riacquistare fiducia.
    Ora speriamo in un sorteggio abbordabile, visto che Cami non è proprio abituata.

  16. by livio71

    Ma a questo punto non era meglio fare auckland e hobart che non shenzen? Bo non capisco…

    • by SanTommaso

      Al momento della compilazione delle entry list l’ultima ad entrare a Auckland era la Lucic-Baroni, che precedeva in classifica Camila. Stesso discorso a Hobart, dove Camila era ancora più lontana dall’entrare in main draw.

      Quindi no, non poteva fare Aukland e Hobart. Basterebbe informarsi per saperlo invece che bo non capire cioè dai…

      • by livio71

        Ma tu vivi di simpatia innata? Hobart non l’ho scritto io nella programmazione!

        • by SanTommaso

          No, ma vivo di saper leggere e comprendere l’italiano.

          “La stagione 2017 di Camila partirà dallo Shenzhen Open e proseguirà – partecipazione subordinata ai risultati del torneo precedente – con le qualificazioni del torneo di Hobart”

          C’è anche l’inciso, vedi? Quello incluso fra i trattini. “Partecipazione subordinata ai risultati del torneo precedente”. E poi, per di più, “alle qualificazioni”.

          Io sarò antipatico, ma tu e qualcun altro dovrebbe imparare a comprendere quello che legge prima di indignarsi.

          • by livio71

            guarda che so leggere mr simpatia !!! e nessuno si indigna. poi camila fa quello che vuole figurati, la seguo da un po’ e mi sono sparato le nottate per vederle. Per il resto dico che ci sono giocatrici che si sparano filotti di tornei…. uno dietro all’altro. Siamo a inizio stagione. La mia è solo una mia considerazione personale. Poi le scelte sono di chi le fa. vedremo a fine stagione. I risultati parleranno. Perchè l’anno scorso è stato un ero schifo e nella parte finale dell’anno camila ha giocato poco. Ora vado professore !

            • fabius by fabius

              Calma e gesso.
              Mi permetto di intromettermi nella discussione, che temo sià un po’ scivolata via forse solo per una incomprensione.

              Riprendo solo da domanda originale di Lucio:
              “Ma a questo punto non era meglio fare auckland e hobart che non shenzen? Bo non capisco…” dando per scontato, fino a prova contraria, che sia una domanda genuina.

              Risposta: Certo che era meglio fare Auckland invece di Shenzhen, ma purtroppo Camila non aveva il ranking per entrare nel MD in Nuova Zelanda, mentre l’aveva in Cina.
              E’ scontato che hyapresentato domanda ad entrambi i tornei, ha dovuto prendere quello che poteva, Shenzhen non è stata una scelta volontaria, ma forzata.

              Seconda parte della questione, Hobart.
              Faccio osservare che delle dodici semifinaliste dei tre tornei appena conclusi, ben undici la settimana prossima non giocano, tra cui Camila, le altre non sto certo ad elencarle, le conoscono tutti.
              Unica eccezione Konta, che però dovendo andare a Sydney aveva un viaggio decisamente più agevole, sempre che domani scenda in campo.

              Non c’è il minimo dubbio che in caso di esito meno positivo del torneo di Shenzhen Camila avrebbe giocato ad Hobart, anche nelle qualificazioni.

              Siamo tutti più sereni adesso?

              • fabius by fabius

                Pardon, volevo dire livio!

                • by livio71

                  Ti ringrazio Fabius sei molto gentile perchè sai esporre le cose senza avere quel modo di fare che fa sembrare gli altri degli stupidi. Avevo ben chiaro anch’io la situazione il discorso delle quali ecc… purtroppo quando si scende in classifica poi bisogna fare i conti con questi “piccoli fastidi”. io spero camila giochi anche dovendo fare le qualificazioni anche se è dura, ma per ritrvare un po’ di serenità a livello di facilità di incontri dovrebbe farlo. Speriamo il 2017 sia un anno di grande trionfo.

                  • by SanTommaso

                    Mi dispiace se ti ho fatto credere di ritenerti “stupido”.

                    Ma se adesso dici “Avevo ben chiaro anch’io la situazione il discorso delle quali “, e ad inizio thread hai scritto “non era meglio fare auckland e hobart che non shenzen? Bo non capisco”, capirai bene che le due cose non possono coesistere.

              • by SanTommaso

                Speriamo che almeno fabius sia stato più chiaro di me, anche se mi sembrava di aver scritto praticamente le stesse cose.

          • by p.r.

            A proposito di Hobart, da un sito attendibile, risulta quanto segue:

            Farewell Shenzhen, it was nice until it lasted.
            Welcome Melbourne, next stop is the Australian Open slam, because Camila decided to skip the Hobart tournament, where she was in the MD thanks to the SE spot.
            Melbourne here we come, to restart where it was left last year.

            Aggiungo io: “Forza Camila!!”

            • by SanTommaso

              Credo tu ti riferisca ad una pagina facebook, che tra l’altro un nostro utente – se lo studio dei profili non mi inganna – dovrebbe… “conoscere”.

              Detto questo sì, nel mio intervento poco sotto l’ho detto: “Essendo andata avanti a Shenzhen, avrebbe avuto lo SE per Hobart”

  17. by mf

    Eccoci qua, fa male vedere che la Siniakova abbia vinto Shenzen, penso che questo torneo sarebbe stato importantissimo da vincere avrebbe,secondo me, sbloccato Camila dandole una grande fiducia… Con i se e con i ma non si avanti quindi ora è inutile ripensare al torneo in Cina.
    Sinceramente non so cosa aspettarmi da Camila in questo slam, bisogna pensare partita per volta…
    Ci vorrebbe un gran risultato per dare un risvolto alla classifica e autostima…
    Non so Camila ha migliorato il servizio ma c’è ancora tutto il resto che è acerbo…
    I colpi per fare un grande risultato ce li ha, la continuità un po’ meno…
    Però ho visto una Camila diversa,che ci tiene di più,che vuole fare il salto di qualità, che anche se è indietro nel punteggio non lascia andare tutto ma cerca (forse troppo tardi) di rimettersi in carreggiata…
    Una Camila più matura che cerca di imparare dai suoi errori;speriamo sia veramente così.
    I sorteggi quando avvengono? Quelli delle quali martedì, e del main draw? L’anno scorso mi ricordo che era un venerdì.
    Forza camilaaa!!

  18. journasesto by journasesto

    Forza Camila, questa volta è andata buca, ma la distanza per arrivare in finale e giocarsela non era poi così elevata.
    I break point avuti nel secondo game purtroppo non sono stati capitalizzati e avrebbero potuto dare un’altra direzione al primo set, perché tutto si è giocato poi sul fatto che Riske ha acquisito sicurezza, è diventata sempre più solida nello scambio e ha mandato in agitazione Camila, che ha cercato sempre più di abbreviare lo scambio e ha finito per sbagliare troppo.
    Il servizio è cambiato perché il lancio di palla è decisamente più basso, cosa che denota non una casualità ma proprio una modifica del gesto.
    E molto bisogna vedere del tipo di preparazione che è stato scelto: Cami è un peso leggero e va in forma presto, probabilmente, ma il training è sicuramente mirato per gli Australian Open. Ora una bella settimana di allenamento a Melbourne, senza esporsi alle incertezze del tempo tasmaniano, dovrebbero portarcela al primo slam in grande spolvero. Certo il rischio di trovare una testa di serie alta è molto elevato, quindi le difficoltà non mancheranno.
    Ma avanti, sempre con fiducia nei tuoi mezzi. Vamos Camila!

    • robdes12 by robdes12

      d’accordissimo, anche sulle virgole. Aggiungo solo che essendo lei atleticamente una da velocità prolungata, la colloco fra le duecentiste e le quattrocentiste d’elezione (però anche con riflessi da velocità pura) non c’è da temere su un suo calo atletico rapido. Le doti di Cami sono naturali, non costruite, e come dimostra l’atletica degli ultimi decenni, si può essere iper-reattivi anche ben oltre i trentanni. Nelle ultime due decadi si sono invertiti molti stereotipi: maratoneti che vncono a 25, velocisti che fanno i record anche a 36 anni. Stesso discorso con lo scii, un tempo a 30 anni ti ritiravi da slalomista, due giorni fa Moellg ha vinto a 34, e Thaler a 38 è ancora fra i primi 15. Non credo che Camila faccia fatica più di tanto durante le partite, o per lo meno non fisicamente. E’ nervosa l’energia che consuma.

    • fabius by fabius

      L’altezza del lancio della palla non è una variabile indipendente, è funzione dell’altezza del salto.

      Ho studiato a lungo la biomeccanica del servizio di Camila, con l’ausilio di diversi slow-motion presenti in rete, non sono l’unico ad aver fatto queste analisi, vedi ad esempio
      https://www.youtube.com/watch?v=iiPuDRwUtKM

      Se Camila decide di fare un salto alto, deve lanciare la palla più in alto per avere il tempo di spostare il piede destro, appaiarlo al sinistro, caricare le gambe e spiccare il salto.
      L’altezza del lancio di palla non è una questione geometrica, è una questione temporale, per darle il tempo di eseguire quella manovra.

      Il salto alto naturalmente alza il punto di impatto, e dà un punto iniziale della traiettoria più favorevole.
      Per contro, a parte la difficoltà del gesto atletico – che resta comunque armonico e bellissimo – comporta un ritardo nel ritorno a terra e ripresa della posizione.
      Questo ad esempio è un salto esagerato, che non mi ricordo aver mai visto fare da nessuna:
      http://www.tennisphotoworld.com/wp-content/uploads/2014/04/Camila-Giorgi-Katowice-2014-7486.jpg

      Quando invece opta per un salto più limitato, anche il lancio è ad altezza ridotta, il tempo di esecuzione complessivo si riduce, la traiettoria è un pochino meno favorevole geometricamente, ma il tutto è più affidabile, e la ripresa della posizione per ricevere la risposta dell’avversaria più rapida.
      https://www.facebook.com/camilagiorgi.forever/videos/1832619520327529/

      Nelle sue partite migliori (es. finale contro Bencic) le ho sempre visto fare un salto controllato, ed i risultati si sono visti.
      L’altezza del salto, con corrispondente lancio di palla, è particolare che osservo sempre, è anche indicativo della sua confidenza.

      • hector by hector

        A proposito del salto di Camila, ho una personale teoria:
        fai un salto
        fanne un altro
        fai la giravolta
        falla un’altra volta
        guarda in su
        guarda in giù
        dai un bacio a chi vuoi tu!

        Peace and love!

  19. robdes12 by robdes12

    Con un giorno di riflessione alle spalle, e avendo visto anche la finale di oggi, devo dire che sono poco d’accordo con chi non ha visto nessuna modifica.
    Il servizio ottimo per 4 turni è cosa già altre volte vista? Beh, non mi pare, anche quando ne ha esibito uno convincente, vedi in Olanda, nei primi turni aveva commesso moltissimi df e pochi ace, nonostante si fosse sull’erba, e soprattutto nelle giornate no, in cui non sentiva la palla e commetteva maree di gratuiti, il primo colpo che ne risentiva subito era proprio il servizio, che perdeva subito ogni efficacia. Ieri così non è stato, non era in giornata, era contratta e senza controllo nel palleggio, eppure il servizio è stato l’unico colpo che è rimasto efficace, per cui penso che abbia trovato il piccolo aggiustamento che dovrebbe averne eliminato la aleatorietà. A me pare che anche quando ne moderava la potenza, riuscisse comunque a renderlo effficace, perchè le direzioni e effetti sono aumentati e di molto, o per lo meno lo sono nella costanza di ottenimento del piazzamento voluto.
    il secondo punto cambiato rispetto all’ultimo anno e mezzo è stato il recupero della costanza nel palleggio. Un anno fa ce li sognavamo i rallies di 12-16 scambi senza fare errori di net o fuorimisura, semmai quella era una caratteristica della Camila prima maniera.. La risposta ieri non c’è stata, è vero, ma non ha perso solo per quello, ha perso perchè non aveva la solidità negli scambi dei giorni precedenti. Senza controllo nel dritto e senza sicurezza nemmeno sul rovescio a questo punto avrebbe potuto giusto tentare a fare lei la contrattaccante, ma siccome il reparto difensivo è la sua più grande lacuna, per me non tecnica ma di visione del proprio tennis (se non si immagina difensiva è inutile proporle una visione di sè che le è estranea, tutti hanno diritto a cercare di arrivare all’ideale di se stessi che considerano valido, che nel suo caso è quello della tennista di “imposizione”).
    Ultimo punto, è che siamo nell’ambito del circuito femminile, dove l’aspetto psicologico conta enormemente, vedasi la finale di oggi con una Riske in quasi tutto il match attanagliata, quasi come contrappasso, dalla stessa ansia di risultato di Cami ieri, e infatti ha giocato tre quarti del match molto al di sotto di quanto fatto nei giorni precedenti. Ieri granitica, oggi fallosa e spenta, e anche lei ha provato una reazione quando ormai era troppo tardi.
    L’unico dubbio che ho è se dentro di sè Camila sia veramente convinta di essere una vincente e di averne i mezzi. Credo anzi che quando ha avuto tempo di riflettere, le vengano timori di non esserlo, il famoso mettersi pressione da sola di cui l’ha accusata suo padre. Camila come difetto principale ha quello di non capire, se non raramente, che molte volte basta molto meno di quanto rischia lei per chiudere il punto, soprattutto in certi momenti in cui non si deve sbagliare nello scegliere. Con i risultati positivi questa cosa si attenuerà di sicuro, succede così in tutte e già abbiamo visto che amuleto sia per i tennisti raggiungere posizioni di vertice; più volte hanno detto che sapere di essere top ten dava loro la sensazione di essere invincibili.
    Ultima cosa, per Hobart ha fatto bene, troppe ore di volo, troppa differenza di clima, a così poca distanza dall’inizio dello slam poteva essere pericoloso, col serio rischio di arrivare un po’ bollita all’appuntamento principale oppure già deconcentrata, e del resto la caterva di ritiri di questi giorni nei vari tornei fanno capire che ad inizio stagione, con la preparazione ancora da smaltire e perfezionare, è meglio essere prudenti, il rischio di infortunio è sempre dietro l’angolo. D’altra parte se vuole veramente salire, perchè non penso le interessi molto stare stabilemente fra le prime 50 del mondo, dovrà per forza battere le top player che inevitabilmente incontrerà, non importa in quale turno. Non penso fosse molto saggio fare tre tornei di fila in 20 giorni, tenendo poi presente l’esigenza delle qualificazioni, che se fossero poi state non superate immagino avrebbero rinfocolato incertezze interiori pregresse.
    Diamole fiducia, in fondo ci ha già dato una partita di eccelsa qualità, magari a Melbourne partirà avendo nella memoria che quello è il suo livello di gioco.

    • by Fabblack

      Quasi d’accordo.
      Magari si poteva tentare di angolare la palla, visto che centrale tornava sempre indietro.
      Giusto pure il discorso fiducia:l’ho già scritto ieri che secondo me il secondo gioco è stato decisivo, così come il primo del secondo set.,
      Ultima cosa, ad Hobart non doveva fare le qualificazioni, ma forse è giusto così; anzi, visto che Sembra Serena si stia già allenando a Melbourne, perché non farlo insieme?

      • robdes12 by robdes12

        quando ha provato a farlo, se ricordi bene, spediva i dritti e i rovesci sul nastro. Ha iniziato la partita proprio con due incrociati in rete da centro campo, che il giorno prima erano vincenti. A parte il servizio contro la Riske aveva tutte le altre polveri bagnate, come la Riske oggi per un set e mezzo. Giornate che capitano, ad inizio anno, in tutti gli sport, prima gara, la condizione è quella che è. Del resto se valutassimo i primi tornei, a Melbourne le seminifinaliste probabili dovrebbero essere Siniakova, Riske, Davis e Pliskova. Tu o qualcun’ altro ci crede che l’accompiamento finale sarà questo? E che le varie Halep, Kerber, Williams, Radwanska, Konta, Cibulkova usciranno tutte nei primi turni? Io molto poco…..

        • by p.r.

          I risultati del 2016 ci hanno mostrato un paio di grandi slam nei quali molte top ten non hanno confermato sul campo il loro livello di classifica.
          Le stesse Kerber, Pliskova e Cibulkova, ad inizio dello scorso anno, non ricoprivano le attuali classifiche.
          Tra le favorite agli Australian Open (odio l’uso diffuso degli acronimi), aggiungerei a quest’ultime, come outsider, anche la Siniakova, giovanissima in grande crescita.

          • robdes12 by robdes12

            ok. ma una Serena così brutta non si era mai vista, e manco una Radwanska. A parte che potrebbe essere pure frutto di scelte di preparazione. Con tutto il rispetto la Riske mi pare faccia risultato solo ad inizio o fine stagione, poi negli altri tornei non se la ricorda nessuna. In fondo al primo slam si può pure andare così e così, il ciclo che conta davvero si ha fra Indian Wells e Wimbledon, dove abbiamo una marea di tornei importanti da giocare, se sei troppo in forma ad inizio anno, poi finisci per avere il normale calo nella parte migliore della stagione. La stessa Kerber dopo AO ha ciccato vari tornei, per poi rivincere, per poi farsi primi turni e ha seguito questo saliscendi per tutto il resto della stagione. Però è arrivata ben preparata agli appuntamenti che contano, Wimbledon, Olimpiadi, NY e master. Io aspetto di vedere le finaliste degli ultimi tornei a Melbourne, vediamo se saranno ancora così in confidenza, e le altre così sottotono. Per la verità non credo proprio.

  20. Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

    Da buon vecchio (e discontinuo) attaccante continuo ad essere fiducioso in Camila.
    So perfettamente, per esperienza diretta, che se non sei più che in forma non vinci.
    È normale, giocare senza prendere rischi è molto più facile e da sicuramente risultati con maggiore continuità. Ribadisco, però che una scelta del genere porta a risultati frequenti e MEDIOCRI, e non è quello che auguro e spero da Camila.

    Bisogna registrare testa e colpi: sogno una maggiore frequenza a rete e con la palla corta, per rendere un po’ più imprevedibile il gioco, però è chiaro che prendere confidenza con soluzioni “atipiche” comporta rischi che in partita è difficile assumersi se non sei più che in fiducia.

    Continuo a pensare che la strada sia quella giusta e ribadisco la mia fiducia in Sergio, che ha
    mostrato di saper navigare senza perdere la testa in mari assai tempestosi, e in Camila che ha mostrato di non accettare facili compromessi.

    Grinta, coraggio e sprezzo del pericolo, vedremo chi avrà ragione!

    Vamoooooossss Caaaamilaaaaaaaa!!!

  21. by mf

    Qualcuno per caso sa quando verrà sorteggiato il main draw di Melbourne?

  22. TEUS by TEUS

    Per la serie ‘i colpi che valgono il prezzo del biglietto’, consiglio di andare a rivedere il tracciante di rovescio dal centro del campo a uscire giocato da Camila sul 3-3 40-40 nel primo set perché se ne vedono davvero pochi nell’arco di una stagione (anche in campo maschile).

    Su Hobart io invece concordo con la decisione di non andare: farsi 12 ore di volo e scendere subito in campo, la settimana prima di uno slam, dopo aver disputato un buon torneo, non mi pare una grande idea.

    • by livio71

      Se le sparano tutte le faticacce. È all’inizio stagione ha tutta l’energia. La Vinci gioca Sydney questa settimana.

      • by SanTommaso

        Per la classifica attuale Camila avrebbe potuto giocare solo le quali di Hobart. Essendo andata avanti a Shenzhen, avrebbe avuto lo SE per Hobart. Cosa impossibile. Perché? Immaginando che sia comunque uno sforzo vano, provo a spiegartelo ugualmente.

        I voli per Hobart da Shenzhen? Il più “corto”, 14 ore, parte alle 19.30 tutti i giorni. Avendo giocato ieri nella serata cinese, Camila sarebbe dovuta partire… tra due ore! Aggiungiamoci le 14 ore di volo e si arriva comodi comodi alla tarda mattinata di Hobart, che col fuso orario +3 significa mettere piede in Tasmania domani alle 12.30. Da una buona mezz’ora si staranno giocando già due partite sui due campi secondari, mentre sul principale si accingerebbero a scendere in campo Rogers-Sevastova. E Cami è ancora in aeroporto…

        Insomma, qualcosa tipo 20 ore di tempo per arrivare in hotel, sistemarsi, allenarsi (?) un paio d’ore, dormire ed essere pronta per scendere in campo il giorno dopo – diciamo la sera, quindi con un altro paio d’ore di allenamento al massimo.

        E poi si chiede ai Giorgi di essere professionali… QUESTO è essere professionali, evitare voli e fusi orari e corse a perdifiato per, magari, un’ora e mezza di partita e poi subito in Australia.

        Certo, dal divano è più facile.

        • by lucio

          Se questi sono i tempi ……beh allora ha fatto bene a rifiutare la SE.
          Questo però fa capire quanto è importante cercare di conservare la classifica partecipando magari anche a tornei international più abbordabili.
          Chiaro che importante però è avanzare nei tornei obbligatori sperando in sorteggi abbordabili.
          Chissà che,da questo punto di vista, nel 2017 Camila abbia più fortuna che nel 2016 .

    • hector by hector

      Come scrissi altrove, per Camila decidere se giocare o meno in Tasmania è una questione di lana caprina.

    • robdes12 by robdes12

      Infatti lei è della stirpe dei Fognini, Dimitrov, Dolgopolov, Paire, Jabeur. Quando giocano come sanno il prezzo del biglietto è ampiamente ripagato, anche se vincono molto meno di quanto ci si aspetterebbe. Con buona pace di quelli che considerano “intelligente” il gioco di Kasatkina o Federer (che invece è solo astuto).

      • robdes12 by robdes12

        sorry, Ferrer (scusa Federer, mi sono già mangiato una intera calza di carbone). 😉

  23. by r.b.

    Complimenti alla avversaria!
    Andrà meglio agli AO!
    Forza Camila!

  24. by livio71

    Ciao a tutti. Condivido con chi dice che bisognava giocare a Hobart. Aspettare ora gli AO è praticamente inutile. Camila è ancora bassa in classifica: il rischio di un primo turno pesante ce l’ha. Per quanto riguarda la partita di oggi sono deluso come un po’ tutti. La Riskie di oggi non era neanche la lontana parente di quella che ha vinto con Aga. Sono felice per un servizio oramai rientrato dai troppi doppi falli. Non capisco invece questa involuzione nella risposta e perché non si corre subito hai ripari. Per il resto speriamo in un AO con grande risultato.

    • by SanTommaso

      “Aspettare ora gli AO è praticamente inutile. Camila è ancora bassa in classifica: il rischio di un primo turno pesante ce l’ha”

      Ce l’avrebbe anche vincendo il torneo di Hobart. Essere 33 o 112 in un tabellone Slam non cambia nulla, indi per cui…

      “Non capisco invece questa involuzione nella risposta e perché non si corre subito hai ripari”

      A me sembra che le risposte di Camila in queste quattro partite siano state più che soddisfacenti. Hai Hai Hai signora Longari?

      • by livio71

        Ohhh si è visto contro la Riskie!

        • by SanTommaso

          Mi fa piacere constatare la prevedibilità dei soliti 4 haters di Camila che spuntano fuori tutti insieme alla prima sconfitta.

          Passi il non saperne di tennis ed essere semplicemente accaniti contro di lei e i suoi tifosi – per invidia, o frustrazione, o non so che altro.

          Ma almeno fare il copia/incolla dei nomi delle avversarie… si sprecano poche energie e non si sbaglia mai. Se ti impegni quel minimo in più puoi anche esser più credibile.

  25. by FabrizioF

    Sulla risposta al servizio non ci siamo ancora.
    Sul resto io ho visto progressi significativi. Iniziare la stagione centrando una semifinale non è male, anzi. E’ un ottimo inizio. Speriamo in un AO tranquillo, mi andrebbe bene centrare un terzo turno, per il momento.

  26. doherty by doherty

    confermo tutto quello che ho scritto ieri…

    ci sono progressi ( sul servizio)
    ed anche soliti limiti :
    troppi rischi sulla risposta(ne ha sbagliate tantissime)
    pochissime alternative tattiche(quando non riesce a sfondare diventa durissima)
    troppi gratuiti

    tuttavia il torneo è stato positivo..3 vittorie
    pero’ con questa situazione cami può al massimo stazionare tra il 30 ed il 50mo posto..deve trovare il modo di evolvere il suo gioco se vuole qualcosa di più

    vamoooosss !! camila…

    • by mf

      Se dobbiamo essere obbiettivi, la discontinuità sarà sempre una caratteristica di Camila… ma è normale , per una che tira forte tutti i colpi e cerca le righe è già tanto vincere una partita , quindi da questo punto di vista è straordinaria e secondo me è quella che è più brava a spingere, la maggior parte delle giocatrici se giocassero come lei non vincerebbero nemmeno un set , ma lei ha una velocità di braccio e di piedi davvero invidiabile anche a livello maschile e allora grazie al grande senso dell’anticipo riesce a fare fulminanti vincenti ! Però comunque è pure una giocatrice umana e più di 3 partite non le può giocare al massimo livello … Guarda caso s’Hertoghenbosh ha giocato solo gli ultimi due match bene i primi 3 è stata solo discreta … In uno slam bisogna vincerne 7 ! Camila se proprio è in straordinaria forma ne può vincere 4 giocando al massimo ! E le altre 3 ? Beh potrebbe vincere giocando non benissimo ma il livello slam è molto alto quindi sarebbe un’ impresa mastodontica …
      Quindi insomma per vincere cose davvero importanti , Camila dovrebbe proprio perfezionare al massimo il suo gioco ma dovrebbe come ha già detto qualcuno evolvere esso … Probabilmente evolvendol, aggiungendo qualche soluzione in più il suo tennis non sarebbe uguale …
      Sarebbe una Camila più regolarizzata, che potrebbe vincere davvero tanto però non sarebbe la stessa , sarebbe simile a molte altre giocatrici …. Io la seguirei lo stesso
      Perché ormai mi sono affezionato tantissimo a lei, ma non sarebbe uguale, sarebbe molto meno spettacolare non sarebbe la vera Camila … Se pensiamo ai risultati sarebbe meglio così , ma se pensiamo ala spettacolarità beh ci sarebbe un forte calo…
      A me Camila piace così !
      Forza Camila !!!!

      • doherty by doherty

        l’abbiamo scritto tante volte in questi anni…giocando così è impossibile vincere 7 partite di fila come dici tu…

        fermo restando che è lei che deve decidere cosa vuol fare del suo gioco e della sua carriera io trovo che si’ ,i suoi vincenti sono spettacolari,ma non ci sia niente di spettacolare ad esempio a tirare decine di risposte in rete..

        è vero che ha una velocità fuori del comune..ma per quanti anni ancora riuscira’ a estrinsecarla nel suo gioco ?
        quando comincera’ ad avvicinarsi ai 30 anni inevitabilmente fisicamente un poco calera’ sotto questo aspetto…e se non troverà alternative diventerà sempre più difficile vincere

        • by mf

          Hai pienamente ragione. .. Penso che una volta che capirà di non essere più in condizione fisica, si ritirerà e cercherà nuove strade… Triste dirlo,ma succederà… e io sinceramente non so se guarderò ancora il tennis femminile perché a parte lei ed altre 5 giocatrici , questo tennis è abbastanza noioso anche se pieno di sorprese.
          Comunque speriamo arrivi nel momento più lontano possibile …
          Cami ha iniziato bene l’anno ma ci sono sempre i soliti limiti e difficoltà che rimarranno sempre, ma in minor quantità !
          Speriamo cerchi qualche nuova soluzione … qualche inizio di soluzione nuova si è visto .Purtroppo il sogno di avere una giocatrice che tira sempre forte plurivincitrice slam è troppo difficile … ma chi lo sa… è tutto da vedere siamo alla prima settimana della stagione !!
          Forzaaa

          • robdes12 by robdes12

            scusa la curiosità, ma chi sarebbero le altre 5 giocatrici? A me vengono in mente solo un paio di nomi oltre lei, chi è che mi sono perso? 😉

  27. fabius by fabius

    Camila, ci sei?
    Whuu, whuu, toc , toc, mi senti?

    Vabbè, faccio finta che tu mi senta.

    Capisco e rispetto la tua scelta di saltare Hobart, anche se non la condivido, ma sono solidale con tuo padre, se vuoi giocare è giusto giocare, se non vuoi è giusto non giocare. Stop.

    Però guardando un filino più avanti, un mio timido desiderio, se non suggerimento, mi permetto di esternarlo: se non l’hai già fatto, iscriviti a Budapest, per favore!
    Sei ancora in tempo, l’entry list per il MD si chiude lunedì, ora hai il ranking per essere sicuramente nel MD, è al chiuso, sul duro: le tue condizioni ideali.
    E ricordati che non c’è più l’amata Katowice, questo può essere il giusto rimpiazzo.

    Sì lo so, la stessa settimana ci sono le sirene di Dubai, altro palcoscenico, altro ambiente, altra soddisfazione andarci a giocare, ma devi entrarci dall’ingresso sul retro, le qualificazioni: non sarebbe meglio invece un bel MD nell’elegante capitale ungherese, con un parco di concorrenti presumibilmente più che alla tua portata?

    OK, io ragiono da tifoso che vede solo i punti ed il ranking, tu vedi le cose dall’unico punto di vista che conta, il tuo, però quanto mi farebbe felice..

    E se poi fossi in vena di farmi un regalo esagerato, ci sarebbero anche le qualificazioni a S. Pietroburgo, ancora al chiuso e sul duro. Ed ancora in tempo.. poche ore ma si può fare..

    Come dici? Non potresti perché ancora impegnata nella seconda settimana degli AO?
    Non ci avevo pensato, va bene così, mi accontento.

    Con affetto, il tuo imperituro umilissimo fan

    Fabius

  28. Lucia by Lucia

    Torneo positivo , anche se il livello delle avversarie non e’ stato alto .
    Io non ho visto significativi cambiamenti dal punto di vista tecnico ( anche negli anni passati per due , tre partite consecutive , il livello del servizio era stato buono) , ho visto semmai miglior abnegazione , tenacia e tenuta mentale.
    Non basta ma sarebbe gia’ qualcosa .

    • etberit by etberit

      Lucia, con quella di oggi sono quattro…. oggi non ha funzionato la tenuta mentale, che negli altri incontri invece c’è stata.
      Buon anno!

      • Lucia by Lucia

        Anche fossero cinque , una rondine non fa primavera . Oggi ha perso perche’ la Riske le e’ stata superiore. La testa ti puo’ far perdere le partite in cui sei superiore , non l’inverso.
        Buon anno anche a te !

  29. by mf

    Camila è imprevedibile , speriamo che questo miglioramento al servizio non sia casuale ma consolidato!! Soprattutto per la stagione sull’erba nella quale secondo antiche profezie quest’anno dovrebbe vincere Wimbledon 🙂 .
    A parte gli scherzi, è passato solo 1 mese e mezzo dall’ ultime partite e i grandissimi problemi al servizio sembrano superati ma quelli in ricezione no … Ora la risposta per migliorarla a mio avviso oltre all’ allenamento con diversi esercizi che son sicuro che farà insieme a Sergio con lo staff di Calenzano , serve giocare partite su partite per abituarsi a rispondere ai vari servizi! Perché non si può rispondere a tutti nello stesso modo … Ad esempio contro la Stosur che tirava il “kick”, cercare il vincente piatto è quasi impossibile infatti in quella partita molte risposte sono andate sui teloni, altre leggermente più arrotate sono andate in campo …
    Ora c’è AO mi auguro in un buon sorteggio per passare almeno un turno o chissà 🙂
    Forza Cami!
    Settimana di allenamenti e poi Melbourne !!

  30. Madoka by Madoka

    Voto a questo primo torneo stagionale un sette pieno. Vinto tre partite di fila. Segnali di un netto miglioramento nella gestione del servizio, come in quella della gestione dello scambio.

    Detto ciò una giocatrice non cambia in un mese e mezzo di off season. I problemi in risposta persistono e sono come sempre macroscopici…purtroppo Camila non sa proprio rispondere. Contro la Riske ha perso perchè 1) non ha saputo rispondere ad una giocatrice che serve bene( si sapeva ) 2) perchè la Riske ha per certi versi un gioco simile alla Kerer, è una cotrattaccante, Camila non sfondava e quindi non ha saputo trovare un’altra soluzione allo sfondamento per fare punto.

    Come dissi mesi fa, sono stato molto contento della scelta id giocare in Cina, torneo facile, con avversarie più abbordabili ed infatti sono arrivate 3 vittorie…ovviamente appena il livello è salito è arrivata una secchissima sconfitta…indice che per certi livelli serve di più…ma come ho detto, in un mese e mezzo non può cambiare tutto….mi auguro possa giocare a san pietroburgo e non condivido assolutamente la scelta di rinunciare ad Hobart, si potevano vincere un altro paio di partite.

    A Melbourne peschi male come l’anno scorso e anche giocando bene vai a casa al primo turno, servono vittorie per scalare la classifica, per ottenere fiducia.

    Ci sono stati segnali di vita dopo due anni e mezzo di segnale piatto….serve continuità adesso.

    • robdes12 by robdes12

      ammetterai, però, che anche la sconfitta di oggi è ben lontana da certe prestazioni incomprensibili di un anno fa, in cui davvero non toccava palla se non per sbagliarla, e ce ne sono state davvero parecchie.

    • by paolo82

      Condivido tutto

    • doherty by doherty

      son d’accordo sui motivi della sconfitta ma,non credo che cami non”sappia” rispondere..
      o meglio il suo non è un problema tecnico
      è un problema
      1) di posizione: (contro riske che non sara’ serena ma,comunque serve bene) non puoi rispondere coi piedi sulla riga alla prima..o per lo meno non puoi farlo sempre..
      2) tattico : il rischio che in media si prende è eccessivo…il rischio deve essere rapportato al punteggio..se siamo ad esempio 30-15,30 pari,40 pari,30-0 la risposta DEVE stare in campo…perchè altrimenti l’avversaria ha l’ occasione per vincere il game,se poi sarà brava a vincere il punto bene,ma come ho detto tante volte,non risolviamole i problemi…quindi se necessario alziamo la traiettoria..non posso credere che cami non lo sappia fare

    • by SanTommaso

      Che personaggio sei…

      • doherty by doherty

        @ san tommaso
        non so’ se il tuo post è riferito a me o ad altri…se non sei d’accordo con quello che ho scritto ovviamente hai diritto di esserlo…e possiamo anche discuterne se vuoi..

  31. TEUS by TEUS

    E’ giusto riconoscere i meriti di Riske perché ha disputato un match molto solido sotto ogni punto di vista.
    Camila ha messo in campo tutta l’energia psicofisica che le era rimasta (non dimentichiamo che al primo turno di questo torneo era sotto 1-6 5-6 0-30), ed è la cosa più positiva in assoluto secondo me, giocando per lunghi tratti dell’incontro bene (perso il primo set, non era per nulla semplice rientrare avendo tra l’altro difronte un’avversaria che non ha mai accusato nessun passaggio a vuoto).

    Prima di dare per assodati i miglioramenti al servizio, attenderei un attimo (ci sono stati altri tornei, in passato, in cui la nostra ha servito con una buona efficacia e continuità).
    Ripeto: la vera nota positiva sta nel fatto che Giorgi sta facendo passi in avanti nel processo di maturazione come tennista (sia tecnicamente che mentalmente).
    Quando sarà una giocatrice ‘fatta’, avrà modo di concentrarsi sul modo migliore per affinare le sue indubbie qualità offensive apportando anche qualche accorgimento tecnico-tattico (passaggio assolutamente necessario a mio avviso per ambire seriamente ai piani alti del tennis mondiale).

    Vamos flaca! Non fallirai.

  32. by paolo82

    Aggiungo per Camila:
    una palla piazzata è sempre più efficace di una palla ‘picchiata’.

  33. by paolo82

    Decisamente abbiamo visto una giocatrice più matura, qualcosa sta migliorando nella testa di Camila, non fosse altro per l’età che non è più quella di un adolescente.
    Resta ancora qualcosa della bambina capricciosa, che quando vede che non riesce ad annichilire l’avversaria (perchè è un’ avversaria di valore), comincia a giocare di stizza buttando punti su punti.
    La partita di oggi però è la dimostrazione che tirare sempre e solo forte non è la strada giusta da percorrere.
    A Camila manca ancora la smorzata, il cross stretto liftato (anche lento) e il lob lungo liftato.
    Forza Sergio lavora in allenamento su questi aspetti, servono a variare il gioco quando dall’altra parte c’è una come la Riske.
    Naturalmente sulle risposte sbagliate è inutile disquisire ulteriormente.

    • robdes12 by robdes12

      io invece fossi in loro lavorerei su una velocizzazione ulteriore dei tempi, cosa che se è vero quello che ha detto Silvia Farina in telecronaca pare proprio stiano facendo, cioè andare più spesso a cercare la voleè. Se il servizio è davvero definitivamente registrato, forse è il caso di sfruttarlo anche per proiettarsi verso il net. E’ meglio che non si affidi unicamente allo schiaffo, la mano per le voleè anche difficili ha dimostrato più volte di averla, di riflessi ne ha da vendere, l’agilità è il suo pane, è rapidissima a coordinarsi (quando non è troppo tesa), perchè non sfruttare il suo potenziale così predisposto per il gioco in avanzamento? L’unica che corra bene in avanti nel circuito è proprio lei, anche perchè ha i fianchi leggermente stretti, tipici del velocista. Se poi aggiunge qua e là qualche palla corta, visto dove riesce a mandare a giocare le avversarie, ben venga, ma mi sa che la strada più rapida da percorrere sia proprio quella di accentuare la sua propensione naturale all’uno/due. Ovviamente quello di volo è anche gioco tattico, non puoi seguire a rete palle d’attacco o servizio a piena velocità, per cui devi imparare a dosare la potenza e anche la posizione ottimale di copertura. Al limite, se proprio devo dirla tutta, ciò che ha basta e avanza, va solo reso più costante, e lì la questione è la rilassatezza interiore e la convinzione, quando scende in campo, che la più forte è lei. Di alcune finali paralizzate ne abbiamo già avuto modo di vederne, quando Cami è nervosa e non riesce a sfogare sul campo la propria frustrazione, perde elasticità e sbaglia colpi per lei di normale amministrazione, vedi oggi la quantità di dritti e rovesci messi a rete o fuori anche senza nessuna pressione.

      • by paolo82

        pensi davvero che una alta 1,64 possa giocare di volo? Può andare a chiudere uno scambio quando ormai l’avversaria è stata buttata fuori dal campo, ma niente di più.
        Se ti riguardi la partita, vedrai che la Riske nemmeno faceva un passo, si limitava a stare in open stance e ad eseguire lo stesso gesto di dritto, perchè la palla (seppur forte) le arrivava sempre nel solito posto. Così è facile ributtarla di là con profondità, basta appoggiarsi al colpo dell’avversario e stare bassi. Prova però a farla spostare con un cross stretto e ppi vediamo se non accorcia il colpo qualche volta. Tirare forte in mezzo al campo non serve a niente.

        • robdes12 by robdes12

          la Vinci lo fa, e Camila è ben più rapida di piedi che Cami. Anche la Enin era piccolina. Non dico che deve fare la Navratilova, ma alternative allo schiaffo deve pure averle quando le altre accorciano tanto, cosa che succede spesso. E poi a me pare che quando fa qualche colpo spettacolare a rete, ne sia molto felice, come del resto suo padre che sentiamo in quelle occasioni gridare brava o grande. Sai, in un gioco in cui conta tanto la psicologia, tutto quello che ti dà un istante di illuminazione torna utile. Non si è autoincitata col pugnetto nei giorni passati quando ha eseguito qualche ricamo a rete o giocato solo di fino? Deve ancora imparare a capire quanto è brava pure se non picchia. Poi magari sto sbagliando del tutto col mio suggerimento.

          • by paolo82

            Mi spiace, ma la Vinci non lo fa, passa la maggior parte del tempo a buttare di la dei rovesci slice in attesa di poter giocare il dritto. Con il quale poi spinge cercando di ‘piazzarlo’ in modo da buttare fuori dal campo l’avversaria, e solo allora scende a rete.

            • robdes12 by robdes12

              vero, però quante volte palle appena rimandate di là dopo ottimi servizi sono state scaraventate fuori o a rete da Cami per il vizio di voler sempre e solo colpirle a tutta. Basterebbe una voleè anche solo appaggiata. Mica tutte riescono a rispondere con palle tese e rapide ai servizi di Camila. Comunque è anche un suggerimento per quando non è solida nei fondamentali. Anzichè stare a sbagliare palleggi, magari prova a sorprendere l’avversaria andando a rete. Tante partite sono decise da pochi punti, per cui come li ottieni li ottieni. Chiaro che anche le palle corte o i passanti rallentati o i lob possono essere colpi offensivi, vincenti ottenuti in altro modo. Comunque, in primis, cercare di rispondere sempre. Se la bordata vincente va, ok, continua, se proprio non entra rimanda di là in qualsiasi altro modo, basta che non dai il punto direttamente all’altra. Se vogliono batterti che se la sudino.

  34. by mf

    Ieri ho scritto che la chiave della partita sarebbe stata la risposta e ciò è stato !
    Camila sinceramente ha risposto molto male soprattutto in rete… Come dice Tommaso lei non deve cambiare gioco ma deve perfezionarlo! Ha giocato tipo 10 risposte in rete e sinceramente non capisco perché si limita a rispondere piatto forte in centro con il dritto-se vede che le va sempre in rete… anche nelle giornate migliori comunque succede (di meno ma succede) ! Visto che ne é capace ,quindi non deve cambiare niente , perché non potrebbe rispondere sempre forte ecc ma con un minimo di rotazione per eliminare la rete?! Sarebbe più efficace e redditizio invece di sparare missili al centro che vanno in rete ! Però ho l’idea che non lo farà mai ! Il servizio l’ha sistemato e molto bene ! Ora manca questa benedetta risposta è secondo me è lì che si fa il salto di qualità !
    Ora ricarichiamo le pile per gli AO, speriamo in un buon sorteggio!
    Vai Cami io credo in te !

    • robdes12 by robdes12

      ieri però ha risposto benissimo, avrà sbagliato si e no 5 risposte facili. Se hai fatto caso quando ha perso precisione è tornata a rifugiarsi negli scambi al centro, senza più cercare le angolazioni che i giorni precedenti mandavano fra gli spalti le avversarie. Giornata no? Ecco tornare gli automatismi controproducenti dei periodi passati. Però se tornano ogni 4 -5 match direi che siamo a cavallo, e top 20 sicura.

  35. by C.M.

    Ok. La Riske ha giocato meglio, ammettiamolo…
    come al solito l’americana si trova benissimo sulla palla veloce che le manda Camila e si appoggia rispedendola di là altrettanto veloce e dopo qualche game entra perfettamente in palla e smette praticamente di sbagliare. Le entrano pure i diritti, belli forti e piazzati.
    Fra l’altro Camila dà tanto ritmo e la Riske ci va a nozze.
    Camila dal canto suo fatica parecchio sugli scambi molto profondi che la obbligano a scegliere fra giocare arretrata o restare a farsi impallinare sulla linea di fondo. La nostra non è abituata a giocare da dietro la linea e del resto non ha neanche il fisico per farlo.
    Il risultato era prevedibile, quindi non demoralizziamoci, tre vittorie di fila sono comunque un buon risultato. Magari si ripetesse anche a Melbourne…
    adesso aspettiamo la prossima partita che – naturalmente – sarà durissima (non so in campo, ma per le nostre malcapitate coronarie lo sarà di sicuro)

  36. robdes12 by robdes12

    beh ragazzi, ok, oggi è stata sopraffatta dalle sue stesse incertezze, ma qualcuno può dire che nei suoi momenti positivi qualcuna delle altre viste nella settimana abbia mostrato un tennis superiore? Secondo me no, non ho visto nessuna partita delle avversarie che mi abbia dato un minimo di brivido estetico.
    Poi è vero che ognuno è libero di vedere ciò che vuole vedere, ma giudicare brutto e monotono il tennis di una Giorgi che ha mostrato di saper fare vincenti di pura velocità e di rotazione, di sfondamento e piazzamento, passanti difficilissimi e precisissimi, smash complicati (cf. Pliskova per comparazione), voleè acrobatiche, pure le veroniche, ebbene questi stessi possono invece contrapporle l’immaginario tennis bello e vario di Kastkina, Svitolina e Siniakova, per me soporifere. Del resto c’è sempre stato chi a McEnroe preferiva Lendl, o a Federer, Nadal. Io intanto non cambio parrocchia nè pensiero, e resto convinto che quando avrà trovato l’equilibrio interiore Camila sarà l’unica giocatrice in grado di saper effettuare efficacemente tutto il repertorio del tennis, palle corte e lob compresi (che infatti sa eseguire, perchè ha anche tocco, solo che non ci pensa quasi mai a farli). E’ un vero peccato che il talento naturale, in chi fa della mediocrità un riferimento, determini contro Camila tante ingiuste acrimonie, perchè se è vero che certe volte le critiche se le va a cercare, è altrettanto vero che quasi mai è criticata per colpe che ha, ma solo per travisamenti e difetti del tutto inesistenti in lei.

  37. gimusi by gimusi

    una Riske davvero solida oggi…ma Cami ha ben figurato mostrando grandi colpi e questo ottimo inizio fa ben sperare per la stagione…vamoooooooooooooooooooooooosssssssssssssssss 🙂

  38. ghezzo63 by ghezzo63

    il lavoro alla fine paga sempre , brava lo stesso cami ! sempre e comunque CAMILA GIORGI !!!

    • hector by hector

      Ghezzo, il lavoro paga sempre quando non c’è di mezzo la Spectre, a cui noi diciamo “Chi la fa, l’aspectri!”.

  39. fabius by fabius

    Quella dispettosa di Giorgi Camila alla fine ce l’ha fatta ad arrivare, e si è seduta in tribuna dopo 6 games, disturbando tutti e lanciando le sue fatture su Camila Giorgi, che continuava a guardare preoccupata in quella direzione, deconcentrandosi.
    Per non farsi notare l’alter ego di Camila si era travestita da cinese, con gli occhialoni scuri per schermare gli occhi chiari.
    Speriamo che sia rimasta depistata ed ora vada inutilmente ad Hobart, e lì resti.

  40. hector by hector

    La Spectre tennistica mondiale è riuscita momentaneamente a fermare la marcia di Camila grazie all’overrule del giudice di sedia che ha chiamato fuori un servizio vincente sul 3-3 30-0 e poco dopo, nello stesso game, ha chiamato un net inesistente su un altro servizio vincente: si trattava in realtá dello schiocco provocato ad arte dall’elastico delle mutande dello stesso spettatore che ad Eastbourne aveva finto un malore in tribuna.
    Inoltre, dopo che Camila aveva servito col sole contro nel settimo game del primo set, sono pure riusciti ad approntare uno scudo stellare per schermare il sole e consentire alla Riske di servire comodamente nel decisivo ottavo game, in cui Camila avrebbe certamente ristabilito l’ordine. Ma nonostante tutte queste manifeste provocazioni, noi non ci lasceremo intimorire: Melbourne è pronta a far risplendere la stella di Camila Giorgi! Vamos Camila!

  41. etberit by etberit

    Oggi Camila è entrata in campo trasmettendo nervosismo da tutti i pori. Prima dell’inizio, volevo spegnere la TV e fare colazione con calma, perché quando è così tesa, il risultato è sempre lo stesso: brutte partite e il più delle volte, perse. Poi il masochismo ha prevalso, ho sperato che tenesse il 7° game, lo ha perso, e ho definitivamente abbandonato le speranze, cosa che ha fatto anche lei in campo. A parte questo, non so quanti colpi ha sbagliato quando ha avuto un attimo di tempo per riflettere e coordinarsi, quando era il momento di tirare i suoi vincenti. Sbagliati tutti. Credo che questo aspetto mentale, e la risposta al servizio, siano le ultime cose da migliorare per entrare nella famigerata top-ten. Ce la può fare.

    • robdes12 by robdes12

      ma sai, ieri la risposta è stata praticamente perfetta, e anche oggi stava ricominciando a metterla in campo, ma il dritto proprio non ne voleva sapere di essere quello di ieri, e a quel punto ha cominciato a strappare un po’ tutto innervosendosi sempre di più, vedasi l’urlo (il primo che ho sentito da lei) per quello spedito in tribuna nell’ultimo game. Che del resto non sia abituata a gestire la calma per interi tornei finora è assodato, ma visto che mai prima d’ora aveva raggiunto un quarto turno a gennaio, si può legittimamente pensare che stia imparando a reggere la pressione. Le cattive giornate le hanno tutte, l’importante è imparare a renderle poco frequenti.

      • doherty by doherty

        ieri la risposta era stata perfetta perchè il servizio di wang non è quello di riske…
        ieri è stato un incontro tra 2 pugili di categorie diverse..

  42. by SanTommaso

    Buona settimana, progressi notevoli. Sicuramente iniziamo l’anno con più fiducia di quando ci eravamo lasciati con buona pace di quelli certi che avrebbe smesso di giocare per pensare alle gameredde. Settimana prossima niente Hobart, Camila giocherà direttamente gli AO.

    • fabius by fabius

      Uscito il MD, confermato che Camila, pur avendo ricevutolo SE, ha rinunciato.
      Restano le altre due italiane, Errani vs Mladenovic el WC Schiavone con una qualificata.
      Arrivederci a Melbourne.

      • robdes12 by robdes12

        Ha fatto bene, di emozioni ne ha incamerate molte, un paio di giorni di riposo e di assimilazione del volo e cambio di fuso e temperatura ci vogliono. E poi oggi è la Befana, coi 43 mila e rotti appena incassati qualche regalo dovrà pure distribuirlo a quelli a cui vuol bene. Hobart era ok se fosse uscita subito, ma visto che così non è stato….c’è da arrivare pronti a Melbourne, altro che Hobart e similari.

  43. by p.r.

    Sto seguendo la Julia Georges in rimonta con la Konjuh. Il gioco della tedesca ha molte affinità con quello di Camila

  44. fabius by fabius

    Peccato, si poteva fare.
    L’inizio era stato più che convincente, si è deciso tutto quando la Riske è riuscita a difendere il servizio, e poi nel settimo lunghissimo game Camila ha ceduto il suo.

    La partita ha cambiato volto, Riske in fiducia e Camila nervosa, l’esito era segnato.

    Niente, non si guarda cosa poteva essere, guardiamo cosa è stato, un torneo molto positivo.
    Prendiamo il buono ed andiamo avanti.
    Arrivederci ad Hobart?

    • robdes12 by robdes12

      dov’è che si legge la sua partecipazione sicura ad Hobart? A quest’ora sono troppo pigro per cercare e gradirei molto un “coaching”. 😉

    • by Fabblack

      Concordo,
      Paradossalmente credo abbia influito molto il mancato break al secondo game, che avrebbe mandato la Riske nel pallone: anche lei va molto sulla fiducia come Camila che infatti, subendo il break dopo aver fallito 5 palle game, si è presa un 6-0 in un amen: poteva succedere il contrario.
      Credo sia la prima semifinale persa.
      Però:
      – il servizio è stabilizzato (quattro partite fanno una prova);
      – al primo torneo dell’anno ha vinto le stesse tre partite che nei primi sei dell’anno scorso.
      Sono certo che andrà ad Hobart anche perché qualche punto tra lì e l’A.O. deve farlo perché usciranno 47 punti dell’anno scorso, virtualmente nr.74, e poi Indian Wells e Miami sono a 76 giocatrici (+ WC e Q) e credo che valga la classifica di fine gennaio, se non addirittura del 16 gennaio.

      • robdes12 by robdes12

        e poi Hobart è un posto bellissimo, ci sono stato, una baia davvero rilassante. Oggi forse trascuriamo pure un elemento: Cami ha giocato due partite consecutive con la luce artificiale, oggi invece in diurna, non sarebbe mica la prima giocatrice che si trova in difficoltà ad adattarsi al sole negli occhi e ad una diversa visibilità della pallina. Mi ricordo una volta un commento similare di Serena, che sottolineava proprio questo dopo una partita vinta in modo un po’ sofferto, che appunto era stata condizionata dal cambio della situazione oraria.

    • by SanTommaso

      Non giocherà a Hobart, pare.

  45. robdes12 by robdes12

    Capisco la delusione, ma brava lo stesso e molta fiducia nonchè aspettativa per i tornei a venire, Testa alta e non deludere te stessa, quest’anno hai pure un’arma in più, un servizio eccellente. Buon rientro nel tennis che conta (nutro zero dubbi a riguardo).

Leave a Reply