Madrid 2014

Si ferma ai quarti di finale il torneo di Praga di Camila, sconfitta in due set dalla giocatrice di casa Karolina Pliskova, numero 3 del seeding.

Camila tornerà in campo nel torneo Premier Mandatory di Madrid, al via da lunedì 2 maggio sui campi della capitale spagnola.

About the author

Matteo Veronese

Matteo è di Milano, classe 1986, giornalista pubblicista. “Sportivoro”, segue professionalmente Camila dal 2011. Primo incontro dal vivo a Cuneo: sconfitta in 2 set dalla Lucic, non il migliore degli esordi per potersi considerare un portafortuna. Ha avuto modo di rifarsi col tempo… E-mail: matteo.veronese@camilagiorgi.it Twitter: @veronesem

  • Camila rientra in Italia: “Mi dispiace, ma tornerò più forte”
    Camila rientra in Italia: “Mi dispiace, ma tornerò più forte”
  • Indian Wells: Camila esce con Johanna Larsson al primo turno
    Indian Wells: Camila esce con Johanna Larsson al primo turno
  • Un messaggio da Cami e la programmazione fino a Wimbledon
    Un messaggio da Cami e la programmazione fino a Wimbledon
  • Camila tornerà in campo a Indian Wells e Miami
    Camila tornerà in campo a Indian Wells e Miami

86 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by lucio

    A mio avviso non fortunata.
    Sara conosce bene Camila e se sta bene fisicamente sul rosso e’ sicuramente piu’ forte.

    • by livio71

      sara non ha la solidità della kerber

      • by lucio

        Certo ma se pensiamo alla Beck ………..sicuramente Sara e’ piu’ forte e sbaglia ancora meno.

  2. journasesto by journasesto

    PRIMO TURNO MADRID: CAMILA GIORGI vs SARA ERRANI

  3. Massimiliano by Massimiliano

    Nooo… vi prego… ditemi che ho visto male…

  4. by pariparo

    Non ho visto la partita ma dai resoconti si direbbe che entrambe le giocatrici abbiano giocato come se stessero giocando su una superficie veloce. Quindi la partita di ieri è del tutto inifluente per capire se Camila possa o non giocare bene sul rosso, perché ieri Camila non ci ha giocato!

  5. r.b. by r.b.

    Il tennis ha tanti difetti, ma non quello di non offrire continue chance di rivincita. Per assurdo le sconfitte anche molto nette non contano…
    A Doha la Radwanska, stiamo parlando della n. 2 del mondo, dopo uno strepitoso quarto di finale con la Vinci, subisce una dura lezione in semifinale dalla Suarez Navarro: 6-2 6-0 recita l’impietoso punteggio. Invece di demoralizzarsi e di pensare a cambiare coach, gioco o quant’altro, Aga va a IW dove batte tra le altre Cibulkova, Kvitova, Jankovic, arrendendosi in semifinale solo a Serena Williams.
    Quindi la sconfitta di ieri non conta niente, di positivo ci sono i quarti di finale in un torneo su terra rossa e i numerosi match giocati su questa superficie.
    Ovviamente non saremo testa di serie a Madrid né nei tornei successivi (a Parigi chissà), perciò un po’ di fortuna nei sorteggi ci vuole, ma ci sono i presupposti per fare bene anche nei prossimi mesi (senza pretendere la luna, peraltro).

    • Sergio5912 by Sergio5912

      @ r.b.
      Riferito alla Radwanska ” e di pensare a cambiare coach, gioco o quant’altro “……. Claro, l’aveva già fatto. Ha provato per un breve periodo a seguire le direttive della grande Martina Navratilova, tentativo che non ha portato nulla di che, quindi interrotto.
      Però questo vuol dire poco, ci sarebbero, di riflesso, altri esempi di cambiamenti che invece hanno portato benefici.
      Nessuno chiede cambiamenti drastici, men che meno cambi alla conduzione, più coraggio nell’osare ad arricchire il proprio bagaglio, si.
      P.S. Ma tu sei amico nostro ……. o amico del giaguaro ????? 🙂

  6. Massimiliano by Massimiliano

    Parlando di Madrid: ma i singolari del Main Draw iniziano già da domani?
    No perché guardando la pagina del torneo sul sito della WTA

    http://www.wtatennis.com/schedule/tournamentId/1479/title/mutua-madrid-open

    I match sembrano partire dal 30, cioé domani (mentre oggi iniziano le quali).

    • r.b. by r.b.

      Lo ha detto anche Spalluto in telecronaca su Supertennis che Madrid comincia sabato (e infatti la finale a Praga si gioca sabato).

      • Massimiliano by Massimiliano

        Intanto ecco il forfait di Serena (visto che sono già usciti di draw di quali, immagino che questo darà spazio ad una LL.

  7. r.b. by r.b.

    Non e facile arrivare nelle prime 30 del mondo, ma quando ci si arriva è normale stazionarie anche per alcuni anni nelle posizioni 30-50…poi c’è chi riesce a fare il salto e chi no, ma dipende da molte cose…
    Anche Sergio avrà capito che per arrivare in top 10 sì deve fare qualche modifica a gioco, preparazione, programmazione ecc.
    Ricordo alcune analisi di giornalisti esperti che hanno dimostrato come il gioco di Camila stia cambiando, non per scelta dei tifosi, ci mancherebbe… Al momento la classifica è assolutamente veritiera, con una programmazione più “furba”, ma che qui quasi nessuno condivide, si potrebbe essere 35 o giù di lì, ma nella sostanza cambierebbe poco. Nei prossimi anni ci saranno grandi rivoluzioni in WTA, prima di tutto il ritiro delle sorelle Williams, bisogna farsi trovare pronti…
    Fortunatamente abbiamo ancora un po’ di tempo…

    • by C.M.

      Venus sembra più avviata sulle orme di Kimiko Date Krumm:
      non sono più una top five ma continuo finché il fisico me lo permette e finché mi diverto…

    • by C.M.

      Venus sembra più avviata sulle orme di Kimiko Date Krumm:
      non sono più una top five ma continuo finché il fisico me lo permette e finché mi diverto…

      quanto al tempo per i cambiamenti, ricordiamoci che Flavia ha dichiarato di aver imparato realmente a servire a trent’anni! e i risultati si sono visti 🙂

      • by C.M.

        scusate la duplicazione parziale, ho fatto un po’ di confusione 🙂

  8. Sergio5912 by Sergio5912

    @ Avadar
    D’accordo che bisogna credere in ciò che si fa, altrimenti è ovvio che venga male…… A parte che chissà perché, sta cosa mi ricorda tanto Simona Ventura : Crederci sempre, arrendersi mai, ma questo è un dettaglio……., ma occorre pure prendere coscienza dei propri limiti, e lavorarci per superarli.
    Non si può giocare sulla terra, come quando giochi sul veloce, ancor meno proponibile se giochi sull’erba.
    Non lo dico io, in questo caso la valenza sarebbe risibile, ma fior di professionisti, e anche esperti giornalisti, ….. Big, ha ricordato il buon Tommasi.
    Pertanto, noi possiamo continuare a discutere,……. cosa buona e giusta, fatta con i dovuti toni, come normalmente accade in questo spazio……., affermare tutto e il contrario di tutto, ma se Camila non aumenta il “bagaglio tecnico “, come dice @ Riccardo, : su questa superficie, giocherà sempre in….. apnea, ma,….. e qui la faccenda si complica maledettamente……, temo che anche sulle altre superfici, contro avversarie di valore, continuerà a faticare.
    Bisogna prendere atto che il livello attuale e questo, ed avere il ” coraggio “……, anche in questo chiedo conforto all’ amico @ Riccardo……., di….. allargare gli orizzonti, riferito ai colpi.

    • avadar by avadar

      Sul bagaglio tecnico hai perfettamente ragione, ma esso deve viaggiare in parallelo con le motivazioni e la fiducia che esulano dai colpi…

      ora come ora Cami è in un circolo vizioso, non riesce più a vincere con le big e ogni volta la cosa si complica…

      col mio discorso non voglio solo creare l’alibi della terra: Cami può giocare e vincere anche su questa superficie senza essere necessariamente un pesce fuor d’acqua…

      ma deve prenderne coscienza lei e anche noi, senza vivere sulla Luna e illudersi….le qualità ci sono e Sergio e Camila stanno cercando di affinarle….i cambiamenti esigono un po’ di tempo per essere assimilati e diventare automatismi….

      l’importante è nel frattempo tenere alto l’entusiasmo e la voglia senza le quali non si va da nessuna parte…..

  9. r.b. by r.b.

    Sembra ufficiale, l’anno prossimo non ci sarà Katowice, sostituito dal torneo di Biel… Così almeno dice Ubitennis… Qui tra gli utenti del sito, il maestro indiscusso in fatto di informazione è journasesto….

  10. r.b. by r.b.

    Non sono tanto d’accordo, la Pliskova non è una terraiola eppure gioca bene anche sulla terra rossa. Certo, se dovessi pronosticare uno Slam per Karolina non direi Parigi, ma in semifinale al Rolando ci può arrivare tranquillamente. Camila sulla sua superficie migliore, l’erba, a stento fa un terzo turno a Wimbledon…. È un problema di livello generale di gioco. Camila gioca anche bene, ma quando si arriva sul 30-30 spesso sparisce dal campo. Sulle palle break contro rischia troppo (e sbaglia) e forse anche su quelle a favore… In realtà oggi come occasioni non è andata male, ha avuto molte palle break. Poi ogni tanto gioca dei game al servizio con tre o quattro gratuiti… Ma lo vogliamo capire che nei game di servizio non si deve rischiare troppo? Nei game di servizio bisogna cercare di servire bene e tenere la palla in campo. Se proprio si vuole rischiare qualcosa in più, meglio farlo nei game di risposta… Il bello è che oggi, allungando lo scambio, sarebbe stata tutta un’altra partita, altre avversarie invece vanno affrontate diversamente, perché sono imbattibili nel palleggio da fondo….
    Non dico che Camila avrebbe vinto, ma sarebbe stato tutto un altro match….
    Comunque non sono triste, Camila ha giocato bene, il problema maggiore oggi non è stato il gioco di Camila, ma la Pliskova, che è diventata troppo forte per noi….

  11. avadar by avadar

    Leggo che Cami non può competere sulla terra…sarò un illuso ma per me può competerci, eccome se può…

    la terra non è l’erba, ma se si parte già battuti non c’è santo che tenga…

    il messaggio che si vuol far passare, anche se fosse vero, non mi suona bene…occorre crederci nelle cose, crederci totalmente perché possano avverarsi…a maggior ragione è più facile crederci quando si ha una predisposizione e dei mezzi che balzano evidenti agli occhi…

    a Cami dico di crederci come ha sempre fatto e non di sopravvivere e vegetare in attesa dell’erba…solo così si può tirare fuori il massimo….

    • r.b. by r.b.

      Io sono d’accordo con te, e non fatemi il paragone con la Errani, che su erba proprio non riesce a giocare. Su erba si gioca tre settimane l’anno, poi su terra e anche sul cemento o indoor Sara gioca eccome… La terra rossa è ovviamente la sua superficie preferita, ma sul veloce ha fatto semifinale agli US Open, non so se mi spiego….

      • by Fabblack

        E’ pur vero che se a fine anno Camila avrà giocato 25 tornei, di questi 5/6 su terra, 3 su erba e 16/17 su cemento.
        L’anno scorso rispettivamente 4, 3 e 15.
        Io ho visto questi primi due come preparazione a Madrid, obbligatorio e punti pesanti: due/tre vittorie lì e tutti i ragionamenti cambierebbero, l’anno scorso out al primo; con gli scarti che tutte tranne lei avranno prima di Parigi è 42, a meno di 200 punti dalla testa di serie.
        Stoccarda e Praga invece di Istanbul e Rabat? A parità di risultati, pagano il doppio/triplo, parliamo di professionismo e conta pure questo.

  12. enzo by enzo

    Ho visto solo la registrazione e purtroppo non posso che confermare tutte le valutazioni di Big.
    Camila sulla terra non può competere con le grandi, anche tenendo conto che oggi nel primo set avrebbe potuto convertire qualche BP in più e vincere quel game al servizio da 40-0.
    Potrà migliorare se si deciderà a variare i colpi e a rispondere per scambiare e non cercando sempre il vincente.
    Oggi comunque Pliskova era in gran giornata, forse aiutata dalla falsa partenza di Cami.

  13. hector by hector

    La sconfitta odierna e’ frutto di un grave errore di programmazione. Lo sanno anche i sassi che la Pliskova e’ una tennista umorale, presentarsi in campo vestita di rosa contro una giocatrice che oltretutto si esibiva davanti al proprio pubblico ha acceso nell’avversaria una fiammella di ottimismo che si e’ progressivamente alimentata nel corso del match. Sarebbe stato sufficiente vestirsi di nero per far precipitare la Pliskova in una spirale di negativita’ che avrebbe generato doppi falli e teloni a raffica. Mi permetto di suggerire a Sergio di cooptare nello staff un cromoterapeuta, che successivmante potrebbe anche essere affiancato da un esperto di caffeomanzia.

  14. riccardo by riccardo

    c’è il dispiacere inevitabile per una sconfitta ma vedo che le analisi in linea di massima sono tutte abbastanza simili e vanno nella direzione che sulla terra rossa non si può giocare come si gioca sul veloce. Sulla terra la pallina non viaggia veloce, è la superficie stessa ad addomesticarne la traiettoria, ” smorzarne la velocità, aggiustarne l’altezza ” . Il che porta alcuni giocatori a giocare tre o quattro metri oltre la linea di fondo. Non è necessario aggredire la pallina, potrebbe andare bene anche aspettarla.
    La principale conseguenza di questo modo di giocare è la lunghezza degli scambi. Se lo scambio su erba ” ha il gusto della guerra lampo ” e se quello su cemento è un braccio di ferro muscolare , lo scambio su terra è un misto tra agonismo, pazienza e guerra di nervi ” .
    Andrè Agassi in open defini i terraioli ” ratti da fango”.
    Ma davvero pensiamo che Camila dopo una carriera impostata a giocare in una certa maniera all’improvviso si metta a remare a fondo campo , usare i topponi e via discorrendo…
    Non ci redo nemmeno se lo vedo.
    Per questo ho scritto in tempi non sospetti che è sbagliato aspettarsi che Camila vinca roma o parigi perchè ci sono tanti tornei che si adattano alle sue caratteristiche ed il 65-70 dei punti Wta si fanno sul veloce.
    Nessun dramma quindi ma la consapevolezza che questi tornei sino a Parigi servono solo per mettere partite ed abitudine alla lotta sulle gambe, per quattrini e per punti Wta visto che non difendiamo niente ed anche per abituare camila mentalmente a non uscire fuori dall’incontro quando le cose si mettono male.
    I conti si faranno sul veloce e li vedremo davvero come stanno le cose.
    Ovviamente questo non significa che sul veloce e sull’erba per poter vincere tornei importanti camila dovrà continuare a giocare cosi, perchè senza un minimo di variazione sul tema ma sopratutto per citare il mio amico r.b. senza ridurre sensibilmente i gratuiti , senza equilibrio insomma non si va da nessuna parte..
    Bisogna crederci ed avere coraggio.

    • robdes12 by robdes12

      si dice: se non vedi non credi, per lo meno sono tre settimane che la vediamo almeno una volta, e non ricordo tutta questa grazia per i nostri ipercritici occhi. Cominciate ora a gufare perchè la cosa si ripeta con Madrid, e che si possa vedere una partita sul rosso da vincente. Se poi si arrivasse agli ottavi clap clap. Se non hai gioco adatto ma passi qualche turno significa che sei veramente forte.

    • Sergio5912 by Sergio5912

      @ Riccardo
      L’assunto secondo il quale Camila troverà sempre indigesta la terra rossa, ( tu e Big, avete spiegato con dovizia e sagacia i motivi per cui ciò accade ), possiamo darlo per acclarato. Di consegnenza, nessun dramma per la sconfitta odierna, ( anche se il modo e la dimostrazione d’incapacità a reggere il confronto, lasciano alquanto perplessi. Questo per correttezza, va detto ).
      La cosa che preoccupa, è la prolungata ” rottura “, ad eccezione di Katowice, che pare abbia colpito Camila. Possiamo tranquillamente affermare che è da Hertogenbosh 2015, che non la vediamo ad alti livelli, e sì che nel frattempo si sono succedute tutte le superfici.
      Altra cosa non esattamente rassicurante, è l’ incontrovertibile crescita di quelle coetanee, tra cui la stessa avversaria di oggi, anche lei non propriamente una terraiola, a voler essere onesti, che fino a due anni fa…… le contendevano i pronostici di future top. Se aggiungiamo che nel frattempo nuove leve si sono affacciate nel circuito….. verrebbe da dire : ……. la situazione è grave, ma non è seria.
      Molto si è discusso sul perché di questa ritardata crescita :
      Carenze tecniche ? Può darsi. Limiti tattici ? Forse. Difetto di personalità ? Perché no. Difficoltà di concentrazione ? Volendo. Non saprei, e non sono io a dover sapere. Altri son pagati per capire, agire e risolvere.
      Posso solo augurarmi che prima o poi si riesca a riannodare i fili di questa matassa che ora come ora sembra inestricabile. E se è vero che i tempi di maturazione sono soggettivi, e che comunque, Camila ha ancora tempo davanti, è pur vero che chi ha tempo……..non aspetti tempo.
      Almeno questo recita un vecchio adagio !

  15. robdes12 by robdes12

    sto vedendo la Puig, che come giocatrice a me sembra similare a Cami, anche lei ho sempre pensato che avrebbe avuto un’ottima carriera, invece si muove sempre in posizioni di classifica più basse di quello che è il suo livello assoluto di gioco. L’altra similarità che vedo è che si crea occasioni che poi vanifica con errori sciocchi. Poteva tranquillamente vincere in due set, e invece magari perde in tre pur giocando meglio.

  16. robdes12 by robdes12

    Qualcuno di voi che la segue dai primi passi negli itf sa perchè Cami ha fatto un circuito junior così limitato? Io non ricordo di aver mai letto di sue partecipazioni agli slam di categoria. In retrospettiva non so se sia stata una buona scelta non confrontarsi da subito che le avversarie che avrebbe dovuto affrontare più a lungo all’interno della sua anagrafe sportiva (in effetti si poteva pensare qualche anno fa che le varie Williams, Pennetta e altre over 30 si sarebbero ritirate quando Cami avesse avuto una ventina di anni).

    • by SanTommaso

      Ti rispondo io a costo di passare per uno di quelli che “c’era” contrapposto ai nuovi: perché il circuito junior vale poco. Perché l’Itf è già una sorta di professionismo e Camila proprio da questi primi passi ha messo in mostra il suo voler sempre competere con le migliori il prima possibile.

      Ha fatto gli Itf anziché i tornei Junior
      Le quali WTA anziché essere tds negli Itf
      I Premier anziché gli International
      Attacca a modo suo anziché accettare il palleggio da fondo
      Si fida solo di chi conosce anziché affidarsi a Brad Gilbert

      Tornando al punto di partenza, perché un punto in un Itf ti pone all’interno del ranking mondiale, i punti Junior fanno parte di un’altra classifica all’interno della quale a Camila non interessava competere.

      In fondo, Quinzi ha vinto Wimbledon junior… esti’…

  17. r.b. by r.b.

    Dedico poche righe alla risposta. Non è vero che non si può rispondere ai servizi della Pliskova, soprattutto sulla terra rossa. Aga ci riesce e pure bene, come si è visto a Stoccarda, anche sulle prime, basta rispondere profondo e in campo, ma bisogna rispondere SEMPRE, altrimenti Pliskova entra in fiducia e sono dolori…
    Camila tenta sempre la risposta vincente o molto aggressiva, ma ne sbaglia tante (per forza di cose) e questo non può che dare fiducia all’avversaria. Infatti per fare un break Camila dovrebbe azzeccare quattro o cinque risposte vincenti in un solo game, e Karolina sa che ciò è statisticamente piuttosto improbabile, quindi serve senza pressione e i risultati solo quelli di oggi…. Tra l’altro non ha nemmeno fatto troppi ace, solo 4 mi pare….
    In sintesi, Pliskova che serve senza pressione e risponde da ferma alle seconde piatte di Camila produce il risultato che abbiamo visto. Ma questo perché l’avversaria è forte, contro altre poteva andare diversamente, ogni match fa storia a sé…

    • robdes12 by robdes12

      ma sulla terra non potrebbe rispondere sulla linea del servizio? Non dico che debba fare come Fognini o Aga che riescono a creare problemi pure mettendosi due metri dietro, però un po’ meno azzardo? A meno che Cami se arretra un po’ non perda completamente il timing. Però è vero che come ritorna a ribattere un metro e mezzo dentro sono dolori…per lei. In allenamento sono sicuro che avrà una percentuale di successo alta, ma lì gioca decontratta, un po’ come certe risposte incredibili delle colleghe se la palla è stata chiamata out di un soffio: le vedi ribattere traiettorie assurde,ma tanto sapevano che era solo esercizio….

  18. biglebowski by biglebowski

    fare un’analisi di camila giorgi prendendo a pretesto una partita sulla terra rossa è fuorviante ed inutile. sarebbe come giudicare errani al termine del golden set subito a wimbledon.

    rino tommasi arrivava a dire che il tennis è uno sport diverso in funzione delle superfici su cui si gioca; può apparire eccessivo ed è chiaramente un iperbole per definire un concetto che rimane corretto.

    ho letto analisi circa l’adattabilità di camila alla terra rossa frutto di molta benevolenza ed anche di un po’ di incompetenza.
    la verità, non la mia ma quella delle partite giocate, è che non ha gli strumenti per competere ad alti livelli, non ha le qualità che servirebbero per mettere in difficoltà le avversarie più quotate.
    se poi queste sono on fire come la karolina odierna, subentra anche quello scoramento che la attanaglia in certe circostanze e che le impedisce perfino di lottare dando l’idea di un livello ancora più basso di quello che effettivamente potrebbe essere.
    ha perso da chirico e beck 4 set a 0 indoor una settimana fa , facendo 6 game a partita; contro pliskova nel torneo di casa ne ha fatti 3. mi pare nella norma.

    madrid è anomalo perchè la palla viaggia più veloce di qualche torneo sul duro e questo le potrebbe dare qualche atout in più contro giocatrici di medio livello.
    ma senza troppe aspettative che portano solo delusioni cocenti.

    per finire se si evitasse di partire 0-4 (cibulkova), 0-3 (chirico), 0-3 (pliskova) si potrebbe pensare di farle giocare un pelo più contratte; non conosco la terapia per ovviare a queste slow start, se bisogna riscaldarsi meglio, giocare una mezz’oretta prima del match e se ci sia una motivazione psicologica. ma partire ad handicap non aiuta certo ad essere serene.

    • biglebowski by biglebowski

      errata corrige; 0-4 (pliskova)

    • robdes12 by robdes12

      intendi per competere ad alti livelli sulla terra, oppure anche tu cominci a pensare che sia così in generale?

      • biglebowski by biglebowski

        intendo sulla terra rossa; sull’erba è tra le prime 10.

        • robdes12 by robdes12

          grazie, Si, è difficile negare quello che hai valutato, neanche al scivolata è ancora riuscita ad assorbire (il che in effetti dopo vari anni è un po’ strano).

          • biglebowski by biglebowski

            lei ha bisogno di essere piantata per tirare il colpo perchè gioca di forza e non di sensibilità.
            è cresciuta ed ha imparato a giocare a tennis sul “cemento” ed ha lo status menti (si dice?) corrispondente; inoltre la posizione avanzata assume valenza positiva in corrispondenza di un rimbalzo più basso.
            poi difende male, non varia il peso della palla e non ha il top spin “alla nadal” (per capirci) che è invece efficacissimo sul rosso; per non parlare della palla corta che dovrebbe giocare qualche volta anche mettendo in preventivo degli errori se non altro per far dubitare le avversarie che non si possono permettere di arretrare eccessivamente.
            non credo onestamente che la situazione sia modificabile alla sua età se non con un lavoro specifico e assai lungo, peraltro con il rischio di alterare degli equilibri faticosamente costruiti.
            in fondo la stagione sul rosso dura per lei due mesi scarsi, camila gioca da anni hard fino a katovice compreso (le terraiole iniziano ad allenarsi una quindicina di giorni prima).
            in fondo fa due/tre allenamenti giusto per sentire il fango sotto i piedi ed entra in campo con la stessa tattica sapendo di batterne qualcuna e di perdere con altre.
            questo è il mio modesto parere.

            • robdes12 by robdes12

              Ma qualcuno che l’ha vista allenarsi (penso che ci sia qui nel sito) ha mai visto provare quei colpi? Anche i back e le risposte bloccate oggi zero, mi sa che sono stati in effetti introdotti un po’ troppo tardi. Però Maria l’abbiamo vista fare le smorzate l’anno scorso, a 28 anni suonate e si che gioca ad alti livelli da 13 anni. Qui ammettilo, ci sono i limiti di autodidatta di Sergio, come avviene sempre per chi si è costruito da sè, bravissimi in alcuni aspetti, ma sempre con qualche lacuna di contorno.

            • TEUS by TEUS

              D’accordo su tutto, big, ma c’è un fatto che si verifica da un po’ di tempo che mi lascia perplesso: superficie a parte, inizia a essere una costante perdere, anche nettamente, contro giocatrici quotate (e non mi riferisco solo al ranking). Non vorrei che alla base ci fosse un problema caratteriale (di carisma e personalità per essere più preciso -tra l’altro sapientemente sottolineato proprio da te dopo il match con Bouchard-).
              Altrimenti come si spiegano le prestazioni con Wozniacki a Wimbledon e quella con Lisicki all’Us Open della scorsa stagione?
              Camila ha il temperamento della vincente e lo ha già dimostrato più volte ma, se non diventa più “cattiva”, soprattutto in determinate circostanze, rischia seriamente di non sfruttare tutto il suo indubbio potenziale (non dico per sempre, sappiamo bene com’è il tennis, ma nel breve-medio periodo).

  19. r.b. by r.b.

    Oggi la partita è iniziata subito male, lo ha detto anche Spalluto in telecronaca che nel primo set con un po’ più di fortuna o determinazione si poteva essere 2-2 invece di 0-4. Il primo set non mi è dispiaciuto. Non capisco perché Camila spesso non giochi bene all’inizio del secondo set. Se ha perso il primo, perché è depressa, se ha vinto il primo perché si rilassa… Eppure si sapeva che la Pliskova era forte… Il secondo set obbiettivamente è stato abbastanza deprimente anche dal punto di vista del gioco, eppure si è fatto il break e se sul punteggio di 1-3 avesse tenuto il servizio, chissà… Però è proprio lì che è mancato tanto, due o tre errori gratuiti nei game di servizio non puoi proprio farli, la palla deve passare minimo venti centimetri sopra il nastro…. Giocare troppo piatto contro Karolina non ha molto senso…. La Pliskova soffre solo la palla profonda o la palla molto bassa e gli spostamenti laterali, ma se può colpire da ferma con i piedi dentro al campo….

    • robdes12 by robdes12

      pure a Katowice ha avuto la sfortuna e i giudici contro, ma li ha annullati da sè. Hai fatto caso che Cami difficilmente riesce a dare 60 a chiunque, anche la più fuori forma del circuito? Lo sai che certe volte mi viene il dubbio che abbia problemi di vista, cioè valuti male le distanze che la palla deve coprire tanto sono marchiani alcuni suoi errori?

  20. r.b. by r.b.

    In realtà sono contento, la Pliskova perde a volte con giocatrici molto più deboli, es. con la Golubic, perché le sottovaluta. Camila è temuta e rispettata e purtroppo le top player giocano concentrate contro di lei, e oggi si è visto. Obiettivamente c’è molta distanza dalla top 10 e anche un po’ dalla top 20 però possiamo recuperare in un tempo ragionevole. Bisogna allenarsi, lavorare duro e giocare bene i punti importanti….

  21. robdes12 by robdes12

    Perdonatemi, ma oggi a parte che facesse partita più serrata (ma sinceramente l’ha fatta con Kerber, con Serena, con Ana non ne parliamo ed ha comunque perso perdendo punti) ci si aspettava che vincesse? Il problema sono le partite buttate contro una Bouchard più che battibile, la stesa contro una Petkovic che non serviva bene, non tirava vincenti, che subiva le poche bordate messe a segno e anche la figuraccia contro la Brengle. Camila è 40 del mondo non perchè tecnicamente non ci sappia fare, ma perchè in diverse occasioni non gioca, si limita a tirare la prima palla che le pare tirabile e non fa gioco. Anche oggi ho visto una discesa a rete “vera” nel primo set e ha fatto punto e poi? Una voleè e basta. Non ha pensato a farne che so 4 o 5? No. Poteva provare una sequenza di incrociati dei suoi, l’ha fatto? No. Quando ha potuto ha giocato il vincente, che è pure entrato ma per il resto? Il punto non è che non abbia un tasso tecnico, bensì che non lo usa. E’ evidente che abbia le idee molto confuse, ma lo ritengo logico per una tennista che è stata abituata a usare solo una parte della sua testa in gara, il famoso istinto (che è qui una metafora per reazione immediata ad uno stimolo). Forse sarebbe il caso che venisse spiegato che l’istinto è una sequenza comportamentale innata legata ad un’esperienza cospecifica che si è codificata nei geni. Io non credo che gli antenati di Camila siano sempre vissuti sui campi da tennis, mentre sono convinto che il gioco del tennis coi suoi colpi e ritmi li abbia appresi attraverso l’ìnsegnamento, quindi non mi è chiaro che significhi giocare d’istinto in questo caso. Ok, sta per giocare di pura reazione, per cui è logico che così non capirà “mai” come disciplinare i colpi in base alla situazione presentatasi al momento. Il gioco di Camila non è povero nel repertorio, lo è nell’uso che ne fa. Non si dà tempo e quindi di fronte a certe situazioni non riflette sulle variabili. Eppure c’è sempre più tempo di ciò che si creda per colpire una palla, soprattutto per una che arriva mezzo secondo prima di qualsiasi altra sui colpi.
    Comunque sia, oggi per me c’è sotto altro; la Ostapenko tirava non meno della Pliskova, ma li Cami, che VOLEVA il risultato, ha saputo variare eccome e portare la partita sempre nella direzione da lei cercata. Reggeva gli scambi, se in difficoltà rallentava per poi accelerare ancora più dell’avversaria che infatti è stata presa a pallate e obbligata ad andare alla fine ad un ritmo superiore a quello che poteva tenere con le gambe. Oggi è andata diversamente, in fondo ha tentato solo vincenti, un punto dietro l’altro. Impossibile che riuscissero. In compenso la Pliskova subito avanti 4 a zero è stato normale che nei momenti di pericolo non tremasse. Chiaro, aveva ben altre occasioni per far suo il match, perchè farsi irrigidire dall’ansia? Ecco il perchè di una stesa che ha ben guardare poteva essere una sconfitta onorevole. Tre palle dell’uno a tre, tre possibilità di recuperare volta per volta i break, uno l’ha ripreso nel secondo set per non prendersi un 60. Ma l’orgoglio è stato solo quello. Se avesse voluto la vittoria avrebbe lottato molto di più. Con Serena l’ha fatto, con Angie e Ana pure. Oggi ho il sospetto che fossero tutti già un po’ appagati, per cui è stato un vada come vada. E’ un copione visto e rivisto nel tennis, maschile e femminile, mica tutti sono Nadal o Serena. Per altro vorrei fare un parallelo con Fognini. Qualcuno pensa che sia “povero” tecnicamente? Anzi, è fra i più dotati, però se non gli va si prende stese analoghe da avversari ben al di sotto di lui. Per lo meno oggi è stato con la Pliskova, non con la Pironkova.

  22. robdes12 by robdes12

    Pensiamo al futuro, qualcuno ha informazioni sulla posizione nel tabellone di Madrid che occuperà Cami? L’entry list mi pare vecchiotta

  23. robdes12 by robdes12

    Pensiamo al futuro, qualcuno ha informazioni sulla posizione nel tabellone di Madrid che occuperà Cami? L’entry list mi pare vecchiotta

  24. riccardo by riccardo

    Mah.. parole dure… forse troppo dure.
    Oggi è stata una partita no ,può capitare.
    Non penso che la strada giusta sia giocare i 125.
    Diciamo che dalla polonia Cami ha giocato un discreto numero di partite ma oggi l’incontro è volato via, in un attimo.
    Devo dire che Sergio ha toccato un tasto importante e cioè i reali progressi fatti da un paio di anni a questa parte.
    due anni fa la Pliskova era peggio piazzata in classifica di camila ed a distanza di due anni le cose sono cambiate.
    a parte i problemi di mobilità ma è una ragazzona di 186 cm, la pliskova mi pare più completa, cioè con un bagaglio di colpi più vario e questo a mio giudizio fa la differenza , anche se oggi non c’è stata bisogno .
    Sul servizio quasi 20 cm di differenza contano ma è nello scambio che Camila avrebbe dovuto avere la meglio e cosi non è stato.
    La penso sempre allo stesso modo.
    si cresce soltanto se si riescono a fare più cose ed aggiungo se si ha la voglia di mettersi in gioco.
    Si, nonostante tutto i progressi non si sono visti ed infatti cami è un pò scesa in classifica .
    C’è da lavorare tanto , non sta a me giudicare in che modo ma c’è da lavorare.
    Io non lo dico per la partita di oggi, la terra rossa è un tennis diverso, lo dico in generale che se si continua allo stesso modo è difficile migliorare. magari lo stanno già facendo ma per adesso non si vede tanto. si qualche tentativo di lavorare la palla, ma ci vuole coraggio…
    più coraggio .
    Ancora oggi, nonostante siamo nell’elite del tennis , Camila commette errori da giocatrice Junior.
    Poi magari nel colpo successivo fa un vincente da n. 1 del mondo ma purtroppo non siamo nella ginnastica artistica dove l’estetica conta, nel tennis il colpo di culo vale 15 esattamente come il vincente spettacolare.
    In generale Camila sbaglia ancora troppo per aspirare alle prime posizioni e non può essere giustificabile dicendo che Camila rischia e quindi sbaglia di più.
    Detto questo, forza camila. Puoi crescere e tanto.

    • Massimiliano by Massimiliano

      Io non dico di giocare i 125 “a prescindere”, questo no (a parte che comunque sono pochissimi, c’è quello di NY nella settimana di Roma, quello di Bol nella seconda settimana di Parigi x quanto riguarda la terra rossa, e poi uno sul veloce in Cina ai primi di settembre).

      Io parlo solo di terra rossa, dove ok non sempre capiterà un International con quarti di finale dove ci sono contemporaneamente Kuz, Safarova, Pliskova e Stosur, però nei Premier (Roma e Madrid) se non becchi una testa di serie al primo turno, lo becchi al secondo, salvo colpi di fortuna (ritiri o colpaccio di una qualificata) e fare affidamento solo sulla fortuna, avendo in uscita 510 punti (280 a s’Hertogenbosch, 70 a Parigi. 30 a Eastbourne e 130 a Wimbledon) non mi pare il caso.

  25. Massimiliano by Massimiliano

    Un pensierino al torneo di Bol in Croazia (con la possibilità di cancellarsi nell’eventualità che Camila arrivi alla seconda settimana a Parigi) ?

    Dopotutto Francia e Croazia non sono così distanti (e non mi meraviglierei se alcune eliminate dal RG non facessero tappa lì)…

    • Massimiliano by Massimiliano

      Prima di disdegnare i tornei 125, vorrei deste un’occhiata alle giocatrici del torneo che si è giocato a San Antonio questo marzo:

      http://www.wtatennis.com/SEWTATour-Archive/posting/2016/1088/MDS.pdf

      e ditemi se lo trovate così infimo

      • robdes12 by robdes12

        non lo è. Per la verità anche questa settimana si poteva pensare più a Rabat a inizio anno, se non hai voglia di giocare sul rosso meglio andare dov’è più facile e climaticamente più gradevole. Però dopo il Roland è meglio pensare all’erba da subito. Certo se si esce presto a Madrid e non si andasse a Roma, qualche torneo alternativo che ci fosse lo si potrebbe giocare.

      • by Fabblack

        Proprio perché non è infimo, non ne vale la pena.
        Mi spiego: stiamo parlando di professionismo; ed allora, Praga è un International come Rabat ma paga il doppio, come un Premier, è per questo che ci sono quelle semifinaliste.
        Fare un 125 dove saresti tds nr. 5, arrivare ai quarti e portarsi via molto meno di quello che hai preso col primo turno di Stoccarda, non vale la pena.
        Poi ci sarebbero da considerare gli accordi con gli organizzatori, gli sponsor ecc.
        Infine, c’è già in programma Strasburgo prima di Parigi.

  26. Madoka by Madoka

    Livello bassissimo. Questo è quanto attualmente vale Camila, da un paio d’anni.

    Appena si affronta una top 20, o si affronta una giocatrice che è in forma o che per caratteristiche può darle fastidio arriva la sconfitta. Oltretutto da quest’anno stanno arrivando i 60/61/62…che in tutta la sua carriera raramente arrivavano.

    Sono molto sconsolato, ma questo è.

    Oggi è davvero difficile dire qualcosa, partita che entra nella top5 delle peggiori partite di Camila.

    Come sempre una fatica tremenda in risposta. Servizio piatto e centrale…con una Pliskova che poteva rispondere da ferma a fare ciò che voleva.

    Pliskova fra l’altro visibilmente infortunata, che faceva fatica a muoversi…ma Camila le giocava solo centrale.

    A me dispaice moltissimo vedere Camila in questo stato ed in questa condizione.

    Ma ripeto, il torneo è stato ottimo, ha fatto il massimo ( non il minimo come ho letto da qualche parte.

    Ora bisogna sperare in un sorteggio favorevole anche a Madrid. E’ l’unico modo per vincere una partita.

  27. robdes12 by robdes12

    A Sergio: la differenza sono le partite giocate. Avendo fatto molta più strada nei tornei, la coetanea Pliskova ha un bagaglio di match, e quindi un “database” di situazioni e soluzioni molto più ampio di quello di Camila. Anche la Pliskova, per tipo di gioco, alterna periodi di uscite secche al primo turno a ritorni fulgidi (ci sarà pure un motivo perchè finisce l’anno quasi a livello master e lo rinizia uscendo quasi dalle prime 20). Il tennis è sport asimmetrico fisicamente e anche carrieristicamente, gioca di più chi vince di più, c’è poco da fare. Per altro abbiamo sottovalutato una cosa, Karolina oggi doveva vincere, c’erano in palio punti importanti da non perdere, non poteva buttare alle ortiche 220 punti, proprio in ottica Madrid, Roma e Roland Garros. Anche lei penso sappia che essere tds lì ti facilita e di molto la vita.

  28. robdes12 by robdes12

    Ok, oggi la giornata non c’era dall’inizio, ma sinceramente a me ha dato l’idea, come contro la Bouchard appunto, che non si dannasse l’anima per strappare a tutti i costi una vittoria. Ha provato nel primo set a recuperare, ha avuto infatti le possibilità per farlo, una delle palle break l’ha buttata lei, ma sinceramente mi è sembrata una Camila molto frettolosa, che non aveva voglia di scambiare. Ho l’impressione che l’idea di base fosse: – Vedi come si mette il match, se non è giornata molla, tanto fra temperatura e Madrid da dover preparare per acclimatarsi all’altura e alla differente penetrazione della palla ci vuole qualche giorno.- Del resto punti ne ha presi, si è riportata a pochissimo dal rientrare nelle prime 40, forse la decisione si è rivelata saggia. Tra l’altro poi ha affrontato, in effetti, la giocatrice più probabile per la vittoria del torneo. Magari con tutte le altre rimaste in gara avrebbe detto la sua. Oggi non si è visto assolutamente una terricola sia pur provvisoria, lo schema era da veloce e stop, io continuo a pensare che non ci fosse poi molta motivazione nel risultato di oggi. Non è la prima nè l’ultima che in prossimità di un torneo maggiore fatto il minimo sindacale scende in campo giusto per onore di firma. Qualche punto straordinario l’ha comunque fatto vedere, probabilmente sta ritrovando il controllo dei suoi colpi.

    • by LucaA

      scusa, ma che senso ha non giocare con convinzione dei quarti contro una top20? con cui c’è anche sete di rivalsa?
      c’erano anche dei punti importanti in ballo….

      secondo me è scesa in campo per vincere, però quando ha visto che alcune palle break non le sono andate bene, ha iniziato a sparacchiare non avendo ben chiaro cosa fare tatticamente. Risposta avanzata in risposta, ricerca della profondità su palle centrali, servizio risultato inefficace.

      vediamo adesso a Madrid se recupera qualcosa. Spero vivamente venga però a Roma a prendere qualche punto per il ranking, qualche soldo, gli applausi del pubblico

      • robdes12 by robdes12

        appunto. Forse il piano era quello, se vedi che te la puoi giocare bene, altrimenti lascia perdere. Ho letto adesso le stats sulle prime, percentuale troppo bassa, le risposte del primo set le ho viste, troppo dentro al campo, ne ha sbagliate tante (e la Pliskova sulla seconda rallenta parecchio la velocità), non ha mai provato a testare la capacità di cambio direzione delle gambe della Pliskova, fasciata com’èra. Secondo te se oggi c’era la Errani Karo avrebbe vinto lo stesso, ma in alcuni scambi sarebbe arrivata sfiatata. Cami è così, il suo difetto maggiore è l’impazienza, quando non la ha il suo livello è 50 o anche meno, quando la ha è superiore. E’ comuque stato un errore averla nell’ultimo anno portata a essere troppo maschile nel modo di approcciare i match. Prima vinceva con le grandi perchè con loro era più umile, adesso spesso vuole dar loro una stesa senza averne i mezzi reali. Ci vuole tempo, deve riapprendere i ritmi delle partite….giocando. La Razzano ieri ha avuto sopra il 70 per cento di prime, e non è che serva tanto più piano di Karolina (che tra l’altro tende più a palle costanti sui 180, a dirla tutta, ma sempre ben messe e…abbondanti) eppure Cami dal punteggio e resoconti sappiamo che rispondeva. Oggi è ritornato il coefficiente negativo al servizio e le risposte buttate (sulla terra rispondere a servizi potenti due metri dentro?). Cami non è debole nei colpi, per ora è debole nella concentrazione. Per me l’agonismo non è nel suo dna, e se lo deve costruire passo passo.

  29. Sergio5912 by Sergio5912

    @ r.b.
    Tu lo sei bene, cosa si potrebbe fare per ovviare alla…… coperta troppo corta o troppo lunga. L’hai detto in altre occasioni : provare ad aggiungere spin, così che i colpi restino in campo, senza perdere molta profondità.
    @ Riccardo
    Analisi lucida e condivisibile. Sono d’accordo anche che non bisogna disperarsi per la sconfitta di oggi, allo stato attuale questi sono i valori, e’ innegabile che, attualmente, la Pliskova è fuori portata.
    La cosa sulla quale dovremmo riflettere è semmai : Ad oggi, la Pliskova sembra di un’altra categoria……. spiace dirlo, ma per lei, e’ sembrato poco più di un allenamento……. ma due anni fa……. Lina 2014……, i valori a me sembravano abbastanza vicini.
    Come mai la ceca è cresciuta in maniera esponenziale, mentre la nostra è rimasta + o – a quei livelli ?
    Questa constatazione, meriterebbe una seria riflessione ? O vogliamo continuare a traslullarci ed esaltarci per la bellezza dei colpi, per la velocità e l’anticipo, a prescindere da dove poi portano queste estasianti ed esteticamente superbe esecuzioni ?
    Camila è ancora relativamente giovane, tempo avanti ne avrebbe, nulla le è precluso, ma………..
    P.S.
    @ Roberto,
    dici che a te è sembrato che non avesse voglia. Spero e credo di no,….. sarebbe grave per una professionista, non aver voglia, mentre il match è ancora in corso……., più semplicemente, probabilmente, di più non poteva.

    • robdes12 by robdes12

      si, ha me è sembrato così, quando ha voglia magari prova a frenare un po’ il suo impeto e vedere se con una condotta un po’ più controllata rientra in partita. Oggi giocava troppo sull’uno due, sulla ricerca del vincente diretto in risposta, Ma ho visto solo un set e un paio di punti del secondo, aspetto di rivedere la cosa. Ricordiamoci l’adagio che prima di uno slam o di un mandatory non si cerca di arrivare in finale nel torneo precedente. Tanto se lo faceva magari usciva al primo turno di Madrid contro la pincopallina di turno. vediamo se in Spagna agguanta un paio di turni. La terra è ancora in costruzione, e si vede.

  30. r.b. by r.b.

    IL SERVIZIO
    Come ho scritto nell’altra news il problema al servizio c’è… eccome se c’è. Camila ha un BUON servizio, ma non eccezionale. Inutile far finta di non vedere ciò che è evidente.
    Camila, contro le migliori, che se sono le migliori un motivo ci sarà, e cioè perché rispondono molto bene, non può sperare di vincere i game di servizio solo con questo fondamentale. Deve servire (non sempre allo stesso modo, ma alternare botta piatta, kick, tagliato, al corpo, ad uscire ecc.), sapere che molto probabilmente arriverà la risposta, e giocare lo scambio cercando di mantenere il predominio nel gioco e, possibilmente, senza fare troppi errori. Cioè deve GIOCARE e non pretendere di risolvere tutto con servizio e primo colpo. Può funzionare con la Razzano, ma non certo con le top player, che rispondono bene (ci metto dentro anche Ivanovic). Questo lo fanno TUTTE le top player (anche top 5) che non hanno un grandissimo servizio (es. Radwanska, Halep, Kerber ecc.). Per giocare i game di servizio come vuole giocare Camila, devi avere il servizio di Serena, Pliskova, Kvitova, Muguruza e compagnia bella.
    Oggi il servizio di Camila ha fatto il solletico alla Pliskova, dobbiamo ammetterlo. Quindi non c’è speranza? Sì che c’è invece, perché Radwanska ad es. l’ha battuta di recente a Stoccarda e Radwanska serve molto più lento di Camila, ma ovviamente molto più vario e poi si gioca lo scambio.
    Poi ci sono i problemi in risposta ma di quelli parlerò in un prossimo post.

  31. TEUS by TEUS

    Match molti simile a quello con Bouchard a Hobart.
    Per impensierire Pliskova oggi era necessario servire molto bene e trovare il ritmo giusto fin dall’inizio. Camila non ci è riuscita e ha perso nettamente. Nel tennis capita, spesso, a tante.
    Il fatto che la “bimba” abbia ancora giornate no sotto ogni punto di vista, paradossalmente può essere interpretato come un segnale positivo in prospettiva perché dimostra che il processo di maturazione è lungi dall’essere terminato.
    Camila deve imparare a ragionare di più in campo e tentare in ogni modo di non uscire mentalmente dal match anche quando le sue chances di vittoria sono ridotte al lumicino. E’ un passaggio obbligato per diventare una tennista migliore.

    Ora sotto con Madrid… Si può far bene, flaca, non smettere mai di crederci.

  32. by Fabblack

    Per me, niente di grave.
    Se Karolina serve in questo modo, le stende tutte.
    Casomai, il mistero Pliskova va ricercato nello scarso rendimento nei tornei obbligatori, dove perde con ragazze che altrove asfalta (Mitu, Tatishvili..).
    L’anno scorso, al di fuori degli obbligatori, 6 finali.

    • by Fabblack

      Aggiungo, che oggi mi sembra Karolina 6 p.b. su 8, Camila 1 su 6 quasi tutte annullate da ottimi servizi, i 20 centimetri di differenza si sono visti tutti; nel secondo set doppi falli per evitare risposte vincenti: quelle non le sopporta proprio fisicamente.

    • by livio71

      la pliskova la batti aprendoti il campo e poi venendo a rete…non puoi fare muro contro muro….in una giornata così poi….dove non sbagliava nulla e pure un pizzico di fortuna. mi spiace vedere un incontro così perchè tra camila e pliskova…camila 100 volte… col tempo camila imparerà a reagire a inizi partita violenti contro giocatrici molto solide. il risultato è troppo severo ma ci sta

  33. riccardo by riccardo

    Cerco di essere coerente sempre con ciò che penso e quindi confermo che non mi aspettavo niente da questa partita.
    La sconfitta è certamente pesante per il punteggio ma non ci trovo niente di sconcertante.
    camila ha incontrato una tennista che al momento è molto più forte di lei.
    Se devo fare alcune annotazioni dico che camila è stata molte volte avanti nei game ma non ha mai saputo sfruttare le occasioni un pò per incapacità proprie in alcuni casi per meriti della pliskova.
    Si conferma quindi la tendenza a non essere lucidissima nei momenti che contano.
    Altra annotazione per tutti coloro che spesso scrivono che giocare sulla terra rossa è la stessa cosa e non si vede perchè camila non possa giocare bene su questa superficie.
    bene, avete visto adesso??
    Quella vista oggi vi sembra una partita tradizionale da terra rossa?
    Mi riferisco anche alla stessa Pliskova.
    Non una rotazione , non una palla tagliata, non una palla corta, non una palla carica , non una palla alta.
    Io ho visto solo scambi tipici della superficie veloce ma praticati su terra, massimo tre colpi e via.
    se un appunto posso fare a camila è semplicemente che se giochi a pallate con una che è più alta di te, più grossa di te più pesante di te e che verosimilmente tira più forte di te , nove volte su dieci perdi.
    Tutti noi dovremmo imparare ( me compreso) che il tennis ha le sue regole e che non possiamo stravolgerle facendo filosofia ed aspettarci da Camila che di botto sappia giocare sulla terra e vinca tornei a grappoili. Non funziona cosi.
    Il gioco di Camila al momento va bene su veloce e su erba e non ci trovo niente di cosi negativo ne di scandaloso .
    Come mai Roger che è Roger , non ha mai vinto roma ed una sola volta parigi quando nadal era fuori?
    Ci sarà un motivo.
    Non pretendiamo da Camila la luna perchè non è possibile.
    Se avesse perso su erba con questo punteggio sarei molto amareggiato ma su terra dico che mi frega poco , non sono questi i tornei da vincere.
    Madrid potrebbe essere un pò diverso per le condizioni particolari ma è sempre terra quindi …
    Camila non era un fenomeno dopo aver vinto con la razzano n. 200 del mondo e non è una scarsa oggi che ha perso con la pliskova n. 18 ma destinata a salire se sta bene fisicamente.
    Al momento siamo 44-45- con possibilità di guadagnare ancora ed arrivare tra la 30- 35 posizione che è dove camila a mio giudizio in questo momento può stare.
    Quando si completerà , se lo farà, se ci sarà la possibilità, la voglia , la pazienza , allora le cose andranno diversamente.
    Non facciamo drammi quindi e prendiamo questa sconfitta per quello che è e cioè una roba prevedibile.
    Scusate la lunghezza e buona giornata a tutti.

    • robdes12 by robdes12

      concordo su tutto, stavo vedendo il primo set nell’ora di buco e commentavo con un collega che per ora non si vedeva nessun adattamento al rosso. Io direi che Cami mi è sembrata addirittura un po’ svogliata, data la giornata negativa al servizio. Oggi si poteva provare ad allungare gli scambi per stancare la Pliskova, con un palleggio robusto ma non a tutto rischio, però credo proprio che non avesse voglia: infatti ci sono stati alcuni colpi difficilissimi a segno, altri più facili buttati. Troppo avanzata in risposta per un servizio come quello do Karolina. Ci vuole ancora accumulo di partite poi i valori si riavvicineranno. Del resto quello che doveva fare lo ha fatto, non si può essere delusi

      • riccardo by riccardo

        Si è quello che ho detto.
        Di norma sono abbastanza critico , sinceramente oggi non condivido i toni da disastro.

        • robdes12 by robdes12

          Ho riletto e su una cosa non concordo. Per pesantezza di palla sono alla pari, lo si è visto a Linz e anche oggi in alcuni scambi la Pliskova era in difficoltà. Dove non sono alla pari oggi è nelle angolazioni. Camila da troppo tempo le usa solo per fare vincente, di rado per buttare fuori l’avversaria e poi infilarla. Ha introiettato troppo la tecnica della palla a bordo linea centrale ma poco l’idea di far fare il tergicristallo ad una lungagnona come la Pliskova. La Pliskova per ora a quelle velocità è più precisa, proprio perchè per carattere più flemmatica, mi pare lo dica lei stessa di essere una ragazza tranquilla di carattere. Cami non possiede ancora quella serenità in gara.

  34. ghezzo63 by ghezzo63

    brutta sconfitta ci rifaremo , forza forza cami ! sempre e comunque CAMILA GIORGI !!!

  35. Massimiliano by Massimiliano

    Come non mi esalto troppo quando si vince (a meno che la vittoria non sia una finale), così non mi deprimo troppo quando si perde, anche se è stata una stesa.

    L’obiettivo minimo (i quarti) è stato raggiunto, qualche punticino è stato raccimolato, e Camila ha giocato ben 3 partite su terra (contando Stoccarda siamo arrivati a ben 7).

    Vediamo un po i sorteggi x Madrid (oggi se non erro dovrebbero sorteggiare le quali, giusto?)

  36. cubano70 by cubano70

    Ennesima dimostrazione che al momento la classifica che ha rispecchia il suo valore attuale…
    e che c è da migliorare moltissimo… la personalità in campo, il giocare bene i punti decisivi, la capacità di trovare contromisure al gioco dell avversaria, la varietà nel servizio, ecc ecc…
    Speriamo che la dipartita da Tirrenia serva a migliorare i molti aspetti negativi emersi nell ultimo anno e mezzo… (cerchiamo di vedere il lato positivo..)

  37. nicolino by nicolino

    Secondo me manca ancora la convizione necessaria con le piu’ forti, infatti se gli scambi si prolungavano Camila li vinceva…..forse magari alla Pliskova bastava farla muovere di piu’ visto la mola che ha e’ la gamba fasciata…

  38. by fraronz

    solito grande problema in risposta
    Risolto o quasi invece il servizio ….

    • doherty by doherty

      insomma..ha preso sei break su 8 turni di servizio…:-)

  39. journasesto by journasesto

    Dura sconfitta oggi. Ma evidentemente in questo momento la differenza tra le due giocatrici è questa. Camila non ti abbattere, sempre avanti con forza. Vamos Flaca!

  40. r.b. by r.b.

    Il gap con le migliori c’è, è indubbio….ma non è incolmabile…. Capisco Camila…. quando gioca con le Razzano o simili il suo gioco funziona, ma quando incontra le migliori, se tira fortissimo vanno (quasi) tutte fuori, se tira piano le arrivano i comodini in risposta…. che fare? Non può tirare né troppo forte né troppo piano e ovviamente neanche una via di mezzo……

Leave a Reply