Una giornata con Camila: "Felicissima di essere a casa". Foto e video

Prosegue come da programma il recupero dall’infortunio alla spalla di Camila a Tirrenia, vicino Pisa. Nel centro di preparazione olimpica, circondato da una bella pineta, Camila si sta allenando duramente per rientrare all’Itf di Vancouver di fine luglio, ma più in generale per i tornei sul cemento americano, US Open su tutti (dove comunque dovrà partire dalle quali).

Sempre seguita sul campo e in palestra da Sergio, che si affida per questo periodo di permanenza a Tirrenia alla guida atletica e ai consigli di Roberto Petrignani, il programma di lavoro giornaliero prevede una parte atletica con elastici ed esercizi di potenziamento per la spalla, poi lavoro aerobico e sulla velocità. Da lunedì ha ripreso anche il lavoro sul campo, mezz’ora la mattina e mezz’ora il pomeriggio. Il primo giorno è partita “a tutta”, normale dopo 3 settimane a digiuno di tennis, ma già oggi ha iniziato a limitarsi un po’ di più e a gestirsi meglio. Domani identico programma, poi, secondo un programma stilato con la collaborazione del Prof. Parra, si inizierà ad aumentare il minutaggio in campo.

Nelle prossime settimane poi andrà sempre ad aumentare il lavoro prettamente “tennistico”. Se le sedute di Camila sono doppie, quelle di Sergio sono almeno “quadruple”, tra Camila e il trasferimento della famiglia in zona (a breve si riuniranno tutti in Italia), con tutta la burocrazia che ne consegue…

Dopo 35 minuti di corsa in un percorso nel bosco, un po’ di stretching e il meritato relax a bordo piscina, prima di cena Camila ha risposto alle domande poste dai fan sul sito e via twitter.

Come va la spalla? Quale sarà il prossimo torneo?
Il prossimo tornero sarà Vancouver, poi seguiremo il programma stilato dopo Wimbledon. La spalla va meglio, migliora, sono partita un po’ forte lunedì ma già oggi ho rallentato, ad esempio giocando qualche volta il diritto a due mani per non affaticare troppo.

Da chi sei seguita qui a Tirrenia?
Da mio padre, e da Roberto Petrignani per la parte atletica. In questi due giorni in campo ho palleggiato con Davide.

Come ti sei trovata in queste settimane? Hai già deciso dove verrai a vivere in Italia? Quale sarebbe la tua città ideale?
Benissimo, sono contentissima (ed è un peccato non poter raccontare a parole il sorriso che le illumina il viso). All’inizio staremo qui a Tirrenia e penso che comunque non ci muoveremo di molto perché il centro è molto bello e comodo da raggiungere, poi c’è Pisa, con l’aeroporto e la stazione che ci permetterebbe di viaggiare bene. Nei giorni scorsi sono stata un giorno a Forte dei Marmi, prima a Vicenza e Roma ma per “lavoro”, non da “turista”.

La tua guida tecnica resterà Sergio? Verrà affiancato da qualcuno?
Sì, assolutamente, resterà lui. Eventualmente qualcuno ci consiglierà sulla parte atletica, come capita ora per non sforzare troppo la spalla.

Hai una tennista di riferimento? Ce n’è una che preferisci?
Non guardo molto al tennis femminile per avere dei modelli. Il mio modello è Agassi. Anche i match femminili… guardo clip delle avversarie come a Wimbledon per esempio, ma se devo vedere un match magari guardo Nadal, Del Potro o altri, oppure i loro allenamenti, per imparare.

Hai conosciuto le tenniste italiane, parlato con loro?
Non proprio conosciute. Sì, ai tornei ci si saluta, come va, come stai…

Quale aspetto del tuo gioco punti a migliorare? Quale invece il colpo che ti regala maggior sicurezza?
Anche per il problema alla spalla al momento è il rovescio il colpo più affidabile, anche perché giocarlo a due mani aiuta a controllarlo. Ma mi sento sicura anche col diritto, quando è ok.

4 tornei Slam giocati: il più bello, quello meglio organizzato, e quale ti piacerebbe vincere?
Tre domande, una sola risposta: Wimbledon!

Quando pensi vincerai il primo WTA? A proposito, hai rimpianti per il match con la Bartoli?
Mi aspettavo di fare bene a Wimbledon, come l’anno scorso, ma la spalla…

La giornata si conclude, Camila ha lavorato tantissimo (“sono stanca ma va bene, vuol dire che sto lavorando bene”) e continuerà a farlo nei prossimi giorni, con una pausa nel week end quando la famiglia si riunirà a Tirrenia. “Mi sento benissimo, sono felicissima di essere in Italia, a casa, felicissima che oggi sia arrivato mio fratello e presto anche mia mamma. Miami è un bel posto per una vacanza, ma non ti ci senti ‘a casa’. Le sensazioni che provo qui sono diverse, sto bene, sono felice. Felicissima”. Gli occhi e il sorriso non mentono.

I VIDEO DELL’ALLENAMENTO

LE IMMAGINI DELL’ALLENAMENTO

IMG-20130716-00489 IMG-20130716-00485 IMG-20130716-00484 IMG_4356 IMG_4352 IMG_4348 IMG_4343 IMG_4340

237 thoughts on “Una giornata con Camila: "Felicissima di essere a casa". Foto e video

  1. Con questo tabellone si passa giocando anche con la sinistra!
    Daccordo con Effemme!

  2. Camila mancava da due mesi anche nel suo rientro di Miami. Portò al terzo una Robson allora 42° oggi 32° e perse con soli 11 punti di differenziale. Con tutto il rispetto per una ’94 (essere 200° o 100° a 19 anni conta poco) la giapponese non è Laura Robson. Camila ha un fisico che va in forma subito. Il vero problema è come sta la spalla.
    Sicuramente meglio di come stava a Wimbledon, e con queste Quali può dosare la forza e ritrovare le sensazioni senza grandi pericoli per il risultato. Vedremo domani….o dopodomani…..

  3. @Effemme: previsione fin troppo ottimistica per una tennista che non gioca da 2 mesi, i rientri non sono mai facili, Camila non ha match nelle gambe, e mentalmente non possiamo sapere in che condizione si possa trovare, io nel frattempo mi accontento di superare il 1 turno delle quali ( 40 punticini)..un passo alla volta. Tabellone non proibitivo, faccio un grande in bocca al lupo a tutte le ragazze impegnate nello slam americano. Forza!

  4. Lo spot di camila

    (16)Tadeja Majeric v Julia Cohen
    Laura Siegemund v Jasmina Tinjic
    Beatriz Garcia Vidagany v Angelique van der Meet
    Risa Ozaki v (26)Camila Giorgi

  5. E’ evidente che il primo problema è: Come sta la spalla?
    Sicuramente sta meglio di due mesi fa. E due mesi fa Camila giocava, nonostante la spalla da top 50.
    Alle Quali sarà TdS perciò l’unico rischio è estrarre una Paszek o una Vogt, o un Brengle…..ma credo che le più preoccupate saranno quelle che estrarranno dall’urna Camila Giorgi.
    Le quali di un GS sono i minitornei più facili di tutto il WTA. Una TdS non può incontrare nessuna top 140. Paga come un International in termini di punti (60 in tre turni) e come un Premier in termini di Dollari.
    Cosa c’è di meglio per riprendere confidenza col gioco giocato?
    VaiiiiiiiiiiiiCamilaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

  6. Finalmente si torna ad avere un po’ di carne al fuoco dopo mesi di nulla, elucubrazioni, picchi di comunicazione come questo post dimostra e altrettanti buchi neri (come i commenti a questo post dimostrano).

    Prima di volare con la mente aspetterei almeno il sorteggio del tabellone, ma contando che Cami sarà testa di serie penso che un turno debba (spalla permettendo) passarlo. Il dubbio che giochi lo Slam per dovere pur non essendo ancora al meglio è legittimo, ma se scende in campo lo farà per vincere. Uno-due turni di qualificazione andrebbero bene, dovesse entrare in tabellone principale allora aspetteremo un nuovo sorteggio per capire cosa ci aspetta.

    Lo dico subito, anche dovesse perdere al primo turno ci potrebbe stare, visti i mesi di inattività e totale mancanza di match giocati. Sempre e comunque forza Cami!

  7. dopo altri due mesi di stop, stasera si estrae il tabellone delle qualificazioni (ore 22 italiane)
    e a partire da domani si riparte, sperando che a livello fisico sia finalmente tutto a posto.
    in questi due mesi, per fortuna, avendo pochi punti da difendere, non ci siamo poi fatti tanto male con la classifica.
    a fine Wimbledon, Camila aveva un punteggio pari a 540 punti, che le valeva la 121ma posizione.
    la situazione live, la vede a 471 punti e 137ma in classifica.
    ho fatto un calcoletto, per vedere dove potrebbe spingersi,
    se la spalla fosse guarita e se nel frattempo si sia allenata in modo costante ed assiduo:
    possiamo ipotizzare un superamento delle qualifiche se non trova qualche mina vagante sulla sua strada e,
    con un sorteggio benevolo, sperare di superare un paio di turni.
    spingersi oltre per una Camila rientrante, non lo farei per ora…
    dicevo, superando qualificazioni e due turni, significa prendere 220 punti.
    questo bottino, la riproietterebbe da subito in top 100, all’ incirca in 97ma posizione.
    tutto sommato non male.
    speriamo intanto in un buon sorteggio.
    a stasera!
    Fabio.

  8. @ christian
    D’accordissimo con te, scambi d’altissimo livello, queste due son d’un altro pianeta rispetto alle altre tenniste, poi, quando ce n’è bisogno son pure forti a rete!

  9. Che partita Williams – Azarenka! veramente un gran bel match ! vince Vika al tie brek del terzo set, ha meritato ampiamente per come ha saputo rischiare, giocando dei colpi fantastici . Onore anche a Queen Serena, agli Us open ci sarà da divertirsi.

  10. sorteggio quali domani lunedì 19 ore 22.
    camila sarà domani più o meno 135/140, al pelo probabilmente per una tds che sono 32.

  11. chiedo a Matteo se è possibile avere anche qualche dettaglio sul suo stato di forma.
    in modo da farsi un’ idea se questo problema che la assilla da ormai 9 mesi sia ormai superato definitivamente…
    o se sia partita solo per disputare lo slam quasi di “dovere”, non avendo magari ancora risolto del tutto il problema alla spalla.
    grazie per la risposta, che sicuramente interessera’ a tutti noi sostenitori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>