US Open, Camila fuori con Naomi Osaka

Successo al primo turno degli US Open per Camila Giorgi che supera in tre set in rimonta Alison Van Uytvanck e si porta così a 4 vittorie in 4 incontri con la belga.

Primi due set senza storia in un senso prima (2-6) e nell’altro poi (6-1), nel terzo e decisivo Camila rischia due volte di affondare trovandosi per due volte sotto di un break (1-4 e 3-5). La belga però non riesce ad arrivare a match point per la bella reazione dell’azzurra che infila 4 giochi consecutivi recuperando anche da 0-30 sul 5-5.

Al secondo turno Cami cede alla ex numero 1 del mondo Naomi Osaka in due set, con il punteggio di 6-1 6-2.

331 comments

  1. Ma ti pare possibile una programmazione del genere? Cami e Sinner programmati alla stessa ora, una sul centrale e l’altro sul Pietrangeli. Ci voleva Einstein o Diaghilev per capire che agli italiani probabilmente avrebbe fatto piacere seguirli entrambe e far si che uno dei due venisse programmato nell’incontro precedente il programma serale? E va beh, faremo zapping nei momenti di cambio campo o di fine set.

  2. Sorteggio molto fortunato stavolta.. Finalmente! Yastremska l’abbiamo battuta poche settimane fa sulla terra, quindi vale il detto “una volta battuta sulla terra battuta sempre battuta”…o forse no? 🙂
    Scherzi a parte Camila secondo me può fare bene sulla terra contro le super attaccanti come Dayana, a patto che…..

  3. Camila in campo domani sera alle 19 ovviamente sul Centrale.

    Avrei voluto essere a Roma per incitarla, sicuramente molti altri avrebbero voluto farlo, possiamo solo sostenerla nei nostri cuori ed avere fiducia in lei.

    Vamos!

    PS: vedo che il sito non è stato aggiornato come sarebbe stato logico attendersi, ma penso di saperne la ragione e quindi va benissimo così. Ci sarà tempo e modo per recuperare.

  4. Bouchard-Tig: due mondi diversi a prescindere dal match.
    Bouchard sembra perennemente sul red carpet, Tig sembra la figlia di nessuno: va bene che a 26 anni ha circa 800.000 dollari complessivi di prize money ma basterebbe un salto al Decathlon per darsi una sistemata; rimarrebbe bruttina ma si potrebbe guardare.
    Ora perde la possibilità di andare 5-1 al terzo set, due dd.ff. e restituisce il break.
    Poi 4 errori di Bouchard e se lo riprende.
    Trattasi di FINALE WTA.
    Mah!

  5. Una domanda. ma quando la palla è sempre dentro il campo, non è che poi la partita diventi essa stessa una gran palla? 😉
    Si può dire tutto a Camila, ma che abbia fatto una partita noiosa mai. Col suo gioco quando è in pessima giornata fa sempre la cortesia di finire presto, quando non lo è…sappiamo già che ci confeziona tutte le trame possibili, ma sempre all’insegna dei cheap thrills.
    Io da tutte le forme di spettacolo o di arte continuo a cercare l’emozione, la sola tecnica o il solo successo non mi basta. Nella lista dei nobel, degli oscar o altri premi internazionali, c’è sin troppa onomastica di pregio che manca, fin troppa che non si capisce neanche come sia assurta a tanto merito. Qualcuno di voi mi sa spiegare perchè Nadine Gordimer avrebbe meritato il nobel mentre Roth o Mishima no? Oscar alla Kidman si e a Naomi Watts, fra i tanti nomi altrenativi, no? Qualcuno ritiene che il gioco di Arantxa fosse gaurdabile per più di mezz’ora? I premi passano, i record cadono, poi quando vai a vedere un filmato d’annata non scegli in base al palmares, ma al gioco più affascinante e innovativo. Se dovessimo scegliere fra un remake televisivo di una partita di Wilander e una di Leconte o Mecir chi selezioneremmo? E fra una della Errani al massimo dello spolvero o una di Cami? La risposta mi pare ovvia.
    Non si segue Cami perchè vince o non vince, la si segue perchè non è possibile non seguirla. Mi pare poi che anche sugli spalti di tutto il mondo il pubblico mostri fin troppo di gradirla,per tacere dei primi piani delle telecamere. Non penso proprio che, da questo punto di vista, la carriera di Camila possa essere vista come un insuccesso. Se come sempre dichiarato il suo obiettivo è fare il suo tennis, cioè stare sempre sul filo del rasoio, ci è riuscita perfettamente, e non solo lei è sempre col fiato sospeso, ma fa lo stesso effetto anche in chi la guarda. Camila Giorgi, la massima tessitrice di trame noir del circuito. Non c’è la tattica, per alcuni? Vero, ma c’è sempre la sceneggiatura, e sempre da pellicola di serie A. Cami non è una tennista, è una autentica performer.

  6. A proposito di sorteggi, esiste un sistema infallibile per definire “fortuna” o “”sfortuna”. Sono più “sfortunata” se pesco la testa di serie N.1, magari fuori forma e demotivata, o la giocatrice proveniente dalle qualificazioni che gioca il torneo della vita?
    Analizzando questo secondo aspetto e limitandomi alle prove dello Slam, vediamo che cosa è accaduto a Camila partendo da un presupposto: dopo che hai perso, la tua avversaria ha il 50% di probabilità di passare il turno successivo, a meno che tu non abbia giocato la finale.
    Partiamo dagli Us Open, tra i quattro Slam quello più avaro di soddisfazioni per Camila considerano il rapporto tra partite vinte e giocate.
    Nel 2012 perde al primo turno da Pironkova che arriverà agli ottavi
    Nel 2013 arriva agli ottavi dalle qualificazioni e perde da Vinci Che si fermerà ai quarti con Pennetta
    Nel 2014 perde subito da Rodionova eliminata al secondo turno da Errani
    Nel 2015 esce al secondo turno con Lisicki che arriva agli ottavi
    Nel 2016 sconfitta al primo turno da a Stosur che perde subito con Zhang
    Nel 2017 subito fuori con Rybárikova che arriva fino al terzo turno con Muguruza
    Nel 2018 perde al secondo turno con Venus (ahimè ero testimone oculare) poi sconfitta da Serena
    Nel 2019 esce subito con Sakkari che arriva al terzo turno con Barty
    Nel 2020 fuori al secondo turno con Osaka che vince il torneo
    Roland Garros
    2013 primo turno con Peng che poi perde subito da Kvitova
    2014 secondo turno Kuznetsova che attiva ai quarti con Halep
    2015 secondo turno con Muguruza che si spinge ai quarti
    2016 secondo turno con Bertens che perderà la semifinale con Serena
    2017 primo turno con Dodin che esce subito contro Kuznetsova
    2018 terzo turno con Stephens che poi arriva in finale
    Australian Open
    2013 sconfitta subito da Foretz Gacon che perde al secondo da Makarova (Camila era infortunata alla spalla)
    2014 perde al secondo da Cornet che esce al terzo con Sharapova
    2015 terzo turno con Venus che poi batte anche Radwanska ed esce ai quarti con Keys
    2016 perde al primo turno con Serena in un match molto equilibrato. Serena arriva in finale cedendo a Kerber ma dal secondo turno lascia 3 games a Hsieh, 2 a Kasatkina, 3 a Gasparyan, 5 a Sharapova e 4 a Radwanska
    2017 perde al primo turno da Bacsinszky che cede al terzo a Gavrilova
    2018 perde al secondo turno da Barty che cede al terzo a Osaka
    2019 perde al terzo turno da Pliskova che arriva in semifinale contro Osaka, che poi vincerà il torneo
    2020 sconfitta al terzo turno da Kerber che perde negli ottavi con Pavlyuchenkova
    E veniamo a Wimbledon, il torneo più confacente alle caratteristiche di Camila e che le ha regalato le maggiori soddisfazioni:
    nel 2011 supera le qualificazioni e cede al primo turno a Pironkova, che arriverà ai quarti contro Kvitova e nel suo percorso batterà Venus e Zvonareva
    Nel 2012 ancora qualificazioni e approdo agli ottavi dove viene fermata da Radwanska, la quale arriverà in finale
    Nel 2013 eliminata da Bartoli al terzo turno che poi vince il torneo
    Nel 2014 fuori al secondo con Riske che perde al terzo con Sharapova
    Nel 2015 terzo turno con Wozniacki che esce agli ottavi con Muguruza, che arriverà in finale
    Nel 2016 perde subito con Muguruza, tds n.2, la quale uscirà al secondo turno con Cepelova
    Nel 2017 perde al terzo da Ostapenko campionessa del Roland Garros (ero lì) che arriva ai quarti contro Venus
    Nel 2018 esce ai quarti con Serena, unica a toglierle un set prima della finale persa con Kerber
    Nel 2019 in recupero dall’infortunio esce subito con Yamstreska che attiva agli ottavi

    In totale le avversarie vittoriose su Camila sono avanzate nel torneo per 19 volte ed eliminate al turno successivo per 13.
    In due occasioni Camila è stata eliminata da chi ha vinto il torneo ed in quattro dalla finalista.
    Alla luce di ciò a mio parere qualche credito con la sorte Camila può vantarlo, soprattutto a Wimbledon dove il rapporto qualificazioni/eliminazioni delle avversarie è 6/3 e per ben tre volte è uscita per mano della vincitrice o finalista, oltretutto in anni in cui aveva già dimostrato un ottimo stato di forma (eliminazioni al terzo turno, ottavi e quarti).
    Ma è grazie anche alla difficoltà dei sorteggi che Camila ci ha regalato prestazioni straordinarie, da ricordare nei secoli!
    Parafrasando l’indimenticato Antonelo: Vaaaaaaamos Camila!

    1. Tennis donne.
      Sto vedendo Juvan contro Delai.
      Pure ieri ha battuto 6-4 6-1 Davis, alla fine vincerà comunque (Delai troppo “leggera”, mi sembra in’altra Pieri), ma oggi sta sbagliando di tutto: contro Camila a Palermo c’era un’altra ragazza!
      Quella pure è fortuna.

      1. A me oggi sono sembrate, spesso, due pallettare. Non so se la Delai sia davvero un prospetto, una partita è poco per avere altro che qualche impressione. Del resto io non credo neanche nella Cocciaretto su superfici dure o indoor. Lieto di aver ciccato le previsioni, ma, sinceramente non vedo le stimmate della giocatrice da applauso in nessuna delle due. Non so quale qualificata pescherà Cocciaretto, ma temo proprio che, Cami a parte se gioca bene, ci siano poche speranze di vederle avanzare le altre. Invece i maschi, mica male, anzi. Pure Cecchinato pare in via di recupero. Non l’ho mai pensato quel bluff di cui scrivono altrove, o non avrebbe mai vinto tornei nel circuito atp. Non è il tennis femminile, qui per vincere un torneo devi valere qualcosa.

  7. Congratulazioni alla fenomenale Naomi Osaka, perfetto mix di intelligenza nipponica e atletismo afro. Numero 1. Fantastica anche Bianca Andreescu, dominatrice dal talento divino. Numero 1. Barty, chi la batte è bravo, super cervello e controllo sopraffino di ogni colpo, oltre che tigna Aussie-aborigena. Numero 1. La Nostra. Di nuovo, chi la batte, vince il torneo. Le manca ancora qualcosa. Tecnica? Tattica? Palla in campo? Risposta un metro dietro.? Iniziare lo scambio e poi giocare un nuovo gioco? Up to her! Io, trombettieri cari, lancio una proposta: collettona collettiva, non perdiamo l’occasione, Sasha Bajin è disponibile, non perdiamo l’occasione…

  8. Tutt’e due le finaliste dell’U.S. Open hanno tirato la seconda di servizio massimo a 140 km/h, anche meno di 130 a volte.
    Si sono prese alcune risposte vincenti, ma dd.ff. niente.
    Ed erano sul veloce.
    Sulla terra potrebbero tirare più piano anche la prima.
    Mah, speriamo stia bene, se no ad Halep manco ci arriviamo.

    1. Mah, nell’ultimo match era parecchio incerottata, e ha chiuso con Bajin, non so se sia un ostacolo insormontabile, visto che di recente è stato sormontato. Bisogna vedere chi starà meglio fra le due, e, se dobbiamo andare a cercare i precedenti, nell’ultimo non ha prevalso Djana.

      1. e se arrivasse al terzo turno, la Halep? Però, sempre sorteggi alla grande. Comunque anche un terzo tuno non sarebbe male. Soldi e punti. La parte bassa è più facile, almeno sulla carta.
        Non capisco perchè non abbiano dato una wild card a Musetti. In prospettiva è più promettente oltre che più interessante di altri italiani…

    2. Sorteggio decisamente negativo.

      Non illuda la recente vittoria di Camila a Palermo, dovuta sì alla bravura della nostra, ma resa possibile da una serie di circostanza decisamente casuali e fortunate: avesse Yastremska piazzato un ace sui due match point la partita sarebbe finita lì, 2:0.
      Non è andata così e poi Camila ha tirato fuori gli artigli, ma non è sempre domenica.

      Quindi partita difficilissima. Magari avesse pescato l’avversaria di Paolini, quella Sevastova che non solo ha un tipo di gioco per cui Camila va a nozze, ma è anche da tempo appannata, a parte quell’unico guizzo contro Gauff. E Paolini non parte del tutto battuta.

      Il jolly lo ha pescato Cocciaretto, a parte Blinkova, Juvan e forse Friedsam non vedo possibili avversarie veramente fuori portata, e comunque sono tutte inferiori anche alla peggiore del MD.

      Sarà durissima, ma comunque.. vamos!

      1. Vero, però Djana non fa meno df di Camila, nei momenti importanti, e si può pure dire che la Stephens a Parigi, se Cami avesse piazzato un paio di ace quando ha servito per il match non sarebbe arrivata in finale. A me pare che Yastrems’ka abbia aumentato, quest’anno, il numero dei gratuiti, come pure Sabalenka. Qui io direi che le illusioni devono dividersele in parti uguali entrambe. Tirando le somme, è più ragionato il gioco di Cami che quello dell’avversaria. Certo che si poteva avere un tabellone un pò’ più arioso, ma questo a Cami non capita quasi mai. C’è poco da fare, essere tds è un’altra cosa. Il punto però rimane sempre sapere quale sia stato il problema a cui ha accennato, e, soprattutto, se è passato. Per non scambiare affatto vuol dire che qualcosa non andava bene in lei, e che ha cercato la o la va o la spacca. Piede? Muscolo, ferritina bassa? Boh.

  9. Una vera e propria Caporetto (1 su 6) per il tennis italiano alle qualifiche a. Roma. Solo da Camila può arrivare Vittorio Veneto… Con la speranza che una volta tanto non si ripeta il solito copione per la nostra protagonista di trovarsi nei primi turni con la futura vincitrice del Torneo. .

  10. Azarenka batte Serena… Come? Tenendo la palla in campo! Difendendo su ogni palla, attaccando quando doveva e giocando concentrata al 100% ogni punto… dopo un primo set disastroso si è messa tirare fortissimo dentro il campo e ha vinto…..Bravissima! 🙂

    1. A questo punto, io direi anche basta con questa gag.
      Tale mi sembra ormai diventato l’ossessivo ripetere questa sorta di mantra.
      È più che evidente che salvo casi ECCEZIONALI (e che perciò non fatto testo né statistica) CHIUNQUE vinca una QUALUNQUE partita di tennis ha tenuto la palla in campo più del dirimpettaio di turno e/o ha attaccato e/o difeso meglio ed era con la testa al match rispetto a chi quella partita l’ha persa.
      Questo continuo, ossessivo ripetere sempre lo stesso concetto sembra dimostrare che tu alla fine ti sia convinto di fare il tifo per una deficiente che non fa altro che sparare a casaccio senza starci a pensare nemmeno un attimo.
      Manco ti passa per la testa che un gioco aggressivo come il suo, con un fisico minuto come il suo, necessiti di stare al massimo fisicamente.
      A meno che non sia un alias dell’innominabile….

    2. Ma lei ha sempre giocato così, non è mai stata un’attaccante pura. Tira profondo e abbastanza forte, con traiettore di sicurezza sulla rete, e martella continua finchè non ha trovato, più che un pertugio, un ampio spazio vuoto. Ricorda il tennis di Agut, più o meno. Tra l’altro anche lei variazioni ben poche, e a rete, beh, insomma….Pure Chang s’è preso uno slam, e se vogliamo una Kenin non mi pare che sia poi così prudente. Certe volte le va molto bene, altre per nulla.
      Cami l’errore lo dovrebbe evitare solo su palla proprio a livello rigore a porta vuota, per il resto deve giocare come sa, magari essere più convinta delle sue possibilità a rete, dove, quando è in forma, le percentuali di realizzazione sono ottime. E soprattutto deve evitare gli infortuni.

      1. Ho visto Medveded e Rublev , in questo momento credo non ce ne sarebbe x nessuno. Con il primo veramente impressionante e Rublev molto ma molto vicino. Jannik e Berrettini sono ancora un po’ lontani . Ma vedremo….

        1. Avrei spergiurato per una finale zverez medvedev , con favorito il russo dopo averlo visto con Rublev. Ma il tennis è una bella roba……e smentisce ogni ora. Thiem a questo punto favorito ? Per le cose di casa nostra quando il main draw di Camila ?

    1. Oggi ha perso con Djere, ma non significa nulla. Non è un terraiolo naturale, che possa in una giornata storta non essere in grado di gestire questa superficie ci sta tutto. Comunque si, è davvero forte, e soprattutto lo è di testa. Se consideriamo che è ancora un teen, con l’inevitabile irrobustimento di fisico e carattere, andrà molto lontano, come è per Berrettini da due anni a questa parte. Non possono vincere tutto e sempre, ma quando sono in palla, batterli non è da tutti. Le accelerazioni di Jannick sono altrettanto stupefacenti di quelle di Cami. Vedi la palla che parte da un movimento semplice semplice, eppure l’energia infusa pare quella del braccio di un gigante. Misteri della natura.

  11. Su Jennifer Brady intendevo solo dire che si è migliorata negli anni ed ora ha un gioco più solido e consistente…. e i risultati si vedono!
    Camila a mio avviso dovrebbe, senza snaturare il suo gioco, cercare di renderlo più solido e consistente, perché così come è adesso è ancora troppo discontinuo… Gioca benissimo alcuni game e malissimo altri….

  12. E’ antipatica, quasi al limite del sopportabile, è rozza negli atteggiamenti e nel vestiario (ma lo specchio non esiste in America?), ma devo ammettere che è campionessa nata. Oggi era in difficoltà, ma quando è servito tirare fuori il suo meglio l’ha fatto. Serviva un ace, lo ha messo, serviva un game di risposte finalmente degne dei suoi livelli passati, lo ha fatto. E’ qui che Serena pu pesando attorno ai 100 kg., pur avendo il fiatone già dopo tre scambi, mostra il perchè abbia vinto così tanto. Non è perchè tira più forte, non è solo perchè per anni ha avuto un servizio implacabile, ma proprio perchè quando è nei guai, anche adesso che non può più avere la costanza di rendimento di un tempo, lei sa essere gelida. La Sakkari ha avuto paura, ad un certo punto, e si è messa a fare errori su errori, magari procurati alcuni, ma che prima non faceva, Serena invece si è messa a diminuirli. Il suo palleggio adesso non fa male subito, non riesce più a dare alla palla quella velocità (servizio a parte) che un tempo le permetteva di chiudere quasi subito ogni scambio, ma ancora sa come mettere la pressione e la fifa addosso alle altre. Un trenta per cento delle sue vittorie adesso è anche attribuibile al fatto che quando l’affrontano, partono tutte già con un po’ di reverenza e soggezione, che poi diventa tensione eccessiva nei momenti salienti degli incontri. Tecnicamente Camila non è inferiore a nessuna di quelle che la precedono, rispetto anzi a molte è superiore, però il problema è tutto lì: questo è uno sport di psicologia, oltre che di tecnica, e chi sa più degli altri tenere a freno le emozioni, vince di più. Troppe volte abbiamo visto Camila bloccarsi vicina al traguardo, non certo perchè, all’improvviso, non sapesse più giocare a tennis, ma perchè non era più in grado di giocare come aveva fatto fino ad allora. Non penso ci sia bisogno della lista degli incontri, sappiamo già tutti quali sono stati. Ma non è detto che non ci possa essere un mese in cui tutto, magari senza sapere come, di per sè, vada a posto.

    1. Anche oggi una partita ridicola di Serena (e di Pironkova). Veramente il atteggiamento di Serena e’ cosi fuori logo che mi fa pensare che c’è qualche sostanza in mezzo. Puoi, le cose anti-sportive come urlare durante il punto (e non quando sta colpendo la palla), e fare finto di sbagliare il serve toss per annullare il tempo di servizio e riprendere il fiato. Puoi, com’e possibile che Pironkova poteva essere cosi stanca, cosi fuori forma? Non è un atleta professionista? Com’e possibile che Serena, che robdes12 ha giustamente notato sembra morta dopo tre scambi, ha più energia per il terzo set? Che tristezza…

      1. Boh, molti di noi non amano Serena, ma sono costretti ad ammettere che è una vera campionessa. Al doping francamente non credo, non sono complottista per natura e poi i tennisti vengono controllati spesso, immagino sia così anche per Serena… Finché vince, brava lei, anche se prima o poi il suo rendimento tennistico dovrà calare a causa dell’età… Ed è proprio quando accadrà che Camila approfitterà per vincere uno Slam…. 🙂

        1. r.b ricorda che Agassi ha ammesso di aver fatto uso di cocaina per anni, magari non per motivi tennistici, ma con tanti anni di carriera non è mai stato beccato, e la coca è uno stimolante che può influenzare di molto i risultati; ricorda quello che successe a Maradona. I controlli antidoping vanno fatti soprattutto quando l’atleta è nella fase di preparazione all’annata, perchè se è doping ben fatto quando ti presenti al torneo il corpo dovrebbe essersi ripulito. Per altro mi risulta che nel tennis, almeno fino a poco tempo fa, il controlli erano fatti random e non a tutti i partecipanti. Se poi basta dire che ti ha baciato una ragazza cocainomane o che l’anabolizzante era in una bibita da supermercato per essere scagionati dall’atp o wta, allora c’è poco da fare. Ricorda poi che il doping è sempre un passo avanti all’antidoping. Non penso ad una Serena dopata, questo no, anche perchè il suo stato di salute non penso lo permetta. Potrei magari eccepire su quello che a suo tempo le capitò, dovuto solo a cause accidentali o ad altro…..Serena oggi vince le partite perchè, volente o nolente, le altre hanno un complesso quando incontrano quella montagna urlante. E non mi sembrano tutte cuor di leone. Serena è un lottatore di wrestling prestato al tennis, o se vuoi, Tyson in gonnella che trasforma il campo in un ring.

  13. Ho letto tra i commenti un riferimento alle possibilità (maggiori) che avrebbe oggi Camila su terra e anche a mio avviso sono tali.

    L’esplosività e la reattività sono con gli anni leggermente calate, fatto fisiologico, ma è oggi una giocatrice più solida e meno discontinua, oltre a essere più matura, quindi anche più giudiziosa.

    L’impressione è che il suo rendimento su terra possa beneficiarne perché anche analizzando i dati complessivi della sua carriera si può notare come abbia una buona percentuale di vittoria su terra (58,17%), dato che testimonia come sia una superficie su cui riesce solitamente a ben esprimersi.

    Il suo stile di gioco oggi è un po’ meno estremo: non serve più quasi esclusivamente piatto, come avveniva nei primi anni di WTA, è più disposta ad accettare gli scambi prolungati senza farsi puntualmente prendere dalla frenesia di concluderli ed è probabilmente anche più resistente (avvicinarsi ai 30 anni non comporta solo dei CONTRO ma anche qualche PRO). Considerando inoltre che la potenza l’accompagnerà fino alla fine della sua carriera, ci sono ragionevoli motivi per nutrire un moderato ottimismo in vista dei tornei sul rosso.

    Un’altra considerazione va fatta in relazione al suo rendimento: da quando si è stabilizzata in Italia (e ossia nel post rottura con la FIT), è in generale più performante nei tornei europei rispetto a quelli americani e potrebbe esserci una componente psicologica alla base di questa tendenza.

        1. ok ma,io non voglio neanche pensare che cami possa finire la sua carriera senza almeno una vittoria di prestigio
          ora come ora la variazione più facilmente attuabile nel suo gioco,secondo me, consisterebbe nell’aumentare il numero di discese a rete…
          le voleè le sà fare,accorcerebbe gli scambi,le altre giocatrici non sono così abituate a giocare il passante…potrebbe essere un tentativo per uscire da questo “stallo” tattico…
          del resto ne aveva parlato anche lei qulache tempo fà

    1. Teus, sei sempre preciso e puntuale come il rapido Chiasso-Schaffausen.
      Nella mia crassa ignoranza credevo che una tennista, per migliorare le prestazioni sul rosso, dovesse truccarsi con la terra, mentre per primeggiare negli USA sarebbe stato preferibile ornare il viso con il blush.
      Qualcun altro affermerebbe che, Europa o USA, bisognerebbe mettere la palla in campo.
      La tua analisi conferisce spessore alla discussione.

      1. Ah se Camila a US Open avesse avuto lo stesso tabellone della Cornet dove sarebbe arrivata! Almeno ai quarti. .. La sfortuna si accanisce contro di lei, arriverà un giorno che la Fortuna invece che un calcio le darà un bacio?

        1. Ci sarebbe stato il problema del..problema fisico che si porta dietro, come ha detto lei, da qualche tempo. Non sappiamo com’è, ma di certo non sarebbe migliorato continuando a giocare. Preferisco saperla sana che arrivata ad un quarto di finale qui, per poi ricominciare il calvario delle rinunce in futuro. Immagino che si stia allenando su terra, e questo dovrebbe darle un vantaggio, anche perchè è probabile che le reduci da USO, oltre che senza il tempo per allenarsi decentemente, potrebbero essere stanche. Non mi pare che la continuità sia appannaggio delle grandi in questo momento, non hanno avuto il sufficiente rodaggio dei tornei giocati nelle varie parti dell’anno. Per molte Roma sarà il primo torneo su terra, e quasi tutte sono adesso giocatrici da superfici dure. Vedremo, sempre che Camila abbia una condizione fisica buona.

      1. Con gli stessi criteri il nostro Fognini dovrebbe giocare un torneo ogni tre anni. Chissà come mai a Serena, dopo quella scena penosa nella finale con la Osaka, la hanno tenuta in campo.
        La signora poi mi è sembrata vulnerabilissima forse per ipossia da mascherina.

        1. ma qui si tratta di una pallina tirata ( anche se involontariamente) al giudice di linea,non di proteste o sceneggiate che possono avere in qualche modo un’interpretazione soggettiva da parte dell’arbitro ( sicuramente alcune volte sono stati passati i limiti ed i provvedimenti dovevano essere più severi )
          quindi la squalifica di djoko era inevitabile…nessun sospetto…la colpa è tutta sua

            1. Guarda che John fuori dal campo è una persona assolutamente non banale, anche nei commenti o dichiarazioni. Non dimentichiamoci che il padre era avvocato, anche lui e il fratello sono andati all’università; Kyrgios è nato in un contesto sociale molto più difficile, e, se conosci gli australiani, sono tutti un po’ tagliati con l’accetta. Credo che certi strascichi della sua condizione di meticcio abbiano influito sul carattere ruvido di Nick. Meno male che non hanno influito sulla sua mano, anche se sarebbe ora che uno slam lo vincesse. Non vorrei vederlo nella lista dei Leconte o Nalbandian una volta finita la carriere. E’ anche vero che si infortuna spesso. La sua spina dorsale mostra qualche problema scoliotico evidente. Subito dopo il collo pare avere una cresta ossea.

    1. Guarda che Nole ultmimante prende delle posizioni che fanno dubitare della sua integrità cerebrale. Uno che basta proporre una teoria fantasiosa subito la fa sua quasi la fosse Bibbia qualche riserva sulla sua intelligenza te la fa porre. Hai presente la questione della piramidi balcaniche di 10.000 anni fa? Ci sono prove di insediamenti già così organizzati in quella parte dell’Europa? Nessuno. I rilievi con sonar e scandagli vari hanno rivelato la presenza non dico di un mattone, ma addirittura di un frammentino di pietra da costruzione sotto quelle colline? Zero. Però lui ci crede, seguendo quel ciarlatano locale che l’ha proposta. A me sembra diventato un uomo da blog più che da libro. Tra l’altro il gesto, già in sè discutibile, è viziato da futili motivi. Se anche avesse perso il set, che cosa comportava? E’ il numero 1 del mondo, deve aver paura di un pallettaro inferiore qual è Carreno? Negli ultimi mesi non ne combina più una giusta, pare un pugile rintronato.

      1. si,conosco la storia delle piramidi nei balcani…
        non so’ quanto nole possa essere intelligente o meno,tuttavia la pallina l’ha tirata lui,mica ci poteva essere un complotto alle sue spalle per squalificarlo (magari a causa del suo impegno per l’associazione dei giocatori)
        quindi quale sospetto ?

        1. Abbiamo visto centinaia di volte un tennista che scaglia per rabbia una pallina al cielo. Se questa, ricadendo ad una velocità molto superiore a quella di Nole, colpisce uno spettatore fragile, cosa succede ? Si punisce l’intenzionalità o la sfortuna ?
          La palla era lenta e non tirata con rabbia; la giudice doveva avere qualcosa di pregresso. Il sospetto di complotto ci sta, e come. Non ho seguito le ultime esternazioni di Nole ma mi sembra una persona intelligente ed educata.

          1. Ripeto, di, palle come quella colpita da Nole se ne vedono a centinaia. Ma ti squalifico solo se qualcuno si fa male. Come se nel calcio ti entro in tackle ma mi squalifichi solo se ti rompo una gamba. Nello sport conta l’intenzione non la sfortuna.

            1. non so’ di preciso come sia il regolamento ma,credo proprio che se tu colpisci un giudice nel modo in cui è capitato a nole, ed anche se questo non si fà male sei (giustamente per me ) squalificato …
              e credo proprio che valga anche per federer…come è valso per shapovalov o nalbandian….

              nole ha fatto un gesto stupido ed è stato sfortunato ma,per cortesia non parlatemi di complotto… ( avrebbero avvisato prima tutti i giudici di linea che nel caso fossero stati colpiti da nole dovevano far finta di morire ?!!! ) ad ogni modo una palla che ti colpisce sulla gola,anche se non forte, fa’ male
              se non avesse avuto quel gesto di nervosismo probabilmente avrebbe vinto e sarebbe ancora nel torneo

              nel calcio,per alcuni falli non è necessario che ci sia l’intenzione di far male per essere sanzionati ,basta la pericolosità del movimento

          2. ma era tanto impossibile appoggiarla? E poi da quando in qua una palla si passa ai giudici di linea? Si passa smorzata al raccattapalle di turno. Non pensi che sia in un momento di delirio di onnipotenza, vista anche la faccenda dell’associazione alternativa? E’ vietato colpire qualcuno se non casualmente: se tiri verso un paletto e la palla schizzando finisce su qualcuno è solo casualità, ma quella signora era davanti a lui ben visibile, e lui non aveva la testa girata altrove. Siamo sicuri che non ci sia stata un po’ di malevolenza per qualcosa che lo aveva di lei infastidito? Magari avrà pensato fra sè e sè di metterla a posto con vie fisiche, e, nell’eccitazione del momento il braccio non ha trovato inibizioni sufficienti perchè rimanesse solo come peccato di pensiero. Se quella ha provato dolore ed è caduta a terra, di certo la palla non è arrivata a dieci kmh.

        2. Se trovano il vaccino per il covid e lo rendono obbligatorio per il tennis mi ritiro, i dirigenti dell’Adria tour mi avevano assicurato….bla bla, ma non penso che il loro controllo fosse riferito pure alle discoteche etc. Ti sembrano comportamenti maturi? A sto punto se io gli dicessi che i primi ominidi sono nati in Siberia e da lì sono emigrati verso l’Africa, oppure che Atlantide c’è realmente stata (senza che lui sappia una mazza del significato della parola mythos in Platone ed Aristotele, che già assume la sfumatura di variazione non verificabile) lui ex abrupto ci crederebbe? Meglio che giochi a tennis e non sconfini in semplicismi su discipline di cui ignora la complessità contenutistica.

  14. Un po’ OT ma non troppo e comunque colore. Chissà se RobyR conosce il ristoratore fan sfegatato di Matteo Berrettini ? E magari ci è andato a mangiare ….raccontaci se sai di più RobyR…… 🙂 🙂

    1. …anche io infatti volevo iscrivermi al sito Jennifer Brady . com …ma mi è uscito questo https://www.facebook.com/brandy.jennifer.7 oltre ad altre distillerie che non mi interessano…io bevo solo acqua e vino….allora ho inserito “Palle in Campo”…non l’avessi mai fatto sono stato sommerso da migliaia di siti porno…Doppi Falli come se piovesse….anche falli singoli per la verità …che credo siano gli errori di Prima….fallo di piede e fallo di mano ….(ma quello è un’altro sport)…..Anche di Schiaffi al volo ce de sono tanti ma bisogna mettere anche BDMS…..anche loro usano il Back per il piano B…e di quello C …neanche a parlarne….
      …vorrà dire che continuerò a scrivere su questa piccola pagina rosa….sembra quasi di essere sul Corriere dello sport…..e poi è piena di amici…e non di alcolisti….nella versione francese per il RG si chiama Cognac Lopez…ma postano gli stessi articoli….. ciao t.o.
      …quante faccine vuoi???? 🙂 🙂 🙂 🙂

    2. Attento alla Rogers, guarda che sta giocando bene. Ieri hanno disputato un tiebreak mostruso lei e Petra, con, se non ricordo male, una risposta della ceca come unico vincente, per il resto tutti errori, e Kvitova, da par suo, non ha mai messo che una prima, e pur avendo più volte avuto il minibreak, l’ha sciupato, compreso il match point con df. Però nella partita con Rybakina ho visto l’americana più mobile perchè dimagrita, e pure efficace nella fase difensiva. Siccome il dritto pesante lo ha, e anche un discreto rovescio (ma più falloso), potrebbe essere per lei arrivato il momento della svolta verso l’alto. Quello che non so è quanto mantenga la forma migliore, visto che in tutti gli anni precedenti giocava bene due tornei l’anno, gli altri poi manco si qualificava. Però qui è pericolosa, come lo è stata nel premier precedente. Petra invece, io temo, dopo la ferita alla mano non è più quella di un tempo, le manca poco, ma quel poco che basta per non essere più una top ten. Spero per il bene del tennis che sia solo un deficit temoraneo, però, pero, però…..

      1. oh, sia chiaro, ho visto solo il tie-break. Io sono fedele, come ho già dichiarato se “No Cami-no party”. Fossero solo 10 minuti di tennis eccellente, Cami quelli li propone quasi sempre, le altre quasi tutte mi danno al massimo due ore di tennis gradevole, ma niente di più. La scelta è fra ristorante gourmet o tavola calda. E io sono troppo viziato per aver dubbi sulla mia scelta.

  15. …con i Se e con i Ma non si fa la Storia…ma senza Se e senza Ma salterebbe anche il concetto stesso del “Libero Arbitrio” e della “Casualità”….ciò che rende l’uomo libero…davanti a dio e davanti al destino.
    Nel tennis non esiste la proprietà transitiva…ma questo vale solo sul singolo match…o sul singolo torneo, giocato da singole giocatrici. …esiste sui tipi di gioco e sulle singole condizioni in cui questo gioco si svolge. Gioco. …il Tennis è un gioco…non è uno sport. Lo sport ha regole e condizioni di svolgimento possibilmente “Identiche”. E dei giudici infallibili. Il Tempo…il Metro e La Bilancia. Il Tennis no. Perchè ha scelto di essere così…una costante Lotteria. in fondo è un gioco….ed anche molto Truccato
    Rada la Maga…o Rad Grande come la chiamo io. Forse una delle più grandi giocatrici degli ultimi 20 anni. ….non ha mai vinto uno Slam….ma ha vinto le WTA Finals…che in linea teorica è il torneo più importante dell’anno. Le prime 8…sullo stesso campo…nella stessa settimana….tutte con lo stesso tempo di recupero tra un incontro e l’altro…una contro l’altra …e ogni altra contro l’altra ancora. La vincitrice è a tutti gli effetti la Migliore al Mondo in quel momento….e Aga era la migliore al mondo
    Fosse stato un torneo normale Aga sarebbe uscita al pripo turno contro Maria…e al terzo turno contro Flavia. …rientra in semifinale per differenza set avendo battuto Simona mentre Flavia che l’aveva battuta perde contro Maria che a sua volta aveva vinto anche contro Simona che aveva dato 6-0 6-3 a Flavia………Esiste allora la Regola transitiva anche nel Tennis…se viene usata nel Torneo più importante dell’anno in termini di soldi e di punti. Quasi tre volte il Montepremi di uno Slam ( riferite ai premi destinati alle prime 8) e oltre 5000 punti da dividersi …si pagano in punti anche le sconfitte. Questi punti sono in aggiunta ai punti del Ranking valgono un anno e sono di esclusiva pertinenza delle prime 8. Una Media di 650 punti a testa. …Prima dell’elite trophy questi punti riservati alle sole prime 8 a fine anno garantivano la quasi matematica certezza delle prime 8TdS ad AO essendo praticamente impossibile fosse anche la 9° a pochi punti da te 8° di vincere quei punti nei tornei che precedono AO. E con 650 punti rimani tutto l’anno in top 100 anche se non giochi mai……entri in MD in tornei Pagatissimi in punti, Soldi ….e fuori busta con il Cut-Off a 20 (Dubai) …o il Bye nei 4 Mandatory……..Wta protegge le prime 8…e poi a seguire fino a 16…lo vogliono gli sponsor che sono quelli che pagano…e vogliono che le loro “Protette” siano trattate “Bene”…anche nelle scelte degli orari delle partite e nella suddivisione dei giorni di riposo. Una volta si Truccavano le Estrazioni (pallina calda pallina fredda…) e si corrompevano gli arbitri…oggi con l’elettronica e il falco si usano altre tecniche. Alcuni si fanno incordare le racchette fuori del torneo….chissà perchè…basta mezzo chilo in più sulle verticali e mezzo chilo in meno sulle orizzontali …..Un giorno Sergio mi disse che il loro accordatore di Tirrenia si sbagliò ed invertì i carichi tra orizzontali e verticali……Camila ci mise un giorno a capire che cazzo stava succedendo…… lo scoprirono solo perchè l’accordatore …il loro negozio di articoli sportivi di Tirrenia…ed in fondo anche…Piccolo Sponsor Tecnico se ne accorse riguardando il foglietto passato al laboratorio …una semplice inversione dei numeri. Errore Umano. …ma in altre circostanze potrebbe non essere un errore. Nei Tornei…specialmente quelli Minori ( e per minori intendo tutti…ma proprio tutti i non obbligatori vedi, i manager degli atleti, i manager dei Grandi Marchi (che a volte si identificano) e la Direzione del Torneo…in ….”Riunione Permanente Effettiva”…a Pranzo…all’aperitivo…alla colazione o AllMittag (la merenda nel mondo tedesco…) …parlano del torneo in corso….No! parlano del prossimo. … Questo ormai e Fatto…dal giorno che ci sono state le estrazioni e che tutti i tennisti sono arrivati. Basta arrivare per prendere il Bonus concordato l’anno Prima. Una top 10 in un wta minore vale Metà degli sponsor in quel torneo….che poi si ritiri al secondo turno va bene lo stesso….Ma perchè la Top Ten torni anche l’anno prossimo (…o una Top Ten della stessa “Scuderia” è necessario che già da Questo Anno sia trattata bene. ….basta garantire che…in un “onestissimo ed equo” ordine di gioco…la mia protetta sia al 5° incontro solo prima del giorno di riposo…e possibilmente le mie possibili future avversarie non godano del giorno di riposo …..oppure giocare sempre in diurna…o in notturna…o forse chissà chiudere il tetto di un Campo anche se non piove……o giocare su quel campo invece che sull’altro che ha una diversa esposizione al sole……Quanti Privilegi possono essere concessi ad una che GIA’ è “forte di Suo”e con un 5% di aiuto può spostare in modo irreversibile il risultato finale??? Il 5% dei punti in una partita media (3 set brevi o due set lunghi) (6-0 1-6 6-3 e 7-5 7-6 …McHale Beijing) dura circa 160 punti …..il 5% sono 8 punti …che persi invece che vinti sono un differenziale di 16…….ambedue gli incontri furono vinti da McHale con un differenziale 12…….è nei dettagli che si nasconde li Diavolo……
    Ma torniamo a Rad Grande. …in vita sua ha battuto solo due N°1 in carica…non a caso Carolina….e Simona….( addirittura all’apice della sua forma..Miami 2018) ….Tipo di Gioco contro tipo di gioco…..nessuna di loro …e fino al 2018 aveva vinto slam…nonostante siano state n°1 per 19+49 = 67 settimane Carolina e 16 Simona tutte prima del 2018….(simona poi sarà 1°per 48 settimane nel 2018….Cambio Generazionale…no Serena…no Maria…no NaLi…no Flavia…no Rad Grande stessa. .come a dire…con quel tipo di gioco in quel periodo non si vincevano slam anche se si può stare per anni al vertice della classifica Generale. (Carolina sarà n°1 per sole altre 4 settimane appena a ridosso dei 2000 punti di AO…) …..

    …ora proviamo a mettere un po di Fantatennis….ma poco…poco poco…..ma visto che si usa in tutti i campilonati del mondo di Calcio…di basket….e udite udite anche alle olimpiadi penso non sia un forzare…la realtà……. il Comitato organizzatore ha diritto che la sua squadra sia nel MD……si fa anche ne tennis mi pare…e allora perchè no nel WTA Finals….
    Le Finals 2015 le ha organizzate l’Italia e si giocano a Milano (…Roma meglio di no sennò Palmieri mette a giocare Camila a Mezzanotte e poi anche il giorno dopo alle 8.30…..meglio Milano…organizzano i Trombettieri)…..Serena è infortunata (storicamente vero) e Simona è infortunata (Fantatennis)…Camila ha avuto la WC di diritto all’organizzazione.
    Si trova perciò nel Girone Sharapova-Pennetta-Rad Grande- Giorgi…contro quelle tre Camila ha giocato 8 volte perdendone 2….Maria +1 su 1 Flavia +3 su 4 Rad +2 su 3…
    Fosse passata in semifinale come seconda avrebbe trovato Garbine con cui era in quel momento +2 su 3 e in finale Petra con cui in quel momento era -1 su 1 ma che sarebbe potuto diventare quello che poi è diventato Giorgi Kvitova h2h 1-1……..è proprio Fantatennis quello che ho raccontato…o è il tennis moderno????? Lo spettacolo Moderno perchè il Tennis è uno e trino…Sport Gioco, Spettacolo. Rad perde due Incontri su 5 e vince il WTA Finals….se la regola fosse estess forse Camila avrebbe agli occhi di molti miopi vinto di più….Camila ha vinto quello che voleva e poteva vincere. Mandateci vostra nipote a vincere i Wta 125. Camila vuole confrontarsi con le Migliori. Per se e per il suo tipo di gioco. Che avvenga al primo turno o in finale è lo stesso. Un Punto alla volta come fosse l’ultimo…una partita alla volta come fosse l’ultima. E’ una sfida con se stessa….il Calbrone che non potrebbe volare ma non lo sa e vola…..non fatela pensare…fatela volare finchè può….se comincia a pensare sarà un’ottima top20….vincerà contro tutte quelle sotto di lei e perderà contro quelle sopra di lei….molti saranno contenti così potranno giustificare alle mogli e agli amici del perchè perdono così tanto tempo e notti (…e qualcuno anche soldi per seguirla in giro per il mondo) appresso ad una che non vincerà mai……
    Io non devo giustificarmi con nessuno. Camila mi da emozioni. Perchè è 20 centimetri più bassa e 20 chili più leggera di tutte le sue avversarie…ma non lo sa…. e perciò spesso le batte. E quando le batte è sempre Davide contro Golia….e dopo che hai battuto Golia quel torneo è chiuso. Lo sa bene Flavia e Roberta. Flavia lo disse pubblicamente ad IW nell’intervista a caldo sul Campo. E dopo a me. “Camila il suo torneo lo ha vinto ieri…è il futuro del tennis italiano…non si può a questa età (era il 2014) Battere Maria qui e poi giocare il giorno dopo con un minimo di energie fisiche e mentali. Sicuramente ha facilitato il mio percorso….” ….Flavia poi vinse quel torneo…in finale proprio contro una Rad Grande palesemente infortunata…..Ma Flavia era Flavia…aveva trovato proprio li e proprio in quei giorni l’amore della sua vita….era felice e Cupido può anche aiutare quando è accanto a te nel box staff…e poi Flavia è una persona straordinaria…prima che bella e brava a tennis.
    …a proposito…nessuna italiana ha mai vinto uno slam prima dei 30 anni perciò perchè suonare oggi il de profundis……finche Camila gioca ci sono emozioni che ci fanno svegliare anche di notte senza mettere la sveglia….io per vedere sara nonsposto neanche l’ora dell’aperitivo con gli amici……
    segue….t.o.

    1. Fantatennis per fantatennis non hai tenuto conto di un dettaglio: se il master si giocasse a Roma, r.b. non ha speranza nemmeno di avvicinarsi al G.R.A, metterei foto segnaletiche ad ogni punto di accesso. Così Cami non dovrà sorbettarsi oltre al “palla al centro, palla al centro” di suo padre pure il “palla dentro, palla dentro” di r.b. 😉
      da Dajeee Camilaaaa, Forza Camilaaaa, Camilaaaa, Camilaaaaa. Altro che megafono, per Cami noleggio il coro dell’Opera di Roma.

    1. Conosci il famoso stornello che recita ” Ha Roma, Roma le belle romane, ma so più belle le tresteverine; le rubbacori so le marchiciane, le rubbacori so le marchicianeeeee”.
      Versione live adattata per Camila. Che figure me tocca fa pe’ ‘sta pischella, bello mio! 😉
      ps. il mio romanesco è pessimo.

    1. Altro che! Questo è davvero un top ten, e non è certo solo servizio. Isner ci è stato parecchio in vetta, ma Matteo ha molte più frecce al suo arco. E’ indiscutibile che sia il più bravo fra i bis servers.

  16. OT-
    Sto pensando di adottare il ruggito di Matteo emesso alla fine di ogni game importante vinto. Magari è con quello che si conquistano le tenniste, penseranno che se sto con uno che urla così dagli spalti pure Serena e Sabalenka si azzittano per la paura. Se ci sarà Roma voglio provare nelle partite di Cami.
    Per altro pensavo che nessuno giocasse inguardabile come Carreno, ma credo proprio che con Ruud sia una bella lotta.
    Ho però una perplessità: se non c’è pubblico, chi è il romano che urla “Dajeee Mattèèè, forza Mattèèèè, bravo Matèèèèè, Matteoooo-Matteooo”?
    Scusa l’intermezzo Cami, ma come sai se tu non giochi anche io “non guardo il tennis femminile” ma solo quello maschile. 😉

      1. Però diciamolo, solo un italiano poteva avere la creatività di aggirare l’impossibilità di tifare dagli spalti mettendosi fuori dello stadio con un megafono. Guarda caso è diventato già un beniamino del pubblico americano. Finirà che lo chiamano in qualche talk-show. Immaginatevi che succederà a Roma, e anche Camila, come per Palermo, si troverà avvolta da una nuvola di amore. E’ un’idea anche per noi, se proprio non si potrà assistere dalle tribune: Daje Camì, forza Camì, e mo’ daje er corpo de grazia, Camì….

  17. Nonostante l’ironia di to, la Cocciaretto è in finale in un torneo wta, come avevo pronosticato. Nonostante l’ironia di to, fisicamente è gradevole soprattutto per la grazia e la vivacità che esprime quando parla. (vedere qualche intervista da junior). Nonostante il metro e sessanta ‘azzardo’ che entro due anni è fra le prime trenta al mondo. Tutti giocatori di poker in teoria, ma a carte scoperte è troppo facile !

    1. Ma to mica dice che gioca male, perchè infatti gioca bene, però non pare destinata a fare molto sul cemento e veloce, e come sai il 70 per cento dei punti si conquistano là. Guarda come è diverso il rendimento di Paolini fra la terra e le altre superfici. Non possiamo sempre e solo sfornare terraiole, a meno che i cinesi si convertano al mattone tritato, che per altro mi sembra una superficie più idonea per le loro giocatrici più forti, che non sono esattamente delle attaccanti.

        1. …tutti noi bluffiamo…..quando incontriamo una donna che ci piace…quando andiamo ad un colloquio di lavoro…quando vogliamo chiudere un contratto…..l’importante è saperlo fare… la capacità di rendere “Vero” il “verosimile”…. ciao t.o.

    2. Se permetti, scopro qualche carta anch’io.
      1, NON è un torneo WTA, UFFICIALMENTE è un 125.000 (pure diretta.it lo considera “challenger”), in realtà è per un quarto un ITF da 60.000 e per il resto un 25.000;
      2. la PROVA che all’atto pratico è un ITF è che lei era la tds n. 2 e la n.1 era 138 (ed è uscita al primo turno), quando nei 125.000 tipo Limoges le top 100 non si contano;
      3. prima di fare voli pindarici, ricordo pure che
      a. al momento, il ranking della Cocciaretto si compone di 538 punti, dei quali solo 112 guadagnati in tornei WTA (40 delle qualificazioni superate all’A.O. contro 190, 129 e 136, 60 del recente Palermo con vittorie sulla Hercog e la Vekic, e 12 di un turno di qualificazioni vinto a Monterrey contro la 224: tra lìaltro due di queste 5 le ha battute di nuovo in questi giorni), per il resto, questo torneo di Praga ed ITF di varia taglia;
      b. poichè di quei 112 punti abbiamo visto che 72 sono su terra battuta, come TUTTI quelli restanti, ecco che ha sul veloce solo i 40 punti delle quali dell’A.O. e sappiamo che in tempi normali il 70% della stagione vera WTA si svolge sul veloce e su erba, che al momento per lei, come per TUTTE le altre italiane sono cosa ignota.
      Poi, ti contraddici pure da solo: fosse forte veramente, ci metterebbe due anni per arrivare al n. 30? Sabalenka, Rybakina, Vondrousova e Yastremskaci hanno messo molto meno ed a venti anni già c’erano (Yastremska li ha compiuti da poco): lei li compirà a Gennaio; perfino Buzarnesco, una vita negli ITF, a 29 anni in un anno quasi solo di ITF arrivò a 29: non significa niente.

      1. Ok, hai ragione. Fra un anno va fra le prime trenta. Però ogni tanto mi piacerebbe anche qualche vostro pronostico azzardato. Dopo, salire sul carro del vincitore, è troppo facile.

        1. Qui dentro, il pronostico azzardato lo abbiamo fatto tutti: puntare su una piccoletta come Camila che pretende di giocare come se fosse un metro e ottanta cos’è?
          Comunque, almeno due anni fa mi sbilanciai per Samsonova, che ora non è più italiana, solo pochi giorni fa sbeffeggiata per aver perso con Pironkova e guarda ora…Pironkova dopo di lei ha vinto pure con Muguruza e Vekic (quest’ultima oggi anche più netto di come ci vinse Cocciaretto a Palermo: fu vera gloria?) ed ora è alla seconda settimana dove avrà la vincente di Keys-Cornet
          E poi che quello della Cocciaretto sia “il carro del vincitore” chi lo dice? A me per quella mezza partita che ho visto, già la Paoletti mi sembra più di prospettiva.
          Detto questo, io sto a venti km da Ancona e nonostante questo, a me invece non sta simpatica: a partita vinta, tutte sono capaci di essere simpatiche (veramente a Camila rimproverano pure questa incapacità), ma le urla ed i pugnetti partita durante….per non parlare dei moonball visti ieri contro Schmiedlova…valli a giocare sul veloce, vedi come tornano indietro!

        2. Qui dentro, il pronostico azzardato lo abbiamo fatto tutti: puntare su una piccoletta come Camila che pretende di giocare come se fosse un metro e ottanta cos’è?
          Comunque, almeno due anni fa mi sbilanciai per Samsonova, che ora non è più italiana, solo pochi giorni fa sbeffeggiata per aver perso con Pironkova e guarda ora…Pironkova dopo di lei ha vinto pure con Muguruza e Vekic (quest’ultima oggi anche più netto di come ci vinse Cocciaretto a Palermo: fu vera gloria?) ed ora è alla seconda settimana dove avrà la vincente di Keys-Cornet
          E poi che quello della Cocciaretto sia “il carro del vincitore” chi lo dice? A me per quella mezza partita che ho visto, già la Paoletti mi sembra più di prospettiva.
          Detto questo, io sto a venti km da Ancona e nonostante questo, a me invece non sta simpatica: a partita vinta, tutte sono capaci di essere simpatiche (veramente a Camila rimproverano pure questa incapacità), ma le urla ed i pugnetti partita durante….per non parlare dei moonball visti ieri contro Schmiedlova…valli a giocare sul veloce, vedi come tornano indietro!

          1. A Palermo ho visto un ottimo anticipo sulla palla. Chi ha anticipo può giocare su qualsiasi superficie ed è pronto per il tennis dei prossimi anni. Le perplessità sono piuttosto sulla corporatura anche se mi sembra estremamente tonica e reattiva. Dimmi per quale ragione ti è antipatica; ho visto un’intervista quando aveva 10 anni ed è uno spasso. Sul pronostico Camila non conta altrimenti non saremmo tutti qui ogni giorno a parlare del sesso degli angeli.

            1. Mi sembra un’altra contraddizione: un conto è avere anticipo sulla terra battuta, un conto sul veloce.
              Sulla terra battuta hai molto più tempo perché la palla dell’avversaria arriva rallentata, sul veloce (lo dice la parola stessa) hai meno tempo.
              In più, se trovi una che gioca dentro al campo e tu stai due metri fuori, non solo non fai più palle corte, ma ne subisci.
              Mettici poi pure che non la vedrai mai a rete (il doppio non conta: li ci stai già, a rete, nel singolo te la devi conquistare e devi coprirla tutta, non metà).
              Poi dirai: è arrivata a n. 5 Errani, può succedere tutto? Io non lo credo, i tempi sono cambiati, anche se avesse 23 anni e non 33, non credo Errani sarebbe ancora competitiva a quei livelli.
              Infine, proprio ieri mi sembra ti hanno fatto una sorta di elenco di circa 18 future top ten, mettici quelle che nelle 30 già ci stanno e dimmi ragionevolmente di quante di coloro sarebbe migliore e considera pure chi e quante ne sono fuori Brady, Jabeur, Linette, Pavlyu, Ostapenko, Mladenovic, Garcia, Sevastova…………

  18. Primo set andato. Caruso è ancora troppo deboluccio come servizio per campi così rapidi e per Rublov. Deve servire molte più prime. Come per le nostre ragazze, abbiamo un solo giocatore da veloce, anche se potrebbe presto essere affiancato da Sinner. Fognini adesso anche lì è valido proprio perchè ha migliorato il servizio, e soprattutto perchè ha il resto che è eccellente, risposta compresa. Nel femminile invece a me sembrano tutte terraiole, con la sola Cami che è diventata universale. Se continua così nei prossimi anni temo che fra le prime 100 ne vedremo ben poche, e soprattutto nessuna più su, a meno che non facciano semifinali a RG e almeno quarti in tutti gli altri tornei. Ma in Italia è tanto impossibile avere un 500 e un premier su cemento, così sarebbero obbligati ad allenare le promesse del futuro su ambo le superfici^ Pure gli itf italiani sempre e solo su terra, e che diamine!

  19. A mio avviso delle giovanissime quelle che faranno meglio nei prossimi anni (o forse già mesi) sono Kostyuk e Swiatek e forse McNally… Perché queste tre? Perché hanno giocato da teenager contro Camila e tutte hanno perso, ma quel giorno hanno capito cos’è il vero tennis, hanno imparato e vinceranno Slam! 🙂

      1. Sei sicuro sulla McNally? Comunque se vuoi guardare una partita di rara bruttezza, guarda Serena vs Sloane, nei cambi campo di Berrettini che invece sta giocando bene, e nei break conquistati benissimo.
        Dopo tie-break allucinante, Cirstea in vantaggio più volte di 2 minibreak è riuscita a perdere, e Cami è quindi 69 a meno che Pironkova non arrivi in finale. Tutto è possibile ma mi pare molto improbabile. Gioca un bel tennis, ma come non era sufficiente prima, ancora meno lo è adesso.

          1. tranne una, di cui non si riesce neanche a prevedere quando ci farà il favore di dedicarsi a spendere la marea di denaro accumulata. Non so se sperare che vinca questo slam, così ha fatto il record e si toglie di torno, o sperare che venga battuta quanto prima, così forse le viene il dubbio che il suo ciclo vincente sia ormai solo passato. Con Serena sono arrivato all’insofferenza. Non si muove quasi più, è sempre più goffa e assurda nelle mise, comincio quasi a trovare più gradevole la presenza di sua madre, che quanto a stile rivaleggia con i cowboys del Dakota, che quella della figlia sul campo.

  20. Se non ho fatto male i conti, o non succeda qualcosa di imponderabile, Cami dovrebbe mantenere la sua posizione attuale, 69, visto che può essere superata solo da Cirstea e McNally. La prima non penso passi il prossimo turno, l’altra dovrebbe arrivare alla semifinale, per cui mi pare difficile. Certo, essere 70 o 69 sembra contare poco, ma quel numero in meno in chiave main draw può essere utile eccome all’atto di compilazione del tabellone principale, lo sappiamo bene. Quante volte Cami è stata la prima delle non tds in tornei international, o di pochissimo fuori dalla entry list… Se non sarà costretta ad una nuova sosta ai box, penso che ad arrivare almeno ad un 5 come primo numero del suo ranking dovrebbe riuscirle al 90% delle probabilità.

      1. a me livetennis eu la dà ancora sotto, se arriva agli ottavi andrebbe a 949, e allora si sarebbe sopra Cami. Mi pare debba incontrare la Kenin, non penso che abbia il tennis per vincere, giocando come l’americana ma molto meno forte di testa, a mio parere.

        1. Cirstea nel 2019 fece 2T, quindi i punti del terzo turno di quest’anno non sono netti; magari ora batte Muchova e taglia la testa al toro, ma credo anchio sia ancora dietro,

            1. LA Cirstea ha perso ( per un pelo) , ma la Rus risulta sempre avanti a Camila (937 punti contro 930), non ci capisco più nulla, Camila è 69ma o 68ma.? Scusate l’ignoranza…

  21. ‘Di belle come noi la mamma non ne fa più,
    Si è rotta la macchinetta, si è rotta la macchinetta.’

    Ma la macchinetta del tennis femminile funzione benissimo. Nascono come funghi, picchiano come fabbri, urlano come ossessi. Occhi sgranati sulla palla, pugnetto alzato. Puntano dritte alla meta, con la maturità di chi è cresciuta troppo presto, senza sapere nè come nè perché.

    Ma noi, che non amiamo le fotocopie, aspettiamo che la nostra bella addormentata si svegli, che trovi finalmente la chiave per scardinare quelle trame solide ed indissolubili. Ma il tempo passa, ora non è più una bambina. Il compito sembra sempre più difficile ed il suo sguardo si vela di tristezza.

    Proviamoci ancora, per l’ultima volta, che non è l’ultima volta perché gli astri non erano favorevoli, i polsi erano deboli, il padre non le ha tenuto la mano sulla testa, la madre non le ha disegnato bene la vita, il gatto di casa non stava bene.

    O forse la colpa è nostra, che la lasciano andare da sola, incompresa, con la fragile racchetta in mano, contro una testuggine di sorelle crudeli.

    Camila per sempre.

  22. Butto lì un argomento di discussione e di confronto. Indubbiamente all’inizio della carriera la superficie migliore per il gioco di Camila era l’erba o il veloce indoor, ma forse oggi potrebbe ottenere ottimi risultati sulla terra battuta. Almeno finché il servizio non tornerà quello di una volta….. Inoltre la risposta in posizione così avanzata sul cemento non le dà proprio il tempo di impattare la palla se è molto veloce….

    1. Quasi mi ero convinto anch’io, ma gli ultimi eventi mi hanno fatto ricredere.
      Mi spiego con un esempio- Proprio oggi ho visto tratti (specie il primo set) di Cocciaretto-Schmiedlova; ebbene, premesso che la slovacca non è più (o non ancora) quella che batté Camila in Finale a Katowice, perlopiù Cocciaretto non faceva che alzare topponi lunghi così da non dover soffrire la velocità di palla di AKS, che sarebbe stata rallentata dal terreno pesante, prolungare lo scambio sperando che prima o poi l’altra sbagliasse. Sul veloce o sull’erba questo gioco non lo puoi proporre.
      I vincenti di Camila sul veloce, non lo sono sulla terra battuta, le partite si allungano, a parte Parigi si gioca ogni giorno e lei non ha il fisico per giocare 3 ore al giorno 5 giorni a settimana (vedi Palermo: quel torneo sul veloce lo avrebbe vinto a spasso).
      Se il problema è la risposta avanzata, la soluzione è semplice: basta mettersi un metro più indietro (o anche solo fare un passo indietro mentre l’avversaria fa il movimento del servizio: molte fanno così), anche perché non essendo altissima, il kick da sinistra la scavalca (e lei potrebbe giocarlo raramente perché sono tutte più alte di lei).
      In merito poi, mi permetto di ribadire quanto scritto su questa stessa pagina:
      “ieri mi sono studiata Kenin ed il suo servizio; lei alza la palla senza guardarla, di scatto alza la testa e colpisce: mai uguale, quasi sempre la prima….senza guardare il campo?? a casaccio?? no, secondo me si può capire da piccole differenze dove tirerà! Non è il mio mestiere ma un coach serve a queste cose”.
      Poi, amarum in fundo, se non si mette a servire e giocare slice e palle corte, più di tanto sulla terra non potrà fare (due anni fa a Parigi avrebbe battuto facile Stephens con tre smorzate.

      1. Beh ho detto ottimi risultati, mica vincere Parigi….. In ogni caso il tennis di Camila 2020 sul cemento proprio non mi convince…
        Almeno sulla terra battuta ha sconfitto Yastremska e secondo me contro Osaka, Pliskova, Serena ecc. sulla terra oggi ha più possibilità che sul veloce. Chiaramente le cose peggiorano se sulla terra rossa incontri Kerber, Halep o altre difensiviste a oltranza. Insomma, la coperta è un po’ corta… 🙂

  23. Forse se qualcuno sta guardando il match di Kostyuk capirà i vantaggi di tenere la palla in campo…. Marta a 18 anni ha già capito molte cose che Camila a quasi 29…… 🙂

        1. Non esserne sicuro, fin troppi maschi e femmine nel tennis avevano i famosi enormi margini di miglioramento, che poi sono rimasti ai margini. L’apprendimento non è qualcosa di aritmetico che accresce le competenze anno su anno. Coric, un’esempio fra tantissimi, come giocava a 18 anni gioca ora, è solo più robusto, e infatti si è fermato su un altopiano. Muguruza era una schiappa a rete 5 anni fa così come continua ad esserlo, anzi, forse è pure peggiorata, ora. Ho avuto migliaia di studenti, e anche tanti 100 e lode, che poi si sono fermati lì e passati all’università hanno fatto flop. C’è chi arriva presto alla meta ma poi la consuma subito. Rimbaud a 19 anni già era pubblicato nella Pleiade, a 23 era già un ex. Kostyuk ha solo 18 anni, ma spalle che nessuno dei suoi colleghi maschi ha nemmeno fra i 23enni. Hai presente la Sabalenka? pare che si sia fermata su un altopiano, e se continua a prendere massa potrebbe finire per precipitare giù da quello. Anche Cami, che pure tecnicamente è di molto superiore ai suoi esordi, non ha avuto la progressione lineare che ci si aspettava, ne la stanno avendo le tante valkirie uscite negli ultimi tempi. I selezionatori si sono fatti un po’ trasportare dal pattern Serena, come a suo tempo fecero i russi con le Evert seriali, giocavano tutte come Chris, senza avere la naturalezza del gioco alla Chris. Si sa che le copie valgono sempre meno dell’originale. Ad ogni modo, leggendo anche altrove, sommando la <kostyuk e la Fierro alle altre giovani attenzionate, dovremmo già essere a circa 18 future top ten, che non potranno essere ovviamente top ten se non in alternanza nei prossimi anni. Sempre che le 25enni attualmente nella top ten si facciano da parte. E poi lo sai, basta un infortunio di un certo peso, non improbabile in fisici così estremi, che dei progressi si deve riparlare 5 anni dopo. Poi la Kostyuk il prossimo anno sarà magari una che sa fare lob, drop, cambi di ritmo, voleè e altre finezze degne di Aga, ma permettimi di essere molto scettico. La maggior parte dell'umanità raggiunge il suo picco di rendimento presto e lì rimane, limando ciò che ha, per il resto della vita, o più spesso perdendo ogni anno qualcosa. Se non fosse così il mondo sarebbe un Eden, e non, come ha scritto Dante nella sintesi più splendida a definire il mondo "L'aiuola che ci fa tanto feroci". Ora che ci penso, non è che avesse profetizzato i C'mon! di Serena? 😉

          1. Sono dunque un pessimista, r.b.? No, sono realista, se vedo che qualcosa non va mi sforzo di cambiarla, e quindi non sono nemmeno un idealista utopista. 😉
            Da Ana e Cami alla Kostyuk, vedo che anche tu stai retrocedendo nel ranking dell’expertise muliebre. Se continui così fra due anni leggeremo le tue odi sulla Rogers (che per altro, dimagrita, sta giocando un ottimo tennis, anche difensivo). 😉

            1. Lo diceva pure il povero grande Luigi, hai visto come è finita. Credo più in altre due o tre, se non si infortuneranno troppo spesso, come sta succedendo.
              Hai già visto che nonostante la massa, non ha la potenza di Cami. E quindi neanche di Osaka, Yastrems’ka e simili. A me pare tendente alla pinguedine. Se poi si dovesse affermare meglio per lei, a patto che impari a non gridare, perchè in uno slam arrivi poi al penalty game, che già a Praga era strameritato. Se non c’era Cami tu pensi che una top non avrebbe aperto polemica col supervisor?
              Che abbia più tennis della Gauff è comunque assodato.

        1. Hai fatto tu il confronto Kostyuk-Giorgi, asserendo che Kostyuk “ha capito tutto” (riassumo); io ti ho solo ricordato che colei che “non ha capito niente” (riassumo), solo tre settimane fa l’ha battuta…mettila come vuoi.

  24. …E= mc2…..è forse l’equazione più famosa al mondo…pochissimi sanno cosa significhi ma tant’è…sicuramente è sintetica. Non come quelle noiosissime pagine che cercano di spiegarla.
    …ma in fondo che ce ne frega…non siamo mica dei fisici teorici….
    …anche P= 1/2 m x v2 è un’equazione famosa…ed interessa i fisici non solo teorici…ma un po interessa anche Camila…e di conseguenza noi.
    Partiamo da una congettura …( da Wiki) ” è un’affermazione o un giudizio fondato sull’ intuito, ritenuto probabilmente vero, ma non ancora rigorosamente dimostrato, cioè dunque relegato solamente a rango di ipotesi.) …è noto che Camila sia entrata in campo con una sacca con scritto Wilson. Questo è più sicuro…visto che è andato in mondovisione…dello stato di salute di Camila…di cui ne sa solo lei…e probabilmente…e solo probabilmente conoscendo Camila….anche Sergio
    Altro dato certo è che la settimana scorsa la sacca scriveva Head…e che Camila non gioca ne con una Head ne con una Wilson.
    Camila gioca con una racchetta “anonima” . Voci raccontano che sia stata realizzata da un gruppo di ingegneri proprio per ridurre le ripercussioni sulle articolazioni che un gioco così aggressivo necessariamente comporta. Piatto maggiorato, tensione e frequenza delle corde…non pervenuta. Questi sono gli unici dati noti che abbiamo e solo su questi possiamo azzardare ipotesi. Ora se la sacca fosse una Wilson ufficiale sarei più tranquillo….un team di esperti che realizzano 10 racchette diverse al giorno..per trovare quella giusta…ma la sacca Head della settimana scorsa smentisce e nega questa speranza…e conseguentemente non c’è dietro neppure la Head…suona tutto come una sorta di “Messa all’asta”…qui perciò si rischia…visto che non credo che un gruppo di “Ingegneri” sia in grado di produrre una nuova versione al giorno.. che sarà Camila a doversi “Adeguare alla racchetta”…piuttosto del contrario.. E questo non è buono…ma come per i vestiti…loro sono I Giorgi. Ed avranno valutato con attenzione il rapporto tra Rischio Tecnico e Ritorno Economico. Camporese gioco un anno con una Dunlop 200 verniciata con un altro colore per non cambiare attrezzo anche se era fuori contratto….Camila ha fatto un’altra scelta…estrema??? Si. proprio come il suo gioco. E’ la racchetta che tira più piano…non Camila …diminuendo m a parità di v 2…si riduce P.
    …segue..t.o.

    1. Molto sensato e ben ragionato. Scusa se non ha mantenuto la promessa fatta, ma dopo quella nottata pure io sono crollato, non ho più le sinapsi di una volta per reggere ad una sconfitta alle due del mattino. Ti stra-prometto che per Roma, che è il mio habitat, salderò il debito con 10 righe di interessi. 😉
      con imperitura stima e apprezzamento da
      Ah Robbè de Roma. (in alternativa ah biondo o ah belli capelli, pure se sono moro brizzolato e al momento con i capelli corti).

  25. Ho visto la partita e ho deciso di non commentare subito per darmi tempo di riflettere su quello che ho notato. A mente fredda, e non sapendo quanto il fastidio fisico possa aver influito negli ultimi incontri, una cosa mi preme di sottolineare: il gioco di Camila è così ripetitivo che io, che non sono un tennista anche se gioco a tennis, riesco a prevedere nove volte su dieci (errori tipo rigori a porta vuota sbagliati esclusi…) dove finirà la palla di Camila. Penso che giocatrici di alto livello possano fare meglio di me e prendere i provvedimenti adeguati. Nell’ultima partita con Martens, a un certo punto il regista ha inquadrato la belga che stava mandando un sorriso d’intesa al suo angolo, quasi volesse dire “Sì, sì, lo so quello che farà…” , ed è finita come sappiamo.
    Quel tipo di gioco può funzionare con avversarie più indietro nel ranking, che magari non conoscono Camila o non hanno i mezzi per controbattere, ma con gente tipo Osaka, Serena, Kerber, Mertens e poche altre, se non introduce variazioni, per vincere deve fare la partita perfetta. E’ successo, da un po’ non succede, ci sarà una spiegazione, ma io continuo a sperare che Camila integri “il suo gioco” con più colpi e li usi nei momenti giusti. Fare a braccio di ferro con Osaka serve veramente a poco, e non è stata la prima volta, nel 2018 a Tokio era andata in maniera molto simile.

  26. Bisogna fare più punti possibili in quel che rimane del 2020 per ripartire l’anno prossimo, nella speranza che il circuito torni alla completa normalità, da una posizione nel ranking che le consenta di entrare nella stragrande maggioranza dei MD. Questo è l’obiettivo necessario.

    Dalla ripresa Camila ha disputato 3 tornei (2 international e uno slam) incamerando 210 punti (una media di 70 a torneo che è buona) recuperando una ventina di posizioni. Dovesse ripetersi, poniamolo come traguardo minimo, durante il mini-tour su terra, ne recupererebbe circa un’altra quindicina. Chiudere poi la stagione in top 50 rappresenterebbe un buonissimo risultato.

    il congelamento del ranking, che è attualmente tema di discussione tra i vertici, potrebbe essere protratto per un altro bimestre includendo anche i mesi di gennaio e febbraio. Nel caso Camila avrebbe la garanzia di mantenere in classifica i 130 punti dell’AO e la possibilità concreta di scalare il ranking nei mesi successivi puntando alle prime 32 posizioni, quindi a una TDS negli slam. Altro obiettivo necessario dal momento che coi sorteggi è spesso poco fortunata.

    Ha in calendario anche Strasburgo, torneo che se fosse TDS al RG, sarebbe meglio saltare, essendo collocato tra Roma e Parigi. Nella situazione attuale però i pro e i contro più o meno si bilanciano e molto probabilmente l’ago della bilancia sarà stabilito da quanta strada farà al Foro Italico.

    Vamos flaca!

    1. Quasi certamente al prossimo ranking Camila sarà #68.

      Davanti a lei ci sono almeno una quindicina di giocatrici che le sono inferiori, almeno in questo momento, da Qiang Wang a Strycova, da Zheng a Sevastova, Peterson, Hercog, Watson, Rus, Diyas, KriPliskova, Cornet, Siniakova, ovviamente AVU, ed altre.
      Con altre se la gioca, abbiamo visto Yastremska, la deludente Vondrousova, e ci metterei Kuznetsova, Mladenovic, Teichmann.
      Naturalmente se sta bene fisicamente, risolve il misterioso problema che ha accusato, e mantiene una buona condizione di forma.

      L’obbiettivo di chiudere l’anno entro le 50 è più che ragionevole, ma bisogna conquistare minimo 300 punti, non sono pochi, anche se la concorrenza non è propriamente agguerrita. I tornei su terra fino al RG non bastano, occorrerebbe far bene anche dopo, ma il calendario post RG è al momento molto fumoso, per ora sono ancora in gioco solo Linz e Mosca, più il 125K di Limoges.

      Con la storia che i punti quest’anno non si scalano la classifica è diventata molto più vischiosa, non si scende ma si fa più fatica del solito a salire.

    2. Si può anche già fare una sintesi del 2020.
      Main draw
      9 vittorie contro 156, 53, 378, 58, 46, 111, 25, 140, 60
      6 sconfitte contro 10, 18, 73, 44, 23, 9
      ha vinto contro chi doveva vincere,, con l’acuto Yastremska ed ha perso con Serena, Kerber, Kasatkina (l’acuto al contrario, di questi tempi), Ferro, Mertens ed Osaka.
      Qualificazioni
      5 vittorie con 138, 143, 116, 252, 133
      3 sconfitte con 91 Kozlova, 36 Goerges, 63 Pera.
      Al netto dell’entità del “problema”, diciamo che non batte più le top ten, ma nemmeno perde più con over 100.
      Ultimo dato a favore, lei sconta comunque ancora 3 zeri di Miami, Madrid e Parigi 2019 per cui i punti che farà in questi tornei saranno “netti”.

    3. io penso che fra Roma e RG un 200 punti li dovrebbe racimolare, come minimo, ammesso che il problema che si porta dietro da un po’ sia magari solo che ha la ferritina bassa o solo un affaticamento generale da carichi di lavoro o qualche altra sciocchezza. Non sono sicuro che le americane voleranno tutte a Roma, e di sicuro nè a Roma nè Parigi ci saranno le orientali che la precedono, e che quindi punti non ne prenderanno. Sulle americane poi ho qualche dubbio che partecipino in massa, per cui i tabelloni dovrebbero essere più aperti, e non beccare subito le più toste ai primi turni. Non perchè non possa batterle, ma per essere più certa la possibilità di non essere battuta, se in giornata così e così, e quindi di fare quel minimo di bottino che le permetta di ripartire da classifica più “garantista” nei tornei a venire. Se anche poi ci fossero le americane, non sono molto sicuro che senza essersi provate prima su terra arrivino poi preparate. Camila, al contrario, ha fatto già esperienza, e ha fatto vedere di non essere l’ultima arrivata sul mattone tritato.
      Lo ripeto, sperando che non si ripresenti l’ennesimo pa-tra-track fisico!

  27. Osaka giocare a tennis (filosofico, mentale) proprio come Cami, solo meglio e in modo più intelligente => Cami per Osaka no problema. Ella essere eliminato dalla top 100, dentro l’anno, terminare la sua carriera e si marito :).

        1. Guarda che io ho studenti venuti in Italia dal Bangladesh che dopo un anno parlano anche peggio. Se dai loro da redigere una breve composizione, ti trovi perle tipo: – i secondi passati con compagni- dove è evidente che hanno prima scritto o tradotto in inglese, e poi moments è diventato secondi col traduttore. Comunque meglio che non parlino italiano, visto che anche il loro inglese fa accapponare la pelle.

    1. Non è che l’uomo è più informato di noi ?
      Se si marita ed è felice, rinuncio volentieri alla mia passione tennistica. Oppure facciamo chat per la Cocciaretto, che è meno esposta alle tentazioni del cuore.

    2. Filosofica la Osaka? Quale è la sua filosofia? Oggi dico una cosa che smentirò domani che poi rivaluterò domani l’altro? Oggi pulzella del black power domani testimonial di talk show (la pagliacciata del collegamento con mommieeeeeeeeee). Ho avuto una rivelazione, tre quarti della popolazione mondiale è filosofa nel lavoro scelto, se anche ad Osaka può essere attribuito. In inglese lasciamo che discetti di filosofia Popper, che non i tennisti maestri di vita. Brava Cami ad aver sempre evitato il quaquà delle sale interviste.
      Se ne leggono…..

  28. È OT ma oggi si deve fare un grande applauso a Berrettini e soprattutto a Caruso per le splendide vittorie che hanno regalato al tennis italiano…. E se non si fosse infortunato Sinner sicuramente avremmo 3 ragazzi al 3. turno… Bravissimi, ragazzi!

  29. @Roby
    Certamente apprezziamo il tuo inglese impeccabile, ma per favore scrivi in italiano, è davvero troppo bello e simpatico come scrivi nella nostra lingua… A me piace moltissimo, ok ci sarà qualche errore, ma è davvero così tenero…. Bravo! 🙂

  30. purtroppo è andata malissimo…

    il divario non solo nel punteggio ma anche nel gioco è stato notevole…
    osaka non soffre per niente le accelerazioni di camila e sembra abbia fatto veramente poca fatica a vincere

    ora bisogna cercare di risalire in classifica e cercare di aggiungere qualcosa al proprio gioco

    c’è da sperare che in futuro naomi sia sempre dalla parte opposta del tabellone perchè attualmente non vedo come cami possa batterla…

    vamoooooosss !!! camila…

  31. Sono fra i fortunati che non hanno visto l’incontro ma ciò non vi evita una esamina a distanza. Camila è come un grimpeur che gareggia con 15 kg sulle spalle. Per poter intraprendere un nuovo percorso bisogna per prima cosa alleggerirla. 1) 5 kg dai doppi falli. Non sono un problema in assoluto ma Camila li fa sistematicamente quando il punto è fondamentale.
    2) 5 kg sulla risposta al servizio, vocazione al suicidio che regala punti facili all’avversario. 3) 5 kg di disordine tattico. La scelta sbagliata al momento sbagliato. Dal momento che è impossibile che Sergio non abbia realizzato queste problematiche, dobbiamo ipotizzare una ostinata vocazione all’autolesionismo di Camila. Se non si risolve quanto sopra, andrà sempre peggio. Risolti questi problemi, si può parlare della nuova disciplina tattica. Altrimenti è tutto inutile e le avversarie ringraziano (non mi sembra faccia più paura come un tempo).

    1. Sta tranquillo, ché quando ci sono i sorteggi, non è in cima alla lista dei desideri di nessuna.
      Quando Muratoglou ha detto che Serena non ci avrebbe mai perso, ha anche detto perché: perché non l’avrebbe mai presa sottogamba.

  32. Uh, pure Cami 2.0 è uscita in malo modo. Anche oggi vedo certi primi set non normali, Mugu fatica con Pironkova, Jabeur con la Kanepi, che gioca un torneo ogni 2 anni, Sakkari che ha perso netto il primo e anche sul secondo è in lotta, la Scott palla set con Anisimova, comincio a credere anche io alle possibilità della Kerber. Pure queste qui sanno giocare a tennis o non hanno tattica, varietà, potenza, servizio. E la Pliskova di ieri l’hai vista? Com’è non la danno già come ex-singolarista? Una Brengle o Pera non penso si possano considerare a livello Osaka. La donna è mobile, il ranking wta pure.

    1. Muguruza non ha il piano b, mai una variazione, mai una palla corta, mai una voleè (non sbagliata), per me è colpa della Martinez, deve cambiare allenatore se vuole andare avanti, e visti gli scatti di nervi consiglio pure un supporto psicologico. 😉

      1. E per quanto riguarda quanto conta la fiducia, Pera ha avuto 3 palle break consecutive del 3-1 e servizio per lei, di cui 2 annullate da lei stessa con errori banali a punto quasi fatto. Risultato, come Mladenovic non ha capito più niente e errore su orrore ha perso i 5 giochi consecutivi. Così fan tutte, non solo Camila, anche se vorremmo che Cami non rimanesse più in questo gruppone.

        1. Pian piano, invece, a mente fredda….
          Un po sono quasi “sollevato” che avesse qualche proble…mino, vah: io sono uno che rosica come e più di lei e non ci potevo stare che fosse stata messa sotto così…tutti quegli errori! E dopo due giochi credevo pure l’avesse impostata bene!
          Mi rivaluta pure la vittoria del primo turno (non ci credevo che stesse perdendo un set col suo “sacco” preferito, anzi “puncing ball”: Camila è più tipo da colpi rapidi) ed anche le difficoltà da Ferro in poi: troppe partite consecutive con poche ore per recuperare potrebbero aver causato il danno.
          Lei è una che non gioca a tennis: lei in campo fa la guerra e se non sta al massimo, fa la fine della Ferrari di quest’anno.

        1. ma un insufficiente lato a, peggiorato da quella eterna espessione da TU MI STUFI- MA NON SA CHI SONO IO. Sta sulle wilson pure agli spagnoli come persona, il che è tutto dire.

  33. Eh vabbé chiedo scusa alla Ferro e a tutti i tifosi francesi (che per fortuna non postano qui e non credo leggano)… Mi sono fatto un po’ prendere la mano.. Comunque sta gran campionessa non mi pare.. Tra l’altro ha saltato gli US Open, mica è la Halep o Nadal che possono permetterselo avendo guadagnato già montagne di soldi e vinto Slam….

      1. Va be, almeno per me erano le 8 di notte. Mi da piu’ fastidio che Camila ha giocato 10km da cassa mia e non avevo la possibilita’ di sostenerla di persona. Ma se penso che Brengle e’ al terzo turno, certo ho voglio di urlare…

          1. Più che ottima la definirei “rognosa”, e non è che voglia essere offensivo, è che proprio è il tipo di giocatrice che ti fa giocar male ed è sempre da prendere con le pinze.

  34. Ok, ma almeno non tiriamo fuori alibi alla sconfitta… Certamente Osaka aveva ed ha tuttora un problema alla coscia… magari spostarla di più no, eh? Camila forse pure non era al 100%… Se fosse stata al top della forma chissà… Intanto è finita tanti a pochi….. La prossima volta si vedrà….. Io dico solo che se soffri e magari perdi in tre set con la Ferro (che è una buona giocatrice da ITF) come puoi sperare di fare partita pari con la Osaka?

    1. Definire la Ferro degli ultimi tempi una buona giocatrice da ITF apre la porta a due opzioni: o si parla a vanvera non sapendo analizzare le giocatrici, o si parla a vanvera e basta.

        1. Provocazione per provocazione, mi ci butto anch’io. È certo che il mentore di Renato Vallanzasca fosse Frank Capra: la malavita è una cosa meravigliosa. Teoria inconfutabile al pari di “palla in campo”, “deve cambiare allenatore”, come tutte quelle che trovano spazio sul web.

    2. Dai, una dentro la 50 non è da itf. Allora le nostre dopo Cami chi sarebbero, giocatrici da torneo aziendale? Non sappiamo che problema abbia, non credo il polso perchè quando le faceva male davvero non picchiava più la palla. Mi è parsa una partita un po’ alla Sakkari. Adesso che sono meno assonnato, ha cominciato a tirare al centro dopo che più volte il dritto incrociato era stato o affossato o fatto decollare. Un suo schema è proprio quello del contropiede con quel colpo, o l’uno due in caso di buon servizio. Magari vincerà il torneo, ma non è vero che questa sia un’Osaka d’annata, anche nelle partite dello pseudo-Cincinnati mica ha passato i turni con parziali secchi. E poi dove starebbe, almeno in questa parte dell’anno, la varietà della Osaka? Ieri ho visto enormemente migliorata, e per altro finalmente senza marsupio frontale, la Rogers, ma tutte le altre palesano condizioni di forma davvero mediocri. Basta guardare gli score e anche le eliminazioni. Pure Sakkari per ora non è che passeggi. Adesso mi preme più sapere che uscirà dalla consultazione medica prossima ventura. Non vorrei che uscisse fuori, per altro, che Cami è positiva al Covid. Ha parlato di accertamenti, non ha mica detto di che cosa da accertare…

      1. Scrivo in inglese per salvare un po’ di tempo (mio): in my opinion, the score was a little misleading, similar to the match at last year’s USO against Sakkari. Most of the games won by Osaka were close, or at least not easy wins for her, especially in the second set. There were a few key points where Camila will just miss her shot, or Osaka would just barely make hers. A few centimeters here and there and the score would have been a lot closer. Yes, I know that this is the nature of tennis, but I just don’t like the idea that Camila was thoroughly beaten. The second set was quite competitive for the most part.

  35. Non tante cose da diree Il primo set è stato un incubo ed infatti ho preferito spegnere ed andare a dormire , mi ero fatto una idea di come sarebbe finita. Non sono deluso, Osaka è più forte di camila , molte più forte. Tira forte come e più di camila , in generale sa difendere ed è più paziente , più accorta tatticamente. Potrei segnalare che tutte le volte che sulla seconda ha messo i piedi dentro al campo non ha mai fatto punto , ma in realtà alla fine smplicemente , ha perso contro una tennista che gioca meglio di lei. Pazienza. Alla prossima .

  36. Tenere la palla in campo non è una conseguenza…. È una scelta. Non so se sia la scelta giusta per Camila, però quando vedi fare montagne di errori gratuiti cosa rimane da pensare? Primo tenere la palla in campo a tutti i costi, poi se l’altra ti fa il vincente, brava lei. Ma questo è ovviamente il mio pensiero e non quello di Camila. Se incontrassi Camila le chiederei un autografo, non le darei certo consigli, non sono un tecnico né vorrei esserlo (tanto ormai Ana si è ritirata eh eh).
    Sul sito ci si scambia pareri e messaggi, ma sono ovviamente per noi, non per gli atleti o i tecnici, questo lo abbiamo detto tante volte, ma evidentemente non entra in testa e quindi lo ripeto….
    Se Camila fa doppio fallo sulla palla break si potrà dirlo oppure no? Ho capito che sarebbe meglio non fare DF e neanche lei vorrebbe farli, ma ci sarà un modo per evitare che il servizio sia così inaffidabile e ballerino? Lo stesso vale con i gratuiti da fondocampo….
    Non vorrei che il gioco di Camila fosse una coperta troppo corta, se per tenere la palla in campo deve rallentare perde, se per non rallentare la palla tira tutto fuori…. beh allora non saprei cosa fare… Però ricordo che Barazzutti quando la allenava in Fed Cup diceva che Camila doveva essere più solida e consistente (che è la base nel tennis, altrimenti non si va da nessuna parte)…. E se lo diceva Barazzutti credo che lo dica anche la Garbin adesso. Il problema dei tecnici è che oltre a dirlo devono anche trovare un metodo per realizzarlo nella pratica. Finora non si è visto se non sporadicamente, e infatti siamo a soffrire 3 set lottati contro la Peterson, mentre contro le top player finisce tanti a pochi…. Questo è al momento il tennis di Camila…
    Speriamo arrivino tempi migliori.

    1. Ma se continua ad essere quella nel circuito che tira la seconda mediamente più forte di tutte le altre, è chiaro che il doppio fallo lo rischi spesso. Ieri, in fondo, ne ha fatti solo 4, che per la sua interpretazione del servizio è quasi insignificante come dato. Ha pure servito più del 60% di prime, però, e qui bisogna dirlo, perchè pur tirando altrettanto veloce dell’altra, per quanto attiene ai rilevamenti ufficiali, l’altra ha risposto più spesso di lei? E non è solo Naomi. Forse l’esecuzione di Cami è più facile da leggere, per cui un po’ si preparano, forse è anche che varia troppo poco le direzioni del servizio (in partite come questa almeno). Con Cami si sa, meglio tirare ad uscire sul dritto, o al centro quando si pone troppo avanzata. Ho visto tante volte che su seconde ben piazzate vicino alla t, lei, stando così avanti, è costretta anzichè andare verso la palla a dover fare un passo indietro, che poi porta la risposta a finire contro il net, un po’ meno spessa a uscire dal rettangolo. I primi due games li ha giocati bene, aveva già 4 vincenti nel tabellino e una risposta di rovescio incrociato su prima sostenuta di Osaka all’incrocio del rettangolo di battuta che ci si domandava come avesse potuto mettere dentro. Però i 2 df consecutivi e mi è sembrato un remake delle 2 risposte vincenti di Pegula nel Bronx: Cami comincia a uscire dal match. Comunque, visto che sappiamo che Cami non millanta fantasie compassionevoli, che è ora sta storia del problema che si porta dietro da un po’ di tempo, su cui fare accertamenti? E’ qualcosa che già aveva con Mertens, quando arrivava in ritardo sul rovescio e lo metteva quasi sempre fuori? Ieri è stato il dritto quello che le ha procurato il maggior numero di problemi, e la risposta sulle seconde di Naomi, che, va detto, erano per lo più messe in gioco. Non vorrei che la fretta di concludere a Praga, e, per me, una insufficiente predisposizione alla lotta punto a punto qui c’entrino qualcosa, ossia che sapesse di non poter sostenere ritmi intensi a go go.Incrociamo le dita
      Ho letto le critiche degli haters di turno, molto esagerate, perchè le 2 categorie di differenza nei colpi non ci sono. Se ci si riferisce alla capacità di stare dentro la partita si, dei colpi o della tecnica no. Ste qualità difensive di Naomi poi dove sarebbero? Arrangia delle difese, ogni tanto, ma non mi pare certo una Radwanska, direi più che altro che le prova, Camila no. Se proprio devo dire la mia, la Yastrems’ka le ha proposto molte più difficoltà che Naomi ieri, e anche la Kostyuk, solo che lì Cami ha accettato la lotta, qui e a Praga no.
      Se poi ci mettiamo che Osaka, pur essendo anche lei inconstante – per cui si becca da chi la esalta oggi constatazioni di involuzione, declino e sopravvalutazione appena esce in un torneo al secondo turno; diva oggi schiappa domani (simil Tzitziscars o Sciapovalov)- che non significano un tubo se non per chi scrivendoli si pensa creativo e spiritoso con l’ovvio – la suddetta Osaka è intimamente convinta del suo valore, per cui la fai entrare in ansia molto meno di tante altre e la frittata si cuoce da sè. Un po’ di fifa l’ha avuta anche lei, con le palle del contro break per Cami, purtroppo sprecata con la risposta di rovescio a metà rete su seconda mediocre, perchè si sa che se Camila si accende poi va a finire che ti tocca lottare fino al terzo,e magari ti infortuni sul serio. E’ comunque la partita più strana che io abbia visto giocare a Camila, non era per nulla disastrosa, ma la distribuzione wins e ufs è stata pessima. Il problema penso sia solo muscolare, o forse tendineo, ma mi auguro con tutto me stesso che non esca fuori qualche microfrattura in una delle articolazioni. O forse è endocrino, speriamo di avere presto notizie. Se Cami dice che ha un problema, significa che c’è. Li negava pure quando erano evidenti (stagione 2017, lieve problema alla coscia che poi è costato un terzo della stagione, se non di più) non penso proprio che ora ne proclami di inesistenti.

      1. È la storia della coperta corta… Cosa serve tirare la seconda più forte di tutto il circuito WTA se poi non entra (quasi) mai? E comunque è molto importante anche il primo colpo dopo il servizio, visto che le altre hanno un vizietto seccatore, e cioè quello di rispondere a cotanto servizio…. Ma come si permettono? 🙂

        1. Che non entri quasi mai non è vero, visto che ieri solo 4 df, di cui nel terzo 1 solo. Anche a Palermo e Praga la percentuale di realizzazione con la seconda era molto buona. Con Mertens il servizio non ha avuto niente a che fare con la scofitta, è stato il resto che non funzionava. “… che mi porto dietro da qualche tempo.” Da quando? Palermo? Praga, dagli allenamenti successivi ai quei tornei? Poteva far correre la Osaka, come ha fatto con le avversarie a Palermo e con la Kostyuk, ma sicura solo sul rovescio era difficile. Che poi sulle risposte a quelle brutte seconde di Osaka sia stata deficitaria te lo concedo. Alle palle del break per l’altra non c’è arrivata solo col servizio, ma con gli errori di palleggio precedenti, il df in due casi ha solo chiuso 2 games giocati ad alti e bassi prima del punto della perdita del break. 20 punti (non so se i df fossero computati nei 24 totali), che sono 5 games regalati, o se vuoi scorporando quelli della Osaka dal totale 13 punti fanno dai 5 ai 3 games. Mica sto parlando di errori forzati, ma di gratuiti. In quelli almeno i meriti di Naomi sono inesistenti, a meno che non sia pure ipnotizzatrice. Osaka, come anche le altre, non hanno un livello tale da dare la classica stesa alla Giorgi. Fra un po’ di giorni sapremo che è sto cavolo di problema fisico. La partita di oggi non conta una cippa rispetto alla speranza che non sia che qualcosa di poco conto e passeggero. Nè conta la suddetta cippa nel caso che invece sia una limitazione seria, perchè questo vorrebbe dire altro stop e ripresa direttamente il prossimo anno. Che perda pure con Naomi basta che sia integra. Non mi va di saperla rivivere le vicende degli ultimi 3 anni, o ascriverla fra le Anisimova, Bellis e Andreescu.

          1. La cosa che invece era da evitare assolutamente è quella polemica fra Sergio e la signorina addetta ai controlli. Quella signora avrà avuto un regolamento da far rispettare; che era tutta quella sceneggiata, che in uno stadio vuoto risaltava ancora di più? Briatore mo’ è diventato un influencer? Non sai mantenere la calma? Allora te ne vai fuori a fumarti una sigaretta, senza fare il Fognini delle tribune.

    2. Scusa r.b., è evidentemente una conseguenza e non una scelta, il binomio palla veloce+palla fuori campo: più forzi e più hai probabilità di tirare fuori.
      Potrebbe essere una scelta invece, il “palla in campo”, se lo persegui attraverso un colpo più lento e controllato e maggiori rotazioni, non certo mantenendo le stesse velocità.

      Il problema è che ti puoi permettere seconde più sicure e palle meno veloci, solo se non ti ritornano dei comodini, altrimenti vai sotto ancora più facilmente, non avendo una grande fase difensiva. Semmai con avversarie che non hanno colpi potenti, si potrebbe ben adottare il “palla in campo”: Camila non lo fa quasi mai, e contro tante potrebbe farlo tranquillamente, mentre contro la Osaka di ieri sarebbe stato peggio.

      Ad ogni modo ieri ho visto una discreta volée smorzata, e un paio di rovesci difensivi in back niente male, segno che qualcosa stanno aggiungendo al repertorio; sarebbe vitale poter aggiungere una variante di cross più corto, che può garantire angoli più esasperati e mettere in difficoltà le avversarie che stazionano molto dietro alla linea di fondo, o la famigerata palla corta, ma forse chiediamo troppo!

      Camila è sempre al di sotto del suo potenziale, ma al massimo credo che sia da top 20 e non di più, mentre Osaka è da top 3 e si può battere solo in una giornata particolarmente storta, se ci mette molto del suo. Diamo merito anche all’avversaria che è nettamente più forte e ha meritato.

  37. Risultato sacrosanto, punteggio esageratamente severo.

    Contrariamente a quello che appare dallo score finale c’è stata partita, Camila ha fatto più vincenti di Osaka, 15 contro 14 e, se togliamo gli aces ed i servizi vincenti, negli scambi ne ha fatti quasi il doppio, 13 contro 7.
    Purtroppo ha fatto anche il doppio di errori non forzati, 20 contro 9, la sconfitta è indiscutibile, la misura con cui si è conclusa immeritata.

    Era impossibile vincere? Impossibile non esiste, serviva una Camila in perfette condizioni fisiche (preoccupa la sua dichiarazione post partita), una Camila carica ma calma (vero Sergio?) , magari anche quel pizzico di fortuna in più che può dare fiducia e fare crescere qualche dubbio nell’avversaria. Piccole cose che possono poi far pendere decisamente l’ago della bilancia, ma non c’è stato niente di questo.
    Nessuna recriminazione per il risultato comunque, qualche rimpianto per non aver giocato al meglio le proprie carte.

    Speriamo che il problema fisico a cui ha accennato non sia grave e si possa risolvere (ancora il polso?), Roma non è lontana.

  38. In questa occasione non riesco a dare troppi demeriti a Camila per la sconfitta.
    La delusione, ovviamente, è ancora forte, ma non mi sento assolutamente frastornato come quando commentavamo la debacle inspiegabile dell’anno scorso contro Sakkari…Osaka la si batte solo se lei ti aiuta ogni tanto. E’ una vera Top. Camila all’inizio del primo e nel secondo set ha lottato questa volta, doveva fare una partita perfetta per avere chance, stile Sharapova a IW…non è stato cosi… La Nipponica e’ potente, ha un gran servizio, è molto solida da fondo (almeno quando è ON-FIRE come ieri) non accorcia praticamente mai e sa anche angolare e fare dei vincenti spettacolari (qui Camila è nettamente superiore, pero’…). Insomma vedo in lei le migliori caratteristiche di una Halep o Kerber, unite a quelle di una Serena o Pliskova, sempre quando gioca al suo top, perchè anche lei a volte eccede in prestazioni a dir poco opache. Non ruba certo l’occhio come Camila ma a mio modesto parere e’ una di quelle tenniste che per caratteristiche metterà sempre in difficoltà la Nostra.
    Adesso vediamo cosa riserverà il resto della stagione sulla terra rossa dove Camila ha fatto registrare indubbiamente dei buoni progressi…Sono convinto che si togliera’/ci toglieremo ancora qualche bella soddisfazione fino alla fine dell’anno…Vamos!!!

  39. @r.b. …
    …uno dei più grandi autori teatrali del novecento ( morto nel 1989….) scriveva testi teatrali di straordinaria “Intensità” usando non più di 500 parole…compresi avverbi ed aggettivi. E’ stato un rivoluzionario della “drammaturgia” che ha influenzato e continua ad influenzare tutte la scrittura “scenica” a livello mondiale. … solo 500…600 parole che nel ritmo delle battute e delle scene si rincorrevano…. si “raddoppiavano”….scandivano ritmi…ridondanze….evocazioni…sempre uguali e sempre diverse nella loro “compilazione”…nel loro “algoritmo”…
    ….” musica e matematica”…espresse al loro massimo livello attraverso il “Verbo”…”la Parola”…il “Logos” ….
    E’ morto ben più giovane di come sono io adesso….e sono uno dei pochi al mondo (non è un’esagerazione) …che può dire di ….”..essergli passato accanto”…….(se mai ci incontreremo ti racconterò…….in fondo se ci pensi…è un po come t.o. con Camila e Sergio…sono anch’io un tipo eccentrico sai….) …..
    ….lui con 500 parole (…in tedesco valgono di più…perchè si “compongono”) era in odor di nobel da quando aveva 50 anni…..
    …tu che parli di tennis…che ami il tennis… il gioco più imprevedibile…impronosticabile del mondo…..seguendo la giocatrice forse più “folle” dell’ultimo decennio…..tu che sei un Ragazzo di Studi…non trovi altro modo di raccontare Camila …che usando in tutto 30 parole…..e sempre nella stessa sequenza….non ce l’ho con le 30 parole….se con 500 si può vincere un Nobel 30 sono più che sufficienti per parlare di un match…..è il “sempre nella stessa sequenza” che mi preoccupa…. cBisogna tenere la palla in campo e non bisogna fare doppi falli…Bisogna tenere la palla in campo e non bisogna fare doppi falli….Bisogna tenere la palla in campo e non bisogna fare doppi falli….
    …lo sa anche t.o…..e forse lo sa anche Camila… e lo sappiamo tutti…. Bisogna tenere la palla in campo e non bisogna fare doppi falli…Bisogna tenere la palla in campo e non bisogna fare doppi falli….io aggiungeri non bisogna sbagliare i dritti…e neanche i rovesci…e possibilmente anche non fare fallo di piede…e bisogna anche allacciarsi le scarpe bene…sennò inciampi e rischi di farti male…la maglietta della salute dove la mettiamo……..
    ps: …Quel signore Austriaco di cui parlavo si chiama Thomas Bernard….era un eccentrico…e non faceva cose Banali…ha messo nel testameto che le sue opere non possono essere rappresentate nella sua Austria….da nessuno…pena la Perdita dei diritti d’autore agli eredi …Anche Camila è un po Eccentrica…ma se per caso ti chiedesse di darle un consiglio?…cosa le diresti??? che deve tenere la palla in campo!!!! Come dire ad un malato di Covid19….Beh….tu devi respirare…devi respirare….credo lo sappia….se non ci riesce ci sarà un motivo…
    Palla in Campo non è un motivo…è la conseguenza…
    ciao t.o

    1. Scrivo 30 parole perché uso il cellulare e per non annoiare con commenti eccessivamente lunghi, come fanno altri, che infatti di solito salto a piè pari…. 🙂
      Evidentemente di tennis non ne so abbastanza e perciò eviterò di commentare, tra l’altro ormai con Camila è rimasto poco da dire… Gioca sempre allo stesso modo e ormai a 29 anni le altre la conoscono bene…..
      Mi riservo le battute, la scaramanzia e i commenti live da tifoso…. O non sono permessi neanche quelli?

    2. Al di la di Bernhard che era accusato di peggio che esterofilia e forse anche per questo non si rappreseta in Austria, resta il fatto che certi gratuiti di Camila sono inspiegabili, che non si capisce perché debba giocare sempre al centro (tanto i vincenti Osaka glieli spara pure dal centro), perché mai servizi slice, perché non alterni dx, sc centro sia col servizio che nello scambio ecc
      Quando angolava bene, Osaka neanche ci provava.
      Altro esempio, che può entrarci, ieri mi sono studiata Kenin ed il suo servizio; lei alza la palla senza guardarla, di scatto alza la testa e colpisce: mai uguale, quasi sempre la prima….senza guardare il campo?? a casaccio?? no, secondo me si può capire da piccole differenze dove tirerà! Non è il mio mestiere ma un coach serve a queste cose, non a litogare con l’hostess “pierino di turno in cerca di gloria”.
      Sai che la prima di Osaka ti concede poco ed allora non ti puoi permettere di non ritornare TUTTE le seconde!
      Oh, sempre non sapendo se ci siano probemi fisici (speriamo di no!, ma almeno sarebbe una spiegazione!), nel qual caso avrebbe fatto già troppo: nella race sarebbe n. 35.

      1. ..ciao Fabblack…non era questo il tema…ma solo per chiarire un tuo “forse” (sul motivo della non rappresentazione in Austria”…..perchè se rispondo “al forse” ritorno ad essere O.T. …nel senso di on topic… …se uno ha notizie di Prima Mano e se chi le dice è affidabile in genere viene preso per “Buono fino a prova contraria”…..perciò non parliamo di Camila…usiamo un “Filtro”….
        Thomas Bernhard non viene rappresentato in Austria per sua espressa volontà palesata all’interno del contratto con l’editore Surkamp_Verlag che ne gestisce i diritti mondiali. …diceva degli austriaci….”sono quelli che pensano che Beethoven sia Austriaco e che Hitler sia Tedesco…” così come ha designato l’unico regista che poteva mettere in scena i suoi spettacoli …Claus Paymann…( a cui intitola la sua opera postuma…) che potrà decidere dopo la sua morte se e a chi affidare eventuali altre regie…ma che non può comunque derogare al divieto di Prime rappresentazioni in terra Austriaca.(non può essere una produzione austriaca…) …e questo per i prossimi 45 anni ( il diritto d’autore dura 75 dalla morte…)…..ciao…e prendila per quello che è…..una nota a r.b. con tanto di @r.b. in testa scritta alle 4 di notte dopo una partita di Camila non esaltante….. 🙂 🙂 🙂

    3. Io trovo i commenti di rb molto sensati. Camila ha un linguaggio autistico di difficile interpretazione, To, da fine psicologo quale è, usa montagne di letteratura per non ammettere che non abbiamo capito nulla.

  40. Io credo che con un po’ di correttivi tecnici e tattici Camila possa tranquillamente stare nelle prime 20 del mondo….. Arrivare a questi livelli tipo Serena, Osaka o Andreescu che quando serve il punto fanno sempre ace o quasi…. Beh quello non lo so…. Forse è un altro livello… Però se anche una Kenin ha vinto uno Slam, e la Kenin non mi sembra abbia il talento di Osaka o di Serena…..

    1. Tattici si. Dovrebbero trovare la chiave per rendere il suo tennis più ordinario, senza queste continue punte di fasi incredibili e altre di non si sa che. Certo, se è in palla non le serve nessuna tattica, i colpi li ha e quindi può pure giocare i suoi due o tre schemi. Ma quando non lo è deve avere la forza di usare tutto quello che possiede. Va a rete. gioca alcuni momenti a velocità di controllo, accelera alla morte in altri, non servire sempre solo su profondità e potenza, ma visto che lo sai fare concediti 5 o sei kick a incontro. Invece sempre questa autocastrazione. Oggi di nuovo un po’ di rovesci tagliati, e alcuni con punto. Però nel prossimo torneo vedremo magari più ricerca della rete e colpi di volo, ma niente più risposte bloccate o slice. Ma ci sarà mai una benedetta partita, a parte quella su erba con la Bencic, in cui li vedremo fusi in un solo incontro? Io se sapevo fare un elemento di pattinaggio, lo facevo, perchè metterlo da parte per eseguirne solo la metà del mio repertorio? In lei invece praticamente mai, e in questo è unica, lo fa solo lei sia nell’atp che wta. La Osaka sa fare bene solo tre cose, ma sempre con ottime percentuali. Lei sa fare molto di più, ma mai che lo facesse vedere in un solo match. E pure con sta chimera che se serve non a tutta e profondo perde il punto sic et simpliciter è ora che lo attenui. Non è così, è nella sua testa, non nella realtà. Anche le altre sbagliano risposte su servizi innocui nel punto della palla break, lasciale provare a sbagliare, anche in questo c’è spazio per tutte. Non voglio essere attaccata? Vero, se però è sistematico che le tue avversarie facciano sempre punto quando servi moderatamente. A me dalle partite di tutte non pare che questo avvenga. Sergio mi faccia in opposizione vedere dalle registrazioni che invece è sempre stato così ogni volta che Cami ha servito la seconda un po’ debole. Vorrei tanto avere le percentuali e verificare che effettivamente Cami, se serve un po’ più con margine, perde tre punti su quattro.

        1. Che lo sappiano loro, e magari poi farlo anche vedere a noi. Io non vedo nel femminile tutte ste ribattitrici killer, tante sbagliano risposte cercando il vincente, e pure spesso. Fossi in Cami me ne fregherei di quanto spesso servo forte e profondo, perchè ho l’impressione che questo tarlo nella testa le faccia fare certi errori. Comunque oggi il problema non è stato il servizio. Sai, è che con lei non abbiamo mai dichiarazioni sul che cosa non sia esattamente andato, su come si sentiva dentro se non di rado, Per cui dobbiamo pure indovinare. Come tennis in sè per sè io non vedo in Cami nessun limite rispetto alle altre, anzi, vedo quasi più capacità. Poi perchè non riesca a farlo con continuità lo ignoro. Penso sia dovuto allo stato emozionale in campo, se poi è proprio di impostazione tecnica non so dire. anche se vedendo certi colpi che riesce a fare mi domando dove stiano questi limiti tecnici, se non nella testa di Ubaldo.

          1. …rob…siamo nel periodo di “clemenza giuridica”…..ho già scritto più volte negli anni che in Germania che un attore…o uno sportivo…che commette un reato (chiaramente legato a stati emotivi…..esempio un pugno sui denti…non certo scassinare una cassaforte…) prima e dopo il suo “Impegno Professionale” gode di attenuanti estensibili fino alla non punibilità….come era in Italia col “Delitto d’onore”….se in flagranza di reato…una fucilata all’amante di tua moglie poteva essere giudicata …addirittura non punibile…..(venne abrogata nell’81…non 1881…..1981…io avevo già 24 anni)…pensa al Fefe…di Mastroianni in divorzio all’italiana……
            Tutti noi siamo ancora in quel periodo di “scarico d’adrenalina”…e perciò non punibili…..
            …potrei perciò risponderti adesso……..
            …..ne parliamo domani….buona notte t.o.

            1. Ok, ma ricordati che tu ed io abbiamo ancora un match in corso, e non sperare che io ti conceda 6 1 / 62, finiremo almeno a 77-79 al tie break del quinto commento. 😉
              Non lo dire in giro ma avrai capito che io considero Camila il più grande talento tennistico femminile dopo Navratilova. Se riuscisse a disciplinare tutto il suo potenziale vedremmo interi tornei da museo del tennis, e non solo partite A me ricorda Leconte o Dolgopolov o Kyrgios, che pur baciati da madre natura, non lo sono stati dalla dea del circuito tennistico. Che è una vera figlia di buona donna, visto che nella top ten ci ha fatto entrare pure una Bertens o un Carreno Busta…brrrr.

  41. …effettivamente ci sono dei problemi…io ho una mia idea…..ho preso un po di appunti…mi ero preparato e UsOpen mi ha dato una grossa mano…tutte le velocità delle prime e delle seconde palle…….5 euro di abbonamento per un mese….( ma per credo meno di due ore…visto che senza camila forse vedrò al massimo due o tre spezzoni di altre partite…..a meno che non c’è CiCi (a proposito ha già giocato???) …sono stati ben spesi…….mi metto a vedere i miei appunti…avremo tempo per ragionare insieme……..ciao a tutti e buona notte…t.o.
    Camila mi sta nel cuore….perchè so che stà incazzata nera contro se stessa….contro se stessa…lei gioca per se…e gioca non tanto per vincere ma per affermare…. “se stessa”…….un po di anni fa in qualche torneo in qualche parte del mondo si ragionava sul possibile infortunio di una sua avversaria….possibile W.O…..
    …Camila….”ma quale W.O…..io voglio giocare…… 🙂 🙂 🙂 …non capita tutti i giorni di giocare contro….lei….”

    1. Beh erano sostenute, tute e due le battue, mi pare. Aspetto di leggere le tue conclusioni, se hai notato qualcosa di diverso. Poi può pure darsi che stia subentrando il fattore racchetta cambiata, che ancora non domini l’attrezzo. Non sarebbe per nulla strano, succede a tutti. Oggi da Ubaldo parlavano di Serena che è tornata ad un modello con piatto corde più piccolo, che potrebbe anche spiegare un calo nel servizio dell’americana, almeno per ora. Boh. Cami non è facile da capire neanche in questo, sul che cosa in lei non vada in certi momenti.

  42. Io non ho visto un’Osaka cresciuta, ho visto una Cami che non era proprio all’altezza. Sono curioso di vedere le statistiche finali, e il rapporto vincenti errori. Il servizio di Naomi è stato sempre buonissimo quando serviva, nei giochi di Cami c’è sempre stato qualcosa che non andava. Se non erano i df erano i gratuiti, o viceversa. Non ha mai permesso ad Osaka di partire in svantaggio nei suoi turni di servizio, magari poi l’ha raggiunta, ma non ricordo che Naomi abbia dovuto mai servire su 0-30, forse una volta ma potrei sbagliare. La tattica adottata era sbagliata, è andata un po’ meglio nel secondo perchè ha tentato un po’ di spostarla, nel primo invece la solita ossessione centrale, che, comincio a sospettare, è adottata quando non si sente sicura dei suoi colpi. In effetti non dai angoli e non prendi rischi, o meglio non li prenderesti se non tirassi sempre a 5 cm dalla riga, Sul dritto prima o poi esce, è il tuo colpo meno costante.
    Nel complesso non è che abbia giocato orribilmente come contro una Mertens, o in certi brutti primi set ad agosto, ma qui i margini per ritornare in partita erano minori. Naomi come alcune top non sono più forti tecnicamente, infatti ecco qua, un win di più, ma anche più del doppio di errori, così non vinci anche se l’altra non è stata per nulla straordinaria.
    Le top con lei, o per lo meno la maggior parte, hanno sempre dentro di sè un sovrappiù di fiducia. Sanno che con Cami comunque un bonus ti arriva prima o poi. Non c’è nessuna inferiorità tecnica, anzi in alcuni punti del campo Osaka è inferiore, vedi a rete. C’è però un differenziale di tranquillità nel pensarsi vincitrici che Cami non ha.yo
    Che sia il caso di fare un mesetto in un monastero zen, magari le insegnano un po’ di tecniche di rilassamento?

    1. La Osaka ha fatto una cosa molto semplice… Ha giocato a tennis…. È una campionessa, quando ha avuto una minima difficoltà ha messo dentro un ace…. Il tennis ad altissimo livello è questo….

      1. Infatti, schema Federer, quando è necessario faccio il mio massimo e lo ottengo. Cami purtroppo sbaglia pure quando non c’è nessun bisogno di farlo. Poi Osaka s’è dovuta muovere troppo poco, così non si è neanche stancata. Non dico che Cami dovesse vincere, ma almeno fare partita si. Non c’è tutta sta differenza di velocità di palla fra le due, però dal risultato si direbbe che Cami sia stata presa a pallate, anche se non è stata così. Cami un po’ troppo spesso prende a pallate se stessa. Il servizio oggi non è stato un disastro, in fondo le percentuali di prime sono discrete, e i df non a dozzine. Ma dipende quando li fa. E poi non è vero che non sa difendersi, oggi c’è riuscita qua e là. E il pensarsi valida solo per l’attacco che la impaccia. Ti ricordi quando anche lei pensava di non essere idonea alla terra, e invece negli ultimi anni ha visto che tanto schifo non fa. Quante partite importanti a perso per il servizio che nel game di chiusura match è andato in bambola? Vogliamo ricordare anche solo Wimbledon con Ostapenko, o Praga con Buzarnescu o Parigi con Stephens? Quando serve lei le avversarie la mettono forse in difficoltà? Naomi oggi ha tirato diverse seconde che erano pallette a metà del rettangolo di servizio. Tu hai visto che Cami ne abbia approfittato? Adesso non sappiamo quali siano i suoi livelli di forma, certo non ottimali, ma qualcosa di più si poteva fare, senza farsi prendere dalla solita frenesia. Io continuo a non capire come una giocatrice che ha così tanti punti di forza debba ritorcerseli contro appena le appare un dubbio. Se solo penso alla differenza atletica con tutte le altre, ma altro che autostima, dovrebbe scendere in campo tranquilla come Socrate. C’è da dire che i problemi di Cami sono iniziati proprio dal quel famigerato Palla al centro, gioca al centro degli AO con Venus. Aveva la partita in tasca, e si è sciolta sul traguardo.

  43. Questa sconfitta dovrebbe far riflettere lo staff tecnico di Camila… Si può e si deve migliorare tutto il gioco di Camila, a partire dal servizio…..
    E poi inserire una componente fondamentale del tennis: la precisione dei colpi….

    1. Si, la pagliacciata finale con squittio aggregato in effetti è di un gusto degno di Trump, ossia da autentici tamarri. A me sta Osaka tanto impegnata sa tanto di favola. Una che si ritira due volte da un torneo la dice lunga. Primato assoluto di fanciullaggine. Mi aspetto che dica, uno di questi giorni, che partecipa ai tornei cercando di vincerli a sostegno del potere ai coulored, per tenere alto il loro onore di campioni dei melanociti.

    1. Contro una Osaka particolarmente fallosa e in evidenti condizioni fisiche precarie Camila non ha ragionato neppure per un attimo, facendo come sempre il suo GIOCO. Ma è ora di dirlo: Camila fa il suo SPORT. Il gioco del tennis, in quanto gioco, prevede mosse in base all’avversaria/o, studiate su filmati per ore e ore, sapendo che l’avversaria avrà fatto altrettanto. E purtroppo continua questo stillicidio di risposte sbagliate fondate su una posizione in risposta imbarazzante sulla prima, che diventa paradossale sulla seconda. Non rispondendo quasi mai, salvo 3 o 4 vincenti diretti per partita (ecco lo sport di Camila), vincere è una impresa, esattamente come quelle che qualche volta Camila riesce ad ottenere.
      INDIETRO DI UN METRO SULLA PRIMA E SULLA SECONDA!!!!!!!!! (oviamente mediamente, in base alla battuta dell’avversaria). E qui inizia il GIOCO…

      1. Parole sante… Ma fosse solo quello… E l’elastico che fa ad ogni scambio avanzando e indietreggiando ad ogni colpo, invece che avanzare solo quando l’avversaria accorcia?

        1. …parlare con te mi diverte…con quello sopra di te un po meno…nel senso che non mi diverte…nulla contro di lui per carità…il sito di Camila è aperto a tutti…e tutti scrivono ciò che vogliono…così come faccio io…..
          …ma davvero consideri ” Parole Sante” … ” Contro una Osaka particolarmente fallosa e in evidenti condizioni fisiche precarie…”
          …ti prego…fai uno sforzo e magari per una volta usa il computer invece del telefonino…così se per spiegare usi qualche parola in più forse qualcuno magari vecchio come me capisce meglio… 🙂 una faccina sola…che significherà??? che sono ironico o sarcastico ? c’è una certa differenza…ma per spiegarla bisogna spendere parole.
          …e noi non abbiamo tempo per spiegare il “significato delle parole”….io ho quel tempo…se decido di averlo…..
          ciao t.o.
          ps: in mezzo a tutto questo mio “onanismo Verbale” c’è una domanda precisa a te….se la trovi…mi rispondi per favore???
          ciao t.o.

      2. 11 ufs in due set particolarmente fallosa? Nel primo set solo 4 errori. C’è stata una sua partita in cui ne abbia fatti zero. Non mi pare proprio. A sto punto Cami è stata mostruosamente fallosa? Mi sa che la chiave che apre sesamo non sia questa, o, se proprio devo seguire le orme della tua affermazione, mi domanderei perchè Camila, con un’avversaria così fallosa, abbia deciso di esserlo ancora di più lei? Che abbia la sindrome del russo di ieri?

  44. Onore a samurai Osaka che però per battere Camila ha dovuto rinunciare a vincere Cincinnati. Se ci fosse giustizia a questo mondo i punti della vittoria di Cincinnati dovrebbero essere assegnati a Camila.

      1. E il rovescio d’attacco fuori di 2 metri? Mo senza quell’errore almeno avrebbe fatto il controbreak. Vista la Mladenovic di oggi, chi può dire poi di là se non comincia qualche dubbio? Perchè quel grido assatanato quando anche se perdi un break hai ancora un’autostrada davanti? Il tennis è fatto di sottili equilibri, che in un lampo possono andare in frantumi.

  45. A dopo i commenti però se si vuole evitare secondi turni del genere l’unico mezzo è giocare bene con le altre e salire in classifica… La testa di serie è possibile… Certo, poi prima o poi una Osaka la devi incontrare però sarebbe meglio nella seconda settimana…

  46. Peccato il mancato break.
    Quello che all’inizio credevo essere un piano è durato troppo poco: quasi sempre scambi centrali che portano poco contro Osaka, forse sarebbe il caso di angolare subito.
    E non rispondete fuori sulle seconde.

      1. Ma quando serve a 71 mph puoi fare si. Qui pure sul servizio due gratuiti, dritto e rovescio. Mi correggo, 3, bastava molto meno che tirare vicino alla riga, Osaka era spiazzata. Qui Osaka che ha fatto? Niente, tutto Cami, punti per sè e per l’altra. Così vinco pure io. Dovrà pure un benedetto giorno arrivare qualcuno o qualcosa che la motivi a una maggiore calma. Ogni volta che c’è un colpo che non funziona bene, con le forti il suo tennis diventa episodico. Pensa alla Mertens, il rovescio non girava e dopo il 2-0 per lei abbiamo visto quello che è successo. Adesso ovviamente l’altra è in una botte di ferro, può permettersi tute le stravaganze e amnesie che vuole, prima o poi il punto della vittoria lo fa.

    1. Si però poi se sbagli pure tu la risposta sulla seconda, la rianimi. Se ci hai fatto caso Naomi già più di una volta quando deve fare uno scatto laterale brusco arriva in ritardo sulla palla. Però usa la tattica “Federer”, ossia quando il punto è delicato tira fuori il suo meglio, come ho visto tante volte fare allo svizzero, che infatti è per quello un super campione. ti serve l’ace, lo fai, ti serve il colpo vincente, lo metti dentro.
      Comunque Osaka va fatta giocare come in questo gioco, va spostata. Il servizio non è migliore in velocità, per ora ho visto massimali di 120 vs 118, stiamo lì. Cami tira di più la seconda, chein Naomi è attorno a normalissimi 80 mph, ma la costanza del colpo non è uguale. Ci vorrebbe un game di pasaggio a vuoto, o uno di Cami super.

        1. Forse si potrebbe ovviare cambiando qualcosa in risposta, e farebbero meno male. Oggi per altro sulle prime ha risposto meglio che su facili seconde, fenomeno già visto anche sul rosso, quest’anno. Per me è da cambiare l’approccio sulla seconda, anche perchè se poi le tirano centrale, così avanzata abbiamo visto tante volte che o non ci arriva, o spesso manda sul nastro. Non penso che non sappia colpire la palla se sta mezzo metro più indietro. che noi la differenza la facciano un paio di miglia in più, non penso. Comunque le velocità alte costanti Naomi le ha tirate fuori nel secondo set, quando era bella tranquilla col punteggio. Ho visto nel primo che spesso si arrivava a 109-111, come Cami. Non so se è uscito il tabellino delle punte e medie, ma non penso siano tanto distanti, non da giustificare il risultato. Sto leggendo le statistiche dei servizi, infatti era come sospettavo. La media di Cami è più alta di 3 mph, la velocità media della seconda di Cami è stata di 11 mph maggiore che quella di Osaka, servizio più veloce fra le due differenza di un solo mph. Cami ha fatto solo 4 df, ma qui, bisogna dirlo, sempre quando non doveva farli. Non ha perso per il servizio in modo così netto, ma per tante palle fuori, come dice r.b. 11 unfs a 24 sono un abisso, a meno che non avesse fatto 10 vincenti più di Osaka, anzichè uno solo di più.

      1. Il movimento di servizio la proietta molto avanti nel campo, poi spesso deve tornare indietro. Le altre corrono solo in laterale fuori della riga, Camila invece fa spesso a zig zag laterale avanzamento arretramento, così le distanze si allungano. Lei è la più veloce e influisce poco, però se anche le altre corressero un po’ di più, si stancherebbero di più e sbaglierebbero di più. Troppi scambi centrali, spesso persi, diversi scambi laterali in cui era in vantaggio Cami, che poi magari mandava fuori il colpo definitivo. Con le donne il tergicristallo funziona quasi sempre, soprattutto ora che è l’era delle massiccione.

    1. Timore di perdere se non spingi al massimo, è come se dentro uno dicesse: o riga o mi fa punto. In fondo poteva stare con un tranquillo 2-1 Cami, ma vedi che le ci vuole per fare il punto, essendo così poco precisa. Però abbiamo pure visto due risposte di rovescio ad una mano proprio niente male. Osaka comunque va mossa, basta co’ ste botte centrali, che poi l’altra non è stupida e ti restituisce il favore sul dritto. lo sa che lo ha più continuo lei.

  47. Mah c’è poco da dire… Finora è davvero difficile tenere la palla in campo contro una che gioca così bene …. Il problema è quando non la tiene contro tenniste molto più deboli di lei….

    1. Beh, dai, la partita è bruttina, tutto finisce troppo presto, e il dritto di Cami per ora è una sentenza a sfavore. Non è la miglior Cami, non è la peggiore, ma l’altra che di suo è forte e straconvinta di esserlo così la fai diventare granitica. Ci stai facendo caso che da un po’ non prende nessun rischio se non di tanto in tanto? Tira forte, non particolarmente profondo, e sa che qualche errore lo raccoglie. Finalmente sto incrociato è entrato, speriamo duri.

  48. E mo’ pure Osaka se la pianti di vedere fuori servizi che sono dentro. Cami oggi risponde bene, anche benissimo alle prime, meno bene alle seconde e per ora dritto incrociato latita. Ne ha sbagliati almeno 6.

    1. Il tabellino parla chiaro. Stessi vincenti, quasi il triplo di errori. Si direbbe che comunque la partita voglia farla lei, e non lasciare che sia Osaka a batterla, ma lei stessa a farlo al 70%. Che poi è una forma di orgoglio non del tutto criticabile.
      Niente, l’incrociato latita ancora, è un bel problema, è uno dei suoi schemi servizio e dritto. Uno però è, grazie al nastro entrato. Il falco comunque mai. Sto arbitro ha una voce funeraria, già Cami si sta affossando di suo, dalla sedia pare arrivare la messa di suffragio.

      1. Va be’, ma mica quando il servizio non entra lei non ha altre risorse. Che ti attacchino le altre sulla risposta, e vediamo se poi fanno sempre punto. Sergio pure non so perchè si sia beccato con l’addetta, avrà fatto qualcosa che non doveva. Pure lui è caso che stia un po’ più calmo sugli spalti, se Cami lo vede discutere con le maestranze non penso ne tragga tranquillità. Stiamo a vedere, intanto proviamo a sbloccarci coi game

      1. Non so, vincenti li fa, però non capisco sto fatto di pensare che se non tira il servizio le altre le debbano per forza fare il punto. Mica succede sempre. Io non sono sicuro del piano tattico. Se quella è fasciata è caso di insistere certe volte con più palle centrali? Visto che gli angoli ce li ha, perchè non farla correre quanto più possibile. Prima o poi quella cosciona perderà efficienza. Vedi che si sta mettendo nei guai? Mai far scappare una molto forte, poi entra in fiducia e gioca sciolta. Cami no sta giocando male in generale, per ora pare il solito primo set in cui deve registrare certi colpi. Un po’ troppo yoyo, bellissime cose, errori evitabili. va a r
        Sto ultimo df mi sa tanto di nervosismo, prima sbaglia un rovescio per lei normale, poi il servizio manco arriva a rete, mi sa che se non sarà 60 sarà 61

  49. Magari mi sbaglio, ma qualcuno avrebbe mai detto che la Pliskova sarebbe uscita con la Garcia attuale? Che non è poi che abbia giocato un tennis d’annata. Boh, con le ragazze non si capisce nulla. Quindi anche un Osaka non acciaccata non è mica detto che vinca a prescindere.

    1. jokerstream? Sportzone?
      Su su, hai tempo per sistemare al cosa, e nel frattempo non ti sei perso una Riske che non si capisce come occupi la sua posizione, visto che da anni gioca bene solo il primo e un paio di tornei conclusivi dell’anno; una Pliskova che gioca da schifo contro una Garcia discreta, e per questo dopo uno score di 8 giochi a 1 ha rimesso forse a posto le cose facendo il controbreak sul 4-3, altrimenti era dentro la bolla in camera fino ai prossimi giorni, una Rybakina che ha trovato una Shelby dimagrita che ha mostrato di avere più tennis di lei, e che ste amazzoni se non sono supportate molto dal servizio sono giocatrici ordinarie, altro che futura numero 1, Sevastova che, devo dire, pure se perde mi pare in ripresa rispetto all’ultimo pessimo anno. Sul maschile non chiedermi perchè manco nella noia di aspettare Cami ce la farei a vedere un Noke-Edmund, Fritz-Simon o Carreno Busta (il peggior tennis del circuito) contro Krueger. Che sacrifici che tocca fare per quello che ci piace.

  50. Camila giocherà con il tetto chiuso, praticamente in-door, il tipo di campo che preferisce, con l’erba, vedremo.
    Forza Camila tutto il mondo ti guarda! Lascia un segno indelebile su questo Slam, tu sola rappresenti il tennis femminile italiano,
    come qualcuno ha scritto, con stupenda similitudine, sei la vestale che mantiene accesa la fiammella di questo sport difendendola da ogni insidia. Che la fiammella diventi una fiammata memorabile stanotte e che incendi USOpen!

  51. ….considerazioni e non commenti….come è la regola che mi sono dato…
    …conosco gli Scongiuri di r.b. e dato che siamo in “Regime di Gioco” leggo quello che vuole dire più di quello che dice…. 🙂 🙂 🙂
    …tutti si augurano una Osaka un po acciaccata…..io no.
    …è già un torneo menomato….se Camila lo vincesse con un WO sulla detentrice del titolo varrebbe meno di vincere un 125…..
    …io spero in Camila la suo meglio…non in una osaka al suo peggio.
    ..Camila al meglio può vincere contro tutte…e se non vince può fare partite che passano alla Storia….alla mia personale storia…
    …ho rivisto gli higtligth di Camila contro Cornet a Lione…..Cornet non è Osaka…ma non è una giocatrice che quando è in forma può essere presa sottogamba da nessuno.
    Sfata tutti i luoghi comuni su Camila…..Per prima cosa il saluto finale…cordiale col sorriso e anche con la parola di Complimento….
    Camila rispetta Alize… e le loro sono sempre partite che verranno viste negli anni a venire…ci sono giocate da cineteca…certo i teloni o le palle fuori di due metri ci saranno anche state (e negli Higtligth sono tagliate….ma qui parliamo di un higt ligth da oltre il 60 % dei punti giocati….avesse buttato tutto il resto in tribuna il biglietto se lo sarebbero guadagnato lo stesso…
    …io voglio veder Camila giocare come sa…Tanto che è il “Suo Gioco” è lapalisse….se gioca come sa può vincere…ed io…e anche lei…vuole vincere con il suo gioco…proprio contro quelle che l’hanno battuta…un WO vale solo altri dollari…che non fanno mai male…….ma sono solo soldi
    …Camila non si ritira mai perchè dice che ognuno deve avere il gusto di Vincere…non di passare il turno…e dato che sempre…tutte le settimane …una sta meglio e una sta peggio….la regola è come stai stai…si gioca…si vince o si perde…tanto la settimana prossima c’è un altro torneo…… ciao t.o.

  52. Ma a Camila non poteva capitare una testa di serie alta (12) ma “moscia” come Vondrousova, no? La ragazza sembra avere un brillante futuro alle spalle.

    Chissà se Camila si ricorda che stasera può chiamare il falco.

    1. Perchè la numero 13 Riske di stasera, che racimola pochi games contro la quotatissima Ahn? Pareva Cimabue, fai un punto ne sbagli 2. Anche la testa di serie numero 1 non sarebbe stata male, se hai seguito la partita della stambeccona…mi domando che dira in altro sito l’utente Forza-Carolina. Il tennis femminile degli ultimi 3-4 anni è troppo gridato al miracolo appena si affaccia qualcuna già si pensa alla futura dominatrice pluriennale, e stiamo invece vedendo che nessuna, manco Barty o Osaka, ha il tennis o il fisico o la concentrazione per fare lo squalo del decennio. I loro risultati sembrano il tracciato di un sismografo.

  53. Pufff!, Gli incontri che iniziano alle 17 sono ammoscianti, quello maschile è da 250 ottavi di finale, quelli femminili da international inizio stagione. Sarà dura tirare fino all’una.

  54. Camila, stanotte fammi il miracolo ! Tieni dentro i servizi e i dritti e, sulle seconde della Osaka, lasciala di pietra con le tue magiche risposte ! Sarà durissima, ma con te è sempre spettacolo. Quindi, comunque vada, grazie in anticipo.

  55. Inutile dire che Camila stanotte è super stra sfavorita….. Praticamente l’unica possibilità concreta per vincere è un ritiro della Osaka durante il match per riacutizzarsi del problema al tendine o comunque che non le permetta di giocare al massimo…..
    Camila farà il suo gioco, ma siccome l’altra lo fa meglio, comincerà a sparacchiare palle fuori o in rete da tutte le posizioni…. Difesa neanche a parlarne… Risposte in campo, boh speriamo almeno sulle seconde di servizio di Naomi…..
    Insomma la vedo abbastanza grigia….
    Però la speranza è l’ultima a morire…..

        1. Riposta il commento invertendolo con Naomi: stanotte Naomi è super favorita, l’unico modo che ha di perdere è….così la contro-sfiga dovrebbe andare a posto.
          Però come gufo il covid ti ha abbastanza ridimensionato; ti sei allenato abbastanza prima della ripresa?

  56. Camila stanotte affronterà uno degli incontri più importanti della sua carriera per svariati motivi, nonostante sia solo un 2T.

    Parte sfavorita, più sfavorita di quanto sarebbe stata con parecchie altre top players, avendo Osaka uno stile di gioco simile al suo. Quindi il match potrebbe anche non dipendere da lei, come invece avviene spesso.

    Ovviamente però non parte battuta. Ha ancora nelle sue corde la possibilità di effettuare performances eccezionali e tornerà anche, dopo sette anni, sul campo in cui giocò una tra le sue migliori partite di sempre.

    Vamos flaca! Siamo tutti con te.

    1. Esatto, una delle poche cose che ho imparato del tennis è che se si incontrano due giocatori con stile di gioco molto diverso il risultato è spesso imprevedibile, se invece hanno stile di gioco simile allora è più raro che ci siano sorprese, il favorito è veramente favorito.

      Con ciò guai a fasciarsi la testa, anche contro Doi la Osaka non è che abbia brillato, e mi fa ben sperare (anche se mi fa molto ridere) l’affermazione di Chris Evert, che un pochino di tennis femminile dovrebbe capirne) che Camila ha lo stesso tipo di gioco di Doi!

      Anche Omero a volte sonnecchia..

        1. Speriamo ne abbia uno pitonato o tigrato, così Osaka sa già che cosa aspettarsi. Una tattica consigliata? Infierisci duro sulla gamba d’appoggio malandata, falla correre sempre dove deve far leva di più su quella. E che cavolo, solo a Sinner deve capitare di non potersi quasi reggere in piedi?

      1. Due precisazioni:
        1) Oggi sarà il caso di fasciarsela la testa, con una bandana col Sol Levante: Camila in versione Camikaze!
        2) Chris Evert non ha detto che Camila gioca come la Doi, ma come Dio.

    2. Infatti in conferenza stampa anche Naomi ha detto: – Non so, lei è una giocatrice imprevedibile. –
      D’accordo con te sul fatto che le ragazze e i maschi nostrani, tranne 3 sono tennisti di media fascia, mentre Cami rientra in quella super.

    3. @teus
      sono d’accordo…
      è un incontro importantissimo,in caso di vittoria la carriera di camila potrebbe avere una svolta…perchè la fiducia che ne potrebbe trarre sarebbe notevole

      per quanto riguarda la partita di sette anni fà,mi vengono ancora i brividi…
      a notte fonda,con i commenti a caldo dei trombettieri,in cui si passava dallo scoramento all’esaltazione,la tensione,l’ammirazione per il livello di gioco espresso da camila,l’urlo alla fine ( per fortuna abitavo in una casa indipendente) e le successive lacrime…

      indimenticabile…

  57. E ancora una volta di più, dalla ripresa delle gare, Cami è chiamata a fare la Regina della Notte. Ci si augura che a fine match abbia il lieto fine di Pamina.
    Stavolta preparerò tutto l’arsenale serotino, sigarette, caffè, cioccolato e defibrillatore.
    Ps. aspetto ancora la famosa palla-warning di Camila. Chissà se a Roma sentiremo per la prima volta anche un VAMOS!

  58. Partita formidabile, quest’oggi. Sono nervosissimo. Ci casco sempre. Della prima sfida non mi sono neanche interessato, doveva vincere, e ha vinto. Oggi, un’altra di quelle partite che farà la storia di Cami. E sono nervosissimo. Perché può vincere. Di quante si può dire lo stesso, contro la formidabile Naomi Osaka. Buona giornata a tutti.

  59. non potevo permettermi di dormire poco e purtroppo ho avuto anch’io problemi di registrazione …
    mi son dovuto accontentare degli highlights e delle splendide foto di camila

    diciamo che con le chiavi ci hanno azzeccato:
    vincere più del 61% di punti con la prima ( 60.9 …siamo lì..non sottilizziamo)
    giocare tra i 5 ed 6 punti di media ad ogni game di servizio (5.9 )
    vincere almeno il 45% di punti alla risposta sulla prima (51)

    da notare che ha vinto più punti in % rispondendo alla prima che alla seconda 51 %-45 %

    brava cami !!!!

    ora è il momento di prenderti quello che ti meriti…

  60. Segnalo, per chi come me è ancora in ambasce per non essere riuscito a vedere la partita di Camila, che sul sito Eurosport Player c’è, al momento, tra i tre più richiesti anche l’highligth da 15 minuti della sua partita.
    Non è certo come vedere tutta la partita, ma un buon numero di punti ci sono, piutost che nient..

  61. Malaugurata sconfitta di Sinner. Torneo finito per noi italiani. La gestione dell’integrità dell’atleta nel tennis è la cosa più difficile. Ed infatti sono tutti rotti a parte quel mostro di Federer. Il più grande merito di Sergio, fra gli altri, è la gestione atletica di Camila, che ha un fisico integro nonostante la leggerezza. Speriamo che i problemi di Sinner non siano strutturali. Mannaggia, una volta che ne abbiamo uno buono .,.

    1. Ma no, dai. E’ ancora in costruzione muscolare, e molto alto. Fra un paio d’anni avrà fasce dorsali sufficienti a garantirgli maggior resistenza agli infortuni. Coi giovani atleti è frequente la contrattura o l’infiammazione, però recuperano anche presto. Sono le fratture che vanno evitate. Più si allenano, e più controllano i movimenti e non si fanno male facendo gesti eccessivi. Se proprio vogliamo quello che non mi convince di Sinner è il gioco di piedi, ancora un po’ strascicati, anche perchè “pinnati!. Sui completi Nike stendiamo un velo pietoso. Mrs. Giorgi, ma una linea per maschietti non si può proprio proporre? Gli italiani non possono andare per il mondo esibendo certe oscenità che fanno sembrare Agassi un formale.

  62. Per ritornare sull’argomento pessima programmazione, era proprio inevitabile mettere sul centrale coperto Muguruza-Hibino? A questo punto Kachanov-Sinner era molto più interessante, e legittima: Un ex top-ten comunque di alta classifica, e il giovane in prospettiva futuro campione più vicino ad essere una Gauff in pantaloncini (per sponsor e coccole mediatiche). Mi auguro che domani non facciano una macedonia di incontri di primo e secondo turno, o sai che casino con gli orari?

        1. Purtroppo con una gamba sola ha perso. Ma è davvero straordinario. E’ ancora acerbo fisicamente e in crescita di altezza, ma rafforzata la struttura, com’è normale, non sarà certo Kachanov il giocatore che potrà batterlo.

  63. Io l’ho vista quasi tutta.. Era programmata sul campo 14 e verso le 3 e mezza stavo aspettando la fine del match di Cici Bellis, poi il telecronista di Eurosport 1 ha detto che Camila era in campo e ho girato su Eurosport 2… Erano circa le 4 di mattina e Camila stava perdendo 1-5 nel primo set….
    Di notte fonda si soffre ancora più che di giorno….. 🙂
    È stato un match incredibile….

    1. Mi piacerebbe vederlo, sono sicuro che è stato un turbine di nefandezze e squisitezze da parte di Cami. Stavo guardando la race, per quello che vale quest’anno, e Cami a oggi sarebbe 32, molto sopra tante altre che nella classifica “biennale” la precedono. Mica male, tenendo anche presente che pure un anno fa due finali le ha raggiunte, pur nelle condizioni menomate in cui era. Non mi pare che le altre, che infortunate non erano, abbiano anche lontanamente fatto tali risultati. Si rassegnino gli haters, ma al netto degli infortuni il tennis di Cami almeno nelle 30 c’è di diritto. C’è poco da fare, abbiamo buone giocatrici di terra. ma, per adesso, una sola giocatrice da veloce, che poi risulta anche essere, attualmente, la nostra migliore terraiola. Teniamocela stretta, e che possa avere quello che merita nel resto della sua carriera.

  64. Camila dichiara sempre (anche stavolta nell’intervista dopo il match contro la belga Van Uytvanck) che se vince il set è perché ha fatto il suo gioco, se perde il set è perché non ha fatto il suo gioco….
    Un po’ come dire che se tiene la palla in campo vince, se invece fa una marea di gratuiti perde….
    Almeno su questo siamo in totale sintonia…. 🙂

  65. Sto guardando le foto ufficiali a mezzo busto di Camila e Alison mentre colpiscono la palla. Guardate, se ne avete voglia, la differenza di espressione, compostezza del viso e gesto e di definizione muscolare. Camila ha una massa grassa praticamente zero, sembra davvero una ballerina russa, tanto sono visibili tutti i fasci muscolari e il sistema arterio-venoso. Impressionante.

  66. Se la miglior Giorgi incontra la miglior Osaka, sul cemento, per me vince la nipponica, su erba se la giocano, su terra per me vince Cami. Se Poi la miglior Giorgi incontra una Osaka di livello non ottimale, per me vince Cami. Ovviamente tutto questo è rovesciabile a favore della Osaka, che se incontra una Giorgi così così vince sempre. Cami tira molto di più che una Doi, per cui le gambe di Naomi saranno più sollecitate, con conseguenze imprevedibili.
    Però Camila deve servire meglio, questo è certo. Vedendo le statistiche, quando ha fatto un solo df ha vinto il set di ieri 6-1. Per me si può fare, non è il primo torneo in cui la prima partita è strana, e poi il suo livello aumenta. Una costante che si è vista anche nel torneo precedente, è che la seconda della Osaka è più che attaccabile, a pato di non sparare fuori tutte le risposte. Mi auguro che non sia come a Wimbledon con Serena, che improvvisamente contro Cami aveva ritrovato un servizio che, in tutte le partite precedenti non era apparso. Le giocatrici sanno che contro Cami è meglio iniziare bene lo scambio, perchè se è in giornata con la ribattuta sono dolori, se il loro servizio latita.
    Mi associo alla richiesta di una registrazione, non avendo visto l’incontro e non trovando highlights più lunghi di 3 minuti. Ho preso l’impegno di scrivere il commento fiume, mi serve materiale diretto con cui corroborare quello che scriverò. In ogni caso punti sono entrati, se non ho capito male pure 86k €, per cui la trasferta in ogni caso ha remunerato sforzo e rischio.
    Qualcuno poi mi sa dire che cos’è questa vicenda di Camila che se la presa con la pallina dopo aver sbagliato una voleè nel terzo? Nuova modalità da tigre del Bengala?

      1. Ha preso pure il warning? E daiii, la vergine Camila si è trasformata in Didone infuriata: era ora.
        Però ho visto pure che ha rivolto un sorriso affabile alla van Uytvanck a fine match, come avviene con la Cornet. Forse sarebbe il caso di cominciare a batterne quante più possibile, così perde la fama di scostante e maleducata. I detrattori dicano quel che vogliono, ma, a parte la Kuz, mi pare che le altre come giocatrice la stimino. Adesso la copiano pure.

      2. Sono ormai innumerevoli gli episodi in cui Camila sfoga un po’ di stizza, dalla racchetta spaccata (Cibulkova, Istanbul 2015) al penalty point subito (Brengle, Miami 2016) al rischio di default (Barthel, Seul 2016), incluso il controverso episodio nella partita contro Azarenka (Eastbourne 2014), guarda caso tutte partite vinte salvo che con Brengle.

        Ho citato gli episodi più datati, proprio perché forse sono meno presenti nella memoria di quelli più recenti, se ci mettessimo a ben guardare quasi in ogni partita si lascia sfuggire un attimo di irritazione, per ricomporsi immediatamente in modo perfetto. E non trascuriamo i gesti di fastidio, quasi rabbia, verso il suo angolo (sappiamo bene a chi sono rivolti!).

        La sua aria “nonchalant” e l’aspetto da santarellina non inganni!

    1. A proposito dei $$$$, ad Agosto 2019 dovette vincere 8 match (e 4 persi) per guadagnare ciò che si è già garantita con la vittoria di questa notte.
      33esima vittoria Slam.

  67. ‘Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria; e ciò sa ‘l tuo dottore.’

    Scusate la poca memoria, ma negli ultimi due/tre anni quanti top 20 abbiamo battuto ? A me, salvo una un Stephens fuori di testa, non viene in mente nessuna.

    1. A partire dal 2017 sono nove:


      16/9/2019 Osaka..... Stephens. #14 6-0 6-3
      19/8/2019 New York.. Wang..... #18 4-6 6-4 7-6
      17/9/2018 Tokyo..... Wozniacki. #2 6-2 2-6 6-4
      13/8/2018 Cincinnati Sevastova #18 6-2 6-3
      08/1/2018 Sydney.... Stephens. #13 6-3 6-0
      03/7/2017 Wimbledon. Keys..... #18 6-4 6-7 6-1
      19/6/2017 Birmingham Svitolina. #5 6-4 4-6 6-2
      22/5/2017 Strasbourg Vesnina.. #15 1-6 6-1 6-1
      01/5/2017 Praga..... Pliskova.. #3 7-6 6-2

          1. …scusa Fabius se sono Pignolo (…a proposito Pignolo che fine ha fatto???? se ci leggi batti un colpo 🙂 )
            …se vogliamo davvero valutare il Ranking “al Momento” …andrebbe calcolato il “Ranking LIVE”…perchè se vinci al terzo turno di uno slam stai vincendo contro una che “In Quel Momento già ha in cascina 130 punti che anche in top 20 possono fare 4 o 5 posizioni in più…
            Julia Gorghes oggi con 130 punti passerebbe dal 40° al 32° …che se dio vuole vale TdS….e non è poco….Quella che Camila ha battuto in finale a Linz (io c’ero…battuta è dire poco)…da 29° a 24° ….(non incontro top 8 nella prima settimana) …e Belinda…quella che insieme abbiamo visto battere a Biel…ma che ha perso con Camila nella finale che tutti sappiamo….con soli 130 punti passerebbe da 10° a 8° che vale le TdS più tutelate del circuito……
            …solo per essere precisi 🙂 🙂 🙂
            ciao t.o.

          2. va beh, dai, alla fine è uguale. Non è poi che fra la numerro 26 o 19 del mondo ci sia sta differenza di valore, magari lo scarto di punteggio nasce anche da chi hanno incontrato in uno slam. Una s’è beccata Serena al terzo turno mentre l’altra ha avuto una top ten in disarmo…

            1. …ma è quello che dico io…il Ranking e il vaolre sono due rette parallele…che a volte si incontrano…..la n°5 Sara Errani veniva considerata 5° anche a Wimbledon……dire ho battuto la °5 Errani a Wimbledon …o la 5° Maria ad IW un po di differenza la fa…..

  68. Aiuto!
    Non ho visto la partita in diretta perché confidavo nella registrazione programmata da Eurosport Player. Ma il cambio di campo ha mandato all’aria tutto, ed ora anche tra gli incontri registrati sul player ci sono tutti fuorché quello di Camila!

    Qualche anima buona l’ha registrato e può darci un link?

    Non è giusto che io non possa soffrire come voi, anche se in differita, per questa sofferta, e quindi ancor più preziosa, vittoria di Camila!

    1. Tenere la palla in campo non è una conseguenza…. È una scelta. Non so se sia la scelta giusta per Camila, però quando vedi fare montagne di errori gratuiti cosa rimane da pensare? Primo tenere la palla in campo a tutti i costi, poi se l’altra ti fa il vincente, brava lei. Ma questo è ovviamente il mio pensiero e non quello di Camila. Se incontrassi Camila le chiederei un autografo, non le darei certo consigli, non sono un tecnico né vorrei esserlo (tanto ormai Ana si è ritirata 🙂 eh eh).
      Sul sito ci si scambia pareri e messaggi, ma sono ovviamente per noi, non per gli atleti o i tecnici, questo lo abbiamo detto tante volte, ma evidentemente non entra in testa e quindi lo ripeto….
      Se Camila fa doppio fallo sulla palla break si potrà dirlo oppure no? Ho capito che sarebbe meglio non fare DF e neanche lei vorrebbe farli, ma ci sarà un modo per evitare che il servizio sia così inaffidabile e ballerino? Lo stesso vale con i gratuiti da fondocampo….
      Non vorrei che il gioco di Camila fosse una coperta troppo corta, se per tenere la palla in campo deve rallentare perde, se per non rallentare la palla tira tutto fuori…. beh allora non saprei cosa fare… Però ricordo che Barazzutti quando la allenava in Fed Cup diceva che Camila doveva essere più solida e consistente (che è la base nel tennis, altrimenti non si va da nessuna parte)…. E se lo diceva Barazzutti credo che lo dica anche la Garbin adesso. Il problema dei tecnici è che oltre a dirlo devono anche trovare un metodo per realizzarlo nella pratica. Finora non si è visto se non sporadicamente, e infatti siamo a soffrire 3 set lottati contro la Peterson, mentre contro le top player finisce tanti a pochi…. Questo è al momento il tennis di Camila…
      Speriamo arrivino tempi migliori.

  69. Pur con incredibili alti e bassi Cmila ha fatto il suo, rispettando il pronostico, cosa che avviene con una certa “regolarità”. Ho visto solo l’ultimo set da quando Camila sotto 4-1, ha innescato la 5a. Di buon auspicio… Se riuscisse a ripetere per tutta la partita quello che ha mostrato nel finale contro AVU anche contro Osaka… Forza Camila!!!

Join the Conversation