Esordio vincente nel 2020: ad Auckland battuta Nara in 3 set

Buon esordio per Camila nel 2020: al primo turno di qualificazioni del torneo di Auckland ha infatti superato la giapponese Kurumi Nara, numero 140 del ranking WTA, per 4-6 6-2 6-0 in 1 ora e 52 minuti di gioco. Era il quarto incontro tra le due giocatrici, e la terza vittoria per Camila.
Al secondo turno Camila se la vedrà con l’americana Caroline Dolehide, ventunenne numero 146 del mondo.

8 comments

  1. Certamente non è vero, ma a volte ho quasi l’impressione che sia Camila stessa a voler perdere un set, per allungare l’incontro e fare più esercizio, mettersi alla prova.
    Magari inconsciamente, così come a volte ho l’impressione che in situazione di vantaggio cerchi di sperimentare e variare colpi, invece che cercare di chiudere presto l’incontro, la ben nota mancanza di “killer instinct”.
    Naturalmente questo è pericoloso, se qualcosa va storto, se l’avversaria si ringalluzzisce, poi può anche finire male.

    Solo una sensazione personale, probabilmente sbagliata, sicuramente senza riscontro.

    1. Sensazione fantasiosa, direi.

      Quella caratteristica, essendo istintiva, conduce naturalmente il giocatore a ‘uccidere’ gli incontri. E’ la qualità che solo i campioni hanno nel tennis ed è perciò la più rara. Quando un giocatore la possiede, la si percepisce indiscutibilmente.

    2. big bill tilden contro gli avversari più deboli spesso li lasciava avvantaggiare nel punteggio per poi inesorabilmente ,recuperare e vincere…

      non credo cami faccia lo stesso…forse si deve “scaldare” oppure cala di concentrazione

  2. Brava Cami! Le vittorie fan sempre morale. Peccato non aver chiuso in due set perché nel primo , dopo una rimonta da 0-4 , non ha convertito ben 4 PB in un gioco lunghissimo che l’avrebbe portata a servire per il set. Secondo e terzo con un totale di 12-2 ci dicono che poi non c’è stata partita.

Join the Conversation