_RM48509

Si ferma al secondo turno delle qualificazioni il cammino di Camila nel torneo WTA di Mosca. La sconfitta è arrivata in un match a due facce con l’argentina Nadia Podoroska, ventenne numero 204 del ranking, con il punteggio di 6-0 4-6 4-6.

Primo set: 6-0. Il set è a senso unico: Camila ottiene i primi 16 punti del match e soffre solo nel quinto game, dove annulla 3 palle break, ma chiude facilmente nel gioco successivo.
Secondo set: 6-0, 4-6. La partita svolta nel terzo game, quando Camila perde il servizio. Riesce a tornare in parità sul 4-4, ma nel game successivo perde il servizio con un doppio fallo. Sul 5-4, l’argentina chiude il set alla prima opportunità.
Terzo set: 6-0, 4-6, 4-6. Dall’1-1, Camila soffre ma vince due lunghissimi turni di servizio, in cui annulla 5 palle break. Cede però il servizio sul 3-3. Già sul 3-5 annulla un match point con il servizio, ma la Podoroska negli ultimi 4 turni di servizio perde solo due punti e chiude il match alla prima opportunità.

Camila chiude con questo torneo la sua stagione, con un totale di 23 vittorie e 23 sconfitte.

Ecco il tabellino del match:

20161016_podoroska

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • Wta Linz, forfait di Camila
    Wta Linz, forfait di Camila
  • Cincinnati, Camila cede solamente al terzo set alla numero 1 del mondo
    Cincinnati, Camila cede solamente al terzo set alla numero 1 del mondo
  • Cincinnati, che vittoria di Camila! Battuta anche Gavrilova
    Cincinnati, che vittoria di Camila! Battuta anche Gavrilova
  • Cincinnati, vittoria in due set per Cami. Al secondo turno c’è Gavrilova
    Cincinnati, vittoria in due set per Cami. Al secondo turno c’è Gavrilova

224 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by SanTommaso

    Camila al numero 34 tra le tenniste più cliccate sul sito ufficiale WTA: http://www.wtatennis.com/news/article/6133451/title/50-most-popular-players-of-2016-40-31

  2. by Fabblack

    Prosegue la pubblicazione delle entry list.
    La settimana successiva a Shenzhen sono in programma Sydney ed Hobart e Camila non c’è.
    Per classifica.
    E’ “alternate” in uno dei due o, considerati anche la distanza dalla Cina ed il cambio di fuso orario, magari li salta proprio e si presenta direttamente all’A.O?

  3. Madoka by Madoka

    Molto bene questa scelta di giocare in Cina, finalmente sono d’accordo dopo anni con questa programmazione, anche se è ancora solo un torneo.

    vediamo se è un caso o c’è una vera voglia di cambiare e fare le cose in maniera diversa.

  4. by Erghon

    Camila nel MD di Shenzhen!

    • by Fabblack

      E c’è dentro per poco: effetto del calo in classifica.
      Nei limiti del possibile, continua a pensare in grande: saltato Brisbane, Auckland sarebbe stato più accessibile, dava gli stessi punti di Shenzen, ma molto meno soldi.
      Oltretutto da Shenzen ad Hobart (probabile torneo successivo) ci sono circa 8000 km contro i 2500 circa da Auckland
      Comunque poco importa: se torna a giocare come fino al Den Bosch 2015, risale presto, altrimenti…

    • by livio71

      poco piu’ di un mese e si ricomincia… quest’anno Camila sarà la protagonista del circuito e tutti si ricrederanno…. del resto un po’ di noia a vedere le altre giocare soggiunge 🙂

    • by livio71

      Shenzhen è gemellata con Brisbane…sarà un caso 🙂

  5. by First

    Secondo me le rotazioni sono state già introdotte da tempo nel gioco di Camila, con risultati abbastanza apprezzabili. La velocità è sempre notevole, ma ci sono meno palle sui teloni rispetto al passato. Tecnicamente non è questo per me il principale problema, ma sono i colpi di inizio gioco servizio e risposta che risultano instabili e troppo fallosi. Sistemati quelli, cosa che richiede tempo e pazienza, un grosso balzo in avanti in classifica sarà automatico.

    Altro tema critico invece è la strategia di gioco, quando forzare e quando attendere, quando preparare il punto e quando chiuderlo, e su questo fronte spesso si vede troppa fretta, troppo rischio, troppa ricerca delle righe quando basterebbe restare un metro dentro se l’avversaria è lontana. Migliorando anche su questa parte fondamentale, si può aspirare alla top ten, ma ci sono parecchie incognite di tipo caratteriale che incidono, serve freddezza e velocità di pensiero, non è una questione tecnica ma di testa e di esperienza.

  6. robdes12 by robdes12

    insomma la questione si riassume in: non importa quanto top sia il colpo, basta che lo sia la classifica, dovesse pure vincere a suon di steccate e nastri e falsi rimbalzi.

  7. by r.b.

    Non ho mai detto che Camila debba giocare con più o meno rotazione. La discussione era nata perché qualcuno sostiene che avrei detto che per tenere la palla in campo Camila dovrebbe tirare più piano. Cioè palla in campo=tirare piano. Niente di più errato. Infatti si può perfino tirare più forte giocando in top spin e la palla resterà in campo e si avrà maggiore controllo sul colpo. Che poi non vuol dire che Camila debba fare questo. Era una discussione generale sul tennis e non relativa a gioco di Camila. Comunque lei sa benissimo come giocare e se vuole usare una rotazione lo fa….. una volta tanto mi tocca dare ragione al prof: ogni colpo, piatto o top spin o back spin, va giocato in base allo situazione tecnico tattica. Condivido anche quello che dice Riccardo, più cose sai fare meglio è, anche se Camila ovviamente punta sulle sue qualità e fa bene e comunque a noi piace così, purché si vinca qualcosa perché ci siamo rotti di non vincere niente…. (tipico discorso da bar dello sport) 🙂

  8. riccardo by riccardo

    Non mi pare che il problema sia top spin si o no.
    nel tennis moderno ( e non solo ) vince chi sa fare più cose, con buona pace di chi sostiene che basta tirare forte per vincere. Ovviamente analogo discorso vale anche per chi sostiene che basta sapersi difendere fino allo sfinimento per vincere. Non si vince nemmeno in questo caso.
    Kerber fino al 2012-2013 era una grande regolarista, correva esattamente come corre adesso ma sapeva fare praticamente solo la fase difensiva.
    Quando ha aggiunto al ” suo modo di giocare” anche una certa aggressività, migliorando un pò anche il servizio ha iniziato a vincere .
    Se tu sai colpire forte ma incontri una avversaria che ti costringe a difenderti e non lo sai fare, perdi . In fondo sono concetti semplici. Basta guardare.
    Ovviamente il problema non è vincere il singolo incontro , perchè per andare in fondo, devi vincere 5-6 o sette partite. cambia tutto.
    Chi sostiene che per vincere , Camila deve tornare a spingere ogni palla, non ha memoria storica, si rifiuta di comprendere che chi affronta camila oggi conosce il suo gioco e si approccia in maniera diversa e per questo motivo , spingere non basta più.
    camila non vuole scambiare, non vuole imbarcarsi in scambi da 15- 20 colpi e per questo probabilmente ha adottato quella risposta aggressiva con la posizione avanzata.
    certamente è la sua filosofia ma purtroppo non è vincente rectius non è più vincente.
    Il problema quindi non è solo usare più spin o tirare piatto , il problema è invece di riuscire a diventare più completa che non significa fare otto palle corte ad incontro, sette lob , 23 passanti e nemmeno un vincente da fondo. Significa riuscire a tenere lo scambio quando serve, sapere usare le diagonali difensive, quando serve , significa ogni tanto alzare qualche palla quando serve, significa non fare 14 doppi falli che non serve ne pervicacemente scagliare in rete o fuori risposte su risposte facendo felice l’avversaria che ha conquistato un quindici senza fatica.
    Quando tu incontri Petra, pliskova, Muguruza , tenniste cioè che ti sovrastano sul piano della potenza pura, se fai a pallate perdi . Allora Bisogna fare affidamento anche su altre doti, la velocita di gambe, la possibilità di andare a rete velocemente in contro tempo, di fare in modo di di farle colpire con la testa della racchetta più bassa possibile. Sono tutte cose che camila sa benissimo perchè è una professionista di grande livello ma che deve imparare a mettere in pratica.
    Lucia giustamente afferma che da qualcuno dovrebbe imparare.
    Giusto, però la storia di questi due anni ha dimostrato che giocando in quella maniera non si vince . Quindi?
    la soluzione al problema è tirare ancora più forte??
    Contenti voi.

    • etberit by etberit

      Sic et simpliciter.

    • by p.r.

      Kerber non mi sembra un esempio calzante. Dove lo vedi che ha aggiunto un gioco aggressivo, se si limita a prendere di tutto, instancabile, con le sue corse. Ha semplicemente portato al limite della perfezione il suo gioco difensivo, ma il giorno che non riuscirà più a correre le maratone, non ne vincerà più neanche una.
      Allora prendiamo ad esempio la Errani, che pur è stata finalista di slam. Ma non ha un gioco confrontabile con quello della Giorgi.
      Se vogliamo, non possiamo neanche prendere ad esempio le varie Kvitova e Pliskova, che sfruttano la loro altezza, nè S. Williams, che sfrutta la sua possenza.
      Scegliamo, appunto, come termine di raffronto una giocatrice spettacolare come la Cibulkova, che pure in passato, è stata sconfitta due volte dalla Giorgi, una nel 2014 a Roma 6-4 7-6(2) ed una volta ad Istambul nel 2015 7-5 5-7 7-6(4).

    • by r.b.

      Semplicemente tennis e non retorica.

    • by paolo82

      Bravo Riccardo! Finalmente qualcuno che capisce di tennis, ti propongo come coach del team Giorgi.

  9. by p.r.

    Mi fa piacere che, sebbene i miei post non siano mai stati così popolari, alla fine la maggioranza si sta arrendendo alla constatazione che Camila, se vorrà mai raggiungere qualche risultato, lo dovrà fare con “il suo gioco”.
    Lei lo ha quasi sempre sostenuto e, quando non l’ha fatto, ha peggiorato le cose.
    Se si allenerà a dovere, aumentando la fiducia in se stessa, spingendo sempre al massimo come abbiamo visto fare a Dominika Cibulkova nelle WTA Finals, i risultati arriveranno, presto o tardi.
    Spingere al massimo non vuol dire necessariamente tirare sulle linee.
    Scusate se torno sull’argomento: ho visto Domi non fermarsi mai, neanche quando era in pausa tra un gioco e l’altro.
    Durante il gioco, ha tirato tutti colpi piatti, spinti in maniera alternata e forte, verso un lato o l’altro del campo, ma quasi mai al limite del bordo.
    Ed anche la Kerber si è dovuta arrendere, a forza di correre da sinistra a destra, con il cosiddetto “tergicristalli”.
    Davvero una delizia degli occhi, per un appassionato del tennis-spettacolo.

    • by p.r.

      Solo, una precisazione: Quelli della Cibulkova non erano mai colpi piatti propriamente detti, ma colpi con chiusura in avanti, alla Benoit Paire, per intenderci.
      I top spin con chiusura in avanti, lungi dall’essere topponi, sono quei colpi che viaggiano comunque a filo di rete, spesso durante una progressione verso rete.
      Tutti colpi che ho visto fare centinaia di volte da una giocatrice italo-argentina di nome Camila.
      Poi forse non vincerà i tornei, ma …

      • robdes12 by robdes12

        non so se Benoit ti ringrazierà per questo paragone. 😉

      • by p.r.

        Da Benoit ci si può aspettare di tutto …
        D’altra parte, se tennisti come Paire e come Camila riuscissero ad avere un po’ più di continuità, sugli schermi, ci sarebbe proprio da divertirsi, perché vedremmo giocare molti più colpi vincenti e non noiosi scambi dal fondo 😉

  10. doherty by doherty

    se per tirare più forte intendiamo che con il top spin posso colpire la pallina con piu’ energia rischiando meno di perdere il controllo del colpo rispetto che se la colpissi piatta è cosi’…

    se intendiamo invece la velocita’ della palla,allora un colpo piatto viaggia piu’ veloce a parita’ di energia usata di uno in top…(tanto è vero che se voglio tirare un winner di solito è meglio che riduca lo spin)

    tuttavia a causa della rotazione che causa una accelerazione della palla dopo il il rimbalzo,il colpo in top è più “pesante”(sembra proprio che la palla che sono costretto a contrastare pesi di piu’)quindi più efficace nel caso di colpi interlocutori durante uno scambio,anche perchè difficilmente ci si riesce ad “appoggiare”(cioè a sfruttare l’energia del colpo per rimandare la palla) cosa più semplice su colpo piatto

    un saluto a tutti…
    ancora una lunga attesa..
    vamoooooooosss !! camila…

  11. etberit by etberit

    I miei due cent sulla questione “top spin vs. velocità”: vediamo se riesco a dare ragione a tutti e due: il colpo piatto permette alla palla di viaggiare più veloce, dove la velocità è misurata in Spazio/ Tempo. Tommaso ha ragione.
    Il top spin aggiunge la rotazione, che più è accentuata, più energia dà alla pallina che diventa piuttosto difficile da ribattere correttamente. r.b. dice che il top serve per tirare più “forte”, r. b. ha ragione.
    Un saluto.

    • by r.b.

      L’esempio di Tommaso però è sbagliato. Se insegno il top spin ad una ragazzina di 12 anni che gioca solo colpi piatti (ammesso che sia corretto didatticamente a questa età imparare il top spin), questa potrà tirare più forte, ma non tirerà certo più forte dei colpi piatti di Serena Williams o Maria Sharapova… Comunque le professioniste giocano tutte colpi con un minimo di rotazione, alcune giocano rotazioni più esasperate (le famose arrotine o pallettare). Il top spin serve a tirare più forte (rispetto ai propri colpi senza rotazione, non a quelli di Federer), ma anche ad avere più controllo, perché la palla può passare più alta sulla rete rispetto ad un colpo piatto che viaggia alle stessa velocità.

      • Lucia by Lucia

        Il discorso sarebbe lungo. Pero’ se tu ti sei sportivamente innamorato di una bionda non puoi chiederle che diventi mora contro la sua volonta’ . Rimane il divorzio.

        • riccardo by riccardo

          🙂 🙂 bella questa !!

          • Lucia by Lucia

            Comprendimi bene Riccardo, anche io come r.b ho pensato/sperato che Camila modificasse il suo gioco. Pero’ a questo punto e’ come chiedere a Medel di segnare su calcio di punizione.

            • robdes12 by robdes12

              ma il colore di capelli ogni tanto lo modifica, per cui da castana ha bionda è passata e viceversa. E’ lecito aspettarsi che possa pure modificare altro oltre l’acconciatura. 😉

              • robdes12 by robdes12

                a bionda

                • Lucia by Lucia

                  Non lo vuol fare. Se avesse voluto fare avrebbe fatto altre scelte. Si allena e gioca cosi’ da sempre , cosa vi fa pensare che adesso voglia cambiare ?

                  • robdes12 by robdes12

                    beh, si spera in una maturazione, che consisterebbe anche nel pensare che sin dall’inizio la strada verso “Damasco” imboccata da lei fosse quella corretta. Se proprio non vuole modificare nulla, per lo meno che allunghi le sequenze di gioco corretto e diminuisca quello di gioco alla speraindio. Anche così già sarebbe tanto.

                    • robdes12 by robdes12

                      il correttore mi ha eliminato un non.
                      Non fosse quella…

        • by r.b.

          Beh qui si parlava solo di top spin, non che Camila dovrebbe giocare più o meno in top spin… giocherà come si sentirà… però deve sapere (e sa sicuramente) che se una palla è bassa, senza rotazione non supererà mai la rete, o che una palla ad altezza rete colpita piatta e forte, o passa dieci centimetri (o meno) sopra la rete, oppure è assai probabile che vada lunga….

      • by SanTommaso

        Allora diciamo così: un colpo arrotato di Serena Williams non sarà mai più forte di un colpo piatto di Serena Williams.

        Così come un colpo arrotato di Sara Errani non sarà mai più forte di un colpo piatto di Sara Errani.

        Ma se tu ormai per difendere la tua idea ti sei arroccato su questa posizione e ho come l’impressione che potrebbe essere Federer (o Camila stessa) a dirti che non è così, ma tu non lo accetteresti.

        • by r.b.

          È esattamente il contrario e lo hanno detto praticamente tutti qui… Un colpo arrotato di Serena è più forte (cioè più spinto con più energia) di un colpo piatto della stessa Serena… Il colpo piatto è più veloce e penetrante, ma per tirare davvero forte devi usare il top spin sennò la palla esce…
          Se Federer dicesse il contrario cambierei idea ma anche lui (come chiunque abbia giocato a tennis) dice: “Il top spin serve a tirare più forte!”

    • robdes12 by robdes12

      ma chiedere o proporle che giochi il colpo piatto quando è la soluzione più probabile, e quello in top quando col piattone la palla finirebbe in rete è chiedere troppo? Prima o poi dovrà anche cominciare a correggere i suoi errori, se ne è capace. Se perde così spesso vuol dire che il tennis che fa ora è sbagliato. Esisterà pure un motivo per cui fa tanti gratuiti, altrimenti è lecito pensare che il famoso talento non ci sia per nulla, e che come alcuni dicono da anni sia una giocatrice che ha il suo vero livello attorno alla posizione 50. Se così fosse a che scopo esaltarsi per una gregaria? Ma, siccome non possiamo essere tutti scemi (giornalisti, tifosi, appassionati, commentatori etc) ad aver visto in lei un grande talento, allora è lecitissimo voler capire perchè questo talento rimanga sempre in progress. Che poi è quello che fa r.b., lucia e tanti altri. Anche i vamos sono non meno stucchevoli della palla in campo, se quell’adagio è stucchevole, altrimenti se non lo è pure gli incoraggiamenti a vanvera non lo sono.

      • Lucia by Lucia

        No no , io no. Io mi sono arresa . Ho avuto torto troppe volte.

      • by r.b.

        Il talento c’è, lo vede anche un cieco….. Il tennis però non è i cento metri piani, è uno sport un tantino strano e complicato, con un modo di calcolare i punti tutto anglosassone…. Pensate che ogni errore da un punto all’avversario invece che stare zero a zero…. Un colpo vincente spettacolare vale tanto quanto un errore gratuito… Ma chi ha inventato una fesseria simile? 🙂 Stavamo già a 4 Slam senza questo modo astruso di contare i punti…. 🙂

    • by SanTommaso

      r.b. ha parlato di tirare più “forte” con il top spin. Il top spin aiuta ad avere più controllo e far rimbalzare la palla più alta, spingendo l’avversaria più verso il fondo del campo. Questo sì. Ma dire che col il top spin si tira più “forte”, onestamente, mi sembra contro la fisica. Se da un punto A ad un punto B la pallina arriva in linea retta percorre meno strada e ci mette meno tempo, quindi perde meno velocità. Quindi il colpo è più “forte”.

      Poi si può discutere dell’utilità o meno, del pericolo che il colpo vada lungo, dell’altezza di chi gioca il colpo e della rete. Ma limitando a + top spin = colpo più “forte”… beh, no!

    • doherty by doherty

      se per tirare più forte intendiamo che con il top spin posso colpire la pallina con piu’ energia rischiando meno di perdere il controllo del colpo rispetto che se la colpissi piatta è cosi’…

      se intendiamo invece la velocita’ della palla,allora un colpo piatto viaggia piu’ veloce a parita’ di energia usata di uno in top…(tanto è vero che se voglio tirare un winner di solito è meglio che riduca lo spin)

      tuttavia a causa della rotazione che causa una accelerazione della palla dopo il il rimbalzo,il colpo in top è più “pesante”(sembra proprio che la palla che sono costretto a contrastare pesi di piu’)quindi più efficace nel caso di colpi interlocutori durante uno scambio,anche perchè difficilmente ci si riesce ad “appoggiare”(cioè a sfruttare l’energia del colpo per rimandare la palla) cosa più semplice su colpo piatto

      un saluto a tutti…
      ancora una lunga attesa..
      vamoooooooosss !! camila…

  12. by SanTommaso

    @r.b.

    Dici (cito): “il top spin serve a tirare più forte”. Quindi Sara – diciamo che è Sara la regina indiscussa dei colpi in top spin (oppure suggerisici pure tu un’altra) tira più forte di Masha, Camila, Serena Williams.

    Te ne accorgi da solo che è una sciocchezza o serve una spiegazione più dettagliata?

    • by r.b.

      È corretto e confermo. Il top spin serve a tirare più forte, Nadal lo usa per questo e anche quasi tutti i professionisti. Non occorre citare fonti perché è fatto notorio.

      • by SanTommaso

        Non occorre citare fonti. È così perché lo dico io e anche Nadal gioca il top spin quindi il colpo è più forte.

        Stiamo messi bene a eloquenza eh? Bel modo di supportare le proprie “tesi”…

  13. riccardo by riccardo

    @ robdes12

    Mc era un genio ………

    • robdes12 by robdes12

      verissimo, ma anche miss Giorgi è baciata dalla dea del tennis. Una certa capacità di arrangiare colpi solo suoi che non si possono certo allenare l’abbiamo vista spesso, e ha anche abbastanza manualità per volleare bene, fare passanti in back imprendibili e prodezze varie. Se non avesse manualità oltre che potenza mai e poi mai avremmo visto da lei certe balistiche impensabili. Non mi pare che la Muguruza abbia queste capacità naturali. Che poi Cami non si fidi ad usarle è un’altra questione. Secondo te, abbiamo mai visto (salvo forse con la Bencic) la vera Giorgi?

      • riccardo by riccardo

        Prof ho visto tante partite giocate bene da Camila con colpi esaltanti.
        Tutti si sono innamorati di quella Camila. Per me la Partita contro la Sharapova rimane un capolavoro. Anche in quelle partita fece tanti errori . Infatti nessuno pensa che Camila Giorgi sia tennista da 3 errori non forzati ad incontro.
        Il problema è che non ho visto più giocare Camila in quel modo e senza che nessuno si offenda nel 2016 ma anche in parte nel 2015 ho visto tanta confusione e non un indirizzo preciso. Tentativi tutti a mio parere andati a vuoto ed infatti la classifica dice 80 ed oltre.
        Sarà un caso? non credo.
        Garbine ha una potenza devastante , ha introdotto alcune varianti nel suo gioco e salvo disastri è destinata a contendersi le prime posizioni in classifica per i prossimi anni.
        Quando Muguruza però pensa di tirare forte tutto ed inizia a sparare alla cieca , perde . E’ capitato molte volte quest’anno.

        • robdes12 by robdes12

          per me la migliore come massimali di spettacolarità è stata Eastbourne, mai visto donne tirare passanti vincenti cavando la palla dalle zolle. Ho riguardato le partite degli antichi fasti e mi pare che allora, quando era in difficoltà, come in certi momenti della partita da te citata, non avesse tutta quell’ansia da vincente pure se era in un momento in cui la palla la dominava l’altra, Visto che un tempo batteva la Muguruza e non solo lei, vuol dire che esprimeva un tennis superiore. C’è da dire che Garbine ha fatto risultato nel momento in cui ha limitato i rischi rispetto ai suoi tempi di frenesia da righe anch’essa. Infatti quando non l’ha fatto, oltre che a partite orribili, è anche uscita pure lei al primo turno spesso e volentieri, o se non al primo è stato per via del bye da classifica. La Kerber non sarebbe numero uno se tante, troppe giocatrici che l’hanno messa in difficoltà non avessero poi buttato al vento un risultato per voglia di strafare o incapacità di chiudere subito palle rimandate di là così come capita. Se sapessero fare voleè accettabili Angelique se la vedrebbe brutta con diverse top, ma siccome sanno solo tirare fondamentali dal rettangolo esterno del campo, tira e ritira bordate prima o poi una esce. Come succede a Camila, che quando picchia e non ha subito ragione ripicchia ancora di più e manda fuori o, senza un filo di rotazione, affossa in rete. Non so se Camila negli ultimi periodi sia mai stata felice sul campo, dai risultati non sembra, anzi, spesso ha avuto fretta di uscire dal campo, alla Fognini, o almeno è l’impressione che ha dato. Non puoi farti dominare dalla Sakkari che poi viene ridicolizzata al turno seguente a meno che tu stessa non voglia mollare il torneo. Vedremo il prossimo anno. Le doti se c’erano prima ci saranno anche ora, non penso che si disimpari a colpire la palla all’improvviso. L’unico pericolo potrebbe essere che si insista su ritmi di gioco ancora più rapidi, e non credo che sia la soluzione. Ad Hobart, sempre che non cambi idea sapremo. Per altro non so se dovrà giocare le qualificazioni pure lì, o se programmerà diversamente i primi tornei. E’ anche vero che da Melbourne in poi da difendere non ha davvero nulla.

  14. by SanTommaso

    Ah, una volta qualcuno prese in giro la preparazione di Camila ed il fatto che si eserciti di tanto in tanto a tirare di boxe. Oggi Monica Puig (MEDAGLIA D’ORO OLIMPICA) ha postato un video in cui si allena in palestra con un preparatore simulando i movimenti della boxe, con tanto di guantoni.

    Chissà se qualcuno avrà qualcosa da dirle, almeno per coerenza verso se stesso?

    • by r.b.

      No, la boxe va benissimo….era il lancio del pollo che ci lasciò un po’ perplessi…. 🙂

  15. by r.b.

    Sono d’accordo con Riccardo, probabilmente la nostra ignoranza tennistica dal punto di vista tecnico (mia prima di tutti, ma a quanto pare anche di altri) non ci consente di elevare troppo la discussione sul perché Camila fa un numero di UE tale da avere spesso negligenza ultimi tempi un rapporto W/UE deficitario… Eppure ricordo telecronisti competenti (es. Francesco Elia su Supertennis) sostenere (e non solo a proposito di Camila) che l’errore gratuito è spesso provocato da un errata posizione in campo o da un errato approccio tecnico al colpo….

    • by r.b.

      *negli

      • Lucia by Lucia

        Il concetto e’ semplice. Camila tira forte e piatto, non e’ alta e cerca di chiudere lo scambio in tre colpi. Palla in campo vuol dire, giocare piu’ piano , con piu’ rotazione ed essere pazienti. Ora se qualcuno mi dice dove e da chi lo dovrebbe imparare e soprattutto, da dove si deduce questa sua volonta’ di farlo … Lieta di discuterne. Diversamente siamo nel campo dei desiderata.

        • by r.b.

          La rotazione in top spin serve per giocare una palla più veloce ma impedire che vada lunga, cosa che farebbe certamente se giocata completamente piatta… un po’ di rotazione la usa anche Camila, ci mancherebbe, siamo tra i professionisti, mica al circolo, la palla viaggia a velocità impressionanti, però non è questione solo di velocità, ma soprattutto di controllo….
          Le altre rotazioni (soprattutto il back spin), sono il primo a dire che Camila non le gioca, così come i dropshot, lob ecc. e forse non li giocherà mai…..

          • by SanTommaso

            La rotazione in top spin serve a giocare una palla più veloce??? Più veloce rispetto a cosa? A un colpo piatto come quelli di Camila? Va bene non essere dei super esperti, ma almeno le basi ragazzo mio…

            • by r.b.

              Eh no non sono d’accordo.. il top spin serve a tirare più forte. Infatti il top spin consiste nel colpire la palla dal basso verso l’alto in modo da imprimere per mezzo della racchetta un movimento rotatorio della sfera dall’alto verso il basso nella direzione del colpo. In tal modo la traiettoria della palla, che altrimenti sarebbe una semplice parabolica discendente, diventa molto più arcuata verso il basso. Questo permette di ridurre il numero degli errori e di tirare più forte, aumentando il controllo. Infatti a parità di velocità, il colpo piatto ha una traiettoria molto più lunga.

        • by SanTommaso

          Qui sono tutti “desiderata”, Lucia. Nessuno accetta Camila così come ha scelto di essere.

          • by Fabblack

            A me invece andava bene quando batteva Sharapova, Keys, Cibulkova, Wozniacki, Muguruza, Radwaska, Bencic, Konta, Suarez Navarro, Azarenka, Vinci, Bertens, Garcia, Mladenovic, Stephens, Bouchard, Errani, Pennetta, Ostapenko, Cornet, Shvedova, Petkovic (qualcuna due volte ed altre me le dimentico), per restare agli ultimi tre anni.
            Ripeto la mia teoria: ad un certo punto hanno pensato di non poter progredire ulteriormente senza apportare qualche novità ed abbiamo visto risposte da posizione avanzatissima e troppo esasperate che non hanno prodotto nulla di positivo;.
            Sempre secondo me, invece avrebbe potuto produrre molto di più una serie di variazioni al servizio (slice, kick); questo perché vedo ragazze anche meno alte di lei ottenere di più da questo fondamentale.
            Forse sarà il prossimo passo.

    • robdes12 by robdes12

      o dall’incapacità di dosare la potenza in relazione allo spazio che si ha a disposizione. Comunque sia è già il secondo anno in cui si presenta con un bellissimo gioco per la stagione invernale che poi all’improvviso cicca (Venus, Navarro; Kerber, Serena). Per due anni il copione si è ripetuto identico, come non ottenuto all’inizio il risultato sperato, la stagione successiva è andata in declinando. Se avverrà anche quest’anno vorrà dire che si potrà considerare legittimo un errore di preparazione alla base di tutto. Comunque Camila ha completamente smarrito la forza mentale, appena esce dalla partita il risultato diventa scontato, siano due o tre i set: perde.

  16. riccardo by riccardo

    Estremizzando certi ragionamenti e cioè : Camila è cosi , non cambierà mai niente e declinandoli nella vita di tutti i giorni, mi scuserete, ma saremmo ancora all’età della pietra.
    Poichè so fare una certa cosa e non altre, me ne frego ed insisto , se va bene ok ed altrimenti perdo e chi se ne frega. Davvero pensate che questo sia un discorso intelligente? davvero pensate che sia questo il ragionamento che fanno i Giorgi? Tutti i tentativi che sono stati fatti ( giusti o sbagliati non importa) di cambiare qualcosa allora come dovremmo inquadrarli. ? Una sorta di tradimento rispetto al pensiero iniziale?
    Il problema è un pò più complicato di mettere la palla a ridosso delle righe piuttosto che la ” palla in campo”.
    Il tennis non è solo un esercizio fisico.
    Il tennis è tecnica, tattica, forza mentale, agonismo, capacità di leggere le partite.
    Mi spiace per tutti coloro che la pensano in un certo modo , ma non esiste nella storia del Tennis e non esisterà mai un tennista o una tennista che vincerà tirando solo le palline sulle righe.
    Non è cattiveria o voglia di andare contro per partito preso , è soltanto che non può esistere, è contro il gioco stesso del tennis .
    Capisco che anche questa è una estremizzazione del concetto, per rispondere al famoso ” palla in campo, ma il problema di Camila è un pò più complicato di giocare le mozzarelle a metà campo oppure i missili terra aria.
    Il problema di Camila a mio giudizio, ma anche a giudizio di coloro i quali capiscono molto più di me e di tutti quelli che scrivono qui dentro è abbastanza decifrabile.
    Lei sapeva fare benissimo alcune cose che istintivamente sentiva sue e cioè il gioco aggressivo ed ha trascurato perchè non le piace , perchè non è congeniale al suo modo di stare in campo( non importa) la fase difensiva, e la fase di costruzione del punto alternativa al vincente.
    All’inizio quando era praticamente una sconosciuta, questo modo di giocare ha avuto successo ma non appena nel circuito si è fatta strada , le avversarie hanno imparato a conoscerla e piano piano anche a giocarci contro. Da qui i problemi .
    Quando lo scambio si allunga , mi pare abbastanza evidente per tutti , spesso Camila finisce col commettere errori. Non ha quella fase di costruzione del punto che le rimproverano Bertolucci, Tommasi, Schiavone , e potrei continuare e mi fermo.
    Il problema non è tenere la palla in campo ” sic et simpliciter ” il problema è avere la capacità tecnica di saper fare più cose , per vincere le partite che non si possono vincere a pallate.
    Non mi pare un concetto cosi rivoluzionario.
    Chi non accetta che il tennis non è fatto solo di palle piatte tirate a tutto braccio non accetta il gioco del tennis ed allora ,,, contenti voi contenti tutti.
    Sono sicuro che non è il concetto dei Giorgi , perdere non piace a nessuno e non piacerà nemmeno a Camila .

    • robdes12 by robdes12

      intervento molto ragionevole, ma che trascura una premessa imprescindibile. Credi davvero che nell’epoca del pensiero semplice queste argomentazioni possano essere prese in considerazione? Mi domando che pensi il tifoso medio-recente del gioco tutto tocchi di Mc Enroe…che tirava solo mozzarelle? Se si perchè non provano loro a praticarlo così vedono quanto sia “facile” giocare e vincere a quel modo. Alla fine ciò che si apprezza di Camila, qui dentro, è in massima parte la facilità di ricezione del gioco tutto cannonate, che in fondo è solo frutto di un evoluzione tecnologica di racchette e budelli vari, ma nulla che riguardi davvero la tecnica di gioco o l’affinamento strategico. Guarda caso ora metà delle giocatrici, se non di più, tirano e basta, segno che è tutto sommato la cosa più facile da fare. Peccato che ultimamente a giudicare dagli slam le suddette stiano raccogliendo molto meno di un tempo. Pare proprio che le formichine stiano lentamente eclissando le cicale, a meno che le cicale non imparino ad essere un po’ meno monotematiche (e noiose esse stesse).

      • by r.b.

        Beh, però è indubbio che il gioco di Camila sia molto affascinante, e non solo per l’avvenenza fisica della protagonista, ma soprattutto per la capacità di tirare colpi vincenti strepitosi da ogni parte del campo, roba da restare a bocca aperta… 🙂
        Capisco quindi chi non vuole cambiamenti, a costo di perdere i match, tanto Camila, quando riusciamo a vederla, ci regala sempre delle “perle” straordinarie del suo repertorio…. il problema è che sono inframmezzate (ultimamente troppo spesso) da inguardabili errori gratuiti…..

        • robdes12 by robdes12

          certo che è affascinante, quando gioca bene e non fa solo risposta anticipata, uno due di dritto. Come tutte le altre quando gioca male è bruttina da vedere. Il punto, e qui so che sei d’accordo con me, è che quest’anno merita in toto la sua classifica. Basta che il prossimo anno meriti di stare su livelli migliori. Riguardo le avversarie poi a me non pare si siano molto migliorate, Pliskova, Muguruza, Petko, Keys e tante altre con cui ha perso hanno aggiunto al proprio tennis poco o niente. Poi che Serena e altre top abbiano subito un calo ha favorito la loro ascesa, e riguardo a Cami è in parte vero che è lei che contro ci ha giocato maluccio, Del resto se fossero così progredite le altre, mi spieghi come una giocatrice che sembrava rottamata, come la Kuz, sia risalita così tanto, e come una Puig abbia, sia pure in stato di grazia, fatto un tennis che le ha surclassate tutte alle Olimpiadi? Il livello delle altre è più o meno quello, solo che giocano sbagliando meno di un tempo, con meno foga arrembante (quando vincono). Cami invece è calata troppo di regolarità, per lo meno rispetto alla tenuta degli scambi che aveva un tempo ( sei-otto mi pare che li reggesse eccome, o non avrebbe mai battuto due volte la Wozniaki).

  17. by Fabblack

    Sharapova a I.W., Keys a Cleveland, Radwanska a Katowice, Bencic a Den Bosch, Petkovc a Linz, ma anche Petrova a Wimbledon, Azarenka dei 54 winners, Woz, Mugu: la palla non stava in campo tanto per starci, ma stava (velocissima) vicino alle righe.
    A me ha amareggiato la mancata “svolta” dopo il primo trofeo: non riesco ancora a spiegarmi come anziché fare il definitivo salto di qualità, sia tornata indetro.
    Sfido chiunque a dire di non rimpiangere quella Camila.
    Basterebbe quella Camila, ora anche più matura, per tornare in due mesi ai livelli di classifica che le competono.

  18. Lucia by Lucia

    Io non capisco come Camila possa cambiare il suo modo di giocare. Chi dovrebbe insegnargielo e dove potrebbe imparararlo. E non capisco da dove nasce questa speranza, non certo dalle sue parole o dalla sue scelte. A prescindere da quello che ognuno di noi desidera, non mi pare onestamente una discussione realistica.

    • by r.b.

      Nessuno ha mai seriamente sostenuto che debba cambiare modo di giocare. Semplicemente deve trovare un equilibrio tra vincenti e gratuiti che non la penalizzi troppo in termini di risultati. In realtà ogni errore gratuito ha una spiegazione dal punto di vista tecnico o tattico, per cui bisogna intervenire in quelle situazioni per migliorare la resa dei colpi. Il gioco deve essere messo in pratica – come dice Sergio.
      Vuol dire che quest’anno non è stato fatto, se non in rarissime occasioni.

      • Lucia by Lucia

        Ma tu, onestamente , credi che lo fara’. ?

        • by r.b.

          Sergio lo ha detto, quindi credo di sì, inoltre in passato ha dimostrato di saperlo fare.

        • robdes12 by robdes12

          Sai Lucia, non è che adesso abbiano molti margini di manovra. O provano a farlo o dovranno adeguare le prospettive iniziali a quelle di un’onesta carriera e niente di più. Ma siccome non mi sembrano così rinunciatari, per lo meno il padre…staremo a vedere. Fermo restando che io a cambiamenti ci credo poco, anche perchè non so se siano ancora possibili dopo troppi anni di automatismi. La mano ce l’ha, la voglia di usarla davvero tutta non sono sicuro.

      • by SanTommaso

        Come nessuno ha mai seriamente sostenuto? Ma se tutti chiedono maggiori rotazioni, maggior controllo, palla a un metro dalla linea, miglior gioco di volo e magari anche qualche palla corta.

        A meno che il centro del discorso non sia in quel “seriamente”, cioè chi dice queste cose non lo dice sul serio ma solo per trollare. E allora ci sta tutto!

  19. by SanTommaso

    Notizia di servizio: posso dirvi con certezza che Camila sarà nel main draw degli Australian Open. Ho anche la ricetta per vincerlo. Sergio, Camila, vi prego, ascoltatemi! O meglio, staff: portate a Camila questo mio messaggio, è importantissimo, solo così potrà vincere uno Slam:

    PALLA SULLE RIGHE! 🙂

  20. etberit by etberit

    Secondo i miei ammennicoli è meno stimolante il discorso della palla in campo rispetto alla crociata al grido di “Dio ci ha dato Camila così e Camila così deve rimanere”.

    • by SanTommaso

      Quindi mi dai ragione… Comunque è Camila che vuole evidentemente rimanere così, Dio o non Dio.

    • by r.b.

      Se non ricordo male, il buon t.o., che conosce i Giorgi pesonalmente, diceva che Camila non vuole perdere “neanche a rubamazzetto”. Quindi è normale che, quando perde un match, non sia soddisfatta e vorrebbe aver fatto qualcosa di diverso (meno errori, più vincenti?)….. in altre parole è lei stessa, oltre che Sergio e noi tifosi, che si augura che l’anno prossimo non rimanga la stessa di quest’anno (almeno in termini di risultati). Che il gioco rimanga quello più o meno non ci piove, però i risultati arriveranno solo se…. 🙂

  21. by r.b.

    E comunque non mi aspettavo attacchi personali, cosa che non si addice ad un sito di commenti sportivi, se andrò via da questo sito sarà solo per ragioni inerenti al tennis giocato da Camila, e non certo perché il sito è frequentato da questo o da quell’utente. C’ero anche quando c’era il tafano, quindi figuriamoci se mi lascio intimidire…..
    Sarò il primo a non seguirla più se il suo tennis non dovesse corrispondere a ciò che mi interessa vedere su un campo da tennis, e di conseguenza non scriverò più sul suo blog, ma fino ad allora…. 🙂

    • by fraronz

      r.b. non ha bisogno di solidarieta’ : ma sono d’accordo con quanto dice.
      OT :Sto guardando in replay su Supertennis il match tra Garcia e Camila di Marsiglia: da quel momento si e’ spenta un po’ la luce.

    • by SanTommaso

      Mica volevo “intimidirti”. Ho solo detto che postare centinaia di commenti uguali è inutile per la discussione, se non addirittura dannoso per il sito. Se la cosa ti “intimidisce” mi spiace, non era mia intenzione.

      Gli attacchi non sono personali, ci mancherebbe, non ti conosco neanche. Sono al non-pensiero che emerge dal personaggio che hai scelto di interpretare. Prima eri tutto occhiolini e battute a doppio senso su tenniste avvenenti, ora sei una frase tipo “marchio registrato” che ripeti in continuazione.

      Credo che tu possa essere molto di più. In caso contrario, visto che hai detto più volte di non capirne tecnicamente di tennis, posso chiederti: e quindi, che ci fai sul sito di una che con il tennis ci vive?

      • by r.b.

        Il tifo.

        • by SanTommaso

          “tifo sportivo” su Treccani: “Dimostrare grande ammirazione, parteggiare accanitamente, essere acceso fautore”.

          No, anche solo per la lingua italiana, tu non fai il tifo per Camila.

      • by r.b.

        Il giorno che per andare a vedere una partita di calcio bisognerà saper palleggiare come Maradona o per vedere una partita di basket schiacciare ad una mano mi ritirerò dal sito…

        • by SanTommaso

          Per vederla no, ma magari per avere la pretesa di dare consigli sì – aiuterebbe.

  22. by r.b.

    Beh finché i moderatori non mi bannano direi che c’è libertà di commento: meglio “palla in campo” che “vuoto tecnico”…. 🙂
    Almeno che bisogna ridurre i doppi falli, errori non forzati ecc. è un commento tecnico, sentito più volte da giornalisti, commentatori televisivi competenti ecc.
    Giocare rischiando il vincente e forzando tutti i colpi e facendo caterve di doppi falli non l’ha mai detto ancora nessuno che abbia giocato a tennis ad un certo livello o sia un giornalista professionista o un commentatore televisivo….

  23. Ace by Ace

    Mentre Camila è in vacanza(dalle foto di Instagram non si direbbe un’annata malvagia), Sergio sta facendo le selezioni per il nuovo allenatore. Per il momento ha già trovato un assessore per il Comune di Roma e un allenatore per l’Inter, ma nessun sostituto.
    Sembra che cadano tutti sulla domanda della palla in campo…

    • by SanTommaso

      Ma fa così tanto ridere sta cosa della palla in campo?

      • Ace by Ace

        In qualche modo si cerca di sdrammatizzare sia il momento che le discussioni, ma puoi anche non tenerne conto, nulla di così assoluto come certi commenti…

        • by SanTommaso

          Bah, non so: se io da domani scrivessi che bisogna mettere la “palla sulle righe”… diciamo che ci faremmo una risata: “Beh dai, è impossibile. Una sparata divertente, ma ora torniamo seri”.

          Poi, ammettiamo, inizierei a scriverlo anche domani. E dopodomani. Poi una volta la settimana. Poi tutti i giorni. Poi più volte al giorno, fino a scrivere in praticamente TUTTI i commenti che, sì, l’allenatore, la superficie, l’avversaria, il turno e il livello del torneo, la racchetta cambiata, le condizioni climatiche, quelle fisiche di Camila o della sua avversaria, tutti gli altri infiniti dettagli che costellano una partita di tennis… ma l’importante è “palla sulle righe”… farei ancora ridere?

          Immagina questa tiritera nauseante portata avanti per mesi… forse – ma qui chiedo a r.b. – anni? Da quanto scrive “palla in campo”? E se io dicessi “palla sulle righe”? E se un altro dicesse “ace, sempre”. E se un altro ancora dicesse che la soluzione è il rovescio a una mano. Sempre e solo quello. Riusciremmo ancora a prendere sul serio una qualsiasi discussione su questo spazio?

          O lo trasformeremmo in un circo grottesco che il resto della rete avrebbe il DOVERE di sfottere?

          Mi dispiace. Non era così questo spazio. I, quanti, 10.000 commenti di r.b e i… boh, 6.000 del Prof lo hanno strangolato. E questa cosa ridicola e un po’ patologica del costruirsi una frase tipo da dire sempre temo stia dando il colpo di grazia.

          Contenti loro…

          • Ace by Ace

            Capisco che una battuta umoristica non possa piacere.
            Personalmente trovo r.b. molto simpatico quando scherza, quando parla di tennis è il primo a dire di non avere competenze altissime per cui lo leggo più velocemente(non me ne voglia).
            A mio avviso i motivi per sfottere questo sito sono altri, ma non voglio essere polemico con nessuno, tanto più in un periodo di forzata calma. Sono più impegnato a tenere le dita incrociate fino alla ripresa dei tornei, nella speranza che accada qualcosa. Non mi chiedere cosa, ma mi sono convinto che sia necessario qualche cambiamento per dare una scossa alla situazione e credo che Sergio ci stia pensando.

  24. by r.b.

    E’ evidente che gli Slam li vincono per lo più le giocatrici aggressive (e potenti)…. Sharapova, Williams, Kvitova ecc. Poi ogni tanto vincono anche le altre, ci mancherebbe, le cosiddette pallettare (in genere di lusso: Kerber, Azarenka ecc.)…
    Quindi che Camila possa vincere uno Slam con il suo gioco non credo che sia in discussione, almeno non qui…. tutti lo pensiamo… però, però….
    Prendiamo Kvitova, ieri ha vinto il Masters B con un gioco potente e aggressivo, 4 partite praticamente perfette senza perdere un solo set… solo una settimana fa però perdeva (male) dalla Niculescu la finale in Lussemburgo (6-4 6-0), però Petra almeno ha vinto due tornei importanti in questo finale di stagione. Quindi ci sta che Camila possa perdere male al primo turno o anche nelle qualifiche dalla 150 del mondo, però ogni tanto il bel gioco senza troppi errori vorremmo vederlo, possibilmente per 4 o 5 partite consecutive…. 🙂

    • robdes12 by robdes12

      anche perchè se non vedremo a breve un gioco un po’ più costruttivo, o meglio produttivo, rischieremo di non vedere altro che i livescore prossimi venturi, perchè finiremo invariabilmente a giocare su campi non “prodotti televisivamente”. Non giocando bene si avrà come conseguenza che non solo non si vedrà bel gioco, ma non si vedranno altro che foto. Comunque è assodato che sbagliando troppo si perde, ne sa qualcosa Fognini e ora anche Djokovic, non solo Camila o la Errani (che appunto è scesa perchè anche lei ha cominciato a sbagliare quello che prima non sbagliava mai, neanche azzoppata). Poi facciano come credono. In fondo pure la Kournikova è passata alla storia del tennis non vincendo neanche un torneo, se non erro.

    • by SanTommaso

      Azarenka “pallettara” (ancorché di lusso) mi fa dubitare che tu l’abbia mai vista giocare!

  25. by SanTommaso

    Questa storia della palla in campo sta diventando grottesca, dai.

    È chiaro come il sole che dire “palla in campo” equivale a chiedere a Camila di rallentare i colpi per non correre tutti i rischi che corre con il suo gioco. Ora, r.b., dire che non chiedi di rallentare i colpi ma solo di tenere letteralmente la palla in campo… beh, scusa, e ne stiamo a discutere ancora? Allora diciamo: Camila dovrebbe mettere solo “ace in campo”. Ma dopo la miliardesima volta non fa più ridere. Siccome qua tanti si riempiono la bocca di “non sono consiglia Sergio che per carità è un professionista come Camila, ma… lo facciamo per parlare tra di noi”, ecco allora parliamo. Non facciamo finta solo per arrivare prima degli altri a 1000 commenti.

    Si chiede a Camila di tenere “palla in campo”? Allora le si chiede di rallentare i colpi, aumentare le rotazioni, prendere meno rischi, non cercare le linee, diminuire la velocità del servizio. Se secondo voi è così che vincono le partite, vi rispondo con l’elenco delle vincitrici degli ultimi 5 anni di tornei del Grande Slam. Ma devo proprio? (quasi) tutta gente che più che tenere la palla in campo, mette una pressione pazzesca alle avversarie, sia psicologica con un gioco sempre d’attacco che “fisica” con una pesantezza di palla superiore.

    Possiamo (potete) dimostrare di avere più argomenti di “palla in campo”, “se non si tiene la palla in campo”, “lei tiene la palla in campo”, “tutta gente che tiene palla in campo”? Così, giusto per provare ad alzare l’asticella del discorso di un pelo…

    • by r.b.

      Sarà grottesco o ridicolo, ma è altrettanto ridicolo pensare di vincere qualcosa (non dico uno Slam) facendo così tanti errori non forzati…. Non ho sentito né letto alcun intervento costruttivo su questo punto…. solo che dovrebbe continuare a giocare così rischiando il tutto per tutto e magicamente le cose andranno a posto da sole… è semplicemente assurdo dal punto di vista tennistico… ogni errore ha una spiegazione dal punto di vista tecnico o tattico. O si mette a posto tecnica e tattica altrimenti si continuerà a sbagliare…..

  26. by p.r.

    Mi sembra ovvia la seguente interpretazione della frase “Cibulkova tira solo vincenti”, col dire “Cibulkova tira solo colpi tesi e talmente sulla riga, da apparire come vincenti”. Era solo un modo sintetico per asserire che lei pratica un gioco aggressivo, senza “palla in campo”, nel senso che non rimanda la palla dall’altra parte in modo che sia facilmente ghermita dall’avversaria.
    Poi è logico che la palla in campo la deve comunque rimandare, se no non fa il punto.
    Non essendo stato capito il dialogo sintetico, allora ripeto il concetto, questa volta, forse, con maggiore chiarezza.
    La vittoria della Cibulkova ai Masters WTA, porta ad ipotizzare che anche tenniste con gioco al limite, come quello della Giorgi, possono, nella mia opinione, aspirare a migliori risultati, in quanto il suo tennis appare moderno, in linea con i tempi.
    Anzi, allargando il campo, senza assolutamente confrontare le tenniste, anche la S. Williams, la Sharapova, la Kvitova e la Konta praticano gioco aggressivo e vittorioso, mentre altre in passato l’hanno praticato, come Seles e Bartoli.
    Poi, come al solito, molti mi verranno a dire “Ma la Kvitova non pratica il gioco di Camila”, oppure “la S. Williams ha una minore percentuali di errori e doppi falli” e simili.
    Ciò non toglie che il concetto generale mi sembra valido.
    Camila, rispetto a loro, è costretta a praticare più un gioco di percentuali, visto che non ha l’altezza della gran parte di loro e, dunque, non si può permettere la cosiddetta “palla in campo” (nell’accezione sopra meglio specificata).
    Soddisfazioni, in passato, se le è già prese, anche se solo in singoli episodi.
    Basterà aspettare, con pazienza, qualche anno. I risultati non mancheranno.

    • by r.b.

      È bellissimo vedere coma la frase ‘palla in campo’ si presti ad interpretazioni esattamente opposte…. 🙂

  27. by livio71

    ho appena rivisto camila petkovic linz…che camila …. grande sublime…. camila ti rivogliamo così

    • by Fabblack

      Prova a riguardare Sharapova a I.W., Keys a Cleveland, Radwanska a Katowice, Bencic a Den Bosch, ma anche Petrova a Wimbledon,,,

      • by r.b.

        Bei tempi quando la palla rimaneva in campo…. 🙂

        • robdes12 by robdes12

          oddio, qui non sono d’accordo, quella delle avversarie mica rimaneva così spesso in campo. 😉

          • by SanTommaso

            Quindi si vince tenendo la palla in campo o sperando che le altre non la tengano in campo? Azz… che dilemma! Non è che si vince giocando meglio delle avversarie, perché si è più forti? Ha mai sfiorato, questo pensiero così bizzarro, certe menti tanto evolute?

            Ah, scusate: faccina così sembra un commento “cazzaro” tanto per sparare lì nel mucchio anche la mia, ahahaha che ridere! 😀

      • robdes12 by robdes12

        io aggiungerei la partita dei 54 vincenti, Eastbourne contro Vika.

        • by SanTommaso

          A Eastbourne, su erba, contro Azarenka, 54 vincenti. Tutti ovviamente giocando in sicurezza e con “palla in campo” (nell’accezione di r.b.)

          Eeeeeeeh già!

          • by r.b.

            Nella mia accezione non vuol dire quello che dici tu e lo sai benissimo… se ha fatto 54 vincenti vuol dire che la palla è rimasta in campo almeno 54 volte. Bisogna vedere quanti errori gratuiti ha fatto in quel match e fare il rapporto W/UE.

  28. by mf

    Vedo qui diversi che fanno una sorta di paragone tra la Cibulkova e Cami! Alcuni sostengono che il loro gioco sia simile ma secondo me non sono proprio due gocce d’acqua ! Dominika assomiglia di gioco più all’azarenka o meglio alla Konta. Ci si chiede come mai la Cibulkova sia arrivata al 5 del mondo e Cami nemmeno tra le prime 20… Semplicemente perchè la slovacca non cerca ad ogni colpo una bordata un tiro vincente anche se è posizionata male ed è in situazioni di gioco non ottimali… Non rischia ad ogni seconda , non fa più di 10 doppi falli a partita, non cerca quasi sempre una risposta vincente , ha un minimo di variazioni, sa giocare tutti i colpi, in difesa è più che discreta .Spesso prima del vincente cerca di aprirsi il campo angolando a media potenza e quando l’avversaria accorcia conclude ! Questi sono le principali differenze tra le due! La Cibu è un’attaccante più controllata! Una giocatrice uguale a Cami come gioco non esiste e semplicemente esso è unico !
    A me piace tantissimo sognerei che lei arrivasse con questo top 10 ma lo reputo quasi impossibile per la sua grande discontinuità , cosa che è vero appartiene pure a Kvitova ma lei sinceramente è ora di un’altra categoria rispetto alla Giorgi e comunque ha pure un servizio molto solido ecc!
    Quindi … non so . non vedo l’ora di vedere Cami nel 2017 e spero di essere smentito di tutto ciò ! sempre forza Cami!!

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Rompo il silenzio per invitare tutti i trombettieri ad andare su intagram…..
      Camila per sempre♡♥♡♥♡♥♡♥

    • by p.r.

      Come al solito, sembra il blog dei gufi!!!
      Nessuno sostiene che Domi abbia lo stesso gioco di Cami. Nessuna giocatrice c’è l’ha.
      Semplicemente affermo che giocatrici solo un anno fa all’assoluta portata di Cami oggi hanno giocato i master WTA ed una in particolare l’ha anche vinto!!!
      Affermo inoltre che il gioco di Domi è aggressivo, come lo è quello di Camila.
      Leggilo solo come un auspicio affinché l’anno prossimo ci si possa attendere una svolta in positivo, affinché anche la Giorgi possa ambire alle stesse soddisfazioni sportive, sempre a condizione di un continuo impegno ed in una maggiore fiducia in se stessa 😉

      • by r.b.

        Nessuno senza equilibrio, solidità e consistenza può vincere qualcosa di importante a tennis… È uno sport fatto così…. Comunque questo l’allenatore e lo staff lo sanno benissimo, quindi posso solo dire: Buon lavoro! 🙂
        Speriamo, l’anno prossimo, a noi tifosi solo le soddisfazioni, a voi… anche i milioni! 🙂 (Cibulkova ha intascato qualcosa come due milioni e spiccioli per la vittoria al Masters).

        • robdes12 by robdes12

          guarda che i soldi non è dimostrato che facciano la felicità!
          Ma magari aiutano nella ricerca di un circolo adeguato, o come per Lendl ti permettono di avere campi con tutte le superfici all’interno del parco della tua villa. 😉

    • robdes12 by robdes12

      forse sarebbe sufficiente limitare un poco la sua predilezione per le righe del campo. Tante partite si vincono per pochi punti, magari quando è a colpo sicuro limitare di mezzo metro la profondità non sarebbe male, già solo questo varrebbe diversi turni superati nei tornei.

      • by p.r.

        Io che alla nobile arte del tennis mi ci dedico saltuariamente, mi accorgo che l’unica alternativa alla risposta con top spin positivo, come ti riesce spontanea, non è di rallentarla, perché in quel caso ti andrebbe direttamente a rete.
        L’alternativa è quella di andare in back spin, producendo un tiro che ti porrebbe più facilmente in balia dell’avversario.

    • by Fabblack

      Tre cose.
      Uno, il servizio della Kvitova è più solido forse anche perché ufficialmente è 14 cm più alta (secondo me sono di più),
      due, la solidità, in senso assoluto: esempio C.S.N. (tre anni e tre mesi più di Camila), prima di Doha di quest’anno aveva vinto un solo International e,
      tre, comunque Cibulkova ha quasi tre anni più di Camila, ed allora possiamo sperare che col tempo metta giudizio.

  29. by p.r.

    Dalla finale ai master WTA di oggi, Cibulkova contro Kerber, è stato dimostrato che una tennista, con soli vincenti e nessuna “palla in campo” sia riuscita addirittura a primeggiare tra le migliori tenniste del mondo, in assoluto.
    Ed è tra l’altro un esempio calzante, visto che è una giocatrice non altissima, come lo è la nostra tennista preferita.
    Sono d’accordo che la Slovacca è in una fase della sua carriera in cui è molto consistente. Credo tuttavia che anche Camila, se riesce a fare partite con la voglia continua di vincere che ha avuto Domi e con quella grinta e fiducia in se stessa, possa fare un exploit come il suo. 🙂

    • jurg by jurg

      Mah. Se vinci vuol dire che le hai tenute tutte in campo……..le tue, e quelle dell’avversaria sei andata a prenderle quasi tutte correndo senza sosta, magari imparare un pochino? In piu ha tutti i fondamentali e quindi il “suo Gioco” ha moltre piu soluzioni e risorse. Mica è nata “imparata” si è apllicata e ha migliorato quello che non andava troppo bene.

      • robdes12 by robdes12

        voi ne volete troppe, che i giocatori tirino sempre e tengano pure le palle in campo. Se uno/a si dedica ad entrambe finirà per fare peggio una delle due cose, o tira senza pensare al campo, e quindi davvero tira, o mette sempre la palla in campo e quindi non pensa a tirare. Diciamo che gli amanti del bazooka non hanno interesse al passaggio del turno se comporta una riduzione dei khm, quelli del risultato del torneo se ne fregano se fai punto pure prendendo venti nastri favorevoli basta che passi. Il punto da decidere è: meglio perdere tirando o vincere rallentando? 😉
        Ovviamente se sei Gulbis col papa oligarca alle spalle puoi pure giocare senza compromessi, e fare appunto come Gulbis, tanto talento nessun riscontro in bacheca.
        Ok, è un commento per assurdo, lo ammetto; per me si vince solo facendo al momento giusto la cosa più giusta. Ho visto troppe partite in cui si è dovuto scambiare più del dovuto semplicemente perchè non si è saputa fare la più semplice delle voleè a rete, altro che il famoso far giocare sempre un punto in più all’altro. Tante grazie, se uno/a sbaglia la chiusura chi sta di là qualcosa rimanderà. Se attacchi davvero bene ti rimandano solo occasionalmente palle, nessuno sa fare 30 prodezze difensive a set. Nemmeno la Kerber o Nishioka.

    • by r.b.

      Infatti Cibulkova non ha tenuto nessuna palla in campo, tirava tutto fuori o in rete…

      • jurg by jurg

        Mah. Se tiri tutto fuori o in rete di soito perdi. Mi risulta che per fare punto la palla debba rimbalzare dentro il campo.

        • by r.b.

          Era ironico infatti… Qui c’è gente che sostiene che tenere la palla in campo non va bene… 🙂

      • robdes12 by robdes12

        Quindi per te si è campioni solo se si vince? Sei in grado di dimostrarmi questa tua stravagante convinzione? 😉

        • jurg by jurg

          Certamente NO! E non sempre le due cose coincidono. Ci sono qualità umane non necessarie per essere campioni in uno sport e viceversa. Il tema è intrigante e permetterebbe molte disquisizioni ed esempi ma penso che ciscuno abbia il suo. Non pensavo di aver indotto questa domanda.

  30. enzo by enzo

    Come ad ogni fine stagione, ho ricavato le stats da tutti i match facts di Camila.
    Quelle di WTA sono incomplete , poichè presumo che riguardino solo i match fino a quando Cami è rimasta tra le prime 50 del RK.
    Riporto solo i dati più significativi, confrontandoli con gli anni a partire dal 2013.

    ——SERVIZIO———————————-2013—————2014—————2015—————-2016

    -aces per game———————————0,25—————-0,29—————-0,25—————–0,21
    -df per game————————————-0,73—————-0,69—————-0,85—————–0,66
    -df % sulle 2e————————————23,8—————-22,6—————-27,9—————–22,8
    -1e in %——————————————-60,5—————-54,0—————-55,6—————–56,0
    -1e W %——————————————-64,8—————-69,3 !!!————-67,5—————–64,1
    -2e W %——————————————-47,0—————-48,0—————-45,0—————–46,8
    -BP concessi per game———————–0,72—————-0,67—————-0,79—————–0,80
    -BPS %——————————————–58,0—————-58,5—————-58,0—————–55,0
    -SGW %——————————————-66,5—————-72,6!!!————–67,0—————–64,2

    Dopo il picco del 2014 ( dove il 69,3% di 1eW e il 72,6% di SGW erano paragonabili ai dati delle top 10), il servizio ha perso progressivamente efficacia. I valori del 2016 sono inferiori anche a quelli del 2013 ( anno del problema alla spalla ).

    ——RISPOSTA
    -Tot RW %—————————————-46,9—————–43,7—————-43,0—————–44,8
    -BP per game———————————–0,84—————–0,84—————-0,73—————–0,72
    -BPC %——————————————-45,8—————–48,0—————-39,8—————–44,7
    -RGW %——————————————37,9—————–36,2—————-35,0—————–35,6

    -Total GW %————————————-52,2—————–54,4—————-51,0—————–49,8

    Anche in risposta, sopratutto per la diminuzione dei BP procurati e della loro conversione, si registra un calo di efficacia dopo il 2013-2014.
    -Un indicatore molto significativo è la % di games vinti sul totale servizio + risposta. Fotografa fedelmente il risultato di un match o di una stagione. In questi 4 anni ha fatto eccezione solo l’ultimo risultato con Podoroska 0-6/6-4/6-4 dove Cami pur vincendo 14 games contro 12 , ha perso la partita. In genere sopra il 50 si vince, sotto ovviamente si perde.
    Anche questo indice comunque pone al primo posto nettamente il 2014, seguito da 2013,2015 e
    buon ultimo il 2016.

    —Le stats rispecchiano fedelmente i risultati dei 4 anni:
    —————————————————–2013—————-2014—————-2015—————-2016
    -partite giocate————————————31——————–57——————-49——————–47
    -vinte————————————————-17——————–33——————-26——————–23
    – % di W——————————————-54,8—————–57,9—————–53,1—————–48,9

    In conclusione non è che ci fosse bisogno di tutti questi dati per confermare il 2016 come il peggiore anno di Cami, ma ho postato solo per certificare a futura memoria.
    Ci serviranno spero per confrontarli con dati e risultati migliori.

    • by r.b.

      Molto utili e complete queste statistiche…. grazie mille!

  31. by SanTommaso

    Lo dico qua, per primo: Sergio ha un contratto a vita con Camila! 😛

    • by r.b.

      Sono d’accordo, ma non è questo che mi interessa. A me non interessa chi allenerà Camila nei prossimi anni (so che sarà Sergio e non ho nulla da obiettare), mi piacerebbe più che altro sapere quali correttivi hanno in mente per fare sì che il gioco di Camila, che noi amiamo tanto e che non vorremmo MAI che cambiasse (altrimenti smetteremmo di seguirla, sia chiaro), – come dice Sergio – “sia messo in pratica” o – come dico io – “che la palla rimanga in campo” – oppure – come dicono altri – “sia realizzato correttamente”. Bello tentare tutti vincenti (anche in risposta per es., ma non solo), ma se ti entra un vincente sì e quattro no vuol dire che c’è qualcosa che non va…..

      • by First

        Sergio è il padre, non credo possa dimettersi da questo ruolo, né gli va disconosciuto il merito di aver portato la figlia fino ad un livello ragguardevole.

        Il vero problema forse è investire fior di quattrini per aggiungere allo staff una figura che ha fatto tennis ad alto livello, quindi in grado di guidare Camila fino al vertice, e soprattutto di trovare una figura capace ma caratterialmente in linea con le caratteristiche offensive di Camila che non vanno snaturate.
        E non mi dite che aggiungere qualcuno allo staff è offensivo verso Sergio, mi sembrerebbe una totale assurdità!

        Sulla famosa palla in campo, inutile girarci intorno: direi che si può ottenere solo tirando più piano, r.b., usando più rotazione e più prudenza invece di cercare sempre il vincente e la riga quando non occorre. Sta tutto in quel QUANDO, differenziare le situazioni di gioco e le opportunità!

        Come salvare capra e cavoli, senza snaturare il gioco di Camila?
        Per me è sbagliatissimo forzare quanto c’è meno del 50% di probabilità di fare il punto, e va benissimo tirare pallate quando c’è almeno un 60% di probabilità di aggiudicarsi il punto, quindi con l’avversaria fuori posizione o in affanno; in sostanza direi che il punto va costruito prima di chiuderlo, mentre adesso si tenta di chiudere troppo presto e troppo frequentemente.

        Poi analizzando a fondo le situazioni in cui oggi le palle vanno prevalentemente in rete o sui teloni, si può rettificare l’approccio di conseguenza: io vedo insicurezza nel servizio, e una eccessiva fallosità nella risposta, quello è il primo problema, credo di posizione e di atteggiamento, su cui c’è tantissimo da lavorare.

        Poi su alcune fasi di gioco in cui si potrebbe piazzare il colpo per preparare la chiusura parte invece la bordata rischiosa, magari basterebbe ridurre l’acceleratore di un 20% per mettere comunque in difficoltà l’avversaria e chiudere subito dopo… Secondo me ci stanno già provando da un pezzo con alterni risultati, ma con un pizzico di continuità in più questo aspetto si risolve sicuramente.

        Complessivamente non vedo niente che non possa andare a posto con un po’ di pazienza e di duro lavoro, ne sono convinto e forza Camila!

        • by livio71

          il problema è l’apertura mentale verso le cose e le persone…fidarsi degli altri….

  32. by r.b.

    Anche Muguruza e Pliskova staccano il biglietto per le Finals…. Eppure abbiamo dimostrato in passato di giocare alla pari contro di loro…. Cos’è che ci separa tanto? Solo il servizio? Forse può valere per la Pliskova, per la Muguruza un po’ meno…

  33. by r.b.

    Condivido l’analisi di Riccardo. Senza palla in campo non si va da nessuna parte. Palla in campo, come la intendiamo noi, non vuol dire dire tirare piano o giocare da pallettari, come spiegato molte volte, e dire che noi sosteniamo che Camila dovrebbe rallentare il suo tennis o giocare in difesa equivale ad essere in totale mala fede, ma trovare un equilibrio tale nel proprio gioco che permetta di attaccare, ma senza commettere troppi errori non forzati.
    E quanto sia difficile fare questo, quando si gioca ad es. contro difensiviste come Kerber, basta guardare la povera Cibulkova nel secondo match di questo Masters….
    Picchia come un fabbro ma le ritorna sempre tutto…
    È forse triste che la n. 1 del mondo sia una ribattitrice ad oltranza che la butta sempre di là, e non vorrei mai che Camila giocasse così, però se non sai assolutamente difendere e tiri semplicemente forte e piatto e l’altra ribatte, prima o poi sbagli, non ce n’è….
    Ultima cosa, non è un consiglio per Sergio (peraltro non richiesto e di cui non ha certo bisogno) e tanto meno per Camila, ma solo uno spunto di discussione tra tifosi…

    • by r.b.

      E comunque sia chiaro che per tipo di gioco preferisco mille volte la Cibulkova alla Kerber…

      • robdes12 by robdes12

        va beh, ma qui sei lapalissiano. Hai mai visto un tennis stilisticamente più brutto di quello della Kerber? Qui dritti tutta spalla e fluidità zero sono orrendi come gesto tecnico, e poi la palla manco cammina come dovrebbe data la forza impressa. In fondo la Cibu se nel primo set avesse sbagliato meno palle fatte, avrebbe vinto lei l’incontro. Che poi sia una grande agonista è altro discorso. Si può anche vincere solo di personalità, come Serena nei periodi in cui giocava da schifo ma vinceva lo stesso. Con la Kerber ci vogliono giocatrici solide da fondo ma con più mano che varino. Non so se la miglior Kerber possa vincere con la migliore Halep. Per quanto riguarda Cami penso che con la tedesca ci abbia perso soprattutto perchè ha dovuto tirare troppo spesso sulle righe. Raccogliendo qualche palla a rete dopo averla sbattuta fuori di metri chissà. Per me la Kerber non è eccellente nei passanti, ma visto che non ne deve mai tirare molti questo non si vede.

        • by SanTommaso

          Tipo l’orrendo dritto inside-in con cui ha chiuso il match. In effetti, che schifo tirare vincenti così. Bleah!

          • by r.b.

            Non capisco, la Kerber è una giocatrice forte, ma certamente non ha un gioco d’attacco come Camila…

            • by SanTommaso

              Certamente, ma poche hanno il gioco d’attacco di Camila. Da qui a dire però che la i colpi della Kerber sono stilisticamente “orrendi” e che la palla “non viaggia”… o il prof. non l’ha mai vista giocare dal vivo (e può anche essere), oppure si basa su impressioni proprie sulle quali mi permetto di dissentire. Peraltro la Kerber è vincitrice Slam e numero 1 del mondo, e mi pare a mente di non ricordare pallettare “orrende” numero 1 del mondo – si sono tutte fermate un po’ prima – E ANCHE vincitrici Slam (ci metto la “Moonballzniacki” dentro, ma non vinse Slam).

            • robdes12 by robdes12

              r.b. ieri i drittoni di Angelique sono stati cronometrati a circa 20 km meno di quelli della Cibu. Tranquillo, il prof. sa quello che dice, compreso che difficilmente tutto quello sforzo impresso dalla Kerber corrisponde effettivamente alla velocità che dovrebbe prendere la palla. I suoi vincenti sono quasi tutti in contropiede, sfruttando anche l’effetto mancino, di potenza pura la Kerber non ha mai sfondato nessuna, altrimenti le sue partite con molte non sarebbero sempre così lottate. Velocità media dei winners ieri,Kerber 107, Cibu 118. Considerando le differenze di stazza fra le due questo fa capire quanto poco i movimenti sempre strappati di Angelique siano al top per trasferire alla palla tutta l’energia profusa. Se poi anche il tachimentro è in errore. Tanto è inutile caro mio, i pregiudizi sono troppo duri da togliere, nonchè…comodi. Poi ci ha pensato la realtà a piallare tutti i sognatori….;I
              p.s. la rispota è ovviamente rivolta solo a te, ho una promessa fatta da mantenere (un giorno ti spiego meglio).

    • by p.r.

      Qui non è questione di calibrare i tiri più o meno forti, in modo da farli rientrare in campo, oppure decidere di quanti centimetri indietro o avanti spostarsi in risposta.
      Esempio n. 1 – posizione in risposta: lo stesso Gianni Ocleppo ha commentato in partita che in alternativa alla risposta a due passi dal quadrato centrale del servizio, c’è solo mettersi ad un metro dalla linea di fondo, perché lì avanti puoi colpire la palla in fase ascendente. Mentre in posizione intermedia la palla è tanto alta che neanche la Pliskova potrebbe raggiungerla.
      Esempio n. 2 – palla in campo. A Giorgi Camila riesce mooolto bene, a livello tecnico, il tiro vincente, piatto, senza nessun effetto. Il gioco alla Nadal semplicemente non le si addice. Si annoia a rimandare la palla in campo, distraendosi dal match.

      • robdes12 by robdes12

        ma quanti piatti finiscono metri fuori e ci sono quest’anno finiti? Il gioco che deve fare come tutte le altre anche dovrebbero è tirare il colpo giusto al momento giusto.

    • riccardo by riccardo

      @ r.b.
      tempo perso amico mio…

      • by r.b.

        Ma no perché? Basta capire che lo spazio è per noi e non sono consigli agli addetti ai lavori….

  34. by p.r.

    Condivido il pensiero, effettivamente è un vero peccato osservare che almeno la metà delle partecipanti alle Finals di Singapore, pochi mesi or sono, erano assolutamente alla portata della Giorgi. Alcune di loro sono state anche sconfitte.
    Torno a dire, tuttavia, che tutto questo non ci deve togliere speranza nel suo futuro, anzi ci fa capire che in brevissimo tempo, ci potrà essere una rapida evoluzione in positivo, come per la Kerber, per la Pliskova o per la Keys.
    La mia opinione, lo sapete, è che i Giorgi non si dovranno fare influenzare da tanti cosiddetti esperti, che pontificano con facilità.
    Dovranno invece seguire il loro programma, con fiducia e tanto ulteriore sacrificio negli allenamenti. Vedranno che i risultati non tarderanno.
    Forza Camila 🙂

    • robdes12 by robdes12

      Beh, con tre di loro ha sempre perso, con altre 4 ha perso gli ultimi incontri. Due anni fa era sicuramente vero, quest’anno non mi pare proprio.

  35. riccardo by riccardo

    41 gratuiti di Madison e 6-2 6-4 per halep.. va cosi …..

    • robdes12 by robdes12

      appunto, quindi a meno di non fare come per la pallanuoto, in cui il campo è ristretto per il femminile, è inutile cercare di impostare una donna per giocare come un uomo. Se hanno il servizio non hanno la mobilità, se hanno la mobilità non hanno l’apertura alare, alcune poi non hanno proprio niente di niente, quindi giocare sull’uno-due è pura ipotesi. Del resto tu ne hai mai visto una capace di giocare come McEnroe?

      • by r.b.

        A pallanuoto con 41 gratuiti fai un buco nell’acqua…. 🙂

  36. by r.b.

    Oggi cominciano le Finals a Singapore…
    Certo, fa un po’ male vedere lì la Keys, dopo quello che si era visto a Cleveland non moltissimo tempo fa…
    Perfino Mary Joe Fernandez, al termine di quel match, fu costretta a “pronosticare” un futuro da top 10 per Camila….

  37. riccardo by riccardo

    Puoi aver vinto due Wimbledon, avere una potenza devastante , ma se non tieni una palla in campo ,prendi 6/0 dalla Niculescu. Petra, perde il torneo di Lussemburgo, facendo non una bella figura perchè al terzo scambio era già con la bocca aperta , senza fiato, incapace di contrastare i colpi ” strani” della Niculescu”….
    le regole del tennis valgono per tutte non solo per la Nostra Camila.

    • robdes12 by robdes12

      a meno che non si faccia come Delpo vs Dimitrov, in cui entrambe univano alla eccezionale potenza anche il controllo. Ma il campo forse è troppo esteso perchè una donna possa giocare come un maschio.

      • riccardo by riccardo

        C’è grande differenza nello spostamento tra maschi e femmine.

    • by r.b.

      Se poi a questo aggiungiamo che spesso Petra si “distrae” prima dei match…. 🙂 🙂 🙂

  38. by r.b.

    Vedo che siamo in fase di smobilitazione….. 🙂
    Io propongo però di tenere questo spazio aperto per noi tifosi. Come detto, non si tratta di dare consigli (peraltro non richiesti) a nessuno, ma di discutere tra noi di questo bellissimo sport…. Certo che se la passione per il tennis viene solo quando gioca Camila, forse c’è qualcosa che non va…. ok che lei è speciale, però io mi emoziono ancora a vedere giocare tennisti di talento come Federer o Kvitova (quando gioca bene) 🙂
    Certamente Camila è unica e speciale, comunque il tennis non è solo lei…..

    • robdes12 by robdes12

      guarda che pure Fognini quando gioca bene fa delle cose mostruose. Lui, Dolgo, Paire e appunto Camila sono i quattro moschettieri che non si riesce a capire come non siano spesso a fare le finali degli slam. E tutti invece a sdilinquirsi per Kyrgios o per la Muguruza. Mah.

      • robdes12 by robdes12

        ho dimenticato Dimitrov, altro caso strano del tennis. Mi sta venendo il dubbio che nel circuito attuale più hai talento e più galleggi a mezzo-ranking. E se l’eccesso di doti richiedesse molto più tempo per essere addomesticato dati i ritmi di gioco del tennis attuale? Se fosse solo qui il problema, che ci vuole una maturazione molto più lenta per avere controllo su troppi colpi potenzialmente vincenti?

      • by livio71

        perchè esiste anche un aspetto mentale..fattore non trascurabile… e che a volte lo si aiuta giocando…con una certa continuità

  39. robdes12 by robdes12

    Comunque a parziale scusa di una stagione davvero brutta c’è da ammettere che nel tennis femminile davvero non si capisce più nulla. Sto leggendo i risultati dei tornei di oggi e fra ritiri e contro-prestazioni di questa e quella pare che stiano giocando al lotto. Ma quale sarà mai il motivo per cui tutte sono diventate così incostanti, ma proprio tutte? Da qualche parte si potrà individuare una serie di fattori, sistemi di allenamento che con pretese scientifiche sono in realtà roba da praticoni, oppure lacune tecniche di impostazione che fanno si che come scendono un poco di condizione non hanno un bagaglio esecutivo tale che possa aiutarle a sopperire alla forma non al massimo, o magari debolezze caratteriali diffuse che le rendono incapaci di reggere ad una pressione continua. Nei maschi dove per via del servizio e di una certa omogeneità fisica è sempre stato incerto il confronto del big con chiunque dei primi 50 alla fine si assiste ad una certa costanza dei risultati dei più forti, nel femminile dove tutto era appannaggio di 4-5 nomi anche la numero uno può perdere dalla prima new comer che capita. Di certo però non è una bella pubblicità per i soloni dell’allenamento. Ok noi un po’ giù di corda lo siamo pensando al nostro, però qui mi pare che la depressione sia davvero generale. Aridatece i vecchi tempi…

    • by livio71

      io sto vedendo Woz Lisicki….. per alcuni aspetti Lisicki simile a Camila…oggi oltre alla 90° posizione

      • robdes12 by robdes12

        e la Petkovic che dà 61 61 alla Garcia, proprio lei che nell’anno è andata tutto sommato solo un filino meglio di Camila, anche perchè col ranking che aveva per diversi mesi ha potuto evitare primi turni troppo difficili? Se si stilasse una classifica avulsa relativa all’ultimo mese e mezzo la Woz penso sarebbe la numero uno, e la Niculescu immagino fra le prime 15 di sicuro. Boh, chi ci capisce è bravo….

  40. by Fabblack

    Per “yoppete”.
    Il riferimento alla tennista che “viaggia ormai verso la posizione 240” era rivolto alla Schmiedlova che, infatti, pur avendo superato il primo turno, oggi ha perso a Lussemburgo e si trova alla posizione 217 della race con 227 punti, non potendo andare a difendere i 120 punti del “masterino” dell’anno scorso, non certo alla Gavrilova, errore mio a non aver riletto il commento prima dell’invio; dopo era troppo tardi.

    • by r.b.

      Già che ci sono, ho un auspicio per il prossimo anno….l’azzeramento dei doppi falli???
      Ma nooooo, quello non si può… 🙂
      Chiedo che ci sia la possibilità di editare i commenti dopo averli postati, come su altre note piattaforme…
      Sarà possibile?

  41. by SanTommaso

    Alla fine della fiera, io non vedo l’ora che Camila torni in campo l’anno prossimo!

  42. by r.b.

    Sono d’accordo con Riccardo, tra l’altro Camila è un patrimonio del tennis italiano, praticamente l’unica speranza attuale del nostro tennis di poter arrivare ad alti livelli (top 10 per intenderci). Quindi Camila ha in certo senso una responsabilità nei confronti di tutti gli sportivi italiani. Per carità, non voglio metterle pressione, e trovo delirante l’atteggiamento della FIT nel caso Fed Cup. Ma come, hai potenzialmente una delle migliori tenniste al mondo e ti metti a litigare per questioni di simpatia e antipatia personale? Ho capito che Camila deve cambiare in parte modo di giocare (così pensa la FIT), ma bisogna sedersi attorno ad un tavolo tutti insieme per trovare una soluzione, invece di lanciare ultimatum. Quindi la FIT a mio parere ha torto marcio, e l’anno perso è anche colpa sua. Non ci si può attaccare ai contratti in casi del genere. A mio parere Sergio farebbe bene (se è ancora possibile) a ricucire lo strappo con la federazione perché Camila deve essere sostenuta da un team, come tutti i campioni. Djokovic ha fior di allenatori e preparatori, mica può fare tutto da solo, e Serena anche….
    Ha ragione Riccardo, un talento così non può andare sprecato, e non si può fare tutto da soli perché il team serve. Mi viene in mente il football americano, anche se non c’entra niente…. Lì c’è un allenatore per l’attacco, uno per la difesa, e naturalmente un head coach che coordina tutto. E nessuno si sente sminuito per questo…. Ho capito che il team va pagato e per questo la federazione dovrebbe sostenere Camila (e anche gli sponsor) e Sergio potrebbe tranquillamente mantenere il suo ruolo. Ovviamente tutto questo è solo il pensiero di un tifoso e appassionato, magari nel mondo reale le cose vanno diversamente e la Wozniacki è diventata n. 1 al mondo con un team tecnico costituito solo da lei e il papà….

    • by lucio

      Che Sergio debba farsi aiutare è senza ombra di dubbio ma non necessariamente dagli allenatori FIT.
      Ci sono moltissimi bravi allenatori che non gravitano nel mondo FIT e se è più semplice, farebbe bene a coinvolgere nel progetto qualcuno di loro.
      Dal punto di vista economico dovrebbe aprirsi di più a sponsorizzazioni esterne.
      Ma non penso sia il problema principale.

      • by r.b.

        Sono d’accordo con te, però Camila è patrimonio del nostro tennis e la FIT dovrebbe sostenerla altrimenti che è lì a fare? A fare in modo che ricchi signori/e di 60 anni e oltre si ritrovino nel tempo libero per giocare a tennis e brindare alle vittorie e pagare le sconfitte nei lussuosi circoli italiani? La FIT deve sostenere gli atleti di punta (oltre che i giovani). Certo, se gli sponsor dovessero investire su Camila, sarebbe ottimo, ma loro guardano solo al business, se non credono che possa diventare top 10 sarà difficile che sgancino.

        • by Fabblack

          Teniamo sempre presente che si tratta di sport professionistico ed individuale.
          Secondo me l’obbligo della FIT da questo punto di vista è relativo.
          E’ pur vero che non è che abbia sovvenzionato solo Camila: si sa di ragazze ancora (?!) fuori dalle 300 che quest’anno hanno avuto 30.000 Euro e anche se lei ha avuto di più, penso l’accordo fosse pluriennale, diluito/ammortizzabile negli anni.
          Djokovic e Serena, per tornare all’esempio di prima, credo si paghino tutto da soli (e vorrei vedere!).
          Io comunque ricordo sempre che nel 2013 subito prima del famoso accordo, Camila, meglio piazzata in classifica di Pennetta e Burnett, non ebbe la WC per Roma e loro si; non si dica che era infortunata perché aveva giocato tre partite a Madrid e la settimana dopo avrebbe battuto la Bartoli a Strasburgo (salvo poi perderci al terzo turno di “quel” Wimbledon ) e poi…miracolo quarto turno dalle quali all’U.S. Open: forse l’infortunio era già stato superato.
          Oppure a Tirrenia fanno miracoli che eneanche a Lourdes.
          Ma non lo credo.

  43. riccardo by riccardo

    Camila ha un grande potenziale e chi non lo vede, non capisce molto di tennis.
    Diciamoci la verità, Cami è arrivata n. 30 del mondo giocando un tennis molto aggressivo, poco ragionato, istintivo, con pochi schemi ,poca tattica e senza capacità difensive.
    Se quel talento fosse stato indirizzato, curato, nel modo giusto, avremmo oggi sicuramente una tennista tra le prime 20 del mondo , magari non un mostro di continuità ma una tennista certamente capace di vincere tornei importanti.
    Il problema è che il talento si deve allenare altrimenti da solo non basta, altrimenti le altre , che non dormono, ti prendono le misure e succede ciò che è successo quest’anno.
    Guardatevi la partita giocata quest’anno con la Bertens , guardate l’atteggiamento che tenne l’olandese in quella partita, confrontatelo con la partita giocata in olanda e tutto diventa più chiaro.

  44. by First

    Riflessione di fine stagione:

    -I trombettieri troppo entusiasti non portano bene, basta cantare vittoria in anticipo, asfateremo quella e quell’altra, ma bisogna risalire umilmente la china senza troppi proclami e senza caricare la Giorgi di eccessive aspettative.

    -Leggo sempre un SanTommaso super-integralista dell’ortodossia Giorgiana, pur non essendo stato eletto portavoce ufficiale; è utile e razionale riflettere e ragionare le varie opzioni invece di esternare per partito preso; lo stesso discorso vale per certi integralisti di tenore opposto che frequentano altri siti…

    -Tecnicamente ho visto delle evoluzioni promettenti nel gioco, pur ancora non ben metabolizzate, ma è solo questione di tempo; due lacune determinanti persistono, la risposta che va ripensata da zero, e le seconde di servizio che vanno lavorate di più in funzione dell’avversaria.

    -Camila e Sergio leggono questi commenti? Ne fanno tesoro o li ignorano o si infastidiscono? Secondo me leggono, e ne traggono un contributo costruttivo, visto che anche loro stessi percepiscono che qualcosa va cambiato e che sono pareri dati a fin di bene; in alcuni frangenti probabilmente si infastidiscono pure vedendo messi in discussione certi loro principi basilari, ma fa parte della dialettica legata al tifo per una atleta che tutti vorremmo vedere al top.

    -Per finire, continuo a pensare che lo staff vada arricchito con qualcuno che ha fatto tennis ad alto livello, per aiutare a completare quel gioiello grezzo ma già sfavillante a tratti che è Camila; non significa far fuori Sergio ma aggiungere una figura al servizio dei Giorgi che ha un bagaglio di esperienza agonistica utile a indirizzare Camila, come hanno fatto tutte le tenniste di alto livello.

    • robdes12 by robdes12

      Per la verità io penso che il prossimo anno i nodi verranno subito al pettine, sperando che siano stati già tutti sciolti. In base a questa classifica, per una serie di tornei, sempre ammesso che vada bene nei primi e quindi poi verso marzo-aprile risulti in altre posizioni di ranking, Camila dovrà spesso giocare le qualificazioni, per cui o mette a posto la continuità di rendimento, o rischia già nel primo trimestre di scivolare ancora più indietro. Quest’anno non è mica la prima volta che cicca le quali. Una fu sulla terra (LL), un’altra con la Knapp, stavolta poi ancora più giù, per cui la risalità se davvero non si costruisce la solidità diventerà davvero ardua. Per me la diagnosi dell’ultimo anno e rotti è una sola, Camila è stata portata ad una velocità di esecuzione che lei stessa non è in grado di mantenere, è come un chip overclockato, e si è data dei ritmi così esasperati che travalicano i suoi stessi riflessi. Non ha caso alla distanza è crollata quasi sempre, anche nelle partite migliori contro le big di quest’anno. Alla fine ha dato ragione al giudizio durissimo che di lei diede la Kuznetsova anni fa. Prima era immeritato, nell’ultimo anno invece no. Infatti ha sempre perso anche con le giocatrici che aveva spesso battuto. E meno male che questo doveva essere l’anno della vera salita dopo quello scorso di assestamento nel “tennis che conta”.

      • robdes12 by robdes12

        a caso.

      • by First

        Camila ha picchi altissimi, e momenti bassissimi. Lavorando sui colpi di inizio gioco, servizio e risposta, dovrebbe già essere in grado di competere alla pari con tutte, cosa che oggi non è perché troppo penalizzata da quei due colpi determinanti.

        Poi con i risultati positivi aumenterebbe la tranquillità e la consapevolezza, quindi dovrebbero scomparire quegli errori ripetuti che commette oggi perché in affanno.
        Ovvio che per aspirare ai vertici, possa servire un contributo da chi quei vertici li ha frequentati, e quindi possa trasmettere la propria esperienza ad una atleta che ha ancora molte potenzialità inespresse.

        • robdes12 by robdes12

          un vecchio adagio di Tommasi diceva: – Hai un gran servizio? Primi 100, hai un gran servizio e gran risposta? Primi 10, se poi hai anche altro beh, lotti per la corona. Sulla faccenda tifosi nel tennis non so che dire, io ho sempre e solo seguito chi gioca bene, e chi gioca bene soddisfazioni ne dà sempre. In fondo anche la Errani non sarà una tennista da wow, ma per anni ha sempre fatto la cosa giusta al momento giusto, e con un po’ di fortuna in più, e forse Meldonium in meno, uno slam poteva pure averlo portato a casa.

    • journasesto by journasesto

      Bene, visto che i trombettieri troppo entusiasti non portano bene, e io invece mi ritengo tale, forse è meglio che mi convinca a cambiare aria. Qualcuno saprebbe indicarmi se c’è un sito dove postano i tifosi di Camila Giorgi?

      • by SanTommaso

        In teoria, una volta, postavano qui. Ora ci sono solo dispensatori di utili consigli.

        • by r.b.

          Chissà perché parlare di tennis e del gioco di Camila equivale a “dispensare utili consigli”…. la cosa francamente mi sfugge….

          • robdes12 by robdes12

            perchè i tifosi di calcio che passano tutti i giorni che manda Dio a discutere della partita, degli errori o pregi dell’allenatore, dell’io avrei messo quello e quell’altro, e se la squadra va male fanno un pandemonio davanti alla sede societaria non sono veri tifosi. Finalmente si è scoperto che il tifoso d.o.c. in Italia è specie così rara che forse più che seguire atleti sarebbe meglio venisse egli stesso seguito dal w.w.f. Mi meraviglio che un uomo della tua esperienza non l’abbia ancora capito. 😉

      • by First

        Guardate che dichiarare ogni volta che “asfalteremo tutte”, proiettare i pronostici fino alle semifinali, e poi ritrovarsi a commentare desolatamente tante uscite al primo turno… a me fa venire il dubbio che sia una pratica che porta sfiga, oltre che si carica di aspettative troppo eccessive una atleta che sta ancora lavorando duro per migliorarsi!

        E non crediate che i tifosi di Camila siano solo di quel tipo, forse chi crede di più in questa splendita atleta è proprio chi si aspetta un grosso salto di qualità che passi per delle significative evoluzioni del suo gioco, e io mi ritengo tra questi.

    • by SanTommaso

      Rispondo per punti.

      – “I trombettieri troppo entusiasti non portano bene”
      Giusto, meglio dire che le perderà tutte: se perderà, avremo avuto ragione, mentre se vincerà sarà andata oltre le aspettative.

      – “è utile e razionale riflettere e ragionare le varie opzioni invece di esternare per partito preso”
      Diciamo che essendo un frequentatore di vecchia data mi sento un po’ la “memoria storica” di questo posto – visto anche che tanti altri se ne sono andati. Però, oh, che gli altri continuino pure a consigliare programmazioni, psicologi dello sport, sostegni per Sergio e Camila (e questo porta al prossimo punto…)

      – “Secondo me leggono, e ne traggono un contributo costruttivo”
      Secondo me no, perché se lo facessero non sarebbero dei professionisti quali entrambi sono anche se a molti non sembra vero (30 WTA e torneo vinto. Se sono professioniste le top100, non vedo come Camila non possa essere considerata una super-professionista), ma dei simpatici dilettanti tipo quelli che cercano i tutorial su youtube. Se traessero “contributi costruttivi” sarebbe da chiedersi quali “contributi costruttivi” siano stati dati in questo spazio dagli utenti, se Camila è ahimé sprofondata in pochi mesi dalla posizione 30 del mondo alla 82. A questo punto (sempre ammesso e non concesso che traggano “CONTRIBUTI COSTRUTTIVI”, il più costruttivo di tutti sarebbe chiudere baracca e lasciare che gli utenti diano il loro prezioso contributo ad altre).

      – “Per finire, continuo a pensare che lo staff vada arricchito con qualcuno che ha fatto tennis ad alto livello”
      Per finire, continuo a pensare che non accadrà. Pur essendo il tuo – e non sono ironico – un contributo costruttivo. E torniamo al punto sopra: Camila e Sergio traggono spunto? Continuate a crederlo se vi fa sentire un po’ più utili…

      • by r.b.

        Anch’io penso che Sergio e Camila NON leggano i commenti e NON traggano spunti per il loro lavoro dai nostri commenti. Questo spazio serve ad altro.
        Ma lo capite che questo spazio è per NOI? Per discutere tra noi, per sentirci più uniti o più divisi, a seconda dei casi, ma è comunque uno spazio regalato ai tifosi e appassionati di questo sport, e di Camila in particolare.
        Parlare del tennis di Camila non vuol dire “dare utili consigli”, tanto meno a Sergio e a Camila, ma vuol dire confrontarsi con l’oggetto della propria passione. Ci sono forum a tutti i livelli, cucina, sport, musica, informativa ecc., dove gli appassionati discutono, non vedo perché non si possa fare anche qui.

        • by First

          Hai ragione anche tu r.b., in questo spazio si parla di Camila e di ciò che le ruota attorno, compresi i “consigli” (in realtà sono più che altro considerazioni) utili o meno che siano.
          Sergio e Camila leggono saltuariamente questi commenti per avere il polso dei loro tifosi, perché mai non dovrebbero farlo visto che è un sito ufficiale da loro stessi autorizzato?

          • robdes12 by robdes12

            per me non sono neanche consigli, è semplicemente un tentativo di capire, ognuno a suo modo, perchè pur avendo il braccio più, le gambe più, il tennis più i risultati siano andati verso il segno meno. Per altro, a persone indipendenti quali i Giorgi sono, può far piacere che chi li segue sportivamente si comporti come un manipolo di estatici marciatori plaudenti? Non penso proprio, vista la sua provenienza argentina, che Sergio Giorgi abbia particolari simpatie per le dittature, incluse quelle a carattere sportivo e non penso proprio che ci vorrebbe acritici plaudenti delle imprese della figlia. D’altro canto logica vorrebbe che se lei si sente delusa dalla stagione, anche il vero trombettiere in accordo con lei dovrebbe sentirsi tale. Non ha detto Sergio che le cose non sono andate bene? Non ha detto Camila che lei preferisce vincere giocando male piuttosto che perdere giocando bene? Mi pare ovvio che se non accade ciò che una preferisce, la stessa si senta un poco contrariata…e allora anche il vero “tifoso” si deve sincronizzare con lei. Ma siccome il tifo è tutto tranne che razionale……

      • by First

        Il professionismo è legato ai risultati e ai soldi incassati, direi che sono dei piccoli professionisti al momento… che potrebbero anche permettersi di leggere cosa dicono i tifosi sul sito ufficiale di Camila Giorgi.

        Lo sprofondo non è sicuramente legato ai contributi dei tifosi, ma a ben altri fattori tra i quali l’incaponirsi a fare il proprio gioco senza curarsi dell’avversaria. Ti contraddici, perché o i Giorgi non leggono quindi sprofondano da soli come affermavi prima, oppure leggono e sprofondano grazie ai contributi costruttivi come affermi dopo.

        Se lo staff si arricchirà o meno non lo deciderò io ne tu, quindi mi sembra inutile sentenziare se accadrà o non accadrà.

        Io penso che sarebbe utile aggiungere una figura che ha fatto tennis ad alto livello, non ho capito cosa pensi tu SanTommaso: perché i Giorgi non dovrebbero utilizzare questa figura di esperienza, e cosa toglierebbe questa figura a Sergio, che resterebbe sempre il creatore di questa campioncina e il capo indiscusso del team Giorgi?

  45. by r.b.

    Lo so, non è bello parlare di un match non visto, ma ragazzi, ne abbiamo visti talmente tanti che ormai è come se l’avessimo visto in streaming HD…. 🙂
    Nel terzo set ha cominciato a sparacchiare fuori tutte le risposte… al servizio ha annullato tutte le palle break tranne una, quindi direi al limite abbastanza bene, è stato in risposta che ha perso il match…. zero palle break! E la Podoroska, mi dispiace, non si è messa a servire come Serena, e non ha fatto 15 ace, ma ha semplicemente tenuto la prima in campo (vedi percentuale di prime) e ha incassato tante di quelle risposte in rete o sui teloni….. 🙂
    L’unica ipotesi alternativa è che Camila potrebbe essersi infortunata lievemente, ma questo non lo sapremo mai….

  46. riccardo by riccardo

    Non capisco in tutta onestà perchè alcuni si siano meravigliati della sconfitta di ieri.
    I risultati , come è logico che sia, sono direttamente collegati alle prestazioni.
    Possiamo scrivere le solite cose e cioè che non abbiamo visto la partita, che non sappiamo che cosa sia successo e cose del genere che per quanto mi riguarda sono solo alibi.
    la verità è sotto gli occhi di tutti e non riguarda di certo queste ultime prestazioni di Camila che possono sembrare sconcertanti ma in realtà non lo sono, perchè fatta eccezione per qualche partita, è tutto l’anno che Camila gioca maluccio.
    Senza ricercare le motivazioni che possono essere le più disparate ed ognuno avrà la sua idea, il dato crudo è abbastanza evidente.
    alla fine del 2015 eravamo più o meno intorno alla posizione 30 e chiudiamo l’anno intorno alla posizione 90.
    La perdita delle posizioni in classifica discende da una involuzione tecnica nel gioco di Camila.
    Non è che nel 2013-2014, Camila fosse una regolarista; sbagliava tanto ma nonostante i tanti errori, le partite le portava a casa anche contro tenniste fortissime.
    dal 2015 in avanti, camila sbaglia molto di più ed il suo gioco è meno efficace. E’ un dato oggettivo.
    Inoltre, quello che prima poteva essere un’arma in più, la voglia di esprimere un gioco ” diverso” oggi si è trasformata in un limite che spesso la porta, mentalmente, ad uscire dalle partite.
    le motivazioni come dicevo possono essere tante , io ho la mia idea e di certo , alcuni fattori avranno influito. Le concause possono essere una condizione fisica approssimativa per via di qualche infortunio, la situazione fit e via discorrendo.
    A mio modo di vedere però il gioco è peggiorato e questo non dipende solo dalla posizione in risposta che è una scelta ma non è un problema tecnico.
    Certo che la posizione influisce sullo sviluppo dello scambio ma hanno deciso di provare e va bene cosi.
    Alcune traiettorie che Camila usava con grande facilità negli anni passati sono scomparse e questo è abbastanza evidente.
    Sergio Giorgi dice che il gioco di Camila resta incredibile.
    Io rifletto e penso che non potrebbe dire cose diverse. E’ il suo ruolo , quello di fare quadrato all’esterno per proteggere Camila.
    Mi auguro però che nel suo intimo, invece si sia reso conto di come stanno le cose e sappia porvi rimedio altrimenti sempre secondo la mia miserissima opinione , siamo messi male.
    le problematiche di natura tecnica ed anche tattica, non si risolvono da sole, bisogna lavorarci e lavorarci tanto altrimenti non si può migliorare, perchè le parole sono solo parole ma poi il campo fornisce le risposte.
    il campo per chi ha un pò di occhio le risposte le ha date.
    Cosi, attraverso la perdita di fiducia e con un gioco approssimativo, ecco che si perde con la n. 200 del mondo che quest’anno aveva battuto una solo top 100 la mandy Minnella.
    Ovviamente nessuno di noi può offrire soluzioni, a quelle dovranno pensarci Sergio e Camila ma qualcosa bisognerà fare. Senza una progetto chiaro, lo dissi ad inizio anno e fui un pò attaccato, i risultati non possono arrivare, nonostante il grande talento di Camila.
    Adesso occorre riposare , distrarsi eppoi se ne avranno voglia, rimettersi in gioco .
    Buona giornata a tutti.

    • by Fabblack

      Per la verità è la prima volta che si è perso con la n. 200,
      In precedenza solo con Knapp, 115, Chirico 121 e Davis 122 fuori delle 100, poi si sale al nr. 60 Brengle o superiori.
      Resta da scoprire come possa aver perso fiducia dopo un set vinto 6-0 in maniera tale da concedere 15 palle break nei restanti 10 turni di battuta oggi brutalizzata 6-2 6-1 dalla diciottenne nr. 246.
      Ultima cosa, si dice miserrimo.

      • riccardo by riccardo

        Si è perso a dire la verità anche con una canadese che era 240 del mondo ma va bene lo stesso , non è molto importante. Ti ringrazio tantissimo per la correzione. Ultima cosa, dopo la virgola non si usa la maiuscola .

        • by Fabblack

          Io parlavo delle sconfitte di quest’anno: mi risultano solo quelle che ho scritto.
          Chirico è nome proprio, si scrive maiuscolo pure dopo la virgola. 🙂

          • robdes12 by robdes12

            io mi accontento che non la chiamiate come fa Spalluto Cirico. Se gli americani non se la sentono di pronunciare correttamente l’onomastica straniera, non vedo perchè noi dobbiamo seguirli pedissequamente. Se era francese la chiamava sciricò? 😉
            Qui il punto non è nel punto, ma nella lingua. 😉

            • journasesto by journasesto

              Ma lei è americana, non straniera. Negli Usa “chi” si pronuncia “ci”, e quindi lei si chiama “Cirico”. Altrimenti il cognome si dovrebbe scrivere Kirico.

          • riccardo by riccardo

            dopo la n. 200 e non Chirico , per la precisione 🙂

  47. by Fabblack

    Podoroska neanche vent’anni oggi brutalizzata 6-2 6-1 da Blinkova appena diciotto anni.
    Ma cos’aveva ieri Camila?
    Non si può spiegare dopo un 6-0 un’involuzione così netta nella stessa partita.
    Ha dovuto fare 101 servizi (15 p.b. concesse) contro 80 di un’avversaria (9 p.b.) a giudicare da oggi non un fulmine di guerra, che ha si 4-1 in Fed Cup, ma l’ultima 1-6 4-6 da Tsurenko (vittorie su Haddad Maia, una paraguaiana, una peruviana, ed un’ecuadoregna).
    O forse una spiegazione ci sarà e noi non la sapremo.

    • by r.b.

      …azz, pesante davvero…
      e nel terzo set sembra che abbia servito come Serena Williams, visto che ha lasciato le briciole a Camila, zero palle break e solo 6/28 in risposta….. 🙂
      Speriamo che Camila avesse qualcosa, altrimenti sono davvero problemi seri….

    • by livio71

      ancora ti poni queste domande 🙂 ovviamente ha fatto tutto Camila 🙂

  48. by r.b.

    Beh almeno a tratti ha giocato bene, quindi il gioco c’è…. Può sembrare sconcertante fare un 6-0 e poi nell’ultimo set non avere neanche una palla break contro la 200 e passa del mondo, ma chi vede tennis (soprattutto femminile) sa che può succedere…. A sto punto io non saprei davvero che fare, ma per fortuna la responsabilità è di altri… Per il 2017 ci sono, poi vedremo….

  49. journasesto by journasesto

    Termina un anno non buono. Ma lo sport è bello perché si può sempre ricominciare. Vamos Camila, buone vacanze e buon lavoro per tornare alla grande nel 2017!

  50. etberit by etberit

    Sono allibito.
    Be’, buona notte a tutti e speriamo che il 2017 sia diverso.

  51. Gianlu by Gianlu

    Due mesi e mezzo per riprendere il bandolo della matassa. Un saluto a tutti e sempre forza Camila!!!

  52. Ace by Ace

    Sempre forza Camila!
    Ci sono quasi 3 mesi prima del prossimo torneo, mi attendo grandi sorprese e un nuovo entusiasmo. Speriamo in una partenza a mille e ad un grande 2017!
    Staccare e ripartire!

  53. by r.b.

    Fa piacere che la stagione è finita così almeno potremo metabolizzare i progressi di quest’anno, ormai acquisiti… Dall’anno prossimo ecco le principali novità…
    1. Risposta DENTRO il rettangolo di servizio.
    2. Seconda palla di servizio, botta piatta a 200 km/h, fa niente se fa doppio fallo, l’importante è non far rispondere l’avversaria…
    3. Si giocherà lo scambio un metro dentro al campo. E e se l’avversaria si permette di giocare profondo (guai a lei) schiaffo al volo anche da fondo campo…
    🙂

    • Ace by Ace

      r.b. ci regali sempre un sorriso!
      Vedrai che le novità arriveranno davvero e sarà un grande anno per Camila.

      • by Fabblack

        Ebbene, si!
        Le armi segrete.
        CI SONO.
        p.s.: ma come si mettono, le faccine?

        • by r.b.

          Ah la mia risposta su come si mettono le faccine è slittata qui poco sotto…

  54. enzo by enzo

    Un saluto a tutti i trombettieri e arrivederci al 2017.
    Nella speranza che in questi due mesi Camila impari a servire e riesca a trovare il modo per superare quei momenti di confusione psico-tattici che la attanagliano in varia misura in quasi tutti i match.
    Avrei come al solito ad ogni fine stagione le stats di Cami confrontate con gli anni precedenti.
    Se a qualcuno possono interessare le calcolo e le posto.
    Un abbraccio.

    • Ace by Ace

      Un saluto a te!

    • by Fabblack

      Quello che non si capisce, è cosa siano questi momenti di confusione dopo un set vinto 6-0.
      Le statistiche poi lasciano il tempo che trovano: se vai a vedere oggi ha perso con numeri tutti migliori dell’avversaria.

      • by r.b.

        Le faccine sono assolutamente fondamentali in internet… Quella base è la faccina allegra, due punti, trattino e parentesi chiusa : – )
        (ovviamente senza spazi)

        • robdes12 by robdes12

          veramente un tempo fosti azzannato per le faccine. 😉 Come disse la grande regina Vittoria su che si faceva a corte: – Non ci divertiamo!- 😉

    • doherty by doherty

      calcola e posta…grazie !

      per oggi la cifra più significativa è quella riguardo alle PB concesse da cami…15 in 13 turni….come spesso succede,troppe….

  55. by p.r.

    A quanto pare l’arretramento in risposta non ha prodotto i risultati sperati da tutti.
    Anche il basso numero degli ace e dei doppi falli (rispetto ai valori di un anno fa) denota una riduzione del rischio nel servizio. Anche quest’ultima modifica non ha portato risultati positivi.
    Questo, perché il gioco confacente a Camila è quello d’attacco, con servizi al limite, con risposte avanzate e vincenti di dritto e di rovescio.
    E’ l’unico gioco che potrà dare soddisfazioni alla giocatrice italo-argentina.
    Se questo è il gioco che la diverte, è bene che lo pratichi in quel modo, altrimenti rischia di annoiarsi e perdere la concentrazione, come le capita sempre più spesso.
    Spero che Sergio Giorgi, se è in ascolto, valuti bene tutto questo.

    • by Fabblack

      Anche secondo me il gioco migliore per lei era quello di due anni fa.
      Non rispondeva così avanti, però, né faceva tutti questi doppi falli.
      Solo, ripeto, avranno creduto fosse sufficiente per arrivare al trentesimo posto o giù di li ed hanno cercato di tirare fuori un qualche coniglio dal cilindro per fare il salto successivo.
      Però ho visto che non è la sola ad essersi arenata da quelle parti (per la verità, lei è anche rinculata indietro), Ostapenko, AKS, Gavrilova (viaggia ormai verso la posizione 240), in qualche misura pure Kasatkina ed altre.

      • by yoppete

        La Gavrilova viaggia verso la posizione 240?!? In quale universo parallelo?
        In questo, è alla 38 ( ranking precedente 49), la Kasatkina 24 (stabile), la Ostapenko 43 (ranking precedente 45)…
        Avesse voluto il cielo (o chi per lui) che la Giorgi si fosse arenata “da quelle parti”!!!

        • by Fabblack

          La notazione della 240 era per la Schmiedlova (AKS), scusate.
          Ora è 154 con 371 punti, le stanno per uscire 55 punti di Mosca e 120 di Zuhuai 2015, se non li recupera a Lussemburgo…

  56. gimusi by gimusi

    stagione finalmente finita!!! ora serve solo fermarsi, staccare per bene per poi riprendere con slancio per un grande 2017…sarà difficile che vada peggio eh…sicuramente le motivazioni per risalire saranno a mille…attendiamo fiduciosi come sempre…forza Cami 🙂

  57. by r.b.

    …. la Podoroska negli ultimi 4 turni di servizio perde solo due punti e chiude il match alla prima opportunità…
    E chi è, Serena Williams??? 🙂
    Forse un “aiutino” in risposta qualcuno gliel’ha dato, chissà…. 🙂

  58. by Danloor

    Quand’è che la Giorgi ha cominciato la sua parabola discendente, lo sappiamo bene.
    È difficile capire il perché.
    Ha cambiato il suo gioco? No. Quindi non è colpa del suo gioco.
    Colpa dei dissidi con la FIT? No. Sono venuti dopo l’inizio della crisi.
    Colpa della vittoria in Olanda? Può darsi. La crisi è arrivata dopo questa vittoria. Tante tenniste sono crollate miseramente dopo un successo più o meno importante.
    Colpa dell’amore che la distrae anche solo inconsciamente? Può darsi. Per quanto ne sappiamo, il fidanzamento è arrivato proprio dopo la vittoria in Olanda. Ne ho viste tante ragazze studiose al liceo o all’università perdersi a causa di una cotta che le mandava in paradiso o dopo una rottura che le mandava all’inferno.

    Boh. Vallo a sapere.

    • Lucia by Lucia

      Probabilmente allenarsi a Calenzano non porta bene. Mettiamola cosi’ . Di certo sappiamo che a Tirrenia ci e’ arrivata con una spalla in disuso e ci e’ uscita da 40 del mondo, dopo aver fatto best ranking.Ma sara’ sicuramente un caso.

      • doherty by doherty

        senz’altro è un fattore,probabilmente non l’unico che ha influito negativamente..
        ora c’è garbin al posto di barazzutti…non credo sia sufficiente per un nuovo accordo anche perchè i problemi ci son stati con altri…pero’ mi piacerebbe che si trovasse una soluzione

      • by First

        Perché dai tutta questa importanza a Tirrenia, che da decenni non sforna un atleta decente? Sicuramente ci sono professionisti in grado di aiutare Camila, ma non così determinanti per le sue fortune…

        Nella vicenda ci ho visto gravi errori da ambo le parti, più gravi quelli degli alti dirigenti, Binaghi in primis.

  59. Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

    Rompo il silenzio che mi ero imposto fino alla prossima stagione,sono contento che sia finita,e sinceramente speravo proprio che non si qualificasse per il torneo,non sta qui a spiegare il perché,ma meglio così.Detto questo spero che in questi due mesi e più che ci separano dalla prossima stagione possa trovare trovare il giusto sentiero per ritornare come noi tutti la conoscevamo.Saluto tutti i trombettieri e mi raccomando non disperate che la luce è più vicina di quanto si possa pensare.
    CAMILA PER SEMPRE

  60. doherty by doherty

    Non so’ come sta’ cami e non ho visto la partita per cui dare un giudizio e’ difficile…spero che in questi 2 mesi si provi a cambiare qualcosa …cosi sembra che sia entrata in un vicolo cieco…
    Vamooooos !!! Camila…

  61. by r.b.

    Ciao ciao a tutti, ci rivediamo nel 2017!

  62. by fraronz

    dobbiamo purtroppo ammetterlo che Camlla in questo momento vale oltre il 100 ° posto nel ranking.
    Fa magari un set da top 20 e poi il resto della partita da 200° posto .
    meglio lasciarsi alle spalle un anno orribilis.
    forza per il 2017

Leave a Reply