14075125_10153940813633562_782715796_o

Dopo il ripescaggio come Lucky Loser, Camila esce al torneo WTA Premier di New Haven, terminandolo quindi con 2 vittorie e 2 sconfitte. Il match di primo turno è stato vinto dalla russa Elena Vesnina, numero 21 del ranking WTA e quest’anno semifinalista a Wimbledon, per 6-1 6-4 in un’ora e 18 minuti.

Primo set: 6-1. Camila perde i primi due turni di servizio, commettendo 4 doppi falli e realizzando un solo punto. Riesce poi a tenere il servizio successivo, per poi venire nuovamente breakkata sull’1-5.
Secondo set: 6-1, 6-4. Camila perde nuovamente il primo servizio con 2 doppi falli, ma ha una reazione sullo 0-3, quando tiene un game in cui annulla 3 palle break. Sul 2-4 non sfrutta 3 preak point, ma sul 3-5, alla settima opportunità del set, riesce a ottenere il contro break. Con il servizio a disposizione, però, Camila commette un doppio fallo sul 30-30 e la russa può chiudere sul 6-4.

Camila tornerà in campo settimana prossima per gli US Open.

Ecco il tabellino del match:

20160822_vesnina

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • WTA Strasburgo: Camila esce al secondo turno con Ashleigh Barty. Ora si va a Parigi
    WTA Strasburgo: Camila esce al secondo turno con Ashleigh Barty. Ora si va a Parigi
  • Wta Strasburgo, Camila batte in rimonta Elena Vesnina
    Wta Strasburgo, Camila batte in rimonta Elena Vesnina
  • Wta Strasburgo, Cami nel main draw contro Vesnina
    Wta Strasburgo, Cami nel main draw contro Vesnina
  • Quali di Strasburgo: Camila lotta per tre ore e supera Dayana Yastremska
    Quali di Strasburgo: Camila lotta per tre ore e supera Dayana Yastremska

159 Comments. Leave your Comment right now:

  1. robdes12 by robdes12

    Doverosa rettifica circa la narcolessi contagiosa del tennis femminile attuale Camila a parte. Quando la Kvitova gioca al suo vero livello gli occhi rimangono ben desti, in effetti gioca un po’ come Cami, ma con meno rischi nel servire, e fa cose davvero da grande giocatrice. Se non dovrà esserlo Camila, come successora al trono di Serena la vedrei con molto favore.

  2. r.b. by r.b.

    Beh ragazzi che problema c’è? È solo la testa di serie n. 17, #16 al mondo, quest’anno ha fatto semifinale al Rolando…. Ha vinto 2 Slam, insomma…. una passeggiata…. 🙂

    • by Fabblack

      Dopodiché ha anche perso con Pegula.

    • robdes12 by robdes12

      scusa, ma il primo mi pare lo abbia perso con la Schiavone…e poi stiamo parlando quasi del decennio scorso, come dire il mesozoico del tennis. 😉

      • r.b. by r.b.

        Si è vero, in effetti ne ha vinto solo uno… US Open 2011…

  3. r.b. by r.b.

    Beh ragazzi gufare abbiamo gufato, non è andata benissimo ma neanche malissimo, ora tocca a Camila….

    • robdes12 by robdes12

      non sperare di cavartela col gufaggio. Attendo ancora delucidazioni sul gioco della Royg, vediamo se sei davvero esperto come ti dipingi. 😉

  4. journasesto by journasesto

    Camila nel quarto di tabellone di Serena. Al primo turno incontra Samantha Stosur

  5. robdes12 by robdes12

    Ad essere sincero, io spero che non incontri nessuna italiana prima del terzo turno. Per me sono sulla stessa barca, hanno tutte per motivi diversi bisogno di punti, e per motivi diversi li meritano tutte questi punti. Tra l’altro mi sono abituato ad avere almeno una giocatrice nella seconda settimana, quest’anno anche se è praticamente una chimera mi piacerebbe averne 4. Io gradirei la Bouchard, una sfida fra la bionda official e l’unofficial della wta. Tra l’altro Genie contro la Kvitova non ha giocato affatto male, Cami non ha battuto una ex top ten in disarmo, ma una giocatrice giovane che sta ritrovando il suo tennis, solo che con quelle che fanno un po’ il suo gioco, ma con più classe e velocità di palla ovviamente pur giocando bene non può che perdere netto. Tra l’altro dobbiamo pareggiare gli h2h.

    • by Fabblack

      Sei stato accontentato: Stosur e, se ce la, un’autostrada fino al quarto turno (max Shvedpva).

      • journasesto by journasesto

        Beh no, c’è Kasatkina anche

        • robdes12 by robdes12

          o no, quella là, se succede che entrambe superino il primo turno, spero che perda col punteggio più netto possibile. Non la sopporto nè come gioco nè come mimica, spero che non si affermi mai perchè in tal caso ci sarà un decennio di pallettamento no stop con almeno una ventina di ex russe che la emuleranno. Solo per Camila posso fare il sacrificio di vedere la Darya bis. Del resto con quel nome la detestabilità era certa, sarà un caso di nomen omen.

  6. doherty by doherty

    ma a ny han messo il tetto ?
    se fosse cosi’ speriamo piova cosi’ se cami dovesse giocare sul centrale (non vedo perchè dovrebbero farla giocare su un campo secondario 🙂 ) praticamente sarebbe indoor …tipo katowice…

    • r.b. by r.b.

      Tutti i media statunitensi hanno recentemente sottolineato che il tetto è stato costruito proprio per esaltare le qualità tecniche della Giorgi. Non avrebbe senso infatti spendere centottanta milioni di dollari per vedere giocare indoor la Cepede Royg. Pare addirittura che se le previsioni meteorologiche dovessero dare bel tempo, verranno azionati speciali cannoni spara pioggia, esattamente come avviene sulle piste dei mondiali di sci quando c’è poca neve, per permettere la chiusura del tetto.

      • riccardo by riccardo

        Mito assoluto…..

      • doherty by doherty

        solo quegli invidiosi dei francesi non l’hanno costruito…colpa del fatto che cami ha battuto lim…

      • robdes12 by robdes12

        ok, ma non mi dirai che sai pure come gioca sta’ Cepede Royg, adesso….;)

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      @r.b
      Questa volta hai superato te stesso.
      CAMILA FOREVER

  7. r.b. by r.b.

    Con una decisione clamorosa quanto probabilmente inopportuna (vedremo) ho deciso di riaprire il nido dei gufi sezione New York per influenzare positivamente l’esito del sorteggio…. 🙂
    Funziona solo se “gufiamo” tutti insieme… quindi datevi da fare, soprattutto domani ore 17.30 ora italiana… 🙂
    Lo so che siamo alla frutta, ma qualcosa dobbiamo pur fare, non possiamo affidarci solo al pur valido hashtag 🙂
    #vinciamogliUSOpen….

    • fabius by fabius

      Allora per il primo turno voglio Vinci, Knapp, Sakkari, Davis, Babos, Bertens e Watson, magari non tutte insieme.
      Tutte quelle contro cui ha recentemente perso, e di cui si deve vendicare.

      E qui parla il fan cieco ed irrazionale..

      • by SanTommaso

        Io voglio Serena al primo turno. Così prendiamo una stesa e posso unirmi al popolo dei “basta, fermati, cambia allenatore, periodo sabbatico, spot della gameredda, eh ma il fidanzato…”

  8. fabius by fabius

    Non è facile essere tifoso di Camila.
    Ma le cose facili raramente sono le migliori.

    Mi sono imposto, per mantenrre il mio equilibrio mentale, di tenere due piani ben distinti e non interferenti.

    Su un piano la passione, la fede in Camila, cieca, irrazionale.

    Sull’altro l’aspetto sportivo-tecnico, il più possibile freddo ed obbiettivo.

    L’importante è che uno non incida sull’altro, la passione del tifoso non deve far vedere roseo quello che non è, ma nemmeno la più cocente delusione sportiva deve mettere in discussione la passione.

    Cerco e cercherò sempre di tenere questi due aspetti distinti, qualunque disastrosa prestazione provocherà la mia frustrazione e la mia rabbia di sportivo, ma non intaccherà la mia fede in Camila, ed anche un eventuale trionfo non l’accrescerà più di tanto, va già bene così.

    Ma nemmeno la mia totale ammirazione di Camila dovrà rendermi cieco di fronte ai problemi, nè ingigantire i risultati.

    Sono due aspetti diversi, due lati della stessa medaglia che non devono mai toccarsi.

    Mi sembra che qualcuno invece condizioni un aspetto all’altro: se Camila non migliorerà nella tecnica e nei risultati, non sarò più suo fan, o viceversa qualunque erroraccio faccia è comunque perdonata.

    Tutto legittimo, si intende, ma io preferisco tenermi il mio bipolarismo.

    Camila potrebbe essere non mia figlia, ma mia nipote, e come per i miei nipoti cerco di non nascondermi i difetti ed i problemi, ma che per quanto grandi possano essere non potranno mai intaccare il mio amore per essi.

  9. by SanTommaso

    Torno un attimo al “io mi tengo Camila”. Leggo oggi che le gemelle Turati, 19 anni compiuti il 17 giugno, voleranno per 9 mesi negli states per partecipare con la squadra di un college al campionato NCAA. Esperienza straordinaria in strutture che in Italia ci sogniamo, ma le due si suppone siano semi-professioniste nonché parte di quel “futuro del tennis italiano” che la FIT e altri sbandierano di tanto in tanto (nei dintorni degli Internazionali di Roma e quando c’è da giustificare l’addio di qualche azzurra alla nazionale, per raggiunti limiti d’età o per mancanza di “buoni rapporti”).

    Ecco, dicevo, il campionato NCAA. Già così farebbe ridere tantissimo, ma siccome voglio portare qualche contributo statistico che possa perorare il mio punto di vista, noto che a 19 anni e qualche mese:

    Anna Turati è 845 del mondo, passa agilmente le quali degli Itf 10K e 25K e saltuariamente si spinge fino alle semifinali a Santa Margherita di Pula;

    Bianca Turati è 618 del mondo, passa le quali di Itf 25K e a Santa Margherita di Pula fa anche finale;

    Camila Giorgi (visto che siamo sul suo sito) alla stessa età faceva finale in un Itf 50K e la settimana dopo ne vinceva un altro, poi passava agilmente le quali non già di un 10K ma di Wimbledon e faceva primo turno in uno Slam.

    Auguro a entrambe le gemelle una esperienza prima di tutto umana e poi sportiva degna di essere ricordata negli Stati Uniti, auguro loro anche un giorno di entrare nelle prime 100 al mondo. Mi auguro che nessuno della Federazione, qualora raggiungano un certo tipo di risultati, si prenda grossi meriti. Perché se a 19 anni, coccolata dalla Federazione, allenata in un centro federale da ex giocatrice e supportata economicamente tu, giocatrice X, passi le quali Itf, è difficile che qualcuno se ne prenda i “meriti”. Ecco, che Binaghi o chi per lui se ne ricordi, quando parlerà ancora di futuro, programmazione, il nulla dietro le azzurre, top50, eccetera eccetera…

    • by antonelo

      Parole sante.
      Vamoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooos!

    • hector by hector

      Temo che tu le stia sottovalutando: alle gemelle Turati a Milano hanno già dedicato sulla fiducia un’importante arteria cittadina nonchè una fermata della metropolitana: quello che non mi spiego è perchè, pur essendo in 2, la fermata si trovi sulla linea 3.

      • r.b. by r.b.

        Perché è gialla e, come è noto, nella NCAA ci sono molti ragazzi americani di origine cinese.

      • by lucio

        Mitico Hector …….sto ancora ridendo …..

      • by SanTommaso

        Meno male che ci facciamo una risata tra di noi. Pensa a chi ha messo il Crodino in frigo per il sorpasso della Burnett su Camila 😀

        • hector by hector

          Lasciamo il Crodino all’indovino che, dopo una previsione del genere, se avesse un minimo di onestà intellettuale dovrebbe sentirsi un vermouth.

        • r.b. by r.b.

          Azz… E pensare che questa del crodino me la sono persa… 🙂

  10. r.b. by r.b.

    Il sorteggio è domani pomeriggio… Incrociamo le dita…

  11. r.b. by r.b.

    Non so se avete notato, ma la coesione del gruppo di tifosi che posta qui più o meno abitualmente è inversamente proporzionale al ranking di Camila….. 🙂

    • robdes12 by robdes12

      beh, degli ultimi incontri da lei giocati quanti sono stati visibili? Mi pare pochini, lo sponsor sarà al settimo cielo….ma ovviamente anche lui non ha motivo di lamentarsi, perchè comunque non la si veda va bene lo stesso. Ovviamente lo sport pro è un hobby, mica un vero lavoro, per cui chissene se uno ha o no risultati. Ci sarà pure un qualche motivo se facciamo le pulci ai suoi match, rarefatti come sono diventati quelli visibili. Sono abbastanza sicuro che le cose cambieranno, che potrebbe essere solo una fase evolutiva necessaria, secondo la direttrice: presentazione-esplorazione territorio- espansione-stasi adattativa- consolidamento-affermazione. L’importante è la chiarezza.
      E’ anche vero che il prossimo anno non avrà difendere nulla per quasi tutta la stagione, e reincrementare il ranking dovrebbe essere facilissimo, tenendo anche presente il declino di buona parte delle top 20. Se poi non ci dovesse riuscire allora….boh!

      • by SanTommaso

        Tra tutti gli sport pro il tennis è quello che più assomiglia ad un hobby, per come lo intende Camila poi… Non giochi in una squadra che ti paga uno stipendio, quindi in pratica non hai alcun obbligo di presentarti la domenica in campo (il lunedì al primo turno, anzi). Se ci vai e vinci, buon per te, se non vai non prendi l’assegno e pace. Se vuoi stare ferma una settimana, puoi, se vuoi stare ferma tre mesi, puoi. A meno che tu non sia top20, e anche in quel caso nessuno ti viene a trascinare per i piedi fuori di casa per giocare i Premier. Segni 0 nella casella e amici come prima.

        L’unico obbligo è con gli sponsor (Camila ne ha uno solo) ed è eventualmente a lui che deve rendere conto.

        • robdes12 by robdes12

          perfetto. Se trovo la sua mail le farò richiesta di devolvere i suoi guadagni per la causa del Tibet, tanto visto che è un hobby a che le serve il danaro? Per di più la struttura in cui lo esercita è palesemente hobbistica, tipo la cantina attrezzata di casa, infatti tutte queste ragazzette si estrinsecano in campi costruiti gratis, con pubblico che entra liberamente, manodopera che svolge la sua attività pro bono, impianti di illuminazione, aerazione, idraulica ed mezzi elettronici gentilmente messi a disposizione dai produttori. In effetti è davvero un mondo magico, comincio a pensare addirittura che gli assegni siano solo fittizi, in realtà non li ritirano, è solo una recita per creare pathos! Quasi quasi invidio Camila, vive tutto il giorno in una favola. L’unico problema è capire quale fra tutte quelle possibili e in quale ruolo. Immagino che la Pennetta, stanca del suo decennale hobby, ora si sia scelto quello nuovo di moglie e futura madre, in fin dei conti anche in un matrimonio stai in casa finchè ne hai voglia, puoi sempre fare le valige e al ritorno del coniuge far trovare un bell’ ex nido d’amore vuoto. Comunque se questo sito è dedicato alla praticante di un hobby, non ci trovo niente distrano che chi ci scrive dia indicazioni su come perfezionarlo. In tutti i siti hobbistici avviene proprio questo, basta vedere i forum di cucina o bricolage o giardinaggio.
          Del resto qui siamo alle crociate, mica sul world wide web, e la fede si è sempre accordata poco con la ragione, e magari le loro dispute fossero state sermpre a carattere dilettantesco.

          • by SanTommaso

            La butti in caciara (se vuoi diciamo ironia) ma purtroppo per te resta il fatto che una giocatrice se non vuole giocare, non gioca. E non deve niente a nessuno.

            In qualsiasi serie di qualsiasi sport se uno non VUOLE giocare per la squadra per la quale è tesserato, scattano multe o rescissioni contrattuali. Nel tennis una Bacsinszky può giocare, “ritirarsi”, tornare. Anche una Hingis. Tutte possono farlo: una gioca 5 anni, si ferma uno, ritorna. Per scelta propria e non necessariamente per infortunio.

            Io ho detto questo, argomentando il mio “il tennis è il più hobbystico degli sport pro”, tu hai voluto abbassare la discussione con battute su Tibet, cucina di casa, favole. Se ti diverti così…

            • robdes12 by robdes12

              ma sei così sicuro di essere il destinatario di quello che scrivo, anche quando non avendo altro da fare ti replico? Qualora tu lo fossi, ti dico che sbagli. Le rare volte che ti rispondo per me sei uno spunto per comunicare quello che penso ad altre persone. Se proprio vuoi continuare ad agevolarmi, fa pure, il problema non è mio.

              • by SanTommaso

                Beh sai, se rispondi ad un mio commento la mia mente semplice e pusilla pensa che tu voglia dire qualcosa a me.

                Ma il prof (che sbaglia a mettere le H) sei tu…

                p.s.: il fatto che tu mi “usi” per comunicare con gli altri cosa dovrebbe essere? Un colpo alla mia autostima? Uh, vado a piangere nell’angolino.

                p.p.s.: intanto USA-Italia 1-2, dai che la portiamo a casa!

    • doherty by doherty

      mi stupirei del contrario 🙂

  12. robdes12 by robdes12

    Allora, riflettendo in questi giorni fra risultati altalenanti sul campo e zuffe fra di noi, mi è venuto un dubbio di fondo. Insomma, Camila perchè gioca a tennis? Lo fa perchè è una professione lucrosa? Allora dovrebbe essere imperativo vincere di più, se davvero la spinta è quella di mettere al sicuro la sua sussistenza economica futura e magari anche quella dell’intera famiglia. Lo fa perchè vuole rimanere nella hall of fame? Anche in questo caso deve vincere di più. o sarà presto obliata sia in carriera che dopo il pensionamento tennistico. Lo fa perchè le piace? Allora l’atteggiamento dovrebbe essere più easy way e non quasi sempre imbronciato e fugace quasi che a fine incontro stiano per entrare nell’arena i leoni per sbranarti. Per uno di questi tre motivi immagino sia sui campi a sudare durante gli allenamenti e le gare. A questo punto se non ottiene ciò che vuole perchè dirle a prescindere bene così? Se diversi dei miei studenti non ottengono il minimo risultato positivo per motivazioni le più varie io cosa devo fare, redigere giudizi falsi e gratulanti solo perchè SONO NELLA MIA STESSA COMUNITA’ didattica? Camila anche sul “suo” sito (a parte che non ho ancora capito perchè suo – lo sponsorizza, lo paga, lo ha richiesto in surroga o che so io?) penso possa tranquillamente accettare le recensioni ai suoi spettacoli, mica questo è un organo di regime in cui l’unica possibilità è il panegirico. Visto che lei non parla parliamo noi, avrà anche lei immagino i momenti in cui è indispettita da se stessa, e non credo che, essendo agonista, ami sentirsi dire brava bene avanti così anche quando sa che non è stata affatto brava, per nulla in buona condizione e andando avanti così finirebbe magari a dover davvero giocare gli itf. Per altro non mi risulta che nonostante le lamentele e insoddisfazioni di noi pubblico (che sarebbe mai lo sport senza spettatori? Un assoluto nulla) qualcuno poi diserti le sue mise en scene. Delusi lo siamo (e anche loro ne hanno parte, perchè alcuni proclami sono stati davvero fatti dal padre, che però non ha mai spiegato perchè se è così pronta a vincere Wimbledon poi di fatto è raro che vi superi i primi turni) ma scoraggiati non mi pare. Se Camila vuole legittimare realmente il perchè sia nel mondo del tennis ce lo faccia capire, perchè per ora è abbastanza nebulosa la spiegazione.

    • by SanTommaso

      Non penso che Camila debba delle spiegazioni a robdes, come Flavia non deve delle spiegazioni a giovaneale e Sara non deve spiegazioni a SanTommaso.

      • robdes12 by robdes12

        certamente, visto che tu non pensi, lascia a lei la facoltà di poterlo fare.

        • doherty by doherty

          magari è come per kyrgios…
          il tennis non gli piace ma,non saprebbe cos’altro fare nella vita..:-)

  13. Andy by Andy

    @ SanTommaso

    Caro Tommanso ( si fa per dire) esistono quelle chiamate metafore, se tu prendi alla lettare ciò che leggi non mi sorprende che poi intendi una cosa per un altra.

    Cosa ci sto a fare qui ? certo non sto a scrivere ogni volta che va tutto bene che vinceremo questo e quello quando i fatti dimostrano il contrario ne tanto meno come affermi bugiardamente tu come dovrebbe giocare Camila e quello che dovrebe cambiare visto che nei miei post odierni ho scritto il contrario

    Premesso che tutti hanno capito che a te Camila sta bene così sarebbe ora che tu smettessi di voler trasformare un sito in una setta di plagiati che china il capo per timore di un ban o per sentirsi dei falsi tifosi dicendo che va tutto bene quando di fatto non va affatto tutto bene.
    Sempre, ogni volta, per te gli altri scrivono panzane ( parole tue) e tu invece racconti verità, pretendi che gli altri ( non so chi ne in quale post lo leggi) non giudichino Camila mentre tu lo fai con gli altri attraverso qualche riga, coerenza ?
    Considerando che non sei il gestore del Sito ti tocca sorbirti gli utenti che non ti piacciono, come altri ( io compreso) facci leggendo molti dei tuoi post ricchi di giudizi su chi non la pensa come te col naso tappato.
    Ti ripeto vuoi scrivere di tennis, di Camila, di quello che vuoi nessuno te lo vieta ma ormai stai stufando con questi continui messaggi che tu sei il portatore della luce e gli altri sono solo illusi a meno che non scrivano : giusto Tommaso, bravo Tommaso, hai ragione Tommaso….

  14. Andy by Andy

    @ robdes12

    ..riguardo agli incontri mortalmente noiosi, non voglio mancare di rispetto a nessuno ma mi è capitato più di una volta di addormentarmi guardando un match della Errani, non me ne voglia Sarabest con cui mi azzuffo spesso su Ubi, ma è quello che realmente mi è successo, per questo seguito a ritenere il gioco di Camila una specie in via d’estinzione e per questo se perde mi incazzo come una iena…

    • robdes12 by robdes12

      Andy, in fondo vengono pagate, e moltissimo, per far divertire il pubblico, per cui un piccolo sforzo per essere più gradevoli potrebbero pure farlo loro e le scuole di formazione, visto che vengono impostate in quel modo. Ai tempi di McEnroe c’erano Martina e Mandlikova che a tocco e varietà non scherzavano di certo, e la Evert sapeva fare esattamente tutto quello che faceva Borg. Ora te la senti di dire che Serena gioca un tennis all’altezza di un qualsiasi juniores per numero di colpi? Io penso di no. Poi stanno a difendere a spada tratta la parità di prize money fra loro e i colleghi. Tu sai nominarmi un solo giocatore maschio che sappia fare solo i colpi che fa Serena?

  15. r.b. by r.b.

    E intanto sono cominciate le qualificazioni agli US OPEN, che ci asterremo rigorosamente dal commentare, anche se non è da escludere il sorteggio contro una Q….

    • mf by mf

      Speriamo in un buon sorteggio !
      Forza cami

    • robdes12 by robdes12

      Secondo te ci sarà possibilità di affrontare una qualificata italiana per qualcuna delle nostre? Io temo che sarà un’evanto improbabile, ma tu che segui il tennis femminile più di me, magari puoi dare indicazioni più speranzose.

      • r.b. by r.b.

        Niente da fare…. Non c’è nessuna italiana nel tabellone di qualificazione…

        • robdes12 by robdes12

          che vergogna, fosse solo per provare, tanto la fit penso avrebbe pagato la trasferta. Ci credo che non migliorano mai, si cimentano solo nei tornei italiani. E meno male che abbiamo appena vissuto l’epoca delle 4 moschettiere che con indipendenza e voglia di arrivare erano andate a praticare la strada dell’indipendenza. Sta storia che i campioni trascinano è una bufala, vedi noi, vedi i tedeschi, vedi i francesi, vedi gli svedesi. Fasi generazionali, forse….

          • r.b. by r.b.

            Non e questione di soldi, è che non hanno il ranking per accedere alle quali…

            • robdes12 by robdes12

              il problema è che pure se hanno quelle per gli international non si iscrivono loro e vanno a fare challenger e itf. Del resto anche la programmazione di un Donati e altri giovani promettenti non mi pare la più adatta ad acquisire esperienza contro i tennisti veri.

  16. r.b. by r.b.

    L’ultimo match che ho visto di Camila è stato il derby contro la Vinci a Montreal…
    Stava anche giocando bene, il primo set è stato grandioso, poi è come se si fosse spenta la luce…
    Agli US Open non facciamo le quali, si parte tutte dallo stesso punto, senza bye, senza vantaggi… Bisogna giocare al meglio, senza pause, senza distrazioni…. Ogni maledetto punto è importante… Possiamo farcela…
    Ci vorrà una buona dose di… 🙂 ma:
    #vinciamogliUSOpen

  17. mf by mf

    Allora parto dal presupposto che sono un tifoso di Camila , seguo tutti i suoi risultati , tutte le sue partite dal 2009 e vi leggo da anni anche se non scrivo tanto …
    Per Camila non è certamente un periodo facile …forse la stagione più difficile della sua carriera …
    Io dopo ogni suo match per curiosità vado a vedere cosa la gente scrive nei vari blog , forum ecc… Vedo parlare decine e decine di persone di involuzione , commenti del tipo :”è fuori di testa tennisticamente , rispetto al 2014 peggiorata tantissimo e molti ma molti altri …
    Sinceramente , secondo il mio parere , il gioco di Camila non è cambiato più di tanto … magari qualche accorgimento sul dritto con maggiore rotazione ,qualche risposta in più al centro … ma se riflettete gli errori che commette sono quasi sempre gli stessi … Molti si chiederanno , come mai Camila non riesce più a vincere con le top e non raggiunge risultati eccelsi ? Non ha subito un involuzione , semplicemente è diventata troppo prevedibile . Fino a qualche anno fa quelle che la conoscevamo erano pochissime … C’era un effetto sorpresa spaventoso! Le avversarie si trovavano dall’altra parte della rete una ragazza che non dà ritmo , che tira fortissimo a velocità “maschili” ed era davvero difficile giocare con lei … Era una delle più quotate mine vaganti del circuito . ..Come giusto che sia , dopo i vari exploit contro le top 10 , tutti l’hanno cominciata a conoscere tennisticamente e pian piano le avversarie hanno capito una tattica per come vincere con lei … Insomma quasi sempre basta rimettere profonde 3/4 palle in campo con un minimo di rotazione e cami al quinto colpo ha una grande percentuale di sbagliare … Prova di ciò ad esempio è che con alcune avversarie contro le quali Camila ha vinto in passato , ultimamente perde … Oramai tutti conoscono il suo gioco e riescono a neutralizzarlo. Camila potrebbe cercare di cambiare qualcosa nel suo gioco , questo non vuol dire snaturizzarlo ma semplicemente attuare qualche accorgimento … penso sia l’unica top 100 che serve costantemente sopra i 160 , con picchi sui 185/190, a fare così pochi aces e così tanti doppi falli … Lei che comunque è abbastanza abile a rete potrebbe provare su erba a fare qualche serve and volley , che molto raramente le ho visto fare … e molti altri piccoli “cambiamenti” (se li vogliamo chiamare così) che farebbero molta differenza … Naturalmente è facile parlare attraverso uno schermo seduto sul divano , non voglio assolutamente dubitare del lavoro che fanno Camila e Sergio!
    Quindi insomma per fare quel salto di qualità ,che tutti ci auguriamo, bisogna introdurre qualcosa nel suo gioco … Persino picchiatrici come Azarenka , Williams, Sharapova ecc hanno introdotto qualche variazione (palle corte , qualche Back…)
    Non voglio scrivere un messaggio troppo chilometrico,quindi concludo qui il mio messaggio con un in bocca al lupo a cami per gli us open !
    Sempre forza Cami per sempre !!

  18. by lucio

    E le giovani italiane ?

  19. by Fabblack

    Bencic giocherà contro Flipkens, sconfitta al penultimo turno di qualificazione.
    Hanno tentato con Tsurenko, sesta perdente dell’ultimo turno, dove si era ritirata, ma evidentemente stava male sul serio.
    La Flipkens credo diventi quindi la LL più Lucky della storia; ora, visto che Bencic è alle prime partite, ci manca anche che vinca e vada avanti insieme a Rodina e Larsson: 3 LL al secondo turno sarebbe un altro record, credo.

    • by lucio

      Sta vincendo ………..

    • r.b. by r.b.

      Eh beh effettivamente la Flipkens sta vincendo, anche se non è ancora finita, vedremo…. certo che quando il c… arriva non ce n’è per nessuna…. 🙂
      #vinceremogliUSOpen

  20. Andy by Andy

    Qualcuno è contento sia che Camila perda sia che vinca, io NO.

    Non credo che se la Roma o l’Inter perdessero con una squadra di serie C2 tifosi e società sarebbero contenti di questo, seguire Camila e ritenersi felici sia che vinca sia che perda non rappresenta un atteggiamento in cui si dovrebbero ritrovare tutti per essere riconosciuti come tifosi, il più delle volte è vero il contrario, il tifoso ci mette la passione, ipotizza, è sempre alla ricerca e con la speranza di un cambiamento positivo e se questo non arriva ma anzi si peggiora nei risultati è comprensibile che si cada nella frustrazioine

    Dato che qui non siamo allenatori e anche se lo fossimo non conosciamo i problemi della Giorgi
    e data questa costante censura da parte del team è normalissimo chiedersi il motivo di una stagione così fallimentare, non per questo si deve essere identificati come degli inquisitori che mettono al rogo la propria beniamina ogni volta che perde., ma il contrario..il contrario mi fa venire in mente quel tipo di rapporto simbiotico, spesso erroneamente scambiato per amore in cui il partner può fare ciò che vuole, tradirci, insultarci, mentirci, e noi con i paraocchi, innamorati persi non battiamo ciglio in quanto crediamo (illusoriamente) di essere innamorati e in virtù di ciò alla nostra partner è concesso tutto.
    Consentitemi di affermare che non è così e che in ogni rapporto a prescindere dalla forma c’è SEMPRE una componente egoistica visto che non ce lo ha ordinato il medico di seguire Camila ma lo si fa per nostro piacere, però quando vedi che la Camila che hai conosciuto non è più quella nemmeno dal punto di vista agonistico anzi direi non la vedi quasi più giocare, non sai nulla di lei che non sia trasmesso da altre testate invece che dal suo sito ufficiale, riesci a malapena a seguire gli score non c’è nulla di sorprendente nel vedere i tifosi rassegnati e che poco hanno voglia di scrivere sempre le stesse cose…

    • robdes12 by robdes12

      Molto pertinente, molto ben scritto. Per la verità io una colpa a Cami la attribuisco senza la minima attenuante. Quando è arrivata lei ho pensato che finalmente dopo più di un decennio c’era qualcuno che stava alzando l’asticella per colmare il gap che c’è fra tennis maschile e femminile, e siccome nei primi anni aveva tutto per entusiasmare, a parte il mio feeling con il modus certandi di Flavia, mi ha reso una noia mortale vedere il tennis di tutte le altre. Le uniche partite che ho visto quest’anno a parte le sue sono state…..nessuna, solo spezzoni per circa 10 ore complessive, perchè il tennis omologato e old style delle altre mi dà la sensazione di aggirarmi nel museo del tennis primo decennio del 2000. Se Cami giocasse di più, ergo vincesse di più, mi eviterei lo zapping durante gli incontri delle altre, gli sbadigli, e i sorrisi ironici quando sento i commentatori celebrare questa e quella che giocano un tennis di una monotonia insopportabile. Insomma miss Giorgi, per pietà, ridacci Camila.

  21. Andy by Andy

    @ r.b.
    Scusa r.b ho risposto alla persona sbagliata, spero che il destinatario capisca ugualmente

    • fabius by fabius

      Forse pensavi a me, ma evidentemente non hai capito quello che ho detto, nè quello che penso e che dico e penso da sempre.

      Perché pensi che sarei contento quando Camila perde?
      Ovviamente non lo sono, e ne soffro, ci sto male, ma ne soffro per lei, non per me.

      Ma se perde, se è in difficoltà, mi sento ancora più attaccato a lei.
      Non sono io che, per soffrire meno, devo abbandonarla, è lei che ha bisogno ancora di più affetto e supporto.

      Tu e tanti altri “egoisti” siete pronti ad allontanarvi, a rinnegarla se non vi dà il piacere della vittoria.
      Padronissimo, ma io, ed anche altri, siamo di altra natura.

      Postare qui sfoghi ed improbabili suggerimenti è assolutamente naturale e legittimo quanto inutile, come è naturale ma forse un filino meno inutile esprimere qui sempre il nostro sostegno, ripeto tanto più sentito quanto più ci sono difficoltà.

      Ne ho già visti tanti entusiasti di Camila agli inizi, poi voltargli le spalle ed addirittura osteggiarla e deriderla alle prime delusioni, supporters trasformarti in stalkers.
      Persone per le quali Camila, o chiunque altro, è solo un oggetto, se ci dà piacere si esulta, se ci dà dispiacere si abbandona.

      Per me non è così, è una persona che rispetto ed ammiro, sono molto contento per lei e non per me se vince, è felice ed è realizzata, soffro con lei quando questo non succede, ma non saranno certo quattro palline finite fuori campo a far cessare il mio sostegno.

      Quello che già mi ha regalato Camila e che continua a regalarmi, anche quando perde, anche durante la partita di ieri, per me sono emozioni impagabili, per cui cerco di sdebitarmi col mio supporto incondizionato.

      Spero che ora tu abbia capito, ma non fa niente.

      • r.b. by r.b.

        Sono d’accordo, ma a me piace il tennis come sport, soprattutto quando è giocato bene e, mi dispiace, ma se la palla va sempre fuori non è giocato bene…

      • Andy by Andy

        No non mi riferivo a te, leggo i tuoi post su Ubi e conosco il tuo pensiero.

  22. riccardo by riccardo

    Con la palla in campo…. Vinceremo gli us open!! Sempre meglio sorridere….

  23. robdes12 by robdes12

    Non ho ancora capito che cosa si voglia dai più di noi. A questo punto tanto varrebbe che il sito si limitasse a registrare interventi che ribadiscono score orario e durata del match. In pratica gli incontri di Cami dovrebbero essere visti come un film in cui ciò che conta sono i titoli di testa e di coda con citazione dei contributi degli sponsor vari. Accettare questo tipo di realtà mi ricorda certe licenze date altrove a scienziati ed artisti a patto che confermino sempre e comunque “la verità assoluta” già iscritta nel sacro testo. Quindi dobbiamo cancellare del tutto le bibliografie su arte, storia, letteratura, intrattenimento vario, come dire che l’umanità non ha nessuna storia, nessun racconto, nessuna premessa e nessuna eredità. Del resto dagli attacchi che si fanno anche alla tipologia lessicale si propone anche di cancellare l’accumulo dei dizionari, quasi fosse un merito neutralizzare eliminandolo tutto lo sforzo immaginativo e denominativo di una moltitudine di persone che tali vocaboli, regole morfologico-lessicali e libertà idiomatiche hanno creato. Io lo chiamo, per educazione linguistica, monadismo solipsista, se poi devo trovare un parallelo, temo che sarei costretto a ricorrere alle formule mediche. Già che ci siamo perche non ci viene chiesto di esprimerci in linguaggio binario. Strano, in amore si pronunciano voti solenni davanti alla legge e alla chiesa, che magari solo dopo pochi mesi vengono sciolti senza nessun imbarazzo, invece pare che la nostra “coniunctio” con Camila sia una clausola inscindibile. Ma cosa dovremmo diventare, una setta? Altro che trombettieri, già che ci siamo definiamoci the Camilla’s Hooling Panthers. E dovremmo farci intimidire da una simile follia che trova una giustificazione solo nei propri stessi proclami e in nessuna logica, tranne forse quella della passione che appunto logica non è? Mi spiace, ma chiedere alla gente di essere altro da quello che è risulta una coercizione inaccettabile, quasi si fosse ipso facto il mentro di misura della legittimità altrui.

    • riccardo by riccardo

      Professore…. Non tutto è chiaro 🙂 ma sono d’accordo con te!

      • robdes12 by robdes12

        Beh, come ogni tennista ognuno di noi è libero di scendere in campo usando tutto il proprio arsenale. Diciamo che mi sono strarotto di questa esigenza di ricercare sempre e comunque un qualche nemico, quasi che Camila perda per colpa nostra. A parte che probabilmente dei nostri commenti a lei importerà quanto una pallina da tennis dopo una settimana di allenamenti, mi pare molto facile affermare che le sconfitte e le motivazioni alle stesse fanno parte della fase di crescita, perchè ti mettono davanti ai tuoi limiti e ti forniscono la chiave per come superarli e aggirarli. Se poi si può crescere sentendosi sempre dire bene, brava, bella, tutto a posto lo si può dedurre da come di solito diventano i bambini cresciuti con tutto questo coro di amene blandizie: bambini eterni che alla prima contrarietà si fondono e reagiscono astiosi.

  24. by giacomo carbone

    concordo con r.b, gli attacchi personali sono sempre sbagliati, ma tutti i tifosi di qualsiasi sport hanno il diritto di esprimere critiche alle prestazioni dei propri beniamini, altrimenti si confonde il tifo con un atto di fede, e sono due cose diverse. Poi le critiche possono essere fondate o meno, ma le discussioni tra appassionati fanno parte del mondo dello sport e lo tengono vivo. Allora dire che va tutto bene, che bisogna continuare così, o sostenre che tutto ciò sia stato programmato, è un po’ bendarsi gli occhi, oppure svalutare Camila, ritenendo che non possa esprimere livelli migliori di tennis. Io invece continuo a ritenere che fosse un grande talento, che chi l’ha portata nelle prime 100 ha avuto grandi meriti, ma che vi sono evidenti limiti caratteriali ed agonistici rimasti irrisolti. Già due/tre anni fa avrebbe avuto bisogno di qualcun altro per spiccare il balzo definitivo tra le grandi. Rimanere nel proprio nido secondo me glielo ha impedito e continuerà ad impedirglielo.

  25. r.b. by r.b.

    Io sono d’accordo con Tommaso quando difende Camila da attacchi personali. Anche secondo me questi sono inaccettabili.
    Ma non quando si parla di tennis e di tipo di gioco. Quali appassionati, anche se non professionisti, abbiamo tutto il diritto di parlare e di scrivere di doppi falli, break a favore o contro, tattiche di gioco, programmazione, Ranking System, tornei WTA, avversarie di Camila ecc. Naturalmente tutte le scelte tecniche, tattiche e logistiche sono di esclusiva competenza e responsabilità di Camila, Sergio e dello staff, ma ciò non toglie che si possano esprimere critiche al gioco, possibilmente civili e costruttive, anche qui su sito ufficiale di Camila.

    • Andy by Andy

      Qualcuno è contento sia che Camila perda sia che vinca, io NO!

      Non credo che se la Roma o l’Inter perdessero con una squadra di serie C2 tifosi e società sarebbero contenti di questo, seguire Camila e ritenersi felici sia che vinca sia che perda non rappresenta un atteggiamento in cui si dovrebbero ritrovare tutti per essere riconosciuti come tifosi, il più delle volte è vero il contrario, il tifoso ci mette la passione, ipotizza, è sempre alla ricerca e con la speranza di un cambiamento positivo e se questo non arriva ma anzi si peggiora nei risultati è comprensibile che si cada nella frustrazioine

      Dato che qui non siamo allenatori e anche se lo fossimo non conosciamo i problemi della Giorgi
      e data questa costante censura da parte del team è normalissimo chiedersi il motivo di una stagione così fallimentare, non per questo si deve essere identificati come degli inquisitori che mettono al rogo la propria beniamina ogni volta che perde., ma il contrario..il contrario mi fa venire in mente quel tipo di rapporto simbiotico, spesso erroneamente scambiato per amore in cui il partner può fare ciò che vuole, tradirci, insultarci, mentirci, e noi con i paraocchi, innamorati persi non battiamo ciglio in quanto crediamo (illusoriamente) di essere innamorati e in virtù di ciò alla nostra partner è concesso tutto.
      Consentitemi di affermare che non è così e che in ogni rapporto a prescindere dalla forma c’è SEMPRE una componente egoistica visto che non ce lo ha ordinato il medico di seguire Camila ma lo si fa per nostro piacere, però quando vedi che la Camila che hai conosciuto non è più quella nemmeno dal punto di vista agonistico anzi direi non la vedi quasi più giocare, non sai nulla di lei che non sia trasmesso da altre testate invece che dal suo sito ufficiale, riesci a malapena a seguire gli score non c’è nulla di sorprendente nel vedere i tifosi rassegnati e che poco hanno voglia di scrivere sempre le stesse cose.

      • Andy by Andy

        Tommaso, ripeti da mesi o forse anni lo stesso messaggio:
        Io amo Camila per ciò che è e a me sta bene tutto quello che fa, sei alla stregua di chi pur di stare con la propria compagna si lascia tradire, insultare, mentire, credendo che questo sia vero amore.
        Mi domando quando finirai di erigerti ad unico VERO tifoso in virtù del fatto che Camila potrebbe anche usarti come spazzolone della tazza e tu saresti comunque contento perché dimostreresti di essere un autentico tifoso.

        Vivi e lasci vivere, questa Camila a me non piace affatto e mi ritengo autentico tifoso di una Camila che ho conosciuto e che non era certo questa che vedo, quindi se i cambiamenti fossero tali da non rispecchiare un modello di gioco che a me piaceva sarebbe del tutto normale smettere di seguire Camila, se poi tu vuoi fare un vanto del fatto che seguiresti Camila pure all’inferno bene, sono contento per te in quanto hai trovato la strada per la felicità, ma non tutti i tifosi la vedono come te e forse Sergio non scrive più per altri motivi rispettabilissimi che non conosciamo.

        • riccardo by riccardo

          Andy Questo mi sembra un tantino esagerato….

          • robdes12 by robdes12

            Magari se scriveva “fin nella caldera dell’Etna” eri più solidale? 😉
            Beh, in effetti è un luogo di una fascinazione unica, lo ammetto. ma si sa che io sono mezzo siculo in pectore.

          • Andy by Andy

            Consideralo un estremo per rendere semplicemente l’idea su un pensiero in cui non mi trovo, sono tifoso di una Camila in questo momento irriconoscibile, non ne conosco i motivi e non ne sono contento, non per questo devo ogni volta leggere che o si è sempre contenti di come vanno le cose o non sei un autentico tifoso.
            Per me la cose stanno andando pessimamente, cerco di non nascondere la testa sotto terra ma di guardare la realtà, Camila quest’anno ha fatto un tonfo la cui onda d’urto ha fatto almeno 3 volte il giro del pianeta e il mio disappunto lo ritengo legittimo

        • hector by hector

          Penso che il tuo esempio non sia pertinente, per tutta una serie di motivi tra i quali il fatto che Camila non ha mai tradito, insultato, mentito a nessuno di noi, semplicemente perchè non abbiamo sottoscritto con lei alcun patto. Il fatto che ognuno di noi si crei delle aspettative non significa che se queste non vengano realizzate Camila possa essere reputata responsabile di ciò. Personalmente potrei arrivare a fare lo spazzolino da denti, non mi sento di spingermi oltre.

          • Andy by Andy

            Il mio esempio è chiaramente un estremo per far capire l’atteggiamento in cui io non mi trovo, ovvero che va sempre tutto bene qualunque cosa faccia Camila IN CAMPO e che se non sei sempre felice potresti essere un falso tifoso

            • hector by hector

              Continuo a ritenere che le tue riflessioni siano viziate da un equivoco: immagino che nessuno qui sia felice quando Camila esce dal campo con un risultato che apparentemente le dà torto, ma io sono sempre entusiasta di avere scoperto qualcuno che vuole cambiare le “regole del gioco” nel tennis senza per questo nuocere a chicchessia, anzi pagandone il prezzo in prima persona. Per paradosso l’unica cosa che potrebbe fiaccare il mio entusiasmo sarebbe uno scenario in cui:
              – Camila comincia a giocare come la Errani (per cui, a scanso di equivoci, io faccio il tifo quando gioca contro la stragrande maggioranza delle tenniste del circuito)
              – Camila inizia a fare conferenze stampa in cui risponde ai giornalisti con ciò che loro vogliono sentirsi dire
              – Camila, mentre percorre il tunnel tra gli spogliatoi e il campo centrale di Melbourne, si fa portare la borsa contenente le racchette da due sherpa fino ad un secondo prima di mettere piede in campo
              – Camila stringe accordi di sponsorizzazione che la costringono a cambiare qualcosa nella sua programmazione contro la sua volontà

              Ho fatto alcuni esempi di azioni che, bada bene, sarebbero perfettamente legittime ma personalmente mi allontanerebbero dal “magico mondo di Camila”, che è ciò che mi spinge all’interno di una vita fortunatamente piena di impegni a trovare il tempo per scrivere qui o seguire i suoi match.

    • riccardo by riccardo

      Mi hai tolto le parole di bocca 🙂

  26. by SanTommaso

    Io mi tengo stretto questa Camila. Quella che non vediamo in TV perché perde all’ultimo turno di quali (ma di New Haven Supertennis trasmette dalle semifinali in poi…), quella che “è una Ferrari guidata da uno senza patente” (e però Sergio l’ha fatta diventare una tennista e l’ha portata al numero 30 del mondo, Camila ha vinto un titolo ed è corsa da lui, Camila dice che non vorrebbe nessun altro come allenatore perché nessuno la conosce così), quella che sbaglia la programmazione, quella che dovrebbe giocare di più, quella che dovrebbe giocare tornei diversi, quella che dovrebbe cambiare allenatore, racchetta, sponsor, vestiti, impugnatura, overgrip, marca di auto, di deodorante, fidanzato – chissà come reagirà alla rottura… ahahahah – casa, centro di allenamento, scarpe e chissà quante altre panzane ho letto e leggerò sul webbbbbe.

    Io mi tengo questa Camila perché ho scelto così, se no non perderei tempo a scriverne qui. O su livetennis. Camila che sa benissimo che esistono personaggi come Tafanus e Massimo, come notpetko e l’ex fidanzata di Jack che su twitter la insultano in ogni modo e poi su Livetennis fanno le verginelle, come Camila_Giorgi_Off… e uno dice: official! La seguo! E invece no, come il più viscido dei ragazzini in cerca di click è un bel _offside_fan (offside??? Fan??? Fan uno che la critica e basta, sempre, anche se poi dice “se lei vuole fare così siamo tutti contenti”?). Camila lo sa, e infatti: “Love me or hate me, both are in my favor…If you love me, I’ll always be in your heart…If you hate me, I’ll always be in your mind”.

    Io mi tengo Camila e non la critico, non la biasimo, non le suggerisco niente. Perché lo farei per mio interesse. Il suo bene? Lo sa lei quale sia il suo bene. Io che pretese avrei di suggerirle “per il suo bene” qualcosa? Che ne so del suo bene? Chi dice queste cose mi ricorda quelli che dicono a una donna “stai con me per il tuo bene, io so come amarti, nessuno ti amerà come me” e poi vediamo i servizi al TG.

    Lasciatela in pace, se proprio non vi stanno bene le sue scelte mollatela. Seguite tutte quelle giovani promettenti che la Fit trasformerà nelle nuove Williams: la Caregaro, la Burntett, le Pieri, le Delai e le Samsonova. Ma perché farsi il sangue amaro per ogni partita di Camila senza neanche godersela un po’? Perché discutere per settimane di impressioni personali che non c’entrano niente con Camila?

    Buon pro vi faccia, a chi si sentirà chiamato in causa. Io temo che anche qui ci siano sempre più fake e sempre meno tifosi. Abbiamo perso i giovaneale, gli entropia e i t.o., avevamo guadagnato i Sergio24863638 (ah, non scrive più. Qualcuno si è chiesto perché? O magari tanto scrive sotto altro nick e quindi nessuno si è posto il problema). Tiferò sempre Camila e lo farò qui, quando avrò perlomeno un match trasmesso in streaming per dire che Camila risponde troppo avanti o serve troppo poco in slice. Ma rimpiango gli ITF con telecamera fissa di Dothan, i 10 utenti collegati alle 3 di mattina e i post di chi aveva qualcosa da dire. Quindi non i miei, che sono fuffa e basta.

    Amen.

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Io voglio Serena al primo turno.
      CAMILA PER SEMPRE

    • fabius by fabius

      Chapeau.

      Camila Giorgi Forever.

    • enzo by enzo

      Anch’io tifo e tiferò sempre Camila.
      Però mi chiedo perchè sia scivolata così in basso ( e non mi riferisco al RK)
      Mi chiedo dove è finita quella Camila che mi ha folgorato a WB 2012 e con me tutti gli spettatori.
      E non so trovare una risposta, un appiglio.
      Spero sempre…ma ho paura che anche a lei piaccia e …si tenga stretto questa Camila.!!!

      • robdes12 by robdes12

        magari si è dedicata di più con la testa alla sua vita privata, in fondo sono anni che fa la trottola da una parte all’altra del globo e potrebbe avere un po’ di nausea da aeroporti, trolley, sacche da tennis. Potrebbe anche essere il suo anno sabatico prima di ributtarsi anima e corpo sul tennis. Se giocatrici che hanno vivacchiato nel circuito per un decennio senza aver destato il minimo entusiasmoall’improvviso hanno vinto qualcosa di importante, mi pare strano che non ci riesca lei che sembra avere tutto per poter vincere, tranne forse l’accettazione di ciò che i riflettori nascondono (lo sport agonistico non è certo ambiente da cuori puri, anzi…).

    • Andy by Andy

      Tommaso, ripeti da mesi o forse anni lo stesso messaggio:
      Io amo Camila per ciò che è e a me sta bene tutto quello che fa, sei alla stregua di chi pur di stare con la propria compagna si lascia tradire, insultare, mentire, credendo che questo sia vero amore.
      Mi domando quando finirai di erigerti ad unico VERO tifoso in virtù del fatto che Camila potrebbe anche usarti come spazzolone della tazza e tu saresti comunque contento perché dimostreresti di essere un autentico tifoso.

      Vivi e lasci vivere, questa Camila a me non piace affatto e mi ritengo autentico tifoso di una Camila che ho conosciuto e che non era certo questa che vedo, quindi se i cambiamenti fossero tali da non rispecchiare un modello di gioco che a me piaceva sarebbe del tutto normale smettere di seguire Camila, se poi tu vuoi fare un vanto del fatto che seguiresti Camila pure all’inferno bene, sono contento per te in quanto hai trovato la strada per la felicità, ma non tutti i tifosi la vedono come te e forse Sergio non scrive più per altri motivi rispettabilissimi che non conosciamo…

      • robdes12 by robdes12

        magari in questo periodo Sergio pensa che occuparsi della sua vita gli stia più a cuore che scrivere di Camila. Non so perchè ma mi pare una cosa del tutto naturale. Chissà, magari ha conosciuto i Giorgi e ora comunica con loro via what’s up, per cui scrivere qui non gli serve più. 😉

      • by SanTommaso

        Eh si vede che nonostante lo ripeta da mesi o forse anni tu non l’hai ancora capito. Quindi serve un altro ripassino.

        “Io amo Camila”… e già ti fermo. MAI DETTO. io TIFO Camila, che è diverso. Chi “ama”, a volte lo fa nel modo sbagliato come da miei esempi precedenti (io ti amo, loro no, io ti capisco, io posso, io so… e poi, dicevo, ci sono i servizi al TG).

        Tradito, insultato, buggerato? E perché? Si vede che non capisci quello che dico. Io non pretendo NIENTE da Camila, io non CHIEDO niente a Camila. Quindi come potrei essere deluso, tradito? Posto che stiamo sempre parlando della TENNISTA, tu mi sa che stai parlando della persona. La persona chi l’ha mai vista, di persona? Chi ci ha mai parlato seriamente per più di un “ciao, mi firmi la foto?”.

        Non mischiare il personale con il resto. Vivi e lascia vivere… appunto! Ma ti accorgi dell’ironia delle tue affermazioni? IO vivo e lascio vivere, e Camila mi sta bene così. Tu e altri non la lasciate vivere, siete sempre qui a dire che dovrebbe giocare là, usare quei colpi lì. avere quell’altro allenatore. E poi dici “vivi e lascia vivere”??? No dai, non puoi essere serio.

        Chiudi dicendo: “questa Camila a me non piace affatto”. Perfetto. E allora che ci stai a fare qui?

  27. fabius by fabius

    Nell’attesa del sorteggio per gli USO, passo il tempo nell’inutile ma divertente valutazione delle avversarie da evitare al primo turno.

    Tutte le TdS, ad eccezione di Vinci, Errani, Bertens e (forse, vediamo in che condizioni è) Bencic.

    Delle altre preferirei evitare tutte le americane, a prescindere, e poi Siegemund, Bouchard, Gavrilova.

    Con tutte le altre Camila può e deve giocarsela, più o meno i due terzi, statisticamente sorteggio possibile.

    Se poi vogliamo un po’ di maggiore agio, ce ne son parecchie per cui mi bacerei i gomiti per un primo turno, Voegele, Tig, Sasnovich, Sakkari (sì, proprio lei, sarei sicurissimo di un pronto riscatto), Pereira, e via andare, almeno un terzo.

    In conclusione 33% probabilità di sorteggio ostico (TdS con qualche eccezione ed aggiunta), 33% di sorteggio favorevole, 33% neutro, accettabile.

    A priori può andare, ma conta niente, quello che conta è il sorteggio vero, a cui bisognerà o far buon viso a cattivo gioco o cogliere con grinta l’occasone.

    • by Fabblack

      Tutta teoria, poi sappiamo che statisticamente almeno un terzo delle tds non arriva al terzo turno.
      Ed allora, speriamo al terzo turno di trovare una di queste “non tds” e siamo agli ottavi dove….magari una si ritira e siamo ai quarti dove possiamo trovare la numero 40.
      Basta sognare, è già successo l’anno scorso e non ricapiterà mai più!

  28. r.b. by r.b.

    Finalmente arriva uno Slam, almeno due i vantaggi…
    1. Vedremo i match di Camila (probabilmente sarà solo uno ma vabbé, magari il sorteggio ci aiuta… e l’avversaria pure… 🙂
    2. Dopo ogni match ci saranno le interviste così sapremo quanti mesi ci mancano per essere finalmente in top 10… 🙂
    #vinciamogliUSOpen

    • fabius by fabius

      Vederla al primo turno non è per niente sicuro.
      L’anno scorso il suo esordio vincente (e convincente) contro la Larsson non fu trasmesso.

      Poi, visto che hai una ammirevole fiducia nella vittoria finale di Camila, perchè non la metti a frutto scommettendo? Al momento per la sua vittoria pagano 125 volte la posta, affrettati prima che la quota cali!

      • by Fabblack

        Io ho il player di Eurosport, da tutti i campi in diretta di tutti gli Slam tranne Wimbledon.

        • fabius by fabius

          Ce l’ho anch’io, promette “fino a 12 campi live” , tanti ma non certo tutti per i primi turni, e comunque “fino a” non è certo una garanzia.
          L’anno scorso l’esordio con Larsson, come dicevo, l’abbiamo perso.
          Una buona chance di visibilità sarebbe giocare contro una americana, che però spero non si verifichi.

          Pazienza, chi vivrà vedrà, l’importante per lei è vincere, che poi noi la vediamo o no è secondario.

          PS: Eurosportplayer mi sembra peggiorato come qualità ultimamente, niente a che vedere con l’eccellente Tennis TV, hai la stessa sensazione?

          • by Fabblack

            Si, in effetti prima sembrava migliore.
            Veramente l’anno scorso ero ancora in Trentino e mi sono perso pure Lisicki (per fortuna!), sono tornato il giorno dopo.

      • r.b. by r.b.

        La mia non è fiducia, è fede… 🙂
        E sulla fede non si scommette….

  29. hector by hector

    La grandezza di Camila e del suo progetto risiedono proprio nel fatto che sono entrambi unici, diversi da quanto visto sino a qui. Camila va ma non deve decidere la direzione da prendere perchè ce l’ha ben chiara in testa. È da una vita che lei fugge via, senza casa e senza altra meta che non sia un progetto ben chiaro in testa a cui ha dedicato anni di lavoro. A mio parere chiederle di cambiare significherebbe mancarle di rispetto. Ai tifosi serve soltanto la consapevolezza che vincere in questo modo è molto più difficile: è come cercare un ago con Ugo Pagliai.

    • by enrico29

      scusa ma quale droga ti provoca questi effetti? Quale sarebbe il progetto UNICO di una tennista che perde posizioni da 6 mesi e che è destinata ad uscire dalle prime 100 entro altri 3 se non cambia qualcosa di serio nella sua vita tennistica? Mah…..

      • r.b. by r.b.

        I post di hector sono prevalentemente e consapevolmente ironici…. Non sono da prendere alla lettera, come il riferimento finale ad Ugo Pagliai lascia chiaramente intendere… 🙂

        • fabius by fabius

          Diciamo che sono anche un test di intelligenza e di sagacia per il lettore.

          Riprova, ma applicati di più 🙂

          • by enrico29

            si certo…test di intelligenza e sagacia….intanto attendo il tuo e di quelli come te che si ostentano a sostenere un progetto ed una tennista in completa crisi di identità per motivi di gestione chiarissimi, tecnico/tattici nonché caratteriali. E non certo della federazione. Fino a quando però vogliamo (anzi volete) continuare a credere che sarà nelle prime 20 perché deve maturare…

            • fabius by fabius

              Ma da quando si deve sostenere, seguire e tifare solo per chi vince?

              In Italia tutti juventini?
              Se io tifo Atalanta o Inter o SanBenedettese lo faccio a prescindere dai risultati, e continuo a sostenerla, anche arrabbiandomi e criticando, ma senza mai deflettere.
              Non sono certo i risultati negativi quelli che scoraggiano un vero sostenitore.

              Se poi uno pensa che sia giusto tifare solo per chi vince, evidentemente non conosce il significato dello sport e della vita (e non è capace di apprezzare l’ironia 🙂 )

            • by SanTommaso

              Ciao, sei lo stesso enrico29 che scriveva “non ho le capacità di dare un giudizio tecnico su di lei e sul suo gioco”?

              Quali corsi intensivi hai seguito per poter, nel giro di pochi mesi, passare da quanto scritto sopra a “tennista in completa crisi di identità per motivi di gestione chiarissimi, tecnico/tattici”?

              Come hai fatto a diventare esperto di “gestione tecnico/tattica” tanto da poterne sapere più di una professionista ex top-30?

              Ti sarei grato se potessi rispondermi seriamente, sarei interessato a seguire lo stesso corso per capirne di più. Cordialmente.

            • by lucio

              Non ti sembra di esagerare nell’attaccare i commenti che non ti soddisfano ?
              Se non ti interessano evitali come vedi fa Hector…….
              L’ironia e’ essenziale nella vita.

      • by Fabblack

        Allegro!!
        Se anche dovesse perdere sempre al primo turno da qui a fine anno, chiuderà con 707 punti, che l’anno scorso valevano la posizione 89, l’anno prima 76 e quello prima ancora 95: difficilmente uscirà dalle 100.

      • hector by hector

        Sarebbe vieppiù interessante disquisire con Lei relativamente alle domande che ha avuto la squisitezza di pormi, ma sono scettico sull’impiegare del tempo, che come Lei sa è un bene assai prezioso, per discettare con Lei.

  30. r.b. by r.b.

    Sarà, ma io ho l’impressione che le professioniste entrino in campo sapendo esattamente cosa fare. Se sai che la tua avversari tira missili terra aria, ma che non ha un grandissimo servizio e alla lunga sbaglia sempre per prima, in realtà entri in campo molto tranquilla e fai un gioco logico e coerente però raggiungere la vittoria. Se poi hai discrete qualità difensive il gioco è fatto. La Vesnina è la classica giocatrice solida che non sbaglia mai e in questo momento è la peggiore tipologia di giocatrice da affrontare per noi.
    La verità è che Camila ormai non spaventa più nessuno e forse anzi le altre la considerano un buon sorteggio…
    A Flushing Meadows occorrerà un sorteggio davvero molto fortunato….

    • robdes12 by robdes12

      contro Errani o Bouchard?

      • r.b. by r.b.

        Bouchard in questo momento la lascerei stare….

      • Andy by Andy

        Per come sta messa temo che rischierebbe anche contro la Errani

        • robdes12 by robdes12

          dai non esageriamo, anche loro penso che ricorderanno di essere state battute di recente, E poi Bouchard-Giorgi verrebbe programmata su uno dei due primi campi, lo sappiamo, e quindi trasmessa.

    • Andy by Andy

      Ok la Vesnina lo capisco e concordo, ma la Sakkari ?

      • r.b. by r.b.

        La Sakkari è una pallettara uguale, una che difende e la butta sempre di là… È meno solida della Vesnina ma evidentemente contro Camila basta e avanza

  31. riccardo by riccardo

    Periodi negativi nella carriera di una atleta, di una tennista ci possono stare.
    Se ci penso, anche di recente , tante tenniste che avevano raggiunto i vertici del tennis o posizioni importanti sono finite molto dietro in classifica.La Jankovic non ne azzecca una ,la cirstea è precipitata oltre la posizione cento , la Wozniacki, ex numero uno del mondo è scesa tantissimo , la bouchard ex top ten pure e via discorrendo.
    Succede quindi che tutto vada storto o per via di qualche infortunio o perchè la testa non funziona, vedi Petra o perchè non si ha la stessa voglia di prima.
    Nessun processo quindi alla Nostra perchè è anche vero che bisogna un pò non metterla in croce e del resto non serve a molto.
    L’importante invece è non trovare sempre alibi quando le prestazioni sono opache.
    camila nel 2016 è stata disastrosa, inutile negarlo, inutile dare la colpa sempre agli altri, alla interruzione per pioggia, agli infortuni , al vento , al sole , tutti fattori che riguardano anche le altre tenniste.
    Il rischio quando si dicono certe cose è di coprirsi di ridicolo.
    Camila ha giocato male.Non diamo la colpa a nessuno e nemmeno a lei oppure a Sergio o peggio ancora a Binaghi oppure a palmieri. Personaggi questi ultimi che personalmente considero in maniera assai negativa ma che con le prestazioni attuali di Camila nulla hanno a che vedere.
    magari semplicemente si è sbagliata la preparazione, si è sbagliato l’approccio tecnico, può succedere, Dio non è di questo mondo.
    Da tifoso i Camila mi incazzo moltissimo quando le cose vanno male ma poichè sono uno sportivo, almeno tale mi reputo, passata la rabbia cerco di analizzare a mente fredda quello che succede.
    Dopo la vittoria del torneo olandese camila ha offerto prestazioni altalenanti per poi peggiorare il suo tennis nel 2016 . Lo dicono i numeri e lo dicono le partite , quelle poche che si sono viste.
    Sopratutto camila non è riuscita a colmare quel gap tecnico che inevitabilmente la allontana dalle posizioni più alte in classifica.
    certo non siamo al livello dei 23 doppi falli a partita ma il servizio è tornato purtroppo a dare problemi e la risposta al servizio ( ma questa è una mia opinione) con la posizione troppo avanzata crea tanti problemi e da pochi risultati. A camila a mio parere stare cosi avanti con l’anticipo che lei può dare ai suoi colpi non serve a niente.
    le capacità difensive sono rimaste inesistenti , la lettura tattica della partita anche.
    Qualcuno può pensare legittimamente che tirare forte la seconda di servizio sul set point per l’avversaria è solo coraggio, non rinunciare a se stessi ma per me invece è semplicemente errato tatticamente.
    E’ un discorso di buon senso e non è nulla di rivoluzionario pensare che non tutti i punti in una partita sono uguali e non tutti i doppi falli hanno lo stesso peso .
    Non ho quasi mai visto Camila impostare una partita battendo sul punto debole della sua avversaria come se le avversarie non venissero studiate prima.
    Le avversarie per converso, Camila la studiano bene e le offrono sempre tante palle avvelenate, tagliate , smorzate, cercano in sostanza di evidenziare i suoi punti deboli.
    camila però ha un grande talento e questo è riconosciuto da tutti , a parte qualche fazioso ridicolo.
    Il talento però da solo non basta per raggiungere le posizioni alle quali Sergio e Camila hanno dichiarato di aspirare.
    Occorre fare scelte, farle subito, ovviamente dopo che questo maledetto 2016 sarà terminato.
    Bisogna prendere atto che certi esperimenti non hanno dato i frutti sperati e cambiare registro.
    Non è la fine del mondo , crescere , aprirsi a nuove esperienze, tentare strade nuove.
    Cosi ( mia opinione) se tutto rimane uguale , camila è destinata a navigare sempre oltre la posizione 60-70-
    E questo quello che si vuole? se è questo , è legittimo fare cosi ma se invece si vuole ottenere risultati migliori , allora cambiare non è peccato.
    un abbraccio fortissimo a Camila.
    le critiche costruttive ( non le mie che non valgono niente) aiutano a crescere.

    • r.b. by r.b.

      Meno male che scrivevi poco…. 🙂

      • riccardo by riccardo

        hai ragione. Ma adesso taccio. 🙂 ci risentiamo per il sorteggio e speriamo in una grande botta di…… Fortuna

        • robdes12 by robdes12

          ma no, scrivi, scrivi…sta emergendo un futuro top 20 opinionista, non farti tarpare le ali da r.b. 😉

          • r.b. by r.b.

            Io scherzavo, Riccardo sa perfettamente cosa fare…

            • robdes12 by robdes12

              e mo’ pure che cosa dire. io al confronto sembro laconico come una lucertola spartana. 😉

    • Lucia by Lucia

      Riccardo sui momenti negativi, hai ragione , tutte le hanno e ci possono stare. Sono quelli positivi che mancano….
      Spero che dopo gli U.S. Open tirino un rigo , facciano un bilancio e prendano delle decisioni.

      • riccardo by riccardo

        Me lo auguro per lei e per la sua carriera. Io posso solo essere contento di vederla vincere ancora.

  32. by Fabblack

    Sbollito un po l’effetto dell’ennesima eliminazione al primo turno (alla fine di questo si parla), alcune considerazioni:
    – alla fine forse con la Davis non si è perso per andare a Montreal, anche se i 90 punti del Canada nonostante l’ennesima occasione persa con la Vinci rappresentano il “best bottino” da Katowice in poi;
    – un velo pietoso su Cincinnati e New Haven (Sakkari immediatamente ridimensionata da altra LL);
    – Camila è l’unica che serve sempre oltre i 160 km/h e non fa quasi mai ace, bensì caterve di doppi falli contro chiunque;
    – è l’unica che risponde sempre da dentro il campo contro chiunque;
    – si potrebbe andare avanti.
    L’unica considerazione positiva è l’infortunio che ha avuto.
    Perché positiva?
    Perché, essendo arrivato proprio mentre stava facendo la sua migliore stagione su terra (6 vinte e 4 perse contro l’intero 1-5 dell’anno scorso), l’ha costretta al ritiro a Madrid ed a rinunciare a Roma, Strasburgo e quasi tutta la stagione su erba dove difendeva pure l’unico titolo conquistato, dandoci la possibilità di trovare l’unica scusante possibile.
    Troppo nera?

  33. Andy by Andy

    Non mi lascia amaro in bocca la sconfitta contro la Vesnina che ci sta quanto quella contro la greca, quella si e pure tanto…..altro che sconfitta voluta francamente lo sport è dedizione e sacrificio, se si deve entrare in campo con questa mentalità meglio appendere la racchetta al chiodo e mettere su famiglia, ormai seguo Camila da troppo tempo e ad ogni sconfitta stiamo a cercare alibi e scusanti per ogni puntuale sconfitta e battuta d’arresto, dopo un po realizzi che tutta questa voglia di cambiare
    e progredire non c’è, ma solo una mera illusione alimentata da qualche sporadica vittoria…

    • enzo by enzo

      Sono completamente d’accordo.
      Serve la voglia di combattere di 2/3 anni fa.
      Altrimenti siamo arrivati…al capolinea…Anche se spero sempre di sbagliarmi.
      Primo set : non pervenuta.
      Quattro BP non sfruttati nel 7 game del secondo set. !!! E’ stato l’ennesimo key point negativo della stagione.
      Servizio : non più efficace e son tornati i DF a valanga .
      Momento difficile e forse…decisivo per il futuro.

  34. r.b. by r.b.

    E Sakkari perde al primo turno con la LL Rodina…

  35. fabius by fabius

    Sto vedendo ora Bouchard-Beck, sul centrale.
    C’è un discreto vento, probabilmente sul Grandstand tre ore fa poteva essercene anche di più.

    Non è una scusante, ovviamente, ma un motivo in più da considerare, il servizio di Camila (lancio di palla) è troppo sensibile a questo fattore, non si può pensare di giocare solo al chiuso (e Katowice non c’è più!)

  36. fabius by fabius

    Camila avrebbe, secondo me, bisogno di un bello stage da un argentino doc, quel Julio Velasco che magari di tennis capisce poco, ma sa come dare la carica e motivare gli atleti, e tirar fuori da loro il meglio.
    Ed un personaggio del genere magari non andrebbe neanche in conflitto con Sergio, anzi.

    Dai, ora che le Olimpiadi sono finite e magari il buon Julio ha un po’ di tempo libero…

    • robdes12 by robdes12

      infatti con lasciar perdere la linea Maginot intendevo proprio questo. I francesi erano sicurissimi che Hitler mai e poi mai l’avrebbe valicata, ma è stata una credulità che è stata spazzata via al primo assalto.

  37. Aldo MC by Aldo MC

    Almeno nel 2 set ha lottato ma ho il sospetto che le pecche siano per questanno irreversibili! se entri in un vortice negativo motivazionale e difficile poterne uscirne se poi manca qualcosa che ti puo aiutare a farlo, devi essere tu campione a volerne uscire a tutti i costi nessuno puo farlo al posto tuo altrimenti non si spiegano tutti questi passi falsi, come il gambero due indietro e uno avanti certo giudicare solo dal live score non ti puo dare le risposte di come abbia giocato ma l’andazzo dei risultati purtroppo questanno é negativo.La linea della carriera di Cami é stata caratterizzata sempre ogni anno a migliorarsi questo é il primo anno in cui non riesce a migliorare ma certe pecche come i DF se le é portate dietro fin da allora e non é riuscita a diminuirle anzi! Pero si é perso di vista il ranking che ti facilita il Main Draw. Speriamo in un reset positivo e tempi migliori! Auguri Cami non mollare!

  38. robdes12 by robdes12

    Sinceramente non so che cosa pensare, se non che senza un minimo di pensiero strutturato non si va da nessuna parte. E’ inutile saper fare colpi straordinari se la loro percentuale è troppo inferiore agli svarioni. Che comunque Camila perda troppo spesso il controllo del timing perfetto e della forza da erogare nei colpi mi pare per il momento assodato. Non vorrei che alla fine stessimo assistendo alla carriera di una Lucic nostrana, anche se con le gambe che ha Camila avrebbe dovuto avere un destino diverso. Che comunque per lei le cose si siano ingarbugliate quando ha cominciato a perdere la costanza col servizio mi pare che abbia a suo favore, come lettura, un numero notevole di match. Forse era meglio rendere il servizio più affidabile e vario, anzichè puntare sulla costanza delle velocità fra 170 e 190, anche perchè ultimamente manco le prime veloci hanno più sortito effetto. E’ quasi paradossale pensare che quasi tutte le giocatrici con una palla più lenta della sua di una ventina di km riescano a fare più ace di lei. Io ad ogni trimestre che passa sono sempre più convinto che nel gioco di Cami manchi una vera direttrice, troppe partite viste in cui compaiono modi di esecuzione che sono abiurati nell’incontro successivo, Col servizio sparato (e l’aumento esponenziale dei df) unito a quella scelta della palla al centro rinunciando agli angoli, che mi sembrano le uniche reali costanti degli ultimi due anni, le cose sono andate come le vediamo ora. Quest’anno alcune belle partite (perse) altre molto brutte e perse, correttivi io sinceramente non ne ho visti, e anche la voglia di vincere non è che sia emersa molto. Recuperare un break quando sei sulla banchina dell’uscita non significa lottare, a meno che non si prendano sul serio le soffiate del gattino di casa scambiandole per quelle di una tigre potenziale. Certe volte mi domando se Cami non sarebbe stata ben più a suo agio dedicandosi al ping pong invece che al tennis, che resta comunque uno sport tattico.
    Ok c’è sempre tempo per riprendere in mano timone della propria carriera, a patto che siano chiari gli elementi che hanno impedito finora un’ascesa che sembrava sicura. Comunque la linea Maginot per ora mi pare si sia mostrata ancora una volta permeabile all’avanzata nemica, un bel progetto sulla carta naufragato di fronte alla prova delle armi. Lo vogliono loro e ne prendo atto, però non è piacevole vedere tanto talento rimanere così implicito. Come per la vita di certi grandi artisti di fama postuma viene da pensare: – Chissà come sarebbero andate le cose se…..-

  39. fabius by fabius

    E’ stata decisamente più sconfortante la sconfitta con la greca, senza quasi lottare, che non questa, dove almeno nella seconda parte del secondo set ha lottato con le unghie e con i denti, e quasi ripigliava il set.

    Il motore c’è ancora, ma manca l’energia per alimentarlo, o comunque è poca: o c’è all’inizio dell’incontro, e poi si spegne (Vinci) , o all’inizio manca e si deve far ricorso all’orgoglio ed alla adrenalina, come oggi.

    Mi vengono in mente quei sollevatori di peso che, prima di cimentarsi, annusano una boccetta con dei sali che gli dà una scossa per riuscire nella prova.

    Alla nostra Camila serve una scossa del genere.

    • robdes12 by robdes12

      qualche game non è lottare. Puoi perdere 60 facendo però fare all’avversario una fatica bestiale, ma se avesse davvero lottato si sarebbe portata per lo meno alla parità o al terzo set. Ieri lo ha fatto una ragazzina di 16 anni, ma Camila non è stata impostata sulla lotta all’ultimo sangue, bensì sullo slancio dell’ariete. Cami non tira di fioretto, lei scende in campo lancia in resta. Due anni fa aveva imparato a lottare, l’anno scorso lo ha fatto solo nel torneo di katowice e in quello vinto. E’ un po’ poco per essere definiti grandi agonisti. A questo punto Pennetta, Schiavone, Errani che sono….Pentesilea e il suo corteo di amazzoni condensate in una singola persona?

      • fabius by fabius

        A 20 anni Camila era così, ripenso alla partita vinta contro Petrova a Wimbledon in due set, e nel secondo sotto 1-5 andava a vincere al tie break (tra l’entusiasmo degli spettatori).

        Ma Camila allora era una persona diversa, altra complessione fisica, altra composizione ormonale, anche altra testa, sgombra, libera, sicura di sè, certa del suo futuro.

        Ogni tanto ancora oggi vediamo tracce di quella Camila, come contro la Stephens, ma è diventata una situazione casuale, non strutturale ed organica.

        Come al solito l’unico modo di risolvere un problema è prendere atto che un problema esiste, ancor prima di capire in cosa consiste.

        • robdes12 by robdes12

          ma se il tennis è così di che cosa prendiamo atto. La domanda corretta sarebbe: – Perchè per me è così mentre per altre no? Ok, il braccio più veloce, le gambe più veloci….ma allora perchè la carriera è così lenta?-
          L’orgoglio nei forti si chiama fierezza, in chi non lo è si chiama vanità o tracotanza. Sinceramente non mi va che un domani Camila venga ricordata come la Kournikova mediterranea, la tennista di talento ma alla fine ricordata perchè solo bella. Se avesse i lineamenti della Kuznetsova o il fisico della Bertens mi domando se negli ultimi due anni avrebbe avuto sul web il riscontro che ha avuto. Ok, è apparsa subito come una piccola dea del tennis quando è comparsa, ma se una divinità poi non fa miracoli finisce inevitabilmente per essere considerata spuria, e la gente cambia inevitabilmente religione.

  40. r.b. by r.b.

    #vinciamogliUSOpen

  41. Andy by Andy

    Un’asfaltata che non ci voleva, purtroppo

  42. enzo by enzo

    Smarrito il servizio. ..che sta succedendo Cami?
    Negli ultimi 18 turni , brekkata 11 volte !!!
    INCREDIBILE

  43. by Fabblack

    Vesnina 5/6 palle Break, Cami 1/7, recuperi con grandissima fatica il break, vai a servire, 30 pari e… doppio fallo!
    Cosa stiamo a commentare?
    4/5 giorni fa ho visto la Doi (scarsi 1.60) servire veloce come lei e senza doppi falli.

  44. by fraronz

    beh almeno ha fatto 4 incontri prima degli US O : il bicchiere e’ sempre mezzo pieno.
    Pero’ non ubriacamoci ….salvo che arrivi in finale.

  45. gimusi by gimusi

    lo stato di forma sembrerebbe non dei migliori…m si va agli Us per dare il massimo come sempre….vamooooooooooooooossssssssssssss Cami 🙂

Leave a Reply