Camila 02

In merito ad alcuni articoli pubblicati in questi giorni riguardanti Camila, lo Staff comunica che nelle prossime ore seguiranno alcune precisazioni.

About the author

81 Comments. Leave your Comment right now:

  1. r.b. by r.b.

    Eccomi… sono tornato dalla mia vacanza in Nepal (scherzo)…. vedo di riprendermi un attimo e tra qualche giorno sarò operativo, giusto in tempo per l’inizio del torneo di Cincinnati…. 🙂

    • Ace by Ace

      In tua assenza Camila si è rifiutata di giocare a Toronto, ben tornato! Ha dichiarato che senza di te il numero di post sul sito non sarebbe mai stato sufficiente! 😉 A parte gli scherzi, speriamo che stia bene e che ci regali un finale di stagione migliore! Mi auguro anche che non senta troppo la pressione del torneo dopo tanto tempo…forza Camila, noi siamo pronti!!!

  2. by lucio

    Ben che vada Camila lunedì partirà con la classifica live n. 34 meno Peng 33 …….fuori tds us Open bisogna fare necessariamente punti ………altrimenti niente Tds
    Ragazza ad infortuni alquanto sfortunata. Speriamo su questo aspetto in un 2016 più positivo.

  3. Andy by Andy

    Notizia positiva che sia un problema fisico e non una programmazione azzardata, nel frattempo la Sloane le è passata avanti vincendo il suo primo torneo WTA, le altre troppo indietro per impensierirla, ora aspettiamo il prossimo torneo in attesa godiamoci questo che cmq sarebbe stato un buon banco di prova essendoci tutte le top 10 a gareggiare.

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      DIVAGAZIONE:il blog senza r.b. è come il Natale senza neve.♥♥♥♥♥♥.
      Camila per sempre♡♥♡♥♡♥♡♥

    • by fraronz

      a me non sembra una bella notizia che sia un problema fisico ; anche perché se lo porta dietro praticamente da Wimbledon !!!! La programmazione sbagliata (e di che ??) non fa danni
      i malanni si .

      • by fraronz

        mentre la Wozniacki gode di ottima saluti, ha messo su qualche chilo o mi sbaglio ? sempre piu’ contadinella polacca ….:) :), ma al solito simpatica ..

      • Andy by Andy

        Azzardata non sbagliata, la programmazione ha sempre i suoi rischi può andare bene come può andare male con i senno di poi, riguardo ai danni se stai male non giochi, se la tua programmazione risulta inappropriata al tuo livello tennistico rischi di non crescere e evidenziare delle lacune gestionali da parte del team, una
        tennista che ancora non vince un ITF e si presenta solo agli slam tergiversando tra qualificazioni ed uscite al primo turno è un esempio per assurdo di programmazione inappropriata, non ti fa crescere ne nel punteggio ne nell’ autostima, poi è chiaro che la libertà è un diritto sacrosanto.

  4. fabius by fabius

    L’informazione ufficiale l’ha dato il tweet della WTA:

    Madison Keys not in the draw @rogerscup due to a left wrist injury. Camila Giorgi also out with an illness.

    Chissà perchè (ma si possono fare ipotesi) Live tennis scrive “Attacco febbrile”, boh.

    Ora chi è veramente affezionato a Camila questo lo sapeva già.

    Che ci fosse un problema ce l’ha fatto sapere lei direttamente, nel suo stile, poche ciacchiere ed una immagine che parla da sola.

    E data la situazione Camila ed il suo staff stanno gestendo il problema al meglio, chi parla di programmazione sbagliata ed ambiziosa non sa quello che dice.

    Il problema, come dicevo, ce l’ha dichiarato, sorridendo, la stessa Camila, mostrando come sia deperita recentemente. Il sorriso lascia solo intendere che il problema, che è sicuramente “illness” ma c’entra una mazza con “l’attacco febbrile”, è in via di risoluzione.

    La situazione è che sono in vista diversi tornei importanti in Nordamerica, primo su tutti lo US Open.
    Se non c’è la condizone fisica indispensabile, tutti sono scartabili, salvo l’US Open, a cui si partecipa ad ogni costo.
    Ma andare in Canada in cattive condizioni fisiche è una stupidaggine, a parte il rischio quasi assoluto di uscire subito, poi come si fa a gestrire la situazione, senza uno staff di supporto, in albergo, senza strutture? Meglio stare a casa e curare la condizione fisica, e visto che Toronto era il primo torneo, è stato necessario iscriversi anche a New Haven, inizialmente non previsto, per compensare la quasi certezza del forfait a Toronto, e, dico io, anche l’eventuale rischio di forfait a Cincinnati.

    Questa è la migliore gestione possibile, visto il problema, veramente inopportuno, e la situazione.
    Andare a giocare gli importanti tornei pre-US Open è utilissimo per acquisire confidenza e magari anche punti, ma solo se si è fisicamente a posto, se no è una stupidaggine assoluta, ci si cura a casa propria con tutti i mezzi e le strutture disponibili, e non si va in giro per il mondo a peggiorare la situazione.

    Ciò premesso, spero che per giovedì, termine ultimo per i ritiri, Camila ed il suo staff abbiano realizzato che la condizione è adesso ottimale ed idonea alla trasferta ed agli impegni previsti; se no rimanderanno per New Haven, e se ancora non fosse possibile si andrà direttamente a Flushing Meadows, dove bisogna esserci per forza, e ci auguriamo nelle migliori condizioni possibili.

    Vai Camila!

    • avadar by avadar

      Eh già, vai Camila!
      Noi trombettieri siamo con te…sempre!!! 🙂

    • by fraronz

      dello stesso ceppo di Kvitova ? ormai tutti i ragazzi ce l’hanno : del tipo che se non ce l’hai non sei nessuno ? 🙂 🙂

  5. by livio71

    per carita’ si puo’ fare come si vuole…ma almeno lo spiegare il motivo del ritiro …sarebbe buona cosa…. stiamo tra l’altro parlando di un torneo importante..

    • mf by mf

      Il motivo del forfait é stato spiegato : Camila ha avuto un attacco febbrile.

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      @mf
      Dove hai preso la notizia?

    • fabius by fabius

      La motivazione del ritiro Camila deve darla per iscritto alla WTA, che in un certo senso è il suo datore di lavoro.
      Quando ci sono eventi traumatici tutte lo dichiarano apertamente, che siano veri o falsi, vedete voi dove collocare il “gomito del tennista” di Serena o il “ginocchio della lavandaia” diletteraria memoria della Sharapova.
      Ma quando ci sono malattie, o eventi assimilabili, tutte sono, giustamente, molto più riservate, salvo qaundo la cosa diventa eclatante, vedi la mononucleosi della Kvitova.
      Ad i suoi affezionati Camila ha fatto chiaramente capire il problema, gli altri non contano, o cercano solo di pettegolare (come aveva ragione Pavese!)

  6. by lucio

    Giocare così poco la carica sempre di troppe responsabilità.
    Salire in classifica per Camila diventa sempre più difficile .
    È’ un vero peccato perché ora vincere quattro o cinque partite di fila e’ molto ma molto difficile e le top 10 hanno quella programmazione perché vincere con le più scarse per il loro gioco è molto più semplice ; possono arrivare più riposate nelle partite che contano nei tornei più importanti.

  7. by SanTommaso

    Faccio presente una cosa, riguardo la programmazione. Camila non giocherà Toronto e c’è chi si indigna (anche qua) perché la programmazione è “da top10” e non va bene. Stando ai fatti e non alle pugnette, ricordo che Cami fece ottavi agli US Open partendo dalle quali, e li fece senza giocare da Wimbledon allo Slam americano. Un anno fa perse due volte al primo turno a Montreal e Cincy, poi fece semifinale a New Haven. Nella stagione sulla terra rossa ha sempre perso al primo turno, praticamente, poi al primo torneo su erba (dopo una serie di 5 sconfitte al primo turno) è arrivata la vittoria.

    Questo per dire che se ci si lamenta del fatto che lo Staff non comunichi i motivi del forfait, ci può anche stare (anche se come sapete sono uno che se ne frega di queste cose, a me basta che giochi, se non gioca avrà i suoi motivi che sono SUOI, perché la vita è la SUA e la carriera è la SUA), ma se ci si lamenta della programmazione “in vista degli US Open”, Camila ha dimostrato già altre volte che non necessita per forza di 2-3 tornei di “preparazione”, perché magari sta ferma 3 mesi e poi vince 6 partite di fila. Oppure perde 5 partite di fila e poi vince il torneo successivo. Quindi criticare la programmazione mi sembra un esercizio un po’ inutile, Camila non è Sara che va a fare i conti da ragioniere. Però mi stupisce che i suoi “tifosi” ancora non l’abbiano capito.

    Sul forfait a Toronto ribadisco: è un peccato perché tutti vorremmo vederla giocare, ma “non è morto nessuno”.

    • Andy by Andy

      Stando ai fatti Camila sta giocando davvero poco, riguardo al discorso pugnette, io ribadisco che questa è una programmazione non ideale per una top 30, questa programmazione la potrebbe avere una tennista che ha garanzia di arrivare a tutti i tornei che gioca almeno tra quarti e SF ma non è il caso di Camila, riguardo a ciò che è stato in passato resta storia la ripetibilità dai risultati non appartiene al tennis e tanto meno a Camila, siamo sempre li, giocare molti tornai non vuol dire
      giocare molti match, ovviamente dipende dai turni che passi, puoi vincere 5 tornei e fare lo stesso numero di match che faresti in 15 tornei uscendo al max al secondo turno per questo c’è una programmazione che si adatta a chi ha molte chance di arrivare almeno a metà torneo e quella che si adatta almeno nel periodo in questione a chi potrebbe anche non arrivare a 3T,
      credo che sia un ragionamento molto ponderato ed un dubbio lecito che la solita pugnetta come la qualifichi tu, tutto questo ammettendo che sia una scelta di programmazione, poi se questo rischio non ci dovesse essere ovvero giocare un torneo in meno o anche due ed arrivare più in fondo in quelli giocati credo che ci metteremmo tutti la firma, che poi le top usano le solite scuse dal dolore al gomito o alla schiena per uscire prima dai tornei e preservare le energie questo è tanto vero quanto infido, almeno Camila così facendo ha permesso a Karin di entrare, sempre
      presupponendo che non ci sia un problema di mezzo.

    • Ace by Ace

      Senza conoscere i motivi del cambio di programma, criticare la programmazione è un esercizio inutile. La stessa cosa vale per il difenderla.
      C’è solo da sperare di vederla in forma quando tornerà davvero in campo!
      Personalmente ritengo che non ci si debba concentrare sui tornei più importanti, ma sulla forma e a questo riguardo non sono in grado di dire, come fanno alcuni, che questa sia la volontà dello staff. Io credo che ci siano dei motivi per questo forfait per cui incrocio le dita!

      • doherty by doherty

        io credo proprio che cami abbia un problema(spero non serio) fisico
        altrimenti non vedo assolutamente il senso di saltare un torneo importante come toronto
        come ho scritto prima la cosa piu’ logica in assenza di problemi sarebbe stato fare toronto e cincy e saltare new haven in casi di buoni risultati nei primi due(visto che è appena prima degli us open ed ha un’importanza minore.)

        a questo punto spero giochi cincy e solo in caso di uscita prima del terzo turno anche new haven

      • by livio71

        sperando che poi arrivi tra le prime 10…..

  8. fabius by fabius

    OK, vista la situazione fino a Ferragosto non c’è niente di cui emozionarsi, quindi andiamo in vacanza sereni anche noi.
    Una sola considerazione sulle programmazioni in generale: non sono buone o cattive a priori, semmai a priori sono ambiziose o conservative.
    Buono o cattivo lo si vede a posteriori, se lo spirito che ha dettato la programmazione è stato poi concretizzato o meno.
    Come nelle gare di sollevamento pesi, dove ogni concorrente dichiara a priori le tre alzate che intende fare: se è ambizioso rispetto ai suoi mezzi e le realizza, vince, se non riesce a farle perde.
    Per contro se dichiara pesi conservativi, anche se li solleva tutti non si piazza bene in classifica.

    Concludo sperando solo che Camila stia bene, molto bene in salute e bene mentalmente, serena e volitiva. Tutto il resto è conseguenza.
    E se avesse deciso di disertare Toronto per farsi una bella vacanza nei Caraibi, farebbe bene a non dir niente a nessuno, ma avrebbe la mia incondizionata approvazione!

  9. avadar by avadar

    Non ci si iscrive ai tornei x fare il 1T…ci si iscrive x vincerli e perché si crede di poter arrivare fino in fondo…
    il riuscirci è un’altra cosa, ma mi programmo x questo…
    fare Toronto, Cincy, New Haven e Us Open era a dir poco impegnativo in ottica Slam…
    Cami la conosciamo e a me piace che si programmi in base ai Majors…quelli sono gli obiettivi, non li sacrifico sull’altare della partecipazione a un maggior numero di tornei….
    quanto a noi, vogliosi di rivederla in campo, l’aspetteremo a Cincinnati, con ancor + pathos…..

    • doherty by doherty

      non credo che in caso di buoni risultati a toronto e cincy cami avesse intenzione di fare anche new h.
      penso a questo punto che il ritiro per il canada sia dovuto ad un problema fisico

      • doherty by doherty

        lo svantaggio di fare pochi tornei è che quando gioca inevitabilmente aumenta la pressione

        • Andy by Andy

          Esattamente l’aspetto della tenuta nei match lo migliori giocando e giocando, ci sono certi aspetti che non migliori anche se ti dovessi allenare a palla.

          • doherty by doherty

            eh si…ci sono cose che puoi allenare solo nelle partite di torneo…

  10. Andy by Andy

    Se la cosa non fosse dovuta ad un problema fisico o un cattivo stato di forma si rischierebbe di cadere sul serio in una programmazione da top 10, nel senso che tutto quello che si fa lo si fa per gli slam ed il resto non conta più di tanto , per questo invece spero che sia un problema di forma ma che si possa risolvere a breve, bisogna anche essere un minimo realisti dare troppa importanza agli slam a scapito dei tornei minori lo ritengo un errore, non credo che al momento Camila sia in condizioni soprattutto mentali per poter vincere uno slam, mi auguro che Camila seguiti a crescere ma senza saltare fossati troppo larghi per lei e il tempo degli Slam arriverà.

  11. by fraronz

    Non mi preoccuperei per la programmazione che in parte viene disattesa, mi preoccupa
    e mi auguro che lo STAFF ci rassicuri, che Camila non stia male , o meglio che sta bene ed e’ solo un cambio in corsa di una programmazione che peraltro vedeva teoricamente una trottola di 4 tornei uno dopo l’altro (per 5 settimane teoriche di impegno !!)
    forza Camila

  12. by LucaA

    il ritiro fa pensare a qualche malanno… starà ancora perdendo peso?

    speriamo niente di grave, soprattutto in vista degli US Open dove rischia di non essere nelle 32.
    Un peccato, perché in questi tornei sul cemento potrebbe essere protagonista (e le altre contendenti non mi pare stiano brillando…)

    Magna Cami, torna presto! 🙂

  13. Ace by Ace

    Niente comunicazione e niente torneo.
    Comunque sia è una pessima notizia.
    Nessun buon presupposto per gli US Open.
    In compenso arriveremo riposati e in forma a Linz e Mosca!
    🙁

  14. hector by hector

    Digitare su una tastiera richiede un minimo sforzo, evidentemente. Pazienza, a Toronto aveva gia’ vinto nel duemilaenove. Magari ha sbagliato aereo ed e’ finita a Taranto.

  15. Madoka by Madoka

    Quanto mi sarebbe piaciuto avere torto. Gestita in malo modo, programmazione sbagliata. Adatta ad una top 5 e non ad una top 30. E’ Semplicemente da amatori stare fermi tutto questo tempo. Solo serena o maria possono petmetterselo…soprattutto visto il tennis giocato in Turchia. L’atleta camila ha bisogno di giocare. Non di stare ferma. Sono preoccupato. Per fare il definitivo salto di qualità, così come è attualmente gestita le cose non vanno bene.

    • by lucio

      Spero che ci sia una spiegazione medica credibile .
      È’ dalla gestione del dente del giudizio che fa capire che qualcosa nella programmazione di Camila non va. È’ un vero peccato .

      • avadar by avadar

        Calma ragazzi!
        Tutto quel che viene deciso è x il bene di Cami e coloro che decidono (lei e Sergio) sanno benissimo cosa devono fare…si può non essere d’accordo, ma noi abbiamo molti meno elementi x giudicare…
        questi tornei servono come preparazione agli Us Open: l’importante è essere al top x fine agosto….sicuramente Cami sta svolgendo una fase di carico x la parte finale della stagione….

    • fabius by fabius

      Piano.
      Finchè non sono note le motivazioni del ritiro da Toronto non credo sia giusto sollevare critiche.
      Magari la pausa che per qualcuno sembra troppo lunga invece per validi motivi era troppo corta.
      L’unica cosa che ora possiamo dire è che speriamo che non sia niente di grave e rche sia apidamente risolvibile, sia la causa fisica o di altra natura.
      Se c’è un momento di difficoltà è quando noi le siamo più vicini.

      • hector by hector

        Ma anche se fossero note le motivazioni, che senso ha criticare? Forse chi critica non ha avuto il tempo per costruirsi una adeguata classifica per poter partecipare di diritto ad un Premier?

      • Andy by Andy

        più che critiche dubbi, che con il silenzio stampa ovviamente possono diventare
        convinzioni malsane.

  16. fabius by fabius

    Camila si è ritirata da Toronto, subentra Knapp.

    Vhe è successo?

  17. Guido by Guido

    Si ma sta comunicazione?? 🙂

    • fabius by fabius

      In effetti abbiate comprensione, non tanto per noi sinceri seguaci, ma per quei poveretti che vivono di sola luce riflessa e, privi di autonoma capacità cognitiva, possono trarre le loro squallide argomentazioni solo da parassitiche sbirciate.

  18. by fraronz

    Per le tds US Open quale ranking o meglio quale è il riferimento temporale ? Camilla sarà nei 32 ?

    • avadar by avadar

      Il lunedì dopo Cincy

    • fabius by fabius

      Varrà il ranking di lunedì 24 agosto.
      Saranno fondamentali i risultati sia di Camila che delle altre contendenti nei due premier nordamericani, Toronto e Cincinnati, mentre New Haven non inciderà sul seeding degli US Open.

      I due tornei in corso attualmente, Stanford e Washington, potevano sfavorire Camila, che è assente, ma per ora le contendenti non ne stanno traendo alcun vantaggio, quasi tutte eliminate al primo turno (Garcia, Mladenovic, Gavrilova, Diyas, Vandeweghe), restano in gara solo Stephens, Niculescu e Pavlyuchenkova. Quindi al tirar delle somme la programmazione non è stata negativa.
      Salvo grosse sorprese anche le rimanenti non dovrebbero comunque guadagnare punti importanti, resterà tutto da decidere nei due premier, con Camila che dovrebbe partire comunque con un (lieve) vantaggio.
      Fare meglio delle altre in questi due tornei non solo porterebbe ovvi benefici immediati in termini di punteggio, ma garantirebbe il seeding a Flushing Meadows, cosa molto vantaggiosa.
      Incrociamo le dita.

  19. avadar by avadar

    L’intervista c’è stata e come sempre Cami fa notizia in campo e fuori: prerogativa delle campionesse, come quella di attirare simpatie e antipatie viscerali…
    intanto lei si starà allenando x un’estate sul cemento americano che può essere molto importante…
    3/4 della stagione se ne sono andati, insieme con 3 Slam….questo ultimo step va affrontato col piglio giusto e senza perdere occasioni a cominciare dal Canada….
    pochi giorni e ricomincia la corsa e la caccia……

  20. Andy by Andy

    Va bo io ho una fenice tatuata sulla spalla che devo fa me ne devo annà ? 😛

    • Andy by Andy

      Aspetto con interesse queste comunicazioni, cmq credo che questo rischio si corra dal momento che si diventa un personaggio oltre che del mondo dello sport anche mediatico, i giornalisti a volte cercano di dare uno stampo sensazionalistico al loro prodotto con la mira di fare notizia e di invogliare chi non ha acquistato il loro prodotto ( esempio me) a dire: ” fammi un po vedere cosa c’è scritto che sono curioso…” o ” davvero c’è scritto questo e quello, fammelo un po comprare va”… del resto sono tutelati da questo punto di vista possono appellarsi a tutto. perfino ad errori di battitura e stampa, rimediando con l’ “errata corrige”

  21. by SanTommaso

    In attesa di rivedere Camila in campo, l’unico posto dove mi interessa che “parli”, tre considerazioni (e mezza).

    Punto 1: l’intervista non è un’intervista, è il racconto di – credo – un paio d’ore al massimo passate a Tirrenia e un resoconto di quello che Camila e Sergio hanno raccontato al giornalista.

    Punto 1bis: detto questo non esiste cattiva pubblicità, in ogni caso finire sulla copertina dell’inserto settimanale del quotidiano più letto in Italia male non fa. Anche perché moltissimi si limitano a guardare le figure e non leggono neanche gli articoli, al massimo titolo e occhiello, e in quelli non si dice nulla di sconveniente anzi si definisce Camila Principessa e poi addirittura Regina.

    Punto 2: se il giornalista ha riportato male delle parole di Camila, lei fa bene a precisare attravero i canali che ritiene più opportuni (per ora Instagram). Che poi la frase riportata male sia sui tatuaggi o sul risotto alla pescatora o su Tirrenia poco conta. Se io dico “A” e tu riporti “B”, io faccio bene a precisare che ho detto “A”. Non importa quanto sia “grave” il tema sul quale tu hai riportato male una mia frase. Già nel 2012 mi pare Camila dovette precisare una dichiarazione mal riportata sul suo uomo “ideale”, che già allora non aveva tatuaggi…

    Punto 3: chi voleva più comunicazione da parte di Camila si ricordi, ora, che appena Camila ha rilasciato un’intervista ad un giornale importante e una volta prestigioso, è stata costretta dopo poche ore a smentire una parte di intervista.

    • Lucia by Lucia

      Punto 1 : concordo con te.
      Punto 2 : proprio perché’ condivido il punto 1 , non capisco perché’ creare polemiche contro chi te lo puo’ permettere.
      Punto 3 : concordo con te ( se deve andare così’ meglio non parlare con nessuno )
      P.s Non credo che Camila corresse il rischio di passare alla storia per la sua presunta antipatia verso i tatuaggi.

      • fabius by fabius

        Secondo me Camila ha fatto bene a precisare.
        Il fatto dei tatuaggi sarebbe oggettivamente marginale, e lo è in una valutazione assoluta e generale.
        Ma diventa invece importante nei rapporti personali tra le giocatrici. Molte sono tatuate, alcune anche in maniera eclatante, tipo Mattek-Sands.
        Una dichiarazione di quel tipo, riportata dalla stampa estera o dai social, la metterebbe in conflitto con altre ragazze, cosa che è assolutamente fuori dalla mentalità di Camila.
        Può essere presa come offensiva da parte di altre giocatrici, quindi diventa un fatto grave.
        Ecco che un argomento apparentemente futile diventa invece importante nei rapporti personali della sua vita professionale.
        Al contrario tutti gli altri argomenti nascono e muoiono all’atto della lettura.

  22. Ace by Ace

    Le precisazioni arriveranno nelle prossime ore di quale giorno?
    Non importa la gravità delle affermazioni, ma i giornalisti andrebbero smentiti ad ogni inesattezza almeno leggeremmo qualcosa di più decente. In questo caso però credo che sia stato già fatto su Instagram. Credo che la prossima risposta arrivi dal campo…

  23. by antonelo

    That’s the press, baby. The press! And there’s nothing you can do about it. Nothing!

  24. boy by boy

    E’ un po’ che non ci si sente….ma vi leggo sempre. Un saluto a tutti.

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      I tatuaggi possono piacere o non piacere, ma trovo scorretto scrivere cose non dette, , soprattutto da un giornalista che deve riportare fedelmente ciò che l’intervistato dice, se così non fosse a cosa serve l’intervista?

      • boy by boy

        Mah….io dico che si farebbe meglio a rimanere concentrati sul tennis giocato.
        Certe uscite rischiano solo di farti passare per antipatica, quella che si crede già arrivata tanto da fare delle rettifiche. Io credo che questi comportamenti se li può permettere una che è già arrivata….a maggior ragione se come sembra si sta a parlare di tatuaggi e non di massimi sistemi.
        Parere personale ovviamente….e per quello che mi sembra dia ver capito della ragazza, son sicuro che anche a lei non gliene possa fregare di meno….sicuramente è qualcosa che riguarda lo staff che le sta attorno.

        • pablox5452 by pablox5452

          …o magari riguarda la ragazza e non lo staff… comunque se si fanno interviste si sa che si corre il rischio di essere “fraintesi”, e normalmente ad ogni smentita ,i giornalisti , se non c’è registrazione della stessa, rispondono dicendo che il “senso delle parole detta da X sono quelle da noi riportate” e dal momento che nessuno sa cosa è stato realmente detto, e dal momento che esiste la libertà di interpretazione, questo significa che la smentita non serve a niente, perché alla fine hanno ragione loro, per cui o si danno per scontato “i fraintendimenti” e li si accetta, oppure non si fanno interviste se non a persone strafidate e con le dovute precauzioni.

  25. Lucia by Lucia

    Mi scusino Camila e il suo staff ma io questa polemica proprio non la capisco. E non mi pare che porti vantaggi….

    • boy by boy

      Concordo nel modo più assoluto.

    • by bm0646

      Mi spiace Lucia ma non si deve replicare solo se porta vantaggio.
      Le cose non dette bisogna chiarirle immediatamente e se i responsabili di quel giornale non mettono alla porta chi travisa volutamente ciò che si dice, significa solo una cosa che il livello del suddetto giornale non merita alcuna attenzione.

  26. Guido by Guido

    Anche a me non piacciono i tattuaggi se la mia mamma mi ha fatto senza ci sara’ un motivo 😀 comunque attendiamo sta comunicazione…

  27. enzo by enzo

    Anch’io odio i tatuaggi e allora???

    • enzo by enzo

      Camila adesso nelle interviste post partita dirà ancora meno di quel poco che normalmente dice…e fa bene!

    • robdes12 by robdes12

      Io non li odio ma li trovo senza senso. Nati come carta di identità etnica e/o sociale al solito arriva l’Occidente e li banalizza a decorazione modaiola, tra l’altro completamente fuori contesto culturale (il corpo sembra solo un’espressione o orientale o celtica). Però questo non significa che io tolga il saluto ha chi li ha, e pure in gran numero. Piuttosto mi domando come sia venuto in mente all’intervistatore di tirar fuori argomenti così “cogenti” quali quelli su i tatuaggi. Già che c’era non poteva chiedere di quale misura di tacco preferisse? E’ normale poi che se ti fanno domande imbecilli comunque tu risponda i tuoi detrattori considereranno imbecille te e non chi te le abbia poste. Si è parlato tanto di mental coach, di figura di supporto qui e là. Io consiglierei invece solo un portavoce, magari qualche parente.

  28. doherty by doherty

    ho letto articolo sportweek
    non so se le risposte di camila sono state modificate,ma che sia cosi’ o meno non mi sembra particolarmente interessante(l’unica cosa degna di nota il forte desiderio di andare alle olimpiadi)

    maggior attenzione la darei allo studio del rendimento delle italiane all’eta’ di cami( alcuni di noi,me compreso avevano gia’ scritto una cosa simile tempo fa’)
    escludendo reggi e cecchini che hanno giocato in un periodo in cui si era piu’ precoci,camila ad oggi è seconda come classifica a francesca (20) e flavia(23) con la concreta possibilita’ di superare quest’ultima a fine stagione(28)

    insomma non sembra che sia cosi’ in ritardo per diventare almeno la migliore italiana di tutti i tempi…(da anni son convinto che ci riuscira’)
    per qualcosa di piu’ vedremo…:-) 🙂 .-)

  29. pablox5452 by pablox5452

    QUi si parla di alcuni articoli, quindi saranno più di uno…

  30. giangigb by giangigb

    Immagino siano comunicazioni riguardanti l’intervista su sportweek…..Povera Cami. Certo che capitano tutte a lei…..:-/

  31. hector by hector

    Spero che Camila non debba rettificare il passaggio in cui è riportato il suo pensiero virgolettato “Io andrei volentieri a Milano”, in quanto se ciò accadesse il borgomastro le consegnerebbe subito le chiavi della città di fronte ad una folla adorante. E, in attesa del divenire principessa o regina, urge dedicare a Camila una parte del testo di “Duchess” dei Genesis:
    “But now everytime that she performed
    Oh everybody cried for more,
    Soon all she had to do was step into the light,
    For everyone to start to roar.
    And all the people cried, you’re the one we’ve waited for.”

    Questo è l’effetto che Camila ha sortito con molti di noi. Vamos Camila!

    • robdes12 by robdes12

      e i maceratesi invece come ci dovrebbero rimanere? Anche Tirrenia non è che ci faccia gran bella figura. Mi pare strano che abbia detto quelle cose in modo così reciso, in tutte le sue interviste lei si è sempre mostrata piuttosto vaga. Comunque questo dimostra ancora una volta il bassissimo livello del giornalismo italiano attuale, soprattutto quello sportivo che serve solo a creare frizioni e tensioni dai tempi di Coppi-Bartali.

  32. avadar by avadar

    Hanno già sbagliato nel sottotitolo: trono del tennis italiano… 🙂 🙂

  33. robdes12 by robdes12

    adesso anche su livetennis compare la rettifica. Buona cosa altrimenti la cosa rimaneva in ambiti ristretti. A questo punto mi aspetto per il prossimo futuro un’ulteriore chiusura comunicativa.

  34. journasesto by journasesto

    In realtà Camila mangia gran braciolate, polli arrosto e mega-hamburger e non pugnetti di riso e tonno stile Isola dei famosi, quindi vorrà ristabilire la verità con un acconcio comunicato … 🙂

  35. robdes12 by robdes12

    beh che i giornalisti facciano sensazionalismo già si sa. Per questo io presto attenzione solo alle video interviste e per di più in diretta (in sede di montaggio possono sempre tagliare questo e quello). Comunque siamo curiosi di leggere le precisazioni.

  36. enzo by enzo

    quali articoli?

    • by p.s.t.

      Credo quello di sportweek, infatti su instagram Camila ha scritto che quelle riportate non erano le sue parole, le quali erano state travisate ( vedi la parte in cui dice che non le piacciono i tatuaggi)

  37. Guido by Guido

    ??

Leave a Reply