Camila vs Pennetta

Si ferma al terzo turno il primo Slam dell’anno per Camila, fermata dalla numero 18 del torneo, Venus Williams, per 6-4 6-7 1-6 dopo 2 ore e 26 minuti di grande lotta.

Primo set: 6-4. Dopo due game tenuti dalle due giocatrici al servizio, Camila strappa il servizio all’americana alla seconda opportunità, per poi però subito perdere il proprio turno di battuta. Sul 3-3 però, riesce di nuovo a brekkare la maggiore delle sorelle Williams, che nel nuovo turno di servizio annulla un set point. Sul 5-4 Camila rimane sempre avanti e alla fine, alla quarta opportunità. chiude il set.

Secondo set: 6-4 6-7. Camila vola velocemente sul 2-0, ma Venus rimonta subito. Nuovo break di Cami che poi rimonta da 0-40 andando sul 2-4. Qui probabilmente il game decisivo. Al servizio, Venus è sotto 0-40, con 3 palle per il 5-2, ma reagisce e porta a casa il game. Camila va comunque a servire per il match sul 5-4, ma perde il servizio a 0. Sul 5-6 è Camila ad annullare due palle set, riuscendo ad arrivare al tie-break, che però Venus si porta a casa per 7-3.

Terzo set: 6-4 6-7 1-6. Camila non inizia bene, cedendo il primo servizio, ma quello che sembra possa essere la svolta è il terzo game, che dura 15 minuti, in cui Cami annulla ben 8 palle break all’avversaria, portandosi a casa un gioco da 22 punti. Ma il gioco di Venus nel frattempo è decisamente aumentato di intensità, con pochi errori e grandi punti sempre più frequenti. L’americana va 3-1, Cami non sfrutta una palla del 2-3, e a quel punto c’è poca partita. Il match si chiude sul servizio di Camila, al primo match point per Venus.

A fine partita, la campionessa americana ha dichiarato: “Lei non ha sbagliato niente giocando molto aggressiva, e affrontare una giocatrice che non conosci è sempre una sfida. Ma a un certo punto ho pensato di poter vincere, e così è stato”.

Tabellino

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • WTA Hobart: Camila esce ai quarti con Eugenie Bouchard. Ora spazio agli Australian Open.
    WTA Hobart: Camila esce ai quarti con Eugenie Bouchard. Ora spazio agli Australian Open.
  • WTA Hobart: Camila batte in due set Nao Hibino e accede ai quarti di finale
    WTA Hobart: Camila batte in due set Nao Hibino e accede ai quarti di finale
  • Wta Hobart: al primo turno Camila supera in tre set Zarina Diyas. VIDEO
    Wta Hobart: al primo turno Camila supera in tre set Zarina Diyas. VIDEO
  • A Wimbledon Camila si ferma al terzo turno con la Wozniacki. Tornerà in campo a Istanbul.
    A Wimbledon Camila si ferma al terzo turno con la Wozniacki. Tornerà in campo a Istanbul.

472 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by nds

    Un saluto a tutti i frequentatori del blog,volevo dare il mio punto di vista sullo stato attuale di Camila.
    Devo dire che la sconfitta contro Venus,a caldo, è stata una vera batosta.A dire il vero non ho visto neanche il terzo set, non ce l’ho fatta, dopo aver avuto la vittoria in pugno e averla buttata in quel modo sapevo che la sconfitta era (quasi) certa,il terzo set sarebbe stato solo una lenta “agonia”,noi tifosi ormai conosciamo troppo bene Camila! Il momento topico (in negativo) del match è stato infatti il turno di servizio sul 5-4 quando Camila è andata a servire per il match e lo ha perso a zero, anche se già c’era stato un campanello d’allarme quando non ha sfruttato tre palle break sul 4-2 e 0-40. Più che i tanti discorsi sulla tecnica e sui colpi,che in ogni caso secondo me sono in continuo miglioramento, il vero problema è l’aspetto mentale.Come d’altronde era già successo un pò anche nei precedenti incontri contro Pennetta e Smitkova, nel momento di chiudere il match Camila va in grossa difficoltà, gli viene il classico “braccino”.Certo la Williams era salita un pò di livello, ma Camila non era più in campo,non si può perdere un game a zero quando vai a servire per il set senza lottare per niente e anche al tie break ha commesso un errore di dritto a campo aperto che denotano la confusione mentale di Camila in quei frangenti.Il tennis è uno sport in cui la tenuta mentale e l’ aspetto emotivo sono fondamentali e nel gentil sesso forse vale ancora di più.Qualcuno ha affermato che Camila dovrebbe avere un piano B oppure avrebbe dovuto giocare più in difesa,ma il suo gioco è calato appunto a causa della tenuta mentale, le manca ancora completamente il killer instinct,se avesse continuato a giocare come stava facendo la williams non avrebbe avuto scampo.Se prendiamo le più forti,ad esempio Sharapova e Serena,quando ad esempio vanno a servire per il match non credo giochino in difesa, ma vogliono chiudere il match e piazzano quattro vincenti.A conferma di questo aspetto che non va in Camila,mi vengono alla mente i match point non concretizzati nelle due finali disputate a katowice e linz, in cui Camila giocò due ottimi match molto combattuti.Certo ci può essere un pò di sfortuna,ma nel momento di chiudere è innegabile che qualcosa a livello mentale si inceppa.Credo comunque che questo aspetto possa essere migliorato soprattutto con l’esperienza, la continuità e una certa abitudine a giocare dei match a certi livelli,quindi diamo a Camila tutto il tempo che le serve e poi ne vedremo delle belle.

  2. by TommasoB

    Camila si è iscritta a Katowice!! Sembrava strano…

  3. TEUS by TEUS

    Ribadendo il concetto, peraltro abbastanza ovvio, che, meno esperienza si ha, più risulterà difficile gestire alcune fasi (soprattutto quando si conduce nel punteggio) degli incontri, ci terrei a scrivere cosa a mio avviso attualmente impedisce a Camila di esplodere definitivamente: la fase difensiva.
    Aggiungerei anche che, probabilmente, sia lei che Sergio sono consapevoli delle carenze ancora presenti in questo settore del gioco (da qui la costante ricerca di avere -seconda di servizio molto “carica”- o mantenere -ricerca di colpi “pesanti” anche quando si arriva sulla palla in corsa o, in ogni caso, con un leggero ritardo- il comando dello scambio).
    La più grande qualità di Giorgi, altra cosa ovvia e risaputa, è lo straordinario connubbio tra la sua velocità di piedi e la potenza che riesce a imprimere alla palla impattandola, il più delle volte, in maniera tale da renderla unica nel circuito WTA (d’altronde nemmeno il timing, così come l’esperienza, si può acquistare al supermarket) e giustamente si prova in tutti i modi a far fruttare al massimo questa sua dote innata.
    Detto ciò, concordo con tutti quelli favorevoli alla seconda di servizio molto “carica” ma l’aspetto su cui si deve, sempre a mio modesto avviso, cominciare a ragionare seriamente è su come comportarsi le volte (per fortuna molto rare) in cui il pallino dello scambio è nelle mani dell’avversaria (del resto più si sale nel ranking, più sale il livello e, lassù, c’è tanta gente che “picchia” per bene).
    E dirò di più: ormai da tanto tempo la “bimba”, anche quando perde, lotta e combatte come una furia e quindi comincio a pensare che è proprio il suo forte carattere che spesso le permette di sopperire alle carenze già evidenziate.
    A memoria non mi viene in mente nessuna top player così deficitaria nella fase difensiva (forse qualcuna ma sufficientemente alta da compensare con l’allungo di braccia e gambe). In questo senso si deve fare in modo di trovare contromisure al più presto per porvare a portare a casa qualche punto in più anche quando non è umanamente possibile effettuare un winner. Quando invece, lo voglio sottolineare, si comanda, giustissimo continuare a “picchiare” perché l’unica strada, tenuto conto delle caratteristiche tecniche della ragazza, rimane quella per tentare l’assalto al tennis che davvero conta.
    Tra l’altro spesso ho l’impressione che Camila, quando è lei a dover correre a destra e a sinistra per rincorrere la palla, sottovaluti troppo le possibilità che comunque le rimangono di fare il punto. Insomma, sarebbe opportuno cominciare ad applicarsi maggiormente da questo punto di vista perché il suo limite più evidente oggi è quello.

    • Lucia by Lucia

      Sostanzialmente d’ accordo. In particolare sul fatto che Camila sia molto forte dal punto di vista mentale. I cali che a volte sembrano emergere in partita sono la conseguenza di un decadimento dl proprio gioco e non la causa.

    • r.b. by r.b.

      Finalmente un contributo nuovo e utile. Finora si era sempre parlato delle stesse cose, soprattutto da parte di alcuni… 🙂 🙂 (non facciamo nomi….) 🙂
      Da tifoso di Ana devo dirti che, rispetto agli anni bui (2009-2013), quello che ha consentito alla serba di fare il salto in top 5 (da cui però purtroppo uscirà dopo gli AO causa rottura alluce) è secondo me proprio il miglioramento della fase difensiva (negli anni scorsi piuttosto deficitario) e nel caso di Ana però anche del rovescio.
      Io credo che Camila stia lavorando anche sulla fase difensiva, perché non si può arrivare ai vertici pensando solo di attaccare. Se incontri le top tipo Williams, Sharapova, Kvitova ecc. non puoi pensare di vincere solo attaccando perché molte volte attaccano prima loro e bisogna difendersi. Bisogna saper giocare un passante competitivo o anche un lob o un colpo tagliato profondo in recupero, ecc. Ovviamente questo non vuol dire snaturare il proprio gioco, ma, come giustamente osservi, nessun punto è perso senza giocare, tranne l’ace….

    • farotto by farotto

      Concordo pienamente sulla fase difensiva.
      Comporterà un modo di giocare però leggermente diverso: che sia il piano B?
      Aggiungo: secondo me dovrebbe migliorare in particolare la risposta al servizio (sempre parte della fase difensiva), perchè spesso è sul colpo successivo che l’avversaria ti mette in difficoltà.
      Ma la domanda è: come? E’ contro l’attuale gioco di Cami. Dovrebbe in una frazione di decimo di secondo capire come è il colpo che stà arrivando, e decidere se è meglio una botta o un back?

  4. Yauri by Yauri

    La cosa che mi dispiace di più e sotto questo aspetto non noto miglioramenti, è che Camila in alcune partite dominate, quando è vicina alla chiusura, spegne la luce e si batte da sola.
    Personalmente non credo che questa cosa si possa imputare ai doppi falli o a chissà cos’altro, anche se commettere tre DF in un game aumenta le probabilità dell’avversaria di fare il break; in quanto, abbiamo già visto che anche se compie due o tre DF nello stesso game, a volte mantiene il servizio e se lo perde, se è incazzata al punto giusto, è in grado di fare il contro break al game successivo.
    Io ho cominciato a preoccuparmi sul 5 a 3 del secondo set, servizio Williams, quando le ho visto sparacchiare via 4 risposte e successivamente è andata a servire per il match.
    Da quel momento ha cominciato a sbagliare quasi tutte le scelte, tirando la palla, anche forte, dalla parte dove aveva deciso di andare la Williams.
    A me non sembra che nel secondo set, sul 5 a 4 e servizio Giorgi la Williams abbia cominciato a fare la fenomena; mi è sembrato piuttosto che la Giorgi si sia squagliata mentalmente e abbia cominciato a giocare contro se stessa e da quel momento la partita è andata via facile per la Williams, che a quel punto, bastava che tenesse la palla in gioco… anche se ha giocato anche dei buoni punti.
    Anche nell’unico game del terzo set, visto dalla Giorgi, dopo quasi trenta punti giocati, Camila alternava un bel vincente a un errore gratuito, sintomo che non era tranquilla ma che era nervosa e indispettita.
    Questa cosa però non capita sempre e ciò rende imprevedibile qualsiasi partita da lei giocata; sotto questo aspetto, Camila assomiglia un po’ alla Stosur e questo mi dispiace perché, inevitabilmente, le farà vincere molte meno partite di quelle che sarebbe in grado di portarsi a casa.
    E comunque, a parte il mio dispiacere per aver perso una partita ampiamente alla tua portata, grazie ancora per tutte le emozioni che mi fai provare!
    Grande Shell! Alla prossima! 😉

    • r.b. by r.b.

      Beh la Stosur ha vinto gli US Open 2011 ed ha una finale a Parigi nel 2010 (fortunatamente persa, visto che ha vinto Francesca….). Ci metteresti la firma per Camia????

      • Yauri by Yauri

        Dipende! Se i dolori risulteranno molto maggiori delle gioie allora no!
        Io per la vittoria di madamoiselle Schiavon a Parigi ho pianto e sono stato stra felice che abbia vinto uno Slam, ma penso che Stosur avesse tutte le carte in regola per vincerlo lei! Però alla fine ha perso, quindi merito della Schiavone!
        Credo che Camila abbia più mezzi di Francesca quindi la vittoria di un torneo dello slam penso che possa essere alla sua portata, però se avesse l’opportunità di vincerne 10 e ne vincesse 1, sarebbe un trionfo o rimarrebbe l’amarezza per alcune occasioni gettate al vento?
        Lo stesso discorso, anche se con motivazioni diverse, vale per Fognini. Fognini è un buon talento ma ha un po’ di problemi psicologici e, nonostante abbia vinto qualche torneo abbastanza importante, le sue caratteristiche non gli consentiranno di vincere quanto sarebbe stato nelle sue potenzialità!
        La differenza con Sara a mio avviso è tutta qui! Per Sara arrivare in finale a Parigi è stato un traguardo pazzesco, per Camila arrivare in finale di uno slam potrebbe essere un traguardo mancato! 😉

    • enzo by enzo

      Non sono per niente d’accordo che Camila sul 5-4 e servizio si sia ” squaliata”. ha solo commesso 1 gratuito e un DF.
      Ma se ti rivedi il game sul 5-6 e suo servizio, ti accorgerai che ha giocato quel game benissimo, magari l’avesse fatto prima sul 5-4 !!!
      E poi nel 3° fino all’1-3 ha giocato alla pari ed è anche stata un po’ sfortunata con due palle uscite di un niente.

      • enzo by enzo

        ” squagliata”

      • Yauri by Yauri

        A parte la parola “squagliata” mi sembra che avvalli la mia tesi scrivendo “magari lo avesse fatto sul 5 a 4”. Il problema è proprio quello che non lo ha fatto quando serviva e non lo ha fatto nel tie break e non lo ha fatto nei momenti salienti del terzo set! Ma da quel momento ha giocato a sprazzi e i punti importanti gli ha persi quasi tutti lei!
        Non ho detto che ha giocato male, ho detto che fino al 5 a 3 del secondo set ha annientato Williams e da quel momento ha iniziato a battersi da sola… continuando a non giocare male anche se sicuramente ha iniziato a giocare meno bene!

  5. journasesto by journasesto

    Immagino non vi sia sfuggita la notizia di qualche giorno fa del blocco di una serie di siti che trasmettono sport in streaming. Ebbene, tra questi c’è anche il nostro amato drakulastream, che non funziona più. Per Anversa dovremo trovare delle alternative, ammesso che ce ne siano… 🙁

    • r.b. by r.b.

      Questi siti spuntano come funghi…appena ne chiudono uno ne saltano fuori altri che funzionano esttamente nello stesso modo….

    • by pariparo

      Veramente l’ho aperto adesso. C’è un doppio con la Hingis

      • journasesto by journasesto

        A me viene fuori una schermata che dice che il sito è stato bloccato

        • r.b. by r.b.

          E’ la Polizia Postale che è sulle tue tracce…. 🙂 🙂 🙂

  6. journasesto by journasesto

    La vittoria di Keys su Venus induce ad alcune riflessioni:
    1) Keys ha potuto trarre vantaggio di una certa stanchezza di Venus, dovuta all’età, ai problemi di salute che sappiamo tutti e sicuramente al peso delle due partite vinte in 3 set contro Camila e Radwanska. Ciò non toglie che Madison sia fortissima, perché una che batte Kvitova come ha fatto lei si merita eccome di arrivare in semifinale di uno slam. Ma Venus era sicuramente un po’ meno reattiva con lei che con Camila. Keys ha vinto rapidamente i suoi match precedenti, è stata poco in campo e ha potuto preservarsi molto bene per questo incontro decisivo. Vincere le partite in 2 set, in questi tornei, si rivela quanto mai importante. E quando si ha l’occasione di farlo non bisogna lasciarsela sfuggire perché può essere non soltanto un match point nella partita in corso, ma per l’intero torneo.
    2) Keys ha sbagliato molto meno di Camila, eppure nel terzo set era sotto 4/3 e un break. Ha avuto una reazione da campionessa, ma fino a che punto la partita l’ha invece persa Venus? Se Venere avesse vinto il suo turno di battuta sarebbe andata 5/3 con la Keys al servizio e tutta la pressione sulla sua giovane avversaria. Invece si è fatta sfuggire l’occasione, quasi come ha fatto Camila contro di lei in quel secondo set. Allora anche Venus ha il braccino nei game chiave o è emotivamente debole? Oppure è vero che tutte le campionesse sentono la pressione dei momenti topici della partita e alle volte basta poco per far girare l’equilibrio di un match da una parte o dall’altra? Di certo non possiamo dire, dopo questa sconfitta, che Venus abbia bisogno di un mental coach.
    3) Vedendo i risultati che stanno facendo alcune tenniste senz’altro alla sua portata (vedi Keys, ma anche Brengle), spero che Camila tragga ulteriori motivi di convinzione nei propri mezzi. Keys è migliorata molto dall’anno scorso, non c’è dubbio, ma se ha potuto farlo lei a maggior ragione può farlo Camila. Credo che vedere certe tenniste che mettono la freccia e compiono balzi avanti in classifica, tenniste a cui Cami non è e non si sente certo inferiore, possano costituire per lei un’ulteriore molla psicologica per superare l’ultimo ostacolo e far decollare finalmente il suo tennis.
    Poi la pallina è rotonda, e tutto può succedere.

    • r.b. by r.b.

      Sarà, però mi sembrano tutti discorsi di circostanza, Già ci sono i rosikoni di professione 🙂 🙂 non mettiamoci anche noi.
      La Keys ha meritato di essere in semifinale e quindi al momento si dimostra più forte di Camila, perchè ha battuto Kvitova e Venus in uno Slam. La Giorgi è andata vicina alla vittoria con Venus, ma purtroppo ha perso, e non è neanche detto che avrebbe battuto Petra, quindi al momento siamo un po’ indietro rispetto all’americana, ma ovviamente da qui all’estate le cose possono cambiare. Vedremo i risultati soprattutto nei Premier Mandatory (Indian Wells, Miami, Madrid) e negli altri Slam (Parigi e Wimbledon) e a luglio faremo un primo bilancio della stagione.

      • r.b. by r.b.

        Ah, ovviamente, come abbiamo detto più volte, nel tennis non vale la proprietà transitiva, perciò magari se si fossero trovate di fronte nei quarti non è detto che avrebbe vinto Madison, e comunque Camila è stata brava ad eliminare Flavia (che è vero che non ha ancora vinto un match quest’anno, ma ha incontrato tutte giocatrici fortissime, tipo Pironkova…. 🙂 ), e l’emergente Smitkova. Chissà, può anche essere che se la Keys avesse incontrato Flavia al primo turno, boh magari adesso in semifinale ci sarebbe la Pennetta… Il tennis femminile è bello perché è così imprevedibile…..

        • riccardo by riccardo

          Sai io sono d’accordo con te . Credo che a volte si cerca di giustificare ( mi ci metto anch’io ) di trovare delle scusanti. Venus ha vinto con Camila ( aveva praticamente perso) ed ha perso con la Keys la quale al momento è più avanti in classifica di camila. Possiamo fare tutti i discorsi sulle potenzialità ecc ecc ma la realtà al momento è questa.
          Con Lucia abbiamo sempre fatto un certo discorso che io ribadisco e che è basato non sulle fantasie ma sulla analisi dei fatti. Camila nella partita secca può vincere con tutte anche con Serena, con Masha ( è già successo ) ecc.
          Per vincere un torneo e quindi 5 partite di fila o sette negli slam però non basta il gioco spumeggiante ed unico che Camila ha mostrato di possedere. Le doti che occorrono per arrivare fino in fondo ( a giudizio non mio che capisco poco ma dei commentatori più esperti ), Camila per il momento le ha mostrate soltanto in due tornei dove poi è arrivata ad un soffio dalla vittoria del titolo. Occorre continuità che per il momento alcune delle giovani che sono davanti a Camila hanno mostrato anche se solo parzialmente. Anche la Keys ha subito sconfitte inaspettate e lo stesso dicasi per Gene Bouchard ecc.
          Bisognerà pazientare ancora.

          • journasesto by journasesto

            Avete scritto in mille che Camila ha perso con Venus perché non sa gestire la tensione. Poi succede la stessa cosa a Venus ed è la Keys che è fortissima. Certe logiche mi sfuggono. Ma è anche vero che queste sono chiacchiere da bar 🙂

            • hector by hector

              Perche’ non le facciamo diventare a tutti gli effetti chiacchere da bar? Potremmo organizzare un brindisi a Camila, almeno per Milano e dintorni, estendendolo anche agli abitanti del polo sud.

      • journasesto by journasesto

        Boh non ti seguo… Non capisco il tuo riferimento ai rosikoni… Che tra l’altro personalmente non seguo né mi interessa seguire. Tra l’altro quello che dici su Keys mi trova d’accordo. Mi sarò spiegato male io 🙂

      • enzo by enzo

        Diciamo che Venus ha vinto con Camila quando aveva praticamente perso , mentre ha perso con Madison quando aveva quasi vinto.
        Considerazioni sull’età e sulla stanchezza a parte, sono cose che capitano spesso a …quasi tutte.
        Madison comunque è fortissima e se ha trovato la continuità , sarà presto molto in alto.
        La partita è stata molto meno combattuta di quella con Cami: 31 minuti e 44 punti in meno !
        Qualcosa vorrà pure dire no?

    • farotto by farotto

      Prendo spunto da questo post, di cui condivido soprattutto il punto 1) (per me Venus era già stanca alla fine del 2° set con Cami, poi ha avuto un ultimo scatto di adrenalina nel 3° set; con Aga ha fatto il minimo sindacale) e 3), per provare a fare una piccola riflessione e mediazione.
      Atom ha detto “La Keys l’anno scorso asfaltata da Camila davanti al suo pubblico entrerà minimo nelle prime 20 dopo AO…a 20 anni…Gioca come una veterana…a bordocampo cerco la sua coach…certa Davenport…”; spesso è criticato per il discorso mental coach.
      Io stò un po dalla sua parte, e vengo al dunque.
      Quando tu citi “E quando si ha l’occasione di farlo non bisogna lasciarsela sfuggire perché può essere non soltanto un match point nella partita in corso, ma per l’intero torneo.”, oppure “spero che Camila tragga ulteriori motivi di convinzione nei propri mezzi”, oppure infine “possano costituire per lei un’ulteriore molla psicologica per superare l’ultimo ostacolo e far decollare finalmente il suo tennis”, per me state dicendo esattamente la stessa cosa, ma con sfumature diverse.
      Parlare di mental coach, anche se io preferisco non parlare di persone specifiche, bensì di competenza e formazione, è un modo di segnalare che Cami ha bisogno di acquisire quelle cose hai espresso tu con le tre affermazioni che ho sottolineato.
      Ci sono modi e modi di crescere e migliorare sotto questo profilo, c’è anche una questione di tempo, e nel tennis il tempo non è così tanto, ed il concetto del mental coach è un modo di esprimere un fatto: quello di tentare di accellerare i tempi, perchè non sappiamo quanto tempo ci vorrà a Cami per limare anche questi aspetti.
      Poi c’è chi è convinto che questo si possa ottenere anche con Sergio come allenatore, c’è chi è convinto che invece serva un aiutino esterno senza togliere Sergio (io sono ad esempio su questa linea), c’è chi invece è radicale e vede solo il allenatore.
      Sono modi di vedere le cose diverse, ma di base stiamo in qualche modo dicendo tutti la stessa cosa.
      La via che si segue, e che vorrà seguire Cami, nessuno di noi purtroppo la decide, ma l’importante per lei è arrivare al risultato finale.

      • journasesto by journasesto

        Per essere dei tifosi mi pare che abbiamo scarsa fiducia sulle sue capacità di individuare e risolvere eventuali problemi chiamando continuamente l’intervento di un Deus ex machina. Il tennis è sport individuale: Camila troverà da sé la soluzione perché nessuno potrà farlo per lei

  7. biglebowski by biglebowski

    è il momento di madison, quella del 62 61 di cleveland………….quante ce ne sono state in questi anni che ci hanno evidenziato come esempio a cui camila avrebbe dovuto riferirsi e delle quali ci hanno spiegato la superiorità, la potenzialità, la precocità, l’acume tattico ecc.ecc.ecc.

    ………….stephens, vekic (l’amico vostro la dava sicura numero 1), bencic (questa poi aveva già un paio di slam in tasca prima di cominciare), bouchard, garcia, muguruza, pliskova e me ne dimentico sicuramente.
    cosa volete che vi dica, sarò anche un trombettiere, io non scambierei le potenzialità della bimba con nessuna di queste……….. e neanche l’allenatore!

  8. gimusi by gimusi

    la vittoria della Keys su Venus mi fa pensare che se Cami fosse arrivata in uno stato di forma solo leggermente migliore avrebbe potuto ottenere un grandissimo risultato in questi AO…ma non lamentiamoci il bilancio è più che positivo e il “big game” darà presto i suoi frutti 🙂

  9. by FabrizioF

    Con questi risultati Serena vince un altro slam, oramai vicinissima al numero di titoli della Graf.
    Sulla vittoria della Keys: evidentemente Venus è stata appena sotto i suoi livelli, invece con Camila per vincere ha dovuto tirare fuori la migliore Venus. Sull’annosa questione del papà tecnico, in line di massima penso che i padri e le madri dovrebbero sempre fare un passo indietro e lasciare i propri figli crescere in autonomia. Credo che una certa “paura di vincere” mostrata da Camila l’altro giorno sia anche dovuto a questa tensione familiare. Ci vuole un esterno, secondo me dovrebbe provare per alcuni mesi.

  10. r.b. by r.b.

    Premesso che sono contento per la Keys, che è una ragazza che gioca bene e mi sta simpatica, non ho visto il match di stanotte quindi non posso dire perché Madison ha vinto contro Venus e Camila no.
    Azzardo una ipotesi, chiedendo a chi ha visto la partita: può essere che la “fortuna” della Keys sia stata quella di non essere andata vicino alla vittoria nel secondo set e quindi di avere giocato più carica nel terzo? Ripeto, non ho visto, quindi è proprio una domanda….

  11. by atom

    La Keys l’anno scorso asfaltata da Camila davanti al suo pubblico entrerà minimo nelle prime 20 dopo AO…a 20 anni…Gioca come una veterana…a bordocampo cerco la sua coach…certa Davenport…

    • avadar by avadar

      Keys molto brava!
      Nel 3* set si era 4/3 Venus e servizio Williams, da lì 3 game consecutivi con ultimo break a zero….sì, Madison sale x ora in 20* posizione nel ranking con 2100 punti….ora vediamo se in semi avrà Serena o Cibu….
      l’anno scorso toccò a Genie, quest’anno alla Keys….
      quanto alla Davenport, beh l’impronta di Lindsay comincia a vedersi….

      • r.b. by r.b.

        Verissimo, ma la carriera è lunga e bisogna confermarsi, ricordo una giovane americana andare in semifinale agli AO non più di due o tre anni fa, Sloane Strphens… da tutti salutata come la nuova Williams, ora un po’ nelle retrovie….
        Comunque brava Madison, una semifinale Slam è tanta roba….

  12. by t.o.

    @ Madoka e…altri
    Mi chiedevi del possibile sorpasso di Camila a Sara e Flavia?
    …se facciamo i conti su fine marzo Camila è già avanti a Flavia di oltre 100 punti e sta dietro Sara di circa 500.
    Sara però avrà 3 Bye in meno rispetto all’anno scorso perciò per confermare i suoi punti dovrà fare 3 vittorie in più….oltre al fatto che la sua TdS oltre le 8 (nei grandi tornei) la mette contro le top 8 un turno prima….e sappiamo questo cosa può significare per Sara. ….e infatti Sara si va a cercare i wta bassi. Lo fa da sempre…..tanti anni fa invece di andare a fare le Quali di Wimbledon preferì un itf 50k a Cuneo…”Tutte a Londra….punti facili” pensò Sara……e così fu…..facili ma pochi
    ….non sempre la prudenza paga bene……

    • r.b. by r.b.

      Sì, ma vuoi mettere come si mangia bene a Cuneo rispetto all’Inghilterra (non me ne voglia Eulondon)? 🙂 🙂 🙂 E il vino? 🙂

  13. by t.o.

    Che belli i numeri……se gli fai le domande giuste….rispondono sempre…
    Camila ha giocato il suo 15° GS a 23 anni e un mese (scarso) Sara sempre il suo 15° GS a 23 anni e due mesi, Flavia a 23 anni e 6 mesi e Francesca a 23 anni spaccati (23 giugno del 2000)
    Camila ha giocato per 6 volte le qualifiche con un risultato di 12W e 3 L (passando 3 volte nel MD)
    Sara nelle sue 4 qualificazioni è uscita sempre al primo turno. Flavia 3 Quali 2 Q64 e una uscita al primo. Francesca 3 Quali un passaggio al MD un’uscita in Q64 e un’uscita al Q128.
    Morale della favola è che Camila ha giocato 12 GS nel MD Sara (sempre nei primi 15 GS della sua carriera) 11, Flavia 12 e Francesca 13
    Così abbiamo almeno una serie di dati “Omogenei”
    Si da per scontato (anche se sappiamo che non è così) che su 12 tornei la percentuale di Buone Estrazioni e di Cattive Estrazioni ( sia per Ranking sia per stato di forma dell’avversaria) si bilancino
    Camila passa su 12 GS 13 turni, Flavia 6, Sara (su 11) 9 e solo Francesca passa 19 turni su 13 GS giocati nel MD. ….le uniche che vanno alla seconda settimana sono Camila 2 volte e Francesca 3 (con un Quarti di finale che è il suo record a 23 anni.)
    Francesca a 23 anni è perciò leggermete più avanti di Camila (nei tornei che contano) ma è ancora carente in un fondamentale……non ha ancora il “passo” o il gioco, o la testa…..o la Follia…per battere le top 10
    a 23 anni la più alta in classifica da lei battuta è una 13°
    Camila delle 4 è l’unica che per ben due volte va alla seconda settimana partendo dalle qualifiche…mettendo perciò in fila per ben due volte 6W 1 L
    Ad IW Camila fa 5W 1 L e visto che si tratta di Falconi, Madison Brengle, Pektovic, Cirstea, Sharapova e Flavia (vincitrice del torneo) Camila dimostra ancora una volta che ha sia il ritmo sia il fiato sia la concentrazione sia la testa per ambire a vincere tornei a 128 (o a 96 con 32 Bye)
    Questa è la storia dei numeri……tre top 10 (lo sono state a lungo) ed una aspirante top 10 a 23 anni.
    Le tre più grandi quel che dovevano fare lo hanno fatto (e magari qualcuna di loro tirerà fuori ancora qualche coniglio dal cilindro) la quarta deve ancora dimostrare tutto.
    ….ma non saper leggere le premesse (i cosiddetti fondamentali) ….è da miopi o da ….”rosiconi”

    …..

  14. riccardo by riccardo

    Devo dire che Cami scatena passioni furibonde. Ho letto il post di Atom e io sinceramente me lo immagino con gli occhi fuori dalle orbite che si dispera perchè Camila ha perso.
    NOn è una critica , nel senso che io come sapete rispetto tutte le opinioni purchè espresse in maniera civile

    Concordo con Lucia sul fatto che la partita con Venus era finita ed io penso che la Sharapova a posto di Camila avrebbe chiuso l’incontro se si fosse trovata sul 5-3 . Ogni persona è però diversa ma credo che tutti saranno d’accordo nell’affermare che Masha per quanto antipatica possa essere, è una tennista fantastica ed ha una forza mentale che credo nessuna tennista possiede. Basta vedere tutti gli incontri che ha vinto al terzo set finale di parigi compresa. Camila non ha ancora questa capacità, questo cinismo sportivo, questa freddezza non so come chiamarla, eppure a IW ha battuto Maria. Arriverà ad avere questo cinismo? Chi può dirlo? Sono convinto però che Cami salirà ancora in classifica e certamente vincerà un torneo quanto prima.
    Il tennis , sopratutto quello moderno è strano. Oggi se non sei al 100% fisicamente le partite non le vinci. Guardate Nadal che dopo 17 vittorie consecutive ha perso in tre set con Berdich.
    Io continuo a pensare che Cami ha bisogno di giocare tante partite, di fare tanta esperienza , di giocare tanti incontri importanti e col tempo imparerà certamente a gestire meglio la pressione. Magari non sarà mai fredda come Sharapova ma che importa?
    Per quanto riguarda le giovani leve io penso che spesso qui ci si affidi in maniera esasperata ai numeri. Intendiamoci non che i numeri non siano importanti e quando fai 23 doppi falli in una partita beh è un numero che conta. tuttavia ne fai 23 e vinci ne fai 16 e finisci col perdere.
    A me piace guardare gli incontri e giudicare il modo di giocare , di stare in campo piuttosto che guardare i numeri. Non credo Tommaso che sia corretto dire che è inutile sottolineare che camila non ha ancora tirato un pallonetto oppure una palla corta ecc
    Sarebbe come evidenziare che la Vinci non sa fare il rovescio coperto e la errani non sa servire.
    Ti rispondo Infatti che se la Vinci nella sua carriera avesse imparato anche il rovescio coperto ( peraltro roberta lo sa fare ma non lo gioca ) certamente sarebbe arrivata tra le prime dieci cosi come Sara se avesse un servizio, ( perchè sara non ha un servizio ma una rimessa in gioco ) certamente sarebbe rimasta tra le top ten.
    Ora se cosi fosse, se cioè Camila avesse mantenuto lo stile di gioco del 2011 e del 2012 avrebbe continuato a giocare esclusivamente da fondo campo mentre è un dato di fatto che adesso a rete ci va e spesso fa punto. Questo significa che lentamente Cami ha apportato delle variazioni.
    Io dico nella sostanza che aggiungere qualcosina al suo gioco non può che farle bene , non può che farla migliorare e farla crescere ancora . Non parlo assolutamente di piano b ,c o z. ma semplicemente di avere la possibilità di variare qualcosina quando capitano le giornate no.
    Credo che bisogna essere onesti e dire che anche i più grandi campioni , Federer ,Nadal ecc , hanno la capacità di adattarsi un pò all’avversario che hanno davanti . Non dobbiamo inventarci nulla di nuovo ma soltanto imparare che le partite si possono vincere facendo 40 vincenti e quando sei in giornata no, anziche arrendersi , provare a fare qualcosa di diverso.
    Camila lo può fare perchè ha talento. Camila può imparare anche a tirare qualche colpo interlocutorio perchè ha talento. Camila può imparare anche a difendersi perchè ha talento .

    • Lucia by Lucia

      Caro Riccardo , Camila e’ migliorata tantissimo dagli ultimi due tornei giocati l anno scorso. Quest’ anno e’ ripartita da dove l avevamo lasciata e io ne sono molto soddisfatta. A volte non impiego molto tempo nel rimarcare i suoi progressi ma semplicemente perché’ qui non ce n’ e’ bisogno! I trombettieri mi precedono nelle manifestazioni di giubilo e a me (ed a qualche altro ) non rimane che il ruolo, antipatico , di chi sembra voler cercare il pelo nell’uovo.
      In realtà’ e così’ solo in parte. E’ vero che non mi fermo spesso a sottolineare le belle prestazioni di Camila ma me ne compiaccio più’ di quanto si possa credere. Certamente sono più’ letta per le mie critiche ( fatte sempre in piena onesta’ intellettuale e mai con piacere) e a volte, io stessa mi chiedo quanto sia opportuno farlo in un Blog dove sono ospite di Camila e del suo staff.
      Ma tant’è’ , fino a che mi permetteranno di farlo lo farò’ e se non potrò’ più’ continuerò’ a tifarla con la stessa intensità’ . Qualcuno mi chiede cosa intendo per piano B e la domanda che viene da persone che di tennis mi sembra se ne intenda, mi è’ parsa un po’ curiosa. Rispondo adesso sotto il tuo post sperando di essere esaustiva : Camila ha dominato per 70 minuti. Se il suo gioco avesse funzionato per altri 3 minuti avrebbe vinto la partita. Ma non è’ successo. Ha cominciato a perdere la misura dei colpi, i vincenti si sono trasformati in gratuiti, TUTTO QUELLO CHE PRIMA PORTAVA DEI PUNTI DOPO LE DAVA A VENUS, fino a spegnersi completamente nel terzo set. In questo tempo, circa 40 minuti, non ha fatto altro che insistere nel ritrovare il suo gioco ( che da un pregio diventa un limite ) , picchiando sempre più’ duro, accorciando gli scambi e sbagliando tantissimo.
      Dicesi piano B benedetti figlioli, che quando capisci che non ti entra tutto come prima, diminuisci i margini di rischio, allunghi lo scambio, introduci qualche variabile nei colpi, giochi interlocutorio, in attesa che il Bazooka ritorni a colpire con precisione. Camila invece se sbaglia dritto, lo scambio successivo lo tira ancora più’ forte ! Alcuni credono che la crescita di Camila passi dall aumentare 70 minuti di grande tennis in 100-120. Io non credo che sia possibile ( non per sette partite consecutive almeno) e credo che la crescita di Camila passi da una diversa gestione della partita quando non gioca e non giocherà’ bene. Tutti a modo nostro vogliamo il suo bene.

      • riccardo by riccardo

        come sempre o quasi io sottoscrivo il tuo pensiero. Aggiungo.
        Muovere qualche critica non vuol dire essere meno tifosi di camila rispetto a chi
        critiche non ne muove mai per partito preso.
        Non ho mai letto un tuo commento fuori posto o una critica che non sia stata avanzata con garbo . Le critiche ogni tanto fanno pure bene.

      • Ace by Ace

        Sempre commenti condivisibili quelli di Lucia.
        Che a Camila servissero ancora solo 2 punti contro Venus è fuori di dubbio. E bisognava reagire meglio. Non è facile e migliorerà.
        Che nel tennis sia necessario anche un piano B(un’alternativa quando le cose non girano) è corretto.
        Io credo che ci voglia tempo, ma che si debba lavorare su ampliare i colpi a disposizione per poterli giostrare meglio.
        Altro aspetto che è molto legato al gioco di attacco esasperato di Camila è la necessità di affinare la sensibilità sulle scelte da fare su ogni singolo colpo. Deve migliorare la lettura del gioco e capire quando deve forzare e quando può invece trattenere i colpi.
        Per tutti questi progressi ci vorrà un po’ di tempo. Aspettiamo fiduciosi!

      • avadar by avadar

        Oggi è uscita la entry list di IW…..
        mi piace terminare la giornata, ripensando a quella partita, alla Partita…..
        …..se ripenso a Indian Wells infatti mi viene ancora la pelle d’oca…..
        Cami che gioca da veterana contro la campionessa uscente, quella volpe siberiana di Maria Sharapova…..
        ricordo la sensazione di potercela fare e al tempo stesso la difficoltà dell’incontro…..ma quando hai un appuntamento con la storia…..
        ricordo quella chiamata out dell’arbitro e Maria che protesta a lungo già presagendo la fine e che x lei non era davvero giornata…..
        ricordo il match point e il sobbalzo sulla sedia all’1 e 20 della notte con un urlo e un’esultanza che mi hanno riportato indietro nel tempo…..
        ricordo il sorriso di Cami dopo la vittoria: decisamente tra le espressioni + belle cui ho assistito…..
        ……..si ritorna nel luogo del misfatto e si ritorna, a un anno di distanza, da testa di serie…….

  15. by TommasoB

    Stavo giusto dando un’occhiata alla programmazione… Non vi sembra un rischio puntare tutto e soltanto su Stoccarda ad aprile, quando hai da difendere i punti di Katowice? Magari si poteva aggiungere Charleston…

    • by lucio

      Spero proprio che a Katowice indoor si iscriva . Ha già perso il primo torneo dell’anno e penso sarebbe intelligente rimpiazzarlo. Sopratutto indoor.

    • journasesto by journasesto

      L’iscrizione a Katowice o a Charleston in alternativa credo siano subordinate ai risultati di FedCup. Dopo l’8 febbraio probabilmente sapremo quale dei due tornei Camila deciderà di fare.

  16. Massimiliano by Massimiliano

    Peccato non poter aver potuto vedere la partita (e che non ci sia un video intero, almeno x ora).
    Comunque dagli highlights ho potuto vedere apprezzare un uso molto adeguato di dritti e rovesci carichi, che alternati alle classiche accelerazioni possono permettere alla Giorgi di “spalmare” la fatica (anche perché a spingere tutta una partita di tre set è assai dispendioso).
    Ho anche visto una Venus notevolmente reattiva (nonostante le sue lunghe leve), e questo secondo me le ha permesso di reggere alla distanza su una Giorgi che anche nel 3° set, a mio parere non m’è parsa così calata come potrebbe dire il punteggio: x fare un’analogia concreta, il secondo set giocato con la Azarenza, la Giorgi era andata 5-0, ma era stato comunque un set combattutissimo, con tutti i games (forse tranne 1) risolti ai vantaggi.
    La sensazione che ho avuto, anche dalle dichiarazioni post partita, è che le due giocatrici si siano anche divertite a giocare (poi ovviamente di vincitrice deve essercene solo una).
    E’ stato molto apprezzabile sentire una grandissima campionessa come Venus spendere lodi per la sua avversaria, e a mio parere va preso per buono anche il piccolo consiglio/parere sul servizio che ha detto (cioè che la Giorgi in pratica serve due prime, da qui la conseguenza dei doppi falli, ma questo non è obbligatoriamente una scelta sbagliata).
    Ho letto molti commenti di gente “delusa dalla ennesima sconfitta della Giorgi”, oppure “del fatto che se quest’anno non vince niente, non avrà più tempo per farlo, perché giocatrici più giovani già la sopravanzano”, ma se guardiamo l’evoluzione tennistica della Giorgi, mi pare chiaro che la crescita c’è stata ogni anno, non avrà impennate esagerate, ma è comunque una crescita continua, c’è chi raggiunge l’apice prima, chi lo fa più tardi, ma quello può confortare, è che (a mio parere), la Giorgi che ha giocato questi Australian Open ha le carte in regola per progredire ulteriormente rispetto al 2014, nel quale ha fatto cose pregevolissime.
    Secondo me basterà non avere fretta e saper aspettare.
    Nota statistica di un certo da non sopttovalutare: negli ultimi 4 tornei disputati (Linz, Mosca, Hobart e Melbourne), le partite perse dalla Giorgi sono state battaglie di almeno 2 ore tutte portate al 3° set, quindi non delle stese di uno’ora e via.
    Penso sia un ottimo segnale dal punto di vista mentale.

  17. by atom

    Basta con le chiacchiere, basta con le speranze…occorre qualcosa di concreto…occorre vincere e mostrare miglioramenti…le sue coetanee ed anche colleghe più giovani sono tutte migliorate….La Bouchard, la Muguruza la stessa Keys che appena un anno fa prese una stesa incredibile da Camila davanti al suo pubblico. Ribadisco che Camila tre anni fa giocava come adesso e non mi parlate di classifica…per poco non batte la Bartoli a Wimbledon (che poi la stessa Bartoli vinse), ha stracciato Pennetta Schiavone, Woz,Sharapova, ha battuto Bartoli, Vinci,Suarez Navarro,Cibulkova e molte altre…perché ora a 23 anni finiti si perde da una giapponese di cui non ricordo il nome(Nara?) e non siamo ancora nelle prime 15 posizioni e non abbiamo vinto nemmeno un torneino? Voglio una spiegazione dai competenti…Mi diranno stanno lavorando…ma i frutti di questo lavoro quali sono? Camila quando ha battuto Woz agli US era meno forte di ora? No forse ovviamente meno esperta, ma essere più esperta (poco) è un miglioramento? Vogliamo parlare dei colpi? Il servizio è migliorato quando fai circa 70 df negli ultimi 5 incontri? Va più a rete? Non è vero ricordate Katowice…Avete mai visto negli ultimi mesi fare una smorzata? o un pallonetto? o un cosiddetto colpo interlocutorio…Insomma dove sono i miglioramenti? E per favore non mi parlate di classifica…migliorata…Occorre una svolta e l’aspettiamo con ansia…

    • by SanTommaso

      Partendo dal presupposto che NESSUNO qui dentro è competente abbastanza da spiegarti il lavoro ed i motivi dei risultati di Camila, perché NESSUNO vive 24/7 a contatto con lei, io provo a rispondere alle tue domande, cercando di passare oltre il solito tono disfattista.

      Dici che le varie Bouchard, Muguruza e Keys sono migliorate, non dici in cosa e non vuoi che per Camila si parli di classifica. Quindi escludiamola anche per le altre. La Bouchard lo scorso anno ha fatto buoni risultati negli Slam ma preso anche delle stese clamorose, a volte contro le migliori, a volte contro giocatrici normali se non modeste (in Canada prese uno 06 62 06 dalla Rogers al primo turno, al Master di fine anno contro solamente le migliori stabilì il record per il minor numero di games vinti da una giocatrice nella storia della competizione). La Muguruza non mi sembra moto migliorata, tant’è che contro Camila ha perso tutti i precedenti, la Keys ha un grande servizio che già aveva, ma a livello tattico e di movimento sul campo non mi sembra molto diversa da un anno fa.

      Veniamo alle tue domande: perché a 23 anni finiti si perde contro la Nara? Bah, per mille motivi, uno dei quali potrebbe essere che i 23 anni sono iniziati e non finiti, un altro che contro giocatrici posizionate una trentina di posti sotto in classifica perdono (in tre set come Cami ma anche in due a volte) tutte prima o poi. Ma non per modo di dire, proprio tutte. Perché il tennis non è un gioco di ruolo dove io metto sul tavolo una carta di una giocatrice terza nel ranking e automaticamente batto la numero 24, o 45, o 4, o 99. Altrimenti le partite non si giocherebbero neanche.

      Camila non ha ancora vinto un torneo ma non è una tragedia. E comunque non è un metro di giudizio onesto per valutarla. Ha avuto due match point in due finali (ah, sempre col servizio contro, per la cronaca) ma non li ha sfruttati. Se su uno dei due mp l’avversaria avesse fatto doppio fallo, Camila avrebbe vinto il torneo senza meriti proprio su QUEL punto. Avrebbe un titolo (International) in bacheca, e il tuo giudizio cambierebbe di molto? Il mio, per UN PUNTO, non cambia.

      Il servizio è migliorato? Sì, molto. Magari l’ho visto solo io, ma al netto dei doppi falli il servizio varia molto di più, a volte da destra serve in slice a buttare fuori dal campo l’avversaria, a volte la seconda è in kick, a volte tira piatto e forte al corpo (ha buttato per terra e non per modo di dire la Smitkova al secondo turno). Il servizio è molto diverso da prima.

      Sul venire a rete poni come paragone Katowice, che è un torneo sul veloce indoor. Per ora nel 2015 non ne ha giocati quindi non si possono fare paragoni. Contro Venus è venuta a rete 19 volte (14 punti), contro Smitkova 5 (5 punti), contro Pennetta 14 volte (7 punti). A me non sembra che venga poco a rete.

      Palle corte e lob non ne ha mai giocati, quindi il discorso è inutile. Sarebbe come chiedere: quanti rovescio coperti gioca la Vinci? O quanti ace tira la Errani? Non fanno parte del loro bagaglio tecnico. A Camila poi non è utile giocare un lob, perché non ne ha quasi mai l’occasione e può passare l’avversaria a rete in altri modi, cosa che spesso fa (1 su 5 a rete Pennetta, 5 su 11 Venus). Sui colpi interlocutori magari sono l’unico ad aver notato che spesso Camila rispondealle prime a uscire giocate da sinistra dalle rivali di turno, staccando una mano e utilizzando il back di rovescio. Ci sono i video dei match su youtube, prova a guardare qualche scambio e fammi sapere se lo noti anche tu.

      E’ tutto credo.

      • by atom

        San Tommaso…già sono incompetente riguardo Camila e vorresti che analizzassi dove sono migliorate le tenniste ricordate? Non so dove (anzi lo so) ma se neghi che sono migliorate sei in malafede. Il gioco di Camila lo conosco abbastanza e non ho visto miglioramenti ache perché non è quello che deve migliorare ( a parte il servizio) ma la continuità…e sai come la penso. Caro San Tommaso i 23 anni sono finiti e sono iniziati i 24…purtroppo…Certo che ci sta di perdere contro giocatrici inferiori nel ranking ma c’è modo e modo di perdere come di vincere e ti ricordo i 23 df e la sofferenza per battere la n. 329 ma della classifica…
        Con i se e i ma non si fa la storia e non si fa una carriera, attualmente non abbiamo vinto niente, questa è la verità…e non puoi smentirmi…io non sono uno statistico ma mi sembra che nelle prime attuali dieci, nessuna era senza vittoria all’età di Camila.
        Che vuol dire il servizio è migliorato al netto dei DF? Camila ne ha fatti circa 70 negli ultimi 5 incontri… io credo che se qualsiasi giocatrice fa 15 df di media a partita non va molto lontana…
        Come si fa a dire che smorzate e lob non fanno parte del gioco di Camila…e a lei non interessano…ma scherzi? Fai il paragone della Vinci e il suo rovescio sapendo che è l’unica nelle prime 100 o forse 1000 che gioca il rovescio tagliato in quel modo (a parte il diritto della Niculescu) e per il servizio carente la Errani è giudicata da tutti incompleta figuriamoci chi non ha lob e smorzate.
        Concludo dicendo che non sono affatto disfattista ma n realista e voglio, voglio, voglio, vedere vincere a giocatrice con tanto talento sprecato…

        • by SanTommaso

          No scusami, io non vorrei che tu analizzassi dove sono migliorate le altre… sei TU che hai dato per appurata la cosa scrivendo “le sue coetanee ed anche colleghe più giovani sono tutte migliorate….La Bouchard, la Muguruza la stessa Keys”. Io non ti ho chiesto di analizzare un bel niente, pensavo che visto l’ultimo virgolettato l’avessi GIA’ fatto, altrimenti hai detto una cosa senza neanche controllare che fosse vera.

          La cosa di Camila che non ha 23 anni perché è entrata nei 24 è ridicola, perdonami: se ti chiedono quanti anni hai rispondi “23”, non “sono entrato nei 24”. Poi non vuoi che ce la si prenda con te, ma fai di tutto per tirare via la pelle di dosso alla gente.

          Come faccio a dire che lob e smorzate non fanno parte del gioco di Camila? Perché E’ COSI’. E lo hai detto tu nel primo post, dicendo che non le fa mai. Non vuol dire che non potrebbe imparare a farle (e non è quello che ho detto), ma è vero che non fanno parte del suo bagaglio, altrimenti le farebbe!

          C’è modo e modo di vincere e perdere, è vero. Con la 230 e passa del mondo, nonostante 23 doppi falli, ha VINTO. E una settimana dopo ha vinto con la numero 12 del mondo. Perché fasciarsi la testa per una “quasi sconfitta” come fanno su altri siti?

          • by atom

            Va beh per chiosare…il livello di gioco di molte giovani come Camila (tu hai detto che iniziava i 23 anni io ho detto che iniziava i 24) si è alzato…tre anni fa mentre Camilla raccoglieva scalpi importanti…le altre nemmeno erano nominate, poi hanno fatto il sorpasso…
            Lob e smorzate non ne fa perché nessuno le ha insegnato a farle…
            Che vuol dire nonostante i 23 df? Quelli non fanno parte del gioco? Farne meno sarebbe un miglioramento…che non vedo…Comunque ripeto troppe chiacchiere…aspetto i fatti…e con molta ansia…

    • by antonelo

      La spiegazione è ovvia. Camila ha perso da Kurumi Nara perché non ha un mental coach.
      L’avesse avuto, avrebbe asfaltato la giapponesina.

      • by SanTommaso

        E’ quello che vuole sentirsi dire, speriamo che ora sia contento. Ma dubito, credo che nel giro di altri due giorni chiederà a tutti come mai Camila non sia forte mentalmente… Io mi chiedo come mai si dimentica di averlo già chiesto dieci volte…

        • by atom

          Si ma a me non interessa un mental coach, interessa vedere miglioramenti e siccome sono convinto che nel gioco è già fra le prime 10 ( a parte il servizio) e dunque i margini di miglioramento sono pochi…o mi rassegno vederla navigare tra la 30 e 40 posizione o spero che si possa far meglio sotto un altro profilo…innominabile…ma che tutti compreso voi due,sanno qual è…

  18. Madoka by Madoka

    Oggi ovviamente l’argomento che tiene banco è la partita Bouchard – Sharapova. Siamo già a 4 partite e la Canadese non solo non è riuscia a vincere ancora una partita, ma è riuscita a vincere un solo set su 9.

    Spesso ci penso. Ma quella di Camila contro Maria è stata davvero una partita perfetta. Battere Maria al primo tentativo.

    Non vedo l’ora che Camila salga ancora un po’ in classifica, iniziando ad essere testa di serie, avendo sorteggio migliori, così da aver la possibilità di affrontare in maniera sistematica queste giocatrici non ad inizio torneo.

    Poi volevo chiedere a voi esperti con le classifiche ( magati t.o.

    Ci sono possibilità di raggiungere/scavalcare Errani/Pennetta nel medio/breve termine ed essere la numero 1 di Italia 😛 ?

    Vamoss !!

    • r.b. by r.b.

      Guarda che t.o. è quello che aveva detto, facendo non so quali astrusi calcoli, che Camila sarebbe stata intorno al #12 dopo gli AO… 🙂 🙂 🙂
      Quindi tanto esperto di ranking non mi pare proprio… 🙂 🙂 🙂
      Sto scherzando, è bravissimo t.o., ha solo avuto sfortuna che Cami non sia arrivata in semifinale, hai detto niente… 🙂
      Secondo me diventare la #1 d’Italia e entrare nelle top 10 sono obbiettivi raggiungibili nel 2016. Speriamo Camila affretti i tempi…

      • by t.o.

        a te lo spigo con le faccine 🙂 🙂 🙂
        ad altri lo spiegherei a colpi di vaffanculo… 🙂 🙂 🙂
        ….gli atrusi calcoli di t.o. sono gli astrusi calcoli che governano il mondo.
        ….se tutti gli uomini mangiano un chilo di pane al giorno serviranno ogni giorno 6 miliardi di chili di pane. Se tutti cominceranno a mangiare la metà i chili di pane scenderanno a 3 miliardi. Logico vero.
        Su una previsione fatta a giugno….e sulla base di risultati consolidati, se Camila avesse mantenuto il suo rapporto W/L tenuto fino a quel momento da quando ufficialmente la Spalla è considerata guarita (Dubai 2014…o meglio Fed Cup contro Keys) la sua proiezione alla fine di AO (che perciò significa per la classifica di Camila l’ultimo match utile prima di Dubai 2015) la portava a ridosso delle 12 in classifica. A ridosso….che poteva significare 13° 15°…. tradotto…tra i 2300 e i 2500 punti.
        Da Dubai a parigi Camila ha avuto un 15W 7L. Da parigi ad oggi ha fatto un 19W 15L. Nonostante questo “crollo” nel rapporto W/L e nonostante manchino due tornei tra quelli ipotizzati (più la remota possibilità della finalina di Sofia se Camila avesse vinto una delle due finali che ha raggiunto) quella previsione non era poi così lontana da ciò che sta accadendo. ad oggi mancano all’appello 800/1000 punti. Tanti? Pochi?….. fate voi.
        E’ chiaro che in un anno per stare in top 20 bastano anche solo 7W 24L….a condizione che quelle 7W si concentrino tutte in un GS.
        ….Di qui la domanda…….può una giocatrice aspirare alla top 20 (alta o bassa che sia) con un rapporto W/L più vicino all’1 che al 2?
        ….in genere NO. Perchè solo poche giocatrici sono in grado di fare 6 o 7 W di fila in tornei che pagano “alto”. Fare questo significa avere buone possibilità di superare il terzo turno dei GS o dei Premier Mandatory.
        Camila ha queste possibilità….e lo ha dimostrato anche due giorni fa.
        Camila fa sequenze ricorrenti (ogni 4 o 5 mesi) di 12W 3 L …e questo da più anni.
        Perciò una previsione che non andrebbe bene per una regolarista può essere valida per Camila. E rimane valida…anche se di più difficile traduzione in realtà ancora oggi.
        In fondo Camila non è mai stata troppo fortunata…..non nei sorteggi….ma nei tabelloni. Da Flavia a Marion Bartoli, da Rad Grande a Kuznecova, alla stessa Shelby Rogers…..e oggi Venus Camila ha sempre incontrato nei tornei importanti giocatrici al massimo del loro momento di Forma…..Vincitrici, finaliste, semifinaliste, o tra le prime 8 dei GS…..
        su 24 sconfitte nel 2014 solo 10 volte a perso in due set e 7 volte di queste 10 almeno un set lo ha perso 7-6 o 7-5……e nessuna….dico nessuna è riuscita a darle un 6-0……e questo non è da tutte

        • r.b. by r.b.

          Guarda che io scherzo, lo so che sei bravissimo e che i calcoli non sono astrusi…. Sono sicuro anche che non te la prendi…. 🙂

  19. avadar by avadar

    Ragazzi sgombriamo il campo: nessuna tennista potrà mai essere completa al punto tale da giocare i colpi di Cami, avere la grinta di Masha, l’intelligenza di Aga, la potenza di Serena e via discorrendo….chi + ne ha + ne metta!!
    Pretenderemmo la perfezione che come si sa non è di questo mondo….
    I colpi che dispone Cami, la sua velocità, il suo anticipo la stragrande maggioranza se li sogna e mai potrà averli perché caratteristiche peculiari di Cami, del suo talento e del suo modo di giocare e di attaccare….
    ognuna gioca con le proprie armi e come natura ha disposto e il lavoro costruito….

    ora un briciolo di acume tattico è senz’altro necessario, ma è sufficiente x Cami non affrontare tutte le partite allo stesso modo, altrimenti sì, come dice Atom, si gioca contro un muro a mo’ di robot….
    proprio perché c’è l’avversaria in campo e a tennis si gioca in 2, a Cami è strasufficiente fare un’unica distinzione: giocare a una velocità di crociera ridotta o giocare al massimo….a seconda delle avversarie……..
    ……..in fondo non sto sempre giocando contro Venus all’AO nella MCA……..lì sì devo tirare 2 prime………ma in un International o a un 1T di un Premier non ne ho bisogno………..
    se ad Anversa giocherà così allora………Atom avrà ragione…….ma mi sembra che l’AO sia già stato indicativo da questo punto di vista dei progressi fatti e che si stanno facendo…….

    all’interno di una singola partita: è chiaro che non tutti i punti sono uguali e che hanno un peso specifico differente……..ma qui davvero……non si può chiedere a Cami di snaturarsi…..lei giocherà sempre la palla break o il match point cercando di fare il punto e non aspettando l’errore dell’avversaria…..tirerà sempre forte piuttosto che un colpo ragionato e interlocutorio….non è nelle sue corde…..e x fortuna…..meglio l’audacia della paura…..anche se a volte + che coraggio sembra incoscienza, beh pazienza…..è il prezzo da pagare…..

    al resto sarà maestra e ci penserà l’esperienza………..

    N.B. ricordiamoci sempre che il palleggio con Cami lo tengono in pochissime………e a che prezzo poi????
    mi ricordo Pantani in salita: potevi resistergli a uno scatto, forse a un secondo, ma al terzo……pagavi anche la follia di essergli rimasto a ruota quando è scattato la prima volta………….

    • by atom

      Avadar condivido quasi tutto il tuo commento, rimango invece perplesso quando dici che un colpo interlocutorio non è nelle se corde, nel senso che dai per scontato…che lei non possa mai eseguirlo…Proprio in questa evoluzione sta la svolta…giocare (quasi) sempre a tutta ma quando è il momento (magari solo due o tre in n match) saper fare anche il colpo interlocutorio. Ci sono punti topici in cui non devi far prevalere la fretta, l’ansia di chiudere, ma devi giocarli con lucidità, con calma. Per carità puoi perderli ugualmente ma li deve vincere l’avversaria che è in difficoltà non devi regalarli lei. Alla base di questo atteggiamento…occorre una diversa preparazione, qella che ho sempre auspicato…

  20. r.b. by r.b.

    E’ importante anche contestualizzare il momento di una giocatrice. Ad esempio Eugenie, sfruttando al meglio la TdS, è arrivata ai quarti, ma poi ha preso una sonora stesa dalla Sharapova.
    Quindi che dire, anche le top 10 possono perdere con punteggi netti. Questo succederà anche a Camila quando sarà top 10 (qualche volta accadrà, si spera pochissime), il tennis è uno sport strano, ci sono giornate dove non ti riesce niente e prendi delle sonore batoste. Ricordo una finale degli AO di alcuni anni fa dove la Sharapova lottò strenuamente contro Viktoria Azarenka, poi dopo i primi 6 giochi (3-3) entravano solo le palle di Viktoria, risultato finale 6-3 6-0 e titolo alla bielorussa.

    • r.b. by r.b.

      Ah, questo vale anche per la Halep che da #3 ha rimediato una netta sconfitta dalla Makarova.

      • journasesto by journasesto

        Halep oggi era l’ombra di se stessa. Con Makarova non ci ha capito nulla. Certo che vedendo le partite di oggi non si può non pensare che il posto di Camila è quello e che deve fare di tutto per arrivarci

        • by cercasifuturiroger

          La Halep non ha giocato al meglio delle sue possibilità, ma vi assicuro che la Makarova soprattutto negli slam è un avversario molto scomodo…sente l’avvenimento in un modo incredibile,a tratti gioca al 130% quasi come Schillaci a Italia 90 :).

          • r.b. by r.b.

            Vero, praticamente la Makarova gioca SOLO gli Slam…

          • by atom

            Ha battuto pure Serena su questo campo…intendo la Makarova mi sembra tre anni fa…

          • pablox5452 by pablox5452

            Non ho visto la partita (preferisco dormire 😀 ) però dalle stats la makarova ha fatto solo 10 vincenti. eppure ha vinto 64 60. Che la Halep sia inconsistente? 😀
            A parte le battute a me non è che convinca molto, mi pare le manchi un po’ di personalità…

      • avadar by avadar

        Il risultato di Masha-Genie non mi sorprende, neppure nelle proporzioni….
        diverso è quanto avvenuto tra Halep e Makarova: non mi aspettavo la romena letteralmente travolta, anche se non ha giocato al meglio x tutto l’AO denotando uno status di forma lievemente deficitario….ciò detto senza nulla togliere alla Makarova che è al suo b.r. e continua a migliorare!!

  21. by bm0646

    Il giorno prima della partita con Venus avevo auspicato che Camila desse segni di continuità.
    Anche se ha perso, io questi segni in parte li ho visti.
    Inutile invocare piani B, per Camila non esistono e penso proprio a causa della sua struttura fisica non possono esistere. Le avversarie favorite dall’ altezza, con un passo laterale coprono tutto il campo, quindi se Cami adottasse il piano B e rallentasse, la costringerebbero a giocare in difesa. Cami non arriva con un passo laterale sulla palla ne deve fare almeno 3/4 e se le avversarie hanno il tempo di angolare se non al primo, ma al secondo colpo farebbero punto.
    L’ ho già scritto ma lo riscrivo. Io non vedo piani B utilizzati da nessuna altra giocatrice.
    Ognuna fa il proprio gioco.
    Il piano B al massimo utilizzato e che se vedi che un’ avversaria magari e’ più debole per esempio sul rovescio insistono sul rovescio, ma questo vale per le intermedie non per le TOP che generalmente non hanno punti deboli.
    Quindi se l’ ipotetico piano B è rallentare un pò e privilegiare la precisione per piazzare con più sicurezza la palla, a mio avviso lo potrebbe in parte fare solo con avversarie più abbordabili non con i mostri.
    Ricordate che con Venus, ha tentato 2 volte di piazzare la palla angolatissima sulla destra questa è arrivata con un passo si è allungata e ha fatto partire un missile incrociato che Cami ha avuto si il tempo di fare due passi si è anche allungata ma la palla era un metro più in là.
    Quindi a mio avviso Cami può battere tutte, ma solo con il suo gioco, naturalmente deve dininuire gli errori e quando le riesce, vince.

    • avadar by avadar

      Concordo!
      L’unica cosa che Cami deve cercare di fare (o se si vuole piano B…. 🙂 ) è proprio quella che sottolinei: giocare al 70/80% della sua potenza, e quindi + in sicurezza, con quelle – quotate….è + che sufficiente x portare a casa i match….

      con le top è ovvio che giochi al massimo: tirare 2 prime al servizio è un passo obbligato, così come prendersi tutti i rischi del caso e che il suo tennis richiede sacrificando sull’altare qualche df in + e un certo numero di gratuiti….

      • r.b. by r.b.

        Giusto, ma c’è prima e prima…. non c’è bisogno di tirare per forza la prima a 190 Km/h tra l’altro fuori di due metri… una prima ben piazzata al centro a 170 Km/h o uno slice esterno a 160 Km/h molte volte sono più che sufficienti per fare il punto….
        Lo stesso dicasi per la seconda di servizio, nessuno dice di tirare mozzarelle a 100-110 Km/h centrali e corte, esistono anche secondo tagliate o in kick a 130-140 Km/h che impediscono all’avversaria di attaccare.

        • journasesto by journasesto

          Oggi Sharapova con lo slice esterno ha fatto davvero danni contro Bouchard e la stessa cosa ha fatto Venus, sia contro Camila ma anche contro Radwanska, che pur essendo un cervello fine del tennis quando le arrivava quella palla non riusciva proprio a rimandarla indietro. A Camila un bel servizio in slice esterno servirebbe proprio come il pane. Ma non bisogna dimenticare una cosa: Masha e Venus sono alte 20 cm più di lei. Molto più semplice servire in quel modo partendo da quell’altezza.

          • r.b. by r.b.

            Lo so, ma nonostante questo si può servire molto bene anche non essendo altissimi, e Camila riuscirà certamente perchè in varie occasioni ha già dimostrato di saperlo fare. Speriamo trovi continuità anche in questo importantissimo fondamentale del tennis.

        • by atom

          ma il piano B non esiste. Non si puo’ rivoluzionare il gioco in una partita, esistono momenti e punti in cui si po’ giocare…con testa e non come un robottino…

          • by SanTommaso

            Però quando gioca “come un robottino” e sommerge l’avversaria di vincenti va bene? Insomma, col senno di poi è facile dire “quel punto doveva giocarlo con la testa”. Benissimo, ma quel punto che invece ha giocato “come un robottino” e ha vinto? Se l’avesse giocato con la testa non abbiamo la certezza che sarebbe andato allo stesso modo, magari l’avrebbe perso. Così è facile: quando fa i punti va bene giocare come un robottino, però quando sbaglia dei punti (magari decisivi) deve giocare con la testa. Eh, facile così!

            • by atom

              San Tommaso ammetti che ci sono punti diversi da altri? Se hai la registrazione del match con Venus vatti a vedere il momento in cui il punteggio è 5 a 3 …30-30 servizio V….la risposta di Camila sulla seconda debole della americana è fuori di un metro ed il colpo e’ eseguito in totale deconcentrazione e totale tensione..Al successivo servizio stecca….Sono d’accordo Camila deve fare (quasi) sempre il suo gioco…ci sono alcune fasi (pochissime) in cui deve essere più duttile. Specialmente quando sei in grande vantaggio rallenta, fai capire a Venus che è finita…La fretta è sintomo di tensione…

    • by cercasifuturiroger

      Infatti tatticamente ha giocato bene fino all’1-2 del quarto set, ci sono stati solo errori di misura e qualcuno dovuto alla pressione. Negli ultimi quattro giochi ha avuto troppo fretta nel coincldere lo scambio e come lei ha detto in conferenza stampa si è fatta ingolosire dal lungolinea. C’è da dire che comunque quando fa errori non tira più sui teloni e sbaglia in modo ragionevole. Buon segno dunque.

    • doherty by doherty

      quasi tutte fanno solo il proprio gioco perchè la maggior parte delle giocatrici sono limitate tecnicamente..
      fanno benissimo alcune cose ma non sanno fare altro…

      per potere avere un piano B nella maggior parte dei casi devi avere anche la tecnica per realizzarlo.
      se ad esempio l’avversario fa’ fatica coi passanti ma se io non ho neanche l’idea di come si faccia una volee’che piano b potro’ mai fare ?

      sicuramente i limiti tecnici delle giocatrici sono dovuti anche alla minor forza che una donna ha rispetto ad un uomo ma,molto anche da allenamenti monotematici durante la loro formazione in gioventu’

      • doherty by doherty

        camila ha la possibilita’ di rendere piu’ vario il suo gioco perchè ha comunque la capacita’ di giocare tutti i colpi…
        se ci riuscira’ sara’ un altro modo di fare un salto di qualita’

  22. boy by boy

    niente da fare per Genie.
    Del resto la sharapova le maggiori difficoltà generalmente le incontra agli inizi dei tornei…..anche in questo ha lasciato qualche set e salvato dei match point. Poi una volta che arriva agli ottavi/quarti diventa irresistibile. Brava a lei e al suo grande carattere. A me non piace…..come non piacciono le sorelle americane…..mi sa che tifero per la bella Cibulkova.

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Curiosità:qualcuno di voi sa se in FED alle ragazze viene dato un bonus in euro?

    • r.b. by r.b.

      Attento a dire bella alla Cibulkova…. ti puoi beccare del maniaco per molto meno… 🙂

      • journasesto by journasesto

        Io stavo per scrivere che la Bouchard è davvero un fiore di ragazza… Managgia, l’ho scritto! E adesso?

      • by cercasifuturiroger

        Cibulkova mi ha divertito molto quanto ha fatto ammattire Cornet ed Azarenka….e soprattutto i loro sostenitori che continuano a imprecare in aramaico e quindi W Cibulkova :))). Mi dovranno spiegare, poi, perchè essendo 3 cm più bassa di Sara Errani serva moltoma molto, ma molto meglio dell'”arrotina” di casa nostra….misteri di casa Lozano.

      • boy by boy

        ops….e con il mio avatar allora che faccio? 🙂

  23. enzo by enzo

    Ho appena finito di vedere la registrazione del match di Masha : che lezione ragazzi !
    Masha sarà pure un po’ antipatica con quelle urla continue e il “come on” ad ogni errore di Genie,
    però , parlando solo di tennis, come non riconoscere che con Serena è di gran lunga la migliore?
    E non dimentichiamoci che con Camila le urla non sono bastate , ha perso proprio nel tremendo finale dove lei di solito riesce a prevalere!

    • by cercasifuturiroger

      Onore e applausi all’ “urlatrice” siberiana.

  24. r.b. by r.b.

    A questo punto spero in una bella finale Makarova – Cibulkova o Makarova – Keys, e l’anno prossimo Giorgi – Muguruza, perché no?

    • farotto by farotto

      Magari!
      Garbine “a pelle” in questo momento è la mia preferita dopo Cami.
      Mi piace tantissimo perchè anche lei spinge sempre, ed anche lei è dotata di grande talento.
      Mi piacerebbe vedere entrambe presto tra le top ten, anche perchè di spazio dalla posizione 4 alla 10 c’e n’è molto (al momento Serena, masha e Petra sembrano intoccabli; ho qualche dubbietto su Ana …).

      • r.b. by r.b.

        Anch’io avevo qualche dubbio su Ana, ma poi si è saputo che ha giocato con una frattura all’alluce rimediata prima degli AO, ha perso al primo turno e ha dichiarato: “non ho perso per la frattura, ma perché la mia avversaria ha giocato meglio di me”…. se non è sportività questa! Orgoglioso di essere un suo fan….

    • by cercasifuturiroger

      La Keys prima o poi vincerà uno slam, almeno questo ho previsto…speriamo di prenderci.

  25. by atom

    Sto guardando la Sharapova che è una delle tenniste giustamente più ammirate e osannate del circuito e mi pongo una domanda: è veramente del tutto corretto il suo atteggiamento in campo? A parte le urla ,che probabilmente non saranno influenti sull’avversaria, ma che sono davvero oltre il tollerabile…Ogni volta che la Bouchard sbaglia un colpo le strilla “COME ON”…Per non parlare della lentezza con cui serve prima e seconda palla…Però riflettendo forse vorrei che Camila “fosse meno corretta” nel senso che si prendesse qualche attimo di pausa invece di andare sempre di fretta anche quando dovrebbe rallentare…e soprattutto scaricasse la tensione con qualche gesto di esultanza o di delusione invece che mostrare quella freddezza che è solo apparente come si percepisce dal suo gioco che, in certi momenti topici,mostra nei colpi il nervosismo eccessivo che cova dentro…

    • farotto by farotto

      Tra tutte le tenniste attualmente in circolazione, quella che ha la mia massima ammirazione è proprio Masha; per Cami c’è un tifo innato (come per chi è Juventino, Milanista, ecc…) ed una attrazzione per il fascino del suo gioco estremo.
      Ma Masha la ammiro, anche più di Serena, perchè ha mezzi tecnici inferiori ad altre (Serena, Petra, forse Venus), ma lavora tantissimo per ottenere il massimo, ed oltre, da se stessa.
      Vero, certi atteggiamenti danno anche fastidio, ma è l’insieme che lei si è costruita per andare oltre i suoi limiti tecnici.
      Poi non è che sia tanto scarsa; vederla spingere come una matta su tutte le palle, vedere che anche lei fa molti winners in spinta sia di dritto che di rovescio, significa che dietro c’è comunque tanto e tanto lavoro.
      Ma il suo modo di interpretare il tennis non solo tecnicamente e stilisticamente è da prendere da esempio (magari senza urletti …).

      • r.b. by r.b.

        La Sharapova è fortissima, questo è certo. Se vincerà gli AO sarà la #1 al mondo con pieno merito.
        Però fa alcune cose contrarie al regolamento. Poi ovviamente, avendo più di 10 milioni di fan su Facebook ed essendo le tennista più famosa e pagata al mondo, gliele lasciano fare, ma sarebbero vietate dalla rigorosa applicazione del regolamento.

      • hector by hector

        Il tuo “non e’ che la Sharapova sia tanto scarsa” mi da’ modo di condividere una riflessione: forse saro’ un alieno, ma se dal divano di casa ci mettiamo a discutere anche sulle qualita’ di una plurivincitrice slam siamo proprio alla frutta, nel senso che a me queste affermazioni fanno lo stesso effetto che ingoiare un ananas intero con tanto di buccia e ciuffo (esperienza peraltro ancora da provare). Un conto e’ dire “non mi piace il gioco di Sharapova, Errani etc.”, un conto e’ censurarne alcuni atteggiamenti in campo (vedi Cornet, che a me risulta proprio insopportabile e a cui auguro di essere eliminata al primo turno in tutti i tornei a cui partecipera’, come a suo tempo lo auguravo alla Bartoli), ma credo che nei confronti di tutte queste atlete (le prime 300 al mondo, come minimo) che hanno raggiunto risultati preclusi a noi “umani” vada tributato un grande rispetto. Purtroppo sul web circolano parecchie affermazioni che di rispettoso hanno ben poco, non solo nei confronti di Camila. Lo sfotto’ e’ un’arte e sia la benvenuta, ma per favore non prendiamoci troppo sul serio dando pagelle senza essere docenti in materia. E adesso che ho terminato il rigurgito di moralismo permettetemi di tornare nella mia cameretta a giocare con le parole. Vamos Camila!

    • giuseppe by giuseppe

      Appunto. Masha ha la “testa” da tigre e si comporta come tale…..:-)

      • by atom

        Io non ho mai detto che Masha è scarsa anzi il contrario…ha vinto a 16 anni non scherziamo, dico che non è il massimo della correttezza…

  26. Giovaneale by Giovaneale

    Ho fatto un salto sul sito vivaticket dopo sono in vendita i biglietti per la Fed di Genova ma non ancora i biglietti delle singole giornate.
    Nella loro descrizione dell’evento testualmente scrivono:”Camila Giorgi, la più lieta novità del 2014 e dotata di un potenziale immenso.”
    Trombettieri anche loro????

    • AlterEgo by AlterEgo

      Ogni momento che passa, il cerchio si stringe sempre di più, per i soloni rosikoni…poveracci! 😉 🙂 😀

    • r.b. by r.b.

      Anche loro sanno bene quanto sia famosa Camila e quanto inconsistenti Cornet e Garcia…. 🙂
      E poi che dovevano fare? Pubblicizzare l’evento così: “In campo scenderà Flavia Pennetta, la tennista azzurra che ancora non ha vinto un match quest’anno”? 🙂 🙂 🙂 🙂

  27. r.b. by r.b.

    RAGAZZI, non facciamo poesia. Poteva andare bene con Venus, ma magari poi si perdeva con Aga. Ogni match e ogni avversaria fanno storia a sé, ad esempio non è che Madison la battiamo tutte le volte 6-2 6-1… O anche Sharapova, Wozniacki o Azarenka…. L’importante è il livello si gioco, e quello di Camila è molto alto, da vera star del tennis. Occorre però continuità e costanza di rendimento. Per vincere una torneo importante devi sbagliare poco o nulla, sia col servizio che in risposta che negli scambi… I top player tirano fortissimo e fanno vincenti strepitosi, però li fanno tutte le volte e sbagliano pochissimo.
    Le prodezze strappa applausi le sa fare anche il numero 150 del mondo, la differenza con i top 5 è che lui la fa una volta sola in un match, mentre i top 5 le fanno SEMPRE.

    • enzo by enzo

      You are right, Camila per come gioca è già da top five.
      A proposito del mio post di ieri sulla partita con Venere, ho dimenticato di evidenziare due dati che mettono ancora più in risalto quanto Cami abbia lottato più di Aga , oltre ad essere andata ad un soffio dalla vittoria.
      –durata del match : Cami 146′ — Aga 125′
      –punti giocati : Cami 218 — Aga 189

  28. ghezzo63 by ghezzo63

    continua cosi Camila , la chiusura del cerchio è vicina ! FORZA DIVINA !!!

  29. TEUS by TEUS

    Ci terrei a sfatare il “mito” del piano B cominciando innanzitutto a dire che non sempre è sinonimo di qualità dal momento che moltissimi tra i campioni di questo sport hanno giocato per tutta la carriera interpretando tatticamente gli incontri nello stesso modo (Stefan Edberg, tanto per fare un esempio, 6 slam all’attivo, conosceva una sola maniera di giocare a tennis: serve and volley SEMPRE -sulla prima e sulla seconda palla di servizio su qualsiasi superficie-).
    Boris Becker (che non era, come molti affermano, affatto scarso al di fuori del veloce) probabilmente non ha in bacheca il trofeo del Roland Garros perché si intestardì a cambiare il proprio gioco sulla terra nella convinzione che avrebbe potuto vincere stando a fondo campo (memorabili furono le stese che prese da Agassi).
    Il valore di un giocatore quindi non si misura dal suo numero di piani, anzi. Tra l’altro il tennis è molto cambiato negli ultimi anni e oggi, se non hai la forza necessaria per spingere la palla come si deve, non vinci più (inutile girarci intorno).
    Ora, sempre per farla breve, abbiamo una giocatrice che ha le qualità per aspirare a grandi risultati (intendo vincere tornei importanti e non collezionare piazzamenti nella speranza di entrare, un giorno o l’altro, nella top ten) proprio perché possiede un gioco moderno e letale se saprà perfezionarlo col tempo.
    Mai, lo ripeto, mai guardando un match come quello con Venus, avevo avuto l’impressione (supportata poi dai dati) di ammirare finalmente una tennista italiana in grado di giocarsela con chiunque e ovunque, aggiungerei,
    Non è detto che con un Gilbert Camila oggi otterrebbe migliori risultati rispetto a quelli che ottiene col padre. Non è detto perché in questa fase della sua carriera deve innanzitutto fare esperienza (Agassi l’aveva già fatta quando chiamò Brad) per capire veramente cosa va migliorato nel suo tennis e nella sua testa visto che la si può ancora considerare, cosa a mio avviso postiva nonostante non sia più una ragazzina, una tennista in formazione.
    Lei stessa dichiarò qualche tempo fa: “Sogno una coppa”. Lo scopo è perciò quello e sarà possibile raggiungerlo solo attaccando.

    Vai dritta per la tua strada, flaca. Non fallirai.

    • Lucia by Lucia

      Se non vuoi chiamarlo piano B non importa. Io so solo che Camila era ai agli ottavi degli Open di Australia , ha avuto un piccolo calo e invece di riprendersi i meccanismi non sono più’ tornati a funzionare. Non è’ possibile giocare sempre perfettamente e per tutta la partita, bisogna cercare anche un modo diverso per fare punti, soprattutto nei momenti in cui il bazooka non funziona.
      E non mi dire come Tommaso che ” allora la Radwaska oggi perché’ non ha vinto ? ” .
      Camila con la Radwaska e’ imparagonabile.

      • etberit by etberit

        Perché non si accetta semplicemente che Venus oggi è a livello delle prime 5 ed è in splendida forma, e quindi una sconfitta da parte di una ragazza più giovane e inesperta ci può stare? Perché tutto questo accanimento allenatoriale? Camila è forte, e lo ha dimostrato anche perdendo. non è ancora la più forte, chissà mai se lo diventerà, ma è forte, molto. Venus non ha battuto solo Aga, è da un po’ che vince, è una campionessa tornata a livelli di eccellenza. Camila è una campionessa in erba ( !! 🙂 ). Appoggio Teus in toto.

        • Lucia by Lucia

          Io accetto tutto. Mi ci arrabbio un po’ , mi dispiace ma alla fine e’ solo sport. Ti dico soltanto che la partita contro Venus era finita . E se Venus vale quello che dici tu il rammarico persino aumenta perché’ forse saremmo ai quarti.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Ciao Lucia ma esattamente cosa avrebbe dovuto fare Cami?Posso conoscere la tua ricetta per vincere contro Venus?Il famoso tuo piano B qual’è?

        • by atom

          Non esiste alcun piano B. Esiste solamente la lucidità di valutare certi momenti. Non si gioca sempre allo stesso modo dal primo all’ultimo punto…Camila gioca come un robot e se una piccola vite si allenta il robot salta. Invece se si è più sereni e soprattutto più consapevoli che certi momenti sono diversi da altri si fanno scelte più opportune. A lei manca e nessuno gli insegna che il tennis è uno scontro tra due persone…non con un muro o un lanciapalle…

    • by atom

      Teus non esiste alcun piano b. un giocatore non può cambiare il suo gioco durante un match, esistono invece punti che sono diversi da altri e devono essere giocati con maggiore lucidità. Non si gioca il primo punto di un incontro come si gioca tre palle break sul 4 a 2…secondo set. Puoi perdere ugualmente quei punti ma devi giocarli ” con testa” e Camila non dà questa impressione…Poi paragonare Becker Agassi ed Edberg che ha 20 anni avevano la maturità di un trentenne non rendi merito a Camila che non è più una ragazzina…

    • hector by hector

      Oggi ho chiesto un parere ad un esperto, il custode del mio palazzo, sulla possibile esistenza di un piano B per il gioco di Camila. Mi ha guardato interdetto per poi rispondermi “non esiste alcun piano B, al massimo una scala B”. Al che ho dedotto che il mio custode e’ un genio, ha capito che se Camila riuscira’ a portare i movimenti tellurici causati dai suoi colpi dalla scala Mercalli alla scala Richter quello sara’ il momento in cui il tutto si disvelera’ alla folla adorante.

    • by cercasifuturiroger

      Infatti Agassi prima di Gilbert aveva un palmares che ad oggi nessun italiana avrebbe. Metterei la firma che Camila riuscisse a vincere Wimbledon, altri premier e fare tre finali slam, prima del ritorno del buon Brad .

  30. Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

    @Big
    Per chi vuol intendere l’articolo è illuminante, sopratutto quando parla di parafulmini… e per chi ha avuto pressioni addosso sa cosa vuol dire. Bel link, grazie!

    • biglebowski by biglebowski

      da persona intelligente hai colto perfettamente uno dei punti per cui ho pensato che la lettura di bucciantini potesse essere interessante.
      siccome il link è finito un po’ in fondo nel gran numero di commento odierni, a dimostrazione che c’è un certo entusiasmo, mi permetto di ri-linkarlo (se si può dire).
      sapete che spesso faccio paragoni calcistici, quello che mi viene per l’aspetto che sottolinei è che sergio in certi momenti svolga il ruolo che, quando serve, assume josè mourinho: motivatore e parafulmini. anche mourinho, se sia casuale non lo so, non aveva giocato a calcio eppure è diventato uno dei più importanti allenatore perchè curava certi aspetti che vengono sottovalutati da chi ci capisce di più o almeno lo crede.
      se ve la prendete con me, non avete tempo di farlo con la squadra, sembra una banalità ma non lo è per niente.
      dire siamo i più forti, vinceremo noi, anche se forse non lo penso del tutto, aiuta i giocatori a crederlo veramente, a maggior ragione se qualche volta per affermarlo ti esponi a critiche, ma chissenefrega.

      http://magazine.tennisbest.com/index.php/storie/19-archivio/numero-1/27-new-match

      parallelamente alla crescita di camila, sta crescendo la qualità dei commenti e degli interventi, almeno secondo me. molti si documentano, scrivono portando dati, numeri ecc.ecc.
      leggervi diventa ogni giorno più piacevole e interessante.
      la bimba ne sarebbe felice, se ci leggesse e anche chi capita per caso ha modo di capire meglio le dinamiche della sua crescita e le ragioni di un percorso così originale che spesso sfugge ai meno attenti. ;
      oddio, un po’ trombettieri lo siamo tutti, ma, non dimentichiamolo mai
      “E’ possibile essere obiettivi, impossibile essere neutrali” – Rino Tommasi

      good night!

      • by atom

        Ho troppa stima per te, big, per credere che veramente ritieni fattibile il paragone tra un allenatore di un team ed un coach di una giocatrice di tennis. Le differenze sono notevoli, a parte che MOU non esita ad attaccare i suoi giocatori quando è il caso…Non credo poi che Camila abbia bisogno di essere motivata, ha già tanta carica addosso che andrebbe più che altro tranquillizzata per renderla più lucida nei momenti topici. Invece Sergio con certe dichiarazioni ed atteggiamenti prima degli incontri la responsabilizza ancora di più del lecito, poi a bordo campo la rende senza dubbio ancora più nervosa mentre gioca. Queste affermazioni non le faccio io che sono n incompetente, ma giornalisti e perfino telecronisti … ascolta la telecronaca delle ultime fasi con la Sharapova ad I.W, oppure vatti a risentire la intervista dopo l’incontro vinto con la Cibulkova a Roma o altre dichiarazioni di simile tenore a Wimledon a cui sono sempre seguite sconfitte durissime (Pennetta a IW, Mac Hale a Roma Radwaska a Wimbledon) sarà un caso…Riguardo a Sergio parafulmine confrontato a Mou…una squadra di calcio è soggetta ad attacchi veementi da stampa e media, Camila è giustamente osannata da (quasi) tutti. Giusto dire da parte tua ” ma chi se ne frega delle critiche a Sergio” ma ti dico sei sicuro che facciano bene a Camila?

        • doherty by doherty

          ma queste dichiarazioni di sergio sono veramente cosi’ importanti ? hanno influenza su quello che deve succedere in campo ? non saprei …ma non credo…
          vi ricordate cosa combinava il padre delle williams ? usava anche i cartelli….

        • hector by hector

          “Perfino telecronisti”…..come se appartenere ad una categoria fosse sinonimo di competenza nonche’ di facolta’ divinatorie. Alla categoria “telecronisti” possiamo ascrivere Rino Tommasi e bisteccone Galeazzi come alla categoria musicisti Wolfgang Amadeus Mozart e Bobby Solo.
          A mio parere stai cominciando a soffrire della sindrome del giapponese nella giungla che non si e’ accorto che la guerra e’ finita, dunque necessiti di trovare altri appigli per confermare le tue tesi. “Perfino telecronisti”, bah!

          • by atom

            Hector forse te sei più competente di loro, io sinceramente no…e ascolto spesso quello che dicono

  31. by lucio

    Su live tennis circa la convocazioni Fed danno per scontato la presena di Camila. Da sportivo dovrei esserne contento, da tifoso di Camila dico che ciò, porterebbe poco di positivo essendo che si gioca sulla terra e che poi la settimana seguente lei dovrebbe giocare un torneo premier indoor, superficie ideale per la Giorgi. È solo un primo turno dovrebbe interrompere l’allenamento sul veloce ed altre giocatrici avrebbero comunque più possibilita’ di giocare sulla terra. A mio avviso Sara Flavia e Roberta hanno risultati migliori sulla terra rossa, compresa Karin . Cosa pensate ?

    • pablox5452 by pablox5452

      IO sono contento che sia stata convocata, per me la Fed Cup è importante e affascinante, non quanto la Davis, ma penso che delle competizioni del genere siano un antidoto all’eccesso di professionismo, sono competizioni in cui si trova uno spirito di gruppo e squadra che non ci può essere nei tornei normali per ovvi motivi. Chi giocherà non lo so, Barazzuti è il CT ed io detesto tutti quelli che fanno gli allenatori (specie nei periodi dei mondiali di calcio, gente che si vanta di non seguirlo che si mette a dare opinioni se non consigli, veramente ridicolo…) per cui spetta a lui. Posso solo ipotizzare delle scelte, dando per scontato la Errani, e dando per scontatissimo il doppio Errani e Vinci (se per disdetta una delle 2 non ce la facesse la “superstite sarebbe affiancata da Flavia, ottima doppista) le altre tre sono più o meno alla pari. Camila è quella più in forma,ma non è “terrraiola”, la Vinci è in ripresa e sa giocare bene sulla terra, Flavia ha il problema che in questo inizio di stagione non ha ancora vinto un match (è anche vero che ha giocato con gente forte, Camila compresa) però era la numero 1 fino a qualche giorno fa e ha grande esperienza. Insomma un bel rebus e sono contento di non essere io a risolverlo, perché se vincessimo, sarebbe normale (siamo favoriti diciamolo) e se perdessimo il povero Barazzuti sarebbe massacrato. NOn lo invidio in sostanza…

      • r.b. by r.b.

        Oh, ma davvero la Pennetta non ha ancora vinto un match quest’anno? 🙂 🙂 🙂

    • r.b. by r.b.

      Non capisco tutto questo accanimento di molti trombettieri contro la Fed Cup. C’è la possibilità di vedere due grandi match di Camila su Supertennis o sulla RAI magari in HD, ma per molti qui sarebbe meglio che Camila non fosse convocata. Però poi quando non gioca siamo tutti in crisi di astinenza… boh?
      In sono per la Fed Cup. Dispiace solo per la Pennetta che anche la prossima settimana non avrà vinto un match nel 2015 🙂 ma sono contento se gioca Camila.
      Forza azzurre, viva la Fed Cup!

      • by cercasifuturiroger

        @r.b.
        e dai r.b. non infierire sullo 0-5 di Pennetta che poi il “Bambino Vince” piange a dirotto per un mese e il suo mentore invece di spedirle struffoli e cartellate recapita direttamente Checco Zalone per restituirle il sorriso! Finalmente 🙂

    • journasesto by journasesto

      Io ho peso i biglietti per vederla, e quindi Camila, mi raccomando, ma soprattutto Corrado: NON FATEMI BRUTTI SCHERZI!!!!! 🙂

      • r.b. by r.b.

        Tranquillo, Camila gioca sicuro… Come faccio a saperlo?
        Ebbene sì, ora la posso dire, sono io il vero Corrado Barazzutti!

        Ci siete cascati? Beh qui c’era anche Camporese, ci potrà essere anche Barazzutti no? 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

        • by cercasifuturiroger

          beh più che Camporese….era uno dai mille nick….compreso quello con un nome e cognome femminile, nick anche quello scomparso 😛

    • doherty by doherty

      è vero che la terra è la superficie peggiore per cami,pero’ lei gioca bene indoor ed è la piu’ in forma di tutte in questo momento

  32. avadar by avadar

    Non sapremo mai come sarebbe andata se Cami avesse battuto Venus….
    se oggi con Aga avrebbe vinto o perso….
    ma sappiamo come ha giocato con Venus….come ha giocato con la Smitkova e come ha giocato in un 1T, tutt’altro che agevole x tanti motivi, con Flavia….e quella Cami poteva benissimo avere ragione della Radwanska….e poi nei quarti con Madison se la sarebbe decisamente giocata visto il tennis dell’americana, a dir poco congeniale a Cami….

    ad oggi, nel 2015, Camila è l’unica che è andata vicinissima a vincere con Venus….anzi è l’unica che l’ha davvero messa in difficoltà….vedremo con la Keys come andrà….

    t.o. aveva previsto Cami a ridosso delle 12 dopo la trasferta australiana….
    ebbene ci è andato + vicino di quel che dica oggi il ranking….
    è giusto dire che, forse, ci è arrivato a 2 punti!! 🙂
    una semifinale Slam vale 780 punti….con una semifinale Cami avrebbe avuto circa 2100 punti utili x attestarsi in 20* posizione e…….senza aver giocato Brisbane………..

    a me i se e i ma non sono mai piaciuti….i se e i ma indicano solo che è mancato qualcosa e che c’è del rammarico….
    qui il rammarico c’è, ma è + forte la sensazione che, se anche non si sono centrati gli ottavi (e forse i quarti e forse la semi….), si tratta solo di un piccolo rinvio….

    infatti al di là di quello che è stato e poteva essere rimangono, x chi li vuol vedere, segnali inequivocabili di crescita del tennis di Cami….
    segnali che tutti i dati di questo mondo, tutti i punti del ranking non possono inquadrare….
    x noi che la conosciamo sono segnali chiarissimi di tenuta del campo, di personalità e di convinzione….in una parola di maturazione…….

    aspetto con ansia di vederla in Fed Cup, dove di primo acchito, ci sono parecchi trabocchetti….
    si passa sulla terra dopo il cemento, x poi tornare all’hard indoor ad Anversa….
    …..motivi e pretesti di scuse x chi vuole accamparle, occasioni x chi sa coglierle…..
    vedremo se Cami scenderà in campo contro la Francia….
    è comunque un’interruzione nell’inizio della stagione….
    ma come sempre si tratta di sfruttare ogni momento e di portarlo a proprio vantaggio anche e soprattutto in quelle situazioni che inizialmente sembrano negative o poco vantaggiose……
    …..come magari un 3T Slam perso contro Venus…….ma vuoi mettere un 3T Slam giocato contro Venus sulla MCA………..vale + del risultato in se’……….
    del resto è così che si cresce……….

  33. Giacomino by Giacomino

    Vorrei ritornare a considerare un momento della partita di Camila con Venus Williams.
    Dunque, siamo sul 1 a 1 e 2-0 per Williams. Camila ha cercato in tutti i modi di vincere quel 3° gioco e…..c’è riuscita. E’ riuscita a portare a casa il game nel momento in cui anche l’avversaria voleva a tutti i costi andare sul 3-0 (game lunghissimo: 14 minuti).
    Lasciamo da parte dritto, rovescio, servizio, in quei minuti secondo me Camila ha acquisito un altro pò di quell’esperienza che, insieme ad altri piccoli miglioramenti, la porteranno dove è ormai chiaro, tra le migliori.
    Quel gradino in più d’esperienza vale molto più di quelli che ottiene con l’allenamento, perchè viene dal campo. Questa sconfitta non ha tolto nulla, ha invece dato un qualche cosa di cui Camila ha bisogno e che nessun allenatore ti può dare.
    Forza Camila, facci divertire!!!!

  34. eulondon by eulondon

    Una Venus stratosferica! Ho visto solo sprazzi del match! Che dire!!! Non e’ certo questo che mi fa rivalutare Camila. Quel match l’ ho visto; e insieme ad esso il dominio assoluto fino alle fasi, ahime’, decisive. Un plauso anche alla Cibulkova. Mi sta antipatica perche’ la trovo eccessiva nei comportamenti.. Ma va detto che non era facile la sua situazione. E’ arrivata a Melbourne con l’ acqua alla gola e sta difendendo alla grande i suoi punti. Ottimo lavoro del suo menral coach, vero Atom?

  35. enzo by enzo

    La vittoria in tre set di Venere su Aga, con un 6-1 al terzo e sei games vinti consecutivamente, dimostra molte cose:
    — che Venus è in forma strepitosa e , nonostante sembrasse finita dopo il 2° , risorge al 3° set e attingendo alle risorse della sua immensa classe, demolisce Aga in poco più di 30′.

    — che la “maga ” del tic-toc, dei colpi lavorati e mai uguali, del piano B e C , nulla ha potuto di fronte al tennis di una supercampionessa.

    — che servire a 150 per fare solo 2 DF e avere il 72% di prime in, non serve a niente se poi le 2e le tiri a 120 o meno e ti fai impallinare 21 volte su 29.

    — che dobbiamo dire ancora ” grazie ” a Camila per la grande partita contro Venus. Prestazione che conferma i progressi tecnici ed anche tattici . ( lo so che molti che scrivono quì non sono d’accordo).

    Ma ritorniamo ancora una volta sulla partita di Camila, utilizzando le stats che non mentono mai!

    — 1° SET ( 6-4 )

    — Camila è stata quasi perfetta:
    –53% di 1e in, 76% di W con la 1a e 40% con la 2a.
    — 5 su 5 punti a rete ,contro 0 su 2 di Venus, ha concesso una sola BP, e ne ha convertite 2 su 4.
    — 9 vincenti e 11 gratuiti ( ho tolto i DF perchè ci si capisce meglio).
    –E’ vero ci sono 5 DF ( 1 a turno di battuta) . Ma tirando la seconda a 155 di media ( e io ne ricordo una a 163!!!) si rischia il DF ma si costringe anche Venus a fare solo il 29% di punti sulla risposta!!!
    A proposito di velocità media della 2a, ho controllato tutte le stats delle altre partite e nessuno finora ha mai superato i 149 , nemmeno Serena o Stosur o Coco.

    — 2° SET ( 6-7)
    –gioco praticamente pari con Cami leggermente meno efficace con la 1a ( 64% di W), ma sempre ottima a rete ( 6 su 7) contro 1 su 3 di Venus.
    –Cami ha sempre lottato caparbiamente, salvando 8 dei 10 BP concessi, procurandosene 7 e convertendone 2.
    — Key point il 4-2 , 0-40 servizio Venus : 2 vincenti di Venus ( la classe!!!) e poi un rovescio a rete di Cami …poteva essere 5-2 !
    –Di nuovo 5-4 e servizio e qui 2 gratuiti e un Df sono costati il game e la partita.
    –Ma Cami ha lottato ancora e sul 5-6, 15-40 servizio Venus , ha controbrekkato sparando 2 seconde a quasi 160, costringendola all’errore.
    –Il TB con 2 gratuiti e un DF è stato perso maluccio.

    — 3° SET ( 1-6)
    — Cami ha lottato fino all’ 1-3, dove ha perso l’opportunità di rientrare in partita quando, in vantaggio 30-0 e 40-30 , 2 DF e un gratuito le sono costati il game.
    –Da quel momento è calata ed è molto cresciuta Venus con servizio (67% di W con la 1a e 86% di W con la 2a) e risposta (55%), perchè Cami ha ridotto la velocità di battuta e commesso qualche gratuito in più. Saranno 17 + 6 Df al termine del set.

    IN CONCLUSIONE:

    —Camila ha giocato una partita stupenda, contro una supercampionessa che molte volte ha salvato punti sul dritto in cross di Cami solo grazie alla sua ” apertura alare”.

    — Il gioco di Camila è UNICO e strappa applausi sempre e dovunque.

    —Il servizio è molto efficace. La 1a è una bomba e la 2a anche. I DF sono una conseguenza della velocità ma sono anche compensati dai tanti punti procurati da questa 2a sparata quasi come una 1a.

    —Rispetto al passato scende molto a rete e conquista il punto 8-9 volte su 10.

    —E’ emotiva ? Si lascia condizionare dalla pressione nei momenti chiave? Forse un po’ si, ma chi non lo sarebbe? Non è che puoi chiedere time-out, resettare e ricominciare. Questo è il tennis!!!
    Abbiamo visto mollti casi simili negli ultimi giorni, quindi capita anche ad altri!!!

    —Camila deve continuare così, fare il suo gioco e l’esperienza che maturerà, completerà quello che manca per vederla presto tra le top 10.

    CAMI FOREVER !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Madoka by Madoka

      Ciao Enzo. Ho appena stampato il tuo post e me lo sono appeso in camera.

  36. entropia by entropia

    @ghaal
    …aggiungerei che dal 63 42 0-40 (servizio Venus), la Venere non ha praticamente sbagliato più nulla ma anzi ha tirato fuori dal cilindro nei momenti topici quei 3/4 punti ‘monstre’ che poi hanno fatto la differenza…
    …sono in toto d’accordo con te sul rompimento di coglioni dovuto al fatto che Camila non terrebbe di testa…
    …come ho scritto sotto, forse Camila è mancata negli ultimi 10 minuti… ma se è mancata lo ha fatto di fronte ad una che sa essere talmente presente che ha vinto più e più volte Wimbledon… mi fa troppo incazzare che poi la gente scopra che Venus batte anche la Radwa quando, vista la prestazione che ha tirato fuori contro Camila, c’era da aspettarselo…
    ..è noto il mio tifo per Camila, non solo qua dentro, e molti, anche in ambiente tennistico, non vedevano l’ora di incrociarmi per dire ‘eh pero!’
    Però un cazzo ho risposto a tutti… non vi rendete conto di cosa si parla… Camila è condannata a vincere sempre… altre possono prendere un’usciata da Wickmayer dopo un paio di turni ridicoli (ma avete presente la Min?) e la cosa passa praticamente inosservata… invece Camila perde una partita da una teacher del tennis come VW e sembra che debba tornare a fare la SAT…
    …è chiaro che se poi la gente va a giudicare tornei tipo Hobart per dare sentenze (non perchè sia un torneo minore ma perchè è risaputo essere di preparazione agli AO e tra l’altro giocato in una situazione metereologica infausta quest’anno) allora alzo le mani… c’è addirittura chi ha scritto che la nostra avrebbe facilmente perso in due set contro Flavia: ci vuoi anche discutere con questi intenditori del Risiko?
    CI SIAMO CAMILA, MANCA DAVVERO POCO!

    • gimusi by gimusi

      su Venus mi sono ricreduto a seguito della prestazione di oggi ma su Cami resto dell’idea che avrebbe potuto esprimersi molto meglio…anche nel primo set…ma va bene così i risultati sono stati ottimi e altri ottimi arriveranno 🙂

      • entropia by entropia

        …non voglio essere frainteso visto che quando scrivo di Camila mi rendo conto di considerare troppo la mia prospettiva… se tutto fosse già perfetto è chiaro che nemmeno dovremmo scendere in campo… la visione di tutti noi (o quasi tutti) ha aspetti soggettivi degni di nota (anche nell’esser critici) sui quali potremmo discutere piacevolmente scoprendo che la verità non sta mai da una sola parte…
        io aspettavo la partita di oggi per verificare se avevo visto un’altra Venus perchè offuscato dalla sconfitta di Camila o se in effetti l’americana è in grandissima forma: per come l’avevo vista la sua vittoria odierna non mi stupisce per nulla e non mi stupirei se, andando avanti, mettesse fortemente in difficoltà anche Serena… metto le mani avanti, è possibilissimo che venga smentito, ma starei attento a questa Venus… 🙂

        • gimusi by gimusi

          infatti non bisogna pretendere di aver necessariamente ragione…per quanto mi riguarda ho sempre parlato di mie personalissime impressioni…e sono il primo ad esser felice che si siano rivelate erronee…l’ultima parola spetta sempre al campo e oggi il campo ha confermato il grande stato di Venus…poi ogni partita fa storia sé 🙂

  37. by atom

    La mia ripetitività ha un senso che è facile capire. Sono deriso per le mie tesi e posso accettarlo, ma quando vedo che ogni volta sono supportate e rafforzate da quello che succede in campo viene naturale ribadirle. Voi siete più competenti di me ma forse io conosco meglio di tutti gli incontri di Camila, perché la sera spesso me li riguardo registrati anche più di una volta. Questa è la prova di quanto ammiri questa ragazza. E’ vero non conosco cosa fa durante la settimana, cioè non vedo gli allenamenti e non so che abbia i testa, ma vedo bene il suo comportamento in campo ed è quello che conta. Già ho commentato come Camila abbia buttato via incontri per poca preparazione mentale. E’ importante capire cosa intenda con questa espressione. OK. Innanzitutto conoscenza dell’avversaria, dei suoi punti di forza e di debolezza (che non venga preparata Camila sotto questo aspetto lo dice lei stessa). Secondo punto la tattica. Cioè quando accelerare, quando rallentare, dove servire, ecc ecc. terzo punto la tranquillità prima di scendere in campo che Camila non ha mai perché sempre responsabilizzata al massimo specialmente da suo padre e le sue dichiarazioni, non si vince con l’arroganza ma con la umiltà. Quarto punto la serenità in campo: si può essere sereni quando vedi che a bordo campo la persona che deve rassicurarti e consigliarti ne combina di ogni colore? Urla, trema salta in aria…e sento un telecronista (Sharapova I.W) che dice : sarebbe meglio che Sergio si nascondesse. Altro punto forse il più importante la valutazione di quello che fare in un preciso momento del gioco come affrontarlo e questo lo può sapere solo chi ha giocato. E qui rientra la fretta di chiudere il punto…sei 4 a 2 con tre palle break? Stai calma , rallenta, legati le scarpe, fai capire all’avversaria che è finita, falla pensare…Sei 5 a 3 30 a 30 …non puoi rispondere ad una seconda lenta dell V con un colpo di pura tensione fuori di un metro e sulla palla successiva steccare…vuol dire che qualcosa si inceppa, non nel gioco, ma nella testa. Io quando parlo di testa a parte che ci credo, però lo faccio pure per mantenere le speranze intatte per arrivare nelle top ten…La testa a 23 anni si puo’ migliorare il gioco molto poco (a parte il servizio)…

    • gimusi by gimusi

      viva le diversità di opinione…per me puoi scrivere ciò che vuoi…se m’annoi non ti leggo neppure…la cosa peggiore sarebbe un blog senza punti di vista differenti…ovviamente fermo restando il rispetto reciproco e la buona educazione…sul ripetersi troppo o troppo poco è una questione che andrebbe moderata dal buon senso a seconda della sensibilità personale e tenendo conto anche di chi ci deve o potrebbe leggere

  38. biglebowski by biglebowski

    @ santommaso

    butta un occhio alla mail con la quale sei registrato, grazie

    big

  39. Madoka by Madoka

    Allora ho visto tutta la partita fra Venere ad Agnese.

    Posso solo confermare quello che ho detto post sconfitta di Camila.

    In questo Australian Open ha giocato un tennis molto alto. Molto vicino all’eccellenza, se non proprio un tennis eccellente.

    I dati sono dati, sono oggettivi. Venere non ha ancora perso una partita in stagione. Ha perso un set solo contro Agnese, Caroline e Camila. Le prime due sono top 10 ( Venere è numero 11, se vince la prossima partita ritorna nelle 10. Camila ha giocato un tennis che qualitativamente vale le prime 10 giocatrici.

    Il bicchiere come ho già detto deve essere considerato mezzo pieno. Il suo tennis migliorerà ancora, come migliorerà la sua condizione fisica. Come sono sicuro che piano piano migliorerà anche la sua forza mentale e la sua capacità di gestire determinati momenti della partita, giocare i punti importanti in una determinata maniera. Più partite giocherà, più diventerà sicura, consapevole, matura.

    Altra cosa importante l’ha detta t.o. Se Camila continuerà a giocare così da IW saremo tds. Ed è davvero importante. Ad IW e Miami abbiamo un bye al primo turno. Hai la cartezza di non affrontare una tds al secondo turno. Dobbiamo iniziare a ragionare anche in quest’ottica, perchè non possiamo più accontenarci della vittoria contro Flavia, contro Caroline o contro Vika.

    Il sorteggio di Camila in questi AO è stato duro. Falvia, Tereza, Venere. Tutte ottime giocatrici. Poi eventualmente ci sarebbe stata Agnese. Doveri iniziare a giocare la massimo fin da subito o poter iniziare a giocare al 70% fa ovviamente la differenza in tornei così lunghi.

    • r.b. by r.b.

      Vero, Venus non ha ancora perso una partita. Al contrario della Pennetta, che quest’anno non ha ancora vinto un match… 🙂 🙂 🙂
      Tra l’altro Camila è stata l’unica a metterla davvero in difficoltà. Sul 2-4 0-40 secondo set, Venus si sarà detta: “Proviamoci”, ma se andava sotto 5-2 non è che poteva fare più granché. Se Camila metteva dentro una di quelle palle break…. bastava un nastro, un colpo di Venus fuori di un millimetro. Probabilmente Camila avrebbe vinto 6-4 6-2, tipo Kvitova in forma Wimbledon. Non so cosa avremmo scritto noi trombettieri. Ma Venus giustamente non si rassegna alla sconfitta. Ci prova fino in fondo. Le va bene e poi merita nel terzo e vince giustamente. Ma l’incontro le stava sfuggendo di mano, cosa che non era mai successa questa stagione. Vedremo nei quarti contro Madison Keys, che ha dimostrato di servire bene nei momenti caldi. Certo che se Venus batte anche lei…..

  40. farotto by farotto

    Prevedo semifinali Serena vs Venus e Masha vs Makarova.
    Probabile finale Serene vs Masha.
    Questi AO di Venus, finora, mostrano che ha davvero sofferto contro Cami, e questo esalta il valore attuale di Cami.
    Manca poco, ma confido che in 3-4 mesi vedremo fargli fare un bel salto in avanti in tutti i sensi; sia in costanza che nel ranking.
    Nonostante le critiche e le recriminazioni che sono state sollevate finora, non possiamo non notare i passi avanti fatti da Cami in questi mesi.
    Certo, persone come il sottoscritto vorrebbero vedere ulteriori miglioramenti e vorrebbero vedere subito risultati da top, ma dobbiamo avere anche noi molta calma.
    Foza piccola bimba!!!

    • journasesto by journasesto

      Terrei ben d’occhio Cibulkova. Non so cosa le faccia l’aria australiana, ma con Azarenka è stata straordinaria. Consiglio a tutti di guardarsi gli highlights della partita perché ci sono stati degli scambi eccezionali…

  41. r.b. by r.b.

    Forse è interessante dare un’occhiatina alla Race to Singapore 2015 live…
    A volte il ranking non rispetta il vero valore perchè comprende risultati di quasi 12 mesi fa (tipo Pennetta che è #12 ma non ha ancora vinto un match quest’anno… 🙂 )
    Race to Singapore live
    1. Maria Sharapova
    2. Venus Williams
    3. Simona Halep
    4. Petra Kvitova
    5. Madison Keys
    6. Madison Brengle
    7. Karolina Pliskova
    8. Dominika Cibulkova
    9. Ekaterina Makarova
    10. Serena Williams
    10. (ex aequo) Eugenie Bouchard
    12. Garbine Muguruza
    …..
    33. Camila Giorgi.
    Ok è ancora un po’ presto forse per la Race, comunque Venus è ancora imbattuta quest’anno….

  42. r.b. by r.b.

    Secondo me la vittoria di Venus contro Radwanska vuol dire semplicemente che Camila è già al livello delle migliori…. te la giochi e a volte vinci e a volte perdi, questione di dettagli…..
    Se continuerà a migliorare come sta facendo, arriverà presto tra le prime al mondo.
    Il problema è stato che ha pescato Venus al terzo turno, mentre con una testa di serie o un sorteggio diverso (tipo Brengle) poteva incontrarla negli ottavi, e questo avrebbe fatto molta differenza in termini di punti, essendo uno Slam…. quindi per ora bene così, ma bisogna continuare con questa forma, migliorando sempre di più…..

  43. by Vale90

    Avete visto la Cibulkova? secondo me fa il colpaccio come l’anno scorso e arriva almeno in finale! ha molto talento anche lei! come picchia la palla con la sua bassa statura! mi ricorda qualcuno!

    • r.b. by r.b.

      Può darsi, però ha Serena nei quarti, che certo non si distrarrà e non sottovaluterà Dominika, che l’anno scorso giunse in finale sorprendendo un po’ tutti….

      • by Vale90

        Si ma Serena ha perso 2 set negli ultimi due incontri con Svitolina e Muguruza e rischiato anche il primo con Zvonareva! secondo me Dominika ha qualche chanche! ora vedo quanto è quotata! 🙂

        • r.b. by r.b.

          Appunto per questo. Il torneo di Serena comincia ora. E poi Garbine è fortissima, secondo me poteva già vincere ma quando Serena ha registrato il servizio non c’è stato niente da fare.

          • r.b. by r.b.

            Ah comunque sono d’accordo, Cibulkova ha le sue chance di battere Serena. Vedremo come giocherà…

          • by Vale90

            ho forse vigliono entrambe scontrarsi le sorellone! è da tanto che non c’è un match tra di loro!

            • by Vale90

              o sorry

            • r.b. by r.b.

              ma sai che forse forse hai ragione…. le sorellone vogliono la semifinale tutta in famiglia come ai bei tempi, e potrebbero anche farcela….

              • by Vale90

                speriamo! e se fosse prevedo Venus trionfatrice! se lo meriterebbe per come ha portato avanti il torneo!

                • r.b. by r.b.

                  Perchè Cami non ha avuto match point, se no davo Venus vincente agli AO come Li Na, che l’anno scorso annullò MP al terzo turno e vinse il torneo.

  44. Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

    Se leggete i commenti PRIMA del match con Venus, scoprirete che, anche senza sapere nulla delle parole di Sergio, avevo scommesso anche io che Camila avrebbe vinto in due set. Ho sbagliato, così come ha sbagliato Sergio, ma continuo a pensare di non aver sbagliato di molto. Venus ha fatto una grande partita ed ha meritato la vittoria. Camila ci è andata molto vicina. Pazienza, sarà per la prossima.
    Vuol semplicemente dire che le mie speranze e le mie convinzioni coincidono. Ho sbagliato? Capita!

    Visto che c’e’ chi parla di entrare nelle prime 20, nelle prime 15, e che c’è un gioco da top 5 non supportata dalla testa, vi dico la mia anche su questo: Camila arriverà ad essere la N.1 E ci arriverà con la SUA testa, perdendo a volte partite quasi vinte, e vincendo a volte partite quasi perse, proprio come tutti noi.
    Ancora una volta, vuol semplicemente dire che le mie speranze e le mie convinzioni coincidono. Sbaglierò? Può darsi.

    Comunque ne ho piene le p…e di gente che si atteggia a maestra di bon ton, sottintendendo che si deve mostrare modestia, che non si è dimostrato nulla ecc. ecc.. Bennato cantava di gente vecchia e cadente, che raccontava a tutta la gente del suo falso incidente. A me tutto questo non interessa. Camila gioca per vincere e spero che continui così fino a quando non raggiungerà i suoi obiettivi. Se non ci riuscirà, bene, potrà dire a testa alta, di averci provato.
    E onestamente, a una così, un mental coach serve come un gelato agli esquimesi. L’unica cosa che le serve è la capacità di imparare, e penso che ne abbia in abbondanza, come ha già mostrato, alla faccia di chi la critica, anche nel match con Venus, modificando il suo gioco nel secondo set, purtroppo in modo non fruttuoso. Capita anche questo.

    E visto che qui dentro si spendono parole anche per criticare l’approccio al match di Sergio, gli chiedo perdono se mi permetto di credere che la pensiamo allo stesso modo. Si gioca per vincere, lo dico chiaro e forte.

    Vamoooooooossssss Caaaaaamilaaaaaaaaaaaaa!!!!!

    Vedremo chi ha ragione!!!!

    • avadar by avadar

      Ghaal mi hai tolto le parole di bocca….ops dalla tastiera!!! 🙂

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      P.S.: Adesso, siccome Venus ha vinto anche con la Rad, qualcuno incomincia a rivalutare la sconfitta di Camila… ma quando imparerete a vedere le cose con i vostri occhi, e ad avere un po’ di fiducia in Camila?
      Camila non ce l’ha fatta con Venus, non perché sia minorata mentale, né perché ha un padre padrone che la condiziona, ma solo perché Venus ha maggiore esperienza, ha fatto una partita splendida ed ha meritato di vincere. Tutto qui.

      Vamooooooooossssssss Caaaaaaaamilaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!

      • r.b. by r.b.

        Eh vabbè però vedendo il match ci abbiamo sperato…. comunque massima fiducia in Camila e quindi andiamo avanti…..

  45. boy by boy

    Che Venus avesse giocato una partita da Campionessa…. non bisogna aspettare la controprova per capirlo.
    Nessuno credo che mai messo in dubbio questo fatto…..molti invece hanno puntato sul fatto che quando si gioca così bene e si hanno tutte quelle possibilità di chiudere la partita (non solo contro Venus) bisogna avere la forza di chiuderle ste partite.
    Cmq mi ha colpito una dichiarazione della Azarenka, ad una domanda su come sia ora la sua forma fisica rispetto al suo miglior tennis, lei ha risposto che non è possibile rispondere a questa domanda in quanto rispetto ad allora, 2/3 anni fa, si è resa conto che il tennis è cambiato tantissimo. In effetti io credo che abbia ragione….mi rendo conto che ora molte più giocatrici giocano all’attacco e che le cd “pallettare” sono molto diminuite o cmq non hanno più gran bei risultati come una volta.

  46. gimusi by gimusi

    avevo detto che nel caso avrei rivisto sul mio giudizio su Venus e la partita appena conclusa (pur nei limiti della proprietà transitiva applicata allo sport) mi porta decisamente a farlo…Venus ha effettivamente mostrato (e quindi confermato) uno stato di forma e condizione ben oltre la sua attuale posizione in classifica…è una revisione di giudizio che faccio molto volentieri perché…nonostante i numerosi errori…ciò rivaluta anche la prestazione di Cami e segnala che probabilmente la bimba è molto più avanti di quanto pensassi…insomma un po’ aumenta il rammarico ma ancor di più aumenta l’ottimismo per una grande 2015 🙂

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Un solo commento alla partita RAD- VENUS
      BRAVA CAMILA

      CAMILA PER SEMPRE

      • gimusi by gimusi

        troppo facile…questo è un commento valido sempre nei secoli dei secoli…ma va bene ribadirlo ogni tanto 🙂

  47. by SanTommaso

    Agli amanti del “piano B” e delle teoria sulla forza mentale delle giocatrici: come mai la Radwanska, Maestra del Piano B se ne esiste una (e se esiste un Piano B), dopo aver perso il primo set ha dominato il secondo (immagino avendo inserito il “piano B”, altrimenti avrebbe perso pure il secondo…) ma poi ha perso il terzo? Non aveva un “piano C”? O forse ha dimostrato scarsa forza mentale per chiudere la partita? Ma chi, proprio la Rad è scarsa mentalmente?

    O magari, magari… magari le partite si giocano e si vincono/perdono il due/tre set senza troppe menate (mentali)?

    • avadar by avadar

      Il piano B????
      se esiste lo ha adottato magistralmente Venus che ha ricordato il miglior Connors “lasciando” ad un certo punto il 2 set x risparmiare energie e giocando un terzo set mostruoso….

    • doherty by doherty

      non ho visto la partita e quindi non posso dire…

      pero’ spesso le partite si perdono semplicemente perchè l’avversaria è piu’ forte in tutti gli aspetti del gioco e non c’è piano b o c che tenga e nemmeno forza mentale che possa servire…

      il punto è che se io ho anche un piano b (quindi curo la tattica) alleno le mie capacita’ mentali cosi’ come alleno la tecnica ed il fisico avro’ maggiore possibilita’ di vincere.
      poi nessuno vince sempre,questo è ovvio…

    • enzo by enzo

      Bravo, concordo in pieno.

      • doherty by doherty

        @ enzo
        grazie !

        • doherty by doherty

          a proposito di piano B,non so se avete sentito l’intervista a bolelli su supertennis dopo il match con federer…

          bole (che aveva vinto il primo) ha detto:
          all’inizio del secondo roger ha cambiato modo di giocare…nel primo giocava molto piatto e pulito spingendo,poi perso il set si è messo a lavorare di piu’ la palla ed io ho cominciato ad essere in difficolta’…

          ecco questo è un banale esempio di piano B..:-)

    • by aki_67

      Partiamo dal presupposto che io potrei avere “piani” sino alla Z + dall’Alfa all’Omega + l’alfabeto Klingon e Djokovic neanche lo impensierisco. Il “piano B” può essere soltanto che, sul 40 pari
      – servizio a favore- seconda di servizio, tu abbia comunque la possibilità di poter scegliere tra una 2° prima oppure su una 3/4 velocità lavorata ad uscire o al corpo.

      • by SanTommaso

        Benissimo aki. Sul singolo punto, servire più piano e variando è un’ottima soluzione. Forse. Ma all’interno di un set o di un match? Ora, sempre dando per scontato che la proprietà transitiva non esiste, come abbia servito Camila contro Venus lo abbiamo visto tutti. Lo abbiamo visto tutti? Diamo per scontato di sì. Veniamo al match di oggi, tra la stessa avversaria (Venus) ma una giocatrice al servizio molto diversa, una che serve più piano, più in sicurezza, mette in campo molte più prime e commette molti meno doppi falli con le seconde, trova più angoli.

        Camila, che ha perso il terzo set 1-6 esattamente come a Rad, ha per lo meno perso provando a vincere: 27/47 (57%) di prime in campo, con 12/27 punti con la prima e 9/20 con la seconda, ha giocato 11 vincenti contro gli 8 di Venus ma ha regalato 23 non forzati. Questi sono i numeri. Non sono buoni? No, ci sono troppi errori e una scarsa percentuale di prime in campo. cosa si sarebbe potuto provare a fare per vincere? Alzare il numero di prime e ridurre il numero di non forzati. Facile, no? Vediamo cos’ha fatto la Rad!

        Oggi nel terzo set Radwanska ha messo 10/14 (71%) prime in campo, ma ha raccolto 1/10 con la prima (UNO SU DIECI) e 1/4 con la seconda. E lei è una che serve “bene”, varia, non si incaponisce a servire due prime. Cosa significa? Significa che se servi mozzarelle, anche lavorate, a Venus, quella appena può ti impallina. Stesso discorso sul “gioco”. La Rad ha regalato solamente 6 (TRE) non forzati, ma così facendo si è esposta agli attacchi di Venus che ha giocato 12 vincenti. Hai voglia a dire di servire meglio e variare il gioco, non provare il vincente ma giocare in sicurezza… Il risultato è identico, in questo caso, ma almeno siamo usciti dal campo sapendo di essercela giocata. Cosa può dire la Rad del suo terzo set? Di averci provato? Non credo…

        • by SanTommaso

          Ne copia/incolla mi è rimasto un pezzo nella tastiera. Questa frase…

          La Rad ha regalato solamente 6 (TRE) non forzati, ma così facendo si è esposta agli attacchi di Venus che ha giocato 12 vincenti.

          Sarebbe da leggere…

          La Rad ha regalato solamente 6 (SEI) non forzati ma ha giocato 3 (TRE) vincenti, ma così facendo si è esposta agli attacchi di Venus che ha giocato 12 vincenti.

        • by aki_67

          Sono assolutamente d’accordo con te. L’impostazione del gioco di Cami sappiamo tutti qual’è e sarebbe impossibile, oltre che negativo, snaturarlo a lungo (games interi, set). In effetti chiamarlo “piano B” è troppo impegnativo ed altisonante e per questo userò “alternativa B”. Io mi riferisco al singolo punto; se con il tuo gioco mandi la tua avversaria sugli spalti devi avere un’alternativa al fendente per chiudere e può essere, magari, una palla corta. Poi, a cascata, se ti rimandano la palla corta serve un pallonetto o un passante (che mi sembra già più che discreto). In alcune circostanze serve sfruttare le debolezze del tuo avversario (e non è detto che basti) ma per farlo può servire la famosa “alternativa”. Sono convinto che papà e figlia sappiano bene dove migliorare e come farlo. Penso che molte critiche generali dipendano dalla discrepanza nei tempi tra programmazione dell’atleta e passione del tifoso. Tutti noi vorremmo vedere Cami tra le prime 10 non domani ma ieri e la sconfitta di 2 giorni fa è stata tosta da digerire. Comunque rimango fiducioso già dai prossimi appuntamenti. Una cosa mi chiedo sempre vedendola giocare: si starà divertendo?

        • by aki_67

          Visto che sono novizio ci tengo a sottolineare che non sono ne un tecnico ne un addetto ai lavori. Sono solo un tennista della Domenica ( Domenica a mezzogiorno non alle 8 🙂 ) ed un grandissimo appassionato di questo sport (ho ricevuto l’attestato di Super Appassionato dopo aver seguito un match Barazzutti – Vilas dal primo all’ultimo punto). Quindi se ci sono da prendere “pesci in faccia” da chi vive il tennis ad un livello diverso, non ci sono problemi 🙂

  48. doherty by doherty

    piccola consolazione venus ha dato 61 al terzo anche alla radwanska…
    cio’ conferma che è proprio in forma e camila ha disputato contro di lei una buona partita,visto che poteva anche vincerla.
    vamoooooooos !!! cami…

  49. journasesto by journasesto

    Venus ha tirato fuori un terzo set monstre e ha regolato Radwanska 6-1 al terzo, accedendo ai quarti. Alla fine la vecchia gatta non è poi così decotta. E devo dire che Camila l’ha messa molto più in difficoltà della polacca. Poi, come sappiamo, la proprietà transitiva nel tennis non esiste…

    • avadar by avadar

      La proprietà transitiva nel tennis non esiste, ma esiste salvarsi x il rotto della cuffia e poi andare fino in fondo….non mi stupirei di una finale Masha-Williams e non Serena….

  50. enzo by enzo

    Adesso Venus sembra che non ne abbia più, ma nel 1° set ha dimostrato che anche a 34 anni
    è ancora una super campionessa e se non avesse i problemi di salute…

    • biglebowski by biglebowski

      non sto vedendo il match, ma ho aperto ora il live score e le stats.
      mi chiedo: che stia pagando la durissima partita di ieri l’altro?
      nel primo set “the mAGiciAns” ha raccolto 6 su 21, pari ad un misero 29% sulla seconda pur commettendo un solo doppio fallo…………va beh, discorsi già fatti.

      • by aki_67

        I “vecchietti” e la fatica nel terzo set…………parole parole parole 🙂

        • avadar by avadar

          Eh già….6/1 anche a Aga con parziale di 6 game consecutivi!!
          Davvero niente male Venus!!!

      • journasesto by journasesto

        In tutto il match Aga ha vinto 8 punti su 29 seconde che ha battuto, con soli due doppi falli. Da cui si evincono due cose:
        1) che tirando mozzarelle a Venus vieni massacrato.
        2) che Aga, rendendosi conto che la prima non entrava nel primo set è corsa ai ripari, perché negli ultimi due set ha dovuto battere soltanto 8 seconde. Ma con una prima a una media di 150 kmh non è bastato ugualmente…

  51. riccardo by riccardo

    La classe di Venus non si può discutere anche se adesso dopo aver vinto il primo set dovesse uscire dal torneo. é stata una giocatrice fantastica che se non avesse avuto i problemi di salute che ha avuto , si sarebbe alternata con Serena al numero uno del mondo. Chiaro che a 34 anni non può essere esplosiva come i tempi migliori, affermazione quest’ultima degna del migliore Jacques de La Palice, o Lapalisse come vi piace di più 🙂
    Non bisogna essere scontenti del torneo di Camila. Ha fatto meglio dell’anno passato ha recuperato qualche posizione in classifica ma ha dato segni di maggior consapevolezza.
    Ovvio che brucia perdere avendo avuto il match point ma è capitato a tutti. Sempre per essere originale affermo che Camila deve migliorare in tutto!! Sia l’aspetto della tenuta mentale che quello tecnico. Si deve lavorare molto e tenere sempre conto per chi ha fretta, che la Nostra ha saltato qualche stagione per via dei problemi alla spalla. Se Tutto va bene quest’anno potrà giocare con continuità , allenarsi e a fine anno si faranno i conti.
    L’obiettivo deve essere quello di vincere almeno un torneo e migliorare ancora la classifica.
    Per quanto riguarda la Fed cup, si gioca sulla terra e quindi non farei i salti di gioia. A quelli che pensano che un paio di giorni con Corrado possano risolvere i problemi di Camila dico che posso solo sorridere .
    A parte che chi ha la mia età si ricorda che il buon Corrado aveva una concezione del tennis praticamente opposta a quella di Camila .Io me lo ricordo Corrado, l’ho visto anche dal vivo credo nel 1975 o 1976. E arrivato credo 7 o 8 del mondo ma , con tutto i rispetto a guardarlo si rischiava di addormentarsi. Io preferivo il mitico Adriano Panatta! Ho divagato. Volevo dire che due giorni in nazionale non possono cambiare niente. Camila dovrò continuare nel suo percorso col team a Tirrenia . Noi tifosi possiamo solo augurarle il meglio e magari sperare di vederla da 5 0 6 metri di distanza a maggio agli Internazionali.

    • r.b. by r.b.

      Io credo che la Fed Cup farà bene a Camila. Sia il contatto con Corrado che con le compagne di squadra.
      Lo vedo un po’ come un masters di perfezionamento, anche se sono solo pochi giorni, può essere una esperienza importante, che non va a sostituirsi al quotidiano allenamento con Sergio e con lo staff (preparatore atletico ecc.) ma lo va semplicemente ad integrare. Camila può e deve imparare molto anche da Sara e Roberta, che sono comunque tra le tenniste più forti ed esperte tatticamente al mondo.
      Quindi lo considero un utile passaggio verso la crescita. Inoltre se giocherà due partite, saranno molto dure e tirate contro Cornet e Garcia (o Mladenovic), e sarà una esperienza importante. Le francesi non sono certo facili da battere, quindi saranno incontri molto equilibrati, dove occorrerà giocare bene nei momenti importanti e sfruttare le occasioni che capiteranno.

  52. r.b. by r.b.

    In questo momento si sta giocando Venus – Radwanska. Inutile dire che questo match riveste un certo interesse per noi trombettieri. Se infatti Venus dovesse prevalere e battere anche Agnieszka, allora beh, la sconfitta di Camila diventerebbe molto più digeribile… In caso contrario dipenderebbe un po’ dalle dimensioni della sconfitta di Venus… Radwanska è pur sempre una top 10…

    • avadar by avadar

      ….intanto incredibile e lunghissimo 7 game del 1 set….

  53. r.b. by r.b.

    Purtroppo anche le chichis abbandonano il torneo, sconfitte da Görges e Grönfeld (le scrivo con la grafia originale tedesca per la gioia di t.o. 🙂 )
    Invece un grande plauso va a Fognini e Bolelli che vincono e sono nei quarti di doppio, e visto che i Bryan sono usciti, hai visto mai che….
    Bravo Fabio e bravo Simone!

  54. by SanTommaso

    @atom: il problema di Camila è di tenuta mentale e Sergio dovrebbe essere affiancato da qualcuno.

    Vedi? E’ tutto molto chiaro. Il tuo pensiero è limpido e compreso. Anche se non condiviso. Ma l’abbiamo capito, tutti. Ora, alla prossima sconfitta di Camila, non c’è bisogno che tu ci dica che… il problema di Camila è di tenuta mentale e Sergio dovrebbe essere affiancato da qualcuno. Così magari eviti di sentirti attaccato.

  55. biglebowski by biglebowski

    Vi invito tutti, trombettieri e non, alla lettura di un articolo scritto non molto tempo da Marco Bucciantini, (responsabile dei servizi sportivi de L’Unità, il giornale fondato da Antonio Gramsci nel 1924 e chiuso nel 2014, nonché ex discreto tennista), che è ancora molto attuale.

    http://magazine.tennisbest.com/index.php/storie/19-archivio/numero-1/27-new-match

    A mio parere merita di essere letto, e non solo per la qualità dello scrittore.
    .

    • by aki_67

      Articolo molto interessante sul Parent Coaching. Credo che dall’esterno si possa trarre qualsiasi considerazione al riguardo e rischiare di essere sempre lontani dalla realtà delle cose. Per quanto mi riguarda è già difficile farlo con persone che conosco e frequento, figurarsi in questo caso. Ovviamente la questione non verte sulla preparazione o meno dell’allenatore quanto sulla dinamica dei rapporti padre/figlia – allenatore/giocatore o, perlomeno, quanto il primo (peraltro imprescindibile e fondamentale) possa avere risvolti positivi/negativi sul secondo. Mi viene sempre da pensare a Li Na e delle considerazioni che vennero fatte quando passo dal marito/allenatore a Rodriguez. Ricordo che si parlò certo dei miglioramenti tecnici ma si sottolineò il diverso approccio che la Li ebbe nell’affrontare l’allenamento. Tutto questo la portò al career-best ranking. Al tempo stesso mi rendo conto che stiamo parlando di una tennista già esperta ed affermata, il che rischia di minare la pertinenza dell’esempio. Comunque dalle parole di Camila mi sembra chiaro che l’attuale situazione porti più benefici che problemi per cui bene così. C’è tanto lavoro da fare e penso che entrambi sappiano dove intervenire. Per quanto mi riguarda mi piacerebbe vedere Camila gestire meglio le situazioni di parità nel singolo game. So bene di aver buttato li, in totale scioltezza, una caratteristica che fa da spartiacque tra un campione ed un buon giocatore e, per questo, mi aspetto prossimamente un miglioramento in tal senso. Forza Cami

    • journasesto by journasesto

      Un’atleta che è uscita dal gruppo, con il coraggio di esporsi anche a figure penose.
      È vero… E mi viene in mente una cosa che mi dice sempre la mia professoressa d’Inglese, che poi è scozzese di Edimburgo: «Voi italiani siete ossessionati dall’opinione degli altri. Vi vestite bene perché volete apparire belli e ricchi. Avete paura di parlare inglese perché non volete far vedere agli altri che non lo sapete. Voi italiani avete sempre una paura tremenda di “fare una figura di merda”. Noi inglesi non abbiamo neanche il modo di tradurre un espressione del genere, perché noi non concepiamo nemmeno l’idea di “fare una figura di merda”».
      Sulle prime non l’ho presa sul serio, ma poi ci ho pensato bene e non ha tutti i torti. Siamo noi italiani che abbiamo l’eterna sindrome di dover dimostrare agli altri che valiamo quanto loro. E lo dimostriamo tutti i giorni, nella politica come nel lavoro. Non siamo gli europei di serie B, ma quelli che sono convinti di esserlo.
      La realtà è che ognuno fa quel che può fare ed è quello che è, né più né meno. Camila va avanti dritta per la sua strada e se ne frega di cosa pensano gli esperti, i fans, i tifosi. Non ha paura di fare brutte figure o delle critiche. Del resto i critici, in Italia, da quelli televisivi a quelli sportivi, hanno quasi esclusivamente il compito di mettere in evidenza difetti e mancanze (cioè le figure di m…) mentre altrove hanno soprattutto il compito di dire quanto sia bello uno spettacolo o quanto sia buono un ristorante. Noi cerchiamo il difetto, gli altri vedono il bello.
      Adesso, al di là delle facili generalizzazioni perché poi non è neanche vero che noi italiani siamo fatti tutti così, una cosa è certa: Camila non ha paura delle brutte figure, perché ha un suo progetto. È un’italiana atipica e noi sappiamo bene il perché. Per questo suo coraggio le sue colleghe la rispettano. Non ho mai sentito una sua avversaria deriderla dopo una partita come fanno tanti sapientoni di casa nostra, che hanno le ricette sicure per farla diventare top ten (forse solo miss simpatia Kuznetsova). Perfino Venus, che secondo alcuni sarebbe stata offesa da Sergio prima del match, ha detto che Camila ha un “big game”: secondo voi una che si sente offesa e insultata avrebbe reagito in quella maniera? Noi da campionesse come Venus o come Camila abbiamo tutto da imparare, perché questa è gente con le palle, ragazzi miei, il cui vero talento non è saper giocare a tennis per natura, ma decidere di fare una cosa e provare a farla a tutti costi, anche al prezzo di prendere per anni e anni sonore capocciate contro un muro. Camila o si romperà la testa o, alla fine, quel muro lo butterà giù. Quello che è certo e che potrà andare sempre avanti a testa alta, senza nessuna paura di fare figure di m… o di dover rendere conto agli altri di quello che fa.

  56. r.b. by r.b.

    La vittoria della Keys certifica il Best Ranking eguagliato di Camila al #31 del mondo.
    Ora, prossimo obiettivo, entrare nelle prime 30 prima di Indian Wells.
    Come vedete sono molto più cauto di t.o. 🙂

  57. r.b. by r.b.

    @Atom
    Non capisco perchè tu te la prenda, tra l’altro l’ho detto più volte che in generale sono d’accordo con te sul fatto di allargare il team ecc ecc….
    Comunque se vuoi fare battute su Ana fai pure… 🙂 io non mi offendo di certo, altrimenti come farei con quello di là…. 🙂 🙂 🙂

  58. r.b. by r.b.

    Non ho visto il match ma anche Muguruza perde dopo aver dominato il primo set centro Serena 6-2, poi però subisce i ritorno della minore delle sorelle Williams…
    Fuori anche Azarenka in che vuole direttamente che a menu di sorprese Camila sarà #31 dopo gli AO, il che vuoi dire Best Ranking eguagliato e comunque progresso di 2 posizioni rispetto a inizio anno.

    • r.b. by r.b.

      Oggi la tastiera del mio smartphone fa particolarmente le bizze…. 🙂

  59. biglebowski by biglebowski

    i post di atom sono peggio di un chihuahua attaccato ai coglioni…………….abbiamo capito il tuo pensiero………….risparmiaci di ribadirlo ogni giorno…..ti prego!

    • TEUS by TEUS

      Vero. In più a me ricorda qualcuno… Stessi discorsi, stessa cocciutaggine, stessa moderazione…

      • r.b. by r.b.

        No scusa Atom, potresti ripeterlo che non ho capito bene, qual’è il problema di Camila? Hm fammi pensare…
        Qualcosa che ha a che fare con la MENTA? Non mi è chiaro… Deve ciucciare una mentina prima di ogni match? 🙂
        Ah no, che stupido, ora ricordo, ha a che fare con la MENTE!!! 🙂
        Ok grazie, non c’è più bisogno che lo scrivi… 🙂 🙂 🙂

        • hector by hector

          L’avevo scritto in tempi non sospetti che, grazie ai buoni auspici di Atom, Camila sara’ affiancata da un menta coach, esperto anche in tamarindo, orzata e granatina.

          • by atom

            veramente non ne ho visto alcuno nemmeno esperto fi tennis…

        • by atom

          scusa r.b le te battute a volte sono molto più stucchevoli dei miei post…se vuoi parliamo di Ana tanto per cambiare..

      • by atom

        io non offendo nessuno…voi ci provate…ma fate solo vuoti peana che veramente non servono a niente…Io non ho mai parlato male di Camila…

    • eulondon by eulondon

      Credevo che ad attaccarsi li’ fossero i gatti neri. Ve detto che il chihuahua rende meglio l’ idea, pero’!

  60. riccardo by riccardo

    @ Atom
    Ho letto da qualche parte che tu hai praticato il calcio. Vorrei dirti , senza alcun animo polemico, che il tennis è molto diverso dal calcio. Tantissimi anni fa quando ( più di 35 ) giravo la mia regione per fare i tornei giovanili di tennis , ad un livello nemmeno paragonabile a quello di cui stiamo parlando ( le prime 30 del mondo) ho imparato che quando entri in campo sei assolutamente da solo. non c’è il tuo compagno che può salvarti il sedere se sbagli un controllo e l’attaccante della squadra avversaria va in gol. Nel tennis se sbagli è puntualmente 15 per l’avversario. Punto.
    Ora per non sbagliare, per non sentire pressione , quando sei da sola, con 5000 0 100000 persone che ti guardano bisogna fare esperienza, bisogna fare più di una finale e poi piano piano ci si abitua, che non vuol dire non sentire la pressione ma semplicemente tenerla a bada. cami non può migliorare tecnicamente? Beh atom non sai quanto la tua affermazione è lontana dalla verità. Dopo anni che seguo camila non le ho ancora visto fare un approccio in slice , oppure un pallonetto in top o una palla corta! Non ne vedremo mai? Non credo . se cami vuole migliorare e sono sicuro di si , dovrà curare questi aspetti che non significa snaturare il suo gioco. Se sono attaccata ed in corsa mentre rischio di non arrivare sulla palla anziché provare il rovescio a due mani imparo a staccare la mano e fare un rovescio difensivo, non ho snaturato il mio gioco ma ho aggiunto qualcosa che magri può aiutarmi a vincere la partita. Si perché in una partita che dura tre set, a volte la differenza la può fare un 15. Masha che non è una giocatrice difensiva e che non potrebbe esserlo per una questione di fisico, ha imparato a colpire la palla di diritto con la mano sinistra!! Quindi Atom io rispetto il tuo pensiero ma non sono assolutamente d’accordo che il problema di camila sia di tenuta mentale. sicuramente dovrà imparare a gestire la pressione e questo potrà farlo solo giocando più partite e più finali, trovandosi in situazioni complicate che nel tempo imparerà a gestire. Non tutte a 20 anni possono vincere uno slam. Tuttavia, come suggeriscono tutti quelli che il tennis lo hanno praticato, camila dovrà migliorare tecnicamente. Fino a due anni fa non la si vedeva andare a rete ed adesso ci va. Io sono certo che col tempo ci saranno questi aggiustamenti eppoi è chiaro che nessuno di noi ha la palla di vetro. se tutti dicono che cami ha la possibilità di entrare tra le top ten un motivo ci sarà però!. Quando Sergio e Camila dicono che vogliono arrivare in alto facendo un gioco aggressivo pensate che non abbiamo contemplato di COMPLETARE il bagaglio tecnico ? Io credo di si perché lo abbiamo detto tutti che pensare di poter giocare cinque partite o sette negli slam come ha giocato Camila nel primo set con la smitkova non è cosa possibile. Senza alcuna presunzione , di partite ne ho viste tante dal vivo e ne ho giocate tante e so di cosa parlo e sono d’accordo con t.o che vedere la partita dalla Tv con la prospettiva della telecamera dall’alto che appiattisce tutto, non rende affatto l’idea di quanto sia complicato giocare a tennis e di quanto a certi livelli viaggi la pallina!! Non dico queste cose da tifoso perché quando c’è stato da criticare non mi sono sottratto ma credo che pensare che tutto si possa risolvere con un mental coach come lo chiama qualcuno sia pura fantasia. Ci vuole lavoro , lavoro, lavoro, colpire tante paline in allenamento e aggiungere qualcosa. Roger Federer il più forte giocatore di tutti i tempi, è migliorato tecnicamente a 33 anni…. Buona serata a tutti.

    • by atom

      Riccardo mi piaci perché al contrario di altri che fanno risolini, cerchi di spiegarmi in cosa sbaglio. Ti dico che “in ogni sport” è la mente che comanda…Camila ha buttato via molti incontri perché , al contrario di quello che si dice, è molto emotiva. A 23 anni certo che si può migliorare ma i fondamentali hanno margini di miglioramento molto bassi. Forse solo il servizio può essere perfezionato…Non voglio farti esempi di incontri persi con la testa, li conosci bene tu ed anche quelli ce sorridono…ultimo caso è questo di VENUS…ho rivisto l’incontro a freddo come faccio sempre per tutti gli incontri che registro…i tre break point non capitalizzati da Camila hanno segnato il match.. sul 5 a 3 servizio Venus 30 pari ,Camila ha sbagliato una risposta su seconda debole della americana che anche un cieco vedrebbe dovuta solo a tensione. La successiva risposta poi ha steccato…Si va a servire per vincere : il primo punto ben giocato da V. stizzisce Camila che fa subito dopo un df ..,. poi il telecronista di sky non io…dice …non può non sentire la tensione…ok cosa normale…il problema è che Camila spesso quando ha l’incontro in mano…sente la tensione…Finora si diceva è giovane e deve maturare…ma ha 23 anni…Comunque io non voglio entrare nella testa di Camila non ci riuscirebbe nemmeno uno psicologo, vorrei solo ce avesse qualcuno che le stesse accanto dandogli più sicurezza…per me Sergio a cui fra l’altro attribuisco molti meriti, non è adatto a questo ruolo…in primo luogo perché è il padre ed è molto più emotivamente coinvolto di un eventuale estraneo…poi perché non ha mai giocato a tennis e non sa leggere un incontro da dentro…terzo il suo carattere è molto diciamo turbolento? Ricordo una frase di altro telecronista nell’incontro contro la Sharapova a IW…che dice testualmente—” Sarebbe meglio che Sergio si nascondesse…”. Ebbene io certo non dico che Sergio molli ma che venga aiutato…Tutto qui…

  61. by t.o.

    …ho passato del tempo a leggere “di tutto di più” in giro per i siti……
    ne vengono fuori cose esilaranti….
    I trombettieri accusati di essere dei Visionari perchè dicono che Camila diventerà una top Player.
    …poi leggi Venus, Flavia, Carolina, Maria, Cornet, (perciò quelle che ci hanno giocato contro) che dicono lo stesso, Allenatori e giornalisti (che mangiano di tennis da anni) che dicono lo stesso…..
    …visionari anche loro?
    …io non so quanti, anche in questo sito hanno mai visto giocare dal vivo un premier o uno slam.
    ….e quanti anche in questo sito hanno visto giocare dal vivo Camila….
    …un match dal vivo….e a sei metri dal campo…..
    …non voglio scomodare la Logica Modale (la logica che studia il concetto di “possibilità” e di “necessità”) …….quella “logica” che mi permette di considerare DFW un collega e non un’icona da venerare e tenere in una teca di cristallo….attenzione anche Umberto Veronesi e il mio medico Condotto sono “colleghi”… Io e DFW siamo colleghi….i giudizi di valore li lascio ad altri…

    Mi è stato chiesto…(da estimatori del mio collega FDW) …..”ma cosa avrebbe scritto DFW di Camila?….”
    non è logica modale questa?……eccoci entrati nel campo delle possibilità. Visto che DFW e morto suicida Quando Camila era 500° nel Ranking.

    …secondo me per prima cosa avrebbe scritto che chi non ha mai visto una partita di tennis in un Premier o in uno Slam a sei metri dal campo dovrebbe evitare di dare giudizi un po troppo articolati.
    Così come chi parla ( e scrive) di psicologia motivazionale basandosi sui “sentito dire”, riguardo persone che, quello che parla (o scrive), non ha mai ne incontrato ne conosciuto….
    ….e per ultima cosa scriverebbe che le cose avvenute le raccontano gli storici….le cose che devono accadere le raccontano gli analisti…e per fare analisi bisogna necessariamente conoscere tutte le variabili “possibili” quelle “impossibili” e quelle “probabili”.

    (..vi scrivo…..a memoria….uno stralcio da “il tennis come esperienza religiosa” DFW:Einaudi)
    “…..il tennis in tv ha i sui vantaggi….ma ha tra i suoi svantaggi la totale perdita della sensazione di fisicità e di velocità che giocatori e palline esprimono in campo. Una perdita presto spiegata.
    La televisione privilegia l’inquadratura dell’intero campo, per ben evidenziare la posizione contemporanea dei due giocatori, e gli angoli che vengono cercati nello scambio.
    Inquadratura dall’alto e dietro una delle due linee di fondo. Si perde totalmente la dimensione lunghezza del campo….e la velocità con cui la palla copre quei 23 metri e 77 che dividono le due linee di fondo……”
    ….ora…..la velocità del servizio è ormai da tempo misurata….ma a quanto viaggiano le palle di dritto o di rovescio durante uno scambio?…..
    ….ricorderete la telecronista dell’incontro contro Flavia a Mosca che disse “i colpi di Camila viaggiano più di 20 kmh rispetto a quelli di Flavia”……rispetto a Flavia…..non rispetto a Sara…..
    ….quando parliamo di Camila parliamo di palle che viaggiano tra i 120 e i 160 kmh…
    ora….a 120 kmh la pallina fa 33.33 metri al secondo…a 160 ne fa 44,54…..Camila colpisce sempre con i piedi in campo perciò per coprire circa i 22/23 metri che dividono le due linee di fondo le palle di Camila impiegano tra i 5 decimi di secondo e i 7,5 decimi di secondo…..
    ….due decimi e mezzo di secondo di differenza…..niente in una maratona….una vita e mezza se pensiamo di arrivare comodi su una palla, aprire in tempo e pensare come rimandare la palla di la..
    ….questo è successo durante il secondo set….Camila ha cominciato a tirare un po più piano….e Venus ha cominciato ad arrivare meglio sui colpi. E visto che si chiama Venus è riuscita a riaprire la partita.
    Se Camila ha cominciato a tirare più piano (o meno veloce parlando di lei) per variazione tattica, per stanchezza fisica o per stanchezza mentale (braccino) non è dato saperlo. Camila dice che è stato un suo cambio di strategia. In fondo se fosse così avrebbe fatto quello che a migliaia le chiedono…..
    Per stanchezza mentale non credo….una col braccino non annulla 15 PB su 21 ad una che si chiama Venus….stanchezza fisica? ….può darsi…del resto non si sa mai quanto durerà una partita di tennis…..Camila si sentiva in partita….contava di chiudere presto….non ha avuto nessun calo nei primi giochi del 2° set (…non dicevano tutti che Camila perdeva SEMPRE i primi giochi dopo un set vinto???) …ha continuato nell’affondo…..forse era tutto troppo veloce…. ma se avete altre tattiche per battere una Venus in forma smagliante…..accomodatevi dall’alto della vostra grande esperienza contro top Player……Camila ha rallentato…”ho cambiato tattica….”
    Era la tattica migliore……prendi vantaggio nel primo set…insisti nell’allungo nel secondo e poi vedrai che Venus pagherà i suoi 35 anni.
    Non avevate detto tutti così?……portala al terzo….questo Camila ha fatto…ha solo “perso la ruota” nello sprint finale….ma chi si aspettava una Venus così……
    ….tutti dicono che essere TdS o meno per Camila sia indifferente….. un’altra stronzata che “tutti dicono”. Come dire che lo Stelvio all’inizio o alla fine della tappa fosse indifferente anche per Pantani. Non è così……è indifferente se l’obiettivo è lo Stelvio, il gran premio della Montagna….ma quando poi cominci a pensare alla tappa, se non addirittura alla classifica finale del giro bisogna programmare sulle due settimane. Non puoi avere il rischio della TdS n°12 a primo giorno…..
    Devi avere la certezza che non avrai alcuna top 32 fino almeno al terzo turno…..
    …..la certezza!…..altrimenti di quale cazzo di programmazione stiamo parlando
    ….poi se ti capita la Camila Giorgi di turno (Camila 2015 n°33) o una che viene dalle qualifiche (Cami 2012 Wimbledon)…..beh…a volte capita….(vero Flavia?)……e ci si può anche perdere….ma in genere capita gente più abbordabile….vedi Sara….

    …Comunque…. Per i doppi falli ha già parlato Venus….”Camila tira due prime”….può piacere o non piacere……guardate le risposte di Venus nel primo set alle seconde di Camila sotto i 150kmh….
    …..e smetto di scrivere di df….perchè non se ne può più…. ne ha fatti 5 su 32 servizi nel 1°set e ha vinto, ne ha fatti sempre 5 su 45 nel 2° e ha perso……

    Parlare di errori non forzati con Camila (e anche con Venus) ….è quantomeno un ossimoro.
    Come fa una che le “Tira Tutte” a fare un NON Forzato…..???? I colpi di Camila sono forzati per antonomasia……

    Per concludere….Camila ha giocato alla pari di Flavia e di Venus che sono sicuramente delle top Player….e lo ha fatto dopo un percorso di preparazione totalmente “sballato” dall’operazione ai denti del giudizio. Ha giocato un torneo in meno di quelli che avevano programmato…..
    …Normalmente queste cose non ti aiutano…..ma ringraziamo dio (per chi ci crede) che non siamo nelle condizioni di AO 2013…..
    Rispetto a AO 2014 abbiamo più punti e più turni superati….
    Camila è migliorata di molto in tutti i fondamentali e quello che è certo è che sarà TdS ad Indian Wells….e lì cominciano i Bye……
    ..se guardate W/L di Flavia, Sara e Camila nel 2014 troverete numeri molto simili ….34/24 per Camila, 35/24 per Sara e 34/22 per Flavia.
    I quasi 1500 punti di distacco tra Camila e le altre due sono ascrivibili solo alla qualità dei turni passati?….vi garantisco!…. solo in parte…..e più per Flavia che per Sara….
    Quella differenza di punti è dovuta ai Bye….Sara con 35 vittorie porta a casa 41 passaggi di turno…Flavia altrettanti…….
    Quando feci la previsione della posizione di Camila a ridosso della Magica Dozzina (le prime 12….che sono poi quelle che si scambiano nell’anno nella top ten) eravamo alla fine di RG….
    Avevo messo come condizione la TdS agli US open (…ahh….la logica modale…)…non avevo detto che non doveva uscire la Rodionova…..Poteva anche uscire di peggio….ma da TdS….
    ..e avevo detto ..se Camila almeno mantiene lo stesso rapporto W/L del periodo dopo Dubai….
    Non dicevo se gioca meglio salirà di classifica di oltre 15 posizioni….
    Quello lo sanno tutti…. lascio queste previsioni a dilettanti di altri siti….( DFW ne riderebbe… e io sono suo collega 🙂 🙂 )
    Io ho detto di “molto peggio”….. Ho detto: se continua a giocare così e con queste percentuale di W/L si potrebbe trovare (notare il potrebbe…) a ridosso della dozzina alla fine di AO.
    …questo solo per dire che i numeri di Camila si esprimono nel medio periodo con un andamento molto meno “frastagliato” di come lo immagina uno che lo analizza “punto per punto” “Game per Game” e così via…..
    Neanche il cervello meccanico che progettò Turing ( altro matematico suicida) per decrittare il codice enigma potrebbe calcolare tutte le componenti (a prescindere dallo stato di forma di un’atleta) che possono concorrere al fatto che la pallina vada sulla linea o un centimetro fuori.
    …e questo centimetro può valere una partita, la partita può valere un torneo e un torneo può valere una stagione………
    Trombettieri……vogliamo ridurci a questo?……
    discutere di un centimetro???
    Ma lasciamo queste cose ad altri.

    Camila cresce sempre in modo armonico…se la guardiamo nel medio periodo…..
    Tattica di scalata al Ranking opposta a quella di Sara.
    Ho detto opposta….sono tutte e due legittime…. e anche in questo sito ci sono persone che ancora pensano che un diverso approccio alla programmazione avrebbe favorito la crescita di Camila…
    … E’ una tattica assolutamente legittima. E chi la proponeva è ancora qui a scrivere di Camila.
    ….ha preso atto che Camila e Sergio hanno deciso un’altra tattica. Ad oggi hanno avuto ragione loro. …..anzi….se ci penso bene non è giusto quello che dico….. hanno avuto ragione…..ma nessuno potrà mai dire che con l’altra tattica si sarebbe potuto fare di più….se siamo nel campo delle possibilità….c’è posto per tutto quello che ha una logica…..
    Non c’è posto solo per quello che non ha logica.
    ….non ha logica dire ….”speriamo in quelle due ore che passerà con barazzutti”…..ma che volete che faccia Barazzutti…..farà quello che solo un capitano in Fed Cup può fare……parlare con l’atleta ogni cambio di campo. Ma visto che si può fare solo in Fed non avremo mai la prova che l’eventuale miglioramento/peggioramento sia dovuto al ruolo (qualità dell’allenatore) o al Modo (poter parlare spesso e a lungo con l’atleta durante il match.)
    ….magari, a poterlo fare, Camila troverebbe giovamento anche con Atom in panchina……ma visto che non si può fare in torneo è inutile che chiediamo a Camila se è d’accordo.
    Se Atom non potrà farlo non se la prenda con Sergio…..basta diventare capitano di Fed Cup e ne Camila ne Sergio avranno nulla da obiettare….

    Io per la mia previsione mi prendo ancora due tornei………già era azzardata……perciò mi riprendo il torneo di Brisbane e scambio Horbat (compresi i punti) in cambio dell’imprevisto dei due denti…
    la mia stagione come sapete si chiude con Dubai compreso……il mio compleanno con Camila e Sergio….. “quella sporca dozzina” sarà raggiunta…..
    ….La fed cap è una cosa che da gioia e orgoglio a Camila…..perciò è sempre un bene…
    ….mandiamo chi vuole a raccattar punti in giro per il mondo…..

    perciò stiamo sereni….anche perchè, che vinca o che perda è sempre uno spettacolo vederla giocare….
    t.o.

    • gimusi by gimusi

      concordo con te t.o. vederla è sempre e comunque uno spettacolo…ed è normale volerla vedere sempre più in alto…non tanto per soddisfare la nostra fame da tifosi ma perché sappiamo quanto anche lei ci tenga…e sappiamo che può…personalmente sono soddisfatto di questo avvio di stagione…è migliore dei precedenti…agli AO si è già vista una Cami migliore rispetto a Hobart…e pur non esprimendosi al meglio stava per approdare al 4T…e ci sono tanti tornei già alla porte…però a Dubai ci devi essere in tribuna eh 🙂

    • journasesto by journasesto

      Sono l’orgoglioso possessore di un biglietto per la fed cup di Genova e spero sul serio di vedere Camila giocare dalla distanza di 6 metri, o forse qualcosina di più.
      Quanto al resto sono molto d’accordo con te, t.o., e soprattutto con la frase finale: lo spettacolo è vederla giocare. Se lo farà da numero 30, 20, 10 o uno del mondo a me importa fino a un certo punto.
      I suoi traguardi se li deve porre lei e solo lei può capire come raggiungerli, facendo leva sui propri pregi e cercando di ridurre al minimo l’effetto negativo dei propri difetti.
      Camila è in progresso costante. Anche l’inizio del 2015 è stato migliore rispetto agli stessi tornei del 2014. Chi non lo vuole vedere è cieco. E non c’è un solo motivo per guardare al suo futuro con pessimismo.

    • etberit by etberit

      AMEN! 🙂

    • r.b. by r.b.

      Secondo me è presto per la top 12. Camila entrerà probabilmente in top 10 nel corso del 2016, quindi la vedo n. 12 circa a fine anno (se giocherà un ottimo US OPEN dove non ha punti da difendere) o comunque dopo gli Australian Open 2016. Per adesso cerchiamo di essere testa di serie, di ridurre gli errori gratuiti al minimo possibile (ovviamente non si possono eliminare ma ridurre sì) e la classifica migliorerà da sola. Certo, quest’anno non si possono scalare più di 60 posizioni come l’anno scorso, adesso siamo circa al #30, perciò già salire di 15 posizioni in un anno sarebbe un bel salto.

      • hector by hector

        Caro r.b. sei in errore e te lo dimostro. Per scalare piu’ di 60 posizioni anche quest’anno un metodo c’e’: sarebbe sufficiente diventare n.1, ritirarsi come ha fatto la Li chiedendo di essere cancellata dal renching, e a novembre ttenere una wild card per un Itf da 10.000 $ passando un turno. Ed ecco servite su un piatto d’argento le 60 posizioni. Se Camila diventasse n.1 ci sarebbe qualcuno che direbbe che si e’ involuta perche’ non sarebbe a riuscita a migliorarsi quanto l’anno precedente. Sono certo che Sergio vorra’ seguire il mio splendido consiglio, anzi pretendo che lo faccia per rispetto a noi tifosi!

  62. by atom

    Non voglio polemizzare nè con San Tommaso nè con altri che spesso mi attaccano. Siamo tutti sulla stessa barca e vogliamo tutti bene a Camila. Però ci sono valutazioni soggettive che sono come tali opinabili e fatti oggettivi che non possono essere discussi. Non si puo’ negare che la bimba ( che ora ha finito 23 anni) è’ ancora troppo discontinua e soggetta ad alti e bassi che preoccupano tifosi come me che la vorrebbero almeno tra le prime 15. Credo sia lecito chiedersi perché non vi è la crescita che ci aspettiamo. Confesso che non ho seguito Camila fin da giovanissima. Ho letto per la prima volta il suo nome quando ha sconfitto la Pennetta a Wimbledon, Da allora mi ha incuriosito ed ho cominciato a leggere quel poco che c’era di lei in giro e soprattutto non mi sono più perso una sua partita in TV su Supertennis o su sky e quando non c’erano le immagini l’ho seguita sul livescore, in verità in streaming ho avuto qualche difficoltà. .Ebbene devo dire che l’ho vista giocare a Wimbledon ed in altri suoi esploit (sharapova, Woz..e altre) e secondo me giocava già come gioca ora, solo con meno esperienza ovviamente. Quello che intendo è che non vedo oggi tutti quei progressi che invece avrei voluto vedere…Mi si dice: allora era centesima o oltre ed ora è trentesima…quindi i progressi ci sono stati…non sono un amante della statistica e non voglio disquisire su come sia molto facile scalare posizioni dalla 100 alla 50 posizione…insomma ribadisco ho visto giocare Camilla due anni fa come gioca oggi o addirittura meglio…ricordo partite come quella con la Bartoli a Wimbledon molto equilibrata e successivamente lo stesso anno la Bartoli vinse Wimbledon…E’ lecito dunque chiedersi quali siano le cause per cui non si vedono quei miglioramenti sperati…Poi è chiaro che Camila non legge e non ascolta suggerimenti da gente come me, ma almeno mi si lasci il diritto di esprimere quello che penso…Ed ogni volta mi rendo conto che quello che penso si verifica puntualmente in campo…Camila da un punto di vista fisico e tecnico non può migliorare se non nel servizio su cui deve lavorare molto. Ma l’evoluzione che non colgo è da un punto di vista mentale…Tutto qui…se qualcuno lo vede me lo faccia capire e ne prenderò atto…

    • by t.o.

      e io non voglio polemizzare con te.
      Sergio aveva programmato per fine hanno la 30 posizione. Tradotto TdS a AO.
      Nonostante molte partite perse male nel periodo autunnale l’obiettivo sarebbe stato ugualmente raggiunto con un solo turno nel torneo di Brisbane. I due denti hanno impedito la verifica di questa possibilità.
      Che tu voglia essere già in top 20 è legittimo….io per esempio avevo ipotizzato anche in modo più ambizioso del tuo….
      Ma quello che conta è la programmazione di Sergio e Camila
      ….Non certo la tua. Perciò se la tua previsione non si avvera….pazienza.

      E rispetto alla testa……ma che ne sai tu del mondo di Camila…..la conosci?…ci hai mai parlato? sai cosa vuole?
      Se ha detto che non prenderà mai un mental coach “AVRA’ O NO I SUOI MOTIVI”?
      ….è legittimo scrivere quello che si pensa….ma dopo 200 post che parlano solo e sempre di quello fattene una ragione…… la testa di Camila così come la sua crescita tattica e tecnica continueranno come Camila e Sergio hanno deciso……visto che a quanto pare la crescita sia tecnica sia di classifica (che sergio e Camila considerano conseguente) sta andando nei tempi e nella proiezione prevista.

  63. boy by boy

    Quant’è che non mette piede su terra Camila?
    Personalmente sono molto curioso di vedere come si abituerà al cambio di superfice.

  64. Ace by Ace

    Qualcuno ha visto stanotte la Bouchard? Di partite così ce ne sono tante, ma la reazione della canadese in questa non bella partita è da prendere in considerazione.
    Partenza super che svolta poco dopo in una giornata complicata. La prima va ovunque, ma lei ha una seconda lavorata che la aiuta molto.
    Ad un certo punto è andata fuori giri. Perde il secondo e con grande umiltà e perseveranza si mette a remare e a lottare punto per punto. Aveva tutti i motivi per avere i nervi a fior di pelle, ma come una navigata tennista, ha saputo lottare su ogni palla e portare a casa il match.
    Eugenie, seppur più giovane di Camila, ha più esperienza e ha dimostrato come si fa a portare a casa un match già vinto che si era complicato. Come? A mio avviso questa è esperienza e maturità. Non ha fatto nulla di strano. Questi passaggi in una partita avvengono molto spesso. E’ raro che entri in campo e prendi a pallate la tua avversaria fino all’ultimo 15.
    A Camila di 15 contro Venus ne mancavano solo due ed è entrata in crisi. Anche perché di là c’era una grande campionessa.
    Col tempo e con la maturità le cose cambieranno. Bisogna capire ed insistere. Credo che ci siano passate tutte le campionesse…niente drammi.
    Ci divertiremo parecchio!

    • boy by boy

      Genie è un’altra che ha una bella testa!! 🙂

      • farotto by farotto

        Genie è la tennista che più mi ricorda Masha. Si può dire quel che si vuole sul loro tennis, ma non certo che non abbiano approccio mentale alle partite e non sappiano gestire i momenti critici. E io credo che oltre alla esperienza, su questo aspetto loro abbiano fatto tantissimo coaching. A Cami manca solo questo, oltre che ad ancora un po (non troppa) esperienza.

  65. riccardo by riccardo

    non si placano ancora le discussioni per la sconfitta di camila che arriva la sconfitta di Seppi che dopo essere stato avanti di due set ed aver avuto a disposizione una palla per chiudere finisce per perdere pur lottando al quinto set. Questo cosa ci dice? Ci dice che per Andreas è stato più semplice chiudere con re roger perché non aveva niente da perdere che vincere con l’australiano .
    Adattando il discorso a Camila e riportando le parole di Venus a fine incontro ” la Giorgi deve imparare a gestire la pressione” possiamo tranquillamente dire che è impensabile paragonare l’esperinza di una che ha vinto 5 Wimbledon con la poca esperienza della Nostra. La partita è finita quando camila non ha chiuso sul 5-3 ed aggiungo che ci può stare e le servirà tantissimo per il futuro. Per quanto riguarda il discorso allenatore , siamo nelle prime trenta , anzi mi correggo, sono nelle prime trenta al mondo e ci si è arrivati con Sergio Giorgi come allenatore. Credo che cami continuerà con suo padre e fa bene. c’è tempo per pensare di allargare il team cosa che probabilmente faranno ma in futuro quando ci sarà disponibilità.
    bene cosi quindi. lunica cosa che semai pensa sia stato un errore da parte di Sergio sono le affermazioni prima dell’incontro. se è vero quello che riportano i siti ed i giornali, affermare ” se cami serve bene vince perché è più forte” l’ho trovato un errore . Certe cose si dicono in privato e non in pubblico anche perché non servono a niente. pare che Sergio sia una persona piuttosto istintiva e quindi ci può stare. Imparerà anche lui a gestire meglio certe cose. Per il resto io resto convinto che se camila riuscirà ad aggiungere qualche variazione al suo gioco ( variazione e non cambiare) entro la fine dell’anno 2015 entrerà in top ten.

    • riccardo by riccardo

      semmai pardon

    • TEUS by TEUS

      Seppi è un ottimo giocatore e serio professionista ma non è mai stato e mai sarà un campione. A mio avviso avrebbe perso anche il match con Federer se non avesse “trovato” quel passante miracoloso sul 6-5 nel tie-break del quarto set.
      Per quanto riguarda Camila il discorso è diverso perché si intravedono doti da campionessa (altrimenti non avrebbe vinto incontri tipo quelli con Wozniacki e Sharapova) ma in certe circostanze paga ancora la scarsa esperienza. Il vero grande dubbio sul suo futuro è questo: riuscirà col tempo a essere più “fredda” qunado deve chiudere incontri importanti o resterà una giocatrice dotata di straordinario talento ma spesso vittima della propria istintività (con classe – che è una cosa diversa dal talento- ordianria quindi)?
      Considerando il carattere della ragazza, ci sono validi motivi per rimanere ottimisti a mio avviso.
      Al campo l’ardua sentenza…

    • franzo by franzo

      Camila ha detto espressamente che suo padre è il suo allenatore è che le va benissimo così. Quello he a mio parere si dovrebbe cambiare non è l’allenatore ma il suo modo di comportarsi e di interferire in campo con sua figlia. Ma come si fa a restare concentrati con uno che urla, sbraita, si agita, si rode le unghie e gratta i capelli tutto il Match? Ma povera ragazza, è già un miracolo che non lo mandi a stendere. Altro che serenità e lucidità in campo. Ma come si fa a restare concentrati se a pochi metri c’è l’allenatore che costante ti dice cosa fare? Impossibile. Ho assistito dal vivo a due partite di camila dietro lo staff e garantisco che è insopportabile per chi guarda, figuriamoci per chi gioca. Non mi risulta che le altre grandi giocatrici abbiano allenatori che ogni minuto urlano cosa fare. Sergio dovrebbe provare a non assistere ad alcuni matchs, la ragazza è grande abbastanza per gestirsi da sola il gioco, le scelte e la partita. Sulla questione del servizio una commentatrice australiana della partita contro Flaviaall’ennesimo doppio ha detto che non capiva la logica di sparare due prime e si chiedeva se Camila applicasse le consegne dell’allenatore o se fosse fatta così. Nel primo caso si chiedeva dove fosse la logica, forse nelle probabilità di azzeccare due prime? Mah resta un vero punto secondo me da tegare che nulla togliere e al gioco d’attacco di camila ma lo rafforzerebbe. Forza Camila!!!

    • farotto by farotto

      Seppi, che ammiro tanto ed è da prendere da esempio come persona e come tennista, non ha il talento di Cami. Se avesse il suo talento, rapportato agli uomini, sarebbe molto più in alto e forse oggi sarebbe ai quarti. Bisogna guardare come ha gestito entrambe le partite, una vinta e una persa alla fine estrema del quinto set. Non è la stessa cosa di Cami contro Venus, perché ha rischiato di vincere grazie a l talento, ma h a perso per la gestione. Discorso Sergio: per me non deve cambiare allenatore, m a ha bisogno di coaching gestionale fatto da chi lo sa fare bene. Vedere Masha, Genie e altre.

  66. r.b. by r.b.

    A quanto ho capito la Pennetta non giocherà la Fed Cup, quindi le convocate saranno Sara Errani e Camila Giorgi come singolariste (1. e 2. rispettivamente), Errani – Vinci in doppio e Karin Knapp come riserva.
    A parte che mi dispiace per Flavia, che finalmente poteva vincere il suo primo match, visto che quest’anno non ha ancora vinto un incontro, neanche in amichevole… ☺ e quindi vorrei smetterla di scrivere che la Pennetta non ha ancora vinto un match quest’anno (vi prometto che vincerà al primo turno a Dubai), se venissero confermate queste convocazioni, sarei enormemente orgoglioso di Camila (a Cleveland era seconda singolarista alle spalle di Karin in una nazionale comunque orfana delle migliori, e in Repubblica Ceca era riserva, anche se ha giocato un match di singolare contro Petra).
    Che dire, abbiamo una bella squadra, ma la Francia non è da meno.
    Lo so quello che sto per dire non è popolare qui, ma a me la Cornet piace, non per i suoi atteggiamenti in campo, ma perché gioca molto bene e anche come ragazza, secondo me, fuori dal campo è molto simpatica. Se poi c’è anche la Mladenovic, beh allora…. ☺☺☺ potrei davvero farci un pensierino per la trasferta…. ☺

    • r.b. by r.b.

      Ah siamo in Fed Cup, quindi il clima di tifo esasperato e nazionalistico favorirà certamente commenti molto coloriti, soprattutto durante il match Giorgi – Cornet.
      Aspettiamoci quindi altre mail ai fratelli…. ☺☺☺
      Ripeto, pur apprezzando Cornet e Mladenovic, farò un tifo pazzesco per le nostre…. Quindi nei momenti caldi gli sfotto’ pioveranno come coriandoli a Carnevale… ☺☺☺un po’ come ai mondiali 2006, quando tutti a gran voce chiedevano alla Francia di ridarci la Gioconda… ☺

  67. r.b. by r.b.

    Vi dirò di più, ma a Genova, siccome il capitano e allenatore è Corrado e non Sergio, Camila si allenerà con le sue compagne sotto le sguardo vigile di Barazzutti, e questo sarà utile anche a Sergio. È sempre utile confrontare diverse metodologie di allenamento. Sono sicuro che Corrado potrà contribuire a migliorare il servizio e in generale il gioco di Camila, ed il lavoro che inizierà a Genova potrà essere proseguito anche durante l’anno. Sì, perché per migliorare ci vuole tempo e pazienza. Proprio quella che viene chiesta a noi trombettieri, che vorremmo vincere tutto e subito, io per primo. E comunque il clima della Fed Cup farà bene a Camila, soprattutto se dovesse giocare due match di singolare. Poi si gioca indoor, anche se su terra rossa, quindi ne vedremo delle belle. Sarà un grande spettacolo, come sempre con Camila in campo.

  68. doherty by doherty

    ci rimangono solo i doppi….
    speriamo ….si puo’ fare un buon risultato

  69. doherty by doherty

    peccato per andreas….
    mi spiace tantissimo…poteva farcela..forse gli è mancata solo un po’ di aggresivita’ nel tb del quarto,dove forse ha aspettato troppo l’errore dell’avversario..
    pero’ ha giocato una gran partita !!

    • gimusi by gimusi

      eh già anche lui è stato ad un passo…ma anche questo è il bello del tennis..i match possono girare sempre

  70. r.b. by r.b.

    Purtroppo Andreas non ce l’ha fatta. In vantaggio 2 set a zero e con match point a favore nel 4. set, cede 8-6 al quinto ad un avversario comunque molto forte.
    Ieri avevo scritto che non è raro nel tennis arrivare a un punto o due dalla vittoria e poi perdere. Non immaginavo purtroppo che la mia previsione si sarebbe avverata tanto presto…. Peccato, bravo lo stesso Andreas!

  71. r.b. by r.b.

    Beh, intanto l’unica certezza finora, l’unica cosa su cui sono davvero tutti d’accordo, ed quindi è bene metterla in chiaro, è questa:
    LA PENNETTA NON HA ANCORA VINTO UN MATCH QUEST’ANNO… 🙂
    Diciamolo forte e chiaro a beneficio dei rosikoni… 🙂 🙂
    Altrettanto dato oggettivo è che negli H2H Camila è 3-1 con la Pennetta, 1-0 con la Errani, 1-1 con la Vinci, 1-0 con la Knapp e 1-0 con la Schiavone.
    Sono dati oggettivi non contestabili (salvo errori di consultazione).
    Per quanto riguarda la Fed Cup, il tifoso trombettiere deve essere contento quando Camila viene convocata in nazionale. Secondo me Camila, che è giovane e non ancora molto esperta, non potrà che giovarsi del gruppo di Fed Cup e soprattutto dei consigli di Corrado Barazzutti che le dirà certamente: “Doppio fallo no buono!” 🙂 🙂 🙂
    Il doppio fallo non è buono e va evitato, se si commette deve essere un errore occasionale e non un elemento ineliminabile del servizio.
    Poi è logico che alcune tenniste statisticamente ne commettano più di altre, a causa delle caratteristiche del servizio (se una giocatrice serve oltre l’80% di prime il doppio fallo sarà statisticamente poco probabile), ma ci sono dei limiti oggettivi, come per i gratuiti. Puoi tirare tutti i vincenti che vuoi, ma se fai 2 – 2,5 unforced a game perdi l’incontro. Allo stesso modo, con un rapporto DF/turni di servizio alti, subisci molti break.
    E poiché sono sicuro che stanno lavorando proprie per ridurre sia gratuiti che doppi falli, direi che la discussione non mi sembra di grande utilità.
    Se poi alcuni vogliono dire che Camila avrebbe potuto vincere contro Venus anche con 16 doppi falli, ok può essere, ma in prospettiva il lavoro sul servizio va fatto ed anzi, secondo me bisogna lavorare tanto sulla prima quanto sulla seconda.

    • gimusi by gimusi

      a mio avviso i df…pur non essendo certo un aspetto positivo…non sono il male maggiore del gioco di Cami in questo momento e in particolare non lo sono stati ieri…ieri sono stati decisivi i troppi “errori in generale” come ha dichiarato la stessa Cami…62 errori non forzati da tabellino!!! sono davvero troppi e a parte il numero in sè…con Venus Cami è stata con evidenza troppo fallosa…ma non c’è nulla da recriminarle ha lottato al massimo rischiando anche di vincere…ma siamo solo ad inizio stagione..continuando a giocare crescerà ancora e arriverà la continuità

      • r.b. by r.b.

        Guarda che i doppi falli SONO errori gratuiti….

        • gimusi by gimusi

          lo so r.b….ma per come Cami interpreta il servizio ci possono stare…è chiaro che devono calare ma non sono stati a mio avviso l’elemento decisivo…anche con Flavia ne ha fatti parecchi eppure ha vinto…con Venus Cami è stata troppo fallosa in generale (cioè non solo con i df)…ma come detto lavorando e giocando tanto continuerà a migliorare…sono certo che farà benissimo in questa stagione 🙂

          • by FF.CC.

            i doppo falli per me non sono un argomento così fondamentale.

            il problema nel match con Venus è stato che ad un certo punto Cami è uscita dal match punto e basta. Come a Roma.

            quando una smette di giocare smette anche di fare il proprio gioco. con il suo gioco “rischioso” Camila stava tritando la Williams poi ha smesso di giocare.

            se avesse chiuso il match nel secondo set ovviamente non avrebbe commesso i doppi falli che ha commesso in una partita di maggior durata e si sarebbe detto che grazie al basso numero di DF aveva vinto. ma non è così. qui c’è un’inversione logica del problema.

            • r.b. by r.b.

              La tua osservazione è corretta, meno si gioca meno doppi falli si fanno. Infatti io parlerei più di rapporto tra DF e turni di servizio. Non so quale sia quello del match contro Venus, ma credo che un obiettivo sia quello di rimanere sotto lo 0,5 Df/turni di servizio, che è già un valore alto.

              • doherty by doherty

                con flavia camila ha avuto il 36 % di df ,se non ricordo male con smitkova il 17,con venus il 27.
                cosa vuol dire ?
                * i df non sono l’unica variabile che determina il risultato
                * se faccio tanti doppi falli ma pochi altri gratuiti posso vincere lo stesso
                *il risultato ovviamente dipende dalla forza dell’avversaria( se cami gioca contro di me puo’ fare anche il 90 % di df che vince lo stesso se gioca contro la num 300 del mondo no)
                *comunque è uno degli aspetti che camila deve migliorare perchè la sua % è solitamente troppo alta,
                *ci son anche altre cose che vanno migliorate e ne abbiamo parlato tante volte,io le darei solo un po’ di fiducia e di tempo,in fondo è praticamente alla sua seconda stagione wta

              • enzo by enzo

                Cami ha avuto nel match con Serena esattamente 1,0 DF/turno di servizio, così suddivisi:
                1,0 DF nel 1o set, 0,71 nel 2o e 1,5 nel 3o.
                Nel 2014 ha avuto una media finale di 0,694 DF/ turno.

    • by SanTommaso

      La Pennetta non ha ancora vinto ma non è che debbiamo fare i caroselli per questo. A me dispiace che non abbia vinto a Sydney o dove ha giocato il primo torneo, che non abbia poi vinto a Melbourne mi fa piacere ma solo perché giocava contro Camila. Se dovesse vincere uno Slam, senza battere Camila sulla sua strada (come a IW) sarei pure contento, ci mancherebbe!

  72. r.b. by r.b.

    Raga ma lo state guardando Seppi? Sta giocando in maniera fantastica. Forza Andreas!

    • Franco by Franco

      Fantastico , in campo c’e’ Andrea Sepperer , giocando cosi’ puo’ arivare ovunque ….. forza forza dai dai dai …….

    • gimusi by gimusi

      certo…almeno lo sfrutto un po ‘sto eurosportplayer…ammortizzo l’investimento 🙂

      • by FF.CC.

        scusa ho una curiosità.

        ma c’è la pubblicità sul player?

        • gimusi by gimusi

          no no è assolutamente consigliabile, il prezzo è davvero buono

        • gimusi by gimusi

          non sui canali dedicati gli AO almeno…ovviamente sui canali normali sì c’è quella che si vede anche in tv

          • by FF.CC.

            grazie. mo vedo

            comunque il tennis su eurosport fa schifo!

            pubblicità ogni due game. roba da diventare matti..

  73. by SanTommaso

    Come da “tradizione” alla fine di un grande torneo mi sono preso le mie 24 ore per elaborare. Certo a metà del terzo set sarebbe stato facile scrivere “ma cavoli Camila, due punti, due maledetti punti….” oppure “ma Cami, bastava tenere un servizio!”.

    Eh già, “bastava”. Però le partite si commentano alla fine e in generale (Seppi docet, ma anche Cami a Roma dopo a Cibulkova) i tornei si commentano alla fine. Sarebbero bastati due punti ma, come per il match point con la Cornet o con la Pliskova, bisogna anche saperci arrivare a due punti dal match 8o a match point).

    Venus prima di ieri aveva vinto 7 partite in stagione, perdendo un solo set. Nessuna era arrivata a 2 punti dal match. Ce l’ha fatta Camila che paga a Venus una buona manciata di centimetri e qualche (ma solo “qualche”) anno di esperienza nel circuito. Certo, dalla sua avrebbe avuto la freschezza dell’età nel terzo set, ma avete visto come/cosa ha giocato Venus nel terzo set? E’ venuta fuori la classe della ex numero 1 del mondo e della plurivincitrice Slam, che alla fine è riuscita ad avere la meglio. Eppure… eppure quanto era andato lontano Sergio, il “provocatore” o l'”irrispettoso” Sergio dal suo pronostico sulla vittoria? Due punti. Una miseria. Certo se Cami avesse perso 6-2 6-2 allora gli si sarebbe potuto dare bonariamente del “pirla”, come si dice a Milano, ma così proprio no, anzi.

    Cosa ci portiamo via da questa trasferta? Prima le cose negative: due tornei anziché tre, e quindi qualche manciata di punti in meno, magari proprio quei 6 punti (SEI) che tra due lunedì mancheranno a Camila per il nuovo best ranking e l’ingresso per la prima volta in top30. In secundis un numero ancora piuttosto alto di gratuiti e di doppi falli, una partita che si poteva vincere con Venus e forse una che si doveva vincere con Nara. Terzo: la quasi certa convocazione in Fed Cup, che continuo a ritenere poco utile se non dannosa. Non a caso l’anno scorso le principesse di Fed hanno chiesto di non giocare il primo turno per concentrarsi sulla carriera in singolare: la Fed è un di più. Io direi nient’altro.

    Cosa ci portiamo via di positivo? Per me, che non faccio testo perché sono un inguaribile trombettiere, tante tante tante cose. In ordine sparso e non necessariamente di importanza.

    a) un “team Giorgi”. Dai racconti di Scanagatta abbiamo saputo che Camila e Sergio viaggiano con uno sparring argentino e con un fisioterapista di Pisa. Ottimo aver aggiunto, magari anche solo temporaneamente, due elementi base di ogni “team” che sono di sostegno all’atleta sia in campo che, immagino, anche fuori. Volete che Cami non scambi due battute sul film visto in aereo o sulla pizza mangiata al ristorante anche con loro? Così anche chi dice che Sergio accentra tutto e vede Camila soggiogata dal padre è sistemato!

    b) per essere i primi due tornei della stagione e giocati per di più in uno stato di forma precario dovuto all’intervento e conseguente brusco stop alla preparazione direi che non c’è male. In un modo o nell’altro si sono vinte 4 partite e perse 2. Vittoria contro la numero 1 italiana nonché numero 12 del mondo, che per il morale fa sempre bene. Si poteva fare meglio ma c’è chi ha fatto molto peggio eppure nessuno chiede la testa (o il ciuffo di capelli) dell’allenatore. Quindi possiamo darci una calmata.

    c) lo stato di numero 1 italiana nella race. Le chiacchiere sul ranking sono divertenti, ma il termometro della stagione è la race, che la WTA ha inventato per un motivo. A fine stagione i punti della race e quelli della classifica coincideranno, nel frattempo dopo 3 settimane di tornei Camila è la prima italiana a quota 190 punti con 2 tornei giocati, seguono Errani a 132 con 3 tornei, poi Vinci a 131, Knapp a 100 e Schiavone a 69. Pennetta ferma a 11 (la Camerin ne ha 17…).

    d) Camila sta bene, la spalla è ok, ha giocato una marea di vincenti, ha servito ottimamente in una delle partite vinte e, numeri alla mano, male in altre due, comunque vinte. Direi che è una cosa positiva.

    e) abbiamo allargato la cerchia dei trombettieri a giornalisti, commentatori, opinionisti e perfino cantanti, mi è stato detto.

    f) nei prossimi tornei si potrà solamente salire ancora. Anversa si gioca nelle condizioni ideali per Camila (cemento, indoor) e i due seguenti sono Premier che regalano parecchi punti. Certo, si gioca contro le migliori, ma abbiamo visto come Camila trovi stimoli maggiori contro le migliori, che non essendo tds numero 1, 2 o 3 in tornei International.

    g) la quasi certa convocazione in Fed Cup. Alt, ma non l’avevo inserita nelle cose negative? Sì, per me che sono tifoso. Ma ricordo sempre con un piacere particolare quella prima foto da Tirrenia di Camila che si allenava con la maglia della nazionale di calcio, prima ancora che venisse resa ufficiale la convocazione. Lei ci tiene a giocare per l’Italia, quindi viva Camila in Fed Cup!

    • Ace by Ace

      Sì, la Fedcup è un intralcio positivo.
      Peccato solo che sia sulla terra rossa.
      E poi c’è la Cornet che è la sola che non sopporto…

    • by atom

      ok siccome sei tu il competente di tennis…e critichi sempre i miei post, ebbene posso dirti che non condivido quasi niente della tua analisi.
      Dici che nel terzo set è venuta fuori la classe di Venus. E’ strano che nei primi due la V. non avesse classe…non riesci ad ammettere che Camila è crollata…mentalmente…dopo le occasioni perse sul 4 a 2 .con tre palle per andare 5 a 2….si è visto bene perché ha avuto almeno tre gesti di stizza e ha fatto errori di rovescio impensabili nei primi due set…fra l’altro ti ricordo che l’ultimo set non è finito 6 a 0 perché Camila ha messo tutto il suo orgoglio per strappare un game in cui V. ha avuto mi sembra 8 palle break…dunque papà Giorgi ha parlato a caso, con presunzione e non ha affatto caricato la figlia ma al contrario la responsabilizzata maggiormente…quindi oltre la brutta figura (che c’è stata) ha influito negativamente su Camila che già era tesa legittimamente per l’incontro.
      Non può essere considerato negativo un infortunio nel senso che non è attribuibile a deficienze di Camila come i df ( mi sembra circa 70 in 5 incontri) che tu invece assimili negli elementi negativi, così come parli della convocazione in FED CUP come un fatto negativo dimenticando che Camila oltre ad essere retribuita, ha un accordo proprio con la Federazione per giocare la COPPA in cambio di assistenza, allenamenti, vitto alloggio ecc ecc e al tempo di questo accordo questi “aiuti” facevano molto comodo a C. mentre per Pennetta ed Errani sarebbero stati briciole…da un punto di vista economico.
      IL TEAM GIORGI non esiste lo sanno tutti esiste solo Sergio…così come sanno tutti che la Pennetta è in un periodo di forma scadente e presto uscirà dalla TOP 20…Che nessuno critichi l’allenatore lo dici tu, basta dare n’occhiata sui vari siti di tennis…
      Essere la prima delle italiane è un risultato scontato e non era quello che tutti noi auspicavamo…noi volevamo la TOP 10 e io la vorrei ancora. Riguardo alle italiane PENNETTA VINCI SCHIAVONE sono sull viale del tramonto dopo una carriera strepitosa, La Errani lotta con gli infortuni e i fantasmi…la Knapp è bravissima ma sappiamo quello che vale…all’orizzonte c’è poco o niente…Dunque se ti basta che Camila diventi la prima delle italiane…ok a me no..e comunque vuol dire limitare i nostri sogni che erano e sono ben altri..
      La spalla è ok? Veramente è un anno che è ok…e se ha saltato un torneo e’ stato per altro. Che giochi bene è vero ma se fa di media 15 df a incontro come ha fatto negli ultimi 5 non puoi andare molto lontano…
      IO COCLUDO EL DIRE CHE SONO CONVINTO CHE CAMILA HA LE POTENZIALITA’ PER ENTRARE IN TOP TEN E MI ARRABBIO QUANDO VEDO TANTO TALENTO SPRECATO…

      • r.b. by r.b.

        Scusa, ma a me sembra davvero difficile che le 3 palle break siano state giocate male da Camila (o bene da Venus) solo perché Sergio aveva detto che sua figlia avrebbe vinto. A me fanno venire in mente le dichiarazioni di circostanza dei pugili prima di ogni match, sempre e comunque proclami di vittoria. Ma Sergio sa benissimo quanto siano forti le avversarie. Altrimenti perché Camila dovrebbe migliorare? Se è già la più forte, basta continuare così, non c’è da migliorare niente. E invece c’è da migliorare tutto, perché Camila non è ancora la più forte. E Sergio lo sa bene.
        Perciò non condivido affatto la tua opinione.

      • by SanTommaso

        Urca, nervosetto? Comunque guarda, ti rispondo punto per punto come facevo ai tempi in cui qui scrivevano certi elementi che mal interpretavano i miei post. E’ comunque un esercizio di retorica ed è pure divertente. Allora…

        Impariamo l’analisi logica, lezione 1: “Cosa ci portiamo via di positivo? Per me (…)”
        PER ME. Perché dici (ironizzando) che sono competente e (seriamente) che non condividi quasi niente della mia analisi? La mia non è un’analisi, sono impressioni MIE che, al contrario di quello che fai tu quando dici ad esempio “Ma possibile che non si colga a ovvietà” e “rassegnamoci tutti”, pretendi di dare una lettura che sia assoluta. Tu vuoi che ci rassegnamo tutti e che tutti cogliamo l’ovvietà, io dico che… “PER ME”. Non sei d’accordo? Ovvio, ci mancherebbe. Ma io mica punto a convincerti come fai tu con tutti.

        Continuiamo: “non riesci ad ammettere che Camila è crollata…mentalmente…”.
        No, non ci riesco. Ho letto anche io su internet, ma magari sai, leggiamo siti diversi. Tu leggi analisi di chi ha giocato una volta la Coppa Cobram e di chi ha il numero di telefono di un amico del custode del campo dove si allena Tizia… io ho letto analisi di giornalisti che hanno 130 Slam alle spalle di esperienza o che di mestiere guardano tennis tutto il giorno (dal vivo) e ne scrivono (sul posto), e quasi tutti hanno ravvisato una crescita di Venus nel terzo set, una migliore lettura da parte sua dei colpi di Camila e un maggior numero di vincenti. La menata del crollo mentale è solo tua e di altri che scrivono sempre di psiche, la verità è che i crolli a livello mentale ce li hanno quelle che sgambettano mutande all’aria dopo aver vinto al terzo in Australia, o si mettono a piangere mentre giocano la finale di Wimbledon.

        “l’ultimo set non è finito 6 a 0 perché Camila ha messo tutto il suo orgoglio per strappare un game in cui V. ha avuto mi sembra 8 palle break”
        Quindi quando Camila perde i game è perché ha un crollo MENTALE, quando li vince annullando 8 palle break è perché ha ORGOGLIO. Mah, curioso che tu utilizzi termini diversi per, sostanzialmente, la stessa cosa: cioè un game all’interno di un set. In quello prima, perso, ha avuto un crollo mentale, in quello dopo, vinto, ci ha messo orgoglio. Come se dicessimo di un giocatore X: che schiappa, ha perso questo punto. Eh ma che culo, ha vinto quest’altro! Comodo così eh?

        Parlo della Fed Cup come di qualcosa di negativo perché si tratta di allenarsi per una settimana sulla terra rossa, giocare (forse) sabato e domenica sulla terra e volare domenica sera ad Anversa per giocare lunedì, ma più propriamente martedì, sul cemento. Con (se va bene) due ore la mattina e due ore il pomeriggio del lunedì di allenamento su una superficie che è l’opposto di quella su cui ci si è allenati la settimana precedente. Posso dire che questo è negativo, per me? O no?

        “IL TEAM GIORGI non esiste lo sanno tutti esiste solo Sergio”
        benissimo, quindi il fisioterapista e lo sparring parlano con Sergio, che riporta (forse) a Camila, che risponde a Sergio che riporta (forse) allo sparring e al fisio. Anche i palleggi e i trattamenti li fa Sergio. Anche alla clinica di Pisa, mica ci vanno: Sergio ha fatto costruire un set cinematografico e ha pagato due comparse, in realtà è lui che fa fare gli esercizi di stretching e di movimento del busto e delle spalle a Camila. Quello che ha rilasciato un’intervista di 5 minuti a Scanagatta è Sergio che ha abilmente modificato la voce, ha inserito la modalità “accento toscano” e ha raccontato cose che nella realtà non avvengono alla Clinica San Rossore di Pisa. Anche la Fisiokineti di Pisa, di cui Camila indossa un marchio sui vestiti visibili anche in questa pagina, non esiste, l’ha fondata Sergio con un prestanome. Non esiste nessuno che segue Camila, esiste solo Sergio. Lo sanno tutti, o lo sai tu che credi di essere “tutti”?

        Il discorso sul diventare numero 1 d’Italia in relazione al ranking l’hai inventato di sana pianta. Io ho detto (ed è vero, e puoi controllarlo), che Camila è la numero 1 italiana della race ad oggi. Significa che è quella che ha fatto più punti di tutte (giocando anche un torneo in meno della Errani, ma facciamo finta di niente). Oggi per essere numero 1 d’Italia bisognerebbe essere la numero 11 del mondo. Ci farebbe schifo? Camila ha detto che un obiettivo è essere la numero 1 d’Italia per il 2016, significa alla fine dell’anno. O credi che Pennetta ed Errani possano uscire dalle 30 ora di fine anno, oppure l’obiettivo di Camila è arrivare attorno alla posizione numero… quanto saranno Errani e Pennetta a fine anno? Facciamo 15 e 20? 18 e 22? 120 e 346? Più verosimile una delle prime due no?

        Io concludo dicendo che tu pensi che Camila abbia le potenzialità per entrare in top10 e ti arrabbi quando vedi talento sprecato. Cioè, dai per assodato che Camila non entrerà mai nella top10? Oppure manca un pezzo nella tua frase, pensi che Camila possa entrare nella top10… quando? Tra due mesi? Tra un anno? Tra cinque? In ogni caso, è inutile arrabbiarsi ADESSO. Aspetta almeno di vedere come andrà la carriera di Camila, poi potrai dire quello che vorrai.

    • eulondon by eulondon

      Interessante questa dei cantanti.. Di chi parli, se e’ possibile saperlo.,

      • by SanTommaso

        Cesare Cremonini su twitter. Sì, ok, avessi detto Bon Jovi… 😀 ma tant’è!

        • eulondon by eulondon

          Ah ah! Va bene lo stesso. Per ora sappiamo accontentarci 🙂

          • hector by hector

            Quando Leone di Lernia diventera’ un fan di Camila raggiungeremo il nirvana. O preferiresti gli Shampoo?

  74. r.b. by r.b.

    Mah forse ci stiamo riflettendo troppo. Il fatto che una partita sia quasi vinta per 2 set a zero, ma poi alla fine venga persa è capitato un po’ a tutte, anche alle più forti.
    Ne ricordo almeno due o tre di Ana, sono situazioni non dico frequenti ma che accadono abbastanza spesso,addirittura con match point a favore.
    Ora, è chiaro che la partita poteva andare diversamente, sulle 3 palle break consecutive poteva succedere di tutto, Venus ci ha provato e le è andata bene, e comunque non sarebbe finita neanche sul 5-2 e servizio. Quindi, dimentichiamo quello che è accaduto e concentriamoci sul prossimo torneo.
    Capisco che c’è ancora la seconda settimana degli AO e dei nostri è rimasto solo Seppi, comunque una settimana di allenamenti farà bene a Camila.
    A proposito, prossimo torneo?

    • Ace by Ace

      Il we 7-8 Febbraio c’è la Fedcup e lunedì 9 inizia Anversa.
      Hai ragione, la cosa migliore è tornare a giocare.

  75. entropia by entropia

    …non l’ho mai visto giocare, non ero ancora nato quando successe quello che è successo…
    dicono che svolazzasse imprendibile sul campo come una farfalla con le ali color granata… il suo numero era il sette, giocava in avanti ed era talmente avanti da saper dare rispetto e dignità ad un pollo… ho avuto la fortuna di conoscere giocatori della Nazionale di quel periodo, in particolare uno… lui, quando ci parlavo, mi faceva entrare nell’album delle figurine, perchè, per intenderci, Zoff non era Zoff, era Dino, Trapattoni non era Trapattoni, era Giovanni… ma quando parlava di Gigi, di Gigi Meroni, bè allora si entrava nel mito, nella riconoscenza di averci potuto giocare insieme e nel ricordo di quell’Italia-Argentina in cui segnarono entrambi… credo che in tanti abbiano cominciato a tifare Toro proprio perchè ci giocava Meroni… vi domanderete perchè ed io rispondo che probabilmente Meroni sapeva trasmettere emozioni così variamente colorate alle quali chi preferisce la tavolozza al carboncino per darsi una risposta a cosa possa essere la realtà non sapeva resistere…
    Non tifo Toro, mi sono perso Meroni, ma è possibile che molti tra coloro che a quei tempi si sono innamorati di Gigi, se oggi seguono il tennis femminile allora tifano Camila Giorgi… perchè appartengono a quella categoria di persone che tendono alla vittoria, vogliono la vittoria (e chi non la vuole e la cerca in special modo in una competizione sportiva?), si arrovellano e si dispiacciono se la vittoria non arriva, ma hanno chiaro in mente che comunque la vittoria è il momento, l’attimo finale di un passato vissuto e goduto perchè la vittoria ne potesse diventare conseguenza… e se quel passato è pregno di emozioni, soddisfazioni, di bello nel gesto atletico, di potenza ‘fidiana’, se è espressione di fierezza, di poter dire ‘io tifo per quella lì’, di avere la certezza che quel passato si ripeterà più e più volte e che prima o poi avrà inevitabilmente come compimento la vittoria, allora miei cari amici, nemici e non degni di attenzione, non vale la pena tuffarcisi dentro entusiastici di averlo vissuto e bramosi che si ripeta il prima possibile? Il giorno in cui Camila vincerà qualcosa di grande ed entrerà nella storia ed anche e specialmente nell’immaginario di chi vive la competizione in maniera antistorica perchè solo alla vittoria dà un senso, quel giorno quelli che da sempre hanno amato il gioco di Camila ed il suo “modus essendi” (che, non so, forse è un latinorum ma rende…) saranno gli unici a non dire “io l’avevo detto!”…
    Oddio! C’è anche una maniera per non godere mai eh!?
    C’era un certo Sisifo, che si narra avesse fatto uno sgarbo a Zeus avendo reso pubblica una delle sue tante scappatelle; il padre di Camila, per vendicarsi, lo aveva condannato a spingere un masso pesantissimo in cima ad un colle, ma quando il nostro giungeva in cima spossato dalla fatica, il masso rotolava giù per il pendio e lui era costretto a rispingerlo su nuovamente, e questo in eterno… per intenderci, da qualche parte non so dove, Sisifo è ancora lì che spinge… per non godere, basta che ogni volta che Camila vince, uno cominci a girare intorno al proprio masso in attesa della sconfitta che lo rispinga giù, senza godere della passata vittoria ma anelando alla successiva sconfitta vuoi per troppi doppi falli, o problemi di mente o per improvvisi conati di vomito…

    CAMILA, HA PROPRIO RAGIONE IL BIG, ORMAI MANCA SOLO QUEL QUARTO D’ORA!

    • Ace by Ace

      Io sono ancora più ottimista. Sono mancati 2 punti!
      E non è grave, arriveranno anche quelli!

  76. by atom

    Leggo commenti di ogni tipo. Ma possibile che non si colga a ovvietà? Camila è crollata nel terzo set…ok? Se non è un fatto fisico perché lei è fortissima fisicamente è per forza n crollo mentale. Ribadisco che non è vero che lei è fredda…anzi è molto emotiva…Dunque lavorare si, ma su questo fattore. Sono capaci di farlo? Se la risposta è negativa…rassegniamoci tutti…

    • by cercasifuturiroger

      Il miglior commento l’ha fatto Venus, ha riconosciuto potenzialità importanti di Camila mentre da grande campionessa ha intravisto la necessità di gestire meglio la pressione. Soprattutto sulle tre palle del doppio break a favore.

    • Ace by Ace

      Anch’io crollo al terzo commento di Atom, un crollo mentale.
      Sarò troppo emotivo?
      Però non mi rassegno! 😉

    • by SanTommaso

      Vai: mutismo, rassegnazione, terrore e morte. Io non ce la faccio veramente più, ad ogni singola sconfitta di Camila, a leggere sempre le stesse cose. La tua difesa è sempre: “ma insomma, non possiamo dirlo?”. Certo, per carità. Ma se restano parole al vento, cosa ti spinge a continuare a dirle? Vuoi convincere qualcuno qua che servirebbe un cambio di allenatore? O un affiancamento? Non devi convincere noi ma Camila, e lei si è già espressa più volte. Giusta o sbagliata è una sua scelta e meriterebbe un po’ più di rispetto da parte tua.

      • by atom

        va bene, sono ripetitivo ma è segno di coerenza…Ogni volta vedo rafforzarsi le mie tesi…e il tempo passa…solo na piccola domanda..perché i migliori hanno assunto coach come Becker, Edberg, Chang, Mauresmo ecc ecc per imparare a giocare o per avere supporto psicologico-mentale? Se io ripeto le stesse cose tu motiva le tue riserve e fammi cambiare idea…Il problema è che non hai argomenti

    • by FF.CC.

      sono d’accordo è un fatto mentale. ed il crollo è avvenuto nel secondo set sennò il terzo non si sarebbe giocato.

      sula fatto che non si lavori su questo aspetto non so niente quindi mi astengo, anche se credo che su certi aspetti si possa lavorare poco. crescerà comunque come atleta e come donna e diventerà più forte anche mentalmente

  77. gimusi by gimusi

    un piccolo componimento serale in terzine per la bimba e per tutti i trombettieri…folli e contenti

    A noi cui piace ragionar di Cami
    su le vittorie sue e le sconfitte
    sul perché la si odi o la si ami

    su quelle sue pallate forti e dritte
    che fan tremare tutti i continenti
    e per le sofferenze al cuore inflitte

    soffiam con le trombette a tutti i venti
    “siam qui con te o Cami oggi e per sempre
    pazzamente folli, folli e contenti”.

  78. fabius by fabius

    Il miglior omaggio alla prestazione di Camila lo fa il Daily Mail, titolando:
    Not going down without a fight! Tennis stars Venus Williams and Camila Giorgi get agressive as they battle it out on the court at the Australian Open

    Prego notare il plurale, stars.
    Pubblica anche una bella serie di foto

  79. Giovaneale by Giovaneale

    Faccio tris e riporto anche le parole di Camila
    “Ad un certo punto della partita ho cambiato strategia, volevo spostarla e ho fatto qualche errore di misura, avevo troppo fretta. Lei si è sciolta, io sono calata.
    Sono momenti che devi cogliere, se non li prendi poi la partita rischia di sfuggirti. Nel terzo set ho avuto troppa fretta di chiudere gli scambi. Cercavo il lungo linea perché vedevo il campo aperto”.
    “Devo lavorare ancora per eliminare i miei alti a bassi. Come trovare la giusta continuità? Con il tempo e l’allenamento, giocando sempre di più. In questo senso penso già di essere migliorata”.

    • by cercasifuturiroger

      Analisi ponderata e molto coerente da parte di Camila. Unica cosa che non ho capito: quando Camila faceva molto male sulla diagonale dritto di Camila contro dritto di Venus con quest’ultima che spingeva di più sul rovescio non poteva adottare delle contromisure? All’inizio lo schema tirare lungo al centro e spingere con il dritto sul dritto di Venus è stato perfetto, probabilmente in quel momento con Venus che in allungo le giocava sul rovescio qualche colpo interlocutorio in più andava giocato. Anche perché non puoi avere troppa fretta nel concludere gli scambi quando l’altra ti ha preso le contromisure e inizi ad avere un momento di appannamento. Il match poi secondo me è girato quando sul 2 pari ha sbagliato un rigore a porta vuota affondando un colpo in rete. In quel momento andava 3-2 mini-break e due servizi. Poi dopo Venus ha giocato un gran colpo. Siamo comunque sulla buona strada, molto lentamente ma miglioramenti ci sono.

  80. hector by hector

    Si scoprono in continuazione nuovi affiliati al “Grande Ordine dell’Inconsistenza delle Avversarie di Camila”. Chissà se il loro Gran Maestro lo è anche di tennis….

    • by cercasifuturiroger

      E’ il gioco delle parti. Pensiamo nel medio-lungo periodo, fa nulla che “il bambino Vince” balli e faccia la macarena sui tavoli. Tempo al tempo :).

  81. by ps.t.

    Camila, nell’intervista su Ubitennis, ha detto che non si vede su un campo da tennis quando avrà l” eta di Venus, infatti a 34 anni vorrebbe fare un altro lavoro.

    • by atom

      speriamo che non ce la mandino…

      • Ace by Ace

        Atom, poi ti lamenti quando ti ci mandiamo noi…

      • by SanTommaso

        E chi dovrebbe mandarcela? Sergio? Quello che le ha detto se voleva cambiare allenatore? Basta trattare Camila come una bambina di 5 anni, non li ha da un pezzo. Ribadisco: abbi più rispetto.

    • AlterEgo by AlterEgo

      Rappresentanti di Maalox, affrettatevi a fare il giro delle farmacie, avete solo 10 anni di tempo per rivendere tutte le scorte ai vostri clienti e arricchirvi a spese dei rosikoni… 😉 🙂 😀

  82. by claudio

    Buonasera a tutti,
    peccato per la sconfitta. Peccato davvero per come è maturata. Capisco, eccome se capisco. Le partite finiscono solo quando ci si stringe la mano a rete. Prima non lo sono mai. Si guarda avanti, facendo tesoro. Come disse Ivan Lendl “le sconfitte aiutano a vincere”. Si sa, troppi errori gratuiti e doppi falli e la partita è andata. Tennis percentuale. Fai un tennis percentuale, grida il mio maestro. Ed io mi chiedo: “come non lo so? Certo che lo so! Basta farlo. Appunto. È facile farlo ed è lì che inizia il difficile”. Non si tratta di avere un piano A o B o Z. Bisogno leggere l’incontro e le sue variazioni. Gilbert dice di imparare a conoscere “chi fa cosa a chi” e di prendere le misure e le contromisure. Illuminante quello che ha detto Camila, voleva chiudere in fretta. Sempre Gilbert “non mettermi fretta”, continua a fare quello che stai facendo, non accelerare, non rallentare il tuo passo. Sempre Lendl, quando era in vantaggio non cambiava mai ritmo mentre quando era sotto provava a spezzare il ritmo dell’avversario, rallentandolo. È difficile giocare e pensare insieme, ma è fondamentale.
    Come Camila, mi ritengo soddisfatto, ho visto del bel gioco agli AO, qualche sbandata, è vero, ma non sarebbe stata Camila se tutto fosse filato liscio. Solidità ed autorevolezza nel condurre il gioco, a tratti dominio. Certo Brad Gilbert, con studio, adattamento ed intelligenza tattica riusciva a mettere in difficoltà, e a vincere, contro Becker, “gran picchiatore”. Lo stesso Agassi faticò spesso contro Sampras, più accorto e meno spinto. Sono fiducioso, ho fiducia in Camila. Mi è sufficiente e di conforto. Comunque finalmente ho ricevuto la pure control montata con luxilon 4G, esordio con sconfitta purtroppo ma è una magnifica sensazione impugnare la ExCamibur! Grazie Camila grazie! Ormai la pure drive è scesa al secondo scalino.

    • doherty by doherty

      mi fa’ piacere che a qualcuno citi winning ugly
      la sua lettura mi ha insegnato tante cose…peccato che a causa dell’eta’ sia quasi sempre infortunato e riesca giocare poco,perchè consente di cambiare il proprio modo di stare in campo e sfruttare tutti quei particolari “invisibili” che possono fare la differenza

      • by claudio

        Libro interessante, ricco di spunti soprattutto per i giocatori da club. Ti comprendo bene Doherty, sono uscito da un infortunio al polso che mi ha tenuto lontano dal campo per un po’. Una preparazione fisica più attenta e un riscaldamento più prolungato aiutano nella prevenzione degli infortuni.

        • doherty by doherty

          hai ragione…infatti ci sto’ attento …
          ma il problema principale sono gli anni…vado per i 50 ahime’…

  83. Giovaneale by Giovaneale

    Permettetemi di raddoppiare..per chi se le fosse perse ecco le parole di Venus sulla partita e soprattutto su Cami…oh…il palmares di Venus non lo riporto ma qualcosa di tennis dovrebbe capire,ben più di chi “Alias” o Siniakova (Smitkova) 🙂
    Buona lettura…
    Venus Williams : “Camila stava giocando molto bene, un tennis impressionante e così aggressivo. Tutto le stava funzionando, è la prima volta che l’affrontavo, trovare il ritmo con lei non è per nulla facile. Sul 4-2 0-40 nel secondo set mi sono detta: Ok, proviamo a tenere il servizio, anzichè “dannazione, è quasi finita!”. Lei ha un potenziale da top 10, ha un grande gioco.
    Sta salendo nel ranking, più gioca più impara le cose del circuito. Deve gestire meglio la pressione, una delle cose più dure da imparare.
    Quando servi 2 prime palle, puoi avere più doppi falli. Non so cosa abbia fatto nei match precedenti, ma oggi serviva sempre la prima di servizio. Certo, prendi rischi, ma otterrai anche tanti punti servendo due prime palle di servizio”.

    • gimusi by gimusi

      bellissime parole…e le condivido appieno…purtroppo restano solo parole parole parole….tutti sappiamo da anni che le potenzialità di Cami sono elevatissime…e che sta crescendo…il fatto è che non vediamo l’ora di assistere al definitivo BOOOOOOMMMMMMMM…i consigli di Venus sono utilissimi ma il modo migliore per imparare a vincere resta quello di sempre: cominciare a vincere con continuità incontri importanti…e ieri era una maledettissima buona occasione sfiorata…comunque ci sono tutti i presupposti perché questa sia finalmente la stagione giusta…

    • doherty by doherty

      è vero che servire due prime puo’ darti piu’ punti ma,bisogna trovare una giusta misura.
      pero’ 16 df su 58 seconde sono troppi…27%
      vuol dire che piu’ di una su quattro è sbagliata…
      diciamo che un % giusta dovrebbe essere il 15 (circa una su 6)

    • by cercasifuturiroger

      Alias quello che, in termini di previsioni, ha sbandierato la finale di Errani a Auckland? Oppure l’altro che non ha avuto il coraggio di chiedere scusa confondendo Smitkova con Siniakova. Ma che parliamo a fare? 🙂

      • by SanTommaso

        Ma infatti lasciateli divertire poveracci, che gli rimane solo questo. Alias una volta scriveva “articoli”. Ora sono “commenti” e per avere più spazio deve ripiegare dall’amico che confonde le giocatrici e di “dimentica” di raccontarci la partita tra Errani e Wickmayer…caso strano eh?

  84. gimusi by gimusi

    tra le certezze che questi AO mi lasciano è che Cami sta continuando a crescere e a migliorarsi…purtroppo ieri qualcosa le è mancato soprattutto a partire dalla metà del secondo set e i tanti errori commessi hanno finito per segnare in modo decisivo la partita…Cami ha lottato con il solito coraggio palla su palla arrivando vicinissima alla vittoria…oltre agli errori credo che la differenza l’abbia fatta anche la grande esperienza di Venus (sul 2-4 0-40 sotto di un set quante altre avrebbero reagito così?)…l’inizio di questo 2015 è in ogni caso ottimo…il 3T raggiunto è il miglior risultato agli AO ed è un buon viatico…Cami nelle interviste post partita appare positiva motivata ed ottimista…sono convinto che questa stagione si regalerà e ci regalerà molte altre soddisfazioni…

  85. Giovaneale by Giovaneale

    Ciao a tutti,scusate l’assenza dettata soprattutto dalla scaramanzia..Cami vinceva e non volevo alterare minimamente il fluido positivo del suo blog e di voi trombettieri.
    Sperando di fare cosa gradita riporto le riflessioni di Alessandro Nizegorodcew tratte da spaziotennis

    “Le mie personalissime impressioni sui match della notte (e mattina) italiana, con un occhio di riguardo per il match di Camila Giorgi.

    La Giorgi e i luoghi comuni. Camila Giorgi ha perso una bella occasione. Avanti 6-4 4-2 e 0-40 su servizio Williams ha dilapidato tre palle break consecutive che le avrebbero probabilmente permesso di chiudere il match. Un match giocato fino a quel momento in maniera straordinaria impostando lo scambio sulla diagonale di diritto, ma senza aprire in maniera esasperata gli angoli. Venus ha commesso tanti errori, a causa della pressione incessante della Giorgi. La partita è scivolata via sino al 6-4 4-2 0-40, momento in cui si è deciso il match. Camila ha giocato molto male quelle tre occasioni, le ultime vere chance della sua sfida. Nel tiebreak la Williams ha giocato un paio di colpi impressionanti (un passante in corsa di diritto eccezionale) e nel terzo, nonostante la Giorgi non abbia mollato (ha vinto un game di servizio durato un quarto d’ora, e non è per dire: è durato proprio 15 minuti!), Venus ha deliziato il pubblico. Ed eccoci a smontare i luogi comuni:

    1 – No, la frase “è sempre la Giorgi a decidere le proprie partite nel bene e nel male” non è reale. E’ vera contro un certo tipo di giocatrici, ma quando si sale di livello non vale più. E oggi ne è stata la dimostrazione. Venus ha iniziato a leggere i colpi di Camila, si muoveva prima, ha sfruttato lo slice da destra in maniera impeccabile. La Williams ha dominato dalla fine del secondo set con pieno merito. I demeriti della Giorgi sono legati alla fine del secondo set, dal 5-4 per Camila la partita non c’è stata più.

    2 – 8-0 Venus. Forse in pochi se ne sono resi conto ma Venus Williams è in una condizione fisica strepitosa. Nel terzo set è addirittura cresciuta dal punto di visto del rendimento fisico. Non a caso nel 2015 “Venere” ha vinto 8 partite su 8 perdendo solamente 2 set su 18. Aga Radwanska, sua prossima avversaria, tra l’altra anch’ella in grande forma, avrà tante difficoltà.

    3 – Basta con l’alibi Sergio Giorgi! Non è possibile che ad ogni sconfitta di Camila Giorgi si cominci a parlare delle colpe del padre in tribuna. La tensione che le trasmetterebbe, la gestione sbagliata della figlia. Ma basta! Per mettere in piedi certe accuse le persone bisogna conoscerle. Camila deve imparare a gestire la propria tensione, del padre in tribuna lei, per dirla in parole povere, se ne frega altamente. Alcuni credono che la personalità del padre schiacci la figlia. E se vi dicessi che, qualora fosse vero, sarebbe il contrario? La personalità di Camila è a tratti disarmante per chiunque. E non fatevi ingannare dalle conferenze stampa…

    4 – Il bicchiere mezzo pieno. Già tutti si sono dimenticati che la Giorgi arrivava a Melbourne dopo una preparazione spezzata dall’intervento chirurgico alla bocca. Ci si aspettava poco dalla trasferta “down under” e invece le cose sono andate piuttosto bene. Camila è in ritardo rispetto alle sue coetanee, ma il tempo perso verrà recuperato. Il 2014 è stato il primo anno, senza infortuni, nel quale ha giocato con grande continuità. Il 2015 sarà dunque la seconda stagione (speriamo) completa. E a fine anno si potranno iniziare a definire le giuste prospettive di carriera.”

    Dopo le impressioni dell’illustre Alessandro concludo con le mie,molto più sintetiche.
    Cami ha avuto un sorteggio difficile affrontando Flavia,ha vinto meritatamente e contropronostico.
    Poi la Smitkova,prova del 9 superata alla grande con un primo set fantascientifico.
    Contro Venus partiva ancora più sfavorita visto l’ottimo momento di forma e il blasone della maggiore delle Williams.E’ arrivata una sconfitta ma sicuramente non esce con le ossa rotte.
    Cami ha dimostrato che fino a quando è in totale controllo del suo gioco quest’anno fa molto più male soprattutto in risposta.Nella parte centrale del secondo set ha preso meno rischi (almeno io l’ho vista così),ho visto la sua palla finire quasi corta,senza cercare esasperatamente le righe e questo vuol dire che gli accorgimenti tattici ci sono ma solo per chi li vuol vedere..poi qualcosa si è inceppato,le occasioni sprecate sul 4-2 prima e sul 5-4 e servizio dopo mentalmente l’hanno mandata in confusione e quando ciò avviene la risposta scompare come scompare definitivamente la prima di servizio,già di per se deficitaria in termini di percentuali.In quelle condizioni con le altre te la giochi lo stesso,con Venus è la fine.Ma Venus è una campionessa con dei colpi da campionessa quindi la sconfitta è molto meno amara.Terzo turno positivissimo,avanti così!
    Forza Cami!
    Un saluto a tutti e vi anticipo una cosa..ad Anversa sentirete di nuovo le trombette riecheggiare

    • doherty by doherty

      d’accordo con alessandro n.

      io sono contento della partita di camila…ha perso,ma è stata vicina alla vittoria con una delle piu’ grandi giocatrici di tutti i tempi.
      sicuramente ci sono delle cose da migliorare e questo succedera’…
      c’è ancora tempo…
      mancano 2 anni….

      vamoooooooooooooooos !!! camila…

    • gimusi by gimusi

      tutto condivisibile…però a me Venus non mi ha affatto impressionato…ha certamente mostrato tenuta fisica e grandi colpi…ma resto convinto che una Cami più centrata e solida le avrebbe dato comodamente un 6-2 6-2

      • doherty by doherty

        beh se nemmeno una che ha tenuta fisica e grandi colpi ti impressiona cosa vuoi vedere di altro ? 🙂
        certo cami poteva vincere,ma il tennis è pieno di partite quasi vinte e poi perse

        • gimusi by gimusi

          se si punta al top del top bisogna confrontarsi col top del top…e Venus per quanto forte non è certo il futuro del tennis…sono stati gli errori di Cami ieri a tenerla in vita…poi lei è stata brava con l’esperienza a far girare il match dalal sua parte…ma se guardiamo alle top ten il livello è decisamente un altro…e mi pare che Cami voglia e possa e debba puntare a quello

          • doherty by doherty

            sicuro…
            ma per me oggi venus ha giocato da top ten
            settimana scorsa ha battuto wozniacki

            • gimusi by gimusi

              su questo ho i miei personalissimi dubbi…è una grande giocatrice ma non mi ha impressionato così tanto…non ha la continuità di colpi delle top attuali…vedremo cosa combinerà nei prossimi turni…sono pronto a rivedere i miei giudizi 🙂

  86. avadar by avadar

    Sui 2 aspetti negativi che ha sottolineato Ace, il cui post x il resto condivido….
    vanno assolutamente perdonati….
    quando le cose sono fatte spontaneamente e senza secondi fini non c’è nulla di cui pentirsi….
    Sergio è istrionico, ma i suoi comportamenti non sono certo studiati….quella frase non avrebbe dovuto dirla??? anche se la pensava?? Forse, ma non c’era mancanza di rispetto verso Venus….
    così come non c’era mancanza di rispetto da parte di Cami quando è uscita senza salutare….incavolata nera è sgattaiolata via, ma anche qui comportamenti spontanei e reazione comprensibilissima x l’esito del match….

    mancanza di intelligenza???? mancanza di tattica anche nella comunicazione e nei comportamenti???? oltre che sul campo????
    forse, ma non c’è tattica quando sei spontaneo….
    “Venus?? non la conosco, sono cresciuta vedendo Sampras e Rafter”: in quante avrebbero detto così??? su 100, 99 avrebbero risposto quello che tutti avrebbero voluto sentire e dato x scontato: “ho il massimo rispetto x Venus, è una grande campionessa”, ecc ecc ecc bla bla bla….
    solo Cami poteva rispondere come ha risposto!!! Eccezionale!!! Tutti spiazzati da una risposta sincera e vera….
    non confondiamo l’originalità e non paragoniamola: essere originali vuol dire essere unici!!!

    e questo è il tennis di Camila….originale!!!!!
    a me piace un sacco….e sapete perché??
    Perché con lei non puoi mai dare nulla x scontato………..
    È in grado di vincere o di perdere….contro chiunque….x questo mi fanno ridere le tabelle di marcia e i ruolini e le previsioni e le aspettative…..può vincere il prossimo torneo, non importa se è uno Slam o un international, così come magari può uscire subito…..
    non ci sono aspettative che tengano con personaggi così unici e originali come Sergio e Cami….
    + ci sono aspettative e + saranno smentite…..

    si paragona Sergio ad altri coach, dovrebbe fare così, dovrebbe fare cosa’…..Sergio è un personaggio che non si è mai visto a bordo campo??? E allora???
    Questo è il suo modo di affrontare il tennis e la vita….
    “mani nei capelli, esultanze fuori luogo….ma quando mai si sono viste da un allenatore??”, dicono i +….”atteggiamenti che finiscono x danneggiare Camila” rincarano gli altri….

    amici, di personaggi prestampati e scontati ce ne sono a miriadi….
    l’unica cosa certa è che Sergio e Cami non fanno parte della categoria…….
    così come il loro tennis………attraente e affascinante come non ne vedo in giro…………..

    • Ace by Ace

      Hai ragione!
      Li ho sottolineati per obiettività. In realtà io a Camila e Sergio perdono tutto!
      Aggiungo che non è vero che a Camila il doppio non piace…lei lo gioca già…con Sergio! E sono fortissimi. Hanno fatto tutto a modo loro e lo stanno facendo alla grande!

  87. gimusi by gimusi

    ecco gli highlights…dasvidania 🙂

    https://www.youtube.com/watch?v=kj8NE7gBe9Y

  88. r.b. by r.b.

    In realtà sono contento per Madison. E anche per Muguruza. Vuol dire che le giovani ci sono. C’è anche Camila, anche se oggi ha perso. Già da Dubai e Doha ci sono in palio punti importanti. Poi Indian Wells e Miami…. Le giovani sono pronte. Nella futura top 10 vedo Camila, Keys, Muguruza, Bencic e Pliskova… oltre a quelle che già ci sono…. Vediamo, comunque già da quest’anno una di queste può vincere uno slam.

    • by cercasifuturiroger

      Ho molta fiducia in Madison Keys. Può fare grandi cose. Ha giocato benissimo contro la Kvitova.

  89. Ace by Ace

    Tu la partita l’hai vista su Canale 5?

  90. boy by boy

    Persa per strada Camila….ora mi resta solo un cavallo.
    Come la vedete Genie? 🙂

    • r.b. by r.b.

      Molto bene, ormai lei è una top 10, però attenta perché l’anno scorso fece semifinale e se non dovesse confermare….

      • boy by boy

        io ho sensazioni positive….ha vinto sempre in scioltezza finora…..attendo il quarto con Masha per altre valutazioni.

  91. Ace by Ace

    Torneo molto positivo. Ovvio che si poteva portare a casa un’altra vittoria, quasi fatta, con Venus, ma è mancata un po’ di esperienza. Forse ce n’era troppa dall’altra parte della rete.
    Solo 2 aspetti negativi: la sparata di Sergio che Camila avrebbe vinto perché è più forte di Venus(è vero e lo si è visto per un’ora, ma non andava detto) e il mancato saluto di Cami all’arena uscendo.
    Per il resto ci sono stati: punti, soldi, esperienza, gioco, spettacolo, miglioramenti tattici, vittorie e soprattutto la dimostrazione che il potenziale di questa giocatrice è veramente impressionante. Vista la situazione di una settimana fa, non vedo perché non si debba essere soddisfatti. Non si può immaginare che il processo di maturazione avvenga in qualche ora. Bisognerà passare attraverso situazioni del genere e uscirne vincenti. Ora non bisogna snobbare neanche la più piccola occasione e continuare su questa strada con determinazione e umiltà. Il grande salto avverrà negli Slam, ma dovrà essere preparato nei tornei minori.
    Posizione ranking 31(max 32 direi), la direzione è giusta!

    • TEUS by TEUS

      Riguardo le “esuberanze” del padre (d’altronde ognuno ha la propria personalità e perciò lo considererei un peccato veniale seppur evitabile), credo sia ormai abituata anche se forse, e sottolineo forse, hanno leggermente complicato la preparazione mentale del match (tra l’altro io, so bene che è un mio limite, sono piuttosto scaramantico).
      Riguardo al mancato saluto al pubblico, mi trovi d’accordo. Spiace dirlo ma da

      • TEUS by TEUS

        questo punto di vista deve migliorare. Non la considererei maleducazione ma incapacità di gestire un’impulsività che con la maturità sono certo terrà più a bada.

        • gimusi by gimusi

          sul saluto al pubblico non sono d’accordo…se perdi e sei incazzato a bbbbestia non ci pensi nemmeno al pubblico…a meno che non si tratti di una finale…mica li ha mandati a quel paese….li ha solo educatamente ignorati ma non per maleducazione ma proprio perché non li sentiva nemmeno…se vinci invece sarebbe sbagliato e brutto non concedersi…Sergio ha il suo stile….Cami poteva tranquillamente vincere ieri…forse ha sbagliato a dirlo? chissà…ma non credo che sia stato un aspetto rilevante ai fini dell’esito del match

        • AlterEgo by AlterEgo

          Per il mancato saluto al pubblico mi dispiace, perchè poi Cami passa per quello che non è solo per la troppa impulsività, e questo non è giusto!

          • gimusi by gimusi

            mi pare che Cami in genere non saluti mai il pubblico dopo una sconfitta…ci sta e non credo che il pubblico si debba offendere

          • by cercasifuturiroger

            Molto delusa dal match, può capitare. Queste cose possono essere gestite meglio.

    • by cercasifuturiroger

      Diciamo una grande occasione perduta, dovrà far tesoro di questa incredibile sconfitta. Bisognerà contare fino a 10 con il crescere dei non forzati e dei doppi falli.

    • Ace by Ace

      Credo andasse detto per obiettività, ma condivido che siano piccole cose del tutto perdonabili.
      Non deve essere facile vivere il circuito per così tanti giorni all’anno e sicuramente si devono imparare anche questi piccoli dettagli.
      E poi non posso mica solo scrivere sempre bene di Camila e Sergio, no? 😉

  92. by antonelo

    Che spettacolo! Che straordinario, entusiasmante, elettrizzante spettacolo ha offerto Camila!
    E’ mancata solo la vittoria ma, come diceva il buon barone de Coubertin, è solo dettaglio.
    Un dettaglio che verrà sicuramente “aggiustato” nei prossimi tornei.
    Vamoooooooooooooooooooooooooooooooooooooos!

    • boy by boy

      qualcun altro diceva che vincere non è importate, è l’unica cosa che conta!
      E a me da un sacco fastidio vedere delle ragazzine più giovani e con molto meno talento, andare avanti.

      • r.b. by r.b.

        Ti riferisci alla Keys? 🙂
        Secondo me Camila ha più talento, però Madison serve meglio e nel momento cruciale si è visto… 4 prime e Kvitova a casa…

        • Ace by Ace

          Madison ha giocato alla grande! Specie i punti chiave! 😉

        • boy by boy

          mi riferisco in generale….in questo torneo è il caso della Keys.

        • by cercasifuturiroger

          Madison ha servito in modo fantastico.

      • doherty by doherty

        nello sport la vittoria è l’unica cosa che conta…
        altrimenti perchè si tiene il punteggio ?

  93. Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

    Per i vecchietti come me, è ancora vivo il ricordo di Edberg.
    Grandissima tecnica, mezzi atletici eccellenti, classe da vendere… eppure perdeva delle partite facendomi disperare.
    Poi un bel giorno, mi pare proprio agli Australian Open, ha vinto al 5 set con Becker. Per vincere ha dato l’anima, ed era talmente in trance agonistica che ha perso il controllo di se, al punto da esultare, addirittura facendo il pugnetto, mi pare su un passante.

    Per lui è stato uno spartiacque: ha preso fiducia, e da quel momento è diventato veramente il numero uno.

    Ecco, io credo che a Camila manchi solo questo. E un po’ alla volta ci arriverà.
    Del resto il temperamento latino tradizionalmente matura dopo di quello anglosassone, quindi che la Keys e la Bouchard ci siano arrivate prima non vuol dire molto. Ognuno fa la sua strada.

    E io sono convinto che quella di Camila è una strada che porta molto in alto…

    Vaaaaaaamoooooooosssss Caaaaaaaaaamilaaaaaaaaaa!!!!

    • biglebowski by biglebowski

      avevo pronto il tuo proemio per la vittoria, un’altra volta……….rosikei era diventato Iu-Es-Ei perchè fuori dal nostro contesto non si capiva …..sei un grande…..un abbraccio

      big

    • Ace by Ace

      Concordo!

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      Sai Ficodindia, credo veramente che ti sbagli.
      Puo’ darsi che io sia un illuso, ma penso che già quest’anno avrai modo di pentirti del tuo sarcasmo. Stiamo a vedere, il tempo è galantuomo…

      • r.b. by r.b.

        Non è sarcasmo, si chiama in un altro modo…. 🙂 🙂 🙂

        • AlterEgo by AlterEgo

          Imbecillismo? Menomazione mentale?? Insomma, IDIOZIA??? 😀
          Vedo che comunque è stato censurato in tempo record…peccato, chissa quali perle di intelligenza e saggezza tennistica e medica (se non ricordo male delirava riguardo presunte patologie della nostra…) mi sono perso!!!
          😉 🙂 😀

          • by cercasifuturiroger

            Me lo ricordo….delirava con continuità…insomma un adepto dei suoi amici deliranti 🙂

    • r.b. by r.b.

      Wow è tornato il fico!
      🙂 🙂 🙂
      Urge intervento dei moderatori….

      • by cercasifuturiroger

        Ci manca solo papale papale e il suo urlo tribale e “originalissimo” cretino con le scarpe 🙂

  94. biglebowski by biglebowski

    la miglior camila di sempre per oltre un ora, ci mancaancora un quarto d’ora, che non è poco.
    chi vuole saperne di più sa come fare.

    vamooooooos camila!

  95. by atom

    Dopo questa ennesima cocente delusione voglio fare le mie valutazioni come in molti cercano di fare qui sopra. Innanzitutto la storia che i doppi falli sono ininfluenti è veramente ridicola. Se fai di media 15 df ad incontro vinci poco. Nelle ultime cinque partite, anche se non sono uno statistico mi sembra che Camila abbia fatto circa 70 df, equivalente a 12 set. Caro Roberto si puo’ servire anche una seconda a 112 come ieri sera ha fatto Venus…piuttosto che regalare punti. Almeno con una seconda lenta il punto lo deve fare l’avversaria col df fai subito il regalino…Ribadisco se fai 15 df di media ad incontro non vai da nessuna parte….Altro aspetto da considerare è che Camila nel terzo set è letteralmente crollata e non è stato certo un fatto fisco…Qunado si dice che Camila è una” fredda” si dice una cazzata…Camila è estremamente emotiva anche se non lo da a vedere…E quando suo padre dice che straccerà Venus non le fa bene ma la responsabilizza molto di più del lecito…perché con Venus ci sta di perdere…Lo stesso padre che fa lo spaccone poi sta a bordo campo con la testa tra le mani a tremare…che morale da alla figlia? Che indicazioni puo’ dare? Fra poco ci sarà la FED CUP voglio vedere Camila sotto Barazzutti…poi ne riparliamo.

    • AlterEgo by AlterEgo

      “Camila è estremamente emotiva” Finalmente abbiamo un’opinione in comune!!! 😉 Per il resto del tuo post però, pur rispettando le tue idee, divergo come al solito…

  96. journasesto by journasesto

    Non so se avete mai sentito parlare dell’effetto farfalla. Quella teoria che concatena gli eventi tra loro in un nesso causale secondo cui il battito delle ali di una farfalla può generare sconquassi dall’altra parte dell’universo. L’ho descritta in un modo un po’ semplicistico ma più o meno dice così. Ebbene, ieri ho capito che non sarebbe stata giornata quando, due ore prima dell’inizio del match di Camila con Venus, mi si è rotta la lavastoviglie, allagandomi la casa. Un lavoro intenso con stracci e spazzolone mi ha messo nelle condizioni di mettermi davanti al televisore proprio nel momento in cui le due iniziavano il riscaldamento.
    L’animo non era dei migliori, ma l’inizio spavaldo di Camila mi ha un po’ rincuorato. Vedendo la facilità con cui breakkava una delle più letali servitrici del circuito e l’irriverenza con cui teneva lo scambio a velocità supersoniche, ho pensato davvero che Camila ce l’avrebbe fatta. E quando si è trovata con 3 palle per il 5 a 2 nel secondo set ero praticamente certo, visto come la bimba aveva giocato fino a quel momento, che in pochi minuti avrei potuto spegnere la tv e mettermi a dormire il più beato dei sonni.
    Poi è successo l’imponderabile. La vecchia campionessa si è rifiutata di perdere. Il match è girato lì, su quel gioco, non c’è alcun dubbio. Quando Camila ha perso il tie-break ho capito che non ci sarebbe stato nulla da fare. Lo confesso, ho spento la tv e sono anche riuscito a prendere subito sonno. L’agitazione era scomparsa, la consapevolezza che il treno era passato, e perso, era totale.
    Possiamo parlare di doppi falli, di errori, di scelte tattiche, di tutto quello che volete. Ma ieri in realtà il confronto è stato tra due personalità, entrambe fortissime, ma diversamente consapevoli. Venus ha dietro le sue spalle solo le certezze che l’hanno portata a primeggiare e che solo i malanni hanno intaccato. Ma sa che quando sta bene è ancora quella da battere. Camila ha ancora tanti dubbi, pur nello splendore di un gioco che non ha davvero uguali tra le donne. Venus ha saputo far emergere quei dubbi, Camila non ha saputo superarli fino in fondo. Ha lottato più contro se stessa che contro l’avversaria. Ma l’incrocio con Venus, per quanto sfortunato, sono convinto che le abbia insegnato molto. Soprattutto l’atteggiamento che si deve avere quando si sa di essere forti. Nessuna titubanza, nessun dubbio, calma olimpica. Soltanto con la capacità di controllarsi e di calmarsi Camila ridurrà doppi falli ed errori e saprà sempre cosa fare quando va a servire per un match. Anche se dall’altra parte c’è il tennis in persona.

    • Ace by Ace

      Non so come tu abbia fatto a spegnere e dormire, ma la tua spiegazione sul processo di maturazione mi piace!

  97. TEUS by TEUS

    Dunque, ho rivisto il match, preso nota ed ora ho le idee molto più chiare.
    Nel primo set ho contato 14 winners (tra cui 4 serzivi vincenti) e 9 gratuiti per Camila, 10 winners (tra cui 4 servizi vincenti) e 10 gratuiti per Venus.
    Nel secondo 21 winners (tra cui 5 servizi vincenti) e 19 gratuiti per Camila, 14 winners (tra cui 1 servizio vincente) e 10 gratuiti per Venus.
    Nel terzo 19 winners (tra cui 5 servizi vincenti) e 16 gratuiti per Camila, 11 winners (tra cui 1 servizio vincente) e 5 gratuiti per Venus.
    Da ciò deduco che il match era più equilibrato di quello che potesse sembrare fino al 6-4 5-3 per Giorgi (il differenziale tra le due, a quel punto, era più o meno lo stesso) e che il terzo set è stato molto più equilibrato rispetto a ciò che riporta il punteggio.
    La differenza sta nei pochi gratuiti commessi da Venus nell’ultimo parziale e nella sua maggiore freddezza (del resto l’esperienza non si acquista al supermarket) sui punti topici.
    Camila, sempre a mio modestissimo avviso, ha disputato un incontro con rendimento piuttosto continuo dal quale esce giustamente sconfitta, pur avendo, ci tengo a ribadirlo, giocato bene, per il semplice fatto che, per battere questa Venus, ci voleva una prestazione Super (la S maiuscola non è un errore di battitura).
    Complimenti a Venus (sono curioso di vedere se riuscirà a mantenere questo livello nel corso di tutto il torneo nonostante la sua età) e complimenti anche a Giorgi (che conferma di essere in crescita costante sotto ogni punto di vista e torna a giocare come può e sa anche negli slam).
    La ragaza deve continuare a fare esperienza e non perdere mai la grande fiducia che ripone nei propri mezzi che, se non ci saranno gravi imprevisti, la porteranno presto nell’elite del tennis.

    Vamos, flaca, vamos! Non fallirai.

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      @Teus, a volte sono stupito dal fatto che praticamente mi togli le parole di bocca.
      Quoto al 100%

      Ti dirò inoltre che, secondo me, gli errori al servizio che molti stigmatizzano, derivano da un movimento costruito ma non ancora interiorizzato, per cui sotto la pressione emotiva, ed un po’ di stanchezza, tornano fuori vecchi errori che quando Camila è lucida non commette più.

      Io credo che ci sia solo da fare l’abitudine a questi match, e poi saranno dolori (per le altre…)

      Concordo anche con il

      Vaaaaaamooooooooooss Caaaaaamilaaaaaaaaa!!!!!!

      …però il mio è più urlato 🙂 🙂 🙂 🙂

  98. Guido by Guido

    Quando vidi Camila giocare per la prima volta ebbi delle sensazioni che avvertii anche quando vidi giocare per la prima volta Seles e Azarenka, le altre due hanno dato molte conferme alle sensazioni che ebbi, Camila purtroppo le ha confermate solo in parte, sinceramente credevo che con un pochino in piu’ di esperienza partite come quelle di stanotte le avrebbe portate a casa senza difficolta’ invece Camila continua a faticare a tenere alto il livello del suo gioco soprattutto nei momenti cruciali dei match. Ok ha 23 anni e ha ancora molto tennis davanti a se, aspettiamo che finisca quest’anno ma da una col suo talento almeno una semifinale di slam deve assolutamente arrivare, Camila deve giocare con la consapevolezza dei sui mezzi e non irrigidirsi quando sente di poter vincere una partita importante, la testa in questo gioco vale almeno il 50% e se i colpi di Camila sono gia abbondantemente da top ten la sua testa e’ ancora un po’ indietro, e’ li’ che bisogna lavorare ora, e’ ora che camila si senta sicura di se stessa, non deve dimostrare niente a nessuno deve solo giocare come sa con la calma e la consapevolezza delle grandi,deve solo pensare sono piu’ forte quindi vinco senza voler strafare nei momenti cruciali, sono le avversarie che se vogliono devono riuscire a batterla, e non e’ lei che deve regalare le partite! Dopo la partita di stanotte sono riuscito a spiccicare le prime parole solo verso le 13 ero davvero troppo triste per una sconfitta maturata dopo un match completamente dominato! Mi auguro che Camila capisca queste cose e poi davvero potremmo divertirci, ma se continua con questa insicurezza difficilmente arriveranno i risultati che tutti tanto attendiamo. Forza Camila sei fortissima ma tu ci devi credere piu’ di tutti, non devi dimostrare niente a nessuno! Vai in campe e vinci perche’ sei piu’ forte!

  99. Lucia by Lucia

    E’ più utile entrare in farmacia e chiedere un etto di macinato piuttosto che venire qui a parlare male di Camila.

  100. by Roberto

    Un saluto a tutti gli amici del blog. Cercherò di essere il più equilibrato possibile. Camila ha giocato contro una tennista che è stata la numero uno e che, se non sbaglio, ha vinto cinque Wimblendon. Nonostante l’età, è in un periodo di forma eccezionale. Se non si tiene conto di questo, non si può dare un giudizio equo. Camila, per quasi 2/3 dell’incontro ha condotto gli scambi con sicurezza e autorità. Poi sul 5-4 del secondo set, ha spento la luce. Che cosa è successo? Molti lo attribuiscono al servizio. Troppi doppi falli? Premetto che meno doppi falli si commettono meglio è, ma non sono d’accordo che questa sia la chiave di lettura dell’incontro. Camila fino al 5-4 aveva commesso otto doppi falli. Tanti per una qualsiasi giocatrice del circuito. Eppure era in vantaggio con il servizio a favore. Allora, il problema di Camila sono i DF o è “altro”? A mio modo di vedere, nel gioco di Camila i DF hanno una logica. Lei e Sergio, partono dal presupposto che per mantenere il comando del gioco fin dal servizio, quest’ultimo va spinto…anche con la seconda. Tanto più contro una giocatrice come Venus, la quale, come abbiamo visto, rispondeva con dei missili imprendibili appena Camila diminuiva di velocità il servizio. Che cosa avrebbe dovuto fare Camila, per non commettere il DF, servire la seconda come la Errani? La risposta mi sembra ovvia. Mi sembra evidente che questo modo di concepire il tennis, possa portare a commettere parecchi doppi falli, ma è anche vero che questi vengono sopperiti con i tanti vincenti che nel gioco di Camila sono la normalità. A questo punto, molto presuntuosamente, vorrei coniare, sintetizzando ciò che ho su asserito, una mia idea sul gioco di camila:”per Camila i DF sono dei gratuiti, conseguenti a perseguire una idea di gioco aggressivo, che ne esalta le caratteristiche tecniche e fisiche, mentre tutti gli altri gratuiti sono solo gratuiti”. Ecco è su questi punti regalati all’avversaria che bisogna migliorare. Ma perchè ha perso una partita quasi vinta? A mio avviso è una questione di testa. Ho notato che non solo ieri notte, ma anche in parecchi altri incontri, vinti e persi, trova delle difficoltà a chiudere. Penso che siano stati d’ansia, che devono essere migliorati e che con l’esperienza debbano essere del tutto debellati, se si vuole fare quel salto di qualità che noi tutti auspichiamo. Ciao a tutti.

    • pablox5452 by pablox5452

      perfettamente d’accordo, quando si dice “troppi df” si dimentica che Camilaha vinto alcune partite (Bartoli a strasburgo Pennetta qui) facendo 16 doppi falli. E’ anche vero che in quelle occasioni le avversarie avevano fatto molti df anche loro. Diciamo che lavorando un poco di più laprima si eviterebbe di ricorrere alla seconda e quindi si eviterebbero tanti (ma non tutti ) i DF, senza per questo rinunciare ad un gioco incisivo. alla fine Camila è quella che fa più punti sulla seconda di servizio, questo va tenuto a mente, è sulla prima che va lavorato, e su certi passaggi a vuoto mentali che ci sono. In tutti questi 3 incontri ha faticato a chiudere, contro pennetta e smitkova ha cmq vinto, contro Venus che è di livello superiore, ha finito per perdere.

      • r.b. by r.b.

        No ragazzi, non insisto, tanto se le chiedete a Camila stessa vi dirà che troppi doppi falli non vanno bene e che lavora per ridurli al minimo possibile…

        • by Roberto

          r.b. io non sto dicendo che il doppio fallo è bello. Camila ha commesso 62 errori non forzati. Se a questi sottrai i 16 doppi falli, risultano 46 gratuiti. Ora, se Cami ne avesse commessi che so il 50% in meno, credi che la partita sarebbe finita con la vittoria di Venus? Penso proprio di no. Certo bisogna lavorare per ridurre i doppi falli, ma non sono la priorità. Penso invece che bisogna ridurre di parecchio i gratuiti, specie nel turni di servizio, in modo da avere quella solidità che tutti noi vorremmo vedere. Tra l’altro io sono uno degli assertori che pensa che Camila, per commettere meno DF, dovrebbe tirare due seconde. Tuttavia penso che sia riduttivo pensare che il problema sia solo quello.

    • AlterEgo by AlterEgo

      Perfettamente d’accordo Roberto, soprattutto sulla causa della non chiusura dei match: stati d’ansia dovuti alla sua forte emotività…Superato questo (notevole) scoglio, come hai scritto tu, il salto di qualità non sarà che una logica conseguenza!

  101. silvio74 by silvio74

    Credo che la partita sia sfuggita di mano nel tie break del secondo set, quando Cami ha sbagliato un dritto a campo aperto (di quelli con palla bassa dalla terra di nessuno, che spesso la fanno soffrire) e subito dopo Venus ha piazzato un dritto micidiale, ribaltando lo scambio.
    Quello è stato il momento del k.o.
    In un visione più ampia, credo che oggi abbia pesato la maggiore esperienza e forze mentale di Venus, che resta sempre una montagna ardua da scalare quando è, come in questi giorni, nel pieno della forma.
    Sotto il profilo tattico, ritengo che Venus abbia vinto la partita quando ha incominciato a prendere le misure sul servizio di Cami e a rispondere sempre in campo. Cami soffre molto, a livello emotivo, le avversarie che riescono a disinnescarle il servizio e a rimandare sempre la palla dall’altra parte.
    Il terzo set non fa testo perchè Cami ha smesso di giocare, concedendo una valanga di errori gratuiti di quelli peggiore, che non sono apparentati con un vincente mancato.
    Nel complesso sono soddisfatto della partita. Cami ha giocato alla pari con una Venus in gran forma, pur non esprimendo il suo miglior tennis. A livello tattico ha fatto quello che aveva preannunciato, giocando profondo senza cercare sempre disperatamente il vincente. Forse è stata proprio la decisione di restare fedeli a questa soluzione ad aver contribuito a consentire il rientro di Venus. Mi spiego. Venus, sino alla metà della secondo set, sembrava la versione peggiore di Cami, perchè cercava spesso vincenti improbabili e concedeva punti. Da parte sua Cami giocava solido e profondo ed incassava. Ad un certo punto Venus ha incominciato a lavorare di più la palla e a tenere lo scambio. Cami non ha colto il cambiamento ed ha continuato a gestire il match con l’atteggiamento iniziale. Credo invece che in quel momento avrebbe dovuto tornare ad essere pienamente se stessa e andarsi a prendere la partita, prendendosi tutti i rischi del caso e cercando gli angoli come lei sa fare benissimo.
    In ogni caso Cami resta un flusso travolgente di emozioni. Se non ci fosse, il tennis sarebbe decisamente più triste.

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      Vero. La lettura della partita in campo deve migliorare.E’ anche vero, però, che quando Venus ha cominciato ad ingranare, non era facile trovare alternative o soluzioni.

  102. by pariparo

    Pazienza, c’è ancora da aspettare per vedere sbocciare la campionessa. Tutte le volte ci si spera, ma oggettivamente Camila sta maturando lentamente, a piccoli passi,però imparerà a giocare e gestire le partite importanti; ci sono giocatrici come la Bouchard che ci sono riuscite prima, lei lo farà dopo. Oggi non ho visto la partita, troppo stanco ieri sera, e quindi non faccio altri commenti.

    • Ace by Ace

      Guardando la partita potresti mettere in discussione quel “lentamente”. C’è ancora molta strada da fare, ma il gioco espresso per un’ora è stato impressionante. Il potenziale è enorme.

  103. by giacomo carbone

    Non concordo con quelli che dicono che partite come queste servono anche per fare esperienza purtroppo è vero il contrario e succede che quando ti ritrovi inun uguale ssituazione di vantaggio ti ricordi della rimonta di venus e ti viene la paura. Io continuo a pensare che il gap è solo la debolezza mentale e se all angolo bai un coach che è più agitato di te è un guaio. Poi dal punto di vista tecnico mi sembra che camila sia molto migliorata come regolarità e commetta meno errori stupidi rispetto l anno scorso nentre invece il servizio di questo inizio anno non funziona troppi df che compromettono tdoppi games

  104. boy by boy

    cmq raga anche il “killer instinct” rientra nella parte “mentale”….paradossalmente c’è poco da migliorare tecnicamente o di adoperare un piano B come molti spessi dicono.

    • boy by boy

      la verità è che quando Camila arriva ad un passo dal mettere la parola fine, si impanica…succede anche quando la partita poi riesce cmq a vincerla….un sacco di volte ho visto partite che aveva dominato rischiarle di rovinare nel finale.

      • cubano70 by cubano70

        esatto. gioca da numero 1 al mondo finchè non arriva al punto di dover chiudere la partita… li subentra la paura di sbagliare…. con quelle deboli vinci comunque.. quando giochi con una campionessa perdi…
        Probabilmente deve cambiare di molto l approccio mentale alla partita… quando giochi con la 18 del mondo, con piu esperienza e sopra di te in classifica, è lei che ha tutto da perdere..
        Speriamo se lo ricordi quando giocherà i prossimi punti decisivi..

  105. avadar by avadar

    Muguruza, Keys….come ci stava bene Cami con loro!!!

  106. r.b. by r.b.

    Sto guardando Kvitova – Keys, la giovane americana serve per il match sul 6-4 6-5. Vediamo come serve….

    • r.b. by r.b.

      È una situazione molto simile a quella di Camila… Avere un gran servizio serve….

      • r.b. by r.b.

        Mamma mia come ha servito per il match…
        4 prime di livello, uno a 190 Km/h….

    • riccardo by riccardo

      hai visto r.b. come ha giocato la Keys il game decisivo?

      • riccardo by riccardo

        Vedi che non sbaglio quando dico che le altre crescono pure…..

        • r.b. by r.b.

          Lo so, ma che devo dire? Brava lei, ha servito alla grande…

        • Madoka by Madoka

          La Keys è alta 180 ed ha un servizio che farebbe invidia ad i vari Volandri, Fognini, Lorenzi, etc..

          Non si possono non tenere in cosiderazioni queste differenze di fisico che sono oggettive.

          Camila non può servire come serve Madison. Madison è più potente di Camila.

  107. riccardo by riccardo

    ho preferito non commentare a caldo stanotte dopo la sconfitta. stamattina mi sono concesso qualche ora in più e cosi ho letto tutti i vostri commenti. Difficile aggiungere qualcosa e tutti chi più chi meno hanno detto cose condivisibili. Se prima del torneo , dopo Hobart ci avessero detto che si arrivava al terzo turno probabilmente ci avremmo messo la firma visti i presupposti. Tuttavia, per come si erano messe le cose questa era una partita che si doveva vincere. Dispiace molto che dopo aver preso a pallate per un set e mezzo Venus ed aver avuto la palla per chiudere, cami abbia finito per concedere il set. ho letto che questa è una cosa che succede nel tennis femminile. Può darsi. Sfruttare le occasioni però fa la differenza tra una top five e le altre. il terzo set non lo prendo in considerazione perché cami si è a mio modo di vedere lasciata un po’ andare . C’è rammarico perché al prossimo turno ci si giocava una ghiotta occasione con aga. Purtroppo l’anno scorso In due occasioni cami ha avuto palle per vincere addirittura il titolo ed ha finito per perdere. Non so a cosa attribuire questa mancanza di lucidità nei momenti chiave , non faccio analisi ne tiro conclusioni ma mi limito ad osservare che è già successo. sicuramente dal punto di vista del gioco mi è sembrata un tantino più accorta ma certo, 16 doppi falli sono una enormità con una giocatrice come Venus. Camila ha un gioco fantastico , unico , ma, non avere qualche variante al proprio piano tattico è un limite importante. In linea generale va bene cosi, si fanno dei passi avanti, ma anche le altre ( vedi Bouchard e Muguruza ) crescono. Dispiace tanto per lei, ho visto che è uscita dal campo davvero molto delusa. ci sarà tempo di rifarsi e del resto a sentire la stessa Cami l’anno buono sarà il 2016 e quindi lei dovrà lavorare ancora tanto ed i tifosi avere pazienza.

    • Madoka by Madoka

      Muguruza e bouchard sono tds, anche abb alte ed avevano un tabellone più facile. Pennetta eSmitkova e Venere : IL tabellone di camila era difficile. Il quarto turno sarebbe stato agnese.

      Speriamo di essere anche noi presto tds.

      Altra cosa : i df. Qualcuno sa dirmi quanti ne ha fatti fino al 64 54 e quanti da quel momento in poi ? secondo, e esce un dato interessante.

      • boy by boy

        vero la maggior parte dei DF e dei gratuiti sono arrivati nel terzo set…..ma quel set va visto con altri occhi….. fino al 5-4 del 2 set, credo che abbia fatto 6 o 7 DF e cmq 3 o 4 in più di Venus.

      • avadar by avadar

        8 df fino al 5/4….
        quindi circa la metà….

      • r.b. by r.b.

        Fino al 5-4 ha commesso 8 doppi falli, il 9. lo ha fatto quando serviva per il match.

      • by C.M.

        5 df nel primo, 5 nel secondo set, 6 nel terzo.

    • r.b. by r.b.

      A me Camila è piaciuta molto, nel primo set era davvero solida e ordinata. Nel secondo a tratti devastante…. Poi arrivando ai momenti chiave del match ha prevalso la freddezza e l’esperienza della Williams che peraltro ha disputato un gran match.
      Questa sconfitta servirà per migliorare. La prossima volta che Camila servirà per il match probabilmente sarà un po’ meno emozionata…. Comunque, finché non rsggiungi un traguardo prestigioso, l’emozione c’è sempre… Lì occorre quel pizzico di fortuna o determinazione che ti fanno fare il salto di qualità definitivo.
      Non sono cose che si imparano, ma il salto di qualità Camila lo farà senz’altro.

      • by Vale90

        pensavo che l’aver vinto già contro Sharapova e Wozniacki l’avesse un po’ eliminato l’emozione di chiudere match di questo spessore ma così ancora non è… peccato speriamo che al prossimo match del genere riesca a chiudere questi benedetti games decisivi!

    • AlterEgo by AlterEgo

      Caro amico mio, parafrasando un mio stesso commento espresso più sotto, secondo me questa mancanza di lucidità nei momenti chiave è causata, oltre che ovviamente dal contesto, dalla sua forte emotività: Cami, lo si evince chiaramente da come si esprime e si comporta in campo e fuori, è molto emotiva come persona…quando non riesce a chiudere, match point o turno di servizio che sia è, a mio personale modo di vedere, ‘semplicemente’ (si fa per dire) per un problema di emotività; col tempo e l’esperienza Cami imparerà non dico a vincerla del tutto perchè è quasi impossibile, ma a dominarla nei momenti topici del match (magari non sempre, ma spesso e volentieri), e allora a quel punto, ma SOLO a quel punot, nulla le sarà più precluso!

  108. boy by boy

    Che amaro in bocca gente….
    un vero peccato aver perso questa partita.
    la partita l”ha persa al secondo set quando non ha sfruttato le varie occasioni che ha avuto….prima si è portata avanti 2-0 poi addirittura 4-2 con 3 palle per andare sul 5-2 sul servizio dell’americana, e ultima occasione quando ha servito per il match sul 5-4. Persi quei treni, mi son detto basta….questa partita si perde. Anche perché da quel momento Venus ha giocato davvero un grandissimo tennis….a proposito alla faccia dei 34 anni!! Mi ha proprio impressionato la sua tenuta atletica….sembra addirittura più fresca della nostra nel finale.
    Che dire a Camila come al solito manca quel famoso “killer instinct” ogni qualvolta deve dare il colpo di grazia, spesso va in difficoltà. dovrebbe andare a lezione dalla Sharapova!! A riguardo, io credo che una delle cavolate più grosse che si dicono su Camila, è il fatto che sia una fredda che non senta la pressione, che gioca tutti i punti allo stesso modo come se fosse un robot. Non far trasparire le emozioni non significa non provarle. Abbiamo avute molteplici dimostrazioni che soprattutto quando arriva il momento di uccidere la partita, mentalmente soffra troppo questa pressione, tra l’altro l’ha ammesso anche lei nei giorni scorsi sto fatto.
    Oggi ha perso per questo….non per i DF o per i gratuiti che sono arrivati nel terzo set….la partita l’ha persa per non aver messo la parola fine ad una partita che non aspettava altro.

    • by FF.CC.

      d’accordo.

      al di là dellla bravura dell’avversaria la partita era vinta

  109. avadar by avadar

    Dimenticare chi c’era dall’altra parte della rete non va bene….
    e allora ricordiamolo: c’era una che ha vinto 5 Wimbledon………….
    e quella scesa in campo non era la sua controfigura o una brutta copia….
    eppure chi ha avuto il match in pugno x 1 ora e 1/2????
    chi è arrivata a 2 punti dalla vittoria????

    Prova superba di Cami….chiaro poi che il treno passa una volta sola e Cami l’ha mancato di un soffio….a quel punto la partita è girata….e anche se ha tentato con le unghie e con i denti di restarci attaccata (da 6/5 Venus 15/40 2 set point x l’americana, Cami ha comunque forzato il set al tie-break….terzo game interminabile del terzo set vinto….) non c’era + niente da fare….
    È una colpa????
    È un merito enorme, perché se anche non si è colta l’occasione x un soffio occorre ricordarsi come si è arrivati ad avere quell’occasione….

    Se Cami avesse chiuso 6/4 6/3 avremmo speso fiumi di elogi….
    gli elogi rimangono anche se non ha vinto….
    perché quanto fatto nei primi 90 minuti di match non può essere cancellato dagli altri 60 minuti condizionati totalmente dalla chance non sfruttata………

  110. by besso91

    Perdere dopo aver dominato Venus per bene è un gran peccato ma l’americana sta giocando divinamente ed è prossima al ritorno in top10. Camila con un po’ di calma e decisione avrebbe vinto 6-4 6-2. Peccato perchè i punti degli slam sono davvero tanti per ogni passaggio di turno ed entrare di prepotenza tra le 30 sarebbe stato un bel modo di archiviare il primo mese della stagione. Ho visto una Camila come al solito senza paura, sguardo da gladiatrice e movimento spettacolare.
    A mio avviso diversamente da quanto detto da alcuni colleghi trombies secondo me il match l’ha perso la Giorgi perchè aveva in mano le redini per davvero e una prima della classe come Venus non resta impassibile andando a sfruttare la defaillance dell’avversaria e capovolgendo l’inerzia dell’incontro. Ma una sconfitta del genere è da annoverare comunque tra quelle “giustificabili”. Quando di fronte hai una che ha scritto di storia del tennis e che 13 anni fa era numero uno del mondo e che ancora oggi gioca divinamente, perdere è possibile e talvolta anche bello.
    Ora ci sarà la FedCup dove Camila ha confermato di partecipare in un’intervista su Ubitennis. Ancora Cornet, ancora match per carburare e poi Anversa cemento indoor dove dovremmo vedere una Camila abbastanza rodata e pronta a prendersi soddisfazioni belle.

  111. gianpaolo63 by gianpaolo63

    Alla fine penso che purtroppo gli errori sono ancora TANTI !

    ciao

  112. TEUS by TEUS

    Rivedrò il match armato di penna e taccuino prima di fare considerazioni specifiche. A caldo stanotte ho avuto l’impressione che Venus, dal 2-4 del secondo set, abbia cominciato a giocare sui livelli dei suoi tempi migliori. Non concordo perciò con chi afferma che Giorgi ha “buttato” il match perché, a parte il passaggio a vuoto avuto quando serviva per l’incontro (ci terrei a ricordare che, specialmente nel tennis femminile, capita spesso anche alle più forti di accusare la pressione in queste circostanze e non è possibile tenere il conto di quante giocatrici, chiamate a servire per vincere, si fanno breakkare), ha provato con tutte le sue forze (il terzo game del terzo set lo testimonia) a contrastare una Venus che, a un certo punto, non solo non sbagliava più quando spingeva, ma arrivava su quasi tutte le accelerazioni della nostra trovando spesso una profondità di palla davvero invidiabile.
    Insomma, la differenza è stata fatta in positivo da Venus e non in negativo da Giorgi ma, ripeto, rivedrò il match prima di confermare questa mia impressione.

    • farotto by farotto

      E’ sempre difficile valutare se vien prima l’uovo o la gallina, ovvero se è Cami che è peggiorata o se è Venus che è salita di livello.
      Io ho visto ivece una Venus distrutta e disarmata, che ha avuto però la bravura di aggrapparsi ai pochi momenti buoni per lei (o cattivi per Cami). Ed ho visto anche fortuna per Venus su alcuni punti critici. E’ così. Un granello di sabbia che grippa il motore fa saltare tutto.
      Le statistiche del 3° set non hano mostrato miglioramenti per Venus, ma peggioramenti per Cami.
      Se le valutazioni sono soggettive, i numeri sono oggettivi.
      Ed anche se fosse vero che Venus è migliorata solo sull’orlo della fine del 2° set, comunque Cami con più esperienza avrebbe fatti suoi quei pochissimi punti critici che avrebbero definitvamente chiuso la partita.
      Venus oggi è andata al Santo (come si dice da noi) ad accendere una candela.

      • Lucia by Lucia

        La partita era finita. So benissimo che può’ accadere ma non dovrebbe.
        Chiedevamo a Camila di cominciare a vincere anche quando gioca male ed in parte ci ha accontentato. Stanotte e’ stata la prima volta che l ho vista perdere giocando bene e questo mi fa imbestialire. Starò diventando tifosa ? 🙂

        • r.b. by r.b.

          Nel terzo set, a parte il game fiume, oggettivamente ha giocato male. Molto bene il primo e il secondo, a parte qualche punto nel finale.

          • TEUS by TEUS

            Un calo c’è senz’altro stato ed è fisiologico dato l’andamento del match, .r.b.
            Quello che voglio verificare è se i meriti di Venus sono stati maggiori rispetto ai demeriti di Giorgi o viceversa.

      • TEUS by TEUS

        farotto, rispetto per chi fa le statistiche, ma non mi fido. Preferisco contarli di persona vincenti e gratuiti perché sono quelli che danno le indicazioni più significative a mio avviso.

  113. Madoka by Madoka

    Per me il bicchiere è mezzo pieno.

    Secondo me Camila ha giocato bene ed ha costretto Venere a fare la pallettara fino al 64 54. Ha giocato bene non solo a tennis ma anche tatticamente, martellando sulla diagonale del diritto che era una banca.

    Quando si parla di Camila faccio sempre una netta distinzione. Essere coraggiosi. Ed essere forte di testa.

    Camila è molto coraggiosa. Non ha paura di giocare nè di tirare il punto anche se è importante. Però non è forte di testa. Ha sofferto a chiudere la partita con la Smitkova, con la Pennetta. Ovviamene quando dall’altra parte della rete hai una campionessa ( no me ne vogliano flavia e tereza ) gli errori li paghi. Oppure l’anno scorso contro la Vesnina, ha servito due volte per la partita, non c’è riuscita, ha poi perso la partita ocmmettendo 11 gratuiti di fila. Oppure contro la Rodionova ( non ho visto quella partita, ma è immaginabile cosa possa essere successo ), ha servito sempre 54 per la partita, non l’ha chiusa si è innervosita.

    Si innervosice perde la prima di servizio, perde la seconda di servizio ( inizia a commettere doppi falli ) e perde il suo gioco ( inizia a commettere gratuiti.

    Deve in qualche modo capire, che è possibile che il granello di sabbia entri nel meccanismo e lo faccia inceppare. E deve allo stesso tempo capire che cmq si può ripartire e si può riprendere a giocare e portare a casa le partite.

    Bicchiere mezzo pieno e guardo fiducioso al futuro. Fermo restando che ci sono degli aspetti che devono essere migliorati ( tenuta mentale/gestione dei punti ) ma anche alcuni aspetti del gioco : ad esempio la risposta, pur essendo migliorata rispetto all’annoscorso, sullo slice da dx delle avversarie Camila fa davvero troppa fatica.

    • eulondon by eulondon

      Io ero convinto che, dopo esser stata 0-40 sul 4-2…. Si sarebbe innervosita e avrebbe gettato malamente il game successivo. Invece no. Ha tenuto di autorita’ a zero e si e’ portata 5-3. A quel punto credevo ce la facesse. Invece no. Come lei stesso ha dichiarato.. Si e’ trattato di attimi. Le manca ancora il piglio della campionessa. La sicurezza che batte le paure. La forza che ti permette di uccidere il match… La stessa che ha dimostrato Venus nel non volerlo mollare. E credo sia qualcosa che nessuno possa insegnare. Te la devi creare tu. Volendolo.

      • by giux

        sono pienamente daccordo. Credo Cami abbia fatto la sua buona partita, era li a un passo…. si e’ fatta prendere un po dalla fretta e … il resto lo sappiamo.

        cmq brava lo stesso. e complimenti a Venus che al momento necessario ha saputo reagire da campionessa.

    • Lucia by Lucia

      Disamina perfetta . Tranne sulla forza mentale di Camila. Secondo me Camila mentalmente non ha niente da invidiare a nessuno. Quando perde il suo gioco perde la partita perché’ non ne ha un altro.
      Quando se ne accorge, consapevole di questo, cala anche mentalmente.
      Ma non è’ la causa bensì’ la conseguenza.

      • Madoka by Madoka

        Non sono d’accordo Lucia. Perchè se rivediamo la partita, Camila ha iniziato giocando quello che in molto chiamano “piano B”.

        Appena poteva si apriva il campo con il lungolinea di rovescio, iniziava lo scambio sulla diagonale di diritto : 4 palleggi Venere sbagliava.

        Io leggo ovunque che Camila viene accusata di tirare tutto senza ragionare in campo. In realtà Camila è entrata in campo con un compito ( vogliamo chiamarlo piano B ? ) che si era preparata da casa e lo ha messo in atto.

        Per me ( è una mia opinione personale ) Camila non è ( ancora ) forte di testa. Io vedo spesso che il suo innervosirsi le fa venire meno il suo gioco. E lei nel nervoso, nella paura, ritorni a sparacchiare tutto. Camila è calata nel gioco e Venere non ha perdonato.

        Io credo che davvero un ultimo scalino sia migliorare sotto questo punto di vista mentale. Perchè guardate, stanotte fino al 64 54 ha gicoato davvero bene, contro una delle migliori giocatrici. Venere è stata messa in severa difficoltà. Al contrario posso dire : ma perchè Venere non ha gicoato un piano B ? Uno C ? Perchè non si è messa a tirare topponi ? A fare back ? 🙂 E’ una campionessa, non puoi regalarle nulla, Camila lha tenuta in vita per ben due volte ( sul 2-4 0-40 e quando ha servito per la partita. Sono troppi 2 regali a questo tipo di giocatrici. Io ero sicuro una volta perso il secondo, che avrebbe preso 60 al terzo.

        Guardate anche la Zvonareva contor Serena : 54 serve per il set, set points, sprecati. serena Vince 57 06. O Sharapova contro Panova.

        Quando hai davanti campionesse c’è poco da fare.

        Però ripeto : il bicchiere è mezzo pieno. Come gioco siamo molto vicini all’eccellenza ( se non lo siamo già.

        Forza ! 🙂 La stagione è appena iniziata 🙂

      • eulondon by eulondon

        Il punto e’ che spesso il suo gioco lo perde al momento di chiudere. Magari non e’ assenza di forza mentale, ma di sicuro incapacita’ di gestire al meglio la tensione. Se questo ti succede con giocatrici di esperienza immensa lo paghi forte.

        • Lucia by Lucia

          @ Madoka.
          Se ha cominciato a giocare usando il piano B, quello deve diventare il piano A . E serve un nuovo piano B …;-)

        • AlterEgo by AlterEgo

          Per me eulondon ha colto il punto, ‘gestire al meglio la tensione’, tensione causata, oltre che ovviamente dal contesto, dalla sua forte emotività: Cami, lo si evince chiaramente da come si esprime e si comporta in campo e fuori, è molto emotiva come persona…quando non riesce a chiudere, match point o turno di servizio che sia è, a mio personale modo di vedere, ‘semplicemente’ (si fa per dire) per un problema di emotività; col tempo e l’esperienza Cami imparerà non dico a vincerla del tutto perchè è quasi impossibile, ma a dominarla nei momenti topici del match (magari non sempre, ma spesso e volentieri), e allora a quel punto, ma SOLO a quel punot, nulla le sarà più precluso!

  114. Franco by Franco

    Buongiorno a tutti , dopo la nottata di tennis.
    La sconfitta certamente brucia un po’ , ma vedere un match del genere e’ molto bello ed emozionante , si parla di piano B !!! io credo che a questi livelli contro certe campionesse bisogna giocare il piano A sempre il piano A , il livello di questo tennis e’ molto alto. Molto belle le parole di Venus su Camila e il suo gioco e se lo dice Venus che di cognome fa Williams credo che di tennis se ne intenda e le sue opinioni sono molto competenti.
    Ciao a tutti e grazie a Camila per le emozioni che ci fa vivere .

  115. Rolli by Rolli

    Leggo da quasi tutti che il game decisivo e’ stato quello sul 4-2 recuparato da Venus da 0-40 , solita colpa ai doppi falli … mah. Innanzitutto Cami aveva appena fatto la stessa cosa vincendo il game del 4-2 recuperando da 0-40 , le due non se le stavano risparmiando di certo con grandi colpi da una parte e dall’ altra, quello che stava facendo la differenza a mio parere e’ che camila vinceva quasi tutti gli scambi prolungati , era quasi sempre Venus la prima a sbagliare quando una delle 2 non piazzava un vincente. Io i doppi falli li avevo messi in preventivo la seconda era da richiare, le poche volte che ha cercato di giocare una seconda in sicurezza le e’ arrivata una sassata imprendibile. Con queste giocatrici tanto vale rischiarla la seconda, semmai le si potevano rimproverare tanti doppi falli con una giocatrice normale ma non certo con questa Venus. Semmai e’ stata la percentuale di prime 53% non tanto buona . Io l’ unica cosa che rimprovero a Camila e’ il game in cui e’ andata a servire per il match , completamente regalato , questa , chiamatela come volete si chiama paura di vincere. Da quel momento il match e’ cambiato, io non ho visto Venus salire di livello, anche perche’ ha sempre giocato a livelli altissimi anche nel primo set bensi’ Cami si e’ innervosita, comprensibile umanamente ha cominciato a sbagliare troppo e la partita le e’ scappata via. Comunque sia son stanco di leggere questi tabellini. 62 unforced errors …. ma per questi un errore e’ sempre non forzato? Cioe’ esistono solo vincenti ed errori praticamente, gli errori forzati non compaiono ( che poi sono la maggior parte , lo stesso vale per i 35 di Venus ) . Poi da scaramantico quale sono mi chiedo : perche’ hai cambiato look? Qua devo dar ragione a Gimusi, dovevi indossare il completino rosa!!!!!! E infine r.b. , secondo me, visti i pochi punti da difendere negli slam dello scorso anno mi voglio sbilanciare. Secondo me la vedremo al Master gia’ quest’ anno …. lo dico e declino le responsabilita’ ( Come diceva toto’ 😉 ) . Sempre grande Cami.

    • r.b. by r.b.

      Se migliora il servizio sono d’accordo.
      Del resto lo aveva detto anche Sergio prima del match contro Venus… Se serve bene Camila vince…. E in effetti se avesse messo 4 prime nel decimo gioco del secondo set, e magari pure un ace….

  116. hector by hector

    Venus ha dichiarato che Camila ha un potenziale da top ten e ha un grande gioco. Un’altra pazza visionaria si aggiunge al drappello.

    • r.b. by r.b.

      Giusto farlo notare, hector. Venus a 34 anni non sta certo a rosikare sulle avversarie. Se lo ha detto vuol dire che lo pensa davvero.
      Mettiamo a posto i fondamentali di inizio gioco e si cominceranno a vincere gli slam.

  117. giangigb by giangigb

    Leggendo i commenti sono d’accordo perfettamente con la disamina della maggioranza. Nel secondo set ho pensato persino che per come giocava avrebbe fatto salire sul carro dei vincitori chi sa quanti altri utenti in questo sito. 😛 Fino al secondo set devo anche dire che la media dei doppi falli era compensata dalle seconde profonde che spesso portavano il punto. Purtroppo nei punti decisivi, a prescindere dall’apparenza di giocatrice fredda, è tornata la sindrome da mancanza di istinto killer (il famoso 0 40 che avrebbe ucciso il match). Ma io sono contento dei progressi. Perchè è tutta esperienza. Poi la Venus ha iniziato a tirare anche lei punti incredibili. Grazie lo stesso Cami.

  118. by aki_67

    Camila ti prego, un “piano B”, serve almeno un “piano B”. Ieri la partita era bella che finita. Certo nel tennis mai cantare vittoria ma 6/4 4/2 0/40 con al servizio una Venus sfiduciata mi sembra qualcosina in più di una buona opportunità di chiudere. Sin quando c’è stata concentrazione e positività le cannonate da fondo sono state devastanti, aiutate dalla forma fisica che gli ha permesso di arrivare sulla palla con grande anticipo. Poi il buio. Si deve lavorare, e credo che il suo staff sia il primo a saperlo, su come uscire dal momento di buio. D’altronde ieri il “piano B” della Venus è stato quello di non rispondere a pallettate ma rimandare la palla dall’altra parte, magari un minimo “lavorata”, e lasciare fare a Camila che, quando non chiude subito, aumenta man mano la velocità dei colpi sino ad andare fuori giri. Sono davvero dispiaciuto per la sconfitta di ieri perché ritengo che un 8° a Melbourne sarebbe valso una grandissima iniezione di fiducia. Comunque, forza Camila, hai il mio sostegno al 100%

  119. Giacomino by Giacomino

    Questa partita, con un pò di esperienza in più, la vinceva. Perchè non ha “letto” il momento più opportuno in cui doveva lottare nella maniera più dura…..”facile da dietro lo schermo, magari sdraiati sul divano…..”, potrebbe dire la nostra Camila.
    La lotta dura Cami, l’ha anche messa in campo, e da suo pari cioè vincendo! Mi riferisco al 3° game del terzo set, game lunghissimo durato 10 ÷ 12 minuti non ricordo con precisione, l’ultimo game dell’incontro vinto. In quel game (era già sotto 0-2) ha fatto vedere che quando proprio vuole porta a casa il punto.
    5-3 per Camila 2° set: quello era il momento opportuno. La lettura dell’incontro con più esperienza avrebbe messo Camila nelle condizioni di lottare come nel game vinto al 3° set, e avrebbe vinto l’incontro.
    Io ho visto progressi. Forza Camila.

  120. Lucia by Lucia

    Io non sono contenta della partita di ieri sera.
    E’ incredibile non vincere una partita in cui si è’ preso a pallate la propria avversaria per un ora e dieci. In uno scenario così’ importante non puoi concederlo.
    Ha giocato molto bene per oltre un ora, e’ vero, ma ha perso.
    Perché’ quando il piano A si inceppa il piano B non esiste.
    E bisogna mettersi nella testa che un piano B ci vuole, perché’ perdere così’ grida vendetta.

    • farotto by farotto

      Riassunto di quanto ho espresso anche io.
      Quindi concordo.
      Il piano B però, in realtà, credo non esista per nessuno.
      Esiste invece il modo per migliorare la gestione della partita/e.
      Una parte viene dall’esperienze e dalla maturità, ma un’altra parte invece deve venire da insegnamento e formazione specifica.
      Dalle mie parti si dice: operazione completamente riuscita, ma il paziente è morto.
      Queste cose, nel mondo del lavoro come nello sport, derivano da formazioni molto specifiche.

    • r.b. by r.b.

      Forse, ma con un servizio ottimo il piano B non serve. La Kvitova ha forse un piano B? Con il gioco di Camila, a mio avviso serve solo un servizio di alto livello (inteso come fondamentale) e nessun traguardo le sarà precluso. Al momento, il servizio non è ancora a livello di quello delle migliori. E non è una questione di fare tanti ace o di sparare botte a 190 – 200 Km/h. Si può avere un ottimo servizio anche tirando la prima a 170 e la seconda poco sotto i 150 Km/h. È la gestione del colpo in generale che deve essere migliorata (prima e seconda palla, direzione, variazioni, tagli…)
      Fortunatamente è un fondamentale che si può migliorare, lavorandoci molto in allenamento.

      • Lucia by Lucia

        Sara’ come dite voi ma io raramente sono uscita arrabbiata come ieri sera. La Venus ha 35 anni, c’era un caldo boia, Camila dominava giocando un tennis spettacolare ed anche molto efficace. PARTITA FINITA.
        Invece un piccolo granello di sabbia fa saltare tutto.

        • farotto by farotto

          Vero, vero ed ancora vero.
          Non si devono perdere queste partite giocate stratosfericamente bene.
          Il servizio potrà e dovrà assolutamente migliorare, in questo r.b. ha ragione; la velocità non è tutto.
          Venus non lo dirà mai, ma aveva capito che avrebbe perso.
          Poi un lampo (o un granello di sabbia…).

  121. r.b. by r.b.

    Ho visto tutto il match su Eurosport 2 in HD, quindi, prima cosa grazie a Camila e Venus per il grande spettacolo. Grandi complimenti alla Williams, che a 34 anni gioca ancora così bene.
    Sono molto contento della prestazione di Camila, che ha sfiorato il colpaccio, ma COME stava per vincere? Giocando un match solido e ordinato, dominando e disponendo a piacimento di Venus fino al 6-4 5-4 e servizio. Davvero tanta roba.
    Quindi molto bene. Poi, fallita l’occasione, il match è scivolato nella lotta e la giocatrice più forte ed esperta ha avuto facilmente la meglio. Sono lezioni importanti, che una futura top 10 deve imparare.
    Sì, perché oggi si è avuta la conferma che Camila sarà top 10. Quando? Io credo nel 2016.
    Occorre pazienza perché si deve lavorare su molte cose. Servizio, risposta, ecc.
    Partiamo dal servizio: tutti dicono che deve lavorare la seconda perchè fa doppi falli, giusto, ma deve assolutamente mettere a posto ANCHE la prima. Attualmente è un colpo che Camila gioca praticamente sparando a caso un missile che spesso esce di METRI. Le altre piazzano il servizio, cioè decidono che tipo di prima giocare e dove metterla. Serena addirittura mira. Quando vuole fare un ace al centro si concentra, aspetta un paio di secondi in più, e la palla va dove vuole lei, cioè alla T. In Camila questo non succede ancora, la palla va spesso lunga di 2 metri e più. La seconda dovrebbe essere molto più lavorata, ed invece è una sassata piatta a 160-165 Km/h. Normale fare un doppio fallo ogni 4 seconde circa.
    Quindi bisogna lavorare il servizio come fondamentale: la prima DEVE assolutamente essere più precisa (arrivare almeno al 60% sarebbe fondamentale). La seconda più lavorata e giocata in sicurezza (anche se mi rendo conto che con Camila in concetto di sicurezza è molto relativo).
    Quindi molto bene, Camila ci sta lavorando e certamente ci lavorerà anche a Genova con Corrado, che le saprà dare i giusti consigli per migliorare questo fondamentale.
    Con un servizio solido Camila diventerà top 10 e potrà accontentare Ghaal e vincere Wimbledon (senza servizio, con il gioco di Camila non si vince uno Slam, e tanto meno Wimbledon).
    Vedremo già grandi miglioramenti nel corso di questa stagione.
    Forza Camila, questi AO sono andati bene, ci attendono nuovi tornei e nuove sfide!

    • etberit by etberit

      Concordo sulla prima, non sulla seconda: quando ha provato a tirare più “lavorato” Venus ha fatto il cecchino sparando vincenti; ovvio che Camila non ci ha più provato. Certo che aces di seconda sono poche a farle…

      • r.b. by r.b.

        Mettendo dentro il 60 – 65% di prime diminuiranno le seconde e di conseguenza anche i doppi falli. E comunque anche Venus ha subito molte risposte vincenti e non ha fatto una piega.
        La seconda va variata, lavorata, o giocata in kick, o sul colpo più debole dell’avversaria, o al corpo, ecc. ma deve restare dentro…

  122. farotto by farotto

    Ho letto i post pubblicati finora; c’è un po di tutto, forse la maggior parte sono cose vere, anche se con varie sfaccettature.
    Premetto:
    1) ho visto la partita fino al tie break sul 6-3 per Venus, poi sono andato a letto perchè mi ero comunque ripromesso di non voler vedere l’eventuale terzo set
    2) non voglio che qualcuno interpretasse le parole che seguirano come il solito attacco allo staff
    Dunque, Camila ha dominato Venus fino alla (quasi) fine del secondo set; Venus era stremata, ogni tanto pescava il jolly, ma in sostanza pregava perchè cambiasse qualcosa.
    Cami poteva tranquillamente vincere, poteva andare 5-2 nel secondo, e poi altre occasioni per andare avanti, ma non è successo.
    D’altra parte anche nel primo set ha dovuto giocare 6 palle set prima di chiudere.
    E nei punti dove doveva vincere, ma li ha persi, raramente c’è stata la zampata di Venus.
    Ci sono stati nel finale secondo set, prima del tie break, punti molto ma molto fortunosi per Venus (ho visto la sua faccia un paio di volte dove ringraziava in alto …), ed altri punti dove invece Cami ci ha messo del suo per sbagliare (qualsiasi fosse la motivazione, non serve dettagliarla).
    Cami non ha avuto la fortuna, la freddezza, la concentrazione, l’esperienza per chiudere punti importanti e, ripeto, solo per causa sua (sofrtuna a parte) e non di Venus.
    Chiaro che nel terzo poi è calata; non l’ho visto ma non crederò mai in una Venus in crescita, era distrutta; unica cosa invece forse a comiciato a crederci raccogliendo le ultime e poche energie,e ad aspettare gli errori di Cami che sono giunti puntuali.
    Vedere le statistiche: Venus non le ha alzate nel terzo, è Cami che ha ceduto.
    Quindi, la prima conclusione è che tecnicamente parlando Cami è stata ed è superiore.
    E’ anche onesto dire che il servizio è buono, ma non ancora al livello delle vere top.
    Bisogna capire chi c’è di fronte, capire se serve sempre sparare, capire quando bisogna variarlo.
    Vengo invece alla parziali critiche costruttive.
    Qualcuno ha giustamente osservato che quando Cami serviva da destra in uscita sul dritto di Venus quasi sempre faceva punto; queste cose bisogna vederle durante la partita.
    Se le cose iniziano a non andare più nel verso giusto, bisogna adeguare energie e soluzioni alle situazioni.
    In questo vedo ancora piccole mancanze, figlie di tante cose: inesperienza a certi livelli, un suo atteggiamento mentale di base, ecc…
    Non so poi se è sfuggito a me, ma in un incontro così importante, anche per l’aspetto formativo ed esperenziale di cami, non ho mai visto consigli del box; qualcuno è mai sceso a parlare con Cami?
    Personalmente mi pare che sia quì dove continuare a lavorare con più assiduità.
    Per il resto devo dire che stò male per la sconfitta, io ci credevo molto e da quello che ho visto Cami è superiore a Venus, e questo mi fa stare ancora peggio.
    Ma mi auguro che questa sia tutta esperienza e formazione.
    In due set ho visto una grande Cami, e voglio continuare a vedere questa Cami anche in futuro, con le piccole furbizie e gestione della tensione ormai acquisite.

  123. by C.M.

    Ci siamo goduti una partita che per due set è stata emozionantissima e molto bella, grazie Cami 😀

    Veniamo alle considerazioni.
    Camila sentiva moltissimo il match e si vedeva.
    Nel primo set,
    è partita piuttosto contratta ma dopo un paio di game ha cominciato a macinare il suo gioco a livelli altissimi, tenendo costantemente in mano tutto il resto del primo set, rispondendo a livelli stratosferici, tirando vincenti apparentemente impossibili e costringendo Venus alla resa nel primo parziale nonostante abbia servito con 80% di prime. Sarei curioso di sapere quante altre giocatrici sono riuscite a fare la stessa cosa.
    I commentatori in inglese di eurosport erano giustamente estasiati e esaltavano le capacità di Camila sia in risposta che in attacco, sottolineando come i doppi falli fossero giustificati dalla necessità di spingere tantissimo la seconda (anche perché ha fatto solo il 40% di prime).
    Fin qui – servizio a parte – tutto bene.

    Secondo set.
    Si vedeva subito che era cambiato qualcosa, Camila ha continuato a tenere in mano la partita ma ha cominciato a giocare più in sicurezza, cercando più la pressione che il vincente, per un po’ ha funzionato perché Venus non riusciva a tenere il palleggio a quei ritmi indemoniati, ma man mano che si andava avanti la Venere nera entrava in palla con colpi via via più bassi e profondi e maggiori variazioni, mentre Camila cominciava a perdere un po’ di velocità di palla.
    Se fosse tensione, stanchezza, corde della racchetta un po’ allentate da quella pressione forsennata, non saprei dire, probabilmente un insieme delle tre cose.
    Comunque Camila ha mancato delle occasioni importantissime, prima fra tutte non concretizzare il 5-2 con tre palle break a disposizione.
    E’ il momento in cui è cambiato l’incontro. Ha cominciato a fare tanti errori non forzati e l’iniziativa è passata sempre più nelle mani di Venus, che non l’ha mai più mollata.

    Terzo set.
    Il buio, Camila non ne aveva più mentalmente e – credo – anche fisicamente.
    Venus che – salvo problemi fisici – ha sempre avuto una buonissima tenuta ha avuto buon gioco a tenere alta la pressione fino alla fine.

    Da notare che Camila è riuscita a a fare più vincenti di Venus e anche a costringerla a più errori forzati,
    ha tenuto benissimo il palleggio nei primi due set e ha risposto splendidamente.
    Ha anche cominciato a usare il falco quando era il caso.

    Da migliorare assolutamente il servizio.
    E bisognerà lavorare tanto anche sulla tenuta psicologica sotto pressione.
    Le grandi giocatrici vincono giocando meglio nei momenti più importanti del match, cosa che la nostra Camila non riesce ancora a fare (non che sia facile…)

    • pablox5452 by pablox5452

      Mi sembra una analisi perfetta (non so la storia della tensione della racchetta perché m ilimito a guardare giocare gli altri). Aggiungo che io ho notato, e non solo in questa partita, dei cambiamentei tattici ed un minimo di lettura della partita da parte di Camila, cosa che i suoi critici continuano a negare. Per esempio si è visto subito che Venus sbagliava molto col dritto e lei cercava il dritto senza forzare molto tirando centrale e sufficientemente forte e profondo. Si è acneh visto che quando ha il punto quasi fatto, non tira più a mille sulle righe, ma tira un metro e mezzo dentro, sempre forte ma più in sicurezza. Queste cose nel terzo set le ha perse, anche perché di là aveva una Williams (appunto) che con il dritto non solo nonsbagliava ma metteva a segno punti clamorosi.

  124. pablox5452 by pablox5452

    IO ci credevo, anche se sapevo le difficoltà.
    Credo che Camila abbia giocato bene, non benissimo (diciamo sotto al livello del turno precedente) fino al 5-3. La partita è girata, forse, quando si è trovata 4-2 e 40-0 sul servizio VEnus. Lì c’è stato un nastro che ha permesso ad una Venus che sembrava fuori gioco (nel senso di lontana dalla palla ) di recuperare il colpo, poi Cami ha sbagliato ingenuamente. Quando Cami è andata 5-3 mi sono detto “poteva aver chiuso) e ho avuto la sensazione che avesse sprecato un’occasione I telecronisti a quel punto giù si stavano preoccupando del prossimo turno,( e anche qui ho pensato che portasse sfortuna) quindi è evidente che il match Camila lo stava dominando. Poi Venus ha iniziato a giocare alla disperata, non ha più fatto errori col dritto ma messo dentro punti pazzeschi e Camila ha avuto un po’ paura. Anche nel Tiebreak Camila ha regalato 2 punti, un dritto che bastava appoggiare ed un DF (l’ha fatto pure Federer con Seppi, e difatti ha perso, e si chiama federer…) Nel terzo set ho avuto subito l’impressione che Cami fosse in rottura. E’ una situazione che nel tennis (femminile e non) si ha spesso, la giocatrice giovane e sfavorita sfiora l’impresa, la manca, e poi nel terzo la giocatrice esperta, scampato il preicolo, non sbaglia un colpo e l’altra perde autostima, capisce che ha perso l’occasione e va fuori giri. In questo contesto credo che ci sia da essere felici per quell’unico game vinto con una caparbia resistenza a dispetto di DF e nastri e righe involontariamente prese da Venus. Che ha meritato, ma ha anche avuto fortuna, perché la partita è stata decisa ANCHE da un nastro (sottolineo quell’ANCHE perchè ovviamente non è SOLO il nastro, ma esperienza e capacità tattiche complessive, però senza quel nastro….)

  125. etberit by etberit

    Ho visto una gran bella partita, dove le avversarie fin dall’inizio non si sono risparmiate, tirando bordate che atterravano a pochi centimetri dalle linee. Non ci sono tante tenniste così, nel circuito. Nei primi due set la condizione di Camila è stata quasi perfetta, i doppi falli ci stavano perché cercava di tirare forte la seconda per impedire a Venus di attaccare; quando non lo ha fatto, ha subito risposte vincenti (d’altra parte anche Venus ha dovuto fare altrettanto). Secondo me Camila ha sentito la pressione dell’impresa che stava per fare (battere Venus in due set è da campionesse!) e le è venuto un po’ di “braccino” proprio quando avrebbe dovuto chiudere. Venus contemporaneamente è cresciuta in fiducia, e la storia è finita. Amen, è andata, abbiamo vissuto un bel sogno, ma sono convinto che fra non molto lo vedremo realizzato.

  126. by giacomo carbone

    Avevo già scritto dopo la partita con la pennetta che intravedevo i soliti problemi di tenuta mentale e cosi è stato..sino al 4 a2 del secondo set stava giocando in modo meraviglioso e poi bum spenta la luce ..storie gia viste e che non le permettono di ddiventare una top ten per ora..mi chiedo se qualcuno ci stia lavorando per superarli a quanto pare no se siamo ancora cosi ed è un gran peccato vederla dare lezioni di tennis a venus e poi smarrirsi nel momento clou…

  127. ghezzo63 by ghezzo63

    peccato , per un set e mezzo hai giocato un tennis fantastico ! lavorandoci i risultati arriveranno ! BRAVA LO STESSO CAMILA !!!

  128. filippo.demaio by filippo.demaio

    Voglio dire con serenità il mio punto di vista. Camila mi sembra più che matura per impegno voglia e dedizione, fantastica tecnicamente e adoro il “suo gioco”.
    L’unica cosa che mi sembra insostenibile è il servizio. A mio parere va proprio ripensato non migliorato! Quando la vedo preparare il servizio con lo sguardo perso nel vuoto, immobile…… non vedo concentrazione ma paura! paura di sbagliarlo! C’è l’ho col suo staff tecnico ma…. chi sa di chi è la colpa… non so…
    In ogni caso qualcuno ci sta defraudando il piacere di vivere grandi vittorie in questi anni con una campionessa italiana finalmente all’altezza delle primissime!
    Non me ne vogliate…. 🙂

    • pablox5452 by pablox5452

      Premesso che anche a me dà fastidio vedere Camila fare 5-6 df a set (dovrebbe esserlo a partita non a set) ricordo che ci sono stati tornei, non dico partite, come quello di katowicze dove ha fatto 6 df in tutto il torneo credo, nel turno precedente ne ha fatti 5. credo quindi che non sia il fatto che lei non sappia servire, ma forse solo di scelte tattiche. Lo sguardo non è perso nel vuoto perché ha paura. Abbiamo visto in questo torneo più di una volta tirarsi fuori dai guai proprio con il servizio e con la seconda di servizio, realizzando pure degli ace, Quindi il tuo discorso non regge, sorry, E non capisco il discorso del “qualcuno ci vuole defraudare” se l’accenno è al padre di Camila lo trovo di cattivo gusto e insensato. Magari allenasse la Errani, Sara servirebbe meglio…

      • filippo.demaio by filippo.demaio

        No, non mi riferisco al padre, non conosco direttamente le situazioni per cui non mi permetterei. Preciso anche che non so di chi è la colpa….. quindi, niente cattivo gusto. Io lo individuo come problema tecnico, per cui mi riferisco al suo staff tecnico al completo. Sono due anni che esiste questo problema del servizio e nessuno è stato in grado di fare nulla…. dopo tre mesi senza competizioni speravo che qualcuno avesse fatto qualcosa! Camila è dotata, anche abbastanza alta fisicamente…. non ci credo che non si possa fare nulla per il suo servizio…. Non mi riferisco solo ai DF anche la prima è sparata con la speranza che entri. Non serve a nulla fare un ace di seconda quando fai 16df e rido quando leggo ” poche giocatrici sono in grado di fare un ace di seconda” . Che ve ne fate di tale prodezza con con un servizio che fa iniziare ogni game da 0-30?
        Riguardo il “defraudato” : ogni giocatrice ha una qtà di talento (tanto o poco); il compito dello staff tecnico è farlo rendere al meglio. Lo ST di Giorgi sta fallendo da almeno due anni mentre lo ST di Errani ha fatto i miracoli!!! La Errani è stata n°4 al mondo!!! Che potrebbe fare Camila??
        Rifletti…. io prenderei lo staff della Errani per allenare Camila, non il contrario!!!!

        • filippo.demaio by filippo.demaio

          n°5 scusa…

          • Ace by Ace

            Scusa, rispetto la tua opinione sul servizio, ma se Camila giocasse come Sara, la maggior parte di noi non starebbe qui a scrivere. Sara è fortissima, ma il suo gioco mi annoia. Credo che stia proprio in questa enorme differenza tutta la passione che suscita Camila. Anche se fosse vero che Camila, giocando un altro tennis potrebbe vincere di più, io, i suoi tifosi, Camila e il suo staff non lo vorremmo mai. Non baratteremmo un solo torneo per le emozioni che regala questo tennis. Il mio augurio è che arrivi a vincere col suo modo di interpretare il tennis che comprende l’utilizzo del servizio come inizio del suo gioco di attacco. Sono solo opinioni diverse, ma davvero lontane.

            • filippo.demaio by filippo.demaio

              Ovvio…. era solo un paradosso in risposta a pablox5452

  129. AlterEgo by AlterEgo

    Ragazzi, purtroppo non ho potuto vedere il match, e sinceramente, pur avendo buone sensazioni (riveletasi poi inesatte) non avevo particolari aspettative in termini di risultato, sapendo delle difficoltà del match e della qualità e dell’esperienza dell’avversaria…Diciamoci la verità, se Cami avesse vinto avrebbe fatto l’impresa! Così non è stato, ma a quanto pare sembra ci sia andata molto moltovicina, per cui mi ritengo moderatamente soddisfatto; certo, se avesse brekkato per il 5-2 o comunque avesse servito bene sul 5-4 secondo set probabilmente le cose sarebbero andate diversamente, e adesso staremmo a parlare di tutt’altro …Si potrebbe asserire che Cami ha ‘quasi vinto’ 🙂 , ma non me la sento di dirlo seriamente, o si vince o si perde, punto e basta, e Cami oggi, purtroppo, ha perso…Nel complesso però, per me, al netto della visione del match che magari potrebbe farmi cambiare idea, il bicchiere è più mezzo pieno che mezzo vuoto!
    VAMOS CAMI, SEMPRE E COMUNQUE!!! 😉 🙂 😀

  130. journasesto by journasesto

    Peccato Camila! Ci sei arrivata a tanto così… Oggi avresti vinto con il 99% delle altre. Ma di fronte avevi la Venere nera che ha fatto la storia del tennis…

  131. enzo by enzo

    Fino al 2o set grande partita di Camila.Come spesso le succede pero’ , quando deve chiudere succede qualcosa, si irrigidisce , e perde pur avendo fatto tutto bene per vincere .
    Certo i gratuiti sono stati tanti,troppi anche nei primi 2 set , ma aveva di fronte Venus che ha giocato bene anche quando era sotto.
    Comunque peccato Cami, sei andata vicinissima al 4R contro una grande campionessa.!!!

  132. gimusi by gimusi

    Nell’intervista a caldo Cami attribuisce giustamente la sconfitta ai troppi errori fatti…anche se effettivamente non ammette esplicitamente di aver giocato male…il brutto terzo set invece lo imputa ad errori tattici nella scelta dei colpi…ovviamente è amareggiata per la sconfitta ma nel complesso soddisfatta del torneo e fiduciosa per il futuro…l’altra notizia di rilievo è che non ha intenzione di fare come Venus…non giocherà fino ai 34 anni…per il resto le sue parole mi lasciano un’ottima impressione…forse è molto più matura di quanto a volte si immagini e sa esattamente ciò che fa che deve e che può fare….ora tornerà a tirrenia per poi giocare in Belgio e quindi Dubai…

  133. hector by hector

    Qualcuno e’ amareggiato e afferma “non si puo’ perdere cosi'”. Ma esistono un modo giusto e un modo sbagliato per perdere? La sconfitta giusta o sbagliata dipendono dal risultato? Proviamo ad immaginare di perdere con un doppio 6-2: non ci resterebbe che riconoscere la superiorita’ dell’avversario, ma potremmo forse parlare di sconfitta giusta dato che il risultato non e’ mai stato in discussione? E la sconfitta di Camila in finale a Linz? E’ maturata in modo giusto perche’ ha rimontato da 1-5 nel terzo prima di perdere? E se avesse perso dopo essere stata avanti 5-1 nel terzo sarebbe stata una sconfitta sbagliata? La mìa opinione e’ che il modo giusto di perdere esiste: e’ dare tutto in campo, il che non significa fare necessariamente tutto in modo perfetto, ma impegnarsi al massimo delle proprie possibilita’ in quel preciso istante. Il modo sbagliato di perdere e’ entrare in campo con sufficienza, giocare un tennis svogliato magari sottovalutando l’avversario. Da quando conosco Camila l’ho vista subire sempre sconfitte “giuste” e solo una volta ho avuto la sensazione di una sconfitta “sbagliata”. Anche in questo e’ una campionessa.

  134. by lelitolelita

    r,b. hai un troll attaccato ai coglioni

    • by lelitolelita

      o un cagnolino che ti segue e ti morde le caviglie…

      • r.b. by r.b.

        🙂 🙂 🙂 Lo so, ma non c’è problema, in fondo io lo prendo in giro con le mie battute, anche se del tutto bonariamente… e lui è fatto così si sa, se non offende non si diverte…. 🙂 Quindi nessun problema, nemici come prima, ops… volevo scrivere amici….. 🙂 🙂 🙂
        Tra tifosi ci sta, sono solo parole al vento…
        E poi i rosikoni sono troppo divertenti, quindi finché ci si diverte va tutto bene. 🙂

  135. meravigliosacamila by meravigliosacamila

    Io vedo dei continui progressi, in particolare in risposta, ma anche nella gestione dello scambio. Fino a qualche mese fa tirava quasi esclusivamente per chiudere il punto, finendo per sbagliare troppo. Adesso mi sembra che, pur tirando forte, cerchi prima di guadagnare campo per poi chiudere con maggior sicurezza. Il problema maggiore credo sia la mancanza di continuita’ nel servizio, dove pero’ e’ svantaggiata rispetto le piu’ forti, avendo una quindicina di centimetri in meno di statura. Diciamo che se giocasse i propri turni di servizio col tacco 12, non perderebbe mai. Una bonaria tiratina d’orecchie la meriterebbe per aver servito, specialmente da destra, quasi sempre sul colpo migliore di Venus, cioe’ il rovescio. Quelle poche volte che da destra ha servito ad uscire ha quasi sempre concretizzato il punto. La mia speranza e’ che nei tornei minori e contro giocatrici meno stimolanti, riesca a giocare con la stessa concentrazione che riesce ad avere nei grandi appuntamenti, perche’ adesso e’ ora di alzare qualche coppetta, visto che le potenzialita’ ci sono. Rimango dell’idea che per imparare a vincere bisogna vincere, magari partendo dal basso per poi abituarsi e arrivare in alto. Cmq brava Camila, esci a testa altissima.

    • r.b. by r.b.

      Bravo, bellissimo post che migliaia sentiamo di sottoscrivere in pieno.

      • r.b. by r.b.

        Errata corrige: bravo, bellissimo post che mi sento di sottoscrivere in pieno.

  136. by atom

    Camila ti voglio tanto bene ma a volte il tuo gioco esalta altre è irritante. Non è colpa tua…

    • by atom

      Un gioco del tutto inaffidabile…che ti porta a fare qualche exploit…ma non da sicurezza. Comunque essere 30 al mondo non è male e almeno permette di vivere col tennis.

  137. eulondon by eulondon

    Mannaggia! Era parsa in versione delux (almeno a me). In totale controllo quasi fino alla fine, tenendo facile il servizio sul 4-3 dopo le 3 pb mancate. Poi prima un parziale black out. E nel terzo totale confusione. Sono Troppe le partite perse nonostante avesse servito per il match. E credo sia qualcosa che dipenda solo da lei. E’ lei che ci deve lavorare, non so se con specifico supporto o meno. Di sicuro resettera’, ma ste sconfitte fanno male. Tanto.

  138. by atom

    Sono ancora scosso. Lucia dice che non conta l’aspetto mentale ok…è una sua opinione…rispettabile. Io dico soltanto che non si po’ fare 17 df e pretendere di andare agli ottavi di uno slam…La opinione corrente è che è giusto che li faccia perché quello è “il suo gioco”. Ok sono io che non capisco niente di tennis…nella mia ignoranza dico che Camila è molto brava ad aver raggiunto la 30 sima posizione…facendo di media 15 df a partita…

    • r.b. by r.b.

      Non sono sicuro che sia l’opinione corrente, forse una volta ma adesso non è più così, vedo molti qui che sottolineano l’importanza del servizio. Inoltre sono sicuro che non sia l’opinione di Camila (anche se purtroppo i doppi falli li fa, e ancora tanti)…

  139. avadar by avadar

    2 set molto buoni in cui Cami è andata vicinissima alla vittoria….
    unica recriminazione: quel settimo game del 2 set…….
    poi la partita è girata ed è scivolata via….
    ma che sfida!!!
    ….e contro c’era una Venus in forma smagliante….

  140. r.b. by r.b.

    Il lavoro da fare è ancora tanto, del resto Camila ha parlato chiaramente del 2016 come anno buono ad alti livelli, segno che è consapevole che deve migliorare tanti aspetti del suo gioco.
    Oggi viene facile indicare il servizio, ancora troppo inaffidabile, soprattutto nei momenti chiave. Una Serena che serve per il match mette dentro due ace e due servizi vincenti, game, set and match. Semplice no? 🙂

  141. r.b. by r.b.

    Grandissima Camila contro una super Venus Williams…

  142. hector by hector

    ….e a suon di salumi….vamos Camila!

  143. gimusi by gimusi

    onore a Venus che, pur non giocando bene a mio avviso, ha tirato su una partita che nel secondo set sembrava già chiusa…e onore anche a Cami che ha lottato con tutto quello che aveva ma che è incappata in una giornata decisamente no…contratta fin dall’inizio non ha mai trovato il gioco mostrato nei primi due turni…e nonostante questo è riuscita ad arrivare vicino alla vittoria nel secondo set e a portare Venus al terzo….per quello che Cami ha fatto vedere nel complesso di questi AO credo che la strada sia quella giusta…lavorare lavorare lavorare bisogna solo continuare a lavorare per trovare la tanto agognata continuità di rendimento…certo che eravamo ad un passo dal 4T e l’amarezza è tantissima…però si deve guardare avanti c’è tutta una stagiona da giocare…VAMOOOOSSSSS CAMIIIII e grazie per le grandi emozioni che ci regali ogni volta…saremo sempre qui a fare il tifo per te e a sostenerti a suon di trombette

    • r.b. by r.b.

      Scusa ma che partita hai visto? Camila ha giocato benissimo nei primi due set, almeno fino al 5-3 del secondo, mentre Venus è stata straordinaria nel finale secondo set e nel terzo…

      • gimusi by gimusi

        io l’ho vista così…mi è sembrata decisamente meno efficace dei primi due turni…ma è rimasta in partita proprio perché anche Venus non si stava esprimendo al massimo…poi Cami da 5-3 in poi è peggiorata e Venus salita di livello….capita di avere sensazioni diverse…non pretendo di aver ragione…sono curioso di sentire il parere di Cami e Sergio

    • by lelitolelita

      non sono completamente d’accordo con questa analisi. La partita è stata molto bella per 2 set e mezzo. Camila ha giocato benissimo per quasi 2 set. Venus ha giocato molto bene, ha dovuto trovare risorse tecniche importanti e risorse fisiche inimmaginabili per venirne a capo. Nel primo set non riusciva a tenere lo scambio soprattutto sulla diagonale del diritto, poi ha trovato il giusto ritmo, e complice un irrigidimento di Camila ( e i df di Camila), ha fatto sua la partita. Occorre lavorare sopratutto sul servizio. La differenza aces / df tra le due fa la differenza

      • gimusi by gimusi

        secondo me una Cami in formato odierno da Flavia le prendeva di brutto e anche Venus…ma come detto prima è solo la mia personalissima opinione eh 🙂

    • by lelitolelita

      gimusi riguarda la partita…. Cami ha giocato alla grande fino al 5 3. poi si è irrigidita e nel finale ha alternato qualche bel punto (pochi) a molti errori banali mentre venus è cresciuta in solidità. Ma dire che fin dall’inizio era contratta o in giornata no fin dall’inizio è una bestialità.

      • gimusi by gimusi

        non voglio mica convincere nessuno…è stata la mia impressione…gli errori oggi sono stati davvero troppi…per battere una Venus pur non eccezionale…comunque se capita lo riguarderò senz’altro 🙂

    • by Vale90

      “è riuscita a portare Venus al terzo”
      beh forse era meglio se non lo faceva!
      ihihihi 🙂 mi sa che è Venus che ce l’ha portata!

Leave a Reply