Camila_NewHaven14_01

Esce sorprendentemente al primo turno a New York Camila, nell’ultimo torneo dello Slam dell’anno che si sta disputando sui campi di Flushing Meadows. Camila ha perso in tre set, per 6-1 5-7 3-6 in 2 ore e 10 minuti dall’australiana Anastasia Rodionova, trentaduenne numero 221 del mondo proveniente dalle qualificazioni. Camila dopo meno di mezzora era avanti 6-1 2-1, ma ha subito il ritorno dell’avversaria, perdendo in un combattutissimo terzo set.

Primo set: 6-1. Camila parte molto bene, filando subito 3-0 con due break consecutivi. La Radionova riesce poi a tenere il servizio successivo, ma gli altri tre giochi sono di nuovo per Camila, che chiude il set alla prima opportunità.
Secondo set: 6-1 5-7. Camila inizia di nuovo forte, breakkando l’avversaria a zero sull’1-1, ma nel gioco successivo concede tre palle break, e l’australiana si riporta in parità, per poi portarsi avanti 3-2. Dal 3-3, altri quattro break consecutivi, con la Rodionova che tiene il servizio sul 5-5. Camila, in difficoltà al servizio (7 doppi falli nel set) viene nuovamente brekkata nel gioco successivo e l’australiana, alla seconda opportunità, chiude il set.
Terzo set: 6-1 5-7 3-6. Si parte con due servizi tenuti, ma il terzo game è davvero incredibile: Camila ha ben 7 palle break, ma non riesce a strappare il servizio alla Rodionova, che porta a casa un gioco da 22 punti. Sul 2-3 poi, Camila annulla due palle break dal 15-40, riuscendo a tornare in parità. Sul 3-4, altro game lunghissimo: Camila annulla 6 palle break, ma non chiude nessuna delle 3 palle game e perde un altro gioco da 22 punti. L’ultimo gioco è vinto a zero dall’australiana.

Ecco il tabellino del match con Anastasia Rodionova:

20140825_rodionova

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • Wta Linz, forfait di Camila
    Wta Linz, forfait di Camila
  • US Open, Camila esce al primo turno, sconfitta in due set da Magdalena Rybarikova
    US Open, Camila esce al primo turno, sconfitta in due set da Magdalena Rybarikova
  • Cincinnati, Camila cede solamente al terzo set alla numero 1 del mondo
    Cincinnati, Camila cede solamente al terzo set alla numero 1 del mondo
  • Cincinnati, che vittoria di Camila! Battuta anche Gavrilova
    Cincinnati, che vittoria di Camila! Battuta anche Gavrilova

1.322 Comments. Leave your Comment right now:

  1. Giovaneale by Giovaneale

    Estratto il md di Wuhan,ecco la parte di tabellone che ci interessa:
    14】Safarova-Lisicki

    Svitolina-Giorgi

    Muguruza-Flor

    Bye-【2】Halep

  2. giuseppe by giuseppe

    Rispetto e vicinanza affettiva a una ragazza che deve rinunciare (a livello competitivo) allo sport che ama per un impedimento fisico. Giù il cappello. 🙁 🙁 🙁

    • by r.b.

      Giustissimo. Ma certamente non abbandonerà il tennis perché Li Na è importante per tutta la Cina. Secondo me si occuperà di sviluppare il movimento tennistico in Cina. Avrà comunque un compito importante da svolgere in un paese che sta facendo passi da gigante in questo sport.

  3. by r.b.

    La Schiavone ha appena battuto la Rodionova nelle quali di Wuhan.
    Aspettiamoci ritorsioni… 🙂

    • zio gio by zio gio

      Intanto Li Na ha annunciato,come da indiscrezioni,il suo ritiro.
      Ha avuto gli attributi di farlo nel corso della sua stagione migliore,martoriata da un ennesimo problema fisico.
      Carattere apparentemente estroverso di una persona che ha dovuto vivere superando il trauma della scomparsa del padre,tenutale nascosta durante un torneo.
      Non ha fatto la cheerleader, né la gatta morta negli anni di assenza dal campo.
      Auguri alla Li per l’inizio di una nuova dimensione

      • by r.b.

        Evvai fuori una, la top 5 si avvicina, ora speriamo nel ritiro delle altre ultra trentenni 🙂 🙂 🙂
        Largo ai giovani!

      • by r.b.

        Per quanto riguarda l’atleta Na Li massimo rispetto ovviamente. Anche quando si ritireranno le Williams l’esultanza conviverà con il rispetto per due tenniste che hanno fatto epoca.
        Anche Na Li è sempre stata una tennista che ho ammirato per il suo gioco e la sua serietà in campo. Certo, il giorno della finale del Roland Garros su quel punto rubato a Francesca non è che gliele ho risparmiate, ma credo un po’ tutti i tifosi italiani abbiano fatto lo stesso. Comunque a parte questo era veramente forte ed è stata un esempio di correttezza da imitare.

  4. Madoka by Madoka

    Cmq tanotte ho sonato che veniva estratto il tabellone di Whuan e camila veniva sorteggiata co la Vekic *_*

  5. journasesto by journasesto

    Pare certo che domani Na Li annuncerà il ritiro perché non riesce a guarire dai problemi al ginocchio.
    http://www.gazzetta.it/Tennis/18-09-2014/tennis-li-na-dice-basta-domani-dovrebbe-annunciare-ritiro-90485809254.shtml

    • by r.b.

      Ma vieni!!!!! Una di meno!!! La top 10 è già troppo affollata… 🙂 🙂 🙂

      • by lucio

        Adesso ho capito……..lo scrivi per essere evidenziato dal sito amico ………esibizionista eh.eh….

        • by r.b.

          No, lo scrivo affinché la #10 diventi la #9 🙂 🙂 🙂 e poi si spera #8, #7….. 🙂

  6. by r.b.

    Giornate vuote…
    I commenti latitano….succede a Guangzhou, qualche battuta sui rosikoni… 🙂 c’è poco di cui parlare senza Camila in campo…
    Prossima settimana dovrebbe esserci il torneo di Wuhan, nuovo Premier 5 e torneo importantissimo, poi settimana successiva Premieri Mandatory di Pechino, ancora più importante.
    Allacciate le cinture!!! Comincia un percorso da brividi!

    • journasesto by journasesto

      Il tennis senza Camila è come un cappuccino senza la brioche!

      • by r.b.

        …come una torta di mele senza le mele! 🙂

        • hector by hector

          E’ come aspettarsi un piatto di spaghetti alla puttanesca e scoprire che te li hanno conditi con gorgonzola, acciughe, cipolle, fragole e marmellata d’arancia. Praticamente, spaghetti alla puttanata.

  7. Giovaneale by Giovaneale

    Succede a Guangzhou
    In un international i cui tutte le tds tranne una sono andate fuori al primo turno…fuori tra le alte Stosur,Stephens,Jovanovski,Diyas,Vinci che ha perso con una 20enne 185 al mondo,a detta di alcuni “esperti” la Bencic del 2015 ma che fino ad ora ha fatto solo itf in Cina e dubito l’abbiano mai vista giocare e che oggi,per la cronaca,è stata rispedita a casa da Hsieh in due rapidi set e Hsieh è numero 171…
    Insomma al secondo turno la nostra cara amica francese,la simpatica Cornet era nel baratro..perdeva 3-6 3-5 e servizio Peer (che è arrivata a due punti dal match in più di un’occasione) ma ha finito per vincere in tre set.
    Singolare che a fine secondo set l’incontro sia stato sospeso per “caldo eccessivo” quando in contemporanea si continuava a giocare tranquillamente l’altro singolare (impegnata la Torro Flor)
    Non ne ho la certezza ma vogliamo scommettere su chi abbia fatto interrompere l’incontro chiaramente in debito d’ossigeno per lo sforzo di aver recuperato una partita ormai persa? 🙂
    La Cornet dovrebbe fare dei corsi alle altre tenniste del circuito su come far andare in bestia la propria avversaria,con lezioni specifiche di svenimento da caldo eccessivo anche in pieno inverno o da stanchezza dopo 3 games giocati 🙂
    Chissà se spunterà qualche video della partita su youtube,prevedo scene da panico 🙂

    • by r.b.

      Secondo me è stato “lui” a far interrompere il match 🙂 Avrà mandato una mail al fratello del giudice di sedia…. 🙂 🙂 🙂 p

      • eulondon by eulondon

        Dear brother of justice of sedil,
        There is much cald and the match is stop.
        The players don’t play well with cald.
        Speak your brother, for favor.
        Thank you

      • by Fan

        No: ha mandato il suo medico curante , grande tifoso della sportivissima “cornacchietta” made dalla fu telecom 😉

    • journasesto by journasesto

      Dicono che anche la Rodionova sia un’artista nel fare imbufalire le avversarie. Non so come si sia comportata con Camila, però sul web si leggono gustosi aneddoti sulla sua antisportività.
      Per chi legge l’inglese ecco per esempio un episodio che risale al 2009, quando la aussie naturalizzata stava giocando un match contro la nostra grande Mara Santangelo (http://www.tennisforum.com/showthread.php?t=311380).

  8. Madoka by Madoka

    La Kuznetzova è un’altra ridicola peracottara.

    Sto fenomeno quando deve affrontare Camila gioca sempre al massimo, giocando le sue migliori partite stagionali, poi puntualmente quando affronta altre avversarie o si ritira, o fa figure meschine come lunedì contro la Bencic, dove perde 9 giochi di fila e la partita senza un minimo impegno.

    Ho visto la partita lunedì e la Bencic sembrava un fenomeno, poi ho visto oggi Bencic-Safarova e Lucie le ha dato 6-2 al terzo in 20 minuti non facendole toccare palla.

    Sta ridicola, desidererei davvero che Camila la afforntasse di nuovo e la battesse.

    • by r.b.

      Eh sì deve proprio avercela con noi… 🙂
      Invece Caroline, dobbiamo averle fatto troppi complimenti… quando gioca contro Camila è un bancomat (cit.) 🙂 invece con la Bencic niente sconti, bicicletta e a casa…. 🙂 🙂 🙂

    • journasesto by journasesto

      Vorrei avercelo io il conto in banca della peracottara… 😉

      • by Fan

        @Madoka

        Questi sono i commenti che bisognerebbe evitare rispetto a giocatrici il cui livello raggiunto ancora noi “sogniamo”. Svetlana ormai era prossima al ritiro già da tempo, per appagamento ed intervenuta depressione ( come biasimare una professionista nel circuito da quando aveva praticamente 15 anni), senza contare poi che sulla Bencic non è che proprio possiamo cantare vittoria 😉

        • by r.b.

          Vabbé, ma Madoka è un sanguigno… 🙂 Chiaro che poi di là ci criticano per questi commenti, ma ci criticherebbero in ogni caso. Se dici che una tennista è bella e ti piace sei un maniaco :-), se dici che è antipatica partono mail ai fratelli, quindi….
          Io credo che in realtà tutti noi sappiamo riconoscere il valore di una giocatrice come la Kuznetsova, però è vero che a volte si addormenta e fa prestazioni non proprio esaltanti…

          • by antonelo

            Vabbe’ ma questo tizio si era abituato a ben altro livello di commenti… da parte di personaggi troppo colti per vivere di luce riflessa (ma non abbastanza da conoscere la grafia di asciugamano).
            Avrà quindi bisogno di un po’ di tempo per adattarsi nuovamente ai livelli nauseabondi di alcuni dei commentatori di questo sito, che spiccano per idiozia.

            • Madoka by Madoka

              Questo tizio ?

              • by antonelo

                Certo potrebbe anche trattarsi di un caso di omonimia, e il tizio che concionava sul livello nauseabondo di questo sito a causa dell’idiozia di alcuni commentatori è un altro Fan.
                In fondo me lo auguro.

        • Madoka by Madoka

          Mah, onestamente non ho mai capito perché non si possa parlare di determinate giocarrici solo perché in passato sono state forti. A me da fastidio vedere una giocatrice he su 5 tornei giocati, 4 si presenta in forma precaria ed uno lo giochi al massimo delle sue possibilità. Poi se non posso dirlo perché a qualcuno da fastidio o perché il bieco spazzino legge, mi dispiace per loro.

  9. farotto by farotto

    Volevo riprendere il post di Lucia, che tra l’altro ho apprezzato molto (probabilmente deve aver giocato ad alti livelli per esprime alcuni concetti indiscutibili), del passare da modalità‘ vincere partita a modalità‘ vincere torneo.
    Ripensando a molte partire perse malamente da Camila, dovrebbe ancor prima passare dalla modalità vincere punto alla modalità vincere partita.
    Lei è dotatata di un grandissimo talento, e stò pensando che forse grazie (o per disgrazia) a questo sia lei che il suo team trascurino, forse inconsapevolmente, l’aspetto gestionale e caratteriale.
    Puntano molto sul talento, sul saper fare; questo è un classico della mentalità Italiana.
    Chi non ha tutto questo talento, sviluppa necessariamente altre qualità gestionali.
    E questo non succede solo nello sport, ma succede anche e soprattutto nel lavoro.
    Troppe volte il talento da solo non basta, la storia ne è zeppa, e prima lo si capisce, meglio è.
    E’ il momento di procedere con una istruzione completamente diversa di Camila, gestionale e caratteriale; il talento non è un problema, non scompare da solo.
    Finora non ho visto nulla di questo.
    Quante volte si è trovata nei game, soprattutto in risposta, avanti 0-40 o 15-40 , ed alla fine gli ha persi rispondendo non una ma puiù volte di seguito sempre e solo di forza sparando la palla una volta appena sotto il net, una volta appena fuori la riga, ed è arrivata alla fine a perdere il game? Quante volte è stata avanti al servizio per 40-0 o 40-15 ed ha continuato a sparare il servizio commettendo doppi falli?
    Forse stanno già facendo qualcosa ma, come succede alcune volte, la strada è sbagliata e non ce se ne rende conto; forse, semplicemente, mancano nel team le competenze per fare bene il lavoro gestionale. Non è cattiveria, ognuno sa fare bene alcune cose, non tutto, nessuno nasce onniscente.
    Ho la forte sensazione che a Camila serva davvero qualcuno che sappia fare bene, e dico davvero bene, questo lavoro, anche perchè stiamo parlando di una che se gestita bene diventerà non solo topo ten, ma molto più probabilmente una top five.

    • journasesto by journasesto

      Qui dovremmo aprire un dibattito su che cosa sia il talento, e cioè se sia una dote innata o se sia qualcosa che si costruisce con il lavoro e l’allenamento. Ci sono due scuole di pensiero al riguardo, ma la tesi emergente è che il talento innato in realtà non esiste, ma è determinato da un insieme di fattori favorevoli che si manifestano dopo la nascita e che si accompagnano, nel caso dello sport, alle doti fisiche della persona (che, quelle sì, sono innate). Se Camila e tutte le tenniste di alto livello sono arrivate a primeggiare in questo sport non è tanto perché Dio o il caso le ha dotate di qualcosa che gli altri non anno, ma soprattutto perché dall’età di 5 o 6 anni hanno cominciato a fare questo sport, sono state assistite dalla famiglia, dal loro piacere di praticare questo sport instancabilmente e dalla volontà di allenarsi ore e ore e ore.
      Quindi non sono per nulla convinto di quello che dici. Per arrivare a sviluppare il talento che ha Camila fin da piccolissima si è sottoposta a una dura disciplina, alla gestione di tantissimi aspetti che comprendono la sua crescita personale e intellettuale e la sua crescita sportiva. Non è certo di capacità di applicazione che manca o di capacità di programmarsi, perché altrimenti non sarebbe mai arrivata dov’è arrivata. Qui stiamo parlando di particolari, di cose molto difficili da mettere a punto perché non riguardano soltanto se stessi, la propria persona e le proprie capacità ma anche l’avversario, che è qualcuno che come te ha dedicato la vita al tennis e che ogni volta propone problemi diversi da risolvere. È anche qui una questione più di allenamento che di gestione, di trovarsi più e più volte ad affrontare lo stesso tipo di difficoltà, capire come affrontarlo e sviluppare una soluzione. Si tratta probabilmente oggi per Camila di cambiare un po’ il tipo di lavoro che ha sempre fatto finora per allenare anche un aspetto che finora non le aveva dato problemi, quello della tenuta psicologica con giocatrici teoricamente più deboli, e trovare una risposta. Ci sono senz’altro modi per allenare questi aspetti e sono sicuro che Camila ci stia lavorando intensamente.

      • zio gio by zio gio

        Credo che tutte le giocatrici abbiano sviluppato la loro predisposizione al tennis con l’allenamento ed il sacrificio,fermo restando che in ognuna di esse,la crescita vada poi a collidere con un nemico comune: il limite. Ognuno lo vede apposto in una posizione diversa del proprio iter formativo.
        Per Camila, è ancora tanto distante. Per me il talento è innato: è naturalezza,esplosività,eleganza e particolarità di espressione del gioco: Cami la ha nel tempo sulla palla e nella facilità di soluzione. Radwanska nel back fintato,Dolgopolov nell’esecuzione del dritto, Kvitova nella pennellata di dritto. Etc.etc.
        Cami deve gestire questo suo talento,addomesticandolo come fosse un animale selvatico.

      • eulondon by eulondon

        o la vedo così: la predisposizione è innata. Un buon lavoro, sin da piccol,i sulla predisposizione sviluppa il talento. E, credo, questo con Cami sia stato fatto alla grandissima. L’ esplicazione del talento, invece, richiede molta ma molta più fatica, perché è qualcosa che solo in parte può esser guidato dal di fuori…ma che per gran parte dipende tutto dal soggetto in questione. Da come riesce a conviverci e a gestirlo, dalla volontà , dalla capacita’ di imparare dall’ esperienza e di integrarlo crescendo, dalla serenità e da una marea di altre cose che caratterizzano in genere la vita di una persona. Sportiva o meno.

        • journasesto by journasesto

          Sono più propenso a concordare con te che con zio gio. Fermo restando che chi studia questi aspetti ancora non è arrivato a una risposta definitiva. Un’altra cosa però è sicura: il bilinguismo sviluppa un’intelligenza particolare soprattutto nell’apprendimento. Camila ha sicuramente beneficiato di questo aspetto. Imparerà presto anche a battere le Rodionova o le Dabrowski di turno.

      • giuseppe by giuseppe

        io la vedo così (e scusate l’accostamento…!!!):
        Gilles Villeneuve aveva sicuramente del talento. L’irruenza della sua età, però, lo portava a sbagliare spesso e a non finalizzare. Divenne grande per due concomitanze: la propria maturazione mentale e la fiducia illimitata di un altro Grande (il Drake) che credeva in lui a dispetto di tutti e che gli mise a disposizione gli strumenti necessari per crescere e maturare, fino al punto di farlo diventare un vincente (l’apoteosi quando con un mezzo sicuramente inferiore in Spagna tenne a bada un nugolo di avversari agguerriti, guidando senza una sbavatura per tutto il gran premio). Poi il triste epilogo, perché da campione leale quale era si sentì tradito da un d.s. indegno e infingardo (non merita neanche di essere nominato).
        Ecco, a Camila serve il tempo per crescere e maturare tutti gli aspetti tattico-strategici ed il cinismo necessari nel tennis professionistico, ma anche di qualcuno che le dia fiducia e che la guidi in questa crescita ambiziosa, il tutto non disgiunto dall’umiltà di vedere i propri limiti e dalla voglia di superarli.
        E, pertanto, anche della nostra fiducia. Avanti Camila!

        • farotto by farotto

          Giuseppe,
          hai fatto un esempio che calza proprio a pennello. Mai accostamento fu più azzeccato. Nel caso di Camila, il mezzo è sè stessa, quindi è importante che abbia attorno chi le da fiducia, ed al contempo però la aiuti davvero a maturare. Mi auguro per lei che i tempi di maturazione possano essere più veloci di quelli di Gilles, per questo ha bisogno di un affiancamento.
          Nel mio post forse alcuni aspetti sono stati male interpretati.
          Il talento innato da solo non basta, va fatto crescere, maturare, con duro lavoro e sacrifici, e sicuramente questo è stato fatto. Ma arrivati ad un certo livello, la gestione dei momenti, del carattere, dei particolari, fanno la differenza, ed il tennis, essendo sport individuale, su questo non perdona. E queste cose vanno insegnate, se si vuole accellerare un processo di miglioramento, e va fatto da persone con competenze specifiche in questa materia.

      • avadar by avadar

        Il talento è innato: fai una cosa la prima volta ed è come se la sapessi fare da sempre….i gesti, i movimenti, lo stile: nessuno te li ha insegnati, eppure li sai fare benissimo: vengono spontanei, naturali….come è possibile? Semplicemente perché queste cose non si insegnano: o ce li hai o non ce li hai….sono dei doni….

        La capacità la acquisisci con l’esperienza: + fai una cosa e + la fai bene….ti posso insegnare qualcosa, come muoverti, con quale tempo….a poco a poco, con l’impegno e l’applicazione continua diventi + bravo, diventi un professionista….sono il lavoro e la dedizione a farti crescere….ma queste sono cose che si possono imparare….

        il talento è già formato all’inizio….

        la capacità si forma cammin facendo, è un miglioramento continuo….che mostra i suoi frutti solo alla fine….

        se sei una persona di talento (non importa in cosa….) immediatamente riconoscerai questa qualità in un altro individuo di talento….parlate la stessa lingua, siete sintonizzati sulla stessa lunghezza d’onda….

        se non sei una persona di talento il tuo accento sarà posto sullo sviluppo, sui progressi figli dell’esperienza….

        ma sono 2 cose diverse….il talento non si può apprendere e ciò che può essere appreso non ha nulla a che fare col talento….

        certo il talento può essere “civilizzato”….e il dovere di un maestro è proprio quello, di incanalarlo nel verso giusto per portarlo a compimento, al suo sbocciare definitivo….ma serve un insegnante di talento….altrimenti ci saranno + danni che benefici….

        Cami ha il talento necessario….unito alla giusta esperienza (x ora poca….), possono fare di lei una magnifica tennista….
        il talento è la base da cui partire, l’esperienza il mezzo con cui arrivare….

        • by Fan

          Anche il talento va gestito come ogni altra cosa. Pensate che Bolt ( o chi vi pare) nelle batterie dia il 100%? Lui sa che al massimo gli serve il 70 e si conserva.

        • zio gio by zio gio

          Vero.

        • journasesto by journasesto

          Ecco cosa dice al riguardo Karl Anders Eriksson, psicologo, docente all’università della Florida e considerato “l’esperto degli esperti”. Secondo i suoi studi e le sue osservazioni il talento non esiste, ma è frutto dell’allenamento “deliberato” a cui i singoli si sottopongono, volontariamente, per migliorare le loro capacità (http://graphics8.nytimes.com/images/blogs/freakonomics/pdf/DeliberatePractice(PsychologicalReview).pdf).
          Sarebbe interessante sapere cosa ne pensa Camila al riguardo (e anche cosa ne pensano altre campionesse), cioè se ritiene che il suo talento sia innato o se pensa invece di averlo costruito lei rimanendo sul campo ore e ore, intestardendosi a giocare anche al freddo e con il papà che la esortava ad andare a casa.
          Logicamente gli atleti sono molto più inclini a dire di avere un dono naturale rispetto a quanto invece sostengono gli psicologi.

  10. boy by boy

    adesso lo dico….secondo me in uno dei prossimi tornei Camila farà il botto (parlo almeno di finale)….di solito dopo un lungo periodo che sta senza giocare il suo gioco è più efficace!

  11. Gianlu by Gianlu

    Team, autori o gestori del sito, visto e considerando la mancata partecipazione di Camila al torneo di Tokyo non sarebbe possibile inventare una nuova notizia… So che mancano pochi giorni per il seguente torneo, ma per favore, non ce la faccio più “Us Open: Camila esce al primo turno con Anastasia Rodionova”. Sono passati più di 20 giorni ed ogni volta che leggo quel titolo soffro come una pallina da tennis in una partita di Camila.

    • by antonelo

      Mi associo alla richiesta: quasi 1300 commenti, per quanto di pregevolissima fattura, sono pesanti da caricare ogni volta.
      E se non ci sono nuove notizie si può sempre fare come i giornali sportivi italiani: inventarsele.

    • by lucio

      Potrebbero più che inventarsi una notizia spiegare la mancata presenza di Camila a Tokio.,Concordo poi che la pagina e’ pesante da caricare e secondo me porta anche sfiga.

  12. by r.b.

    Camila è destinata alla top 10,questo lo sappiamo. Ma perché aspettare tanto? Propongo di inviare una petizione alla WTA per chiedere la modifica di alcune regole dei tennis che sembrano ostacolare Camila nella sua scalata verso la top 10 (è comunque solo una questione di tempo).
    1) Abolizione del doppio fallo. Camila ne commette tanti, forse troppi. Con la nuova regola potrebbe servire tutte le volte che vuole finché la palla non entra. 🙂
    2) Abolizione del Falco. Tanto lei non lo chiama mai… 🙂
    3) Abolizione dell’errore gratuito, purché sia un chiaro tentativo di fare un vincente… 🙂
    4) Penalizzazione d’ufficio delle pallettare di un quindici a game 🙂
    5) Assegnazione di due quindici per ogni vincente da urlo… 🙂
    6) Warning per uso eccessivo di “palle interlocutore”

    Dovrebbe bastare, ma se avete altre modifiche da proporre…. 🙂 🙂 🙂

  13. journasesto by journasesto

    Sto notando che i tornei orientali stanno riservando una serie di grosse sorprese ma, soprattutto, sembra che le condizioni ambientali siano molto difficili. Karin Knapp, fresca vincitrice di Tashkent, oggi ha perso con la Puig (e questa non è una sorpresissima, le due sono pressoché pari in classifica), ma su Facebook ha postato una sua foto in cui gronda di sudore e spiega che ha trovato condizioni molto difficili, quasi da torneo indoor, con un gran caldo umido.
    Sono probabilmente queste difficoltà ambientali che hanno limitato alcune giocatrici molto forti contro alcune sconosciute cinesi: l’altro giorno ha perso Vinci, oggi a Guangzhou Stosur contro la n. 251 del mondo Yafan Wang, la Cepelova ha perso da Kai-Lin Zhang, n. 259 del mondo, Zarina Dyias ha perso da Ling Zhang (n. 220), la Mayr Achleitner, che è n. 94, dalla Yi-Fan Yu (n. 248). A Tokyo e Seoul un po’ meno sorprese, ma soprattutto perché si sfidavano tra loro quasi tutte giocatrici occidentali. Anche se Sarita Errani ha preso una stesa da Marina Erakovic e qualche altra underdog ha piazzato la zampata.
    Una cosa però sembra chiara: un minimo di ambientamento sarebbe stato molto utile a Camila. Ora andrà a giocare in Cina con il rischio di trovare una situazione difficile e senza partite vere da un po’ di tempo. Spero almeno che abbiano anticipato la partenza di qualche giorno per consentirle di allenarsi un po’ in loco prima di giocare.

    • by r.b.

      Giusto, a Pechino dobbiamo temere molto le wild card cinesi: ecco le principali:
      Fu Chun Lob, giocatrice oltre la 250 posizione nel ranking WTA, ma dotata di un grandissimo pallonetto 🙂
      Pal Chin Camp:è una gran difensivista ad oltranza che commette pochissimi gratuiti 🙂
      Ur Lah Tri: giocatrice non molto tecnica ma che ogni volta che colpisce la palla emette un fastidioso suono ad altissimo volume che disturba molto 🙂 🙂 🙂

      • eulondon by eulondon

        Io queste non le temo affatto! Eviterei piu’ che altro kuru Dum Plings, che ha l ‘ abitudine di mangiare tra un punto e l’ altro e deconcentra le avversarie. Attualmente e’ 1001, ma a inizio anno era 3000.

        • by r.b.

          Sì, ma era anche 180 libbre a inizio anno, ora è arrivata a quasi 300…:-)

      • journasesto by journasesto

        Beh, se è per questo c’è anche Per Un Pel, famosa per pizzicare le righe con i suoi dritti incrociati: vince solo se c’è il falco, perché altrimenti i giudici di linea gliele chiamano tutte fuori.

  14. by SanTommaso

    Settimana nerissima per il tennis italiano. Dei risultati saprete tutti: curioso come a Tokyo il coaching a Sara lo abbia fatto il fratello Davide (era lui il coach, dai!!!) e non Lozano, stranamente assente.

    • by r.b.

      Occhio a parlare dei fratelli delle tenniste, che poi partono strane mail indirizzate a loro… 🙂 Fortuna che esiste l’anti spam…. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  15. farotto by farotto

    Ho da poco finito di guardare l’incontro Barbora Zahlavova Strycova vs Elina Svitolina, 1° turno di Tokyo (non essendoci Camila che gioca, sono stato incuriosito di guardarmi un match con giocatrici dello stesso ranking attuale). Imbarazzante. Stiamo parlando delle attuali n° 31 e 34 del mondo. Zero servizio. Zero risposta. Zero anticipo. 100% attesa. 100% muro. 100% di risposte interlocutorie (back, ecc…). La Svitolina passa al 2° turno (vabbe, giocherà con la Kerber…). Incredibile. Perchè Camila oggi è al 43° posto (wta ranking live)? Ho rivisto le partite con la Woz (vinta a New Haven; persa ad Eastbourne); in entrambe le partite il gioco di Camila era da top ten in confronto. Abbiamo quindi ragione che debba cambiare mentalità? Qualcuno ha davvero qualche altra motivazione per fare in modo che la situazione si sblocchi? Help me…

    • eulondon by eulondon

      Il problema sta nelle partite che non abbiamo visto. Le famose partite in cui Camila non riesce a gestirsi; non riesce ad ottenere massima resa con minimo sforzo, come sulla carta dovrebbe essere. E allora l’ impeto che la caratterizza si trasforma in rabbia negativa, forse con se stessa. Perde lucidita’, va in black out e, anche se (specie ultimamente) lotta, non riesce a venirne a capo. Risolti questi problemi di gestione personale (fosse facile) le tue domande non avranno piu’ ragione di esser poste! E, credo, sia un percorso che richieda tempo. Cosi’ come invece potrebbe tutto scattare all’ improvviso.. Succede anche questo, a volte. Basta un clic e tutto va via liscio quando meno ce lo si aspetta. Quello che mi fa comunque credere che ce la faremo.. E me la fa sostenere sempre e comunque.. E’ che il talento non si impara. La sua gestione, invece, si. Si puo’ fare. FORZA CAMI!!!!

    • by r.b.

      Purtroppo la colpa è del tabellone del punteggio, o del giudice di sedia, o di entrambi se vuoi. Si ostinano ad assegnare un quindici ad ogni errore gratuito (o forzato, o doppio fallo) di Camila, pur giocando la stessa da top 10. Alla fine, facendo i dovuti conteggi secondo il regolamento del tennis (è quindi colpa anche del regolamento), risulta che Camila ha perso la partita invece di averla vinta, pur giocando da top 10.
      Eh sì, è dura la vita!!!!

  16. Stefano F by Stefano F

    Non vedevo l’ora di rivederla in campo dopo la bruciante sconfitta agli US Open ed ora leggo che a Tokyo non ci sarà. La comunicazione è da rivedere secondo me. Lasciare sempre questo alone di mistero attorno a Camila alimenterà sempre veleni e falsità.

  17. by r.b.

    Vorrei approfondire il discorso mentalità vincere partita – vincere torneo. Non mi convince del tutto: se una tennista mantiene la mentalità vincere partita per molte partite alla fine vince anche il torneo. E poi questo concetto non spiega a sufficienza la sconfitta contro la Rodionova. Se Camila ha già la mentalità vincere partita, allora doveva vincere facile contro Rodionova, in fondo era solo il primo turno del torneo. Forse Lucia intende piuttosto una mentalità di compiere imprese singole. Battere Sharapova, Wozniacki è certamente un’impresa e infatti la partita dopo è arrivato un rilassamento con conseguente sconfitta. Battere Rodionova non sarebbe stata un’impresa, ma solo ordinaria amministrazione. Può essere stato un caso, o forse a Camila manca ancora la mentalità vincere le partite normali (non dico facili perché nessuna partita è facile), cioè partite contro avversarie di non grande nome o classifica e magari anche su campi secondari.

    • hector by hector

      A mio parere il discorso e’ elementare. Immaginando un match di tennis come il lancio di una moneta, ogni volta che scendo in campo ho 50% testa e 50% croce. In una serie di cinque-sette lanci la probabilita’ che esca per cinque-sette volte di seguito testa (vittoria) e’ infinitamente piu’ bassa che nel lancio singolo. Infatti un grande slam viene vinto da una giocatrice su 128, un international da una su 32. Poi ovviamente influsice il fattore umano ed analizzando il rapporto W/L di Camila notiamo di essere sulla strada giusta ma non sufficiente (per ora) per ottenere un exploit di tale portata.

      • by r.b.

        In realtà per certe tenniste la probabilità è superiore. Faccio l’esempio di Serena, lei soprattutto nei primi turni ha un’altissima probabilità di vittoria, poi magari quarti semifinale e finale rischia qualcosa se l’avversaria è molto in forma, poi chiaramente può succedere di tutto però non è un caso che in fondo arrivino sempre le stesse, con qualche eccezione.

    • Lucia by Lucia

      Provo a spiegarmi anche se non è’ semplice farlo per scritto.
      La mentalità’ vincente e’ un qualcosa che non si spiega (appunto ) , non si compra , non si impara. Si acquisisce. Come ? Imparando a vincere.
      Come si impara a vincere ? Tirando colpi vincenti ( e qui ci siamo 🙂 ) , programmando bene i tornei che si possono vincere partendo da quelli mediamente importanti, portare a casa le partite facili dosando le energie per poi dare il massimo contro le teste di serie . Dalla prima partita, tattica, strategia.ingegno furbizia, imparare a trarre soddisfazioni dalle partite vinte pur giocando male, perché’ quello che conta e’ alzare il trofeo. Perché’ non si può’ sempre giocare bene per vincere. Questa ricerca del bello , quello che rende speciale Camila ed ha avvicinato noi tutti a lei, adesso si deve miscelare con una sana dose di Machiavellismo.
      Ovviamente è’ solo un parere di una tifosa.

      • by r.b.

        Machiavelli sarebbe servito da matti con la Rodionova. Quel game sul 5-4 bisognava portarlo a casa a tutti i costi….
        E troppo ingenua la nostra bimba… 🙂

  18. riccardo by riccardo

    Come sapete leggo sempre tutto e devo dire che la verità ha sempre diverse facce. Trovo che Atom abbia ragione quando insiste sul discorso mentale , che a mio parere giustamente Lucia ha definito mentalità . Come negare che è difficile spiegare che con la rodionova dopo aver vinto, anzi stravinto il primo set e servito per l’incontro abbia finito per perdere al terzo se non invocando o qualche problema fisico oppure di tenuta mentale??? Inspiegabile. Eppure a IW con Maria è finita sul filo di lana al terzo e non è accaduto un anno fa è successo sei mesi fa.!! Dunque è logico che c’è un problema di mentalità ma … questo da solo non è sufficiente per spiegare gli alti e bassi di Camila. Non sono assolutamente d’accordo con chi sostiene che Camila ormai dal punto di vista tecnico non possa migliorare. Ribadisco il mio pensiero di sempre. Una partita si può vincere facendo 50 vincenti . Ti va tutto bene ed amen. Un torneo assolutamente no. trovo che Lucia abbia giustamente detto che Cami è in modalità vincere partita ma la modalità vincere torneo ancora è lontana. Per vincere un torneo non è possibile sperare come scritto già in passato di fare 50 vincenti a partita. Di recente cami ha migliorato il suo gioco di volo ma ancora niente gioco difensivo che serve a volte, niente back o cmq pochini , mai una palla corta, pochi colpi di attesa e si potrebbe continuare. Può migliorare?? direi di si e questi miglioramenti sono necessari se si vuole arrivare ad alzare la coppa. Ripeto che lei ha la possibilità tecnica e fisica per essere tra le prime ma a mio avviso bisogna ancora crescere sotto ogni aspetto. Saluti.

    • by pariparo

      Il gioco di Camila è sarà sempre un gioco estremamente aggressivo e d’attacco. Dovrà imparare a farlo meglio prendendosi meno rischi. Secondo me per farlo dovrà diventare la giocatrice nel circuito che più va a rete. A questo proposito giocare anche il doppio sarebbe utile. Di sicuro non si deve mettere a palleggiare da fondo, perchè perde. A fare back una con ll rovescio bimane proprio non ce la vedo. A che pro perdere non si sa quanto tempo per imparare a farlo e a usarlo? Purtroppo io non vedo tante alternative, Camila un suo gioco già ce l’ha. Leggo che dovrebbe cambiare tattica sottitendendo che deve cambiare colpi. Nix, non lo farà mai. Cambiare tattica per me significa semplicemente maturare di testa, giocare con più freddezza, temperare l’irruenza, capire i momenti, capire che non tutti i punti sono eguali, ecc..Il suo piano tattico dovrà sempre e comunque essere: come faccio ad imporre il mio gioco. Imparerà ad esempio che con la giocatrice x non è necessario rischiare un vincente in risposta per comandare il gioco e con la y che deve attaccare sul rovescio perchè non ha un buon passante. Oggi come oggi questa gestione tattica è pressochè inesistente.Il suo tennis è una scommessa che non è detto sia vincente, ma non è cercando di diventare qualcosa d’altro che ci sono probabilità maggiori di riuscire, anzi.

      • eulondon by eulondon

        Concordo al 100%! Camila ha il suo gioco ed e’ su quello che deve lavorare! E per lavorare intendo proprio quello che sottolinei tu: imparare a dosarlo e gestirlo a seconda di avversarie in primis e di momenti del match poi. Giusto anche quello che dici sulla rete e il gioco di volo e, per quello che ho visto ultimamente, mi pare proprio che ci stiano lavorando su! Se la scommessa sara’ vincente, questo non lo si puo’ dire. Troppe variabili e troppe possibilita’… Di certo restera’ sempre una giocatrice che ti prende e ti trascina. Non e’ da tutte conquistare a poco a poco il pubblico. Si e’ campionesse anche in questo.

  19. biglebowski by biglebowski

    un saluto a tutti, ho poco tempo per scrivere come sempre in questa parte dell’anno, ma leggo quasi tutto. velocemente, ho letto un post qua sotto di san tommaso dove cerca intelligentemente di far passare un concetto: non esprime un opinione, ma dei numeri relativi al rapporto W/L contro le top player…..e che numeri!
    farebbero la gioia di qualsiasi supporter di qualsiasi tennista ed anche di qualsiasi squadra di pallavolo ……….credo che sia cento facile cominciare a battere il sassuolo se vinci spesso contro il real madrid che viceversa, anzi viceversa non avviene quasi mai…………

    • biglebowski by biglebowski

      cento volte più facile

    • by Atom

      Caro r.b. hai ironizzato con me perché troppe volte avrei ripetuto che la mancata evoluzione nel gioco e la conseguente mancata scalata (in questi ultimi mesi) nel ranking da parte di Camila è dovuta ad una questione mentale. Ebbene forse ne ho parlato troppo poco perché vedo nei commenti che si succedono che è un problema quasi da tutti (forse anche da Giorgi e C.) completamente ignorato. Anche un bambino capirebbe che battere spesso le top e perdere dalle scarse si può spiegare solo così: SE BATTI LE TOP VUOL DIRE CHE HAI LE POTENZIALITA’, SE PERDI DALLE SCARSE E’ CHE NON METTI A FRUTTO TALI POTENZIALITA’. Perché? Chiedilo ad un bambino e lui dirà…perché con le scarse si sente responsabilizzata e perde la testa con le top invece ha la testa sgombra non avendo niente da perdere e il braccio, guidato sempre dalla testa, scorre via in bellezza. Altrimenti dammela tu( o gli altri amici) una spiegazione plausibile. Per favore però non motivate con fatti fisici perché Camila è forte come un toro( scusate l’accostamento irriverente) e tecnicamente è quasi perfetta. L’unica cosa che forse potrà migliorare appunto tecnicamente (poco) è il servizio. Per il resto la formazione tennistica è( a 23 anni) ormai completata. Dunque riepilogando due sono i fattori che possono portare Camila alle vette più alte : un grande miglioramento mentale in cui rientra pure la strategia e lo studio dell’avversarie e un colpo squisitamente tenico che puo’ allenare perfino da sola, il servizio, un colpo che ha migliorato negli anni pure Nadal, Wawrinka, e altri campioni.

      • by r.b.

        Non ho ironizzato su questo, anzi ho sempre detto che condivido il tuo pensiero, solo che ritengo poco utile ripeterlo a oltranza. Tra l’altro, poniamo il caso che Camila l’anno prossimo diventi una top 10, come tutti ci auguriamo. In questo caso in tutte le partite partirebbe favorita (tranne magari contro Serena) o al massimo alla pari e non potrebbe mai giocare a braccio sciolto. Non parliamo poi se dovesse giocare contro una over 100, la pressione sarebbe insopportabile: una top 10 che perde con la 180 del mondo… Non può essere!
        E allora come si fa? Secondo me le top player sanno benissimo che possono perdere contro la 30, 40, 50 o 100 del mondo, non sarebbe affatto uno scandalo perché tutte giocano bene. Quindi sono tranquille, non si agitano e vincono.
        Non vorrei inoltre che noi tifosi contribuiamo con le nostre (giustamente alte) aspettative a mettere pressione a Camila. Non oso immaginare cosa succederebbe in caso di una nuova sconfitta al primo turno nel prossimo torneo…. La pressione ci sarà tutta, purtroppo…

      • zio gio by zio gio

        Tralasci alcuni aspetti fondamentali:
        1) poco sopra,sono ancora riportati i dati dell’ultimo incontro disputato: due numeri si possono evidenziare: un 45% di prime palle e 14 doppi falli.
        In un match contro una Rodionova che ti mette,a discrete velocità, prime e seconde in campo,magari sfruttando gli errori in riposta di Cami,come credi che non si possa perdere?
        Alla luce di questo,come puoi minimizzare il problema del servizio? Abbiamo un precedente lampante: nella settimana (quasi) perfetta al servizio,Camila raggiunge la sua prima finale,mettendo in riga,una dopo l’altra,PITER,Vinci,PEER,Suarez.
        Anche lì avrebbe dovuto sentirsi responsabilizzata.
        Come è riuscita allora a liquidare avversarie inferiori?
        2) Cami non ha mai vinto giocando male. Le partite incassate sono state sempre dominate. Un match emblematico è la semi vs Rybarikova; Cami gioca davvero male,affossa in rete colpi,sparacchia etc. Nel secondo set non converte tantissime palle break. Cami perde. Rybarikova non gioca meglio. Concede 11 palle break. Non tiene gli scambi,ma lotta,corre. Fa una partita generosa.
        Lottare è la parola d’ordine quando si è tesi ed i colpi ne risentono.
        A tal proposito, su Ubitennis, c’è un interessante articolo su Sloane Stephens. Il suo coach,Hogsted, nel riconoscere il potenziale della sua, dichiara come il prossimo obiettivo sia lottare nei momenti difficili ,vincendo partite giocate male,spesso proprio su campi secondari contro avversarie modeste.
        Questi sono aspetti fondamentali,a mio avviso.

  20. by r.b.

    Purtroppo il tennis professionistico è un gatto che si morde la coda…se si perde non si gioca, chi vince gioca di più, ovviamente….se Camila diventerà una top player e vincerà molte partite ne giocherà sempre di più, la vedremo spesso in TV e saremo tutti molto felici. Altrimenti saremo qui a commentare settimane di attesa senza match o partite viste solo sul livescore, visto che i primi turni, anche degli Slam, raramente vengono trasmessi….sai che soddisfazione… 🙁 🙁

  21. Giovaneale by Giovaneale

    In assenza di tennis giocato dico anch’io la mia su un paio di cose.
    Cami ormai da qualche mese è seguita oltre che da Sergio anche da un tecnico federale e questo è un aspetto che non possiamo trascurare…sta lavorando su cose diverse rispetto al passato,sta aggiungendo qualcosa al suo tennis,è in via sperimentale ma alcune scelte sono state dettate principalmente dall’obiettivo di testare quanto si possa ottenere dalla sua incredibile capacità d’anticipo e preparazione fisica.
    Le variazioni al servizio,la maggiore capacità di attendere prima di “sparare” un vincente,qualche difesa più organizzata con un incredibile passante in back con la Azarenka che dimenticherò a fatica..tutte cose positive che indicano una strada vincente ma serve un pò di pazienza,almeno secondo me!
    In quest’ottica si è provata la posizione avanzata in risposta,un vero buco nell’acqua che l’ha danneggiata tantissimo,facendole fallire l’appuntamento più importante..quel torneo di Wimbledon che per Cami rappresenta tanto,il suo grande obiettivo,il sogno di poterlo vincere….un vero peccato ma è tutta esperienza,il prossimo anno ci sarà un’altra occasione!
    Altro aspetto su cui bisogna riflettere è l’incapacità,sempre secondo me,di darsi una disciplina a seconda dell’avversaria che incontra.
    Se ci pensiamo Cami affronta le partite allo stesso modo,che incontri una top10 o una over200 e questa è una cosa che va corretta assolutamente.
    Lei si affida sempre e solo ai suoi colpi e non va bene..ci sono giornate in cui le cose non girano per il verso giusto,ci può stare,fa parte del gioco del tennis ma bisogna fare un distinguo:quando capita contro una top10 non c’è scampo,si perde ed anche malamente (ma,ci tengo a precisare,che di “stese” in carriera Cami ne ha subite davvero pochissime);contro una top100 o top200 o over200 la cosa è diversa:anche se sei in giornata no la partita si può portare a casa lo stesso,i valori tecnici rimangono distanti e questo deve essere un valore aggiunto e non un’arma a doppio taglio.Bisogna lavorare tantissimo sulla gestione delle partite con le tenniste più deboli,pensiamo a dove sarebbe ora Cami se avesse superato anche solo Dabrowski,Vesnina e Rodionova…quanti punti in più,quanta fiducia in più,quante opportunità di far bene.
    La distanza da colmare non è enorme ma va colmata,con la consapevolezza che,nonostante queste partite siano girate male,Cami ha avuto spesso l’opportunità di servire per la vittoria ed in quei momenti bisogna affidarsi alle sensazioni legate alle grandi partite con Sharapova o Azarenka..Cami può brekkare Maria anche sul 5-5 del terzo set nel torneo che aveva visto la russa trionfare l’anno precedente,ed una volta andata sul 6-5 chiudere davanti ad un pubblico imponente,un’impresa che ricorderemo per sempre…bene,deve succedere anche con la Rodionova sul campo numero 99 senza tribune nè telecamere..questo si,è un obbligo!
    Forza Cami!!!

    • by r.b.

      Aggiungiamo che spesso contro le 100-200 del mondo Camila magari gioca bene un set, poi all’improvviso si spegne la luce…. Difficile da spiegare, vero? Cioè voglio dire, capisco se non sei in forma, come Roberta Vinci, infatti ha perso dalla wild card cinese in 2 set. Per la serie, se giochi male giochi male sempre. Ma Camila no, fa un primo set da urlo conro Rodionova, seppellita 6-1. Poi c’è un calo, ma comunque è andata a servire per il match nel secondo set e lì….beh, sapete tutti come è andata. Quindi ancora più difficile da spiegare, perchè l’alternanza di rendimento è all’interno dello stesso match. In teoria Camila avrebbe dovuto giocare meglio il secondo parziale, essendo in vantaggio di un set, invece niente…

    • farotto by farotto

      Analisi perfetta che sottoscrivo al 100%.
      In un mio vecchio post avevo espresso una valutazione sostanzialmente simile.
      Faccio un amia considerazione aggiuntiva sul discorso disciplina, che trovo comunque corretto.
      Penso che dietro la disciplina, ci sia di base un forte aspetto caratteriale di Camila, che sarà molto difficile da sistemare. La grinta che esprime in campo è figlia anche della sua voglia di spaccare il mondo, della formazione da marines che gli ha impostato il padre: questo credo sia un aspetto sul quale qualcun’altro dovrà lavorare, poichè la storia è piena di sportivi fortissimi (anche in altre discipline) che però non sono riusciti ad esprimere al massimo il loro talento proprio per il loro carattere “irruento”.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Intendevo proprio questo,disciplinare il suo carattere irruento..impresa tutt’altro che facile ma che non si può più tardare ad affrontare!

      • hector by hector

        Sergio ha gia’ detto che la formazione da marines se la e’ data Camila da sola, fin dalla piu’ tenera eta’.

  22. Lucia by Lucia

    Mi intrometto brevemente ( il tempo e’ quello che è’… )
    1) Sono d accordo con chi sostiene che Camila non deve giocare tanto. Il suo Tennis ha bisogno di una preparazione fisica ottimale ( ma sia chiaro che questo e’ un limite ).
    2) Al netto di ciò’ che compare in questo blog , Camila ha bisogno di dare più’ informazioni di se, sono d’ accordissimo con Madoka: il problema non è’ il forfait di Tokio ma di come ne viene data notizia.
    3) Camila non è’ ancora riuscita ad esprimere il suo potenziale? Qual’ è’ il suo potenziale? Non abbiamo negli occhi i suoi meravigliosi missili vincenti ma il tennis e’ fatto anche di altre cose. Quanti scambi prolungati riesce a vincere ad esempio? Sono punti anche quelli anche se non riempiono gli occhi.
    4) La tattica non esiste ne si è’ vista una maggiore varietà’ di colpi che ne consenta l utilizzo, vince quando gioca bene ( fortunatamente abbastanza spesso) , perde quando gioca male ( contro la n 20 o numero 200 fa poca differenza. La terra di mezzo non esiste.
    5) La mentalità’ . Camila e’ ancora in modalità’ vincere partita ( meglio se contro una grande avversaria in un grande scenario) non è’ ancora passata in modalità’ vincere torneo. Per vincere un torneo, bisogna gestirsi in ogni partita ed essere padroni del calendario e del tabellone. E siccome queste cose non si spiegano ne si imparano se non facendole, forse e’ meglio in questo momento vincere Palermo piuttosto che fare i quarti a Parigi. Vincere insegna a vincere.
    6 ) Sia chiaro che io sono tifosa di Camila come lo sono della mia squadra di pallavolo preferita e se questa con un grande roster e’ ultima in classifica e’ normale che mi venga in mente che il problema sta nell allenatore.
    7) ALLA FINE PERÒ’ HA RAGIONE TOMMASO. Il talento e’ innato ( e Camila ne ha da vendere) il resto si può’ imparare.

    • journasesto by journasesto

      Resto sempre incantato dalla tua capacità di sintesi e logica nell’esporre una tesi. Mi sfugge solo il riferimento alla squadra di pallavolo: possiamo dire che Camila non abbia ancora una classifica consona alle sue potenzialità, ma non mi pare comunque l’ultima in classifica.

      • Lucia by Lucia

        Hai ragione, non voleva essere un paragone ma una situazione ipotetica.

    • riccardo by riccardo

      eh si Lucia…. impossibile darti torto.

  23. riccardo by riccardo

    NOn era una critica a te R.B lo sai che ti voglio bene 🙂

    Però davvero a volte sembra quasi che si ha paura di dire ciò che si pensa.. NOn è scandaloso dire che è vero che Cami ha scalato tantissime posizioni ma che è altrettanto vero che nel 2013 non aveva tantissimo da difendere. L’anno prossimo sarà un pò più complicato. Devo dirvi che dopo Neh haven a prescindere dalla sconfitta con Ribarikova avevo pensato dentro di me.. beh.. ci siamo! Mi era sembrato di rivedere la Camila di Katowice , quella che dava 60 61 come è giusto che sia a quelle giocatrici molto dietro in classifica e che faticava ma vinceva con quelle più forti. Poi di nuovo il buio anche se io mi auguro che aglu us open davvero ci sia stato un problema al piede. Io sono davvero d’accordo con te quando dici che stare in WTa è complicato, che stare ai vertici è difficile e che si rischia se non si è in forma di perdere con molte giocatrici. Tuttavia questo non deve rappresentare un alibi perchè tra mille problemi, le altre vincono ed io mi incazzo terribilmente nel vedere una tennista che potrebbe spaccare il mondo ancora che si trova li a metà del guado, sempre in procinto di esplodere eppoi invece si rimane li….
    Signori penso che se noi giustifichiamo sempre ( e non è il tuo caso r.b. ) non facciamo un buon tifo per cami. ovviamente non parlo delle menate sull’allenatore e via discorrendo, perchè questo lo sanno loro e noi dobbiamo soltanto valutare le prestazioni e nient’altro. Dico però che ogni tanto anzichè dire beh… ha fatto 40 vincenti da paura ma purtroppo poi alla fine , la testa, le gambe, il fisico, il piede, la spalla , la superfice , l’età, l’esperienza…
    Azz ha perso , ha giocato male , sconfitta meritata. Niente scuse anche per noi tifosi. Punto. Se da qualche altra parte qualcuno critica, non è la stessa cosa. Le nostre sono critiche d’affetto, di passione d’amore . le altre sono critiche che non saprei come definire.
    Forza Camila….. Forza Camila…. devi dare di più.

    • riccardo by riccardo

      Scusatemi .. lo avevo già postato! meglio che adesso sto zitto…

    • by r.b.

      No sei tu che sei troppo buono con me, ovviamente accetto critiche da tutti voi, ci mancherebbe, sono stato criticato soprattutto per Ana ed è giusto, questo è il sito di Camila, ogni tanto non ce la faccio a trattenermi, ma fa niente. Devo dire che ora il clima in questo blog è eccellente, dopo che gli ultimi facinorosi sono stati bannati, torneranno sotto mentite spoglie? Boh, io mi sto divertendo, spero di divertirmi anche vedendo qualche buon match da Pechino.

      • riccardo by riccardo

        Non sai quanto lo spero!! cinque settimane senza Camila è davvero troppo, speriamo di poterla vedere vincere. le vittorie servono come il pane adesso.

  24. boy by boy

    Buongiorno a tutti…
    vedo che si parla di programmazione e di quanti tornei vengono giocati dico anche io la mia.
    Onestamente non so quanto essere d’accordo con chi (la maggior parte mi sembra di capire) dice che si giocano pochi tornei. Premetto che fino a primavera anche io ero di questa teoria e dicevo che bisognava fare molti più tornei anche di un livello minore se vogliamo (vedesi Karin questa settimana). Poi però devo dire vedendo anche gli ultimi risultati della nostra, ho pensato che forse per il suo stile sempre iper aggressivo, che richiede una prestazione psico/fisica pressoché ottimale, e valutando (almeno per il momento) questo gioco più adatto per singoli exploit piuttosto che per una certa costante di rendimento…..valutando tutto questo è meglio presentarsi a meno tornei facendo scelte oculate e presentarsi in buonissima forma a quei tornei che si scelgono. Infondo avveniva così fino all’anno scorso ed infatti aveva fatto i suo migliori risultati proprio negli slam e nei tornei più importanti….e raramente usciva al primo incontro come invece è successo un bel po’ di volte quest’anno. Secondo me al momento non ce la fa a tenere quel livello di gioco per più di un tot di partite….quindi per me è inutile partecipare a 1000 tornei solo tanto per. Infondo servono solo per qualche punto in classifica….ma come ho già detto, inutile guardare troppo il ranking di questi tempi (salvo che si resti però in una posizione tale che permetta di evitare le qualifiche)…poi che si sia 45 o 25 poco cambia.

    • by r.b.

      Mah, ok che aveva giocato a New Haven, ma non credo che Camila abbia perso contro Rodionova perché era in cattiva forma. È sembrato un problema più di testa. Oppure il piede chissà. E comunque è impossibile prevedere cosa possa succedere. Già arrivare e giocare è tanto… 🙂 a Tokyo non siamo neanche arrivati. A Pechino magari sei in forma e becchi una top 4 e esci (magari tra gli applausi ma esci)…. Comunque in generale condivido.

      • boy by boy

        è chiaro che sono solo supposizioni…ma non potendo parlare di tennis giocato dobbiamo pur passare le giornate no? 🙂
        Io dico che se forse prepara (anche e soprattutto mentalmente) un torneo con 3/4 settimane di anticipo forse è meglio per il suo gioco rispetto a giocare la settimana prima di un torneo importante qualche torneo minore. Se poi invece vogliamo vedere la classifica e iniziare a vincere qualcosa visto che il tempo scorre….allora bisogna fare come ha fatto Karin questa settimana. Bisogna solo decidere che ambizioni avere. tutto qui.

  25. eulondon by eulondon

    Ho visto che la Vinci ha perso con una wc locale mai sentita prima. Ci sta. E’ il tennis. Immagino cosa sarebbe successo se fosse stata Camila. Ahahahah! Di sicuro qualcuno si sarebbe preso la briga di andare a studiarsi vita morte e miracoli della wild card, mettendo in risalto quanto poca cosa fosse e quanto condannabile fosse Camila per averci perso/quasi perso.
    Sul discorso tornei giocati non sono d’ accordo. A parte questo di Tokyo (e la sua particolarissima giustificazione) e le qualificazioni ad Oeiras, non mi pare che Camila abbia saltato tornei (Parigi indoor ok, ma pare non fosse ancora risolto il problema alla spalla). Sul non aver giocato la scorsa settimana gli international…beh, secondo me non si aspettavano un’ uscita tanto prematura a New York e, a entry list avvenute, non credo fosse possibile aggiungersi…E poi…C’era questo tour de force Tokyo-Mosca (sto fatto del visto stento a crederlo, ma non credo fosse preventivabile). Insomma, vero che non ha giocato tantissime partite: ma più per via di inattese sconfitte premature che di programmazione errata.Ha giocato 19 tornei quest anno e,uno sguardo veloce alla race, mi pare che la media sia 21-22. Aggiungiamo il fatto della Fed Cup e dei problemini di inizio anno…non mi pare siamo tanto sotto.
    Se poi parlate della scelta dei tornei disputati…questo è un altro discorso…Io, personalmente, non direi mai se le scelte sono giuste o sbagliate perché non sono nessuno e, immagino, che chi decida sappia molto più di me! Forza Camila…ho letto che parti mercoledì per la Cina con Daniele (e senza Sergio)! In bocca al lupo!!!!!!!

    • zio gio by zio gio

      Purtroppo, per via delle qualificazioni, non ha giocato Sidney, Dubai, Miami, Madrid.
      Ha dato forfait ai tornei di Parigi indoor, Stoccarda ed Oeiras.
      Ora Tokio.
      Quanti tornei avrebbe giocato se fosse stata nel main-draw? Ben 7 + Tokio.
      Questo ci porta a dire che ha giocato poco.,troppo poco per un’atleta che dovrebbe scalare vertiginosamente la classifica. La classifica non a caso, eccezion fatta per la semi di New Haven, è in una posizione di stallo da 3/4 mesi(adesso ribassata per via di NY).

      • by r.b.

        Giusto, condivido, io spero in una vittoria nel prossimo match ossia il primo turno a Pechino. Guardo un match alla volta (quella dello champagne nel post sotto è ovviamente uno scherzo).

      • eulondon by eulondon

        Ah ok.. Io quelli saltati per via delle quali non li considero come mancati. Lei ci e’andata.. Poi se ha perso e’ un altro discorso. 🙂 Secondo me il numero di tornei e’ sufficiente e piu’ o meno in linea con le altre. Sui match.. Quello e’ purtroppo un altro discorso 🙂

    • by r.b.

      Per chi ritiene che la presenza di Sergio sia un problema perché toglie tranquillità….
      A Pechino non c’è quindi è fatta! Abbiamo il torneo in tasca, 1000 succosi punticini e non so quante migliaia di dollaroni fruscianti! Vado a mettere in fresco lo champagne! 🙂 🙂 🙂

      • boy by boy

        come mai non la segue? Si sa qualcosa in più su questa cosa?

        • by r.b.

          Boh chiedi a Eulondon che ha postato la notizia, dice di averla letta da qualche parte…

  26. by r.b.

    Da segnalare a Tokyo Bencic b. Kuznetsova 6-3 6-0…..
    Certo che quando uno dice la fortuna…. 🙂 (di trovare la russa fuori forma o con problemi fisici o chissà cosa, contro Svetlana al 100% la Bencic potrà anche vincere, non discuto, ma non con questo punteggio).

    • riccardo by riccardo

      Amico mio noi tifosi , Io in testa , troviamo sempre delle scuse per giustificare le prestazioni non all’altezza dei nostri beniamini. L’amore , il tifo per Camia non è in discussione. Entropia con il quale ho avuto ogni tanto qualche discussione ma molto civile avrebbe detto ” il mio tifo per te non conosce incertezza”. Fermo questo principio , leggo spesso cose del genere: ah per Camila è il primo anno ( io l’ho scritto tantissime volte !!) ah beh si ha vinto con la Kutz ma la russa non era in forma… ah beh .. aveva male al piede , ah però è sulla terra battuta… ah però ha scalato 50 posizioni ( io l’ho scritto un centinaio di volte).
      Bene , vi dico che se ogni tanto ci scappa qualche commento negativo non succede nulla e il nostro tifo per camila per questo non sarà in discussione. Forse che nell’educazione dei nostri figli , dire sempre si ed accontentarli in tutto e non dire mai di no vuol dire voler bene loro più di chi invece qualche no ogni tanto lo dice?? non credo! allora dobbiamo onestamente dire che tifiamo camila perchè appunto siamo tifosi, qualcuno salumiere , qualcuno trombettiere ma a mio modo di vedere dobbiamo un pò finirla con le scuse. Fino a questo momento la stagione di camila che pure ha recuperato molte posizioni e fatto qualche bella impresa, in questa seconda parte è stata del tutto insoddisfacente. Per questo era importante giocare Tokio. Adesso Vi prego non mi dite che ci sono altri 4 tornei perchè davvero non serve trovare scuse. Questa mancata partecipazione è davvero un fatto poco edificante e la Bencic 17 anni batte meritatamente la Kutz nostra bestia nera. 17 anni ragazzi…
      Vado contro corrente e vi dico che bisogna lavorare tantissimo perchè il traguardo delle top ten ( assolutamente raggiungibile) è ancora lontano.
      Mi auguro che nei prossimi tornei ci sia una svolta. Scusate in anticipo.

      • eulondon by eulondon

        Tutto vero!

      • by r.b.

        Si, io intendevo dire che la Bencic è bravissima ma anche lei ha bisogno di fortuna ogni tanto. Non è stata fortunata un paio di mesi fa quando ha beccato un 6-0 6-0 da una Wozniacki in piena forma non ricordo dove. Probabilmente è più stata fortunata a Tokyo contro la Kuznetsova. Ovviamente stiamo parlando di giocatrici di altissimo livello. Camila non è stata certo fortunata a Tokyo. Mi viene un atroce sospetto? Non sarà stata mica la storia della data di nascita sbagliata, dato che per la WTA Camila è nata il 31 dicembre mentre noi sappiamo che è nata il 30???

        • riccardo by riccardo

          NOn era una critica a te R.B lo sai che ti voglio bene 🙂

          Però davvero a volte sembra quasi che si ha paura di dire ciò che si pensa.. NOn è scandaloso dire che è vero che Cami ha scalato tantissime posizioni ma che è altrettanto vero che nel 2013 non aveva tantissimo da difendere. L’anno prossimo sarà un pò più complicato. Devo dirvi che dopo Neh haven a prescindere dalla sconfitta con Ribarikova avevo pensato dentro di me.. beh.. ci siamo! Mi era sembrato di rivedere la Camila di Katowice , quella che dava 60 61 come è giusto che sia a quelle giocatrici molto dietro in classifica e che faticava ma vinceva con quelle più forti. Poi di nuovo il buio anche se io mi auguro che aglu us open davvero ci sia stato un problema al piede. Io sono davvero d’accordo con te quando dici che stare in WTa è complicato, che stare ai vertici è difficile e che si rischia se non si è in forma di perdere con molte giocatrici. Tuttavia questo non deve rappresentare un alibi perchè tra mille problemi, le altre vincono ed io mi incazzo terribilmente nel vedere una tennista che potrebbe spaccare il mondo ancora che si trova li a metà del guado, sempre in procinto di esplodere eppoi invece si rimane li….
          Signori penso che se noi giustifichiamo sempre ( e non è il tuo caso r.b. ) non facciamo un buon tifo per cami. ovviamente non parlo delle menate sull’allenatore e via discorrendo, perchè questo lo sanno loro e noi dobbiamo soltanto valutare le prestazioni e nient’altro. Dico però che ogni tanto anzichè dire beh… ha fatto 40 vincenti da paura ma purtroppo poi alla fine , la testa, le gambe, il fisico, il piede, la spalla , la superfice , l’età, l’esperienza…
          Azz ha perso , ha giocato male , sconfitta meritata. Niente scuse anche per noi tifosi. Punto. Se da qualche altra parte qualcuno critica, non è la stessa cosa. Le nostre sono critiche d’affetto, di passione d’amore . le altre sono critiche che non saprei come definire.
          Forza Camila….. Forza Camila…. devi dare di più.

    • zio gio by zio gio

      Kuznetsova ha una forma atletica discutibile. Ho già ricordato come fosse nota nel circuito la sua mancata preparazione.

      • by r.b.

        In teoria bisognava approfittarne a Parigi ma Svetlana non sembrava d’accordo…

  27. journasesto by journasesto

    Spiace vedere che tutte stanno giocando e Camila no per un “disguido burocratico”. Questi sono intoppi veramente fastidiosi, di chiunque siano le responsabilità.
    Intanto, purtroppo, Roberta Vinci esce subito di scena a Guangzhou, sconfitta al primo turno in due set dalla ventenne wild card cinese Lin Zhu, numero 185 del mondo. Questo dimostra una volta di più che non si può mai scendere in campo deconcentrati contro nessuno nel tennis femminile: anche l’esperienza di una vecchia volpe come Robertina può non bastare contro giocatrici con una classifica peggiore ma molto motivate. Vedremo se in futuro Lin Zhu, di cui non so nulla, saprà emulare le gesta della sua connazionale Na Li o se resterà una qualsiasi.

    • by r.b.

      Come sanno tutti, il circuito WTA è veramente duro e selettivo. Se non sei al meglio fisicamente e psicologicamente si perde anche contro giocatrici sconosciute e dalla classifica anonima.
      Dispiace per Robertina che quest’anno ha perso 15-16 volte al primo turno (sconfitta più, sconfitta meno, quasi quanto Camila in tutta la sua carriera finora…. :-)).
      Eppure, la Vinci è scarsa???? Assolutamente no! E’ fortissima, è una grande professionista, ed ha anche un grande talento tennistico, ha un allenatore di esperienza e molto preparato che a noi piace molto (anche per i divertenti e gustosi siparietti al cambio campo), eppure non riesce a cavare un ragno dal buco quest’anno. La cosa triste è che i rosikoni ce l’hanno solo con Camila e con i suoi tifosi, per le altre o glissano o trovano scuse. Chissà quali cattiverie avranno mai scritto per il disguido burocratico…non sono andato sul sito, ho visto solo qualche commento su live tennis (giustamente censurati dallo staff) e mi è bastato. E’ singolare l’atteggiamento di chi (giustamente) tifa per le italiane (Flavia, Sara, Roberta, Karin) però tifa contro una italiana (Camila) aspettandola al varco ad ogni sconfitta e pubblicando ogni genere di cattiveria contro di lei (gli insulti verso di noi quelli non li considero neanche). Perchè? Tra l’altro si tratta di una giocatrice di sicuro interesse.
      E la Pennetta? E’ una grandissima giocatrice che ha incantato a Indian Wells, poi si è un po’ fermata, ma l’impresa rimane. E Francesca? La leonessa quest’anno ha giocato abbastanza male, anche se qualche zampata l’ha messa a segno, e pure prestigiosa. Concludo con Karin che finalmente ha vinto il suo primo torneo WTA. Non sarà Wimbledon ma a noi va bene lo stesso.
      Aspettiamo Camila adesso (sperando però non come Godot… :-))

  28. by r.b.

    Io penso che nel 2015 Camila farà una grande programmazione e una grande stagione. Bisogna però terminare bene perché una posizione in classifica non ideale potrebbe costringere a giocare le qualificazioni in qualche torneo e questa non è una cosa buona. Del resto il Main draw bisogna meritarselo. Spero che la necessità di fare punti e recuperare posizioni non metta troppa pressione a Camila in questi ultimi tornei. Poi c’è la questione punti da difendere… Per il 2014 non ci sono problemi, ma l’anno prossimo qualche punto da difendere ci sarà, e visto quanto successo a New York c’è da stare poco tranquilli. Ma la fiducia c’è e cresce settimana dopo settimana (disguidi burocratici permettendo).

  29. Madoka by Madoka

    Mi è partito il messaggio involontariamente, se lo Staff può cancellare il doppione.

    Ho finito le mie 3 settimane di purgatorio, ma purtroppo continuano ad esserci brutte notizie.

    Personalmente questa sconfitta al primo turno Flushing Meadows, ha macchiato in maniera abbastanza importante il 2014 di Camila e ci ha portato sostanzialmente indietro di 4 mesi.

    4 mesi di sacrifici, di vittorie ( e di sconfitte. Tutti vanificati da quella stramaledetta partita. Abbiamo/ha buttato 4 mesi di duro lavoro al vento con quella sconfitta, ancora non me ne do pace.

    Come si può perdere una partita contro la Rodionova.

    Io non mi capacito, vedo giornalmente tenniste che non hanno un quarto del talento di Camila. Che non hanno la metà dei colpi di Camila. E vincono.

    Ma soprattutto non mi capacito perchè Camila non giochi.

    Stiamo perdendo tempo sia grazie a queste sconjfitte contro giocatrici mediocri. Ma stiamo perendo tempo anche grazie ad una organizzazione che fin troppo spesso si è dimostrata carente e non all’altezza del talento e della posizione che Camila occupa nel ranking.

    Adesso sprechiamo un’altra settimana, con un torneo che dava ottimi punti.

    Non mi interessa, è colpa della WTA, dell’ambasciata Giapponese, dell’organizzazione del torneo, non mi interessa.

    Camila perde un’altra settimana di tennis giocato. C’era la possibilità di finire l’anno nelle 20 con un buon USOPEN.

    Adesso rischiamo non solo di non finire l’anno nelle 30, ma di finirlo fuori dalle 40. Ed è un peccato.

    Stiamo perdendo tempo. Se si sapeva che c’era qresto problema con il visto si andava a giocare uno dei 3 International che c’erano questa settimana, dove si potevano vincere 2-3 partite e fare qualche punto.

    Ed invece siamo stati un mese intero fermi. Tutto tempo e punti persi, sprecati.

    Con il rischio che a Wuhan prendi la Flipkens di turno ed usciamo subito.

    Io faccio fatica a capire questa gestione.

    Come non mi piace la comunicazione dei Giorgi.

    E’ normale venire a sapere che Camila non gioca poichè non è nel tabellone ?

    Neanche un nuovo articolo, solo 2 righe, nascoste, che possono sfuggire.

    “problemi burocratici”. Può significare qualsiasi cosa.

    Camila diventerà un’ottima tennista anche questi aspetti inizieranno ad essere curati e gestiti in maniera migliore.

    Poi mi domando, problemi burocratici, 50 tenniste giocano a Tokyo. Solo Camila ha avuto questi problemi.

    Ho letto tutti i 1200 commenti nel pomeriggio, spesso ci sono stati commenti fuori luogo, con toni non propriamente pacati, dovremmo dare noi l’esempio, invece di metterci al livello della fogna mediatica ( cit.)

    • by Fan

      Mah, che dire? Io posso anche capire che un tempo le esigenze economiche impedivano di giocare tutte le settimane (problema credo ormai superato sia dal prize money raggiunto che dall’accordo FIT) ; ma sinceramente una ragazza di 22 anni dovrebbe giocare MOLTO, MOLTO PIU’ SPESSO per mille motivi, guadagni inclusi.

    • avadar by avadar

      Bentornato Madoka!
      Parole le tue che spargono sale su ferite aperte e dolorose….ma quel che fa + male, come hai sottolineato, è vedere una tennista dotata come Cami che, vuoi x un motivo o x un altro, non riesce a raccogliere ciò che dovrebbe….non c’è dubbio che occorre una sterzata….

    • TEUS by TEUS

      Madoka, tu sei sanguigno (non è una critica, è una semplice constatazione) ma ognuno ha il proprio carattere con pregi e difetti.
      Detto ciò, vorrei ricordarti che Camila, giocando Tokyo, sarebbe stata impegnata per cinque settimane consecutive(sì, certo, meglio Tokyo di Linz se proprio si doveva scegliere ma oramai è andata così) e sappiamo bene come, a oggi, non abbia ancora la tenuta per dare il meglio di sé per tante settimane senza sosta.
      Questo imprevisto ha preso in contropiede un po’ tutti ma non ne farei un dramma per il semplice fatto che lo scopo primo a questo punto della carriera della “bimba” è provare a vincere un torneo importante e non entrare nelle top 30 o nelle top 20 (quello avverrà di conseguenza).
      Giorgi è una giocatrice atipica (per modo di colpire la palla, linguaggio del corpo, grande potenza abbinata a grande velocità negli spostamenti…) ed è capace di innalzare il proprio tennis a livelli stratosferici ma, nello stesso tempo (solo per ora però), di smarrire improvvisamente il proprio gioco qualunque sia il momento del match.
      L’ho detto spesso e lo ripeto: è un vero e proprio vulcano (e i vulcani eruttano spesso senza avviso). Crescerà e migliorerà senz’altro sotto molti aspetti ma non sarà mai una stakanovista (nel senso di andare a racimolare punti qua e là per il ranking) perché l’estrema ambizione che da sempre l’accompagna le ha fatto fare scelte precise (e sappiamo bene quali) nella sua ancor breve carriera.
      Giorgi farà il botto: non vincerà un piatto seppur ricco ma sbancherà. E quel giorno tutta la nostra pazienza sarà lautamente ripagata.

      Vamos, flaca, vamos!

      • by r.b.

        Vero, ma in 5 settimane in teoria si possono giocare 5 partite o 25, e anche più a seconda della struttura dei tornei.
        Ovviamente dipende tutto dalle vittorie. Ho l’impressione che Camila quest’anno pensasse di vincere più partite e perciò si sia iscritta a molti meno tornei di altre tenniste. Purtroppo anche iscriversi e poi cancellarsi non è l’ideale perché ci sono delle multe. E comunque giocare tanti tornei in giro per il mondo è certamente costoso (viaggi, hotels). Chi critica la programmazione deve anche tenere conto dei costi. Chiaro, piu si vince più si guadagna, ma se perdi al primo turno?

    • by Atom

      Si chiama “discarica mediatica”.non fogna…….comunque questo è un sito dove…contano le chiacchiere…ma nel tennis giocato contano i fatti. Ormai mancano tre mesi al 23 esimo compleanno di Camila. Il tempo passa e ancora non succede quello che ci siamo sempre auspicato…Ho dato una occhiata veloce a certe statistiche come piace a voi ebbene tutte le ultime numero 1 degli ultimi anni a 23 anni avevano già vinto e stravinto. E’ l’ora di svegliarsi…o rassegnamoci a stare nelle 40…

      • zio gio by zio gio

        Atom sono statistiche falsate. Camila ha giocato pochissimo. Lo vuoi capire? Come lo devo scrivere? Non ha mai completato una stagione wta… C’è la Bencic che a 17 anni ha già girato più tornei di quanto non abbia fatto,in tre anni,Camila.
        Programmazione
        bislacca, discutibile: verissimo. Confrontare ex numero 1,con una ragazza che gioca pochissimo,è fuorviante.

      • Madoka by Madoka

        Hai ragione Atom, “discarica mediatica”.

        Ieri sera avevo letto di fretta e mi ero confuso.

        Sarebbe interessante sapere cosa hanno da dire il bieco spazzino, assieme ad i suoi 4 gatti e 4 somari, dell’ennesima sconfitta al primo turno della Vinci, contro una WC 20enne cinese numero 180 del mondo.

        A me dispiace che la Vinci abbia perso in malo modo per l’ennesima volta al primo turno.

        Atom, ognuno guarda le statistiche gli interessano, nel senso che ognuno riporta quelle che secondo lui hanno più valore per dare fondo alle proprie tesi.

        Io vedo che Camila quando affronta Keys, Muguruza ( le avversarie del futuro : vince.

        Vedo che Camila batte due volte su tre Wozniacki.

        Vedo che Camila batte al primo incontro Sharapova, Azarenka.

        E poi vedo altre giocatrici che perdono in maniera sistematica contro queste avversarie.

        Camila gioca per vincere. Prima o poi i pezzi troveranno la loro collocazione e quel giorno vinceremo tornei importanti : non International.

        In caso contrario avremo sprecato uno dei più grandi talenti tennistici mondiali.

        Fermo restando che secondo me, ci sono una serie di pecche nell’organizzazione della Giorgi tennista e la sua crescita è ahimè rallentata.

    • eulondon by eulondon

      Una domandina: sei lo stesso Madoka di tennisforum? 🙂

    • hector by hector

      A mio parere hai una visione di breve termine. Una settimana ed anche un mese in piu’ o in meno non incidono su una luminosa carriera.La pianificazione va fatta a medio termine. Io mi fido di Camila e Sergio.

  30. riccardo by riccardo

    Devo dire che ho grande rispetto per chi lavora con i numeri e con le statistiche .
    Scusate però se mi permetto di dire che i grandi campioni , i numeri uno , i roger federer, poco hanno a che fare con le statistiche. Mi spiego. Non sempre avere delle percentuali alte di vittorie contro giocatori o giocatrici al top significa poi riuscire ad andare avanti. Cosa chiediamo a camila? cosa desidera la stessa camila? io credo che lei voglia vincere, magari diventare la numero uno , magari vincere Wimbledon. Lo stesso che desiderano i suoi tifosi. Lei sono sicuro che si allena duramente. E una professionista .Tempo fa passò un servizio su super tennis nel quale il giornalista spiegava che i test fisici di camila erano semplicemente mostruosi. eppure non basta ancora per vincere. lei ha un gioco fantastico, vincenti strepitosi, eppure ancora non basta per vincere. Insomma, allenarsi duramente, tirare vincenti, avere un fisico esplosivo, avere talento non è sufficiente per vincere un torneo, per diventare numero uno.
    tutte queste cose , sono necessarie altrimenti non si va da nessuna parte, poi però ci vuole il cuore, ci vuole la testa, la mentalità direbbe Lucia ci vuole anche saper variare, essere umili e quando la giornata è negativa, essere capaci di remare a fondo campo, aspettare.
    Sette partite per vincere uno slam , ognuna una storia diversa , un avversario diverso. Nessuno me ne voglia ma si va in campo col talento, con la grinta, con la fede, con la voglia di scalare la montagna, con la maledetta voglia di vincere , di salire in alto, li dove il cuore batte fortissimo , fino ad uscire dal petto ed i numeri , i freddi numeri, non servono.

  31. by SanTommaso

    Perché credo che Camila ci regalerà grandi soddisfazioni? Perché ne è capace. Non ha ancora vinto un torneo? Verissimo. Per vincere i grandi tornei chi devi (saper) battere? Le top20 se ti va bene, le top10 se ti va meno bene. Ed ecco che, contro le pugnette, arrivano i fatti a supportare le speranze di un povero tifoso decerebrato come me.

    Statistiche della WTA dell’ 8 settembre (quindi non tengono conto dell’ultima settimana, ma si riferiscono all’intera carriera, quindi l’ultima settimana direi che incide poco, pochissimo, niente…)

    Si calcolano le prime 100 del mondo dopo gli US Open, e si calcola la percentuale di vittorie/sconfitte contro le top10 e le top20. Prima, manco a dirlo, Serena: contro top10 ha 154W e 63L (0.710), contro le top20 ha 261W e 81L (0.763). Insomma, non ce n’è. Sapete chi è seconda nel rapporto W/L con le top10? Camila: 5W contro 3L (0.625), mentre contro le top20 siamo a 11W e 8L (0.579), terza dopo Williams e Sharapova.

    Per questo, per i numeri, Camila è l’unica che può regalarci una GRANDE (lo scrivo in grande…) gioia. Per confronto, le altre azzurre: Errani ha 10W e 48L (0.172) con e top10 e 32W contro 73L con le top20 (0.305). Pennetta meglio: 24W e 50L (0.324) con top10 e 43W e 81L (0.347) con le top20. Vinci ha 12W e 39L con le top10 (0.235) e 30W ma 73L (0.291) con le top20. Knapp (complimenti per il primo titolo, dopo tutto quello che ha passato se lo meritava, fosse arrivato a 19 anni, o a 34 o a 27 come è stato) ha 0W e 11L (0.000) con le top10 e 4W ma 23L con le top20 (0.148).

    Si calcolano GS, WTA, ITF e Fed Cup fino al World Group II. Nel caso di Camila ci sono pochi precedenti, verissimo, ma la partita la devi comunque saper vincere ed essere sopra il rapporto 1/1 tra vittorie e sconfitte contro e top10 e le top20, come si nota, non è per tutte. Anzi, per poche. Quasi nessuna. Anzi, per le italiane, una sola…

    • by Atom

      Il problema è che per incontrare le top 20 o le top 10 occorre battere le top 50 0 le top 100 e in questa statistica non credo che Camila brilli…

      • by SanTommaso

        Purtroppo il file della WTA si ferma alle top20. Due considerazioni però: Camila in carriera è 216W contro 146, quindi vince più match di quanti non ne perda. In tutta la carriera, dagli esordi in ITF ai match in WTA. Negli ultimi due anni, con tutto quello che sappiamo aver passato l’anno scorso, è 44-34 (di cui 3 sconfitte nei primi tre tornei del 2013, quindi i più lontani da noi e i meno “impattanti” nelle statistiche, se vogliamo guardare al presente. Ma insomma, ci sono anche quelli…).

        Resto poi sempre della mia idea: contro quelle tra la 30 e la 100 o la 200 del mondo puoi “imparare” a vincere, gestendo meglio i punti chiave, gli scambi, imparando ad alzare e abbassare il livello quando serve come fanno le campionesse. E’ però vincere contro quelle più forti il vero problema. Se hai un gioco che non te lo permette, perché quelle impongono un ritmo forsennato allo scambio al quale non sei abituata o non sai resistere… eh, lì c’è poco da fare! Se non hai i colpi, o il fisico, o la testa o tutte e tre per reggere i grandi palcoscenici e i grandi match contro gente che solo a guardarla dall’altra parte della rete ti mette in soggezione, nessuno può insegnartelo. Camila ha questa “scintillanza” (cit.), per fortuna. Le manca a costanza, le manca a pazienza di star lì ad aspettare che la Pincopalla numero 120 del mondo arrivata dale qualificazioni si batta da sola. Quello si può e anzi si deve imparare. Non far tremare il polso quando servi per il match contro la Sharapova è più difficile…

        • Giovaneale by Giovaneale

          Basta con questa disinformazione,citare le statistiche del sito della WTA…ma quando mai?!?!Iniziate a contare i “Vamosssch”,i pugnetti sugli errori gratuiti,quante volte si va a contestare qualcosa all’arbitro,gli urletti nevrotici e vedrete che Camila sarà sempre in ultima posizione…queste sono le cose che contano.Fate proiezioni di classifica togliendo tutti i punti conquistati da Cami quest’anno lasciandoli intatti a tutte le altre e ditemi se Cami non finisce il 2015 all’ultimo posto della classifica ufficiale wta…siamo seri!!!!
          🙂 🙂 🙂 🙂
          Ps.scherzo,scherzo 🙂
          Pps.complimenti per gli ottimi contributi…guardare le cose per quello che sono non fa male,le cose su cui lavorare sono meno di quelle che si possa pensare.
          Forza Cami!

    • zio gio by zio gio

      Sono queste le motivazioni che ci spingono a credere in lei.
      Io credo che,anche quest’anno,complice qualche eliminazione prematura,abbia giocato pochi tornei. Fed cup e vizi di forma a parte, c’è una concorrenza spietata che fa un torneo a settimana( Pliskova ) da quando è iniziata la stagione. CAMI non deve emularle,ma una via di mezzo sarebbe l’ideale.

  32. doherty by doherty

    sono dispiaciuto che camila non possa giocare,spero che ci facciano sapere con chiarezza il motivo preciso.
    mi associo con gioia e soddisfazione ai complimenti a karin per la sua vittoria.
    se lo merita considerando anche tutti i problemi di salute che ha avuto e mi auguro che ce ne siano tante altre in futuro.
    brava !!!!

    forza cami !!! non vediamo l’ora di vederti giocare..

    • by r.b.

      Bravissima Karin e brava anche Flavia! Come fai il tifo tu non lo fa nessuno! 🙂
      So che è completamente off topic ma un grandissimo plauso va a Simone Bolelli che ha fatto un partitone contro Federer sul veloce indoor a Ginevra (no dico, contro Roger sul veloce indoor, non so se mi spiego)… giocando veramente alla pari col grande campione.

      Naturalmente il complimento maggiore va a Karin che ha vinto il suo primo torneo WTA a 21 anni 🙂 🙂 🙂 (siamo o non siamo un blog di disinformazione? E allora disinformiamo…. 🙂 🙂 :-))

      • doherty by doherty

        mi associo per i complimenti al bole…
        anche lui reduce da problemi fisici….il veloce indoor è la superficie preferita di federer ma anche simone sui campi rapidi si esprime al meglio perchè non deve correre tanto e puo far valere i suoi ottimi colpi da fondo ed il servizio.
        spero faccia qualche buon risultato nell’ultima parte di stagione che è appunto indoor

  33. by Mape

    Mamma mia che peccato non disputare Tokyo.
    Le teste di serie:
    1. Kerber
    2. Jankovic
    3. Ivanovic
    4. Azarenka
    5. Cibulkova
    6. Wozniacki
    8. Errani
    9. Suárez Navarro

    Camila ha già battuto le ultime quattro teste di serie e nel sorteggio avrebbe trovato Cibulkova.

    Nel tabellone presenti inoltre: Muguruza, Keys, Vandeweghe già battute in precedenza dalla Giorgi.
    Chi avremmo incontrato in un ipotetico secondo turno? La vincente tra Vandeweghe (e sottolineo Vandeweghe) e una qualificata.
    A Wuhan invece, metti caso che incontri una Serena degli ultimi tempi al primo e saluti il torneo.

    • zio gio by zio gio

      In realtà non possiamo sapere dove sarebbe finita Cami.
      L’amarezza più che per il campo partecipanti,è per la stagione agli sgoccioli e l’assurdità del forfait.
      La sensazione è che tra l’esplodere definitivamente e il rimanere nella situazione di classifica attuale ci sia una linea sottile che, potrebbe essere facilmente superata,ma che per una serie di motivi rimane lontana.

      • avadar by avadar

        Hai detto bene, ho la stessa sensazione….
        il salto di qualità definitivo sembra dietro l’angolo, vicinissimo, basta davvero poco….
        e allo stesso tempo sembra difficile da raggiungere….
        in questi casi occorre solamente insistere con cocciutaggine e testardaggine, con una determinazione assoluta, ben consci di quelle che sono le proprie capacità: qualità che, x fortuna, Cami ha già dimostrato di possedere in dosi massicce….

  34. by pariparo

    L’unica cosa che mi rode è che questo torneo di partecipazione alta ma non altissima era una ottima occasione di rilancio per la nostra tennista preferita. Per il resto tutte le polemiche e i continui rimandi ad altri siti e personaggi mi annoiano. Il prossimo torneo qual’è?

  35. by r.b.

    Un plauso alla redazione di Live tennis che hai fatto piazza pulita di certi commenti rosikoni e livorosi, tra l’altro anche palesemente falsi e tendenziosi.
    Forse in fondo l’azienda produttrice del Maalox non se la passa poi tanto male, le vendite dicono essere ancora molto alte… 🙂 🙂 🙂
    Scriviamo, scriviamo, che ogni commento qui, una pillola di Maalox laggiù! 🙂 🙂 🙂

    • zio gio by zio gio

      Il problema è che “Alias” si inventa le cose. Ritiene che io abbia pubblicato qui,su questo sito,un insulto a Flavia Pennetta. L’insulto, non solo non l’ho espresso su camilagiorgi.it,ma l’ho addirittura celato, velatamente, sul loro sito. Come spesso chiedono ad altri,provino loro a fare un copia incolla…non troveranno nulla. Matteo non può rispondere per fatti accaduti altrove. Ricordo poi,di essere caduto in provocazione.
      P.s.: “mummia” era inserito nei commenti live al match di Indian Wells,ma non ritengo possa essere considerato offensivo: in relazione alle dinamiche di gioco, Flavia si limitava ad aspettare l’errore di Camila. Gli epiteti gratuiti albergano tra loro. Io mi adeguo.

      • by r.b.

        Lo sai che sono dalla tua parte, zio gio, ti sei scontrato spesso coi rosikoni con grande coraggio e spirito di abnegazione. Il Camila’s Army dovrebbe promuoverti al grado di ufficiale scelto… (va bene tenente o colonnello?) 🙂

        • zio gio by zio gio

          Tenente va bene,ma mi tocca del Maloox per questo vizio di forma,causa forfait.
          Quando mi tocca,lo riconosco

  36. boy by boy

    in conclusione si può dire:
    Se il disguido è colpa della wta….ma che sfiga!!
    Se il disguido è colpa di chi segue e organizza queste cose per la Giorgi….ma che poca professionalità!!

    • by lucio

      La verità non lo sapremo mai comunque da lunedì si parte da 39.

      • by Atom

        Perché 39? Non è 42?

        • by lucio

          Nella live lunedì scala posizioni.

          • boy by boy

            onestamente del ranking in questo periodo non mi interessa granché. Secondo me dovrebbero venire prima tante altre cose.

            • boy by boy

              e cmq più che la posizione 39 che a me non risulta, io vedo che la prossima settimana non giocando a Tokio potrebbe scendere nel peggiore dei casi sino alla 52esima posizione.

              • eulondon by eulondon

                Lascia stare il ranking! Non serve a nulla, o quasi. Le entry list fino a fine anno sono state stilate. Burocrazia a parte, siamo in tutti i tornei. Nella race Cami e’ 37. E, essendo basata solo sui risultati del 2014 fa piu’ fede ed e’ piu’ facile da seguire in quanto non terra’ conto di eventuali scarti di altre in quest ultimo mese. Vedremo dove Cami finisce questa stagione che, ci tengo a rimarcare, e’ la sua PRIMA a tutti gli effetti e a tempo ( quasi) pieno in WTA.

                • by lucio

                  Concordo era solo una considerazione : importante e’ giocare e fare punti. Spero solo non siano stati fatti errori da dilettanti anche se può capitare basta non ripeterli. Se
                  la colpa invece e’ della wta dovrebbero invece in qualche modo ricompensare con una wc futura.

  37. ghezzo63 by ghezzo63

    pazienza aspetteremo , l ‘ importante che camila stia Bene ! torna piu forte che mai , FORZA CAMI !!!

    • hector by hector

      Gli organizzatori tirano un sospiro di sollievo, la presenza di Camila avrebbe fatto diventare il torneo soporifero con un esito scontato. Si tratta di un gombloddo plutopippotopomassonico, guidato da forze oscure che nulla potranno opporre all’ascesa di Camila nell’olimpo del tennis.

  38. TEUS by TEUS

    Situazione bizzarra ma può capitare. Sarebbe stato molto peggio se Camila non fosse andata a Tokyo a causa di guai fisici. Invece pare che la “bimba” stia bene e questo è quello che conta davvero alla fine (non dimentichiamo quante “pene” abbbiamo patito l’anno scorso per via della spalla).

    Vamos, flaca, vamos! Non sarà certo un piccolo intoppo a frenare la tua scalata.

  39. riccardo by riccardo

    La mancata partecipazione di Camila al torneo di Tokio come era prevedibile ha creato le solite polemiche. vorrei per un attimo distinguere i piani. Nonostante io mi sforzi di capire, proprio non riesco invece a comprendere perché ogni volta che accade qualcosa a camila , si scateni un putiferio. Ho letto un po’ di commenti in giro ed insomma si passa dalle solite menate, sulla poca professionalità di tecnici, allenatori, papa, mamma, zio , nipote ed anche del topolino che per caso si è trovato a passare a Tirrenia ai paragoni con la Knapp che ha vinto il sui primo torneo ( viva Karin ) ma mi chiedo che ci azzecca?. Devo dire che leggendo il comunicato sembra che il disguido sia ascrivibile alla wta. tuttavia dico solo una cosa. Visto che siamo nell’occhio del ciclone, forse un comunicato un po’ più chiaro , meno stringato , avrebbe stoppato qualsiasi possibilità di polemica. ovviamente lo dico col massimo rispetto per il lavoro di tutti. Mia opinabilissima opinione. Il sito però è molto frequentato ed è molto letto…. non so se sono stato chiaro. Per il resto dispiace tantissimo… una vera beffa. saluti a tutti.

    • by Atom

      Sono deluso e voglio limitare il mio intervento. Però un sito con migliaia di commenti su una tennista tanto amata non potrebbe dare direttamente qualche informazioni in casi come questi? A volte i gestori lo stesso Sergio Giorgi potrebbe fare qualche comunicazione ufficiali almeno per tranquillizzare noi utenti……Basta poco…

  40. by SanTommaso

    Ho letto il comunicato, ho letto il mare di commenti che ha suscitato su livetennis dove l’intervento di quello che si spaccia per un ex tennista ha creato un polverone che altrove non si era creato e che fino a prima del suo intervento neppure si immaginavano. L’obiettivo, ovviamente, era provocare gli utenti di questo sito e i gestori, oltre che la pessima gestione (secondo lui) di Cami.

    Anche qui qualcuno ho visto che si è lamentato. Saranno i miei studi sua comunicazione, sarà l’esperienza, sarà che come ho già detto non posso imputare nulla a chi ci mette ancora a disposizione uno spazio per confrontarci… ma ragazzi, basta leggere. BASTA LEGGERE. E meno parole ci sono da leggere, meno si può sbagliare. Il comunicato recita:

    “Camila non parteciperà al torneo di Tokyo a causa di un disguido burocratico da parte della WTA.”

    Analisi facile facile.

    “Camila non parteciperà al torneo di Tokyo”

    e fin qui siamo aperti a tutte le ipotesi possibili, anche alla poca voglia di Camila. O ad un’invasione aliena. E’ tutto valido, per gli elementi che abbiamo. Proseguiamo…

    “a causa di un disguido burocratico”

    e qui, fiato alle trombe: “ma come??? come si fa???? gestione dilettantistica!!!! neanche capaci di iscriversi a un torneo!!!! modestia!!!! allenamento!!!! cambiare alenatore!!!!!”

    ma ancora non è finita…

    “da parte della WTA”.

    Ooooh. E di cosa discutiamo allora? Camila si è allenata, si è preparata, si è iscritta al torneo (altrimenti non sarebbe comparsa nella entry list e nella sezione players del sito del torneo (ma soprattutto, lo ripeto, nella entry ist), magari aveva già anche i biglietti aerei. Ma dalla WTA non arriva un documento che ti permette di entrare nel paese per lavoro – perché di quello si tratta, non di vacanza – ed ecco che si inceppa tutto e Camila non può giocare il torneo. Non perché non abbia voglia, sia a tifare Bolelli a Ginevra, sia a mare, in vacanza, infortunata, sbadata. Per un disguido BUROCRATICO (carte, bolli, visti… il cerchio, dopo “burocratico”, si stringe) da parte della WTA.

    Certo i gestori potevano essere più espliciti. Dire “quei cretini della WTA ci hanno fatto saltare un torneo perché si sono dimenticati di cambiare il toner nella stampante o non hanno inviato il fax”. Ma, domando… potevano scrivere una roba del genere?

    Suvvia, non facciamo sempre i criticoni. Lasciamo il lavoro ad altri.

    • Giovaneale by Giovaneale

      E’ chiaro dall’estensione dell’intervento dell’illustre Alias che sperava diventasse “articolo” su livetennis..gliel’avranno cassato in tronco perchè fazioso e con tante inesattezze (uno che dice che qui si offendono le tenniste mentre lui e i suoi “compari” ogni tre parole danno del “minorato” o del cretino a tutti noi è credibile????) e ci ha provato comunque pubblicandolo come commento….qualcuno che lo legge e gli da retta lo trova sempre.Poveretto…spende cosi tanto tempo a scrivere,scrivere,scrivere e poi dice che di tempo non ne ha…

    • Giovaneale by Giovaneale

      Ps.omette ovviamente di dire che su questo sito lui era iscritto e che scriveva e che se non scrive più non è per scelta ma perchè messo alla porta (giustamente).

      • TEUS by TEUS

        Stiamo parlando di una persona che qui scriveva con vari nick (quindi non escludo lo faccia ancora altrove) e i lettori più attenti lo avevano anche smascherato (il suo argomento principe? La programmazione), che molto probabilmente soffre di poca autostima (non a caso ricercava piccole sodddisfazioni postando da queste parti articoli che nulla c’entravano con Camila), che si è improvvisato intenditore di tennis (non sapeva come si scriveva ranking e, se ciò non bastasse, è sufficiente fare un salto nell’archivio e, insieme a tutti i suoi nick, troverete anche i consigli tecnici agghiaccianti che diede a Camila poco prima del match con Sharapova a Indian Wells) e che è astioso come pochi tra l’altro.
        Insomma, stiamo parlando di una persona che non sta per nulla bene. Perciò, andare avanti a parlarne, comporta solo una perdita di tempo.
        Capisco di più il gestore di quel sito qui tanto menzionato da vari utenti perché almeno ha un suo tornaconto nel portare avanti una “guerra” che oramai da tempo rasenta il ridicolo.
        Contento lui e contenti voi… Contenti tutti.

        il sito tratta di una ragazza che ha un talento e una passione per il tennis rari e questo, non voleteme, francamente è l’unico vero motivo per cui passo ogni tanto da queste parti.

        Vamos Camila!

    • Giovaneale by Giovaneale

      Lo staff di livetennis ha cancellato il post dell’illustre alias…che soddisfazione!
      Hanno motivato dicendo che nulla ha a che fare con il tennis la gestione di un blog di un’atleta,concludendo con una frase che merita applausi scroscianti:”Camila è un patrimonio del nostro tennis”!
      Complimenti!!!!!!

    • by r.b.

      Incredibile! Adesso non siamo più neanche liberi di scrivere quello che vogliamo su questo sito, ma è il nostro datore di lavoro per caso? Gli rubiamo le stipendio?
      La verità è che è stato bannato e adesso ce l’ha a morte con i gestori del sito e con noi che possiamo scrivere liberamente…
      Noi ci divertiamo un mondo a tifare Camila Giorgi e niente e nessuno potrà impedirci da tifare Camila e di divertirci a scrivere qui. Chiaro? 🙂

  41. Giovaneale by Giovaneale

    A volte il destino è proprio crudele..due italiane hanno dato forfait a Tokyo,una ufficialmente stanca ma oggi in terra svizzera saltava per quasi quattro ore sulla sedia agitando vigorosamente un ventaglio “rumoroso” senza accusare alcun segno di stanchezza e sostenendo a squarciagola il fidanzato/giocatore,l’altra invece con una gran voglia di giocare ma costretta a rimanere a casa per un visto mai arrivato o arrivato in ritardo…che beffa….

    • eulondon by eulondon

      Se e’ davvero questo il problema bisogna capire l’ origine! Se e’ Camila o chi per lei responsabile di tale ritardo… Non e’ giusto prendersela col destino! Se invece e’ il destino la causa… Beh, tra le varie, mi sembra la bastardata minore che ha fatto a Cami! Forza, che di tornei ne abbiamo altri!!! Continua ad allenarti, Cami! Chi ti ama e’ SEMPRE dalla tua parte!

      • avadar by avadar

        Bravo eu!! Chi ti ama è SEMPRE dalla tua parte, mi piace un sacco….
        però zio gio ha ragione: la stagione è agli sgoccioli e perdere un torneo fa girare letteralmente i maroni!!!!
        che almeno questo “disguido” non abbia + a ripetersi in futuro….
        di beffe e di impossibilità a giocare siamo stufi….
        che la fermino le avversarie, se ci riescono, e non gli intoppi burocratici….
        x un atleta non c’è niente di peggio che essere fermato sui blocchi di partenza….
        non vediamo l’ora di rivedere Cami sul campo….
        dopo praticamente un intero mese….

        • eulondon by eulondon

          Lo so. E credo che ancora piu’ di noi sia incavolata lei! Deve essere davvero frustrante. Buon per la Wandeweghe che si e’ evitata le quali.. Una volta ando’ bene anche a noi, col ritiro all’ ultimo secondo di Kutznetsova a Eastbourne e cami dritta nel main, senza pantano. Altri 7 giorni e torniamo in campo. FORZA CAMILA!!!

    • zio gio by zio gio

      Non so perché,ma mi trovi sempre d’accordo.
      Una gioca a fare la Blasi dei poveri sussurrando il solito, arcinoto(forse unico) vocabolo:”vamos” e l’altra, costretta a rimanere dietro le quinte per l’ennesima volta. Diamoci una svegliata…la stagione sta finendo.
      Al solito” vamos,preferisco”io faccio il mio gioco e non rompetemi i maroni”

  42. by Alessandro1983

    Scusatemi ma apprendo solo ora che Cami non giocherà a Tokio, qualcuno per caso è a conoscenza del motivo? Non credo proprio che sia per il piede, visto che sono passate 3 settimane… 🙁

    • by Alessandro1983

      Ak ok, un vizio buracratico dunque? Che peccato 🙁

  43. Ace by Ace

    Brava Karin!
    Ai tornei ci si iscrive, si va, si gioca e si vince!!!
    A meno che ci siano motivazioni importanti e ben dettagliate sul sito ufficiale della giocatrice, ma qui, come sempre, non ci sono e noi continuiamo coi nostri misteri.
    Peccato.

    • avadar by avadar

      Faccio anch’io i complimenti a Karin: primo titolo Wta x lei!!!
      Sicuramente il primo di Cami non sarà Tokyo 2014…..

    • zio gio by zio gio

      Meravigliosa la commozione di Karin. Se lo merita.
      Purtroppo infastidisce l’omertà che regna sovrana su ogni aspetto.
      C’è chi i tornei li salta per seguire i compagni in trasferta(come i ragazzini di 16 anni) e chi si trova vittima di un vizio burocratico;
      Tutto condito da grande mistero.
      Pazienza…

    • eulondon by eulondon

      Giusto!! Complimenti a Karin!!! E’ vero che era un torneo molto debole, ma questo nessun merito toglie all’ azzurra! Vincere non e’ mai facile. Vincere 5 partite di fila ancor di meno. Indipendentemente dalle avversarie! ( ci sono giocatrici che su questi tornei ci costruiscono intere stagioni, una di queste e’ proprio Bojana). Su Camila poco da dire, speriamo che ci informino meglio. Giusto cosi’ per sapere se la tiratina d’ orecchie se la merita Cami o la WTA!

    • Giovaneale by Giovaneale

      Magari nei prossimi giorni avremo qualche elemento in più per capire meglio cosa sia successo.Dispiace molto perchè sarà un’altra settimana senza tennis giocato,peccato!
      Ps.Mi unisco anch’io ai complimenti a Karin!

  44. doherty by doherty

    non ci credo………
    perchè non gioca ?

    • by r.b.

      Disguido burocratico… Però non è giusto.. C’è sta bye che gioca un sacco di match e noi niente… 🙂

  45. by r.b.

    L’azienda farmaceutica produttrice del Maalox ha diramato un duro comunicato di protesta contro la WTA. A causa del disguido burocratico, la mancata partecipazione di Camila al torneo di Tokyo le causerà ingenti danni. Infatti l’azienda si attendeva dai match di Camila un forte aumento delle vendite del noto medicinale… 🙂 🙂 🙂

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Grossa delusione, quasi come quando ho scoperto che la mia prima stupenda fidanzata era un trans.
      Scherzo ovviamente ma la delusione è tanta dopo tutte queste settimane di attesa non ci voleva.
      Camila per sempre♡♥♡♥♡♥

      • avadar by avadar

        Tanta delusione vero….
        ci tocca ancora armarci di pazienza e vedere giocare le altre….
        certo che dietro le parole “disguido burocratico” puoi leggerci di tutto….mah….cose che non dovrebbero mai succedere….
        comunque, non fosse che Cami ultimamente esce spesso all’inizio, penserei immediatamente che, con un intrigo degno del migliore film di James Bond, han trovato il modo di fare fuori all’ultimo momento la + forte giocatrice del lotto!!!!

        • by r.b.

          Ci serve Quinto. Lui è l’unico in grado di prenderla con filosofia! 🙂

  46. by r.b.

    Giustamente rimproverato da zio gio, ritiro immediatamente il mio commento sul sorteggio di Ana a Tokyo e posto il mio parere sul sorteggio di Camila… 🙂
    Il sorteggio secondo me è abbastanza favorevole per la nostra, almeno abbiamo la certezza di non uscire al primo turno stavolta 🙂 anche perché non giocando è abbastanza impossibile perdere. La cosa negativa è però che non giocando sarà molto ma molto difficile vincere il torneo…. 🙂 🙂 🙂

    • eulondon by eulondon

      Secondo me non si e’ presentata in Kimono alla Cerimonia. E su questo sono fiscalissimi! 🙂 Vedete il positivo… Io temevo fosse ancora il piede e li’ si che c’ era da preoccuparsi! Dobbiamo aspettare un ultro po’, tutto qui. A questo punto mi auguro che alla Cerimonia Cinese arrivi con il piatto di involtini primavera in mano, come da protocollo!!!!

      • by r.b.

        Azz, al kimono non avevo pensato… O forse non ha ruttato al pranzo di gala 🙂 🙂 🙂 Sapeste quanto ci tengono alla rutto i giapponesi! 🙂

  47. by Staff

    Camila non parteciperà al torneo di Tokyo a causa di un disguido burocratico da parte della WTA.

    • by r.b.

      Beh almeno sappiamo che sta bene e non ha problemi fisici.

      • enzo by enzo

        Disguido burocratico, ci mancava …un intoppo del genere !
        Ma se è iscritta da un mese !!! Boh !

    • eulondon by eulondon

      Disguido burocratico con la Wta? E cosa mai puo’ essere?

      • zio gio by zio gio

        Ma è una barzelletta? Tutte a Camila? O ragazzi con la storia della causa alla wta avete portato sf…
        Roba da non crederci

        • by r.b.

          La causa non c’entra niente. Capisco la tua delusione che è anche la mia, sono cose che possono succedere, non ho idea di cosa possa essere però il regolamento WTA è estremamente complicato e ci sono moltissime trappole.

          • zio gio by zio gio

            Ho detto un’altra cosa. In ogni caso..non poteva succedere alla Sviolina? Sempre alla Giorgi?su livetenmos parlano di un mancato visto. Misteri

            • by r.b.

              Ho visto anch’io il post sul visto, ma mi sembra in realtà una semplice battuta come quella sul kimono

            • by fabio2

              Per andare in Giappone non e’ necessario il visto

    • boy by boy

      “disguido burocratico della WTA”….e che roba è??
      uffa….qui i tempi si allungano 🙁

    • by fabio2

      Ma cos’e’ questa, una notizia o una barzelletta? Che senso ha scrivere:”a causa di un disguido burocratico da parte della WTA” senza spiegare nulla?

  48. enzo by enzo

    Aspettavamo da tanto di rivederla giocare !
    Questo forfait è come un fulmine a ciel sereno. Speriamo di avere notizie che ne chiariscano il motivo.
    L’attesa si prolunga e diventa più che snervante.

  49. by Mape

    Forfait di Camila, ecco il tabellone:

    (1) Kerber vs Bye
    Zahlavova-Strycova vs Svitolina
    Vandeweghe vs Q
    Flipkens vs (6) Cibulkova

    (3) Ivanovic vs Bye
    Azarenka vs wc-Date-Krumm
    wc-Bencic vs Kuznetsova
    Keys vs (7) Safarova

    (5) Errani vs Q
    wc-Lisicki vs Dellacqua
    Muguruza vs Pavlyuchenkova
    (4) Jankovic vs bye

    (8) Suarez-Navarro vs Nara
    Davis vs Q
    Hantuchova vs Q
    (2) Wozniacki vs Bye

    E aspettiamo un’altra settimana.

    • by lucio

      Non è’ possibile ancora questi forfait all’ultimo momento. Una spiegazione in questo sito e’ chiedere troppo ? L’atteggiamento è’ minimo strano. Se è’ infortunata lo sapeva prima . Incredibile .

    • by r.b.

      Ma che …. di sorteggio è mai questo???
      Tutte le più forti sono della parte di Ana… Azarenka, Kuznetsova, Safarova….
      Boh… 🙁
      Il forfeit di Camila? Secondo me è dovuto a problemi fisici non ancora completamente risolti, quindi dobbiamo avere pazienza…
      Speriamo ci sia un comunicato ufficiale.

      • zio gio by zio gio

        Il tuo primo pensiero è il sorteggio di Ana??
        Aspettiamo Camila dal 25 agosto e,ora, spunta il forfait all’ultimo minuto quando, ci sono stati (quasi) 20 giorni,utili,per un minimo di chiarimento intorno al problema del piede.
        Non mi piace proprio questo modo di (non) interagire con chi visita questo blog.
        ????

        • enzo by enzo

          Concordo in toto

        • by r.b.

          Il mio prima pensiero è ok forfait di Camila, ho anche postato una intervento in proposito, ipotizzando un problema non risolto. Il post in questione è un commento al sorteggio postato da Mape. Visto che Camila non c’è non potevo commentare su Camila. L’avrei fatto molto volentieri, credimi.

  50. eulondon by eulondon

    Non vorrei creare falsi allarmi, ma su tennisforum un tipo dice che pare Camila non giochi. Di solito sono informati, spero sia l’ eccezione che confermi la regola! 🙁

    • avadar by avadar

      Noooo, siamo in crisi d’astinenza….
      spero che giochi….

    • TEUS by TEUS

      Ho la sensazione che siano voci fondate. E ho anche un’altra sensazione: Camila sarebbe stata nelle condizioni di giocare a Tokyo ma, insieme al suo staff, ha deciso di concentrarsi sugli altri due premier ben più importanti. Mi auguro vivamente sia così e che non abbia problemi fisici che le impediscano di prendere parte all’intero tour asiatico.
      In ogni caso tra poco sapremo…

      • hector by hector

        Nel tabellone sul sito wta Camila non c’e’, niente Tokyo.

  51. by lucio

    PER QUESTA SETTIMANA SI CHIUDE ALLA 42 VEDIAMO SETTIMANA PROSSIMA DI VNCERE QUALCHE PARTITA PER RISALIRE .CIAO A TUTTI.

  52. by SanTommaso

    Per chi si fosse preoccupato delle condizioni della Pennetta dopo il ritiro dal prossimo torneo: tranquilli, sta benone, ha solo da farsi i fatti suoi in quel di Ginevra. Per fortuna tra poco ricomincia a giocare Camila che, leggo sul T.I., pare influenzare il gioco delle nuove leve che smettono di “remare” a vantaggio di un gioco che le renda più protagoniste e soprattutto padrone del proprio destino in campo (leggete intervista a Gioia Barbieri se potete!)

  53. Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

    Salve gente, sapete quando torna in campo Camila?

    Sono al punto che TUTTO, anche il live score, è meglio di questa attesa snervante…

    Beh, non proprio tutto no, QUASI TUTTO è meglio di questa attesa… Potrei farmi qualche risata rovistando nella “discarica mediatica” per ingannare il tempo, ma non ci vado per principio, perché credo che di cose brutte nel mondo ce ne siano parecchie e meno se parla meglio è. (E poi non voglio che guadagnino conteggiando anche ME tra i loro visitatori…)

    Tornando a noi: quando gioca di nuovo Camila? E il piedino 🙂 come va?

    • doherty by doherty

      settimana prossima a tokio
      purtroppo non ho so come vada il piede

  54. doherty by doherty

    forza simone !!!
    forza italia !!!

  55. giuseppe by giuseppe

    @ r.b.
    scusami r.b., ma vorrei un chiarimento, poiché quella pallina nell’immagine, se è fuori campo, mi disorienta… non si era sempre detto “palla in campo”?

    • by r.b.

      Acc. mi sa che ha i ragione…. ho cambiato pallina perchè la vecchia era degli US Open, adesso vedo di trovarne una in campo… 🙂

      • doherty by doherty

        io chiamerei prima il falco…un pezzo di riga per me l’ha presa..

        • giuseppe by giuseppe

          🙂 🙂 🙂

        • by r.b.

          Sì infatti l’ho chiamato il falco, ma era volato via e non è più tornato… 🙂

          • doherty by doherty

            allora call stands….game ,set and match giorgi !

          • hector by hector

            Attento che quando il falco vola via puo’ lanciarti un guano di sfida!

  56. by r.b.

    No raga, una delle tenniste più in vista del circuito si fidanza con un campione del mondo di calcio, la notizia fa il giro dei quotidiani, delle riviste e di siti specializzati di tutto il mondo, cioè perfino la tedesca Bild la pubblica e il gestore (?) di un noto (? :-)) sito che parla di tennis e di ragazze mi buca la notizia così…. 🙂 🙂 🙂
    Ahi ahi Ubaldo… 🙂 da te questa non me l’aspettavo…. 🙂 🙂 🙂

  57. journasesto by journasesto

    Stavo notando invece, per tornare a Camila, che nella trasferta americana, pur magra di risultati di prestigio a parte la semifinale di New Haven, in quattro tornei ha totalizzato guadagni per ben 83.083 dollari (numero palindromo), superando il primo milione di dollari in carriera. Non so se la cosa sia stata già fatta notare da qualcuno di voi, perché per tutto agosto non ho seguito molto il blog, ma credo proprio di sì. E immagino che a casa Giorgi abbiano comunque brindato per il raggiungimento di questo traguardo (neanche tanto simbolico).
    Mi felicito anch’io con Camila per l’importante e direi anche gratificante risultato.

    • by r.b.

      Accidenti, adesso l’insetto molesto ci attaccherà a causa del tuo post e dovremo sopportare tutti gli insulti possibili e immaginabili, perché la gravità di quello che hai scritto è pazzesca. Ma non te ne sei reso conto???
      83083 NON È UN NUMERO PALINDROMO! 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

      • journasesto by journasesto

        Lancio questi piccoli ami per vedere se il merluzzo abbocca… 🙂

    • by antonelo

      Propongo di celebrare il traguardo del primo milione con l’apposito video

    • by Atom

      So che è una sciocchezza fare anche il minimo accenno alla discarica mediatica ed al suo bieco spazzino. Ma mi hanno riferito che, in continuazione, ripete la mia presunta( e spiegherò perché presunta) affermazione di una “Pennetta da vomito” Si evidenzia come il fango, la meschinità, la codarda speculazione siano propria di questo fetido individuo. E’ facile capire come “da vomito” fosse riferito alla prestazione e non alla Pennetta che ho ribadito più volte ammiro molto e proprio da questa ammirazione era scaturito lo sfogo alle 4 di notte di cui fra l’altro, ho chiesto scusa anche se non ce n’era bisogno. Per uccellare quell’essere immondo qui affermo senza remore, anche se la definizione non è appropriata ma la faccio per togliere di mezzo qualunque malinteso su quanto stimi Flavia, che il mio stesso idolo Camilla Giorgi ha fatto anche più di una prestazioni da “vomito”. Per me Camila è la più forte, la più bella, la più corretta, la più simpatica, la più sexy tennista di tutti i tempi. Allora? Stai nella tua discarica e non mettere il naso nel nostro sito che lo inquini…

      • by r.b.

        Facciamo il giochino del toto offese, cioè chi viene insultato di più…. 🙂 🙂
        Tu sei messo bene ma anch’io non scherzo, mi ha dato del maniaco sessuale 🙂 …. Ottimi piazzati anche giovaneale, zio gio e Eulondon (lo sciacquino di Londra :-)), ma anche Antonelo, t.o., San Tommaso e tanti altri… È una bella lotta… 🙂 🙂 🙂

        • eulondon by eulondon

          Fatemi sapere se qualcuno ha casa sotto sopra o pile di piatti! Vengo e sciacquo con piacere. Anche i cessi

          • by r.b.

            LOL 🙂 🙂 🙂 Non me ne voglia hector, ma questa è una delle migliori che ho letto da tanto tempo!!! 🙂

            • hector by hector

              Non pretendo l’esclusiva. Io mi devo sciacquare solo le gengive. Un colluttorio, Eulondon, please!

          • AlterEgo by AlterEgo

            E allora vai nella discarica, li ce ne sono tanti da pulire, pieni di tanta…hai capito! 😉

      • avadar by avadar

        Suvvia Atom….lascia stare….”da vomito” sono certi commenti di pura cattiveria e livore gratuito….
        gli sfoghi, anche estemporanei e alle 4 di notte, se da tifosi veri sono accettabili anche se “coloriti”….xché unicamente dettati dalla delusione del momento….
        e quando si è tifosi (e non calunniatori….) non c’è nulla di cui pentirsi o chiedere scusa….
        noi trombettieri, accecati dalla supernova, forse qualche volta smarriamo un po’ di misura e di equilibrio nelle valutazioni dovuto al nostro innamoramento, ma di certo non scenderemo mai a certe inenarrabili bassezze….

  58. Giovaneale by Giovaneale

    Assegnate wc a Bencic,Flipkens e Date-Krumm.Forse ne resta una quarta da assegnare.
    La qualità del md si innalza notevolmente,quella delle quali effettivamente adesso crolla..

    • by r.b.

      Decisamente, sono tre grandissime tenniste, soprattutto la Date Krumm che ammiro più di Serena Williams. Semplicemente impossibile giocare a questi livelli alla sua età, ma lei ce la fa.
      La Bencic non la scopriamo adesso. La Flipkens sembra in un periodo di scarsa forma.

  59. journasesto by journasesto

    Notiziona che interesserà sicuramente a r.b. Ana Ivanovic avrebbe una storia nientepopodimeno che con Bastian Schweinsteiger, capitano della nazionale tedesca campione del mondo. I due sono stati paparazzato mano nella mano a New York. Pare sia stata la Petkovic a organizzare l’incontro tra i due.

  60. Giovaneale by Giovaneale

    Dispiace annotare il forfait di Flavia Pennetta a Tokyo..speriamo non abbia qualche guaio fisico ma solo fisiologica stanchezza dopo le due settimane impegnative a New York.
    Al suo posto Davis.

    • eulondon by eulondon

      Io piu’ che altro mi aspettavo il ritiro della Wozniacki che sta davvero giocando non stop! Comunque che divario incredibile tra main draw e qualificazioni! Il tabellone quali e’ pieno di under 150. Cosa rarissima per un premier. Forse e’ dovuto al fatto che ci sono ben 3 tornei..

      • Giovaneale by Giovaneale

        Da oggi a domenica potrebbero esserci altre defezioni..per ora solo Petkovic e Pennetta.
        Nelle quali comunque ci sono tenniste di valore,alcune di loro sarebbero state tds altissime in due dei tre international che si giocano questa settimana.

        • eulondon by eulondon

          Beh, i 2 dei tre international di questa settimana sono molto sui generis!!! Buon per Karin, che si sta facendo strada 🙂 spero proprio vinca lei Tashkent.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Giusto fare qualche nome:Bencic,Vandeweghe,Flipkens,la stessa Davis che è stata ripescata ma anche Erakovic…

    • zio gio by zio gio

      Penso che la vedremo a Ginevra. È impegnata

  61. Giovaneale by Giovaneale

    Mi sento quasi in colpa…vi ho parlato della teoria dell’illustre Alias e tanti di voi sono andati a dare un’occhiata su quel blog che onorevolmente potrei etichettare di controinformazione ma che sempre più spesso sfocia nella casa della diffamazione e dell’odio ingiustificato…quasi tutti ci siamo beccati insulti solo perchè tifiamo passionalmente per una splendida ragazza che risponde al nome di Camila Giorgi.
    Una cosa positiva c’è però..visitando anche ogni tanto quel luogo possiamo avere ulteriori conferme che non cambia mai niente,che siamo perennemente sotto una lente d’ingrandimento,pronta a costruire storie infinite anche su sacrosante verità.
    Mettete l’ultimo episodio,io faccio notare che alcune blasonate tenniste rinunciano a giocare un premier (che tutte loro avrebbero potuto disputare) per degli internationals…bastava sorvolare ed invece no,per la legge del bastian contrario ecco che si immola in un triplo salto mortale carpiato e raggruppato l’illustre Alias che prova ad inventarsi teorie che riguarderebbero (ma abbiamo provato che non è così) solo una delle quattro o cinque che hanno furbescamente schivato Tokyo.
    Addirittura c’è chi mi ha preso sul serio quando ho scritto che Rad,Stosur,Cornet e Stephens avevano fatto causa alla Wta…che risate 🙂
    Andiamo avanti per la nostra strada ragazzi,cercando di essere sempre differenti,gli insulti lasciamoli a loro… vanno così di moda in quel luogo..ogni tre parole un epiteto colorito…poveri 🙂
    Noi facciamo il tifo per Camila Giorgi e ne andiamo orgogliosi..avanti così ragazzi!!!!!
    Forza Cami,falli diventare matti (ci sono già molto vicini)
    🙂

    • by r.b.

      Sì sì, guarda che è vero, le tenniste da te citate hanno fatto VERAMENTE causa alla WTA… me l’ha detto Riccardo, che tra l’altro è pure il loro avvocato!…. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

      • riccardo by riccardo

        e non sai che parcelle mi hanno pagato!!!! 🙂 🙂

    • by antonelo

      Ma che colpa e colpa… grazie per il tuo intervento, altrimenti mi sarei perso la gustosa storia dell’asciugamano.
      A quanto pare il nostro vecchio amico è rimasto fedele al suo motto: prima di scrivere una minchiata, controlla due volte per essere sicuro che sia una minchiata.
      Quello che mi sembra strano è che nessuno degli altri frequentatori gli abbia fatto notare l’errore… possibile che siano tutti così ignoranti?

      • journasesto by journasesto

        Sono servili, che è diverso. Ma la colpa non è di Giovaneale. In questo caso è stata mia che sono andato a curiosare lì dentro. Errori da non ripetere.

      • by r.b.

        Però è interessante: il Devoto Oli riporta solo la voce “asciugamano”, ma non la voce “asciugamani”.
        Anche il dizionario Treccani riporta solo la voce “asciugamano” però nella definizione, tra gli esempi, compare anche la parola “asciugamani”.
        Il dizionario Hoepli riporta la voce “asciugamano” e all’interno, quale voce meno comune, “asciugamani”. Quindi sembrano corrette entrambe le voci.
        Ma comunque dovremo abituarci a tali “correzioni”…siamo quasi dei VIP ormai… 🙂 Tutto quello che scriviamo viene commentato, analizzato e… insultato 🙂 🙂 🙂

  62. eulondon by eulondon

    Aiutoooo! Mi avete fatto venire la curiosita’ e ci sono andato ancora… Mi chiamano lo SCIACQUINO di Londra! LOL! Mi piacerebbe sapere cosa dovrei sciacquare… Ah gia, il titolare ha una certa eta’ e allora e’ rimasto alla concezione che chi da italiano vive a Londra fa il lavapiatti looooooooolllllllllll! Chiusa questa parentesi grottesca… Mi viene da pensare. E molto. Come diavolo e’ possibile che un sito che si spaccia per finestra sul tennis al femminile, altro non fa che monitorare cosa dicono i sostenitori di una tennista e, ironizzano sulle sconfitte di quest ultima. Prendendosi la briga di andare a ripescare tutte le news a ritroso che riguardavano le sconfitte premature della tennista e riportare s reen shot a raffica: un lavoraccio. Roba da non crederci… Mamma mia! Follia allo stato puro. Ma chiamatevi http://www.anticamila. It. Sarebbe molto piu’ coerente e a tema.

    • by r.b.

      Fa tutto parte della forza mediatica di Camila. Se ne parlano è perché è fortissima e fa paura (sportivamente s’intende). Se fosse una tennista mediocre non ne parlerebbero e la ignorerebbero come una Grymalska qualsiasi. E comunque ignorerebbero anche noi… Ma voi li leggereste mille e passa commenti dei fans della Gatto-Monticone?
      🙂 🙂 🙂

      • eulondon by eulondon

        Che spettacolo Cami- Wozniacki a Eastbourne su Supertennis! Oh.. Con tutta la merce che hanno… Fanno sempre vedere Camila! Evidentemente gli ascolti premiano! Ma Gatto e Grymalska lo giocano il doppio? E sono iscritte al torneo di Pollena Trocchia? E i loro coach cosa ne pensano del rovescio in back? E della seconda lavorata? Uffa.. Quanti interrogativi, stasera… Ci vorrebbe l’ alias a illuminarci! A proposito.. Come mai su livetennis non pubblicano piu’ i suoi deliri?

        • by r.b.

          Boh, comunque è quello che rischia più di tutti…. Metti che un giorno il vero Omar…. 🙂 🙂 🙂

          • by r.b.

            Cioè, io non sono un avvocato, ma non credo proprio che si possa insultare a destra e a manca usando il nome di un personaggio celebre… Chiederò un consulto a Riccardo sperando che non mi mandi la parcella…. 🙂

    • by r.b.

      Eh eh, pensa io che mi sono beccato del maniaco sessuale solo perché apprezzo le tenniste anche dal punto di vista estetico…Ciascuno ha i suoi gusti. Se non apprezzano le ragazze evidentemente apprezzeranno qualcos’altro… 🙂 🙂 🙂

      • avadar by avadar

        ……ahahahah….grande r.b.!!!!
        Quando si dice il diritto e il rovescio….
        certo noi le giocatrici le apprezziamo…..tennisticamente e fisicamente……..
        siamo mica malpensanti noi….ma esteti sì, tutta la vita….

  63. by Atom

    Nella “discarica mediatica” gli escrementi crescono. Hanno addirittura il tempo di “contare” i commenti e chi li fa. Ma ve lo immaginate che lavoro? Ma non hanno niente altro da fare? Noi siamo perdigiorno se scriviamo anche un paio di commenti al giorno invece loro ne analizzano 1000 e si appuntano chi li scrive…ahahahah pazzesco…giornate intere trascorse a leggere i nostri commenti. Povero l’omino fetido e i tre gatti e quattro somari che lo accompagnano…è alla rivoltellata……e prema quel grilletto che libera questo mondo da un po’ d’immondizia…

    • by r.b.

      A me ne attribuiscono oltre il 25%, quindi un quarto del totale. Essendo i commenti più di mille, dovrei averne scritti oltre 250. Devo dire la verità, non li ho contati… 🙂 🙂 🙂

  64. journasesto by journasesto

    Capito anch’io, per capire qualcosa sulla faccenda Radwanska, nel posto innominabile e mi trovo un erudito commento a un mio post, con tanto di disquisizioni lessicali sull’esatta grafia della parola asciugamano.
    Asciugamano, caprone, impara l’italiano!
    http://www.treccani.it/vocabolario/asciugamano/

  65. by r.b.

    A beneficio dei soliti rosikoni, dei quali ho letto qualche commento per colpa di giovaneale 🙂 e della sua polemica sul main draw di Tokyo, pubblico in ordine sparso i nomi degli utenti che hanno postato i 1000 e oltre messaggi a questa news (mi scuso se ho dimenticato qualcuno):
    Ace, Atom,gimusi, ludev, hector, AlterEgo, tecmoxninja, Rolli, Alessandro1983, giacomo carbone, Madoka, enzo, giorgio camili, Giovaneale, San Tommaso, pablox5452, riccardo, pariparo, Matteo86, Marcello, hummingbird, eulondon, AldoMC, Guido, Ghaal, boy, Cristian, Rolli, liosc, livio71, Sephir, ghezzo63, paolo82, Dago, t.o., antonelo, claudio, Alfa.Omega, r.b., F.C., doherty, andreass, avadar, lucio, journasesto, zio gio, Fan, Lucia, Mape, potie, nds, Carlo Bonacina, NIC, giuseppe, Luigi009, Roberto, ficodindia, farotto, bm0646, C.M., TEUS, silvio74, etberit…
    Non proprio 4 gatti… 🙂 🙂 🙂

  66. by r.b.

    Allora, quanto dirò è tratto dal regolamento ufficiale della WTA 2014 (ovviamente è in inglese e cerco di riassumere e non di tradurre, altrimenti verrebbe troppo lungo).
    La “Lista delle top 10” consiste nelle 10 giocatrici con il più alto ranking secondo la classifica pubblicata dalla WTA immediatamente dopo la disputa dell’International Tournament of Champions (noto anche come Masters B, che si gioca a inizio novembre) dell’anno precedente. Quindi la “lista delle top 10” del 2014, cui si applicano gli obblighi previsti dal regolamento, consiste nelle migliori 10 giocatrici subito dopo il Masters B del novembre 2013.
    La lista non può essere variata se non per eventi eccezionali previsti dal regolamento (es. ritiro o infortunio per più di 8 settimane) nel qual caso subentra la giocatrice con il più alto ranking alla fine dell’anno precedente, che non sia già compresa nella lista delle top 10.
    Quindi, se una giocatrice diventa top 10 nel corso dell’anno non ha gli obblighi che vedremo perché non fa parte della “Lista delle Top 10”, formata come spiegato sopra.
    E quali sono questi obblighi?
    1) Tornei obbligatori
    Una giocatrice inserita nella Lista delle Top 10 deve impegnarsi a giocare specifici tornei, esclusi i tornei dello Slam (comunque obbligatori) e i WTA Championships (obbligatorio per le prime 8 della Race), ed in particolare: a) i 4 tornei Premier Mandatory (Indian Wells, Miami, Madrid e Pechino), b) almeno 4 dei tornei Premier 5 (Doha, Roma, Montreal, Cincinnati e Wuhan); d) Almeno 2 tornei Premier 700 (12 tornei tra cui Dubai, Stoccarda, Eastbourne, Sydney, Tokyo, New Haven ecc. ecc.).
    Inoltre potrà essere ammessa in qualunque altro torneo WTA indipendentemente dal ranking (se ad esempio una top 10 perde posizioni durante l’anno, non deve fare comunque le qualificazioni).
    All’inizio della stagione, le top 10 devono presentare un modulo alla WTA (il Player Commitment Form), con la scelta dei tornei obbligatori ai quali si impegnano a partecipare, secondo quanto indicato sopra. Se non presentano il modulo, restano comunque top 10 ma sono soggette a delle penalità (multe, impossibilità di ricevere wild card ecc.).
    Se durante l’anno non partecipano ai tornei obbligatori indicati nel modulo di impegno, salvo giustificati motivi, prendono 0 punti per il torneo saltato oltre ad altre penalità (multa, e nei casi più gravi sospensione da uno o più tornei successivi).
    2) Tornei International
    Una top 10 può giocare al massimo un torneo International per ogni semestre (e quindi 2 all’anno), sempre che abbia giocato tutti i tornei obbligatori previsti dal suo impegno per quel semestre, e salvo infortuni o eventi eccezionali.
    Le top 10 non possono giocare i Tornei 125K.
    Nelle settimane in cui si giocano i Tornei Premier Mandatory o i Premier 5, le top 10 non possono giocare in nessun altro torneo (cioè o giocano il Premier o non giocano).
    Ci sono poi una miriade di regole minori, ma queste sono le più importanti che riguardano le top 10.
    Quindi Radwanska gioca Seoul perché evidentemente è il torneo International da lei scelto per il secondo semestre, e perché evidentemente nel suo Commitment Form presentato a inizio anno non ha incluso Tokyo, che è un Premier 700, nell’elenco dei tornei che si è impegnata a giocare quest’anno (altrimenti prenderebbe 0 punti anche se vince Seoul).

    • Giovaneale by Giovaneale

      Grazie r.b. delle utili notizie!
      Da quello che dice la Wta Radwanska ha scelto arbitrariamente per quest’anno di saltare Tokyo per giocare Seoul…ha saltato un premier per fare un più semplice international.
      Le altre (Stosur,Stephens,Cornet ed allegra compagnia) pur non avendo alcun tipo di limite ed imposizione da parte della wta hanno scelto,come la Radwanska,di partecipare ad un torneo molto più semplice del premier di Tokyo!A loro piace vincere facile 🙂

      • by r.b.

        Dai, non è mai facile vincere… Comunque Seoul ha una buona tradizione, in genere. Hong Kong deve essere più recente…
        Comunque meglio per noi che non siano a Tokyo, già è bello impegnativo così…

    • Giovaneale by Giovaneale

      In estrema sintesi,la Radwanska unica top10 dell’allegra compagnia,non ha avuto nessuna imposizione dalla wta se non quella di poter schivare due volte l’anno un torneo di prima fascia (premier) per uno più facile (international).

      • journasesto by journasesto

        Le top ten sono obbligate a giocare gli slam, 4 mandatory, 4 premier e 2 premier 700. Tokyo è un premier 700 insieme con altri 11 tornei, quindi non c’è niente di strano se Radwanska non lo gioca. Voi dite: strano piuttosto che una top 10 preferisca un international nella settimana in cui c’è un premier, ma è un puro giudizio morale, non c’è nessuna regola wta che la obbligava a giocare Tokyo al posto di Seoul, almeno da quello che ho letto sul Rulebook Wta del 2014. Scusate, ma non ho capito che problema c’è con Radwanska, forse mi sono perso qualche pezzo.

        • by r.b.

          Questa bella discussione sul regolamento mi fa ritornare alla memoria di quando, ormai più di un anno fa, entrai per la prima volta in questo blog per analoga discussione e mi imbattei nell’insetto molesto… 🙂

        • Giovaneale by Giovaneale

          Ma infatti nessuna regola impediva al contrario alla Radwanska da top10 ma anche alla Cornet,Stosur e Stephens di prendere parte a Tokyo invece che ai rispettivi internationals.Io l’ho messo in evidenza con il post in cui mettevo a confronto i md e la cosa deve aver toccato qualche nervo scoperto.All’illustre Alias probabilmente non va giù che Cami non partecipi ai tornei minori (la sua mente condizionata dalle sue vere passioni penserebbe ancora agli itf immaginandola in 3456esima posizione) ma sia così ambiziosa da osare dove Radwanska,Cornet,Stosur,Stephens ed altre non hanno il coraggio di osare….

  67. Giovaneale by Giovaneale

    Toto primo turno a Tokyo.
    Quale sarà l’avversaria di Cami?
    A quanto pare saranno 4 i bye al primo turno e quindi escludiamo Kerber,Ivanovic,Woz e Jankovic.
    Due delle quattro wc andranno a Flipkens e Date-Krumm.
    Quattro le qualificate che verosimilmente usciranno tra queste favorite:Vandeweghe,Davis,Bencic,Erakovic,Gajdosova,Townsend,Konjuh,Kudryavtseva.
    Infine il resto del md:
    Azarenka
    Cibulkova
    Pennetta
    Errani
    Suárez Navarro
    Safarova
    Svitolina
    Kuznetsova
    Pavlyuchenkova
    Muguruza
    Keys
    Dellacqua
    Nara
    Hantuchova
    Zahlavova Strycova

    Io dico Errani,per una serie di ragioni 🙂

    • by r.b.

      Eh no, peccato, stavolta volevo proprio Ana… 🙂

    • zio gio by zio gio

      Io dico Pavliuchenkova,ma non mi dispiacerebbe una qualificata: bisogna superare l’esame di riparazione…forza Cami
      Cami on

    • journasesto by journasesto

      Temo Kuznetzova. Quest’anno i sorteggi di Cami hanno la strana tendenza a riproporle sempre le stesse giocatrici

    • by lucio

      Io quoto Navarro.

  68. eulondon by eulondon

    La discussione sulle sciocchezze dette dal poraccio, mi ha fornito uno spunto su cui ho spesso riflettuto senza riuscire a trovare risposta. Quindi chiedo a voi.. Forza R. B.!! So che la WTA impedisce alle top 10 di giocare piu’ di 2 international all anno e, immagino, venga presa in considerazione la classifica dell’ anno precedente. Ora, puta caso che una tennista termina il 2014 in posizione 11 e a gennaio diventa 9.. Puo’ giocare e programmare tutti gli international che vuole? Stesso discorso per una che termina alla 8 e dopo 2 mesi scende alla 12.. Non puo’ giocare International a volonta’?

    • by r.b.

      Sto appunto guardando il regolamento. Quando ci ho capito qualcosa posto una risposta… 🙂

  69. by r.b.

    Non riuscivo a trovare l’intervento dell’alias relativo alla polemica riferita da giovaneale. Allora che ho fatto, sono entrato nel noto sito dei rosikoni (non l’avessi mai fatto… :-)) dopo molto tempo, peraltro… E che ci trovo? A parte un off topic che non parla di tennis, c’è un articolo su Camila che sostanzialmente riproduce tutti i titoli delle news di questo sito nelle quali Camila ha perso al primo turno (più altri dove non ha perso al primo turno). Il primo è “Camila KO nelle quali a Carlsbad con la Lertcheewakarn” fino all’ultimo attuale relativo alla sconfitta contro la Rodionova sul quale stiamo scrivendo ormai da più di due settimane (ahimé). La prima è del luglio 2012 e l’ultima ovviamente di fine agosto 2014. In tutto sono 12 sconfitte al primo turno in più di due anni (in un caso Camila ha perso al primo turno ma aveva superato le quali). Beh, c’è gente che perde ben più di 12 volte al primo turno in un anno solo (non facciamo nomi, ma solo cognomi, Vinci 2014 :-), che quest’anno ha già perso 15 volte al primo turno e mancano ancora due mesi alla fine della stagione, forza Robertina che si fa record!… :-)). Non capisco francamente tutta questa cattiveria. Tra l’altro, se pensano che Camila non abbia la stoffa per diventare una campionessa, allora perché ne parlano tanto? Nessuno parla della Dentoni o della Gatto-Monticone, ci sarà un motivo no? Quindi penso che solo il fatto di parlarne significa che in realtà la considerano forte, e comunque quando i risultati eclatanti arriveranno ci divertiremo ancora molto di più su questo sito.
    Ah comunque l’articolo dell’alias non l’ho trovato 🙂

    • Giovaneale by Giovaneale

      Era il primo commento proprio di quello schifo di collage….della serie:contenti loro?!?!?
      Magari facessero un focus sull’anno nefasto della Vinci (quello in corso) analizzando con cura tutte le sconfitte al turno d’esordio,ne avrebbero da scrivere 🙂

      • by r.b.

        Ah non ho guardato i commenti :-), mi è bastato il collage…poi ho dovuto uscire per respirare aria fresca 🙂 🙂

  70. TEUS by TEUS

    Chi frequenta questo sito da molto tempo, ricorderà che, dopo l’exploit a Wimbledon 2012, si discuteva riguardo al fatto se per Camila fosse meglio giocare “piccoli” tornei (alla ricerca di una crescita graduale) o tentare da subito la cosiddetta DIRETTISSIMA.
    Molti, compreso il sottoscritto, propendevano per la seconda ipotesi date le grandi doti che la “bimba” già allora aveva mostrato e sappiamo bene tutti quali decisioni ha preso col suo staff.
    Sono passati più di due anni (uno purtroppo quasi interamente perduto a causa di un infortunio) e ritroviamo Giorgi intorno alla quarantesima posizione nel ranking nonostante, a oggi, abbia espresso solo parzialmente il suo potenziale con due premier, un premier 5, un mandatory e un international ancora da disputare prima della fine dell’anno difendendo, se non erro, solo una cinquantina di punti WTA. Quindi, le possibilità di chiudere la stagione nelle top 30 e cominciare il 2015 entrendo direttamente in tutti i MD (che alla fine era l’obiettivo minimo per il 2014), sono più che mai concrete.
    Insomma, abbiamo scritto e scriveremo ancora moltissime cose, ma questi due anni di “rodaggio” e di esperienza (fatta perlopiù ad altissimi livelli perché i Giorgi sono da sempre estremamente ambiziosi) potrebbero fare la differenza un domani quando Camila sarà una tennista del tutto formata e avrà, perché l’avrà, l’opportunità di fare suo uno slam.

    Vamos, flaca, vamos! Sempre dritta per la tua strada… Non fallirai.

  71. Giovaneale by Giovaneale

    E poi leggo delle aspre polemiche che la Bouchard ha generato per il suo forfait ad Hong Kong,torneo che l’aveva “ingaggiata” qualche mese fa garantendole un lauto compenso ed un ulteriore bonus se si fosse presentata al torneo da top10,un’operazione diffusa nei tornei minori per attirare maggiore pubblico che si può condannare ma anche giustificare,dipende da come si guarda la cosa.
    Ma se ci fosse andata la Wta cosa avrebbe fatto?Le avrebbe imposto 10 Ave Maria e 5 Padre Nostro?
    La teoria dell’Alias vacilla sempre piu….. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

    • by r.b.

      Boh, francamente non capisco il problema, La Radwanska gioca dove le pare, se va a Seoul avrà i suoi motivi (leggi: soldi). Sulle top 20 è vero che hanno l’obbligo di inserire i punteggi di due Premier 5, però mi pare che il regolamento preveda un regime particolare e più complicato per le top 10, che sostanzialmente avrebbero l’obbligo di dichiarare all’inizio della stagione quali tornei giocheranno, presentando una lista alla WTA, e comunque hanno determinati obblighi di partecipazione. Mi riservo comunque di fare una ricerca e di approfondire la questione.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Le top10 possono partecipare a tutti i tornei premier che vogliono,al massimo si parla di limitazioni sugli international.Detto questo Radwanska ed allegra compagnia hanno schivato l’unico torneo serio per andare a raccogliere punti facili in tornei inferiori!Come dicevo nel post che ha dato fastidio all’Alias il mio è un dato di fatto!
        Cami avrebbe potuto fare come la Vinci (per fare un esempio concreto di chi le è vicinissima in classifica) che ha scelto un international per evitare un’altra deleteria sconfitta al primo turno…Cami che di sconfitte al primo turno quest’anno ne conta 6 (sei) ha scelto la strada più difficile,onore a lei!

        • by r.b.

          Comunque Roberta ha fatto bene, meglio riprendere fiducia gradualmente con impegni meno severi…

  72. by Fan

    Lucia ha detto una cosa molto centrata e sensata che condivido; ovvero che il problema non è la debolezza mentale ( in termini di cd. ” braccino”), ma anzi il contrario.

    • journasesto by journasesto

      Il suo “braccino” è tirare ancora più forte

    • Giovaneale by Giovaneale

      Ieri supertennis ha replicato la partita di Cami contro la Azarenka.
      Cami è andata a servire per il match sul 5-4 del terzo set ed ha perso la battuta a zero.Poi ha vinto 7-5 ma questa cosa si ripete troppo spesso sia che vinca sia che perda.La cosa di cui sono sicuro e per questo anche tranquillo è che ci staranno sicuramente lavorando.

      • avadar by avadar

        Me lo ricordo: poi avendo vinto il match ci ho fatto meno caso, soprattutto dopo quel game da 15 minuti….
        ma hai sottolineato un aspetto importante: nei momenti topici, in cui bisogna chiudere, che sia andare a servire x il match o convertire palle break Cami “trema”….
        evidente aspetto psicologico su cui intervenire….

        • Lucia by Lucia

          Ferma. Giocare ogni punto senza preoccuparsi del punteggio, non è’ una questione di mentalità’ ?

          • avadar by avadar

            Sicuramente.
            Secondo me, però, la mentalità (da vincente….) Cami la possiede già altrimenti le prenderebbe dalle migliori invece di suonargliele….o comunque non ne sente il blasone quando le affronta, anzi x lei è uno stimolo….misurarsi con le + forti….
            è evidente che “mentalmente” con loro non sente la tensione….
            diverso è l’approccio e l’andamento dei match con le altre….
            prendiamo gli ultimi incontri in cui è andata a servire x il match e ha perso il servizio a zero e analizziamone lo svolgimento:

            1) vs Azarenka ad Eastbourne: va a servire sul 5/4 del terzo set, perde il gioco a zero, ma poi lotta (game interminabile…) e vince, COME SE NIENTE FOSSE SUCCESSO…..(x inciso poteva anche perdere, ma l’importante è stato resettare e proseguire senza portarsi dietro le scorie di quel game….)

            2) vs Vesnina a Montreal: serve sul 6/5 del terzo set, perde il servizio a zero e….VA FUORI DI TESTA….”regalando” 11 degli ultimi 12 punti….

            3) vs Rodionova agli Us Open: serve x il match sul 5/4 del secondo set, perde il game a zero….perde il secondo set 7/5 e va sotto 1/0 nel terzo….4 giochi consecutivi x l’australiana (filotto mai capitato nelle altre parti dell’incontro, segno evidente del contraccolpo psicologico subito…..) prima che Cami si riprenda, ma ormai si è impantanata e il match è diventato estremamente difficile con tutto da perdere…..

            ricordo che anche con la Sharapova ad Indian Wells Cami è andata a servire x il match sul 5/4 del terzo set, ha perso il game a 15 (se non ricordo male….), ma poi ha continuato imperterrita senza neanche un 15 di “pausa”…..
            idem con la Cibulkova a Roma….qui piccolo inceppamento perdendo 3 game consecutivi (da 5/2 secondo set a 5/5….) dopo aver servito x il match sul 5/3….ma inerzia della partita sempre in mano a Cami….

            x questo, secondo me, è + una questione di approccio psicologico a certi match, che di mentalità….
            poi è chiaro che riuscire a giocare ogni punto senza “guardare” il punteggio è fondamentale….

            • by Atom

              Anche chi non si interessa di psicologia capisce che giocando con giocatrici più deboli sei “obbligata” a vincere. Nel senso che sei più responsabilizzata e dunque ciò porta tensione. Invece se giochi con giocatrici più forti “non avendo niente da perdere” ha la mente libero e il braccio scorre. Dunque in tutti questi casi ritorniamo al solito refrain…Testa preparata…..

  73. Giovaneale by Giovaneale

    Md list a confronto.
    Quello che faccio notare è un dato di fatto,non una provocazione.
    Noterete l’enorme differenza qualitativa tra l’unico torneo serio della prossima settimana e due international a cui daranno l’assalto poche tenniste blasonate togliendosi dalla “mischia” di Tokyo alla ricerca disperata di qualche punticino facile:
    Guangzhou MD list
    1. Stephens
    2. Stosur
    3. Cornet
    4. Vinci
    5. Zhang
    6. Jovanovski
    7. Cirstea
    8. Peng OUT – Replaced by Parmentier
    9. Riske
    10. Diyas
    11. Cepelova
    12. Torró Flor
    13. Niculescu
    14. Puig
    15. Beck
    16. King OUT – Replaced by Mayr-Achleitner
    17. Soler Espinosa
    18. Knapp
    19. Mladenovic
    20. Doi
    21. Bacsinszky (#82)

    Seoul Md List
    Seoul MD list

    1. A.Radwanska
    2. Makarova OUT – Replaced by Kr.Pliskova
    3. Koukalova
    4. Ka.Pliskova
    5. Barthel
    6. Rybarikova
    7. Lepchenko
    8. Garcia
    9. Vesnina OUT – Replaced by Arruabarrena
    10. McHale
    11. Kanepi
    12. Shvedova
    13. Watson
    14. Begu
    15. Wickmayer
    16. Cetkovska OUT – Replaced by Dulgheru OUT – Replaced by Glushko
    17. Schmiedlova
    18. Voegele
    19. Hercog
    20. Schiavone
    21. Scheepers
    22. Bertens
    23. Vekic (#80)

    Infine Md List di Tokyo
    1. Kerber
    2. Jankovic
    3. Ivanovic
    4. Azarenka
    5. Cibulkova
    6. Wozniacki
    7. Pennetta
    8. Errani
    9. Suárez Navarro
    10. Safarova
    11. Petkovic OUT – Replaced by Svitolina
    12. Kuznetsova
    13. Pavlyuchenkova
    14. Muguruza
    15. Keys
    16. Dellacqua
    17. Nara
    18. Hantuchova
    19. Zahlavova Strycova
    20. Giorgi (#38)

    Top Alts

    #1 Davis
    #2 Flipkens
    #3 Vandeweghe

    • eulondon by eulondon

      Speriamo Camila non becchi una qualificata!!!!! O una wild card.. Altrimenti la vedo male! Cami negli ultimi 10 match. Con giocatrici peggio piazzate: vinta 1, perse 5. Con meglio piazzate: vinte 3 perse 1. UNICA!!!!!

    • Giovaneale by Giovaneale

      Radwanska,Stephens,Stosur e Cornet hanno intrapreso un’azione legale contro la Wta che le ha costrette,secondo un illustre “Alias”,a non partecipare al torneo premier di Tokyo.
      La Makarova ha scelto,per protesta,di cancellarsi completamente.
      La Vinci dopo 13 turni d’esordio persi in stagione ogni volta che può giocare un international stappa una bottiglia di Champagne perchè per quest’anno sono i tornei adeguati al suo attuale livello…in finale magari senza incontrare top50 può arrivarci (Baku e Budapest insegnano).

      • Giovaneale by Giovaneale

        (Bucharest e Istanbul..scusate)

      • eulondon by eulondon

        Ma quale Alias? Il poraccio che bazzica nei 10k? E cosa vuoi che ne sappia di quello che accade in WTA, per cortesia! Quello al massimo puo’ discutere col coach della Grymalska su come si cucina la frittata di cipolle 🙂 🙂

        • Giovaneale by Giovaneale

          Ahahahhahahahahahahhahahahahahhahahahah

        • Giovaneale by Giovaneale

          O,viceversa,tutte le iscritte a Tokyo potrebbero unirsi contro la WTA perchè anche loro,in massa,avrebbero voluto giocare i prestigiosi tornei di Seoul e Guangzhou 🙂 🙂 🙂
          Ps.secondo la ormai famosa teoria dell’Alias,Cami dovrebbe partecipare ad un itf vicino Tirrenia.

      • by r.b.

        No scusa, ho capito chi è l’illustre alias 🙂 ma non ho capito i termini del problema. Cosa ha detto?

        • Giovaneale by Giovaneale

          Ha detto che qualcuno mi dovrebbe spiegare che “le top players non scelgono di proposito certi tornei, evitando gli International, ma perchè sono obbligate a seguire delle regole precise dettate dalla stessa Wta.
          Quindi la DIFFERENZA QUALITATIVA, ha una ragione di esistere, in base al fatto che è la stessa Wta che impone questo diverso livello di partecipazione.”
          Ovviamente non occorre un grande sforzo per cercare le regole del “Ranking wta system” e scoprire che le uniche imposizioni che la wta impone alle top 20 sono di includere nei migliori 16 risultati stagionali due dei cinque Master5.Nulla dunque che giustifichi perchè Radwanska (per fare un esempio concreto) debba per forza partecipare ad un international e Kerber no o viceversa perchè Kerber debba giocare a Tokyo e Radwanska no.
          Ovviamente mi sono preso del “poveraccio ritardato” solo perchè ho messo a confronto i md della prossima settimana,ma altrettanto ovviamente quello è un luogo dove l’insulto è bandito 🙂
          W noi e abbasso il nulla cosmico della setta dei quattro gatti!

    • by lucio

      Un turno a Tokio anche come punti vale tre volte gli altri tornei.

  74. by r.b.

    Beh, abbiamo superato i 1000 commenti ad una singola news. E questo nonostante i numerosi bannati, altrimenti eravamo già a 2000 🙂 🙂 🙂
    Segno che il blog è vivo, voglio vedere quelli di là che sono rimasti in 4 a postare se ci arrivano a mille messaggi 🙂
    In compenso si dirà che c’è sempre la stessa news da due settimane perché Camila ha perso al primo turno. Eh vabbé, questi US Open sono andati così, cioè male male, ma in Asia ci rifaremo abbondantemente… 🙂

    • zio gio by zio gio

      Miao Miao fa sentire la sua mancanza. Ma anche Quinto…dov’è finito? Esami di riparazione?
      E il ragazzo con la foto degli sci?
      E poi Christian, Entropia.,Guido…
      Ci siete?

    • hector by hector

      Chi ha scritto il millesimo commento vince qualcosa? Io proporrei un piatto in ceramica con l’ effigie del Duomo di Milano, il bordo incastonato di finte conchiglie, e la seguente incisione: “A Milano andai, di te mi ricordai, e questo pensiero ti portai”.

  75. by r.b.

    La redazione di Ubitennis assegna i voti a questi US Open femminili e Camila e Ana sono finite entrambe dietro la lavagna con i voti peggiori (3 e 4 rispettivamente) 🙁
    Camila si becca un bel 3 in pagella e tutto sommato, viste le sue enormi potenzialità, ci può stare. Per fortuna gli esami di riparazione cominciano settimana prossima in Asia.
    Per la serie: Pierino ha colpito ancora…

    • riccardo by riccardo

      Beh.. questa volta r.b. diciamo che ci può stare. avevamo tutti grandi aspettative anche perchè a New haven aveva giocato bene ed invece….
      Tuttavia c’è sempre il problema piede da considerare. se lei non è a posto lo sappiamo tutti che è difficile col tipo di gioco che ha.
      Speriamo negli esami di riparazione:)

      • by r.b.

        Beh, il piede… Se non lo dice lei, non possiamo certo noi tirare fuori questa storia…. E poi Ubaldo lo sapeva, perché le ha lui fatto la domanda, ma Camila non ha risposto.
        Dunque il 3 in pagella rimane….. 🙁

        • zio gio by zio gio

          Era impreparata. Ubaldo ha anche cercato di aiutarla con qualche suggerimento sul capitolo delle scarse,ma niente: scena muta.

          • by r.b.

            Appunto, a scuola se fai scena muta è 3 (anche 2)… 🙂

  76. Lucia by Lucia

    Il limite di Camila non è’mentale , il limite di Camila e’ la mentalità’ .

    • by r.b.

      …e qual’è la differenza?

    • journasesto by journasesto

      Allora ci sono speranze! Più facile cambiare la mentalità che tutta la testa!
      Credo però sia anche un fatto di esperienza: Camila ha sostenuto troppe poche volte nella sua vita tennistica il ruolo di favorita. Finora è sempre stata una outsider. Ora deve affrontare una situazione in cui buona parte delle avversarie che incontra hanno una classifica peggiore della sua e in cui da lei ci si aspetta ben di più che la scintillante impresa estemporanea. È un cambiamento di prospettiva non da poco.

      • Sephir by Sephir

        non è una questione solo di favorita o meno.
        La questione è che devi capire come far funzionare il tuo gioco al 50% pur vincendo facilmente. Il problema di Camila è che avendo un gioco basato tutto su se stessi e sul prendersi determinati rischi non può cambiare.
        Le giocatrici della top ten sanno che una grossa parte dei punti vinti con le più scarse possono arrivare facilmente dagli errori dell’altra. Ovviamente non significa dover giocare a ributtare dall’altra parte la palla se sei una che solitamente attacca ma essere consistenti e tenere i colpi più in sicurezza è un vantaggio enorme contro le più scarse.
        Il problema di Camila è che difficilmente la trovi a palleggiare…lei attacca e basta e finsce per fare e disfare tutto quando giocando meno attivamente sarebbe l’altra a disintegrarsi da sola.
        Anche al servizio ha senso picchiare e picchiare se non ti entra contro una numero 200? no.

        • doherty by doherty

          finalmente qualcun’altro che parla di consistenza..:-)
          sono assolutamente d’accordo…
          del resto a tennis la maggior parte dei punti si vincono facendo sbagliare l’avversario o per errore gratuito…non con i vincenti

  77. doherty by doherty

    credo che supertennis faccia vedere tokyo purtroppo solo da mercoledi .confermate ?

    alla luce della finale dominata da serena rivaluterei (anche se per me ha giocato una buona partita) il quarto di flavia…
    serena quando è in forma è ingiocabile quasi per tutte…secondo me le uniche che possono contrastarla (se anche loro sono al meglio) sono:camila,masha,kvitova

    • Giovaneale by Giovaneale

      Confermo,al momento pare che supertennis segua Tokyo da mercoledì prossimo.
      Speriamo che siano coperti tutti i campi così da rifugiarci su qualche sito di streaming 😉

    • Sephir by Sephir

      Masha non la contrasta proprio….Camila ci ha giocato solo una volta e ho visto il video e fioccavano ACEs (negli scambi si è visto qualche winners anche di Camila seppur il risultato erano 2 facili set per Serena)
      Kvitova potrebbe essere anche se l’ultima volta che ci ha giocato contro a parte i primi games combattuti se l’è divorata. Ha iniziato subito a perdere potenza e sopratutto penso stabilità mentale, l’ha completamente domata.
      L’unica che l’ha messa costantemente in difficoltà al di là dell’H2H è Victoria Azarenka.

      • doherty by doherty

        ho visto quella partita..serena gioco’ molto bene i punti importanti (tante PB annullate con aces)e camila non era al suo massimo.secondo me una cami in giornata puo’ impensierire serena.da qui’ a vincerci non so’…ci voglio ancora parecchi miglioramenti

        stimolato dalla tua risposta ho controllato gli h2h di serena con le prime in classifica…è assolutamente imbarazzante…le domina tutte.
        è veramente la giocatrice piu’ forte di tutti i tempi

  78. by pariparo

    Mi sono riguardato anch’io l’ultimo match vinto da Camila con la Woz e devo dire che ho avuto la sgradevole sensazione che nel secondo set la Woz sia uscita dalla partita di suo, a prescindere da Cami. Non ha combattuto come avrebbe potuto, ha cominciato anche a regalare punti con errori gratuiti che di solito non fa. Beninteso Camila quel giorno ha giocato benissimo, (meglio precisare se no qualcuno si potrebbe risentire) ma la Woz deve aver pensato “ma chi me lo fa fare di spendere tutte le mie energie fisiche e mentali per cercare di batterla, quando la settimana prossima cominciano gli US Open, ben più importanti per me?”. Diciamola tutta: il torneo dove si doveva giocare bene erano gli Us Open, e sappiamo come è finita. Un’altra sensazione che ho è che Camila è in generale molto indigesta per Woz e che sempre rischierà di perdere con lei. Purtroppo ciò non significa che non ci siano tante altre giocatrici che sono indigeste per Camila. Considerando anche che Azarenka non è certo in gran forma quest’anno e che Cibulkova dopo gli Australian Open ha combinato ben poco, in questo momento non mi viene da esultare granchè sugli scalpi peraltro importanti di quest’anno con giocatrici al top della classifica. Personalmente dò più peso alle prestazioni a Katowice, dove Camila sembrava aver trovato la formula corretta per il suo tennis, che poi però si è persa. Ho peraltro il dubbio e la speranza che il fastidio al piede sia stato un fattore negativo importante sulle sue ultime prestazioni. Speriamo di vederla al più presto al top della forma fisica, e alla vittoria, che dà sempre una gran fiducia. Chiudiamo l’anno in bellezza!

    • by r.b.

      Non sono d’accordo per niente con questo posto, per vari motivi.
      1) La Wozniacki non è proprio il tipo che rinuncia ad un match.
      2) Caroline ha vinto New Haven per 4 anni di fila, dal 2008 al 2011, segno che si impegna sempre anche se il torneo è la settimana prima degli US Open.
      3) Nel 2009, dopo aver vinto New Haven, è arrivata addirittura in finale agli US Open, quindi non è una tennista che si risparmia.
      4) Caroline è la giocatrice che nei mesi di agosto e settembre 2014 ha dimostrato di essere la più in forma nel circuito (salvo Serena ovviamente).
      5) Tentare di sminuire la vittoria di Camila contro Caroline a New Haven è quindi assolutamente inaccettabile.
      6) Così ragionando anche la vittoria di Serena in finale agli US Open vale poco, perchè quando Caroline ha visto che con Serena non c’era trippa per gatti ha mollato il colpo… 🙂 🙂

      L’unica verità è che Camila è stata più forte della Wozniacki in quel match. Se poi vogliamo dire che Camila non gioca sempre a quel livello ok, purtroppo questo è vero, ma è tutto un altro discorso.

      • journasesto by journasesto

        Concordo con te r.b. Questa è gente che, come si diceva una volta dei campioni nostrani, non ama perdere neanche a scopone. Sono atlete animate da un tale spirito competitivo che non sono proprio inclini a mollare nulla.
        Può eventualmente esserci stato il caso che Carolina si sia trovata in un sovraccarico di preparazione o abbia accusato un po’ di stanchezza contro Camila, ma non ha certo voluto perdere. Se fosse stato così avrebbe dato forfait a inizio gara, senza neanche scendere in campo. Quello che ho capito di queste grandi campionesse e che ogni volta che scendono in campo lo fanno per vincere. A maggior ragione un’atleta corretta come Caroline Wozniacki.

        • TEUS by TEUS

          Tutte giocano sempre per vincere, vero.
          Rimane però il fatto che c’è una sostanziale differenza tra battere Wozniacki a NY o a NH.
          Camila è un “cavallo di razza” perché si esalta nelle grandi occasioni e dal prossimo anno deve fare in modo di dare il meglio di sé (come del resto ha fatto sia nel 2012 che nel 2013) nei tornei dello slam che, alla fin fine, sono quelli che contano davvero (magari comincinado a non giocare la settimana prima di un major considernado che il suo tipo di gioco è strettamente correlato alla reattività fisica -questa però, l’ho già scritto ed è meglio ripeterlo, resta semplicemente la mia modesta opinione-).

      • by pariparo

        I tuoi 2, 3, 4 punti mi convincono e allo stesso tempo mi rincuorano; il numero 1 segue dal 2,3,4, e non aggiunge nulla. Il 5 contiene una parola assolutamente inaccettabile “inaccettabile”; caso mai sbagliato. La 6 non mi è chiara perchè tra una finale agli Us Open e un secondo turno a New Haven non si possono fare paragoni. Esprimevo una sensazione che ho avuto vedendo la partita, ed è noto che, come mi pare abbia detto anche tu, i tornei che iniziano la settimana prima di un grande slam hanno una morìa di teste di serie, per ovvie ragioni. Ti consiglierei toni un pochino più pacati e tranquilli, sono solo opinioni. Inaccettabili sono ben altre cose. E non è che mettendo sempre faccine……

        • by r.b.

          Beh anche la mia è una opinione, ovviamente…

        • by r.b.

          Ma sai, mettiti nei nostri panni, Camila fa una prestazione super contro Wozniacki a New Haven, cosa che capita assai raramente di vedere, e tu ce la sminuisci così? Una delle poche grandi soddisfazioni dell’anno e tu ci dici, ma vabbè, la Wozniacki non si è impegnata…. Ripeto, mettiti nei nostri panni… La mia personale opinione è che Caroline non sapesse che pesci pigliare perchè Camila tirava troppo forte e dentro al campo, cosa che purtroppo non succede sempre (che tiri dentro al campo), la danese guardava l’angolo e sorrideva come a dire: “Oggi non è proprio cosa”…

          • by pariparo

            Bè non ho proprio detto questo, ho detto che quando già nel secondo set Camila stava vincendo, Caroline non ce l’ha proprio messa tutta per rimontare la corrente, ma ho rimarcato che Camila quel giorno ha giocato molto bene. Il senso dell’intero post era che dovremmo esultare di più quando Camila finalmente, (magari a fine anno) riuscirà a portare a casa il suo primo torneo, perchè sarà segno che finalmente avrà raggiunto una maggiore solidità. Per questo il riferimento a Katowice. Non credere che non sia io il primo ad esaltarmi per le vittorie. Non le volevo sminuire, anche se capisco che è esattamente quello che ho fatto!

            • by r.b.

              Non c’è problema, vedi che discutendo in buona fede ci si chiarisce. Comunque non ti preoccupare, anche a me tirano le orecchie quando scrivo qualcosa di strano… 🙂

    • riccardo by riccardo

      Sono per la libertà di pensiero e non mi piacciono le censure. Io stesso ogni tanto ho avuto perplessità sulle scelte di cami e l’ho scritto sia pure con educazione. quindi libero di esprimere la tua opinione ma non vorrei che sotto ci fosse altro pariparo….

    • Giovaneale by Giovaneale

      Pariparo,manca solo la vittoria contro Sharapova e avresti fatto il grande Slam della tua personale striscia di vittorie sottovalutate di Cami.

  79. by Atom

    Vorrei chiedere a chi ironizza o sottovaluta l’aspetto mentale del tennis perché giocatori come Nole, Federer. Murray, Nishikori, lo stesso Cilic hanno come coach Edberg, Becker, Mauresmo, Chang, Ivanisevic ecc ecc? Forse questi ultimi possono insegnare tennis ai loro c.d allievi? Oppure possono aiutarli sotto l’aspetto mentale?

    • by r.b.

      Il che sono domande retoriche comunque rispondo lo stesso: no, sono stati assunti per curare l’aspetto mentale dei propri assistiti. L’aspetto mentale è fondamentale nel tennis… e non so ironizzando o scherzando, lo penso davvero.
      L’unica cosa è che probabilmente un bravo mental coach non ripete quattrocentocinquanta volte al giorno al suo assistito che l’aspetto mentale è la cosa più importante, altrimenti gli viene uno sturbo e perde… 🙂

      • by Atom

        Ripetere le cose può diventare noioso ma è un segnale di coerenza. Si insiste finchè non si ottiene i risultati sperati poi quando vedi che è inutile hai comunque la coscienza a posto e niente da rimproverarti. Non tifosi in questi casi abbiamo solo la possibilità di stimolare, di “pungolare”…ma tutto è in mano giustamente a chi di competenza. Se scrivo certe cose lo faccio per dare un mio contributo, sicuramente irrilevante, ma sincero, per ” spingere” Camila fino al Top…

        • by r.b.

          Giusto, però può darsi, anzi sono sicuro, che il messaggio è stato recepito. Però non abbiamo un quadro completo della situazione, non sappiamo se e come stiano lavorando sull’aspetto mentale. Anche i match dicono molto ma non tutto, non sappiamo ad esempio se Camila contro Rodionova avesse un serio fastidio al piede e se l’abbia condizionata. Comunque vedremo, il torneo di Tokyo è piuttosto vicino ormai.

        • hector by hector

          Quando Camila vincera’ Wimbledon, vedrai che le sue prime parole al microfono saranno: “se sono qui oggi, e ho avuto l’opportunita’ di realizzare il sogno di ogni tennista, e’ esclusivamente merito dei miei fans che mi hanno supportato sul blog dandomi le dritte che non avevo mai trovato da sola e col mio staff”.

          • by Atom

            Caro Hector sei un ragazzo spiritoso (almeno ci provi) ma un po’ disattento…Ho scritto che il mio contributo sarà irrilevante ma mi dà la possibilità di sentirmi coinvolto e per me non è poco. Francamente quello che dirà Camila dopo aver vinto Wimbledon non mi interessa basta che lo vinca e sicuramente non udirò le sue parole perché urlerò e salterò di gioia per un giorno intero.

          • by r.b.

            Eh no caro hector, Camila dirà: “Voglio ringraziare tutti i miei tifosi e fans per il grande supporto ricevuto in questi anni, ed in particolare Atom, che mi ha fatto capire l’importanza del fattore mentale ripetendomelo quattrocentocinquanta volte nel mio blog!” 🙂 🙂 🙂

            P.S. Atom non prendertela, è solo uno scherzo innocuo…. 🙂

    • by SanTommaso

      Ti pare onestamente che Federer e Djokovic abbiano qualcosa da imparare su come gestire l’aspetto mentale? Federer ha preso Edberg perchè 1) mito d’infanzia, 2) maestro del s&v, fondamentale per un Federer 33enne. Djokovic era un mostro di tenuta mentale e fisica già prima di Becker. Il problema di Nishikori non è mentale ma solamente fisico, ha avuto tanti di quegli infortuni. Cilic ha avuto altri problemi in passato. l’unico debole di testa era proprio Murray, ma comunque a Wimbledon ha vinto senza la Mauresmo. Non so cosa ci sia dietro la scelta di un coach ex-giocatore, ma non mi pare che la prima motivazione sia quella “lo prendo come fosse un mental coach”.

      • by Atom

        San Tommaso quando affermi che Federer ha preso il maestro di s. e v. implicitamente ti contraddici perché vuol dire che ha preso Edberg per imparare la volee?…bah…Premesso che i ritmi di 15 anni fa erano del tutto diversi, io al contrario di te vedo nella scelta di quei coach solo un supporto mentale, perché hanno giocato e più dei colpi vincenti possono insegnare a superare momenti difficili che si vive in un incontro, a interpretarlo, a viverlo …Poi vedersi un campione al fianco da morale ed in un certo senso esalta…Ma per favore non mi dire cheNole e gli altri hanno preso Becker e gli altri per imparare a giocare meglio tecnicamente o fisicamente…Solo per la testa e faccio arrabbiare r.b ma ripeto per la testa…

        • by SanTommaso

          Federer non ha imparato a giocare di volo, ma sicuramente scende mooooooolto più a rete ora di quanto non facesse anni fa, quando ad esempio si ostinava a voler imporre il suo gioco contro quel diritto uncinato di Nadal. Uno che ha vinto 17 Slam (prima di prendere Edberg come coach), secondo te, in tutta onestà… ma che bisogno ha di imparare a gestire la tensione mentale di un match??? Ma stiamo scherzando?

        • by Atom

          Ovviamente un allenatore deve curare le diverse fasi…Raonic ad esempio con Lubo può migliorarsi anche tecnicamente…ma insisto che per Camila l’aspetto mentale è un po’ trascurato e sai perché? Proprio per il comportamento e le reazioni di Sergio in “panchina”. Un telecronista nella partita vinta ad Indian Well con Sharapova arrivò a dire che per aiutare Camila sarebbe stato meglio che il padre si nascondesse…Io non ho la competenza per smentirlo…Dico solo che certi atteggiamenti di Sergio durante e dopo gli incontri (a Roma disse dopo la vittoria di Cibulkova all’intervistatore:” Non abbiamo niente da festeggiare, festeggeremo dopo aver vinto il torneo”.). Non so perché con la Mac Hale dopo essere stata in vantagio di un set e di un break nel secondo sparì dal campo…e non mi dire che perse la partita per questioni tecniche o fisiche…

        • by r.b.

          Eh eh guarda che non mi arrabbio mica… 🙂

        • by r.b.

          Eh eh guarda che non mi arrabbio mica.. 🙂

        • by r.b.

          Eh eh guarda che non mi arrabbio mica…
          🙂

          • hector by hector

            Se il repetita iuvant e’ voluto, chapeau!

            • by r.b.

              Giuro che non era voluto… però effettivamente è venuto bene… 🙂

      • by nds

        La scelta di diversi tennisti di affidarsi ad ex giocatori credo vada vista un pò sotto entrambi i punti di vista,ovvero sia quello mentale che tecnico, a seconda del giocatore.mi spiego meglio.è chiaro che se prendi un federer o un djokovic credo che dal punto di vista mentale non abbiano nulla da imparare,sono tennisti super affermati che hanno vinto tornei su tornei e quindi i loro coach credo si concentrino maggiormente sull’aspetto tecnico e tattico,ovvero come impostare e/o variare il gioco,cercano di migliorare qualche colpo in particolare ecc.se invece prendiamo tennisti come ad esempio un murray o un cilic e i loro rispettivi allenatori lendl (ormai ex) e ivanisevic,questi ultimi sicuramente hanno dovuto fare un gran lavoro sotto l’aspetto mentale per fargli ottenere le vittorie che hanno conseguito negli slam.murray era l’eterno perdente che non avrebbe vinto nulla e cilic con la squalifica che ha avuto di certo era moralmente a terra.i coach quindi hanno dovuto fare innanzitutto un gran lavoro sull’aspetto emotivo,gli hanno fatto acquisire una certa autostima e consapovelezza nei propri mezzi.poi è chiaro che c’è stato anche un gran lavoro prettamente tecnico,il cilic che ha vinto gli us open ad esempio è un altro giocatore rispetto a prima, ha migliorato notevolmente i suoi colpi,entra di più dentro al campo prendendosi dei rischi,varia qualche volta il gioco tirando dei rovesci in back ecc.A mio avviso quindi eccetto pochi giocatori come federer,djokovic e pochi altri (nel campo femminile ancora di meno vista la maggiore vulnerabilità emotiva delle ragazze) i due aspetti sono strettamente collegati e vanno curati entrambi di pari passo.puoi anche avere dei colpi eccezionali ma se nel match a un certo punto vai in confusione e li metti tutti fuori dal campo alla fine perdi (Camila) oppure puoi essere anche solida mentalmente ma se non hai nel tuo repertorio dei colpi vincenti non otterrai vittorie importanti (Errani).

    • journasesto by journasesto

      Mi pare che questi grandi coach di grandi giocatori facciano più un lavoro strategico che sulla tenuta mentale dei loro assistiti, perché nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di campioni con una voglia di vincere e una considerazione di sé talmente sostenuta dai risultati che hanno ottenuto in passato che la loro situazione può essere considerata molto diversa da quella di Camila. Qui parliamo di giocatori che comunque sono tra i 10 o a ridosso dei primi 10 del mondo, che se non hanno vinto slam ci sono almeno arrivati molto vicino e che hanno vinto svariati tornei in carriera.
      Camila non è ancora arrivata a questo livello e deve sicuramente consolidare ancora molti aspetti anche dal punto di vista tecnico oltre che della convinzione nei propri mezzi. Aspetto quest’ultimo che spesso giunge con una certa maturità, cioè con un buon numero di partite e di esperienze alle spalle.
      Ivanisevic ha sicuramente contribuito a cambiare anche alcuni aspetti tecnici del gioco di Cilic, a partire dal diritto e dal servizio, di posizione in campo (sta più avanti) e anche di impostazione della partita: con Federer il match è stato impostato quasi tutto sulla velocità e sulla potenza, con Nishikori si sono viste delle variazioni, con palle anche più lente e più corte, proprio perché è stato studiato nel dettaglio l’avversario, individuati i punti deboli e giocato di conseguenza.
      Queste cose con Camila non sono ancora possibili e forse non lo saranno mai. La bimba non ha un gioco tanto vario da introdurre di volta in volta impostazioni tattiche molto diverse e in base all’avversario. In più uno come Ivanisevic non credo che venga via con due zucchine e un peperone. Però con l’ingresso di Silvestre nello staff Camila dimostra che vuole lavorare anche lei in questa direzione, chiaramente con tecnici più alla sua portata, ma che sostanzialmente credo svolgano un lavoro simile a quello fatto dai vari Edberg, Ivanisevic o Lendl con i grandi campioni che hanno allenato. Quindi non sarei particolarmente preoccupato su questo aspetto. Cilic è un anno che lavora con Ivanisevic, ma partiva da una posizione ben più avanti rispetto a Camila. Camila lavora solo da pochi mesi con Silvestre e abbiamo già visto tutti i tentativi di modifica del suo gioco, in alcuni casi non produttivi, in altri sì. C’è solo da lavorare, e tanto, e non pretendere che i risultati si vedano immediatamente.

      • by r.b.

        Beh vero, Cilic ha comunque vinto gli US Open da testa di serie #14, quindi mancando Nadal, da #15 del mondo. Siamo comunque ai vertici.
        Cerchiamo di arrivare prima nelle top 16, poi per le finali Slam vediamo di attrezzarci.. 🙂

    • Giovaneale by Giovaneale

      L’ATP non è la WTA!
      Vorrei chiederti,Atom,di fare esempi al femminile che confermino la tua tesi.
      Hai elencato i massimi esponenti del tennis mondiale maschile ma neanche una tennista.
      Io ti rispondo con i fatti e ti dico che in finale nell’ultimo Slam,pochi giorni fa,c’erano Serena Williams che per una vita è stata allenata dal padre (come la sorella) con i risultati che conosciamo tutti e Caroline Wozniacki che,a quello che mi risulta,è tutt’ora allenata dal padre.

      • by Atom

        Giovaneale ho fatto solo degli esempi per suffragare la mia tesi. Riguardo a Camila ho dubbi sulla sua preparazione mentale perché non capisco i suoi vuoti improvvisi, le sue assenze repentine, quello che io chiamo “i buchi neri”. Alle altre tenniste difficilmente ho visto perdere partite quasi vinte o vincere con continuità con forti avversarie e perdere con continuità con avversarie deboli. Ho la sensazioni che le potenzialità enormi di Camilla siano frenate solo dalla “testa”. Altri non sono d’accordo su questa tesi e rispetto la loro opinione.

  80. by Atom

    Un sito dedicato ad una tennista non deve contenere, a mio giudizio, solo vuoti peana ed elogi sperticati ma anche confronti vivaci da cui possono emergere pareri discordi e “critiche costruttive”. Se ciò accade bisogna accettare serenamente tali diversità di vedute senza prendere a male parole ed insulti l’eventuale “competitor”. Io sono stato attaccato più volte perché in certi casi, ho fatto valutazioni in dissonanza con “il pensiero dominante”. Tutti (o quasi) coloro che scrivono qui, amano Camila ma ciò non deve escludere che ci possano essere dissensi riguardanti il gioco, gli allenamenti persino la vita privata della” nostra” ragazza , quando le eventuali contestazioni vengono mosse e motivate con educazione e rispetto anche per chi pensa diversamente. Lo stesso vale allorchè si fanno discussioni su altre tenniste italiane, giustificate e legittime in quanto il tennis (al contrario di quanto qualcuno degli amici afferma) non è solo Camila…. Non ho (quasi) mai insultato nessuno e se una volta mi è sciaguratamente capitato sono stato pronto ad autocensurarmi. Devo dire che quello che manca, quasi del tutto, nei commenti che leggo è proprio una sincera autocritica nel momento in cui ci accorgiamo di aver commesso un errore. Ammettere di aver sbagliato è una grande dimostrazione di duttilità , di disponibilità e intelligenza ed ha come conseguenza positiva l’indurci a cambiare un pensiero o un concetto quando prendiamo atto che è errato. Tale atteggiamento vorrei che valesse non solo per tutti gli amici che frequentano questo sito, ma anche per chi questo sito lo ha creato. Camila è una splendida giocatrice e suo padre un ammirevole e tenace combattente , ma non ho (quasi) mai sentito dire loro ” abbiamo sbagliato”. Solamente la consapevolezza degli errori da poi la possibilità di migliorarsi. Chi pensa di non sbagliare non ha margini per correggersi. E’ vero che “pensare in grande”, sostenere che” il proprio gioco” è il più bello di tutti, da notevole carica ed entusiasmo ma al tempo stesso maschera lacune e difetti che se ammessi e analizzati potrebbero essere cancellati o quantomeno ridotti.. A volte parlo ” di testa” che deve essere” preparata” mi riferisco anche a questo ” stile” non troppo umile che caratterizza un po’ tutto l’enturage di Camilla e anche la maggioranza di noi suoi sostenitori. Quando HECTOR parla di Camila che da lezioni di tennis a Woz è un esempio dell’esasperazione a cui a volte giunge il nostro tifo. Compiacersi del proprio gioco e(da parte nostra) del gioco di Camila è lodevole finche non ci rende ciechi impedendo di individuare le eventuali carenze e dunque di lavorare per i miglioramenti di cui sopra. . Oltretutto incensando a dismisura Camila si creano su di lei grandi aspettative che la responsabilizzano eccessivamente e le provocano una tensione ed una pressione a volte non controllabili e nocive. Dunque un invito a tutti ad essere più prudenti ed a Camila e a Sergio a ricercare in questo auspicato nuovo atteggiamento mentale” di sana autocritica in caso di errori” il modo “di farci essere meno prudenti”

    • hector by hector

      Ebbene si’, poiche’ Camila passa tutto il tempo libero a leggere gli interventi sul blog sono certo di averla destabilizzata con le mie disquisizioni pregne di sapere tennistico. Anzi mi candido ufficialmente ad essere non solo il futuro mental coach di Camila, ma anche arm coach, foot coach, nose coach (per chi non lo sapesse, si tratta di un allenatore che insegna a fiutare il vento per trarne la giusta ispirazione durante il match). Ho gia’ sottoposto la mia candidatura a Binaghi e ci sono serratissime trattative al riguardo. L’unico nodo riguarda i compensi, giacche’ ho chiesto di essere ricompensato per il mio duro lavoro con gli asciugamani che Camila si passa sul viso ad ogni cambio campo per ricavarne una sorta di Sacra Sindone tennistica, mentre la fit vorrebbe pagarmi con un caffe’ alla Sindona.

      • by r.b.

        Eh eh meno male che hai chiesto solo l’asciugamano… 🙂 🙂 🙂

    • eulondon by eulondon

      Atom.. Non c’ e’ cosa piu’ bella che stemperare i toni e riuscire a scherzare… Sapendosi prendere poco sul serio. Io credo che questo fosse l’ obiettivo di Hector e delle sue parole sulla “lezione”. Quanto alle critiche e alla necessita’ di migliorarsi e di lavorare, credo proprio che Sergio e Camila lo sappiano e lo facciano. Ma non per questo sono tenuti a renderci partecipi di ogni loro discussione. Le risposte arriveranno dal campo. Quando? Questo nessuno puo’ dirlo… Ma arriveranno.

      • hector by hector

        E’ bello essere compresi disinteressatamente: quanto ti devo?

  81. enzo by enzo

    Tanto per rinfrescarmi la memoria , mi sono rivisto i match di Cami vs. Caroline a New Haven e ad Eastbourne fino alla sospensione.
    Che goduria ! Che vincenti ! Bastava guardare le espressioni di Caroline verso suo padre per rendersi conto dell’effetto dei bombardamenti di Cami .
    Certo che quando gioca così, Camila è imbattibile e la vorrei vedere anche contro Serena : sarebbe certamente una partita molto equilibrata!

    • avadar by avadar

      Non c’è dubbio che il tennis della Wozniacki sia gradito a Cami….
      poi ci può anche perdere, ma sicuramente il gioco piatto della danese non ha caratteristiche in grado di infastidirla….
      con Serena, beh tutti noi non vediamo l’ora di vederla giocare….il fatto è che per vederla incontrare Serena bisogna arrivare alla fine dei tornei….x il resto l’americana comanda e ti sfida a viso aperto: sulla carta con Cami ci sarebbe partita eccome….

  82. eulondon by eulondon

    La Wozniacki ha apportato miglioramenti al suo gioco, integrando l’ attacco alla sua ottima difesa. E quest anno i progressi si sono visti. Ci vuole tempo per assimilare al meglio qualcosa di nuovo. Ovvio che con Serena ieri non ci fossero possibilità. Serena voleva questo torneo come nulla al mondo. E si è visto da come è scesa in campo. Le uniche chances ci sarebbero state se la Williams avesse avuto una giornata no. E questo vale per la danese e tutte le altre. Serena è di un altro pianeta. Punto. Caroline ha disputato un ottimo torneo, così come una grande stagione sul cemento americano. E credo che le sue chances, in futuro, le avrà. Anche perché se le merita: come tennista e come persona! Dopo Camila è la mia preferita…Ho deciso! Mi ha definitivamente conquistato con la sua reazione all’ episodio Peng! 🙂

    • hector by hector

      Caroline ha avuto solo una gran fortuna: ha preso lezioni di tennis da Camila gratis tre volte in un anno. In una di queste occasioni, la pantomima dello spettatore catatonico ha distratto la maestra e favorito l’allieva. Nelle altre due non c’e’ stata storia, ma Caro e’ stata brava a mettere a frutto le lezioni di tennis tanto che e’ arrivata in finale…..

      • by r.b.

        Già, peccato che la maestra a New York si sia attardata a dare lezioni di tennis su un campetto periferico anche a una certa Anastasia, tennista russa naturalizzata australiana, che siccome era troppo “scarsa” (cit. Ubaldo Scanagatta), ha fatto dimenticare a Camila che in realtà si trattava di un match valido per il primo turno degli US Open. Infatti Camila, dopo una prima mezz’ora di lezione filata liscia come l’olio, ha capito che l’allieva non avrebbe imparato niente, e quindi ha dovuto eseguire, a scopo didattico, per 100 volte lo stesso errore, in modo che l’allieva imparasse correttamente come evitarlo.
        E così, per pura generosità, ha finito per perdere il match…. 🙂 🙂 🙂

        • hector by hector

          La generosita’ di Camila non ha limiti. Se ci fosse un Nobel nel tennis dovrebbero assegnarglielo.

    • by r.b.

      Vero, Caroline è stata gentilissima e molto carina… Un’altra antipatica tennista al suo posto avrebbe estratto la pistola dalla sacca e…. Peng!!! 🙂 🙂 🙂

  83. by Mape

    @Giovaneale Sai dirmi come si chiama Camila su Instagram?

  84. riccardo by riccardo

    Già dal Roland Garros avevo scritto che i conti si sarebbero fatti a fine anno. Lo staff di Cami prepara un grande 2015 e quindi speriamo. Ovvio che i tornei che ci aggingiamo a seguire nel tour asiatico saranno un indizio molto importante di quanto potrà accadere in generale nel 2015.
    Fine ottobre primi di novembre si stacca per andare in vacanza per poi riprendere a metà dicembre credo la preparazione per A.O. Ne consegue che in un mese circa di preparazione non mi aspetto che si possano fare chissà quali miracoli sicchè sarà importante capire cosa potrà fare la Nostra in questi ultimi tornei in termini di continuità di risultati e di perfezionamento del suo gioco.
    Mi auguro che Cami possa fare dei buoni tornei da qui alla fine e magari portarne a casa uno, Sarebbe un segnale importantissimo per il 2015. Aggiungere qualcosa al suo gioco e non modificare. A New haven ho visto tante discese a rete e voleè di discreta fattura che prima Cami non faceva . MI aspetto di vedere progressi anche in difesa ( perchè ogni tanto capita di doversi difendere 🙂 ) .
    Aggiugere qualcosina e migliorare quello che già sa fare molto bene.
    P.S.

    La Serena di ieri e su questa superfice non si batte.

    Un saluto affettuoso a tutti.

    • avadar by avadar

      Analisi lucida.
      Da vedere in questi tornei asiatici i miglioramenti nella sicurezza e tranquillità di gioco x evitare gli errori degli ultimi tempi….se ci saranno arriveranno anche + vittorie e si andrà alla fine nei tornei….
      del resto Cami è work in progress….

  85. by lucio

    Ripartiamo dalla 41

    • by r.b.

      In realtà 42

      • avadar by avadar

        E’ corretto 41.
        La Jovanovski scende dalla 35 alla 49 x cui Cami scala di una posizione….
        cambia poco, ma meglio così….

        • by r.b.

          Ah vabbè tu parli della LIVE….Oggi è 41ma ci sono 5 giocatrici che potrebbero superarla.
          Bojana, Begu, Hantuchova e una tra Cepelova e Niculescu. Nel caso peggiore scenderà al 45 lunedì prossimo.

          • hector by hector

            Ben vengano le carneadi che possono superarla questa settimana.
            Solo chi cade puo’ rialzarsi.
            Piu’ rovinosa la caduta, piu’ ampia la risalita.
            E per oggi ho esaurito le pillole di buon senso.
            Ah no, me ne e’ venuta in mente un’ altra:
            Chi non risica non rosica.

            • by r.b.

              Eh eh io conosco dei rosikoni che rosikano e basta, senza rischiare nulla…. 🙂

              • hector by hector

                Hai ragione, per rischiare la reputazione bisogna prima averla.

  86. by r.b.

    Un po’ mi dispiace per Caroline… Quanto dovrà aspettare per vincere uno slam??….
    Occhio, ok che è ancora giovane e vabbé, Serena prima o poi si ritirerà, ma chissà che magari poi ne esce fuori un’altra che vince sempre lei…. 🙂 🙂 🙂

    • zio gio by zio gio

      Finale senza storia…
      Tralasciando Camila,che già a Melbourne dirà la sua, alla danese quante altre occasioni simili le si potranno presentare? HALEP,Azarenka,Kvitova, Bouchard,…tutte giocatrici fuori forma che ,diversamente,le avrebbero sbarrato la strada. Non si può pensare di vincere uno slam mettendo a segno un solo colpo vincente…
      Cami pensaci tu

    • journasesto by journasesto

      Caroline non ha niente da rimproverarsi. Di fronte alla Serena di ieri avrebbe perso chiunque.

      • zio gio by zio gio

        Si,ma tra il perdere correndo la maratona e ,perdere rischiando qualcosa,ce ne passa.
        Ha giocato molto male. Anzi,direi al suo standard. Ad esser delusi sono coloro i quali, facevano affidamento ad una versione offensiva della danese,sulla base dei 30 vincenti rifilati a Sara Errani

        • journasesto by journasesto

          Con una Serena in quelle condizioni di forma non c’è possibilità per nessuno. Tira troppo forte e angolato, anche su scambi da 20-25 colpi. Riesce ad aprirsi gli angoli anche giocando dal centro e fa viaggiare la palla in servizio, in risposta e nello scambio con una potenza impressionante, anche con il vento che c’è a New York che dà fastidio a tutte le altre. Impossibile attaccarla quando gioca così. Ieri tra l’altro correva anche. Non è Caroline che ha giocato male, è Serena che proprio non l’ha fatta giocare.

  87. Giovaneale by Giovaneale

    Supertennis seguirà Tokyo,Wuhan,Pechino e Mosca.
    Eurosport il torneo di Linz.
    A copertura televisiva siamo messi bene anche se non si sa ancora se li copriranno dal primo giorno o,almeno per i “semplici” premier dai quarti come a New Haven.
    Altra cosa.
    Su instagram Camila oggi ha pubblicato un paio di foto in giro per Roma,personalmente sono contento che si distragga un pò!

    • by r.b.

      Speriamo che vinca qualche partita così la vediamo in TV. In un post qualche giorno fa ho scherzosamente invocato il girone all’italiana nel tennis (che come è noto esiste solo al Masters), ma chiaramente occorre vincere per giocare il match successivo.
      Anche questo è un fattore mentale importante (vero Atom?): vincere aiuta a vincere perché crea confidenza e fiducia nelle proprie capacità. Inoltre vincere permette di giocare molti più match e la tensione agonistica della competizione è fondamentale per poter crescere e non è surrogabile in altro modo se non giocando i tornei.

    • Giovaneale by Giovaneale

      Manca ancora una settimana ma a Tokyo c’è già la prima defezione:Andrea Petkovic!
      Al suo posto Svitolina.

  88. by Atom

    Una domanda che mi pongo e che pongo a tutti voi: ma non facendo tornei questa settimana non può succedere di peggiorare la classifica e correre il rischio di dover fare le qualificazioni?

    • by Mape

      No perchè le entry list di tutti i tornei in cui giocherà sono già state definite.

    • eulondon by eulondon

      No, perche’ i tabelloni dei 3 tornei di questa settimana sembrano ITF. E, con buona pace di molti, la Giorgi con gli Itf ha chiuso da un pezzo. 🙂 🙂 🙂

      • Giovaneale by Giovaneale

        Beh…ad Hong Kong ci sono Lisicki,Hantuchova, Karolina Pliskova e Mchale..non proprio un itf.

        • eulondon by eulondon

          Ma infatti.. Scherzavo! Comunque approvo la programmazione; avendo la classifica per farlo meglio scegliersi i premier! Tanto non e’ che Camila vinca facile con le under 50. Ci sono 5 tornei nelle prossime 6 settimane. Non e’ che cambi molto presentarsi a Tokyo da 42 o da 45 🙂

          • by Atom

            Ok, mi fido di voi…ragazzi è troppo importante non ripiombare nei gironi infernali delle qualificazioni…

            • eulondon by eulondon

              Fino alla fine dell’ anno siamo sicuri! Nessuna qualificazione. Per l’ anno prossimo… Si vedra’!

  89. enzo by enzo

    Salve a tutti.
    Se penso a dove sono arrivate Makarova, Peng, Lucic, Krunic, Kanepi ecc. mi incavolo ancora.
    Che noia senza Camila!!!

  90. by r.b.

    Comincia ora lo finale dei doppio femminile. In campo la nostra coppia italo – svizzera Flavia Pennetta e Martina Hingis. Vorrei fare un commento sulle due, ma sono costretto ad autocensurarmi, e pesantemente anche…. 🙂 🙂 🙂
    Forza Flavia! Forza Martina!

    • zio gio by zio gio

      Certo che Vesnina,come ha detto Bottazzi,è una bella palla al piede. Fa e disfa.
      Peccato per Re Roger…poco incisivo al servizio e nelle sue magnifiche discese a rete(quelle che anche Cami sta iniziando a proporre con più continuità). Bene Cilic,ingiocabile al servizio e reattivo negli spostamenti.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Makarova batte il trio Pennetta-Hingis-Vesnina.
        Da metà secondo set Flavia ha sbagliato tutto e il contrario di tutto,Vesnina ha regalato punti con df deleteri ed errori in risposta (su servizi da 70 miglia orari) al limite del grottesco e Hingis non ha fatto niente di straordinario per alzare il livello (ma cosa c’era da aspettarsi da una che non gioca da 6 anni?Ha già fatto fin troppo).
        Makarova ha tirato la carretta da sola ed è riuscita sempre da sola a portare a casa il titolo..complimenti.
        Zio gio..hai parlato di Bottazzi…stendiamo un velo pietoso..commenti da zelig…quando ad un certo punto del secondo set sul sul 15-0 Pennetta-Hingis è riuscito a dire che “portarsi adesso avanti di due 15 sarebbe molto conveniente” non sapevo se ridere o piangere.
        Ma poi..qualcuno è riuscito a capire perchè per tutta la partita ha chiamato la Hingis “Hingings”??????
        🙂 🙂 🙂 🙂

    • by Atom

      Stanotte pur deluso lo dico con garbo: Flavia è giunta stanca alle fasi decisivi di questo US Open. Non è una critica che invece faccio per quegli orribili calzoncini tipo Woz. Il gonnellino per una tennista è insostituibile. Camilla almeno nel vestire è la migliore…

    • by lucio

      Sconfitta meritata. Brave le russe. Alla prossima.

      • by r.b.

        Un openaccio iniziato così male non poteva che finire peggio…. 🙁 Martina e Flavia sconfitte in doppio dopo aver dominato il primo set (sarà che dopo il 6-2 sono andato a dormire? :-))

        • Sephir by Sephir

          no è andata a dormire Flavia. Nel primo set è stata lei a trascinare il gruppo la Hingis non ha fatto molto(era ad un buon livello ma di solito è sublime alla rete). Il problema è che da metà del secondo fino alla fine Flavia ha perso completamente la bussola. Errori errorisu errori che gli son costati il match. Le altre hanno saputo sfruttare il momento no e infatti le tiravano contro il più possibile.

          • doherty by doherty

            purtroppo è andata proprio cosi…
            credo che abbia cercato di cambiare la tensione delle corde..ma niente…non ne metteva piu’ una in campo.
            peccato veramente..
            brava comunque flavia..quarti e finale sono un ottimo risultato

        • by lucio

          Fidati hanno meritato di perdere.

  91. by Atom

    Che testolina questo giapponesino…ha esorcizzato Nole

    • by r.b.

      Già… Finale maschile Nishikori – Cilic….
      Chi l’avrebbe mai detto?
      Nel femminile la solita Serena…. Ok, è la più forte, ma l’anno prossimo brillerà una nuova stella nel firmamento WTA e le gerarchie attuali andranno completamente riviste… 🙂
      Aspettiamoci grandi cose, nessun traguardo è impossibile!!!

    • journasesto by journasesto

      Sarò malizioso, ma l’esplosione di Cilic a un anno dalla sua squalifica per doping a me convince poco. Ieri al servizio sembrava una macchina. Troppo preciso per essere vero.

      • eulondon by eulondon

        Non credo che esistano sostanze che ti diano precisione al servizio :-). Piu’ probabile ne esistano altre che ti facciano correre da una parte all’ altra senza stancarti. Questo match non l’ ho visto, ma se ti ha stupito la precisione.. Credo che il suo doping sia stato assumere Ivanisevic nel suo angolo 🙂

        • journasesto by journasesto

          Ci sono eccome. Ci sono sostanze che ti danno tranquillità e ti tolgono la tensione e nel momento in cui giochi i punti chiave, così sei più tranquillo e sbagli meno. Ci sono sostanze dopanti per qualsiasi cosa e per qualsiasi sport, per il tiro con l’arco come per il sollevamento pesi, per l’automobilismo e per l’atletica e molte di esse servono a migliorare l’approccio mentale più che la prestazione fisica. La Wada, l’organizzazione mondiale antidoping, ha predisposto un elenco lungo un chilometro e che riguarda ogni disciplina sportiva. E soprattutto non esiste una “scienza cattiva”, come ha detto Cilic quando lo hanno pizzicato per doping la prima volta. C’è una scienza che si sviluppa, diventa capace di scoprire sostanze che prima si pensavano irrintracciabili, ed ecco ogni tanto qualcuno ci casca perché si sentiva sicuro ed è stato preso con le mani nel sacco.

          • eulondon by eulondon

            Ah, pero’! Ti sei fatto una cultura a riguardo! 🙂 Credo comunque che tutti integrino, chi piu’ chi meno. I limiti della legalita’ sono e saranno sempre molto labili. 🙂

            • journasesto by journasesto

              Eh, una volta ho intervistato il responsabile del centro antidoping del Coni e mi ha fatto visitare il loro laboratorio all’Acqua Acetosa. Mi diceva addirittura che molte volte capiscono che uno si è dopato per l’elevata concentrazione di sostanze che mascherano il doping, come i diuretici. E mi ha fatto capire che non c’è storia: gli esami sono talmente precisi che se ti beccano puoi dire quello che vuoi (tipo che hai sbagliato a prendere un farmaco o hai bevuto un integratore o panzane di questo tipo), ma è chiaro come il sole che ti sei dopato.
              Non c’è limite all’immaginazione di chi vuole fare il furbo. Comunque la mia era una piccola provocazione: non ho nessuna prova per dire che Cilic sia dopato.

    • by Atom

      Luigi 009 sono completamente d’accordo con te. Sono mesi che sostengo questa tesi…la cosiddetta SVOLTA…ci sarò se sarà migliorato l’aspetto mentale…come non so…a questo deve pensarci Sergio…

  92. by Atom

    Ribadisco le mie scuse (già fatte e spiegate in precedenza) per la forma di quel commento postato alle 4 del mattino, frutto della delusione e dell’amarezza per la sconfitta della Pennetta, ma la sostanza resta. Quello incontro Flavia lo ha giocato al di sotto delle sue possibilità…Dopo l’inizio si è sciolta…ci tengo però a sottolineare che sono un ammiratore della Pennetta. poi chi vuole speculare su un semplice sfogo è libero di farlo, ma commette un errore. Questo episodio per me è chiuso.

    • by r.b.

      Strachiusissimo, a tripla, anzi quadrupla mandata, e abbiamo anche buttato via la chiave! 🙂

  93. Giovaneale by Giovaneale

    Ho fatto un piccolo esercizio matematico,partendo dalla classifica alla vigilia dei tornei nordamericani (quella di lunedì 4 agosto) vi mostro i risultati e le evoluzioni in termini di punti e classifica delle 6 italiane in top100 che comprendono i risultati conseguiti a Montreal,Cincinnati,New Haven e gli Us Open.
    12 (+3) Errani 5W 4L +180 punti
    16 (-2) Pennetta 7W 4L -388 punti
    42 (-4) Giorgi 3W 4L -137 punti
    44 (-19) Vinci 2W 4L -718 punti
    74 (-1)Schiavone 3W 3L -40 punti
    88 (-11) Knapp 7W 4L -140 punti

    * Schiavone è l’unica delle sei ad aver giocato solo tre tornei,ha saltato Montreal.
    ** Schiavone ha fatto tutte le sue vittorie (tre) nelle qualificazioni.
    *** Knapp ha 6 delle sette vittorie ottenute nelle qualificazioni.

    • eulondon by eulondon

      E se penso che in 2 di quelle 4L Cami ha servito per il match ed e’ stata avanti di un break 2-3 volte… Mi vien voglia di spaccare tutto 🙂

  94. riccardo by riccardo

    una stagione per un giocatore di media classifica e quindi non top ten, diciamo intorno alla posizione quaranta come camila attualmente, costa all’incirca duecentomila dollari , tra spostamenti allenatore e quant’altro. In sostanza è noto che a parte le top, chi naviga a metà classifica , se non ha sponsor , fatica dal punto di vista economico. Dobbiamo considerare che per cami questa è la prima stagione, è stata ferma causa infortunio l’anno scorso e quindi sono portato a credere che non essendo ancora ricca ( mi auguro che lo diventi) se avesse potuto giocare il doppio e guadagnare 13 mila dollari lo avrebbe fatto. Penso quindi che avesse qualche problema fisico reale al piede che le ha impedito di giocar fino alla fine con la rodionova. Se cosi è e non ho motivo di dubitarne, questa sconfitta va ridimensionata. L’unico vero neo della stagione rimane la sconfitta con la dubrowshy dove in effetti è andata fuori di testa. Tutta questa premessa per dire che il gioco di Cami non è rischioso, di più! è rischiosissimo e se la condizione fisica non è al meglio anzi non è perfetta ecco che arrivano le sconfitte. Dico anche senza girarci intorno ( lo dico perché lo penso) che cami dovrà per forza di cose aggiungere qualcosa al suo modo di giocare ( aggiungere non modificare) in quanto pensare di fare 50 vincenti ad incontro e cioè 300 vincenti in un torneo per arrivare in finale mi sembra fuori dal mondo. Può andare tutto bene una partita o due ma poi capita la giornata no nella quale bisogna imparare a portare a casa l’incontro anche giocando non al meglio perché altrimenti vuol dire che si faranno le imprese ma non si vincerà mai un torneo. L’ho detto tante volte cami è arrivata n 31 del mondo sfruttando soltanto il 50% del suo potenziale. Un problema di testa? mah.. può essere che ogni tanto lei si impicci ma io sono portato a pensare che ci sono questioni tecniche su cui lavorare, tante fasi del gioco che andranno migliorate e che le faranno fare quel salto di qualità che tutti aspettano. buona giornata a tutti.

    • Lucia by Lucia

      Quoto quoto quoto!

      • etberit by etberit

        Sono d’accordo; la ragazza ha ancora 22 anni, diamole tempo (da leggersi “cerchiamo di avere pazienza noi tifosi” e vedrete che non ci deluderà. Di sicuro ci regalerà tanti momenti emozionanti, nel bene e nel male…:-)

        Dov’è Entropia?

  95. avadar by avadar

    Finale Us Open: la Woz non ha armi x competere con Serena, soprattutto con la Serena schiacciasassi di questo periodo….ottima condizione anche x Caroline, ma come dimostrano i precedenti recenti le caratteristiche del tennis di Caroline non danno fastidio a Serena, anzi…. comunque, visto che nulla è scontato, mi auguro che vinca la Woz….

    mental coach: non sono d’accordo sul fatto che a Cami possa servire….sarebbe utile se, col tennis che si ritrova, non riuscisse a competere con le migliori….ma siccome con loro, non solo se la gioca alla pari, ma spesso e volentieri le batte….
    si smarrisce con le meno quotate vero, ma è il contrario che mi preoccuperebbe….battere le + deboli di te è doveroso, ma non è certo un grosso problema….il problema vero sarebbe avere dei complessi con le big, cosa che Cami non ha, anzi le affronta a viso aperto e con tutta la sfrontatezza e la sicurezza della qualità del suo tennis….
    occorre ridurre gli errori x evitare di regalare match ampiamente alla portata….
    il ruolo di “ammazza grandi” non solo non basta, ma ci sta strettissimo….
    e a tenniste come Cami (e anche Muguruza…) occorre davvero poco x esplodere in tutta la loro potenzialità….

    • doherty by doherty

      per me la mente va allenata tanto quanto il fisico,la tecnica e la tattica…
      quindi a mio avviso il mental coach servirebbe a tutte le giocatrici ( ad alcune di piu’ ad altre meno,cosi’ come alcune hanno bisogno di allenare di piu’ la tecnica,altre il fisico etc..)

  96. by r.b.

    Un po’ mi dispiace che zio gio non abbia apprezzato il mio post scherzoso in commento a quello bellissimo di journasesto. In fondo siamo dalla stessa parte. So che sei una persona intelligente, tante volte sei stato attaccato e offeso dall’insetto molesto, per cui ti ho sempre sostenuto moralmente (non dico difeso, tanto per quello abbiamo già l’avvocato… :-)).
    Credo comunque che sdrammatizzare un po’ ci aiuti a non prenderci troppo sul serio. In fondo chissà, se Camila contro Rodionova avesse pensato, massì, in fondo è solo una partita di tennis, devo cercare solo di giocare bene, non ho nulla da perdere, forse ora parleremmo di un US Open diverso….

    • zio gio by zio gio

      Rb ti ho capito…ho voluto provocarti…come spesso hai provato a fare nei miei confronti.
      Siamo sulla stessa barca….più uniti di prima.

      • by r.b.

        Sì ma sempre in modo bonario, senza alcuna malizia s’intende… 🙂
        Ormai siamo come una grande famiglia…. 🙂

  97. by r.b.

    Sono d’accordo con Atom, la solidità mentale è importantissima.
    Il problema è come raggiungerla. Perché Camila era così tesa con la Rodionova? In fondo stava anche vincendo. Cosa è scattato nella sua testa? E cosa si può fare affinché non scatti di nuovo?
    E poi siamo sicuri che un mental coach potrebbe risolvere tutti questi problemi?
    Sono solo domande, non ho risposte purtroppo. So solo che ho visto Camila giocare alla grande contro la finalista degli US Open. Caroline guardava spesso il suo angolo come a dire: “che posso fare contro questa?”….
    Speriamo che sia una iniezione di fiducia incredibile per Camila… Ridurre all’impotenza tennistica la finalista degli US Open (non parliamo se Caroline dovesse addirittura vincere…)…

    • by Atom

      r.b hai centrato il tema. Non è facile risolvere problematiche di tipo mentale. Proprio per questo richiedo agli allenatori di Camila di prestare più attenzione a questo aspetto e di cercare di risolverlo per quanto possibile…Come? Sinceramente non sono in grado di dirlo ed è di loro competenza. Ma va risolto e certo non assecondandola quando lei continua a dire “faccio il mio gioco” senza accettare consigli o indicazioni di nessun genere…Camila è una splendida ragazza ma in questo caso un po’ più di umiltà non guasterebbe…

      • by r.b.

        Il fatto che dica faccio il mio gioco potrebbe essere uno specchietto per le allodole per i giornalisti. Io non credo che non ascolti i suggerimenti dei tecnici prima e durante il match. Chiaramente se hai un gioco offensivo hai meno bisogno di adattamento al gioco dell’avversaria, però ci sono ragazze che si difendono benissimo con palle tagliate, lob, ecc, per cui bisogna tenerne conto, perché se per ogni scambio devi tirare 5 o 6 vincenti per fare il punto, aumentano di molto i rischi di errore.

    • TEUS by TEUS

      La maggior parte delle sconfitte della ragazza sono causate dall’inesperienza. Perciò, a mio modesto avviso, prima di valutare la possibilità di allargare eventualmente lo staff, bisogna attendere che Camila acquisisca più sicurezza giocando altri tornei.
      Quando poi il suo processo di maturazione tennistica avrà raggiunto un livello più alto, sarà anche più semplice comprendere i motivi di certi black out e intervenire di conseguenza.

  98. eulondon by eulondon

    Lezione di stile, di nobilta’ di comportamento della grande Caroline Wozniacki! In tante dovrebbero prenderla d’ esempio.

    • Giovaneale by Giovaneale

      Assolutamente si,brava Caroline!
      Dispiace per il ritiro della Peng,vittima di una serie di cose tra cui la tensione per una semifinale slam mai raggiunta in singolare…..lei che ha vinto 16 tornei in doppio tra cui due Slam (Wimbledon 2013 e Rg 2014) tradita dalla tensione,ulteriore conferma che il doppio anche a livello emozionale è proprio un altro sport!!!!!

      • by Atom

        Tensione? Non ho visto l’incontro dunque è andata di testa? Le mia teoria si consolida…

    • avadar by avadar

      Woz: eleganza, grazia e classe….come Cami ne ha da vendere….

    • boy by boy

      potete spiegarmi che ha fatto?

      • eulondon by eulondon

        Secondo set. 4-3 Woz, e 30-40 palla break Peng. La cinese in preda a crampi fortissimi. Contro il regolamento ( visto che se non erro, questo recita che non si possa interrompere il gioco durante un game), viene fatta allontanare per provare a risolvere. Caroline non fa una piega. Nulla. La Peng torna in campo, dopo una pausa di circa 4-5 minuti. Si giocano un altro paio di punti. La cinese di nuovo a terra. La Woz va nella sua parte di campo e le accarezza la testa. In quel gesto e nello sguardo che le ha rivolto ho visto una dolcezza difficilmente riscontrabile in questi match, a questi livelli. Tutto qui 🙂 Sara’ il mio romanticismo, non mi importa. Per me si e’ campionesse anche in questo e per questo. Non e’ italiana, Caroline. Ma io la tifo uguale! 🙂

        • boy by boy

          Grazie.
          Ma con Caroline si è sempre visto che era una apposto. Come si vedono quelle che non lo sono….figurarsi se la Cornet avrebbe dato una carezza 🙂

          • by r.b.

            Attenzione che partono le mail ai fratelli…. Non vorrei mai… 🙂 🙂 🙂

          • hector by hector

            La Cornet avrebbe cercato di incornare l’avversaria, uscendone scornata.

  99. silvio74 by silvio74

    Questo US Open volge al termine e non è stato avaro di soddisfazioni per i colori italiani. Sara e Flavia si sono comportate come al solito da grandi professioniste, ricavando il massimo dal proprio tennis nel momento più importante. Resta l’amarezza di aver assistito alle loro ultime partite con il solito retro pensiero: se vincono anche questa volta è un miracolo. Perché, diciamocelo, la consapevolezza dell’esistenza di limiti oggettivi è per il tifoso un boccone amaro. La mancanza di speranza sopisce le emozioni ed anestetizza sogni ed illusioni. Quanto avrei voluto che ci fosse Cami al loro posto. In quel caso nessuna speranza sarebbe stata un azzardo, tutto sarebbe stato possibile ed elettrizzante. E’ purtroppo vero però che per esserci in quei momenti, occorre avere la maturità e la forza per gestire il percorso, per giocare al meglio incontri ruvidi, per superare il pantano dei primi turni senza perdere di vista l’obiettivo finale. Cami questa capacità al momento non la ha ancora acquisita. Credo le manchi ancora la testa del professionista a tutto tondo che vede in ogni incontro un momento del proprio lavoro e che cerca prima di tutto di vincere, perchè lo sente come un dovere verso se stessa ed il proprio team, e che per questa consapevolezza non lascia andare il timone quando il mare diventa tempestoso. Ma sono sicuro che le cose cambieranno presto. Cami non ha la testa, nè il gioco, della perdente. E’ solo questione di maturità e di consapevolezza. L’anno prossimo sarà tutta un’altra storia.

  100. journasesto by journasesto

    Il tennis è un gioco fatto di tecnica, di testa, di atteggiamento, di tante cose. Eppure ci sono delle sfumature che ci fanno preferire una giocatrice rispetto a un’altra e che a volte non hanno nulla a che fare con la tecnica. Sono quelle cose che, al di là dell’atleta, formano e creano l’immagine del personaggio, cioè di chi ci piace o non ci piace. Sara Errani, per esempio, qui risulta sgradita a molti, per il suo modo di esultare agli errori delle avversarie. Ma del resto, facendo pochi vincenti, e impostando il suo gioco soprattutto nel cercare di indurre l’avversario all’errore, mi pare logico che esulti quando l’altra sbaglia, perché quello è il momento in cui tutto il suo sforzo e il suo gioco trovano coronamento e compimento.
    Ci sono degli aspetti, nel personaggio Camila, che, al di là dei suoi colpi e del suo tennis scintillante, mi hanno spinto a innamorarmi perdutamente di lei (in quanto tennista) e che poco o nulla hanno a che fare con gli aspetti tecnici. Eppure sono valori, soprattutto gesti, che rivelano il suo carattere, la sua personalità, la sua determinazione, e che spesso ci dicono di lei molto di più di quanto effettivamente lei stessa abbia voglia di raccontare nelle interviste.
    Ecco, ci sono gesti di Camila che, insieme con il suo tennis, mi hanno definitivamente stregato e spinto a considerarla il mio idolo tennistico femminile, più di quanto non mi succeda per qualsiasi altra giocatrice. Eccone alcuni:
    1) Non chiede il falco mai o praticamente mai: in questo vedo la sua correttezza e rispetto dello regole.
    2) Alla fine di ogni punto non fa quasi mai una piega. È subito pronta a giocare quello successivo: in questo vedo la determinazione di fare sempre il suo gioco.
    3) Durante le pause fa un gesto abituale che mi piace da morire: bagna leggermente l’asciugamano con l’acqua e lo passa sulle tempie con un gesto delicato e fanciullesco. In questo vedo una grazia femminile che poche altre sue colleghe possono vantare.
    4) Subito dopo l’asciugamano riposiziona le pinze dei capelli. Quando lo fa lo sguardo è fisso su un punto: in questo vedo la ricerca della massima concentrazione.
    5) Spesso quando sbaglia, soprattutto dopo aver tirato un rovescio incrociato che avrebbe dovuto tirare lungolinea, si blocca per un attimo solleva il braccio sinistro in verticale indicando appunto la direzione del lungolinea: in questo vedo la capacità di essere critica con se stessa e capire l’errore
    6) Se perde uno scambio molto lungo in cui ha avuto l’occasione di fare punto lei ha un atteggiamento di sconforto che dura un attimo: appoggia la testa della racchetta a terra, tra i due piedi, e si piega un attimo verso il basso, flettendo leggermente le ginocchia. In questo scoraggiarsi e riprendersi subito vedo la sua capacità di individuare i momenti chiave della partita e lo sforzo mentale di cancellare subito l’errore per ripartire con la testa libera.
    Tutte queste cose indicano come Camila già adesso stia lavorando molto sulla testa e sia alla ricerca del suo equilibrio in campo. Tutti questi gesti indicano la sua forza e la sua debolezza, la sua umanità, la fatica, lo sforzo, ma anche la gioia di giocare una partita di tennis a questi livelli. E sono tra i motivi che, senza riserve e senza ma, mi fanno tifare per lei incondizionatamente.
    Vamos Camila!

    • by r.b.

      Mi sia consentito un commento scherzoso al tuo peraltro bellissimo post, punto per punto…
      N.B. Noi che amiamo Camila possiamo farlo, voi rosikoni no! 🙂
      1) Ma il Falco non era una regola del tennis? 🙂 cioè, chiamarlo significa osservare le regole…. 🙂
      2) verissimo, ci sono giocatori (es. Fognini) che quasi ad ogni punto fanno una piega (alla racchetta, sbattendola violentemente a terra)… 🙂
      3) Ohhhh, ma che romantico! Sento già in sottofondo la musica della sigla di “Love Boat” (“mare, profumo di mare…) 🙂 🙂
      4) “mare, profumo di mare.. ” idem come al punto 3 🙂
      5) Infatti il punto successivo tira di nuovo l’incrociato… e lo sbaglia di nuovo! 🙂
      6) non abbiamo visto il match ma visto com’è andata, con la Rodionova si sarà piegata circa 450 volte…. 🙂 🙂 🙂

      • journasesto by journasesto

        È così… C’è una Camila ideale e idealizzata e una Camila reale. Per il momento, le due non coincidono…

      • zio gio by zio gio

        Rb da quando non hai più l’ultima spiaggia sulla quale balneare, tiri fuori di quei commenti su Camila,tipici degli esiliati. Certo i tuoi sono accompagnati da tre faccine…,ma sono comunque belli pesanti…

        • by r.b.

          Ma no, non sai stare agli scherzi? 🙂 Eppure è scritto chiaro chiaro (volevo scrivere papale papale ma per ovvie ragioni 🙂 mi sono astenuto)… 🙂

      • riccardo by riccardo

        anche quando non voglio scrivere tu mi fai sorridere sempre!! Guarda però che non tutti comprendono … 🙂

        • riccardo by riccardo

          Mi riferisco a r.b. giusto per chiarire!

          • by r.b.

            Sì sì lo so… 🙂 Il bello è che è scritto chiaro che è uno scherzo eppure… 🙂

    • eulondon by eulondon

      Gran bel post. La fortuna di Camila si avere tra i suoi fans diverse persone sensibili e “pulite”. Un po’, come probabilmente e’ lei!

  101. by Atom

    r.b e Jounasesto mi date lo spunto per fare una piccola osservazione sul mental coach. Prendiamo le quatto semifinaliste ebbene non so se lo abbiano Serena in verità non credo ne abbia bisogno, non solo per gli attributi, ma per grande esperienza e solidà mentale maturata negli anni. Però anche lei quest’anno non è andata benissimo specialmente negli slam…ma credo più per questioni fisiche che mentali. Riguardo invece alla Makarova sicuramente questo suo miglioramento è dovuto proprio alla “testa”. La russa è una ragazza molto emotiva e proprio per questa ragione aveva continuamente alti e bassi. Ha battuto, mi sembra, due volte Serena in passato ma alternava belle prestazioni (quindi potenzialità) ad altre meno belle. Negli ultimi tempi ha acquisito una continuità veramente notevole culminata con questa semifinale. Io credo che sia molto migliorata sotto l’aspetto mentale perché il “braccio” lo ha sempre avuto. Della Peng so poco o niente riguardo ad un suo eventuale mental coach ma i cinesi sono fortissimi di testa un po’ meno nel gioco. Dunque anche in lei sicuramente è tosta mentalmente. Dulcis in fundo la Woz. Beh lei ha cominciato ad avere risultati, dopo il lungo periodo “nero” susseguente alla posizione n 1, quando ha “rotto” col suo fidanzato. Insomma per lei è stato uno choc “positivo” in cui l’aspetto mentale e psicologico non è certo marginale. Ribadisco dopo la mia “osservazione” che il miglioramento di Camila ci sarà quando sarà mentalmente pronta e preparata…altrimenti non ci sarà…Fisicamente e nei colpi è già infatti (quasi) al massimo.

    • by r.b.

      Ok, ma la questione sul mental coach è tutto merito di Atom. Diamo a Cesare quel che è di Cesare… 🙂

    • journasesto by journasesto

      Sul fatto che la testa sia fondamentale nel tennis non ci piove. Michael Chang, in un’intervista sul sito della Gazzetta, dice testualmente: «Se prendi qualcuno che ha più talento di un altro che è più forte di testa, quest’ultimo vincerà la maggior parte delle volte, perché la testa è quella che mette il gioco insieme. Se hai anche tutti i colpi e non li fai al momento giusto, specialmente sui punti importanti, nel tennis non sempre vince chi fa più punti, ma quello che vince i punti-chiave, quelli che fanno la differenza».
      Quello che c’è da capire è in quale modo acquisire più testa. Serena sicuramente non ne ha mai avuto bisogno, perché è stata da sempre una iena, sia fisicamente che per determinazione. Non so se Makarova si sia rivolta a un mental coach oppure, dopo qualche tempo di insuccessi, abbia messo insieme l’esperienza di tante sconfitte e abbia trovato il modo di esorcizzare i suoi fantasmi.
      In altre parole: è meglio rivolgersi a un aiuto esterno oppure provare a risolvere il problema con il tempo e con l’esperienza? Questo io non lo so dire

    • zio gio by zio gio

      Atom non sono per nulla d’accordo.
      Camila ha disputato così pochi match,ad alti livelli,da risultare davvero difficile tracciare un profilo psichico (in campo).
      Non imputo le sconfitte alla questione psicologica,bensì a quella tecnico-tattica.
      Parli di colpi e fisico già a livelli massimi,ma questi lo sono solo a sprazzi. Io,per esempio, credo che il servizio sia il fondamentale dal quale partire. La risposta,riadattata, è tornata ai livelli consoni. Il lavoro sulle palle centrali,spesso affossate in rete, è un altro pezzo del puzzle.
      Credo che siano prima di tutto questi gli aspetti sui quali stanno lavorando. Almeno,così spero.

      • zio gio by zio gio

        *tracciarne

      • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

        Zio Gio’, mi hai tolto le parole di bocca!
        Quoto al 100%!

        • by Atom

          Ziò giò è la testa che guida il braccio e non viceversa. A Katowice Camilla era a pieni giri mentalmente e faceva massimo 4 df a incontro. Invece se ti rivedi gli incontri con la MC Hale, con la Pennetta a Indian Wells dopo aver battuto la Sharapova, e altra a seguire fino alla Rodionova ti accorgi che sono stati compromessi da “vuoti mentali” incredibili. I colpi o ce li hai o no…Se ce li hai a sprazzi dipende solo da un fatto mentale perché se dipendesse dal fisico o dalla tecnica non li avresti mai. Mi spiego meglio : la Errani non avrà i colpi di Camila nemmeno quando è nel massimo della forma e non potrà mai competere con Serena.. Invece se Camila mantenesse la concentrazione (senza buchi mentali9 per tutto l’incontro potrebbe fare partita perfino con Serena. Quindi quello che manca è proprio la capacità di non assentarsi mentalmente e di non smarrirsi in una serie di DF o di risposte al vento. I colpi Camila li ha già mostrati deve solo mantenere la continuità e questo dipende solo dalla testa.

  102. TEUS by TEUS

    Camila è in proncinto di affrrontare tre tornei premier (tra i quali un premier 5 e un mandatory) in tre settimane e dovrà concentrarsi al massimo per evitare di incappare in quella discontinuità che ultimamente la caratterizza. Per quest’anno però, a quanto pare, dovremo convivere coi suoi alti e bassi ed è fisiologico data la scarsa esperienza della nostra ad alti livelli.
    Quello che mi farebbe molto piacere, l’ho già scritto e lo ripeto, notare da subito invece è vederla più “cattiva” (ben vengano anche pugnetti o vamos “in faccia” -il tennis è innanzitutto una battaglia psicologica in cui il carisma ha un ruolo fondamentale quindi non v’è nulla di antisportivo in tutto ciò-) in campo specialmente nei momenti del match in cui impone il suo tennis. Camila ha personalità, una forte personalità, e, facendo leva su di essa, deve mettere dubbi nella testa delle sue avversarie che, ora che la conoscono meglio, tendono sempre più a spezzettare il gioco per non darle ritmo e indurla all’errore.
    Imporre il proprio gioco va benissimo ma, nello stesso tempo, è necessario fare in modo che non le si ripecuota contro quando le gambe e la testa non “girano” al massimo dato che Camila ha le potenzialità per uscire vincitrice da incontri difficili pur prendendosi delle “pause”.
    C’è ancora molto da lavorare, lo sappaimo bene tutti, soprattutto dal punto di vista mentale (e per questo ci vorrà inevitabilmente un po’ di tempo) ma il vulcano che Camila ha dentro può essere utilizzato da subito e fare già la differenza.

    Vamos, flaca, vamos! E’ giunta l’ora di “mostrare i denti”.

  103. by r.b.

    Questi US Open volgono finalmente al termine. Restano in gara S. Williams, Makarova, Peng e Wozniacki.
    Con tutto il rispetto per la russa e la cinese, credo proprio che la finale sarà Serena-Caroline (lo direbbe anche Ubaldo, questo, e non solo lui… :-)), ogni altra eventuale finale sarebbe una sorpresona.
    Sulla finale non mi sbilancio, anche se Serena è ovviamente favorita.
    Per me è stato un “Openaccio” (come direbbe Benigni… :-)), Camila fuori al primo turno, Ana al secondo… peggio di così difficilmente poteva andare…
    Speriamo negli Australian Open 2015, il torneo della riscossa!!!!

  104. Giovaneale by Giovaneale

    Provo ad immaginare cosa avremmo scritto se,in un ipotetico quarto di finale Slam,Cami si fosse portata 3-0 primo set avanti addirittura di due break con la tennista più forte di sempre Serena Williams,proprio come ha fatto Flavia Pennetta…ci saremmo esaltati,avremmo fatto suonare a festa tutte le nostre trombette…se poi l’incontro fosse finito 6-3 6-2 per Serena difficilmente ci saremmo lasciati andare a commenti negativi,avremmo semplicemente riconosciuto la superiorità di Serena che poi è come scoprire l’acqua calda e fatto un grande applauso a Cami.
    L’andamento dell’incontro tra le due è sovrapponibile all’unico precedente tra Cami e Serena,finì 6-2 6-3 c
    Flavia ha giocato nei

    • Giovaneale by Giovaneale

      Scusate mi è partito anzitempo il commento 🙂
      Dicevo…
      L’unico precedente tra Cami e Serena finì 6-2 6-3,quella partita me la ricordo bene,ricordo quanto Cami riuscì a far correre Serena negli scambi..la sensazione ripensandoci è che il tipo di gioco di Cami abbia dato parecchi grattacapi a Serena.
      Flavia ha giocato i primi tre game snaturando il suo gioco,è stata superaggressiva ma,come era prevedibile,non è riuscita ad esserlo se non per i primi 10 minuti.
      Per me,che ho visto la partita,la nostra portacolori (che però come la Errani quando fa punto urla “VAMOS” e la cosa mi disturba sempre parecchio) ha giocato discretamente,non certo male considerando che dall’altra parte c’era Serena supermotivata visti i flop nei precedenti slam dell’anno.
      Detto questo sappiamo benissimo che i nostri commenti vengono strumentalizzati spesso e volentieri e che magari a tarda notte (e mi riferisco ad Atom) è meglio contare fino a 10 prima di postare per evitare che ciò che scriviamo venga utilizzato ad appagare la frustrazione di qualcuno.

      • giuseppe by giuseppe

        Appunto: “…far correre Serena negli scambi…”
        Vorremmo proprio vederlo un incontro Camila-Serena. Speriamo presto!

      • journasesto by journasesto

        Anche Camila dice Vamos (quelle poche volte che si è lasciata andare). Perché ti dà fastidio se lo fanno Sara e Flavia? Sono comunque d’accordo con te al 100%

        • Giovaneale by Giovaneale

          Mi danno fastidio i “vamos” della Pennetta e della Errani perchè evidenziano la loro formazione tutt’altro che italiana..vivono in Spagna,si allenano in Spagna,i loro allenatori sono spagnoli..dov’è l’Italia in tutto quelloche fanno in questo sport?Nella bandierina accanto al loro nome?
          Non è una provocazione,è una constatazione…riconosco il loro impegno in Fed Cup,i risultati raggiunti ma quel vamos non mi va giù!
          Cami si allena in Italia,con suo padre ed un tecnico federale,dice “vamos” perchè i suoi genitori sono entrambi argentini e lei parla sia italiano sia spagnolo..non c’è da scandalizzarsi.Pennetta ed Errani invece non mi risulta che abbiano parenti stretti ispanici.

          • by r.b.

            La tua spiegazione mi convince ma fino ad un certo punto. Io invece credo sia una questione di praticità di pronuncia.
            E’ molto difficile esultare dicendo “Andiamo!!!” a parte che sono tre sillabe, e poi non suona bene.
            Suona molto meglio dire “Come on” (pronunciato C’mon!) o “Vamos!”.
            Difatti è diventato anche molto famoso l'”Ajde” (pron. aidé) dei tennisti serbi (soprattutto Ivanovic) che sostanzialmente ha lo stesso significato di “Come on” e che è facile da pronunciare come esclamazione, grazie all’accento sull’ultima sillaba.
            In italiano, ripeto, “Andiamo!” non funziona.
            Ci siamo ridotti alle dispute grammaticali comparate sulle esclamazioni di esultanza dopo i punti, segno che siamo messi male.. 🙂 🙂
            Preferirei analizzare i set e i match giocati da Camila, se ne giocasse… 🙂 🙂 Purtroppo il tennis è un po’ così, se perdi giochi poco, non è come il calcio dove il Chievo gioca tutte le settimane come la Juventus o il Milan (almeno in campionato)… 🙂
            Riformiamo il tennis, mettiamo il girone all’italiana anche a Wimbledon!!!!! 🙂 🙂 🙂

            • hector by hector

              Mi sono sempre chiesto per quale motivo una giocatrice di tennis non esulta ad ogni punto urlando: “AVRESTI VOLUTO FARMI FARE IL TERGICRISTALLO PER DIECI MINUTI, MA IO TI HO SORPRESA CON IL MIO DROP SCIOT, AL CHE TI SEI RIFUGIATA IN UN PALLONETTO CHE NON HA SORTITO L’EFFETTO DA TE SPERATO IN QUANTO CON UN TUINEER TI HO UCCELLATO DI FRONTE A NOVEMILA SPETTATORI IN VISIBILIO CHE RACCONTERANNO QUESTO COLPO AI NIPOTI DAVANTI AL CAMINO NELLE LUNGHE SERATE INVERNALI QUANDO IL VENTO SOFFIA GELIDO E PENETRA NELLE OSSA”.
              E’ un vero mistero…..

          • zio gio by zio gio

            i genitori sono argentini di origine italiane…
            Cami dice di pensare in italiano…è Sergio che le parla in spagnolo.
            Anch’io non sopporto quei “Vamos” sussurrati dagli italiani. L’unica che non lo dice è Karin Knapp,la quale urla:
            “Forza, caxxo”.
            Siamo o non siamo italiani? E allora….
            Vamos sta per “Forza”

      • TEUS by TEUS

        Un conto è urlare “VAMOS” o fare il pugnetto su un punto fatto con un vincente, un altro su un errore dell’avversaria.
        Errani purtroppo ha la cattiva abitudine di esultare su errori altrui e non è una cosa bella da vedere francamente.

  105. by r.b.

    @Atom
    Però se ci pensi bene, è meraviglioso quello che sta accadendo (forse sarebbe meglio dire mostruoso :-)). Cioè, gioca la Pennetta e il nostro amico dove va a guardare i commenti? Su Ubitennis? O Livetennis? O altri siti specializzati? O sul sito della Pennetta? No! Viene qui a leggere i commenti… Sul sito della Giorgi. Ora, quando gioca Camila, non è che io mi vado a leggere i commenti sul sito della Bouchard…. 🙂 o della Svitolina… 🙂 🙂 🙂 Ma neanche su quelli di Pennetta o Errani..
    Capite? Noi siamo comunque, nel bene e nel male, un punto di riferimento per il tennis mondiale (ok, ammetto che è un po’ forzatina questa :-)) e quello che si scrive qui non passa certo inosservato (al contrario dei siti web di tutti gli altri giocatori) 🙂

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      Beh, per il tennis mondiale no, almeno NON ANCORA 🙂 , però per quello Italiano lo siamo di sicuro (e questa volta non è una battuta…)

  106. by Atom

    Ho dato uno sguardo alla” discarica mediatica” ripiena di ogni genere di immondizia, ben collocata e manipolata dal bieco impostore sedicente giornalista che ha fatto, appunto, della spazzatura la sua massima aspirazione. Ero quasi certo, che essendo a corto di argomenti, il bieco spazzino avrebbe colto l’occasione di quel mio commento notturno per far scatenare i tre gatti e i quattro somari che rotolano tra i suoi rifiuti ed escrementi. Ebbene non sbagliavo ho letto il suo scatologico commento e in verità non mi ha fatto alcun effetto se non un senso di pena…uno sporco (inevitabile visto dove vive) omucolo sull’orlo di una crisi di nervi, frustrato ed incattivito dal fallimento di un blog (non esageriamo, diciamo sito di deposito bidoni) dove il marciume impera. Davvero penoso come un balbuziente che non riesce a spiccicar parola e commento se non intriso di quella materia che tanto ammira pure se in scatola. I grugniti e i belati dei suoi animali sono culminati con la ragliata di certo Antoniusso che ancora ha da scoprire se è sempre vivo oppure è morto qualche lustro fa e la notte oltre a questa ricerca faticosa si dedica ad inventarsi le più grosse cazzate che siano mai scritte da quando hanno inventato non la tastiera ma l’alfabeto. Inginocchiato all’omucolo fetido gli porge in omaggio l’ennesima stronzata (per restare nel tema da loro prediletto) e parla di idiozia l’unica materia in cui primeggia. va beh…io dedico a questo labile fantasma un bel verso di Dante che lo esalterà…e del cul faccio trombetta.

    • by r.b.

      Ah strano, sapevo dei tre gatti (c’è anche un mastino napoletano, a dire la verità 🙂 🙂 :-)), ma non sapevo dei nuovi quadrupedi 🙂
      Comunque, non frequentando certi posti……. 🙂

    • by r.b.

      ..e comunque ti faccio i miei più sinceri complimenti per questo post, scritto con una lucidità e una verve davvero uniche, dove ogni singola parola è affilata come una lama di Toledo, e che rasenta la perfezione dell’invettiva di ciceroniana memoria…. 🙂

  107. by Atom

    Ovviamente non siete obbligati a seguire i miei commenti ma chi mi critica prima di farlo dovrebbe rileggerseli o astenersi da dare giudizi avventati. Io tifo sempre tenniste italiane (sono stato criticato per questo) e la Pennetta (a parte Camila) è una delle mie preferite. Pensate che sono stato sveglio fino alle 4 per poi criticare Flavia? Ho fatto un tifo esagerato poi il mio post è stato uno sfogo extemporaneo appunto alle 4 di notte. Mi scuso del termine usato ma “il vomito” era per la prestazione non certo per Flavia. In effetti dopo un inizio sciolto e brillante…ha cominciato a sbagliare colpi incredibili specialmente di rovescio che è il suo pezzo migliore. Per diversi game non ha messo una prima (poi ha fatto 4 aces in un game) e giocava veramente sottotono…Mi dolgo pure per il riferimento a Fognini ma la sua partita con Mannarino è stata davvero vomitevole è sono sicuro di non dovermi scusare del termine come ho fatto con Flavia. Ma ero amareggiato e deluso perché la brindisina poteva fare molto di più…al contrario di Sara che pur perdendo 6 -0 6-1 secondo me ha dato il massimo. Il rammarico maggiore è di aver perso subito Camila e vedendo la scarsa vena della Pennetta e purtroppo i limiti di Sara pur al massimo, mi sono chiesto perché Camila non era ai quarti…pur compiacendomi che ci fossero le altre due italiane. Ma i due quarti giocati dalle italiane…pur interpretati in maniera diversa, hanno spento tutto il mio entusiasmo da come sono stati giocati e sono sicuro che se c’era Camila le cose sarebbero andate diversamente sia con la Woz che con Serena…Tutto qui…

    • Lucia by Lucia

      Lo so che sei un patriota , ti conosco . Saluti

      • by Atom

        Lucia ti ringrazio e ti faccio i complimenti per quello che hai scritto in cui mostri, tra l’altro, grande competenza sullo sport in generale. Pure io sono (ohimè) un appassionato di altri sport e concordo con la tua lucida e intelligente analisi…purtroppo capita anche a me di essere” disfattista” come tu rimproveri a certi italiani. Paradossalmente , essendo tifoso, sono portato spesso a fare valutazioni non oggettive e quando un mio beniamino fa una brutta prestazione mi dimentico (al momento) delle grandi soddisfazioni che mi ha regalato in precedenza. Un poco mi sono lasciato andare dopo la sconfitta della Pennetta appunto dimenticandomi (ribadisco al momento) di tutto quello che ha dato al tennis italiano. Quel post ,di cui certo non mi compiaccio, era uno sfogo dovuto alla brutta (o bella secondo i punti di vista) abitudine di seguire gli incontri di tennis nel cuore della notte (solo quando si gioca gli US OPEN e in Australia) …e scrivendolo certo il sonno non mi ha aiutato…. Fortunatamente ho un lavoro che mi permette queste pur rare “trasgressioni” notturne…Ora volevo vedere( almeno un po’) il re del tennis…Roger, ma non so quanto reggerò…intanto ricambio i saluti

        • Lucia by Lucia

          Memento audere semper.

          • by Atom

            va beh allora replico con un’altra… del sommo vate…Habere non haberi…

          • Sephir by Sephir

            Ci manca solo la canzone faccetta nera e poi abbiamo fatto en plein. X_X

            • by Atom

              Sephir i geni non hanno connotazione politica, dai non mischiare il sacro col profano. D’Annunzio, l’ultimo decadente, può suscitare ammirazione oppure no, ma è indiscutibile che fosse un genio…

              • Sephir by Sephir

                no ma non mi piace quando qualcuno esaspera l’autocelebrazione di sè e di propri valori sopratutto se accompagnati da messaggi di un certo tipo. Perchè è palese che certe frasi son scritte proprio con connotazione politica, come anche alcune prese di posizioni.
                Per un po’ ho fatto finta di niente ma il troppo stroppia.

              • Sephir by Sephir

                Son d’accordo con certi concetti ma non con la loro strumentalizzazione.

                • by Atom

                  Sephir in verità “faccetta nera” l’hai tirata fuori tu e non mi sembra fosse in tema con quanto detto sopra, dove si sono fatte due citazioni che possono valere per tutti lungi dunque da avere connotazioni politiche, a meno che tu non voglia considerare D’ Annunzio con le sue bizzarre divagazioni “esistenziali”, innanzitutto un fascista poi un poeta scrittore. Non mi sembra il caso…

                  • Sephir by Sephir

                    parlo in questo modo perchè ci son già stati determinati scambi di battute di un certo tipo tra Lucia e un altro utente e questo è solo un continuo. Per questo ho tirato fuori faccetta nera visto che c’è gente che sembra voler elogiare in maniera esasperata una determinata parte politica. Come se quest’ultima fosse l’unica portatrice di veri e giusti valori.

                • Lucia by Lucia

                  @ Sephir Carpe diem va meglio?

                  • Sephir by Sephir

                    sicuramente.
                    Visto che siamo in un blog di tennis e preferirei evitare la politica o altri argomenti delicati.
                    Parlare di certi argomenti mi inacidisce più del normale( visto che lo son già di mio) quindi se posso vorrei lasciarli stare.

                    • Lucia by Lucia

                      Sinceramente mi sembra che tu stia esagerando. Pero’ siccome sei tra quelli che in genere dice le cose più’ assennate lo terrò’ in considerazione. Sempre che non ti preoccupi che condivida spesso il tuo pensiero 🙂

    • by r.b.

      In effetti, avendo letto gli altri tuoi post, il commento sulla Pennetta mi ha molto sorpreso. Mi sarei aspettato piuttosto un panegirico sulla solidità mentale di Serena, che sotto 0-3…:-) 🙂
      Ma ce l’avrà Serena poi sto mental coach? O fa tutto Mouratoglu? 🙂

      • journasesto by journasesto

        Il mental coach di Serena sono i suoi attributi.

        • hector by hector

          Strano, di solito gli attributi si rifiutano di seguire la mente…e vanno per conto loro!

    • doherty by doherty

      secondo me flavia ha giocato una buona partita…l’ho vista quasi tutta.
      è veramente difficile giocare bene quando incontri un avversario nettamente superiore.
      ti mette tanta pressione,sei costretto a giocare sovra ritmo,la palla ti ritorna prima e piu’ veloce di quanto ti aspetti,sai che non avrai molte occasioni e le poche che si presenteranno devi sfruttarle per cui quando hai colpo agevole magari lo sbagli…
      ci si sente veramente impotenti e frustrati
      è una sensazione che chi gioca a tennis a qualsiasi livello puo’ provare
      credo che la prestazione non ottimale di flavia sia dipeso da questo
      se anche tu,atom,giochi l’avrai provata immagino…(spero per te poche volte 🙂 )

      • by Atom

        Doherty, in verità quello che io rimprovero alla Pennetta è proprio la mancata preparazione a quel tipo di gioco che poi è “stata costretta” a fare. Innanzitutto il servizio non è stato all’altezza della situazione, dunque sottotono ma in genere troppi errori sia di diritto che di rovescio (il suo colpo migliore) e ti assicuro non solo su bordate di Serena ma anche su palle controllabili. Tu dici che è andata in ansia perché aveva davanti quel tipo di avversaria ed io ti rispondo che doveva essere più lucida, attenta e concentrata proprio perché giocava con Serena.

        • doherty by doherty

          sicuramente poteva giocare meglio,ma per me non ha giocato cosi’ male…
          quello che riesci a fare dipende anche da quello che ti permette l’avversaria.
          è difficile essere concentrati quando sei sopra il tuo ritmo.
          non ho capito se sei un tennista o meno,se lo sei confermerai che in parte ho ragione

          • by Atom

            Doherty…Ho visto la Pennettà in difficoltà anche quando non giocava “sopra il suo ritmo” Era lei che mentalmente si è messa ansia e faceva errori condizionata dall’avversaria. ma era un condizionamento psicologico e non nel gioco. Va beh Serena spara bordate e su quelle non puoi farci niente ma rimprovero a Flavia di aver sbagliate anche palle facili che solitamente non sbaglia. Insomma al di là del gioco di Serena (che non è stato comunque eccelso)Flavia non era preparata psicologicamente e questo è stato un grosso errore che l’ha portata a fare errori £ da prima elementare” come ho scritto in quel post.sfogo così contestato.

            • doherty by doherty

              ok..su alcune cose la pensiamo allo stesso modo su altre meno…ovviamente rispetto la tua opinione.
              secondo me flavia era condizionata sia psicologicamente che nel gioco..che poi sono due aspetti legati a filo doppio.
              io gioco a livello bassissimo ma queste sensazioni le ho provate e,fidati,è veramente dura.

  108. doherty by doherty

    flavia è in finale in doppio…bravissime lei ed hingis !!!
    certo che il mio sogno sarebbe che giocasse con camila…

    • by C.M.

      chi? Flavia o Martina? 😀

      • doherty by doherty

        ahahah ! flavia…martina in panchina come coach e riserva nel caso una delle due non fosse disponibile causa singolare ..:-)

    • by r.b.

      Grandissima impresa, storica per il tennis italo-elvetico… 🙂
      Ma dobbiamo tifare anche Martina? 🙂 ah beh sì, ricordo di avere sempre tifato per la Dulko quando giocava in coppia con Flavia. Con le chichis è più facile, essendo entrambe italiane.
      Forza Flavia! Forza Martina! Abbattiamo le russe e portiamo a casa (a Ginevra? :-)) sto US Open!

      • doherty by doherty

        massi’ un meta’ in svizzera meta’ in puglia…:-)
        sara’ dura con makarova-vesnina…
        ma c’è da “vendicare”la sconfitta di cami…chissa’ se si cambiera’ il vestito anche stavolta ..:-)

  109. NIC by NIC

    @Riccardo @Lucia concordo pienamente con voi.
    Mi auguro che Atom abbia solo sbagliato espressione, perchè per come è impostata la frase sembra un insulto. Poi non capisco perchè viene tirato in ballo anke Fognini. I tifosi di Camila sono gli stessi tifosi di Flavia. Generalmente queste espressioni sono utilizzate da ben noto Stalker Perdigiorno per denigrare chicchessia, e noi non siamo lui. Sarebbe corretto nei confronti di tutti se rettificassi quanto detto!!

  110. riccardo by riccardo

    Tanto per capirci non è che io mi sia scandalizzato del termine utilizzato da atom. Sicuramente è stato infelice , del resto tempo fa mi aveva dato del decerebrato insieme ad alter ego perchè avevamo criticato fognini, non il suo talento che è indiscutibile ma bensi il suo carattere.
    Io però ripeto non mi scandalizzo ed in realtà a volte condivido il suo pensiero e le cose che dice ma magari non il modo. In particolare invece, mi fanno tanta tristezza coloro che non solo non tifano per le italiane e ripeto ci può anche stare ma addirittura gioiscono quando perdono. !!
    non è una questione di fare le vittime! Io sono tra quelli che ancora si commuovono quando un italiano sale sul gradino più alto del podio e quindi tifo indistintamente per tutti gli italiani . Poi è chiaro che ho le mie preferenze e quindi se camila gioca contro sara , roberta o flavia tifo Camila ovviamente. Sarò nazionalista si. Ma nazionalista mazziniano e non di altra specie.!!
    Vorrei anche dire che è troppo facile seduti in poltrona sparare a zero e dire che schifo, vergogna non sa giocare , deve fare questo e deve fare quest’altro ecc. ecc.
    Questo a volte è successo anche con la nostra Camila ma temo che chi è tanto prodigo di consigli , in realtà non sia andato oltre qualche torneo da circolo la domenica!!
    Giocare a certi livelli, arrivare ad un quarto di finale slam non è una passeggiata!!
    Ricordatevi sapientoni che la tanto criticata sara errani ha fatto una finale slam al roland garros e qualche altra semifinale in altri tornei dello slam. Ricordatevi che sara, roberta, francesca e flavia hanno portato a casa 4 fed cup ! ah già dimenticavo sarà stato un colpo di culo!!
    Camila merita tifosi migliori. NOn affannatevi a rispondermi e mandarmi al diavolo tanto non vi rispondo più.

    • eulondon by eulondon

      Ciao Riccardo! Mi fa piacere che la tentazione di scrivere abbia avuto la meglio sulla decisione di non farlo! Ho sempre apprezato i tuoi interventi perche’ hai sempre dimostrato in modo equilibrato il tuo “amore” per Camila ed il suo gioco adrenalinico! Ognuno di noi e’ diverso dall’ altro e, credo che, finche’ non si offenda nessuno e finche’ non vengano utilizzate espressioni volgari etc, non ci sia nulla di male a esprimere dubbi e perplessita’ ( anche in modo un po’ colorito) su altre giocatrici. Anche se Italiane. Io, come si e’ capito (credo) non apprezzo assolutamente la Errani. Non mi piace come gioca e, lo ammetto, qualche giorno fa l’ ho definita “cafona” nei comportamenti. Qui parliamo di personaggi pubblici, gente che si “espone” e quindi ognuno ha il diritto di potersi fare un’ opinione, anche se solo dettata da un gusto personale! Non mi sognerei mai di gioire a casa di Camila di sconfitte altrui, perche’ come credo di aver detto altre volte.. Io semplicemente non tifo.. Ma non tifo contro. Non vedo nulla di male, tuttavia, nello scambiarsi opinioni ( in modo corretto e non aggressivo) su un blog.
      Il problema sai qual’ e’.. ? Che Cami ha perso troppo presto e, troppo tempo in silenzio e’ difficile stare… Tra l’ altro le vacanze sono finite :-)!

      • riccardo by riccardo

        ciao eulondon. So bene che non ti piace molto la errani e nemmeno io impazzisco per il suo gioco.
        Non potrei essere tifoso di camila del resto se mi piacesse una con un gioco difensivo come sara.
        So bene che non sei tipo da gioire per le sconfitte delle nostre. il mio tifo per camila non è in discussione. Tuttavia io rispetto le nostre giocatrici che hanno fatto grande l’italia del tennis e questo è un dato oggettivo.
        Non posso che essere in accordo con lucia quando dice che questo è uno strano paese .
        Me ne sono stato zitto per molto tempo ma ho letto sempre gli interventi qui sul sito . Addirittura qualcuno pensa che fare dei complimenti agli altri tennisti o tenniste sia una provocazione . Insomma nel sito di Camila si può parlare solo di camila e basta. ti pare normale? A me non pare normale ed è per questo che ho deciso di non postare più ma oggi … beh.. non ho potuto star zitto e ti assicuro che mi sono limitato. vorrei ribadire che non parlo di atom , può capitare di sbagliare espressione. Penso ad altri utenti ma non faccio nomi non serve. certe esultanze e certi commenti li trovi sinceramente disgustosi. La finisco qui perché tanto non serve. hai certamente ragione tu , camila è uscita troppo presto e quindi si da di matto. Continuerò a leggere e spero di gioire presto per una vittoria di camila.

  111. by C.M.

    Quando Serena è in giornata buona, semplicemente non esiste una tennista capace di batterla. Che sia Flavia o chiunque altra.
    Per esempio la tanto decantata Sharapova ci ha perso le ultime 15 (quindici) partite. Mettendo insieme la miseria di 3 set.
    Flavia ha fatto quello che poteva e – IMHO – ha ben figurato e rappresentato degnamente l’Italia.
    Ma dall’altro lato della rete c’era la più forte tennista di tutti i tempi…

    • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

      È da un po’ che mi astengo dal postare commenti, sia per qualche residuo di vacanza, sia perché mi sono imposto di non scrivere (o almeno di non scrivere troppo 🙂 ) quando non ci sono partite, ma questa affermazione NON PUÒ passare liscia, almeno su questo sito!

      <>
      La frase DEVE OVVIAMENTE essere completata con <>, altrimenti non è corretta!

      🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

      Vaaaaaaaaamooooooosssssssss Caaaaaaaaaaamilaaaaaaaaaaaa!!!!

      • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

        Maledetti tag HTML!!! ho fatto le virgolette con maggiore e minore ed il commento è stato tagliato… quello corretto è:

        È da un po’ che mi astengo dal postare commenti, sia per qualche residuo di vacanza, sia perché mi sono imposto di non scrivere (o almeno di non scrivere troppo ) quando non ci sono partite, ma questa affermazione NON PUÒ passare liscia, almeno su questo sito!

        “Ma dall’altro lato della rete c’era la più forte tennista di tutti i tempi…”
        La frase DEVE OVVIAMENTE essere completata con “prima dell’avvento di Camila”, altrimenti non è corretta!

        Vaaaaaaaaamooooooosssssssss Caaaaaaaaaaamilaaaaaaaaaaaa!!!!

        • zio gio by zio gio

          Bentornato.

          • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

            Grazie Zio Gio’, è un piacere leggerti!
            Mi pare che stiamo diventando un po’ come una famiglia, quando uno si assenta per qualche tempo è bello vedere che qualcuno ti saluta… 🙂

    • giuseppe by giuseppe

      “(Serena) …la più forte tennista di tutti i tempi…”
      Solo a livello di discussione puramente accademica e senza alcun intento polemico, a mio avviso una Navratilova in grande spolvero forse avrebbe dato del filo da torcere a Serena, fino a farla boccheggiare per deficit di ossigeno e, sempre a mio avviso, sarebbe quello che dovrebbero tentare di fare eventuali avversarie capaci di farla correre per più di quattro-cinque scambi da una parte all’altra del campo e anche chiamare a rete con un gioco variato in continuazione (da quanto ho visto finora, sono questi gli scambi che perde). Ma questo rimane solo un mio punto di vista.

  112. Lucia by Lucia

    Siamo un popolo bizzarro, da trent’anni aspettiamo la vittoria nel Tour , poi arriva Pantani vince ma chissà’ cosa prendeva (gli altri invece…) , lo fermiamo in Italia con tanto di carabinieri a scorta del suo ematocrito. Fine.
    Poi per miracolo arriva Nibali ma non vale perché’ in due sono caduti e ritirati.
    Trepidiamo per il calcio , nel dopo guerra vinciamo due mondiali, tutti e due preceduti e seguiti da polemiche violente ed infinite, distrutto tutto e ogqi a chiedersi come ritornare ai fasti di allora.
    Mai vinta una medaglia d’oro alle olimpiadi femminili di nuoto, arriva la Pellegrini si pero’ e’antipatica , semina record su record si peró’ ma il costume….
    Arrivo al tennis non vinciamo uno slam da Panatta. Arriva la schiavo ma è’ brutta e ha avuto fortuna ( già’ la finale dell anno successivo nessuno la ricorda).
    Questa generazione italiana di tenniste e’ la più’ forte di tutti i tempi. Ma Sara e’ così’, Flavia e’ cola’ …. Scusate la franchezza ma tifare Camila non deve significare mettersi contro tutto il mondo, Italia compresa.

    • riccardo by riccardo

      Carissima Lucia sei grande! quando mi riferivo ad utenti che non postano più mi riferivo anche a te.
      Io la penso esattamente cosi!! Va bene , esiste la libertà di opinione e ci mancherebbe.,tuttavia sembra che essere tifosi di Camila significhi dare addosso alle altre. Qui si gufa addirittura!! Penso che Cami meriti tifosi più intelligenti.. Sono d’accordo con te .

    • doherty by doherty

      se le nostre fossero francesi,tedesche o inglesi nei rispettivi paesi le osannerebbero (magari anche esegerando) noi in italia invece facciamo chissa’ perchè sempre il contrario…
      per arrivare in alto nello sport professionistico ci vuole tanto lavoro,tanto sacrificio,tanta passione,tanta salute e ovviamente anche un poco di fortuna.forse molte persone di questo non si rendono conto.
      son d’accordo con te

    • zio gio by zio gio

      Si,ma basta con sto vittimismo.
      Non è stato offeso nessuno. Atom parlava di una prestazione vomitevole…non ha fatto riferimenti alla signora Flavia Pennetta.
      Abbiamo tennisti che insultano giudici di sedia e avversari, provocano il pubblico e ci scandalizziamo di commenti riferibili a prestazioni sul campo?
      Pensate a tutti gli insulti che vengono mossi a qualcuno di nostra conoscenza…quello è grave

    • Ace by Ace

      Brava Lucia!
      Scrivi di più per favore così si diluiscono certi interventi.

      Zio Gio, non so se è nato prima l’uovo o la gallina(non c’ero), ma certi insulti che girano sui diversi siti su Camila sono comunque una risposta(ovviamente sbagliata) ai commenti che si leggono sul suo sito. Una riflessione ce la farei. Poi sono d’accordo con te che siamo qui a parlare di tennis e non mi scandalizzo troppo per una parola fuori posto.

    • boy by boy

      inutile dire che concordo assolutamente con quanto scritto da Lucia.

    • by r.b.

      Sono d’accordo, comunque secondo me Camila suscita enormi simpatie e attira davvero moltissimi fan, per forza ce ne sono di tutti i tipi. Ma ve la ricordate gente come papale o miaomiao? 🙂
      Se fossimo nella condizione di altre siti 🙂 dove sono in 4 di numero a commentare ci sarebbero meno rischi, perciò non me la prenderei troppo con certi utenti, pur dissociandomi fermamente da qualunque espressione volgare e da qualunque forma di rosikamento e tifo contro (tranne in partita, ovviamente). La Pennetta poi è una delle mie preferite, il suo gioco è veramente un esempio e lei come donna e come atleta è solo da ammirare.

      • by r.b.

        Ah comunque di miaomiao sento un po’ la mancanza, di papale molto meno!… 🙂 🙂 🙂

        • Ace by Ace

          Bravo r.b.! Miaomiao certe cose non le faceva passare! 😉
          Secondo me Miaomiao era mancino…io sono destro e mi sgridava sempre..

    • by antonelo

      Parole sante.
      Se siamo italiani, dobbiamo tifare per le italiane.
      Se siamo mancini, dobbiamo tifare per le mancine.
      Se abbiamo gli occhi azzurri, dobbiamo tifare che le tenniste con gli occhi azzurri.
      E’ questa la logica, no?

      • Sephir by Sephir

        E’ inutile che cerchi di girar le frittate…o forse non hai capito il post di Lucia?
        In ogni caso ti ricordo che tra il criticare aspramente o gioire delle sconfitte di italiane e tifarle ci son anche vie di mezzo.

        • by antonelo

          L’ho capito ma non lo condivido. Per me il fatto che una tennista sia italiana non ha più importanza del fatto che sia mancina o abbia gli occhi azzurri. E’ solo una peculiarità che acquista alla nascita, non un merito che la rende speciale.
          Per quanto riguarda il gioire per le sconfitte delle italiane, come ho detto più volte il mio desiderio è che Camila diventi il più presto possibile la numero 1 d’Italia e questo obiettivo passa anche attraverso i risultati negativi delle italiane che la precedono in classifica.
          Magari a te sembrerà orribile sperare in un risultato negativo per una mia connazionale, ma vedi se ad esempio Camila incontra la Wozniacki, tu di certo speri in un risultato negativo per la danese. Ecco, io a differenza di te non considero i “non italiani” una “razza inferiore” per i quali è lecito tifare contro. Per me sono tutti uguali. E si può tifare contro per tutti.

          • by r.b.

            Scusa, ma ci vedo una contraddizione qui. Se essere italiani non conta nulla, se è solo una “peculiarità che si acquista alla nascita”, perchè mai Camila dovrebbe essere la n° 1 d’Italia? Che ci/ti importa? Magari sarà la #1 in Italia, ma poi la #40 al mondo. Preferisco che sia la #1 nel ranking WTA, che ovviamente non fa questione di nazionalità.

            • by antonelo

              Ho precisato che è un mio desiderio personale… probabilmente a Camila non importa nulla di diventare la numero 1 in Italia.
              Il motivo del mio desiderio?
              Perché è questo il tipo di classifica che viene abitualmente stilata dai media. Se stilassero le classifiche in base al colore degli occhi, vorrei Camila al primo posto anche in quella.

          • Sephir by Sephir

            Interessante il tuo ragionamento…quindi ti comporti in questa maniera anche con i tuoi familiari stretti?
            Anche la famiglia non te la scegli però scommetto che maggor parte delle persone (di quelle che hanno un buon rapporto ovviamente) la preferirà sempre ad un estraneo in tutta una serie di situazioni.
            E’ la stessa cosa con l’essere italiano. Non lo scegli ma è comunque un collegamento, parte della tua identità e chi ha la bandiera uguale alla tua alla fine finisce con il rappresentare anche te, che tu lo voglia o no. Trovo stupido quindi tifare contro perchè significa tifare contro se stessi.
            Si può criticare il gioco, si può criticare la persona e dissociarsi da essa ma è completamente stupido dissociarsi da un risultato favorevole. Quello rimane comunque una cosa positiva.
            Poi se proprio ti sta stretto essere italiano si può sempre espatriare e prendere un’altra cittadinanza.

            • Sephir by Sephir

              quindi per quanto mi riguarda è meglio augurarsi di avere risultati favorevoli (o neutri = indifferenti se la persona non è di gradimento) per tutti i nostri rappresentanti e poi palesare la propria preferenza negli scontri diretti.

            • by antonelo

              Rispetto il tuo punto di vista, ma non lo condivido.
              Per me un estraneo italiano, uno francese ed uno sammarinese sono tutti sullo stesso piano. Non ho preferenze. Non valuto le persone in base alla loro nazionalità, come non le giudico in base al loro colore degli occhi o alla loro altezza.
              Non mi sta stretto essere italiano, semplicemente non do tutto questo valore alla cittadinanza.
              Se tu ti senti rappresentato dalle altre tenniste italiane va benissimo, ma è appunto un “sentire”, cioè una sensazione personale. Per quanto mi riguarda, invece, gli unici italiani a rappresentarmi sono i politici per cui ho votato. Perciò se auspico una sconfitta della Errani o della Pennetta, non sto facendo il tifo contro me stesso, ma il tifo a favore della realizzazione di un mio desiderio.

          • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

            Sai Antonelo, una volta la pensavo come te, mi consideravo “cittadino del mondo” e la mia nazionalità non mi importava… in fondo era quello che mi avevano insegnato a scuola, ed anche i miei la pensavano così.

            Poi ho iniziato a girare il mondo, per lavoro e non da turista, e mi è capitato di parlare di questa mia convinzione con un mio caro amico irlandese, che aveva una opinione diametralmente opposta.

            La sua risposta fu: “Amico mio, tu la pensi così solo perché hai viaggiato ancora poco. Ma se tu andassi in giro di più, ti accorgeresti che ogni popolo ha le sue caratteristiche e rappresenta e difende i propri interessi e la propria identità. In generale gli italiani amano poco spostarsi per lavoro e lo fanno solo se costretti, quindi in Italia molti la pensano come te e non ve ne rendete conto, ma vi sbagliate della grossa”.

            Sono ormai passati diversi anni, ma dopo aver fatto le mie esperienze, devo ammettere che il mio amico aveva ragione.
            Noi italiani, in genere, siamo esterofili, tranne quando ci toccano sugli interessi “strettamente” personali.

            Se imparassimo ad amare e far rispettare la nostra identità, ovviamente senza disprezzare quella degli altri, daremmo al mondo un contributo migliore, con vantaggi non solo per il nostro popolo, ma per tutti. Quando lo facevamo, abbiamo dato al mondo le università, gli ospedali e le banche, e non voglio fare un elenco troppo lungo per non essere noioso…

            🙂

            • Ghaal (Trionferemo a Wimbledon) by Ghaal (Trionferemo a Wimbledon)

              Dimenticavo: università, ospedali, banche… e la tennista più eccezionale ed inimitabile che sia mai esistita (e anche io farò festa quando sarà la prima delle italiane, e, ovviamente, anche del mondo)!

              😉

    • by lucio

      CONCORDO AL 100% CON CIO’ SCRITTO DA LUCIA.
      COMUNQUE SPERIAMO SEMPRE IN POST DI QUESTO TIPO ALTRIMENTI DIAMO RAGIONE A CHI SCRIVE IN ALTRI SITI CON ALTRI CONTENUTI.

  113. by r.b.

    Pochi parlano della Makarova, che è una giocatrice fortissima, in passato (anche recente) giudicata però molto discontinua, capace di singole imprese ma anche di sconfitte molto deludenti, e che a questi US Open è riuscita per la prima volta ad arrivare in semifinale in uno Slam. Ricorda qualcuno? 🙂 Comunque la russa è del 1988, quindi ha 26 anni e il suo primo anno nel circuito a livello WTA è stato il 2008, dove a livello ranking ha iniziato l’anno come # 108 e ha chiuso da #48. Come dire, anche lei ci ha messo un po’ per trovare una quadratura ad alto livello nel suo gioco. In carriera ha vinto solo 2 tornei, Eastbourne nel 2010 e Pattaya nel 2014. Sembrerebbe un po’ pochino no?
    Forza Camila, è ora di comimiciare a vincere, con calma, senza fretta, e soprattutto senza troppe pressioni, vincerai perchè sei forte e giochi un tennis stellare! 🙂

    • journasesto by journasesto

      Makarova ha un bel gioco, bellissimi colpi lunghi e penetranti, ma solo quest’anno sembra aver trovato più continuità dopo tanti anni di onorata carriera. Però ieri, guardandola, mia moglie, che di tennis si interessa poco, mi diceva che Azarenka dava la sensazione di essere una grande giocatrice e di prendersi dei rischi, pur sbagliando, mente Makarova sembrava un fantasmino.
      Si può obiettare, ma secondo me ci ha abbastanza preso.
      Makarova ha i suoi punti deboli, tra cui una seconda di servizio molto molle, che di fronte a una Azarenka più centrata, ieri, non le avrebbe probabilmente consentito di vincere così facilmente.
      Camila invece non ha colpi da “fantasmino”. Non ha un colpo debole, ma il problema generale di tenerli tutti in campo quando non è giornata. È, insomma, una giocatrice molto diversa da Makarova. Arriverà alla giusta maturazione e farà molto meglio della russa.

  114. by Mape

    Giorgi dopo la stagione asiatica a Linz come testa di serie numero 8, e a Mosca dove non è testa di serie visto il livello del tabellone principale.

    • by lucio

      Per definire la tds a linz e’ un po’ presto ……….vediamo.

  115. by Atom

    Pennetta da vomito. Impresentabile come il suo fidanzato. Va beh giocava con la Williams ma dopo un inizio decente errori da prima elementare del tennis. Vorrei sapere perché tenniste come Pennetta e la stessa Errani (che comunque fa sempre il massimo) si trovino avanti a Camila. Ma lo so.

    • by livio71

      sono d’accordo con te….aspettero’ il giorno in cui camila incontrera’ la williams e poi vedremo..camila è l’unica che ha il potenziale, perchè è l’unica che tira vincenti agli angoli forti e precisi… le altre tenniste italiane no…

      • by r.b.

        Beh precisi mica tanto altrimenti saremmo già nella top 20.

    • Ace by Ace

      Non son d’accordo. Oggi Serena era ingiocabile. E’ stata perfetta. Flavia ha fatto il massimo contro una giocatrice di un’altra categoria quando è in forma. La Camila degli ultimi tempi non credo avrebbe fatto meglio e comunque prendiamo atto, quando commentiamo con estrema criticità le altre giocatrici che la nostra è uscita al primo turno con una giocatrice con una posizione di classifica molto distante.
      Camila arriverà in alto, ma oggi è ancora lontano da questi livelli. Meglio ricordarselo per evitare poi critiche esagerate alla prossima sconfitta.
      Il cammino per raggiungere questo livello è ancora lungo e in tutti i modi questa Serena a mio avviso è imbattibile.
      Notte

      • enzo by enzo

        Sono totalmente d’accordo Ace.
        Flavia ha giocato come Serena le ha permesso : ha iniziato molto bene ma poi il cannibale si è svegliato ed ha infilato 6 giochi per chiudere il 1° set 6-3.
        Nel 2° quasi la stessa musica.
        Serena è ingiocabile , è sempre al posto giusto, serve in modo incredibile e quando decide di prendere il largo , lo fa.
        La migliore Camila è forse l’unica a poterla mettere in difficoltà. ma per il momento siamo ancora ben lontani dal livello necessario.

    • zio gio by zio gio

      Atom devi aspettare la Williams per capire il potenziale di ognuna?

    • eulondon by eulondon

      A diferenza dell’ altra, apprezzo Flavia, il suo gioco ed il suo essere signora. Da vomito? E cosa avrebbe dovuto fare.. Cioe’ aveva di fronte una giocatrice che e’ di un altro pianeta. Una che si batte ( per ora) solo se e’ in giornata no o mezza rotta. Non e’ contro Serena che si misura il valore di una giocatrice, perche’ altrimenti sarebbero tutte schiappe al confronto di un’ unica, vera, campionessa. Detto cio’ spero che la giornata no.. Arrivi contro Caroline! Questo deve essere il suo slam 🙂

    • by antonelo

      Ah bene… non si può dire che una tennista italiana ha fatto ridere, perché è una mancanza di rispetto, in compenso si può dire che ha fatto vomitare, perché è una valutazione rispettosa.
      Ma dico io… tutti qui capitano?

    • by r.b.

      Non so se possa servire, ma mi dissocio da questa espressione non consona al tono linguistico del blog.

      • riccardo by riccardo

        Caro R.B come hai notato io non posto più nulla. Anche altri utenti non postano più. Io non riesco proprio a digerire certi commenti.
        Qui c’è gente che non soltanto non tifa per le tenniste italiane e va beh… ci può stare ,ma addirittura esulta quando perdono! Poi certi commenti in generale sulle nostre, come se fosse facile giocare a tennis a certi livelli. Ma giocatelo voi un quarto in uno slam! che tristezza……….

        • giuseppe by giuseppe

          Mi associo al 100% al tuo sentire, e confermo il mio post di ieri. Ciao.

        • by r.b.

          Hai ragione, a me piace commentare i match anche delle altre giocatrici (soprattutto una… :-)) in modo anche scherzoso o irriverente, ma senza mai scendere nella volgarità o in espressioni triviali. E comunque nel tennis si vince e si perde, anche Serena ha beccato un 6-2 6-2 a Parigi dalla Muguruza, è un punteggio severo ma può succedere, non c’è bisogno di scomodare espressioni come “vergogna” “vomito” o peggio.

      • by nds

        anch’io penso che a volte si continui a esagerare con commenti troppo forti sulle altre giocatrici,specialmente italiane.vabbè che siamo nel blog dedicato a camila,ma alcuni più che tifosi mi sembra stiano diventando degli ultras che si scagliano con una certa violenza verbale verso le altre giocatrici.poi a tal proposito criticare così aspramente la errani o la pennetta dopo che hanno perso ai quarti degli us open rispettivamente contro una ritrovata wozniacki e la n.1 serena williams mi sembra davvero esagerato e di cattivo gusto.

    • boy by boy

      idem come per il commento di antonelo dell’altro giorno.
      Anche in questo caso non capisco e non condivido.

      • by antonelo

        No scusa, non ti consento di mettere sullo stesso piano i due commenti.
        Ribadisco, la sconfitta della Errani mi ha fatto ridere. Ho riso di gusto pensando a tutti coloro che ritenevano una grande impresa l’aver sconfitto una Venus Williams in declino da anni. E che si erano risentiti perché su questo sito l’impresa non aveva suscitato sufficiente entusiasmo.
        Affermare che una tennista ha giocato da vomito dopo un’onorevole sconfitta in una partita dal pronostico chiuso è invece solo una provocazione di pessimo gusto.

        • boy by boy

          Atom avrà usato una parola forte che rispetto al tuo post non c’era…ma il senso dei 2 interventi a mio parere restano molto negativi. E poi dici che il senso di Atom era di provocare….perché il tuo dicendo che la Errani fa ridere….cos’era? Suvvia….un po’ di rispetto intellettuale….e poi mi ha colpito a conclusione del tuo intervento quel tuo “vamosssss camila” subito dopo avere scritto quella frase sulla errani….che c’entrava Camila?….a mio avviso hai “sporcato” una brava ragazza quale Camila è!
          La finisco qui…ognuno poi si fa le proprie idee e per fortuna noto che non sono il solo a notare certi atteggiamenti.

          • by antonelo

            Scusa, soffri di allucinazioni?
            Ho scritto, testuali parole

            Ma chi dice che il gioco di Sara Errani non è divertente?
            Sapeste le risate che ha fatto fare…
            Vamooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooos!

            Dove la vedi il “vamosssss camila” che ti ha colpito tanto?
            Cioè, se non riuscite a distinguere un “vamoooos” da un “vamooos camila”, davvero non accendetelo nemmeno il computer!

            E poi avrei “sporcato” Camila… vabbe’ si fa una doccia e torna pulita come prima…

            • boy by boy

              spiegamelo tu allora che centrava quel “vamos” appena sotto quella frase che l’Errani aveva fatto ridere.
              Ma anche no….intanto è stato chiaro il tuo intervento….tra l’altro neppure il primo di quel genere.

              • by antonelo

                Caro boy, a quanto pare continui ad avere le idee un po’ confuse… te lo devo spiegare o no?
                In ogni caso, se non capisci la differenza fra “vamos” e “vamos camila”, non capiresti nemmeno la mia spiegazione, fidati. Quindi te la risparmio.

                • Sephir by Sephir

                  intanto hai scritto che ti faceva ridere il gioco di Sara non tanto le persone sul blog o altro.
                  Per il resto Antonelo sei tanto triste quanto Atom…solo che in maniera diversa.

                  • by antonelo

                    Non hai capito il senso di quello che ho scritto. Ma non te ne faccio una colpa… non è alla portata di tutti.

                    • Sephir by Sephir

                      o forse sei tu che a furia di vamos non ricordi bene cosa significano delle frasi in italiano :).
                      Le persone non son nella tua testa e non stanno a leggere tutti i commenti di questo blog quindi non prendertela se poi qualcuno non capisce le tue “fini” battute.

                • boy by boy

                  non me lo spiegare tranquillo.
                  Cmq basta vedere anche con quale atteggiamento mi hai risposto qui in questo breve scambio di opinioni per capire tante cose. Finiamola qui, amen.

                  • by antonelo

                    Visto che mi hai accusato di aver “sporcato” Camila basandoti su una tua allucinazione, il mio atteggiamento è stato fin troppo benevolo.

    • doherty by doherty

      non ho visto tutta la partita ma,secondo me flavia ha fatto un match abbastanza buono…
      è veramente difficile giocare contro serena quando è in forma…ti mette tantissima pressione e quindi alcuni errori banali possono essere dovuti anche a questo motivo.
      dobbiamo cercare di staccarci dalla valutazione solo della singola partita ed invece valutare il torneo che per flavia è stato buono
      a volte sembra che fare i quarti in uno slam sia facile(forse perchè in questi anni le nostre ragazze ci hanno abituato bene)ma dobbiamo renderci conto che non lo è per niente.
      brava flavia !

      camila è l’unica italiana che ha i mezzi per battere serena, pero’ tra il dire fare c’è di mezzo ancora un grande mare…

      • doherty by doherty

        p.s.
        anch’io mi associo con chi chiede maggior rispetto nei commenti sulle prestazioni di giocatrici che indipendentemente dal loro tipo di gioco,dalla loro simpatia/antipatia,etc..si impegnano e danno il massimo nella loro professione

    • by bm0646

      Con commenti di questo genere, rimarranno veramente pochi a connettersi a questo sito

  116. boy by boy

    Intanto a quanto pare la Li sta pensando al ritiro.
    Ho letto che Serenona ha avuto qualche problema alla caviglia nell’ultimo incontro….confermate? Speriamo in una grande Flavia stanotte.

    • by Mape

      Confermo! Ha continuato il match quindi non penso che il problema sia davvero serio.

    • by livio71

      sicuramente piu’ di spessore della errani… spero flavia vinca…anche se io amo camila…

    • by r.b.

      Eh eh magari, la top 10 è già sin troppo affollata, se si libera un posto è molto meglio!!! 🙂 🙂

  117. AlterEgo by AlterEgo

    Stanotte Sara Errani, a Flushing Meadows, è andata a prelevare le semifinali degli US Open, ma, purtroppo per lei, ha trovato il “bancomat Wozniacki” (cit. dei soloni) fuori servizio…Chissà perchè, quando vi si è recata Camila, due volte su tre l’ha trovato funzionante ed ha potuto prelevare le qualificazioni al turno successivo a mani basse… 😉

    • Giovaneale by Giovaneale

      Una delle due volte addirittura sullo stesso campo e nello stesso torneo….quante coincidenze 🙂

    • by r.b.

      Non è che non funzionava, il Bancomat! Era Sara che aveva dimenticato il PIN!!!! 🙂 🙂 🙂

  118. journasesto by journasesto

    Me la sono guardata anch’io come r.b. oggi Cami contro Woz a New Haven, perché il secondo set non ero riuscito a vederlo mai. La bimba è stata davvero impressionante, sia al servizio che in risposta. In tutto il secondo set il servizio più lento che ha tirato era a 96 mph, il più rapido a 114 mph. Ma ha variato moltissimo, usando anche slice esterno e kick. Un servizio in slice che ha tirato verso metà del set andava addirittura a 110 mph.
    Quando gioca così nessuna in tutta la sta vicina per potenza e stile.
    Tra l’altro guardavo il record di Wozniacki nelle ultime settimane: su 21 partite giocate ha perso soltanto 3 volte, di cui 2 con Serena e 1 con Camila.
    Questo la dice tutta sul potenziale della nostra che tutti quanti qui conosciamo molto bene.
    Forza Cami, cerchiamo di fare in modo che i tuoi bassi siano meno distanti dai tuoi alti: nei prossimi tornei facci vedere ancora di che pasta che sei fatta!

    • journasesto by journasesto

      …in tutta la wta

    • by livio71

      ora su supertennis…il replay con la woz….grande camila…veramente …che gioia rivedere una partita così

  119. by Atom

    Tutte queste polemiche sulla Errani sono aria fritta. Il vero problema è che al posto della Errani poteva esserci Camila…ma non c’era. Discutiamo questo e chiediamoci il perché. Se Camila è più forte della Errani come tutti qui sono convinti, allora è un demerito non essere al suo posto nei Quarti. Quando scopriremo le ragioni della eliminazione di Camila e delle sue brutte prestazioni con tenniste inferiori, avremo risolto l’arcano. La cosa peggiore è avere grandi potenzialità e non sfruttarle, mentre è da elogiare chi ha poco ma da il massimo. Non mi consola per niente che la Errani abbia preso 6-0 6-1 da una giocatrice che Camila ha battuto due volte su 3. Anzi mi fa rabbia.

    • zio gio by zio gio

      Errani mette una grinta ammirevole in campo,fintanto che non si trasforma in provocazione verso il pubblico,come accaduto giorni fa.
      Wozniacki non mi sorprende affatto: ha saputo segnare vincenti in quella porzione di campo (centro destra) sguarnita,con la Errani convinta di avere le doti di Nadal al punto tale da comandare dalla mattonella del rovescio con il dritto anomalo: evidentemente anche Lozano sbaglia tattica(così come i continui lungolinea di dritto sul rovescio della danese).
      Wozniacki si fermerà sul più bello.

    • by Mape

      Errani è continua, Camila no.

      • zio gio by zio gio

        Errani è classe 1987. Camila no

        • by Atom

          Errani forse due o tre anni fa giocava meglio…figurati…lo dimostra il ranking…Dopo i 23 anni è difficile migliorare l’aspetto tecnico…

          • zio gio by zio gio

            Ma lo capisci che Camila ha avuto una programmazione bislacca e si ritrova,solo ora,a disputare una stagione intera. Se vuoi paragonare le due italiane,devi andare indietro di 4/5 anni. Ti ricordo che Cami,per due giorni,poteva essere classe 1992.

            • by Mape

              Ho detto un dato di fatto, l’Errani è più continua e ha un gioco che la rende tale. Potremo considerare tutti i fattori di questo mondo, ma al momento la verità e questa e la sappiamo tutti. C’è tempo per migliorare e sicuramente migliorerà.

              Sia chiaro che non parlo da tifoso di Errani, ma da sportivo che preferisce a lei molte altre giocatrici tra cui la Giorgi, che è in cima alla lista.

          • AlterEgo by AlterEgo

            Come no, vallo a dire a:
            “Francesca Schiavone che è anche, nell’era-Open, la seconda più anziana vincitrice del primo Slam: ha vinto il torneo di Parigi all’età di 29 anni e 345 giorni” (fonte: Wikipedia)

            e pure a Flavia Pennetta che:
            “Nel mese di marzo (2014, a 32 anni compiuti da poco) conquista per la prima volta nella sua carriera un Torneo WTA Premier Mandatory ad Indian Wells” (fonte: Wikipedia)

            Così, tanto per fare due esempi che smentiscono la solita (ormai) stucchevole leggenda metropolitana, riferita a Cami, del “Se non esplode adesso a 23 anni non sarà mai una campionessa/non sarà mai top ten/non vincerà mai un slam e/o mandatory ecc. ecc. ecc.” YAWN! 😀

      • hector by hector

        Forse la continuita’ non sara’ il maggior pregio di Camila, ma c’e’ ben di peggio: ad esempio le donne che si fanno segare a meta’ da un illusionista sono molto meno continue di Camila….

  120. by SanTommaso

    Per chi voleva sapere da che parte stesse il pubblico: se andate su twitter e cercate @saraerrani (non il profilo, ma i tweet contenenti la citazione) potete farvi un’idea, cercando tra i tweet di una decina di ore fa, a fine partita.

  121. giuseppe by giuseppe

    Dunque, alcune considerazioni, mie, fuori dai denti e su tastiera:
    – ritengo che ognuno di noi, quando scende sul campo da tennis, porti con sé il proprio bagaglio tecnico + le condizioni fisiche + lo stato mentale di quel determinato giorno, il tutto condito sicuramente dalla voglia di vincere ma anche di divertirsi. E’ dal combinarsi di questi ingredienti principali che scaturisce la prestazione, non sempre ripetibile, ma che riflette l’individuo tennista in quel momento.
    – per un professionista, ritengo si aggiungano anche la voglia di scalare le classifiche e quella di guadagnare con l’impiego della propria racchetta al meglio.
    – è così che a mio giudizio si spiegano alti e bassi dei tennisti, che altrimenti non avrebbero motivo di confrontarsi nei tornei.
    – è, altresì, evidente che la oculata amministrazione di quanto a disposizione in quella giornata consente di vincere incontri non scontati sulla carta e di salire in classifica, occupando posizioni che non devono rispecchiare necessariamente un bel tennis, ma comunque questo è quanto scaturisce dal circuito professionistico.
    – per gli stessi motivi, non ha senso denigrare atleti che esprimono un gioco che può non piacere, perché evidentemente hanno saputo utilizzare gli altri ingredienti a disposizione in quel momento per stare nei piani alti delle classifiche e, pertanto, meritano comunque del rispetto.
    – in quanto a Camila, di cui siamo ospiti ma delle cui imprese leggiamo poco quasi fossimo su altri siti, il suo gioco è certamente di un altro pianeta; vorremmo, vogliamo ardentemente, che possa essere anche del pianeta Terra, così da offrirci momenti sempre più numerosi di bel tennis.
    – come? non sta a me dirlo, ma una sana e costruttiva autocritica da parte della ragazza e di tutto il suo staff non sarebbe male.
    Comunque “palla e testa in campo”. Ciao Camila.

  122. eulondon by eulondon

    Dopo Linz Camila non partecipa al torneo di Lussemburgo. E’ iscritta a Mosca. 🙂

  123. doherty by doherty

    allora..
    il gioco di sara non è divertente…d’accordo
    ieri ha preso una batosta ..d’accordo ( alzi la mano tra le professioniste chi non l’ha mai presa..)

    pero’ nei quarti ci è arrivata (con merito )e non è la prima volta…ha fatto finale e semi al RG.
    non sara’ mai num1 e non vincera’ uno slam…pero’ ha fatto una signora carriera,da’ il massimo delle sue potenzialita’.
    quindi ha il mio rispetto.

    poi tutti noi sappiamo e speriamo che camila possa fare meglio…

    • by livio71

      l’ho vista giocare bene a roma…ma i difetti sono tanti… e che non si vogliono limare, non si vogliono cambiare..questo è il peggio…gioca il doppio e gioca poco a rete….ogni tanto se ne esce con ….ah dovrei giocare piu’ di dritto e fare piu’ vincenti… ma per favore…le manca l’atteggiamento…

      • doherty by doherty

        certo che ha dei difetti e dei limiti ..come tutte..
        su quanto ci lavori e se sono possibili dei miglioramenti questo non lo so
        fatto sta che non mi sembra che le manchi la voglia di lavorare e soffrire.
        vogliamo riempirla di critiche perchè in uno dei 4 tornei piu’ importanti solo 4 giocatrici al mondo hanno fatto meglio di lei ?
        coi suoi difetti è attualmente la seconda giocatrice italiana piu’ forte di tutti i tempi.
        perchè il tipo di gioco,i limiti,etc…non contano…contano i risultati nello sport..
        altrimenti se non fosse cosi’ mi dite,come diceva qualcuno,perchè tengono il punteggio ?

        camila puo’ fare una carriera molto superiore a quella di sara ed io sono convinto che tra qualche anno sara’ lei la tennista italiana piu’ forte di ogni epoca,ma dovra’ per riuscirci anche lei minimizzare i suoi difetti e limiti..

  124. by antonelo

    Ma chi dice che il gioco di Sara Errani non è divertente?
    Sapeste le risate che ha fatto fare…
    Vamooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooos!

    • by Atom

      Puoi anche non tifare per un italiana sono fatti tuoi. Ma il controtifo sguaiato è mancanza di rispetto non solo agli italiani che amano il tennis, ma alla stessa Camila perché è un atteggiamento antisportivo. la Errani e la Giorgi quasi sicuramente saranno per diversi anni compagne di nazionale ed instaurare questo clima non giova nemmeno a Camila

      • eulondon by eulondon

        Di sguaiato c’e’ solo il comportamento di Errani. A proposito, cosa ne pensano gli italiani che amano il tennis di una che dichiara” speravo sbagliasse, invece niente”?

        • Sephir by Sephir

          è il suo modo di giocare eulondon. Lei butta la palla continuamente fino a quando ce la fa e tenta di spingerti all’errore (vuoi perchè fuori posizione, vuoi perchè tenti un vincente molto difficile ecc.)
          Non capisco quale sia il problema. E’ una ragazza bassa, senza servizio e non ha chiaramente le capacità tecniche di altre sue colleghe e ha cercato di sviluppare la strategia che le consente di vincere il maggior numero di match.
          Se prova a diventar aggressiva inizia a regalare punti e perde.
          Qual’è il problema? A te piace un altro tipo di tennis? ci sta ma non vedo nulla di male nel cercare di vincere con i propri mezzi a disposizione.
          Se è così alta in classifica significa che son le altre giocatrici che hanno un livello troppo basso di gioco nel circuito.

          • eulondon by eulondon

            Infatti sul suo gioco, per me, nessun problema. Non mi piace e punto. Sul modo di essere, sui comportamenti, sull’ atteggiamento.. Li’ invece vedo il problema. Ed e’ questo che me la rende antipatica e intifabile. Se al tutto aggiungo un altro paio di cose che ho saputo.. Beh…sto ancora meravigliandomi di come mai non le faccia il tifo contro. Perche’ questo, giuro, non lo faccio mai!

            • Sephir by Sephir

              ok ma dal non tifarla al controtifo c’è un ulteriore step.
              Fabio Fognini non mi piace per niente tanto per far un esempio ma preferisco far finta di nulla.
              Controtifare una persona della tua stessa nazionalità lo trovo sgradevole. Gioire delle sconfitte di una persona che bene o male rappresenta il tuo paese e sbandierarlo ai 4 venti a me sembra stupido. (ed è diverso dall’essere critici)

    • eulondon by eulondon

      Soprattutto Caroline stara’ ancora ridendo di gusto! Certo che vedere risultati del genere a questi livelli di un torneo, con una delle 2 giocatrici che non tiene neppure un servizio e’ triste proprio.

    • boy by boy

      mi domando cosa ci sia di diverso in questo post da quelli che tanto vi danno fastidio quando invece vengono fatti contro Camila.
      Io seriamente non capisco questo modo di vedere le cose….sarà senza dubbio un mio limite.

  125. by Atom

    Non è stata una sconfitta umiliante. Fanno lo stesso gioco ma ora la Woz è più forte. A parte il servizio, che fa già una grande differenza, la danese è perfino più forte fisicamente di Sara, cioè nella corsa. Comunque questa Woz come avevo previsto diverso tempo fa ritornerò in Top Five.

    • AlterEgo by AlterEgo

      Da tifoso di Camila, alla frase “Comunque questa Woz come avevo previsto diverso tempo fa ritornerò in Top Five.” avresti potuto aggiungere “il che accresce ulteriormente i meriti di Camila per averla battuta nettamente a New Haven ed è una chiara indicazione delle enormi potenzialità della nostra nel medio.lungo termine…”
      O forse anche tu, come qualcun altro qui ha espresso in passato, credi che ‘una rondine (a proposito, con l’exploit di New Haven siamo arrivati ad almeno 9 rondini… ;)) non fa primavera?’

  126. gimusi by gimusi

    Sara ha comunque fatto un ottimo torneo…ovviamente viene da pensare “ma se ci fosse stata Cami là…” però la nostra bimba non c’era…ma sono certo che si rifarà con gli interessi in futuro…ora l’importante è sistemare il piedino e finire la stagione come è cominciata per poi puntare ad un grande 2015…forza Cami…e anche forza Flavia…mi auguro che riesca nell’impresa 🙂

  127. doherty by doherty

    non ho visto la partita,mi spiace per sara che comunque ha fatto un buon torneo.
    contento per flavia in semi nel doppio e speriamo anche nel singolo ! peccato sia stanotte la partita.
    forza flavia !!!

    @ zio gio
    nonostante tu dica che io sono un provocatore (!) mantengo le promesse e ti devo una pizza virtuale perchè avevo scritto che sara poteva vincere con woz e tu sostenevi il contrario.
    in questo caso avevi ragione …

  128. avadar by avadar

    E’ un 6/0 6/1 che invoca e chiama Cami…..
    la Woz andrà fino in fondo, ma anche grazie alla versione di Cami benefattrice….

  129. by r.b.

    Questa estate ero via quindi non ho visto partite. Così ho recuperato un po’ e mi sono visto su YouTube il match di Camila contro Caroline a New Haven. Sono rimasto abbastanza sbalordito, come fa una giocatrice così ad essere fuori dalle semifinali agli US Open? Ovviamente la risposta è e deve essere molto semplice, perché non gioca sempre così. Sembra come se Camila possa giocare al 100%, oppure se non riesce gioca solo al 10% delle sue capacità e possibilità. Vie di mezzo no?…. 🙂

    • farotto by farotto

      Sul sito ufficiale degli usopen leggo testuali parole “Wozniacki Storms into Semis –
      Tenth-seeded Caroline Wozniacki turned a potential battle into a one-sided affair, crushing Sara Errani…”. A New Haven invece c’è stata “Giorgi Storms over Wozniacki”. Se è vero che la Woz è la tennista più in forma e più forte in questo momento (purtroppo Serena è altra cosa…), ed in un solo mese la semifinale a Cincinnati persa con Serena e questa semifinale agli usopen ne sono dimostrazione, se io fossi Camila ne trarrei un grandissima ispirazione, e mi convincerei in maniera assoluta e definitiva di essere una delle tenniste più forti del mondo, senza più nessuna ombra di dubbio. Solo Cami ha sovrastato la Woz in questo mese, e la Woz non può avere alti e bassi da una settimana all’altra, così come ha testimoniato lei stessa dopo la sconfitta contro la Giorgi (“le palline dovevano uscire, invece…”). Sulle statistiche di New Haven contro la Woz, la % di prime si è avvicinata al 60%, segno che quando serve anche solo discretamente, non ce n’è per nessuno. E’ sempre più evidente a questo punto che i problemi da risolvere, e secondo me anche non tanto difficilmente, sono due: servizio ed approccio mentale alle partite. Forza Cami, ce la puoi fare, non vedo l’ora di vederti finalmente ai vertici.

      • hector by hector

        Pare che la Fit, leggendo gli appelli provenienti da questo blog relativi all’adozione di un mental coach per Camila, si sia mossa prendendo un gran topica. Voci che filtrano dall’entourage del presidente Binaghi parrebbero confermare l’ingaggio di un menta coach per Camila, bravissimo anche con orzata, granatina e tamarindo. Comunque vada per Camila sara’ una stagione molto dissetante.

        • by r.b.

          LOL 🙂 menta coach… 🙂 🙂

        • AlterEgo by AlterEgo

          Allora fatela allenare qui in sicilia, sai quanti chioschi con le bevande da te menzionate ci sono in giro? 😀 😀 😀

    • zio gio by zio gio

      Vuoi dire che ancora non avevi recuperato quel match?

      • by r.b.

        Ne avevo parecchi da recuperare, anche tutti quelli di Ana a Cincinnati… 🙂 (soprattutto la strepitosa semifinale contro la Sharapova vinta 7-5 al terzo set dopo aver annullato 2 match point).
        Il fatto è anche che sono tornato sabato sera e c’erano gli US Open in diretta e ho visto un po’ quelli su Eurosport. Il match di Camila l’ho visto ieri e ho commentato solo oggi.

    • eulondon by eulondon

      Cosa? Lo hai visto solo ora?!? Pensa che io appena tornato dalle vacanze.. Ho aperto casa, riposto in un angolo la valigia e preso l’ ipad. Ah ah ah! Peccato non ci fosse anche il match con Wandeweghe.. Secondo me anche li’ abbiamo fatto scintille..

  130. by r.b.

    La logica è stringente: Camila ha battuto Wozniacki che ha battuto Errani, quindi Camila è più forte di Sara.
    Ma Sara ha battuto Rodionova che ha battuto Camila, quindi Sara è più forte di Camila…. 🙂
    Bella la logica applicata al tennis femminile! 🙂 🙂 🙂

    • by Alessandro1983

      Camila ha battuto anche Sara Errani oltre ad aver sconfitto due volte la Wozniacki 😉 XD

  131. Giovaneale by Giovaneale

    Il massacro è durato 65 minuti.
    Wozniacki batte Errani 6-0 6-1
    In una parola:prestazione umiliante per una ex numero 5.
    La danese,comunque,è davvero generosa…dopo aver regalato la partita a Cami a New Haven ha regalato ma solo un game e per giunta sul proprio servizio (perchè la Errani si è fatta brekkare SEMPRE) alla malcapitata Sara.
    Ho visto la partita quindi se qualcuno desidera posso parlarne ancora ma non vorrei proprio infierire davanti ad uno strapotere totale della danese.

    • Giovaneale by Giovaneale

      *In una sola FRASE e non parola…scusate ma l’ora è tarda 🙂
      Ps. Cresce il rimpianto per quello che poteva essere e non è stato..poteva davvero essere il torneo di Cami,con la danese se la sarebbe giocata certamente meglio di quanto non abbia fatto la Errani,sicuramente non ci avrebbe perso con questo punteggio.

    • hector by hector

      Non ho visto il match, ma parlerei di sconfitta netta, non umiliante. Non vedo cosa ci sia di umiliante nell’essere ai quarti di uno slam.

      • Giovaneale by Giovaneale

        Ok,eliminiamo umiliante e parliamo di batosta?E’ meglio?Oppure di “vera lezione” cosi come ha dichiarato la stessa Errani a fine match?
        La Woz fa tutto quello che fa Sara ma molto molto meglio.
        Da segnalare una cosa interessante detta dalla danese e che potrebbe farci riflettere sul gioco di Cami:”Avevo visto il match della Lucic che cercava di fare subito il punto con la risposta. A me non era sembrata una tattica giusta. Io preferivo prendere l’iniziativa dello scambio attaccando da fondo.”
        Sul pubblico infine dopo la partita di Federer è molto sceso di numero.Quando si assiste ad una lezione di tennis c’è poco da fare anche per il pubblico,di certo comunque non ha calorosamente spinto Sara verso un’improbabile rimonta.
        E’ andata cosi,nell’indifferenza generale!Restano i quarti in uno slam?E’vero,restano le vittorie su Flipkens (che era avanti 5-2 nel secondo set e si è “suicidata”),su Rodionova che ha avuto palla del 4-1 nel primo e nel secondo sul 4-4 e sevizio ha perso definitivamente la testa per colpa del giudice di sedia,su Venus Williams che avanti 5-3 al terzo ha accusato stanchezza e poca lucidità (e dopo il primo set in cui praticamente non ha giocato c’era solo da aspettarselo),su Lucic con i suoi 69 errori gratuiti sugli 84 totali della Errani che dicono tutto ed infine rimane una STESA clamorosa ma Sara era stanca (ovviamente solo lei perchè ha giocato il doppio..anzi no,nel doppio è uscita..vabbè..è stanca uguale ma la Woz no,certo),c’è vento (ma anche in questo caso solo per lei e non per la sua avversaria)…..dopo questo torneo insomma le avversarie avranno ancora più timore di Sara……..si,come no?!?

    • eulondon by eulondon

      Io non ho visto, ovviamente! Non sono fan di Caroline al punto di non dormire la notte.. Mi piacerebbe sapere da che parte era schierato il pubblico, visto che il gioco lo immagino. Mi basta il punteggio. 🙂

    • journasesto by journasesto

      Purtroppo, per come l’ho vissuta io e immagino anche per Camila, è una batosta molto peggiore perdere al primo turno dalla n. 219 del mondo che ai quarti dalla n. 11. Vedendo la partita di ieri credo che in tutti noi sia stato ancora più forte il rammarico di quella partita. Se avesse perso Cami con Woz avremmo tutti parlato di un grande Us Open per lei. Non è andata così ma continuo ad avere grande fiducia per il futuro. Vamos Camila!!!

  132. Sephir by Sephir

    Camila dovrebbe rispondere a molte persone così come ha fatto Na Li:

    https://www.youtube.com/watch?v=kGe0WoBOWEg

    • Sephir by Sephir

      peccato che nessuno ancora si sia azzardato a parlare quando gioca…forse perchè potrebbe essere problematico per l’incolumità di costui/costei XD.

    • by livio71

      appena terminato il match woz errani..un pesante 60/61 a favore della woz… non commento e voglio ricordare prima di addormentarmi il meraviglioso match di camila vinto a suon di vincenti…

  133. Giovaneale by Giovaneale

    E anche la Peng,un attimo prima di entrare in campo per il quarto con la Bencic,dichiara che si concentrerà sempre sul suo gioco,su quello che deve fare in campo per vincere…si aggiunge alla nostra Cami e alle tante tenniste sicure dei propri mezzi e del proprio talento.

    • by ficodindia

      Ma la Peng attua già un gioco molto intelligente e adattato alla situazione…questo fa la differenza. E anche se la Camila è molto più forte nei colpi…….

    • by r.b.

      Boh, io il tennis femminile (o delle ragazze, come direbbe qualcuno di nostra conoscenza :-)) proprio non lo capisco. Qui rischia di arrivare in semifinale una che a Washington ha perso dalla Davis, a Montreal ha preso una stesa dalla Rogers, e a New Haven ha perso dalla Muguruza (battuta come sappiamo da Camila, e sia lei che la spagnola sono uscite al primo turno)…. Dov’è la logica in tutto questo? 🙂

      • Giovaneale by Giovaneale

        Peng sta facendo un torneo straordinario..è arrivata ai quarti ed è ad un set dalle semifinali (ha vinto il primo 6-2 “scherzando” la Bencic) battendo Radwanska e Safarova oltre alle più abbordabili Zheng e Vinci…tanto di cappello!Sta servendo benissimo,tanti vincenti e pochi errori.

        • by ficodindia

          Pochi errori appunto…anzi pochissimi. A proposito della nostra Camila poi non sarebbe male portarla a qualche colpo difensivo tagliato e di tanto in tanto alla palla corta…non dimenticando i lob…insomma c’è anche da migliorare il repertorio..

    • Giovaneale by Giovaneale

      Prevedo ripercussioni psicologiche non indifferenti per la Bencic che a metà secondo set era quasi in lacrime..da segnalare che poco prima di scendere in campo la svizzera aveva detto che non sentiva alcuna tensione per il match (e noi ci crediamo,come no?!??)
      Finisce in un lago di sangue…6-2 6-1 per la Peng.Complimenti comunque anche al bel torneo della Bencic che è arrivata ai quarti battendo due top10 (Kerber e Jankovic) e balzando a ridosso delle top30.

      • by r.b.

        Questa è una che un anno e mezzo fa era al Bonacossa a fare il Trofeo Bonfiglio, direi che può essere davvero contenta dei quarti di finale raggiunti agli US Open. Dite la verità, chi di noi non ci avrebbe messo la firma per vedere Camila ai quarti? 🙂

  134. by Atom

    Ci riprovo. Ora che Camila è “in pausa” e non si può parlare di tennis giocato che la riguarda mi piace fare il punto della situazione. Camila è l’unica” speranza concreta” (non è una contraddizione) di tutto il tennis italiano. In campo maschile abbiamo il lunatico (per usare un eufemismo) Fognini su cui non possiamo fare troppo affidamento e un Seppi sul viale del tramonto. Si è ripreso un po’ Bolelli ma e quasi un trentenne per il resto…poca roba. Anche Quinzi, che fra l’altro ha un polso malandato.,..sta annacquando parte dell’entusiasmo che aveva suscitato dopo una carriera junior stupenda culminata con la vittoria a Wimbledon. In campo femminile abbiamo tre ultratrentenni (Pennetta, Vinci, Schiavone) che stanno per concludere bellissime carriere, una Sara Errani che può prendersi ancora qualche soddisfazione ma con un gioco che certo non esalta e alcune giovani tipo Matteucci e Barbieri che stentano ad emergere . Dunque l’unica tennista che può rilanciare il tennis italiano è proprio Camila. Fisicamente è fortissima, tecnicamente è quasi al top quando gioca ai suoi massimi livelli. Servizio cronometrato a quasi 200 all’ora, vincenti straordinari, time sulla palla ottimo…insomma tutto per diventare top ten. E qui la domanda sorge spontanea perché a quasi 23 anni non ha ancora vinto niente e galleggia tra la 40/50 posizione? Ribadisco i miglioramenti fisici e tecnici ormai non potranno essere tali da farla salire molto di livello…dunque per aversi questa SVOLTA cosa manca? I colpi ci sono, il fisico anche…ma perché gioca bene con giocatrici forti e male con quelle più deboli? La spiegazione non è difficile. Con le più deboli ha la tensione dovuta “all’obbligo” di vincere mentre con le giocatrici forti è libera di testa e non ha niente da perdere…Perché gioca male i punti importanti e butta via incontri già vinti? La spiegazione non è difficile : cali di concentrazione e conseguenti “buchi neri” come li chiamo. Con questo quadro della situazione insisto e chiedo cosa manca alla SVOLTA? Ci sono tenniste con grandissimi mezzi che questa Svolta non l’anno mai avuta e sono rimaste potenziali top ten la stessa Rodionova, Lucic, Dokic, Mattek Sands. Capriati, la Seles dopo l’accoltellamento ecc ecc insomma molte di quelle con grandi mezzi che hanno fallito hanno avuto problemi psicologici di varia natura. Sono stato criticato perché insisto troppo sull’aspetto mentale…su un auspicato miglioramento “di testa” che Camila deve fare per arrivare tra le più forti…Qui riconfermo che se non ci sarà questo tipo di miglioramento mai ci sarà la SVOLTA. Non è una critica agli allenatori o a papa Giorgi ma solo un appello: allenate bene Camila ma cercate di migliorala sotto l’aspetto mentale, come non so è compito vostro.

    • by ficodindia

      Disamina corretta..in linea con quanto asserisco da tempo. Bisogna allenare Camila su binari di gestione controllata ed intelligente della partita. Adattamento alla situazione e al tipo di avversario. Tutti noi lo desideriamo…ma sarà possibile..? Sapete, ho forti dubbi..sarebbe un peccato normale per tale forza della natura tennistica.

    • by r.b.

      Io non ti ho criticato, anzi ho detto che condivido. Però ok, noi l’abbiamo capito (anche se non possiamo farci niente), speriamo che lo capiscano loro. Mi domando però se sia davvero utile ripeterlo così spesso (anche se i latini dicevano “repetita iuvant” :-))

    • zio gio by zio gio

      IL SERVIZIO… È questo il punto debole

      • by Atom

        Il servizio è buonissimo…ma usato male . Nel senso che la seconda palla va usata con “giudizio”. Non sparata come la prima ma lavorata e soprattutto messa in campo…

        • zio gio by zio gio

          A quello mi riferisco.

        • by Roberto

          Atom, non sono d’accordo. Camila ha una delle migliori seconde palle del circuito. Il problema è la percentuale di prime palle che non supera quasi mai il 50%. Che cosa comporta questo? Semplice, che le viene a mancare un’arma micidiale con la quale potrebbe trasformare in punti il suo turno di battuta, visto le alte percentuali di trasformazione che ha quando, appunto, la prima entra. Non solo, ma essendo costretta a giocare la seconda, il doppio fallo è dietro l’angolo, essendo questa una palla che viaggia mediamente, intorno ai 150/160 km/h. Mica poco. Ma a mio avviso, non deve diminuire la velocità della seconda, bensì la velocità della prima. Non serve tirare a 180 KM/h, se le palline ti vanno troppo spesso out, o meglio lo puoi fare ogni tanto…ma il più delle volte dovrebbe tirare 10/20 km/h in meno, lavorando e variando la traiettoria della palla, curando la precisione, in modo da non dare punti di riferimento all’avversaria. Ragazzi a Katowice ha giocato così e i risultati si sono visti. Insomma io sono per la corrente di pensiero che Camila dovrebbe tirare due seconde e ogni tanto tirare una prima potente, per cercare l’ace pulito o sporco che sia.

    • by nds

      Totalmente d’ accordo di come occorranno dei miglioramenti dal punto di vista mentale e io aggiungerei anche che nelle partite,specie contro le piu’ deboli,serve un po’ di intelligenza tattica,cioe’ giocare a volte sui punti deboli dell’ avversaria senza rischiare ogni colpo e fare regali su regali se le palle non entrano molto.spero vivamente che lo staff attuale riesca a farle fare questo decisivo salto di qualita’,anche perche’ fino ad ora tutto sommato hanno fatto un buon lavoro,pero’ qualche dubbio mi viene e mi spiego.siccome siamo di fronte probabilmente alla svolta fondamentale per la carriera di camila,per fare questo passo credo serva una persona di un certo spessore e esperienza che l’ accompagni,che riesca a limarne i difetti e soprattutto a fortificarla mentalmente.mi viene in mente per esempio un ex tennista che sarebbe l’ ideale in quanto avendo giocato conosce a fondo questo sport (attualmente molti tennisti hanno come coach ex giocatori con ottimi risultati).in ogni caso diamo ancora del tempo allo staff attuale che,ripeto,finora ha fatto un buon lavoro e poi si tireranno le somme

    • Ace by Ace

      Sono convinto che coi suoi tempi Camila ci darà grandi soddisfazioni e condivido che il suo talento sia enorme, ma Sara e Flavia hanno fatto tanto e non mi sembrano mal messe…prova a dare un’occhiata al draw degli US Open…
      In prospettiva futura certo l’età non è a loro favore, ma le altre(Camila compresa) hanno ancora tutto da dimostrare.
      Pur essendo il primo a condividere le smisurate possibilità di Camila ritengo che molti post siano spesso ingenerosi con tante giocatrici. La mia posizione è diversa: più esaltiamo le sue avversarie più si festeggerà quando sarà lei a sconfiggerle! 😉

    • journasesto by journasesto

      Non necessariamente serve il mental coach. Il tennis è anche conoscere se stessi. Fino a poco tempo fa Camila giocava spesso da underdog e raramente da favorita. Ora la situazione si è ribaltata ponendo nuove situazioni psicologiche che Cami deve imparare a superare da sola prima ancora che con un aiuto esterno. E potrà farlo solo giocando e perdendo finché non troverà il modo di vincere.

  135. by Atom

    Avevo postato una riflessione che non vedo più. Sono stato censurato? boh..

  136. by Alessandro1983

    Bene, questo US Open ha dimostrato che le sorprese e le meteore non superano gli ottavi di finale, Bencic a parte finora. Anche la Bouchard ha toppato nuovamente contro una buona ma non irresistibile giocatrice come la Makarova ed io ne approfitto per ribadire che la canadese, pur essendo indubbiamente un’ottima giocatrice che riesce anche ad ottenere degli eccellenti piazzamenti, non è ancora una campionessa in grado di aggiudicarsi tornei importanti come Master 1000 o Slam. Paradossalmente la Bencic, secondo me, in prospettiva ha più margine della Bouchard. Ad ogni modo Camila ripartirà dalla 42esima posizione del ranking, sarebbe potuta andare molto peggio. Ora le rimangono da disputare 5 tornei; a mio modesto parere ha tute le carte in regola per terminare la stagione tra le top 30, se non addirittura tra le top 20. Dipenderà come sempre soltanto da lei. Forza Cami! E’ il momento di accelerare! 🙂 So che puoi farcela! 😉

    • Giovaneale by Giovaneale

      Cami tornerà a giocare esattamente tra 14 giorni ma già la prossima si giocano tre tornei..la posizione 42 non è in cassaforte ma consiglierei di non guardare troppo la classifica in questo finale di stagione..concentriamoci sul campo,una partita alla volta..poi la classifica si farà di conseguenza.

    • Ace by Ace

      Speriamo di vedere Camila giocare bene!
      Parlare di top 20 in questo momento però non lo trovo corretto.

      • doherty by doherty

        anche se rimanesse intorno alla 40ma posizione alla fine dell’anno sarei comunque contento.
        certo mi piacerebbe tanto che entrasse nelle prime 30 per la tds agli aus open.
        sarebbe una bella soddisfazione vedere li il suo nome per la prima volta

  137. doherty by doherty

    forza sarita e forza flavia che in doppio con hingis cerca la semifinale..
    certo che una finale contro le williams sarebbe un bello spettacolo…

    • zio gio by zio gio

      Abbiamo capito che ti piace provocare. Ritenta

      • doherty by doherty

        provocare ? ti sbagli..
        tifo camila ma anche le altre nostre ragazze che sono sue compagne in nazionale,per cui ho scritto solo il mio incoraggiamento che spero sia condiviso anche da cami stessa e da chi vuole qui’ nel blog.

        • journasesto by journasesto

          Sono sicuro che Cami e Sergio abbiano stima di Sara e Flavia, perché solo chi gioca a quei livelli può capire i sacrifici enormi che servono per arrivarci. Senza l’allenamento instancabile e senza sosta anche il migliore dei talenti non arriva da nessuna parte. Sapendo che Cami è una grandissima lavoratrice baciata da un talento smisurato non possiamo che essere fiduciosi per il futuro. E guardare con sana sportività alle imprese delle altre atlete italiane.