1600061_10151943241153562_1160939379_n
Camila si ferma al secondo turno degli Australian Open, perdendo una partita incredibile contro una Alizé Cornet incapace di giocare un solo vincente in tutto il terzo set, e solamente 5 vincenti nell'intero incontro. Camila commette una serie infinita di errori ma riesce ad arrivare ad avere sul proprio servizio la palla del 5-2 nel terzo set, prima di spegnersi e lasciare strada alla francese. Primo set, 3-6: Camila si procura subito tre palle break consecutive, fallisce malamente le prime due ma sulla terza costringe all'errore la francese. Nel game successivo conferma il break a 15 con un bel diritto vincente, poi la Cornet tiene il proprio servizio sempre a 15. Nel quarto game Camila sale subito 30-0 ma con 3 doppi falli e un brutto errore di diritto regala letteralmente il controbreak alla francese, che ringrazia con uno dei suoi soliti “allez” e sale poco dopo 3-2. Si seguono i servizi fino al 4-3, quando Cami cede nuovamente la battuta e manda la francese a servire per il set. La numero 25 del mondo non si fa pregare e tiene a 15 il proprio turno di battuta, vincendo il set per 6-3 con solamente 2 vincenti ma ben 18 non forzati di Camila. Secondo set, 3-6, 6-4: Camila si complica terribilmente la vita ma riesce a tenere il primo game di servizio, poi si procura una palla break sul 30-40, annullata da un buon servizio della francese. Ai vantaggi Cami si costruisce altre tre occasioni e riesce finalmente a conquistare il break. Fatica vanificata dall'immediato controbreak, più per demeriti di Camila che per meriti della francese, che dopo 54 minuti di gioco ha messo a segno solamente 3 vincenti. Nel quarto game Camila sale 0-30 e poi ha un'occasione su un doppio fallo della Cornet che la porta a palla break sul 30-40, concretizzata con un bellissimo diritto a sventaglio. La nostra conferma il break, ma lo riperde nel settimo gioco commettendo l'ennesimo doppio fallo. Nel game successivo Camila sale 0-30 ma non riesce a guadagnarsi palle break, poi sale velocemente 5-4. La francese sale 40-0 in un amen, ma Camila non molla, infila cinque punti consecutivi e fa suo il set per 6-4. Terzo set, 3-6, 6-4, 4-6: si riprende con Camila al servizio dopo 10 minuti di break per la “heat rule” introdotta per questa (caldissima) edizione degli Australian Open. 1-0 frutto di due punti giocati dal 30-30 di pregevole fattura e Cami inizia il terzo set avanti. Nel terzo game camila regala tre punti e due palle break alla Cornet, annullate con altrettante ottime prime di servizio. Camila ne regala una terza fallendo uno smash a rete che il nastro trascina fuori ma è ancora una volta il servizio a toglierla dai guai. La terza palla break sembra quella buona, causa un attacco lungo di Camila che un provvidenziale falco dimostra essere buona. Camila conquista i due punti successivi e sale 2-1, mentre nel game successivo due doppi fali della Cornet regalano una palla break, ben annullata da un ottimo servizio esterno. Gli attacchi di Cami causano l'errore della francese e la seconda palla break, concretizzata immediatamente. Il break viene confermato e al cambio campo entrambe ricorrono a un controllo da parte dei medici date le condizioni climatiche estreme. Nel settimo gioco due errori di Cami regalano alla Cornet altre due palle del controbreak, entrambe annullate: ai vantaggi Cami ha la palla del 5-2, sbaglia e si trova a dover annullare due palle break, la seconda delle quali è fatale. La Cornet commette due doppi falli da 30-15 e regala a Camila una palla break, ma l'attacco dell'azzurra è lungo. Ai vantaggi altri due errori di Camila regalano il 4-4 alla francese. Nel nono game Camila sbaglia ancora molto e regala due palle break all'avversaria, che come da copione rimanda di là la pallina e lascia che sia Cami a sbagliare. Dopo 2 ore e 28 minuti Alize Cornet va a servire per il match con l'incredibile score di 5 vincenti: sul 40-30 una prima di servizio sembra darle la vittoria, ma il falco chiamato da Camila conferma come la palla fosse fuori di qualche centimetro. Conta poco, perché sulla seconda arriva l'errore di Cami che manda la francese al terzo turno, senza aver giocato un solo vincente in un terzo set di un'ora e 7 minuti. Ecco il tabellino del match: 20140116_cornet Le dichiarazioni a fine match Camila: è stata una partita lunga, ho fatto molti errori e non sono riuscita a muovermi molto bene. Dopo la partita è facile dire che avrei potuto tenere la pallina in campo, parlando con l'allenatore potrei dire lo stesso, dovevo tenere la pallina dentro... però in quel momento è successo così e ho perso il set. Ho commesso errori e non ho potuto chiudere. Non so che voto dare al mio torneo, ma almeno sto ricominciando a giocare e ho fatto due partite. Ora ritorno a casa e poi vado a Parigi, oppure direttamente Doha e Dubai. Sergio: sul 4-1 ha chiamato il fisio per un problema alla gamba (crampi, dirà Camila) e si è potuta muovere poco. Fisicamente sta bene, mentalmente deve lavorare di più e giocare più partite ma è solo il terzo match dell'anno. Nel terzo set era avanti e poteva vincere il match però... va beh, va bene così. Roberto Petrignani: in questo momento Cami ha bisogno di giocare, questa condizione fisica è merito suo anche se ci siamo allenati a Tirrenia a 5 gradi e a Melbourne ha giocato a 40 gradi. Siamo sulla strada giusta, bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno e pensare che queste sconfitte devono servire per crescere.

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • Australian Open, Camila lotta per tre set ma esce con Timea Bacsinszky
    Australian Open, Camila lotta per tre set ma esce con Timea Bacsinszky
  • WTA Shenzhen, Camila batte Saisai Zheng in tre set e accede ai quarti
    WTA Shenzhen, Camila batte Saisai Zheng in tre set e accede ai quarti
  • US Open, Camila out in tre set con la Stosur
    US Open, Camila out in tre set con la Stosur
  • Wta Montreal, Camila esce in tre set nel derby con Roberta Vinci
    Wta Montreal, Camila esce in tre set nel derby con Roberta Vinci

266 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by SanTommaso

    Ah però! Grazie mille, soprattutto per il tempismo! C’è chi non fa in tempo a scrivere le solite cattiverie gratuite sul vostro conto e su come lavoriate che rispondete con trasferta a Tirrenia, articolo, video e foto! Golasso in contropiede!!! VAMOOOOOOOOOOOOOOS (a Parigi) CAMI!

  2. Matteo Veronese by Matteo Veronese

    L’utente chiede e lo staff risponde! Controllate in home page 😉
    Buona serata a tutti

  3. Giovaneale by Giovaneale

    Sarebbe interessante (e qui chiedo ad Alberto e Matteo che sono gli unici ad avere la possibilità di farlo) sapere se Camila dopo la sconfitta con la Cornet si sia fermata qualche giorno in Australia e se,invece del poco utile shopping,abbia deciso di seguire qualche partita visto che sempre più spesso dichiara di conoscere poco o nulla delle sue avversarie (questo vuol dire che di incontri giocati ne vede veramente pochi).
    Andrebbe bene anche se avesse optato per incontri maschili visto che il suo gioco si avvicina più a come giocano gli uomini che le donne.Sarebbe formativo in ogni caso per lei.

    • by r.b.

      Sarebbe interessante sapere se Camila è a Parigi visto che il 25 inizia il torneo…

      • Madoka by Madoka

        Esatto, se per favore si possono avere notizie se Camila giocherà a Parigi o meno. Le qualificazioni dovrebbero iniziare già nel fine settimana.

    • doherty by doherty

      nell’elenco delle giocatrici delle quali sul sito del torneo camila c’è..speriamo bene..

    • by cristian

      Calcolando che intervistata in Australia, disse ” forse Parigi, poi Doha e Dubai ” .. il mio primo pensiero è stato : ok, Parigi lo salta.

  4. r.b. by r.b.

    Da Parigi intanto arriva la notizia del ritiro dal torneo di Ivanovic e Safarova, la prima per il noto infortunio patito nel match contro Bouchard, la seconda per un problema alla spalla. Per Camila quindi dovrebbe essere più agevole il cammino nelle qualificazioni poichè le prime saranno ammesse direttamente nel main draw. Funziona così, vero? Speriamo che almeno lei non si ritiri….

  5. TEUS by TEUS

    Veloce riferimento al tennis maschile giusto per sottolineare il gran match giocato da Wawrinka che, dopo aver perso contro Djokovic due volte al quinto negli slam, stavolta è riuscito a sconfiggerlo (chissà cosa avrà pensato Becker dopo la semplicissima voleè sbagliata dal serbo sul match point). Ottimo match comunque: alla faccia delle tante cime che, ciclicamente, propongono cambi alle regole -ho sentito anche alcuni che proponevamo di far giocare 2 su 3 agli uomini negli slam- a uno sport che è praticamente perfetto così. Probabilmente, dare il coplo di grazia al doppio (che già non stava bene tra l’altro), ha insegnato poco.

    Sul match di Pennetta poco da dire: è stato poco più di un allenamento per Li.

    Bouchard conferma sempre più tutte le mie buone impressioni: atteggiamento in campo molto maturo per la sua età, continua coi colpi di rimbalzo, efficace in difesa, solida al servizio e soprattutto prende quasi sempre la decisione corretta dal punto di vista tattico. Ha ancora qualche passaggio a vuoto dovuto però alla giovane età. Vero che Ivanovic ha accusato un guaio fisico durante il secondo set ma, specialmente in un torneo dello slam che si gioca nell’arco di due settimane, può succedere e quindi fa parte del gioco. In ogni caso la canadese ha mantenuto per tutto il match un ritmo altissimo abbassando sempre più le difese della serba.
    Insomma, il match è stato vinto da Bouchard e non perso da Ivanovic.
    Ribadisco che, a mio avviso, è lei il cavallo di razza tra le giovani leve. Camila, il jolly.

  6. Lucia by Lucia

    Quesito del giorno. Quando rientrate dal colloquio con gli insegnanti , preferite che: a) vi dicano che vostro figlio e’ sarebbe molto bravo ma non si applica abbastanza. B) che è bravino e che fa il massimo con il talento che ha?
    Secondo quesito : se preferite l ipotesi A, quando rientrate a casa vi arrabbiate con lui ? È nell ipotesi B invece?
    Terzo quesito: E ‘ maggiormente lodabile chi trae il massimo dal proprio talento oppure chi di talento ne ha potenzialmente di più’?
    Ultimo quesito: Chi ha scelto di tifare camila non ha già’ risolto a monte questi interrogativi?
    Questo non significa che siano votati al martirio o che non sappiano ringraziare tutte quelle tenniste italiane che hanno dato lustro alla nostra patria cogliendo risultati eccelsi e a volte anche al di sopra delle loro potenzialità’ .

    • by Morotep

      E’ lodabile chi trae il massimo dal proprio talento… qualsiasi esso sia.
      Il piu’ e’ capire se il talento e’ effettivo o presunto… ne ho viste di persone bruciarsi perche’ qualcuno aveva valutato male gettando esagerate aspettative. Non e’ difficile prendere dei granchi in questo senso. Perche’ non basta una buona attitudine per ottenere buoni risultati. Serve tutto un insieme di talenti che spesso vengono sottovalutati o non tenuti in considerazione.
      Nel caso di Camila, escludo che non ci sia l’impegno profondo e lo spirito di abnegazione… il braccio e’ ottimo, il lato atletico e il timing pure… ma la testa?
      E’ all’altezza del resto? Perche’ se non e’ cosi’, considerando la complessita’ del gesto atletico che una non particolarmente alta come lei deve eseguire per poter giocare con lo stile a cui anela, allora i risultati faticheranno a venire.

  7. by r.b.

    Le partite di Ana, sia contro Bouchard che contro Serena, sono state condizionate da infortuni o comunque fastidi vari. In proposito devo quindi ricordare che anche Camila ha avuto un problema muscolare nel match con la Cornet. Chiaramente il problema influisce sulla mobilità e quindi spesso impedisce alla giocatrice di giocare il suo miglior tennis, e a questo livello ciò vuol dire molto. Per esempio, nel secondo e terzo set Ana era esattamente quella dello scorso anno, con rovesci deboli scaraventati in rete e dritti fuori o in rete, servizio ballerino e doppi falli nei momenti chiave. Sono certo che l’infortunio ha influito. Certo, poi la giocatrice riesce comunque a giocare bene, quindi l’altra deve vincerla lei, però senza infortunio sarebbe stato diverso. Applicando tali principi al gioco di Camila forse si comprende una certa fretta nel chiudere i punti e quindi il gran numero di errori soprattutto nell’ultima fase del terzo set. Speriamo che a Parigi Camila possa essere al meglio. La stessa Serena ha detto che senza mal di schiena poteva giocare dieci volte meglio di come ha giocato. Ricordo anche la Azarenka al Masters prendere delle stese improbabili per lei, causa imperfette condizioni di salute. Comunque onore a queste giocatrici che pur non al meglio continuano fino alla fine e non cercano troppe scuse per una sconfitta.

  8. boy by boy

    Ho visto che in qualche post precedente si criticava la prestazione della Pennetta. Ma come si fa? Addirittura la si paragonava alla Camila (per via dei doppi falli soprattutto). Ma come si fa?? Cosa vogliamo dire che la partita l’ha persa Flavia? Mica ha fatto 73 gratuiti. E su!! La Lì è stata praticamente ingiocabile…un vincente dietro l’altro. Quando incontri un’avversaria così non puoi fare altro che dirle BRAVA.

    • by r.b.

      Ho visto il match ed effettivamente la cinese era ingiocabile, sempre sicura nell’esecuzione dei colpi da fondo. La Pennetta non ha avuto chances. Del resto i tornei vanno così. Il match point di Lucie Safarova contro la Li è uscito pare di 5 cm. Se fosse entrato addio a Li Na e ora probabilmente saluteremmo Flavia in semifinale…

  9. by r.b.

    Eugenie bella, brava e fortunata…. Senza l’infortunio di Ana difficilmente avrebbe vinto, come bisogna ammettere che senza il mal di schiena di Serena Ana certamente non avrebbe vinto…. Ottavi contro una wild card australiana fuori dalle cento del mondo, quarti contro una avversaria che si infortuna a metà del secondo set, lasciando la strada libera verso le semifinali… Boh, Na Li deve stare attenta quando scende le scale…… 🙂 🙂 🙂

  10. Giovaneale by Giovaneale

    Del match di Flavia mi sento di dire che la differenza l’ha fatta il peso della palla..leggera,alta e sempre in recupero quella di Flavia mentre quella della Li era precisa,sempre pesante e in costante pressione.
    Mi sta deludendo un po il match tra Ivanovic e Bouchard,la canadese con servizio ballerino (specie quando serve contro sole) e Ivanovic che ha problemi fisici (poco fa medical time out).Entrambe hanno paura di chiudere i set,nel primo la serba,nel secondo Bouchard che ha avuto diverse occasioni per andare 5-2.ora 6-5 per la canadese

    • Giovaneale by Giovaneale

      Due df Ivanovic e si va al terzo

      • Giovaneale by Giovaneale

        Vince Bouchard 6-2 al terzo!
        Ivanovic limitata dall’infortunio patito a metà secondo set ha giocato quasi da ferma e quasi sempre di braccio..povera Ana,le avrà fatto la macumba Serenona!?!?!
        Brava invece la canadese,soprattutto a non farsi schiacciare dalla pressione per una semi slam a portata di mano e con l’avversaria infortunata…insomma brava e matura!

  11. by Nicola

    54.
    Stacco pure io.

  12. Omar Camporese by Omar Camporese

    comunque anche Ivanovic è molto in forma ultimamente, per non dire devastante…
    ma la canadese ci sta giocando contro con la giusta mentalità e senza timore reverenziale!!
    me ne vado a dormire va… che domani mi aspetta un’ altra giornata di lavoro!
    saluti a chi resta…

  13. by Nicola

    Ma quanto e’ gnocca Ana!!!
    Maduuuu!!!
    😀

    Che poi anche l’ altra non scherza!
    😀

    Questa partita si guarda senza vedere dove va la pallina… 😀

    • by r.b.

      Si può chiamare “il match della gnocca” 🙂 Peccato per l’infortunio, comunque bisogna essere onesti, sono cose che capitano, del resto anche Serena non era al meglio altrimenti Ana non avrebbe vinto… Certo è un peccato, con la semifinale a portata di mano, chissà quando le ricapita…

  14. Omar Camporese by Omar Camporese

    speravo di vedere uno spettacolo completamente diverso.
    primo set 6-2 e Pennetta assolutamente inconsistente!
    solo 42% di prime e va già bene che la cinese è fin troppo fallosa!.
    comunque non è rimasta a zero e questa potrebbe essere la base per fare un buon secondo set…

    • Omar Camporese by Omar Camporese

      subito brekkata con doppio fallo e poi si parla spesso male di Giorgi…

      • by cristian

        ma che c’entra ! Flavia non fa 47 doppi falli a match, purtroppo la Li è on fire, e quando gioca cosi non la batte neanche una buona Serena. Merito anche al nuovo allenatore Carlos Rodriguez, le ha rinforzato addirittura i piedi per non farla cadere sul cemento, cosa che le succedeva spesso. Eh i vantaggi di avere un ottimo allenatore……

        • Omar Camporese by Omar Camporese

          cosa c’ entra?
          i doppi falli hanno valenza in base al momento in cui li commetti!
          ecco cosa c’ entrra!
          vogliamo provare a difendere una Pennetta che non è ancora entrata in partita???
          va bene proviamoci….
          anzi provateci perchè io motivazioni per farlo per il momento non ne trovo!

          • by Nicola

            Propriocsi’vabenegia’sefinisce6262

            • Omar Camporese by Omar Camporese

              queste sono le partite vere!
              i veri appuntamenti che contano!
              le partite in cui ti devi giocare tutto o avrai rimpianti per una vita e mezza!
              Flavia non è mai entrata in partita e non tiratemi in ballo l’ ottima prestazione di LI NA, perchè di ottima prestazione non si puo’ parlare!.
              ha sbagliato molto anch’ essa e basta guardare il tabellino per rendersi conto!
              occasioni per rientrare in partita ne ha avute ma non le ha sapute sfruttare!
              la realtà è che Pennetta ultima versione è spesso inconsistente nei momenti che contano e questo non me la fa amare abbastanza…

          • by cristian

            ma che doveva fare Flavia ?? ma hai visto come ha giocato Na Li ?? ha tirato solo vincenti !! è normale che non è facile giocare contro una cosi, e allora cerchi di forzare, di provare, e ci sta il doppio fallo. Giocare sotto frustrazione ti porta a perdere completamente la lucidità , se dobbiamo attaccare Flavia per questo NO!! io mi incazzo con chi butta le partite mandando la palla nei teloni, grazie !! Brava Flavia, top 20 ad un passo e quarti agli AO, che dobbiamo dirle?? notte!!

            • Omar Camporese by Omar Camporese

              Na Li non ha tirato solo vincenti!
              è stato fin troppo fallosa per la pur breve partita che si è vista!
              prima di essere tifosi, cerchiamo almeno di essere un minimo obiettivi diamine!!
              buonanotte…

            • by Nicola

              Ma grazie di che???
              E quando gli ricapita l’ occasione di fare semifinale???
              Non ha fatto un tubo in campo e fesso io che so rimasto sveglio a guardarla!!!

  15. by Nicola

    da 5-0 a 5-2. un po’ tardi….

  16. by r.b.

    Stanotte altro doppio appuntamento Flavia – Ana. Tutti danno la Pennetta sfavorita, il che ci sta, ma allora come mai la cinese Na Li ha quasi perso con la Safarova? E Lucie non è certo più forte di Flavia, è una regolarista pallettara come ce ne sono tante. Poi la Li batte la Makarova 6-2 6-0 e quindi sembra imbattibile, ma non è così. La Makarova infatti è una delle più incostanti giocatrici del circuito (un’altra è la Lisicki). Quindi pronostico difficile. Ok, la cinese è imbattuta nel 2014, ma è anche andata al tie break con la Bencic che è una 97. Chiaro, se la Li gioca al meglio non c’è partita, ma questo non è affatto scontato.
    Difficile è anche il pronostico Ivanovic – Bouchard, sia perché a Wimbledon ha vinto la canadese, sia perché Ana è forte ma se comincia ad avere dubbi e a sbagliare può fare disastri. Anche lei è imbattuta nel 2014. La Bouchard è giovane, quindi non si sa come reagirà al primo impegno serio della sua carriera. Finora ha eliminato avversarie ridicole, ha pure perso un set con la Dellacqua, poi chiaramente ha vinto al terzo, ma se perdesse il primo contro Ana non so se ce la farebbe a recuperare. Insomma, 50% per entrambe in tutte e due le partite.

  17. Ghaal by Ghaal

    Ciao Camila
    questo è un messaggio direttamente per te: so che sei appassionata di boxe, e magari (dato che il match è un po’ vecchio) non ti è mai capitato di vedere il match tra Alì e Foreman del 1974 (“Rumble in the Jungle”)

    Questo è un link:
    http://www.youtube.com/watch?v=55AasOJZzDE

    Foreman era famoso per la sua potenza ed il suo coraggio, Alì per la sua velocità e la sua tecnica.

    Il match lo ha vinto Alì, perchè, durante il combattimento ha compreso che la sua tattica che pure era stata vincente nel primo round, lo avrebbe portato a stancarsi molto più di Foreman, ed ad avere difficoltà nel proseguo del match.

    Quindi dal secondo round, Alì ha deciso di incassare il più possibile, facendo stancare Foreman e cercando di cogliere ogni occasione per colpirlo al volto, fino a quando, nell’ottavo round, è riuscito a vincere per KO.

    Un elemento importante della tattica di Alì (sebbene poco gradevole) è stato quello di deridere in continuazione Foreman, facendogli perdere la testa per farlo attaccare in modo scriteriato.

    Spero che possa esserti utile per la uta carriera.

    Ciao e buon divertimento,
    Ghaal

    • Carlo Bonacina by Carlo Bonacina

      Sono ancora incazzato come una bestia per la sconfitta di Camila, ma leggendo la dichiarazione della Cornet “è devastante”rivolta al gioco di Camila mi lascia tanto da riflettere, se pensiamo poi che queste parole escono da una tennista francese e non del tutto simpatica……….

  18. Omar Camporese by Omar Camporese

    @ t.o . e a chi puo’ interessare:

    ho voluto verificare se la tua affermazione riguardo il possibile sorpasso di Pennetta ai danni di Errani a fine RG avesse una valenza…
    cosi’, riprendendo il lavoro fatto mesi fa, non mi è costato tantissimo arrivare a una conclusione attendibile.
    partendo dalla classifica attuale LIVE, in cui pero’ Pennetta deve ancora giocare i quarti GS, sottraggo i punti in scadenza fino al RG compreso e aggiungo il potenziale punti acquisibili per ogni singola tennista.
    infine confronto il risultato con la classifica live attuale e vedete un po’ cosa vien fuori!!

    classifica live attuale:
    7 Errani 4440
    13 Vinci 3020
    21Pennetta 2165
    43 Schiavone 1255
    45 Knapp 1240
    84 Giorgi 735

    punti da difendere fino al RG incluso:
    Errani 3390
    Vinci 1220
    Schiavone 735
    Knapp 329
    Pennetta 271
    Giorgi 110

    su base rendimento ultimi 10 tornei disputati, questo è il potenziale punti acquisibili per i prossimi 10 tornei fino al RG compreso:
    Pennetta 1620
    Vinci 1520
    Errani 1180
    Knapp 880
    Giorgi 690
    Schiavone 390

    possibili punti / posizione in classifica a fine RG:
    Pennetta 3514
    Vinci 3320
    Errani 2230
    Knapp 1791
    Giorgi 1315
    Schiavone 910

    possibile posizione in classifica a fine RG su base classifica live attuale:
    11 Pennetta 3514
    13 Vinci 3320
    21 Errani 2230
    29 Knapp 1791
    39 Giorgi 1315
    68 Schiavone 910

    è un puro calcolo matematico, ma che tiene conto del rendimento di ogni singola tennista, ripeto, nel corso degli ultimi 10 tornei.
    quindi abbastanza attendibile…
    ricordo che non tiene conto dell’ eventuale vittoria/sconfitta di stanotte per Flavia.
    se perde rimane tale.
    se dovesse vincere ripubblichero’ il tutto a fine slam aggiornato…

    saluti.

    • by t.o.

      se provi a fare lo stesso a PRIMA di RG (perchè la posizione di Sara è determinante per quel torneo) ti accorgerai che Flavia a prescindere da stanotte è già avanti a Sara in una Ipotetica Race to Paris.

      • Omar Camporese by Omar Camporese

        senza rifare tutti i calcoli, direi che hai perfettamente ragione, visto il margine fra loro…
        ovvio che, molto dipenderà dal rendimento di entrambe.
        i miei calcoli tengono conto del rendimento medio dei rispettivi ultimi 10 tornei.
        direi un discreto parametro…

        • by t.o.

          Oggi Sara compreso Parigi (perciò da parigi ad oggi) ha 220 pt fatti utilizzando 9 tornei e 3 1° turni (5+1+1)
          Flavia ne ha 1480 più AO (ad oggi 430) =1910
          Usando però solo 6 tornei (compreso AO) + 8 scarti (8+5+5+5+1+1+1+1)
          Fino a Parigi ci sono circa 12 tornei…..diciamo 9 giocabili.
          Sara potrà sommarne solo 7…..poi scarta prima 30 poi 100
          Flavia li può sommare tutti….
          Apparentemente (ma solo apparentemente) Sara oggi ha 290 pt. più di Flavia.
          In realtà se lei ripetesse i risultati dell’anno scorso perderebbe circa il 20% dei punti (non ho voglia di fare calcoli e dico 20% e ci dovrebbe stare tra -30% ai primi turni e meno 15% in SF.)
          Oltre a questo va calcolato il K >8° che su una come Sara potrebbe costare un turno a torneo…..
          A prescindere da come andrà stasera, e a condizione che Flavia non abbia fastidi fisici, anche se Sara ritrovasse un’ottima forma (cosa che le auguro di cuore) io vedo il sorpasso già a metà marzo primi di aprile…
          accetto scommesse……tanto a maggio ci vediamo a Roma….

  19. Madoka by Madoka

    Se avete un po’ di tempo libero sintonizzatevi su Eurosport e guardatevi la Muguruza.

    Gioca in maniera IDENTICA a Camila. Anticipa tutto. Picchia tutto. Tutto piatto. Non lo se la partita la vincerà, perchè ha la Radwanksa è l’avversario peggiore.

    E spero che anche Camila e Sergio stia venendo la partita, perchè se Garbine riesce a giocare in questo modo, può farlo esattamente anche Camila, visto che non c’è sostanzialmente nessuna differenza fra le due giocatrici per quanto riguarda il loro tennis.

    • by t.o.

      La differenza è che Garbine contro Camila ci ha perso….

      • Madoka by Madoka

        Sì, ma ho fatto l’esempio della Spagnola perchè con un tennis estremamente simile a quelli di Camila ha già vinto un international e ora fatto ottavi in Australia.

        Si può vincere come gioa Camila, e Garbine ne è la prova.

        Certo, la Muguruza a memoria supera l’180, quindi è avvantaggiata al servizio, però Camila ha una velocità di piedi che la spagnola si sogna.

        • r.b. by r.b.

          Non ho visto la partita per mancanza di tempo, però ho visto che la Radwanska ha vinto facile (6-1 6-3). Questo non depone granchè a favore della Muguruza (che comunque non è Camila). Piuttosto riflettere che sparando tutto a caso non si arriva da nessuna parte, tanto meno contro giocatrici smaliziate tatticamente come Aga.

    • doherty by doherty

      non ho potuto vederla ma ha perso 6 1 63…con una che gioca come dici tu radwanska va a nozze…camila deve capire che è indispensabile giocare un tennis percentuale se si vuole vincere ad alti livelli

      • Lucia by Lucia

        Ecco… Appunto.

      • Madoka by Madoka

        No, non sono d’accordo. La Muguruza ha vinto Hobart, 3 partite di quali e 5 di main draw, + altre 4 partite agli AO, quindi 13 in totale d fila, non giocando un tennis percentuale.

        Non è il loro tennis e non devono essere snaturate. Come ho scritto l’altro giorno, bisogna pensare in campo e fare scelte corrette. Sempre tirando forte.

        • by t.o.

          Rad grande è il vero “spartiacque” tra il Tennis di vertice e il top 4.
          Può essere battuta da tutti i tipi di gioco ma per farlo bisogna esprimere quel tipo di gioco a livello di perfezione.
          Quel poco che ho visto oggi di Garbine non è sufficiente.
          Fare 0 break su 6 palle B procurate potrebbe essere sintomo di “braccino”
          In quei casì bisogna avere il coraggio di tirare sulle linee. e se esce pazienza…e quando hai una prima a 100 mph devi avere il coraggio di tirare anche la seconda a 95mph. altrimenti la percentuale di punti sulla 2° scende al 38%……ma in compenso ha fatto solo 3 DF
          Immagina come ne sono fieri i suoi sotenitori………

          • r.b. by r.b.

            Ripeto, non ho visto la Muguruza, ma mi avete fatto venire la curiosità, quindi in futuro me la guarderò di sicuro. A me delle giovani piace un sacco la Robson, anche se è un po’ sparita dalla circolazione, secondo me lei gioca veramente bene, e tira anche delle gran botte quando ci vuole.

    • r.b. by r.b.

      Ho visto gli Highlights della partita Muguruza-Wozniacki su Youtube. A me sembra che la Muguruza sia più alta, di fisico assomiglia abbastanza alla Ivanovic (ma non di viso!), anche perchè lo sponsor la veste praticamente uguale ad Ana. Certo, anche lei come Camila, tira botte impressionanti. Dalle statistiche di quel match apprendo però che ha fatto 5 aces, 7 doppi falli e 56 gratuiti, il tutto spalmato su 31 giochi, il che fa una media di 1,8 errori non forzati a game. Non mi meraviglio che abbia vinto. Ma se guardiamo le statistiche dell’incontro con la Radwanska vediamo che i gratuiti sono 44 in soli 16 giochi, con una media di 2,75 a game (peggio che Camila con la Cornet). Non mi meraviglio quindi che abbia perso. Che c’entri anche la capacità dell’avversaria di farla sbagliare con palle cariche di effetto, variazioni ecc.? Boh, mi guardo il match appena lo caricano su Youtube e vi faccio sapere….

      • Madoka by Madoka

        Anche la Giorgi ha vinto contro la Wozniacki. Il gioco della danese non da fastidio alle picchiatrici.

        Sì, la Muguruza è molto più alta della Giorgi, dovrebbe essere intorno all’180. Però si muove mooolto peggio.

    • by Morotep

      Ci sono, ad occhio e croce, 15cm di differenza a favore della Muguruza. Non e’ da sottovalutare… quando una ragazza e’ alta ha molta ma molta piu’ facilita’ a giocare piatto e potente.
      Infatti la singolarita’ di Camila sta nella capacita’ di tirare bordate notevoli pur essendo relativamente bassina. Il tutto pero’ comporta rischi molto maggiori e a mio avviso Camila dovrebbe imparare a gestire meglio la partita.

  20. by t.o.

    Alla luce dei risultati di ieri sera……(aspettiamo ancora Muguruza Rad Grande) i rimpianti crescono….
    I quarti di quest’anno avranno se Rad vince 3 top 8. 2° 4° e 5°
    L’anno scorso erano 6. 1° 2° 3° 4° e 6°. in semifinale ne entrarono 3 su 4 e in finale 2 su 2.
    Quest’anno ci sono una valanga di punti che si trasferiranno dal vertice della classifica zona 13000/5000 pt a la zona 2000/ 4000 pt.
    La classifica 12° 6° sarà molto più corta di solo una settimana fa.
    Camila è pronta per questa zona. Più che pronta Camila ha serie possibilità di far parte a breve di questo gruppo. Cosa significa breve lo dobbiamo decidere.
    Per una fresca 22enne 12/18 mesi per scalare 70 posizioni e non 70 posizioni qualunque ma quelle che vanno dall’80°/85° al 10°/15° possono essere definite “breve tempo”.
    La regola transitiva a tennis non esiste ma i risultati comparati degli ultimi tre giorni dicono che con un po’ di “Testa” o “di Fortuna” o di “Pazienza” o di…… ma SOLO UN PO’…..Camila poteva far parte di questo gruppo.
    Simona Halep fa parte di questo gruppo. Ha 9 mesi più di Camila….e 9 mesi fa era anche lei una “Camila Giorgi”. Prendeva 6-0 6-1 da Sara. Prendeva 6-0 6-1 da Vesna Dolnoc (WC 160°) il giorno dopo aver battuto al terzo Nadia petrova (allora 13°) Mosca 2012. Perdeva 3 volte in 2 mesi (di cui due 1° turni su erba) dalla Garrigues (allora circa 30° oggi 101°) e perdeva contro tutte le Spagnole e contro tutte le regolariste. Poi è scattato QUALCOSA!
    Probabilmente la stessa riduzione del seno. Come vedete una delle cose meno “comuni” da prevedere (anche se nello sport femminile è un problema più grande di quello che agli uomini appaia).
    E’ scattato QUALCOSA e Simona in 9 mesi scala 50 posizioni e entra in top ten…e forse molto di più. E’ solo questione di dettagli.
    La differenza tra Simona e Camila? Camila non è mai stata alfaltata da nessuno e ci sono solo tre giocatrici che possono dire di averle dato un 6-0. Una di queste poi ci ha perso al terzo.

    • r.b. by r.b.

      Speriamo che anche in Camila scatti qualcosa, però QUELLO per favore no!!!! (a parte che non mi pare proprio che ne abbia bisogno) 🙂 🙂 🙂

  21. biglebowski by biglebowski

    su un sito ho letto queste considerazioni che riporto perchè mi hanno fatto riflettere ringraziando l’autore.

    “Devo dire che l’irrazionale ostinazione di Camila Giorgi mi affascina. Il suo è un tennis privo di ogni logica, puramente istintivo, quasi primordiale. Picchiare sempre e comunque, che la palla stia dentro o fuori non importa. Per la Giorgi conta il gesto, non il risultato. Il suo è un tennis manifesto che esprime un netto rifiuto per il calcolo utilitaristico, per la rinuncia strategica, per la diplomazia della racchetta. Alla base di una simile impostazione filosofica deve esserci un grande orgoglio o una grande rabbia. Derubricare tutto a sciocca presunzione infantile mi sembra ingeneroso.
    Camila non ha una concezione “artistica” del tennis (allla Dolgopolov o alla Monfils ad esempio…). Non cerca il colpo perfetto come farebbe un artista, il colpo più elegante, il più bello da vedere, cerca il colpo più soddisfacente a livello emozionale. L’artista accetta di perdere pur di deliziare il suo senso estetico, fugge la banalità di un colpo vincente ma brutto. Il suo è un piacere puramente intellettuale. Camila invece accetta di perdere pur di catalizzare nei colpi che esplode i sentimenti che prova. È una tennista sentimentale: vincere ragionando deve sembrarle una prospettiva troppo arida, troppo misera.

    ….e me la vorrebbero far giocare in mezzo alle mignotte di pattaya….

    • by r.b.

      Sottoscrivo in pieno! 🙂 🙂 🙂

      • by t.o.

        a scacchi è normale sacrificare un pezzo (fosse anche la regina) per poter dare scacco al re. A tennis 3 su 5 si vince. nessuno ti chiede come hai perso i due set persi. Contano solo quelli vinti……
        La prima vittoria è far dire all’avversaria in lacrime “….mi sembrava di non saper più giocare a tennis”……ma vi rendete conto di cosa significhi quella frase detta da una presuntuosa come la Cornet?

        • r.b. by r.b.

          Sì sì ho capito, indubbiamente Camila è impressionante per il gioco, però, come ho scritto altrove, il tabellone dello score non si impressiona troppo per le bordate di Camila….se la botta entra è 15-0, se esce è 0-15….freddo e glaciale come deve essere un tabellone dello score 🙂

          • by t.o.

            Purtroppo anche i non forzati in se lasciano il tempo che trovano, così come i df. Maria ha battuto Karin con un numero di NF che sembrava Camila, Alize ha vinto il 3° con Camila con 6 df ecc.
            Se la botta che entra fa +15 il problema è farne entrare di più di quelle che escono….non tirare la botta è una soluzione solo se sai che nello scambio successivo hai il 51% di possibilità di fare punto. Camila ha giocato sullo scambio con Marion a Wimbledon… Non le è andata bene.
            Vi ricordate quanti DF ha fatto?….No
            Erano solo 2
            Marion ne ha fatti 5 e ha vinto
            Contro la Cirstea Camila di DF ne aveva fatti 11
            La solita matta di Camila….però ha vinto……
            Così va la vita…….

      • r.b. by r.b.

        Intendevo quella delle mignotte 🙂 🙂 🙂 LOL

    • Omar Camporese by Omar Camporese

      se è solo per la tua considerazione finale, direi che quelle abbondano anche a Parigi…
      senza offesa ne per te, ne per loro…

  22. by r.b.

    Questi AO stanno dimostrando che qualcosa sta cambiando al vertice del tennis femminile. Se la schiena di Serena continuerà a dare problemi, non credo che la Williams potrà più dominare il tennis come ha fatto finora. E francamente all’orizzonte non vedo dominatrici assolute. Certo, la Azarenka è forte ma non credo possa vincere tutto. La Sharapova è fortissima, ma spesso si infortuna e quando rientra ha bisogno di tempo per ritrovare il suo gioco sempre al limite. Na Li è già oltre i 30 e quindi non potrà vincere molto di più stia vincendo adesso. Poi ci sono le altre, ma non vedo qualcuno che possa davvero dominare. O meglio, una ci sarebbe, ed è proprio Camila, se solo riuscirà a giocare come si deve e come il suo talento impone. Per ora questa è solo una speranza, ma lavorando molto sui suoi limiti e con una certa dose di pazienza e umiltà Camila potrà diventare una grandissima giocatrice.

  23. Giovaneale by Giovaneale

    Sharapova fuori dagli AO!!!!

  24. by r.b.

    Io invece stanotte ho optato per Pennetta – Kerber e a seguire Serena – Ivanovic. La Pennetta ha vinto meritatamente contro una giocatrice che non capisco bene come faccia a stare da due anni nelle top 10, peraltro faticando troppo. Ma il match clou della notte è stato senza dubbio quello di Ana. Ok Serena forse non era al meglio, aveva mal di schiena, però ha fatto 13 aces e serviva botte anche a 190 Kmh. Analizzo la prestazione di Ana perché penso possa essere utile un po’ anche per Camila. La Ivanovic di questi ultimi anni è sempre stata un disastro di gratuiti e doppi falli, una che attaccava tutte le palle solo col dritto, che spesso finiva in rete o lungo. Dovevate vederla ieri con quale pazienza aspettava il momento buono per attaccare e la calma con cui chiudeva i punti le volte Serena era costretta ad accorciare dopo le gran botte di dritto di Ana. Ha fatto 27 gratuiti in 28 giochi, che per lei è una media pazzesca (contro la Stosur sono stati 40).
    Ciò dimostra che gli errori si possono fare senza problemi, l’importante è però che ci sia un certo equilibrio tra vincenti e gratuiti e non si deve avere troppa fretta di giocare il vincente attaccando tutte le palle senza distinzione.

  25. Omar Camporese by Omar Camporese

    comunque per ora l’ importante è che continui a giocare regolarmente i tornei, sperando che non decida di saltare Parigi senza un particolare motivo…

    tornando al GS, mi soffermavo a riflettere che ora ci sono 1300 punti sicuri che attendono una tra:
    Li
    Ivanovic
    Pennetta e
    Bouchard!

    mi sono divertito a calcolare piu’ o meno dove potrebbe arrivare la FORTUNATA ESTRATTA con questo insperato bottino…
    ad eccezione di Li, che non guadagnerebbe molto in termini di posizioni ( molto dipenderà dalle prime)…
    Ivanovic potrebbe raggiungere la posizione 9. +5
    Pennetta la posizione 12. +17
    Bouchard la posizione 14. +17
    e se poi una di loro vincesse addirittura il torneo e se quella fosse proprio Pennetta…

    • by r.b.

      Beh la Li è arrivata in finale anche l’anno scorso, quindi non sarebbe una sorpresa. La cinese quasi perdeva con la Safarova e poi oggi ha demolito la Makarova, non ho visto le partite quindi non saprei. Le altre tre effettivamente sarebbero molto sorprendenti, ma Ana è già stata in finale a Melbourne nel 2008 e visto il livello cui sta giocando….. Flavia sta giocando bene, il primo set è stato fantastico, poi qualcosa si è incappato, fortuna che è riuscita a vincere 7-5 al terzo, ma avrebbe potuto anche perdere alla fine, il che sarebbe stato una beffa contro una giocatrice come la Kerber che serve la prima a 140 e la seconda a 110 Kmh. La Bouchard è giovanissima e finora ha avuto un sorteggio pazzesco, non ha incontrato neanche una testa di serie e negli ottavi aveva la Dellacqua, con un sorteggio così anche Camila sarebbe arrivata ai quarti…. E in un certo senso la fortuna continua perché invece di Serena si trova Ana, che ok sta giocando bene è tutto, ma che comunque ha già battuta a Wimbledon, quindi Ana non è proprio favoritissima…

      • Lucia by Lucia

        Io mi lancio in un pronostico seppur parziale. Il primo set con la Li lo vince Flavia.

        • by r.b.

          Troppo poco come pronostico 🙂 Non ti sbilanci oltre? E l’altra partita? In fondo sei l’unica che hai detto che Serena aveva qualcosa che non andava, io la davo vincente al 100% pur adorando Ana 🙂

          • Lucia by Lucia

            Si vedeva che ha ulteriori chili di troppo addosso. E se la vuoi sapere tutta credo anche che quel completino rosa shock servisse per mascherarli

      • by Nicola

        Io non credo che Flavia ce la possa fare.
        La cinese non e’ la kerber…
        Spero di sbagliare ma non gli do piu’ del 20%…

        • Lucia by Lucia

          @ R.b e Nicola. Ho visto gli ultimi due Match di Flavia e nei due primii set e’ stata perfetta. Entra in campo con una applicazione ed una concentrazione massima. Successivamente il servizio cala vistosamente anche se di riffa o di raffa poi la partita la porta a casa. Neanch’io credo che basti con la cinese ma credo farà’ un grande primo set.

  26. by t.o.

    @omar e tutti
    Pienamente d’accordo con te. Tentare la seconda è legittimo.
    Se il progetto “Scalata per la Direttissima” è fallito il piano B è Step by step.
    Ma è fallito il piano A?
    Considera che:
    Da Wimbledon 2012 Camila ha affrontato11 volte le qualificazioni. Se escludiamo i due primi tornei in australia 2013 (non perchè non abbia perso ma credo che li la spalla sia davvero determinante. e 2 su 11 mi inciderebbe troppo sulle percentuali) Camila ha passato le Quali in 6 casi su 9. 3 volte è uscita due a Q1 e una a Q2. Sempre contro giocatrici classificate oltre 140. Due di queste 3 sono Carlsbad e New Haven (dopo l’exploit di Wimbledon) e uno e Luxembourg (contro una 180° al 2°TQ) dopo il quale Camila si ferma di nuovo e molla la Racchetta per tre mesi…..tanto bene non doveva stare. Nelle altre 6 qualifiche vinte ha superato in 17 incontri solo 5 o 6 atlete tra il 60° e ’85° . Per non dimenticare le qualifiche Wimbledon 2011 con la Futura Semifinalista Pironkova al 1° turno del MD e quelle di RG perse al 3° nel Q3. 23 vittorie contro 3 sconfitte (5 se mettiamo anche 2 di australia 2013).
    Camila le qualifiche le vince. E probabilmente con gli stessi risultati, invece che sprecati in una qualifica del Premier, usati in un WTA di basso livello si portava a casa qualche finale…se non di più. Ma cosa porterebbe al “Progetto Camila Top Player”…….attenzione. Ho detto top player non top ten. Per essere top ten bisogna guardare la classifica. Per diventare top player bisogna selezionare gli avversari. 23 vittorie a 5 (di cui non tutti giocati in buona salute) significano che a quel livello Camila sa vincere.
    Guarda la terza Q contro la Cohen a US Open. Camila vince 6-1 6-0.
    Non tira una palla sulle righe.
    Forza qualche servizio….fa anche qualche DF ma sempre sul 40-0 o 40-15.
    Fa tutto quello che noi le chiediamo di fare.
    Solo che quando lo fa noi non la vediamo…..sono solo LiveScore.
    Lei quelle cose le sa fare. E quando serve lo fa.
    Se andasse a raccattare punti in giro (come tutte) scegliendo i tornei rispetto ai punti, starebbe comoda in 40°/60° posizione anche per tutta la vita…..
    Purtroppo Camila ha voglia di fare il salto. Trovare il suo gioco. Ci è vicina.
    La frase di Cornet è “Devastante”……”avevo l’impressione di non saper più giocare a tennis….” ma vi rendete conto di cosa significa questa frase…
    il Gioco di Camila l’ha totalmente tolta dal Match.
    Mi aveva colpito il suo pianto nel 2° set…..e avevo scritto….”Ha pianto per l’umiliazione….”
    ero un trombettiere? NO.
    Lo ha confermato Alize Cornet, numero 25 al mondo….finalista a Roma a 18 anni ecc. ecc.
    “Mi sembrava di non saper più giocare a tennis….”
    Camila ha perso solo per pochi errori. Pochissimi errori (…….oppure oltre a vincere vogliamo anche vincere comodi?)
    E correggerli quando la tua avversaria “non sa più giocare a tennis” non sarà così difficile.
    Ma se li correggi allentando il ritmo rischi che poi LEI si ricorda come si gioca a tennis….e allora sono dolori….Chiedi a Maria……
    Bisogna andare un po più piano….ma solo un po’. Solo quel tanto per abbassare i NV che so….? a 65…sono troppi? e perchè?
    Preferisco farli io quegli errori piuttosto che far giocare LEI….ma a costo di fare tre DF di fila lei la mia 2° la deve aspettare due metri dietro la riga.
    Solo lei poteva conoscere il limite tra palla in sicurezza e Suicidio tattico (far rientrare in partita Alize)
    Capisci che queste cose non le può fare in un ITF 100K o in un WTA basso?
    Abituarsi a tenere quel ritmo (che già a lunghi tratti tiene…)
    Quel gioco si fa solo se davanti hai una Cornet o una Woz, e possibilmente in un campo che mette paura solo a giocarci.
    Anche quelle sensazioni servono per completare il “Progetto Camila top player”…Se il progetto riuscirà la scalata si fa in tre mesi….vedi Halep che l’anno scorso usciva al 1° per mesi di fila…..o Bouchard con una progressione più Lineare, o Muguruza (che Camila ha battuto a Madrid) o altre che si affacciano ogni giorno.
    Se il progetto non riuscirà ci adatteremo a portare a casa la “pagnotta” come fanno tutti.
    Se fosse questo il “Progetto di Camila”?
    Cosa ci sarebbe di sbagliato?
    E’ troppo ambizioso? Forse
    Camila è troppo sicura di se? Può darsi
    Ci metterà 2 anni? E chi ha detto che qualcuno ha fretta…..
    Sergio?…..e che deve dire povero Sergio….lui fa Marketing…..
    “Venghino signori venghino…..più gente entra….più Bestie vedrete….”

  27. by t.o.

    @Omar
    Io non ho mai certezze. E’ il problema degli Agnostici come me. Do solo priorità alle “Probabilita” con più alta possibilità di successo. Un’analisi il più possibile “centrata” aumenta le probabilità di successo della previsione. E’ la qualità dell’analisi che ne aumenta la sua “attendibilità”.
    Il Ranking è già la sintesi di molti parametri ma ti sentiresti di dire lei è 5° lei è 29° perciò vincerà sicuramente la 5°? NO. Eppure senza altre informazioni dovresti dire così. Sei tu che devi inserire i K (coefficienti di correzione). E’ una cosa che facciamo in ogni momento della nostra vita.
    Oggi c’è mercato perciò per andare in quel posto passo per l’altra strada. ma non puoi calcolare (a meno che non sia già successo altre volte) se tutti quelli che fanno il tuo stesso ragionamento fanno la stessa scelta Ingolfando l’altra strada che doveva essere libera. O se il semaforo è rotto. O se c’è lo sciopero dei tram ecc. ecc. . Si chiama programmazione…Ma, come dicevamo ieri con Dhorty….nessuna programmazione “vale una bella Botta di Culo”.
    Questa frase non “riduce” il valore o la qualità dell’analisi. Anzi inserisce un ulteriore K che va valutato analizzato e scomposto, e poi utilizzato per valutare l’attendibilità della previsione.
    Concorderai che la Fortuna o la Sfortuna ( +1 o -1) è ininfluente negli scacchi. Ma è determinante nel gioco del lotto. Nell’atletica leggera incide pochissimo nei 100 metri. Molto di più nel salto in lungo (un colpo di vento al limite del regolamento a favore di uno e contro di un’altro può valere a parità di valore tecnico degli atleti anche un differenziale di mezzo metro. Nel Tennis?
    Quanto incide la fortuna?
    sul singolo punto molto, sul gioco un po meno, sul set ancora meno ecc. ecc (parlo di fortuna di gioco, un nastro, una chiamata, non parlo certo di infortuni o altro….) La fortuna in genere, per la legge dei grandi numeri, dopo un certo numero di cicli si bilancia….ma nella previsione a Breve può incidere moltissimo. Nessuno può negare che la classifica di Francesca quest’anno è assolutamente determinata dalla Fortuna ( nel suo caso Sfortuna). Pessime estrazioni in sequenza però non sono Sfortuna. La loro frequenza ci obbliga a calcolare questa possibilità in un’analisi. Accade troppo spesso per classificarla come “CASO”. Va calcolata. Visto che la difesa da questo tipo di sfortuna si chiama TdS la classifica diventa determinante. Perciò la posizione di classifica è una componente nell’analisi quando incide direttamente sulle TdS. Di qui i veri top. TOP 4, TOP 8, TOP 16 e TOP 32.
    essere 9° o 16° è indifferente in un MD32 ma non lo e in un MD96. Così negli slam eccetera.
    Per quello dicevo che Sara rischia più per il suo stato di classifica che per il suo stato di forma.
    Rispetto a Camila. La teoria del Caos ha un nome tecnico che è “teoria dei sistemi dinamici non lineari”. Anche l’evoluzione di una tennista è un sistema dinamico non lineare.
    La forza fisica si acquisisce con un certo tipo di lavoro e dà risultati programmabili. (lineare)
    I colpi si affinano a poco a poco e dà risultati spesso altalenanti. (lieve regressione iniziale e successivo recupero oltre la base di partenza. Lineare ma -1 +2-1+2-1+2……)
    Lo scatto mentale ha dinamiche assolutamente non lineari…..
    Se dipende dalla fiducia in se stesso può essere “provocato” sia con Logica lineare. Aumento progressivo delle difficoltà o con Raggiungimento di un’obiettivo predefinito.

    Ora metti le tue valutazione sogettive: Penso che per Camila sarebbe meglio così. penso che per Camila sia meglio cosà. (ITF WTA o Premier).
    Il successo di una strategia non dimostra che le altre sarebbero state un fallimento. Il fallimento di un’altra strategia non dimostra che il contrario sarebbe stato un successo.
    La logica della dimostrazione per assurdo, Tertium non datur qui non è applicabile.

    • Omar Camporese by Omar Camporese

      daccordo su tutto tranne le ultime tre righe:
      non è questione di terza possibilità…
      è questione che si puo’ tentare una seconda strategia se la prima è risultata fallimentare…
      e la prima E’ RISULTATA fin’ ora fallimentare!
      la prova?
      trovami un premier in cui sia stata capace (fisico permettendo) di superare il secondo turno almeno una sola volta!
      certo… vi riuscisse anche solo domani, sarei contento come tutti credo…
      ma perchè non tentare altre strade?

  28. TEUS by TEUS

    Felice per Pennetta che, nonostante qualche passaggio a vuoto, è riuscita a vincere un match molto importante contro una Kerber, va detto, un po’ appannata in generale.
    Mi riallaccio al ragionamento già fatto in un mio precedente post per ribadire quanto l’esperienza (una singola parola che racchiude però un universo) possa far la differenza nel tennis: come si spiega il fatto che oggi Flavia riesce a essere più concreta nei momenti cruciali proprio durante gli slam? Lei che, nonostante tennisticamente sia da anni al livello delle top 10, ha sempre patito la tensione durante certi tipi di incontri (la sconfitta ai quarti, sempre con Kerber, all’US Open di qualche anno fa, ne è l’esempio lampante).
    Cos’ha oggi Pennetta in più rispetto a prima (ai tempi non era certo una ragazzina e perciò, come ripeto spesso, l’importanza dell’anagrafe è relativa). Oggi in più ha la consapevolezza, non solo di poter giocare ancora il suo miglior tennis, ma addirittura di potersi migliorare. Ciò, molto probabilmente, anche grazie a tutto quello che ha passato a causa del grave infortunio e, infatti, riesce a trovare, nei momenti giusti, quella lucidità e quella determinazione che nell’arco di un’intera carriera non era mai riuscita a tirar fuori seriamente (potrebbe essere l’ennesimo caso di una tennista che raggiunge il suo massimo livello dopo i 30).
    Con Li partirà senza dubbio sfavorita ma intanto, scusate il gioco di parole, è lì perché ha saputo cogliere tutte le occasioni che ha avuto durante il torneo.
    Tutto ciò anche per dire che nessuno oggi può sapere che tipo di giocatrice sarà Camila tra 4 o 5 anni. Dipenderà da una serie di fattori che, e questo è il bello degli sport individuali e la cosa che li rende alquanto affascinanti, in questo momento non è possibile conoscere.
    Giocare, giocare e ancora giocare. Un domani, match come quello con Cornet e tante altre delusioni cocenti che senz’altro arriveranno nella prima fase della sua carriera, torneranno senz’altro a suo vantaggio ( e magari proprio durante la finale di uno slam…).

  29. doherty by doherty

    ho finito ora di vedere la partita registrata di flavia ..
    grandissima !!!
    se camila potesse allenarsi con lei quanto avrebbe da imparare…sarebbe un sogno…magari vederle giocare il doppio insieme…

  30. Lucia by Lucia

    Lo dicevo io che serenona non mi piaceva….

  31. boy by boy

    facciamo sul serio i più vivi complimenti a Flavia!! Se li merita tutti davvero. Una giocatrice che ormai ad una certa età riesce a superare sul serio un gravissimo infortunio e che riesce ad accedere ai quarti dello slam australiano. Vivissimo complimenti.

    E poi visto che anche l’occhio vuole la sua parte, merita tutta l’enfasi del caso la notizia che ai quarti ci sarà un incontro che a livello estetico rappresenta il meglio del meglio che il panorama mondiale attuale può rappresentare: Ivanovic – Bouchard

  32. Omar Camporese by Omar Camporese

    a volte capita che devi fare delle scelte…
    scelte di cui poi ti puoi anche pentire e non certo per colpa tua!
    così stanotte, non potendo rimanere sveglio per tante ore, ho sacrificato il match di Pennetta per seguire Fognini!
    dire che sono contento per l’ italiana è ovviamente dire poco e penso che a questo punto, possa davvero puntare molto in alto, essendo uscita di scena Williams, che navigava nella sua metà tabellone!
    Fabio invece haimè nulla ha potuto contro uno dei migliori NOLE, mai visti in campo!
    il buon tennista nazionale, ha dovuto dare tutto se stesso, non per cercare di ribaltare le sorti della partita, evidentemente mai in discussione, ma almeno per cercare di limitarne i danni!
    sia chiaro che a livello tecnico, Fabio non credo abbia ancora molto di piu’ da dimostrare, almeno considerando che non si giocava sulla sua superficie preferita…
    ma il verdetto finale della partita, oltre che dal punteggio molto molto severo, lo si legge nei numeri dei punti conquistati dal nostro ragazzo in ricezione!
    numeri davvero sconfortanti:
    primo set, solo DUE punti strappati al servizio di NOLE, nonostante sia stata la frazione di gioco meglio giocata da Fabio.
    secondo set solo TRE PUNTI… e terzo set, solo CINQUE punti!
    molto eloquenti anche le frasi di Fognini sulla sua impotenza contro una vera macchina da guerra e altrettanto eloquente il mimo della play station…
    sono solo dettagli certo… ma dettagli che raccontano molto bene come siano in realtà andate le cose!
    comunque, a mio avviso è andato molto avanti nel torneo e se non ricadrà nei soliti atteggiamenti strafottenti che lo caratterizzano spesso, penso possa ritrovare molti sostenitori nel proseguimento della stagione…

    di Flavia, lascio ad altri che hanno visto l’ incontro raccontare le sensazioni provate…

    @Madoka:
    ero certo che saresti tornato e mi fa piacere.
    mi fa anche piacere leggere la tua opinione sulla programmazione, che è essenzialmente cio’ che penso…
    unica nota, non condivido il fatto che Sergio debba farsi da parte!
    in questi tre match fin’ ora disputati, molto probabilmente la responsabilità è solo di Camila, che continua a non accettare consigli dirante la partita.
    personalmente non sono del tutto convinto che con una guida alternativa le cose possano cambiare e comunque ne andrebbe a discapito il margine di serenità che la presenza paterna in prima linea comunque riesce a dare alla giocatrice.
    certo che, se l’ andazzo della stagione dovesse continuare allo stesso modo, con il problema fisico ormai risolto definitivamente…
    allora si potrebbe anche pensare a scelte radicali!
    ma per ora direi di concedere ancora chances ad entrambi…

    @t.o.
    molto interessante la storia che hai raccontato!
    pur non essendo un esperto di sport di squadra, penso pero’ che molto difficilmente si potrebbe accostare a quella che è la realtà di Camila!
    soprattutto considerando che le prime sono delle ragazze adolescenti e la seconda è una tennista di professione!
    ma è ovviamente solo una mia opinione…
    sul discorso Parigi – Pattaya, che ti possano piacere o meno ho delle risposte:
    1) in F1 si rientra ai box per il Pit Stop, ovviamente quando è arrivato il momento giusto. MAI prima!
    daccordo… è un altro sport…. ma noi non sappiamo se questo passaggio obbligatorio sia da considerarsi davvero tale!
    e comunque, l’ alternativa di rientrare un paio di giorni e poi ripartire alla volta della Thailandia, senza passare per Parigi, sarebbe comunque percorribile e molto meno stressante per l’ organismo, visto che in Francia siamo in pieno inverno…
    2) Fed: io non ho certezze, ma allo stato attuale delle cose, direi che Pennetta e Knapp le stanno davanti.
    chi di voi scaglierebbe la prima pietra, per lasciare a casa Vinci o Errani in cambio di una ancora non ben rodata Giorgi???
    certamente direte voi che la superficie di gioco meglio si conface a Camila… ma penso che non basti!
    3) Parigi è sempre Parigi, non solo per lei… ma vuoi mettere Parigi in inverno contro la Thailandia?
    … e poi, a Parigi entro breve tempo comunque ci ritornerebbe per il RG…

    Sergio: se ci sei e leggi… batti un colpo che è meglio!

    saluti.

  33. by Nicola

    Fantastica Ana e Serena back to home!!!!
    E ora sotto con Fognini dopo Flavia stellare!!!
    Che notte!!!
    Che notte!!!!!!!!

  34. Giovaneale by Giovaneale

    Sorpresonaaaaaaaa
    Fuori Serena!!!!!!!
    Ivanovic splendida,vincenti su vincenti ma Williams non al meglio fisicamente (e si vedeva)

  35. Lucia by Lucia

    Bravissima Flavia ( perfetta nel primo set) . Io di punteggi e classifiche ci capisco poco ma se tanto mi da tanto prima degli usa open la vedo tra le prime dieci.

    • Giovaneale by Giovaneale

      Il match di Flavia propone vari spunti di riflessione,spero che domani se ne discuta!
      Primo set perfetto per Flavia in cui ha preso tanti rischi e comandando il gioco sia in battuta che in risposta.La Kerber ha evidenti limiti alla battuta,sul finire del match le sue prime viaggiavano a 130 e le seconde a 110 e per una top ten è davvero scandaloso!
      Ma torniamo a Flavia..nel primo set dicevo ha attaccato tantissimo non permettendo quasi mai alla Kerber di prendere le redini dello scambio chiudendo 6-1.
      Nel secondo ha tirato un po il fiato ed ha accorciato la profondità della palla concedendo alla Kerber di rientrare in partita.
      Nel terzo è andata 5-3 ma si è fatta recuperare per chiudere 7-5.
      Gli strappi sono coincisi con il suo gioco aggressivo,certo era facile attaccare la seconda della Kerber ma fisicamente non riusciva a farlo tutte le volte.Comunque brava Flavia!Un anno fa era oltre la 150esima posizione,appena operata e non sapeva neanche se sarebbe tornata a giocare a certi livelli,ora si trova nei quarti di uno slam..non c’è che applaudirla!
      Mi piace rapportare tutto in relazione a Camila quindi dico,rapidamente vista l’ora (solo le 3:40) che gli schiaffi al volo li sbaglia anche Flavia,così come Kerber e tante altre,che la sua battuta seppur molto fallosa non la baratto con nessuna e che se non giocasse d’attacco come le piace fare sarebbe un massacro!
      Nei pochi scambi con la Cornet in cui si è limitata a mettere la palla dall’altra parte non sembrava neanche lei ed il suo gioco diventava lento,prevedibile ed attaccabile persino da quella Cornet.Sono convinto che difficilmente si troverà una figura professionale che possa convincerla a fare un gioco diverso ma può senza dubbio lavorare sul suo atteggiamento durante le partite..si vede che va in confusione e se aggiungiamo che lei odia o forse non sa neanche giocare in difesa l’unica soluzione nella sua testa è attaccare e farlo sempre!L’ha spiegato bene Madoka (al quale do il bentornato) ma deve passare tutto dalla sua testa!Non è possibile che Sergio le dica di spingere tutte le palle ma lei lo fa sempre lo stesso!Sarà nella sua testa che avverrà la svolta,giocando più partite possibili,sperando che avvenga il prima possibile.A quel punto speriamo anche che i colpi interlocutori siano all’altezza del suo talento offensivo e se sarà così ne vedremo delle belle!
      Buonanotte e sempre forza Cami e ancora bentornato a Madoka

    • by Nicola

      Sarebbe fantastico!

  36. by r.b.

    La Pennetta sta giocando in modo incredibile 🙂 6-1 alla Kerber nel primo set…

  37. Madoka by Madoka

    Avete ragione. Avevo scritto meno di 3-4 giorni fa che non avrei più scritto sul blog. Le delusione del momento era forte e mi fa fatto venire meno ad una cosa che mi ripeto sempre nella vita quando affronto situazioni che mi coinvolgono, non dire mai :” questo è mai più, questo è per sempre”.

    Non si sceglie il tifo per una giocatrice, è qualcosa che “purtroppo” succede, ti prende. E ci devi convivere, soprattutto quando arrivano amarissime sconfitte.

    Non so se sapete che il mio primo e più grande amore tennistico è proprio la Pennetta. Non sarei un tifoso ed un appassionato di tennis se non fosse per Flavia. Quarti di finale degli USOpen del 2011, nella mia testa era già in finale, dovendo affrontare in semifinale la Stosur, da cui non ha mai perso una partita.

    Quel match è ancora ad oggi la mia delusione tennistica più cocente. E a partita finita, non solo ho passato la notte in bianco dal nervoso ( sì, per una partita di tennis ), ma a Flavia gliene ho dette letteralmente di tutti i colori. Passate due settimane, c’era il quarto di finale contro la Wozniacki a Pechino, era verso le 10 di mattina, ed io avevo un esame. Prima e subito dopo l’interrogazione, sono stato con lo smartphone a vedere la partite, fregandomene dell’esame ( che poi ho passato.

    Ritorniamo a parlare di Camila. Siamo sul suo blog.

    In questi giorni ho pensato. Ma è giusto che io sia deluso ed amareggiato perchè la numero 98 ha perso, lottando, a tratti dominando, contro la numero 25 ? Numero 25 che poi in conferenza stampa ammetterò :” a tratti ho avuto l’impressione come di non saper giocar più a tennis”.

    Dipende dai punti di vista. Se guardiamo la classifica e le storie delle giocatrici ovviamente no. Ma se vediamo il talento e la forza delle giocatrici sì, c’è da essere delusi.

    Era una partita che Camila avrebbe dovuto vincere, ma ha perso in malo modo. In una maniera peggiore di quanto il punteggio dica in realtà.

    Da oggi in poi sarò fortemente critico verso Camila e suo padre, sempre nel loro rispetto e con educazione.

    Non voglio più sentire parlare di scuse e dalla mia tastiera non ci saranno più giustificazioni.

    1) Camila DEVE cambiare allenatore. O se non è possibile che Sergio si faccia da parte, perchè cmq Camila è una sua creatura ed immagino che ci sia un legame fortissimo fra i due, Sergio deve avere L’UMITA’ di legittimare una persona, un allenatore con le palle, un allenatore che costa anche 250 k a stagione, che insegni a Camila a pensare in campo.

    E’ oramai palese che Camila è proprio una testa dura, testarda. Ciò che le dice il padre, le entra da un orecchio e le esce dall’altro. Sergio da solo non è in grado di insegnare a Camila a giocare a tennis.

    Attualmente Camila è una COLPITRICE. Una cosa totalmente diversa è essere una GIOCATRICE.

    Io non dico che Camila deve smettere di tirare tutto. Deve imparare a capire quando, come e dove può farlo. Camila deve imparare a fare le scelte corrette.

    Camila nel match contro la Cornet, due metri da fondo campo, in arretramento, continuava imperterrita a tirare un cross vincente di diritto. Una volta, due volte, tre volte. E’ ovvio che alla quarta volta,se continui a sbagliare la testa va per aria e tutto inizia a crollare.

    SCELTE CORRETTE.

    Camila non arriva all’uno e settanta. Masha contro Knapp in un paio di occasioni arretrando ha fatto un vincente a scendere sfiorando la rete. Scelta casuale e sbagliata allo stesso tempo. Però Maria è alta un metro ed ottantacinque,se l’avesse fatto la Camila sarebbe finito a metà rete.

    SCELTE CORRETTE.

    Ci vuole una persona che glielo insegni, Sergio da solo non è in grado, perchè Camila non lo ascolta.

    Camila deve imparare a gestire le tensioni, concentrare l’attenzione, compiere scelte giuste. Perchè i problemi nascono quando la obbligano in certe situazioni dovresti fare qualcosa che non è nel suo DNA, mandandola in crisi, e così sbaglia i colpi successivi, quei stessi colpi che a lei sono congeniali. Qualcuno crede davvero che Camila non sappia fare uno schiaffo al volo ?

    Se compi 73 gratuiti in una partita perdi anche se giochi da solo.

    Se Camila vuole diventare una top 10 NON PUO’ AVERE LACUNE. Il non pensare e’ una delle lacune più grandi.

    2) Camila deve giocare. Più giochi, più ti abitui alle partite, alle avversarie, trovi fiducia, impari dagli errori. Adesso deve giocare a Parigi. E poi continuare a giocare il più possibile salute permettendo. Solo in questo modo si possono limare queste grosse lacune di cui so parlando.

    E qui entra in gioco la programmazione. Per una giocatrice che ha bisogno di fare partite : è corretto giocare solo premier ? Privilegiamo la classifica ed il prize money ? O lo sviluppo della giocatrice ?

    Personalmente è un errore macroscopico giocare sempre questi tornei così difficili, facendo sempre le qualificazioni, beccando top50 nelle quali, giocandotela al terzo ( McHale,Cornet, ma perdendo. Con scelte diverse si potevano fare meno punti/prize money…ma più partite. Ed a mio avviso quello deve essere privilegiato. Se non gioca, non impara.

    Camila deve imparare, e lo può fare solo giocando molto. C’è qualcuno che crede che con qualche mese e una decina di tornei di esperienza in più, e magari qualche partita nelle gambe, una partita come quella di oggi Camila non l’avrebbe vinta?

    E’ ancora giovane, ha molto tempo davanti a se per diventare una giocatrice importante,a di tempo per imparare a pensare in campo ce ne vuole. Quindi bisogna fare in fretta. Non si può perdere altro tempo.

    Ma TU Camila ti devi rendere conto di quali sono i tuoi limiti attuali e come migliorarli. Spero che tu abbia pianto, e ci sia rimasta malissimo per questa sconfitta, in modo che possa nascere una scintilla che ti faccia capire di cosa hai bisogno per progredire.

    Io ( noi ) starò/staremo sempre qui a sostenerti.

    Forza.

    E forza Flavia che stanotte si deve prendere una grossa rivincita.

  38. by r.b.

    C’è una classifica dove la nostra Camila già eccelle: il sito web wtahotties ha pubblicato la classifica delle 100 più belle tenniste del 2013. Camila e #12 e ha fatto già un bel balzo in avanti (nel 2012 era #48). Scommetto che l’anno prossimo sarà nelle top 10 di questa speciale classifica 🙂
    che al momento è:
    1. Ivanovic
    2. Sharapova
    3. Bouchard
    4. Kirilenko
    5. Hantuchova
    6. Serena Williams
    7. Wozniacki
    8. Minella
    9. Lim
    10. Uberalova
    Classifica che mi trova sostanzialmente d’accordo, la leadership di Ana è indiscutibile, meritatissimo il terzo posto di Eugenie, al nono e decimo posto due tenniste poco note ma davvero belle, secondo me manca solo Julia Goerges che dovrebbe stare sempre nella top 10. Camila come detto è 12 ma salirà presto, oltre che nella classifica ufficiale WTA, anche in questa speciale classifica 🙂

  39. by t.o.

    @Omar
    Apro un nuovo post poichè devo risponderti a tre tuoi interventi precedenti e non voglio spezzare il ragionamento in tanti francobolli a commento di singoli post.
    Parigi o Pattaya.
    Ti passo il termine “dimostrato” poichè seppure a livello teorico i 200 punti “costano” 5 partite di livello inferiore. Che poi ti capiti la Bouchard mascherata da 93° come a Strasburgo è un’altra storia.
    Ma sorvoli su alcuni fatti determinanti.
    1°Controlli medici e strumentali da Parra. Non si possono fare in Thailandia.
    2°Riunione per Fed Cup……sei sicuro che Camila non sarà convocata?
    3°A Parigi Camila ha vissuto e la considera la “sua città Ideale” . Ha amici di “scuola” e forse anche qualche interesse….
    E poi i soldi, la visibilità, gli sponsor.

    Rispetto invece al valore tecnico riferito alla crescita ti voglio raccontare una storia….parliamo di Volley. L’unico sport che seppure di squadra ha qualche attinenza con il tennis sia per il tipo di punteggio….(solo poche attinenze…ma non c’è di meglio) ma soprattutto nel peso della “Testa” nell’economia del risultato.
    Avevamo un’ottima squadra U16 femminile che aveva vinto il campionato provinciale ed era arrivata seconda nelle finali regionali. Seconde dietro la U16 “vivaio” di una squadra che solo per capirci aveva vinto il campionato Italiano di A1…tanto per non fare nomi….la Conad Sirio Perugia.
    La federazione quell’anno permise ad alcune squadre giovanili di iscriversi al campionato regionale di serie C. La C è open….perciò trovi squadre con dentro ex A1 e A2 magari di 40 anni ma che almeno per un set un set e mezzo “fanno davvero paura”…..
    Noi dicemmo alle ragazze che noi avremmo considerato la nostra vittoria con un handicap di 10 punti. 25-15 lo avremmo considerato pareggio, 25-16 addirittura vittoria…. con conseguente Pizza a spese della società come da tradizione U16
    Fu un campionato durissimo. prendevano botte da tutte le parti….le nostre “fenomeno” abituate in U16 a “fare i buchi per terra” si vedevano “stampare palloni sul muso” da muri che non immaginavano nemmeno che potessero esistere. I pianti negli spogliatoi non si contavano e non si contavano le proteste dei genitori che “volevano proteggere il talento” delle proprie Gioie dall’umiliazione che settimanalmente necessariamente subivano.
    Finalmente il campionato finì…..raccogliemmo 12 o 13 punti in tutto…..nel Volley il 3 a 2 viene pagato un punto anche a chi perde, e almeno contro le altre “tre sperimenali” qualcosa riportammo a casa. Tutte a rimpiangere il campionato U18 (che avrebbero dovuto fare al posto della serie C) dove almeno con molte squadre anche se formate da ragazze di 2 o 3 anni di più se la sarebbero potuta giocare (avevamo una U 16 con dentro anche un po di U14 in panchina) . Ma così andò….
    A fine campionato, in un torneo, la squadra che aveva vinto l’U18 prese una stesa dalle nostre “ragazzine” che ancora se la ricordano.
    Qualche genitore ancora dice cha se avessimo fatto il campionato U18 lo avremmo vinto……
    ….io continuo a pensare che senza quelle “palle sul muso” dell’anno prima non saremmo andati da nessuna parte……. Il bello di queste cose è che non avrai mai la prova contraria……
    Così è andata così te la racconto…….per quello che vale..

  40. by t.o.

    @Omar e poi tutti gli altri.
    Su Kerber hai sicuramente ragione tu…come sai il punteggio nel Ranking non è “la mia specialità” ne la “mia Passione” (i conti in genere me li controllava il Pignolo)…..mi sembrava di aver letto da qualcuno che i punti fossero già stati “defalcati” ma a pensarci è logico che questo avvenga a fine torneo…
    Vorrei tornare però al concetto base. Il metodo di analisi.
    L’incidenza della vittoria di A su B e le conseguenze sulla classifica di C (e questo è banale) e tutti gli inneschi che può attivare (e questo è quello che mi interessa).
    Per questo non ho perso molto tempo sui numeri (facendo degli errori) perchè Kerber è solo l’esempio pià probabile. Ma non è detto che sarà lei la goccia che “fa traboccare il vaso”. Tu hai detto Ana. perchè no. Anche Ana ha una “classifica scarica fino a RG” Perchè per Sara la deadline sarà RG…..ma non come lo finisce….come lo comincia.
    Sara si trova oggi, comunque, 8° 9° o 10° che sia con il punteggio più basso degli ultimi tre anni
    La soglia del n° 8 nel 2012 era 5085 e nel 2011 era 5250.
    Essere 8° a 4435 pt significa avere o 2 o 3 che ti scavalcano alla fine degli AO o (forse peggio) 5, 6 o 7 atlete che ti stanno ai “talloni” a pochi punti. Non calcolare i punti dopo RG. Calcola quelli prima.
    Perchè è proprio la posizione che avrà il giorno del sorteggio delle TdS di RG che “determinerà” la fine o la ripartenza in questo suo straordinario biennio in top ten. Di cui sia ben chiaro, io sono felice e contentissimo per lei e riconoscente per quanto ha fatto per tutto il movimento.
    Perchè la critico. Perchè non mi piace il suo gioco, perchè mi annoia, e anche perchè credo che Sara sia un esempio solo fino ad un certo punto. Io l’ho sempre definita un’eroina da “libro cuore”….un esempio importante ma che da solo può diventare anche un “freno” e un alibi per intere generazioni.
    Un pessimo atteggiamento Italiano. In Italia sei bocciato a suola se hai anche un solo 5 in una pagella di tutti 10 (tecnicamente è possibile) . Da noi si premia La “Media”. All’estero si premiano le “Eccellenze”. Per difendere bisogna saper fare bene un po tutte le cose. Per attaccare bisogna fare bene solo le cose che servono. Il difensore colme le “Lacune” l’attaccante perfeziona le “Eccellenze”
    “La Difesa” è un atteggiamento mentale. E’ la conservazione.
    “l’Attacco” è l’opposto atteggiamento mentale. E’ il progresso.
    Un atleta “normale” con molto impegno e sacrificio può diventare un’ottimo Difensore”….ma un atleta normale non diventerà mai un’ottimo Attaccante.
    E’ molto più facile difendere che attaccare. Quando difendi devi studiare il tuo avversario e adeguare il tuo gioco al suo. Ma io che attacco cosa devo studiare…se lui giocherà in modo sempre diverso a seconda del mio gioco? Io devo studiare solo il mio gioco…e portare il mio avversario in quel “campo” dove non ha difese. Potenza e Velocità.
    Questo ha fatto Camila con Cornet.
    Per prima cosa non l’ha fatta giocare. Come Pantani che scattava in salità. A quelle volocità nessuno poteva tenergli dietro. Il problema era. Ce la farà Pantani stesso a mantenetre il ritmo che ha imposto?.
    Camila contro Alize non ce l’ha fatta. Doveva scattare si….ma un po più piano (o un po’ meno forte).
    Quanto meno forte? Guardiamo Maria ieri sera. Ha fatto il primo set alla Sharapova. Un po più piano di Camila ma sempre ad un ritmo molto sostenuto. Ha servito bene ma anche lei ha provato a vedere il “limite di Sicurezza” rispetto a Alize. Le uniche due seconde sotto le 85 mph le sono costate due risposte vincenti. Anche lei si fa brekkare con due DF. E’ l’unico gioco di Alize nel primo. Nel secondo, quando ha mollato un po….sentendosi sicura del 6-1 del 1°, la Cornet è tornata in partita. E l’ha fatta soffrire. l’ha brekkata 3 volte su 4 PB, Maria per i suoi 3break ha dovuto utilizzare 10 PB. Dopo 13 giochi e un TB da 14 pt. il differenziale tra Maria e Alize è di soli 4 punti. 29 errori non forzati (per i segnalatori anche Maria è una che rimanda di la la palla sperando che non ritorni….boh……) . Che centra questo con la partita di Camila….e che centra con tutto il ragionamento di questo post…. andiamo ad una sintesi…..
    Un punto, un game, un set, una partita, un torneo, un’annata, una carriera, una vita.
    Sono tutti “progetti” completi e complementari. Sono completi perchè singolarmente presi sono tutti “conseguenza di altri eventi” sia Intenzionali (servire forte o piano, rispondere così o colà) sia Casuali (un nastro, una chiamata sbagliata, una riga si o no per un centimetro)…..ma sono anche Complementari perchè messi in sequenza sono le cause dell’Progetto “successivo”. I punti il gioco, i giochi il set, i set il match, i match, il torneo, il torneo, l’annata, le annate, la carriera……e poi la vita, che non è soltanto tennis.
    Nessuno di questi eventi completi lascia strascichi sull’evento successivo se non la sua rappresentazione “binaria” on/off si/no 1/0 . Passati alla fase successiva (il game) la fase precedente è solo on/off. Un game vinto a 0 vale come uno al 200° vantaggio e con tre chiamate sbagliate del giudice di linea. Una partita di tennis è composta minimo da 48 “eventi completi (Golden Match)….ma ad andare indietro anche un golden set può essere composto da un numero infinito di scambi. E anche in uno scambio, il singolo colpo ha mille variabili. ed anche il singolo scambio, come il singolo game ecc. può durare all’infinito….E’ la metafora della vita.
    E’ la più bella, divertente, appassionante rappresentazione grafica della “Teoria del Caos”.
    Il fatto che io abbia scelto Camila come mio “Virgilio” in questo viaggio ha una sua motivazione tecnica.
    Camila rompe gli schemi. Camila mette in crisi i modelli.
    E non solo di gioco. Anche del marketing dello showbusiness che il tennis professionistico rappresenta. Il Circo Giorgi che vuole rivoluzionare le regole dello Sponsoring. Questa credetemi è ancora più “Folle” del cercare tutti vincenti anche contro Serena. Ma è talmente folle che potrebbe addirittura riuscire. E per assurdo è anche scollegata dai risultati di Camila…..anzi…per vincere (la Strategia di Marketing) avrebbe bisogno proprio di una Camila “ad intermittenza”
    Se Davide diventa Golia la gente cercherà il nuovo Davide
    Davide deve fare Davide solo due o tre volte l’anno. Per rimanere Davide lui stesso.

    Ora noi stiamo dando u sacco di suggerimenti giusti.
    Sono giusti perchè ognuno parla del “Proprio Progetto”.
    E tutti abbiamo ragione.
    Per i colpi è meglio fare così.
    per vincere punti cosà, per vincere game cosò e per vincere set cosù…..
    E’ meglio tante partite con 120°/60° o poche partite con 59°/1°?
    E’ meglio per fare cosa?…..se non diciamo per fare COSA non sapremo mai la soluzione con la possibilità di successo maggiore. ( e fidatevi….contentatevi del 60%di PRO….Perchè dire che visto che il Tipo di Gioco A a perso non significa che il Tipo di Gioco B avrebbe vinto….)
    Alize è una tennista utile ad un “comparativo”. E’ sufficientemente costante, non ha alti e bassi (come Ana o come Petra). E sotto un certo livello di gioco (non di classifica) è difficile da battere.
    Maria è Maria……ma è quanto di più simile c’è ad alto livello a cui (con tutto il rispetto) può essere paragonata Camila….facciamo un’analisi comparata dei due match (stesse atlete, stesso torneo, stesso clima e entro 48 ore) e poi cerchiamo di trarre le conclusioni.
    Usciranno fuori delle splendide “simulazioni”……..fine prima parte. (da “Camila Giorgi…ovvero, il Tennis e la metafora della vita…” di t.o)
    ……..pubblicazione?……dopo gli Internazionali di Roma , Sto scherzando?…..può darsi……

    E’ l’attaccante che studia nuove tecniche.
    Il difensore deve aspettare l’attacco prima di approntare la difesa.

    • by r.b.

      Mi piace il tuo intervento, perché offre interessanti punti di discussione sui quali mi auguro torneremo in seguito. Molto interessante la questione sul “personaggio” Camila, sulla quale in effetti non avevo mai seriamente riflettuto, limitandomi a pensare che i soldi e gli sponsor arrivano con i risultati. È vero, ma forse con Camila c’è qualcosa di più complesso, altrimenti non sarebbero usciti articoli come quello uscito su Sport Illustrated riguardanti la numero 99 del mondo…. A chi possono interessare gli sponsor della Govortzova? O della Hsieh? Evidentemente Camila, anche da numero 100 del mondo o giù di lì, ha ben altro spessore mediatico. Sugli aspetti tecnici abbiamo parlato sin troppo. Dai Camila, riduci ‘sti doppi falli ed errori non forzati e mandale tutte a casa! (come se fosse facile :-))

    • Omar Camporese by Omar Camporese

      sul discorso Sara, sono completamente daccordo con te, tranne sul fatto che da qui al RG, vedo le cose meno negative di come le descrivi tu… la motivazione sta nel fatto che a mio avviso conterà molto anche quello che saranno in grado di fare le sue dirette rivali e questo al momento non ci è dato di prevedere…
      tieni anche conto del fatto, che il nuovo sistema di punteggio, tende a premiare solo chi fince i tornei e soprattutto quelli di maggior calibro…
      quindi premiare le prime 4 o 5 al mondo.
      per le altre, raggiungere 4000 o 5000 punti, con questa nuova situazione non sara’ facile e Sara essendo avanti, si trova comunque in una situazione privileggiata!

      il discorso Giorgi invece, mi trova daccordo solo in parte, perchè lei a mio avviso non è ancora diventata DAVIDE… per lo meno non lo è ancora diventata per questo avvio di stagione, che penso sia stato sotto le aspettative dei piu’…
      se guardiamo in fondo i vari commenti fatti per le tre partite disputate oltre che i numeri delle stesse, scopriamo molte similitudini…
      stesse difficolta’ e stessi troppi errori…
      insomma, ad ottobre scorso credo che nessuno di noi avrebbe pronosticato per lei solo 70 punti in un mese e non lo feci neanche io!
      buono è stato che l’ unica vittoria sia arrivata proprio dal primo turno del GS…
      almeno questo se vogliamo ha salvato capra e cavoli…
      ma di cosa si parlerebbe oggi se, avesse avuto una sorte meno benevola nel sorteggio del GS?
      guardando in toto il primo decimo di stagione, direi che per ora Davide non si è visto…
      spero con tutto me stesso, come tutti voi del resto, che Camila sappia trovare le giuste motivazioni per fare meglio di quanto visto fin qui…

    • by Nicola

      Ottimo!

  41. Omar Camporese by Omar Camporese

    piccola premessa per tutti:

    altrove spesso si tira in ballo il discorso che Giorgi potrebbe essere rovinata dal tifo accecato dei suoi sostenitori e al tempo stesso da scelte troppo poco consone a quelle che sono le sue caratteristiche tecnico/ fisiche del momento… il tutto condito con i soliti discorsi sulla qualità delle persone che la seguono… in primis papà/allenatore Sergio Giorgi…
    bene…
    io su questi discorsi non mi trovo sulle medesima lunghezza d’ onda, nel senso che non credo che Camila & C possano essere influenzati dal tifo, di cui, se vogliamo parlare di TIFO SPINTO, certamente ME NE TIRO FUORI…
    ma sicuramente possiamo tutti valutare meglio il discorso programmatico per cercare di dare se possibile un contributo positivo, visto che mi risulta gli interessati leggono di frequente le opinioni scritte su questo blog…
    personalmente sono un semplice appassionato di tennis, che segue Camila con altrettanta passione, ma mai e poi mai mi sognero’ di vestire i panni di un trombettista AD OGNI COSTO!
    MAI!!!!
    anche se dovessi pagare il prezzo dell’ impopolarità nei confronti della maggior parte degli utenti che qui scrivono abitualmente!
    io voglio e spero di poter dare un contributo positivo per una giusta causa… ossia quella di far crescere Camila a livello professionistico nel miglior modo possibile, motivando i miei interventi fino in fondo…
    ed invito a fare altrettanto tutti coloro che vogliono replicarmi…

    detto questo…

    @rb:
    se hai letto le mie righe cui sopra, ti invito a motivare la scelta fatta, evitando di dire che QUESTO è meglio di QUELLO, senza specificarne la ragione!
    allora entriamo nel merito del discorso:
    giusto che in un premierino si possono ottenere piu’ punti di un 220K!
    basta vedere la tabella punti e il gioco è fatto!
    ma basta questo per motivare la scelta?
    direi di no!
    partiamo dalle parole stesse di Camila, rilasciate solo due giorni fa…
    Lei non è ancora in forma, ne a livello fisico e ne a livello di preparazione tecnica!
    sulla base di questa considerazione, come puoi pensare che vi sia gia’ nelle sue corde la possibilita’ di fare piu’ punti in un premier?
    ho gia’ dimostrato che 80 punti circa ( che è essenzialmente il livello cui mi riterrei soddisfatto AL MOMENTO viste le condizioni dell’ interessata),
    si fanno piu’ facilmente a Pattaya che non a Parigi!
    stesso numero di partite giocate (4), ma livello piu’ alto delle giocatrici nel premier… siamo a quota 54Wta per il primo, contro quota 35 del secondo!
    e questi sono dati oggettivi!
    ma poniamo ora di voler alzare l’ asticella in entrambi i tornei per fare piu’ punti di 80…
    a Pattaya si arriva con un turno in piu’, a sfidare necessariamente una top25 e prendi 128 punti passando dalle quali…
    a Parigi, alzando l’ asticella di un livello ulteriore, arrivi a sfidare necessariamente una top 18 e sempre passando dalle quali, prendi 125 punti…
    solo con un ulteriore turno per entrambi, il premier diventa LIEVEMENTE CONVENIENTE (210 contro 198)… ma passi dalla top 22 alla top 11!

    ti tornano i conti ora?
    e questo vale anche per chi ha scritto / replicato che la scelta International / Premier è UN FALSO PROBLEMA!
    impariamo a motivare le nostre ragioni, senza scrivere le cose a metà… sennò restano solo opinioni tutt’ altro che oggettive…

    @Biglebowski:
    chiaramente la risposta a R.B. vale anche per te…
    in un saggio confronto, cerca se puoi sempre di MOTIVARE le tue ragioni, evitando battute che non dimostrano nulla…
    tu simpaticamente scrivi di UNA PASSEGGIATA…
    e perchè mai?
    ti chiedo: hai mai preso visione di un mappamondo prima di fare battute di spirito?
    due considerazioni per entrambe le possibilità… la distanza e l’ adattamento al clima…
    la distanza:
    Melbourne – Tirrenia – Parigi – Qatar = 9900 + 700 + 3100 = 13700 miglia
    Melbourne – Pattaya – Qatar = 4500 + 3300 = 7800 miglia…
    afferrato il concetto ora di PASSEGGIATA???
    … guardato (simpaticamente parlando) il mappamondo???

    non basta?
    allora vediamo anche l’ ambientamento per i rispettivi tornei…
    è vero che Parigi è Indoor… ma l’ organismo si dovra’ comunque riadattare ad una temperatura invernale…
    abbiamo cosi’ come latitudine:
    Melbourne 38°S Parigi 49° Doha 25°
    contro:
    Melbourne 38°S Pattaya 13° Doha 25°…
    afferrato il concetto o vogliamo verificare anche i valori delle temperature medie???
    il tutto condito con un’ ottima quantità di SIMPATIA…

    saluti.

    • by SanTommaso

      Tutto molto vero, ma consideriamo che stiamo parlando di una persona e non di una macchina. Stando al programma, e ammesso che Cami lo segua per intero, il “giro” da Pattaya avrebbe comportato questo “tour del mappamondo”

      Sydney, Melbourne, Pattaya, Doha, Dubai, casa

      Scegliendo Parigi Camila può tornare qualche giorno (immagino almeno un paio, se non tre) a casa. Casa non vuol dire solo il proprio divano, un film la sera per rilassarsi, la famiglia, ma anche allenamenti a Tirrenia. Meno stress insomma. Attenzione, non è che si ferma a riposarsi perché è una bimba stanca e cocca di mamma: giocherà comunque un torneo settimana prossima, ma concedendosi una tappa invece di girare due mesi (fine dicembe/fine febbraio) come una trottola.

      • Omar Camporese by Omar Camporese

        Tommaso:
        sei davvero convinto che il solo rientrare a Tirrenia per qualche giorno, possa valere la pena di allungare le miglia da percorrere di circa il doppio?
        possa valere la pena di rientrare forzatamente a latitudini in cui l’ inverno è ancora rigido per poi ripiombarsi nel caldo?
        possa valere la pena di compiere tre voli intermezzi anzichè solo due?
        vedi… la Thailandia, non solo per distanza, ma anche per clima, è sulla strada tra Australia e Qatar.
        e proprio perchè Camila NON E’ una macchina, io avrei preferito l’ alternativa che ho proposto…
        ma si sa che cio’ che puo’ andar bene a me, non è detto possa andare bene a tutti…
        ma non so quanto possa valere la pena tornare a casa pochi giorni per affrontare situazioni chiaramente piu’ impegnative per spostamenti ed adattabilità ambientale…

    • by r.b.

      La motivazione principale della mia opinione è che non credo che la classifica delle avversarie abbia una qualche rilevanza, sia sul gioco di Camila, sia sull’esito della partita, tolte pochissime giocatrici (Serena e poche altre). Il problema è che Camila è capace benissimo di perdere al primo turno delle quali di Pattaya, soprattutto se continua a fare 70 gratuiti a partita. Anzi per assurdo il rischio è maggiore tanto più scarsa è l’avversaria, che, non disponendo di risorse per contrastare il gioco potente di Camila, tenterà di far giocare più colpi possibili alla sua avversaria per farla sbagliare. In altre parole temo più una Meusburger che una Cibulkova. Quelle da evitare come la peste per Camila sono quelle più esperte e smaliziate tecnicamente (es. Radwanska che ci mette poco a capire come disinnescare la potenza senza controllo di Camila, non a caso infatti Aga NON riesce a disinnescare la potenza perfettamente controllata di Serena o Azarenka). In ogni caso era un mio auspicio dettato dal fatto che Parigi lo vedremo su Supertennis mentre Pattaya no. E inoltre come tifoso di Camila non pretendo certo di influenzarne la programmazione, che tra l’altro comporta giudicare anche questioni economiche nelle quali non voglio certo entrare.

      • Omar Camporese by Omar Camporese

        R.B.
        la classifica non è UN CASO.
        certo puo’ capitare il giorno in cui a Camila tutto le entra e con i suoi colpi batte anche una top ten… è già accaduto!
        ma la classifica la si costruisce sulla base del rendimento torneo su torneo… anno su anno…
        quindi dare per assunto che l’ una vale l’ altra e che tutto dipende solo da Camila, a mio avviso è un po’ riduttivo o se vogliamo un po’ chiedere troppo alla diretta interessata!
        lei stessa ha dichiarato di non essere ancora al meglio della forma e io penso che avremmo maggiore rispetto di Camila se tutti noi attualmente abbassassimo di un tot le aspettative che nutriamo nei suoi confronti!
        proprio perchè ci legge, forse sarebbe giusto che noi inculcassimo in lei meno pressione mediatica di quanto gia’ stiamo facendo, volendola sempre vedere a tutti i costi come la macchina perfetta per il tennis moderno!!
        diamole tempo… e darle tempo significa anche consigliarle dei percorsi un attimino meno impegnativi, almeno fino a quando non avra’ raggiunto livelli di forma fisico/tecnica accettabile…
        ecco perchè consigliavo anche qualche 220k e perchè no anche un paio di Itf qui e la in questa prima parte di stagione…
        poi per carità… la programmazione sono loro a deciderla…
        ma i risultati talvolta negativi, siamo anche noi che li condividiamo con loro!
        per cui perchè non parlarne?

        • by r.b.

          Forse mi sono spiegato male. Io ho detto che Camila gioca allo stesso modo contro la 25 o la 90 del mondo e, secondo me, ha più o meno la stessa probabilità di perdere con entrambe. Pattaya o Parigi, l’importante è che Camila giochi con un certo equilibrio, che non vuol dire tirare piano. Non ho detto che vincerà le quali a Parigi, anzi ho detto che magari esce al primo turno di quali a Pattaya contro la wild card locale, facendo 75 errori gratuiti (i record sono fatti per essere migliorati) 🙂

    • by Nicola

      Mi sa che qualche utente mastica poco la geografia. 😀

  42. by r.b.

    Guardate un po’ cosa dichiarato Ana Ivanovic a proposito del suo match di ottavi di finale contro Serena: “So it’s going to be finding the balance between being aggressive enough but yet not rushing”.
    Anche Ana è una che quanto a gratuiti non scherza (anche ieri ha fatto doppio fallo sul set point nel tie break del primo set), però sembra aver capito il concetto. Chiaro, contro Serena le buone intenzioni non bastano, intanto però quest’anno è alla sua ottava vittoria consecutiva.
    Io credo che il problema di Camila sia esattamente questo, trovare il giusto equilibrio tra essere aggressivi ma non avere troppa fretta di chiudere il punto

  43. biglebowski by biglebowski

    facciamo alla vecchia……..

    @Omar Camporese

    una passeggiata!

  44. Omar Camporese by Omar Camporese

    tornando al discorso Giorgi e alla sua programmazione, siccome c’è stato qualcuno che affermava che una quali di un premier vale il Md di un international, mi sono andato a guardare le possibilita’ sui due tornei dopo AO, per vedere cosa aspetterebbe alla nostra in caso avesse deciso l’ uno o l’altro:

    premier Parigi:
    obiettivo 80 punti con passaggio tramite qualifiche.
    significa superare la top 34, giocando e VINCENDO da NON testa di serie 3 turni di quali e successivamente il primo turno nel MD.
    totale 4 vittorie per 80 punti.

    220K Pattaya:
    obiettivo 78 punti con passaggio tramite qualifiche.
    significa superare la top 54, giocando e VINCENDO da TDS nr. 1 i 2 turni delle quali e successivi 2 turni nel MD.
    totale 4 vittorie per 78 punti.
    in caso di una sola defezione nel MD, si entrerebbe direttamente e basterebbero due sole partite per i quarti.

    quindi come potete vedere, per centrare l’ obiettivo 80 punti circa, nel premier devi entrare necessariamente in area top 34.
    nel 220k invece solo in area top 54…

    il price money dovrebbe essere simile in questo caso, come del tutto simile è il punteggio acquisibile disputando e vincendo un totale di 4 partite.
    la differenza pero’ sta nel fatto che la difficolta’ di vincerle è di gran lunga superiore nel premier, rispetto al 220K.
    per cui, consiglierei a chi dice che la strada è simile, di fare un po’ di verifiche, perchè esattamente così NON E’…

    resterebbe il percorso da fare, per andare in Thailandia.
    in questo caso non si rientrerebbe in Italia, ma si andrebbe direttamente li e poi successivamente in Qatar.
    non sarebbe poi una grande impresa e comunque non tanto di piu’, che recarcisi da Parigi passando pero’ prima da casa…

    saluti.

    • by r.b.

      Voglio essere ottimista, se Camila va molto avanti nel premier parigino potrà fare molto più di 80 punti 🙂 invece a Pattaya per avere tanti punti devi arrivare minimo in semifinale…
      Boh io spero che le due partite agli AO abbiano insegnato qualcosa. Del resto sono convinto che l’avversaria conti fino ad un certo punto, a parte le primissime nessuna può mettere in difficoltà Camila solo con il gioco. È la nostra che deve trovare un equilibrio nel suo gioco in modo da evitare troppi errori gratuiti che di fatto fanno vincere le partite all’avversario senza fare nulla di particolare. Quindi attaccare sì, ma con giudizio.

    • biglebowski by biglebowski

      una passeggiata!

    • biglebowski by biglebowski

      “resterebbe il percorso da fare, per andare in Thailandia.
      in questo caso non si rientrerebbe in Italia, ma si andrebbe direttamente li e poi successivamente in Qatar.”

      una passeggiata!

      ovviamente mi riferivo a questo commento e lo dico con simpatia per chi lo ha scritto,

  45. by Morotep

    E’ chiaro che se Camila riesce ad aggiustare la mira, con la pesantezza dei colpi che si ritrova, riuscira’ a scalare parecchie posizioni in classifica. Ma stiamo parlando di un problema non da poco. Con quel tipo di gioco tenere costantemente dentro la palla e’ tutt’altro che un’impresa banale e francamente non mi viene in mente nessuna giocatrice che preme in continuazione come fa Camila. Persino giocatrici con anni di esperienza, colpi fortissimi e tanti tornei vinti come la Williams non tirano sempre a mille (ed e’, secondo me, il motivo per cui vincono tanto).
    Camila ha naturalmente nel corpo e nel braccio la capacita’ di colpire la palla con grande anticipo esibendo una forza che va ben oltre le sue caratteristiche fisiche, non ha pero’ naturalmente la capacita’ di dare grande consistenza a questo tipo di approccio: di fatto commette SEMPRE tantissimi errori… mi ero illuso (una delle tante volte) dopo l’incontro con la Wozniacki all’USOpen in cui aveva servito bene e sbagliato relativamente poco… ma giocare contro Caroline e’ come giocare contro un muro. La palla ti torna indietro sempre allo stesso modo ed e’ una situazione perfetta per il gioco della Giorgi.
    Ad ogni modo, ripeto, Camila HA la capacita’ di colpi straordinari ma non ha la consistenza… seguo il tennis da tanti anni e quando la vedo giocare, 2 volte su 3 capisco che il colpo finirà fuori dal campo quando sta per colpire la palla, semplicemente vedendo la posizione delle gambe e del corpo. Lei e’ bravissima e velocissima a posizionarsi per colpire bene la palla, ma non sempre ce la puoi fare… c’e’ un avversario dall’altra parte… come sempre, quando Camila si trova a dover gestire delle palle in difesa arriva spesso scomposta. Cosi’ come quando deve giocare su palle lente o arrotate… palla in tribuna.
    Ora… io presumo che Camila sia in grado di modellare il suo tennis e sia in grado di giocare anche colpi di approccio (molto raramente lo fa a anche bene) quindi direi che le tocca lavorare sull’aspetto mentale (cosa complessa) perche’ evidentemente quando e’ in campo non ha la testa per gestire la situazione.

    Non sono un allenatore e le mie parole valgono meno di niente… spero il suo team (che ora e’ piuttosto ampio) abbia le idee chiare in questo senso.

    Per il resto, io ho abbassato le mie aspettative da tempo. Sono molto deluso di come sia andato il match: giocato male, poco divertente, pero’ si poteva portare a casa. Nello schema generale, siamo a inizio stagione. Trarre conclusioni dopo 3 partite sarebbe stupido. Io spero che Camila possa giocare quanti piu’ tornei possibili. Certo per lo meno i match fin’ora giocati sono sempre stati combattuti… se paragoniamo l’inizio di quest’anno con quello dello scorso anno beh, almeno nei risultati e negli score, e’ decisamente migliore dello scorso anno. Mi accontento di poco 🙂

    • doherty by doherty

      sono assolutamente d’accordo su tutto tranne che su:
      “. Con quel tipo di gioco tenere costantemente dentro la palla e’ tutt’altro che un’impresa banale ”
      è un’impresa IMPOSSIBILE …

    • by r.b.

      Le mie parole valgono anche meno delle tue, però sono totalmente d’accordo con te. Il tennis è un gioco di regolarità e costanza di rendimento, punto. Poi c’è chi fa pochissimi errori e basa il suo gioco su questo è chi attacca molto e quindi fa più errori ma anche molti vincenti. Deve esistere però un equilibrio tra vincenti e gratuiti altrimenti le partite alla fine si perdono. Fino a quando il regolamento non cambierà e si assegneranno due punti per il vincente (cioè mai), bisogna fare i conti con il fatto che un errore, gratuito o meno, è uguale ad un punto per l’avversario. E i games si vincono con quattro punti (salvo i vantaggi), quindi se fai tre errori (e i doppi falli sono servizi sbagliati), al tuo avversario basta un punto per vincere….

  46. by r.b.

    Sto guardando Azarenka – Meusburger e un vago senso di frustrazione mi assale. L’austriaca non è nemmeno paragonabile a Camila eppure si gioca il terzo turno contro Viktoria nel match serale alla Rod Laver Arena. Come può il tennis essere così ingiusto? Certo, ha avuto un sorteggio migliore di quello di Camila, infatti al secondo turno ha battuto la Jovanoski, ma il problema vero è: Camila avrebbe battuto la Jovanoski? Probabilmente no perché Bojana avrebbe giocato come la Cornet e Camila avrebbe fatto 73 gratuiti e perso ugualmente. Insomma, dipende sempre da Camila, e mai dell’avversario, salvo pochissime. Scusate le riflessioni banali, ma il match è davvero noioso 🙂 🙂 🙂

  47. Omar Camporese by Omar Camporese

    @t.o.
    la Kerber doveva difendere gli ottavi dello scorso anno, quindi è ripartita da quota 3860.
    riguardo l’ uscita prematura della Errani dalle prime 10, ho dato un’ occhiata con piu’ attenziene e direi che per il momento non corre pericoli.
    in lizza nel Gs restano solo: Jankovic e Kerber che la possono superare.
    poi Halep deve fare almeno finale e non credo vi riesca.
    piu’ indietro, Wozniacki è gia’ fuori… resta solo Ana che la puo’ superare, ma dovrebbe vincere il torneo… per cui per ora la 9a posizione dovrebbe essere mantenuta.
    certo che poi, ha una caterva di punti da difendere!
    se non vado errato, fino a dopo il RG, difende 3500 punti…
    ma poniamo il caso che almeno 2000 riesca a confermarli, essendo molti tornei su terra…
    si attesterebbe in area Vinci, intorno alla 12ma posizione.
    Flavia non penso che possa superarla prima del RG.
    fino al RG difende per la verità, solo 270 punti circa.
    ma a questi ne deve aggiungere almeno altri 1000/1100…
    forse solo a fine RG, sarebbe possibile il sorpasso nel caso Sara non concretizzi nel medesimo una buona prestazione… prima non credo sia possibile.
    a meno che entrambe non mi smentiscano!

  48. Giovaneale by Giovaneale

    La Sharapova vendica Camila ma crescono i rimpianti.
    Demolita fino al 6-1 5-3 poi ha sciupato un match point ed ha chiuso al tie break.
    Per darvi un senso la russa ha servito con il 50% di prime,ha perso il servizio 4 volte ed ha commesso 35 errori gratuiti (8 df) ma lacrimuccia non ha fatto niente di che,forse è riuscita a stare in campo meglio con lei che con Camila (ha fatto 11 vincenti in due set mentre con Cami 5 in tre)
    Pensavo di rinfrancarmi vedendo uscire la francese ed invece crescono i rimpianti..la Sharapova almeno ad inizio scambio giocava piano e corto e non ha servito fortissimo (la prima quando entrava ha viaggiato al massimo a 170 km/h)

    • by Nicola

      Hai ragione!
      Camila se la sarebbe giocata di sicuro!

    • by r.b.

      Quando ho visto l’Order of play di stanotte mi veniva da piangere 🙂 Cornet – Sharapova primo match sul centrale…. Questo match non avrebbe mai dovuto avere luogo, chiaramente sono andato a dormire 🙂 🙂 🙂
      Molto meglio la programmazione di domani con il match di Flavia, poi Ana – Serena e infine Fognini – Djokovic, sarà una lunga nottata per noi appassionati di tennis 🙂 E domenica mattina è d’obbligo dare una occhiata alla Bouchard 🙂

  49. by t.o.

    COSI’ GIOISCONO LE TOP 25 QUANDO RIESCONO A BATTERE CAMILA GIORGI
    http://www.youtube.com/watch?v=07SSQjguYj0

    volendo potete aggiungere anche roberta marion e altre

  50. by t.o.

    @omar e altri
    a me il sito wta mi da kerber a 4070 punti……con i 430 dei QF andrebbe a 4500 65 più di Sara a 4435….
    correggetemi se sbaglio….
    Rispetto a Carolina e Simona invece avete ragione: avevo calcolato a mente con i vecchi punteggi (SF 900 pt.) ma anche in quel caso ne mancano 15.
    La situazione più sfavorevole a Sara. Simona batte Jankovic (che con i 240 del 16° va a 4470)
    Trova in semifinale Carolina e ci perde e va a 4135. Carolina con la finale va a 4820
    7°Woz 8° Kerber 9° Jankovic 10 Errani con Simona a 200 punti.
    Simona fino a indianW. ha un 50 e un 70 pt di cui uno è scarto…Ha 5 tornei a disposizione Tutti da TdS………
    Sara ha sempre fino a IndianW. sconta 1395 pt. in 5 tornei di cui uno vinto perciò di meglio non si può fare. Se anche confermasse tutti i risultati (e considera che è il suo miglior mese 2013) rimarrebbe a 4435…..ma questo non è possibile poiche i punti 2014 valgono meno.
    Nel cambio ci perde quasi 100 punti per rimanere a 4435 deve fare almeno un turno in più del 2013.
    E il tutto con TdS di “seconda classe”.

    Riguardo Flavia e il suo eventuale sorpasso a Sara qui possiamo approfondire…..
    Flavia…se esce ai 16° si ritrova con 1975° (e Kerber scavalca Sara)
    Altrimenti va avanti fino che può e noi ce lo auguriamo…….Ma a quel in quel caso i punti sono di più.
    Ma calcoliamo come se la sua corsa finisse con kerber.
    Fino al 20 Maggio difende 100/120 pt. 14 possibili tornei di cui molti premier, 3 Mandatory e 2 P5
    Fino allo stesso giorno Sara lascia 2500 pt.
    Se cancelliamo da oggi a RG (Sara e Flavia fanno gli stessi punti) a RG saranno alla pari.
    Per Capirci. i punti da RG a oggi (RG compreso) vedono Flavia e Sara circa alla pari.
    Parlare di sorpasso quindi è assolutamente possibile. Io direi probabile….
    Ho rifatto i conti ma riguardateli anche voi……….
    Ma questo riguarda il Merito del mio post.
    Il metodo di analisi rimane valido anche se ( nel merito) avessi sbagliato nomi e numeri…

  51. Omar Camporese by Omar Camporese

    @t.o.:
    faccio fatica a capire il tuo ragionamento su Sara / Flavia…
    non so, sara’ che sono stanco, ma i conti non mi tornano…
    se Kerber batte Flavia, non puo’ scavalcare per il momento Sara.
    infatti Sara è gia’ a 4440 punti.
    con la vittoria e accesso ai quarti, Kerber si porterebbe a 4220.
    sicuramente Sara potra’ perdere posizioni a favore di Jankovic e forse anche di Kerber, nel caso la tedesca raggiungesse almeno le semi.
    ma per ora nulla di piu’. perchè per essere scavalcata anche da Halep e Woziacki, queste due devono fare almeno finale ed essendo nello stesso lato del tabellone, non sarebbe possibile,
    per non contare poi sul fatto che dovrebbero battere rispettivamente Masha e Azarenka…
    poi per i tornei a venire, si vedra’ cosa accade…
    poi altro aspetto che non mi è chiaro…
    quando dici che Flavia a sua volta scavalchera’ Sara!
    per il momento non se ne parla proprio, neanche se vincesse lo slam!
    … e non se ne parla neanche per i prossimi mesi… infatti al momento è a quota 1975, distante oltre 2400 punti dalla Errani…
    certo anche qui, contera’ molto l’ andamento dei tornei a venire. ma penso che per ora sia una previsione un po’ troppo affrettata.
    per il resto, concordo sul fatto che Sara uscira’ presto dalle prime 10 e si ritrovera’ a fare i conti con una posizione di classifica che non le consentira’ piu’ di posticipare certi appuntamenti di rilievo contro le prime al mondo…
    ma per questo c’ è tempo e comunque bisognera’ vedere anche il rendimento delle dirette inseguitrici.
    poi, una volta finito il RG, Sara’ avra’ tutta la strada in discesa per recuperare posizioni importanti, ma ovviamente dovra’ farlo senza contare sul risparmio energetico che ti permette una buona posizione in classifica…
    in definitiva, anche se non nutro molte simpatie per la Sarita nazionale, penso che il suo immediato futuro possa essere meno fosco di come lo hai disegnato.
    ovviamente è possibile che le cose vadano come dici tu, ma per ora direi che è un po’ prematuro…

    tornando invece al discorso di Camila, mi si è messa una pulce nell’ orecchio…
    mi chiedo, come mai a detta delle sue stesse parole, dovrebbe saltare Parigi!
    a parte il fatto che io avrei scelto Pattaya.
    con una sola defezione entrerebbe direttamente in tabellone e mi pare che il livello delle prime 8, ad esclusione di Sabine e Cirstea (che ha gia’ battuto), non è che sia poi tanto furi portata…
    ma dicevo… escludendo Parigi dalla programmazione, da qui a Doha, ci sono 3 settimane di mezzo!
    mi chiedo… se a livello fisico è a posto adesso, perchè fermarsi nuovamente per cosi’ tanto tempo???

    saluti.

  52. by nonvene

    @t.o.
    interessante tutto il pistolotto sulla farfalla
    però la Kerber anche se batterà Flavia, non scavalcherà la Errani
    tanto per essere precisi

  53. by r.b.

    A un giorno dalla partita, smaltita la rabbia e la delusione, sono molto più ottimista. Non giudico il match con la Cornet ma nel complesso le due partite di Camila. L’idea che mi sono fatto è che il gioco di Camila è molto rischioso e quindi necessita di tempo perfezionare i colpi. Certo, giocando come ora non si va da nessuna parte, ma credo che il problema sia comune alle giocatrici che rientrano dopo un infortunio o che hanno giocato poco. Il problema è maggiore per chi fa un gioco d’attacco, mi sembra che Sharapova abbia un po’ problemi simili coi doppi falli ecc. Certo, Camila ha esagerato con gli errori arrivando a vette da record mondiale, 🙂 perciò spero che con le partite gli errori diminuiranno, e così anche i rigori a porta vuota sbagliati.

  54. by massimiliano

    Perche’ sempre al volo e tutti gli altri la fanno rimbalzare e fanno il punto serenamente.Non ho mai giocato a tennis lo seguo da 15anni.Esiste un altro tennista cosi’ io non l’ho mai visto in 15anni per forza al volo al volo al volo comunque rimango convinto almeno 2 slam li porterai a casa in futuro.

  55. doherty by doherty

    @ teus
    lafretta di tutti noi è dovuta al fatto che camila è gia’ ora potenzialmente una top ten,anche con poche partite nel circuito wta.purtroppo quando è in campo non capisce che si batte da sola,e “perde delle che avrebbe dovuto e potuto vincere “(per dirla alla gilbert).
    se perdesse per merito dell’avversaria non ci arrabbieremmo come l’altro giorno e avremmo meno fretta.speriamo che faccia sulla sua pelle velocemente l’esperienza necessaria per cambiare il modo di affrontare i match ( e che non finisca cosi’-per dirla alla connors :l’esperienza nel tennis è quella cosa che quando finalmente l’hai acquisita,sei ormai troppo vecchio per poterla utilizzare )

    • TEUS by TEUS

      Il prossimo passo è quello. Poi, con più esperienza, potrà finalmente completarsi sotto tutti i punti di vista.
      Il processo di maturazione è basilare per la formazione di una tennista e perciò questa è una fase molto delicata della sua carriera. L’augurio è che vada tutto per il verso giusto integrità fisica in primis.
      Perde per propri demeriti oggi proprio perché ha tutte le carte in regola per diventare una Giocatrice.

  56. Theseus by Theseus

    Dai, vediamo il bicchiere mezzo pieno. Dopo gli AO Camila sara’ n. 85 al mondo, compiendo un balzo in classifica di ben 14 posizioni. Direi che la partita di primo turno con la n. 234 Sanders ha fruttato parecchio!

    • biglebowski by biglebowski

      potrebbe non aver fruttato l’ingresso a indian wells che l’anno scorso ha chiuso a 84.
      per nn parlare di miami che ha chiuso a 78 per la quale potrebbe però sfruttare gli eventuali punti di parigi.
      ….a proposito di farfalla e tornado

  57. TEUS by TEUS

    Senz’altro Camila ha un tipo di gioco che entusiasma e la conferma sta nel fatto che il più delle volte il pubblico si schiera con lei durante i suoi incontri. Entusiasma non tanto per la sua predisposizione naturale ad attaccare e a ricercare costantemente colpi vincenti (se ne trovano a bizzeffe tra le nuove leve di giocatrici così) ma per la velocità con cui si muove sul campo e per il timing sulla palla che definirei unico nel circuito WTA attuale.
    D’accordo sui vari discorsi già fatti che, se davvero si vogliono vincere tanti incontri, non è sufficiente una preparazione atletica eccelsa e il talento tennistico che indubbiamente la ragazza ha.
    Noto comunque sempre più la somiglianza con Agassi (giusto precisare però che lui giocava in questo modo e già con risultati migliori intorno ai 18-19 anni) anche nelle dichiarazioni rilasciate dopo gli incontri (Camila ripete spesso, proprio come faceva Andre, che il suo rendimento dipende innanzitutto da come si muove in campo – infatti non è umanamente possibile giocare d’anticipo se si arriva tardi coi piedi-).
    Parlo di somiglianza, badate bene, e non voglio certo paragonare Andre a Camila dato che lui a 22 anni appena compiuti aveva già giocato due finale al RG e una all’US Open e, dopo qualche mese, avrebbe vinto, sorprendendo il mondo intero (ai tempi si pensava desse il meglio di sé sui campi in terra battuta), il suo primo slam a Wimbledon (sorpresa a metà col senno di poi dato che proprio le superfici veloci possono esaltare certi tipi di caratteristiche).
    Faccio riferimento all’esperienza tennistica di Agassi per ribadire che, attualmente, anche se Giorgi fosse affidata a un allenatore professionista, non si vedrebbero a breve termine miglioramenti sostanziali nel suo modo di gestire gli incontri per il semplice fatto che ne ha ancora troppo pochi a livello WTA nella testa.
    Ecco perché questo risulterà un anno cruciale nell’ambito della carriera della “bimba” se finalmente avrà la possibilità di giocare con continuità. Ripeto una cosa che ho scritto molto spesso: la maggior parte dei tennisti raggiunge la maturità tennistica intorno ai 24-25 anni (Agassi e Gilbert cominciarono a collaborare nel 1994 e Andre è classe ’70 -era già un giocatore fatto e questo è il motivo per cui riuscì a mettere in pratica tutti i sapienti consigli che gli furono dati-).
    Quasi tutti noi però abbiamo fretta di vedere Giorgi ad alti livelli; è umano e comprensibile, ci mancherebbe. Probabilmente però la nostra fretta è ancora maggiore di quella che ha oggi lei durante i suoi incontri.
    Sfortunatamente bisogna pazientare ancora un po’ prima di poter finalmente ammirare quella che risulterà la miglior tennista italiana di tutti i tempi (e lo sottoscrivo).

  58. doherty by doherty

    @ t.o.
    non so se conosci questo corollario dell teoria del caos…
    nessuna pianificazione,per quanto attenta,potra’ mai sostituire una bella botta di culo !
    vedi tu se è il caso di applicarla alle tue analisi…:-)

    • by t.o.

      Sicuramente sai che quella è una battuta che è stata coniata in Bocconi….
      Che tu ci creda o meno una volta l’ho usata come ultima slide in una presentazione di un piano industriale……vista la platea nessuno ha avuto il coraggio di ridere. Ci credi che tutta la discussione successiva è stata però poi centrata quasi solo su quella frase?
      Perchè in fondo è “verità” allo stato puro….la sintesi massima della teoria del caos….

      • doherty by doherty

        non lo sapevo…l’ho letta su un libro di aforismi (una delle mie passioni).ad ogni modo per quanto caos ci sia in questo mondo nella maggior parte dei casi se uno ha una botta di culo è perchè se l’è meritata…certo che i tuoi discenti dovrebbero spolverarsi un po’ ed apprezzare di piu’ l’ironia…

        • by t.o.

          Non erano discenti Dhorty…era tutto un consiglio di amministazione…..
          …..mi hanno pure pagato…….
          ….se ami gli aforismi leggi “detti e contraddetti” di Karl Kraus.
          Sicuramente lo conosci già. E’ un Austriaco del tardo impero…un austriaco, …”quelli che dicono che Handel è austriaco e Hitler è tedesco..”
          ……questa non la sapevi…..ciao

  59. doherty by doherty

    @ sassalo
    d’accordo su tutto…sul’entusiasmo (ma anche la sofferenza) nel vedere le partite di camila,sulla pazienza,sulle doti atletiche..
    ma non sul fatto che possa provare un paio d’anni a giocare tirando tutto …se camila vuol vincere qualcosa di IMPORTANTE nella sua carriera non puo’ giocare cosi’.federer gioca come lei ? ti viene in mente qualche altro vincitore di slam nella storia del tennis che abbia giocato allo stesso modo ? a me no…ma semplicemente perchè rischiando cosi’ tanto non puoi vincere sette partite di fila.il tempo per capirlo ce l’ha,spero che se ne convinca al piu’ presto.prima succedera’ e prima si divertira’ lei e pure noi ! perchè è vero che se lei GIOCA A TENNIS puo’ vincere con chiunque.
    @t.o.
    mi spiace ma non saprei come aiutarti a trovare la partita…
    ma vedrai che il Caos ti aiutera’ 🙂
    ciao a tutti !

  60. by t.o.

    AIUTO………ho trovato solo due spezzoni del primo set…..qualcuno ha la partita completa di Camila?
    Grazie anticipato a tutti.

    • TEUS by TEUS

      t.o., interessava anche a me rivedere integralmente il match ma pare che proprio non si trovi in rete.
      Confido anch’io nell’aiuto di qualche utante…

  61. by t.o.

    “Può un battito d’ali di una farfalla in Brasile provocare un Tornado in Texas?”
    Questo è il titolo della conferenza che il matematico Konrad Lorenz fece a fine anni 70 per definire la “Teoria del Caos” . Per non addetti…E’ la teoria delle variabili Dipendenti/Indipendenti…se tua madre non fosse andata a quella festa 30 anni fa….tu non saresti neanche nato…Al matrimonio dei tuoi genitori non si sarebbero incontrati neanche quelli che ora sono tuo zio e tua zia e perciò non sarebbero nati neanche i tuoi cugini e così via fino al sugo sulla cravatta di tuo padre che lo ha fatto litigare col suo migliore amico perciò hanno sciolto la società che avevano con conseguenze sui loro operai (presenti e futuri) che a loro volta sarebbero diventati disoccupati perciò non avrebbero potuto fare le loro famiglie, o pagare il mutuo…o…o ….continuate pure voi…..un semaforo rosso anziche verde cambia la vita delle persone….incidenti stradali avvenuti o meno solo perchè il semaforo funziona o ha la luce gialla intermittente…..provate ad applicarlo al Tennis…Cosa può significare un Nastro o una chiamata sbagliata dell’arbitro nella partita A e le sue conseguenze sulla partita B e C e sulle classifiche che a loro volta definiranno le nuove teste di serie che a loro volta decideranno i vincitori o meno di tornei di slam e la riuscita di intere carriere……
    E’ chiaro che il Caso (qualcuno lo chiama destino) fa e disfa….e spesso se te lo meriti ti restituisce ciò che ti ha tolto. Perchè anche le tue Azioni rientrano “Nel Caos”…..perciò più azioni inserisci più queste se ben programmate …..”portano la casualità a tuo vantaggio” . Ognuno è artefice del proprio destino. La teoria del Caos cerca di dare a questa casualità una logica “Matematica”.
    Ed un metodo applicativo di calcolo.
    Non toccherò per questo mi successivo esempio Camila…….userò Flavia.
    Ha a che fare ” l’AO di Flavia” sul futuro di Sara?
    Sembrerebbe di NO. Sara è già fuori……ma analizziamo bene…
    Se Flavia Perde contro Kerber……Kerber supera Sara in Classifica…
    Con Jankovic a pochi punti, ma anche con Carolina e Simona con teoriche possibilità di scavalcamento, Sara rischia di perdere da 2 a 4 posizioni. A Febbraio Sara deve difendere una marea di punti fatti anche in due premier uno a 64 ma una anche a 32, L’anno scorso grazie alla TdS incontrò due volte Maria ma solo a QF. Senza la TdS…quando incontrerà Maria o Serena, o NaLi ecc. ecc.? E’ chiaro che poi inervengono altre casualità a correggere questo “percorso”….basta un aereo in ritardo (aeroporto chiuso) e tutto può cambiare….ma la previsione più probabile (variabile primaria) è che………la più grande tifosa di Flavia sarà Sara anche se questo comporta il rischio…di permettere a Flavia di scavalcare Sara nella generale e perciò prima Italiana….se Flavia fa QF a AO (e perchè non di più a quel punto…) con davanti due mesi senza difendere punti e con TdS buone che Flavia con la sua esperienza usa sicuramente meglio di come le userà Camila (prestissimo)…..la previsione è semplice…….Poi c’è sempre una variabile che mischierà le carte………
    Ma io sono un analista…..non un indovino…..il mio compito è prevedere quello che per logica dovrebbe accadere….sono abituato per professione a prendere in considerazione anche alcune variabili “Prevedibilmente Imprevedibili” o analisi di secondo o terzo livello (…….la vittoria di Flavia inciderà anche sulla classifica di A che a sua volta poi vincerà o perderà con B.. ecc. ecc.)
    Per questi motivi voglio perdere un po di ore a rivedere la partita di Camila contro Alize…….Quella è davvero una Partita “Modello”. Perfetta per questo tipo di analisi……..

    • by antonelo

      t.o. permettimi di correggere il tuo veniale errore di distrazione: il matematico in questione era Edward Lorenz… Konrad Lorenz è stato invece un famoso zoologo. Non vorrei che si dicesse in giro che i fan di Camila oltre che trombettieri sono anche ignoranti!

      • by t.o.

        Presidente…..eh….non ho più quarantanni….e a volte pubblico senza rialeggere…
        Il motivo c’è,… sto lavorando anche su Konrad Lorenz……..(per altre faccende), ….non è detto che qualcosa dei suoi studi sia Funzionale anche per l’analisi del soggetto “Camila”……vediamo se intuisci di cosa si potrebbe trattare……

        • by antonelo

          Be’ il nome di Lorenz è notoriamente legato al concetto di imprinting, ma personalmente vedo nel gioco di Camila qualcosa di pavloviano.

          • by t.o.

            pensi abbiano messo delle palline da tennis sopra la culla di Camila al posto del carillon con le farfalle?

            • by antonelo

              nel senso che per lei picchiare forte la palla è un riflesso automatico

              • by t.o.

                nel senso……vedi che se si conosce la materia non sono costretto a scrivere decine di righe per spiegare un concetto….
                La sintesi si può usare solo quando le “convenzioni” sono familiari a tutti.
                E=mc2
                Ci sono dentro 5000 anni si scienza…..
                Comunque….non diventiamo troppo seri….Vamooooooooooooooosss Camilaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  62. by r.b.

    Sto guardando un po’ di statistiche dei match in tre set di stanotte. Na Li ha vinto 1-6 7-6 6-3 commettendo 50 gratuiti (mediia di 1,72 a game), con 5 ace e 6 doppi falli. Ed è la numero 4 del mondo! Non ho visto la partita ma sogno Camila con statistiche simili (sono comunque una caterva di errori, troppi per una top player), pensate dove potrebbe arrivare!

  63. by r.b.

    Dagli ultimi post sembra che emerga un’opinione comune, che condivido, quella che Camila debba giocare più tornei e più partite. Quindi, è iscritta a Parigi, il suo preparatore ci informa che fisicamente sta bene e che ha bisogno di giocare, manca più di una settimana perché la prossima è ancora dedicata agli AO, farei fatica a capire un suo eventuale forfait dal torneo parigino.

  64. Hector by Hector

    Flavia si prende gli ottavi. Grandissima!

  65. sassalo21 by sassalo21

    Troppi errori…troppa impulsività’…troppa esuberanza…ok ok ok ok ok ok…ma mille volte più entusiasmante di quelle rumorose pallettare italiane con classifica ben più alta ma con un gioco che più palloso non può esistere…brava camila…la pallina la devi far scoppiare!!!!!!!!!!!
    Esagerazioni a parte(dovute all entusiasmo che mi crea il gioco di questa potenza della natura)faccio una domanda a molti…a quanti anni ha cominciato a vincere federer??quindi abbiate pazienza…se fra un paio di anni tirando così non diminuirà’ gli errori allora cambierà qualcosa nel suo gioco…con le doti atletiche che ha può fare tutto!!!!!!!!senza offese ma se altre atlete nostrane con dei fisici ridicoli hanno fatto risultati figuriamoci se non li farà lei!!!!!!!!!!!!!!!!!

  66. Omar Camporese by Omar Camporese

    c’ è torneo e torneo.
    non si puo’ generalizzare e comunque non ho messo sul piatto 3 Wta contro 3 premier…
    poi sulla questione punti, che faceva presente Nicola… quello è un’ altro aspetto interessante:
    tre turni superati nelle quali di un premier valgono 25/30 punti contro i 110 di tre turni superati in un 220K o addirittura i 130 150 della vittoria di un Itf…
    si fa classifica cosi’ ed è un dato di fatto che molte tenniste piu’ giovani di Camila, seguendo questo percorso sono ben piu’ avanti di lei e non devono fare i conti con delle quali che spesso sono un terno al lotto…
    sulla questione asticella… facciamola salire solo dopo che sara’ stata superata di volta in volta! diversamente finiremo per passarci sotto…
    ‘notte…

  67. Omar Camporese by Omar Camporese

    @t.o. / Lucia:
    è giusto dire che il 2° turno di un premier, per valore economico vale quanto una semi Wta.
    ma in questo momento, bisognerebbe guardare oltre che all’ aspetto economico,
    anche alla continuita’ e da questo punto di vista una semi Wta aiuta molto di piu’ di un secondo turno dei premier…
    poi questo tipo di programmazione comporta dei rischi un po’ come il gioco del tutto o niente…
    se come ammette Camila dovessero decidere di non giocare Parigi, in tutto il mese di gennaio, da tennista guarita quale è adesso, avra’ disputato in tutto 3 sole partite…
    per una ragazza che deve anzitutto ritrovare se stessa sia nei colpi, sia nell’ atteggiamento mentale, 3 partite in un mese, nel gioco del tutto o niente, sono praticamente NIENTE!
    … e ringraziamo che il sorteggio nel GS non è andato poi tanto male, perchè a quest’ ora potremmo parlare sicuramente di un mese trascorso con sole 2 partite all’ attivo e conseguentemente due sconfitte…
    non sono uno psicologo ma, le parole di Camila sono MOLTO eloquenti e credo che vadano esattamente nella direzione che auspico per lei:
    “ho fatto molti errori e non sono riuscita a muovermi molto bene”… “però in quel momento è successo così”…
    se non si cambia percorso, per quale motivo dovrei pensare che la prossima volta sara’ DIVERSO?
    un Itf puo’ aiutarla a provare dei colpi in partita, che se non vanno come devono pero’, ti permette comunque di salvare l’ incontro.
    in una competizione di elevato livello, anche solo due errori consecutivi possono farti perdere il match!
    ho portato l’ esempio della Pennetta, che credo sia la massima espressione del RIENTRO PERFETTO alle competizioni!
    è ripartita praticamente da zero ed oggi è l’ ultima italiana ancora in tabellone…
    anche se non sono un tifoso smodato della Giorgi, per il suo futuro sono ottimista, ma quanche volta bisogna avere l’ accortezza ( mi riferisco al suo staff soprattutto) di non perseverare negli errori e di cercare alternative che possano comunque portarti allo stesso traguardo prefissato…
    2 Itf e un Wta, probabilmente porteranno gli stessi soldi e gli stessi punti di 3 premier consecutivi ( se le va bene)…
    ma vuoi mettere quante partite le permetterebbero di disputare e intendo PARTITE VERE in cui ritrovare i giusti meccanismi che evidentemente in questo momento sono ancora molto lontani dalla realta’ dei fatti…

    • biglebowski by biglebowski

      questa della programmazione è un falso problema.
      l’entry list delle quali di un premier (perchè queste fara la bimba con l’attuale classifica) ha un livello molto simile a quella di un international, mediamente.
      a questo proposito posto la entry list di parigi indoor , che, almeno in teoria, mi sembra una situazione confacente al gioco di camila:

      OPEN GDF SUEZ ( dal 25 gennaio)
      QUALI ENTRY LIST

      1. Voegele
      2. Svitolina
      3. Meusburger
      4. Erakovic
      5. Beck
      6. Puig
      7. Niculescu
      8. Torró Flor
      9. Voskoboeva
      10. Domínguez Lino
      11. Garcia
      12. Peer
      13. Scheepers
      14. Soler Espinosa
      15. Oprandi
      16. Zahlavova Strycova
      17. Babos
      18. Larsson
      19. Pfizenmaier
      20. Bertens
      21. Tsurenko
      22. Giorgi
      23. Razzano
      24. N.Kychenok
      25. Arruabarrena
      26. Petrova
      27. Dolonc
      28. Minella (#105)

      • by Nicola

        Ma vuoi mettere la miseria dei punti che raccogli in tre turni di quali di un premier con i punti di tre partite di un international???
        Poi ci sta torneo e torneo…
        Camila fa bene se la smette di pensare troppo alla grande….

      • TEUS by TEUS

        Concordo con biglebowski e ho già scritto le mie motivazioni più volte.
        Tra l’altro gli ITF a mio avviso non vanno nemmeno presi in considerazione in questo momento. L’obiettivo è quello di progredire e lo si può fare solo confrontandosi con giocatrici di un certo livello (alzando l’asticella in pratica). Camila ha assoluto bisogno di una stagione intera in WTA dato che il 2013 è stato in gran parte perso a causa della spalla.

        • by Nicola

          Vinci un itf o perdi al primo turno nelle quali di Sidney dunque e’ la stessa cosa…
          O no!

          • by t.o.

            c’è la terza ipotesi…..perdi al primo turno in un ITF…..con Camila tutto è possibile…..ma la più probabile è vinci le quali del premier e vai in MD……è successo quasi sempre così

    • Lucia by Lucia

      Non solo. Partite con avversarie maggiormente alla sua portata potrebbero servirle per sperimentare con minore pressione unla diversa varietà’ di colpi e migliorarsi tatticamente. Oltre ad allenare la sua capacità’ di concentrazione a livelli agonistici più’ bassi. Ma mi rendo conto che questa non è’ la strada che ha in testa Camila ne il suo staff. Quindi da buona tifosa mi arrendo.

  68. by SanTommaso

    Vorrei stringere virtualmente la mano a Morotep, uno che insieme a Madoka non le manda certo a dire a Camila su questo sito, ma sempre con correttezza e argomentando spesso le sue sfuriate. Superfluo sottolineare come lo faccia(no) in un certo qual modo grazie al quale nessuno si sogna di rispondere loro in toni accesi e anche ci si dispiace per l’annunciato addio di Madoka, mentre di altri utenti quali Filippo e Marilù, onestamente, non si sente la mancanza.

    • Omar Camporese by Omar Camporese

      personalmente ho profondo rispetto di Madoka e Morotep, perchè le parole scritte, sono frutto di vero amore… vera passione!
      non frutto dell’ oltraggio a tutti i costi!
      resto fermamente convinto che torneranno a scrivere di Camila in questo blog molto presto e in toni ben diversi…
      quando si ama non ci si sottrae neanche con una forza di volontà inimmaginabile…
      in fondo l’ amore è il vizio del vivere la vita nel migliore dei modi possibili…

  69. by t.o.

    Effettivamente c’è la differenza di un 15% di punti in più però:
    12 Doppi Falli, 7 su 20 i BP trasformati, 6 su 9 BP subiti, 34 W e 67 ENF. Tre Df nell’ultimo game e 2 DF nel game del controB……..per vincere ha avuto bisogno che l’avversaria le regalasse ben 55 ENF
    l’avversaria era una 31 posti più indietro di lei in classifica…….
    Chi è? Camila Giorgi………NO
    E’ Maria Sharapova….giocava in contemporanea su un’altro campo contro Karin…..che in teoria è 19 posizioni peggio di Alize…..
    Maria è Maria e Camila non è nessuno.
    Ma noi non stiamo giudicando una carriera….noi giudichiamo un tipo di gioco.
    E per quel tipo di gioco i non forzati si chiamano Mancati Vincenti….

    Ma Maria ha vinto….e Camila a perso…..perciò è tutta colpa di quel mancato 5-2 e poi 5-3….non di tutto il resto….
    Se non è matta Maria….perchè lo deve essere Camila….
    Camila diventerà mai Maria? sicuramente no.
    Diventerà Camila Giorgi e lascerà un segno in questo sport….foss’anche quello dell’eterna incompiuta…….o quello di chi è una delle poche per cui vale la pena di pagare il biglietto…
    Ci Vediamo A Roma Trombettieri……..anche se Camila ha anche la sfiga che questi 100 punti valgono 70 (nuovi punteggi) non avremo bisogno di nessuna WC.
    Vamoooooooooos Camilaaaaaaaaaaaaaaaaa

    • by lelitolelita

      Però se x fare 28 vincenti si fanno 73 Mancati Vincenti forse vuol dire che non si ha ancora pieno controllo della propria potenza. E’ come se un pilota pur essendo velocissimo tanto da fare spesso il migliori giro, facesse però tanti testacoda o uscite di pista. Forse in qualche curva converrebbe moderare la velocità

  70. Omar Camporese by Omar Camporese

    leggero’ con calma successivamente tutti i vostri commenti…

    vorrei dire tante cose, dopo aver visto la partita stanotte…
    cose che contrastano nettamente fra loro.
    c’ è rabbia, delusione e sconforto sicuramente, ma al tempo stesso c’ è speranza, perchè in fondo a tutto c’ è una spiegazione e io me la sono data!

    intanto diciamo che, Camila partiva contro pronostico ed ha perso.
    per cui se non si fosse guardata la partita e non ci fossero i dati sui vincenti ed errori, come in molti tornei del circuito, probabilmente non ci sarebbe tanta delusione e rabbia.
    ma la partita è andata in diretta e i numeri del match sono li…
    allora cosa possiamo dire per volerla giustificare?
    perchè il punto è questo:
    o stai dalla parte di chi la smonta fino all’ ultimo bullone… o le concedi il beneficio di alcune attenuanti piu’ o meno logiche!
    a partita terminata, mi sasrei schierato volentieri con i primi, ma poi la rabbia lascia il posto alla riflessione…
    a allora si riflette sul perchè accade e probabilmente continuera’ ad accadere…

    dall’ andamento della partita, possiamo senz’ altro stabilire che la Cornet per potenziale non vale Camila, pur essendo una top 30.
    è stato fin troppo evidente la difficolta che ha incontrato una topplayer quale dovrebbe essere la francese, per portare a casa il secondo turno del GS,
    contro una che naviga a ridosso delle 100!
    il suo modo di festeggiare dopo il punto conclusivo ne è la prova tangibile, come tangibile fu il grido di liberazione della Vinci in quel di NY…
    questo è il punto essenziale su cui partire:
    contro Camila, non puoi permetterti il lusso di pensare di poter vincere facile!
    non lo è stato neanche per la nr. 1 al mondo, figurarsi per tutte le altre…
    allora, stabilito che questo aspetto è la cartina al tornasole della sua potenzialita’,
    invito tutti ad essere meno polemici nei confronti di una ragazza che ha sicuramente un grande carico di tensione emotiva addosso!

    io la giustifico dicendo che, se avesse perso in un match giocato quasi alla perfezione, non avremmo adesso margini di miglioramento!
    se invece ha perso contro una top player, regalandogli una caterva di punti, significa che da qua si puo’ ripartire benissimo per poter migliorare il suo rendimento!
    la chiave di tutto pero’ sta nella sua programmazione a dir poco discutibile!

    mi spiego meglio:
    stanotte nei fondamentali l’ ho vista tornare indietro di almeno due anni… perchè?
    perchè quando ti fermi per cosi’ tanto tempo, non puoi pensare di ridare il meglio di te stesso dopo soli 3 partite ufficiali!
    ci vuole continuita’ e questa continuità è fin’ ora mancata!
    in questo momento, lei deve ritrovare il feeling con la competizione vera… quella che ti viene data solo da una VERA avversaria!
    non serve l’ allenamento con lo SPP, per ritrovare continuità!
    ci vogliono partite vere, una sull’ altra da incamerare nelle braccia e nelle gambe!
    la prova tangibile è Flavia Pennetta, che lo scorso anno ha saputo ripartire praticamente da zero, con grande umiltà…
    partecipando a tornei minori, partendo addirittura dalle quali!
    quel percorso, è stato per Flavia QUELLO GIUSTO per ritrovare se stessa, anche se a me da un paio d’ anni a questa parte non mi entusiasma piu’…
    è dunque QUEL PERCORSO che dovrebbe seguire anche Camila per ritornare ad avere una reale continuita’ nel rettangolo di gioco!
    l’ alternativa è invece rappresentata dall’ incertezza!
    guardiamo ora avanti e purtroppo scopriamo che i suoi prossimi 4 impegni saranno tutti premier!
    certo è da temerari, da coraggiosi e da ambiziosi una programmazione cosi’… decisamente da chi sa il fatto suo…
    ma in questo momento non è la migliore programmazione per lei!
    prima di IW, fossi in Sergio le farei disputare un paio di ITF 100k e un international.
    sarebbe la strada migliore per ritrovare feeling con se stessa, scaricando la tensione nervosa che l’ ha perseguitata in queste ultime due partite.
    spero vivamente che possano ripensare una strada piu’ consona a questo punto, a quello chje è lo stato psico- fisico della ragazza!
    saluti.

    • by t.o.

      E’ un analisi assolutamente condivisibile.
      Ma noi non sappiamo se ci sono altre motivazioni……
      Soldi….un secondo turno in un premier vale quanto una SF WTA
      ormai è evidente che l’impresa è a portata di mano. Farlo in un Premier non vale molti più soldi e punti….
      Secondo, noi non vediamo Camila in allenamento. Immagina che loro sappiano che a quelle velocità Camila può giocare con percentuali molto migliori (Camila ha un uomo come SPP).
      Per mettere a punto un colpo possono volerci anni, ma un Click che scatta nel cervello può aver bisogno di un solo match…..i fondamentali è evidente che ci sono.
      Se è solo un Clik nel cervello quello che manca….dove potrà scattare più facilmente?
      Anch’io avevo proposto degli ITF…..ma a Novembre…..per provare cose nuove e poter rischiare anche 12 DF di fila senza pregiudicare la partita…..ma non è statopossibile….oggi sarebbe utile? Nessuno ha una risposta.
      Ieri Camila ha dominato la partita dal punto di vista psicologico. L’ha dominata…..
      Una Cornet che si mette a piangere a metà del 4-1 del 2°…..cambia racchetta….tenta di cambiare gioco prova ad avanzare e viene ricacciata indietro a colpi di fucile e con perdite…
      Senza la pausa di 10 minuti prima del terzo non so se Alize si sarebbe ripresa dal Break subito nel 6-4 . 5 punti di fila alcuni da cineteca………In quale ITF li potrai mai provare?….

    • Lucia by Lucia

      Ti trovo sorprendentemente ottimista e ciò’ mi consola. Di certo la programmazione non ha aiutato ne aiuterà’ ma su questo dobbiamo fidarsi delle motivazioni ( che non conosciamo ) di Camila e del suo staff . Il secondo e il terzo set giocati sembrerebbero avvalere la tua tesi. Come assume confidenza ed entra nel ritmo gara il suo gioco indubbiamente si evolve. Ma io rimango dell opinione che non sia tutto qui, che si potrebbe fare ancora meglio e che bisogna cambiare qualcosa.

    • biglebowski by biglebowski

      questa della programmazione è un falso problema.
      l’entry list delle quali di un premier (perchè queste fara la bimba con l’attuale classifica) ha un livello molto simile a quella di un international, mediamente.
      a questo proposito posto la entry list di parigi indoor , che, almeno in teoria, mi sembra una situazione confacente al gioco di camila:

      OPEN GDF SUEZ ( dal 25 gennaio)
      QUALI ENTRY LIST

      1. Voegele
      2. Svitolina
      3. Meusburger
      4. Erakovic
      5. Beck
      6. Puig
      7. Niculescu
      8. Torró Flor
      9. Voskoboeva
      10. Domínguez Lino
      11. Garcia
      12. Peer
      13. Scheepers
      14. Soler Espinosa
      15. Oprandi
      16. Zahlavova Strycova
      17. Babos
      18. Larsson
      19. Pfizenmaier
      20. Bertens
      21. Tsurenko
      22. Giorgi
      23. Razzano
      24. N.Kychenok
      25. Arruabarrena
      26. Petrova
      27. Dolonc
      28. Minella (#105)

    • by Nicola

      Speriamo che ti ascolta qualcuno.

  71. by SanTommaso

    Scusate, ma pian piano nel corso della giornata sto “elaborando la sconfitta”. Ok, Camil ha perso. Ok, ha perso male perché poteva e in un certo senso doveva vincere (paradossale nonostante le 74 posizioni di classifica che le separano, ma comunque…). Però stamattina voi siete più contenti di essere tifosi di Camila o preferireste essere tifosi della Cornet? Tutto compreso: match di ieri, potenzialità, comportamento, metteteci anche eleganza e bellezza se volete, risultati, ecc ecc.

    Io non ho dubbi. Camila, tutta la vita. Anche dovesse perderene altre 10 di partite così. Anche dovesse perderne 20. Non baratterei la sconfitta di ieri con una vittoria “alla Cornet”, fatta di difesa a oltranza, comportamenti antisportivi e scenata finale manco avesse asfaltato Serena in finale. Mai. Io oggi sono fiero di essere un tifoso di Camila, e Cami deve essere fiera di essere com’è. Anche se c’è chi dice altro, che è finita, mai iniziata, deve cambiare allenatore, fare la modella, giocare a baseball e – udite udite – è LEI l’antisportiva per un paio di chiamate. Resta come sei Cami, che la coscienza e il fegato te li tieni puliti e integri. Altri, sinceramente, non so…

    • by r.b.

      Sono d’accordo, preferisco mille volte essere tifoso di Camila, però ciò non esclude la necessità di trovare un equilibrio nel suo gioco in modo da evitare troppi errori gratuiti che influiscono negativamente sul risultato del match. Io sono convinto che persone competenti siano un grado di far quadrare il gioco di Camila senza snaturare, per cui se si può fare qualcosa di buono per avere una campionessa in casa, ben venga. Se fossi il presidente federale investirei molto su Camila dal punto di vista tecnico, pensa se davvero dovesse vincere Wimbledon o gli US Open, oh ma ci rendiamo conto che nessun italiano, a parte al Roland Garros, ha mai fatto nemmeno finale in uno Slam? Sarebbe una ricaduta pazzesca in termini di immagine, di sponsor ed anche economici. Noi tifosi saremmo contenti perché avremmo una top player con un gioco affascinante, fatto di potenza e precisione.

      • TEUS by TEUS

        Torno a ripetermi ma nulla come il campo in questo momento può insegnare di più a Camila (la completa maturità tennistica arriverà tramite le partite e non tramite lezioni a tavolino che potrebbero esserle utili come no -il rischio di confonderla più di quanto lo sia già ci sarebbe comunque-).
        Mi rendo conto che molti hanno fretta di vederla ai vertici considerando le sue doti fisiche e tecniche naturali ma tutti coloro che riusciranno a portare un po’ di pazienza, un giorno penseranno alle notti perse per seguire i suoi incontri con un sorriso compiaciuto.
        Ieri, come scrivono in molti, non ha fatto un match disastroso. Non a caso ha avuto la possibilità di vincerlo imprimendo un ritmo forsennato e sostenibile per poche nel circuito WTA attuale dalla fine del secondo set al 4-1 a suo favore nel terzo. Le persone però si concentrano sui tabellini (sui 73 gratuiti -che gratuiti non sono- e sui doppi falli -fatti soprattutto nel primo set giocato perlopiù male e qui bisogna migliorare al più presto perché a certi livelli i blackout si pagano-).

  72. Eulondon by Eulondon

    Ho letto questo commento su un forum di scommesse internazionale…ovviamente di un utente che non conosceva Camila. Lo faccio perché non è male avere una visione dall’ esterno….di chi, forse, la vedeva per la prima volta: “Did anyone watch the Camila Giorgi match?What a match it was,i still cant believe she lost.She outplayed her 25th ranked opponent but some bad unforced errors,volleys in particular or going too long when her opponent was beaten.Some of the line judge calls were shocking.What im trying to say is Camila Gorgi is wort a punt the next time she plays”

  73. by t.o.

    Siamo tutti incazzati perchè Camila ha perso.
    Siamo tutti incazzati per come ha perso.
    Ne consegue che diamo per scontato che Camila dovesse vincere.
    A qualcuno però sfugge che il motivo che le ha permesso quasi di vincere è lo stesso che l’ha fatta perdere. Tutti incazzati per i troppi errori. Sono quelli che l’hanno fatta perdere? No
    Se fosse entrata la palla del 5-2 avrebbe vinto con 72 non forzati invece di 73. non mi pare una gran differenza.
    Tutti arrabbiati per il df ma tutti contenti degli Ace di seconda. Delle due l’una.
    Camila non ha tattica. perchè la sua strategia non prevede tattiche. O meglio La sua tattica e la sua strategia coincidono.
    Non è matta. Se fosse matta non ci sarebbe discussione. E’ matta.
    Una pazza scriteriata che si permette dall’alto della sua superiorità (oggettiva) di regalare due game senza mai permettere all’avversaria di fare un solo punto sul suo servizio.
    Senza mai permettere alla sua avversaria di giocare. Facendola mettere a piangere per l’umiliazione.
    Perchè secondo voi Alizè si è messa a piangere. E perchè secondo voi alla fine ha dato in crisi isterica neanche avesse vinto a Wimbledon contro Serena.
    Era lei la 25° e aveva battuto soltanto la 99°….mica una top ten.
    L’umiliazione era il non riuscire neanche a giocare.
    Nel bene o nel male lei sul servizio di Camila poteva anche andare al bar.

    A tennis si giocano in contemporanea più partite. Una è fatta di colpi, una è fatta di Psicologia.
    L’atteggiamento di Cornet (come lo era di Bartoli o di Connors o di Mcenroe) nel contestare ogni punto secondo voi a che serve? Chiedere il falco su una prima palla…..Sprecare un falco per avere al massimo un’altra prima?…..serviva solo a ritardare la seconda deconcentrando Camila. E su quella seconda ha fatto punto. Piccoli trucchi……McEnroe ne era maestro…..Chang batteva da sotto contro lendl e vinceva lo scambio……
    Anche Camila ha giocato la sua partita psicologica.
    Ha detto chiaro e tondo alla Cornet. Tu per me sei nulla. La partita la gioco da sola. Tu non farai un punto perchè io potrerò la partita su un ritmo che tu non puoi sostenere.
    Se esce una palla in più di quello che entra ho perso altrimenti vinco.
    E’ questa la frase di Camila “Io penso al mio gioco” “Io mi devo concentrare sul mio gioco”
    Se non mi entra il servizio , Prima o seconda che sia io mi devo concentrare sul mio servizio. A costo di sbagliarne 6 di fila. Perchè se non ritrovo il servizio, contro le mie avversarie naturali (le top 20) perdo lo stesso. Io non posso competere sullo scambio lungo con le Cornet, le Errani, Ni LI, Maria o Serena. Io posso vincere contro queste, ED E’ QUESTO IL MIO ” OBIETTIVO” solo se gioco al limite delle mie possibilità. Quale è il mio limite?……Lo sto cercando.
    Ragioniamo sui DF. Il DF non è un errore qualsiasi. Il DF non viene tirato in trance agonistica.
    Hai avuto 45 secondi per pensarci. 30 per la prima palla (necessariamente a rete o fuori) e 10/15 per la seconda. Tre DF di fila sono quasi tre minuti di ragionamenti tra te e te. Immaginate i 30 secondi dopo il primo DF in attesa del servizio del secondo punto. Non è che quei 30 secondi li passi a cantare la vispa teresa. Quei 30 secondi li passi a pensare all’errore precedente e a preparare la 1° successiva.
    Non è un caso quella prima.
    Forte o piano, in sicurezza o alla morte non è una casualità.
    Lo hai deciso tu.
    E’ una scelta sbagliata? può darsi. Ma non si può dire che sia “pazzia”…..è una scelta. e poi il secondo DF. e altri 30 secondi per ragionare. Nuovo errore. secondo servizio per il terzo possibile DF. E’ la palla del 30-40 o del 40-30. Provate a concentrarvi per 15 secondi. Pensate a quanti pensieri è in grado di elaborare il cervello in 15 secondi. Pensate che tirare forte o piano, in sicurezza o a rischio sia casuale?. Sul Servizio Camila fa più punti di quanti ne perda. E cosi è stato anche ieri. Camila lo sa. Se non è pazza (ipotesi che non mi sento di escludere) dovremo trovare un motivo logico di quella scelleratezza. C’è una sola logica. A quel livello o trovi l’equilibrio tuo, interno, che ti permette di regolare in modo micrometrico lunghezze e potenze o è inutile che giochi.
    Qualcuno ha notato che la Cornet ha fatto 9 DF? e che ne ha fatti due di fila nel break del 3° set?
    E’ impazzita anche la Cornet. Aliza è una che in genere fa pochi DF. E non ne fa mai due di fila.
    Eppure li ha fatti anche lei….ed in un momento topico.
    Maria ieri sera contro Karin si è fatta brekkare mentre serviva per il match con due DF che per ben due volte hanno dato il vantaggio a Karin. Sul secondo e grazie ad un nastro Karin si è portata sul 5-5. Anche Maria è pazza?
    Nel terzo set Aliza fa 6 DF…il doppio dei tre di Camila eppure vince il set.
    Camila perde la partita quando per stanchezza o per scelta riduce potenza e velocità dei servizi.
    Non perde la partita perchè tira troppo forte. Perde perchè la finisce tirando troppo PIANO.
    Alize comincia a rispondere alla seconda di Camila sulla riga di fondocampo. Per tutta la partita riceveva la seconda un metro dietro la riga. E nonostante questo non riusciva a fare un punto, dico un punto sulla seconda di Camila. Guardate il primo set. 13 seconde palle 6 punti Camila e 6 DF .Il tredicesimo punto una risposta fuori di Camila. Per non fare quei DF avrebbe dovuto tirare più piano. E quelle 2°sarebbero entrate (forse). Ma voi siete sicuri che le 6 palle che hanno fatto punto sarebbero state punto anche con seconde tirate più piano? Se si tira più piano si tira più piano tutto. Si tirano più piano anche quelle che sono entrate forte e hanno fatto punto. Troppo comodo contabilizzare solo quello che è andato bene e stigmatizzare solo ciò che è andato male.
    Continuate a contare i Non Forzati. Sono errori, sono sbagli e sono punti persi. ma non chiamateli non forzati. Per Camila non esistono non forzati. Esistono gli errori. Ma non esistono i non forzati.
    Il Suo gioco non prevede non forzati. Ogni palla cerca il punto. La seconda palla se entra fa punto (6 su 7 nel primo set). Ed anche a contarle tutte siamo sempre intorno al 50% di W sulla seconda (compresi i DF). Alize Cornet non è una qualunque. Gira tra le prime 32 da 5 anni. é stata 11° ha vinto 3 WTA ed ha fatto 7 volte (8 con ieri) 3° o 4° turno negli slam. 3 volte a US Open
    Camila non ci può vincere giocando in sicurezza. Si è visto quando gli scambi si sono allungati. O la metti negli angoli e sulle righe o lei la palla la rimanda di là.
    Ieri Aliza non ha proprio giocato. Camila non l’ha fatta proprio giocare.
    Camila ha perso quando ha cominciato a farla giocare.

    Anche con McHale Camila poteva vincere……non abbiamo visto la partita ma sappiamo che poteva vincere. McHale Cornet è durato 33 giochi 225 punti 115 McHale 110 Cornet. Solo 5 DF a testa.
    10 giorni fa. Loro se lo giocano sullo scambio. Non sono pallettare. Sono giocatrici di pressione.
    Tra le migliori del circuito. L’anno scorso Camila ci avrebbe perso giocando bene. Oggi rischia di vincerci giocando male.
    L’evoluzione di un giocatore non si misura da Vince o Perde. Si misura da come vince e come perde.
    Io la partita di ieri la riguarderò più volte.
    Ci sono almeno 30 punti di valore tecnico ASSOLUTO.
    Se quelle cose non le sai fare non le saprai mai fare.
    Camila le sa fare. Camila giorno per giorno le sta facendo sempre meglio. E se sbaglia non ha paura di riprovarci. Quando cadi da Cavallo devi risalire subito in sella e tornare a fare lo stesso salto. Subito. Altrimenti non lo rifarai più.
    Come quando la Kostner sbaglia un triplo Luz…..e cade. E a seguire ha un triplo axel…..Che fare? Faccio solo il doppio axel? sicuramente non cado….ma sicuramente non vinco.
    E se non mi riesce la combinazione non vincerò mai le Olimpiadi.
    E dove la provo la combinazione se al primo errore divento prudente.E pattino in sicurezza.
    Contro chi provo a giocare al 110% se appena sbaglio mi rifugio nel “fai la cosa più facile”? o “Mandala di la qualcosa succederà …”
    Quello è un

    Camila vincerà tornei importanti solo se giocherà come ieri solo con pochi, ripeto pochi errori in meno. E io non parlo di DF.
    Se potessi o volessi fare “l’allenatore” direi……il primo errore da togliere sono le palle da appoggiare di la a punto già fatto. Quello si acquisterà con l’esperienza…Solo quelle 6 palle avrebbero totalmente cambiato l’andamento del Match. Con risultati devastanti sulla tenuta psicologica di Alize.
    Seconda cosa Tirare un po più piano la…….PRIMA…..solo un po più piano…..
    Il servizio di Camila non deve servire a fare ACE. infatti ne fa decisamente pochi. Deve servire a fare punto. E infatti ne fa decisamente moltissimi. Molti di errori diretti alla risposta, gli altri con risposte facili da chiudere con un vincente. Ma tutti e dico tutti che impediscono all’avversaria di impostare il suo gioco. E questo ieri è successo. su tutti i servizi di camila. Almeno fino a che le palle si sono tenute sopra le 95 mph. Quella velocità è un punto critico (questa è un’annotazione tecnica) tra la velocità della palla e il tempo di reazione del risponditore. 80 o 90 mph sono quasi la stessa cosa.
    92 e 97 sono un “confine tecnico”. Non c’è il tempo materiale di predisporre una risposta. E tantomeno di pensare un attacco. L’unica possibilità è buttarsi alla cieca da una parte (sperando di aver capito dalla tua posizione e dal tuo movimento se servirai esterno o centrale).
    Servire in sicurezza per chi sta impostando il suo servizio (il servizio è l’insieme di 1° e 2°) su due palle molto simili con una differenza di velocità tra 2 e 5 mph. ( Bartoli, Vika, Maria sono le punte di diamente di questa scelta tattica) significa a volte rimettere in partita un avversario che hai già messo fuori gioco. Se un giorno non entra il servizio bisogna “farlo entrare”. Così come si fa quando non entra il dritto o non entra il rovescio. E il servizio lo devi tirare come si tira un vincente.
    E andrebbe calcolato come vengono calcolati i Vincenti/ErroriNF
    Se posso ricondurre direttamente al servizio (1° e 2° palla) più punti di quanti sono i DF il bilancio è positivo. Sara sta perdendo perchè stanno cominciando ad attaccarla sulla 1° palla, non sulla 2°
    Camila ha una percentuale SPAVENTOSA di punti riconducibili DIRETTAMENTE al servizio.
    Su quelli non riconducibili la percentuale dipende da chi ha davanti. Camila non è fortissima nello scambio prolungato. Non si sente sicura in quella fase di gioco. Si sente più sicura ad anticipare l’attacco. Cosa è giusto fare lo può sapere solo lei. Solo lei può “verificare” la differenza di peso di una risposta ad un servizio a 105 mph piuttosto che a 95….è chiaro che a tirarlo a 95 mph rischio di meno….ma quanto rischio di più sulla sua risposta? Davanti aveva la Cornet….non lo dimentichiamo. la 99° è Camila……….non facciamo finta di dimenticarlo………

    • by r.b.

      Apprezzo il commento, però in sostanza stai dicendo, se io fossi l’allenatore di Camila cambierei questo e quello, addirittura le direi di tirare più piano la prima di servizio, evidentemente per aumentare la percentuale di prime. Eh beh questo non è migliorare tecnica e tattica in modo da ridurre gli errori? Indipendentemente dal lavoro che si deve fare, mi sembra che anche tu stai dicendo che un lavoro va fatto. Anch’io sono d’accordo nel dire che le potenzialità sono enormi, ma vanno sfruttate adeguatamente. Questo vale per tutte, anche per Serena. Guardiamo Federer, è sempre un genio del tennis, ma ha cominciato a sbagliare qualche colpo che in passato non sbagliava, e ora non vince più un torneo. Ci vuole sempre un equilibrio e Camila deve ancora trovarlo.

    • by lelitolelita

      in linea di massima sono d’accordo sulla disamina. Niente da obiettare sui doppi falli, fanno parte del rischio di chi vuole comandare il gioco e ottenere tanti punti dal servizio. E Camila li ottiene. Sono d’accordo che gli errori da evitare sono quelli a campo aperto,con l’avversario ormai fiori campo, lateralmente o 4 metri dalla lineadi fondo, con Cami che colpisce da ben dentro il campo. Non è un gara di forza,basterebbe una palle corta o comunque talvolta un briciolo meno di potenza per un briciolo in più di precisione.
      Però il tennis non è solo giocare contro te stesso,è un avversario e quindi capire anche i momenti e le difficoltà dell’avversario è importante. Nel terzo set la Cornet era in crisi, ha fatto dei doppi falli che sembrava aver perso le coordinate spazio temporali e ha aumentato il numero degli errori.. Sono certo che in quel momento se Cami avesso messo delle palle senza peso come per dire “vediamo che sai fare” laCornet avrebbe perso da sola. Invece Camila non le dato tempo di sbagliare ha continuato a forzare, con un po meno di lucidità percui non riusciva a chiudere il punto e allaCornet è stato suffciente ributtare la palla di la in attesa dell’errore di Camila che puntulmente arrivava.

      • by r.b.

        Attenzione che la ricetta di t.o. prevede anche una diminuzione dei doppi falli. Infatti diminuire la velocità della prima implica aumentare la percentuale di prime, quindi si giocano meno seconde e quindi si commettono meno doppi falli. 🙂

  74. Eulondon by Eulondon

    Chi segue Camila da tempo non dovrebbe stupirsi più di tanto. Non è che si migliora così da un giorno all’ altro. Non è che all’ improvviso si impara a “ragionare” a “gestire” o cosa. Anche se poi…sappiamo tutti che il bello del suo gioco è proprio l’ istinto.
    Sinceramente io tutto questo dramma non lo vedo: cioè non è che ha perso 6-2 6-3 giocando una partita tremenda. Ha perso di misura da una giocatrice molto più esperta di lei. Ha perso di misura .commettendo una marea di errori. Ha perso di misura facendo praticamente tutto lei. Si dice che la Cornet ha giocato male…Per me non ha giocato proprio perché Camila non l’ ha fatta giocare. La francese era totalmente in balia del gioco di Camila! Queste sono partite particolari, dove gioca un ruolo enorme l’ abitudine, la propensione al gioco, l’ esperienza maturate in altre situazioni simili. Quante partite ha giocato in carriera la Cornet? Quante ne ha giocate Camila? La chiave secondo me è lì! Ed è qui che Camila deve agire: GIOCARE GIOCARE GIOCARE!!!!!! Altrimenti certe cose non si imparano mai. Va da se, poi, che certi punti e certe situazioni vadano assolutamente gestite con più criterio e senza eccessiva fretta. Il suo istinto è quello che me la fa amare…ma anche quello che certe volte le impedisce di pensare in quel frangente di secondo necessario. I mezzi per crescere ci sono tutti: deve solo giocare. E, credo, che in questo, la programmazione giochi un ruolo fondamentale. E, a prima vista, mi sembra un po’ troppo “presuntuosa”. Io avrei inserito qualche international in più. Anche se lei vuole competere con le grandi…sarebbe meglio prepararsi e provare soluzioni, sensazioni e circostanze con quelle ancora non dico piccole…ma “medie”. Detto questo io la tiferò sempre…Mi ha conquistato e per il momento è la mia tennista numero 1. O meglio l’ unica che seguo, indipendentemente dalla nazionalità. Forza Cami!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • by r.b.

      Hai ragione però anche tu stai dicendo, e condivido, che qualcosa va cambiato, ad esempio la programmazione. Secondo me avete ragione entrambi, bisogna lavorare su tecnica, tattica e programmi. Penso che la federazione aiuterà Camila, come sta facendo, perché anche un cieco vedrebbe che le sue potenzialità sono enormi, anche se ancora non del tutto espresse.

    • by lelitolelita

      Forse la programmazione “presuntuosa” come la definisci, nasce proprio dalla considerazione chela Giorgi fa tutto da sola. Ieri nel finale avrebbe perso anche dalla 500 del mondo o da chiunque ributtasse di là qualche palla, mentre in alcuni periodi del match avrebbe distrutto anche una top ten, Alla fine deve trovare più continuità nei suoi colpi, con una più o meno forte, cambia sì qualcosa ma non tantissimo.

  75. boy by boy

    sto guardando in giro un po’ come gli esperti (o presunti tali) stanno commendando la Giorgi….e tutti sottolineano il fatto dei 5 vincenti della francese e degli 73 errori della Giorgi…..quasi “scherzandola”.

  76. by SanTommaso

    Per Camila e per tutti: da vedere e rivedere e mandare a memoria questo punto. Così si gioca, così si manda a salutare i tifosi delle prime file la numero 25 del mondo. Così, senza strafare. Cami, ti prego, dalla prossima partita: così!

    • Francesco by Francesco

      Sostengo pienamente Camila e il suo bel gioco aggressivo. L’avevo vista a Roland G l’anno scorso, che bel tennis (anche se purtoppo non è andata lontana). Finalmente qualcuno che non si limita a rimandare la palla iperliftata e non ha paura di attaccare con potenza. Certo con il suo gioco è normale essere piu fallosi, non al livello del match di ieri ma una volta regolata la tecnica (piccoli aggiustamenti a colpi, servizio che al suo livello non dovrebbero essere difficili da farsi) il resto sta nella testa e nell’esperienza in circuito. A mio parere dovrebbe avere un calendario tornei molto piu fitto, non solo SLAM, non la si vede quasi mai in un WTA 500 o 250. E anche giocando molte partite che riuscirà a uscire da questa condizione di eterna speranza, visto che le sue qualitè sono indubbie. Forza Camila, ti vogliamo tra le prime 10 non tra le prime 100!!!!

  77. by SanTommaso

    A mente fredda, dopo la grandissima delusione di ieri… partita buttata, l’ha detto tutti e lo dico anche io. Partita giocata male da Cami, a prescindere dai crampi del terzo set: gli errori, e tanti, erano già stati commessi nei primi due set. Certo, se fossero arrivate entrambe alla fine in salute probabilmente, come “predetto” da me prima del match, la straordinaria preparazione fisica di Cami avrebbe pagato. E avrebbe vinto nonostante la marea di errori, contro una giocatrice che la precede di 74 posizioni in classifica. Questo intende Sergio con “può battere chiunque” ed è vero. E’ verissimo. l problema, il “non detto” è che non può batterle ORA. Perché le manca la testa, ha fretta, forse la fretta dei 22 anni di avere tutto e subito. I colpi però non glieli togli e non te li insegni. o li hai o non li hai. Camila li ha, e in quei pochi scambi ragionati (perché qualcuno ce n’è stato) ha dimostrato di mandare di qua e di là a suo piacimento la numero 25 del mondo. Poi la fretta le ha fatto affossare in rete qualche smash, sparare lungo una marea di diritti. Ieri ero delusissimo, oggi sono deluso ma non senza speranze. Mi dispiace che qualcuno dica che non guarderà più Camila, io se non fossi emotivamente coinvolto dal tifo prenderei 100 volte una Giorgi-Cornet piuttosto che una (per dire) Errani-Wozniacki. De gustibus. Spero solo che chirimarrà lo farà volendo sempre bene a Cami e facendo sempre il tifo per lei.

    Infine, ma solo infine, che non vengano prese come giustificazioni, due note sulla Cornet e sui giudici di linea.

    Alla Cornet auguro tutto il male possibile a livello professionale, badate bene. Significa perdere tutte le partite, non cose spiacevoli umanamente, non attaccatevi a questo, ho scritto “a livello professionale”. Una che chiama il falco su un suo colpo chiamato buono sperando che sia fuori per non subire la risposta vincente di Cami cosa si merita? Che tutti i suoi colpi successivi finiscano fuori, così almeno è contenta. L’essenza dell’antisportività. Ripeto: tutto il male possibile a cominciare da una bella bicicletta contro la Sharapova.

    I giudici: mai visti tanti errori tanto netti, e badate bene sia contro Camila che contro la Cornet. Palle fuori di centimetri chiamate buone: la Cornet si è gustamente arrabbiata alla seconda chiamata consecutiva nel primo set, se Camila non avesse avuto più falchi a disposizione il match point l’avrebbero dato buono alla francese anche se il colpo era uscito di parecchio. Poi è andata come è andata, ma se fosse stata una finale tirata punto a punto? Avrebbero assegnato così un trofeo dello Slam… Non ho parole.

    • by lelitolelita

      tanti colpi della Giorgi chiamati out non sembravano così lunghi, forse a vedere bene qualche errore ci può essere stato dei Giudici ma la potenza dei colpi della Giorgi è tale che…

  78. Lino by Lino

    Bruttissima partita, buttata via come altre volte da Camila….. Mannaggia…..
    Ma cosa deve cambiare nella sua testa sta ragazza?
    E per favore smettiamola ogni volta che perde di tirar fuori la storia che deve cambiar allenatore, ecc!! Con qualsiasi altro allenatore Camila farebbe di testa sua e continuerebbe a sparare bordate a più non posso. In ogni caso, chi non ne può più di come gioca è pregato di seguire altre tenniste, italiane e non, Camila mica si offende 😉
    Io la seguo dal 2009 e ha sempre mostrato sprazzi di gioco straordinario, ma non è mai riuscita a dar continuità e peso al suo gioco, questi sprazzi però a me danno grande gioia, certo, perdere fa sempre male, pensate lei quanto sarà delusa, altro che NOI!! Camila, trova qualcosa da questa brutta sconfitta e, già da parigi facci sognare di nuovo!!
    Un grande abbraccio a Camila e a tutti quelli che la amano comunque, anche dopo queste lugubri partite. Vamosss Camila

    • by lelitolelita

      Secondo i sostenitori di un cambio di allenatore lo dicono non per snaturare il gioco della Giorgi ma perché pensano che un ex tennista di alto livello possa dare quel qualcosa in più sia alla ragazza che ora manca per i livelli cui giustamente ambisce. D’altra parte è tutto da dimostrare che questo possa tradursi in effettivi vantaggi. Possono anche avvenire delle difficoltà di adattamento a nuovo motodi e rischio di regressione. Cmq su questo aspetto è difficile dare consigli.

  79. biglebowski by biglebowski

    Sono moltissime le considerazioni che si possono fare su un match come quello perso da camila giorgi (ranking 99) contro alize cornet (ranking 25) con il punteggio di 36 64 46 e molte sono già state fatte.
    La prima considerazione è quella che farebbe un marziano appassionato di tennis che leggesse il risultato che osservando il ranking direbbe probabilmente: “io mi chiedo per quale motivo avrebbe dovuto vincere contro una che le dà 75 posti in classifica?? è andata al terzo ed è stata avanti 41…brava!”.
    Un altro potrebbe dire: “Io adoro Camila Quei colpi vincenti incredibili che lasciano di stucco pubblico e avversarie! Vero che ha regalato il match con tutti quegli errori, ma è anche vero che quel match, con tutti quegli errori lo stava per vincere”
    Riporto anche un interessante e credo competente commento che ho trovato su un altro sito:
    “Direi che però bisogna anche riconoscere i meriti difensivi di lacrimuccia facile Cornet: ha fatto una grande partita difensiva e tattica e l’ha spuntata. Perchè è più matura e ricorda in certi colpi la Pennetta? Perchè sa anche rallentare il passo con apertura e chiusura del dritto più lento a tenere la palla lunga ma rallentata e una frenetica come la Giorgi o la Puig dal punch notevole è facile che vadano fuori giri. E’ fondamentalmente maggior esperienza e abitudine a certi livelli e in ultima analisi maggior controllo del proprio gioco al cospetto di tenniste che sono acerbe tatticamente e poco riflessive. Le tenniste istintive se sono troppo istinto e poco altro pagano dazio alle più marpione perchè il tennis è anche sport furbo se si difende bene e si corre ributtando tutto in maniera cinica ed esperta. La soluzione dunque è che la Giorgi non appaia solo di sfuggita negli slam a brillare per un attimo sparendo subito ma che cominci con una paziente gavetta nei tornei normali cominciando a vincere un WTA medio. Da quel momento diventerà più ragionevole e smaliziata e con più incontri giocati e metabolizzati: vedrete che anche lei sarà più furba e meno istintiva. Pochi incontri disputati negli anni per avere la giusta esperienza e furbizia e questo si nota con errori a rete davvero inconcepibili per una tennista mediamente esperta”

    Da parte mia noto innanzitutto che, come al solito, si è trascinata dalla sua parte tutto il pubblico: ogni punto di camila veniva accolto da vere ovazioni come d’altra parte in altre occasioni e non è cosa da poco: la bimba (sarà per l’aspetto fisico o per quell’aria timida, per la correttezza o per il suo tipo di gioco o non so perché) ha questa capacità di coinvolgerti nel match come poche sanno fare. Questo è molto importante in uno sport che ormai è più spettacolo che gioco. Potenzialmente è in grado di attirare più appassionati a vedere i suoi incontri rispetto a molte altre giocatrici che vincono più di lei.

    Ora, al di là di questo, è fuori dubbio che questa ragazza vince infinitamente meno di quanto il suo talento le consentirebbe. Ciò evidentemente perché insieme ad indubbie qualità ci sono anche molti difetti: appare chiaro che è lei stessa che deve decidere se vuole lavorare su questi limiti, così come è chiaro che devono essere le persone delle quali decide di affiancarsi che devono scoprire quali sono i limiti più importanti che le impediscono il salto di qualità e con quale tipo di lavoro questi limiti possono essere superati.
    Partiamo da qualche dato: in entrambi gli ultimi match e anche in molti altri del passato gioca due/tre game iniziali alla grande e poi perde regolarmente il primo set; in entrambi i match ha pessime percentuali nella gestione della palle break (10 su 25 trasformate). Ci può essere qualcosa di mentale in questo?
    E poi l’aspetto tattico! Qua siamo veramente ad un livello che non permette di vincere partite ad alto livello. A mio parere bisogna partire dall’ABC. Ci sono errori evidenti in molte scelte, una gestione dei punti fuori dalle norme più elementari non solo della tattica, ma anche delle leggi della fisica.

    Finisco di annoiarvi augurandomi che camila si ri-guardi 1/10/100 volte il match di ieri e che decida di dedicarsi al miglioramento della sue lacune molto seriamente.

  80. Ghaal by Ghaal

    Ragazzi, secondo me qui c’e’ troppo coinvolgimento emotivo.
    1) la cornet NON è 25 per caso, quindi perdere ci può stare (nella posizione 25 è inclusa anche una capacità di gestire la partita e di avere intelligenza tattica migliore di quelle che ATTUALMENTE possiede Camila)

    2) Gli italiani (e le italiane) SE maturano, maturano più tardi dei loro coetanei stranieri (è un fatto, magari sgradevole, ma fatevene una ragione)

    3) Camila ha buttato via un set, forse due, forse tutta la partita. E allora? Cosa deve fare, suicidarsi domattina? Ha perso male? E allora, uno deve sempre perdere giocando al meglio? A tennis si gioca in due, Camila oggi ha incontrato una avversaria che ha capito come vincere la partita e lo ha fatto. Siete così sicuri che se Camila avesse giocato “in controllo” avrebbe vinto? Non è che la Cornet avrebbe cambiato gioco e magari la partita sarebbe stata persa lo stesso?

    In conclusione: forza e pazienza trombettieri, se son rose fioriranno. Per ora possiamo solo pazientare e sperare…

    A presto, Ghaal

    • by r.b.

      Non sono sicuro che avrebbe vinto, ma così avrebbe giocato a tennis e questa scelta, credimi, alla lunga paga. Giocare a baseball no.

  81. by r.b.

    Boh che dire? A questo punto aspetto con ansia il commento di t.o. e quello di Omar Camporese, e naturalmente anche quello di tutti gli altri che non si sono ancora espressi. Sulla guida tecnica, ma Barazzutti non può fare qualcosa? In fondo di riffa o di raffa tra qualche anno sta ragazza sarà comunque una delle migliori tenniste italiane. Io non vedo giovani tenniste che possano entrare a breve tra le prime 100. Quando si ritireranno Schiavone Vinci e Pennetta (spero il più tardi possibile) Camila entrerà per forza in squadra di Fed Cup e quindi già che ci siamo sarebbe bello che i tecnici federali facessero qualcosa affinché il tennis di Camila diventi credibile. Io non voglio che lei cambi stile di gioco, mi piace che attacchi e tiri bordate di dritto e di rovescio, non la voglio pallettara da fondo campo, noiosa e banale, però il tennis ha un senso e il gioco di Camila deve piegarsi alle leggi ed ai principi tecnici e tattici di questo sport. Ho visto tanti campioni e campionesse del passato e del presente e nessuno ha fatto mai carriera giocando in maniera così scriteriata.

  82. by antonelo

    Grande, grandissima Camila! Per ovvi motivi di orario non ho potuto seguire tutto l’incontro, ma da quello che ero riuscito a vedere temevo una rapida sconfitta in due set. Invece Camila, da fenomenale campionessa qual è, è riuscita a trovare dentro di sè la forza per reagire ad un inizio così difficile ed ha non solo strappato un set all’insidiosa transalpina, ma ha addirittura sfiorato l’impresa arrivando ad un passo dalla vittoria!
    Questa ulteriore prova di forza mi conferma che siamo sulla strada giusta. Il futuro di Camila sarà sempre più radioso… è cominciata la scalata al vertice e niente più la potrà fermare!
    Vamooooooooooooooooooooooooooooos!

  83. doherty by doherty

    son curioso di leggere le dichiarazioni di camila post partita

  84. TEUS by TEUS

    Dopo aver visto il match mi pare opportuno precisare immediatamente un fatto: Camila non ha fatto 73 errori gratuiti dato che la maggior parte dei suoi colpi in rete o fuori sarebbe stata comunque definitiva (gli addetti alle statistiche, più passano gli anni, più diventano incompetenti purtroppo).
    Poi aggiungerei anche che è normale che Cornet abbia fatto pochissimi vincenti essendosi trovata a fronteggiare un’avversaria che ha giocato all’attacco dal primo all’ultimo punto.
    Male il primo set: giocato esclusivamente d’istinto sotto ogni singolo aspetto del gioco.
    Bene il secondo: più attenta in generale e concluso con un gran game sul 5-4 servizio Cornet in cui era sotto 40-0.
    Benino il terzo: perso alla fine perché si è trovata, dopo non aver sfruttato una palla per il 5-2 e una per il 5-3, a giocarsi la vittoria punto su punto (e qui la francese, che ha dimostrato un’antisportività da guinness in più occasioni, attualmente è superiore esclusivamente per una questione di esperienza).
    Si può parlare dei motivi per cui Giorgi gioca i punti come se fossero tutti uguali, dei suoi limiti tecnici e di altre cose che gli utenti di questo blog sono certo esamineranno nel corso di questa giornata. Si può e se ne deve parlare ma io continuo a pensare che l’unico vero modo per far capire a questa ragazza che molti incontri non dipendono solo da come gioca lei ma anche da come riesce a far giocare male l’avversaria facendo leva sulla grandi doti d’anticipo che possiede, sia farle disputare il maggior numero di tornei possible nell’arco di questa stagione. Un anno intero nel circuito WTA: di questo necessita ora il suo processo di maturazione tennistica per proseguire nel migliore dei modi.
    Quindi mi auguro vivamente che il risentimento muscolare accusato sul 3-1 del terzo set sia un semplice affaticamento. Quest’anno non ci vogliono infortuni. E’ e rimane a mio avviso la cosa più importante.

    Mi spiace leggere che molti utenti, dopo la dolorosa sconfitta di ieri, scrivono di aver perso ogni speranza per il futuro di Giorgi. Per me non è così: per me Camila sfrutta il 30-40 % delle sue potenzialità oggi essendo ancora il suo tennis acerbo (avesse 28-29 anni con molte stagioni già giocate nelle gambe e nella testa, il mio discorso sarebbe diverso ovviamente).

    Confermo perciò la mia presenza tra gli inguaribili ottimisti (ho molti motivi per continuare a esserlo).

    Forza Camila! Siamo solo all’inizio…

    • by r.b.

      Anch’io sono ottimista però non capisco il discorso sui gratuiti. Se sono colpi in teoria definitivi, che invece finiscono fuori o in rete, sono errori non forzati. Anche se non sono colpi definitivi ma comunque la giocatrice è in grado di rimettere in gioco la palla ma sbaglia sono errori non forzati. In questa categoria non rientrano solo gli errori provocati da un colpo dell’avversario talmente difficile da contrastare che l’errore è una conseguenza normale.

  85. by massimiliano

    la federazione imponga un allenatore

  86. by massimiliano

    emotivamente parlando e’ stato sconcertante da dilettanti falla rimbalzare ogn tanto sta c…. di palla e poi piazzi come tutti sempre al volo al volo al volo

  87. Lucia by Lucia

    Sono stata sveglia fino alle 4. 30 e adesso sono uno zombie. Oltre Camila anche la delusione per la sconfitta della Knapp ( grandissima). Ora penso anch io non ne valga la pena ma magari cambierò’ idea. La sconfitta ci stava e si può’ accettare. Le rimonte si fanno e si subiscono, i Match vinti diventano persi e viceversa, NON È’ QUESTO IL PUNTO.
    Il punto e’ che non si può’ vedere un primo set giocato così’, non si possono vedere tre doppi fallì consecutivi, non si può’ non giocare mai uno smash al rimbalzo, un back, un colpo interlocutorio, uno slice. Dopo un mezz ora mi sono chiesta come stesse giocando la Cornet e non lo sapevo. Faceva tutto Camila.
    Non so come ma bisogna cambiare . Forza Bimba.

  88. doherty by doherty

    in un intervista sergio tempo fa’ disse : io spiego a camila cosa deve fare ma poi quando in campo finisce che fa’ di testa sua…
    il problema non è chi la allena,il problema è camila.
    io non so’ perchè non si renda conto che per vincere a tennis giocando come fa’ lei è impossibile a meno che si abbiano dei poteri soprannaturali(oppure due o tre volte l’anno sei “in the zone” e ti riesce tutto)è immatura? incosciente ? presuntuosa ? poco intelligente ? non lo so,non la conosco di persona.
    quindi è la testa di camila che va’ cambiata non l’allenatore,anche se una “scossa” sotto questo punto di vista in piccola parte potrebbe essere utile .bisognerebbe fare un alvoro simile a quello che gilbert ha fatto con agassi.
    è vero che poi ci sono dei limiti tecnici non gravissimi ma,chi non li ha ? e comunque si puo’ migliorare ma anche se non li avesse non cambierebbe molto perchè il problema è mentale e tattico.
    forse ieri alla fine aveva un guaio fisico,ma la partita l’ha persa buttando via il primo set ,se avesse giocato razionalmente avrebbe vinto in due.
    il tempo per diventare una campionessa c’è,deve solo capire che nel modo in cui sta’ giocando lei nessuno lo è mai diventato e nessuno mai lo diventera’.quello che fa’ arrabbiare è che ieri ha perso un’occasione per fare un gradino verso questo obiettivo
    spero che riveda il match e se ne renda conto.
    comunque avra’ sempre il mio tifo
    vamos camila !

    • Lucia by Lucia

      Succede un po’ come nelle squadre di calcio. Visto che non si può’ cambiare la giocatrice nell eventualità’ si cambia l allenatore. O almeno si prova a vedere se lavorando diversamente si possono ottenere risultati migliori.

      • doherty by doherty

        se camila non cambiera’ il suo modo di intendere il tennis non ci sara’ allenatore che tenga,pero’ questo cambiamento potrebbe essere agevolato anche da un rapporto con una persona diversa dal padre(che secondo me non ha nessuna colpa) .creando una collaborazione slegata dall’affettivita’ forse si potrebbe aiutare piu’ facilmente camila a rendersi conto della situazione

  89. by Giuliano

    2 soldi per un allenatore e/o tattico decente, bisognerà pure investirli! Per non partire sullo 0 – 30 ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, ogni gioco, (29 giochi).
    Ci vuole coraggio per lasciare l’infanzia e buttarsi nella maturità, prima che diventi vecchiaia.
    Sù, Camila!

  90. by lino

    Ciao a tutti , sono un tifoso di Camila , mi piace vederla giocare ,pero devo dire che la partita che ho visto ieri non mi e’ piaciuta . Il tennis aggressivo di Camila e’ devastante , pero troppi troppi errori , 73 per la precisione sono tanti , anche quando fai 28 vincenti .
    Spero sempre che cambi qualcosa nella gestione delle partite , ma non lo ha ancora fatto ,
    basta avere meta’ della forza che mette nei colpi per fare ugualmente tanti punti (perche’ sicuramente migliorerebbe la precisione ) .
    Vorrei che leggesse quanto ho scritto .
    Io adoro il suo modo di giocare ( quando le riesce ) , ed anche quello della Pennetta ( che colpisce meno forte ma e’ molto piu’ precisa ) ,
    Un in bocca al lupo affettuoso a Camila , ti voglio vedere vincere qualche torneo …..

    Lino…………………..

  91. boy by boy

    Ciao a tutti….
    ho visto i vari commenti e non aggiungo altro, non mi va di infierire. Dico solo che non è possibile stare sempre a dire le stesse cose ormai. Basta vedere i vincenti e gli errori delle giocatrici, per capire che stiamo difronte a qualcosa di IMPROPONIBILE.
    Fin quando dirà “l’avversaria so che è mancina” o chi le sta accanto dirà “parte favorita con tutte, forse solo con la Williams parte 50/50″….bè fin tutto questo continuerà mi sento di dire che purtroppo la carriera di questa ragazza non cambierà mai. Si per carità, ogni tanto farà qualche exploit, ma la continuità (che è necessaria per avere un certo tipo di carriera) non la troverà mai. Ci vuol un bel bagno di umiltà….è la prima cosa secondo me.

    • doherty by doherty

      @ boy
      il bello è che se camila giocasse a tennis sarebbe veramente favorita con tutte ( a parte il 50 % con serena)

  92. by Morotep

    Mamma mia che psicodramma!
    Bastava essere un po’ piu’ realisti prima per non lasciarsi prendere da uno sconforto cosi’ pesante.
    Il match e’ stato un mezzo disastro soprattutto nel primo set. Un po’ meglio il secondo. Il terzo era partito bene poi sul 4-1 Camila ha chiamato il fisioterapista. Il mio stream li’ e’ andato via e non ho visto cosa sia successo. Leggo qui di un problema alla gamba… in effetti appena prima di chiudere il game del 4-1, ho notato che Camila alzava e abbassava la gamba sinistra (mi pare) e se la toccava. Probabilmente qualcosa c’e’ stato e se fosse cosi’ sarebbe una grossa attenuante alla sconfitta.
    Pertanto aspettiamo di sapere meglio cosa sia successo.

    Va pero’ detto che nei game da 4-1 al 4-6 io non ho notato una scarsa mobilita’ oppure un’incapacità di arrivare sulla palla… per questo non ho dato molto peso alla chiamata del fisio.

    Per il resto, penso sia il caso, per chi vuol sostenere Camila, di trattarla come si tratterebbe la Burnett: una ragazza con del potenziale ben lungi dall’essere espresso.
    Il “basta che giochi a tennis”, “basta che registri la mira”, “pensate se mettesse dentro il servizio” non ha senso. Allora si potrebbe dire di chiunque. Se Sara Errani migliorasse il servizio immaginate cosa potrebbe fare… peccato il servizio sia sempre quello… perche’ non e’ che sia proprio una cosa da niente imparare a servire meglio… imparare a mettere la palla in campo.

    L’amara realta’ (lo definivo un incubo dopo Wimbledon 2012) e’ che Camila e’ una cosiddetta Brainless Ball Basher… se ne contano tante nel circuito e, quelle che non hanno il marchio della campionessa, hanno un rendimento assolutamente altalenante con partite buttate nel cesso a causa di un altissimo numero di gratuiti. Poi capita la giornata di grazia (o l’avversario congeniale) ed ecco che sembrano delle dee nel tennis. Per poi tornare nell’anonimato in un attimo. Ci sono colleghe molto piu’ illustri di Camila… mi viene in mente la Cirstea che ha grandi colpi ma ne mette dentro uno ogni tanto (con la Errani l’anno scorso fece una partita con 60 gratuiti e usci’ dal campo piangendo).

    Ripeto, qui c’e’ l’ombra di un potenziale infortunio ma se ci si concentra sui primi 2 game e mezzo ci sono piu’ ombre che luci e, in generale, questa ragazza non gioca a tennis. Gioca a una variante del baseball.

    Il mio problema non e’ se continuare a sostenere Camila o meno… ma e’ qualcosa di simile al “mi piace vederla giocare?”. Beh… temo che a questo punto la risposta sia semplicemente “NO!”.
    Io non ho voglia di vedere un match con una che fa errori inguardabili, scelte senza senso, scaraventa palle semplicissime fuori dal campo di 2 metri e poi, di tanto in tanto, tira bordate incredibili all’incrocio delle righe… il livello di incazzatura che si raggiunge non e’ ben bilanciato col livello di meraviglia quando si vedono certi colpi che quasi solo lei riesce a fare.
    La frustrazione che si raggiunge e’ talmente alta che rende lo spettacolo poco divertente… e’ una sofferenza inutile che porta poi alla delusione.
    Io seguo il tennis per divertirmi… un livello di incazzatura del genere mi fa solo male e, ripeto, per un 20% di paradiso del tennis, si assiste a un 80% di inferno.
    Non tornano i conti.

    Camila non gioca bene a tennis e non e’ un bel vedere se non in RARISSIME situazioni.

    Pertanto ci sono due cose da fare per me:
    1) Abbassare ulteriormente le aspettative;
    2) Seguire Camila con meno speranza e aspettativa;

    Forse cosi’ sto meglio.

    Non le precludo comunque nessuna strada… ribadisco che i numeri li ha… trovo, semplicemente, tutt’altro che banale la sua riuscita.

  93. theseus by theseus

    Credo che oggi sia stato stabilito un record mondiale, immagino che mai in alcuno slam sia mai accaduto che qualcuno abbia vinto una partita con soli 5 vincenti o abbia vinto il set decisivo con ZERO vincenti, oppure abbia perso la partita facendo 73 gratuiti (70% dei punti fatti dall’avversario). Sfido gli appassionati della statistiica e dei numeri a scovare qualcosa di peggio.
    Signori, che dire: QUESTO NON E’ TENNIS.
    In questi anni ci siamo dati tante giustificazioni, aspettando il grande balzo della predestinata: prima era troppo giovane, poi non c’era lo sponsor, poi c’era il papa-allenatore inadeguato, poi c’e’ stato il lutto in famiglia (con tutto il rispetto), poi la spalla, ecc. ecc. ecc. Ma, a questo punto dello show, dopo avere assistito allo scempio di stamattina, CHE ALTRE PALLE CI RACCONTEREMO per giustificare questo modo di NON giocare, che non portera’ mai da alcuna parte?
    Io mi arrendo, continuero’ a seguire Camila per simpatia e affezione, aspettando che prima o poi capiti un singolo fantastico exploit tipo quello visto con la Woz, ma ormai mi e’ chiaro che CAMILA NON DIVERRA’ MAI UNA TOP TEN.
    Ovviamente, saro’ felice di essere smentito e, nel caso, ammettere le mie incompetenze profetiche.
    Buon tennis a tutti…

    • by anfrapa

      Ragazzi ma non è che stiamo esagerando… mi sembrano reazioni emotive eccessive con punte di isterismi, da amanti traditi piuttosto che da appassionati delusi. Delle due l’una: o era una campioncina in erba prima, e allora non può essere una partita persa a cambiare il nostro giudizio, o era una broccaccia sparapalle e allora non si capisce da dove nasca il nostro interesse. Io continuo ad abbracciare convinto la prima ipotesi ed aspetto fiducioso gli eventi. Non dimentichiamo poi che la delusione maggiore la proverà proprio lei. Forza Camila, alla prossima!!!

      • by Morotep

        Eh… e’ l’isteria di chi si e’ fatto prendere dal potenziale che, al momento, e’ del tutto inespresso. Seguo Camila dall’inizio del 2009 e, francamente, questa fase di delusione l’ho gia’ attraversata da tempo.
        Si sperava in una campionessa che con la sola forza dei suoi colpi potesse fare breccia nelle sfere alte della classifica. Rendersi conto che, non solo non e’ cosi’, ma che una roba del genere e’ altamente improbabile (o impossibile visto che a distanza di tanti anni siamo ancora qui a ripetere le stesse cose) e’ in qualche misura deludente.
        Personalmente ho abbassato le mie aspettative da un bel po’ e mi vedo costretto ad abbassarle ulteriormente, ma vabbe’… si campo lo stesso 😀

        Il problema per me non e’ tanto: “ce la fara’ ad esplodere”?
        Ma e’ (come ho scritto sopra): “ho voglia di vederla giocare?”
        Perche’ io sono un appassionato di tennis… il baseball non mi piace… il baseball su un campo di tennis mi piace ancora meno.
        De gustibus.

  94. by r.b.

    Anche la Cornet ha regalato punti a Camila? Certo, infatti ha fatto 29 gratuiti che hanno contribuito al bottino totale di punti di Camila che è 92. Il rapporto qui è di 0,31 quindi vuol dire che la Cornet ha “regalato” circa il 30% dei punti a Camila. Gli altri li ha dovuti fare Camila. Camila invece con i suoi 73 gratuiti ha contribuito al punteggio della francese per oltre il 70% (73 su 103). E la Cornet non è una difensivista pura, in genere è una che tira forte ed è aggressiva. Chissà cosa combinerebbe Camila oggi con le più forti regolariste e difensiviste del circuito, quelle che ributtano di là qualunque cosa (tipo Azarenka, Jankovic, Kerber ecc.). Mi piacerebbe invece vedere Camila contro tenniste non molto portate per la fase difensiva e più attaccanti (Ivanovic, Stosur, Cibulkova ecc.). Speriamo che Camila possa tornare presto in campo, in fondo la classifica è migliorata, alla fine degli AO dovrebbe attestarsi circa intorno al numero 84 del mondo, il che le consentirebbe di giocare diversi tornei senza passare dalle qualificazioni.

    • zio gio by zio gio

      Ancora questi discorsi? Pallettara,regolarista,difensivista
      basta.. Il problema é che Camila l’ha combinata grossa. Quando arriverà il salto di qualità? Nei tornei inferiori esce al primo turno,negli slam va in vantaggio e riesce a farsi recuperare in situazioni ormai chiuse( vedi oggi,vedi us open vs Vinci). Poi esce fuori che è infortunata ad una spalla e allora causa di giustificazione del rendimento al servizio. Ma ragazzi altro che infortunio? Se come oggi,tenta di tirare seconde di servizio a 165km/h (conto una che difficilmente ti fa vincente) è normale che ci siano 13 df a match. Servirebbero davvero sgridate serie che,difficilmente,un personaggio sinistro come il padre,le farà.

  95. palmiro by palmiro

    …la Cornet è una “pallettara”…
    …in futuro Camila la batterà sempre…
    …deve solo fare serie riflessioni sui doppi falli e sugli errori gratuiti…
    …se , come è nel suo potenziale, migliora questi aspetti, salirà nelle prime 15…
    …e sono sicuro che ci riuscirà, forza Camila…

  96. by Nicola

    Che tristezza!
    Comunque non datele addosso che ha gia’ tanta tensione da se…
    Se poi la si carica ulteriormente non va bene!
    Imparera’ anche lei a gestirsi meglio.
    Tempo ne ha e noi anche!

  97. by Francesco

    Brava Camila, mi sento molto piú maceratese quando ti vedo, un abbraccio ed in bocca al lupo per i prossimi incontri, francesco crocetti pallotta.

  98. by massimiliano

    non ho mai giocato a tennis ma lo seguo da 16 anni camila trovi un allenatore

  99. by r.b.

    Io chiaramente sono triste per la sconfitta, però sono contento per due cose: primo, che non sono l’allenatore di Camila, perché se no davvero non saprei che pesci pigliare con sta ragazza…. (magari però un allenatore vero sì….)
    secondo perché se avesse vinto, ciò le avrebbe fatto solo del male, perché battere la n. 25 del mondo facendo 70 gratuiti avrebbe fatto credere a Camila di essere già arrivata… almeno qualcuno del suo staff adesso dovrà riflettere su quanto accaduto… la realtà nuda e cruda è che giocando così non si va da nessuna parte…
    La mia personale opinione è che Camila abbia delle gravi lacune tecniche (soprattutto nei colpi al volo) e qualche problema tattico, ma se la tecnica e i colpi fossero a posto avrebbe vinto 6-2 6-1 senza bisogno di tattica…..
    Capisco anche che un allenatore professionista costa molto, perciò penso che se ne dovrebbe occupare la Federazione Italiana Tennis.
    Camila è un grande patrimonio del tennis italiano, con una adeguata guida (che non vuol dire escludere Sergio Giorgi, ma magari affiancargli un allenatore di esperienza) potrebbe tranquillamente entrare nelle top 8 senza problemi. Spero che il Presidente Angelo Binaghi e lo staff di Camila trovino una soluzione. Magari ci stanno già lavorando ed è solo una questione di tempo…

    • by r.b.

      Mi correggo, gli errori gratuiti sono 73 in 29 games giocati sono una media di più di 2,5 errori non forzati a game. In ogni gioco è come se la Cornet partisse con un vantaggio tra il 30 e il 40 a zero….

      • by r.b.

        O se preferite la Cornet ha fatto 103 punti perciò più del 70% dei suoi punti sono arrivati dai 73 gratuiti di Camila (per la precisione il 70,87%)….
        Questo è regalare le partite, se vuole vincere l’avversaria deve farli lei i punti, non devono essere regalati così…

    • Giovaneale by Giovaneale

      Macché..mi sono rassegnato..non dormo!Tecnica e colpi..con quelli avrebbe vinto 6-2 6-1 ecco il nocciolo della questione,la chiave di volta,il bandolo della matassa!
      Camila non è ossessionata dalla tattica (al contrario di tante sue colleghe che non fanno altro che studiare i punti deboli delle avversarie per metterle in difficoltà) perché sa che con tecnica e colpi può fare benissimo il suo gioco (come dice sempre in effetti).Lei vuole fare il suo gioco e ammettiamo che se aggiustasse la mira delle sue bordate e lavorasse su alcune lacune tecniche il suo gioco sarebbe imbattibile.Lei si concentra esclusivamente su questo,ha la cultura del lavoro e del sacrificio e va avanti per la sua strada.Serena fa lo stesso ma a livello femminile solo lei perché è la più forte e sono le altre a studiarla e temerla,lei non ne ha bisogno..lavora sul suo gioco!C’è una differenza sostanziale però,Serena è una campionessa (inteso come una che ha vinto tutto quello che si poteva vincere) quindi se lo può permettere,Camila ancora no!
      Andrà avanti per la sua strada,c’è da scommetterci,sono sicuro che le dichiarazioni post partita saranno:”ero troppo nervosa,sbagliavo troppo,non riuscivo a fare il mio gioco”,sono pronto a scommetterci!
      Vedremo quando e se riuscirà a registrare il suo gioco (oggi stranamente sembrava che fosse la prima volta che provava ad andare a rete,errori imbarazzanti,la ricerca ossessivi di colpi a volo spettacolari quando non ce n’era bisogno con conseguenti errori) ma certamente qualora ci riuscisse diventerebbe come Serena perché i colpi,quando entrano,sono da numero 1!

      • by r.b.

        Sono completamente d’accordo con te, però quando si sbagliano smash, schiaffi al volo, volée in questo modo, vuol dire che ci sono degli aspetti tecnici da mettere a posto. Anche il famoso servizio è in qualche modo da aggiustare (non so come, ma ci sono i tecnici per questo).

  100. by Marcus

    mi dispiace ma a questo punto è necessario cambiare coach perchè non è ammissibile cercare il punto anche quando si è in difficoltà con la palla addosso o giocare a scendere quando si sta andando indietro, in quei casi si deve giocare in traiettoria anche per riprendere campo!! E questo è solo l’abc del tennis non ci vuole un genio… E poi scrivete che l’altra non ha fatto un vincente, ma perchè mai avrebbe dovuto tirarlo considerato che dall’altra parte tanto c’era chi non metteva mai una palla dentro le righe e sopra la rete?? Io sono per il gioco aggressivo ma quando si ha il gioco in mano e quando di hanno i piedi ben dentro il campo non da tre metri dietro la riga… soprattutto con il dritto oiu, basterebbe analizzare un po’ di statistiche degli unforced che su 73 almeno 50 sono arrivati di dritto… E poi vogliamo sistemare sto servizio o no…

  101. by SanTommaso

    Peccato, primo set regalato e quella palla del probabile 5-2… il tennis è così: pizzica la riga o la Cornet stecca e probabilmente Cami vince. Stiamo qua a parlare dei tanti errori ma col sorriso sulle labbra. Invece dalle labbra escono anche insulti e volgarità, tipo quelle di “zio gio” che nessuno, penso, ha costretto a star sveglio 3 ore per vedere la partita, o quelle di Carlo Bonacina che suggerisce a chi è disperato per questa sconfitta di farla finita con la vita. Mi dispiace leggere le parole di Madoka: non quelle che parlano di una partita persa in maniera oscena, ma quelle d’addio.

    La partita: sconfitta pazzesca, una che fa 5 vincenti in tutto il match dovrebbe a logica perdere 6-2, 6-2 e non vincere un match da 29 games. Camila l’ha buttata, semplicemente, l’ha buttata male. Ma io non butto lei, i colpi che dimostra di avere, sprazzi di talento, coraggio, carattere (di nuovo, all’inizio del secondo set come due giorni fa). Ha perso e doveva vincere, a volte vincerà partite che avrebbe dovuto perdere, forse, chissà. Io sto con Cami.

  102. gimusi by gimusi

    peccato…ma non bisogna abbattersi…la stagione è lunga…c’è tutto il tempo per far bene…l’importante è che i problemi alla spalla siano definitivamente superati e che riesca a giocare con continuità…forza Cami

  103. Madoka by Madoka

    Ragazzi, scrivo adesso così ci leviamo il dente : questo è il mio ultimo messaggio su questo blog. Purtroppo ho smesso di credere in Camila, la partita di questa sera mi ha aperto gli occhi, non si può rimanere passivi e ciechi, imbevuti di fanatismo tennistico di fronte questo scempio tennistico. 73 doppi falli : ha fatto vincere la Cornet con 5 vincenti.

    Ovviamente non salirò su nessun carro del vincitore in futuro.

    Auguro a Camila il meglio, perchè se lo merita e la tiferò per sempre, ma non più con la passione con cui lho fatto fino ad ora. quello che ho visto stanotte è troppo.

    Auguro il meglio anche a voi trombettieri, e suonate la vuvuzelas un po’ più forte quando Camila tornerà in campo, suonatela anche un po’ per me.

    🙂

    • Giovaneale by Giovaneale

      Le devi suonare anche tu con noi,che stai a dì????
      A caldo si fanno pensieri sbagliati,sei arrabbiato come tutti noi,vedere la Cornet in balia di Cami e poi uscirne vincitrice con 5 vincenti fa male ed arrabbiare!
      Dormici su e ripensaci!
      Dai che dobbiamo vederci tutti quanti a Roma agli internazionali e tu non puoi mancare!!!!
      Un abbraccio

    • Guido by Guido

      Caro Madoka io ho 53 anni e stanotte ho pianto dal nervoso, anch’io ho avuto pensieri tipo i tuoi ma non voglio mollare perche’ Camila ha davvero quel potenziale che tutti noi abbiamo intravvisto, stanoote ho sofferto davvero tanto vederle perdere questa partita che doveva vincere 61 61 senza nessun problema e’ stata davvero una via crucis, anch’io ho pensato di smettere di seguirla ma non credo sia la cosa giusta, credo che la cosa giusta sarebbe trovare qualcuno che sappia spiegare a Cami che le partite si vincono anche soffrendo anche tirando un pochino piu’ piano ma tenendo le palle un campo! Se stanotte lei avesse giocato come se fosse stato un allenamento solo a tenere palla in campo avrebbe vinto con una facilta’ imbarazzante e invece siamo qua a disperarci per una sconfitta che non sta ne’ in cielo ne’ in terra. Ti chiedo pero’ di non mollare e di continuare a seguire Camila e sono certo che arriveranno le soddisfazioni. Piuttosto farei una petizione tra tutti quelli che amano Camila perche’ si convinca il suo staff a prendere una persona molto pacata che sappia spiegare a Camila le poche cose che servono per farle capire come si vincono queste partite senza forzare e senza faticare piu’ di tanto! Ciao Madoka e a risentirci a presto non ci delludere anche tu-

  104. Pax by Pax

    Camila ha chiamato il trainer per un problema alla gamba nel cambio di campo quando era su 4/1, e da li’ non ha fatto piu’ un game. Spero non si tratti di niente di serio. Al di la’ di quello, partita assolutamente sciagurata/ridicola che ha meritato di perdere.

  105. Hector by Hector

    Che dire, grande tristezza. A volte le sconfitte insegnano piu’ delle vittorie. Vedremo se Camila ne trarra’ vantaggio in futuro.

    • by andrea

      Ragazzi ma che dite! Non imparera’ mai. Sono contento che e’fuori! Che vergogna!!!

      • Hector by Hector

        Ho scritto anch’io che non cambiera’ stile di gioco, ma mi riferisco ad una maturazione dal punto di vista emotivo.

      • palmiro by palmiro

        …mi auguro per te che sia la prima volta che vedi giocare a tennis, sii più modesto e prima di dare giudizi cerca di capirci un pò di più…

Leave a Reply