Camila a Cincinnati 2012

“Non potete immaginarvi quanto sia felice!!!! Finalmente tornerò a casa. Le cure alla spalla procedono bene, un abbraccio”
Camila

E’ la notizia che tutti i tifosi aspettavano: alla fine tra i Giorgi e la Federazione è stato trovato un accordo che permetterà a Camila, Sergio e tutta la famiglia di tornare in Italia, dove Cami stabilirà la propria base per allenarsi. E’ un euforico Sergio a comunicare la notizia: “Oggi abbiamo incontrato la Federazione a Montecatini grazie al Prof. Parra, al quale va il 100% del merito se la situazione si è sbloccata. Nel giro di un paio di mesi contiamo di rientrare. Camila è la più felice, lei ama l’Italia e il suo sogno era quello di ritrasferirsi… anche mia moglie, dal primo giorno, ha sempre sognato di tornare in Italia. Penso che questa situazione possa essere un ulteriore stimolo per Camila, a livello psicologico e di motivazione, vivere e allenarsi nel suo Paese”.

Per quanto riguarda il problema alla spalla, il Prof. Parra ha stimato in 3 settimane i tempi di recupero: “Saremo ancora qui a Montecatini un paio di giorni, poi andremo a Tirrenia e Vicenza per delle sedute di fisioterapia. Torneremo ancora dal Prof. e poi due giorni a Roma, prima di ripartire per Miami. Lì Camila dovrà svolgere degli esercizi di recupero e poi da fine luglio tornerà a giocare”.

Si parla quindi anche di un calendario, che potrebbe variare a seconda di come risponderà la spalla di Cami alle cure: “Per ora il programma prevede il 100k di Vancouver, poi le quali a Cincinnati, gli US Open e Quebec City. A quel punto dovremo vedere la classifica e si aprono due strade: la tourneé asiatica come l’anno scorso oppure Albuquerque (75k) e Las Vegas (50k)”.

About the author

Matteo Veronese

Matteo è di Milano, classe 1986, giornalista pubblicista. “Sportivoro”, segue professionalmente Camila dal 2011. Primo incontro dal vivo a Cuneo: sconfitta in 2 set dalla Lucic, non il migliore degli esordi per potersi considerare un portafortuna. Ha avuto modo di rifarsi col tempo… E-mail: matteo.veronese@camilagiorgi.it Twitter: @veronesem

  • Camila rientra in Italia: “Mi dispiace, ma tornerò più forte”
    Camila rientra in Italia: “Mi dispiace, ma tornerò più forte”
  • Indian Wells: Camila esce con Johanna Larsson al primo turno
    Indian Wells: Camila esce con Johanna Larsson al primo turno
  • Un messaggio da Cami e la programmazione fino a Wimbledon
    Un messaggio da Cami e la programmazione fino a Wimbledon
  • Camila tornerà in campo a Indian Wells e Miami
    Camila tornerà in campo a Indian Wells e Miami

189 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by antonio quarta

    La TV Argentina ha prospettato un ristrasferimento ed un cambio di nazionalità della Giorgi per farla giocare con loro in Fed Cup….ma davvero l’appartenenza a un Paese si vende come le patate al mercato? A me faceva cagare l’idea di vedere Camoranesi in azzurro, lui che aveva sempre dichiarato di fottersene dell’essere italiano, ma lui almeno era nato e cresciuto in Argentina. Camila invece è nata e cresciuta in Italia..spero veramente che sia una balla colossale se no sarei costretto a tifare contro quelle che secondo me è la migliore tennista ITALIANA in circolazione

  2. by gelsomino azzurro

    Grazie fammi sapere al più presto

  3. by cristian

    Burnett b. Zaniewska 6-0 7-5! secondo turno contro dominguez lino! Vamos Nasty.

  4. by cristian

    non mediocre però la Burnett, tira vincenti in ogni parte del campo, forza Nasty!

  5. TEUS by TEUS

    Tante italiane a Palermo ma poco tennis. Livello tristemente mediocre.

  6. by t.o.

    @Ghaal Noi siamo Seri ma non Seriosi

  7. Ghaal by Ghaal

    @t.o.
    Grazie ci voleva!
    Da un po’ di tempo mi pare che ci si prenda troppo sul serio…
    🙂

  8. by t.o.

    Noi siamo un blog molto sportivo. Ospitiamo per qualche settimana le tenniste che riescono a battere Camila. Come potrete notare non abbiamo speso una riga per la Cirstea. Eppure era la 23°….mica “pizzi e fichi”…. Ma con quella ci abbiamo vinto…guardiamo avanti….Anche con Marion ci avevamo vinto…l’ultima però……..non ci è andata molto giù.
    Ma cosa fa un serio suonatore di trombette? Quando Camila perde…si mette a fare il tifo per quella che l’ha battuta. Noi non siamo così meschini e vendicativi……”Visto che ha battuto me spero perda 6-0 6-0”. Noi non siamo così. Perchè siamo sportivi? NO. Solo perchè sarebbe ben difficile giustificare una sconfitta con una che il giorno dopo prende 6-0 6-0 magari dalla WC di turno…….Siamo Trombettieri….mica siamo scemi……..Dire che hai perso (bene) contro una Vekic che ha fatto finale è già una bella scusa ma dire che hai perso (dopo averla appena battuta) con quella che 7 giorni dopo ha vinto Wimbledon come Mastercard….non ha prezzo……

  9. Hector by Hector

    Finalmente la Dentoni azzanna un’avversaria….

  10. Hector by Hector

    Effemme:
    andrebbe giudicata sul campo! Per ora giudizio sospeso….

  11. by cristian

    e brava Corinna che batte la Garcia !! non credevo che la Dentoni servisse cosi bene!! peccato per la sua leggerezza , con una palla più pesante può fare bene. Intanto 30 punti li mette in cascina! spero con tutto il cuore che un giorno possa entrare nelle 100, se lo merita per tutta la volontà che ci sta mettendo !!

    e brava anche Sara! ma era scontato .. 😉

  12. by gelsomino azzurro

    Filippo non si potranno più vedere i video wimbledon?

  13. Lino by Lino

    Oggi intanto, c’è stata una bella vittoria al primo turno degli internazionali di Palermo della Dentoni sulla 85 del ranking! Brava e bella 😉

  14. by Andrea

    Manca la C.
    Hehehe!!!!

  15. by effeemme

    Hector:
    a me non piace neanche con la carrozzeria tirata a lucido!!

  16. by gelsomino azzurro

    Scusate ma i video delle partite di camila in questi giorni perché non stanno su youtube?

  17. Hector by Hector

    Visto che la Bartoli ha vinto con merito, in un rigurgito di sportivita’ direi che possiamo rivalutarla….

    http://www.corriere.it/sport/foto/07-2013/bartoli/tennis/tennis-svolta-sexy-bartoli_795a99c6-e7a5-11e2-898b-b371f26b330f.shtml#1

  18. by t.o.

    Non vorrei essere frainteso….Marion è tutta sopra le righe…..e sta antipatica anche a me. Del resto mi stà antipatico pure Balotelli….anche lui è sempre in “overdose” nervosa. Se Marion giocasse al calcio sarebbe Gattuso. Ma così come non diciamo che Gattuso è un Antisportivo, cerchiamo di essere più indulgenti anche con i tennisti “un po troppo carichi”…….

  19. by Morotep

    Entropia: in linea di massima concordo con la tua analisi (anche se qualche atteggiamento un po’ troppo sopra le righe ogni tanto le scappa).

  20. Entropia by Entropia

    Ciao a tutti,
    ho letto qua e là un po’ di commenti e mi sorge spontanea una domanda: ma di cosa stiamo parlando?
    Marion Bartoli (che io stesso non + di un mese fa davo per morta e sepolta sportivamente parlando) ha sbaragliato Wimbledon prendendo a pallate tutte le avversarie che hanno cercato di interrompere la sua marcia trionfale (tranne, non perché lo dica un tifoso ma in quanto è stato un dato di fatto, Camila e questo fa davvero ben sperare viste anche tutte le condizioni al contorno che hanno caratterizzato gli ultimi mesi della Giorgi e che ora è inutile rielencare). Vorrei anche sottolineare che nella maggior parte dei casi Marion (che a me non sta antipatica) fa i pugnetti a se stessa e non contro l’avversaria ossia: se fa un gran punto è vero che sfida la dirimpettaia (e che male c’è!? Questo fa parte della sana cattiveria agonistica, uno non scende in campo per chiedere scusa all’avversario se fa punto ma anzi per fargli vedere cosa sa fare) mentre (sempre dal mio punto di vista chiaramente) sui gratuiti i pugnetti se li fa a se stessa come per dirsi “forza! Un punto in meno all’obbiettivo”.

  21. Lino by Lino

    @ effemme
    concordo pienamente con te!
    L’aspetto fisico qui non centra niente , CENTRA IINVECE LA SUA ANTISPORTIVITA’ IN CAMPO a renderla odiosa, antipatica!
    @ t.o.
    vai a vedere i finali di partita in cui marion ha perso, è tutto fuochè cordiale con l’avversaria, vedere ad es. la foto dopo la stesa presa da Càmila! Anche quando gioca ha sempre la faccia truce, sembra voglia uccidere l’avversaria…

  22. by effeemme

    che Baroli abbia meritato la vittoria finale, l’ ho gia’ scritto, perchè è quella che ha saputo mantenere maggiore lucidita’, mentre l’ altra gia’ piangeva ancor prima di essere stata battuta…
    che vi sia arrivata in finale in modo meno decoroso rispetto a Sabine, anche questo l’ho detto e lo confermo….
    che valga la posizione attuale in classifica… non ho mai affermato il contrario!
    anzi, trovo giusto che sia quella, se non anche un gradino piu’ sopra, visto che piu’ su ci sta Sara,
    una che fin’ ora non ha vinto praticamente nulla se non qualche international…
    quindi bigle, con tutto il rispetto della tua preparazione in materia, di cosa vogliamo parlare???
    gli atteggiamenti in campo???
    certo, ti confermo e lo confermo ad altri che, Marion dal MIO punto di vista è e restera’ sempre quella piu’ detestata di tutto il circuito!
    i suoi atteggiamenti sono totalmente ANTISPORTIVI.
    puoi tu e qualcun altro pensarla diversamente… ci mancherebbe. non discuto.
    ma trovare scusanti adesso sul suo modo di stare in campo, mi pare davvero un po’ esagerato e fuori luogo!
    è accaduto anche su Livetennis che ci sia stata questa discussione…
    che tra l’ altro ha coinvolto anche la redazione stessa, con un titolo assolutamente di parte.
    titolo che a livello sportivo, non ho avuto problemi nel contestare.
    ma il dato di fondo, quello che non si comporta come dovrebbe in campo…
    quello resta sempre e comunque.
    che poi lo faccia apposta o meno, questa è un’ altra storia!!!
    buon torneo di Palermo a tutti!!

  23. biglebowski by biglebowski

    qualche mese fa si accese una delle tante discussioni su marion bartoli.
    mi pare che a sostenere la teoria dell’antipatia e dell’anti sportività della francese fossero ai tempi effeemme e tafanus, io ero dall’altra parte: a dire il vero si dibatteva anche il fatto che la bartoli usurpasse il ranking che aveva e inutilmente cercavo di spiegare che una finale a wimbledon, un quarto e due ottavi negli altri slam e sette ( ora sono 10) milioni di dollari in carriera oltre a 5 premier vinti e qualche scalpo interessante (serena, henin, kvitova, azarenka per restare sull’erba), dimostrassero inequivocabilmente il valore della ragazza.

    l’altra questione è chiaramente soggettiva: però vorrei postare un sunto di un bell’articolo apparo su tuttosport a firma di piero valerio:

    Dunque sarebbe una bellissima storia se la Bartoli vincesse Wimbledon. Il torneo più importante del mondo vinto dalla tennista meno glamour del mondo: magnifico.
    Come si fa a non tifare per Marion? O almeno a provare nei suoi confronti un moto di simpatia, di tenerezza, perfino di affetto? Nel circuito non ce n’è un’altra come Marion. Lei è in controtendenza rispetto ai tempi in cui vive. Nulla di lei è glamour si può anche sostenere la tesi che sia l’antitesi vivente della Sharapova. Laddove Maria è leggiadra, lei è normale. Se i capelli della russa non sembrano intridersi di sudore durante la fatica del match quelli di Marion sembrano sudati già prima di scendere in campo. Tutto in Maria è lineare, programmato, studiato. Tutto in Marion si presenta come una sofferenza, una fatica, una lotta contro un vento contrario. Entrambe sono quadrumani ma la palla che esce dalla racchetta di Maria pare il prolungamento della sua silhouette; quella che esce dall’ovale di Marion sembra avere le fattezze di una sintesi sferica di tutte le fatiche che la francese ha dovuto accollarsi per arrivare dov’è. Dunque sarebbe una bellissima storia se la Bartoli vincesse Wimbledon.

    e anche la risposta elegante data ad un giornalista della bbc peraltro sospeso dall’emittente che si è scusata con la giocatrice:
    ‘Tu non sarai mai questa bellezza (you’re not a looker), perciò devi essere tosta e lottare’?”
    Walter Bartoli, il papà di Marion, interpellato sull’argomento ha spento le polemiche: “Non sono arrabbiato. E’ la mia bella figlia. Il nostro rapporto è sempre stato straordinario, non so di cosa stesse parlando questo giornalista. Quando aveva cinque anni, lei si divertiva sul campo da tennis come ogni altra bambina”.
    Anche la stessa Marion, con l’intelligenza che mostra sempre e che non si riduce all’elevatissimo QI, ha risposto senza alimentare la controversia: “Francamente, non mi interessa. E’ vero, non sono bionda. Ho mai sognato di avere un contratto come top-model? No, mi spiace. Ma ho sognato di vincere un giorno Wimbledon? Questo sì”.

  24. by Tommaso

    Concordo, t.o., visto che l’argomento è stato così ben approfondito. La Bartoli non schernisce l’avversaria, ma si chiude in un mondo tutto suo dove per lo più cerca concentrazione. In qualche occasione il pugnetto è rivolto all’altro lato della rete ma la maggior parte sono rivolti a se stessa, per caricarsi. Basta notare la miriade di “allez” che sussurra mentre è girata verso i teloni. Ciò non toglie che il comportamento sia irritante (come la sequenza mutanda-naso-orecchio-orecchio-spalla-pallina di Nadal: non sfotte nessuno, ma è irritante) e io – come altri – possiamo trovarla sgradevole. Se poi fuori dal campo è un’ottima persona buon per lei, ma per quello che vediamo noi e che ci deve bastare, quello che fa in campo la rende una delle giocatrici più antipatiche. Federer è un esempio di sportività in campo, magari al ristorante non lascia le mance o ruba le caramelle al supermercato, ma quello che tutti conosciamo – e giudichiamo – è il Federer che scende in campo (nel bene). Allo stesso modo (nel male) giudichiamo la Bartoli antisportiva e antipatica. Sugli epiteti di vario genere invece sorvolo perché non mi permetto di assegnarne in ambiti ben più importanti della mia vita, figurati a una persona che non conosco…

  25. by Andrea

    Io invece ci vedo proprio Ivan!!
    Effemme sei fenomenale!!!

  26. by effeemme

    io invece nella foto di Tommaso ci vedo la “sorella” di Ivan Drago che dice alla bimba (Stallone):
    la prossima volta “ti spiezzo in due”!!! 😆

  27. TEUS by TEUS

    Sì, t.o. Però se corri verso la tua sedia, non appena senti una goccia di pioggia (match a Wimbledon con Camila), consapevole che un’interruzione su palla break a tuo favore ti semplificherà la vita, non brilli di certo per sportività. Anche perché c’è un arbitro che non è lì solo per fare il contabile ma anche per decidere se è il caso oppure no di interrompere il gioco. E infatti quel game poteva e andava concluso o interrotto sulla parità.

  28. by t.o.

    @Tommaso Noterai anche tu che seppure con uno sguardo non certo benevolo la stretta di mano è una “cosa seria”. Che poi voglia dire “alla prossima ti farò vedere” (sbaglio o è la foto di Strasburgo?) non significa che non c’è rispetto per l’avversario.
    Vedi Tommaso, io non ho mai detto di essere un grande esperto di tennis, e tantomeno di tennis femminile.
    Camila mi ha riavvicinato ad un mondo che non frequentavo da oltre 20 anni.
    Oggi si può dire che la mia analisi è “Camilocentrica”. Tutte le tenniste che entrano in contatto con lei diventano oggetto della mia analisi di approfondimento. Non conoscevo molto bene Marion. Nelle ultime tre settimane (per evidenti motivi) mi sono molto interessato a lei.
    Non troverai mai scritto nei miei post una sola parola di scherno nei suoi confronti (Frigorifero ambulante, Tricheco…ecc. ecc.). Il suo atteggiamento non è tra i più “inglesi”…..del resto è francese e di origini italiane…e non mi è molto simpatica. Però devo dirti che dopo attenta analisi tutti i suoi comportamenti (esclusivamente in campo) sono riconducibili più ad una esagerata gestione del “Training autogeno” che ad una “antisportività” volta a far perdere la concentrazione all’avversario. In quello erano maestri Connors e Mcenroe. Finita la partita esce dalla Trance è torna una ragazza tranquillissima, colta, e piena di autoironia (ascoltare un po di sue interviste per verificare).

  29. by Boy

    felicissimo per Quinzi…speriamo solo che ora che arriva la notorietà e i titoli della stampa, non si perda!

    Alcune frasi della bartoli:

    “Fin da bambina il mio sogno era vincere Wimbledon, non certo diventare una top model”.

    “Non sono una modella. Non sono bionda. E questi sono dati di fatto. Sono sicura che rivedrò tante volte il filmato della finale di ieri: questo è quello che conta. Non mi interessa e non conta quello che viene detto e fatto fuori dal campo”

  30. TEUS by TEUS

    Murray batte Djokovic in tre set e, dopo settantasette anni, riporta il trofeo di Wimbledon in patria.
    Comunque io non vedo tutta questa somiglianza nel gioco dei due perché lo scozzese si adatta molto meglio ai campi in erba disponendo di maggiore tocco e di maggiori variazioni. Il serbo ha migliori doti fisiche naturali e più potenza ma sul verde, nonostante la vittoria del 2011, sembra a volte un pesce fuor d’acqua (troppe palle corte -colpo non tipicamente da erba- e passi troppo lunghi negli spostamenti).
    Quindi, nonostante fosse dato sfavorito, non considero la vittoria di Murray una sorpresa.

  31. by Tommaso

    Sulla question “abbracci Brtoli”, non voglio entrare nel merito ma questa foto mi strappa sempre un sorriso: https://fbcdn-sphotos-d-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/481433_10151634063142505_843493951_n.jpg

  32. by Stefano

    Certo che Murray e Djoko stanno giocando proprio a specchio …
    Per ora è in vantaggio di un set lo scozzese, ma tutto può ancora accadere …

  33. by t.o.

    @Teus . Forse non le abbraccia tutte (non tutte vogliono farsi abbracciare). Ma quando va a stringere la mano lo fa in modo “chiaro, intenso, e guardando negli occhi”. Vedi con Carolina a Doha….

  34. by effeemme

    felicissimo!
    futuro nr. 1 d’ Italia!

  35. by cristian

    Speriamo sia un classico del futuro!! mi è piaciuto parecchio il coreano, timing eccezionale, rapidità,rovescio incrociato una meraviglia

    Quinzi che dire, servizio migliorato, tanti aces, bel rovescio piatto mascherato bene, dritto che fa male parecchio….

    Wimbledon junior è nostro!! : D

  36. by Stefano

    Quinzi vince Wimbledon juniores: finalmente una buona notizia!!!!

  37. TEUS by TEUS

    t.o., sei così sicuro che Bartoli abbracci sempre le sue avversarie anche quando perde? Magari ricordo male ma a me non pare proprio.

  38. by t.o.

    Solo per la cronaca…anche il nostro Quinzi esulta sulla risposta sbagliata dell’avversario…..si vede che considera quella risposta sbagliata frutto del suo colpo d’attacco….come un servizio vincente con risposta in rete perchè l’avversario è arrivato in ritardo…….Ora la Bartoli se ne passa un po’, ma “l’abbraccio” sincero e ricambiato con le sue avversarie a fine match (sia che perda sia che vinca) al posto della “strettina di manina” moscia moscia che fanno tante altre signore del tennis denota che: le sue avversarie la conoscono e non si arrabbiano (altrimenti non la abbraccerebbero alla fine), secondo lo fa “all’interno di quel discorso con se stessa” che fa durante tutto il match.
    Perciò…..a me non piace…ma non ne faccio un dramma.

  39. by Tommaso

    Chiedo venia, nella fretta ho scritto che la Bencic ha vinto il primo Slam. Correggo: il primo Wimbledon, avendo vinto in stagione, oltre il Bonfiglio, anche il RG junior…

  40. Lino by Lino

    @ tommaso
    condivido il tuo pensiero su bartoli e a proposito di wimbledon junior vi ricordo che domani pomeriggio il nostro G. Quinzi si gioca la finale slam contro un giovane coreano. Un grande in bocca al lupo per Quinzi!

  41. by Tommaso

    Non è questione di retorica: per me la Bartoli va contro tutti i valori del tennis (correttezza, educazione, rispetto), che considero ancora una sport Nobile. Quindi oggi, per me, la Bartoli rappresentava “il male”, per di più a Wimbledon che è una specie di Tempio di tutti quei valori presenti nel tennis.

    Detto ciò, nota di merito per chi gli Slam junior li vince, e nonsi ferma agli ottavi facendo gridare al miracolo! Belinda Bencic vince il primo Slam junior dopo aver vinto anche il Bonfiglio. L’ho vista dal vivo una volta, si muove con famiglia e numeroso staff, si comporta già da “pro” pur restando molto disponibile con chi vuole approcciarsi a lei per un saluto, un complimento, una foto, due parole. Occhio, in futuro potremmo sentirne parlare, e bene, e molto spesso…

  42. TEUS by TEUS

    Eulondon, Camila a me ha dato solo l’impressione di poter portare il match al terzo quando conduceva 4-2 nel secondo. L’interruzione l’ha senz’altro danneggiata ma si trovava comunque 4-3 30-40 quando ha cominciato a piovere. Lo stesso discorso vale più o meno per Stephens come già detto. Certo, rimangono solo ed esclusivamente sensazioni personali.
    Un fatto invece ritengo estremamente positivo: Giorgi ha dato il massimo che in questo momento (più per inesperienza che per la spalla) poteva dare proprio nel match più importante che ha affrontato, per ora, nel 2013 (ho rivisto varie volte sia quello con Cirstea che quello con Bartoli e continuo a pensare che Camila abbia giocato meglio con la seconda -meglio nel complesso, perché più continua, anche rispetto a Charleston con Williams-).
    Con qualche lungolinea in più forse avrebbe potuto cambiare la storia del suo torneo e della sua giovane carriera. Ma c’è ancora tanto tempo… Personalmente attendevo questo Wimbledon soprattutto per cominciare a darmi le prime risposte riguardo alla stoffa (una parola che dà l’idea) della “bimba” e sono state tutte positive. Bene! Avanti così… Sempre con coraggio! Non fallirà.

  43. Eulondon by Eulondon

    @ teus: stephens simile match solo per punteggio e interruzione. Sloane non ha mai dato l’ impressione di potercela fare. Camila si. Almeno secondo me

  44. by Morotep

    E’ troppo chiedere di non introdurre anche qui retoriche tipiche di tennisforum?
    La morte del tennis, il bene contro il male… e’ del tutto legittimo che Marion Bartoli possa non piacere, questo vale per tutto e tutti. Pero’, di fronte a una vittoria (che, almeno nel tennis, per cio’ che mi riguarda e’ sempre meritata) io penso ci voglia rispetto e riconoscimento nei confronti di chi l’ha raggiunta (e altrettanto rispetto per il perdente, ovviamente).
    Le iperboli da tennisforum, che possono anche far sorridere a volte, sono spesso di quanto piu’ antisportivo esista. La Bartoli potra’ anche fare i pugnetti e avere atteggiamenti strampalati, pero’ oggi quando e’ stata intervistata e’ stata molto carina e ha avuto un bell’atteggiamento nei confronti dell’avversaria.
    Onore alla Bartoli soprattutto tanto di cappello per una che e’ riuscita ad avere una eccellente carriera tennistica… dovremmo riconoscerglielo soprattutto noi che viviamo nella speranza che la nostra Camila possa fare almeno altrettanto.

  45. by effeemme

    t.o:
    se bastasse l’ esperienza per vincere le partite, a quest’ ora Flavia o Francesca sarebbero ancora fra le prime al mondo…
    purtroppo non è cosi’.
    come non è cosi’ matematico che se batti una Williams in un match che disputi in modo impeccabile, il giorno successivo farai altrettanto.
    forse queste cose contribuiscono a creare un pronostico,
    ma come sai io non amo fare pronostici. preferisco parlare di possibilita’.
    ho avuto modo anche grazie al mio infortunio, di seguire molti match di questo slam.
    cosa che probabilmente per i miei soliti impegni, magari non mi capitera’ mai piu’.
    non so bene per gli altri perchè Marion partisse favorita, ma forse posso immaginarlo.
    per me è stato semplicemente la sensazione positiva nei suoi riguardi, che è andata via via consolidandosi man mano che andava avanti nel torneo.
    su Sabine questa sensazione non l’ ho provata, nonostante le sue vittorie importanti che mi fanno ripetere all’ infinito che lei avrebbe meritato il trofeo piu’ della francese,
    ma ripeto, questo valeva fino a ieri…
    le sensazioni positive nei confronti di Marion, sono maturate vedendola giocare, in modo via via crescente, esattamente come le partite che ha disputato.
    lei è partita un po’ in sordina, vincendo i primi due match con una certa difficolta’.
    ma con lo scorrere delle partite il suo livello mentale è andato crescendo.
    questo, unito alla sua capacita’ di interpretare il gioco sull’ erba, fa chiudere il cerchio.
    ci sono aspetti del suo gioco, poco citati, come ad esempio la sua predisposizione a giocare spesso in top.
    un colpo in top, se attuato al momento opportuno, ti crea una risposta che se non diventa un vincente, puo’ indurre l’ avversaria almeno nell’ errore.
    ma non è tutto.
    la Bartoli ha mostrato una capacita’ di interpretazione e lettura delle tattiche dell’ avversaria di turno, davvero fuori dal normale.
    ti faccio un esempio concreto:
    prendiamo Camila e Sabine.
    entrambe hanno una battuta molto potente, in grado di mettere in difficolta’ l’ avversaria.
    ma Marion ha interpretato le rispettive battute delle ragazze, in modo del tutto differente.
    se ricordi, contro Camila, sulle prime palle stava con i piedi sulla riga o a volte un po’ dentro.
    sulle seconde di Camila invece, entrava un metro dentro il campo.
    oggi questo non è accaduto, nonostante la velocita’ di battuta di Camila sia simile a quella della Lisicki…
    perchè oggi Marion è rimasta fuori dal campo anche sulle seconde palle?
    la spiegazione è semplice:
    perchè Camila ha una battuta troppo prevedibile e una marpiona come la francese ha saputo interpretare alla perfezione questo aspetto.
    con Sabine invece, non ha potuto attuare questa tattica, ma ha ripiegato verso altre soluzioni,
    come appunto le risposte in top, che hanno spesso buttato la tedesca fuori dalla visione delle telecamere.
    la mia convinzione quindi è maturata nel vederla giocare.
    al contrario, ho guardato giocare Sabine contro la Rad e sinceramente pur vincendo non mi aveva molto convinto.
    poi il resto sono aspetti secondari che comunque fanno la differenza, quale l’ emotivita’ e la variazione del proprio gioco.
    caratteristica la prima legata a Sabine, la seconda alla Bartoli…
    comunque a favore della tedesca ho una convinzione tutta mia:
    lei ha capito deve è venuta a mancare e la prossima volta che si incontreranno non credo che racimolera’ soli 5 game… magari riuscira’ anche a vincere, perchè il potenziale per battere un’ ottima Bartoli ce l’ ha nelle braccia.
    deve solo trovare la giusta condizione mentale. cosa che non ha fatto oggi.

  46. TEUS by TEUS

    E se proprio si vuole cercare la buona sorte nella vittoria di Bartoli, non bisogna tanto soffermarsi sulla classifica delle avversarie battute, ma sul fatto che, sia in semifinale che in finale, ha trovato due giocatrici completamente scariche mentalmente.

  47. TEUS by TEUS

    La SNAI dava Lisicki a 1,40 e Bartoli a 2,65. Quota errata a mio avviso perché l’esperienza in certi incontri conta più di ogni altra cosa.

    t.o., avevi scommesso anche tu la pizza? Non ricordavo…

    Per la cronaca ricordo che Stephens ha fatto più o meno lo stesso match di Camila con Bartoli (interruzione maligna per pioggia inclusa).

  48. by t.o.

    @effeemme. Prendila come una sfida di “polemica”. Un esercizio di stile…….
    mi spieghi come si può giustificare questa frase?

    “è fin troppo evidente la questione che Marion partisse come favorita”.

    Perchè “è evidente”?
    Sabine ha appena battuto Serena (e una serena in forma). ha appena battuto Rad grande (e una Rad in forma).
    Marion ha faticato con la Giorgi…..cosa ti rende così evidente che Marion sia favorita?
    La tensione della finale? e perchè con Serena andava a prendersi un gelato?
    L’esperienza? e allora Francesca o Roberta dove sono?
    Dammi un solo perchè logico……..la tua sensazione? E’ un vaticinio o è supportata da “prove logiche”?
    Io ti ho scritto il perchè Sabine avrebbe preso una stesa. Non che avrebbe semplicemente perso o vinto. Che avrebbe preso una stesa….. Non mi sembra che sino a due ore fa questo fosse il “sentire comune” .
    Non sto cercando il premio “mago Otelma”. Me ne frego. Sto dicendo che il tipo di gioco di Marion (e Camila fa parte con tutti i suoi ” personalismi” a quel tipo di gioco) alza talmente tanto il ritmo e la pressione (fisica e psicologica) che può essere contrastato solo con tipi di gioco “potenti e completi”.
    E’ un tipo di gioco che “detta le regole”. (prova tu a giocare tutte le palle….tutte…non una ogni due… a 100mph)
    Poi vediamo chi regge. Questo è il gioco che può fare Camila. e lo può fare meglio di marion (ha più mobilità e più potenza). Camila lo ha dimostrato (proprio contro Marion) E Marion l’ha dimostrato al mondo. “Contro di me se non siete al 110% non solo vinco….ma vi faccio mettere a piangere….” Questo è quello che può fare Camila…..è la prova che io e Teus, quella pizza rischieremo persino di vincerla…………

  49. Eulondon by Eulondon

    Brava Marion!!!! In campo oggi si e e’ vista una giocatrice contro una ragazza sprovveduta! A parte un paio di game nel finale… Sempre in mega affanno e senza soluzioni!!! Troppo contento: Camila ee’ stata l’ unica a giocarsela alla pari, o quasi, con la vincitrice di Wimbledon, una vincitrice guerriera come poche. Stephens, Flipkens, Lisicki… Neanche l’ ombra di camila. La Knapp non la conto, perche’ miracolata abbastanza! Camila, sii fiera!!!!

  50. by t.o.

    oggi i servizi di marion hanno avuto una media/velocità di circa 99mph. Prime e seconde comprese. Sabine ha servito nel complesso a 3 / 4 mph di meno. Solo con Serena Sabine ha raggiunto le velocità medie di Marion oggi.
    Camila contro Marion ha servito ad una media complessiva di 102 mph. Tutte le palle 1° o 2° che fossero.
    Capite ora perchè Camila ha messo in difficoltà Marion mentre Sabine ha preso una “stesa”? Il grande servizio della Lisiki viaggia di media 10 chilometri ora più piano di quello di Camila. Poi sappiamo tutti che il gioco continua e valgono altre 2000 variabili. Ma chi basa il suo gioco su alcuni fondamentali piuttosto che su altri è bene che questi conti cominici a farli……Camila ha un servizio più veloce di quello di Sabine (e in un match dove ha fatto solo 2 DF….quando ne fa di più la media e di circa 2 o 3 Mph in più. La media……) Contro molte giocatrici questo può fare la differenza….su questo bisogna lavorare…….la risposta al servizio (fare i break sennò vincere i tuoi turni serve solo a non perdere) è tutto un’altro discorso…….

  51. by effeemme

    t.o:
    io non ti nego il credito, ma è fin troppo evidente la questione che Marion partisse come favorita.
    poi in riferimento al tuo appunto…
    bisogna distinguere le situazioni quando si parla di MERITI e ascrivere le parole anche nel contesto temporale in cui sono state dette.
    perchè le situazioni cambiano e quello che è giusto fino ad oggi, non è detto che lo sia anche domani.
    ma cio’ non cambia comunque il senso.
    diversamente risulterebbe un fin troppo semplice “te lo avevo detto”…
    ho parlato di meriti fino a ieri e se dovessi farlo di nuovo, non avrei alcun problema.
    Sabine ha meritato di piu’ la vittoria finale per quello che era il percorso che l’ ha portata fin li,
    rispetto alla francese.
    questo è stato scritto fino a ieri, non solo da me e questo resta giusto e sacrosanto.
    altra cosa è il merito da parte di Marion, di aver vinto una finale in modo fin troppo facile,
    contro una ragazza troppo emotiva e mai convinta dei propri mezzi per tutta la durata del match…
    sono due meriti distinti che trovano collocazione temporale ben diversa.
    per cui due meriti che non vanno in contrapposizione l’ uno con l’ altro.
    oggi infatti non ho criticato la vittoria di Marion.
    se lo avessi fatto, tu avresti avuto tutte le ragioni.
    anzi…
    ho persino contestato il titolo apparso su livetennis, secondo me troppo di parte…
    piu’ di cosi’!!

  52. by t.o.

    @effeemme e morotep. Se uno chiede un credito è legittimo che possa essere negato. Ci mancherebbe. Che poi io sia convinto di vantare quel credito è una cosa tutta da dimostrare. Mi conoscete abbastanza bene per sapere che non sto rivendicando una sorta di “jus primae noctis”, e neanche voglio dire “sono più bravo di voi a fare pronostici” (quello in caso lo registrerà la mia carta di credito quando faccio scommesse). Volevo solo dire che analizzando dei dati che sono evidenti a tutti si può ipotizzare l’esito e anche una previsione sullo svolgimento di un match.
    Dire chi vince o chi perde facendo testa o croce da il 50% di possibilità di indovinarci. Non è lo “sport” (previsioni testa/croce) che voglio praticare io.
    oggi mezz’ora prima del match scrivevo

    ” Sabine per mantenere i suoi servizi deve fare almeno un 130 tra Prime in e prime Win. 65% 65% o 60% 70%. con la seconda non farà più di 30/35% (al lordo dei DF) . Se sta sotto questi numeri prenderà una stesa……..queste sono le mie previsioni. le ho già spigate nei dettagli due giorni fa (appena saputo della vittoria di Sabine su Rad Grande)
    Godiamoci la partita…..a dopo……”

    In un post di ieri alle 9.50 scrivevo invece:

    (all’interno di una lunga riflessione)……….”……Secondo concetto. Non è la n°1 che nobilita Wimbledon, è Wimbledon che fa le N°1. Bartoli ha già battuto Serena a Wimbledon 6-3 7-6 negli 8vi 2011. Andatevi a riguardare la partita. Io credo che Bartoli batterà (e pure agevolmente) Sabine. Perchè sono così certo. Perchè Sabine ha si una prima anche di 124mph (media 106) ma ha una seconda 25mph più lenta (media 78mph). Su quelle seconde contro Bartoli rischia di fare massimo 25%
    Marion ha tra prime e seconde 4/7 mph di differenza (100/104 a 97/94) Con i servizi sopra le 90mph Sabine va in affanno (vedi contro Rad grande)…La Bartoli di oggi può metterla davvero “sotto”. E se Bartoli vincerà avrà vinto la migliore. Come sempre…..vince il migliore.”………

    Come vedi non ho solo detto chi avrebbe vinto, ma anche quale “sarebbe stata” ora posso dire “è stata” la chiave del match.

    Perchè insisto? perchè voglio affermare che so analizzare i match prima e meglio di voi?……no. Non mi interessa questa disputa…..

    Mi interessa rimarcare alcuni concetti che sono “radicati” talmente tanto nei “cervelli” da diventare “preconcetti”
    1° esempio: “….la prima palla della Lisiki…” Ma di che stiamo parlando? con una prima a 114 di Fastest e una media di 103 su tutte le prime stiamo parlando di 40 prime palle che vanno indifferentemente da 114 a 92 mph.
    E’ già provato (riguarda i match che Sabine ha già giocato) che ad una certa velocità di palla (poi lo sappiamo tutti che ogni palla è diversa dall’altra ma nella media queste cose si equilibrano) Sabine chiude i punti e a velocità minori no. Se io dicessi che marion ha un servizio molto più potente di Sabine mi prendereste per matto.
    Guarda le medie, dividile tra prima e seconda e poi ditemi chi delle due abbia il servizio più potente.
    “Il potente” della mia analisi voleva mettere in evidenza questo. E valutare questo in rapporto a Camila (che ha un servizio “complessivamente più potente di Marion). Per il resto non me ne faccio un cruccio……..
    Per Effeemme però un piccolo appunto. Sapendo dell’affetto che ho per te (e dalla mia età alla tua affetto significa “stima e considerazione”) e della stima che tu hai ne miei confronti (di cui sono orgoglioso) ti prego di valutare con più prudenza quello che hai scritto ieri….

    “se Bartoli vincera’ il torneo non avra’ vinto la migliore, ma quella che avra’ ricevuto la GRAZIA migliore!!
    una che arriva in finale senza incontrare Serena, Sharapova e Azarenka, vincera’ pure il torneo ma non potra’ mai fregiarsi del titolo di MIGLIORE!!
    non dico che non sia legittima una sua vittoria finale…
    ma un conto è vincere battendo direttamente le migliori al mondo come ha fatto Sabine,
    un conto è vincere il trofeo per grazia ricevuta!! ”

    Marion ha battuto tutte quelle che le si sono palesate di fronte. Ha umiliato (fino a farla piangere) quella che ha battuto Serena e Rad grande. Perchè sarebbe stato più giusto il trofeo a Sabine? Per “grazia” preventiva acquisita?
    La regola transitiva nel tennis non vale per dare giudizi e per fare previsioni. Ma all’interno di un unico torneo, e all’interno di sole una o due settimane chi vince il torneo ha battuto tutte quelle che hanno giocato il torneo. Questo è un’assunto a cui non possiamo derogare. Serena se voleva giocare contro Marion poteva battere Sabine. Non lo ha fatto? Ci sarà un motivo. Se faccio mettere a piangere chi ha battuto Serena ho fatto mettere a piangere anche “un po’” Serena. Serena del resto è già stata mandata a casa da Marion nel 2011 (in due set). Perciò abituiamoci che anche Serena non può vincere a tavolino. Se vuole vincere…deve non perdere…..e Wimbledon è Wimbledon.
    E’ lui che crea i campioni. E chi vince Wimbledon è un campione.
    In quanto a Marion…..irritante ed odiosa quando gioca…….è l’unica che abbraccia le avversarie a fine partita. Le altre (Rad grande per prima) è già troppo se allunga la mano senza neanche guardarti negli occhi…..

  53. by Stefano

    Se guardiamo un attimo gli H2H tra le due finaliste, non si può non notare come l’unica vittoria (prima di oggi) della francese risalga ben al 2008, cioè quando Sabine aveva circa 18 anni.
    Da allora, la Lisicki ha sempre vinto in maniera abbastanza netta (a parte un set perso al tie-break).
    http://www.matchstat.com/Compare/-6037/-459/-7233
    Oggi è stata un’eccezione data dal fatto che era una finale, non è la regola …

  54. by antonelo

    un minuto di raccoglimento per la morte del tennis

  55. by Stefano

    Boy, ti posso assicurare che se Marion fosse magra come la Pironkova, per me la cosa non cambierebbe poi di molto …

  56. by Boy

    credo sia stata la finale più brutta della storia….degna conclusione per la vincitrice di quest’anno.
    Cmq leggevo in giro che la “perfettissima” forma fisica della francese è stata sempre qualcosa di studiato e voluto dal padre per tenere lontano “distrazioni amorose”….ma sarà mai possibile???

  57. by Stefano

    t.o., guarda che qui un po’ tutti avevano dato per favorita la francese.
    Nel mio pronostico avevo scritto che tenevo la Lisicki pur sapendo che aveva non più del 40-45% di probabilità di vittoria, che tradotto significa che l’altra era favorita.
    Comunque mi pare che Sabine abbia fatto 2 break in tutta la partita, non uno come hai scritto tu.
    Non sono d’accordo quando scrivi che contro Serena avrebbe vinto più facilmente che contro la Bartoli, perchè penso che se avesse incontrato la Williams in finale, la tensione le avrebbe riservato la stessa sorte.
    Oggi Sabine ha sbagliato l’impossibile, ma penso che quando incontrerà di nuovo la francese, molto probabilmente, vincerà (infatti mi pare che la tedesca negli H2H sia in vantaggio conto Marion).
    Oggi c’erano di fronte due giocatrici: una che in finale c’era già stata, e sapeva benissimo come gestire la cosa (ed anche l’anagrafe, in questo caso, aiuta), e l’altra che, molto più giovane, era alla prima volta.
    La partita Sabine l’ha persa un po’ perchè non è riuscita a servire bene (come contro l’americana), e un po’ perchè negli scambi ha pagato in solidità e concentrazione.
    Nel primo set, ad esempio, ha spinto quasi sempre più la tedesca di Marion, ma mentre la francese non sbagliava quasi mai, Sabine esagerava con i colpi e spesso ne perdeva la misura (a causa della tensione).
    Non penso che tutto si riduca ad un fatto di pura velocità media del servizio, anche se è evidente che oggi non ha servito bene se non in pochissimi games.
    Resta il fatto che gli errori della tedesca oggi erano veramente tanti …

  58. by effeemme

    concordo con Morotep:

    qui chi piu’ chi meno dicevamo tutti la stessa cosa, ossia che la Bartoli partiva favorita e cosi’ è stato.
    abbiamo tifato tutti credo per la tedesca, per una ragione squisitamente umana, legata agli atteggiamenti in campo spesso antisportivi da parte della francese e per una ragione squisitamente sportiva, legata al fatto che Sabine si era costruita una finale in modo assolutamente meritato, battendo tds 1 e 4.
    che poi Marion abbia dominato in finale, questa è assolutamente un’ altra storia e ci sta fargli i complimenti.
    ma sottolineo qua non dava nessuno (credo) Lisicki favorita….

  59. by Morotep

    t.o. credito non concesso… anch’io (e penso altri) ho scritto che la Bartoli era favorita e che la Lisicki era troppo poco consistente. Ed e’ andata esattamente cosi’.
    E, francamente, era anche abbastanza scontatella come previsione.

  60. by t.o.

    Chiedo un credito a tutti voi. Visto che sono l’unico che non solo ha azzeccato il pronostico, ma che lo ha anche descritto nel suo svolgimento. e lo ha scritto con 48 ore di anticipo, permettetemi (per una volta) un po di “saccenza”.
    Il fatto che Sabine abbia battuto Serena è assolutamente ininfluente. E’ più facile per Sabine battere una Serena (anche al top della forma) che battere una Bartoli (al top della forma).
    Marion l’ha stesa. L’ha fatta letteralmente “mettere a piangere” (5-1 al secondo).
    Lì la partita è finita. I successivi quattro game sono un’altra partita. Non è Sabine che si è ripresa…a Sabine sono saltati i nervi e sono saltati gli schemi. Il fatto che a schemi saltati abbia recuperato un break è assolutamente casuale. Ha servito 1° palle che passavano 2 metri sopra la rete. tirava sulle linee (sperando quasi che uscissero per terminare “L’Agonia”. ne ha beccate un paio e ha chiuso tre giochi….tutto lì). Quando è servito marion ha chiuso con un Game a Zero.
    O qualcuno pensa che la Lisiki se avesse giocato tutto il match come gli ultimi quattro giochi averebbe vinto? E come dire che se Camila giocasse come Sara…….Lisiki gli ultimi quattro giochi tirava le 1° a meno di 90mph. Vogliamo dire che se la Lisiki non è la Lisiki vince? La Lisiki ha perso per i numeri che ho pubblicato alla fine del 1° set. Che sono gli stessi che mi hanno fatto scrivere con una certa sicurezza “Lisiki prenderà una stesa”. Solo con una >130 tra 1° in e 1° win avrebbe potuto tenere i suoi servizi. Andare a fare break erano comunque altri problemi….Ha fatto 65% in con il 52% di win. Sulla seconda ha fatto 39% (alla crisi di pianto era a meno di 30%)….
    Ma quale è il vero problema? Di quali prime palle stiamo parlando?
    Una che ha palle da 115mph ma poi ha la media a 103mph significa che per ogni prima a 115mph ce n’è un’altra (sempre prima palla) a 91mph. Sabine serve 42 prime IN. su quelle 42 1° palle fa 22 punti (52%). Statisticamente potrei pensare che le 21 palle a 115mph hanno fatto tutte punto; le 21 palle a 91mph hanno fatto solo un punto. La media di velocità di queste 42 prime è proprio 103mph.
    La media di velocità delle Seconde palle di Marion è superiore alla metà delle 1° palle di Sabine.
    Se guardate anche solo graficamente le velocità di Marion trovate Fast 106 media 1° 101 media 2° 93
    nel primo set addirittura 105/100/96. Prime e seconde che ti arrivano tutte intorno ai 160 kmh (100mph)
    Una pressione pazzesca, non puoi mollare un attimo, non cè tregua, prime o seconde pari sono, sai che ogni palla avrà un’insidia. E sai che ogni palla sarà pesantissima sulla racchetta. Sabine in tutta la partita ha fatto un break. Rendiamocene conto. E’ inutile servire a 115 se poi la prossima prima sarà a 90. E’ una variazione che può fare Serena (e infatti lo fa…..servire forte costa fatica…) . Per farlo devi avere tutte le doti per dirigere il gioco anche fuori dell’ambito “servizio”. Sabine non ha perso perchè si è messa a piangere. Si è messa a piangere perchè si è accorta che il suo gioco più di tanto contro una Bartoli non può fare.
    Camila può essere una Bartoli (la sua partita lo ha dimostrato) ma può essere una bartoli molto più aggressiva (come gioco non come Show in campo) e molto più mobile. Prime e seconde tra 95 e 105mph, pressione costante e “la spada di damocle” che posso accelerare con un vincente quando voglio……Se alle altre riesce tutto possono anche vincere….ma basta che qualcosa non giri…e vanno sotto fino a “mettersi a piangere”……

  61. Lino by Lino

    eh già, nel tennis la testa conta moltissimo, e Sabine aveva già perso prima di cominciare, attanagliata dalla tensione, peccato perchè ha un bel tennis e poteva vincere con la bartoli. Che dire…. l’odiosissima Bartoli vince con pieno merito una delle edizioni più scadenti di wimbledon degli ultimi anni…

  62. by effeemme

    spiace vedere una Lisicki sudarsi la finale eliminando due top4 ed arrivarvi completamente scarica.
    perchè si puo’ benissimo dire che lo standard di Bartoli è stato quello degli ultimi match disputati.
    nulla di piu’.
    è mancata purtroppo la controparte…

    a questo punto, Mariolona si piazza stabilmente in 7ma posizione guadagnando 8 posti, che nella parte alta della classifica sono davvero un’ impresa…
    come d’ altra parte è un’ impresa vincere Wimbledon…
    complimenti a lei che vi è riuscita!

    diamo un’ occhiata ora a com’ è andata per le nostre migliori azzurre,
    che forse è cio’ che piu’ interessa noi, come bilancio complessivo dello slam…
    premetto:
    le posizioni fondamentali nella classifica sono: top2, top4, top8, top 16 e top 32.
    questi livelli permettono a chi li raggiunge dei benefici nei tornie piu’ importanti, che conosciamo benissimo…
    quindi è su questi traguardi che vanno fatte le giuste valutazioni…
    ad esempio, la topten per Roberta, ha un significato esclusivamente simbolico.

    Sara Errani partiva da uno svantaggio sulla top 4 di 1130 punti.
    lo svantaggio ora si riduce a 785 punti.
    ma perde un posto e quindi in questa rincorsa dovra’ fare i conti anche con Na Li.
    per contro era distante dalla top9 di 1770 punti e ora questa sicurezza si riduce di circa 1/3 a 1210.
    complessivamente, pur essendo uscita al primo turno, limita molto i danni, lasciando per strada una posizione.

    Roberta Vinci invece partiva da uno svantaggio sulla top8 di 1375 punti.
    lo svantaggio ora resta invariato.
    per contro era distante dalla top17 di 530 punti e ora questa sicurezza si riduce a 320.
    la posizione in classifica resta invariata, ma aumenta il pericolo di uscire dalla top 16.
    la top 10 diventa un po’ piu’ lontana…

    infine Francesca:
    la distanza dalla top32 era di soli 254 punti e ora si allarga a 594 punti, perdendo al tempo stesso ben 15 posti, attestandosi in 60ma posizione.
    purtroppo per lei il sorteggio non è stato certamente benevolo, avendo dovuto incontrare al primo turno la finalista dello slam…

  63. by Stefano

    Purtroppo, per usare la metafora di Tommaso, oggi ha vinto il male contro il bene.
    Bartoli … come da copione direi, quasi non ha sentito l’emozione (tranne quando è andata a servire per il match per la prima volta).
    Sabine, invece … che dire?
    Ha iniziato a piangere almeno 20-25 minuti prima che il match finisse, a situazione ormai già irrimediabilmente compromessa.
    Alla fine la differenza l’ha fatta tutta l’emozione e la tensione di una finale Slam.
    Se avesse giocato con la testa giusta, secondo me oggi Sabine se la giocava per lo meno al 50%, ma è entrata in campo davvero con la tensione a mille.
    Non sono d’accordo con l’analisi di t.o.: nel primo set ricordo di una statistica che diceva 36% di punti vinti da Sabine sulla sua PRIMA di servizio!!!!
    Addirittura meno della percentuale della seconda!
    Questo significa che non è stata la velocità del servizio la chiave del match, ma l’accuratezza con cui poi gestiva lo scambio (quasi sempre finiva o con un suo errore o con un vincente della francese, poche volte con un suo vincente, se escludiamo gli aces …).
    Sabine la partita l’ha persa ancora prima di entrare in campo.
    Se avesse giocato questa partita in uno qualsiasi degli altri turni, probabilmente l’avrebbe vinta, ma l’emozione e la tensione della finale l’hanno letteralmente distrutta.
    Spero per lei che metta insieme quanto di buono ha fatto in queste due settimane e che ci riprovi il prima possibile, perchè il tennis per vincere uno Slam ce l’ha: forse è l’unica delle tedesche che può vincerlo realmente, perchè tutte le altre (anche se forse la Petkovic di testa è un po’ più solida … forse), pagano un livello di gioco leggermente inferiore.
    L’unica che ha avuto alcune chances di fermare la “quadrumane” francese è stata la nostra Cami … ma forse ancora non era pronta per fare una cosa del genere.
    Ci vorrà del tempo, perchè se da un lato la Giorgi non è una che entra in campo con la paura di perdere che aveva oggi Sabine, dall’altro è pur sempre vero che la tensione (anche se ben nascosta da suo sguardo impassibile) potrebbe portarla a sbagliare l’impossibile (scusate il gioco di parole), come d’altronde ha già fatto diverse volte in altre occasioni (vedi match dell’anno scorso con la Radwanska).

    Certo è, che questa è stata una delle peggiori finali di Wimbledon che abbia mai visto, e ci è mancato un pelo che non finisse con un doppio 6-1 (e li hai voglia cosa avrebbero scritto i giornalisti).
    Domani, invece, sarà di scena la finale maschile che sulla carta dovrebbe regalare un confronto ben più equilibrato e di più alta qualità: ma a chi interessa veramente vedere quei due “pallettari” giocare quasi a specchio?

    Speriamo in tempi migliori …

  64. biglebowski by biglebowski

    bravo marion!
    tra l’altro ragazza splendida, non ho mai giudicato una persona dall’aspetto fisico e ne sono orgoglioso.

  65. by Morotep

    Come da pronostici.
    Alla fin fine mi fa piacere… sono quasi 10 anni che la Bartoli e’ stabile nella top-20, ha anche gia’ fatto una finale a Wimbledon… va bene cosi’ dai.
    Brava Bartoli.

  66. TEUS by TEUS

    E’ capitato quello che temevo: una Lisicki completamente attanagliata dalla tensione (ha provato a ribellarsi sul 1-5 del secondo set ma ormai il treno era passato) per essersi trovata in una situazione più grande di lei, lascia strada libera a Bartoli, che ringrazia e alza al cielo il trofeo di Wimbledon.

    Se mai dovessi vedere Camila in una situazione simile farsi immobilizzare dalla paura, darei immediatamente una regolata al mio ottimismo. Per ora però ho visto tanto, tanto coraggio in lei che fa solo ben sperare.

  67. by effeemme

    era troppo tardi!!!!

  68. by effeemme

    si sta svegliando…
    spero non sia troppo tardi!

  69. by Morotep

    Nel tennis la testa conta ALMENO al 50%… mi spiace per lei ma se non sa gestire l’emozione ha poche speranze.

  70. by Boy

    sabine la sta fregando l’emotività….si vede che addirittura più volte stava per piangere, speriamo bene.

  71. by t.o.

    Sabine Lisiki Fastest serve 114mph media 1° 104mph media 2° 81mph
    Marion Bartoli Fastest serve 105mph media 1° 100mph media 2° 96mph

    la differenza è tutta qui…………..

  72. by Morotep

    Per ora la Lisicki si becca un bel 6-1 (direi meritato).
    Vediamo se riesce a reagire ma, come dicevo, a mio avviso le manca completamente la consistenza… la Bartoli la vedo centratissima come non succedeva da tanto tempo.
    Vediamo.

  73. biglebowski by biglebowski

    solo per dire che giocano la finale due tenniste allenate dal padre NON maestro di tennis

  74. by t.o.

    Sabine per mantenere i suoi servizi deve fare almeno un 130 tra Prime in e prime Win. 65% 65% o 60% 70%. con la seconda non farà più di 30/35% (al lordo dei DF) . Se sta sotto questi numeri prenderà una stesa……..queste sono le mie previsioni. le ho già spigate nei dettagli due giorni fa (appena saputo della vittoria di Sabine su Rad Grande)
    Godiamoci la partita…..a dopo……

  75. by Andrea

    Qualcuno mi sa dire quali tornei giocano la prossima settimana Francesca e Flavia?

  76. by Boy

    abbiate fede….sabine in 2 set 🙂

  77. Nic by Nic

    Anche io penso che per come sta giocando la Bartoli è favorita. Ho notato inoltre mano a mano che scivolavano queste due settimane una determinazione ed una cattiveria sportiva (in lei mai viste prima) molto positive che al di là dei suoi atteggiamenti (fastidiosi) mostrano una voglia matta di VINCERE.
    Intanto notizie sulla riabilitazione di Cami ? …

  78. by Morotep

    Vedo favorita la Bartoli.
    La Lisicki mi sembra un po’ troppo inconsistente.

  79. by effeemme

    la sola idea che una come la Bartoli possa vincere il torneo di tennis piu’ bello in assoluto…
    mi fa venire l’ orticaria!!
    anche se partira’ sfavorita, per me 100% Sabine!!!

  80. by Tommaso

    Vedo favorita, ahimé, la Bartoli, per come sta giocando. Tiferò comunque Sabine, perché rappresenta le forze del bene. Segnalo interessantissimo post del nostro che per esaltare gli ottavi di finale del torneo juniores di Wimbledon raggiunti da Alice Matteucci, elenca finalisti e vincitori degli Slam junior che poi sono “diventati qualcuno”. Gli sfugge la differenza tra chi arriva in finale/vince e chi invece si ferma agli ottavi, però il post è scritto bene…

  81. Lino by Lino

    Vedo leggermente favorita la Bartoli, ma di pochissimo, comunque tiferò sicuramente Sabine, oltre che la Bartoli è odiosa la Lisicki mi è sempre piaciuta!

  82. by Boy

    favoritissima Sabine e tiferò per lei. Secondo me vince in 2 set

  83. by Andrea

    Favorita Bartoli ma tifero’ Lisicki….

  84. Madoka by Madoka

    Chi vedete favorita oggi ? Lisicki o Bartoli ? 😀 Io farò il tifo per la tedesca 😀

  85. by Eugenio

    @Gio75
    Il ranking protetto lo puoi usare solo se stai fermo per più di 6 mesi o qualcosa del genere…

  86. by gio75

    ma la giorgi nei prossimi tonei oppure us open puo utilizzare il ranking protetto da top 100 che aveva?? grazie..

  87. TEUS by TEUS

    Davvero gran match tra Del Potro e Djokovic (alla faccia di tutti quelli che vorrebbero far giocare gli slam due su tre perché il Vero tennis al maschile è e resterà per sempre quello tre su cinque).
    La prossima settimana a Palermo avremo la possibilità di seguire tante tenniste italiane (alcune delle quali giovanissime). Vediamo se sarà già possibile individuare la futura compagna di Camila in fed cup tra quattro o cinque anni.

  88. by Stefano

    Intanto la finale maschile sarà quella che tanto piace ai giornalisti specializzati, cioè quella del computer, tra il n°1 ed il n°2 del mondo.
    Nessuna sorpresa: un ottimo Del Potro non riesce a fare il miracolo, ed al nuovo talento (?) polacco Murray concede soltanto il primo set.
    Comunque, a chi trova vagamente antipatica o antisportivo il comportamento in campo della Bartoli, faccio notare come la madre dello scozzese, in certe inquadrature, sembri persino peggio.
    Speriamo che domani Sabine porti almeno una ventata di “aria fresca” a questo torneo, sperando che il prossimo anno tocchi alla nostra “bimba” fare la finale …

  89. TEUS by TEUS

    Buon segno leggere “vecchie” conoscenze. Si vede che, dopo il match con Bartoli, proprio tutti hanno capito che il tempo stringe. Lasciamogli pur sparare le sue ultime cartucce… a salve.

  90. nic by nic

    ladies and gentelmen il vero, unico e inimitabile camaleonte (ex insetto) malefico!!!!

  91. by cristian

    Filippo, parlaci del contratto tra FIT e Burnett, non lo conosco, vorrei venirne a conoscenza.

  92. by cristian

    Non capisco questa storia del contratto tra FIT e Giorgi, di voler sapere ad ogni costo, ma del contratto tra FIT e Burnett sai qualcosa ?? perché non ti informi ?? del contratto tra Bolelli e FIT ? di Seppi, Schiavone ecc ?? solamente quello con la Giorgi si deve divulgare ??
    Ormai ci si attacca tutto, nel bene o nel male purché se ne parli, la povera Nasty non se la fila nessuno, FORZA CAMI ! lascia perdere chi ti deve dare addosso sempre e comunque, di gente che ti ammira ne hai tanta, destinata ad aumentare ancor di più !!
    in bocca al lupo per tutto ;))

  93. by Nicola

    a livello psicologico, quando ad una persona viene fatto notare un rapporto diretto con altro interessato, colui sara’ portato a fingere di non aver letto, se trattasi di altra persona.
    questo agire funge da diversivo per eludere il punto cui è accusato.
    di norma si insiste nell’ argomentazione primaria che lo fa essere in contrapposizione con la restante parte del gruppo, sperando che l’ accusa di plagio cada in secondo piano.
    confermo che l’ utente Filippo altro non è che il Tafanus in persona.
    gradirei l’ allontanamento di questo provocatore, nelle discussioni pacate di questo blog., da parte dei gestori.
    grazie.

  94. by Andrea

    @filippo
    E’ ora che la smetti con questa sceneggiata!
    L’ ho fatto presente che sei tafanus e lo hanno capito tutti.
    Il fatto che fingi di non capire che sappiamo chi sei,
    Conferma ancor di piu’ questa cosa….
    Dunque piantala di fare il bambino e torna a casa….

    CAMILA FOREVER!!!!!!!

  95. TEUS by TEUS

    Intanto, uno straordinario Del Potro, porta Djokovic al quinto. Davvero impressionante il modo in cui dal 4-6 del tie break sia riusicto a far girare il quarto set.

  96. Lino by Lino

    Semifinale straodinaria a wimbledon, un superlativo Del Potro porta al 5° set un pure ottimo Djokovic.
    Tutti e due meritano di andare in finale ma Del Potro è veramente un mito!

  97. by Stefano

    Su Murray … io trovo che, dopo l’arrivo di Lendl, Andy sia diventato un po’ più solido (mentalmente), ma tecnicamente mi sembra addirittura regredito.
    3-4 anni fa ancora mi piaceva guardarlo (anche se spesso perdeva dai più forti), ma quello degli ultimi due anni è veramente noioso da guardare … monotono e noioso.
    Peccato, perchè prima invece preferivo lui a Nole, mentre ora, sinceramente, non so più chi seguire nel circuito maschile …

  98. by Stefano

    @ il_pignolo
    Esattamente, anche a me fa un po’ strano che certi giornalisti super blasonati che seguono il tennis da una vita si ostinino ancora a non vedere questa cosa.
    Ma forse lo fanno perchè non sanno cosa scrivere, e montare polemiche sminuendo il valore del tennis femminile attuale è la cosa più semplice (e lo è ancor più quando si tratta di sparare a zero su quello italiano o peggio ancora sulla federazione).
    Non penso neppure che lo facciano perchè hanno “il prosciutto sugli occhi” (termine che prendo ancora una volta in prestito da chi sappiamo …), secondo me lo fanno anche perchè sono “leggermente” maschilisti, e da uomo un po’ mi rammarica che nel 2013 ancora succedano queste cose (infatti spesso gli articoli migliori sul WTA sono scritti da donne, che spesso dimostrano di avere una competenza ed un buon gusto decisamente migliori dei loro colleghi maschi).
    Non ho problemi a dire che, nonostante il tennis maschile sia indubbiamente di livello maggiore di quello femminile, preferirei 1000 volte di più guardare una ipotetica finale Kvitova-Lisicki che una Murray-Djokovic.
    Parere personale, ma ognuno è libero di apprezzare ciò che trova più stimolante ed interessante da guardare …

  99. by ii_pignolo

    be’, io spero che Murray perda già oggi… lo trovo proprio noioso…

  100. by Stefano

    Da quel poco che ho visto, mi sembra che il Djokovic attuale stia giocando decisamente meglio di Murray.
    Vedremo …

  101. by ii_pignolo

    @stefano
    su questo ti do pienamente ragione e infatti trovo ridicolo chi dice (anche giornalisti affermati) che tra le sedicenni-diciassettenni odierne non ci sono i fenomeni del passato che vincevano tornei a 14 anni come Capriati o Jaeger o addirittura slam a 16 come Hingis, Seles o Austin…
    il tennis odierno e quello del passato (fino agli ultimi anni ’90) sono ormai due sport diversi che richiedono caratteristiche differenti per primeggiare…

    @filippo: non credo serva nessun permesso, né nessuna garanzia, anche perché se conosci l’italiano l’espressione “un accordo che permetterà a Camila, Sergio e tutta la famiglia di tornare in Italia…” vuol dire tutto come non vuol dire niente. La cosa più verosimile è che aiutando Camila economicamente la famiglia Giorgi si vedrà ridotte le spese (trasferte, medici, fisioterapisti…), quindi la famiglia stessa si potrà permettere di venire in Italia (di certo non come dei miracolati dalla FIT che secondo la tua logica dovrebbe mantenerli). Se poi tu vuoi forzare le cose come pare a te, questo è un altro discorso… ma tanto lo fai da sempre.

  102. by Stefano

    @ Teus e il_pignolo
    Certo, sono perfettamente d’accordo con quello che avete scritto, infatti ho detto chiaramente che non esiste “il migliore”, perchè il fatto del confronto generazionale è già un vizio in se’, non potendo in alcun modo essere provato.
    Però, è anche altrettanto evidente che 30 anni fa si giocasse ad un ritmo decisamente più basso di ora, quindi, sempre ipoteticamente, una giocatrice top player di allora perderebbe anche contro una “qualsiasi” di oggi.
    Che poi la Evert di allora, oggi sarebbe ancora più potente, o la Navratilova più completa o la Graf migliore anche nel rovescio … questo penso sia più che preventivabile.
    Lo stesso Federer, ad esempio, ha dovuto migliorare tantissimo il rovescio per rimanere competitivo negli anni (anche se questo colpo è comunque sempre rimasto il più debole del suo repertorio).
    Quello che è interessante notare in tutto questo, però, è come una volta bastasse il talento + un po’ di fisico per primeggiare, oggi, invece, basta anche meno talento di allora, ma serve tantissimo fisico e tanta testa per avere ragione dei migliori.
    In questo senso, è innegabile come un “predestinato” oggi faccia molta più fatica ad emergere di un tempo.
    Se la Hingis a 16 anni era n°1 al mondo, o se Chang o Becker vincevano gli Slam ancora minorenni, era perchè di fronte non avevano tutta una serie di giocatori così forti (fisicamente) che glielo avrebbe impedito quasi certamente.
    Oggi tennisticamente si matura più avanti perchè serve più fisico per poter competere con i più forti; 20 o 30 anni fa, invece, questo non era necessario, perchè il livello medio era decisamente più basso ed i primi turni dei tornei più importanti erano quasi una formalità per i giocatori più forti.
    Oggi non più.

  103. by ii_pignolo

    @tommaso: probabilmente qualcuno (uno) c’è. Uno che dice di sapere sempre tutto dalle sue innumerevoli fonti e dai suoi mille agganci…

    Però quella del lavoro garantito al babbo è bella! magari la Fit ha pure trovato l’ingaggio per il fratello calciatore! e una cattedra universitaria per la madre! e il dogsitter per il cane!

  104. by ii_pignolo

    @Stefano:
    Sono in gran parte d’accordo con quanto tu dici, ma non credo nemmeno io che sia possibile mettere a confronto in un’improbabile sfida generazionale campionesse del passato con quelle odierne. Alla fine alla Navratilova non serviva lavorare sui suoi colpi da fondo campo, perché vinceva a mani basse già con il livello che aveva. E alla Graf non serviva un rovescio migliore, perché già era sufficiente il suo. Se ci fossero state delle equivalenti delle Williams nei loro anni (ossia giocatrici che sotto il profilo atletico-fisico sovrastavano nettamente le altre), pensi che le campionesse del passato non avrebbero curato maggiormente la preparazione atletica o lavorato sui loro punti deboli per essere più solide e contrastarle? Se oggi una Radwanska (che tu citi) serve più forte di una Hingis o ha una maggiore solidità è solo per necessità, perché altrimenti non vincerebbe un match. Al contrario, una Hingis (dei primi anni, quando dominava letteralmente), una Graf o una Navratilova non avevano necessità alcuna di migliorare, perché al massimo avevano qualche grattacapo dai quarti di finale o dalle semi. Chi ti dice che se la Navratilova giocasse ai giorni nostri non riuscirebbe comunque a primeggiare curando alcuni aspetti del gioco (richiesti dal tennis moderno)? L’esperienza di Kimiko Date insegna qualcosa (ed è una quarantenne). Alla fine il tennis dell’ultimo decennio è tutto un altro sport rispetto a quello di una volta e trovo impossibile fare paragoni…

    breve postilla: oh, scrivono proprio uguali uguali…

  105. by Tommaso

    C’è qualcuno che crede veramente che la FIT pagherà il trasloco ai Giorgi e troverà un lavoro alla famiglia? Com’è vivere nel paese delle favole e dei castelli volanti? Bello?

  106. biglebowski by biglebowski

    pensala come vuoi, che cosa ti devo dire.

    pensavo di fare chiarezza e di soddisfare la curiosità della maggior parte degli utenti postando quello che mi ha gentilmente confermato chi quei contratti li ha letti e sottoscritti, ripeto il padre di fognini.
    poi, se devo esprimere il mio parere, mi sembra anche ragionevole che ci sia uniformità di base per non creare conflitti e gelosie e che in base ai risultati esista un prize money extra messo a disposizione dalla fit per premiare il merito.

  107. TEUS by TEUS

    Stefano, secondo me sono discorsi che lasciano il tempo che trovano in ogni caso. Con ciò non voglio dire che tu faccia male a farli, per carità. Ho semplicemente esposto il mio punto di vista a riguardo, niente più.

  108. TEUS by TEUS

    Giovaneale, il rischio di snaturare il gioco di Camila non dovrebbe esserci dato che ha un’età in cui si è già formati tennisticamente. Confido in Sergio comunque. Mi auguro vivamente mantenga molti poteri soprattutto per quel che concerne la preparazione atletica (che ormai da anni è ottima). In più lei è molto legata al padre e la sua stima per lui non è mai venuta meno (non sono fatti da sottovalutare dal punto di vista emotivo).
    Se la fit si limiterà a garantirle serie cure mediche e ad aiutarla nei tornei e negli allenamenti in genere, presto avremo una giocatrice competitiva ovunque. Rimango fermo sulla mia opinione iniziale: ora ha più bisogno di un supporto mentale (non avere in pratica il chiodo fisso dei guadagni per paura di non poter continuare a giocare a tennis) più che di una guida tecnica. In più, dalle poche parole che le sento dire da tempo nelle interviste, pare proprio abbia le idee ben chiare riguardo ai livelli di gioco a cui può ambire.
    Il mio ottimismo ha sempre avuto solide basi. 🙂

  109. by Stefano

    Teus, io ho sempre sottolineato che nei miei paragoni parlo di giocatore o giocatrice più forte, cioè di quello che oggi avrebbe maggiori probabilità di vittoria, non di “migliore”, che è invece un concetto molto più aleatorio.
    Non dico che un’Azarenka sia migliore di una Evert, però dico che se prendiamo la giocatrice di allora e la portiamo sul centrale di Wimbledon a giocarsi OGGI una finale contro Vika, o Masha, o Serena o forse pure la Lisicki, ebbene la Chris, in termini probabilistici, non partirebbe certo come favorita.
    Per dire “migliore” occorrerebbe usare la macchina del tempo, e dare la possibilità a tutte le giocatrici di allenarsi, crescere ed incontrarsi nella stessa epoca e alla stessa età.
    Siccome è, per l’appunto, impossibile, è lo stesso concetto di GOAT che non ha senso.
    Ben diverso è invece il discorso se parliamo di “più forte OGGI”, in quanto già la velocità dei servizi e dei vincenti registrati allora, ci suggerisce come nel passato le velocità che era al solo appannaggio dei top players oggi sono accessibili quasi a tutti (e questo aldilà del discorso corde, materiali, racchetta …).
    É anche palese che la differenza fra il concetto di “più forte” e il “migliore” diventi tanto minore quanto più i campioni presi in esame sono di epoca vicina.
    Ciònonostante, si parla comunque sempre e soltanto di ipotesi, di probabilità, in quanto solamente un vero scontro diretto avrebbe potuto sentenziare la superiorità di uno o dell’altro (anzi, a volte nel tennis neppure questo è sufficiente …).
    Tuttavia, così come sono ragionevolmente sicuro che Carl Lewis le avrebbe quasi sempre prese da Bolt sui 100 piani, mi sento anche altrettanto sicuro di dire che la Evert o la Navratilova poco avrebbero potuto fare contro la Serena o la Sharapova di oggi, e questo sono le enormi differenze fra le velocità di palla (misurate) a farlo credere …

  110. Giovaneale by Giovaneale

    Per quanto mi riguarda quello che mi piacerebbe sapere non sono assolutamente i termini economici dell’accordo ma cosa la Fit metterà a disposizione di Camila..se ha già deciso di prendere un tecnico o un preparatore atletico (spero comunque che mantenga la sua struttura e che nessuno le metta in testa di metter su dei muscoli o dimagrire,per me è già perfetta atleticamente).
    Ma la mia più grande preoccupazione è che qualcuno provi a modificare il suo gioco fino ad arrivare a snaturarla e farla diventare un’altra giocatrice in “stile italiano”…per me questo sarebbe un incubo!
    Ps.la scritta ITA l’ha sempre avuta,quando vinceva e quando perdeva..le sue vittorie hanno già dato lustro alla Fit pur non meritandolo..per certi versi la Fit è ancora molto in debito con Camila.
    Pps.Sto guardando Quinzi al torneo per i giovani a Wimbledon,è la prima volta che lo vedo giocare,a quanto ho capito il suo allenatore è uno spagnolo e poi deve lavorare sul fisico perché con quella gobba è proprio antiestetico!

  111. TEUS by TEUS

    Stefano, rimangono solo opinioni non supportate da prove in entrambi i casi . Personalmente continuo a pensare che, come non è possibile stabilire chi sia il migliore di tutti i tempi, non sia possibile nemmeno far giocare in incontri virtuali campioni di epoche differenti.
    Come tu puoi dire che i campioni di una volta oggi avrebbero vinto molto meno, io posso dire il contrario. Come tu puoi dire che Federer (giusto per fare un nome a caso) è stao il migliore in assoluto, io posso dire che è stato Sampras (altro nome a caso). Non essendoci la controprova, non sapremo mai da che parte sta la verità. Ripeto: troppe componenti variano con gli anni per poter approfondire questo tipo di ragionamento.

  112. by Boy

    grazie tommaso….quindi è più di 10 anni che è fuori.
    Intanto nessuno sta vedendo Quinzi? Ha vinto il primo set della semifinale.

  113. by Stefano

    Sulla questione “accordo”, mi trovo perfettamente d’accordo con Tommaso (scusate il gioco di parole …).

    Teus, la questione “chi sia il migliore di tutti i tempi”, è ben diversa dal dire “chi sarebbe stato il più forte oggigiorno”.
    Se mi chiedi se è stata migliore la Hingis o la Navratilova o la Graf di una Sharapova o Azarenka o una Radwanska, ti rispondo certamente di sì.
    Ma se mi chiedi se le tenniste di allora (pur con le racchette moderne) avrebbero lo stesso vinto con la concorrenza attuale … beh, secondo me avrebbero vinto molto ma molto meno.
    La Navratilova, ad esempio, era bravissima a rete, ma contro le ribattitrici attuali (ad esempio Vika) sarebbe stata quasi automaticamente passata o “impallinata”, visto che la ceca da fondo campo non sapeva reggere più di 5 o 6 scambi senza sbagliare.
    La Graf (o “miss dritto”, come era chiamata) non aveva un rovescio, e oggigiorno, se non sei forte da entrambi i lati, vai poco distante (infatti tutte le top ten degli ultimi anni, forse ad eccezione delle sole Stosur e Ivanovic, sono molto più complete di quelle di un tempo).
    La Seles (del prima attentato) sembrava ingiocabile da chiunque (compresa la Graf), eppure la sua velocità di palla non era molto diversa da quella di una Bartoli odierna (anzi, forse viaggiava pure meno …).
    Se andate a rivedere come giocavano la Capriati, la Hingis o la Graf nei loro anni migliori, vi accorgerete che al giorno d’oggi non potrebbero di certo stravincere contro le players attuali.
    “L’invincibile” Milan di Arrigo Sacchi, ad esempio, oggi non andrebbe molto lontano (basta guardarsi una partita di allora per accorgersi di come il pressing attuale sia ben altra cosa rispetto a quello praticato 20 anni fa).
    Certo, oggi, magari, con la preparazione attuale i giocatori o le giocatrici di allora sarebbero stati indubbiamente più forti … ma non penso che avrebbero dominato come in quegli anni.
    Borg era il re incontrastato del rosso, ma con la sua tipologia di gioco, penso che non avrebbe mai battuto Nadal su questa superficie, poichè gli unici che oggi possono impensierire lo spagnolo nella sua superficie sono i giocatori-bombardieri alla Soderling, cioè quelli che sanno spingere da subito (col servizio) impedendogli di imporre il suo gioco fatto di angoli e rotazioni incredibili.
    Chi è il più forte di tutti i tempi?
    Probabilmente il campione che verrà, e questo è vero per qualsiasi epoca …
    Sono pochi gli sport in cui non c’è questa perenne evoluzione, anche se essere più forti, come ho già scritto, non significa avere più talento o essere “migliori”, ma semplicemente avere maggiori chances di vittoria in un eventuale scontro diretto.

    Pronostico.
    Io dico Lisicki, anche se penso che abbia forse non più del 40-45% di probabilità di vittoria, contro una giocatrice come la Bartoli, che durante tutto il torneo non ha avuto cali o sbavature degne di nota (al contrario della tedesca che invece ogni tanto “va in ferie” per un set).
    Se Sabine servirà molte prima e non commetterà errori stupidi, allora penso che sia favorita.
    Ma se il servizio non dovesse funzionare alla perfezione (stile Serena), penso che la francese abbia maggiori probabilità di vittoria, in quanto caratterialmente molto meno “lunatica” di Acebine, e la sua risposta sulla seconda è sempre molto profonda e precisa.
    Però non cambio pronostico, anche se forse sarebbe più logico puntare sull’altra.

  114. by Tommaso

    @Boy: dopo aver vissuto a Macerata, Pesaro, Como e Milano, a 10 anni Camila viveva in Spagna, a 13 a Parigi e ci è rimasta per 5 anni, poi si sono trasferiti tutti a Miami. Fonte: articolo sul Tennis Italiano di un anno fa, dopo Wimbledon.

  115. TEUS by TEUS

    Concordo pienamente con Entropia. Tra non molto la “bimba” ci farà parlare per quello che combinerà in campo (e non sarà poco). A quel punto la fit e tutto il resto, passerà inevitabilmente in secondo piano.

    Ghaal, purtroppo ho qualche annetto anch’io e ti dico che avevo un debole per Becker. Ah, quelle finali a Wimbledon a fine anni ’80… Che spettacolo e che nostalgia!

  116. Ghaal by Ghaal

    @t.o.
    Premetto che non ho viso giocare la Lisicki, pero’ devo dirti che, a mio parere, con Camila la Bartoli ha rischiato davvero di perdere. Questo come dicevo in un altro commento, puo’ anche essere causato dal fatto che il gioco di Camila le dia proprio fastidio, mentre con altre giocatrici (magari anche forti) ci va a nozze (e tanto per capirci, secondo me bisogna rivalutare, e anche tanto, il servizio di Camila, sia la prima che la seconda).

    Credo pero’ che la differenza la faranno la determinazione e la grinta, doti che (con mio rammarico) credo che la Bartoli possieda in abbondanza.

    Il mio mito pero’ era Edberg (cosi’ capite pure che ho qualche annetto) e ritengo che si vincere con stile e correttezza sia molto piu’ bello. Per tutto questo, Forza Sabine!

  117. biglebowski by biglebowski

    si, è lui.

    ovviamente liberi di non credere a chi questi accordi li ha fatti.
    sicuramente caregaro (ammesso che abbia un accordo con fit) è esclusa dai seguenti punti:

    assistenza tecnica e medica durante gli slam e master 1000 (non li fa)
    rimborsi nei tornei più importanti (non li fa)
    prize money extra secondo l’importanza dei match.

    mentre è palese che chi ha un accordo si può avvalere delle strutture sportive e dello staff medico della fit.

  118. by Tommaso

    A parte il fatto che da nessuna parte sta scritto che Camila “prenda dei soldi nostri”. Più verosimilmente la Federazione rimborserà biglietti aerei e hotel a una giocatrice che, se vince un torneo, lo fa con la scritta ITA davanti al nome, quindi rappresentando quella federazione (e darà a Binaghi&co la possibilità di farsi belli, un giorno, dicendo “Camila è un segno che il tennis italiano è in salute, ottimi preparatori, strutture, blablabla”, scommetto con chi vuole). Non credo che i Balotelli, i Castrogiovanni, le Cagnotto si paghino trasferimenti, vitto e alloggio di tasca propria, sinceramente.

  119. by t.o.

    @Filippo Vedi caro filippo, in linea puramente teorica potresti anche avere ragione. Ma talmente teorica che rasenta la malafede. Fai un’interrogazione parlementare e chiedi a FIT di giustificare analiticamente tutti i suoi contratti. Tutti. O a te interessa solo quello di Camila? Se io ho un contratto con un’università (è l’unico esempio possibile poiche una Federazione come un’università agisce in regime privatistico pur svolgendo un ruolo pubblicistico. So che è un po difficile da capire…ma fai uno sforzo…) Se io faccio un contratto con un’università faccio il mio contratto. Se anche fossero tutti soldi pubblici (e non lo sono) non devo giustificare a te NULLA. Vai all’università e chiedi loro del mio contratto. Ma non chiedere a me dei miei accordi. Sono affari miei.
    Perciò un conto e dire: ” mi piacerebbe sapere i termini dell’accordo”, un conto è dire ” pretendo di sapere come vengono spesi i miei soldi”. Il contributo pubblico (i tuoi soldi) sono meno del 25% del Bilancio FIT. il restante 75% sono soldi della FIT. (Tesseramento, Diritti televisivi, sponsor,ecc.). Peciò la FIT ci fa quello che le pare. Ne risponde non a te. Ma al consiglio federale. Se invece vuoi fare il Robespierre solo sul contratto di Camila….buon divertimento…..è solo la dimostrazione della tua Malafede…..

  120. by Tommaso

    Non capisco questa improvvisa ondata di indignazione se la FIT spende “soldi pubblici, quindi miei” per sponsorizzare Camila. In questo luogo, poi. Nessuno fino a ieri chiedeva a gran voce “che fine fanno i miei soldi, perché la FIT li da alla Errani? E alla Burnett? Voglio sapere cosa ci fanno Sara e Asja coi miei soldi!!!”.

    Ora, invece di gioire per non aver perso Camila (la penso come chi ha scritto che altre federazioni avessero avanzato proposte serie ai Giorgi, e la FIT abbia “calato le braghe” per non perdere Camila), saltano fuori quelli che “i miei soldi”. Carissimi, erano soldi vostri anche quelli che fino a domenica andavano nelle tasche di tutti i tennisti appoggiati dala federazione, eppure nessuno si lamentava…

  121. by effeemme

    t.o:
    non sono daccordo!
    se Bartoli vincera’ il torneo non avra’ vinto la migliore, ma quella che avra’ ricevuto la GRAZIA migliore!!
    una che arriva in finale senza incontrare Serena, Sharapova e Azarenka, vincera’ pure il torneo ma non potra’ mai fregiarsi del titolo di MIGLIORE!!
    non dico che non sia legittima una sua vittoria finale…
    ma un conto è vincere battendo direttamente le migliori al mondo come ha fatto Sabine,
    un conto è vincere il trofeo per grazia ricevuta!!
    nel tennis si sa che la numero 2 al mondo si puo’ infortunare nel durante…
    che la numero 3 al mondo puo’ anche perdere una partita ampiamente in tasca sulla carta…
    che la numero 1 al mondo puo’ perdere contro un’ ottima tennista, dopo 34 partite vinte di seguito…
    ma se una vince un trofeo del genere, senza neanche averle viste di striscio…
    parliamo pure di tutto ma non di MERITO!
    quello sta dall’ altra parte della rete…
    sta saldamente nelle mani di Lisicki!!!
    VAMOSSS SABINEEEEE!!!!

  122. Entropia by Entropia

    Habemus FIT!
    Qualcuno si è accorto finalmente che abbiamo una giocatrice devastante che va curata, cullata, stimolata, aiutata non tanto per il suo bene, ma per il nostro, per il bene dello sport italiano e dell’italianità nel mondo! E’ da queste cose che si ricomincia, in tutti i sensi ed in tutti i campi: una Giorgi che possa esprimersi avendo le stesse opportunità di tutti gli altri può avere risvolti positivi non solo dal punto di vista sportivo.
    Sottolineo solo che, anche se adesso è facile parlare, quando ha perso con Marion (davvero sul palo usando un gergo rubato all’ippica perché l’incontro è stato equilibratissimo fino all’ultimo) ho pensato che la francese aveva giocato una grande partita e che non sarebbe stato facile interrompere la sua marcia e non mi sbagliavo:
    in sostanza Camila ha perso (di poco, se mi è concesso applicare questo “paragone quantitativo” ad uno sport così complesso come il tennis) con una spalla che nessuno può dire quanto fosse apposto ma soprattutto avendo giocato pochissimo nei mesi precedenti. Quando Antonelo diceva che si aspettava che spezzasse le ossa (sportivamente parlando) a Serena qualcuno può pensare che scherzasse, esagerasse o si schernisse, io invece so che parlava serio perché lui, t.o, altri di questo blog ed io ci crediamo, senza se e senza ma; AVVISO AI NAVIGANTI! Il tempo dell’uso delle congiunzioni dubitative è terminato, datele solo ancora un po’ di tempo: CAMILA STA ARRIVANDO!.

  123. by t.o.

    Concordo totalmente su quello che scrive Stefano nel suo lungo articolo. E per una volta sarò io a fare la sintesi utilizzando tutte le analisi che Stefano ha pazientemente esposto.
    Il gioco di “Non ci sono più i campioni di una volta” è un gioco antico che nello sport si perpetua più dello sport stesso.
    La Nazionale di calcio del mitico Italia Germania 4 a 3 oggi perderebbe contro una squadra di serie C.
    Nel tennis neanche la Navratilova avrebbe saputo rispondere a bordate a 120mph che ormai tirano almeno 10 giocatrici neanche top ten.
    Neanche Coppi avrebbe potuto coprire il “buco” creato da uno scatto di Pantani
    Nei 100 metri oggi con 10 netto non entri neppure in una finale di livello.
    Ma a noi “vecchi” ci piace dire: ” non ci sono più i campioni di una volta” Molti di loro se giocassero oggi non sarebbero neppure campioni. Alcuni lo sarebbero lo stesso. Con i nuovi materiali, le nuove tecniche di allenamento, saprebbero lo stesso dimostrare di essere numeri 1. Ma molti no.
    Un Paolo Bertolucci (12° come Best R. e il più bel rovescio mai visto) non sarebbe entrato neanche nei 100. Anche con le nuove racchette e le nuove tecniche di allenamento, la sua struttura fisica non avrebbe potuto sopperire a palle che viaggiano oggi 50mph più veloci di 40 anni fa.
    Secondo concetto. Non è la n°1 che nobilita Wimbledon, è Wimbledon che fa le N°1. Bartoli ha già battuto Serena a Wimbledon 6-3 7-6 negli 8vi 2011. Andatevi a riguardare la partita. Io credo che Bartoli batterà (e pure agevolmente) Sabine. Perchè sono così certo. Perchè Sabine ha si una prima anche di 124mph (media 106) ma ha una seconda 25mph più lenta (media 78mph). Su quelle seconde contro Bartoli rischia di fare massimo 25%
    Marion ha tra prime e seconde 4/7 mph di differenza (100/104 a 97/94) Con i servizi sopra le 90mph Sabine va in affanno (vedi contro Rad grande)…La Bartoli di oggi può metterla davvero “sotto”. E se Bartoli vincerà avrà vinto la migliore. Come sempre…..vince il migliore. Se fosse come nel pugilato dove chi perde in semifinale contro il campione vince la medaglia di bronzo (era così una volta, ora sono due Bronzi ex equo) potremo dire che la sconfitta di Camila al 3° turno è davvero una bella sconfitta.

  124. TEUS by TEUS

    Inizialmente ho pensato che mi avebbe fatto piacere sapere qualcosa in più riguardo all’accordo. Ma, se come dice biglebowski, le condizioni sono le stesse per tutti sempre e comunque… Mi sento già soddisfatto.

  125. TEUS by TEUS

    Difficile se non impossibile paragonare campioni di epoche diverse, Stefano. Sono trppe le componenti che, col trascorrere del tempo, variano (magari invece la Hingis di ieri avrebbe rifilato un secco 6-1 6-2 alla Lisicki di oggi). Così come non è possibilie stabilire chi sia stato il migliore di tutti i tempi pur avendo a disposizione i palmares di ogni singolo giocatore. Prendiamo Graf: con quel rovescio costantemente tagliato come avrebbe potuto contrastare la Williams attuale? Anche vero però che se Williams avesse giocato ai tempi della tedesca, magari ci avrebbe perso nove volte su dieci. Chi può dire dove stia la verità? Ecco perché anche il migliore di tutti i tempi, come ha detto giustamente Gianni Clerici in un’intervista trasmessa in questi giorni da sky, è una divinità che non potrà mai essere conosciuta perché inesistente.
    Oggi gli atleti sono più longevi perché si concentrano maggiormente sulla preparazione fisica rispetto a un tempo. Quindi, anche chi non dispone di un talento eccelso, può vincere tanto se incontra avversari non al top in quel momento. Anni fa invece il gioco si basava più sulle geometrie e sulle sensibilità di palla.
    Una cosa è certa: soprattutto in uno sport come il tennis in cui anche l’aspetto mentale ha notevole rilevanza, indipendentemente dall’epoca, vince quasi sempre il giocatore più completo. E ciò avviene molto più frequentemente rispetto ad altri sport.

    Per quanto riguarda la finale di domani, vado controcorrente e vedo come favorita Bartoli (ha già giocato incontri di questa importanza e perciò penso tremerà meno rispetto alla sua avversaria). Mi auguro però di sbagliare il pronostico perché la francese è oggettivamente di un’antisportività più unica che rara.

  126. by Morotep

    Bene, sinceramente sono molto contento di questa notizia.
    Sergio avra’ per sempre tutto il mio rispetto per aver provato, del tutto controcorrente, con le sue forze a far diventare sua figlia una giocatrice di tennis professionista… ce l’ha fatta. Alla fine l’ha portata nelle prime 100 del mondo che e’ un obiettivo tutt’altro che banale. Si e’ opposto con fermezza alle tante lusinghe arrivate da tanti sponsor e accademie, ha fatto di tutto per non svendere sua figlia.
    Certo in tutto questo percorso ha sicuramente sbagliato alcuni approcci, ma chi non sbaglia? Non sbaglia chi non fa… ripeto, per me e’ stato davvero coraggioso.
    Ora pero’ per fare il salto di qualita’ ci vuole un approccio piu’ coordinato, tecnico e con un supporto effettivo (anche di tipo economico).
    Spero che la FIT sappia gestire bene Camila, spero che riesca a smussare gli angoli e renderla una giocatrice piu’ matura. Spero anche, principalmente, che questo problema alla spalla finalmente sparisca.

    In bocca al lupo Camila Giorgi. Che sia un nuovo inizio e ti porti a vette consone al tuo talento.

  127. by Stefano

    Conoscere i “dettagli” dell’accordo, personalmente, mi interessa meno di zero.
    Basta che Cami torni in Italia, e che sia seguita e abbia l’appoggio di una federazione, e per me è già più che sufficiente.
    Le persone che continuano a chiedere di conoscere i dettagli, sono più o meno le stesse che stanno continuamente cercando dei pretesti per parlar male di Camila.
    Criticare una giocatrice per come gioca o si gestisce è una cosa, ma continuare a fare insinuazioni per gettare discredito su di lei, è ben altra cosa.
    Perchè allora non chiediamo anche a Sharapova e Serena di svelare che contratti hanno con i loro sponsor, le agevolazioni e i loro rapporti con le rispettive federazioni?
    Dai, su, per favore, non mettiamoci a dare retta alle continue provocazioni di chi sappiamo …

  128. by Andrea

    Il tormentone Vekic si ripropone…
    Che palle…
    Ma chi se ne frega della vekic?
    A chi deve fare scuola????
    Ha vinto solo perche’ Camila era infortunata!

  129. by Tommaso

    Ho controllato: né sul sito di Sara Errani né su quello di Roberta Vinci vi è una descrizione degli accordi che le legano alla Federazione. E stiamo parlando delle nostre atlete, in questo momento, più rappresentative sia in Fed Cup che a livello personale (singolo e doppio) in giro per il mondo.

    Preso atto di ciò non vedo il motivo da parte di Camila, Sergio, staff, Alberto, Matteo o chicchessia di rivelare su queste pagine i contenuti dell’accordo preso con la Federazione. Cos’ha Camila di diverso da tutte le altre?

  130. by Stefano

    P.S.
    Scusate per le ripetizioni e gli errori di sintassi, ma ho scritto veramente di getto …

  131. by Stefano

    @ Cristian:
    Grazie! Sempre troppo gentile …

    @ Hector:
    Sottoscrivo in pieno il tuo commento.

    Ed ora alcune “brevi” considerazioni sulla finale di sabato.
    Premetto che il match della Bartoli con la belga non l’ho visto, e questo per due motivi:
    1) non avevo il benchè minimo dubbio su chi avrebbe vinto (diciamo che davo la francese vincente all’80-90%);
    2) già ho dovuto guardare Marion giocare contro la nostra bimba, ed ora me la dovrò rivedere in finale … aggiungerci anche la semifinale … sarebbe stato davvero troppo, visto che non gradisco particolarmente il suo modo di giocare.
    La seconda semifinale, invece, l’ho vista tutta dall’inizio alla fine (e mi è pure piaciuta molto).
    In particolare, vorrei tanto rivedere quella voglia di vincere e quel CUORE che oggi hanno permesso alla tedesca (tanto per cambiare … di origine polacca) di battere una giocatrice, la Radwanska, che al momento può contare su una solidità ed una fiducia davvero notevoli (non ha caso è la “prima delle umane”, dopo le tre “marziane” che stanno davanti).
    Sabine merita questo torneo per tanti motivi:
    1) ha già ampiamente dimostrato negli ultimi anni di poter battere chiunque su questa superficie (oggi Serena, ma pure Na Li fresca di RG, Sharapova …);
    2) ha un tennis “erbivoro” (gran servizio, dritto, propensione a venire a rete per chiudere con lo smash o la volée) molto più genuino di tante altre anche più avanti di lei di ranking;
    3) sta giocando benissimo;
    4) ha battuto una Serena al 100% della propria integrità fisica (non come la Stephens in Australia);
    5) se lo merita per tutto quello che ha passato in questi utimi anni (vedi infortunio alla caviglia che l’aveva privata pure della possibilità di camminare).
    Bisogna però essere onesti: se vincesse la Bartoli, a parte chi la critica perchè non la sopporta, non avrebbe rubato proprio niente.
    Marion è una giocatrice davvero molto forte: serve bene, si sta muovendo benissimo (con Cami ha recuperato delle palle che contro il 90% delle giocatrici sarebbero state dei sicuri vincenti), ha una gran risposta, ed è sempre concentratissima.
    Certo, Sabine ha battuto 6 giocatrici tutte top 46, tra cui una n°1 e una 4; Marion, invece, ha battuto soltanto 2 top 20, mentre le altre 4 stavano tutte oltre la 70esima posizione mondiale.
    Per meriti, finora la Lisicki ha dimostrato certamente di più, ma questo non è comunque un valido motivo per sottovalutare la francese, visto che non è certo demerito suo se ha avuto un percorso così più facile (mica se le è scelte lei le avversarie contro cui giocare).
    Trovo però abbastanza squallido che qualche ottimo giornalista super specializzato esordisca con un articolo dal titolo “Finale “debole” Bartoli-Lisicki
    Sì, la Wta è in cattiva salute”.
    Forse da Tommasi me lo sarei aspettato, ma da Ubaldo, francamente, mi sarei aspettato un’analisi un po’ più lucida ed equilibrata piuttosto che una fredda conclusione basata sulle sole statistiche dei “numeretti vicino al nome”.
    Qualcuno dice che oggi non ci sono più i talenti puri di 15-20 anni fa, che le tenniste di oggi (parlo delle ventenni o anche meno) non hanno la stessa classe che un tempo avevano le varie Hingis, Navratilova, Sabatini …
    Beh, io non sono per niente d’accordo.
    Innanzitutto è bene sempre ricordare che le tenniste di vertice di oggi hanno una potenza che quelle di un tempo nemmeno si sognavano (non soltanto nel servizio, ma in tutti i fondamentali), e poi la concorrenza oggi è certamente ben diversa da quella di un tempo.
    Ai tempi della Navratilova, ad esempio, un testa di serie poteva benissimo saltare i primi due o tre turni, tanto era netta la differenza fra le prime e tutte le altre.
    Oggigiorno, invece, con la parte fisico-atletica portata all’esasperazione, basta che una n° 10 incappi al primo turno in una giornata no, e può benissimo essere “fatta fuori” anche dalla n°90 al mondo.
    Oggi, non basta più soltanto avere talento, ci vuole anche tanta tanta determinazione e … FISICO.
    Se una Vekic 17enne di oggi avesse giocato 30 anni fa a Wimbledon, probabilmente o avrebbe vinto o sarebbe finita in semifinale (come fece a suo tempo la allora sedicenne Kournikova), ma oggi no: basta una Cetkovska tirata a lucido con il dritto ben centrato, e se non stai attenta, ti rifila subito una netta sconfitta al primo turno.
    La Hingis vinse Wimbledon a 16 anni: ebbene, se allora avesse trovato al primo turno la Lisicki di oggi (o peggio ancora quella che qualche giorno fa ha battuto Serena), sarebbe stata probabilmente presa a pallate.
    La Radwanska di oggi (forse una Hingis 2.0?), ad esempio, è la tennista che più le rassomiglia tra tutte quelle in circolazione.
    Ma:
    la polacca sa servire molto meglio di quanto non facesse la bambina prodigio svizzera;
    la capacità di ribattuta della Radwanska è superiore a quella che aveva Martina;
    l’esperienza e la visione di gioco dell’Agnieszka di oggi è certamente superiore a quella di una Hingis di 16 anni di allora;
    la mobilità stile “pigliatutto” della Radwanska di oggi è almeno due gradini sopra quella che Martina aveva allora …
    Insomma, tutto questo per dire: veramente se allora vincevano le sedicenni o le diciannovenni erano delle bambine prodigio, mentre adesso se non ci riescono è perchè hanno molto meno talento?
    Come ho già scritto, oggi, per vincere, non basta soltanto il talento puro, serve anche possedere tanto fisico e una solidità mentale che in genere impiega alcuni anni per arrivare (ammesso che arrivi).
    La WTA è in cattiva salute perchè le 2 più forti (Masha e Serena, visto che la terza è infortunata) vengono sconfitte da delle outsiders?
    E dove sta lo scandalo?
    Questo significa soltanto che il livello attuale è talmente alto che appena una di quelle di vertice abbassa di un pochetto il suo livello, questa viene spazzata via dalla competizione: non è forse un toccasano un po’ ricambio generazionale?
    Oppure vogliamo che diventi quel “teatrino” che era l’ATP fino a qualche tempo fa, dove gli Slam se li giocavano soltanto in due e gli altri erano tagliati fuori da tutto?
    Certo, erano due “marziani” … ma tutti gli altri che erano?
    Il livello di un movimento non è forse dato dalla media del livello di gioco di tutti i giocatori partecipanti?
    Se due sono di livello altissimo, ma gli altri valgono poco … questo significa avere un movimento in salute?
    Nelle donne dovrebbe vincere solanto Serena perchè la WTA possa risultare “credibile”?
    Dovrebbe sempre vincere la Sharapova quando incontra quelle oltre la 20esima posizione anche se sta giocando malissimo?
    O, forse, sarebbe più giusto che una top player perdesse quando gioca male anche contro quelle (sulla carta) mediamente più deboli di lei?
    Non è forse questo un movimento in salute dove tutte si impegnano per raggiungere traguardi importanti?
    Questione di punti di vista.
    Io la penso così, ma evidentemente alcuni giornalisti specializzati apprezzerebbero di più l’opposto.
    Io dico che se una finale RG è Dementieva-Myskina, e questa viene decisa soltanto in base a chi fa meno errori gratuiti … allora è giusto gridare allo scandalo, e scrivere certi titoli.
    Ma se una giocatrice batte una n°1 e una n°4 del mondo giocando davvero bene, perchè questo deve comunque essere un pretesto per dire che il movimento femminile è messo male?
    Lo stesso Valentino Rossi (scusate l’OT), ha recentemente dichiarato che oggi non si diverte più come una volta; e questo non perchè ora non riesca più a vincere e a dominare come faceva un tempo, ma perchè oggi il livello è talmente alto e super professionale, che non c’è più spazio per il divertimento.
    Dieci anni fa bastava un giro veloce secco per staccare il gruppo che ti stava alle costole; ora, invece, non si stacca più, e per creare margine serve fare una sequenza di diversi giri pressochè perfetti, cosa che una volta non era necessaria fare, in quanto bastava il talento puro per mettere una pezza agli errori che si commettevano durante la gara.
    Oggi, invece, se sbagli anche soltanto una curva, non vinci più.
    Il livello si è tremendamente alzato, ecco il perchè.
    E questo sta succedendo in tutti gli sport (anche Bolt, ad esempio, se non corre almeno sotto il 9’80, può benissimo perdere una finale … anche se è l’uomo più veloce di sempre nei 100 e 200 m).
    Nello sport il livello si è alzato, ed il talento ora non basta più a fare la differenza: l’esperienza, la condizione fisica e la tattica, se non hai tutte queste cose, sei tagliato fuori.

  132. by Boy

    visto he la notizia è “camila tornerà” vorrei chiedere a chi sapesse, da quanto tempo era fuori dall’italia camila.

  133. biglebowski by biglebowski

    come ha ben spiegato t.o. non c’è nessun obbligo di rendere noti i termini dell’accordo, così come non sono stati resi noti i contratti che “legano” sara, roberta, flavia, francesca, seppi, fognini, bolelli ecc.ecc.
    ho posto delle domande al padre di fognini che mi ha risposto in questo modo, forse vi può interessare:

    i termini sono cosi, da tempo, PER TUTTI!! nessuno ha dei vantaggi sia economici sia logistici sia tecnici che agli altri possano essere negati.
    totale disponibilità all’area medica (parra e fisioterapisti gratis quando e come vuoi)
    assistenza tecnica e medica durante tutti gli slam e qualche master 1000
    rimborsi biglietti aerei e o camere di albergo x coach o fisio nei tornei più importanti
    prize money extra (premio fit) a seconda del valore del match in causa
    in teoria tutto quello che da anni tutti gli appartenenti alle squadre di davis e di fed ricevono senza distingui
    ps: mi ero dimenticato la totale disponibilità ad allenarsi al centro di tirrenia, quindi vitto e alloggio al giocatore, coach e eventuale preparatore fisico, e se l’ultimo non lo hai la federazione te ne mette uno a disposizione, che tradotto in money ,se tu tra prep invernale e eventuale richiamo stai un paio di mesi ”ospite” fai un po il conto di quanto puoi risparmiare…….

    a mia domanda su quali sono gli obblighi per la giocatrice:

    rispondendo a biglebowski, dico solo che quello che la federazione ti chiede in cambio è una presenza ai centri tecnici estivi (nn obbligatoria) e la tua partecipazione ad una eventuale chiamata in davis o in fed cup…tutto qui!!!!

  134. by Andrea

    Noto che non sono dunque l’ unico ad avere il sospetto su tal Filippo…

  135. TEUS by TEUS

    Lo ricorda a molti, Nic. Il sottoscritto infatti ha cercato di dargli corda per vedere fino a che punto il soggetto in questione stia rosicando. Perché senz’latro rosica e non poco. 😀

  136. Nic by Nic

    il commento di Filippo (a dir poco tendenzioso) ricorda tanto i commenti di un noto frequentatore del passato

  137. by t.o.

    Non sono d’accordo con Filippo sulla questione della pubblicizzazione dell’accordo da parte di Sergio e Camila. Se la FIT è un soggetto pubblico sarà lui a dover comunicare i termini dell’accordo. Purtroppo le federazioni sono associazioni di diritto privato….perciò fanno come vogliono. E’ vero che gestiscono soldi pubblici (dal Coni) ma è anche vero che generano risorse in proprio tramite azioni e sponsorizzazioni. Sergio ci dirà se vuole le linee portanti dell’accordo. (assistenza medica, tecnica, logistica, organizzativa, Fed Cup, azioni di sensibilizzazione (quello che vanno a fare venerdì sara e roberta come da link di Tommaso) . Se poi le daranno i soldi per pagare i biglietti aerei, o sfruttando la sponsorizzazione Alitalia le daranno direttamente i biglietti aerei, se le daranno i soldi per pagare il medico o pagheranno direttamente il medico….penso che a noi non possa fregare di meno. E’ un buon accordo? (e questo lo può giudicare solo Sergio e Camila) E allora evviva…..se non era buono Sergio non firmava….

  138. by Tommaso

    Un esempio di quello che, penso, prevederà l’accordo con la FIT da parte di Camila…: http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=64145

  139. Hector by Hector

    E con la Bartoli in finale Camila raddoppia. Negli ultimi due tornei e’ stata eliminata da chi ha raggiunto l’ulitmo atto del torneo. Ma a questo punto, che vinca Sabine 1000 volte piuttosto che la Bartoli…..

  140. by effeemme

    ed è finale dunque…
    lasciando da parte i discorsi sugli atteggiamenti di una che dimostra antisportivita’ innata da un lato,
    o dall’ altra i discorsi sulle peculiarita’ di una certa tennista che nulla avrebbe nelle braccia se non la dote di un buon servizio ( su livetennis se ne leggono di tutti i colori)…
    personalmente sono e saro’ sempre dalla parte del MERITO!
    Bartoli fa finale battendo in sequenza: 82, 70, 93, 104, 17, 20…
    Lisicki fa finale battendo: 45, 22, 13, 1, 46, 4…
    se mi è lecito chiedere, ditemi voi da quale lato della rete in finale troveremo il MERITO di portare a casa uno slam!!

  141. by Andrea

    Invito i gestori di questo sito ad effettuare delle verifiche sull’ identita’ di Filippo.
    Ogni volta che scrive riporta esattamente le stesse argomentazioni che ho letto grazie a Tommaso su un altro pseudo blog…
    Ho motivi fondati per ritenere che tal Filippo sia in realta’….
    Ma non solo lui…
    C’e’ anche qualche altro nome occasionale!
    Verificate prego…

  142. by cristian

    Se Camila è contenta di tornare a casa , lo siamo tutti !! noi restiamo qui a sostenerti !! nelle vittorie e soprattutto nelle sconfitte!!

    ps: Stefano, mi unisco al pensiero di t.o , bentornato! fa piacere leggerti !
    Un consiglio per chi attacca gli altri utenti parlando al plurale ” non ti vogliamo, non ci manchi ” ..in quanti state scrivendo ??? in 2? 3? 4 ? no! allora parlate per voi

  143. by Boy

    senza dubbio a me pare una finale sbilanciatissima a favore della Lisicki ovviamente…..non ci sta proprio paragone. Sarebbe impossibile leggere Bartoli negli annali delle vincitrice del torneo….vi immaginate, graf, Williams, Sharapova, eccc… e poi Bartoli!!!

  144. TEUS by TEUS

    Giovaneale, è stata più rilevante l’interruzione per pioggia probabilmente.

    Filippo, la tua richiesta è legittima. Magari ci vuole solo un po’ di pazienza…

  145. Giovaneale by Giovaneale

    @Teus
    Diciamo che Camila non era al 100%
    Se lo fosse stata avremmo avuto sicuramente meno rimpianti!

  146. by Tommaso

    Dannata interruzione per pioggia sul 4-6, 4-3…

  147. by ale

    il tempo al solito sara’ giudice implacabile, ma a naso e’ una gran notizia per una ragazza che umanamente non conosco ma mi da’ la fortissima sensazione di avere necessita’ di affetti, serenita’ e riferimenti sicuri. insomma, come dice lei stessa di sentirsi a casa e dunque amata.

  148. TEUS by TEUS

    La mia opinione è che Camila non abbia perso a causa della spalla con Bartoli ma prevalentemente per inesperienza e che la francese (chili in più o chili in meno) stia giocando molto bene dall’inizio del torneo.

  149. Giovaneale by Giovaneale

    La Bartoli ha spazzato la Flipkens lasciandole solo tre games..nonostante i chili di troppo la francese sta dimostrando di avere una grande preparazione fisica,veloce negli spostamenti in avanti,solida anzi solidissima da fondo campo,aggressiva sempre e comunque,colpi profondi ed angolati..ancora una volta tanti complimenti a Camila per due set lottati e i 4 servizi strappati alla francese..in questo torneo c’è riuscita solo lei e ieri la Stephens!Se la spalla fosse stata apposto l’avrebbe portata sicuramente al terzo e poi ci saremmo divertiti davvero!

  150. by Boy

    dalla bartoli in finale si capisce l’eccezionalità di questo wimbledon!!
    Sincerametne si fa fatica a definirla anche atleta una così….bò!

  151. TEUS by TEUS

    Bartoli in finale: troppo pesante il gioco della francese per Flipkens (che aveva già vinto il suo torneo l’altro ieri con Kvitova e infatti oggi è scesa in campo completamente scarica mentalmente).

    Felicissimo di leggere la soddisfazione di Camila per il suo ritorno in Italia. Speriamo trovi finalmente quella serenità mentale che le possa permettere di prendersi da subito la posizione di classifica che le spetta.

  152. by Tommaso

    La giustiziera di Camila e della Knapp sta 6-1 dopo il primo set ed è a un passo dalla finale. Pur sapendo che il discorso è fine a sé stesso e non avremo mai una controprova, aumentano i rimpianti per il problema alla spalla e per l’eliminazione al terzo turno proprio contro la Bartoli…

  153. by Tommaso

    Su Virgili. Pochi giorni fa era uscito un bell’articolo su spaziotennis, vi posto il link: http://www.spaziotennis.com/2013/07/virgili-artista-con-la-racchetta/

  154. by Tommaso

    Alberto, Matteo, ma voi lo sapere che quelli del “gruppo editoriale Monti-Riffeser” (Taf dixit) sapevano da tempo che Camila sarebbe tornata in Italia? E riuscite a dormirci la notte??? Solo che non hanno pubblicato la cosa per non farvi uno sgarbo: siate gentili, mandate un mazzo di fiori…

    Tornando alle cose SERIE e non alle pippe mentali di chi si rode il fegato da quando voi, povere anime perdute, scrivevate “Camilla con due elle”, leggo della felicità di Cami nel tornare in Italia, a casa: in uno sport psicologico come il tennis, allenarsi e vivere in un posto che senti essere “casa” può davvero dare una spinta in più a Cami e alla sua carriera. In bocca al lupo “bimba”, e a presto!

  155. Paolo by Paolo

    La notizia credo sia molto importante e serva anche per dare serenità alla ragazza e alla sua famiglia. Essere in “lotta” con la federazione del proprio paese è una situazione non certo piacevole.
    Dal punto di vista tecnico se ci sarà un’evoluzione che tutti auspichiamo ce lo dirà il tempo.

    Poco fa sulla sulla pagina facebook Camila ha scritto questo:
    “Non potete immaginarvi quanto sia felice!!!! Finalmente tornerò a casa. Le cure alla spalla procedono bene, un abbraccio”
    Camila

    Se lei è felice, lo siamo tutti noi

  156. Lino by Lino

    @bretkos
    condivido tutto il tuo pensiero
    Go Càmila Goo

  157. by Bretkos

    Bene. Camila ha avuto solo quello che si meritava di avere da tempo: l’appoggio della sua federazione per una ragazza che finora si è impegnata con costanza e sacrifici incredibili .
    Preoccupazioni. Troppi i torti subiti finora, troppi in federazione non la amano, le iene affileranno i denti, (leggete un po’ come cambiano i giudizi dei più viscidi denigratori di Camila su livetennis). Mi par già di sentire come tenteranno di accaparrarsi ogni merito per i futuri successi, e come rimarranno gli insulti ad ogni sconfitta.
    Peccato per la partita con la Bartoli, tutto sarebbe potuto essere molto diverso; sì, forse a questo punto era giusto arrendersi, troppe incognite nel futuro, peccato.
    Ma non lasciarti cambiare, Camila. Non perdere il tuo gioco limpido e coraggioso. Non cambiare quella tua signorile superiorità, l’amabile comportamento di ragazza quasi troppo saggia per la tua età.
    D’altro canto, un po’ d’ottimismo lo infonde il fatto che Camila e Sergio hanno sempre saputo fare le scelte migliori, mi auguro che anche questa volta sia così.
    In bocca al lupo, Campionessa.

  158. by effeemme

    due piccole considerazioni:
    ora inevitabilmente si porra’ l’ interrogativo sulla localita’ che sceglieranno come residenza…
    visto che forse un’ occhietto alla mia programmazione moderata che consigliavo lo avrebbero buttato ( scherzo)…
    consiglio Torino.
    abbiamo ottime strutture.
    è ben collegata alle principali citta’ del nord.
    ha un clima collinare ottimo per gran parte dell’ anno.
    ha prezzi immobiliari molto piu’ abbordabili rispetto ad altre citta’ del nord.
    seconda cosa:
    la programmazione mi piace molto.
    c’è solo Cincinnati in un bel po’ di tornei in cui Camila puo’ fare “voce grossa”…
    altro che Direttissima!
    ottima scelta Sergio.
    crescita moderata e costante è la via maetra:
    International, Slam obbligati, qualche premier di tanto in tanto e anche qualche buon Itf 50K e 100 K.
    il giusto mix per far conciliare esigenze economiche con crescita sana e tanto tanto gioco nelle gambe di Camila!!
    veramente beautifull!!!

  159. by Tommaso

    Lo so bene TEUS, infatti quello che avrebbe preferito investire soldi sulla Pairone era Tafanus. Ma insomma, da uno che apre un nuovo post con le parole “Questa la notiziona. Dura, la vita dei gestori che sono informati delle cose solo DOPO che le cose sono accadute” senza neanche darsi la briga di controllare gli orari di pubblicazione degli articoli, tanto per parlare male dei gestori di questo sito, che ti aspetti?

    Io sono contento che finalmente qualcuno in federazione abbia fatto un passo verso Cami, e la ricostruzione di t.o. mi sambra quantomeno verosimile. Se buona parte (non credo il “100%” detto da Sergio, immagino in un momento di trasporto) del motivo del riavvicinamento è il Prof. Parra, è plausibile che abbia mostrato a Barazzutti o Binaghi o chi per loro la situazione fisica di Camila, che nessuno conosce (Sergio disse che Camila mentì sul dolore per poter giocare in Australia…) e questi abbiano capito che, forse, sì, due lire si possano investire. Le partite in tv le abbiamo viste noi come quelli della federazione, se ci aggiungiamo che Camila ha giocato infortunata…

    Altro aspetto da non sottovalutare: Camila ama l’Italia, vuole giocare solo per l’Italia e la cosa è buona e giusta e bella. Ma se arriva una federazione che ti copre di soldi? Sergio non ne ha parlato, nessuno l’ha fatto, ma io non credo che la FIT abbia offerto chissà quali cifre ai Giorgi. Come si intuisce dalle parole di Sergio,avranno offerto appoggi e strutture per allenarsi, sparring, supporto medico, magari una spalla tecnica per Sergio… Sinceramente penso che altre federazioni avrebbero potuto offrire di più in termini economici, e quindi due volte onore a Camila che ha scelto, ANCORA, anche se qualcuno insinuava potesse un giorno andarsene altrove, l’Italia. Col cuore e non col portafogli.

  160. TEUS by TEUS

    In più mi rincuora il fatto che Camila non ha più 16-17 anni ed è già abbastanza formata tennisticamente. Quindi è più facile che tragga giovamento lei da questo accordo piuttsto che la FIT la “rovini”. Come già detto non ho grande stima per la nostra federazione. Confido però molto sui margini di miglioramento di questa ragazza. Sarebbe stata solo questione di tempo (poco) ormai…

  161. by Stefano

    É comunque una discontinuità, un punto di rottura con il passato.
    Io sono già felice così, comunque vada a finire.
    Francamente, in questo momento, non chiedo altro …

  162. TEUS by TEUS

    Non capire cosa può diventare Camila significa avere seri problemi a livello psichico, Tommaso. Ho rivisto un paio di volte il match con Bartoli e non penso occorra essere dei geni per intuire che Giorgi ha perso molti scambi solo ed esclusivamente per inesperienza. La FIT non si contraddistingue certo per la perspicacia. Però difronte all’evidenza…

    Ricordo una dichiarazione di Sergio in cui diceva che Camila aveva un gran desiderio di giocare in fed cup. Sicuramente anche i sentimenti della “bimba” hanno avuto la loro rilevanza in questo accordo. Attendo comunque di conoscere meglio la situazione prima di fare considerazioni più approfondite.

  163. by Stefano

    @ t.o. Grazie, ma non per tutti.
    Piccolo OT: nell’ultima settimana le due persone più cordiali e disponibili con cui ho parlato sono state un Moldavo e un Ungherese, mentre oggi sono stato trattato … da un amico Italiano che conosco da quasi 10 anni (per la verità non nuovo a questo tipo di “uscite” …).
    Cosa devo concludere?

  164. by Tommaso

    Notizia straordinaria, davvero, per mille motivi: Camila sarà seguita da uno staff medico competente, avrà se vorrà a disposizione dei tecnici e dei campi, oltre che degli sparring e forse anche qualche soldino. Chissà cosa dovrà concedere in cambio (interviste con supertennistv? il loghettino della fit sulle divise da gioco? giocare in Fed? Può essere…), ma che la FIT si sia finalmente avvicinata è un buon segno, hanno finalmente capito cosa vale Camila. C’è chi si stupisce perché avrebbe preferito che la Federazione investisse sulla numero 666 del mondo: investono sulla 148, perché non dovrebbero sulla 93? Però lo stesso (stra)parla di scuole, iscrizioni e trasferimenti… Uno può trasferire le proprie cose e ripartire per giocare in giro per il mondo, cosa che, se fai il tennista, è abbastanza la norma…

    Poi una domanda: qualcuno ha un maalox?
    “Difficile la vita dei trombettieri, ma ancor più dura quella dei “responsabili” di siti sui quali non possono mai dire niente di interessante, perchè le cose vengono comunicate loro a volte dopo che sono già apparse altrove. Magari su Ubitennis…”

    Spaziotennis e Livetennis hanno pubblicato questo articolo, copincollandolo, alle 18.46 (livetennis). Per di più scrivendo che la notizia era stata appresa da questo sito. Ubitennis ha pubblicato le stesse parole, omettendo la fonte, alle 18.56… Insomma, io capisco l’astio e il rancore verso i gestori, ma qui si parla di malafede, caro Tafanus: come sarebbe stato possibile per Alberto e Matteo scrivere le stesse identiche parole DOPO Ubitennis e farsi citare come fonte PRIMA che Ubitennis avesse pubblicato l’articolo? Dai, apri gli occhi e smettila di voler spalare pupù sempre e comunque…

  165. by t.o.

    @Stefano Non ti curar di lor, ma guarda e passa……..sei sempre il benvenuto………

  166. by t.o.

    Diamo briglia sciolta alla fantasia….e alle supposizioni.
    Tutto ciò che scriverò sarà solo frutto della mia fantasia e dei miei processi mentali. Non ho nessuna informazione riservata, (e se anche l’avessi non ve lo direi)…..
    Camila fa la pace con la FIT. Io credo sia meglio dire Sergio scende a patti con la FIT. Non credo che Camila abbia mai litigato con qualcuno….figuriamoci con la FIT. Non vi sognate nuovi allenatori. Camila manterrà il suo staff (suo padre). Sarà lontana dall’Accademy di Kolzof ma non per questo smetterà di seguire i suoi consigli.
    Quando il dottor Parra ha visto la spalla di Camila ha telefonato a Barazzutti e gli ha detto: Brutto cretino, se questa qui ha fatto l’ultimo Wimbledon con la spalla in queste condizioni, se poco poco te la aggiusto un po io, ma solo un po…hai trovato il secondo singolo per vincere la Fed Cup.” Così va letto il: ” …il merito se la situazione si è sbloccata va al 100% al prof. Parra” Cosa altro avrebbe potuto dire il Prof. Parra alla FIT. Chi doveva allenare Camila? Ma non scherziamo. Lui ha solo detto che se la spalla va a posto Camila migliora del 20% le prestazioni di questi ultimi mesi. Che non sono poi così male. Circa 300 punti in tre mesi. E beccando un sacco di top20 nei primi turni. Se si fa un percorso un po più prudente (100K Vancouver l’anno scorso aveva TdS 1 Minella Tds 2 Olivia Rovodska) in top 100 si rientra in un mese….due buoni tornei tra Cincinnati, US Open e Quebec city (due su tre, anche se il terzo fosse US Open) Bastano dei sorteggi normali. Nessuno chiede di estrarre la WC di turno. E’ successo a Wimbledon e ringraziamo la sorte. Ormai sappiamo che tolte alcune tenniste (non per classifica ma per tipologia) Camila se la può giocare contro tutte. Se capitano “quelle alcune” magari al primo turno di US open…..pazienza……Due su tre oltre al 100K (4 tornei con una media di 80 pt. a torneo…è una previsione realistica) Altrimenti perchè il prof. Parra si sarebbe preso la briga di “facilitare il riavvicinamento”. Sono mesi che ci chiediamo come sta la Spalla di Camila. Sono mesi che diamo dell’incompetente a Sergio perchè “avrebbe sbagliato” nella gestione dell’infortunio. Ora a quanto pare il dottorLaser ha detto che tra 4 settimane Camila potrà scendere in campo in un ITF. E’ un ITF non è un GS. Se il dottor Laser da il via libera al rientro significa che per quella data Camila dovrebbe essere guarita e può ricominciare a giocare. 4 settimane di fermo però significano anche che oggi Camila è il 10 o il 20% sotto le sue possibilità. E se in queste condizioni ha conteso la partita ha una che ha fatto a Polpette tutte quelle che le sono capitate sotto dopo Camila…..questo ha pensato il dottor Parra…..per questo ha telefonato a barazzutti e gli ha detto: “……………………………………

  167. TEUS by TEUS

    Mi ritengo soddisfatto di questa notizia perché Camila ha innanzitutto bisogno di essere tutelata fisicamente. Perlomeno da ora non capiterà più di perdere mezza stagione a causa di una tendinite. Rimango dell’idea che la “bimba” abbia più bisogno di un supporto mentale in questa fase della sua carriera piuttosto che di una guida tecnica (imparerà con l’esperienza cosa è meglio fare e non fare sul campo dal momento che ha talento da vendere e il carattere giusto per imporsi ad alti livelli). A tavolino, la si può giusto instradare, niente più. Quindi deve giocare, giocare e giocare!
    Entrerà a far parte di un team e questo fatto potrebbe rilevarsi molto importante per darle tutta quella serenità che necessita in questo momento. Potrà concludere insomma quel processo di maturazione tennistica che, negli ultimi anni, ha avuto troppi mometi di stallo.
    C’è ancora anche tempo per concludere la stagione con una discreta posizione nel ranking… Vamos, Camila, vamos!

  168. by cristian

    @Giovanereale: la Burnett è allenata da Tathiana Garbin, non dalla Golarsa.
    Io credo che sarà semplicemente seguita da un valido team, nuovi sparring partner,si allenerà sempre col padre affiancato magari da qualcuno ancora più competente, non credo scelga subito un nuovo coach.

    L’accordo (mio parere personale) sarà soldi e aiuti, in cambio Camila dovrà scendere con la maglia azzurra in Fed Cup, qualora venga convocata, poi ci saranno talmente tante cose dietro…boh

  169. by Stefano

    Questa è la notizia che finalmente mi ha fatto ritornare la voglia di scrivere ancora quassù!!!
    Intendiamoci, non che fosse colpa di Camila o di qualcuno in particolare … ma dopo la sua sconfitta con la Bartoli volevo quasi spaccare lo schermo del PC, tanto ci sono rimasto male!!!
    Veramente non meritava di perderla quella partita, giocata secondo me molto meglio della precedente.
    Purtroppo, però, le non perfette condizioni fisiche e l’inesperienza hanno fatto la differenza …
    Ma ora, finalmente, tutto può cambiare, anzi … CAMBIERÀ, e di sicuro non in peggio.
    Magari occorrerà un anno ancora, magari due … ma sono certo che d’ora in avanti le cose finalmente andranno per il verso giusto (come tutti noi speravamo andassero da anni).
    Sono molto contento anche che il tutto sia stato mediato dal mitico prof. Parra (che già avevo indicato tempo fa come una delle persone che qui in Italia meglio potevano occuparsi del problema di Camila).
    Sono proprio contento questa sera …
    manca soltanto una vittoria di “Acebine” domani e una (probabilmente contro la “giustiziera” di Camila) sabato, e tutto sarà andato per il meglio!!!
    Forza, che il cambiamento tanto invocato sta per iniziare (anzi, è già iniziato!!!).

  170. by Nicola

    Benvenuti!

  171. Giovaneale by Giovaneale

    Anche a me sembra un ottima notizia anche se non si conoscono i dettagli..chi la allenerà,chi la seguirà atleticamente (fino ad ora la sua forma fisica era il suo punto di forza,spalla a parte)..si saprà di più nei prossimi giorni o almeno speriamo!Se finisse nelle mani della Golarsa non sarei molto felice perché non mi piace il lavoro che sta svolgendo con la Burnett ma ripeto,staremo a vedere.
    Ricordo che Pennetta e soprattutto Errani hanno fatto il salto di qualità con allenatori spagnoli e non italiani ma la cosa comunque positiva è che finalmente i Giorgi hanno aperto alla Fip ma soprattutto la Fip ha ceduto alla classe di Camila..abbiamo rischiato lo psicodramma,ci hanno negato di vedere Camila a Roma per due anni di fila..finalmente è finita la telenovela.

  172. Eulondon by Eulondon

    Spacca tutto cami!!!! e torna presto a Londra! 🙂

  173. gimusi by gimusi

    la bimba torna a casa finalmente!!!

  174. Lino by Lino

    Eddai, che l’anno prossimo ci beviamo una birretta insieme a roma durante gli incontri di Càmila! 😀

  175. by Andre

    Wow che notizia fantastica!!!! Bravissimi a tutti e bravissimi sui vostri commentixxxx

  176. Nic by Nic

    OTTIMA NOTIZIA !!!!!!!
    UNA VOLTA SISTEMATA LA SPALLA SI POTRA’ LAVORARE IN MODO Più SITEMATICO ATTRAVERSO UN TEAM E UNA PROGRAMMAZIONE CHE CERTAMENTE PORTERA’ I SUOI FRUTTI.
    PROPRIO PERCHE’ CREDO NEL TALENTO CRISTALLINO DI QUESTA RAGAZZA MI SENTO DI POTERE AFFERMARE CHE OGGI NON HANNO VINTO NE LA FIT NE I GIORGI, MA, L’INTERO MOVIMENTO!!!
    FORZA CAMILA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  177. Madoka by Madoka

    Credo possa essere una buona/ottima notizia ma per esserne sicuri bisognerebbe sapere in ccosa consiste questo accordo.

    Matteo ? Alberto ? Si può sapere qualcosa in più ?

  178. by Iacogol

    Un’altra buona notizia e’ che il prossimo anno vedremo Camila a Roma.
    Non vedo l’ora, vai Camilaaaaaaaa!!!!

  179. by t.o.

    “APPRENDIAMO DAL SITO UFFICIALE DI CAMILA GIORGI………”
    Così parte l’articolo di Live tennis . it sulla notizia del rientro di Camila in Italia.
    Bravo Matteo, bravo Alberto, bravo Sergio.
    Questo vale come un 6-0 6-0 (siamo orgogliosi di essere “parte integrante” di questo sito)
    Questo è il sito ufficiale di Camila Giorgi…….le notizie si prendono da qua….
    Per il resto mi sembra un’ottima notizia…..Sergio è una persona molto “attenta”….avrà valutato bene Costi/Benefici.
    Vaiiiiiiiiiii Camilaaaaaaaaaaaaaa

  180. Hector by Hector

    Ma non dipendera’ da come e con chi si allenera’ il successo dell’operazione? Non vorrei rompere le uova nel paniere ma per ora la buona notizia e’ soltanto economica, il resto e’ da verificare.

  181. by Fabio Massimo

    GRANDE!!!!!!!!!!

  182. by antonelo

    Vamooooooooooooooooooooooooooooos! Finalmente!

  183. by Andrea

    Non si potrebbe chiedere di meglio!!!!!!

  184. by effeemme

    sono commosso!
    per ora non riesco a dire altro…

  185. Lino by Lino

    wow, che notiziona!
    Forza Càmila recupera presto dall’infortunio e fagliela vedere a tutti quelli che ti hanno snobbata!
    Càmila tutta la vita!!

  186. by Boy

    Tutte ottime notizie!!!

  187. by cristian

    cosa ????? wow !!! notizia fantastica !! ora l’importante è curarsi, e tornare a giocare!! forza cami !!

  188. Pingback: Giorgi-Fit: Accordo! « SPAZIO TENNIS

  189. Pingback: Camila Giorgi - Pagina 49

Leave a Reply