camila_slider_005

Camila tornerà in campo tra qualche settimana, spera nel torneo “di casa” a Indian Wells ma la sua presenza non è assicurata. Di certo non ci sarà a Midland né a Florianopolis. L’infortunio alla spalla di novembre è tornato a tormentarla da Brisbane. Ci spiega la situazione Sergio: “Da Brisbane, se colpiva troppo forte col diritto aveva dolore. Camila ha voluto comunque giocare a Melbourne, ma poi è stata costretta a fermarsi. Adesso facciamo fisico tutti i giorni, lavora con un fisioterapista per la spalla, fa palestra e sta anche sul campo dove per lo più facciamo tattica. Serve con la sinistra e gioca con la sinistra per non affaticare troppo la spalla. Di certo avrà bisogno di un mese di stop, speriamo di rientrare a Indian Wells ma fnché la spalla non sarà al 100% è meglio non rischiare. L’anno è lungo…”.

______

Camila will not compete in Midland nor in Florianopolis due to a shoulder injury. “We’re working in the gym” Sergio said “and Camila is serving and playing some balls with her left hand. Hopefully she will be able to compete in Indian Wells, but only if shoulder will be 100% fit”.

About the author

Alberto Brumana

Alberto Brumana - Nato in Piemonte nel 1979, vive da 15 anni a Milano, è giornalista pubblicista e lavora a Sky Cinema. Appassionato di tennis, ha scritto in passato di sport per quotidiani locali e ha gestito per 2 anni TennisBlog. Dopo aver visto per la prima volta Camila al Bonfiglio 2006, nel 2009 ha fondato CamilaGiorgi.it. E-Mail: alberto.brumana@camilagiorgi.it. Twitter: @AlbertoBrumana

  • US Open, Camila out in tre set con la Stosur
    US Open, Camila out in tre set con la Stosur
  • Camila perde con Elena Vesnina a New Haven, ora andrà agli US Open
    Camila perde con Elena Vesnina a New Haven, ora andrà agli US Open
  • Camila esce al terzo turno di quali a New Haven, ripescata come LL, sfiderà la Vesnina
    Camila esce al terzo turno di quali a New Haven, ripescata come LL, sfiderà la Vesnina
  • WTA New Haven, Camila al secondo turno di quali
    WTA New Haven, Camila al secondo turno di quali

230 Comments. Leave your Comment right now:

  1. by Tafanus

    T.o.: non si sforzi: con lei non discuto. Le discussioni sul nulla mi annoiano. Quando poi queste presuppongono anche la lettura di post chilometrici, mi annoiano in proporzione.

  2. Lino by Lino

    Da oggi Camilla è 73° !!
    Vamoss, ti attendiamo con grande impazienza 😉

  3. biglebowski by biglebowski

    Biglebowski, io non sto contestando il criterio con cui è costruita la slassifica, sto contestando il fatto che non possiamo prendere come reale dimostrazione dei valori in campo un qualche cosa che basa il proprio giudizio sulla “storicità” dei rendimenti dando invece poco peso a quello che si è fatto nell’ultimo periodo.

    una classifica che tenesse conto degli ultimi sei mesi sarebbe relativa a praticamente solo a tornei sul cemento (o affini) e penalizzerebbe, oltre a chi si esprime meglio su altre superfici, coloro che hanno avuto qualche infortunio in maniera eccessiva.

    rino tommasi costruiva delle personalissime classifiche che tenevano conto solo dei tornei del grande slam: specialmente in campo maschile considerando il tre su cinque sosteneva essere le più veritiere.
    probabilmente è abbastanza vero per i primi posti, ma per le retrovie è a mio parere è troppo soggetta ai sorteggi. tutto sommato l’attuale sistema, tra l’altro concordato tra atp o wta e associaziozioni dei giocatori è il meno peggio. un tempo si assegnavano punti ulteriori in proporzione alla qualità delle vittorie, quando si batteva un tennista che occupava un posto nei top 10 o top 20 si ottenevano dei bonus; ma anche questo sistema aveva controindicazioni immaginabili (ad esempio la vittoria per ritiro di camila su errani le avrebbe dato un bonus immeritato).

    alla fine leggendo l’attuale ranking wta mi sembra che sia tutto sommato veritiero: le prime 2 sono vicinissime ed è sostanzialmente un primo ex-aequo, fatico a trovare una delle prime 10 che non lo sia di fatto eccetto forse stosur che viene da un brutto periodo (peraltro sembra in ripresa) a vantaggio di stephens che se si dimostra costante in un paio di mesi sta lì.
    chi fa risultati importanti sale piuttosto velocemente e chi li ha fatti l’estate scorsa è giusto che li conservi per un periodo appropriato.

    buona notte

  4. by t.o.

    @Stefano “E’ stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme che si sono sperimentate finora”( Winston Churchill).
    La stessa cosa si potrebbe dire delle regole che formano la classifica.
    La risposta giusta l’hai data tu all’interno del tuo intervento. Le classifiche servono a tante cose, non certo a fotografare l’attuale stato di forma di un’atleta. Ma questo permettimi vale solo per posizioni molto vicine. Se andiamo per gruppi più o meno omogenei esempio: le prime 4, da 5 a 15, da 16 a 32, da 33 a 60, da 61 a 100 (con tutte le elasticità del caso) la fotografia è sempre abbastanza veritiera. Considera però anche il risvolto economico che una classifica così lenta ad adeguare le posizioni regola. Se io fossi il manager di Camila (o di una che ha costruito la classifica come lei) mi sentirei protetto da questo tipo di calcolo e potrei scegliere una programmazione più aggressiva. Dovessi garantire una “rata” di punti mensile o trimestrale magari sarei costretto ad inserire 1 o 2 itf al mese. Non potrei rischiare di essere fuori dai MD dei GS perchè mi verrebbe meno la sicurezza del budget economico su cui ho basato la stagione. O lo sponsor che investe su di me dei soldi dopo un risultato eclatante vuole essere certo che quel risultato mi garantisca la presenza ai tornei più importanti almeno per un anno. O peggio: dove sarebbe in classifica Flavia con un azzeramento delle classifiche ogni 3 o 6 mesi?. Perciò lasciamo le regole come sono. Dobbiamo essere noi a darci la regola che le valutazioni nel tennis sono le più difficili tra tutti gli sport professionistici. le classifiche sono solo uno degli indicatori. Non facciamone una “Bibbia”. Anche i giri d’italia sono stati vinti da qualcuno che non ha mai vinto una tappa. Se lo ricorda solo sua madre. alla storia passano altri. Che magari non hanno mai vinto il giro……

  5. by Stefano

    … classifica …

  6. by Stefano

    Biglebowski, io non sto contestando il criterio con cui è costruita la slassifica, sto contestando il fatto che non possiamo prendere come reale dimostrazione dei valori in campo un qualche cosa che basa il proprio giudizio sulla “storicità” dei rendimenti dando invece poco peso a quello che si è fatto nell’ultimo periodo.
    A fine 2011, secondo me, la Kvitova meritava in maniera sacrosanta di finire almeno l’anno da n°1 al mondo, visto che in quell’anno è stata l’unica ad aver vinto un Major, una Masters Cup e pure la Fed Cup (vincendo tutte le partite).
    E invece il primato è rimasto ad una tale danese di origini polacche che nulla aveva fatto di eccezionale (e probabilmente nulla farà mai) per meritare tale titolo (a parte giocare una moltitudine di tornei vincendo soltanto quelli di bassa fascia).
    L’anno scorso, invece, è toccato a Vika rimanere n°1 al mondo … ma Serena aveva vinto ben 2 Slam, un’Olimpiade ed una Masters Cup, contro il solo Slam della bielorussa (contando soltanto i tornei più importanti).
    É chiaro, a mio avviso, che la classifica non rispecchia il reale stato di forza (o di forma) delle giocatrici in quel momento dell’anno, ma è soltanto una testimonianza del rendimento delle ultime 52 settimane.
    Con questo, non sto dicendo che la classifica non conti o sia da buttar via … ma che dobbiamo smetterla di attribuirle quel significato quasi “mistico” che in realtà non ha.
    La classifica serve principalmente come indicazione per compilare il tabellone dei tornei, e non ha un valore che vada molto oltre questo, in quanto non tiene conto degli infortuni, degli H2H, dello stato di forma attuale delle giocatrici, di quanto hanno vinto in carriera …
    Lunedì Vika perderà la prima posizione del ranking in favore di Serena, ma il computer non sa che la bielorussa l’ha appena battuta dopo quasi 4 anni che non ci aveva più vinto contro.
    É paradossale che succeda proprio in questo momento, ma, numeri alla mano, le regole implicano che succeda ciò.
    Giusto, non giusto?
    Probabilmente questo metodo di calcolo (comunque migliorabile, dando ad esempio maggior peso ai tornei più importanti) è il metodo di giudizio più equo ed oggettivo, ma questo non significa che rispecchi la verità.
    Tutto qui.

  7. by t.o.

    @Tafanus Questa frase l’ho presa proprio dalla pagina di Wikipedia che mi hai consigliato…….. “Ogni domanda intorno al “soggetto”, all'”oggetto” e la loro “relazione”, dunque tra “io” e “mondo”, è anche una domanda ontologica.” Come vedi hai tu stesso confermato che il mio utilizzo del termine “ontologico”, usato per identificare una disputa sui concetti di “soggettivo” e di “oggettivo” non era sbagliata. (detto tra noi sono contento che verifichi su Wikipedia il significato delle parole che uso…evita fraintendimenti)
    La prossima volta, invece di darmi dell’imbecille perchè uso un termine appropriato, chiediti cosa dovrei dire io di te che farcisci i tuoi interventi con una serie di bugie:
    “Ebbene, fra il 21mo e il 22mo compleanno solo tre tenniste erano già fra le top 50.” riferito a francesca sara e flavia e “è un dato di fatto oggettivo che tre settimane dopo chi forse avrebbe potuto fermarla al 1° turno si è dovuta ricostruire l’85% di un tendine”. Sono queste le bugie su cui basi i tuoi ragionamenti. Sono queste le frasi tue di cui devi rispondere. Ma tu non rispondi mai quando ti si sbattono in faccia le tue “maliziose interpretazioni sul tempo e sullo spazio”. Se per te 49 giorni sono tre settimane e il 22esimo compleanno si festeggia sei mesi dopo il giorno in cui tutti ti fanno gli auguri, allora penso che il termine ontologico e l’ontologia come branca filosofica abbia bisogno davvero di un tuo approfondimento.
    Come ti detto, ho letto la pagina che mi hai suggerito. Non è scritta male. Studiala bene, dopo puoi passare a Ludovico Geymonat. Sul tema dell’oggettivo e del soggettivo è forse uno dei filosofi più acuti…..

  8. by Tafanus

    Il solito CT alquanto imbecille scrive:

    “Non penso sia questo il sito per un discorso ontologico sul significato e sull’essenza di Oggettivo e Soggettivo.

    Torniamo terra-terra. Il tempo è (o facciamo finta che sia) un dato oggettivo.
    Tafanus dice (testuale): “è un dato di fatto oggettivo che tre settimane dopo chi forse avrebbe potuto fermarla al 1° turno si è dovuta ricostruire l’85% di un tendine” FALSO (al di là della sintassi sconclusionata) ”

    La sintassi sconclusionata si userà a casa sua. A casa nostra no. Ma, sempre per la serie “ci dimostri di non essere il solito stronzetto tutto chiacchiere e distintivo”, possiamo sempre giocarci un migliaio di euro lasciando decidere circa la sconclusionatezza della mia sintassi a chi ne padroneggia una (magari una terna di professori di lettere?)

    Vede, stroonzetto, se questa non le sembra la sede adatta per discutere di questo o di quello, nessuno la obbliga con una P38 alla tempia ad inserirsi in una discussione dalla quale lei è fuori.

    L’ontologia, caro stronzetto, non c’entra una minchia. E per rendersene conto, non è necessario aver frequentato un corso si laurea nl filosofia. Basta un semplice click su Wikipedia, strumento certamente più adatto alla sua “qultura”

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ontologia

  9. biglebowski by biglebowski

    il motivo per cui si è deciso di considerare la classifica relativamente alle ultime 52 settimane è in funzione di alcune considerazioni piuttosto logiche:

    1) giocandosi il tennis su superfici diverse e avendo gran parte delle atlete rendimenti differenti sulle varie superfici, una valutazione a minore spazio temporale privilegerebbe, a secondo del periodo, le specialiste di una sola superficie.

    2) nell’arco di un anno e con un numero limitato di tornei calcolabili eventuali stop forzati di limitato periodo vengono metabolizzati.

    ovviamente tutto è migliorabile, ma raramente la classifica così costruita risulta bugiarda.

  10. by Stefano

    Premetto che non ho visto che 2 minuti del match tra Serena e Masha, quindi non posso dire perchè la siberiana abbia perso così nettamente laddove un’Azarenka oggi ha vinto e l’altro giorno una Kvitova in via di recupero ha rischiato di vincere (era avanti ad inizio terzo set).
    Una cosa è certa: Serena sta cominciando a sentire tutti i suoi 31 anni.
    Nei suoi momenti top è ancora ingiocabile per chiunque (quando è al servizio), ma quando commette due-tre errori gratuiti di fila … diventa possibile per diverse giocatrici batterla (anche per una come la Stosur).
    Vika oggi ha giocato al meglio delle proprie possibilità, e, francamente, non vedo come possa giocare meglio di così (sia tatticamente che mentalmente).
    Non mi aspettavo un’Azarenka così in palla, e devo dire di averla un po’ sottovalutata ultimamente.
    É ironico pensare che proprio ora che da domani Serena ritornerà n°1 al mondo, proprio ora … la n°1 del computer che fino a questo momento ci aveva sempre perso, ora l’ha invece battuta.
    Salvo il forfait a Brisbane, Vika quest’anno non ha ancora perso un match, e secondo me sta legittimando ancor più dell’anno scorso la sua leadership.
    Proprio ora, però, il computer ha deciso che la n°1 deve diventare la minore delle Williams, che dopo aver dominato ampiamente la seconda parte della stagione l’anno scorso, ora è invece stata battuta per la prima volta (dalla finale di Miami 2009) dalla bielorussa.
    Io sono sempre dell’avviso che, il computer saprà anche fare i conti, ma ci mette un anno prima di capire quali sono le reali gerarchie in campo.
    Ecco perchè penso che certe fissazioni sul ranking calcolato sui punteggi dei tornei dell’ultimo anno siano un po’ ingiustificate.
    Sarebbe bello se quest’anno le gerarchie tra ATP e WTA si scambiassero di ruolo: negli uomini due dei 4 “Fab Four” probabilmente lasceranno il passo, mentre tra le donne sarebbe molto bello se Serena, Vika, Masha e Petra (ancora un po’ ci spero) ingaggiassero una bella rivalità a 4 come hanno fatto gli uomini negli ultimi 3-4 anni.

  11. TEUS by TEUS

    Per me è più una questione di costanza, t.o. In pratica non è sufficiente saper giocare un set ad altissimi livelli. Giocare da top ten significa piazzarsi in quasi tutti i tornei a cui partecipi anche nei periodi in cui non sei in perfetta forma. Avevo individuato Ferrer in campo maschile e ora aggiungo Rad grande in quello femminile. Loro sono il prototipo del top ten a mio avviso.

  12. by GIEMME

    mi son deliziato oggi, guardando quasi tutta la finale.
    davvero fantastica.
    un altissimo numero di vincenti da ambo le parti, accompagnato anche da un elevato numero di errori.
    degli Ace di serena, davvero folgoranti.
    e dei proiettili di Vika, spesso imprendibili anche per la W.
    che dire:
    resto dell’ idea che Serena sia al momento ancora la piu’ forte del mondo.
    se oggi ha vinto Vika, ne sono felicissimo per lei.
    ma la superiorita’ di serena è ancora evidente.
    il match è stato perso da lei, per via dei troppi errori commessi…
    prima di essere stato vinto dalla Bielorussa.
    in ogni caso, è stato davvero uno spettacolo…

    riguardo la lunga discussione su chi merita o meno essere menzionata come promessa tra le Italiane,
    mia opinuone soggettiva, è che dopo sara, dopo Roberta, dopo Flavia…
    il 4° posto spetta a Camila.
    sono i risultati degli ultimi 6/12 mesi, un periodo attendibile per fare valutazioni, che lo dicono chiaro.
    oggi la Leonessa che tanto stimo anche, per risultati è sicuramente dietro Camila.
    e poi chi resta?
    la Knap, o la Burnet o la Brianti…
    obiettivamente nessuna delle 3 vale Camila per risultati ottenuti nel rettangolo di gioco…
    giudizio soggettivo o oggettivo… non mi interessa.
    i risultati sono visibili a tutti!

  13. by t.o.

    @teus Il match di oggi spiega più di 2000 parole il mio concetto di top ten.Per me una top ten (non di classifica ma di livello) deve saper giocare almeno un set al livello dei tre che abbiamo visto oggi.
    Saperli giocare così tutti e tre bisogna essere una top 4. E quello è un’altro pianeta……

  14. TEUS by TEUS

    Ottimo match oggi nella finale di Doha tra Azarenka e Williams.
    Credo che la chiave dell’incontro stia tutta nel tie break del primo set nel quale Serena, dopo aver recuperato da 2-5, ha sciupato un set point sul 6-5 e servizio per poi perdere 7-5. Nel secondo l’americana ha espresso forse il miglior tennis di cui dispone oggi aggiudicandosi il parziale per 6-2. Nel terzo però è uscita la maggior freschezza fisica della bielorussa che ha chiuso set e match col punteggio di 6-3.
    Dopo aver visto l’incontro ho qualche considerazione da fare: Serena (da domani di nuovo numero 1), nonostante i suoi 31 anni suonati, rimane la giocatrice più forte al mondo (ha senz’altro più potenza e più classe rispetto alle altre) ma non può più permettersi di perdere un primo set tiratissimo durato più di un’ora contro giocatrici del calibro di Azarenka (che ha otto anni in meno) e provare a vincere gli altri due senza potersi permettere passaggi a vuoto (imprese tipo quella all’US open le riusciranno raramente ormai). In più, tra non molto, arriveranno altre giovani rampanti (tipo Stephens) e per lei sarà sempre più complicato imporre la propria leadership.
    Detto ciò complimenti ad Azarenka che è riuscita a tenere un ritmo altissimo da fondo per praticamente tutto il match (nel secondo Serena l’ha sommersa di vincenti e c’era ben poco da fare) e ha mostrato nel terzo una solidità mentale da vera campionessa.

  15. by t.o.

    Non penso sia questo il sito per un discorso ontologico sul significato e sull’essenza di Oggettivo e Soggettivo.
    Torniamo terra-terra. Il tempo è (o facciamo finta che sia) un dato oggettivo.
    Tafanus dice (testuale): “è un dato di fatto oggettivo che tre settimane dopo chi forse avrebbe potuto fermarla al 1° turno si è dovuta ricostruire l’85% di un tendine” FALSO (al di là della sintassi sconclusionata)

    Tre settimane dopo la sconfitta con Camila è il 14 luglio. Flavia si sta bellamente allenando per le Olimpiadi che si terranno ancora due settimane dopo (28 luglio). E nelle tre settimane dopo la sconfitta da Camila cosa fa Flavia? Si ferma per curare il dolore al polso? NO. Gioca il doppio a Wimbledon giungendo fino alla semifinale. Perciò vincendo 4 partite (una per ritiro) e battendo le TdS 3 e Tds 9 e perdendo solo al 3°set contro Hlavackova/Hradecka . E alle Olimpiadi (perciò 5 settimane dopo) va a fare la comparsa da “malatina” solo per onor di firma? NO gioca contro la Cirstea (39°) e Vince. Poi gioca contro la Pironkova (57°ma che sull’erba di Wimbledon ha un Quarti 2011 e una Semifinale 2010) E VINCE. 7-5 6-1 Perciò vince anche bene. Perde solo contro la Kvitova. Ma la Kvitova è la 6° al mondo e Wimbledon nel 2011 lo ha vinto. E’ una che ha anche vinto la finale WTA in Turchia e che sull’erba dal 2010 ad oggi ha 23W e 5L. Flavia ci perde da quando la battè sulla terra in Fed (una Kvitova di 20 anni e 60° contro Flavia 28enne al top della carriera) E’ possibile pensare perciò che il polso di Flavia abbia condizionato solo la partita contro Camila. Non dimentichiamo che alle olimpiadi Flavia gioca anche il doppio insieme a Francesca altri 5 set tiratissimi di 58 giochi complessivi.
    Camila il turno dopo Flavia batte la Tatishvili 6-3 6-1 (con lo spaventoso differenziale di 24 puni su 84) e poi la Petrova 6-3 7-6 recuperando da 5-1 servizio Petrova. Del resto Flavia in 12 Wimbledon in carriera solo 2 volte ha superato il 3° turno. E ben 7 volte non ha superato il 2°. Considerato che 8 su 12 ha giocato Wimbledon da TdS significa che per Falvia è abbastanza frequente perdere a Wimbledon contro WC o Qualificate.
    Ma per il nostro solo il tendine ha condannato Flavia contro Camila. E per dimostrarlo falsa anche i giorni della settimana. Flavia si fermerà solo il 9 di agosto dopo essere entrata in campo ed aver giocato 5 game (perciò il giorno stesso avrà provato nel riscaldamento che tutto andava bene) . Sono passate 7 settimane e 10 incontri ufficiali tra singolare e doppio (Wimbledon e Olimpiadi non Roma Lanciani) giocati ad altissimo livello e in cui ha vinto 7 incontri su 10. Non male per una mutilata.
    Ricordate Sara? Quando ha abbandonato a Pechino non è stato perchè non avrebbe potuto continuare. Ma perchè ha preferito non pregiudicare il prossimo torneo ovvero la finale del WTA ad istambul. La Flavia che perde con Camila a Wimbledon invece sta talmente male con il tendine che, pur avendo il mese dopo le Olimpiadi (le sue ultime Olimpiadi) continua a giocare un doppio con Francesca. Due giorni dopo aver perso con Camila. O è una pazza. Oppure il tendine non è rotto all’85%. Questo avverrà più tardi.
    Il tendine è sicuramente già infiammato (abbandono a Roma) ma non abbastanza lesionato da farle rinunciare a Parigi dove perde solo con una Kerber n°10 in forte ascesa (sarà 6° entro 3 mesi). I Tendini sono come le corde di acciaio. sono formati da migliaia di singoli filamenti. Il fatto che il 10% o il 20% o anche il 70% di questi filamenti si rompa non fa perdere la funzionalità del tendine stesso. Lo rende solo più soggetto a possibilità di rottura. Lo potete vedere meglio con gli sciatori. Sciano al 100% e all’improvviso il ginocchio cede. I più anziani ricordano Menichelli alle olimpiadi di Tokio. Tanti salti mortali perfetti e all’improvviso il tendine salta. Anche in quel caso il tendine era parzialmente rotto. Ma quel “parzialmente” non impediva al ginnasta di fare al meglio i suoi salti mortali.

    Questi sono tutti fatti oggettivi. Così come è oggettiva la volontà di Tafanus. Cercare di Sminuire i risultati di Camila.
    E per farlo è disposto a scrivere: “è un dato di fatto oggettivo che tre settimane dopo chi forse avrebbe potuto fermarla al 1° turno si è dovuta ricostruire l’85% di un tendine” . E’ poco informato Tafanus? O è un tipo poco preciso? E’ possibile che dimentichi completamente le olimpiadi? O che dimentichi il doppio con Francesca? Una Semi a Wimbledon non capita tutti i giorni. Con una coppia tutta italiana poi.

    E’ disposto a negare ogni evidenza giocando su tutti i possibili appigli. Questa ultima è addirittura comica:

    “Oggettivamente Camila, coi suoi 21 anni, un mese e 17 giorni, se vogliamo arrotondare al tuo “circa X anni”, è una ragazza di circa 22 anni, più che una ragazza di circa vent’anni. Per la precisione” Non sarebbe stato più semplice dire “di circa 21anni” ?

    Riguardo poi le 21 enni potenzialmente più forti poi, se proprio vogliamo essere precisi, l’unica che a 21 anni ha fatto Semifinale in un GS è Silvana Lazzarino. Barazzutti la voleva chiamare per sostituire Flavia a Rimini. Purtroppo Silvana oggi ha 80 anni e perciò ha dovuto declinare l’invito……..

  16. TEUS by TEUS

    da parte MIA, pardon.

  17. TEUS by TEUS

    Sono i risultati a parlare nello sport, TAFANUS. Camila è attualmente la nostra migliore (per classifica e per risultati) giovane e quindi la più promettente. Sto solo ragionando obiettivamente, niente più (cosa che a te probablmente riesce difficile nel momento in cui leggi il nome Giorgi).
    Ne prendo atto e, come già detto, passiamo tranquillamente oltre.

    Completa disponibilità anche da parte, ci mancherebbe.

  18. by Tafanus

    TEUS, io credo che il livello di questa discussione, almeno per quanto mi riguarda, abbia abbondantemente toccato il pavimento. Non mi piace discutere per ore sulle opinioni. Tu hai le tue, che definisci “oggettive”. Io ho le mie, che più modestamente definisco “soggettive”. Mi rifiuto di annoiare ulteriormente gli altri con questa discussione sull’acqua tiepida.

    Sempre disposto a discutere con te, ma non per delle intere mezze giornate sulle stesse cose.

  19. TEUS by TEUS

    TAFANUS, il quarto turno di Wimbledon rimane un dato oggettivo comunque venga esaminato (Camila ha vinto altri due incontri dopo Pennetta). Per farla breve mettiamola così: fai un nome di una tennista italiana che oggi ha circa 20 anni (e non perdere tempo a fare inutili calcoli perché con “circa 20 anni” è chiaro che uno voglia dire “giovane”) che, esaminando esclusivamente i dati oggettivi dato che ti piacciono tanto, possa definirsi la vera promessa del nostro tennis.
    Un nome. Altrimenti passiamo serenamente oltre con la consapevolezza che non sei in grado di ammettere le evidenze se, chissà poi perché, risultano a te “scomode”.

  20. by Tafanus

    TEUS, di “oggettivo” nelle tue parole c’è solo l’incapacità di capiore cosa significhi “oggettivo”. Per te è un Grande Risultato Oggettivo il quarto turno di Wimbledom, per altri è un dato di fatto oggettivo che tre settimane dopo chi forse avrebbe potuto fermarla al 1° turno si è dovuta ricostruire l’85% di un tendine.

    Il secondo turno di Pechino è un dato “oggettivo”? Certo, lo ha giocato. Ma è provato oggettivamente che lo avrebbe fatto, il secondo turno, senza l’incidente alla Errani?

    Oggettivamente Camila, coi suoi 21 anni, un mese e 17 giorni, se vogliamo arrotondare al tuo “circa X anni”, è una ragazza di circa 22 anni, più che una ragazza di circa vent’anni. Per la precisione.

  21. by Tafanus

    Pur avendoci polemizzato mille volte per la sua gestione partigiana delle bannature, e per non aver mai voluto differenziare la posizione di chi COMINCIA ad ainsultare, e di chi RISPOMDE agli insulti, voglio questa volta spezzare una lancia in favore di Matteo Veronese.

    Nessuno di noi piò sapere se Matteo sappia qualcosa o meno, se i medici stessi sappiamo qualcosa o meno, e alla fine il team che ruota intorno alla Giorgi potrebbe avere le sue brave ragioni tattiche per non raccontarci proprio tutto.

    Non è lecito attaccare così a testa bassa. Io nel miei blogs di questi attacchi ne subisco moltissimi. Gente che cerca di spiegarmi come devo fare il blog. In genere rispondo che chi non è soddisfatto della conduzione, non è obbligato a seguire il blog. Anzi, potrebbe fare cosa utile insegnandoci a fare meglio con l’esempio: aprendo un suo blog (oggi esistono ottime piattaforme completamente gratuite – per esempio blogspot di Google), e facendoci vedere la luce.

    Ma criticare il lavoro altrui senza mettersi in gioco con una propria produzione, è alquanto comodo.

  22. by GIEMME

    ciao taf.
    per essere precisi, il torneo termina il giorno prima.
    il 25 inizia quello di Acapulco.
    penso dovrebbe essere presente anche li…

    comunque, non per voler fare inutili paragoni,
    ma solo perchè le vittorie e la classifica si costruiscono anche con una giusta strategia,
    in questo torneo Camila sarebbe stata TDS.
    spero che la strategia improntata su una crescita lenta ma costante, sia ancora nei loro programmi…
    vedi ad esempio il prossimo di Dubai.
    si presenta problematico gia’ anche per Sara…
    certo, è un 28/32/16… ma vai a farli i punti in un torneo del genere. se ci riesci…

  23. by Tafanus

    Giemme, ho provato una forte emozione nel rivedere, dopo oltre 5 mesi, il nome di Flavia in un tabellone. Entra come tds n° 5, e quindi in teoria si ipotizza che possa arrivare ai quarti. Il 25 compie 31 anni, e sarei felicissimo se fosse ancora in gara, quel giorno

  24. by fabio

    ho il responsabile di questo sito è un tarocco
    o camila non gli risponde al telefono
    o non si impegna nemmeno a sentire camila
    o il silenzio stampa dura come l’infortunio
    oppure il sito è na bufala per noi poveri creduloni
    o più notizie su camila in argentina che qui
    nel torneo wta brazil cè camila
    è vero non è vero chi lo sa
    devo andare in brasile per sapere qualcosa
    o i professionisti di questo sito ci diranno qualcosa????

  25. by GIEMME

    in assenza di notizie sul fronte Giorgi,
    ringrazio Cristian per gli auguri a Flavia e spendo due minuti del mio tempo per parlare ancora una volta di lei…
    questa ragazza da anni è la mia tennista preferita ( per chi non se ne fosse accorto).
    spero con tutto il cuore che un giorno Camila possa prendere degnamente il suo posto e credo come afferma Teus, che al momento lei sia quella tra le nostre giovani, a destare maggiore speranza per il futuro…
    ma Flavia è speciale.
    non per la sua avvenenza, che tuttavia ho sempre considerato nella media.
    anche nel mondo del tennis professionistico, di certo ci sono ragazze molto piu’ carine di lei.
    ma personalmente la gonnella al vento, non è la ragione che mi fa seguire questo sport.
    Flavia è speciale perchè coniuga in se, la classe cristallina, capace di farle vincere i match piu’ insidiosi,
    con la caparbieta’ di ritornare dopo ogni infortunio subito, sempre piu’ forte di prima…
    il suo 2011, fu davvero magico.
    in quella stagione riuscì a battere tutte le allora piu’ forti tenniste.
    ricordo come fosse ieri, il match agli US open, con Masha.
    ricordo la faccia imbufalita di Masha, come se fosse stato solo ieri.
    la faccia di chi si rendeva conto che il match le stava sfuggendo di mano, minuto dopo minuto,
    a vantaggio di una Flavia mai indomita nei suoi confronti.
    la stessa faccia che ho rivisto oggi, nel finale di match, perso contro Serena…
    Flavia è speciale.
    per tutta la sfortuna che l’ ha tormentata nel corso della sua carriera…
    per i tanti infortuni patiti… senza di essi, forse sarebbe arrivata molto piu’ in alto del 10° posto della classifica, in un’ era in cui essere top ten, era certamente diverso da oggi…
    Flavia compira’ 31 anni, il prossimo lunedì.
    il mio piu’ grande desiderio per lei adesso, è che sappia trovare da subito il feeling giusto,
    che le permetta di arrivare il piu’ lontano possibile, in questo torneo che è e puo’ essere ampiamente alla sua portata.
    una vittoria insperata al momento, sarebbe il regalo piu’ bello per il suo compleanno.
    un regalo che non voglio lei debba fare a noi, suoi sostenitori…
    ma semplicemente a se stessa.
    torna a volare alto, bellissimo cigno di cristallo!!!

  26. by cristian

    Fuori Burnett e Dentoni nelle quali di Bogotà.

    Burnett era in vantaggio 7-6 5-3 , peccato.

    Mi unisco a Giemme, e faccio un grande in bocca al lupo a Flavia!

  27. by GIEMME

    è stato pubblicato il tabellone di Bogotà:
    Pennetta vs. Panova.
    Schiavone vs. qualificata.
    Knap vs. Birnerova.

    in bocca al lupo ragazze!!!

  28. TEUS by TEUS

    TAFANUS, vedo che proprio non afferri un concetto semplicissimo: io uso avverbi tipo “attualmente” quando indico in Camila la nostra giovane migliore e più promettente. Ribadisco che è oggettivamente così perché OGGI non ci sono altre tenniste italiane di circa 20 anni che hanno fatto quello che ha fatto lei (quarto turno a Wimbledon che è e rimane un dato oggettivo).
    Non vi è entusiasmo da parte mia ma forse solo un po’ di cocciutaggine da parte tua nel perseverare a negare delle evidenze.

    P.S.: ero già nato negli anni ’80 purtroppo.

  29. by Tafanus

    TEUS, la prossima volta fissami dei limiti cronologici. Così eviti di farmi perdere del tempo. Un’altra cos<: quando si scive "Questo credo sia oggettivamente vero”, a me cascano le braccia. No TEUS, quello che scrive TEUS, che scrive Tafanus, o che scrive Domineddio, sono solo le rispettabili OPINIONI di TEUS, di Tafanus o di Domineddio.

    A me hanno insegnato che bisogna usare con molta parsimonia il termine "oggettivo", specie se riferito alle PROPRIE idee. Le idee non sono oggettive perchè tue o mie.. Sono oggettive perschè suggrafatre dai fatti.

    Per esempio, il fatto che gli anni '80 siano "lontanucci" può essere un fatto (soggettivo) per chi quegli anni non ha vissuto, come può essere un fatto "soggettivo" il suo contrario, per chi quegli anni ha vissuto.

    Vedi, per te la Reggi è roba da museo delle cere alla Stazione Centrale di Milano. Per me no. E sai perchè? Perchè a metà anni '70, quando io spendevo tutti i miei soldini per seguire Panatta a Roma, poi a Parigi, poi a Londra, la Reggi aveva dieci anni. E non era neanche in Italia, perchè era talmente "museo delle cere" che l'anno prima, a nove anni, aveva già fatto la sua valigetta, e si era trasferita – senza codazzo di parenti, ammiragli e fans – all'accademia di Nick Bollettieri (prima italiana ad approdarvi).

    La preistoria era passata, TEUS, ma tu forse non eri ancora nato, e non te ne sei accorto. Non si giocava più con le Maxima Torneo o con le Slazenger in legno, ma erano già arrivate da un pezzo le Wilson in alluminio, le Premier in lega leggera, le Artur Ashe in composito…

    Ti fornisco qualche altro dato "oggettivo". la Reggi era talment indietro rispetto alla "Nostra Cami", che a 16 anni ha vinto l'Orange Bowl (che, come certamente sai, ha il suo limite ai 18 anni). e a vent'anni ha vinto gli internazionali d'Italia.

    Vedi, illustrami, se puoi, i DATI DI FATTO che rendono la Cami la migliore ggiovane che abbiamo. Io (opinione soggettiva) sono d'avviso diverso. Fin dal vezzo di continuare – persino nella testata del blog, a definirla "ggiovane" quando non addirittura "bimba". Ho un diverso concetto ("soggettivo" di "bimba".

    Troppo antica la Reggi? Bene, saltiamo di dieci anni, e andiamo a Rita Grande (classe 1975): a fine 1990 è n° 407; chiude il 1991 al 183mo posto. Nel 1995 (vent'anni) chiude raggiunge la 74 posizione, dopo aver giocato nella seconda parte dell'anno solo WTA.

    Ecco, i dati che ti ho riportato sono "oggettivi". Le tue affermazioni entusiastiche sulla Giorgi sono rispettabilissime "opninioni" personali.

  30. TEUS by TEUS

    Avevo detto negli ultimi anni, TAFANUS. Gli anni ’80 sono lontanucci…
    Comunque salti puntualmente a piè pari il fulcro del mio discorso: “Camila è attualmente la migliore giovane che abbiamo e, anche solo guardando i risultati, la più promettente. Questo credo sia oggettivamente vero”.

  31. by Tafanus

    TEUS, io non “rispolvero”. Hai chiesto di fare un nome, uno solo, di un’italiana che abbia raggiunto i quarti in uno slam, e l’ho fatto. Ti ho raccontato la storia di quanto di più abbia fatto Raffaella Reggi fino all’età di Camila a Wimbledon.

    Prendo atto, ma per rispettare il tempo degli altri, la prossima volta evita di rivolgere domane le cui risposte non ti interessano.

  32. Matteo Veronese by Matteo Veronese

    Capita di passare una mezza giornata a letto con la febbre e non essere immediatamente “sul pezzo”. Ho editato io i commenti contenenti insulti, per il futuro con Alberto confidiamo nella maturità di tutti gli utenti.

    A breve contatteremo nuovamente Sergio e Camila per avere aggiornamenti sul suo stato di salute e suoi nuovi programmi.

  33. by Stefano

    Oggi, per la prima volta dopo più di un anno, ho rivisto la giocatrice che vinse Wimbledon 2011.
    Peccato che sia durata soltanto per un set e mezzo, perchè la partita di oggi contro Serena si poteva benissimo vincere.
    Serenona oggi è tornata n°1 al mondo, ma, paradossalmente, oggi ha lasciato intravvedere tutta la sua età, con dei cali di concentrazione un po’ preoccupanti (ad esempio con il black-out di inizio terzo set).
    Se a Petra non si fosse “spenta la luce” tutto d’un tratto, probabilmente la Williams non sarebbe tornata oggi n°1 al mondo.
    Non so se la Serena di oggi basti a battere la Sharapova (che non ho ancora avuto modo di seguire), ma certamente può bastare a battere un’Azarenka che oggi ha battuto nettamente la nostra Errani pur non facendo nulla di eccezionale (per me Vika è molto forte … ma non riesco proprio a metterla sullo stesso livello di una Sharapova o Serena o Kvitova al 100%).
    Petra qualche settimana fa ha detto (o meglio scritto) di avere fiducia in lei, che sarebbe tornata … “strong”.
    Speriamo.

    Così come speriamo di rivedere presto anche Camila in versione … “strong”.

  34. by GIEMME

    grazie Taf per le foto.
    Flavia è stupenda!!

    a tutti:
    faccio fatica a seguire i vostri discorsi…
    sara’ stato il bicchiere di Montepulciano di troppo che mi sono concesso stasera… 😉

    diciamo che, si puo’ discutere anche in modo pacato, senza per forza doversi insultare a vicenda.
    qualche volta, si puo’ sbagliare e ammetterlo trovo sia un fatto di grande intelligenza.
    vi faccio un esempio:
    ieri sera parlando di Doha, ho detto una vera cazzata:
    ho affermato che tutte le 8 TDS erano approdate ai QF.
    ho sbagliato, perchè la Kerber era stata eliminata subito e Caroline non è TDS.
    ho SBAGLIATO!!! e mi scuso….

    come vedete, è facile.
    si puo’ fare benissimo…
    qui TUTTI SIETE UTILI.
    ogni utente porta il proprio contributo.
    chi piu’ chi meno… è tanto chiedere di andare un po’ daccordo? 😉

  35. by t.o.

    @tafanus Come spesso capita non hai capito. Tu scrivi “si sente in diritto di darmi del demente in malafede”.
    Te lo ho già spiegato: Se sei in malafede non sei demente. Se sei in buona fede allora ti consiglio una visita di controllo. Sei tu che scegli. E invece di cambiare discorso perchè non rispondi alla mia domanda? Questa frase “Ebbene, fra il 21mo e il 22mo compleanno solo tre tenniste erano già fra le top 50.” che non è la verità l’hai scritta in buona o in cattiva fede? io non ho bisogno di risposta.
    Ho già detto che sono sicuro della tua malafede. Perciò come vedi non posso averi detto demente. E’ chiaro o vuoi un disegno con le didascalie?

  36. by Tafanus

    GIEMME: ho pubblicato un piccolo servizio fotografico su Flavia a Sanremo. Sai dove trovarlo. Se trovo dei filmati, ti fornirò il link. Ciao

  37. TEUS by TEUS

    Mi sa che sei tu che non vuoi capire che sto parlando di un’altra cosa da due o tre commenti, TAFANUS.

  38. by Tafanus

    Teus, continui a non capire. Te lo spioego per l’ultima volta, poi rinuncio, perchè anche la mia pazienza didattica ha dei limiti: la casella “22” (è solo un esempio) viene “chiusa” il giorno del compimento del 22mp compleanno. Viene chiusa comn la linea che arriva al “fine corsa della casella. Viene chiusa col ranking relativo alla settimana del suo compleanno.

    Subito dopo la linea entra nella casella successiva con un numeretto che rappresenta ogni settimana il ranking in progress. Nel giorno der ventitreesimo compleanno, la casella viene chiusa col rankin di quella settimana.

    Spero che ti sia chiaro. Io le spiegazioni a fumetti non so e non voglio farle.

  39. by Tafanus

    TEUS scrive:

    “Tu però, non appena un utente ti tira in ballo, parti subito a mille degenerando sovente con insulti gratuiti”.

    Sbagli, amico, io insulto gli utenti che mi tirano in ballo con insulti anzichè con dati di fatto. Potrei farti la lista degli utenti che non ho insultato. Ma puoi cercare di fartelo anche da solo, perchè ogni tanto mi occupo anche di cose più impegnative che non sia Camila Giorgi. Della quale, per inciso, mi occupo quasi solo quando è inserita in un discorso più ampio sulle italiane top-100

  40. TEUS by TEUS

    Mi sono già corretto sull’età della Pennetta e ho anche già detto di aver mal interpretato il grafico, TAFANUS.
    I miei discorsi erano orientati sul fatto che Camila è attualmente la migliore giovane che abbiamo e, anche solo guardando i risultati, la più promettente. Questo credo sia oggettivamente vero.

  41. by Tafanus

    Giemme, in teoria dovresti andare sul sito della RAI, fatto coi piedi, scovare dove nascobdono la sezione podcast, e sprbirti mezza serata di Sanremo, perchè non ricordo a quale cantante fosse collegata. Se trovo qualcosa, te la linko

  42. by Tafanus

    TEUS: ti stai sgambettando da solo. Scrivi:

    Noto una strana cosa nel tuo grafico: Giorgi (che ha compiuto i 21 da poco) ha già la casella dei 22 piena. Pennetta (che compirà i 32 tra pochi giorni) ha la casella dei 32 vuota”

    Giorgi, che ha compiuto i 21 anni da poco, ha la casella successina iniziata, non completata, perchè io non so se al 31 dicembre sarò n°1 al mondo o solo n° 10.

    Flavia compirà fra 6 giorni 31 anni, non 32, se i numeri non sono un’opinione il stile “secondo me”, essendo nata il 25 /febbraio 1982. E 2013 meno 1982 a casa mia fa 31. Quindi nessuna stranezza, solo problemi tuoi.

    All'(…)che scrive romanzi, che non ho interpellato, che non ho nominato, ma si sente in diritto di darmi del demente in malafede, dico solo di tornare all’agricoltura.

    A te dico che gli insultti (idiozia, malafede) a casa mia si chiamano “insulti”, non “ironia, che è cosa molto più raffinata, e non alla portata di tutti.

  43. TEUS by TEUS

    Ricapitolando, TAFANUS: io sono qui per parlare di Camila e di tennis in generale e tu, spesso, non mi sembri obiettivo (uso questo termine visto che “malafede” ti fa andare su tutte le furie). Quindi, in alcune circostanze, ho la pretesa di esprimere le mie modeste opinioni riguardo ad alcune cose che scrivi. Tutto qui.
    Lungi da me la maleducazione e la presunzione (adopero un po’ di innocente ironia al limite). Tu però, non appena un utente ti tira in ballo, parti subito a mille degenerando sovente con insulti gratuiti.
    Facendo così non puoi pretendere un confronto civile con i più. Con me forse lo puoi avere ugualmente dato che non mi offendo facilmente e ti ho anche già detto che la tua competenza si intravede quando scrivi in maniera serena.
    Ora ti faccio una semplice domanda: se Camila dovesse entrare nelle prime dieci (tra un anno, due o più), tu saresti felice?

  44. by t.o.

    @tafanus Questo è quello che tu hai scritto:
    “Ebbene, fra il 21mo e il 22mo compleanno solo tre tenniste erano già fra le top 50.”
    Questo che dici non è vero. Flavia entra nel top 50 a 22 anni 5 mesi e 20 giorni.
    Camila ha ancora 15 mesi e più di tempo per eguagliarla o superarla.
    A me non frega niente dei mesi e dei giorni. Sei tu che hai parlato di età. Sei tu che scrivi bugie.
    Se lo fai in malafede tutto a posto. Se lo fai in buona fede il mio consiglio è una visita dal medico.
    Io non insulto nessuno. La scelta è tua. I fatti sono evidenti.
    Tutto il resto che scrivi è “fuffa” e non ho voglia di contestartela. Li sarebbero opinioni e perciò sarebbero opinabili. Qui sono fatti. Hai scritto una bugia. Lo hai fatto apposta? ti sei sbagliato? La scelta è la tua…….

  45. TEUS by TEUS

    Si parlava di tenniste italiane, TAFANUS. Altra ricerca senza senso. Sei fin divertente a volte. 🙂

  46. TEUS by TEUS

    Il grafico per me non ha molta importanza e probabilmente non l’ho esaminato con la dovuta attenzione, TAFANUS. Ne prendo atto senza problemi.
    Non mi pare di essere maleducato nel momento in cui dico che “Mi duole dirlo ma penso anch’io che TAFANUS sia in malafede perché non capisco come non si possa individuare in Camila la nostra tennista più promettente basandosi anche solo ed esclusivamente sui risultati” perché per promettente intendo tra quelle che hanno circa la sua età OGGI e quindi sono proiettato al futuro. Tu invece vai a rispolaverare i risultati di una Reggi negli anni ’80. Ho solo espresso una mia sensazione in base a quello che scrivi e non mi sono mai permesso di insultarti come tu spesso fai (vedi “piccolo imbecille”) solo perché non vuoi ammettere delle evidenze.
    Riporta anche i risultati di Lea Pericoli la prossima volta che parliamo di nostre tenniste promettenti per non correre il rischio di riconoscere Camila tra queste. 😀

  47. by Tafanus

    E tanto per smorzare le gloriose aspettative di questi improvvisati CT: Canila non è un fenomeno della natura. nella prima schermata delle top-100, disponendo le giocatrici per data d’eta, ci si mette un minuto per scoprire che sette giocatrici più giovani della “Nostra Cami” sono meglio piazzate di lei:

    Anita Beck 67
    Laura Robson 45
    Kristina Mladenovic 64
    Sloane Stephens 17 (si… quella a lla quale la Cami doveva “rompergli il c….”
    Heather Watson 41
    Christina McHale 44
    Bojana Jovanovski 39

    E si, TYEUS… capisco perchè non ti piacciiano i numeri, e preferisca viavviare sulla base del suo infalloibile acume”

  48. by Tafanus

    TYeus: chiarimento a verbale: la casella dei 22 anni di Camila, così come le ultime caselle di ciascuna giocatrice, sono riempite con l’ultimo dato disponibile, e il valore cambierà fino al rancking del compleanno, quando sarà “fotografata” e “fissata”.

    TEUS, se vuoi darmi delle lezioni su qualcosa grazie alla quale ho campato la vita, cerca di arrivare più attrezzato, e con un tasso inferiore di maleducazuine e di presunzione.

  49. by Tafanus

    al CT t.o. maestro di logorrea, che inizia così il suo post::

    “Sono fermamente convinto della malafede di Tafanus. Se fosse in buona fede allora si che si potrebbe dubitare della sua salute mentale. Uno può scrivere sciocchezze quando scrive di getto (vedi TEUS che si è sbagliato di un anno e si è subito corretto.) ma quando fai grafici, e disquisisci sui numeri allora è il caso di dotarsi di carta e penna e del foglio delle tabelline”

    Matteo Veronese è capace di stupirmi sempre… banna, manda cartellini gialli, ma solo ai miei insulti di rimessa. E mai a degli imbecilli che insultano per primi. Vero, signor VCeronese? Controlli, ma non cancelli, la prego: preferisco che gli insulti degli adoratori di Camila rimangano agli atti.

    Ed anche le (…) che sparano: Vede, “salute mentale t.o.”, basta leggere un grafico PRIMA di commentarlo. Si sarebbe accorto che le caselle fanno riferimento al ranking “al complimento di… anni”, e non al periodo fra “X ed Y anni”.

    E sa perchè, (…)? Perchè il compimento di un certo anno è ud dato puntuale, che corrisponde ad un ranking unicovo: il ranking di quella settimana: Il rankinf fra il giorno X e il giorno X+12 mesi è iuna (…), perchè stiamo parlando di 52 dari di ranking.

    Lo avrebbe capito anche uno più (…) di lei, ma meno livoroso.

    Non le è bastata la (…) che ha già fatto, con me, sulòla esilarante faccenda “Nielsen?

    Si plachi. E’ eidente a tutti che la (…) è tutta sua.

    P.S.: caro CT, se vuole, possiamo farci esaminare in statistica da un professore universitario, e vediamo chi ne esce piùmassacrato. Però non gratis. Quanto vuolemetterci su?

  50. by Tafanus

    Teus, dare dell'(…)a chi non la pensa come te, è una cosa ignobile. Ma vedo che a Matteo Veronese sta bene così. Mi chiedo se gli sarebbe stata ugualmente bene se io avessi dato dello (…) a qualcuno che non la pensa come.

    Voglio rassicurarti: qualcosa si numeri mastico. Basta saper leggere: posizione al compimento di…. anni.

    Nella casella che si riferisce al compimento di 21 anni (cioè 31 dicembre 2012) Camila aveva già compiouto l’exploit della vita, ed ha festeggiato il compleanno intorno alla 75/80 posizione. Quindi non è sbagliato il mio grafico, credimi (lo ha ripreso anche ubitennis), ma sei tu che sei incapace di leggere un grafico.

    La casella dei 22 anni gi Giorgi non è vuota perchè la statistica non si ferma finoa al prossimo compleanno, ma porcese in progress, aggiornando la casella coi dati in progress che portano al 22 compleanno. Come non è vuota. Esattamente come quelle delle altre, nelle quali si trovano ogni settimana i dati di avvicinamento alla chiusura della casella, che avviene il giorno del compleanno

    Concentrati, Teus. Non è difficile.

    Poi mi poni una domanda che giudico estremamente cretina: quella di citarti una sola italiana che all’età di Camila (20 anni e mezzo) abbia raggiunto il quarto turno in uno slam. La giudico da curva sud perchè glorifica una performance che avrebbe potuto anche finire al primo turno, con una Pennetta in condizioni appena normali.

    Ma voglio accontentari, giusto per certificare che di tennis non capisci un c… Dato che vuoi metterla sul piamo della polemica e della maleducazione, ti servo:

    Raffaella Reggi: classe novembre 1965: ecco i suoi “quarti turni” in uno slam (anzi, in tre slam), all’età che aveva Camila nel giugno 2012, ed anche in età molto più giovane:

    ROLAND GARROS: quarto turno nel 1985 (19 anni e mezzo); QUARTI FI FINALE (cioè quinto turno) nel 1986 (20 anni e mezzo));

    WIMBLEDON: quarto turno nell’86 e nell’97;

    US OPEN: quarto turno nel 1986

    Lasciatelo dire, mi sembra un curriculum decisamente più brillante di quello di Camila. Poi scrivi:

    “Mi duole dirlo ma penso anch’io che TAFANUS sia in malafede perché non capisco come non si possa individuare in Camila la nostra tennista più promettente basandosi anche solo ed esclusivamente sui risultati.”

    Vedi, Teus, forse io sono in malafede, ma tu sei (…), perchè definisci “in malafede” chi ha dei criteri di valutazione diversi – e forsemigliori – dei tuoi. Si, è vero. Io giudico solo ed esclusivamente sui numeri. E continuerò a farlo, con o senza il tuio permesso.

    Raffaella Reggi

    Mi duole dirlo ma penso anch’io che TAFANUS sia in malafede perché non capisco come non si possa individuare in Camila la nostra tennista più promettente basandosi anche solo ed esclusivamente sui risultati.

  51. by t.o.

    @Teus Attento teus, il 1 gennaio 2012 Camila aveva 20 anni e un giorno. Oggi 15 febbraio 2013 Camila ha 21 anni un mese e 15 giorni. Per dire cosa farà tra i 21 e i 22 anni. Mi pare sia questo il periodo di riferimento bisogna aspettare tutto il 2013. Per pareggiare il 50° posto di flavia raggiunto a 22 anni 5 mesi e 20 giorni Camila ha tempo fino al 20 maggio 2014. Per allora potrebbe essere dove vuole in top 10 come in top 200.
    Dipende da come la testa saprà gestire il braccio. non è il tempo che manca. Manca quel “quid” che o scatta o non scatta. Camila non sarà mai una regolarista. Le Bastano due mesi buoni l’anno. 4/6 tornei per mettere insieme 1500/2000 punti (tre turni in 2 slam e 4 turni in due premier) e il resto dell’anno per mettere insieme altri 1000/2000 punti (1.5/1 W/L). Se vuole la top ten almeno 4 volte l’anno deve entrare nelle prime 16. altrimenti se per un anno “si contenta” della top 30 o meglio della top 50 basta molto meno. Un po di secondi turni nei tornei maggiori e qualche terzo turno nei wta minori. 1600 punti ti garantiscono TdS in tutti i tornei più importanti. 1200 punti fai la TdS in quasi tutti i wta minori. Vedremo cosa farà. Ora è importante che la spalla torni a posto. Non sarà mica che il cambio degli automatismi del servizio di cui si è tanto parlato abbia affaticato qualche muscolo prima poco utilizzato? Spero che ci facciano sapere qualcosa……..

  52. TEUS by TEUS

    Chiedo scusa per qualche errore di battitura tipo premMesso.

  53. TEUS by TEUS

    Premmesso che la questione mi interessa relativamente ma, sempre per la precisione, se il grafico di TAFANUS fa riferimento al compimento di… anni (Camila è del 1991 per un solo giorno), allora la sua tabella corretta sarebbe questa: 21 anni (primo gennaio 2012) – 149 e 22 anni (primo gennaio 2013) – 75.
    Mi duole dirlo ma penso anch’io che TAFANUS sia in malafede perché non capisco come non si possa individuare in Camila la nostra tennista più promettente basandosi anche solo ed esclusivamente sui risultati.

  54. by t.o.

    Sono fermamente convinto della malafede di Tafanus. Se fosse in buona fede (—). Uno può scrivere sciocchezze quando scrive di getto (vedi TEUS che si è sbagliato di un anno e si è subito corretto.) ma quando fai grafici, e disquisisci sui numeri allora è il caso di dotarsi di carta e penna e del foglio delle tabelline. Flavia nasce il 25 febbraio dell’82. Il suo tra i 21 e 22 anni è perciò dal 26 febbraio 2003 al 25 febbraio 2004. il 23 febbraio 2004 Flavia è 92 con 399 punti. entrerà nelle top 50 solo il 16 agosto 2004 dopo aver vinto il torneo di Sopot. se ci diamo questo obiettivo Camila ha tempo per superare Flavia fino a Wimbledon del 2014. Ma dato che a me di questi numeri non interessa nulla (un anno in più o un anno in meno non dicono nulla) vado a vedere il periodo di maturazione e di presa di coscienza dei propri mezzi. Nel 2001 Flavia ha 19 anni fa 18 tornei tutti ITF uscirà 10 su 18 al primo turno. degli altri 8 fa 5 uscite al 2° una al 3° una semi e una finale. 18 tornei ITF hanno un montepremi totale di 465.000 con una media di poco superiore ai 25.000$ a torneo. Lo stesso periodo per Camila corrisponde al 2011. Nel suo caso abbiamo 20 ITF ma con una media di 45.000 dollari a torneo e due GS. Camila esce 7 volte al primo su 20 fa 3 2° turno 4 quarti di finale 2 semifinali una finale e una vittoria di torneo. nei GS vince un turno di quali a parigi e vince i tre turni a Wimbledon per uscire al 1° ma del MD per mano della 33° :Credo che questi dati un po (ma solo un po) più leggibili di una riga verde e viola tracciate male su un diagramma di fortuna. Passiamo ai 20 anni (fino a ventuno) . Flavia entrerà nei 100 il 7 ottobre del 2002 (20 anni e 8 mesi) Il 2002 di flavia è fatto di molti ITF (come è giusto vista la sua posizione di classifica) e di qualche WTA e GS. Flavia apre bene l’anno vincendo Ortisei itf 50K$ (che per 20 giorni andrebbe ascritto come l’ultimo del 2001) tenta poi Memphis e esce al primo tenta un ITF in qualificazione e perde alla seconda di quali, poi vince il Lanciani un 10K$ . altre due uscite al primo in due itf un po più ricchi (50 e 75) poi una bella serie di 15W e 5L che valgono tre semi e un quarti in tornei da 25K e un 50K. Wimbledon vince una di quali e perde la seconda un bel filottino in wta che la porta al secondo turno nel MD dopo aver perso al primo in wta a palermo. uscita al primo a US Open un bel torneo a Fano (50K vinto ma senza TdS sulla strada) e finalmente una vittoria molto importante a Biella (sempre 50K ma molto ben frequentato) Con questi 45 punti entra nei 100 (proprio al 100) il 7 ottobre 2002 (ha 20 anni 7 mesi e 13 giorni)
    Camila gli è di poco avanti, come età e come posizione in classifica. E per il prossimo obiettivo (la 50°?) rispetto a Flavia ha ancora un anno e mezzo di tempo. ma quello che si nota è un’altra cosa. Flavia, come Sara e come Roberta hanno scalato la classifica scegliendo una via protetta, i tornei meno frequentati. Camila appena ha classifica va sui tornei più duri preferendo delle qualificazioni in tornei importanti invece che comode TdS in ITF. I risultati che ha ottenuto in questi due anni che ho preso come riferimento in paragone con Flavia (alla stessa età anagrafica) dicono chiaramente che se poteva scegliere tra un 75K e un 25K non c’era storia. Camila ha sempre rischiato di più. Ha fatto bene? Ha fatto male? e chi lo sa?. Quello che so è che al 1° turno in ITF è uscita più spesso nei 25.000 che nei 75.000.
    e che nelle quali a wimbledon (che valgono un ITF o un quarti in wta) ha vinto 6 incontri su 6 lasciando alle avversarie un solo set ( set W 76 set L 41). Se Flavia è una grande campionessa (quale è) perchè non vogliamo riconoscere che Camila almeno fino ad ora ha fatto meglio di lei? Perchè ha perso qualche torneo al primo turno? Guardate flavia alla sua età (dopo wimbledon 2003) 7 uscite al primo su 9 tornei. Ed era tornata anche a fare ITF . Uscita al primo anche li.
    Diamo tempo al tempo…..perchè essere giovani è prima di tutto un diritto. Ed ora speriamo che guarisca bene e presto. perchè anche lei ha perso mesi preziosi per classifica e punti. Ma qusto fa parte del gioco.

  55. TEUS by TEUS

    Mi correggo: Pennetta compirà i 31 tra pochi giorni. In ogni caso la casella dei 22 di Giorgi dovrebbe essere vuota.

  56. TEUS by TEUS

    TAFANUS, dici sempre che contano i dati e i dati dicono che la Giorgi è arrivata alla seconda settimana di uno slam (cosa che nessun’altra giovane italiana ha fatto negli ultimi anni). Detto ciò Camila è considerata giustamente come la vera promessa del nostro tennis. Semplice e lineare.
    Altrimenti cominciano ad analizzare TUTTI i risultati in base al grado di forma o agli acciacchi delle avversarie e non ne usciamo più.
    Noto una strana cosa nel tuo grafico: Giorgi (che ha compiuto i 21 da poco) ha già la casella dei 22 piena. Pennetta (che compirà i 32 tra pochi giorni) ha la casella dei 32 vuota. Perché? La casella dei 22 di Giorgi va aggiornata a fine stagione per la precisione.

    Questo prolungato silenzio sull’infortunio della “bimba” comincia a preoccuparmi. Mi auguro vivamente che il problema non sia più grave di quello che noi tutti immaginiamo. Ci voglia anche più tempo del previsto, l’importante è che guarisca bene e che vada a farsi benedire la classifica. Ora la cosa importante è crescere sotto altri aspetti.

  57. by GIEMME

    taf:
    sai se c’ è il video online?
    mi piacerebbe vederla col vestito da sera…
    certo non l’ amo per la sua bellezza, ci mancherebbe!

  58. by Tafanus

    Giemme, io l’ho vista per caso, perchè mi ha chiamato mia moglie in sala. <era veramente bellissima, in abito da sera.

    P.S.: E' arrivata in Colombia alle 4:00 ora italiana di oggi. Undici ore di volo, Una volta era abitutata, ma oggi, dopo uno stop di 5 mesi?

  59. by GIEMME

    in attesa di notizie sulle condizioni fisiche di Camila, noto che notizie di un certo interesse, neanche arrivano da Doha.
    accedono ai quarti tutte le 8 TDS.
    per domani sono curioso di vedere come andra’.
    ma credo che le prime 4 accederanno alle semi senza grandi problemi…
    e poi c’ è il grande rientro di Flavia nel circuito per la prox settimana.
    ho saputo che era ospite al festival di Sanremo e me la son persa!!!
    io a quella manifestazione sono allergico da sempre…

  60. by Tafanus

    Teus: certo, si tratta di supposizioni. Ma in questo campo le tue valgono quanto le mie. Poi è certo che chi esprime una teoria può sbagliare,m e chi non lo fa non sbaglia mai.

    Camila è arrivata al secondo turno di uno slam? Certo, battendo una Pennetta che da mesi portava il tutor al polso, e che in settembre si è scoperto che aveva un tendine spappolato all’85%. Questa non è una supposizione, ma una notizia.

    Infine: certo che non si possono fare confronti fra una 22nne e una trentenne. Sono talmente d’accordo, che ho pubblicato un frafico dal quale si vede il confronto AD OGNI ETA’. Ebbene, fra il 21mo e il 22mo compleanno solo tre tenniste erano già fra le top 50.

    E’ un grafico interessante. metto il link, sperando che non disturbi Matteo Veronese. In tal caso, lo cancelli pure. Non mi offendo:

    http://iltafano.typepad.com/tennisdelleragazze/2013/01/roberta-vinci-%C3%A8-entrata-nella-classifica-delle-20-pi%C3%B9-grandi-doppiste-di-tutti-i-tempi.html

  61. by t.o.

    Mancano tre settimane ad Indian Wells. Qualcuno ha notizie recenti sulla condizione fisica di Camila? Quel “forse” che appare ormai da troppo tempo nel “titolo” di questa discussione può essere tolto?

  62. TEUS by TEUS

    Non sempre un infortunio è causa di una cattiva preparazione o di movimenti sbagliati. A volte è semplicemente una fatalità. Riguardo a questo fatto però possiamo solo fare supposizioni.
    Tra le giovani italiane, l’unica che ha dimostrato di poter arrivare alla seconda settimana di uno slam, è Camila. Basta questo risultato, attualmente, per indicare in lei la nostra giovane più promettente.
    Ovvio poi che tenniste come Pennetta e Vinci possono vantare un curriculum migliore però, come dicevo, hanno anche 10 anni in più (e 10 anni spesso sono tutta una carriera nel tennis) e quindi non è possibile oggi paragonarle alla Giorgi. Il paragone, al limite, va fatto con le sue coetanee.

  63. by Tafanus

    Teus, eppure basta guardare la composizione del world group per verificare cime 5 squadre su 8 abbiano schierato il meglio che avevano. Vero, la Vinci si avvicina ai trenta, e quindi appare tanto più meritevole il fatto che abbia giocato in questo scorcio d’anno 32 partite in 52 giiorni. Significa aver giocato una partita ogni 1,6 giorni, o, se preferisc, 4,4 partite a settimana. Merito alla veccihetta.

    Per quanto riguarda la Giorgi, i risultati fin qui acquisiti non mi fanno condividere il tuo ottimismo e le tue certezze. Per giocare le 32 partite della Vinci, Camila ha distribuito lo sforzo, diciamo così, su 270 giorni (dal Roland Garros). Cioè ha giocato una partita ogni ogni 8,2 giorni.

    Si, lo so, da novembre è infortunata, ma fino in Australia ha continuato a giocare. Campionesse si diventa anche giocando 153 partite in un anno, come ha fatto Pennetta nell’anno in cui è entrata nella top-ten, ed è diventata n° 1 al mondo in doppio.. Una partita ogni 2,4 giorni, quasi tre partite a settimana, anche consuderando i mesi in cui si gioca poco.

    Che la Giorgi riesca ad infortunarsi giocando una partita ogni 8,2 giorni, a mio avviso significa che ha fatto una preparazione sbagliata, oppure che è sbagliato qualche suo movomento. Siamo sotto il cielo. Wait and see.

  64. TEUS by TEUS

    I grandi giocatori e le grandi giocatrici sono concentrati innanzitutto sul singolo, ciò accade da moltissimi anni e penso che nessuna/o baratterebbe una vittoria in un torneo del grande slam con la vittoria della fed cup o dellla coppa davis. Spesso quindi, anche per problemi di calendario, rinunciano alle compatizioni a squadre (per non parlare del doppio che viene sempre più snobbato dai più forti). Questo intendevo, TAFANUS.

    Penso che Roberta cominci a sentire anche l’età ed è quindi difficile vederla ad alti livelli per tante settimane consecutive. Ribadisco che il futuro del tennis italiano in campo femminile per ora è nelle mani di Camila perché le altre giovani non mostrano grande potenziale e perché quelle davanti a lei hanno circa dieci anni in più (Errani a parte ma ho già detto che può solo peggiorare da qui in avanti).

  65. by Tafanus

    E per finire in bruttezza: Robertina è stata eliminata dalla Radwanska piccola, 6/0 al terzo. Quindi credo che si sia riacutizzato il problema che ha avuto allacoscia sinistra durante la fedcup

  66. by Tafanus

    Teus, la storia che le giocatrivi ambizione non giochino la fed-cup riguarda solo le americane. Italiane, cheche, slovacche, e quant’altro, hanno sempre schierato il meglio che avevano a disposizione

  67. by Tafanus

    Giemme, hai ragione. Ho visto la partita in catch-up solo oggi, ed è stato un 6/2 2/1 e ritiro. Saranno i fumi della Febbre… 🙂

  68. by GIEMME

    Madoka:
    Ti confermo che era la semifinale di Bronx 2011.
    Persa da Camila 6-4 6-3.
    Fu comunque una buona prestazione per la nostra, andando anch` io a memoria, dopo aver disputato fin li un buon torneo.
    Certamente Mona lasciava gia` intravedere il suo talento indiscusso.
    Non seguo molto le ragazze straniere per ragioni di tempo.
    Quindi quello disputato con Sara é stato per me il suo primo match visto in diretta…
    Di sicuro la vittoria é stata meritata e credo che fara` ancora bene nell` immediato futuro. Certo, anche per lei bisogera` valutare in seguito qual` é il suo reale limite di classifica. Per ora non la do ancora fra le prime 10….

  69. Madoka by Madoka

    GIEMME : non è una vittoria che ti deve sorprendere invece.

    Io vidi giocare Mona per la prima volta del vivo credo oramai 2 anni e mezzo fa, esattamente contro Camila, non ricordo dove :s forse le qualificazioni dello US Open oppure un ITF che si giocava a New York, forse l’ITF del Bronx, furono due seti tirati ed equilibrati ma vinse Mona ( non ricordo il punteggio, ma sarà stato un 6-4 6-4, ma vado davvero a memoria.

    Non l’avevo mai vista nè mai considerata prima di quel momento, ma mi innamorai subito del suo tennis.

    Ragazzona bella alta, più di 180, ottimo servizio, rovescio delizioso, mentre il colpo nettamente più debole è il diritto.

    Tende a giocare troppo piatto, non usa praticamente mai le rotazioni ed infatti spesso le palle le vanno a finire sui teloni, soprattutto quando non è in giornata.

    E’ ancora molto indietro fisicamente, abbastanza lenta nei movimenti, però dovete considerare che ha iniziato a giocare a tennis seriamente dopo i 18 anni, visto che è di umili origini, la famiglia non aveva soldi per farla giocare fin da subito, quindi ha prima finito gli studi, poi si è concessa 2-3 anni di prova ed infatti solo da un anno è qualche mese è uscita fuori ( a luglio fa 23 anni, ma è tennisticamente giovanissima.

    Purtroppo anche lei come la Giorgi ha un genitore ( la madre in questo caso, come allenatore ed a mio avviso dovrebbe staccarsi per fare il definitivo salto di qualità.

    Per me entra nelle 10 🙂 Forza Mona 🙂

  70. TEUS by TEUS

    Kerber è un’altra di quelle giocatrici che “azzeccano” una stagione ad altissimi livelli e poi non riescono a confermarsi negli anni perché hanno tanta grinta e gambe ma poco talento e classe.

  71. by GIEMME

    Taf:
    Roberta non ha vinto 7-2 6-1. ma per ritiro al secondo dell’ avversaria…
    mi sa che ci stiamo abituando un po’ male…

    comunque cio’ che piu’ mi sorprende è la vittoria netta della Barthel contro Angelique…
    viene davvero da chiedersi se sia nata una nuova stella, o se è semplicemente la tedesca fuori forma…

  72. TEUS by TEUS

    Non mi meraviglio che la Stephens abbia finto un infortunio perché solitamamente i giocatori e le giocatrici che hanno grandi aspirazioni, tendono a snobbare la coppa davis e la fed cup. Come del resto il doppio che, per questo e per altri motivi, non ha mai suscitato in me molto interesse.
    Il tennis rimane uno sport prettamente individuale.

  73. by Tafanus

    Grazie a Giemme e Pacapa. Flavia credo che abbia rinviato di qualche giorno, per vedere come si metteva col terremoto.

    La solita Schiavone ha perso la sua partita di primo turno contro Bartoli, dopo essere stata avanti 4/1, e aver avuto 5 breack- balls per andare 5/1 e servizio. Perfetta forma fisia, ma c’è inevitabilmente un momento in cui comincia a sbracciare in tribuna.

    Ha vinto la Oprandi contro Pironkova; ha stravinto Robertina (7/2 6/1) contro la Wickmayer.

    Infine, ha stravinto la Stephens, quindi forse non era così terribilmente infortunata per la Fed Cup…

  74. by Tafanus

    Grazie, Giemme. Lo spero anch’io, perchè non riesco né a dormire, né a stare sveglio.

  75. by GIEMME

    ciao Taf.
    dalle poche notizie frammentarie in mio possesso,
    pare che a Bogota’ si sia solo avvertito, senza aver provocato alcun danno.
    per cui credo che il torneo si svolgera’ regolarmente.
    anche se, temo ci possa essere qualche defezione… in questi casi, scosse di assestamento sono sempre all’ ordine del giorno e qualche atleta potrebbe decidere di rinunciare.
    speriamo di no, perchè a livello sportivo è sempre bello vedere che tutto vada secondo programma…
    auguri di pronta guarigione!

  76. by Tafanus

    Pacapa & Gienne: grazie per gli aggiornamenti, Credo che abbia rinviato la partenza di qualche giorno, in attesa di sviluppi sul fronrte terremoto., che è stato abbastanza violento.

    Da ritorno da Rimini non sto frequentando nessuno, perchè sono tornato con un febbrone da cavallo, e mi sento molto debole

  77. by GIEMME

    grazie pacapa.
    per scelta personale, non sono iscritto in alcun SN, per cui se hai notizie provenienti da li,
    sono sempre ben accettate…

    lino:
    temo che non ci siano novità.
    per lo meno io non ne vedo in giro e qui i WM non danno aggiornamenti…

  78. Lino by Lino

    Un grande in bocca al lupo a Flavia, un mito!
    Qualcuno può darci notizie della nostra Camilla?
    Ho visto tutta la finale in Cile… un Zeballos FENOMENALE!! non lo conoscevo sto argentino, ma com’è possibile che era così indietro in classifica?

  79. by pacapa

    Ciao, Giemme e Tafanus, Flavia non è ancora partita per Bogotà. Questo un suo Twitt di un’ ora fà

    Buongiorno a tutti!ultima sett di allenamento,tra pochi giorni si parte per Bogota’…ho veramente tanta voglia:)

  80. by GIEMME

    ciao taf.
    pare che l’ epicentro sia stato localizzato a Yacuanquer, distante circa 500 km da Bogotà.
    per fortuna non si segnalano morti, ma ci sono ingenti danni nella zona.
    non so bene a Bogota’ come sia la situazione.
    500 km sono tanti comunque, anche se la scossa l’ avranno avvertita e anche bella forte.
    comunque sul blog di Flavia, leggo solo un breve commento sulla Fed.
    non parla di terremoto per fortuna….

  81. by Tafanus

    Ecco la bellissima dichiarazione finale della Huber sulla coppia Errani/Vinci:

    “They are the weapon. They’re like sisters and best friends, they can read each other’s body language. That’s why they’re No. 1, and think they’ll be that for many years to come. They both have different styles and they stick to that. I really enjoy watching them play, but not against me!” […]

  82. by Tafanus

    Giemme: Flavia è partita ieri, ma non so se abbia fatto in tempo a beccarsi un po’ di strizza per il forte terremoto che ha colpito la Colombia (6,9 gradi Richter, ma non so in quale zona. Però un terremoto di quella magnitudo lo avverti in tutto il paese…

  83. by Tafanus

    Confermo: Errani nettamente al di sotto del suo standard anche in doppio, anche se per fortuna, forse per la sicurezza che le trasmetteva la maestrina Roberta, almeno è stata abbastanza solida. Di Roberta, che dire? Una grande! Ha scritto, in poco più di un’oretta, il Manuale della Perfetta Doppista. Pochissimi errori, e tanti colpi deliziosi, nonostante non scoppiasse di salute.

    Sulle Williams che non c’erano, nessun regalo. Solo un evento atteso e certificato, almeno dal sottoscritto, da più di 40 giorni. Da quando qualcuno aveva certificato, su questo blog, che le Williams ci sarebbero state, perchè lo aveva dichiarato Mary Jo Fernabdez.

    Inutilmente avevo fatto osservare che solo un capitano da internare avrebbe rivelato la formazione di FC trenta giorni prima dei termini di regolamento. E, anche per altri motivi, avevo “certificato” che le Williams non ci sarebbero state.

    Sulla Stephens il discorso è più complesso: ha vinto parecchio su campi hard, ma sulla terra rossa l’anno scorso ha perso contro la Schiavone a Strasburgo, contro la Pennetta a Roma, contro la Kanepi all’Estoril, contro Hlavackova a Madrid, e a Charleston contro la stessa Jamie Hampton che a Rimini ha perso sia dalla Errani che dalla Vinci. Quindi aspetterei un attimo, prima di decidere che a Rimini avrebbe fatto sfracelli. Ma stiamo parlando della stessa Stephens alla quale Camila doveva “rompere il c…”, o di una sua omonima?

  84. by cristian

    Brave ragazze, il doppio Errani-Vinci è una sicurezza. Spero che la Knapp e la Burnett abbiano fatto esperienza in settimana, non è da tutti allenarsi con Errani, Vinci e Pennetta. Ora con la R.Ceca in Italia, non partiamo di certo battuti, forza!!

  85. by GIEMME

    nel pomeriggio mi son potuto finalmente dedicare al tennis
    e devo dire che dobbiamo dire grazie alla classe di Roberta, prima ancora di parlare di Sara,
    se siamo riusciti a passare da un 1-2 ad un 3-2.
    con tutto il problema fisico che aveva alla coscia, non ha mai mollato.
    davvero una lode verso di lei!!!

  86. TEUS by TEUS

    Confermo, dopo questi due giorni di fed cup, quanto già detto sulla Errani. Personalmente preferisco vedere giocare la Vinci perché dispone di una maggiore varietà di gioco.
    Chissà se in semifinale avranno bisogno anche di Camila…
    A proposito: nessuno dei gestori ha notizie fresche riguardo all’infortunio alla spalla? Grazie.

  87. by Tommaso

    Si va al quinto (e decisivo, cit.): Errani-Vinci dovrebbero essere una sicurezza nonostante lo stato di forma incerto di Roberta. Certo che, per il discorso che facevo qualche settimana fa, se le statunitensi si fossero presentate con una Williams a caso e la Stephens, non ci sarebbe stata storia per quel che si è visto, le tre partite in 2 giorni sarebbero state più pesanti e le sole Errani-Vinci non sarebbero bastate.

    Ci è andata bene, ora dita incrociate e speriamo bene.

  88. Lino by Lino

    Deludentissima Errani, col solito servizio ridicolo, ma diciamocelo chiaro: la Lepchenko è più forte della Errani, l’ha dominata in lungo e in largo..
    Forza Roberta!!!!

  89. by GIEMME

    Antonio:
    grazie lo stesso.
    Ora é tempo che Flavia rientri e spero lo possa fare nel migliore dei modi…
    Oggi causa impegni con il rugby, non ho avuto modo di seguire la Fed.
    Domani giochiamo alle 11,30 e nel pomeriggio dovrei riuscire a vedere le partite ( moglie permettendo)…
    Bellissima vittiria di Sara vedo…
    Peccato per Roberta. Ma per domani resto fiducioso.
    Buona domenica a tutti…

  90. by Tafanus

    Moretop: si, crampi. Solo per i crampi non si piò chiedere il medical timeout, che altrimenti avrebbe chiesto, suppongo. Speriamo in domani..

    Gienne: niente Flavia. Si è allenata tutta la settimana con le sue amiche,ma poi ha preferito partire, per acclimatarsi per tempo alla Colombia, e al rientro.

  91. by Morotep

    Si’ peccato davvero per Roberta… da meta’ del secondo set mi sembrava un po’ stanchina. Ha comunque giocato bene e il match con la Lepchenko e’ stato bello, emozionante, tirato.
    Pare che alla fine fossero solo crampi e domani sara’ in campo… avevo temuto qualcosa di peggio.
    Speriamo domani Sara riesca a farsi valere su Varvara.

  92. by Tafanus

    Moretop:, no problem… siamo arrivati un po’ prima, e abbiamo parcheggiato al palazzo rosso (credo che sia la ASL, dove non c’era nessuno. L’uscita è stata un po’ laboriosa, ma non più di tanto. Non ti relaziono sugli incontri, perchè sai già tutto. Peccato per Roberta, ma perdere il secondo set dopo aver stravinto il primo sta diventando la sua cifra. Peccato che al terzo si sia inchiodata.
    Frazie anche a te per le informazioni.

  93. by Morotep

    Tafanus, scusa il ritardo nella risposta ma non ho avuto tempo di collegarmi… comunque ha detto tutto bene il_pignolo. A piedi, dal tuo albergo al 105 sono 3km ma devi attraversare un paio di grosse arterie stradali e non so se ne vale la pena. Per il parcheggio, di posto ce n’e’ parecchio pero’ e’ possibile che si crei un certo intaso… io per sicurezza saro’ li’ un’oretta prima.
    Fa freddo.

  94. by il_pignolo

    di nulla, tafanus!

  95. by Tafanus

    Aggiornamento: al 25.000$ di Grenoble si fermano al primo turno Brianti e Dentoni. Passano il turno Gatto Monticone, Di Sarra e Anna Floris.

  96. by Tafanus

    Il_Pignolo: grazie per le preziose informazioni. Spero che non faccia molto freddo, perchè sono molto freddoloso! 🙂

  97. by il_pignolo

    Tafanus, anch’io sono del circondario di Rimini e ti sconsiglio dall’andare a piedi al 105 Stadium: dal lungomare, dove si trova il tuo hotel, fino al palazzetto ti dovresti fare una mezz’ora buona di camminata, attraversando anche grandi arterie come la circonvallazione. Il 105 Stadium dispone comunque di un discreto parcheggio (a occhio, sui 300-400 posti auto). Unico problema… gli accessi: ogni volta che ci sono andato ho trovato lunghe code per entrare nel parcheggio e impiegato quasi un’ora per uscirvi, dato che si trova ai limiti della città e ha accanto un enorme centro commerciale che nei fine settimana si riempie di giovani e famiglie. Altro neo: le file dei posti a sedere veramente troppo strette, quindi spero per te che tu sia bassetto 😀
    In ogni caso io non mancherò!

  98. by Tafanus

    P.S. per Morotep: due domande pratiche:

    -a) allo Stadium ci sono problemi di parcheggio?

    -b) dal “Parco dei Principi” al palazzetto è fattibile a piedi?. Grazie

  99. by Tafanus

    Giemme: Flavia ha confermato ancora una volta che sarà a Rimini, ma anche a Bogotà per il rientro. In questi giorni ha fatto un allenamento con Sara e Roberta.

    Morotep: io sarò a Rimini. Buona Fed anche a te.

    Credo che a risultato acquisito sia la Knapp che la Burnett potrebbero scendere in campo. Forse non nel doppio, se Roberta Vinci vorrà allungare la striscia (record mondiale) di doppi vinti in FED senza una sola sconfitta.

  100. by Tommaso

    Curiosavo il torneo che Cami avrebbe dovuto giocare questa settimana. Parte alta molto interessante con le TdS tutte avanti anche se con qualche patema (la Davis, neo tds #1, ha vinto in 3 set tiratissimi, mentre nella parte bassa morìa di grandi nomi: CoCo Wandewege fuori in 3 set da una LL del 1995, la Duval numero 515 del mondo (!!!) (immaginatevi i detrattori se ci avesse perso Camila, con questa Duval…) e la Foretz-Gacon fuori 6-3 6-2 con la Burdette. Che robe…

  101. biglebowski by biglebowski

    (SR)

  102. biglebowski by biglebowski

    intanto è uscito miami.
    tutte iscritte per ora, fuori di 3 (uno sr9)

  103. by Morotep

    Io sono di Rimini e ovviamente saro’ al 105 Stadium a vedere la Fed Cup.
    Peccato non ci sia Camila, sarebbe stata una bella cosa poterla vedere dal vivo e, immagino, una bella esperienza per lei. C’e’ la Burnett… chissa’ se ci sara’ la possibilita’ di vederla giocare!
    Per chiunque venga a Rimini, buona Fed Cup!

  104. by GIEMME

    si…
    la foto di Robertina, mi fa bensare che da bambina sia stata una peperina…
    come dire: la classica bambina che ogni papa’ vorrebbe avere…

    appena ho un minuto di pace andro’ a leggere la tua risposta…

  105. by Tafanus

    Giemme, in fondo siamo a un’ora e mezza di macchina. Non mancherà occasione.

    Io ho trovato esilarante la foto della Vinci, che gioca vestita in quel modo, senza manco le scarpe da tennis…

    A Ivana la risposta – provvisoria – l’ho data sul blog. Sono comunque rimasto colpito dalla profondità di questa ragazzina, e dalla sua umanità. Sono pochi, ormai, a dare peso a fattori quale l’amicizia, e quali il non condizionamento di qualsiasi scelta a fini pragmatici.

  106. by GIEMME

    ciao Antonio.

    te lo dico davvero col cuore in mano… mi avrebbe tanto ma tanto fatto piacere incontrarti.
    passare un po’ di tempo insieme… guardare i match e magari perchè no,
    avere la possibilita’ di conoscere Flavia di persona essendo con te…
    questo piacere, ovviamente è rivolto anche agli altri utenti che si recheranno a Rimini…

    non potro’ venire a vederle dal vivo e lo sapevo gia’ da qualche settimana.
    l’ assenza dal campo sia di Flavia, sia di Camila, per questo, mi è appunto pesata meno….

    sabato mattina ho impegni di lavoro.
    sabato pomeriggio sono impegnato con la nostra under 16 di rugby.
    domenica mattina ore 10 saro’ presente al nostro campo, per la nostra under 20, che gioca alle 11,30…
    resterebbe per me solo il tardo pomeriggio di domenica.
    ma come potrai ben capire, da Torino a Rimini, c’ è un bel pezzo di strada…
    troppa davvero per una toccata e fuga.

    mi spiace tanto, perchè lo scorso anno ero presente anch’ io a Biella…
    ma vedrai che non manchera’ occasione!!

    quanto alle foto… accidenti se Flavia assomiglia alla bimba!!
    se non me lo avessi detto, ci sarei arrivato da solo a capire chi era…

    nel merito della lettera di Ivana, sarei curioso di sapere cosa gli hai risposto…
    è davvero molto carica di sentimenti e non avendo mai personalmente conosciuto ne Flavia, ne Roberta,
    non saprei cosa poterle rispondere…
    sicuramente auspico anch’ io, come detto giorni fa, che prima o poi la coppia F&R possa un giorno tornare a giocare insieme.
    non certo per strappare Roberta a Sara… ci mancherebbe.
    ma come hai detto allora anche tu, il fattore età puo’ essere fondamentele.
    io ci credo…

  107. by Tafanus

    A GIEMME: peccato. Se dovessi cambiare idea, queste sono le mie coordinate:

    Posti : settore Nord D1, Fila 1, posti 11/12 – Albergo Parco dei Principi, Via Regina Elena 89, dall’8 all’11.

    Intanto mi piace farti leggere un commento che ha scritto una giovane appassionata di tennis. Un commento che apre il cuore, perchè mostra che si può essere giovani ed educati, giovani e profondi.:

    Buongiorno Tafanus,

    sono una giovane appassionata di tennis. Mi sono avvicinata a questo sport da non molto in realtà e cerco di trovare informazioni un po’ dappertutto per recuperare “gli anni perduti”. Seguo il suo blog, dato che prediligo il tennis femminile e quello delle nostre tenniste in particolare.

    Commento questo post per farle una domanda, se posso, a proposito di Roberta Vinci e del doppio; anzi, devo confessare che più che altro si tratta di una mia curiosità, sulla quale le chiedo per piacere un parere data la preparazione sull’argomento che questo post dimostra: lo scorso Febbraio, in occasione dell’incontro di FedCup contro l’Ucraina, la coppia Pennetta/Vinci conquistò il punto decisivo tornando a giocare il doppio insieme dopo tanto tempo. Sui social networks e nei forum di tennis si sprecavano i commenti di tantissimi entusiasti per la ricomposizione di quel duo che tanto aveva fatto bene da junior, sognando per il futuro le due pugliesi come compagne stabili di doppio. Anche da parte di ex insegnanti e allenatori di Roberta ho letto questo tipo di commenti: l’insegnante di tennis di Flavia e Roberta da ragazzine commentava a Febbraio qualcosa del tipo “chissà se rinsaviscono e si decidono a giocare il doppio di nuovo insieme: sarebbe bellissimo”. Quando è diventata numero 1 del mondo di doppio, in un articolo sul web il marito della Testud (nonché ex coach credo di Roberta) affermava che la Vinci avrebbe potuto raggiungere il top del ranking molto prima se avesse continuato a giocare con Flavia Pennetta. Mi è capitato di sentire opinioni di questo tipo anche da parte di commentatori di Supertennis o di leggerne piccoli accenni sulla rivista della FIT.

    Il 2012 poi come sappiamo è stato l’anno in cui Roberta in coppia con Sara Errani ha vinto e stravinto, mettendo dunque a tacere chiunque sostenesse che Sara non fosse per Roberta una compagna di doppio all’altezza, o almeno non quanto potesse esserlo Flavia (con mio estremo piacere devo dire).

    Quello che mi incuriosisce è questo però: dopo la collaborazione con Sandrine Testud e prima che Flavia e Roberta facessero coppia fissa rispettivamente con Gisela Dulko e Sara, le due pugliesi hanno giocato davvero pochissimo insieme in doppio, pur avendone l’occasione secondo me. Non sono state a mio parere le circostanze (classifiche diverse, tornei diversi, infortuni etc..): per esempio, non hanno mai giocato insieme uno Slam, tantomeno le Olimpiadi. A me sembra, e su questo chiedo appunto la sua opinione, che sia stata una loro scelta quella di non giocare insieme, quasi preferissero (entrambe o solo una, non saprei) una diversa compagna di doppio. Flavia ha giocato in quegli anni molto di più con la Schiavone o addirittura con la Errani. E se davvero fosse così, quali potrebbero esserne le ragioni? Mi risulta che le due abbiano comunque un buon rapporto.
    Mi rendo conto che questa è una domanda che andrebbe posta direttamente a Flavia e Roberta, ma non penso ne avrò mai l’occasione purtroppo.
    Sarò sincera fino in fondo, per chiarezza e correttezza: io sono pugliese, quindi certamente mi sarebbe molto piaciuto vedere Flavia e Roberta giocare e trionfare insieme. Tuttavia il doppio Errani/Vinci mi piace molto di più! La loro amicizia dentro e fuori dal campo fa bene agli occhi, al cuore ed al tennis secondo me. Parteggio (se così si può dire) per la coppia Ciqui&Ciqui rispetto ad un ipotetico doppio Pennetta/Vinci dunque, se mi si sono presentate queste domande è stato per via dei commenti altrui, commenti che mi hanno fatto sorgere il dubbio e conseguentemente il rammarico che la nostra Robertina avrebbe potuto “sfondare” nel doppio come merita (e come sta facendo negli ultimi anni insieme a Sara, e sono molto contenta per entrambe) molto prima se… le cose fossero andate in un altro modo/le due pugliesi avessero scelto di giocare insieme.

    La ringrazio per il tempo e l’attenzione che le ho rubato.
    Ivana

  108. by Tafanus

    Amarcord: Flavia Pennetta a 5 anni, Roberta Vinci a sei anni. Primi approcci con quel coso con le corde…

    http://i.imgur.com/H5hkWab.png

  109. by GIEMME

    di nuovo grazie Pacapa.
    provero’ì a cercare…

    t.o.:
    ovviamente mi riferivo al “Parigi” della scorsa settimana…

    Taf:
    mi piacerebbe venire a Rimini, ma impegni di lavoro e sportivi non me lo consentono.
    spero tu riesca ad avere notizie fresche da Flavia…

  110. by Tafanus

    Giemme: Flavia sarà a Rimini, forse riuscirò a vederla, e ti farò sapere. Ha sempre dichiarato che sarà a Bogotà, notizia che per ora non ha smentito. Però anch’io non riesco a vedere più il drawsheet di Bogotà

  111. by pacapa

    Ciao, Giemme lo prendo dal sito, tennis.quickfound.net Sperando che il link scritto così passi

  112. by t.o.

    @Giemme Se per parigi intendi ieri hai ragione, ma se intendi French Open di TdS ne ha incontrate 4 più maria in finale. Sam (6) Kerber (10) Ana(13) e Kuznestova (26) Tutte partite tirate ma alla fine le ha chiuse tutte lei. Quella è la vera Sara? io spero di si. Allora quella di ieri è al 75%. Se quella di ieri è la vera Sara e quella di parigi (RG) Sara al 110% allora speriamo che la settimana “d’oro” che in un anno capita sempre ricapiti in occasione di un GS e/o di un Mandatory. O perchè no di tutti e due…….

  113. by GIEMME

    grazie pacapa.

    mi sai dire dove la trovi, visto che nel sito ufficiale non riesco ad aprire nulla?

    t.o.:

    io non credo che Sara non sia in forma.
    ho seguito con molta attenzione la finale.
    ha alternato momenti in cui ha portato a segno dei punti in modo davvero pregevole,
    ad altri in cui subiva assolutamente l’ aggressivita’ dell’ avversaria.
    temo che questo attuale sia il suo livello standard.
    anche se confermo che non sara’ tanto facile, per fortuna vederla fuori dalle 10.
    appena comincia la stagione sul rosso, penso che tornera’ a vincere agevolmente.
    molto dipendera’ ovviamente anche dal tipo di torneo e dalle avversarie di turno.
    non dimentichiamo che a Parigi è arrivata in finale senza mai aver incontrato una tds…

  114. by t.o.

    Ripubblico quello che ho scritto ieri con le note di lettura tra parentesi per evitare che si risponda “fischi per fiaschi”. Prendo atto che dovevo specificare meglio ma vista l’ora e vista la competenza dei lettori davo per scontato che il filo del mio ragionamento fosse più che chiaro. visto che così non è metto i commenti.

    Sara e Roberta rappresentano quello che oggi è uno dei migliori doppi al mondo. (Punto. Finita la frase) (da adesso in poi mi riferisco alla posizione nel singolare) I 340 punti (qui ho sbagliato io, sono 320 ma tutti i punteggi a memoria sono tanti. a volte si sbaglia) di questa finale faranno comodo in un 2013 che dovrà veder confermati oltre 4000 punti per rimanere in top ten. (Sono le 0.56 di lunedì perciò i 340 (320) punti si riferiscono alla finale persa di singolare. Se avessi parlato del doppio avrei detto 470, forse sbagliando 450 ma non certo solo 60 punti + di un international. questo unito al fatto che parlo di riconfermare 4000 punti) Non vedere però che Sara in singolo non è nella forma smagliante della seconda parte del 2012 segnala un atteggiamento da trombettaro. Sara non è in forma. Oppure non è più in quel momento magico della seconda metà del 2012.
    Una partita vinta per 2 punti dopo aver rischiato anche dei match point e una persa ,anche se con un bel recupero dal 2-5, giocata molto a rincorrere non sono un buon viatico per l’inizio 2013. Come ho sempre detto questi ritiri le hanno ridato i punti del suo ritiro di Pechino. (non parlo dei 70 punti. Se Sara avesse giocato e probabilmente vinto sarebbe andata avanti. 320 punti, io pensavo 340 la ripagavano di una probabile Quarti/Semifinale che poteva agevolmente raggiungere)
    Alla lunga tutto si bilancia. Restiamo felici che in un momento di non massima forma la fortuna ci ha dato una mano. Forza Sara torna ciò che sai essere anche in singolo. E non sottovalutare le americane in FED. La partita è ancora tutta da giocare….

    Mi sembra di aver chiarito anche il mio giudizio su Sara che è ottimo. Basta che non vengano fatti paragoni tra una Sara di 26 anni e una Camila di 21. Mai mischiare le mele con le arance diceva la mia maestra alle elementari

  115. by pacapa

    Giemmme, dovrebbe essere questa l’ attuale entry list di Bogota
    Jelena Jankovic SRB
    n Francesca Schiavone ITA
    n Alize Cornet FRA
    n Flavia Pennetta ITA
    n Vera Zvonareva RUS
    n Nina Bratchikova RUS
    n Alexandra Panova RUS
    n Lourdes Domínguez Lino ESP
    n Lara Arruabarrena-Vecino ESP
    n Maria Teresa Torro-Flor ESP
    n Estrella Cabeza Candela ESP
    n Tatjana Malek GER
    n Julia Cohen USA
    n Eva Birnerova CZE
    + 10 more direct entries, 4 wild cards or next-ins and 4 qualifiers

    next in, possibly in the qualifying draw:
    n Elina Svitolina UKR
    n Maria Joao Koehler POR
    n Yvonne Meusburger AUT

  116. by GIEMME

    buonasera a tutti.

    cercavo l’ EL di Bogotà, ma nel sito ufficiale (preso da quello della WTA), non si clicca da nessuna parte.
    siccome volevo conoscere la situazione della mia pupilla FP,
    qualcuno mi puo’ gentilmente aiutare?
    thanks…

  117. by Tafanus

    Ho pubblicato le situazione di classifica delle italiane a fine della corrente settimana, coi nuovi points-off. La discesa di Camila di due posizioni è solo apparente, perchè a fine settimana guadagnerà tre posizioni, grazie ai points-off abbastanza pesanti di tre giocatrici cxhe la precedono. E questa settimana non ci sono tornei WTA, a causa della disputa della Fed Cup

  118. TEUS by TEUS

    Leggo tutto qui. Magari però alcuni commenti (come il tuo a cui mi riferivo io) rimangono poco perché vengono cancellati dai gestori. Secondo me ci sono tutti i presupposti per conversare pacatamente qui e quando ritengo che qualcuno esageri coi toni, lo dico. Tutto qui.

    Ah, se mai Camila dovesse entrare nelle prime 70, sappi che riguardo al livello massimo mi dovrai dare ragione. 😀
    Come del resto dovrò fare io se Sara salisse al quinto posto. 😉

  119. Matteo Veronese by Matteo Veronese

    Rinnovo a nome mio e di Alberto l’invito ad esprimersi tra utenti all’interno dei canoni della civile convivenza, evitando insulti ed epiteti denigratori.

    Pensiamo che a nessuno piacerebbe un sito senza commenti.

    Grazie.

  120. TEUS by TEUS

    (…)

    Nessuno ha mai detto che non sarebbe felice di avere un’altra Errani (ribadisco, dopo aver visto la finale a Parigi, che il suo massimo è quello per motivi di limitata potenza fisica).
    Per te Camila ha già raggiunto il suo massimo? Per me, no. Rimangono opinioni diverse che andrebbero accettate serenamente senza fantasticare su cose che non sono mai state scritte.

  121. by Tafanus

    Il trombettiere delle 0:56 scrive:

    “…Sara e Roberta rappresentano quello che oggi è uno dei migliori doppi al mondo…”

    Ci eravamo arrivati persino noi…

    “…I 340 punti di questa finale faranno comodo in un 2013 che dovrà veder confermati oltre 4000 punti per rimanere in top ten…”

    Per uscire dalla top-ten Sara & Roberta dovrebbero passare dagli attuali 10.860 punti agli attuaòli 5550 della 11ma, Llagostera Vives. Hanno quindi una riserva di 5310, che è unm po’ più preciso degli “oltre 4000 punti”. Anche 20.000 punti sono “oltre 4.000 punti.

    “…Come ho sempre detto questi ritiri le hanno ridato i punti del suo ritiro di Pechino…”

    Come qualsiasi (..) può capire, nessuno ha mai recriminato sui 70 punti persi a Pechino da Sara, che non le hanno cambiato la vita. Con quelli e senza di quelli sarebbe sempre settima, con un ampio ritardo sulla sesta, e con un ampio anticipo sulla ottava. Settanta punti invece cambiano la vita delle numero 78, perchè in quel range 70 punti in più o in meno valgono 16 posizioni (otto in più o otto in meno). Quindi nessuna recriminazione sui 70 punti persi dalla Errani, ma sarcasmo verso chi appunta quei 70 punti come una medaglia al merito sul petto della Nostra Cami. Non sono una medaglia al merito.

  122. by Tafanus

    (…)

    Secondo: la Errani ha raggiunto “il suo massimo£”??? Sarei felicissimo che ci fossero tantissime italiane a “raggiungere il loro massino” all’intermo delle top-tem, visto che fino al 2009, nel secolo e mezzo della storia del tennis, non era mai successo. E che comunque il massimo della Errani si erge di una settantina di posizioni rispetto al massimo della nostra Cami.

  123. by tommaso

    A sostegno del mio pensiero su Davis/FedCup, e cioè che sì, bello, la propria nazione, il clima, il tifo… ma alla fin fine non mi fa impazzire e preferisco a livello di prestigio un qualsiasi torneo Premier, sono successe/succederanno un paio di cose che a mio avviso abbassano drammaticamente il prestigio delle competizioni.

    FedCup: Italia vs Usa, oltre alle Williams forfait anche della Stephens per un dolore agli addominali. Se avessero giocato non ci sarebbe stata partita, e invece l’Italia passerà e senza faticare troppo.

    Davis: fuori la SPAGNA, che dovrà giocare gli spareggi, per le assenze di Nadal e Ferrer. Fuori, e non è una novità, la Svizzera perché Federer non si spreca per così poco.

    Insomma, turni decisi dall assenze più che dalle presenze.

  124. TEUS by TEUS

    E poi nessuno ha detto che la Errani è squallidissima o una “chiavica”. E’ stato solo detto che molto probabilmente ha già raggiunto il suo massimo livello. Niente di personale ma io sto dalla parte dell’onestà intellettuale. Sempre.

    Saluti.

  125. biglebowski by biglebowski

    82

  126. biglebowski by biglebowski

    il ranking settimanale vede camila al numero 78 (-2).
    in settimana uscirà l’entry list di miami che si disputerà a partire dal 18 marzo con direct acceptance di 76 giocatrici + 12 quali+ 8 w.c.
    quindi per entrare nel tabellone principale di questo torneo sarà necessario che si verifichino 2 rinunce, ipotesi piuttosto probabile ma non sicura al 100%.
    nel 2012 l’ultima a entrare fu la numero.

  127. by Stefano

    Oggi finalmente ho avuto un po’ di tempo per vedere sia le due finali di Sara che un pezzetto della partita di Fognini.
    Di Fabio devo dire che … mi è piaciuto! Bravo, partita non così facile come sembrava sulla carta, con tutta le pressione perchè si trattava del dentro o fuori finale.
    Anche Sara mi è piaciuta sia nel singolare che nel doppio.
    Nel singolare ha perso da quella che, probabilmente, è destinata a diventare la più forte del suo paese: se trova un po’ di continuità ha tutti i mezzi per fare compagnia a Sara in classifica.
    Nel doppio, invece, sembrava di vedere un film di Chuck Norris: soltanto cazzotti e calci tirati a senso unico, con il duo ceco/americano a fare la fine del cattivo di turno.
    La Huber vista oggi mi è sembrata la cosa più vicina ad un fantasma che abbia mai visto.
    In diversi momenti era come se giocassero soltanto Sara e Roberta da una parte contro la Hlavackova dall’altra, mentre l’americana a tratti sembrava quasi uno spettatore in campo.
    Andrea non ha giocato benissimo, ma l’altra non ha proprio giocato … e ancora mi chiedo perchè abbiano deciso di giocare il doppio insieme visto che mi è sembrato che non avessero nessun feeling.
    Per la Fed Cup penso ci sarà spazio anche per altre oltre a Sara e Roberta.

  128. by t.o.

    Sara e Roberta rappresentano quello che oggi è uno dei migliori doppi al mondo. I 340 punti di questa finale faranno comodo in un 2013 che dovrà veder confermati oltre 4000 punti per rimanere in top ten. Non vedere però che Sara in singolo non è nella forma smagliante della seconda parte del 2012 segnala un atteggiamento da trombettaro. Sara non è in forma. Oppure non è più in quel momento magico della seconda metà del 2012.
    Una partita vinta per 2 punti dopo aver rischiato anche dei match point e una persa (anche se con un bel recupero dal 2-5) giocata molto a rincorrere non sono un buon viatico per l’inizio 2013. Come ho sempre detto questi ritiri le hanno ridato i punti del suo ritiro di Pechino. alla lunga tutto si bilancia. Restiamo felici che in un momento di non massima forma la fortuna ci ha dato una mano. Forza Sara torna ciò che sai essere anche in singolo. E non sottovalutare le americane in FED. La partita è ancora tutta da giocare….

  129. by Tafanus

    E tanto per parlare di tennis, e della squallidissima Sara Errani: alcune ore fa ha gioctao una finale premier (perdendola 75/7 6/7, e ha giocato la finale del doppio, contro due fra le più grandi doppiste (Huber e Hlavackova) vincendola in 40 minuti 6/1 6/1. Una delle due doippiste asfaltate giocherà contro l’Italia in fed cup fra sei giorni, e il trattamento loro riservato dalla noiosa Sra lascia ben sperare.

    Sempre per parlare di questa scadente giocatrice: nel primo mese di attività del 2013 ha giocato una finale di premier, ha partecipato a tre tornei di doppio, giocando tre finali, e vincendone due (un premier e un Grande Slam). Per diral con un certo stile: questa giocatrice è proproio una “chiavica”..

    Giemme: io ho rapporti solo con persone di una certa intelligenza. E’ per quello che su questo blog riesco a dialogare civilmente solo con un paio di persone (fra cui una sei tu), Il dialogo cogli (…) e coi mmaleducati non è nelle mie corde. Come sai, ho fiumi di persone intelligenti con le quali dialogare.

    Faccio a te e Cristian la raccomandazione di non eccedere in buona educazione nei confronti del sottoscritto. Potreste inimicarvi per sempre i migliori solisti di trombetta, e i CT del doppio fallo-

  130. by Stefano

    Dopo Venus e Serena, ora pure Sloane Stephens ha dato forfait in Fed Cup.
    Mi sa proprio che le americane non vogliono venirci in Italia a giocare …
    Meglio così: a questo punto non vincere con un 4-0 sarebbe quasi uno smacco.
    Peccato soltanto per Camila, che sul più che probabile 3-0 avrebbe potuto certamente giocare il suo primo match in nazionale (mannnagggia!!!!!).

  131. by Tafanus

    Teus 13:47: qui il blog lo dirigono i gestori delo blog. Ho chiesto pubblicamente a loro se di debba parlare soilo di Camila, e mi è stato risposto pubblicamente che qui si ouò parlare diìi Camila, delle altre ragazze, dei ragazzi, dei vecchietti del circuito “Legends”, e di tutto ciò che è tennis.

    Quindi, adeguandomi al consenso di Matteo Veronese, e fottendomene altamennte di ciò di cui parla “la maggior parte”, finchè le regole di Veronese sono che si può parlare di TENNIS, e non solo della “Nostra Cami”, a questo mi atterrò. Poichè mi sembra che le regole di questo blog le debbano dettare i hestori, e non tu o io.

    Prendine atto.

  132. by GIEMME

    OK ragazzi.
    spiace per Sara, ma giornata memorabile per il nostro sport azzurro:
    FRANCIA DI NUOVO BATTUTA AL SEI NAZIONIIII!!!!

  133. by cristian

    @Giemme: infatti avevo specificato di non avercela con te. E cmq non credo di aver risposto male a nessuno eh, ho detto che mi infastidisce leggere determinati commenti su Sara, se ne è parlato fin troppo nei vari siti sulle sue potenzialità, su quanto non meriti quel ranking ecc..ho letto il commento di risposta firmato Tafanus, e mi sono trovato d’accordo con quel punto di vista, non ho capito perché ne è sorto un problema. Mesi fa ci insultavamo entrambi , come sei cambiato te, porto rispetto anche io. Rispondo a tono solo se n’è bisogno.

    @t.o : ma il tuo punto di vista l’ho capito già l’altra volta, sicuramente sul discorso di Camila delle sue potenzialità, della discontinuità hai ragione, l’ho sempre sostenuto che non possiamo aspettarci da lei una regolarità alla Sara o Wozniacki. Riguardo la Errani non mi trovi d’accordo, ha già dimostrato di potersela giocare alla grande nel tennis che veramente conta, i risultati lo dimostrano, è partita sottotono a inizio 2013, ma reputo che possa fare ancora un’altra grande stagione, la mentalità è vincente, lotta su ogni punto, questo contribuisce a formare una vera top ten. C’è anche chi ha grandi colpi, talento pazzesco, ma non sboccia per un fattore psicologico, guarda un Simone Bolelli o un Fabio Fognini. Vedremo con il passare del tempo, e spero che Camila un giorno possa ritrovarsi in classifica ,lì dove c’è Sara ora. Saluti t.o 🙂

  134. by t.o.

    @cristian hai pubblicato mentre stavo scrivendo. perciò ti rispondo ora. Come avrai capito non ho nessuna remora e nessun rancore contro di te. E perchè dovrei. Riguardo Sara io sono più contento di te che lei sia in Top Ten. E spero ci rimanga più a lungo possibile. Sono costretto a prenderla come paragone perchè viene presa come “modello”. Dire Sara facendo così è entrata in Top Ten perciò per entrare in Top Ten bisogna fare così è una castroneria. Sara è Sara. Camila è Camila. Sono le due anime opposte del tennis. Da sempre è così e sempre sarà così. Da Panatta Barazzutti, fino a Sara Camila sarà sempre così. Sara è la versione moderna di quello che ai miei tempi era Vilas. Guillermo ha vinto anche 4 GS ed è stato 2° a lungo, ma a quei tempi quel gioco poteva pagare anche sul cemento. Le racchette erano di legno e le palle più veloci viaggiavano a 180 all’ora (nel maschile). Oggi quel gioco ha un limite. Vinci spesso, vinci con molti ma con quei 5 o 6 o 7 non solo non vinci, ma ci fai anche delle figuracce. Senza servizio nel gioco moderno hai dei limiti invalicabili. e gli H2H di sara conto le Altre Top Ten lo dimostrano. Ho sempre scritto “onore a Sara” ma è come quando la nostra squadra di Basket gioca contro gli Stati Uniti. Siamo orgogliosi di vincere gli europei. ma alle olimpiadi sappiamo già che ci sono solo due podi a disposizione. Abbiamo questa Sara e teniamocela cara. Abbiamo una Camila che può darci soddisfazioni di tipo diverso. Non è giocando come Sara che potrà andare avanti. Non è scegliendo i tornei come li sceglie Sara che scalerà la classifica. Sara farà i suoi 5000 punti in 20 tornei Camila (se li farà) li fara in 6 tornei e poi una serie di uscite al primo o al secondo. Come la Petrova……..perchè credi che ci abbia vinto due volte su due? ……..ho chiarito il mio punto di vista? ciao t.o.

  135. by t.o.

    Mi capita spesso di trovarmi d’accordo con Teus. Non sempre nelle conclusioni, ma sempre nella logica di ragionamento. Se usassi gli stessi “sottostanti” utilizando la stessa logica giungerei anch’io alle sue stesse conclusioni. Analizziamo perciò i “sottostanti” (gli assunti di base) Chi è un Top Ten. Che significa giocare da Top Ten.
    Un Top Ten è un giocatore che è nelle prime dieci posizioni della classifica.
    Se questo è vero (come è vero) giocare da top ten serve a garantire la permanenza in questa posizione di classifica.
    Perciò sottoscrivo tutto ciò che dice Teus. Un giocatore che riesce ad entrare ai 16° nei 4 Slam e nei 5 mandatory in due finali in Premier e in 3 finali in International ha già una dotazione sicura di circa 3000 punti. Ha ancora due tornei da contabilizzare e una finale di Istanbul (se era tra gli 8 l’anno prima) che anche perdendo sempre ti da quei 280 punti che valgono una vittoria ad un International. Ha anche altri 11/ 12 tornei in cui può permettersi di perdere al primo al secondo, o abbandonare per infortunio. Entrare nei 16° (non dico vincerli) in GS e Mandatory significa non incontrare nessuna TdS . Mi è perciò possibile questo percorso evitando sempre le prime 32 della classifica.
    E’ certamente un giocatore forte. Molto solido. E di buona salute. Ad avercene in Italia.
    David Ferrer può essere considerato il prototipo di Top Ten.
    Se per Top Ten invece considero un giocatore che non entra mai in campo sconfitto. Che può vincere contro chiunque. Di cui tutti hanno timore. Magari un cavallo pazzo, ma che qualche filotto di uno due mesi da imbattuto in un anno li trova sempre allora lo scenario cambia.
    Prendiamo sempre Sara come esempio. Certamente sarà Top Ten almeno fino agli US open.
    Precede una NaLi da cui ha perso 5 su 5 una Kvitova con 3 su 3 oltre alle Serena 4 su 4 Maria 2 su 2 …solo Rad e Viki 4 su 5 (ma le uniche vittorie sono con una Rad e una Viki di 17 anni) .
    Con Sam ha perso 5 su 7 ( le due vittorie in questo ultimo splendido secondo semestre del 2012) Solo con Kerber e Bartoli gli H2H gli sorridono. E infatti la Kerber e la Bartoli seppur così diverse da Sara sono quelle che più le somigliano. Una finale di GS la francese due semi la più giovane tedesca. Tanti anni a cavallo tra la 20° e la 10° marion (con qualche puntata anche in 7°) tre anni in top 100 basso e due in top100 alto prima del salto al 5° del 2012 la tedesca.
    E infatti sono le uniche tre che non hanno mai vinto uno Slam (in realtà ci sarebbe anche Rad ma una che fa GS da quando ha 16 anni e che in 27 partecipazioni è uscita al primo solo due volte il titolo va dato alla carriera…….e ha solo 23 anni).
    Per tornare al quesito iniziale. Se per top ten intendiamo ciò che intendo io Giocare da Top Ten significa applicare la strategia dominante. Imporre il proprio gioco. imporre il proprio ritmo. Sia che si giochi contro uno più su si con uno più giù in classifica. Perchè a tennis non giocano le classifiche. Ogni punto è una battaglia a se. dopo tanti punti viene un game dopo tanti game viene un set e dopo due set si vince la partita. E nessuno ha perso finche l’arbitro non dice Gioco, Patrita, Incontro. Un Top Ten è uno che è sempre sicuro che quella frase verrà detta solo dopo un suo vincente. 4000 punti si fanno anche vincendo “solo” 2 GS . in teoria tutti gli altri tornei puoi perderli anche tutti al primo turno. Ma se entri nel campo entri per vincere. E se ci credi……prima o poi avviene

  136. by GIEMME

    Cris:

    intanto non ho detto io che Sara vale la 30/40ma posizione.
    anzi, credo di aver detto tutt’altro…

    poi scusa, a chi sostiene tesi cui tu non sei daccordo, basta che rispondi a modo senza infastidirti.
    ci si parla…. si discute sul merito di tutto….
    che vuol dire infastidirsi?? stai tornando quello che eri mesi fa??
    davvero mi deluderesti…

  137. by cristian

    Principalmente mi sono infastidito su quello, si Giemme. Ma non per quello che hai detto te su Sara, anzi, da fastidio questo continuo rimarcare che Sara non meriti una top 10, che la sua posizione è dalla 30 alla 40, ma di cosa parliamo ? una che fa, quello che sta facendo Sara, merita la top 10 e ci gioca da prime dieci, altrimenti non era in quella posizione (7). Si fanno troppe supposizioni , che non hanno basi, appunto quotavo le parole di Tafanus. Ogni tanto potrò essere d’accordo con lui 😉 t.o cmq rilassati, puoi scrivere ciò che vuoi, non devi aspettare il mio permesso, tu esprimi un tuo parere, io posso dire con quale di essi mi trovo più d’accordo. Peace

  138. TEUS by TEUS

    Riusicre ad offrire un rendimento sufficiente per battere gocatori peggio classificati anche nelle giornate molto storte e perderci quindi rarissimamente, piazzarsi praticamente in tutti i tornei a cui partecipi dimostrando continuità per tutta la stagione. Giocare da top ten significa questo secondo me. In pratica la solidità conta più del talento. Detto ciò sapete qual è il giocatore che gioca più da top ten di tutti perché mette in pratica costantemente le cose che ho appena riportato? David Ferrer.
    Concordo con chi ha scritto che i primi 4 (prime 3 nel caso delle donne) sono una categoria a parte. La Errani sta giocando da top ten da più di un anno (nonostante ciò penso anch’io abbia già raggiunto il suo massimo livello e che difficilmente riuscirà a replicare i risultati della stagione scorsa). Credo invece che Camila non avrà mai nalle continuità la sua peculiarità principale ma rimango convonto che, nell’arco della carriera e se saprà “crescere”, possa senz’altro vincere qualche slam (cosa che invece a una giocatrice come la Errani non capiterà mai).
    Camila la vedo simile a un Safin o a un Kafelnikov, Errani a un Tipsarevic giusto per fare paragoni uomini-donne.

  139. Lino by Lino

    Giemme: Haha hai ragione.
    Per quel che riguarda il tema lanciato, ripensandoci ieri, anche io ho valutato che per fortuna sarà difficile che scenda oltre le top 10, proprio per la discontinuità di quelle che seguono, forse se ne inseriranno un paio e forse sara perderà un paio di posizioni..bah, staremo a vedere.
    Ripeto comunque che a “giocare” da top ten son solo le prime 4-5, le altre son lontanissime, Sara poi, con quel servizio ridicolo è un miracolo che abbia raggiunto certi risultati, detto questo le faccio un grande in bocca al lupo per la finale di oggi.
    Camilla ha mostrato invece lampi di classe e di gran gioco, l’aspettiamo presto a nuove grandi prestazioni.

  140. by GIEMME

    Lino:
    penso anch’ io che una Bartoli o una Stosur siano troppo discontinue.
    ma non solo loro…
    ecco perchè dicevo ieri che Sara non uscirà tanto facilmente dalle prime 10.
    non è solo per una questione di punti da difendere, che magari sul rosso riuscira’ a farlo in modo egregio.
    ma per via del calibro di molte sue inseguitrici.
    ovvio che ci possono essere delle scalate molto repentine dalle retrovie.
    ma non so bene in un anno, quante se ne possano contare…

    t.o.:
    non ti scaldare su… è domenica… giorno del Signore… aspetta almeno lunedi’! 😉

  141. by GIEMME

    ciao Taf.

    guarda che il cazzeggio in oggetto (giocare da top ten), l’ ho proposto io.
    e forse è proprio per questo, perchè mi riferivo inizialmente a Sara, su come stesse giocando questo avvio di stagione, credo che Cristian si sia infastidito… ormai lo conosco bene…

    a mio avviso, non è un argomento tanto scontato, perchè si puo’ facilmente confondere con il significato di TOP TEN, che è cosa diversa da cio’ che io intendevo chiedere, ossia GIOCARE DA TOP TEN.
    tanto che l’ ho anche specificato dopo mio errore.

    certo che, se avessi chiesto cosa significa top ten, essendo questo un blog in cui si parla di tennis,
    avresti avuto tutte le ragioni nel dire che siamo ancora ai livelli dell’ asilo.
    ma il significato di GIOCARE DA TOP TEN, è ben diverso e si presta facilmente ad interpretazioni personali.
    ecco il motivo per cui l’ ho chiesto.

    vedi, dopo che io ti ho invitato nuovamente a cercare il dialogo con gli altri,
    hai di sicuro perso una nuova occasione per farlo.
    perchè non è necessario dovre fare sempre delle polemiche quando non si è daccordo o si ritiene l’ argomento futile.
    si puo’ rispondere a modo, o si puo’ anche girare pagina senza scrivere alcunchè.
    come fa di sicuro qualcuno a cui l’ argomento non interessa.

    cordialmente e buona domenica a tutti.

  142. Lino by Lino

    Quell’individuo fastidioso e maleducato aveva promesso che non si sarebbe più fatto vivo per un bel pò, per rimangiarsi la parola nel giro di brevissimo tempo, si dovrebbe vergognare.
    Non so se abbia 60 anni o più, ma si comporta come un bambino dispettoso e molto viziato, che batte i piedi per terra e strepita come un isterica, anche per questo, ma non solo, sfracella a molti di questo sito i cosiddetti…
    Ma perché non se ne sparisce per sempre da sto sito? Visto che è anche molto poco gradito?
    E per trattare un argomento d’attualità, senza tirar in ballo la Errani, non mi pare che una Bartoli o una Stosur, ecc. posson esser considerate delle reali top ten, a parte i numeri che le fan rientrare in quella classifica, e mi sto rivolgendo solo ed esclusivamente alle persone che amano Camilla e il suo sito, e non alle persone sgradite.
    Vamoss Canilla, tifo incondizionato per te!

  143. by t.o.

    @Cristian Mi piacerebbe sapere su cosa sei d’accordo con Tafanus. Sul fatto che le Top Ten le stabilisce la classifica? Su quello credo siamo d’accordo tutti. O sul fatto che può capitare che una Top Ten possa perdere contro una non Top Ten? Quello lo sappiamo tutti. Anzi è quello che speriamo quando una nostra affronta Maria, o Rad grande (ricordi Camila?)
    O sei d’accordo sul fatto che una discussione su “cosa significa per te Top Ten” lanciata da GIEMME non debba e non possa essere fatta? Se è su questo che sei d’accordo non c’è problema. Non dai la tua definizione e finisce lì. Quelli che vogliono darla (e sono stati più d’uno) possono continuare senza essere accusati di essere il bar sport? O senza essere accusati di fare cazzeggi? O di essere il CT della mutua?
    Se ognuno intervenisse dicendo “io penso questo” è lecito aspettarsi che un’altro risponda “io penso quest’altro” o bisogna per forza cominciare sempre con “Quelli che non hanno capito che…”?
    Io ho detto che Tafanus non ha come al solito capito un cazzo (premettendo che usavo un linguaggio che non è il mio abituale ma il suo) semplicemente perchè non ha capito nulla di quello che intendono per “giocare da Top Ten” quelli che hanno dato il proprio giudizio. E dicevo che mi ha rotto i coglioni (che non è un’offesa) . Anche un “Albert Einstein simpatico” potrebbe avermi rotto i coglioni. Se ti dico stupido ti offendo. Se ti dico mi hai rotto i coglioni non offendo nessuno. Esterno il mio stato d’animo. Lo faccio in modo cafone e maleducato. Ma non do giudizi di merito.
    Nel merito invece, per me “giocare da top ten” esula dall’essere top ten. Stiamo parlando di un atteggiamento mentale, di un modo di gestire le partite che si può riscontrare anche in una che top ten non è e che forse non lo diventerà mai. Uno può giocare da Top ten all’interno di un ITF (che naturalmente non ha top ten reali) . E’ questo è tanto più vero in quanto tutti noi consideravamo top ten Serena anche nel periodo in cui era momentanemente fuori dalle 10. Top Ten è una categoria dello spirito. C’è in tutti gli sport e in tutte le professioni. e non è detto che siano 10 o 21. Infatti essere top ten non da nessun beneficio. Top 32 si. Ti garantisce la TdS in un GS. top 20 si ti obbliga a partecipare a certi tornei invece che a altri. Top 100 o Top 10 no. Top 10 non ti garantisce neanche la TdS in un torneo a 32. Se le prime 8 si iscrivono la 9° va al sorteggio.
    Credo tu abbia capito cosa voglio dire. Se non lo hai capito non fa niente. Io, Giemme, eugenio, lino tommaso e forse altri avevano piacere a fare questa discussione. Tafanus ha detto che non si può perdere tempo in queste cazzate. Tu che sei d’accordo col suo commento dicci. Dobbiamo smettere? O possiamo continuare?
    Resto in attesa del tuo permesso.

  144. by Tommaso

    Io ho dato una definizione di cosa significhi per me top10 perché l’argomento mi sembrava interessante. In attesa che Camila giochi, e finché i gestori consentono di commentare anche al di fuori delle partite di Camila, mi pare giusto che si parli di tennis, di come lo intendiamo, di chi seguiamo, di chi ci piace e chi no.

    Se a qualcuno la cosa non interessa, non risponda. Se ha argomenti più interessanti sui quali proporre una discussione, lo faccia possibilmente senza dimostrare quanto si ritenga superiore ai poveri “imbecilli” per usare un termine a lui caro che bazzicano questo sito. Tanto più che, come ci tiene a ricordare, ha un suo sito dedicato al tennis dove poter fare sondaggi, aprire discussioni e quant’altro. Sempre ammesso che qualcuno sia interessato a rispondergli, in quel luogo.

  145. by cristian

    Io sono d’accordo con Tafanus. Condivido pienamente il suo ultimo post.

    Un grande in bocca al lupo a Sara e i ragazzi della Davis per domani, speriamo sia una bella giornata per il tennis italiano!

  146. by t.o.

    @Tafanus, per usare i tuoi termini (…) C’è gente che ha deciso di dare una definizione di: Cosa significa secondo te “giocare da top ten”.
    Se vuoi dire cosa significa per te DILLO. Se non ti interessa la questione TACI.
    Non abbiamo bisogno (…) che venga a dirci se il nostro è un gioco da ragazzi o una pippa mentale.(…)

  147. by Tafanus

    Lino, ci spiegheresti quale sia il ranking che spetta alla Giorgi, visto che non lo hai indicato? E magari ci spiegheresti in base a quali considerazioni sei arrivato a concludere che le spetti la posizione X, diversa da quella che occupa?

  148. by Tafanus

    Vorrei capire cosa significa “giocare da top ten”. Chi sono le Top-ten? Stando a ciò che mi risulta, sono tutte e solo quelle che hanno almeno 3765 punti wta al 14 gennaio 2013: Azarenka, Sharapova, Serena, Radwanska, Kerber, Li Na, Errani, Stosur, Kvitova, Wozniacki. Tutto il resto è noia.

    Bene, ognuna di loro prima o poi è stata battuta da non top ten. Incluse la Sharapova, Serana, Azarenka. Diamo uno sguardo al periodo 1° Gennaio 2012/31 gennaio 2013 (così evito di essere sgridato da quel tizio che interviene solo su queste …):

    Azarenka: ha perso dalla Paszek 43, dalla Cibulkova 16, ancora dalla Cibulkova 17.

    Sharapova: ha perso dalla Lisicki 15.

    Serena Williams: ha perso dalla Stephens 25, dalla Razzano 111, dalla Makarova 56, dalla Hantuchova 24.

    Radwanska: ha perso dalla Petrova 18, dalla Vinci 19, da Govortsova 82, da Goerges 24, da Pironkova 40, da Kuznetsova 28, da Cetkovska 28, da Hsieh 123.

    Kerber: ha perso da Makarova 19, da Cibulkova 15, da Pavlyucenkova 36, da Vinci 28, da Paszek 59, da Errani 24, da Pironkova 46, da Barthel 64, da Pennetta 20.

    Li, Na: ha perso da Wozniacki 11, da Robson 89, da Hantuchova 33, da Cirstea 52, da Schvedova 142, da Kerber 19, da Pironkova 50, da Clijsters 14.

    Errani: ha perso da Suarez Navarro 33, da Cibulkova 15, da Hantuchova 32, da Giorgi 93 per ritiro, da Petrova 18, da Venus Williams 64, da Na Li 11, da Venus Williams 69, da Shvedova 65, da Katerina Bondarenko 67, da Stephens 90, da King 58, da Babos 107, dalla Tsurenko 121 per ritiro, da Kerber 31, da Kuznetsova.

    Kvitova: ha perso da Robson 53, da Cibulkova 15, da Pavlyucenkova 36, da Ivanovic 12, da Suarez Navarro 46, da Martic 73, da Bartoli 11, da Kirilenko 15, da Makarova 48, da Kerber 11, da Hradecka 105, da Venus Williams 134, da McHale 35.

    Stosur: ha perso da Zheng 40, da Zheng 42, da Arvidsson 41, da Wozniacki 11, da Chang 134, da Goerges 21, da Petrova 18, da Venus Williams 64, da Safarova 23, da Suarez Navarro 45, da Rus 72, da Flipkens 262, da Errani 24, da Venus Williams 63, da Hradecka 105, da Petkovic 11, da Serena Williams 11, da Petrova 33, da Jankovic 14, da Cirstea 59, da Schiavone 11, da Benesova 54.

    Wozniacki: ha perso da Kuznetsova 75, da Kuznetsova 85, da Pervak 103, da Petrova 13, da Begu 96, da Kirilenko 14, da Pavlyucenkova 23, da Paszek 37, da McHale 30, da Kanepi 23, da Medina Garrigues 31, da Kerber 14, da Kerber 15, da Ivanovic 16, da Goerges 19, da Safarova 28, da Clijsters 14.

    Allora, parafrasando un tormentone da ragazzini dell’asilo, potremmo dire: “le top ten sono quattro: Azarenka, Serena Williams e Sharapova”.

    Scusate… mna che cacchio di discorsi sono? Fin quando la WTA dirà che le classifiche si fanno sommando i punti dei migliori 16 risultati delle ultime 52 settimane, per me QUELLE, e non ciò che decide il Bar dello Sport, sono le top ten, e giocano da top ten. E’ chiaro a tutti, poi (ma qui cxi si staq specializzando nella scoperta dell’acqua tiepida) che fra i 10.325 punti della Azarenka, e i 3.765 della Wozniacki, ci sono delle differenze. Infatti una viene definita n° 1, e l’altra n° 10. E allora?

    Il fatto che in alcune giornate no la numero 100 possa battere la numero 5, o 1, o 10, è talmente previsto, che accade. Per la precisione, nel periodo indicato è accaduto non una volta, ma 99 volte. E allora? Lasciamo in vigore le classifiche? Ne proponiamo alla WTA di diverse? Oppure ogni settimana ci riuniamo davanti a un fiasco di vino e facciamo noi le classifiche, sulla base del sacro principio “secondo me”?

    Il fatto che possa avvenire ed avvenga che una top-ten possa perdere contro una comune mortale è talmente noto e cofidicato, e poco scandalizzante, che fino a qualche anno fa la WTA assegnava un numero extra di punti quando una comune mortale batteva una top-ten, rapportato alla differenza di ranking. E allora?

    La verità è che oggi, se hai 3765 punti sei una top ten. Altrimenti, no. Con buona pace di quei CT della mutua che classificano – a loro insindacabile giudizio – Sara Errani intorno alla quarantesima posizione. Beata presunzione…

    P.S.: ma davvero si pensa di andare avanti fra una partita e l’altra della Giorgi su cazzeggi di questa portata?

  149. by Tommaso

    Giocano da top10 le/i top 3, 4 al massimo. Per me ESSERE top10 significa avere i colpi per supplire alle giornate no, a una condizione non al top, al gioco dell’avversaria/o che, essendo inferiore almeno per quel che dice la classifica, cerca di imbrigliarti o di sorprenderti. GIOCARE da top 10 è mettere in atto tutto ciò nellospazio di una partite: Federer GIOCA da top10 quando rischia di uscire al primo turno a Wimbledon da Falla ma toglie il servizio decisivo all’avversario senza concedere match point. E’ top10 Serena quando all’avversaria cadono le braccia pensando che, di lì, proprio non si passa.

    Essere un top10 è una condizione: essere tecnicamente dotati, avere i colpi, la mente fredda, la sicurezza di essere migliore dell’avversaria/o. Giocare da top10, per me, è mettere in atto quello che è in potenza.

    Speaking of Cami: non E’ top10, non al momento. Ma a volte GIOCA da top10 (terzo turno a Wimbledon, finale di Dothan, secondo turno di quali al RG lo scorso anno).

  150. by Eugenio

    “Giocare da top 10” secondo me significa vincere anche quando non si è in condizione, o venir fuori da situazioni complicate…

    Sicuramente quando va tutto bene significa vincere in scioltezza ma soprattutto per me la vera top 10 riesce a vincere quando si soffre, quando alle altre giocatrici verrebbe il “braccino”…

    Poi non so, alla fine molte giocatrici riescono ad esprimere un tennis “da top 10”, ma spesso capita loro solo in piccoli frangenti della partita…

  151. by GIEMME

    mi correggo:

    rinnovo l’ invito a tutti, nel voler dare la propria definizione al significato di GIOCARE DA TOP TEN…

  152. by GIEMME

    t.o. & Eugenio:

    personalmente non nutro grande stima per la Errani.
    non in quanto persona, che è sicuramente splendida.
    ma in quanto, per qualita’ di gioco espresso…
    le mie pupille italiane sono da sempre Flavia e Francesca (ora in disarmo)…
    ma ammiro molto anche la qualita’ del gioco che Roberta riesce ad esprimere.
    certe volte mi chiedo se non sia Roger travestito da femmina 🙂 peccato che sia un po’ discontinua…

    ma tornando a Sara, non credo che possa uscire tanto facilmente dalle prime 10.
    intanto fin quando rimarra’ fra le prime 8, sarà sempre favorita nei tornei che contano,
    perchè evita cosi’ di incontrare TDS prematuramente.
    ma poi, anche perchè se vai a guardare chi la segue e il distacco in termini di punti in classifica,
    penso che Sara per uscire dalle prime 10, debba fare un seguito di stagione davvero molto deludente.
    l’ attuale tds 11, dista da lei di oltre 1000 punti, che non sono poca cosa.
    e la 8, 9, e 10, non è che stiano esprimendo al momento un gran bel tennis.
    consideriamo in piu’, che presto si avvicinera’ la stagione dei tornei su terra,
    in cui lei potra’ sicuramente dettar legge contro buona parte delle avversarie.
    sicuramente nelle stagioni passate, il livello delle prime donne era piu’ elevato rispetto a quello di adesso.
    ma se valutiamo le attuali primedonne, credo che non ce ne siano poi tante dietro di lei,
    che possano fare tanto meglio.
    discorso a parte ovviamente, per qualche giovane talento che possa scalare la classifica in modo molto rapido… vedi Sloane.

    rinnovo l’ invito a tutti, nel voler dare la propria definizione al significato di TOP TEN…

  153. Lino by Lino

    io adoro sara errani, per il suo cuore, la sua grinta e la sua solidità, l’ho seguita con interesse per tutto il 2012, però farà molta fatica a rimaner nelle prime 15 a fine stagione.
    Inoltre, bisogna considerare, che a parte le prime 4-5 del ranking, le altre si equivalgono molto fino alla 20 – 30 posizione.
    Forza Camillla!!! Riprenditi in fretta e vai nel ranking che ti spetta/aspetta 😉

    PS. Grande Bolelli (2 – 1), è un vero peccato che sia così indietro in classifica, ha un potenziale enorme, altro che quel peso morto di fognini..

  154. by Eugenio

    @T.O. nel 2012 la Errani non mi è sembrata così protetta dall’essere testa di serie…

    Agli Australian Open non era testa di serie (Quarti di Finale) e al Roland Garros non ricordo che testa di serie fosse ma sicuramente era tra la 24 e la 32…

    Forse uscirà dalla top10 ma questa Errani secondo me può stare tranquillamente nelle prime 20 del ranking

    Anche perché Ferrer gioca da anni al massimo ed è ormai stabile nei primi 8 del mondo, spesso anche tra i primi 5, perchè Sara non potrebbe esserlo? Ci sono molte analogie tra i due

  155. by t.o.

    Giocare da top ten. Giocare da top ten significa avere margine. Significa potersi permettere di distribuire le forze.
    Significa poter accelerare in ogni momento per evitare che la partita vada al 3° (non per il punteggio. Ma per non giocare un’ora in più). Ma anche dire top ten è sbagliato. le prime 3/4 sono il top. Sia nel maschile sia nel femminile quella è un’altra categoria. Hanno un rapporto W/L oltre il 5 per più anni. Hanno un rapporto 2/1 sui set in ogni torneo anche quando non vincono. E’ gente che viaggia sempre oltre gli 8000 punti. e senza almeno due finali e due semifinali negli slam 8000 punti non si fanno. Se uno vincesse anche 16 international in un anno metterebbe insieme poco meno di 4500 punti. Oggi con 4500 punti fai 8° posizione.
    Sara, (scusa GIEMME ma devo finire il ragionamento di prima) Nel suo splendido 2012 fa nei GS una finale e una semifinale. Nel 2011 nei GS non protetta dal 32° posto (che garantisce la TdS) è uscita due volte al 1° e due volte al 2°. E anche quest’anno nella splendida finale di parigi sia con Ana, sia con Sam ha vinto 14 set a 14. Capisci perchè dico che Sara purtroppo scenderà. Quest’anno ha giocato oltre il limite dei suoi limiti. Basta un minimo calo di forma, una giornata storta sua o una giornata buona per la sua avversaria e si torna nelle posizioni che ha con grande impegno occupato per 5 anni. Spero che la maturità e la consapevolezza di poter fare di più le consentano di mantenere le posizioni a ridosso delle prime 20. Ma questo credo sarà la sua posizione stabile verso fine anno.

  156. by zerostress

    perchè il torneo di parigi non farà perdere punti a nessuna la prossima settimana? e tanto meno la kerber che ne avrebbe persi 470?
    scusate se vado fuori argomento Camila, ma so che qua ci sono alcuni sapientoni.. se mi vorreste illluminare

  157. by GIEMME

    giocare da top ten non credo sia vincere il piu` possibile. Questo mi pare abbastanza ovvio.
    A mio avviso significa vincere NORMALMENTE, in modo netto contro avversarie di seconda o terza fascia…

    Ma facciamo una bella cosa:
    Eliminiamo Sara dal discorso e chiediamo a tutti gli altri utenti qual` é la loro interpretazione di GIOCARE DA TOP TEN. Ripeto, facendo un discorso che valga per tutte. Non solo per Sara…
    Puo` essere interessante sentire cosa ne pensate tutti voi.
    Vi aspetto….

  158. by Morotep

    Scusate se mi intrometto… posto che Sara ha appena vinto un altro match per ritiro (ma confido avrebbe vinto lo stesso), ma cosa vuol dire giocare da top ten? Ve lo dico io: vuol solo dire vincere, vincere il piu’ possibile, vincere anche quando sembra che no ce la si faccia!
    Pertanto ieri Sara, vincendo un duro match con la Navarro, ha giocato da top ten.
    Il mondo e’ pieno di giocatori talentuosi che “giocano da top ten” ma ahime’ ne sono ben distanti e/o non ci arrivano mai.
    Sara ci e’ arrivata e al momento ci rimane pure (certo come inizio stagione non e’ molto brillante ma, appunto, siamo agli inizi e se dovessi soffermarmi unicamente su questi primi tornei allora per Camila dovrei mettermi le mani nei capelli… cosa che opportunamente non faccio).

  159. by GIEMME

    antonio:

    grazie per considerare cio’ che scrivo sensato.
    ma io credo tra tutti, di essere quello meno preparato in fatto di argomenti legati al tennis.
    me la caverei molto meglio se parlassimo di sci alpino o di ciclismo o di rugby…
    sicuramente qualche antipatia me la sto tirando dietro, ma cio’ nonostante non rinuncio a dialogare con te, in modo costruttivo ed equilibrato.

    detto questo, ti faccio notare che io non ho scritto che Sara stia giocando da schiappa o che non meriti di essere arrivata in semifinale.
    è solo, come saprai bene di me, che in primis amo vedere cio’ che accade in campo.
    e Sara in questo torneo, ha praticamente giocato un solo match, vincendolo in modo abbastanza rocambolesco e creandosi non pochi problemi, con i suoi schemi sempre troppo difensivi.
    in tutto il terzo set, che è quello che ho visto, la mia idea resta quella.
    magari nei primi due potrebbe aver giocato diversamente, ma ne dubito.
    certo concordo che un conto è vincere meritatamente un match, un conto è vincerlo per ritiro.
    e questo per me, vale per tutte, Camila compresa, di cui non credo di essermene mai vantato del fatto che abbia vinto per ritiro il match con sara.
    tornando ai giorni nostri, se ho scritto che non sta giocando da top player, è perchè effettivamente sta un po’ stentando, contro avversarie che stando alla sua posizione di classifica, dovrebbe battere in modo piu’ agevole…
    ma tant’ è che per ora è cosi’ e speriamo che a breve sappia fornire un ‘ ottima prestazione.
    tra l’ altro, essendo uscita di scena anche Petra, per mano di quella giovane promessa…
    il torneo potrebbe essere suo, con un minimo di maggior impegno.
    penso di una Petra, che sicuramente continua a non essere in buone condizioni fisiche.
    va bene il talento dell’ avversaria.
    ma la Kvitova di 1 anno fa, ci vincerebbe 10 volte su 10…

    riguardo ai tuoi rapporti con gli altri utenti, ti prego di cercare con loro un dialogo,
    magari cercando di far capire le tue opinioni, in modo meno colorito e meno personale.
    sono sicuro, che come è accaduto con me, tu possa dialogare pacatamente anche con gli altri…
    ci vuole un po’ di buona volonta’ da ambo le parti…

  160. by Tommaso

    Stando ai fatti e visto che ho gli occhi e le cose le leggo, volente o nolente il Tafanus, vedo che fai notare come Sara nel 2011 abbia vinto 9 partite contro giocatrici meglio piazzate di lei. Ne ha vinte 29, in totale, in singolare. Significa che 20 le ha vinte contro giocatrici piazzate peggio. Praticamente 2 su 3. E nessuno ha detto che Sara vince “SOLO” contro le peggio piazzate.

    Nel 2012, invece, conta ben 52 vittorie totali, di cui 12 contro meglio piazzate di lei.

    Non vince SOLO contro peggio piazzate, ma SPESSO. Più spesso che contro le meglio piazzate. Meglio così?

    Ah, qualcuno sa se per caso è iniziato Indian Wells?

  161. by t.o.

    @TAFANUS Ma chi è che fa due pesi e due misure? Chi è che ha detto che Sara è una schiappa? Il Paragone corretto tra Sara e Camila (che pure sono due giocatrici molto diverse) va fatto Camila 2012 Sara 2007. Te lo ho scritto in modo analitico ieri sera. Dai 20 anni ai 20 anni e 6 mesi (lo faccio per fermarmi prima di Wimbledon e perciò per non dare un vantaggio a Camila) Sara esce tre volte alla 1° di qualificazione con le 127°, 135° e 415° due volte alla 2° di qualificazione contro la 182° e la 267° una volta al primo dopo aver vinto le Quali contro la 57° e tre volte al primo in accesso diretto dalla 122° 144° e 327°. 9 uscite al primo turno su 17 tornei (53%) vince un ITF. Camila vince anche lei un ITF esce 5 volte su 12 tornei (42%) due volte in qualifica contro 186° e 157° e tre volte al primo contro 58° 187° e 309°. Questi sono i parametri a parità di età. E mi sono fermato prima di Wimbledon. Se Sara è diventata quello che è oggi lo ha fatto con questo percorso. avrebbe poi fatto 5 anni di maturazione nella metà alta del top 100.
    Camilla ha premesse migliori. Molto migliori. il tempo dirà chi ha ragione. ma ora non facciamo paragoni palesemente in malafede.

  162. by Tafanus

    Vediamo, ascoltiamo, impariamo dai CT con la trombetta: dunque, Sara Errani è capace di vincere solo contro quelle più deboli di lei. Strano modo, per avanzare in classifica. Ma tant’è. Quando i CT danno lezioni, gli allievi ascoltano in rispettoso silenzio. M;a io che sono stronzo verifico le parole del CT:

    2011: Questi i risultati della Errani che non coincidono con le teorie del sig. “doppio-fallo-è-bello”:

    Errani, da:

    43 batte Vinci 38

    40 b. Gajdosova 30

    43 b. Dulgheru 27

    43 b. Pavlyucenkova 21

    40 b. Zakopalova 34

    38 b. Vinci 35

    34 b. Kanepi 17

    47 b. Hercog 36

    46 b. Kanepi 43

    2012:

    45 b. Wickmayer 26

    48 b. Petrova 31

    48 b. Zheng 38

    36 b. Vinci 23

    36 b. Pennetta 29

    33 b. Goerges 16

    33 b. Cibulkova 17

    24 b. Ivanovic 14

    24 b. Kerber 10 (due volte)

    24 b. Stosur 6

    10 b. Kerber 6

    CT, ci racconti di nuovo la storia, per piacere. Aggiornandola ai FATTI

    Poi, se avrò tempo e voglia, fornirò dati omologhi per altre

  163. TEUS by TEUS

    TAFANUS, dato che parli delle poche persone sensate che frequentano questo blog, ti faccio notare che la tua risposta a Madoka non è affatto sensata oltre ad essere eccessivamente aggressiva (DETESTO l’arroganza e quindi la considero fastidiosa).
    Qui i più fanno valutazioni su Camila e su quello che più loro aggrada. Prendine atto e non continuare a comportarti come un bambino di 10 anni per favore. Io ho il cattivo vizio di dire quello che penso in base a quello che leggo e mi pare che tu sia proprio partito per la tangente. Rilassati.

  164. by t.o.

    Mi dispiace dover sempre coinvolgere Sara Errani in questa stupida polemica. Sara è una ragazza splendida ed un’atleta encomiabile. Sono felice della sua semifinale a parigi e sono convinto e spero che possa fare molto di più. Il più felice di essere smentito sulle mie previsioni sono proprio io.
    Terminata questa doverosa premessa immaginate di una Camila giunta in semifinale dopo un bye, un ritiro e un quarto vinto per 2 punti (136 a 134 dopo 270 punti complessivi) contro una 25 posizioni più in basso in classifica che ha avuto anche una palla match. Noi avremmo tutti gioito…….ma penso che qualcuno avrebbe avuto molto da ridire. Lui da “ridire” noi molto da “ridere”……………ahaahahhahahhahahhaha
    Vamosssssssssss Camilaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!

  165. by Tafanus

    (…)

    Giemme, non si mpuò prendere un torneo di Sara fortunato e decidere che èp una schiappa. Per dire, alla finale di Parigi non c’è arrivata con un bye e un ritiro. Ma sui ritiri molti pensano che siano partite giocate e perse, o vinte dall’avversario. Per esempio quando Camila ha vinto – guarda caso proprio contro la Errani, per ritiro, molti la hanno considerata una vittoria a tutti gli effetti. Ma se vince la Errani per ritiro (fra l’altro mentre conduceva 4/0, non vale più? Dovremmo metterci d’accordo una volta per tutta se il polso della Pennetta ha pregiudicato le sue ultime partite (inclusa la partita di Wimbledon), o se è solo la spalla di Camila ad aver pregiudicato le sue partite da novembre in avanti.

    Giemme, tu resti una delle poche persone sensate che scrive su questo blog (sarà mica per quello che cominci a farti degli “antipatizzanti?): Quindi ti prego, almemo tu non cadere nel giochino dei due pesi e delle due misure.

    Sara Errani, per dire, quest’anno ha giocato tre tornei di doppio, oggi è alla sua terza finale su tre tornei, e ha vinto uno slam.

    Io, prima di buttarla via, vorrei vedere dei ricambi in grado di non perdere 8 volte su dieci al primo turno, anche quando stanno bene.

  166. by GIEMME

    taf:
    non è che qui si parla solo di Camila.
    anzi, mi pare che spesso si discuta anche di molto altro…
    personalmente non amo molto il tennis maschile, perchè i primi attori che abbiamo non mi calzano come vorrei…
    è come un bel vestito, che è bello fin quando non lo provi.
    lo scorso anno, ho sperato che Giannessi ripetesse gli ottimi risultati, e che anche Flavio riuscisse a trovare continuita’.
    cosi’ non è stato.
    Fabio proprio non riesco a digerirlo e Andreas, non riesce ad entusiasmarmi, con la sua troppa discontinuita’.
    ma non solo.
    detto questo, vivo alle porte di Torino, e avrei potuto benissimo assistere alla DAvis cup ( impegni permettendo)…
    ma non lo faccio, proprio per i motivi di cui sopra (anche se ho ben sperato ieri in Lorenzi),
    perchè come detto, non mi ci appassiono attualmente al tennis maschile.
    certo, un occhio di riguardo a Quinzi, lo riservo sempre, come a qualche altra giovane speranza del tennis italiano.
    ma al momento, per me la situazione è questa. per cui se personalmente non parlo di Davis, è perchè non ci trovo gli stimoli necessari per poterla seguire….
    tra l’ altro in contemporanea ieri giocava Sara.
    ho avuto modo di vedere il 3° set.
    ti posso confermare che ha giocato non certo da top ten e anche grazie al passaggio agevole precedete si trova in semifinale.
    ma non ne farei tanto un vanto di questo.
    in fondo: un bye, un titiro dopo 4 game e un quarto molto complicato in cui ha anche dovuto annullare un match point.
    mi pare un po’ poco per dire che per lei siua un gran bel torneo.
    poi, come sai ogni opinione è strettamente personale e puo’ essere o non essere condivisibile.
    ciao.

  167. by Tommaso

    Ma chi ti da il diritto di insultare in continuazione, tafanus? Qua se uno scrive “beh”, lo attacchi. Se non si capisce quello che scrivi e lo si fa presente, fai ironia. Nella migliore delle ipotesi, nella peggiore insulti. Ma chi ti credi di essere? Se sei così superiore a noi poveri scemi perché non ti ritrovi con la tua claque di intellettuali a disquisire d’altro che non di uno sport dove ci si sporca di terra gli scarpini?

  168. Madoka by Madoka

    Nulla, neanche un giorno 🙁

  169. by Tafanus

    P.S.: quando Sara Errani scenderà al n° 40, con qualche puntata verso il 30, qualcunio mi faccia un fischio. Sarà molto interessante vedere un incontro fra la Errani n° 40, e la nostra Cami n° 10. In fondo, gareggiare contro una che la precede di trenta posizioni, per Sara dovrebbe essere stimolante… Per ora Sara è in semifinale a Parigi, sia in singolare che in doppio. Ma è chiaro che è una raccomandata!

  170. by Tafanus

    TOMMASO: “…Tafanus, senza ironia non ho capito di quale periodo storico di Camila tu stia parlando. 2012 e scorcio di 2011? 2012/12? Vabbè, a parte ciò ho colto la tua sottilissima ironia, ma non una risposta alle mie considerazioni che evidentemente ti hanno lasciato a bocca asciutta….”

    Mamma mia a cosa ti attacchi! Sei proprio una persona di una intelligenza superiore: come i girini e i lombrichi.

  171. by t.o.

    @TEUS Se guardi gli ultimi incontri (ho trovato le statistiche quasi di tutti) la spalla ha davvero qualcosa a che fare con i risultati. Con la Larson fa il 39% di prima. Non è il 39% che mi preoccupa, anche se Cami sta sempre sopra il 45/49%. E che sul quel misero 39 fa solo il 53% di punti. Contro Rad a Wimbledon aveva il 49% di 1°. ma su quel 49 ha fatto il 66%. 19 punti su 29 prime entrate. Con Nadia ha fatto 48% col 64% di punti. 25 su 39 1°palle.
    Capisci che un 39% se fosse perchè tira troppo forte farebbe almeno su quelle che entrano il 70%. Se ne entrano poche e quelle poche sono pure lente…….
    Con Rad ha perso perchè non ha fatto la partita della vita. Cosa che invece ha fatto con Nadia.
    Con Nadia ha fatto 67% di vincenti sulla 2° palla di servizio, con Rad solo il 37%. Lascia perdere i DF. Se anche avesse fatto gli stessi che ha fatto con RAD (10) sarebbe stata comunque sopra al 50% sui punti di 2°. Camila deve fare come Vikctoria . Prima e seconda sono quasi uguali come velocità. A Wimbledon Camila ha avuto una media di seconda di 4 miglia superiore a Serena. Con la Dushevina ha fatto solo 2 DF . Finalmente siamo tutti contenti. Camila non fa più doppi falli. Purtroppo i punti su quella seconda così sicura sono il 38% 11 su 29. Per tutto il resto (rovesci tagliati e short) mi trovi pienamente d’accordo.
    Avesse fatto 4 volte i DF che ha fatto ma il 67% di vincenti sulle 2° avrebbe vinto la partita.

  172. TEUS by TEUS

    E poi è senz’altro più semplice fare un vincente dopo due o tre scambi piuttosto che direttamente sulla risposta.
    Guarisci presto, Camila. Ci sarà da divertirsi…

  173. TEUS by TEUS

    Sì, t.o., hai ragione tu. 😉
    Camila va aspettata magari anche per qualche anno perché deve milgiorare moltissimo tatticamente, iniziare magari a giocare qualche rovescio tagliato quando è in ritardo sulla palla e fare più palle corte quando conduce lo scambio e ha i piedi ben dentro al campo.
    Rispetto a Sara è più potente, ha una milgiore capacità di anticipo e serve meglio (fa tanti doppi falli ora, lo so, ma con la maturità sono certo ne farà molti meno).
    Riguardavo poco fa il suo match a Wimbledon con Rad grande: mettendo in pratica le cose che ho riportato poco fa, lo avrebbe vinto.

  174. by t.o.

    rileggendo ho scoperto un errore. Non ci perderei tempo se non mi fossi accorto anche di una piccola curiosità.
    Sara a palermo non batte la 11° ma la 111° ma il curioso è che a quell’epoca il suo “scalpo” più prezioso era stata la 32° (Medina Garriguez). Camila aveva come Miglior vittoria Nadia Petrova TdS n°1 a Menphis. 32° anche lei. 32°. Il gruppo di merito delle TdS negli Slam.
    Mettiamo a posto questa cavolo di spalla e ricominciamo la scalata…………
    Vaiiiiiiiiiiii Camilaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  175. by t.o.

    Spero di non dover spiegare più del perchè scrivo certe cose. A me piace moltissimo Sara. Ma non è certo il suo tennis la cosa che mi piace di più di lei. Credo che Sara abbia toccato il tetto delle sue possibilità. Tornerà ad essere una buona 40° (con puntate fino al 30°….forse qualche posizione in più). E salirà di Ranking ogni volta che da regolamento non sarà più costretta a giocare tutti i premier. Sara perde poco con quelle al suo livello. Vincerà international a ripetizione e si toglierà ancora tante soddisfazioni in doppio. ma la top 10 durerà ancora solo pochi mesi. Purtroppo. Attenzione. Sto parlando di quella che può diventare “per risultati conseguiti” la migliore Italiana di Tutti i Tempi. Vediamo però quello che faceva a 20 anni. Il 2012 di Camila corrisponde perfettamente con il 30 aprile 2007 29 aprile 2008 di Sara. Chiaramente faccio questo solo come gioco statistico. L’età e la maturità può variare tra una giocatrice e l’altra anche di 3 o 4 anni. Ma solo come gioco e per rendere onore a chi si impegna. Il giorno dei suoi 20 anni Sara è alle quali di un wta minore Estoril esce al 2° di qualificazione perdendo contro una 267° Sara in quel momento è 147° . I punteggi si calcolano in modo un po diverso ma tant’è. Dopo estoril fa un ITF vince due turni contro 141° e 104° e perde al terzo da 136°. French Open 1° di Q L122°. ITF 25000 Vinto 278°, 729°, 566°, 200°, 307°
    ITF 75000 passa tre turni 181°, 482°, 100° e perde con la 130°. Barcellona due Quali con 432° e 430° e poi esce con 182°. Grazie agli ITF è salita fino al 124° ma non basta per il tabellone di Wimbledon. Perciò diserta le qualifiche e torna in ITF . Cuneo perde in finale contro la 150° dopo aver eliminato due TdS 84° e 93°.
    Tenta un ITF 100K due turni (113° 132°) ma trova la 32° (una Rad grande ancora piccola ma già fortissima) e esce al terzo. WTA palermo tre bei turni 56° 11° 62° ma al 4° turno esce per mano della 53°. Con i punti fatti acquisisce il diritto per US Open e va a prepararsi in America (Los Angeles, Toronto, New Haven) tre uscite al primo. 135°, 127°, e 415°. US Open supera il primo contro la 119° poi si infrange contro una Bartoli gia 10°.
    Bali tre bei turni con una 32° e una 57° ma salta al 4° turno contro una 234°. Chiude l’anno con due uscite al primo. una 144° in un WTA in india e un ITF contro una 327°. E’ il 22 ottobre 2007. Sara ha solo 20 anni 5 mesi e 22 giorni. A 20 anni 5 mesi e 22 giorni Camila ha appena battuto Alexa Glatch e si appresta ad incontrare Flavia al primo turno di Wimbledon.
    Cosa voglio dire con questo……che anche una campionessa, tutta testa e concentrazione come Sara a 20 anni univa alti e bassi, belle vittorie e clamorose sconfitte. Questi che avte letto sono i numeri di quella che forse sarà ricordata come una delle nostre migliori tenniste. Avrò ragione io di essere orgoglioso di Camila?

  176. by t.o.

    Avrei molte cose da rispondere……shhhhhhhhhh non lo faccio…………..non sia mai che cambia idea………….

  177. by GIEMME

    mi scuso in parte con Bigl, perchè ho equivocato il commento di Teus, prendendolo per il suo.
    ma la questione non cambia…
    non mi sento “primadonna” (Teus) e chiederei scusa se involontariamente offendessi qualcuno (Bigl)…

  178. by Tommaso

    E per chiudere: da qui na Indian Wells (forse) lascio la compagnia a fare bla bla bla sul nulla. Io continuerò a seguire il tennis sui siti dove si parla di tennis. Ciao

    …non credere che noi qui si aspetti la tua parola come quella di un Messia. Se ci vedi retrogradi, ciechi e ignoranti, non sentirti in dovere di “educarci”, alla maniera degli yankees con i Nativi. Noi si vive bene anche così.

  179. Nocci68 by Nocci68

    E per chiudere: da qui na Indian Wells (forse) lascio la compagnia a fare bla bla bla sul nulla. Io continuerò a seguire il tennis sui siti dove si parla di tennis. Ciao

    …….era ora!!!!!

  180. by GIEMME

    bigl,
    Potrei sbagliare, ma credo che tu nella vita non fai lo psicologo come professione.
    Io non sono certo quello che vuol passare come primadonna in cerca di applausi la sera della prima.
    Piu` volte ho scritto che del tennis sono solo un appassionato e non un esperto.
    Ben tollero tutti gli atteggiamenti, anche una certa maleducazione, come ti sarai potuto rendere conto, non avendo risposto con insulti al tuo precedente…
    Semplicemente mal digerisco i proibizionisti.
    Tu in questo senso me ne hai dato motivo almeno per 4 volte..
    Potrei sbagliare, certo….
    Ma sta a te l` onere della prova e resta comunque il fatto che io dopo aver involontariamente insultato, avrei chiesto scusa.
    Ma non siamo tutti uguali. Capisco….

  181. by tommaso

    Tafanus, senza ironia non ho capito di quale periodo storico di Camila tu stia parlando. 2012 e scorcio di 2011? 2012/12? Vabbè, a parte ciò ho colto la tua sottilissima ironia, ma non una risposta alle mie considerazioni che evidentemente ti hanno lasciato a bocca asciutta.

    Altrettanto evidente è che questo sia IL SITO UFFICIALE DI CAMILA GIORGI, e quindi io – che sono uno scemo – mi aspetto di trovare PER LO PIU (diciamo al 90%) commenti su Camila, le sue partite, i suoi infortuni, i suoi stati di facebook anche! Se non è abbastanza – ed è chiaro che non lo è – per te, ci sono MIGLIAIA di siti dove si parla di TENNIS a tutto tondo, e non solo di Camila. Ubitennis, tennislive, spaziotennis, forum sui siti di gazzetta, eurosport, per non dire di quelli esteri. Insomma, di pane per i tuoi denti ce n’è un sacco, anche fuori di qui. Perché qui, è lampante, si parla per lo più di Camila. Libero di parlare di altro, ma non devi prendertela se non trovi analisi dettagliate sulla cartella clinica di Karin Knapp SUL SITO UFFICIALE DI CAMILA GIORGI. O se non si parla con dovizia di particolari del primo singolare di Davis. Se ne parlerà durante, o a match finito. Ma il focus di questo spazio, è evidente, è Camila.

    Tanto lo so che prima o poi ritirerai fuori la storia che si parla solo di Camila. Mi stupisco, in effetti, di stupirmi ancora, ma ho una speranza che tu possa capire…

  182. Madoka by Madoka

    “Da qui na Indian Wells (forse) lascio la compagnia a fare bla bla bla sul nulla. Io continuerò a seguire il tennis sui siti dove si parla di tennis. Ciao”

    Hallelujah !!!

  183. by Tafanus

    E per chiudere: da qui na Indian Wells (forse) lascio la compagnia a fare bla bla bla sul nulla. Io continuerò a seguire il tennis sui siti dove si parla di tennis. Ciao

  184. by Tafanus

    P.S.: Vedo che in questo sito di AMANTI DEL TENNIS non c’è una sola parola sul fatto che fra oggi e domenica ci sono – impegnati in qualcosa di più importante di Midland, quattro italiani i Coppa Davis, una italiana nei quarti di Parigi Indoor, due italiane impegnate nelle semifinali di doppio di Parigi indoor…

    Già… anche quella squallidissima Errani che la Giorgi batterebbe anche con la mano sinistra.

    Tremo al pensiero che da qui a marzo (forse) non faremo altro che parlare della cartella clinica di Camila. Niente di male, se qualcuno avesse fatto lo stesso con le cartelle cliniche della Errani, della Pennetta, della Knapp…

    Chiedo troppo? No, chiedo che si parli di tennis, e non di trombette.

  185. by Tafanus

    Tommaso, a prova di scemo:

    -a) il mio commento rispondeva a delle tue intelligenti osservazioni sugli errori di battitura MIEI.

    -b)Io ho risposato solo – credevo con ironia – che i miei errori di battitura sono ben superiori a quelli che generosamente mi attribuisci.

    Vedi, anche l’ironia (farla e capire quella altrui) richiede intelligenza. Quindi tu con l’ironia non hai niente a che spartire)

  186. by Tafanus

    Cristian, Non permetto a nessun imbecille, neanche se ha l’alibi della giovane età, di mettermi in bocca cose che non ho detto. Non ho parlato di partite rubate. Ho parlato della inopportunità di innalzare lo scalpo di vittorie dovute ad infortuni dell’avversaria. Una cosa che nessuno sportivo che non sia un hooligan del calcio farebbe mai.

  187. by Tafanus

    Ma si…sono belli, i discorsi completi. E allora facciamoli, aggiungendo anche i risultati delle qualificazioni, e anche degli ITF. Alle vittorie ha pensato il CT, noi siamoi specializzati in sconfitte. Dunque, colei che è candidata da ormai quattro anni ad irrompere fra le top ten (magari al n° 1, chi può dirlo…) Nel 2012 e in questo scorcio del 2011 è riuscita a perdere contro 291, 309, 188, 128, 370, 187. 186, 157, 170, 104, 170, 141, 153, 139, 146, 101…

    Sara Errani invece ha vinto solo robetta. Ha vinto tornei battendo giocatrici da niente, ed è così che è arrivata a diventare n° 6 al mondo in singolare, e n° 1 in doppio. Robetta. Budapest, altri due tornei di singolare, finale a Parigi, otto titoli di doppio inclusi Roma e due Grand Slam… Ma vuoi mettere, col successo di Camila a Dotham?

    Vediamo allora l’osceno percorso della Errani nello stesso periodo. Quanti scalpi superiori al 74° (best ranking di Camila) ha portato a casa. Così colmiamo le lacune del nostro CT-Agente di Viaggi, che del 2012 ricorda solo Budapest (che però intanto anche su tornei come Budapest stiamo aspettando Godot. Vero, CT?)

    Dunque, nel 2012 non ha battuto solo delle numero 2384.Cerchiamo di sedare il trombettismo di questo CT con altri dati. I trombettieri, si sa, i dati li scelgono col lanternino, mica li riportano tutti, vero?

    Allora facciamo un lavoro da non trombettieri, e riportiamo i numeri delle giocatrici che ha batutto la Errani nel 2012/12. TUTTI i numeri, altrimenti diventa ibevitabile l’appellativo di vuvuzelador, vero?

    Dunque, solo per stare agli scalpi migliori dell’attuale classifica della Giorgi, vediamo l’osceno palmares della Errani:

    A Sidney la 14 Kirilenko;

    a Tokio la 18 e la 10 (Bartoli);

    a New Haven la 11 (Bartoli) e la 39;

    a Cincinnati la 35 (Hantuchocva);

    a Palermo la 73: una scadentissima classificata meglio di Camila;

    al Roland Garros la 6 (Stosur), la 10 (Kerber), la 28 Kuznetsova, la 14 Ivanovic…

    a Madrid le 65, 16, 55;

    Ad Acapulco la 23;

    Agli AO la 38, 59, 31;

    Ad Hobart la 59;

    ad Auckland la 26 e la 59.

    CT, e qualche sciocchezza in meno, no?

  188. Madoka by Madoka

    @Big

    Riguardo la Burnett : servizio mediamente buono, ottimo rovescio, buon diritto quando può giocarlo lo sventaglio.

    Purtroppo fisicamente siamo ancora moolto lontani : è lentissima in uscita dal servizio, quindi quando appena serve un po’ molle e le altre le entrano, perde sistematicamente il punto senza neanche riuscire ad entrare nello scambio. Il diritto quando lo gioca in movimento è fallosissimo, purtroppo è pachidermica negli spostamenti.

    Ha grossissime lacune nel gioco a volo, le volè, ma soprattutto gli schiaffi e gli smashes, purtroppo le sue avversarie mangiano subito la foglia e quindi alzano dei lobboni che lei puntualmente sbaglia a chiudere e questo è un grosso problema, visto che soprattutto sulla terra, è difficile fare sempre il vincente da fondo campo, considerano che essendo una giocatrice d’attacco i suoi gratuiti li fa.

    A questo c’è da aggiungere che la madre è un personaggio molto particolare ( non entro in particolari privati che non è correggo dire ) e quindi spesso e volentieri ( una volta ad anno )cambia allenatore.

    Per me arriva, non ho dubbi al riguardo, però deve lavorare, ed anche molto : soprattutto sulla tenuta atletica.

  189. by Tafanus

    “Qualcuno non calcola le vittorie di Camila contro le varie Minella Watson Coco Galina perchè sono state fatte nelle qualificazioni. Parlo della 71° 73° 83° 85°”

    No, “qualcuno! non ha messo in conto le vittorie nelle qualificazioni, perchè se si mettono in conto le vittorie nelle qualificazioni, bisogna allora pur mettere nel conto le SCONFITTE nelle qualificazioni. E visto che a queste elementari considerazioni i nostri CT con la trombetta nono arrivano, quando avrò un attimo di tempo provvederò a colmare la lacuna. Ad uso dei CT di passaggio.

  190. biglebowski by biglebowski

    intanto articoletto piuttosto polemico sulla gazzetta in versione cartacea sulla rinuncia di camila alla fed cup, in cui si fa riferimento neppure tanto velatamente ad un infortunio diplomatico.
    se questo giornalista ha informazioni diverse sarebbe bene che le esplicitasse, altrimenti si creano polemiche inutili e magari dannose.
    anche perchè la cancellazione a due tornei in una fase nella quale la bimba avrebbe bisogno di giocare, mi sembrano una prova evidente dello stato delle cose.
    se non altro si apprende che le rinunce di schiavone e giorgi sono dovute a cause di forza maggiore e quindi sostanzialmente concordata quella di francesca e obbligata quella di camila e che le convocazioni di knapp e burnett una conseguenza di questa situazione.

    a proposito di quest’ultima, che personalmente conosco poco avendola vista giocare solo un paio di volte in occasione di due sconfitte e di prestazioni modeste nelle quali si evidenziavano gravi lacune negli spostamenti non ancora supplite da una capacità di comandare il gioco , noto che l’anno scorso ha battuto entrambe le ragazze che a sorpresa hanno raggiunto i quarti del premier parigino battendo a loro volta tenniste assai quotate.
    qualcuno mi sa parlare più diffusamente di questa promessa del tennis italiano?

  191. TEUS by TEUS

    GIEMME, in effetti sembri un po’ troppo suscettibile e sempre alla ricerca di conferme riguardo agli argomenti o alle domande che proponi (Date e DIRETTISSIMA sono gli esempi più lampanti). Anch’io ho chiesto se qualcuno aveva già visto giocare la Puig e non ho ottenuto risposte. Cos’ho fatto? Sono passato tranquillamente oltre.

    Mi auguro che, tramite Sergio, ci terranno informati i gestori del sito riguardo al recupero di Camila dall’infortunio.

  192. Hector by Hector

    Barazzutti ha dichiarato di avere convocato Camila, ma di aver ricevuto il rifiuto del padre a causa dell’infortunio.

  193. by GIEMME

    t.o.:
    mi fa piacere che qualcuno comincia ad apprezzare la mia linea “soft” per la programmazione di Camila.
    ai numerini che hai snocciolato, aggiungerei quello di una certa Stricova, che a Palermo ci ha fatto finale…

    bigl:
    se capisci tanto guardando una sola partita, anzichè vedere il “percorso” di un’ atleta,
    avrai una carriera sicura tra i veggenti, maghi e simili. provaci!!!
    🙂
    poi torno a non capire, come mai su questo blog tu non vedi il motivo per cui si possa parlare della Date,
    mentre si puo’ parlare benissimo della mladenovic…
    non vorrei che l’ eta’ fosse per te una discriminante…

  194. by t.o.

    Qualcuno non calcola le vittorie di Camila contro le varie Minella Watson Coco Galina perchè sono state fatte nelle qualificazioni. Parlo della 71° 73° 83° 85° .
    Guardate ora questi numeri: 71° 83° 85° 108° 132° . simili vero? Sono quelle che Sara ha battuto per vincere Palermo. 280 punti (come Camila a Wimbledon contro 20° 73° 17° 154° 124° 403°)
    Onore a Sara che ha vinto Palermo. Con 78° 81° 104° 118° 85° ci ha vinto pure Budapest. Sono scelte…..
    Camila e Sergio sbaglieranno. Forse davvero è meglio fare punti e dollari cercando i Tornei con meno rischi.
    Ma che ci volete fare. Hanno deciso così. Troppo presuntuosi? Forse.
    Ma io sono contento così. Quelle da battere per vincere Palermo Budapest e ancora altri, so che Camila le può battere perchè le ha già battute. Vediamo che succede quando la settimana giusta capita contro gente un po più forte.
    Alla sua età Sara fece tre mesi di uscite al primo turno (e le poche volte che passò al secondo è stato battendo 87° 90° 136° ma perse anche contro 216° primo di Qual. a Sydney, 134° 2°turno a Vina del Mar. E ci perse 6-2 6-0 mica una passeggiata. Perse con la 221° al primo di Indian Wells……a quell’età succede…..poi gli astri si allineano e si vince qualcosa. Quando si allineeranno a Camila almeno saremo certi che capiterà in una sede di prestigio. Ora pensiamo a rimettere a posto la spalla………….
    Auguri Camilaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!

  195. Hector by Hector

    Peccato Camila, non ci voleva….speriamo in un rientro celere, in modo che ci sia materia di discussione seria per il blog, dopo averti vista in campo! Guarisci bene e stai Serena (oops, la maiuscola…)!

  196. biglebowski by biglebowski

    sono dispiaciuto per l’ infortunio, purtroppo in un brutto momento.
    credo non sia una situazione facile da gestire dal punto di vista psicologico, sarà molto importante il lavoro di sergio nel quale ripongo personalmente molta fiducia.
    senza conoscere il quadro clinico e come si è sviluppato il problema, di cui peraltro si sentiva parlare già dopo i tornei autunnali americani, certi giudizi sulla gestione dell’infortunio sono assolutamente azzardati.
    voglio notare e commentare positivamente l’atteggiamento dei giorgi di non aver mai voluto accampare scusanti per le sconfitte, anche di fronte a molte critiche assai becere che si ripetono, qui e in altri contesti in seguito a sconfitte qualche volta irrazionali, d’altra parte lo avevano fatto anche in una situazione ben più dolorosa di questa.
    in situazione come queste ci vorrebbe un intervento di “antonelo”, che mi dispiaccio abbia ecceduto cedendo alle becere provocazioni di cui è stato oggetto.
    ci provo io, ma così bene non lo so fare:
    vamoooooooooooooooooooooooooos camilaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    p.s.:intanto stasera ho visto giocare una ragazza del 93 che conoscevo solo di nome: mladenovic.
    atleta strutturata meravigliosamente con colpi di grande livello e un atteggiamento mentale di grande maturità evidenziato anche da uno linguaggio del corpo e del volto “da più grande della sua età”.
    la ragazza in questione, che ha battuto facile wickmaier e nel turno precedente goerges, ad ottobre perdeva con burnett (150) , feurstein (130) e tale zanewska (229).
    per dire che invece di andare a vedere tutti questi numeri delle avversarie e fare delle improbabili medie del ranking delle sconfitte subite negli ultimi sei mesi ecc.ecc, qualche volta si capisce di più guardando una bella partita di tennis.

  197. by Tommaso

    In realtà, tafanus delle 22.57, mi rende felice il fatto che tu non abbia trovato modo di replicare alle mie osservazioni ma ti sia attaccato agli errori di battitura. Ciò mi rende esponenzialmente più felice, perché significa che non hai modo di controbattere e – implicitamente – confermi quanto da me detto su prize money, spese aeree/alberghiere e dolori vari.

    Di più: quando mi chiedi se è eticamente corretto scendere in campo per qualche dollaro pur sapendo di essere infortunate e quindi non poter rendere equilibrata la contesa, ti rendi conto che tu è mesi che vai dicendo che Flavia è scesa in campo a Wimbledon con l’85% del tendine lacerato? Quindi? Camila è una giocatrice moralmente riprovevole e Flavia è un’eroina? (Beninteso, NON DICO che Flavia sia moralmente criticabile per essere scesa in campo infortunata – sempre ammesso che lo fosse -, così come Camila – sempre col beneficio del dubbio non disponendo di certificato medico -. Cerco solo di rendere evidente come il tuo discorso sia assolutamente illogico e, guardacaso, sempre “contro” Camila).

  198. by t.o.

    Visto che accetto anche i consigli, da bravo supermanager sono andato ad ottimizzare. Simulando una partenza il 26 febbraio e un ritorno aperto (non si sa mai) ho verificato i prezzi. con 2000 dollari si vola comodi andata e ritorno, gli spostamenti interni MEL BNE SYD (questi sono i codici internazionali dei tre aeroporti australiani) costano meno di 80 dollari a tratta. perciò con poco più di 6500 dollari voliamo in tre. Un Suite (due camere e due bagni) in un 5 stelle si trova a meno di 150 dollari al giorno e 24 giorni ne fanno altri 3600. Altri 200 dollari al giorno per mangiare taxi e coca cola……sono 4800 mance e regalini per mamma…….arrotondiamo…15.000 dollari. sempre 20000 dollari mi riporto a casa….ma poi il supermanager ha un’ideona……ma sta a vedere che c’è qualche sponsor che mi può fare lo sconto… Gli AO hanno VirginAustralia Airways, il gruppo a cui appartiene la mia Octagon cura tutta la comunicazione della Quantas (linea aerea australiana) oltre a curare anche alcune catene alberghiere……mi sa che qualcosa si risparmia…altrimenti uso i viaggi gratutiti della mia carta Mille Miglia ……..

  199. by t.o.

    Il supermanager prima di fare il supermanager ha fatto la seconda elementare (che a quanto pare non tutti hanno superato con successo) 27.737 + 610 + 1134 + 6250 per il doppio fanno 35.731 $ diconsi trentacinquemilasettecentotrentuno dollari. Lo dico sempre….quando si toppano le premesse tutto il resto è una tafanata. Ora vieni qua e facciamo i conticini. Se spendo 12.000 dollari ne avanzano quasi 24mila. In California sui redditi maturati fuori dello stato si paga l’8.80% . In Florida meno………devo continuare o dopo l’aiutino sei in grado di fare da solo? L’unica cosa giusta che hai detto è che c’è davvero da piangere…..prendi uno specchio…

  200. by GIEMME

    Taf:
    io non penso che Camila si sia divertita a sbandierare a destra e a manca il fatto che avesse superato il turno contro Sara.
    se lo ha fatto qualche suo sostenitore, questo con lei non c’ entra nulla.
    comunque, per bilanciare per bene la classifica, se è vero che da un lato lei oggi è li, anche grazie alla vittoria su Sara e anche grazie a quella su Flavia, che io reputo giusta a tutti gli effetti, ma che si sa,
    ognuno è libero di pensarla diversamente…
    di sicuro ha perso punti nelle seguenti circostanze:
    a New Haven era influenzata.
    a New Braunfels e a Phoenix era dolorante.
    come lo è stata nei tornei di gennaio.
    a Wimbledon 2011 affronto’ per gran botta di culo una Pironkova al primo turno,
    che puo’ fregiarsi di essere una delle piu’ forti al mondo su quella superficie.
    certo, qui è stato il caso.
    ma qualche volta la dea bendata ti puo’ girare anche le spalle, facendoti perdere potenziali punti.
    puo’ capitare a tutte e allora capito’ a lei…
    e poi, dulcis in fundo:
    il lutto patito in famiglia, con stop e conseguente rientro graduale nel circuito…
    quanti punti è costato a Camila?
    questo si che è stato un evento davvero molto importante ai fini della classifica.
    e non credo di sbagliarmi se dico che non ne parli mai…
    come vedi, penso che ci sia una buona compensazione nei suoi eventi,
    tale da poter dire che la 70ma posizione sia quella giusta per lei, come ho piu’ volte asserito…
    buona notte a tutti.

  201. by cristian

    Certo Tafanus, sono d’accordo con te, la regola è uguale per tutte, Camila è scesa in campo contro la Dushevina, Camila ha perso quel match, punto. Se era infortunata poteva non giocare. Cosi come per il match perso a Melbourne contro la Foretz. Meriti alle due tenniste che l’hanno battuta, come meriti a Camila Giorgi per aver battuto Flavia Pennetta a Wimbledon. Invece per chi pensa che la Giorgi abbia rubato partite contro Errani, Pennetta, dovrebbe dire anche ” Dushevina,Larsson,Foretz hanno vinto contro una Giorgi infortunata “.

  202. TEUS by TEUS

    Provate a fare i conti senza i 33.000 dollari (27.000 circa per il singolo e 6.000 circa per il doppio) dell’AO e sarà subito chiaro perché è stata presa la decisione giusta dato che erano già là.

    Va bene, TAFANUS, regole uguali per tutti. D’altronde è la dura legge dello sport.
    Consentimi però un’osservazione: perché hai redarguito Tommaso (che ha scritto 17.000 invece di 27.000 e poteva benissimo, come del resto ha detto anche lui, essere un errore di battitura) riguardo ai soldi per l’uscita al primo turno quando tu stesso, poco prima, avevi dimostrato di non essere a conoscenza che chi perde al primo turno incassa lo stesso?
    Aggiungo che è palese ormai che metti in evidenza solo gli aspetti negativi delle prestazioni di Camila ai tornei tralasciando quelli positivi. Lo noto e te lo dico con estrema serenità.

  203. by Tafanus

    Tommaso, hai fatto male i conti. Sei troppo generoso con me. Io di errori di battitura (visto che scrivo di fretta, e non ho il tempo, spesso, di ricontrollare), non ne faccio quanti dici tu, ma almeno dieci volte di più. Se ti accontenti degli errori di battitura… sarai l’uomo più felice del mondo, e io continuerò a contribuire – gratis – al raggiungimento della felicità da parte tua

  204. by Tafanus

    Giemme, tutti hanno una ragione, quando perdono. Le vittorie nelle qualificazioni non le ho considerate, perchè ho parlato dei tornei. E ci mancherebbe se Camila non vincesse nelle quali contro la “negra dalle grandi labbra”, numero 370… O se non superasse di slancio tutte le qualificazioni, visto che aspira ai vertici delle classifiche…

    Il problema è che ricordo come fosse ieri qualcuno (so chi ma non ne faccio il nome), che alzava come un trofeo la vittoria contro la Errani a Pechino.Il ragionamento? Errani è scesa in campo, quindi la vittoria è valida.

    Bene, Camila aveva la spalla in disordine? E’ scesa in campo, quindi ha giocato partite valide.

    La Pennetta è scesa in campo col polso a pezzi? E’ scesa in campo, quindi la partita è valida.

    Oggi la Errani ha vinto contro una che si è ritirata dopo il quarto game? E’ scesa in campo, quindi la Errani sarà orgogliosissima della sua vittoria.

    Vedi Giemme, io personalmente penso che chi vince per un malanno dell’avversaria dovrebbe astenersi dal ritenere la vittoria una vittoria vera. Ma se non lo fa, se non concede l’alibi dello handicap alle avversarie, non piuò chiedere (né lei, né i suoi tifosi) un diverso trattamento..

  205. by Tafanus

    I freddini numeri dicono che Camila dopo Wimbledon è arrivata alla 74ma posizione (che dalla settimana prossima sarà la 77ma, anche grazie al fatto che ha avuto la fortuna di passare il primo turno incontrando una Pennetta col polso in disorsine. Già, dimenticavo: come ha scritto qualcuno su qursto blog, “quando una giocatrice scende in campo, la partita è valida”. Questo discorso vale per Camila/Penetta, e vake per Canila/Errani.

    Non vale, invece per le partite perse da Camila perchè “npoi non lo sapevamo”, ma aveva la spalla in disordine. Ma come???? E’ scesa in campo, quindi partita valida a tutti gli effetti.

    Mi piacerebbe un mondo di trombettieri nel quale le regole o sono le stesse per tutti, o non sono. Niente alibi per Pennetta & Errani, niente alibi per Camila. O viceversa, ma per tutte.

    Qualcosa di sbagliato, nella mia etica delle “regole uguali per tutte”?

  206. by Tafanus

    Nei conti del CT (che a quanto mi sembra di capire è anche una stella del management) presentano dei lati oscuri.

    Dunque, la Nostra Camila incassa 29.000 dollari lordi. Ne spende fra 16.000 e 18.000 fra aerei e mezza pensione (ma giacchè il supermanager c’era, non poteva farsi fare il conto da Miami e Brisbane, poi da Brisbane a Sidney, poi da Sidney a Melbourne, poi da Melbourne a Miami?). E’ quello che avrei fatto io, se avessi avuto tempo da perdere.

    Prendiamo per buoni i conteggi del supermanager. La nostra incassa 29.000 dollari lordi. Ne spende molto a spanne 15.000 di aereo e mezza pensione. Mangiano tutti e tre una sola volta al giorno per 24 giorni (tipo Pannella). Ma mettiamo che pretendano di mangiare due volte al giorno, e se ne vanno altri 3600 euro. Siamo a 18.600 euro. Prenderanno qualche taxi? un tram? un Caffè al banco? Lasciamo perdere… Siamo a circa 19.000 dollari di spese. Siamo a 10.000 dollari di utile lordo. Se va bene, dopo le tasse siamo a 7000 dollari

    Invece, per il nostro C.T. part-time, supermanager La Nostra Cami si porta a casa “tra i 15.000 e i 20.000 dollari puliti”

    Se non fosse da ridere, sarebbe da piangere.

  207. TEUS by TEUS

    L’aspetto economico, come giustamente sottolineato da t.o., va tenuto in seria considerazione per poter continuare a fare la tennista professionista. Non a caso, nel mio primo commento, avevo scritto che non me la sentivo di muovere accuse ai Giorgi per la partecipazione all’AO nonostannte il dolore alla spalla. Ho anche scritto che ormai erano in Australia e che il dolore le consentiva di giocare ugualmente (quindi è stato fatto ciò che andava fatto secondo me).
    Per quanto riguarda il discorso sulla classifica invece mi dissocio dai più perché concentrarsi troppo sul ranking può portare ulteriori ansie a Camila (che a quanto pare è già apprensiva di suo) e causarle quella “febbre da risultati” che in questo momento della sua carriera può essere solo controproducente.
    Bisogna concentrarsi principalmente sul gioco che esprime e sui motivi per cui spesso non riesce a esprimerlo al meglio. La ragazza ha talento da vendere e nel momento in cui troverà il giusto equilibrio generale, la classifica non sarà più un problema perché entrerà direttamente in tutti i tabelloni.
    L’ho detto e lo ripeto: anche se dovesse uscire dalle 100 dopo Wimbledon, non bisognerà gridare al fallimento ma rimanere ottimisti per il futuro.
    La “bimba” avrà un gran futuro (lo ripeto alla nausea, lo so) e, se non sarà così, accetterò mestamente le critiche del TAFANUS di turno.

  208. by t.o.

    I freddini numeri dicono che dal 95° del dopo Wimbledon è arrivata al 74° di pochi giorni fa. Questi sono i numerini che dovrebbero far star zitto chiunque sbandiera i numerini. Se non vogliamo parlare di numerini allora l’analisi di GIEMME che non è lontana dalla mia non fa una grinza. La vittoria con Sara (ma poi chi ha detto che ci avrebbe dovuto perdere) è assolutamente bilanciata dai punti che avrebbe potuto vincere senza il male alla spalla. Ma visto che i mali alla spalla così come la caviglia di Serena e la schiena di Venus fanno parte del gioco. Si lascia ciò che si perde e si prende ciò che si trova. Gli anni sono lunghi e le carriere di più. alla fine le cose si bilanciano.

  209. by GIEMME

    taf:
    sul periodo dopo Wimbledon, che Camila abbia giocato spesso poco bene o a volte svogliata, ci sta, ma non concordo su tutto.
    io valuto molto cio’ che accade in campo, oltre ai numeri finali,
    che spesso possono anche dare un falso riepilogo degli eventi trascorsi.
    nel dettaglio:

    Carlsbad :
    qui davvero non ci sono scuse.
    gioco’ molto al di sotto delle sue possibilita’.

    Washington :
    esce di scena, contro una Falconi allora quasi di pari categoria.
    ma nel computo finale, la differenza nei punti fu a sfavore di Camila, solo per un -2.
    un po’ poco, per doversene vergognare…

    Cincinnati :
    fece la sua parte dignitosa, arrivando al 2° turno.
    certamente scopriamo oggi, cosa c’ era gia’ allora in fatto di talento, dietro quel nome… Sloane.

    New Haven :
    Camila era influenzata, l’ ho detto piu’ volte.
    lo sappiamo tutti, ma non mi spiego perchè questo ti sfugge puntualmente.
    la Glatch allora non avrebbe vinto di sicuro
    e mi pare di ricordare che il seguito per Camila sarebbe stato in parte abbastanza agevole…

    New York :
    ricordo molto le battute di tutti ( non mi ci escludo), che la “Pirofila” era ok per Camila,
    e che tutto sommato il sorteggio era stato abbastanza benevolo…
    se non che, scopriremo a seguito che l’ avversaria di turno, attraversava un periodo di splendida forma, arrivando contro pronostico fino agli ottavi.
    ma se guardiamo il match, Tsvetana pati’ il ritorno di Camila al secondo set.
    perso poi dalla nostra, per un attimo di lucida follia.
    tutto sommato, dimostro’ che se l’ era giocata in parte, contro una avversaria in gran spolvero…

    Seoul :
    anche qui, contro un’ avversaria di ben altra categoria, Camila non sfiguro’ di sicuro,
    mettendola in difficolta’ nel secondo set, perso al TB, per il suo solito momento di follia.
    se non ricordo male, fu qui che chiuse con un doppio DF finale. comunque una buona prestazione,
    contro una Lep certamente piu’ quotata di lei…

    Tokyo :
    tu dici che usci’ giustamente al primo turno.
    ma ometti di ricordare, che aveva giocato e superato le qualifiche in modo egregio,
    contro due avversarie di dovuto rispetto, almeno per la posizione di classifica allora occupata da Camila…

    Beijing :
    stesso discorso di Tokyo. ometti di ricordare la splendida qualificazione contro due avversarie ostiche,
    quali la Watson e la Minella.
    per il resto, lasciamo perdere il match con Sara, anche se credo non vi abbia sfigurato affatto…

    Osaka :
    di sicuro non ne usci’ con le pive nel sacco,
    contro una ben piazzata in classifica (anche se di connotazione “terraiola”, ma di sicura esperienza),
    se la gioco’ aggiudicandosi il primo set, in modo molto netto.
    certo gli altri due, finirono alle ortiche. ma era forse lei la favorita’?

    New Braunfels :
    non esce al primo turno, come sostieni, ma al terzo.
    i primi due turni, li supera con punteggi molto lusinghieri, anche se contro avversarie di una certa modestia.
    il terzo turno, quello contro la Keys, se lo gioca ad armi pari, se non superiori, fino
    all’ arrivo del problema alla spalla.
    ora sappiamo bene chi è la Keys e questo dovrebbe aumentare la stima in lei,
    perchè senza infortunio l’ avrebbe battuta (credo).

    Phoenix :
    ci fu anche questo, che non citi, ma che per onor di cronaca va ricordato.
    vi arrivo’ fino al terzo, contro avversarie di modesto calibro, con molta fatica.
    ma non dobbiamo dimenticarci che non stava bene e che aveva comunque voluto onorare l’ impegno preso.

    il resto è storia recente.
    ma se ripercorro a ritroso quanto ho scritto e non credo di aver detto cose tanto fuori dalla realta’,
    penso che pur non essendo stato un esaltante dopo W, non sia stato cosi’ negativo come lo disegni.
    ovviamente, perchè cerco di dare una lettura “pratica” a cio’ che si nasconde dietro dei freddi numerini.

    cordialmente.

  210. Madoka by Madoka

    Le volte che sono andato a vederle in america c’era sempre un ragazzo con loro ( uno sparring suppongo.

  211. by Tommaso

    Che poi… chi sono le tre persone? Camila, Sergio e…?

  212. by t.o.

    Si va in australia in tre persone per 29.000 dollari…….ecc. ecc. ?????
    Certo che sì. mi sono divertito a simulare una prenotazione su expedia per 3 persone in due camere in un hotel 5 stelle di sidney per la mezza pensione (ho dato roma-sidney e non Miami-sidney che dovrebbe costare meno) dal 22 febbraio al 18 marzo (24 giorni) è il sito mi ha dato una scelta dai 3000 ai 4590 euro a persona (4/6000 $) perciò tra i 12 e i 18 mila dollari. Australia con il doppio fanno oltre 35.000 dollari (uscendo sempre al primo turno). I premi sono tassati dopo le spese di “produzione reddito” (appunto voli e soggiorni) perciò considerando la tassazione americana sui redditi percepiti all’estero la nostra si riporta a casa tra i 15 e i 20mila dollari puliti. Il risparmio tra il 5 stelle e un residence ripaga i voli interni e i pasti. L’affitto e le utenze di casa Giorgi a Miami è garantito per tutto il 2013 (o la rata del mutuo). e siamo solo al 30 gennaio……

  213. by t.o.

    Rispondo un po a tutti e un po a qualcuno. Chiunque fa sport professionistico convive con i dolori. Spesso ci si ferma solo quando diventano insopportabili, quando limitano più di una certa percentuale accettabile la resa atletica, quando portano in se il rischio di un aggravamento non controllabile.
    Camila è una che sa soffrire, e come non si lamenta in campo non si lamenta dopo. Non avremmo nemmeno saputo di questo riacutizzarsi del male alla spalla se non avesse addirittura dovuto abbandonare due tornei a cui era iscritta. Mi fa piacere che venga ribadito che chi gioca si assume la responsabilità del suo scendere o meno in campo. Che valga per tutti. Anche per chi in malafede, (il tifoso, non l’atleta che è e rimane una gran signora) dice: ” Un mese dopo Wimbledon si è dovuta operare” . Bugia in malafede (visto che è stato scritto 50 volte). Un mese dopo Wimbledon Flavia non si è dovuta operare. Un mese dopo Wimbledon Flavia ha giocato le olimpiadi vincendo contro la 39° e contro al 57° per poi perdere contro la 6°. Ma quello che si dimentica è che 24 ore dopo aver perso con Camila, Flavia ha giocato il doppio (vincendo) e vincendo altri tre turni fino alla semifinale. A quanto pare il dolore che l’ha fatta perdere contro la 145° (Camila) le permetteva di vincere contro le top 50 e in doppio nel più importante GS al mondo. Flavia è una signora come Camila. I suoi tifosi un po meno. E sono anche distratti perchè dimenticano di dire che prima di perdere da Stephens (che era già 49° e oggi sappiamo chi è) Camila ha battuto la 22° (francesca). Prima di perdere contro Paszek 32° vince contro Coco e Galina (83° e 85°). Prima di perdere contro Romina (comunque 69°) vince con Minella e Waston (71° e 73°) e pareggia 5-4 con Sara 7°. Le sconfitte contro Piro, Lep e Medina sono delle sconfitte contro la 21° la 40° e la 55° . Visto che Camila era allora 95° mi sembra che questo periodo sia sicuramente ottimo. Con Keys non perde al 1° turno ma al 3° dopo avre vinto il primo e in testa nel secondo. Dicono che lì interviene il malanno alla spalla. Ma nessuno è andato a piangere da nessuno. Le signore sono signore proprio quando non cercano scuse. Chi continua a scrivere imprecisioni sempre a senso unico si prende le risposte che si merita. Io non ho bisogno di scrivere “idiota” “imbecille” o “stronzetto”.
    Scrivo solo “commenti in malafede” perchè è la 50 volta che i fatti vengono contestati con i fatti. Se qualcuno vuole ribattere smentisca quello che ho scritto.
    Tornando alla gestione del calendario di Camila. Sicuramente il problema alla spalla è meno grave di quello che sembra. Dopo gli ITF avranno valutato che con un mese si sarebbe riassorbito, una volta in Australia è dura per una come Camila che non si lamenta mai rinunciare a tornei di quel peso. Certamente anche per i soldi. Se la figlia di un Dentista dice che se non entra nei 100 entro fine anno smette…..potrà quella che porta i soldi a casa Giorgi avere un atteggiamento attento sulle scelte anche economiche che un ritiro comporta?
    Siamo tutti bravi a fare i conti in casa d’altri. Per il resto Camila contro Foretz perde con una decina di punti di differenziale. Sperare di fare 2° turno non era così “lunare”, e contro Serena serviva potente al punto di portare a casa il servizio a 15 con un ace di 2° (su Venus) e due Ace sporchi con Serena (non con mia cugina antonietta). Diciamo perciò che l’infortunio è di quelli che ti fanno rendere un po meno. E perciò se si deve saltare qualcosa meglio saltare Fed (forse Corrado sa di questo infortunio perciò è inutile fare illazioni su Assja si Assja no) e ITF (per quanto da 100K$) e sperare di riantrare nei Premier Americani. Se questo è tutto vero l’autunno/inverno di Camila va rivisto alla luce di queste notizie. E che sia vero io non ho dubbi. Camila è un’atleta molto poco “italiana”. Guarisci bene Camila. Un abbraccio forte.
    VaiiiiiiiiiiiiiiCamilaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!

  214. by Tommaso

    Su punti e prize money ne so più di te. So che basta aprire i pdf con i main draw per scoprire quanti punti e quanti dollari assegnano i vari turni. Non avendo sottomano quello dell’AO ho scritto una cifra a spanne e per quanto ne sai potrebbe essermi scappato il dito sull’1 anziché sul 2, tanto sono vicini. Gli errori di battitura capitano, basterebbe rileggere il tuo post delle 13.09 per rendersene conto. Ma non sono stato lì a farti le pulci o a dire che non sapevi ciò di cui stavi scrivendo. Tu invece sei sempre pronto a sparare giudizi… Sono felice che tu non sbagli mai, tranne quando ad esempio dicevi, parlando di Wimbledon, che Camila dovrà difendere punti diversi da quelli effettivamente guadagnati, dato che eri convinto che i punti si guadagnassero SUPERANDO i turni e non RAGGIUNGENDOLI. Cosa che hai confermato scrivendo: “Ma i soldi si guadagnano se si vince”.

    Su Canada e Asia tu sostenevi che avrebbe dovuto saltare il primo torneo asiatico a vantaggio di quello canadese. Io che, una volta in mano biglietti e prenotazioni, non convenisse buttare via i soldi. E visto che si guadagna dalle sponsorizzazioni, e Camila non è sponsorizzata che da Babolat, dubito che navigi nell’oro, anche perché tra le 80 vi è da dopo Wimbledon, mentre prima era attorno alla 150…

    Sul “penso che i dolori”… mi parli di fatti univoci. Benissimo. Mostrami le lastre con gli infortuni di Camila. Non le hai? Allora non ci sono fatti, ma solo ipotesi sui suoi infortuni.

  215. by Tafanus

    Si, Tommaso, ha guadagnato molto di più di quello che hai affermato. Il che significa che affermi cose di cui non sai nulla. E’ come quel tale CT che rideva quando spiegavo che i tennisti affermati guadagano con le sponsorizzazioni almeno tre volte i premi; informazioni che ho di prima mano, non per sentito dire). Salvo che poi ha smesso di ridere quando gli ho documentato, linkandogli uno studio della Standard & Poor’s, che guadagnano non tre volte, ma da tre a cinque volte. Le brutte figure sono sempre in agguato.

    Canada o Asia. Io ho sempre sostenuto che doveva andare in entrambi i luoghi. D’altra partte se vuoi diventare professionista, e sei già nelle prime ottanta, non puoi fare i calcoli sul costo del biglietto. O si?

    Octagon: TU non sai quanto è durata, io SI: E’ iniziata dopo Wimbledon, è finita meno di sei mesi dopo. Il contrallo del secolo non è arrivato a fare mezzo anno.

    No, il mio pessimismo non è una novità. Peccato che però sia più realistico dell’ottimismo di tanti tromettieri. Parlano i FATTI. O no?

    Gisela si è ritirata più di due mesi fa, e un sito web non è in grado in 70 giorni di aggiornare la lista dei clienti?????? Oddio! Mi sento male!

    Pensi che i dolori eccetera? Certo, c’è liberta di pensiero. Poi ci sono i fatti, che sono univoci.

    Eticamente io invece trovo esemplare giocare i tornei che si possono giocare, non entrare in campo sapendo di non essere in grado, tanto per prendere l’ingaggio. Punti di vista. E mi ritengo fortunato che il mio non coincida col tuo.

  216. TEUS by TEUS

    A quanto pare il dolore era passato durante la pausa e si è ripresentato a Brisbane. Camila, dato che si era già organizzata per il tour australiano e l’infortunio le dava un po’ fastidio solo nell’esecuzione del dritto, ha deciso di giocare ugualmente l’AO altrimenti il soggiorno in Australia avrebbe fruttato meno di 2.000 dollari mandando il bilancio finale pesantemente in rosso.
    Io la vedo così (dopo aver ben letto quello che è riportato qui sopra)e ripeto che sono solo ipotesi ovviamente.

  217. by Tommaso

    Ciao tafanus. Scorrendo i commenti negli altri post scoprirai che non rispondo sempre e solo a te, ma anche ad altri, o a volte ADDIRITTURA riesco a lanciare degli argomenti di discussione. Risultati stupefacenti per una mente semplice come la mia, non trovi? Visto che argomenti per punti, ti rispondo per punti:

    – Bene, meglio anzi. Vuol dire che Camila ha guadagnato più di quanto pensassi!

    – Non so quanto sia costato, ma quando qua si discuteva se andare in Asia a settembre/ottobre o giocare in Canada, c’era chi candidamente diceva che Camila avrebbe potuto giocare in Canada, rinunciare al primo torneo asiatico e ricomprare i biglietti aerei per una settimana dopo. E io sostenevo, invece, che buttare i soldi del biglietto e dell’albergo, per due persone, non sarebbe stato conveniente. Oggi ci si sveglia e si scopre che i biglietti costano, le prenotazioni costano, disdire costa. Ohibò…

    – Octagon non sappiamo quanto sia durata né i termini discussi né perché si è interrotta la collaborazione. Quindi parliamo di aria. Fritta, ma sempre aria…

    – Sì, eri stato pessimista all’epoca. Ma non è una novità

    – Non saprei. Non mi interessano molto le sponsorizzazioni di Camila, basta che giochi e possibilmente si veda in tv

    – Gisela si è ritirata il 18 novembre. Considerando la sosta invernale, è come se si fosse ritirata un mese esatto fa (primo torneo dell’anno). Una svista o una dimenticanza del sito, non mi pare abbastanza per bollarli tutti di incompetenza, tanto più che ci sono siti ufficiali di tornei con acceptance list sbagliate a pochi minuti dal primo match. Insomma, tutti possono sbagliare

    – Penso che, dopo la sosta, non avesse grandi dolori alla spalla ma che questi si siano acuiti dopo le prime partite “serie” e non 4 scambi in allenamento.

    – Eticamente trovo esemplare l’aver onorato i tornei scendendo in campo e giocando le partite, senza chiamare un MTO dopo 3 games ed essersi successivamente ritirata. E’ andata in campo, ha stretto i denti e ha perso. Succede.

    Spero di essere stato, se non abbastanza, almeno un pelo migliore per i tuoi standard. Altrimenti significa che proprio non ci arrivo, e allora ti consiglierei di non perderci più tempo con me.

  218. by Tafanus

    TOMMASO, ti ho risposto.Ma visto che il mio commento è “in moderazione”, se resterà in moderazione pubblicherò il tuo (quello che mi chiama in causa) e la mia risposta, altrove.

  219. by Tafanus

    TOMMASO: ma tu esci dal sonno profondo solo quando vedi un mio commento? Possibile che yu non abbia altri interessi nella vita? E quando esci per qualche minuto dal sonno sai dire solo sciocchezze? Vediamo:

    -a) Il primo turno a Melbourne non rende 16.000 $, ma molto di più. Quasi il doppio. Esattamente 27.737 dollari (così rispondo anche all’ipotesi di TEUS).

    -b) Però il viaggio in Australia ha reso anche 1134 $ per il primo turno a Brisbane, e 610 $ per il primo turno a Sidney. Ma il punto è un altro: si va per circa tre settimane in Australia in tre persone per 29.0000 dollari? Dai quali si devono dedurre le tasse, tre biglietti aerei intercontinentali A/R, altri voli interni, due camere d’albergo per quasi tre settimane, 120 pasti al ristorante, per ottenere cosa?

    http://i.imgur.com/WYIgkuQ.png

    -c) OCTAGON: quanto è durata, l’avventura Octagon? E in quanti, in questo blog, all’epoca della firma del contratto si erano letteralmente “arrapati”? “Finiti i problemi economivi, per Camila, adesso pioveranno sponsorizzazioni e wild-cards a fiumi… Sponsorizzazioni? Quali? Babolat già c’era. Quancuno me ne cita un’altra? Wild-card UNA.

    -d) Qualcuno ha per caso l’onestà di ricordare che quando tutti erano arrapati per la Octagon sono stato l’unico a frenare, e per far questo bastava proprio un nulla? Bastava osservare i primi non-risultati?

    -e) Tommaso, non ci spiegheresti come mai all’epoca della firma del contratto con la Octagon sono risuonate le vuvuzelas, e invece per far dire a qualcuno che il contratto era già sparito dopo pochi mesi, ho dovuto lanciare una provocazione? Altrimenti non se ne sarebbe parlato?

    -f) Perch’ quando ho scritto che certi pezzi di Octagon sembravano il museo delle cere, un celebre C.T. del blog mi ha spiegato che non capivo un c…., che la Octagon capitalizzava in borsa più della Microsoft o quasi? Bele, la Octagon annovera ancora fra i “prod”, non fra i “retired”, tale Gisela Dulko, ritirata da mesi. Guardare per credere:

    http://i.imgur.com/WYIgkuQ.png

    -g) Ammesso e non concesso tutto quello che vuoi, si va a giocare tre tornei in Australia con la spalla in disordine, per quattro lire al netto delle spese, a rischio di pregiudicare i mesi successivi? Oppure aveva male alla spalla “a sua insaputa”?

    -h) oppure è andata agli AO sapendo di non essere in grado di fare granchè, solo perchè la semplice partecipazione paga 27.000 $? E in tal caso come giudichi, eticamente, questo tipo di comportamenti?

    Sforzati, Tommaso. Sono sicuro che puoi fare di meglio.

    Ma sulle osservazioni che riguardano la Fed Cup

  220. by Dago

    Io non capisco: veniamo a sapere che il motivo preponderante di questa serie ” nera” di sconfitte è dovuto ad un infortunio che si sta trascinando da Novembre, nell’ultimo torneo giocato.Dopo,però, le sconfitte a Brisbane e Sydney, mi sembra di ricordare che dalle dichiarazioni di Sergio non sia stato menzionato questo tipo di problema e, dunque, non so quanto possa aver influito in negativo il problema alla spalla e se effettivamente ha pesato in maniera consistente sull’economia dei matches.Certo, rimanere fermi un altro mese, dopo un Gennaio tutt’altro che esaltante, credo che non giovi assolutamente, dato che perde la possibilità di guadagnare punti fondamentali per un’ ulteriore crescita in classifica.Bah, comunque molti dubbi riguardanti la preparazione, presunti infortuni e problemi di altra natura rimangono oscuri e si ha sempre l’impressione che Camila e Sergio vivano in un mondo a parte: aspettiamo di vedere come si evolverà la situazione.

  221. TEUS by TEUS

    TAFANUS, a me risulta che si incassano più di 20.000 dollari perdendo al primo turno di uno slam.
    Si fanno, almeno da parte mia, solo ipotesi su quanto l’infortunio possa avere condizionato Camila negli ultimi mesi. Ipotesi che non hanno la pretesa di essere giustificazioni.
    L’unica cosa certa è che ora non è in grado di giocare.

  222. by Tommaso

    Un paio di precisazioni per tafanus

    – perdendo al primo turno si prendono soldi, esattamente come si fa con i punti. Nello specifico, a occhio e croce (non ricordo le cifre esatte), gli AO davano 17.000 dollari per il singolare e 6.000 e spiccioli per il doppio a chi PARTECIPAVA al primo turno. Non a chi vnce, perché chi vince prende i soldi e i punti del SECONDO turno. Quindi, sapendo di entrare in tabellone per la classifica, Camila ha fatto BENISSIMO ad andarci, ed è apprezzabile che non si sia ritirata dopo pochi games, come non è raro che succeda nei primi turni dei tornei che presentano un montepremi importante – inizio la partita, gioco qualche game, intasco il premio e mi ritiro per un torcicollo…;

    – il rapporto tra Octagon e i Giorgi si è interrotto, pare, visto che sul sito non compare più il profilo di Camila (non sappiamo da quando però, per lo meno io sono andato a controllare oggi, magari hanno fatto 2 mesi di prova…)

    A titolo personale poi Davis e Fed non mi hanno mai entusiasmato. Certo vedere Camila parteciparvi sarebbe stato bello, per lei e per i tifosi. E’ comunque una competizione storica ma che negli ultimi anni ha perso parecchio fascino anche perché non tutti i migliori/le migliori vi partecipano sempr, cosa che avviene ad esempio nei tornei del GS.

  223. by tafanus

    Scusate, ma trovo esilarante uesto thread. Dunque, un blog di appassionatissimi di tenis nel quale sembra che della FedCup, massima espressione del tennis femminile a squadre, non freghi niente a nessuno. Ne abbiamo parlaro per mesi, ma solo in rapporto al fatto se Giorgi avrebbe giocato o meno. il Tennis, non pervenuto.

    E veniamo alle ultime novità. Condivido le critiche a chi ha gestito anche4 fisicamente la Giorgi. Le ho fatte anche alla mia amica Flavia, per aver continuato a giocare per mesi col tutore al polso, peggiorando le cose finn quasi allo spapolamento totale del tendine. Quindi credo di non offendere nessuno criticando la gestione che si è fatta di Camila.

    Ora scoppia il tormentone giustificatorio dei non-risultati di Camila da novembre in poi. Niente di più sbagliao. Se l’infortunio era serio doveva fermarsi. Se non era serio, non è “giustificatorio”. A proposito: ricord ancora qualcuno di questo gruppo che quando ho osato scrivere che la vittoria a Wimbledon contro Pennetta non significava molto, perchè Flavia giocava già da due mesi col tutore al polso (e a Roma non è riuscita praticamente a giocare contro la Williams), sono stato deriso, perchè “Flavia stava benissimo, tanto è vero che poi a Montreal ha giocato bene”.

    Stendiam un velo pietoso. Un mese dopo Wimbledon si è dovuta operare. Le hanno trovato il 90% del tendine distrutto. uando e se riprenderà in febbraio, sarà stata ferma mezzo ano. Però è obbligatorio dire che a Wimbledon era in grande forma, altrimenti si sminuirebe la vittoria di Camila. E va bbé…

    Ma allora lasciamo perdere il periodo Giorgi da novembre in avanti, e analizziamo i risultati del dpo Wimbleso, prima dell’infortunio alla spalla (ma perchè non è stato detto? percè ha continuato a giocare?);

    CARLSBAD: esce al primo turno contro tale Lertcheewakan

    WASHINGTON; esce al primo turno contro Falconi

    CINCINNATI; esce al secondo turno contro Stephens

    NEW HAVEN: esce al 1° turno contro Glatch

    US OPEN: esce al 1° turno contro Pironkova

    SEOUL: Esce al 1° turno contro Lepchenko

    TOKIO: esce al 1° turno contro Paszek

    PECHINO; passa il primo turno per ritiro dell’aversaria, esce al secondo contro la Oprandi

    OSAKA: esce al primo turno contro Medina Garrigues

    BRAUNFELD: esce al 1° turno contro la Keys (153)

    Ma fra Wimledon e novembre ha avuto altri malanni che non conosciamo, o ha semplicemente giocato male?

    Infine, leggo che forse in Australia è andata perchè – noi che ne sappiamo – forse avevano bisogno di soldi. Ma i soldi si guadagnano se si vince, non se si perde al 1° turno. E ancira: ma l’anno scorso non c’era chi mi spiegava, anche con amalagrazia, che con l’ingresso nella scuderia della Octagon sarebero piovuti milioni e wild-cards? E con tutto questo Bengodi, si va a giocare in Australia con la spala in disordine, perchè c’è bisogno di soldi?.

    Vorrei che qualcuno mi spiegasse meglio. Grazie

  224. by cristian

    Questa proprio non ci voleva, in effetti erano 2 mesi in cui la nostra poteva far molto, peccato.

  225. TEUS by TEUS

    Beh, a questo punto credo proprio abbia giocato a Melbourne (anche il doppio) per una questione prettamente economica. Detto ciò non mi sento di fare accuse a Sergio (l’infortunio le ha permesso comunque di giocare anche se non al 100%, hanno pensato magari potesse passare dato che non si trattava di una lesione ma più probabilmente di un affaticamento e non escludo che quei soldi potessero essere indispensabili). Giusto quindi fermarsi a febbraio (mese in cui non ci sono tornei importanti) anche perché pare che il dolore sia aumentato.
    Non ci resta che portare pazienza e sperare che il problema alla spalla si risolva completamente nell’arco di poche settimane.
    In effetti, al di là dell’imprevedibilità innata della “bimba”, vi era qualcosa di strano in queste sconfitte abbastanza nette e tutte in due set.

  226. by GIEMME

    piu’ che altro rimprovero ai Giorgi la scarsa tempestivita’ nel dare le notizie.
    noi siamo qua a sostenere Camila e ci scervelliamo nel cercare il perchè di certi risultati negativi e poi dopo settimane scopriamo che la spalla non è ancora a posto:
    1) affidate camila a professionisti.
    2) evitate di farla rientrare finchè non sara’ completamente guarita.
    3) maggiore tempestivita’ nelle comunicazioni.
    grazie.

  227. Lino by Lino

    dopo queste news, purtroppo anche io devo sottoscrivere quanto dici madoka, è inaccettabile
    cha la sia fatta giocare in questi ultimi tempi..
    Basta questa superficialità, non è un giocattolo sta ragazza, è una tennista con un gran talento che va tutelata
    in ogni modo!!

  228. Madoka by Madoka

    Mi dispiace ma devo essere duro nel commentare : gestione della ragazza dilettantesca.

    Se vuole fare la professionista, deve essere gestita in maniera professionista da dei professionisti e soprattutto deve fare le cose che gli altri professionisti fanno ( chi vuol intendere intenda.

    Cioè si è trascinata questo infortunio da novembre ? E ci ha giocato sopra ? E ha buttato via due mesi ( gennaio/febbraio ) dove non aveva da difendere nulla ? E mette a rischio i due premier mandatory americani che danno altri punti pesanti ? con il rischio di buttare via anche tutto marzo ?

    Mi cadono le braccia e non scrivo altro, spero solo che il padre si stacchi da lei e venga affidata a chi è competente.

  229. by tafanus

    Non mi sembra che al di la del tormentone “Camila/gioca, Camila non gioca”, ci sia un grande interesse o un grande dibattito sulla Fed Cup.

    Avevamo scritto più di un mese fa tutto quello che è successo, compresa l’assenza delle Williams, di Schiavone e di Camila Giorgi.

    Mi meraviglio della meraviglia di molti.

  230. by cristian

    Comunque due tornei in un mese, non mi sembra una scelta saggia. Se a Midland va fuori subito, sta ferma per altre 2 settimane? mah

Leave a Reply